Archivio per Categoria AYURVEDA E MEDICINA CINESE – Alessandra Zarone

DiAlessandra Zarone

Vitamina D3 e Vitamina K2 in soia e derivati

Vitamina D3 e Vitamina K2 in soia e derivati

Vitamina D3 + Vitamina K2 contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo. La vitamina D contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario. K2 deriva da Menachinone (NATTO estratto da Bacillus licheniformis).

Questa vitamina è prodotta principalmente dai batteri presenti nell’intestino. Nella sua forma meno attiva a livello biologico (MK-4) si concentra in latte e yogurt.

Sono sempre i batteri intestinali quelli deputati alla sua trasformazione nella forma MK-7. A sua volta, la MK-7 si trova già trasformata nel cibo fermentato e nei prodotti a base di soia.

Glycine max (Fabaceae)

La soia è originaria dell’Asia sud-occidentale ed è coltivata nelle regioni temperate calde. I baccelli vengono raccolti a maturità.

Parti usate

Fagioli, germogli.

Costituenti

La soia contiene proteine (circa il 30%), olio fisso (circa il 17%), tra cui lecitina (2% o più), acido linoleico e acido alfa-linolenico, isoflavoni, coumestrolo, steroli, saponine, vitamine e minerali. Il coumestrolo e gli isoflavoni imitano da vicino gli estrogeni all’interno del corpo.

Storia e Folklore

Alimento base in gran parte dell’Asia, la soia è stata utilizzata in Cina per almeno 5.000 anni. La soia è stata introdotta negli Stati Uniti nel 1804 ed è diventata una delle principali colture nel sud e nel Midwest. Ora è una delle colture alimentari più importanti del mondo.

Azioni e usi medicinali

Sebbene i semi di soia e i prodotti a base di soia abbiano poco valore medicinale diretto, sono molto importanti come alimenti, fornendo livelli insolitamente elevati di proteine, lecitina e acidi grassi essenziali. Tuttavia, i fagioli possono avere un ruolo protettivo contro il cancro, in particolare il cancro al seno. La loro significativa attività estrogenica li rende un alimento medicinale particolarmente buono per le donne che attraversano la menopausa, contribuendo ad alleviare i sintomi come le vampate di calore e a proteggere dall’osteoporosi. Nella medicina cinese, i germogli di soia (anche altamente nutrienti) sono pensati per aiutare ad alleviare il “caldo estivo” e la febbre.

Ricerca

La soia è un nutriente notevole, ricco di proteine, grassi e sostanze estrogeniche, che lo rendono un alimento eccellente. Gli isoflavoni, gli steroli, le saponine e le fibre contribuiscono all’attività protettiva della soia contro il cancro e si ritiene che paesi come il Giappone abbiano livelli più bassi di cancro a causa della grande quantità di prodotti a base di soia consumati lì. Gli isoflavoni, il coumestrolo e gli steroli sono tutti fitoestrogeni. Questi sembrano inibire gli estrogeni all’interno del corpo quando i livelli di estrogeni sono troppo alti (ad esempio, nei disturbi mestruali) e per compensare quando i livelli di estrogeni sono bassi (come durante la menopausa). L’olio di soia non raffinato contiene alti livelli di lecitina e acidi grassi essenziali polinsaturi, che supportano livelli sani di grassi nel sangue come il colesterolo. La maggior parte del resto dei fermenti tradizionali di fagioli si è sviluppata in relazione alla soia in Cina, Giappone, Corea, Indonesia e altre parti dell’Asia. Lo storico Ken Albala sottolinea che i governanti cinesi hanno promosso l’agricoltura della soia per quasi tre millenni e che la lunga stabilità della Cina come civiltà e impero ha contribuito a dare origine, diffondere e perpetuare tali elaborate trasformazioni del fagiolo.

902 d.C. – Indonesia:

Il tofu è menzionato nell’iscrizione Watukura A / Watu Kura A. Tuttavia i semi di soia non sono menzionati 12 ° o 13 ° secolo.

Indonesia e Sud-Est asiatico: I semi di soia (kadele) sono menzionati per la prima volta nel manoscritto Sri Tanjung (Serat Sri Tanjung) in una storia ambientata a Giava orientale.

1637 – Thailandia:

I prodotti a base di soia (salsa di soia) sono ordinati per la prima volta per l’uso in Thailandia, dagli ufficiali della Compagnia olandese delle Indie orientali (Vliet 1637). La salsa di soia era anche ad Ayutha, in Thailandia, nel 1657 .

1652 Vietnam:

I prodotti a base di soia (salsa di soia) vengono ordinati per la prima volta per l’uso ad Hanoi, in Vietnam, dagli ufficiali della Compagnia olandese delle Indie orientali.

1657  Cambogia:

I prodotti a base di soia (salsa di soia) vengono ordinati per la prima volta per l’uso a 250 km a nord-ovest di Phnom Penh, in Cambogia, dagli ufficiali della Compagnia Olandese delle Indie Orientali.

1659 – Indonesia:

Prodotti a base di soia (salsa di soia) sono stati ordinati per la prima volta per l’uso a Giacarta, in Indonesia, da ufficiali della Compagnia Olandese delle Indie Orientali.

Nel 1693 la salsa di soia si trova ad Amboina, Banda e Ternate, nelle Molucche e nell’isola di Sulawesi (Celebes), in Indonesia.

1665 – Filippine:

Si dice che i cinesi nelle Filippine producano tofu dalla soia – che, per deduzione, deve essere coltivata lì (Fernandez Navarrete 1665). 1668 Dicembre – Indonesia: La salsa di soia viene importata a Batavia (Giacarta, nell’odierna Indonesia) dall’isola di Deshima nella baia di Nagasaki, in Giappone, da ufficiali della Compagnia Olandese delle Indie Orientali .

1670-1696 – Indonesia:

Georgius E. Rumphius, in Herbarium Amboinense [La Flora di Amboina], Vol. 5, fornisce una descrizione dettagliata, in latino e olandese, della soia sull’isola di Amboina (nelle Molucche nell’odierna Indonesia). Dice che il nome latino è “Cadelium”. Il malese, giavanese e balinese è Katjang Kadelee. Di colore nero, sono usati per fare noodles e tahu (tofu). Una superba e grande illustrazione mostra una pianta di soia con foglie, baccelli e radici (ma senza noduli). Il suo lavoro non viene pubblicato fino a circa 60 anni dopo che è stato scritto .

1676 giugno – Malesia:

I prodotti a base di soia (salsa di soia) vengono ordinati per la prima volta dal Giappone per l’uso a Malacca, dagli ufficiali della Compagnia Olandese delle Indie Orientali .

1777 – Vietnam:

La coltivazione della soia viene riportata per la prima volta nella Van-dai Loai-ngu (Enciclopedia del Vietnam), da Le Quy Don.

1790 – Vietnam:

La coltivazione della soia è riportata di nuovo (Jao de Loureiro 1790, in latino). Lo chiama Dolichos Soja, Dau nanh. Hoam teu [huang-tou = fagiolo giallo]. Menziona anche salsa di soia e tofu (Tau hu).

1815 – Indonesia:

Tempe viene realizzato in Central Java {manoscritto Serat Centhini ,  Codex Orientalis ,1814 , Leiden University Library).

1826 – Singapore:

I prodotti a base di soia (salsa di soia) sono segnalati per la prima volta a Singapore, importati via nave dall’Inghilterra. Ma ci devono essere date molto precedenti riportate nei documenti in lingua madre.

1879 – Myanmar (ex Birmania):

Primo documento visto che menziona la coltivazione di soia a Myanmar (Pickering 1879, in inglese; dice Ma ci devono essere date molto precedenti riportate nei documenti in lingua madre.

1882 Settembre – Malesia:

Primo documento visto che menziona la coltivazione della soia a Malacca (nell’odierna Malesia (Mene 1882, in francese). Primo documento visto che menziona la coltivazione di soia in Thailandia (Mene 1882, in francese). Ma ci devono essere date molto precedenti riportate nei documenti in lingua madre.

1907 – Laos:

Primo documento visto che menziona la coltivazione della soia in . Ma devono essere date molto precedenti riportate nei documenti della lingua madre.

Soia e derivati

La Soia fermentata con Bacillus spp. provoca la fermentazione alcalina, mentre il latte di soia fermentato con batteri lattici provoca la fermentazione acida. I prodotti a base di soia fermentati bacillus subtilis sono consumati in vari paesi e variano in base ai loro metodi tradizionali di preparazione. Natto è un alimento tradizionale giapponese preparato bollendo i semi di soia e fermentandoli con il B. subtilis natto. Gli enzimi extracellulari dei batteri agiscono sui semi di soia per produrre mucillagini, che conferiscono la natura filiforme e viscida al natto. Natto ha anche dimostrato essere una potenziale fonte di enzimi fibrinolitici e  peptidi bioattivi. Oltre alla fermentazione batterica, i funghi filamentosi sono utilizzati anche in diversi prodotti di soia fermentati in Asia per fornire aroma, colore e attività biologica. I popolari prodotti di soia fermentati da funghi includono douchi, tempeh e miso tofu. Il miso è una pasta di soia preparata con soia, riso o orzo, sale e acqua con fungo Aspergillus oryzae. La preparazione del miso avviene in tre fasi: la prima è la fermentazione della soia con sale al koji, la seconda è l’aggiunta di batteri lattici e lievito per migliorare il sapore seguita dalla fermentazione a 30 ° C, che si traduce in miso, e la terza è la pastorizzazione e il confezionamento.

Douchi è un prodotto tradizionale cinese a base di soia fermentata utilizzato per condimento e per scopi farmaceutici. I ceppi mucor e Aspergillus sono associati alla fermentazione douchi, che comporta un processo di fermentazione in due fasi, che sono fermentazione primaria e secondaria. Douchi ha dimostrato di possedere antiossidanti, enzima di conversione dell’angiotensina I e proprietà inibitoria della α-glucosidasi.

Il tempeh è un alimento fermentato di soia indonesiano prodotto da funghi filamentosi, come Rhizopus spp. e Fusarium spp . Tempeh presenta una vasta gamma di proprietà benefiche per la salute come effetto antiossidante, antimicrobico, antitumorale, antipertensivo, antitrombotico e ipocolesterolaemico. Il tofu è un prodotto di soia fermentato che è ampiamente consumato in Asia orientale e sud-orientale. In Cina e Taiwan, è conosciuto come sufu, funan, tou-yu, tau-zu, fuyu, toufu-ru, rufu, toufu-ju e furu, in Giappone come tofuyo, nelle Filippine come tafuri, in Thailandia come tau-fuyee, in Malesia come tau ju e in Vietnam come chao e dau-phu-nyu . Nella pratica commerciale, questi prodotti a base di soia fermentata vengono preparati utilizzando stampi come Actinomucor spp., Mucor spp. e Rhizopus spp . Tofuyo è stato segnalato per mostrare proprietà antipertensive e abbassamento del colesterolo.

Miso

E’ una pasta di soia fermentata che si ritiene abbia avuto origine in Cina nel 600 d.C. o prima. È conosciuto come chiang in Cina, miso in Giappone, jang o deoenjang in Corea, tauco in Indonesia, taochieo in Thailandia e tao-si nelle Filippine. La maggior parte di questi prodotti contiene riso o orzo fermentato da Aspergillus oryzae, che produce koji. Questo è mescolato con semi di soia e fermentato per diversi mesi. Il miso è stato popolare in Giappone per oltre mille anni ed è usato come base per zuppe, una salsa servita con carne o pollame, frutti di mare e piatti a base di verdure.

Natto in Giappone e thua-nao in Thailandia sono antichi prodotti fermentati di soia intera. Questo cibo fermentato è anche conosciuto come tu-si in Cina, tao-si nelle Filippine e tao-tjo nell’India orientale. Gli alimenti di questo tipo vengono consumati con riso bollito o utilizzati come agente di condimento con carne cotta, frutti di mare e verdure. I prodotti Natto sono di colore scuro e hanno un aroma pungente ma gradevole. Sono alimenti economici e altamente nutrienti che fungono da sostituto del pesce e della carne fermentati. Si dice che Hama natto sia arrivato in Giappone attraverso la Corea circa 350 anni fa al momento dell’invasione giapponese. La parola natto significa “fagioli forniti”. Si ritiene che gli antenati dei proprietari del birrificio Yamaya e della pianta Saito Mido di Hamanatsn abbiano ereditato il processo di produzione del natto dai monaci buddisti.

Oltre agli effetti ipolipemizzanti, i prodotti a base di soia fermentata si sono dimostrati efficaci anche nell’attenuare gli effetti del diabete mellito, della pressione sanguigna, dei disturbi cardiaci e dei problemi legati al cancro. I valori nutrizionali e i vari benefici per la salute dei prodotti a base di soia fermentata sono stati recentemente rivisti.

La soia e altri prodotti a base di soia hanno già mostrato risultati positivi verso la prevenzione del diabete mellito (DM). È stato riportato che i prodotti a base di soia ricchi di isoflavoni presentano l’effetto antidiabetico. L’estratto di soia inibisce l’assorbimento del glucosio nelle vescicole della membrana del bordo del pennello.

Il latte di soia è un importante prodotto di soia che inibisce lo stress ossidativo nel T2DM negli studi sull’uomo. I risultati rivelano che il latte di soia fermentato regola l’antiossidante totale, l’8-isoprostaglandina F2α, la malondialdeide, il glutatione ossidato, il glutatione perossidasi e i livelli ridotti di glutatione (GSH). I risultati dello studio concludono che il consumo di latte di soia probiotico potrebbe migliorare lo stress ossidativo nel T2DM.

La soia e i suoi prodotti sono efficaci nello scavare i radicali liberi e nell’attenuare lo stress ossidativo. Il latte di soia fermentato ha inibito la generazione di specie reattive dell’ossigeno e ha inibito la crescita del carcinoma mammario umano MCF-7 positivo al recettore degli estrogeni nei topi.

L’alto contenuto di acidi grassi n-3 nei prodotti a base di soia può svolgere un ruolo vitale nell’attività benefica su vari prodotti di basso grado.

I risultati suggeriscono che il latte di soia può prevenire il cancro della pelle nei ratti con la sua azione antinfiammatoria. Sono accompagnati da un cambiamento nella composizione degli acidi grassi della pelle e da una riduzione dei macrofagi a causa della diminuzione dell’infiammazione.

Gli isoflavoni di soia mostrano effetti notevoli sul peso corporeo e sull’adiposità, riducono l’accumulo di lipidi nel fegato. Le prove accumulate dimostrano che i prodotti a base di soia, ricchi di isoflavoni, possono agire come agente ipolipemizzante.

Doenjang abbassa il colesterolo e l’ossidazione lipidica. Può ridurre i parametri di perossidazione lipidica e ridurre il colesterolo .

La capacità della proteina presente nella soia di ridurre i livelli di colesterolo potrebbe essere dovuta al suo potenziale di ridurre la produzione di LDL e questo potrebbe anche agire alterando i livelli di apolipoproteina B in vitro. La nattokinasi è un enzima prodotto dalla fermentazione della soia con B. subtillis, che ha dimostrato di possedere forti proprietà antiiperlipidemiche e di protezione dell’aterosclerosi. Lo studio ha coinvolto pazienti, alla fine dell’esperimento; le dimensioni della peste, il colesterolo totale e l’LDL-C totale sono stati significativamente ridotti con l’integrazione orale di nattokinase. Ciò suggerisce che il natto è efficace nel ridurre il colesterolo e i lipidi associati. Pochi studi hanno menzionato che i prodotti a base di soia potrebbero agire come un buon agente perossidativo anti-lipidico. La soia fermentata con Aspergillus oryzae mostra un aumento dei livelli di antiossidanti e inibisce la perossidazione lipidica. È stato scoperto che il natto possiede un forte effetto perossidativo e antiossidante lipidico nei ratti alimentati con colesterolo. Natto influisce  sui livelli di enzimi antiossidanti dei ratti e ha anche un’influenza benefica sulle sostanze reattive dell’acido tiobarbiturico (TBARS), un potenziale indicatore di perossidazione lipidica .I prodotti a base di soia mostrano alcuni effetti immunostimolatori.

 

L’allergia alimentare è una risposta immunitaria anormale a determinati componenti alimentari. L’allergia alimentare è una risposta immunitaria anormale a determinati componenti alimentari. Gli allergeni alimentari sono tipicamente proteine presenti in natura, con piccole regioni, chiamate epitopi, responsabili della risposta allergica mediata dall’immunoglobulina E (IgE). La soia è tra i cosiddetti allergeni alimentari “big 8”, che insieme rappresentano oltre il 90% di tutte le allergie alimentari documentate negli Stati Uniti .

Pochi studi hanno confermato la degradazione degli allergeni della soia, in particolare GlymBd 30 K, noto anche come P34, durante la fermentazione da parte di enzimi proteolitici microbici in alimenti fermentati di soia come salsa di soia, miso, tempeh, ingredienti di soia e pasti di soia per mangimi. I prodotti a base di soia e soia fermentata offrono molti altri benefici per la salute come il mantenimento della salute delle ossa e la prevenzione dell’osteoporosi e mantenevano la normale funzione endoteliale. Nattokinase (derivato da natto) ha indotto la degradazione della fibrina e ha agito come opzione terapeutica alternativa nella protezione dall’asma . Ha anche svolto un ruolo importante nel mantenimento sano della tiroide e ha mostrato un’influenza sugli effetti dello sviluppo e sulla fertilità .

È stato dimostrato che i prodotti a base di soia ricchi di proteine possono ridurre le concentrazioni sieriche di colesterolo totale, LDL e trigliceridi. Oltre a questi effetti ipolipemizzanti, i prodotti a base di soia fermentata si sono dimostrati efficaci anche nell’attenuare gli effetti del diabete mellito, della pressione sanguigna, dei disturbi cardiaci e dei problemi correlati al cancro. Sono anche efficaci nello scavenging dei radicali liberi e forniscono alcuni effetti antinfiammatori, immunostimolatori e neurostimolatori. In termini di sicurezza alimentare, i prodotti a base di soia fermentata sono considerati alimenti sicuri. Tuttavia, i prodotti a base di soia fermentata prodotti o conservati in modo improprio comportano potenziali rischi per la salute come la contaminazione da tossine.

Un ottimo rimedio contenente D3 e K2 è  ALATO VIT. D3 + K2 (lafenicesas.it)

Disponibile qui o in farmacia

 

DiAlessandra Zarone

Vitamina D3 e Vitamina K2 in formaggio e yogurt

Vitamina D3 e Vitamina K2 in formaggio e yogurt

Vitamina D3 + Vitamina K2 contribuiscono al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo. La vitamina D contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario. K2 deriva da Menachinone (NATTO estratto da Bacillus licheniformis).

Questa vitamina è prodotta principalmente dai batteri presenti nell’intestino. Nella sua forma meno attiva a livello biologico (MK-4) si concentra soprattutto nella carne e nei derivati animali, come uova, latte vaccino, yogurt.
Sono sempre i batteri intestinali quelli deputati alla sua trasformazione nella forma MK-7. A sua volta, la MK-7 si trova già trasformata nel cibo fermentato, come i formaggi fermentati e nel natto, che è soia fermentata. Si tratta di un alimento molto diffuso in Giappone, ma non così facile da reperire nei negozi occidentali.

Storia del formaggio

Secondo un’antica leggenda, il formaggio fu accidentalmente prodotto da un mercante arabo quando mise la sua scorta di latte in un sacchetto fatto di stomaco di pecora quando partì per un lungo viaggio di una giornata attraverso il deserto. Il caglio nel rivestimento del sacchetto combinato con il calore del sole ha causato la separazione del latte in cagliata e siero di latte. Questa storia sembra essere avvenuta circa 7000 anni a.C. nella Mezzaluna Fertile situata tra i fiumi Eufrate e Tigri in Iraq. I primi documenti negli inni vedici in India (da 6000 a 4000 a.C.), nei documenti egiziani (4000 b.C. e nei documenti babilonesi (2000 a.C.) mostrano chiaramente riferimenti a latte, burro e formaggio. Tuttavia, si ritiene che con l’avanzare della civiltà, l’arte della produzione del formaggio si diffuse attraverso il bacino del Mediterraneo nel resto del mondo. C’è un riferimento al formaggio nei tempi biblici (Giobbe 10:10 [ca. 1520 B.C.] e Samuele 1:17:18 e 2.17:29 [ca. 1017 b.C.]), ma la storia scritta è scarsa fino ai periodi dell’Impero greco e romano, quando vari autori hanno lasciato prove scritte. I documenti greci risalgono al 1550 a.C. circa e i documenti romani al 750 a.C., indicando che latte e formaggio erano componenti importanti della dieta di queste persone. All’inizio dell’era cristiana, latte e formaggio erano usati per il cibo in tutta Europa. Le operazioni di mungitura e cagliatura del latte sono raffigurate in un fregio sumero di El-Ubaid. Un materiale alimentare trovato nella Tomba di Hories Aha (ca. 3000 B.C.) è stato dimostrato essere formaggio. Una scena sulle pareti di una tomba di Rameside (100 a.C.) raffigura capre condotte al pascolo e anche sacchi di pelle sospesi ai pali. Tali sacchetti erano tradizionalmente usati per fermentare il latte dalle tribù nomadi. Durante la fermentazione, il drenaggio del siero di latte attraverso un panno o ciotole forate permetteva la raccolta della cagliata che, una volta salata, diventava formaggio. Ciotole con basi perforate, presumibilmente utilizzate per drenare il siero di latte, sono state trovate in diverse località in Europa e in Asia. Sono stati trovati anche cesti di canne e altri steli. Tali cesti sono usati oggi in India per fare sia il paneer Surati che la cagliata Dacca. Le impressioni di cesti trovati a Windmill Hill nel Dorset, in Inghilterra (ca. 1800 a.C.) indicano che il formaggio era fatto in Inghilterra ben prima dell’arrivo dei Romani. Il formaggio era incluso nell’offerta degli antichi greci agli dei sul Monte Olimpo, e la produzione del formaggio era chiaramente un mestiere ben consolidato al momento della scrittura di Omero. Omero, ca. 1184 B.C., riferito al formaggio prodotto con il latte di pecore e capre nelle grotte dal ciclope Polifemo.19 Tale formaggio potrebbe essere stato l’antenato del formaggio feta prodotto ampiamente in Grecia oggi.8 Più tardi, Erodoto, da 484 a 408 B.C., si riferisce al formaggio scita fatto con latte di cavalla, mentre Aristotele (da 384 a 322 B.C.) notò che il formaggio frigio era fatto con il latte di fattrici e asini. Il commercio di formaggio tra i paesi divenne importante durante il dominio dell’imperatore romano Diocleziano (284-205 d.C.). Nel 14 ° secolo, la produzione di formaggio era un’industria considerevole in Svizzera, ma l’esportazione era vietata. A quel tempo, un mercato del formaggio era operativo a Gouda, in Olanda, e si dice che il primo caseificio cooperativo sia stato avviato nel Voralberg nei Balcani intorno al 1380. Nel 1500, si registra che l’espansione della produzione di formaggio in Inghilterra, Francia, Germania e Olanda ha portato l’Italia a perdere la sua posizione dominante come produttore di formaggio.17 Il formaggio Cheddar ha avuto origine nel villaggio di Cheddar nel Somerset, in Inghilterra, ed era popolare durante il regno della regina Elisabetta I (1558-1603), anche se si dice che fosse conosciuto da tre secoli prima. Il periodo dal 1860 al 1880 vide l’introduzione di un sistema di fabbrica in tutto il mondo della caseificazione.
Il primo caseificio fu fondato nella contea di Oneida, New York, e si dimostrò Nel 1870 fu aperto il primo caseificio britannico nel Derbyshire. Alcuni formaggi furono sviluppati solo in seguito per estinguersi. I cambiamenti nella pratica agricola, nell’ambiente, nelle abitudini alimentari, nelle condizioni sociologiche, ecc., Sono stati indicati come ragioni per la scomparsa di alcune varietà di formaggio, ma la reazione dei consumatori è probabilmente la ragione principale. Il mestiere era tradizionalmente tramandato, di solito di madre in figlia, con il passaparola o con l’insegnamento pratico, ma l’arte della produzione del formaggio era mantenuta viva dai monasteri in Europa. Occasionalmente, venivano prodotte alcune nuove varietà di formaggi, ma queste non avevano lo stesso successo di quelle registrate dai monaci. I monasteri, attraverso lo scambio di monaci, diffondono la conoscenza dei metodi di caseificazione. . Il mestiere era tradizionalmente tramandato, di solito di madre in figlia, con il passaparola, o occasionalmente, venivano prodotte alcune nuove varietà di formaggi, ma questi non avevano lo stesso successo di quelli registrati dai monaci. I monasteri, attraverso lo scambio di monaci, diffondono la conoscenza dei metodi di caseificazione. Sei paesi – Italia, Francia, Inghilterra, Olanda, Svizzera e Germania – sono considerati i “sei grandi” nella storia della produzione del formaggio. La maggior parte delle varietà di formaggio consumate oggi provengono da questi paesi. Sir Joseph Lister isolò per la prima volta il batterio del latte ora noto come Lactococcus lactis nel 1878. Dopo la sua scoperta, sono stati fatti tentativi di utilizzare colture selezionate di batteri lattici per fare formaggio, burro e latte fermentato. Il primo esempio dell’uso di una coltura selezionata per produrre latte fermentato è riportato nel 1890 dallo scienziato danese Storch, che ha usato ceppi selezionati per la panna acida per la produzione di burro. Prima dell’uso delle colture, il formaggio era prodotto da: 1. Inacidimento naturale con regolazione della temperatura 2. Aggiunta di latte di siero di latte acido o latticello 3. Aggiunta di antipasto fatto in casa. Intorno al 1870, Hansen in Danimarca mise sul mercato una preparazione commerciale di caglio e, all’inizio del 1900, mise sul mercato culture commerciali per la produzione di formaggio. Ciò ha dato una spinta alla produzione di formaggio su una scala più ampia. Ci sono circa 2000 nomi assegnati ai formaggi in base alla zona di origine del formaggio, paese, fonte di latte, metodo di produzione, contenuto di umidità, colture utilizzate, inventore, metodo di maturazione, ecc. Di questi, circa 800 varietà sono state ben consolidate. Possono essere classificati in 18 tipi distinti. La descrizione di oltre 400 varietà è stata fornita dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA).

Yogurth

Yogurt (yogurt) Come nel caso di molti altri prodotti a base di latte fermentato, non sono disponibili registrazioni precise sull’origine dello yogurt. Si ritiene che l’antico popolo turco in Asia, dove vivevano come nomadi, abbia fatto per la prima volta lo yogurt. Il primo nome turco per questo prodotto apparve nell’viii secolo come “yoghurut” e fu successivamente cambiato nell’XI secolo nella sua ortografia attuale. Una leggenda narra che un angelo abbatté una pentola che conteneva il primo yogurt, mentre un’altra fonte sostiene che gli antichi turchi, che erano buddisti, erano soliti offrire yogurt agli angeli e alle stelle che li proteggevano. Gli abitanti della Tracia erano soliti produrre latte inacidito chiamato prokish dal latte di pecora, che in seguito divenne yogurt. Nella Bibbia, è riportato che quando il patriarca Abramo intrattenne tre angeli, mise davanti a loro latte inacidito e dolce (Genesi VIII, 8). Gli antichi greci e romani conoscevano anche le preparazioni di latte inacidito. La bibliografia dell’imperatore romano Eliogabalum (204-222 d.C.) menziona due ricette per il latte inacidito. Antichi medici del Vicino e Medio Oriente prescrivevano yogurt o latti inaciditi correlati per curare i disturbi dello stomaco, dell’intestino e del fegato e per stimolare l’appetito. Esistono anche registrazioni sull’uso di latti inaciditi, in particolare lo yogurt, per la conservazione della carne contro il deterioramento durante l’estate. I primi scrittori del Medio Oriente menzionano l’uso di latte inacidito come cosmetici per le donne persiane. Tuttavia, gli studi sistematici sulle proprietà terapeutiche dei latti fermentati sono iniziati dopo la pubblicazione del libro Prolongation of Life di Metchnikoff. In questo libro, Metchnikoff attribuì la lunga vita del bulgaro. In questo libro, Metchnikoff attribuiva la lunga vita del popolo bulgaro al consumo di grandi quantità di latte bulgaro contenente Lactobacillus bulgaricus. Più tardi, si è scoperto che Lb. bulgaricus non può essere impiantato nell’intestino. Nella ricerca di un altro organismo che inacidisca il latte, Moro nel 1900 descrisse Lb. acidophilus, che era isolato dalle feci dei neonati ed è un normale abitante dell’intestino umano. Questo organismo potrebbe essere impiantato nel tratto intestinale e quindi è stato selezionato come candidato più adatto per la produzione di latte fermentato con un valore terapeutico più elevato. Una delle prime produzioni industriali di yogurt in Europa fu intrapresa da Danone nel 1922 a Madrid.

Dopo la Seconda guerra mondiale, e in particolare dal 1950, la tecnologia dello yogurt e la comprensione delle sue proprietà sono progredite rapidamente. Lo yogurt prodotto negli Stati Uniti per molti anni è stato un prodotto a cagliata morbida molto diverso dallo yogurt simile alla crema pasticcera preparato in Medio Oriente. Gli organismi coinvolti in questo primo yogurt commerciale erano Lb. bulgaricus e Streptococcus thermophilus. La fermentazione è stata effettuata ad una temperatura inferiore a quelle prevalenti in Medio Oriente. Questo prodotto assomigliava al prodotto a cagliata morbida comunemente usato nelle aree settentrionali dell’Europa. Il metodo di preparazione variava considerevolmente, ma il processo di base, utilizzando batteri lattici ad alta produzione di acido, era lo stesso. Sono stati introdotti nuovi criteri per la selezione della cultura nella produzione di yogurt. L’integrazione della flora dello yogurt con Lb. acidophilus e Bifidobacterium bifidus allo scopo di aumentare il valore di promozione della salute del prodotto ha portato a nuovi latti coltivati variamente chiamati ACO-yogurt, acidophilus-bifidus yogurt, Bioghurt e Biogarde.

Un ottimo rimedio contenente D3 e K2 è  ALATO VIT. D3 + K2 (lafenicesas.it)

Disponibile qui o in farmacia

 

DiAlessandra Zarone

Vitamina K2 e Natto

Vitamina K2 e Natto

La Vitamina K2 è indicata per :

  • Osteoporosi
  • Arteriosclerosi

 

Dirige il calcio verso lo scheletro, prevenendo la deposizione in luoghi non appropriati, come gli organi, le articolazioni e le arterie.

La Vitamina K2 deriva dal Menachinone ,estratto dal Bacillus licheniformis.

Natto:

Natto appare intorno al 1000 d.C., si tratta di un prodotto della soia fermentata ad alto contenuto di proteine, calcio, ferro e vitamina B (niacina). Natto aiuta nella digestione del cibo nell’intestino, e  rende la pelle liscia e giovane.

Il natto è prodotto fermentando semi di soia interi, un processo che si dice abbia avuto origine con i monaci buddisti. Fare natto è un’operazione semplice; i semi di soia selezionati vengono puliti e immersi in acqua da 12 a 20 ore, a seconda della temperatura, fino a quando non sono circa raddoppiati di peso. I fagioli vengono cotti a 5 libbre di pressione del vapore per 12-15 minuti o fino a quando non possono essere schiacciati facilmente tra la punta delle dita. I fagioli vengono poi inoculati con Bacillus subtilis ( Bacillus natto ) aggiungendo la coltura inoculante e ruzzolando in un barile fino a quando gli organismi sono ben distribuiti. I fagioli vengono avvolti in un foglio sottile di carta di legno di pino e posti nella sala di fermentazione a 1 + 0 ° a 45 ° C. per I8 a 20 ore. Ogni confezione di natto prima della fermentazione contiene circa un terzo di un chilo di fagioli; durante la fermentazione perdono peso a un quarto di libbra. La stanza di fermentazione viene riscaldata con carbone all’inizio della fermentazione, ma dopo alcune ore il calore della fermentazione può essere più che sufficiente e potrebbe essere necessaria l’aerazione per evitare il surriscaldamento.

Per iniziare la fermentazione, i fagioli devono essere mescolati con un tipo speciale di batteri che viene elaborato in Giappone. In alternativa, è possibile acquistare un pacchetto di natto fermentato in un negozio di alimentari giapponese e mescolarne uno. Dopo aver mescolato, coprire la pentola con un coperchio aderente e mettere nel forno con una temperatura di 102-104 gradi F., che è la temperatura approssimativa del forno quando la luce pilota è accesa.

Storia

Uesugi Kenshin era un famoso guerriero che si contendeva il potere nella battaglia di Kawanaka-jima con Takeda Shingen della provincia di Kai, oggi prefettura di Yamanashi. Il tempo era il periodo degli Stati Combattenti (1470-1570). Uesugi, signore della provincia di Echigo (oggi parte della Prefettura di Niigata), era per natura retto e un sacerdote capace. Presumibilmente, quando teneva la soia cotta in paglia come provvista di campo di battaglia, veniva fermentata dai batteri natto, che la rendevano appiccicosa. Il prodotto era itohiki nattd. Sebbene sia plausibile che Uesugi abbia fatto studiare ai suoi uomini vari tipi di disposizioni sul campo di battaglia e che itohiki natt6 sia stato infine selezionato, non possiamo attribuirgli la sua invenzione; deve aver avuto una conoscenza preliminare del natto nel distretto di Tohoku. Alla fine della rivolta Zenkunen, il clan Abe si arrese a Yoshiie, e Abe no. La leggenda dice che Munetd insegnò alla gente come produrre natto e questo è il motivo per cui le persone nella prefettura di Kumamoto, Kyishd, lo producono oggi. Questa leggenda, come la precedente, indica il natto ha avuto origine a Tohoku. Tra le molte leggende su natto ce n’è una riguardante un vescovo buddista di nome Tenkai, un noto consigliere di Tokugawa leyasu. Tenkai ha riferito di aver vissuto per 135 anni, più a lungo di qualsiasi altro giapponese, grazie al suo mangiare una zuppa di natto, il suo piatto preferito. La zuppa Natto viene prodotta aggiungendo natto macinato alla zuppa di miso, in cui ci sono già vari ingredienti. Ad ogni anniversario della morte di Tenkai, molte persone abbiano mangiato zuppa di gatto al tempio Rinnd-ji di Nikko per celebrare la sua illustre memoria.

Studi scientifici

Le analisi chimiche del natto hanno rivelato che il processo di fermentazione genera notevoli quantità di vitamina K2. Natto in realtà si classifica come una delle fonti più ricche di vitamina. Studi sugli animali hanno concluso che una dieta ricca di vitamina K2 può prevenire la perdita di massa ossea. La ricerca giapponese ha dimostrato che le persone con osteoporosi hanno livelli di K2 più bassi rispetto alle persone che non hanno la malattia.

Molti giapponesi credono che il consumo regolare di natto abbassi la pressione sanguigna. Negli ultimi anni, questa convinzione è stata confermata da diversi studi clinici: nel 1995, i ricercatori hanno confermato la presenza di inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) nel natto. ricercatori di due istituzioni giapponesi – il Miyazaki Medical College e la Kurashiki University of Science and Arts – hanno lanciato studi per testare l’impatto del natto sulla pressione sanguigna sia nei ratti che negli esseri umani.

Un ottimo rimedio contenente K2 è Alato 39, disponibile qui o in farmacia

ALATO 39 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Melatonina e Achillea

Melatonina e Achillea

Melatonina è :

  • Antiinfiammatorio delle mucose delle alte vie respiratorie
  • Miorilassante, decontratturante muscolare per contratture muscolari o stati dolorosi con forte componente muscolo-tensiva
  • Antispastico viscerale e respiratorio: Spasmi digestivi, coliche gastriche e addominali, asma bronchiale.
  • Antistaminico naturale, adatto per:
  1. Rinite allergica
  2. allergie stagionali
  3. eczema atopico

La Melatonina di origine vegetale si trova in una quantità interessante nell’ Achillea

 

Achillea, Achillea millefolium L.:

L’achillea è una pianta nativa europea, con una lunga storia come guaritore di ferite. In epoca classica, era conosciuto come herba militaris, essendo usato per fermare le ferite di guerra. È stato a lungo preso come un tonico amaro rinforzante e tutti i tipi di bevande amare sono stati fatti con questa pianta. L’achillea aiuta il recupero da raffreddori e influenza ed è benefica per la febbre da fieno. È anche utile per problemi mestruali e disturbi circolatori. Originaria dell’Europa e dell’Asia occidentale, l’achillea può essere trovata crescere spontaneamente nelle regioni temperate di tutto il mondo, nei prati e lungo i bordi delle strade. L’erba si diffonde attraverso le sue radici e le parti aeree vengono raccolte in estate quando sono in fiore. Nonostante i suoi numerosi usi e somiglianze con la camomilla tedesca, l’achillea è stata scarsamente studiata. L’erba e il suo olio volatile hanno dimostrato di essere antinfiammatori; gli azuleni sono anche antiallergici. I lattoni sesquiterpenici sono amari e hanno attività antitumorale. Achilleina e flavonoidi aiutano ad arrestare il sanguinamento interno ed esterno; i flavonoidi possono essere responsabili dell’azione antispasmodica dell’achillea. Studi di laboratorio indicano che l’achillea dilata i vasi sanguigni, abbassando così la pressione sanguigna. Funziona, in parte, come i farmaci convenzionali noti come ACE-inibitori, che sono comunemente prescritti per la pressione alta.

Usi tradizionali e attuali

Erba ginecologica, aiuta a regolare il ciclo mestruale, riduce il sanguinamento mestruale pesante e allevia il dolore mestruale.

Altri usi

In combinazione con altre erbe, l’achillea aiuta il raffreddore e l’influenza. Le sue proprietà toniche amare lo rendono utile per la digestione debole e le coliche. Aiuta anche la febbre da fieno, abbassa la pressione alta, migliora la circolazione venosa e tonifica le vene varicose. Pianta intera in fiore Achillea millefolium L.

Uno degli usi principali è come un vulneraria — un agente per fermare il sanguinamento delle ferite. Il nome latino Achillea onora Achille, e la leggenda afferma che  egli  usò un impiastro di fiori di Achillea per fermare l’emorragia dei suoi soldati feriti in battaglia. La tisana a base di pianta essiccata è utilizzata per raffreddori, febbri, anoressia, indigestione, infiammazioni gastriche e sanguinamento interno. Le qualità espettoranti, analgesiche e sudoripare di alcuni componenti forniscono sollievo dal raffreddore e dall’influenza. Sperimentalmente, gli estratti sono emostatici e antinfiammatori.

L’achillea è strettamente associata alla divinazione, dando origine a detti e versi in molte parti del mondo. In Cina i gambi di achillea sono usati per consultare l’I Ching (Libro dei Mutamenti). Oltre 40 diversi costituenti sono stati isolati dall’achillea. Questi includono un olio essenziale, che contiene azulene antinfiammatorio. Il contenuto di azulene varia tra le piante, anche nello stesso habitat. A. millefolium (achillea, milfoil, ferita del soldato).

Parti utilizzate

Pianta intera.

Proprietà

Erba aromatica, amara e astringente che riduce l’infiammazione, aumenta la sudorazione, allevia l’indigestione e ha effetti diuretici. È anche efficace nell’abbassare la pressione sanguigna, rilassare gli spasmi e arrestare l’emorragia.

Usi dell’erba medicinale:

Internamente per malattie febbrili (in particolare raffreddori, influenza e morbillo), catarro, diarrea, dispepsia, reumatismi, artrite, disturbi mestruali e della menopausa, ipertensione e per proteggere dalla trombosi dopo ictus o infarto. Esternamente per ferite, epistassi, ulcere, occhi infiammati ed emorroidi.

Un ottimo rimedio contenente Melatonina è Alato 37, disponibile qui o in farmacia

ALATO 37 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Melatonina e Iperico

Melatonina e Iperico

Melatonina è :

  • Antiinfiammatorio delle mucose delle alte vie respiratorie
  • Miorilassante, decontratturante muscolare per contratture muscolari o stati dolorosi con forte componente muscolo-tensiva
  • Antispastico viscerale e respiratorio: Spasmi digestivi, coliche gastriche e addominali, asma bronchiale.
  • Antistaminico naturale, adatto per:

Rinite allergica

allergie stagionali

eczema atopico

La Melatonina di origine vegetale si trova in una quantità interessante nell’ Iperico:

Iperico

L’iperico fiorisce in molte aree del mondo e le sue virtù come medicina sono state utilizzate in Nord Africa, Sud Africa, Medio Oriente, India settentrionale, Australia e Nuova Zelanda, così come nelle Americhe e in Europa. Molte delle 370 specie di ipericum sono usate nella medicina tradizionale cinese e nel kampo, la medicina tradizionale giapponese.

Usato come medicina fin dai tempi di Ippocrate nell’antica Grecia, la storia dell’iperico è avvincente, quasi una favola. Rifiutata dagli scienziati medici del diciannovesimo secolo come inutile, l’erba di San Giovanni, o Hypericum perforatum per dargli il suo nome completo, è recentemente diventata una stella. “L’umile erba fa bene”, potrebbero dire i titoli dei giornali, e con buone ragioni. Un trattamento scientificamente provato per la depressione da lieve a moderata e il senso di inutilità e perdita di speranza che ne consegue, l’iperico sembra anche destinato ad avere un valore distinto nel trattamento di condizioni virali come l’HIV e l’AIDS e l’epatite C. Ha un potenziale reale come trattamento anticancro ed è un efficace guaritore di ferite e tessuti. La rinascita dell’interesse per le medicine a base di erbe che ha spazzato l’iperico nei titoli dei giornali riflette una nuova volontà nelle persone di provare tali rimedi. I risvegli dei farmaci a base vegetale si sono verificati prima negli ultimi 150 anni. Una differenza fondamentale questa volta è la quantità e la qualità delle prove scientifiche dietro il loro uso e i processi sempre più sofisticati utilizzati nella produzione di preparati a base di erbe.

L’iperico è stato apprezzato come guaritore di ferite o vulnerario per almeno 2.500 anni, con dozzine di riferimenti in erboristeria e farmacopee in tutta Europa che attestano la sua virtù nella guarigione dei tessuti danneggiati.

Dioscoride, un chirurgo dell’esercito greco e autore del primo grande trattato di erbe, De Materia Medica, raccomandò l’applicazione dell’iperico . Gli usi hanno incluso la pulizia di ferite sporche con olio di iperico da parte dei chirurghi nella sala operatoria, il trattamento di ulcere e piaghe e ferite interne e superficiali con infusione o olio. L’erba è particolarmente associata al trattamento di pugnalate e ferite di guerra – in alcune parti della Spagna è conosciuta come hierba militar – forse perché le ghiandole dell’olio traslucide punteggiate sulle foglie avevano l’aspetto di punture d’ago, ma anche perché l’erba lascia macchie color sangue sulla mano, quando raccolta o tritata.

L’erborista inglese del XVII secolo Nicholas Culpeper la descrisse come “una singolare erba ferita”;  bollito nel vino e bevuto, guarisce interiormente ferite o lividi; trasformato in un unguento, apre ostruzioni, scioglie i gonfiori e chiude le l ferite. Seguendo l’esperienza empirica di Culpeper di 350 anni fa, semplici estratti dell’erba presi internamente sembrano essere efficaci nello stimolare la riparazione dei tessuti. Ci sono prove che dimostrano che l’hipericum può aiutare la guarigione di lesioni interne come ulcere gastriche, così come le ferite esterne. In uno studio, la tintura di iperico (1:10) è risultata più efficace nella guarigione delle ferite superficiali della pelle, quando somministrata internamente, rispetto a una tintura di calendula (Calendula officinalis) applicata direttamente sul sito della ferita. L’iperico si è anche dimostrato più efficace della calendula nello stimolare la crescita di una nuova pelle. L’iperico, in particolare l’olio, è quindi un trattamento prezioso e sottoutilizzato per problemi topici come  lividi, tagli, abrasioni, estrazioni dentali ed emorroidi, herpes, piaghe e vesciche . La sua sicurezza lo rende anche un rimedio domestico molto utile per le ferite in generale. Allo stesso modo in cui l’iperico promuove la guarigione delle ferite sulla superficie del corpo, può essere utilizzato per incoraggiare la riparazione di parte della nostra pelle interna, in particolare il rivestimento dello stomaco.

L’olio di iperico è stato usato per secoli, in particolare in Germania, per trattare problemi infiammatori e ulcere nello stomaco. Il trattamento standard raccomandato è quello di prendere un cucchiaino di olio di iperico a stomaco vuoto mattina e sera. Il trattamento deve essere continuato per diversi mesi ed è più efficace se integrato con camomilla e cambiamento nella dieta . In uno studio clinico, gli alcolisti affetti da depressione e gastrite e/o ulcere gastriche hanno assunto infusioni regolari di iperico abbinato a psicoterapia: il trattamento si è dimostrato efficace dopo due mesi. Un altro problema meno grave anche se molto più comune, che potrebbe rispondere bene all’iperico, in combinazione con erbe come la menta piperita (Mentha piperita), è la sindrome dell’intestino irritabile, strettamente legata alla depressione.

Con una marcata attività astringente e antinfiammatoria, l’iperico può ridurre la diarrea e l’irritabilità all’interno dell’intestino, dove incoraggerà anche la riparazione della parete intestinale. Come antimicrobico può eventualmente avere qualche effetto sulla flora intestinale .

L’iperico era usato come medicina nell’antica Grecia, anche se c’è confusione su quali specie fossero effettivamente impiegate. Si pensa che Ippocrate abbia usato Hypericum come rimedio rinfrescante e antinfiammatorio, e nella successiva scuola ippocratica l’olio di iperico è stato usato per il trattamento della depressione. Il chirurgo greco Dioscoride, nel suo De Materia Medica, elenca quattro specie di iperico, che raccomanda per il sollievo della sciatica, per pulire i dotti biliari e per guarire le ustioni. Alcune specie sono raccomandate come diuretici e per stimolare le mestruazioni, e i semi, somministarti per 40 giorni, potrebbero essere usati per trattare le febbri croniche ricorrenti, compresa la malaria.

Plinio il Vecchio, un autore romano che scrive contemporaneamente a Dioscoride ma privo delle sue conoscenze mediche, semplicementesugegrisce l’erba contro i morsi di rettili velenosi. Galeno, medico dell’imperatore romano Marco Aurelio, e autore medico più prolifico del mondo antico, considerava l’iperico per le  qualità calde e secche, utile quindi per correggere o bandire un eccesso di umori umidi e freddi, e problemi legati al cervello e all’inverno.

È difficile scrivere di iperico senza tornare più e più volte a Paracelso, perché la sua scrittura su questa erba, come su altri argomenti, è sempre provocatoria. In particolare, la sua fede entusiasta nei poteri terapeutici dell’iperico – “Dio ha dato al Perforatum (erba di San Giovanni) la forza di inseguire i fantasmi della natura, i vermi, le ferite e le fratture ossee, e ogni scoramento”.

È veramente una medicina universale al di là della creazione dell’umanità” – è stata senza dubbio una delle ragioni per cui, cinque secoli dopo, i ricercatori in Germania hanno iniziato a esaminare il potenziale ruolo dell’iperico come antidepressivo. Le autorità precedenti hanno affermato l’uso della pianta per problemi che colpiscono i nervi, ma Paracelso è andato molto oltre nel sottolineare il suo valore nel trattamento degli stati depressivi. Molti degli erbari stampati in Europa nei secoli XVI e XVII, sia in tedesco, francese, italiano o inglese, hanno dato informazioni simili, ripetendo spesso le indicazioni date da Dioscoride, Galeno e dal medico arabo, Avicenna. Sia Hieronymus Bock che Matthiolus, che hanno prodotto due dei grandi testi erboristici dell’epoca, includono la guarigione delle ferite, l’ effetto emostatico (arresto del sanguinamento), diuretico, l’ effetto emmenagogo (stimolazione delle mestruazioni) e l’attività antimalarica.

L’olio di iperico era un popolare rimedio per ferite ed era incluso nella prima farmacopea di Londra (1616) come Oleum Hyperici. Molti erboristi davano ricette per la sua preparazione, in genere infondendo le cime fiorite in olio d’oliva in un barattolo di vetro trasparente e lasciandolo alla luce del sole per alcune settimane. John Gerard dà istruzioni più complesse per una ricetta che include vino bianco e trementina. Raccomanda che il processo venga ripetuto utilizzando una seconda quantità di erba per produrre un olio con forza sufficiente. Il testo inglese metà del XIX secolo “Our Useful Wild Flowers” nota che gli erboristi vendono ancora l’olio intriso di iperico per l’uso come vulnerario, e questo uso dell’erba continuò in Europa e in Russia, dove è sempre stata un’importante pianta medicinale.

Tra gli erboristi, e nelle zone rurali dove le tradizioni contadine sono rimaste saldamente radicate, l’iperico ha continuato ad essere utilizzato nel XIX secolo come rimedio per ferite, sciatica, problemi urinari e dei dotti biliari e stati nervosi.

Come regola generale, tuttavia, è stato visto come meritevole di poca attenzione come medicina, forse essendo di importanza economica come colorante rosso, per l’ipericina era stato isolato dall’erba nel 1830 dal chimico tedesco, Buchner. “Al giorno d’oggi sia l’erba che le sue proprietà sono allo stesso modo dimenticate”, lamentava padre Kneipp. In effetti, con l’emergere in Germania e negli Stati Uniti di nuove forme non ortodosse di pratica medica – omeopatia e naturopatia in particolare – le pratiche erboristiche tradizionali sono state rivalutate, e questo ha portato nel tempo a una rivalutazione dell’iperico. Kneipp stesso scrisse che l’erba aveva una particolare influenza sul fegato, poteva aiutare ad alleviare il mal di testa e a risolvere l’enuresi notturna nei bambini. Quest’ultima indicazione rifletteva la medicina popolare tedesca, in cui l’iperico era spesso usato per il quale l’iperico era spesso usato per l’enuresi notturna, nonché per incoraggiare le mestruazioni quando un periodo era “bloccato” o assente, per problemi uterini e per il catarro bronchiale. L’olio di Hipericum, piuttosto che l’erba stessa, continuò ad essere usato per ustioni e scottature sia nella medicina tradizionale che in quella naturopatica, le istruzioni per la sua preparazione furono incluse nella Farmacopea Wirtenbergica del 1847.

In Nord Africa, l’iperico è originario delle regioni superiori della Tunisia e del Marocco, dove è stato utilizzato principalmente per guarire ferite e ustioni e per disturbi digestivi. Nell’Anatolia meridionale in Turchia, è stato preso come decotto o infuso per mal di stomaco. Diverse altre specie di iperico trovate in Turchia sono anche usate in medicina.

All’interno della medicina ayurvedica, la principale medicina tradizionale dell’India, l’Hypericum perforatum ha più o meno le stesse azioni di quelle che si trovano in Europa: astringente, vermifugo, emmenagogo, diuretico, vulnerario.

Un ottimo rimedio contenente Melatonina è Alato 37, disponibile qui o in farmacia

ALATO 37 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Lino e vitamina D

Lino e vitamina D

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

La vitamina D E’ contenuta nel

Lino, L. usitatissimum

Lino (Linaceae) Sebbene sia classificato come specie, L. usitatissimum è derivato da L. bienne. Si sono evoluti due tipi distinti di L. usitatissimum: il lino più alto, con meno rami e fiori, che produce fibre; e il seme di lino più corto, florifero e fruttuoso, che ora viene coltivato per l’olio e come coltura foraggera. I semi contengono il 30-40% di un olio fisso, noto come olio di lino, che comprende principalmente acido linoleico .

In comune con molti membri delle famiglie Linaceae, Rosaceae e Caprifoliaceae, contengono anche glicosidi cianogenici o acido prussico. In piccole quantità, questi composti stimolano la respirazione e migliorano la digestione ma, in eccesso, causano insufficienza respiratoria e morte. Non vi è alcuna indicazione che le dosi raccomandate di L. usitatissimum rappresentino una minaccia. Il correlato L. catharticum (lino di montagna o di spurgo) è descritto come un lassativo e un antireumatico, ma ora è usato raramente.

Parti utilizzate:

Pianta intera, steli, semi, olio.

Proprietà

Erba dolce, mucillaginosa, lassativa ed espettorante, lenisce i tessuti irritati, controlla la tosse e allevia il dolore. Usi dell’erba medicinale internamente come lassativo di massa per costipazione cronica e diverticolite (semi schiacciati mescolati con cereali per la colazione e ampio liquido), gastrite, faringite (semi macerati), disturbi bronchiali cronici, tosse e mal di gola; come integratore alimentare per eczema, problemi mestruali, indurimento delle arterie e artrite reumatoide (olio). Esternamente per bronchite, pleurite, mal di gola, ustioni, scottature, bolle, ascessi e ulcere. I semi schiacciati sono combinati, come impiastro, con Sinapis alba per i disturbi al petto e con miele e limone come rimedio per la tosse. L’erba fresca è stata applicata per dolori reumatici, raffreddori e tosse. Il lino è uno dei tessuti più antichi del mondo; il primo frammento di stoffa mai identificato (considerato di lino) proveniva dalla Turchia orientale, datato al carbonio a 9.000 anni fa. Gli antichi egizi raffiguravano la crescita del lino, la filatura del filo di lino, e la tessitura di quel filo su papiri e murales. I resti mummificati dei faraoni sono legati in lino fine e delicato, intrecciato con una perizia che è ancora difficile da replicare oggi, da 3.000 a 4.000 anni dopo. Il lino è stato anche usato per fare casi di mummia, e l’olio di semi di lino è stato usato nel processo di imbalsamazione.

 

Le fibre producono il tessuto, i semi vengono pressati per l’olio, sono utilizzati negli alimenti e nei foraggi per gli animali e nelle industrie di vernici e pavimenti.  I residui di semi vengono trasformati in torte di semi di lino per l’alimentazione animale. Le piante vengono tagliate a maturità per l’estrazione delle fibre. I semi vengono raccolti a maturità, conservati interi o pressati per l’olio. È stata la prima coltura di fibre e ampiamente coltivata in Europa e in Asia, ma ora in gran parte sostituita dal cotone. Attualmente i semi di lino sono prevalentemente coltivati per uso industriale nella produzione di pitture, vernici, mastice e linoleum. I semi di lino hanno una composizione di acidi grassi che porta all’essiccazione e all’indurimento dell’olio se esposti all’aria e alla luce solare. L’olio commestibile è ottenuto dalla spremitura a freddo per evitare l’ossidazione ed è commercializzato come olio di semi. Non è raccomandato per cucinare, ma viene utilizzato principalmente come integratore alimentare, ad alto contenuto di acido linolenico . Tuttavia, i semi di lino sono ancora importanti come olio da cucina soprattutto in Nord Africa e Medio Oriente. Il seme intero ha un mercato in crescita nella cottura e negli alimenti salutari, a volte aggiunto al pane e ai cereali per la colazione. Per questo le tradizionali varietà “ad alto linolenico” sono adatte in quanto solo l’olio estratto manca delle qualità di conservazione per uso culinario. La farina di lino viene utilizzata come mangime per animali e pollame per aumentare gli acidi grassi omega nelle uova.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Zucca e vitamina D

Zucca e vitamina D

Zucca e vitamina D

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

E’ contenuta nella

 

Zucca

Cucurbita pepo (Cucurbitaceae) Zucca Descrizione Pianta annuale con steli intrecciati, foglie lobate, fiori gialli e grandi frutti arancioni. Probabilmente originaria del Nord America, la zucca si trova ora in tutto il mondo. Viene raccolto in autunno.

Parti Usate:

Semi, polpa.

Costituenti

I semi di zucca contengono un olio fisso (30-50%), che è principalmente acido linoleico (43-56%) e acido oleico (24-38%). L’olio contiene anche proteine (31-51%), steroli, cucurbitina, vitamina E, beta-carotene e minerali (4-5%), compresi livelli significativi di ferro, zinco e selenio.

Storia e folklore

La zucca è stata molto usata come medicina in Centro e Nord America. I Maya applicavano la linfa della pianta alle ustioni, i Menominee usavano i semi come diuretico e i coloni europei macinavano e mescolavano i semi con acqua, latte o miele per fare un rimedio per i vermi. Questa pratica divenne così diffusa nelle case di tutto il Nord America che la professione medica alla fine la adottò come trattamento standard.

Azioni e usi medicinali

La zucca è stata utilizzata principalmente come agente vermifugo sicuro ed efficace, in particolare nei bambini e nelle donne incinte per le quali i preparati ad azione forte e tossici sono inappropriati. Si pensa che sia più efficace nella rimozione delle tenie. I semi sono diuretici e tonici alla vescica e hanno un valore distinto nel trattamento delle prime fasi dell’allargamento della prostata. La polpa del frutto viene utilizzata come decotto per alleviare l’infiammazione intestinale e viene applicata come impiastro o cerotto per le ustioni. La gamma di composti medicinali e nutrizionali dei semi di zucca di ricerca assicura che abbiano un grande valore come integratore alimentare “naturale”. Una buona fonte dietetica di zinco, i semi contengono anche livelli relativamente alti di selenio, un minerale con importante attività antiossidante e antitumorale nel corpo. La cucurbitina respinge i vermi intestinali e gli steroli sono antinfiammatori. La ricerca suggerisce che i semi di zucca sono efficaci nell’aiutare a ridurre l’allargamento benigno della ghiandola prostatica (BPH), a causa sia dell’influenza ormonale degli steroli che di questa attività antinfiammatoria. In uno studio clinico i semi di zucca sono stati combinati con saw palmetto per trattare l’IPB: coloro che assumevano l’estratto di erbe mostravano un miglioramento del flusso di urina e una ridotta frequenza della minzione.

I chicchi di semi di Cucurbita pepo contengono circa il 45% di un grasso insaturo, il 25% di proteine e quantità utili di minerali e il complesso vitaminico B. Possono essere consumati crudi, arrostiti o fritti (pepitos) e ora sono venduti nei paesi occidentali. In alcune parti dell’America Centrale sono inclusi in una confezione dolce nota come pepitorio. In passato c’è stata qualche estrazione industriale del petrolio. Cucurbita maxima comprende le zucche invernali e le zucche. Semi, datati al 1200 d.C., sono stati trovati in Perù, ma nessun resto è stato trovato in Messico e in America Centrale. Probabilmente è stato addomesticato in Sud America, ma ora si trova in tutto il mondo. La specie è meno ruvida al tatto di C. pepo e le foglie sono a forma di rene e non profondamente lobate.

Storia

La zucca è originaria delle Americhe. La pianta rampicante raggiunge una lunghezza di circa 30 piedi (9 metri), ha foglie grandi, fiori profumati giallo-arancio e frutti arancioni. Le zucche sono i frutti più grandi del regno vegetale. Le zucche erano un alimento base nella dieta dei nativi americani. Nella medicina orientale, si dice che un tè a base di semi, assunto per un periodo di tempo, aiuti a ridurre i gonfiori delle gambe, delle caviglie e dell’addome. In America Latina, Africa e India, i semi sono usati per espellere i vermi intestinali. Alcuni medici europei raccomandano i semi di zucca per prevenire problemi alla prostata negli uomini. I semi contengono sostanze nutritive note per essere componenti dell’ormone maschile testosterone.

In Cina, i semi tostati vengono mangiati per promuovere la longevità. I semi contengono fino al 40% di proteine e preziosi minerali e sostanze nutritive. Il seme ha un contenuto di olio del 46 per cento. La maggior parte dell’olio è prodotto in Austria e popolarmente usato per aromatizzare il cibo.

Usi pratici

L’olio vettore / base viene utilizzato per diluire gli oli essenziali in aromaterapia per oli da massaggio e altre formulazioni. A causa della natura appiccicosa dell’olio di semi di zucca, è meglio mescolare il 20% dell’olio con un altro olio vettore.

Proprietà documentate

Antielmintico, antinfiammatorio, diuretico, stomachico, tonico, vermifugo, vulnerario.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Vitamina D e Pepe nero

Vitamina D e Pepe nero

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

E’ contenuta nel

 

Piper nigrum (Piperaceae)

Parti utilizzate

Frutta, olio essenziale

Costituenti

Il pepe contiene un olio volatile (tra cui beta-bisabolene, canfene, betacariofillene e molti altri terpeni e sesquiterpeni), fino al 9% di alcaloidi (in particolare piperina, che è in gran parte responsabile del gusto acre dell’erba), circa l’11% di proteine e piccole quantità di minerali.

Storia e Folklore

Coltivato come spezia e medicina fin dall’antichità, il pepe è stato un bene vitale nel commercio mondiale per migliaia di anni. Attila l’Unno è noto per aver chiesto 3.000 libbre (1.360 kg) di pepe come riscatto durante il suo assedio della città di Roma (408 D.C.).

Azioni e usi medicinali

Il familiare sapore acuto del pepe riflette l’effetto stimolante e antisettico che ha sul tratto digestivo e sul sistema circolatorio. Il pepe è comunemente preso per riscaldare il corpo, o per migliorare la funzione digestiva in caso di nausea, mal di stomaco, flatulenza, gonfiore, costipazione, o mancanza di appetito. L’olio essenziale allevia il dolore reumatico e il mal di denti. È antisettico e antibatterico e riduce la febbre. Ricerca

La piperina, il principale costituente attivo all’interno del pepe nero, ha significativi benefici terapeutici, con un documento di ricerca del 2012 che elenca “proprietà immunomodulatorie, antiossidanti, antiasmatiche, anticancerogene, antinfiammatorie, antiulcera e antiamebiche”. La piperina sembra aiutare l’assorbimento di erbe e farmaci chimici, ad esempio la curcumina e, in alcuni casi, rallentare la loro clearance da parte del fegato. Attenzione Non prendere l’olio essenziale internamente senza supervisione professionale.

P. guineense (africa occidentale, o pepe Ashanti) produce grani di pepe dal sapore delicato e foglie che vengono utilizzate come sostituto di P. betle nei quid di betel. P. methysticum è insolito nell’essere un raccolto di radici.

P. auritum (makulan) e P. angustifolia (matico) sono specie tropicali americane, coltivate per le loro foglie. Quelle del primo assomigliano agli spinaci e sono usate come aromatizzanti nella cucina messicana e guatemalteca, quest’ultima è un’erba astringente e stiptica con un aroma simile al tè, utilizzata nei preparati per emorroidi, emorragie e perdite vaginali. Numerose specie diverse da P. nigrum sono coltivate per i loro frutti, ma solo P. longum e P. retrofractum (pepe lungo giavanese) sono sufficientemente simili nel sapore da usare come sostituti. I grani di pepe rosa provengono da un albero americano S, Schinus terebinthifolius. Sono spesso mescolati con grani di pepe verde, nero e bianco per effetto decorativo, ma hanno un sapore resinoso e non possono essere usati come sostituto.

P.longum (Indian long pepper, Jaborandi pepper, pippali)

Parti utilizzate Frutta (hi ba). Proprietà Un’erba aromatica, calda, stimolante che migliora la digestione e ha effetti decongestionanti, antibiotici e analgesici.

I grappoli di frutto ad uso alimentare, sono usati interi in curry e sottaceti.

Nella medicina tradizionale cinese, è indicato aduso interno, per brividi di stomaco, vomito, rigurgito acido, mal di testa e rinite; e, nella medicina ayurvedica, per raffreddori, asma, bronchite, artrite, reumatismi, lombalgia, sciatica, epilessia, indigestione e vento. Esternamente, nella medicina tradizionale cinese, è indicato per il mal di denti. In Ayurveda,  P. nigrum e Zingiber officinale sono, un rimedio ayurvedico per le condizioni di freddo.

P.nigrum

Parti utilizzate Frutta (hu jiao). Erba pungente, aromatica, riscaldante che abbassa la febbre e migliora la digestione. È considerato un espettorante stimolante nella medicina occidentale e ayurvedica e come tranquillizzante e antiemetico nella pratica cinese.

Medicinale internamente usato in Occidente per indigestione e vento, nella medicina cinese, per brividi causati da stomaco, intossicazione alimentare (da pesce, carne, granchio o funghi), colera, dissenteria, diarrea, vomito causati dal raffreddore. Esternamente, nella medicina ayurvedica, mescolato con ghee, si usa per congestione nasale, sinusite, epilessia e infiammazioni della pelle.

P.betle:

Le foglie vengono raccolte secondo necessità, sbollentate al buio, spesso pressate insieme ed essiccate per estratti o per l’uso intero.

P. methysticum:

Le radici vengono utilizzate secondo necessità e utilizzate fresche o essiccate per l’uso in decotti, estratti liquidi, polveri e compresse.

P.cubeba:

I frutti vengono raccolti acerbi e distillati per ricavarne un oleo-resina, o essiccati per l’uso in estratti liquidi, polveri e tinture.

P. longum:

I grappoli di frutti vengono raccolti acerbi ed essiccati per l’uso interi, macinati o in decotti .

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Arancio e Vitamina D

Arancio e Vitamina D

VITAMINA D3   è indicata per:

  • Osteoporosi
  •  Patologie autoimmuni
  •  Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
  •  Interviene nel processo di divisione delle cellule .
  • Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

La vitamina D3 si trova principalmente in alcuni cibi: la fonte più importante è l’olio di fegato di merluzzo, ma si trova anche nel pesce: sgombro, salmone, tonno, trota, aringhe, ma anche frutti di mare. Altra importante fonte di questa vitamina è il latte ma anche i prodotti a base di soia, i cereali integrali, il riso. Tra gli alimenti di origine vegetale i funghi sono ricchi di vitamina D ma anche la frutta non è da trascurare, soprattutto l’arancia.

Arancio

L’arancio cresce nei tropici e subtropicali. Dal Vecchio Mondo, l’arancia si diffuse in tutta l’Eurasia e l’Africa nell’antichità. La sua ubiquità ha portato le persone in diverse regioni del mondo a coniare la propria parola per l’arancia. I Persiani si riferivano all’arancia come narang. In armeno, l’arancia è conosciuta come narinj, in arabo naranj, in latino arangia, in spagnolo naranja, in portoghese laranja, in italiano arencia, e in antico francese oranje. Gli inglesi hanno coniato il termine “arancione” nel XIV secolo. L’arancia arrivò nel Nuovo Mondo come parte della Borsa colombiana. Affondando le radici in Florida e Brasile, l’arancia ha reso prosperi i grandi coltivatori. Un albero di arancio può vivere più di 50 anni, durante i quali può produrre più di 1.000 arance. Nell’antichità, l’arancia si diffuse in Africa orientale e nel Levante. Nel IV secolo a.C., Alessandro Magno incontrò l’arancia in India e le sue truppe la portarono nel Mediterraneo orientale. Al tempo di Cristo, gli agricoltori in Italia coltivavano l’arancia dolce. I mosaici del IV secolo rivelano che gli agricoltori dell’impero bizantino coltivavano l’arancia. Nel IX secolo gli arabi, conquistando la Spagna, introdussero l’arancia acida nella penisola iberica. Durante le Crociate, gli arabi lo introdussero in Sicilia e in alcune parti dell’Europa meridionale. Nel 1179, lo scrittore cinese Han Yen Che pubblicò un trattato sulle arance, che descriveva la coltivazione, l’allevamento e gli usi medicinali del frutto. Dopo che l’esploratore portoghese Vasco da Gama stabilì una rotta oceanica verso l’India, i portoghesi portarono l’arancia nell’Europa meridionale. Questa introduzione sembra essere stata uno dei numerosi tentativi di stabilire l’arancione nell’Europa meridionale. Gli europei apprezzavano l’arancia. Nel Medioevo, il governatore bizantino di Roma inviò un cesto di arance al re dei Longobardi nella speranza di invogliarlo a unirsi al governatore in una guerra contro l’imperatore bizantino. In un incidente simile, il principe di Salerno inviò arance al duca di Normandia, chiedendo il suo aiuto per respingere un attacco arabo all’Italia. All’inizio gli europei apprezzavano gli aranci e i loro frutti per la loro bellezza. In Italia, i ricchi piantavano arance nei loro giardini per ombra ed estetica. Il re francese Carlo VIII, invadendo l’Italia nel XV secolo, trovò gli aranci irresistibili. Eresse una serra per la loro cultura nel suo castello di Amboise. Anche sua moglie stabilì una serra per questo scopo nel suo castello di Blois. Re Luigi XIV piantò aranci a Versailles nel 1764. Credendo che l’arancia fosse un afrodisiaco, la prese con alcol e zucchero I reali d’Europa non erano i soli a piantare giardini di aranci. Nella mitologia greca, la dea Hera coltivava arance nel suo giardino. I mortali bramavano le arance di Hera perché ne rendevano immortale una. Ercole rubò le arance da Era, ma la dea Atena le salvò, restituendole il frutto. Poiché l’arancia è un albero prolifico, gli europei lo consideravano un simbolo di fertilità. Cristoforo Colombo era stato un architetto delle nuove rotte commerciali che altri sfruttavano. Nel 1493, durante il suo secondo viaggio, Colombo piantò l’arancia su Hispaniola (ora l’isola di Haiti e la Repubblica Dominicana). Nel 1513, secondo un resoconto, l’esploratore spagnolo Ponce de Leon introdusse l’arancia in Florida. Un altro resoconto sostiene che gli spagnoli piantarono l’arancia a Saint Augustine, in Florida, ma non fino al 1565. Un terzo resoconto attribuisce allo spagnolo Pedro Menendez la piantagione del primo arancio in Florida nel 1579. Nel 1707, i missionari spagnoli introdussero l’arancia in Arizona.

Azioni e usi medicinali

Il frutto fortemente acido dell’arancia amara stimola la digestione e allevia la flatulenza. Si pensa che un’infusione del frutto lenisca il mal di testa, calmi le palpitazioni e la febbre più bassa. Il succo aiuta l’organismo ad eliminare i prodotti di scarto e, essendo ricco di vitamina C, aiuta il sistema immunitario a scongiurare le infezioni. Se assunto in eccesso, tuttavia, il suo contenuto di acido può esacerbare l’artrite. Nella fitoterapia cinese, il frutto acerbo, noto come zhi shi, è pensato per “regolare il qi”, contribuendo ad alleviare la flatulenza e il gonfiore addominale e ad aprire le viscere. Gli oli essenziali di arancio amaro, in particolare neroli, sono sedativi. Nella medicina occidentale, questi oli sono usati per ridurre la frequenza cardiaca e le palpitazioni, per incoraggiare il sonno e per lenire il tratto digestivo. Il neroli diluito viene applicato come olio da massaggio rilassante. L’acqua distillata dei fiori è antispasmodica e sedativa.

L’arancia amara ha fornito cibo e medicine per migliaia di anni. Produce olio di neroli dai suoi fiori e l’olio noto come petitgrain dalle sue foglie e dai giovani germogli. Entrambi i distillati sono ampiamente utilizzati in profumeria. L’acqua di fiori d’arancio è un sottoprodotto della distillazione e viene utilizzata in profumeria e per aromatizzare caramelle e biscotti, oltre ad essere utilizzata in medicina.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Carnitina e pane integrale

Carnitina e pane integrale

La carnitina svolge un ruolo importante nella combustione dei grassi per l’energia e nel traghettamento degli acidi grassi attraverso le pareti dei mitocondri, dove vengono ossidati e trasformati in energia. Durante il suo viaggio di ritorno dall’interno dei mitocondri, riporta gruppi acetili e altri piccoli frammenti prodotti nell’ossidazione degli acidi grassi. Il ruolo della carnitina nel metabolismo dei grassi lo porta ad influenzare, in una certa misura, tutto l’altro metabolismo energetico nella cellula, compresa la combustione dei carboidrati. In questo modo può essere collegato al metabolismo del glucosio, all’insulina e alla sindrome metabolica. Alcuni autori hanno suggerito che il suo importante ruolo nella combustione dei grassi lo rende anche utile nelle diete per la perdita di peso e la maggior parte della salute generale.

Otteniamo una fornitura costante di carnitina nella nostra dieta, soprattutto se mangiamo carne. (In effetti, il nome carnitina deriva dalla parola latina per carne.) Sebbene la maggior parte delle diete forniamo carnitina più che sufficiente, i nostri corpi hanno la capacità di fare il nostro rifornimento attraverso un’azione enzimatica sull’amminoacido licina. Con questo processo si pensa che anche i vegetariani rigorosi siano in grado di fornirsi quantità adeguate di carnitina1. Ci sono alcune malattie ereditarie in cui la produzione o l’assorbimento della carnitina è carente; tuttavia, queste malattie sono rare.

Poiché la maggior parte di noi lo mangia, e tutti noi lo facciamo, non è del tutto chiaro se sia necessario o addirittura utile integrare le diete di persone sane con carnitina o acetil-carnitina. Ci possono essere circostanze in cui l’integrazione potrebbe essere utile. Ad esempio, è stato scoperto che i livelli di carnitina diminuiscono significativamente man mano che invecchiamo2. Ci sono prove convincenti che 1,5-3 g al giorno di acetil-carnitina possono migliorare la funzione cognitiva degli individui nelle fasi più lievi e iniziali del morbo di Alzheimer. Non è chiaro se l’acetil-carnitina migliora la cognizione dando una spinta all’attività mitocondriale nel cervello, o rendendo disponibili più gruppi acetili da utilizzare nella sintesi del neurotrasmettitore acetilcolina nel cervello. I livelli di acetilcolina sono diminuiti in molte forme di demenza e la maggior parte dei farmaci utilizzati per il trattamento del morbo di Alzheimer aumentano la disponibilità di acetilcolina prevenendo la sua distruzione enzimatica nel cervello.

Recentemente si è scoperto che l’acetil-carntina può essere utile nel trattamento della depressione nei pazienti anziani. Nella maggior parte dei casi, i pazienti anziani negli studi avevano sia depressione che qualche tipo di demenza. Tuttavia, in uno studio, i pazienti erano depressi ma non avevano demenza. Pertanto, gli effetti benefici dell’acetil-carnitina non sono interamente dovuti al miglioramento della funzione cognitiva compromessa. L’acetil-carnitina e la sostanza strettamente correlata alla propionil-carnitina, spesso utilizzata in Europa ma non negli Stati Uniti, possono anche essere utili nel trattamento della sindrome da affaticamento cronico.

Gli enzimi che metabolizzano il grasso nella cellula sono sempre in comunicazione chimica con quegli enzimi che metabolizzano il glucosio. Tale comunicazione può spiegare come la carnitina somministrata per via endovenosa sia in grado di migliorare i livelli di glucosio nel siero e l’utilizzo in pazienti con diabete di tipo II. Un’altra scoperta rilevante è che l’acetil-carnitina può alleviare il dolore e la funzione anomala nei pazienti con neuropatia periferica diabetica. Lo stress ossidativo e le quattro vie primarie di danno che crea, sono principalmente responsabili dei danni neuropatici nel diabete. Recenti prove suggeriscono che l’acetil-carnitina può offrire una certa protezione dai danni ossidativi, e questa protezione può anche estendersi al cervello.

Ci sono prove da studi umani e animali che la carnitina, o la sua forma più facilmente assorbita, l’acetil-carnitina, può in una certa misura migliorare la tolleranza al glucosio, la sensibilità all’insulina, i lipidi sieri e la funzione cognitiva. Può anche offrire una certa protezione dai danni ossidativi. Depressione e affaticamento possono essere migliorati. Forse la caratteristica migliore dell’acetil-carnitina è che è una sostanza naturale con pochissime probabilità di produrre effetti avversi.

Acetil L-carnitina e la L-carnitina sono lo stesso amminoacido, ma in forme diverse. Funzionano anche in modo molto diverso.

L-carnitina è usata più da persone che stanno cercando di perdere peso, come esso aiuta a conversione gli acidi grassi trovati nel corpo in una fonte di energia naturale.

Acetil L-carnitina è la versione acetilata della L-carnitina, che ha la capacità di attraversare la barriera ematoencefalica, che aiuta a migliorare le funzioni del cervello.

La carnitina, derivata da un amminoacido, si trova in quasi tutte le cellule del corpo. Il suo nome deriva dal latino carnus o carne, poiché il composto era isolato dalla carne. Carnitina è il termine generico per una serie di composti che includono L-carnitina, acetil-L-carnitina e propionil-L-carnitina.

La carnitina svolge un ruolo fondamentale nella produzione di energia. Trasporta gli acidi grassi a catena lunga nei mitocondri in modo che possano essere ossidati per produrre energia. Trasporta anche i composti tossici generati da questo organello cellulare per prevenirne l’accumulo. Date queste funzioni chiave, la carnitina è concentrata in tessuti come il muscolo scheletrico e cardiaco che utilizzano gli acidi grassi come combustibile alimentare.

La Carnitina è contenuta nel pane integrale

Storia del pane

Nella storia del pane, le abitazioni lacustri della Svizzera sono le più utili, poiché da loro possiamo raccogliere i cereali usati dai loro abitanti, il loro pane e gli attrezzi con cui schiacciavano il mais. I primi abitanti civilizzati conosciuti d’Europa coltivavano diversi tipi di cereali, tessevano stoffe, facevano stuoie, cesti e reti da pesca e, inoltre, pane cotto. I cereali a noi noti, sono il risultato di molte coltivazioni, migliorate dalla selezione. Nell’insediamento lacustre di Wangen è stata dissotterrata una notevole quantità di mais carbonizzato. Nel Salone Preistorico del British Museum si possono vedere esemplari di fagioli, piselli, paglia carbonizzata, ghiande, nocciole, orzo. Gli antichi egizi avevano a disposizione  tre tipi di grano: Triticum sativa, zea e spelta; orzo, Hordeum vulgare e doura, sorgo Holctts, i cui esemplari possono essere visti nella Galleria Egizia del British Museum. C’erano panettieri professionisti in Egitto, come vediamo in alcune delle immagini ritrovate.

Il cibo dei poveri era costituito da grano, orzo, inumidito con acqua, impastato in una ciotola, e cotto nella cenere calda.

Palestina

Del pane degli antichi ebrei non sappiamo nulla, se non dai loro libri sacri; ma questi contengono una grande riserva di conoscenza. I loro cereali sembrano essere costituiti solo da grano, orzo, segale (o può essere farro) e miglio, ma coltivavano leguminose, come fagioli e lenticchie.

Il tempo del raccolto fu nominato da Mosè come una delle grandi feste: Esodo xxiii. 14.

La preparazione e la cottura del pane è stata lasciata alle donne.

Di quale forma fosse il pane ebraico non lo sappiamo, perché nessuna rappresentazione di esso è giunta fino a noi. Di regola era probabilmente sotto forma di sottili torte rotonde piatte – simili a quei biscotti azzimi ora usati dagli ebrei durante la loro Pasqua, e la cui forma e dimensioni sono probabilmente tradizionali – ma avevano anche pagnotte di pane.

Le indicazioni per farlo, ecc., sono abbastanza chiare (Lev. xxiv. 5-9): ‘E tu prenderai farina fine, e ne cuocerai dodici torte e le metterai in due file, sei su una fila, sulla tavola pura davanti al Signore… E tu metterai incenso puro su ogni fila”.

Non abbiamo alcuna certezza sulla forma di questi dodici pani, tipica delle tribù di Israele. I rabbini dicono che i pani erano quadrati e ricoperti di foglie d’oro; e che fossero posti in due pile di sei ciascuna, una sull’altra, alle estremità opposte del tavolo, e che tra due pani ogni due fossero deposti tre semi tubi, come canne a fessura d’oro, allo scopo di conservare i dolci .La tradizione ebraica afferma che, per rendere il pane più peculiare e consacrato fin dalla sua origine, i sacerdoti stessi eseguissero tutte le operazioni di semina, mietitura e macinazione del grano per il pane di paglia,  così come impastare e cuocere il pane  e preservarlo dalla muffa.  Gli Israeliti non sapevano nulla del pane lievitato fino a quando non andarono in Egitto, dove ottennero la conoscenza dagli egiziani civilizzati. Che abbiano lievitato il loro pane lo apprendiamo da Esodo XII. 34-39: ‘ E il popolo prese il loro impasto prima che fosse lievitato… cuocevano torte azzime della pasta che portavano fuori dall’Egitto, perché non era lievitata, poiché erano stati cacciati dall’Egitto e non potevano fermarsi, né avevano preparato per sé stessi alcuna provvista“. Il pane veniva talvolta immerso nell’olio ed era anche usato in sacrificio.

Nel libro xviii., 23, Plinio ci dà la modalità di macinazione del mais:” Tutti i grani non si rompono facilmente. In Etruria pestano il farro con un pestello calzato con ferro alla fine. In questo strumento il ferro è dentellato sul fondo, creste affilate che si esauriscono come il bordo di un coltello e si concentrano sotto forma di una stella, in modo che, se non si presta attenzione a tenere il pestello perpendicolarmente mentre si martella, i grani saranno solo scheggiati e i denti di ferro rotti. In tutta la maggior parte d’Italia, invece, impiegano un pestello che è solo ruvido alla fine, e ruote girate dall’acqua, per mezzo delle quali il mais viene gradualmente macinato. Esporrò qui le opinioni espresse da Mago in merito alla miglior metodo di martellamento. Dice che il grano dovrebbe essere immerso prima di tutto in acqua, e poi pulito dalla buccia, dopo di che dovrebbe essere asciugato al sole e poi pestato con il pestello “.

Sia i Greci che i Romani originariamente macinavano la loro farina e cuocevano il pane a casa, e mulini e panetterie sono stati trovati in diverse case private a Pompei. Una di queste panetterie era attaccata alla casa di Sallustio, sul lato sud, essendo divisa da essa solo da una strada stretta.

Cina

L’agricoltura in Asia iniziò non nella parte orientale, ma nell’Asia occidentale, dove grano, orzo, altre colture e alcuni animali come pecore e capre furono addomesticati ben prima del 10.000 a.C. In Cina, resti archeologici del periodo neolitico rivelano siti agricoli risalenti al settimo millennio a.C., ma l’agricoltura potrebbe essere iniziata prima, con l’uso della ceramica circa 14.000-10.000 a.C. confermato. Durante le fasi iniziali dell’agricoltura cinese tra l’8 ° e l’inizio del 6 ° millennio a.C., almeno due gruppi di società umane si convertirono dal loro iniziale stile di vita cacciatore-raccoglitore alla produzione di cereali. Sulla base di prove provenienti da diversi siti nel nord della Cina, il miglio proso (Panicum milieaceum, chiamato anche miglio di ginestra) e il miglio a coda di volpe (Setaria italica) furono le principali colture iniziali delle famose culture Peilikang, Yangshao e Seutong e dei loro gruppi successivi. Questi insediamenti prosperi, situati nelle fertili aree dell’alto e medio

Il riso (Oryza sativa) era il principale cereale precoce del sud, dove erano presenti entrambe le sottospecie della coltura, indica e japonica. Questi sono stati identificati in molte località, tra cui siti famosi come Pengtoushan, Lixian County, Henan (8.200-6.20 a.C.); Bashidang, Contea di Lixian, Henan (6.000-5.000 a.C.); Jiahu, Contea di Wuyang, Henan (6.000-5.000 a.C.); e il sito di Hemudu (6.800-5.000 a.C.) nel basso bacino del fiume Yangtze. Tra le “cinque piante sacre coltivate” dell’antica Cina che si pensa risalgano all’imperatore Chinnong nel 2.700 a.C., quattro erano cereali (riso, orzo, grano e miglio) e il quinto era la soia. L’orzo e il grano, originari del Vicino Oriente, furono probabilmente introdotti in Cina alla fine del Periodo Neolitico e sono stati autenticati dalle ossa dell’oracolo Shang (1.766-206 a.C.). L’orzo potrebbe essere stato addomesticato contemporaneamente nelle parti centro-occidentali e occidentali della Cina, dove fiorì per un lungo periodo prima che iniziasse una significativa coltivazione del grano. Il grano è chiaramente un’introduzione dai territori occidentali, divenne una delle principali colture nel nord della Cina solo durante la dinastia Han (206 a.C.-220 d.C.).

L’agricoltura ha sempre avuto un ruolo di primo piano nella politica cinese ed è incorporata nelle loro osservanze religiose e una profonda venerazione per esso è inscritta in tutte le istituzioni in Cina. Tra i diversi gradi della società, i coltivatori della mente sono al primo posto, poi quelli della terra, al terzo vengono i produttori e infine i mercanti. L’omaggio all’agricoltura è fatto ogni anno dall’imperatore, che indice una cerimonia, la cui origine risale a più di 2000 anni fa, era stata interrotta da principi degenerati, ma è stata rianimata da Yong-tching, il terzo della dinastia Mantchoo. Questo anniversario si svolge il 24 ° giorno della seconda luna, in coincidenza con il nostro mese di febbraio. Il monarca si prepara per questo digiunando tre giorni; poi si raduna in un luogo stabilito con tre principi, nove presidenti degli alti tribunali, quaranta vecchi e quaranta giovani mariti. Dopo aver compiuto un sacrificio preliminare dei frutti della terra a Sharig-ti, la divinità suprema, prende per mano l’aratro e fa un solco di una certa lunghezza, in cui è seguito dai principi. Un festival annuale, in onore dell’agricoltura, viene celebrato anche nella capitale di ogni provincia. Sebbene il riso sia il cereale di base in uso in Cina, la coltivazione del grano è una delle principali industrie nelle parti settentrionali e centrali di quel paese. Il terreno, soprattutto nelle province settentrionali, non è adatto alla coltivazione del grano. Immediatamente dopo il primo scioglimento della neve, quando il terreno è diventato sufficientemente indurito dal gelo, questi campi di grano vengono trasformati in pascoli, secondo la teoria che, con un taglio tempestivo delle cime di queste piante, le colture cresceranno con ulteriore forza in primavera. La trebbiatura del grano è l’interesse principale del farjning cinese. A causa della scarsità di carburante, il grano viene solitamente tirato su dalla radice, impacchettato in covoni e trasportato al mien-chong, uno spazio di terreno liscio e indurito vicino alla casa del contadino. La parte superiore dei covoni viene quindi tagliata da una macchina manuale. Il grano viene quindi lasciato asciugare nel mien-chong. Quando il grano è completamente asciutto, viene battuto sotto un grande rullo di pietra trainato da cavalli.Dopo che il grano è stato lasciato asciugare per alcune ore sotto il sole cocente, viene riposto in ariosi bidoni di bambù. Il processo di fresatura è molto antico. Due grandi ruote rotonde in pietra blu, con scanalature tagliate ordinatamente nelle facce su un lato, e al centro della ruota inferiore viene utilizzata una spina di legno massiccio. Il processo di produzione della farina di grano con questo macchinario è chiamato mob-mien. Di solito viene impiegato un cavallo o un mulo; i poveri, non avendo animali, macinano il grano da soli. Vengono così prodotte tre distinte qualità di farina. Quando il pane è ottenuto da una lavorazione grezza, assomiglia al pan di zenzero ruvido. Questo di solito è il cibo delle famiglie più povere. Il pane dei cinesi viene solitamente fermentato e poi cotto a vapore. Solo una piccolissima quantità viene cotta nei forni. Nel nord della Cina il cibo è costituito da miglio e patate dolci. Grano e riso sono il cibo dei ricchi, mentre le classi medie dell’Impero mangiano miglio e riso. Nelle province meridionali l’intero pane è di riso. A King-Kiang, il grano viene servito come riso.

Poiché il cibo è principalmente riso bollito, è ovvio che i panettieri non sono numerosi, il pane appare solo ai tavoli dei mandarini di alta classe. È principalmente sostituito da biscotti fantasiosi e innumerevoli tipi di pasticceria, fatti non solo con farina di frumento, ma anche con quella di riso: questi servono come veicoli per le varie marmellate e composte di frutta, per le quali i cinesi sono famosi. I fornai sono più rigorosamente pasticceri, e possono essere visti ogni giorno, impegnati nei loro negozi, a cuocere torte di farina di riso e mandorle, macinate di ogni forma immaginabile e arricchite con spezie.

Grano e orzo

Storicamente, il grano e l’orzo, originari dell’Asia occidentale (Bonjean e Picard, 1990), sono conosciuti in Cina con il nome comune di mai, che significa grano. Resti di grano (Triticum aestivum), chiamato xiao mai o piccolo grano, e orzo (Hordeum vulgare), chiamato da mai o grano grande, si trovano molto raramente nei siti neolitici cinesi. Nel 1957, un fossile di grano fu scoperto in un sito di Yangshao a Dongguanmiao, nella provincia di Henan, risalente a circa il 5.000 a.C., e nel 1958, chicchi di grano carbonizzati furono trovati in siti neolitici a Diaoyutai, Anhui. Non è chiaro se il grano fosse coltivato nella Cina centro-orientale durante quel periodo, ma poiché entrambe le colture erano ben consolidate in Afghanistan e in altri territori più vicini alla Cina, potrebbero essere state introdotte nella Cina nord-occidentale dai commercianti. Chicchi di grano e d’orzo datati al carbonio al 2.650 a.C. sono stati recentemente trovati nel sito archeologico di Xishanping nella Cina nord-occidentale, il che suggerisce anche che il grano si è diffuso verso est in Cina. Se così fosse, il corridoio del Gansu sarebbe stato il percorso chiave. Attualmente, le più antiche tracce archeologiche della coltivazione del grano in Cina, probabilmente corrispondenti alla coltivazione locale, sono state scavate a Kongque He, nello Xinjiang, e a Diaoyutai nell’Anhui. La datazione al carbonio di questi resti indicava 2.000 a.C. per il primo e 3.000-2.000 a.C. per il secondo. La maggior parte dei primi resti di grano sono stati datati tra il 2.500 a.C. e il 1.500 a.C., suggerendo che il grano fu introdotto in Cina intorno al 2.000 a.C.. Gran parte di questi resti sono concentrati nella zona medio-bassa del Fiume Giallo. Ciò suggerisce che potrebbe essere esistito un altro percorso, o che c’erano diversi percorsi attraverso i quali il grano entrava e si diffondeva in Cina, ad esempio, attraverso le praterie mongole, attraverso il Tibet o lungo le aree costiere del sud e sud-est asiatico. Queste introduzioni di grano (probabilmente in ondate successive dal Vicino Oriente) sono state tardive rispetto al suo uso in Egitto e in Europa, il che potrebbe spiegare perché quasi tutti i grani cinesi sono esaploidi. Ad esempio, è anche certo che il grano fosse coltivato nel sito Haimenkou del 2.000 a.C. di Jianchuan, una contea dello Yunnan, suggerendo un’introduzione sud-occidentale. Spighe di grano carbonizzate, insieme a oggetti in bronzo, ceramiche, gres, manufatti in corno e resti di animali, sono state recentemente scavate lì. Alcuni autori sostengono che l’orzo è stato probabilmente introdotto in Cina prima del grano, o che la significativa produzione di orzo è iniziata prima, perché il suo grano è più morbido del chicco di grano e può essere mangiato come porridge o arrostito, quindi pestato in farina e mescolato con acqua, tè, miele o burro, una preparazione simile all’attuale tsampa tibetana. È anche possibile che l’orzo sia stato addomesticato in Cina separatamente dal Vicino Oriente nel terzo e secondo millennio a.C., dato che nel 1970, i botanici hanno scoperto l’orzo selvatico (H. spontaneum) in Tibet, Yunnan e Sichuan, dove sono note sia forme di orzo decorticate che nude. In ogni caso, la Cina sud-occidentale, così come gran parte dell’Himalaya, è una regione in cui si è verificata la diversificazione e l’addomesticamento dell’orzo. Nelle prime fasi dell’uso del grano e dell’orzo, la popolazione cinese li considerava inferiori al miglio. Gli inverni freddi e le brevi estati della Cina nord-occidentale e settentrionale significavano che inizialmente venivano coltivati solo tipi invernali. Più tardi, l’espansione del grano e dell’orzo nelle aree orientali più diverse che avevano una migliore umidità anche in inverno, oltre ai progressi nella gestione dell’acqua, fornì l’opportunità di coltivare grano invernale e orzo a rotazione con miglio estivo, piselli e grano saraceno. Le iscrizioni della dinastia Shang dimostrano che il grano era una delle principali colture dell’Henan settentrionale. Shijing, il Libro dei Cantici, scritto durante il periodo Zhou occidentale (1.066-771 a.C.) menziona il grano molte volte, indicando che era ampiamente coltivato lungo la parte centrale e inferiore della Valle del Fiume Giallo prima del VI secolo a.C. Il Fan Scheng-Chih Su (ortografia corrente: Fan Sheng Zhi Shu), un trattato sull’agricoltura (I secolo a.C.), suggerisce di mettere i semi di grano per una notte in un leggero decotto di pisello e di deiezioni del baco da seta prima di metterli nel terreno.

Durante la dinastia Han (206 a.C.-220), furono documentati sia il grano primaverile che quello invernale. Il grano piantato in inverno fu spostato nella media valle dello Yangtze e il grano primaverile fu coltivato nel nord dell’Hebei. Il grano è stato introdotto in Cina non solo attraverso la famosa “Via della Seta” settentrionale dal Turkmenistan, che passa attraverso lo Xinjiang nello Shaanxi.  Diversi studi su un gene inibitore gametocida, sui geni della necrosi e sugli isoenzimi della beta-amilasi indicano molteplici vie attraverso le quali il grano potrebbe essere stato introdotto da ovest, tra cui una rotta del Myanmar, una rotta tibetana e una rotta marittima. La rotta del Myanmar è iniziata in Afghanistan e ha raggiunto Yunnan e Sichuan attraverso Pakistan, India e Myanmar. La via di introduzione tibetana era probabilmente legata al buddismo o alla diffusione pre-buddista proveniente dall’India e che raggiungeva il Tibet attraverso il Nepal o le montagne del Pamir, per poi diffondersi nel Sichuan, nello Shaanxi e nella Mongolia Interna. Nell’ultima rotta, il grano è stato portato in barca nel sud della Cina dalle coste indiane o pakistane. È stato anche dimostrato che il grano è stato successivamente portato dalla Cina alla Corea e poi al Giappone. Prima della dinastia Han, il grano era una prelibatezza riservata all’aristocrazia. Durante il periodo Han, lo sviluppo di mulini a base animale e ad acqua, più potenti dei mulini a mano, permise una significativa produzione di grano e di farina di grano e la preparazione di tipici prodotti a base di pane a base di farina della Cina settentrionale, come pane a vapore, noodles e gnocchi. . Si stima che, entro la metà del XVII secolo, il grano rappresentasse il 50% degli alimenti di base nel nord della Cina e il 5% nel sud. Da quel momento, l’espansione del grano in Cina non si è fermata.

Triticum spelta (T. aestivum subsp. spelta).

È un ibrido di farro e un’erba selvatica Aegilops tauschii, probabilmente originario del Medio Oriente circa 6000 A.C da dove si è diffuso, arrivando in Europa circa 2000 A.C. Era una specie di grano importante in Europa fino all’epoca romana a poppa, mentre altre specie divennero dominanti, anche se è rimasto una delle principali colture cerealicole in aree isolate, principalmente in Germania e Svizzera. Il farro è stato introdotto negli Stati Uniti nel 1890 ma nonostante il suo più alto contenuto proteico è stato presto sostituito dal grano da trebbiatura libera che ha dato una resa più elevata. Poiché il farro è più resistente, tollerante ai terreni poveri e richiede meno fertilizzanti del grano, è diventato popolare nell’agricoltura biologica ed è recentemente riapparso come alimento salutare. Si sostiene che gli individui con determinate allergie al grano possono consumare farro, anche se poiché contiene glutine non si può presumere che sia adatto a persone celiache. Il farro ha una composizione nutrizionale simile al grano duro. La sua concentrazione di glutine lo rende adatto alla cottura. I prodotti a base di farro sono disponibili attraverso negozi di alimenti biologici come cereali, farina e alimenti trasformati come pasta, cereali per la colazione, pane e torte. In Germania i semi acerbi sono tostati, chiamati Grünkern (semi verdi), e considerati un alimento “gourmet” per l’uso in pane, zuppe ..

TEFF  Eragrostis teff. I nomi comuni includono Lovegrass e Annual Bunch Grass. Si ritiene che il teff abbia avuto origine in Etiopia tra 4000 e 1000 A.C., da dove deriva il suo nome amarico che significa “perso” a causa delle piccole dimensioni del grano. I grani sono di colore da marrone rossastro a bianco. È ampiamente coltivato in Etiopia ed Eritrea dove è il cereale di base e usato per fare injera, un tondo etiope, pane acido fatto fermentando l’impasto liquido per giorni. Un sottile strato di pasta viene versato su una padella unta riscaldata per fare un pancake che viene mangiato in piccole quantità di vari piatti. Il teff è anche usato con l’orzo per fare una birra tradizionale chiamata tella. Il teff è coltivato in misura minore in Yemen, Kenya, Malawi, Stati Uniti, India e per il pascolo in Sud Africa e Australia. Il grano ha un alto contenuto di minerali, tra cui calcio e ferro. Il teff è più ricco di proteine rispetto al grano tenero e all’orzo, ma simile al grano duro e al farro.

Segale, Secale cereale L., 1753)

La segale è una coltura importante nelle parti più fredde dell’Europa settentrionale e centrale e della Russia, coltivata fino al Circolo Polare Artico. La pianta è estremamente resistente e può crescere in terreni sabbiosi a bassa fertilità. La segale probabilmente ha avuto origine da tipi di erbacce nella Turchia orientale e nell’Armenia adiacente, ma non è vecchia come il grano. La segale viene utilizzata per fare il cosiddetto pane nero (Schwartzbrot), compreso il pumpernickel, anche se il pane può variare di colore perché la segale può essere mescolata con quella del grano che schiarisce il colore e aggiunge glutine. Come il grano, la segale produce un pane lievitato ma è inferiore al grano nella qualità della panificazione perché il suo impasto è meno elastico e ritentivo ai gas. Il pane di segale ha un caratteristico sapore più forte rispetto al pane di grano, ha un contenuto energetico inferiore, è più alto in minerali e fibre e le sue proteine hanno un contenuto di lisina più elevato. Un cosiddetto processo di pasta acida, che coinvolge la fermentazione dell’acido lattico, può essere utilizzato nella panificazione. Il pane croccante scandinavo, knaeckebrot, ha un’ampia popolarità grazie alla sua consistenza e alle eccellenti proprietà di conservazione. La segale è utilizzata per produrre whisky in America, gin nei Paesi Bassi e birra in Russia. Le giovani piante sono usate come foraggio per il bestiame.

 

Un ottimo prodotto contenente  Acetylcarnitina è Alato 25, disponibile qui o in farmacia.

ALATO 25 (lafenicesas.it)

 

DiAlessandra Zarone

Acetylcarnitina e Carnitina

Acetylcarnitina e Carnitina

Acetilcarnitina è indicato per:

Affaticamento mentale, perdita di memoria, mancanza di attenzione

L’attuale terapia dei disturbi dell’umore ha diverse limitazioni. Sebbene un elevato numero di farmaci sia clinicamente disponibile, ad oggi, quasi due terzi degli individui non raggiungono la remissione sintomatica completa dopo il trattamento con antidepressivi convenzionali. Inoltre, di solito sono necessarie diverse settimane di trattamento farmacologico per ottenere effetti clinici, una limitazione che ha notevoli implicazioni cliniche, che vanno dall’alto rischio di suicidio alla ridotta conformità. Il caratteristico ritardo nell’efficacia antidepressiva classica ha dato grande impulso alla ricerca di nuove terapie con effetti più rapidi. L-acetilcarnitina (LAC), una piccola molecola di crescente interesse per le sue proprietà farmacologiche, è attualmente commercializzata per il trattamento del dolore neuropatico. Recenti dati preclinici e clinici hanno suggerito che il LAC può esercitare effetti antidepressivi con un esordio più rapido rispetto ai farmaci convenzionali.

L’acetil-carnitina è una sostanza naturale per il corpo. Si forma facilmente nelle cellule con l’aggiunta enzimatica di un gruppo acetile alla carnitina. La carnitina, è una versione modificata della lisina amminoacido. Gli enzimi possono facilmente convertire la carnitina in acetil-carnitina e ritorno, in base alle esigenze metaboliche della cellula. Quindi, all’interno della cellula, acetil-carnitina e carnitina sono essenzialmente intercambiabili. La principale differenza tra acetil-carnitina e carnitina è che l’acetil-carnitina viene assorbita più facilmente dall’intestino e attraversa più facilmente la barriera ematico-encefalica. Come integratore, l’acetil-carnitina ha alcuni vantaggi.

La carnitina svolge un ruolo importante nella combustione dei grassi per l’energia e nel traghettamento degli acidi grassi attraverso le pareti dei mitocondri, dove vengono ossidati e trasformati in energia. Durante il suo viaggio di ritorno dall’interno dei mitocondri, riporta gruppi acetili e altri piccoli frammenti prodotti nell’ossidazione degli acidi grassi. Il ruolo della carnitina nel metabolismo dei grassi lo porta ad influenzare, in una certa misura, tutto l’altro metabolismo energetico nella cellula, compresa la combustione dei carboidrati. In questo modo può essere collegato al metabolismo del glucosio, all’insulina e alla sindrome metabolica. Alcuni autori hanno suggerito che il suo importante ruolo nella combustione dei grassi lo rende anche utile nelle diete per la perdita di peso e la maggior parte della salute generale.

Otteniamo una fornitura costante di carnitina nella nostra dieta, soprattutto se mangiamo carne. (In effetti, il nome carnitina deriva dalla parola latina per carne.) Sebbene la maggior parte delle diete forniamo carnitina più che sufficiente, i nostri corpi hanno la capacità di fare il nostro rifornimento attraverso un’azione enzimatica sull’amminoacido licina. Con questo processo si pensa che anche i vegetariani rigorosi siano in grado di fornirsi quantità adeguate di carnitina1. Ci sono alcune malattie ereditarie in cui la produzione o l’assorbimento della carnitina è carente; tuttavia, queste malattie sono rare.

Poiché la maggior parte di noi lo mangia, e tutti noi lo facciamo, non è del tutto chiaro se sia necessario o addirittura utile integrare le diete di persone sane con carnitina o acetil-carnitina. Ci possono essere circostanze in cui l’integrazione potrebbe essere utile. Ad esempio, è stato scoperto che i livelli di carnitina diminuiscono significativamente man mano che invecchiamo2. Ci sono prove convincenti che 1,5-3 g al giorno di acetil-carnitina possono migliorare la funzione cognitiva degli individui nelle fasi più lievi e iniziali del morbo di Alzheimer. Non è chiaro se l’acetil-carnitina migliora la cognizione dando una spinta all’attività mitocondriale nel cervello, o rendendo disponibili più gruppi acetili da utilizzare nella sintesi del neurotrasmettitore acetilcolina nel cervello. I livelli di acetilcolina sono diminuiti in molte forme di demenza e la maggior parte dei farmaci utilizzati per il trattamento del morbo di Alzheimer aumentano la disponibilità di acetilcolina prevenendo la sua distruzione enzimatica nel cervello.

Recentemente si è scoperto che l’acetil-carntina può essere utile nel trattamento della depressione nei pazienti anziani. Nella maggior parte dei casi, i pazienti anziani negli studi avevano sia depressione che qualche tipo di demenza. Tuttavia, in uno studio, i pazienti erano depressi ma non avevano demenza. Pertanto, gli effetti benefici dell’acetil-carnitina non sono interamente dovuti al miglioramento della funzione cognitiva compromessa. L’acetil-carnitina e la sostanza strettamente correlata alla propionil-carnitina, spesso utilizzata in Europa ma non negli Stati Uniti, possono anche essere utili nel trattamento della sindrome da affaticamento cronico.

Gli enzimi che metabolizzano il grasso nella cellula sono sempre in comunicazione chimica con quegli enzimi che metabolizzano il glucosio. Tale comunicazione può spiegare come la carnitina somministrata per via endovenosa sia in grado di migliorare i livelli di glucosio nel siero e l’utilizzo in pazienti con diabete di tipo II. Un’altra scoperta rilevante è che l’acetil-carnitina può alleviare il dolore e la funzione anomala nei pazienti con neuropatia periferica diabetica. Lo stress ossidativo e le quattro vie primarie di danno che crea, sono principalmente responsabili dei danni neuropatici nel diabete. Recenti prove suggeriscono che l’acetil-carnitina può offrire una certa protezione dai danni ossidativi, e questa protezione può anche estendersi al cervello.

Ci sono prove da studi umani e animali che la carnitina, o la sua forma più facilmente assorbita, l’acetil-carnitina, può in una certa misura migliorare la tolleranza al glucosio, la sensibilità all’insulina, i lipidi sieri e la funzione cognitiva. Può anche offrire una certa protezione dai danni ossidativi. Depressione e affaticamento possono essere migliorati. Forse la caratteristica migliore dell’acetil-carnitina è che è una sostanza naturale con pochissime probabilità di produrre effetti avversi.

Acetil L-carnitina e la L-carnitina sono lo stesso amminoacido, ma in forme diverse. Funzionano anche in modo molto diverso.

L-carnitina è usata più da persone che stanno cercando di perdere peso, come esso aiuta a conversione gli acidi grassi trovati nel corpo in una fonte di energia naturale.

Acetil L-carnitina è la versione acetilata della L-carnitina, che ha la capacità di attraversare la barriera ematoencefalica, che aiuta a migliorare le funzioni del cervello.

La carnitina, derivata da un amminoacido, si trova in quasi tutte le cellule del corpo. Il suo nome deriva dal latino carnus o carne, poiché il composto era isolato dalla carne. Carnitina è il termine generico per una serie di composti che includono L-carnitina, acetil-L-carnitina e propionil-L-carnitina.

La carnitina svolge un ruolo fondamentale nella produzione di energia. Trasporta gli acidi grassi a catena lunga nei mitocondri in modo che possano essere ossidati per produrre energia. Trasporta anche i composti tossici generati da questo organello cellulare per prevenirne l’accumulo. Date queste funzioni chiave, la carnitina è concentrata in tessuti come il muscolo scheletrico e cardiaco che utilizzano gli acidi grassi come combustibile alimentare.

Asparago e carnitina

Si trova nelle regioni native e temperate in Europa, Nord Africa e Asia, l’asparago è coltivato in tutto il mondo come ortaggio. I germogli crescono in teneri steli verdi (e, se al riparo dalla luce solare, bianchi) in primavera. La radice viene raccolta dopo che i germogli sono stati tagliati. Parti usate Radice, germogli. Costituenti Gli asparagi contengono glicosidi steroidei (asparagosidi), glicosidi amari, asparagina e flavonoidi. L’asparagina è un forte diuretico.

A giudicare dagli antichi disegni tombali egiziani, gli asparagi venivano coltivati già nel 4000 A.C. Nel I secolo D.C., il medico greco Dioscoride raccomandava un decotto di radice di asparagi per migliorare il flusso di urina e per trattare problemi renali, ittero e sciatica.

Asparagus officinalis (asparagi)

Parti usate: Giovani germogli, rizomi. Proprietà Un’erba s riparatrice e purificante che agisce sull’intestino, sul fegato e sui reni. Contiene acido asparagusico, che è nematocida. I germogli sono cotti a vapore e serviti caldi o freddi come verdura, e passati o tritati finemente in zuppe.

L’asparago è un forte diuretico utile per una varietà di problemi urinari, tra cui la cistite. È anche utile per le condizioni reumatiche, aiutando a “lavare” i prodotti di scarto accumulati nelle articolazioni fuori dal corpo nelle urine. L’asparago è anche amaro, leggermente lassativo e sedativo. Attenzione Non prendere se si soffre di malattie renali.

E’ un membro della famiglia Liliaceae ed è originario dell’Europa centrale e meridionale, del Nord Africa e dell’Asia occidentale e centrale. Fu coltivato dagli antichi egizi, greci e romani, ma perse la sua popolarità nel Medioevo, riconquistandolo nel XVII secolo.

Varie specie di asparagi sono usate in medicina in modi simili. La maggior parte contiene asparagina, un diuretico che conferisce all’urina un odore caratteristico in coloro che non hanno il gene per scomporlo.

Asparagus  officinalis è un membro della famiglia Liliaceae ed è originario dell’Europa centrale e meridionale, del Nord Africa e dell’Asia occidentale e centrale. Fu coltivato dagli antichi egizi, greci e romani, ma perse la sua popolarità nel Medioevo, riconquistandolo nel XVII secolo.  Oggi è coltivata in tutto il mondo, con gli Stati Uniti come il più grande produttore (una sottospecie distinta, ssp. prostatus è una pianta rara che si trova in alcune parti del Regno Unito e dell’Europa). La parte mangiata è il giovane germoglio o ‘lancia’, che cresce dal portinnesto tra la fine di aprile e l’inizio di luglio e viene tagliato quando 20-30 cm di altezza. I germogli giovani e non emersi vengono talvolta raccolti come asparagi bianchi. L’asparago verde è una delle verdure più deliziose, essendo leggermente cotta e servita con burro, salsa bianca o vinaigrette; gran parte del raccolto è surgelato o in scatola. Gli asparagi verdi freschi contengono circa il 3% di proteine, pochi grassi, il 2% di zucchero, 0,3 mg / 100 g di carotene e 12 mg di vitamina C / 100 g. Gli asparagi bianchi contengono piccole quantità di vitamine e minerali. I germogli che vengono lasciati sul portinnesto si allungano per formare steli molto ramificati di circa 1,5 m di altezza, che portano grappoli di ‘cladodi’ aghiformi (rami modificati che funzionano come foglie) nelle ascelle delle foglie di squama (ridotte). I piccoli figli di sesso maschile e femminile giallastro o verde pallido sono normalmente portati su piante separate, singolarmente o in gruppi di due o tre, alle giunzioni dei rami. Occasionalmente vengono prodotti fiori ermafroditi. Il frutto è una bacca piccola e rotonda, rossa a maturità.

Asparagus cochinchinensis, syn. A. lucidus, Melanthium cochinchinensis (asparagi cinesi)

Apsaragus cochinchinensis è stato menzionato per la prima volta nei testi medici cinesi C. A. D.200. A. officinalis è stato coltivato per oltre 2.000 anni come ortaggio e come erba medicinale con notevoli effetti diuretici e lassativi. In comune con molte piante medicinali popolari, è stato dato il nome di officinalis per riconoscere il suo status di “officinale” – una pianta con una lunga storia commerciale come erba medicinale.

Parti usate: Tuberi (tian men dong). Proprietà Un’erba antibatterica e purificante che controlla la tosse, elimina la congestione bronchiale, lenisce l’infiammazione, agisce come diuretico e aumenta la salivazione. Usi dell’erba medicinale internamente per febbre, debilitazione, mal di gola, tosse, rinite, difterite, tubercolosi e bronchite.

Medicinale internamente per cistite, pielite M, malattie renali, reumatismi, gotta e edema da insufficienza cardiaca. L’acido asparagusico M è usato per trattare la schistomiasi.

Asparago. racemosus (shatavari)

Il nome comune di A. racemosus, shatavari, significa “colei che possiede cento mariti”, e si riferisce all’effetto ringiovanente dell’erba sugli organi riproduttivi femminili. Nelle regioni native e temperate in Europa, Nord Africa e Asia, l’asparago è coltivato in tutto il mondo come ortaggio. I germogli crescono in teneri steli verdi (e, se al riparo dalla luce solare, bianchi) in primavera. La radice viene raccolta dopo che i germogli sono stati tagliati.

È anche utile per le condizioni reumatiche, aiutando a “lavare” i prodotti di scarto accumulati nelle articolazioni fuori dal corpo nelle urine. L’asparago è anche amaro, leggermente lassativo e sedativo.

Parti usate: Rizomi.

Proprietà

Un’erba lenitiva e tonica che agisce principalmente sugli organi riproduttivi circolatori, digestivi, respiratori e femminili. Usi dell’erba medicinale internamente per infertilità, perdita di libido, aborto spontaneo minacciato, problemi di menopausa, iperacidità, ulcere gastriche, dissenteria e infezioni bronchiali.

Esternamente è indicato per rigidità nelle articolazioni e nel collo. L’erba più importante nella medicina ayurvedica per le donne, come ashwagandha (Withania somnifera) è per gli uomini. Utilizzato internamente dagli aborigeni australiani per disturbi digestivi ed esternamente per le piaghe.

Un ottimo prodotto contenente  Acetylcarnitina è Alato 25, disponibile qui o in farmacia.

ALATO 25 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Ginko Biloba

Ginko Biloba

L’albero di Ginkgo (Ginkgo biloba L.), è l’unico  sopravvissuto della famiglia delle Ginkgoacee, apparsa più di 150 milioni di anni fa, ed è spesso chiamato un ”fossile vivente”. Si estinse in Europa durante l’era glaciale. Il suo nome deriva dalle parole cinesi sankyo o yin-kuo, che significa “albicocca di collina” o “frutto d’argento”, a causa dei frutti maturi a forma di albicocca e colore giallo.

Sebbene G. biloba e altre specie del genere fossero un tempo diffuse in tutto il mondo, si ridussero due milioni di anni fa in una piccola area della Cina nella provincia di Zhejiang nella Cina orientale, nella riserva di Tian Mu Shan. La foglia di ginkgo è il simbolo della scuola Urasenke della cerimonia del tè giapponese. L’albero è l’albero nazionale della Cina.

Nella medicina cinese, Ginkgo biloba (Ginkgoaceae) è stato usato per trattare la perdita di memoria a breve termine, vertigini e mancanza di attenzione, disturbi polmonari. La resistenza estrema sembra essere una caratteristica degli alberi di ginkgo, in quanto è resistente a insetti, microrganismi dannosi, tossine ambientali della civiltà moderna.

La prima pubblicazione riguardante l’uso interno delle foglie di Ginkgo biloba per scopi medici risale al 1505 d.C. in un testo di Wen-Tai, Ben Cao Pin Hue Jing Yaor. G. biloba era utilizzato per trattare i membri anziani della corte reale. Le moderne farmacopee cinesi hanno introdotto le foglie di Ginkgo biloba per il trattamento delle disfunzioni del cuore e dei polmoni.

Medicina folclorica

Un importante uso tradizionale cinese del ginkgo è nel trattamento dell’asma bronchiale.

Foglie e frutti vengono raccolti in autunno. Le noci all’interno dei frutti sono una prelibatezza in Asia e sono vendute nei negozi di alimentari asiatici, possono essere arrostite o bollite, aggiunte alle pietanze o consumate come spuntino.

I semi di Ginkgo sono usati per alleviare il respiro asmatico e ridurre la flemma, sono indicati per perdite vaginali, vescica indebolita e incontinenza.

La polpa del frutto viene macerata in olio vegetale e dopo cento giorni viene assunta per via orale per la tubercolosi. L’estratto in acqua calda del frutto è preso come antielmintico. L’estratto in acqua calda della foglia viene assunto per via orale come vermifugo, per l’asma e la senilità. I semi crudi vengono mangiati e il decotto del seme viene assunto per via orale per il cancro. I semi, fritti in padella, vengono mangiati per la tubercolosi.

Il seme è anti-tosse, espettorante, antiasmatico e nell’infiammazione della vescica. In Cina, le foglie di Ginkgo biloba sono state utilizzate anche nell’asma e nei disturbi cardiovascolari.

Iran

 

L’estratto in acqua calda delle foglie secche viene assunto per via orale per i disturbi della vista, associati ad anomalie della circolazione sanguigna, infiammazione e per migliorare la perdita di memoria. Gli estratti di etanolo (90% e 95%) sono assunti per via orale come dilatatore arterioso e stimolatore della circolazione arteriosa.

 Corea

L’estratto in acqua calda del seme viene assunto per via orale per indurre il travaglio e come abortivo.

La scoperta di Ginko biloba

Il medico e botanico tedesco Engelbert Kaempfer descrisse per la prima volta l’albero nel suo libro “Amoenitatum Exoticarum”, 1712, dopo una visita in Giappone. Il primo albero di ginkgo europeo fu piantato a Utrecht, in Olanda, nel 1730, e nel 1800 il gingko si era naturalizzato in tutta Europa. Si ritiene che il più antico albero di ginkgo in Germania (circa 200 anni) si trovi sul terreno del castello di Wilhelmshohe vicino alla città di Kassel. Goethe scrisse una poesia Ginkgo biloba sulla foglia di ginkgo bilobata nel 1815 dopo aver camminato per i terreni del castello di Heidelberg, e fece piantare diversi alberi di ginkgo vicino alla sua casa estiva a Weimar. L’albero di Ginkgo era tra le specie di piante che si rigenerarono attivamente dopo l’esplosione della bomba atomica di Hiroshima del 1945. Almeno fino al 1993, un esemplare è rimasto nel giardino Shukukein che si trova a circa 1.400 metri dall’ipocentro dell’esplosione.

Molti prodotti G. biloba sono entrati nel mercato e l’estratto di G. biloba è ora tra i farmaci a base di erbe più venduti in tutto il mondo. Oggi vengono coltivati oltre 50 milioni di alberi di G. biloba, in particolare in Cina, Francia e Carolina del Sud negli Stati Uniti, producendo circa 8000 tonnellate di foglie essiccate ogni anno. In India, G. biloba è visto ad alta quota in Kumaun Himalaya.

Usi medicinali contemporanei

Recentemente, l’estratto di G. biloba è stato utilizzato come uno dei potenziali rimedi erboristici per migliorare le funzioni cognitive e per trattare il morbo di Alzheimer e i sintomi dell’insufficienza cerebrale.

I cinesi usano la pianta in medicina da millenni, ma molte delle applicazioni moderne provengono dalla ricerca di scienziati tedeschi.

 Le foglie e il loro estratto sono utilizzate per curare la cattiva circolazione e per equilibrare il flusso sanguigno al sistema nervoso centrale. L’attuale medicina cinese utilizza estratti di foglie di ginkgo nelle medicazioni per ferite. Le proprietà vasoattive dei principi del ginkgo possono svolgere un ruolo in questa applicazione. Le foglie verdi essiccate dell’albero di ginkgo forniscono il farmaco grezzo da cui si ottengono gli estratti di ginkgo. Le foglie possono essere raccolte da alberi coltivati o dallo stato selvatico.

  • Ginko biloba rallenta il deterioramento cerebrale e offre una protezione contro ictus, perdita di memoria, acufene, ipertonia e angina pectoris.
  • È utile in caso di demenza, deficit di memoria, disturbi della concentrazione, depressione, vertigini, acufene e mal di testa.
  • Aumenta la tolleranza all’ipossia e presenta un effetto anti-ischemico, migliora la fluidità del sangue, diminuisce l’aggregazione piastrinica ed eritrocitaria, riduce la viscosità del plasma e del sangue. L’estratto diminuisce anche la permeabilità dei capillari e protegge la membrana cellulare, intrappolando i radicali liberi deleteri.
  • Il farmaco viene utilizzato per le funzioni cerebrali disturbate che provocano vertigini e mal di testa, con labilità emotiva e ansia. Il ginkgo ha dimostrato di migliorare la concentrazione e i deficit di memoria a causa della malattia arteriosa occlusiva periferica.

Studi clinici

 

L’estratto di G. biloba è derivato dalle foglie essiccate dell’albero di ginkgo, dove l’estratto vegetale standardizzato contiene il 24% di ginkgo-flavonglicosidi e il 6% di ginkgo-terpenoidi lattoni come costituente attivo che hanno effetti neuroprotettivi e vasotropici

Tradizionalmente, G. biloba è stato usato come agente nootropico e antiossidante nell’insufficienza cerebrovascolare, principalmente in pazienti con deterioramento cognitivo. Prove recenti hanno dimostrato l’effetto ansiolitico di G. biloba. Nel presente studio, l’assunzione giornaliera di 120 mg di G. biloba per 6 settimane ha ridotto i livelli di ansia in un gruppo di rifugiati.

I risultati di questo studio hanno dimostrato che l’EGb 761 potrebbe migliorare l’efficienza degli antipsicotici, in particolare sui sintomi positivi, nei pazienti con schizofrenia.

 

Diversi studi hanno studiato il ruolo di G. biloba nel migliorare l’affaticamento fisico. È stato dimostrato che G. biloba migliora i sintomi di affaticamento, la resistenza fisica e le attività della vita quotidiana. I rifugiati sono ad alto rischio di sviluppare affaticamento fisico che può limitare le loro attività quotidiane a causa della mancanza di: cibo adeguato e sano, alloggi confortevoli, farmaci, ore di sonno e di avere una scarsa qualità di vita.

Ginko biloba è stato prescritto globalmente nell’insufficienza cerebrale associata a disfunzione cognitiva, che si manifesta clinicamente come demenza e mancanza di concentrazione, specialmente in volontari sani, anziani e pazienti con malattia di Alzheimer. L’estratto di Ginkgo biloba è stato utilizzato terapeuticamente per diversi decenni per aumentare il flusso sanguigno periferico e cerebrale, nonché per il trattamento della demenza.

Ginkgo biloba ha i seguenti effetti farmacodinamici:

  • È un antiossidante
  • Provoca vaso regolazione
  • Inibisce l’aggregazione piastrinica
  • Riduce l’edema cerebrale
  • Migliora il recupero funzionale dopo ischemia
  • Migliora, accelera e prolunga l’attivazione della microglia e dell’astrocitosi nel sito della lesione cerebrale.

 

L’estratto di Ginkgo biloba EGb 761

Intorno al 1965, i preparati di G. biloba furono introdotti nel mondo occidentale dal Dr. Willmar Schwabe scoprì che gli estratti dalle foglie di Ginkgo biloba erano efficaci per il trattamento dei disturbi arteriosi periferici e cerebrali soprattutto nei pazienti anziani, di conseguenza ha proceduto a sviluppare un estratto standardizzato, designato con il nome in codice EGb 761. Un primo brevetto è stato concesso per l’estratto nel 1971 in Germania e nel 1972 in Francia, con cui l’estratto di Ginko è stato arricchito di glicosidi flavonolici al 24%. Un ulteriore brevetto è stato concesso nel 1989 caratterizzato dal’aggiunta di trilattoni terpenici al 6% e rimozione di componenti indesiderati dall’estratto, come gli acidi ginkgolici, che sono noti allergeni. La ricerca scientifica più specifica e significativa su EGb 761 è stata avviata alla fine degli anni 1970 quando sono diventati disponibili modelli patologici adatti.

A seguito del miglioramento dei metodi esistenti e della disponibilità di tecnologie più sofisticate, è stato fatto uno sforzo supremo per aumentare le conoscenze riguardanti tutti gli aspetti scientifici di EGb 761, dalla biologia dell’albero e della sua coltivazione all’ottimizzazione della qualità dell’estratto e alla scoperta dei segreti dei suoi meccanismi d’azione.

I flavonoidi del ginkgo, per lo più derivati della rutina, sono efficienti spazzini dei radicali liberi. Sappiamo da studi sperimentali su animali e umani che la rutina alza la soglia per l’infiltrazione di sangue dai vasi capillari, un effetto generalmente descritto come diminuzione della fragilità capillare. I ginkgolidi inibiscono il fattore di attivazione piastrinica (PAF). Bioregolatore sintetizzato nelle membrane cellulari dei mammiferi in risposta a vari stimoli, il PAF media varie risposte fisiologiche e, quando eccessivo, può avviare processi fisiopatologici. Induce l’aggregazione piastrinica nel sangue e funziona come mediatore chiave nei processi infiammatori allergici. I recettori PAF sono stati rilevati in vari tessuti, incluso il cervello. L’aggregazione piastrinica indotta da PAF è nota per verificarsi in zone di ischemia incompleta, ad esempio alla periferia di un’area infartuata.

La somministrazione sistemica dell’estratto di Ginkgo biloba ha dimostrato di migliorare il recupero funzionale dopo una varietà di lesioni. Ha effetti protettivi, tra cui la sua azione anti-ischemica-antiedema, l’attività di pulitura dei radicali liberi. Inoltre, l’estratto di Ginkgo biloba potrebbe manifestare i suoi effetti benefici attraverso la modifica della proliferazione indotta da lesioni Quando si verifica un danno tissutale, gli astrociti e le microglia sono le prime cellule ad essere attivate. Fino a poco tempo fa, si credeva che il ruolo degli astrociti nel cervello ferito fosse limitato alla formazione di tessuto cicatriziale, separando la morte dal tessuto sano. Si pensava che le cellule microgliali fossero confinate a una funzione principalmente fagocitica, cioè la rimozione di detriti tissutali dopo un trauma. Ora, è ampiamente riconosciuto che gli astrociti e le microglia svolgono un ruolo più fondamentale nel processo di recupero ristabilendo l’omeostasi, sintetizzando e rilasciando sostanze neuro attive e innescando una reazione immunitaria orchestrata all’interno del cervello stesso. Questi eventi sono chiamati attivazione gliale.

Negli studi sugli effetti farmacologici di G. biloba, in particolare sugli effetti nel sistema nervoso centrale, rivelano che EGb 761 :

  • Migliora la cognizione
  • Ha affetti antiossidanti
  • Aumenta il flusso sanguigno cerebrale
  • Modifica la neurotrasmissione e protegge contro l’apoptosi.

 

Diversi studi clinici per l’utilizzo di EGb 761 per il trattamento della demenza e delle funzioni cognitive associate all’Alzheimer, hanno concluso che EGb 761 ha un significativo effetto sulle misure oggettive della funzione cognitiva nei malati di Alzheimer, senza effetti avversi significativi. Sono stati studiati gli effetti di diversi costituenti degli estratti di Ginkgo biloba, cioè flavonoidi e terpenoidi, contro la tossicità indotta sulle cellule dell’ippocampo, un’area cerebrale particolarmente suscettibile ai danni neurodegenerativi. EGb 761 media gli effetti neurotossici del glutammato che sono implicati in lesioni cerebrali ipossiche / ischemiche.

Ci sono prove di efficacia per l’estratto standardizzato EGb 761, nel trattamento dell’acufene da tre studi in pazienti in cui l’acufene era la lamentela primaria. L’acufene si verifica occasionalmente in circa il 10 % della popolazione e influisce significativamente sulla qualità della vita in circa l’1 %. La sensazione uditiva può essere molto fastidiosa, tanto che il paziente soffre di una compromessa capacità di concentrazione e relax, tale disturbo influisce sull’umore, causa depressione, rabbia e ansia. L’efficacia di EGb nel trattamento delle vertigini e dell’acufene, non associati alla demenza, è stata testata in otto studi con risultati per lo più positivi. Un recente studio in doppio cieco controllato con placebo in 99 pazienti ambulatoriali ha confermato l’efficacia terapeutica dell’estratto di ginkgo per questa indicazione.

 

EGb 761 È un noto inibitore del fattore di attivazione piastrinica (PAF), che è importante nella patogenesi dell’asma. Ginko biloba può essere utile per il trattamento dell’asma.

Recentemente, l’attività antibatterica di metanolo, etanolo, cloroformio ed estratti di esano delle foglie di G. biloba dell’Himalaya è stata valutata rispetto a cinque ceppi patogeni animali e vegetali: Agrobacterium tumefaciens, Bacillus subtilis, Escherichia coli, Erwinia chrysanthemi e Xanthomonas phaseoli.

Oltre a questi usi medicinali molto specifici, l’estratto di foglie di Ginkgo ha proprietà neuroprotettive, cardioprotettive, antistress, miglioramento della memoria, effetti su disturbi geriatrici e disturbi psichiatrici. Ha proprietà anticancro, previene la  degenerazione maculare legata all’età , cura ansia e depressione.

L’estratto di foglie di Ginkgo viene utilizzato sia come antiossidante, anti-piastrinico, anti-ipossia, anti-edematoso, antibatterico, afrodisiaco, in quanto contiene    dozzine di composti chimici, tra cui flavonoidi e lattoni terpenici, che sono considerati i composti attivi. Sebbene le azioni farmacologiche di questi composti non siano ancora note, numerosi studi suggeriscono che il Ginkgo biloba ha i seguenti effetti farmacodinamici:

  • Vasoregolazione
  • Antagonismo del fattore di attivazione piastrinica
  • Regolazione dei neurotrasmettitori
  • Proprietà antiossidanti

 

EGb 761 ha effetti diretti contro la necrosi e l’apoptosi dei neuroni e migliora la plasticità neurale. A livello molecolare e cellulare, alcune evidenze ottenute con modelli animali indicano che EGb 761 può interagire come spazzino dei radicali liberi e inibitore della perossidazione lipidica, regola l’equilibrio ionico nelle cellule danneggiate ed esercita una specifica e potente attività antagonista del fattore di attivazione piastrinica. Numerosi studi clinici ben controllati, realizzati in Europa e negli Stai Uniti, hanno rivelato che EGb 761 è una terapia efficace per un’ampia varietà di disturbi della funzione cerebrale, che vanno dalla compromissione cerebrale di origine vascolare ischemica (cioè demenza multi-infartuale), declino cognitivo precoce a casi da lievi a moderati dei tipi più gravi di demenze senili, incluso il morbo di Alzheimer.

Alcuni studi clinici hanno dimostrato che il trattamento con EGb 761 può migliorare la capacità dei pazienti geriatrici di far fronte allo stress della vita quotidiana, in quanto facilita l’adattamento comportamentale allo stress e può diminuire l’eccesso di rilascio di cortisolo.

Per quanto riguarda il sistema visivo, studi sperimentali hanno dimostrato che EGb 761 può inibire o ridurre i disturbi funzionali della retina derivanti da ischemia-riperfusione, foto degenerazione, retinopatia diabetica o proliferativa.

Studi clinici hanno rivelato che EGb 761 può essere utile nel trattamento di disturbi dell’attività visiva e danni al campo visivo associati a insufficienza cerebrovascolare cronica, degenerazione maculare senile e diabete mellito.

Studi adeguatamente controllati in pazienti con malattia occlusiva arteriosa periferica hanno fornito buone prove dell’efficacia terapeutica nella claudicatio intermittente.

Ha un effetto antiossidante nella lesione cerebrale ischemica.

La monografia della Commissione E del 1994 riassume le azioni farmacologiche sperimentalmente documentate di EGb 761 come segue:

 

  • Aumenta la tolleranza all’ipossia, specialmente nel tessuto cerebrale
  • Inibisce lo sviluppo di edema cerebrale post-traumatico o indotto da tossine e ne accelera la risoluzione.
  • Riduce l’edema retinico e le lesioni retiniche
  • Inibisce il fattore di attivazione piastrinica (PAF) ed esercita un effetto neuroprotettivo

 

Gli effetti collaterali sono molto rari e consistono in lievi disturbi gastrici, mal di testa o reazioni allergiche cutanee. Non ci sono interazioni note con altri farmaci. Sette casi di emorragia in pazienti che assumevano prodotti contenenti ginkgo sono stati riportati in letteratura. L’antagonismo dei ginkgolidi al fattore di attivazione piastrinica è stato citato come possibile causa. Non c’è stato alcun caso in cui un nesso causale definito possa essere stabilito tra emorragia e uso di ginkgo. Nonostante alcune preoccupazioni teoriche sul potenziale di interazione con farmaci che fluidificano il sangue, diversi studi di interazione nell’uomo non hanno mostrato prove di interazioni con l’aspirina o con l’anticoagulante di tipo fenprocumone.

Il futuro di EGb 761 è senza dubbio nella promessa di rallentare la progressione della malattia di Alzheimer. In effetti, due recenti studi clinici americani hanno dimostrato l’efficacia e la sicurezza di EGb 761 in pazienti con malattia di Alzheimer da lieve a grave e demenza multi-infartuale. In termini clinici, la progressione dei sintomi è stata ritardata di circa sei mesi. In realtà nuovi studi clinici sono intrapresi negli Stati Uniti e in Europa.

A causa del travolgente successo di EGb 761 in Europa e del crescente interesse per i “farmaci naturali”, un gran numero di estratti di Ginkgo biloba (diversi da EGb 761) sono stati commercializzati, sia negli Stati Uniti ai sensi del “Dietary Supplement Health and Education Act” che in Europa come “prodotti dietetici, omeopatici e / o fitoterapici”.

Un ottimo estratto di Ginko biloba EGb 761 è BioAttivo Biloba, disponibile qui Ginkgo Biloba – Memoria – Microcircolazione (pharmanord.it)o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Aesculus hippocastanum

Aesculus, Aesculus hippocastanum L hippocastanaceae

Originario dei boschi di montagna dai Balcani attraverso l’Asia occidentale fino all’Himalaya, l’ippocastano è ora coltivato come albero ornamentale e da ombra nelle regioni temperate di tutto il mondo, specialmente nell’Europa settentrionale e occidentale. Si propaga dal seme in autunno o in primavera. Le foglie vengono raccolte in estate, la corteccia e i semi in autunno.  Aesculus era il nome classico di una quercia ma le origini del nome comune sono incerte: era ampiamente usato in Oriente come foraggio per bovini e cavalli; in alternativa il prefisso ‘cavallo’ potrebbe averlo differenziato dalla Castagna dolce commestibile, Castanea sativa.

Usi tradizionali e attuali

Sistema circolatorio

Sebbene l’ippocastano abbia un effetto benefico sul cuore e sulle arterie, è principalmente un rimedio per le vene. Aiuta a migliorare il tono delle pareti venose, che quando sono allentate o distese provocano vene varicose ed emorroidi. Riduce l’edema (ritenzione di liquidi) causato dalla fuoriuscita di liquido dalle vene distese e aumenta la permeabilità dei capillari, consentendo al liquido in eccesso di defluire nel sistema circolatorio.

Negli Stati Uniti un decotto delle foglie è stato considerato utile per la pertosse.

Tradizionalmente, l’ippocastano è stato utilizzato per flebiti, diarrea, febbre e ingrossamento della ghiandola prostatica. L’uso tradizionale dell’ippocastano nei disturbi vascolari periferici è supportato da studi preclinici in cui sono stati osservati effetti antinfiammatori e stabilizzanti capillari. Ci sono prove da studi clinici randomizzati, in doppio cieco, controllati per supportare l’uso dell’estratto di semi di ippocastano nel trattamento dei sintomi di insufficienza venosa cronica.

Le parti utilizzate sono: semi e corteccia di ramo.

Tonico narcotico antipiretico:

La corteccia è usata tradizionalmente in febbri intermittenti. L’azione combinata dei costituenti dei semi rafforza le arterie e le vene, prevenendo la trombosi. L’estratto di semi allevia le emorroidi. Gli estratti di semi di ippocastano – i “conkers” marroni lucidi sono raccolti dai bambini britannici in autunno, alleviano i sintomi delle vene varicose e promuovono la riparazione. Preso per bocca, o applicato come lozione, l’ippocastano aiuterà a stringere i tessuti e ridurre il dolore e il gonfiore delle vene varicose. Numerosi studi clinici hanno confermato il valore dell’ippocastano come medicinale caso di vene varicose, ulcere venose, emorroidi. In Germania, gli estratti di ippocastano e l’escina sono ora abitualmente usati per trattare le vene varicose.

Le noci sbucciate e tostate di questo albero sono state utilizzate per diarrea, disturbi alla prostata. Il tè delle foglie è un tonico utilizzato in presenza di febbre. La tintura di fiori è utilizzata sulle articolazioni reumatiche. Il tè con la corteccia è astringente ed usato nella malaria, esternamente, per lupus e ulcere cutanee. Estratti di semi sono ampiamente prescritti per via orale nella fitomedicina europea per edema con insufficienza venosa, per le vene varicose e per migliorare il tono vascolare. Aiuta a rafforzare le vene e le arterie deboli, gli spasmi muscolari notturni del polpaccio, la trombosi, tali  usi sono  supportati da studi clinici. Contiene escina, che riduce la permeabilità della parete capillare, diminuendo il diametro e il numero di capillari, regolando il flusso dei fluidi verso il tessuto circostante e aumentando la circolazione sanguigna. Rimedio utilizzato anche in gastrite e gastroenterite. Localmente, gel o creme contenenti escina sono ampiamente usati per alleviare gonfiore e dolore in presenza di lividi, distorsioni e contusioni. Forme iniettabili di escina sono utilizzate nei centri traumatologici europei per aiutare a stabilizzare i pazienti con traumi cerebrali.

Vengono utilizzati solo prodotti chimicamente ben definiti; non la droga grezza.

Attenzione: i gusci esterni velenosi. I nativi americani mettevano noci schiacciate nella liscivia, per molti giorni, prima di usare il composto per il pane. Inoltre, la polvere dei semi e dei rami serviva come intossicante per pesci.

Un ottimo prodotto, contenente i rimedi descritti è Alato 32, utile in caso di stasi venosa, varicosità, varici, tromboflebiti, emorroidi. Stasi linfatica arti inferiori. Ulcere varicose. Sensazione di gambe dure, pesanti, gonfie.

E’ disponibile qui ALATO 32 (lafenicesas.it) o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Agnocasto e tradizione folclorica

Agnocasto e tradizione folclorica

Agnus castus

 

L’albero casto (Vitex agnus-castus L., Verbenaceae) è un arbusto aromatico, ornamentale e deciduo originario dell’arido e semi arido Mediterraneo e dell’Asia occidentale, ampiamente coltivato nelle regioni temperate calde e subtropicali. Ci sono più di 250 specie del genere Vitex nel mondo.

Vitex agnus-castus L verbenaceae Chaste Tree Monk’s Pepper/Agnus Castus Vitex agnus-castus è anche chiamato Indian Spice, Sage Tree, Hemp Tree e Wild Pepper – quest’ultimo riflette il nome di  piper agreste del Medioevo (agreste che significa selvaggio). Era anche chiamato viticis e agnus-castus da cui deriva il nome botanico.

.L’albero casto era ben noto nei tempi antichi e presente nell’epopea di Omero del VI secolo a.C., l’Iliade, come simbolo di castità in grado di allontanare il male. Le donne ateniesi erano solite mettere le foglie nei loro letti. Come suggerisce il nome “albero casto”, si pensava che riducesse il desiderio sessuale e tradizionalmente veniva masticato dai monaci per ridurre la libido indesiderata. La ricerca ha confermato che tale rimedio ha un’azione ormonale e oggi è usato per problemi mestruali e infertilità. L’epiteto specifico della pianta agnus castus deriva dalle parole latine “castitas” (castità) e “agnus” (agnello). La pianta è anche conosciuta con il nome comune di “albero casto” a causa della sua capacità di diminuire il desiderio sessuale e promuovere la castità nelle donne e il celibato nei monaci. I monaci lo usano come spezia in cucina e la pianta è quindi conosciuta come “pepe del monaco”. Nella regione dell’Egeo, la pianta viene utilizzata come pianta colorante. Soprattutto il colore verde che viene prodotto dalla pianta è preferito come colorante naturale per la tessitura di tappeti.

Usi tradizionali e attuali

Nella medicina popolare, V. agnus-castus è considerato un emmenagogo, vulnerario, sedativo, carminativo, lattogogo, ipoglicemiante, antielmintico e antinfiammatorio. Una volta era incluso nei rimedi per l’alcolismo, ma ora è usato solo nella medicina popolare.

È probabilmente l’erba più utilizzata nella fitoterapia occidentale per regolare il ciclo mestruale. Con la sua azione progestinica, è utile per alleviare i sintomi premestruali, tra cui irritabilità e cali di umore mal di testa, acne e dolori al seno.

Agnocasto è utile in caso di sindrome dell’ovaio policistico, fibromi ed endometriosi.

Può essere di aiuto ad alcune donne che cercano di concepire se l’infertilità è dovuta a bassi livelli di progesterone, in caso di difficoltà nell’allattamento al seno.

Anche se raramente usato da solo, l’albero casto può essere estremamente utile nel trattamento dell’acne sia negli uomini che nelle donne. Usato in combinazione con erbe come l’echinacea, spesso riduce la l’acne dovuto a squilibrio ormonale.

V.negundo, l’albero casto cinese

È elencato nella Farmacopea cinese come un farmaco con a effetti espettoranti, anti-tussivi, antiasmatici, sedativi, antispasmodici e antibatterici.

La parola sanscrita per V. negundo, nirgundi, significa letteralmente ciò che protegge il corpo dalle malattie. È una delle erbe menzionate in tutte le Samhita ayurvediche. Le persone nell’antica India identificarono due varietà di nirgundi, una recante fiori bianchi (shwetapushpi), chiamata sindhuvar, e l’altra con fiori blu (pushpanilika) designati come nirgundi in sanscrito. Le persone nell’antica India identificarono due varietà di nirgundi, una con fiori bianchi (shwetapushpi), chiamata sindhuvar, e l’altra con fiori blu (pushpanilika). L’antico trattato Varahamihiras Brhat Samhita, (circa 500 d.C.)  testo enciclopedico indù astrologia, stagioni, agricoltura, gemmologia ecc., identifica due nomi come Sindhuvara (XXIX 9, LIII 103 e LIII.] e sindhuka. Nei Purana, un gruppo di testi sacri indù,  redatti in lingua sanscrita,  è indicato con quattro Nomi: nirgundi, Matsya Purana, nirgundika, sindhuvara e Sindhuvaraka . Nella medicina indiana, è indicato come ʽsarvaroganivaraniʼ – il rimedio per tutte le malattie.

Nirgundi potrebbe essere utile nella gestione del diabete migliorando i livelli di insulina grazie alla sua proprietà antiossidante. Aiuta anche a gestire le reazioni infiammatorie inibendo l’attività di alcuni mediatori a causa della sua proprietà antinfiammatoria.

Secondo l’Ayurveda, consumare la polvere di Nirgundi due volte al giorno o applicare la pasta di Nirgundi sulla zona interessata aiuta a gestire l’artrite e fornisce sollievo dal dolore grazie alla sua proprietà di bilanciamento vata. La polvere di radice di Nirgundi potrebbe anche aiutare in caso di emorroidi, riducendo l’irritazione del tessuto infiammato. Il massaggio con olio ottenuto da foglie di Nirgundi, insieme a olio di semi di sesamo può aiutare a gestire i capelli grigi e le infezioni del cuoio capelluto. Nella medicina ayurvedica, è usato  internamente per mal di testa, catarro e gonorrea (foglie), febbri e congestione bronchiale (radici); esternamente per ulcere (succo di foglie) e piaghe (olio medicato). Economico Le foglie fresche vengono bruciate con l’erba come fumigante contro le zanzare

In alcuni casi, Nirgundi potrebbe causare disturbi di stomaco e lievi eruzioni cutanee sulla pelle. Erba pungente, dolce-amaro, leggermente astringente, rilassante che regola le funzioni ormonali, promuove l’allattamento e allevia spasmi e dolore, sedativa, rinfrescante, disintossicante che abbassa la febbre, allevia il dolore, migliora la digestione ed è espettorante e antibatterica.

Medicina Unani

I semi vengono somministrati internamente con aceto di canna da zucchero per la rimozione dei gonfiori. I semi in polvere sono utilizzati nella spermatorrea e fungono da afrodisiaco quando dispensati insieme a zenzero officinale secco e latte.    L’estratto di acqua calda viene utilizzato come contraccettivo e l’intera pianta viene inalata per fumigazione.

Tibet:

V. canescens e V. quinata sono usati come sostituto di V. negundo in Tibet.

Cina :

Gli erboristi cinesi usano anche V. trifolia e V. rotundifolia, che sono entrambi noti come man jing zi.

Medicina folclorica

La pianta Vitex è usata come medicina popolare in Bangladesh, India, Cina, Indocina, Indonesia, Nepal, Pakistan, Filippine e Sri Lanka Varie tribù in India usano le foglie, il succo di foglie, l’acqua delle foglie bollite, la polvere di foglie secche. Estratto di foglie, olio, fiori, gambo, radici e frutti di V. negundo per trattare varie afflizioni Tarafdar ha elencato 33 usi di V. negundo da parte delle popolazioni i tribali di Hazaribagh,  nel Bihar. È usato come medicina popolare in malattie come asma, ittero, orticaria, ascessi, carbonchi, eczema e disturbi del fegato in Assam; ferite e dolore al corpo nell’Himachal Pradesh; mal di denti, catarro febbrile, afflizioni reumatiche, ed emicrania in Karnataka; reumatismi, encefalite, dolori articolari e come espettorante in Maharashtra; ittero in Odisha; come antidoto al morso di serpente, disturbi respiratori, febbre, problemi sinusali e mal di testa in Tamil Nadu e e nel dolore agli occhi e altri 48 disturbi in Uttar Pradesh .Nel distretto di Dharward del Karnataka, le foglie sono utilizzate nel trattamento dell’impotenza, del piede incrinato, della frattura ossea e della paralisi . Medicinale usato internamente per malaria, morsi velenosi, artrite e cancro al seno. Non va somministrato a pazienti con malattie cardiache o ipertensione.

Esternamente è indicato per tigna (foglie), dolore reumatico e artritico, mal di denti e mal di gola (steli), raffreddore e tosse (tutte le parti); asma e disturbi digestivi (foglie, radici, frutti), bronchite (radici, frutta, olio), emorroidi, emicrania e problemi agli occhi (frutta).

Le foglie vengono raccolte all’inizio dell’estate e utilizzate fresche come succo, o in infusi e impacchi, o essiccate per l’uso in decotti. Gli steli vengono tagliati a fine estate o in autunno e asciugati per l’uso in decotti e polvere di carbone. Le radici vengono prese a fine estate o in autunno e asciugate per l’uso in decotti. I frutti (V. agnus castus, V. negundo) vengono raccolti in autunno e utilizzati freschi o essiccati in decotti o polvere.

Usa

I medici americani usavano la tintura per aumentare la produzione di latte e trattare le irregolarità mestruali. Oggi è ampiamente prescritto dai ginecologi europei per il trattamento di sindrome premestruale, o cicli troppo frequenti, sanguinamento aciclico, infertilità, mestruazioni soppresse e per stimolare il latte In Germania è usato per disturbi mestruali, pressione e gonfiore al seno, sindrome premestruale. Può causare dermatiti rare. Evitare durante la gravidanza o la terapia ormonale sostitutiva.

Originaria dell’Europa meridionale e dell’Oriente, è ampiamente coltivata e ora naturalizzata nella maggior parte degli Stati Uniti orientali e meridionali, e nei tropici e nelle regioni temperate calde di entrambi gli emisferi.

Paesi arabi

Il seme essiccato viene assunto per via orale come agente lattogenetico ed emmenagogo. L’estratto di acqua calda viene utilizzato come contraccettivo e l’intera pianta viene inalata.

Austria:

Il frutto viene mangiato come emmenagogo e afrodisiaco.

Francia

Gli estratti di acqua calda della sommità fiorita e della foglia e del frutto sono assunti per via orale come antispasmodico, sedativo e anafrodisiaco. L’estratto di acqua calda della frutta secca viene assunto per via orale come antispasmodico e per un effetto anti-estrogenico.

Germania

La tintura del frutto viene assunta per via orale per menorragia.

Iran

L’infusione della frutta secca viene assunta per via orale come tonico, diuretico, antiflatulente e narcotico.

Marocco

Il seme viene assunto per via orale come calefaciente.

Proprietà ormonali

Si pensa che le bacche inducano sottili effetti ormonali all’interno del cervello, portando ad un aumento dei livelli dei neurotrasmettitori dopamina e melatonina. Si ritiene che questi cambiamenti promuovano una migliore regolazione ormonale del ciclo mestruale, in particolare attraverso livelli elevati di progesterone. In alcune persone, i livelli elevati di melatonina possono aiutare la qualità del sonno. Si ritiene che i diterpeni siano i principali responsabili di questi effetti.

La ricerca clinica in generale supporta l’uso dell’albero casto in molti problemi ormonali femminili, tra cui la sindrome premestruale, le mestruazioni irregolari, l’infertilità.

I ricercatori hanno scoperto che le bacche di agnus castus aumentano i livelli di melatonina, dunque aiutano in caso di insonnia.

Un ottimo rimedio contenente Agnocasto è Alato 31, disponibile qui ALATO 31 (lafenicesas.it)  o in farmacia.

Alato 31 è indicato per Disturbi del ciclo, della menopausa, sindrome premestruale, tensione nervosa e alterazioni di umore legate a sbalzi ormonali

DiAlessandra Zarone

Asparago e tradizione folclorica

Asparago e tradizione folclorica

Asparago  Asparagus officinalis L.) (Asparagacee)

Originario dell’Europa temperata e dell’Asia occidentale. Nomi classici e comuni Unani: Halyun; Isf-e-raaz (arabo); Maar-chob (persiano). Italiano: Asparagus.

Prescritto nella medicina Unani come deostruente, emmenagogo, lassativo, diuretico; in caso di flatulenza, affezioni calciche, idropisia, reumatismi, gotta. È   somministrato anche come coadiuvante ai tonici cardiaci. Il tubero contiene saponine steriodi (asparagosidi) e aminoacidi (acido aspartico contenente zolfo). È efficace nella terapia di lavaggio per le malattie infiammatorie delle vie urinarie e per la prevenzione dei calcoli renali. Un’erba riparatrice e purificante che agisce sull’intestino, sul fegato e sui reni. Contiene acido asparagusico, che è nematocida. I giovani germogli sono cotti a vapore e serviti caldi o freddi come verdura, e passati o tritati finemente in zuppe. Internamente cura cistite, pielite reumatismi edema da insufficienza cardiaca.

L’acido asparagusico è usato per trattare la schistosomiasi.

L’ erboristeria occidentale tedesca ha riconosciuto l’efficacia dell’erba in: infezioni del tratto urinario, calcoli renali e vescicali. Nella medicina omeopatica, la tintura di giovani germogli viene somministrata in disturbi urinari, depressione cardiaca, idropisia, dolori reumatici.

Attenzione: A causa dell’effetto irritante della saponina, il farmaco non deve essere somministrato in presenza di malattie renali.

Nella tradizione popolare, i germogli sono un buon diuretico nell’idropisia e nella gotta.

È un alimento utile per la cura della gotta, in quanto contiene almeno dieci minerali o composti antinfiammatori. Le radici sono considerate diuretiche, lassative (a causa del contenuto di fibre), inducono la sudorazione. Le radici cinesi possono abbassare la pressione sanguigna. I semi possiedono attività antibiotiche. L’uso della radice è approvato in Germania, come diuretico nel trattamento dell’infiammazione del tratto urinario, anche per prevenire calcoli renali. ATTENZIONE: Può causare rara dermatite da contatto o reazioni allergiche cutanee.

Asparagus racemosus (Liliaceae) Shatavari

Originario dell’Himalaya e del subcontinente indiano, lo shatavari cresce spontaneamente in terreni ghiaiosi fino a 1.200 metri  sul livello del mare. Si trova anche nella Cina occidentale. Parte utilizzata Root.

Shatavari contiene saponine steroidee, alcaloidi e mucillagini. Storia e folklore Shatavari è conosciuta come la “Regina delle erbe” nella medicina ayurvedica. Il suo nome significa letteralmente “100 sposi”, a significare la capacità dell’erba di agire come tonico sessuale e promuovere la fertilità.

Cresce spontaneo in crescita spontanea nelle parti tropicali e subtropicali dell’India, comprese le Andamane e ascendente nell’Himalaya fino ad un’altitudine di 1500 metri.

Uso classico in Ayurveda:

Charaka e Sushruta, antichi medici indiani, hanno usato Shataavari per stitichezza e problemi gastro intestinali, fra cui ulcera e stitichezza, emorragia, disturbi del tratto genito-urinario femminile; come disinfettante intestinale e astringente nella diarrea; come tonico nervino nell’epilessia, nell’emicrania; come purificatore del sangue nelle malattie della pelle. Sushruta somministrò il farmaco in ascessi interni, edema, consunzione, problemi respiratori, scariche uretrali e disturbi genitali.  Il decotto di asparago bollito con burro chiarificato era indicato internamente per i calcoli urinari. Nel I6 ° secolo, il farmaco emerse come un efficace tonico femminile, galattagogo ed entrò nella maggior parte dei tonici afrodisiaci.

Un rimedio ayurvedico chiave, lo Shatavari è prima di tutto un’erba femminile, che aiuta la fertilità e promuove il concepimento, agisce come un tonico riproduttivo e sessuale generale. Può rivelarsi particolarmente utile nell’alleviare i sintomi della menopausa, come vampate di calore e scarsa resistenza. Sembra migliorare la fertilità sia negli uomini che nelle donne e può anche essere assunto per trattare l’impotenza. Erba tonica e rinforzante, supporta la funzione immunitaria anche nel trattamento di condizioni immunodepresse.

Usi dell’erba medicinale

Internamente cura infertilità, perdita di libido, previene l’aborto spontaneo, problemi di menopausa, iperacidità, ulcere gastriche, dissenteria e infezioni bronchiali. Esternamente per rigidità nelle articolazioni e nel collo.

 

Asparagus cochinchinensis (Asparagacee)

È stato menzionato per la prima volta nei testi medici cinesi nel 200 A.D.

Asparagus officinalis è stato coltivato per oltre 2.000 anni come ortaggio e come erba medicinale con notevoli effetti diuretici e lassativi.

Era antibatterica e purificante, riduce la tosse, elimina la congestione bronchiale, lenisce l’infiammazione, agisce come diuretico e aumenta la salivazione.

Usi dell’erba medicinale:

Internamente per febbre, debilitazione, mal di gola, tosse, rinite, difterite, tubercolosi e bronchite.

Le radici cinesi possono abbassare la pressione sanguigna. I semi possiedono attività antibiotiche.

Un ottimo rimedio contenente Asparagus  racemosus è Alato 31, disponibile qui ALATO 31 (lafenicesas.it)  o in farmacia.

Alato 31 è indicato per Disturbi del ciclo, della menopausa, sindrome premestruale, tensione nervosa e alterazioni di umore legate a sbalzi ormonali

DiAlessandra Zarone

Angelica e tradizione folclorica

Angelica

Nomi classici e comuni ayurvedici: Choraka, Parnachoraka, Phalachoraka, Kshemaka (medico Charaka); Tilaparnikaa (medico Sushruta); Nishaachar, Taskara; Chandaa (Angelica archangelica Linn.). Siddha: Chengan (Angelica archangelica). Specie affini: Angelica archangelica (europea); Angelica sinensis (cinese).

Angelica archangelica Linn. Angelica sinensis (Oliv.) Diels (Umbelliferae/Apiaceae)

Originaria del nord Europa o dell’Asia.

Nel XVII secolo l’angelica era ampiamente impiegata per combattere la peste. Una miriade di poteri sono stati attribuiti a questa erba.

Erba stimolante; carminativa, stimola l’appetito, è utile per bronchite, anoressia nervosa, catarro bronchiale. Ha proprietà antispasmodiche, diaforetiche, espettoranti, aromatiche amare, carminative, diuretiche e antinfiammatorie locali. La monografia della Commissione tedesca E afferma che l’angelica può essere utilizzata per mancanza di appetito e disturbi dispeptici come lievi crampi allo stomaco e flatulenza. Secondo la leggenda, l’alta e profumata pianta di angelica fu rivelata agli esseri umani da un angelo come cura per la peste, da cui il suo nome.

Indiani d’America, coloni e medici nordamericani

Gli Ute indiani delle Montagne Rocciose usavano la specie nativa di angelica, Angelica atro-purpurea, per curare la tubercolosi,  indurre il vomito e come espettorante. Preparavano i tè della radice e li bevevano come tonici per la salute generale e per aumentare la forza dopo una malattia. Gli indiani dell’Arkansas mescolavano la radice con il loro tabacco per un ottenere  sapore extra. Quando i pionieri iniziarono a raccogliere l’angelica, provarono a usarla in grandi dosi per indurre l’aborto, che ora sappiamo essere inefficace.

Molti coloni seguirono le indicazioni dell’erborista britannico del XVII secolo Nicholas Culpeper, il quale dichiarò che la radice di angelica resisteva alla peste “e a tutte le malattie epidemiche”, a condizione che il paziente fosse “deposto a sudare nel suo letto” dopo averla ingerita.

Culpeper affermò anche che “L’angelica ha combattuto la pleurite e “altre malattie dei polmoni e del seno” e “aiuta i dolori delle coliche, la stranguria (scarico urinario lento e doloroso) e l’arresto delle urine, procura il mestruo delle donne ed espelle il post-parto“. Raccomandò di riparare denti cavi, mettendovi il succo della  pianta.

Nel XIX secolo i medici nordamericani raccomandavano l’angelica per ogni cosa, dal bruciore di stomaco e indigestione alla bronchite e persino alla malaria e al tifo. L’erba è stata anche usata per trattare reumatismi e il mal di testa nervoso, l’insonnia e per promuovere il flusso mestruale. I tè a base di radice di angelica sono applicati ad occhi e orecchie per curare “l’oscurità della vista” e la sordità. Quando applicati alle vecchie ulcere, si diceva che  le purificassero e guarissero. Si credeva anche che il tè della radice curasse il cancro allo stomaco.

Nel 1918, il popolo  masticava la radice per proteggersi dall’epidemia di influenza. L’ angelica ha un sapore e un odore come il ginepro e viene anche utilizzata per aromatizzare le bevande alcoliche, in particolare il gin. L’olio essenziale, derivato dalle radici, dalle foglie e dai semi, viene aggiunto a saponi e profumi

Durante il XVI e XVII secolo, il succo delle radici schiacciate è stato combinato con altre erbe per fare l’”Acqua Carmelitana”, una bevanda medievale che si diceva curasse il mal di testa, promuovesse il rilassamento, proteggesse dal veleno. Durante il XVII secolo, Angelica divenne un trattamento popolare per raffreddori e altri disturbi respiratori.

Durante il XIX secolo, i medici eclettici americani usavano Angelica per bruciore di stomaco, indigestione, bronchite e febbre.

Ricercatori tedeschi hanno scoperto che Angelica arcangelica rilassa la trachea e l’intestino.

Ricercatori giapponesi hanno riferito che l’erba ha un effetto antinfiammatorio. Secondo i resoconti dalla Cina, Angelica aumenta la conta dei globuli rossi. Il suo uso nell’anemia è suggerito.

 

Angelica polymorpha Maxim, var. sinensis Oliv.  In Cinese: Dang-gui, Pinyin, Wade-Giles, Tang-kuei, Dang-quai.

È coltivata in Cina nelle province di Gansu, Ningxia, Sichuan, Yunnan, Hubei, Shaanxi e Guizhou.

Angelica sinensis  è probabilmente il più importante tonico cinese dopo il ginseng, risalente a circa IL 200 d.C. È un componente di molti farmaci brevettati cinesi a Hong Kong, San Francisco e Singapore, così come in Cina.

L’angelica cinese è prescritta per l’anemia e nella perdita di sangue. Regola il ciclo mestruale, allevia il dolore mestruale e i crampi, migliora la circolazione sanguigna, tratta disturbi digestivi, malattie della pelle, ascessi, bolle, herpes. È indicata come lassativo, tonico post parto in particolare per il sistema riproduttivo femminile, protegge il fegato dalle tossine, ha proprietà sedative, antidolorifiche, antibatteriche. Usata anche come iniezione in punti di agopuntura, per lesioni dolorose, nevralgia, angina e artrite. Angelica sinensis è in circa il 70% di tutte le prescrizioni di medicina tradizionale cinese, per trattare la dismenorrea, i disturbi postnatali, le infezioni pelviche croniche.  I naturopati occidentali raccomandano l’uso di dong quai nell’ipertensione, per la modifica di alte concentrazioni di zucchero nel sangue, la regolazione del sistema immunitario, la disintossicazione del fegato, l’anemia e per alleviare le condizioni allergiche. A. sinensis è essere efficace nel migliorare il metabolismo anormale delle proteine in pazienti con epatite cronica o cirrosi epatica.

 

Angelica glauca Edgew

È originaria delle regioni temperate settentrionali e della Nuova Zelanda, ma è stata anche trovata vicino ai canali d’acqua in Kashmir, ad altitudini di 1000-3900 metri; nel Sikkim a 3000-3300 metri.

In Kerala, Kaempferia galanga Linn, è conosciuta con il nome Choraka.

Uso classico prescritto dal medico Charaka (VI – II secolo a.C), autore di ‘autore del testo ayurvedico Charaka Samhita :

Mal di testa, follia, epilessia, asma bronchiale.

Sushruta, medico e primo chirurgo indiano (1200 a.C. e il 600 a.C.), usò le foglie di Choraka, internamente, in caso di eruzioni cutanee, gonfiore e frattura delle ossa. Sushruta lo incluse nel gruppo di erbe che distrugge il veleno, allevia le condizioni allergiche, prurito, orticaria, attacchi asmatici e tosse.

Regno Unito:

Angelica sylvestris Linnaeus cresce in Europa, Asia settentrionale e sud-occidentale e fu introdotta in Canada. E’ meno ricca di proprietà attive dell’angelica da giardino (Angelica archangelica Linnaeus), la controparte nativa comune, A. sylvestris, potrebbe essere servita come suo sostituto, considerando quanto fortemente l’angelica da giardino fosse raccomandata nella medicina ufficiale, tuttavia, i documenti popolari relativi alla pianta selvatica sono sorprendentemente pochi, ma sorprendentemente vari: viene

suggerita per i disturbi polmonari e toracici a Londonderry, per i reumatismi e i calli nel Norfolk e come tonico primaverile (sotto il nome di “pepe di cavallo”) nel Suffolk .La sua presenza nei registri ufficiali nascosta dietro nomi non identificati.

Le infusioni di radice di angelica erano una volta utilizzate per dissipare i profumi sgradevoli in casa. L’uso di John Parkinson, erborista inglese nato nel 1567, nel suo Paradisi in Sole Paradisus Terrestris (Park-in-Sun’s Terrestrial Paradise, (1629), mise Angelica in prima linea fra tutte le erbe medicinali e scrisse: “Angelica resiste al veleno difendendo il cuore, il sangue e gli spiriti e dà loro calore e conforto“.

 

Cina

L’intera pianta essiccata viene utilizzata esternamente per le ustioni.

L’estratto di acqua calda della radice, viene assunto per via orale, viene assunto come emmenagogo e per i disturbi mestruali, l’amenorrea, dismenorrea, stitichezza, cancro e sterilità, vampate di calore, per accelerare il parto, nel trattamento della tromboangioite obliterante e delle malattie trombolitiche cerebrali acute. La zuppa di pollo con radice di angelica è un popolare rimedio popolare cinese post parto.

Esternamente, l’estratto di acqua viene utilizzato per trattare l’iper-pigmentazione della pelle, come melasma ed efelidi, al fine di migliorare la bellezza delle donne.

Per favorire la circolazione sanguigna, per alleviare i dolori cardiaci e come rimedio riscaldante e aromatico, viene assunto per via orale un infuso con Angelica sinensis, Aconitum carmichaellii e Allium macrostemon. L’estratto di acqua calda della radice essiccata viene assunto per via orale per stitichezza, dissenteria e sindrome premestruale, come sedativo e per mestruazioni irregolari e amenorrea .

Taiwan

L’estratto in acqua calda della radice essiccata viene assunto per via orale per le malattie del fegato

Usa

L’estratto in acqua calda della radice viene assunto per via orale per riequilibrare il  ciclo mestruale.

 

 Angelica atropurpurea L.

Un infuso di foglie è usato per mal di stomaco, indigestione, gas, anoressia, problemi mestruali, raffreddori, coliche, influenza, tosse, nevralgia, reumatismi.

Stimola la secrezione di succhi gastrici e allevia gli spasmi muscolari lisci.

La radice di Angelica è approvata in Germania per il trattamento della perdita di appetito, disagio allo stomaco a causa di lievi spasmi del tratto gastrointestinale, flatulenza e sensazione di pienezza nell’addome. Tutte le angelica contengono furo cumarine, che aumentano la fotosensibilità della pelle e possono causare dermatiti.

Groenlandia e Scandinavia

Angelica è mangiata come verdura in Groenlandia e Scandinavia. I giovani gambi sono canditi per decorare torte e dessert, o possono essere aggiunti al rabarbaro in umido e alla marmellata di arance. Radici e semi sono utilizzati per aromatizzare i liquori.

Medicinale usato internamente per problemi digestivi, tra cui ulcere gastriche, anoressia ed emicrania (per la quale può essere combinato con Chamaemelum nobile, bronchite, catarro e influenza (spesso in combinazione con Achillea millefolium, o Tussilagofarfarfara,), stanchezza cronica, problemi mestruali e ostetrici.

Non va somministrata a donne in gravidanza, né a pazienti affetti da diabete. Esternamente per dolore reumatico, nevralgia e pleurite. sinensis, syn. A. sinensis (angelica cinese).

Le radici vengono raccolte in autunno, le foglie prima della fioritura e i semi man mano che maturano, sono essiccati per decotti.

Gli steli di A. archangelica sono tagliati in cubetti e canditi. Angelica Europea, è conosciuta in pasticceria per decorazioni a base di steli verdi canditi, è un ingrediente importante di liquori e aperitiviLe origini nordeuropee della pianta e i suoi nomi cristianizzati ne suggeriscono la profonda associazione con magia nordica.

Angelica possiede proprietà antibatteriche e antifungine contro il Mycobacterium avium .

Un ottimo rimedio, contenente Angelica sinensis, è Alato 31, disponibile qui ALATO 31 (lafenicesas.it)  o in farmacia.

Alato 31 è indicato per disturbi del ciclo, della menopausa, sindrome premestruale, tensione nervosa e alterazioni di umore legate a sbalzi ormonali

DiAlessandra Zarone

Ficus nella tradizione foclorica mondiale

Ficus nella tradizione folclorica mondiale

Ficus carica Linn. (Syn: Ficus sycomorous)

Ficus carica è generalmente conosciuto come fico, ed è un piccolo albero deciduo originario dell’Asia Minore, della Persia, della Siria e della regione mediterranea. Ficus carica Linn è il membro più popolare del genere Ficus, ed è conosciuto con più di 135 nomi. Sebbene sia originaria del tratto sub-himalayano, del Bengala e dell’India centrale, è stata ampiamente coltivata in tutto il mondo. Il Ficus carica è una specie temperata, originaria del sud-ovest asiatico e della regione mediterranea (dall’Afghanistan al Portogallo) ed è stata coltivata ampiamente fin dall’antichità per i suoi frutti (valore nutrizionale), indicati anche come fichi. I fichi hanno una notevole importanza culturale in tutti i tropici, sia come oggetti di culto che per i loro molteplici usi pratici.

Radici e foglie sono utilizzati nella medicina tradizionale per trattare le malattie gastrointestinali (coliche, indigestione, inappetenza, diarrea), respiratorie (mal di gola, tosse, malattie bronchiali) e cardiovascolari oltre al loro uso come farmaci antinfiammatori e antispasmodici. La reputazione e l’uso di Ficus carica come curativo tradizionale in vari campi ha attirato l’attenzione sulla sua composizione chimica:

Gli studi fitochimici sul Ficus carica si sono concentrati principalmente sui fitosteroli, antociani, amminoacidi, acidi organici, acidi grassi, composti fenolici, idrocarburi, alcoli alifatici, composti volatili e poche altre classi di metaboliti secondari derivati dalle sue diverse parti.

Le foglie hanno mostrato effetti benefici nelle malattie gastrointestinali, nelle malattie respiratorie e cardiovascolari, diabete, malattie della pelle, ulcere, dissenteria ed emorroidi

Altri studi hanno esaminato gli steroli, i composti fenolici, i composti volatili, la composizione dell’acido organico, la capacità antiossidante, il potenziale antimicrobico e il profilo degli acidi grassi del lattice del frutto e delle foglie, dei frutti e delle radici del fico. I frutti sono importanti come cibo e medicina, contengono sostanze lassative, flavonoidi, zuccheri, vitamine A e C, acidi ed enzimi.

Ficus carica è stato coltivato fin dai tempi più antichi. Era una coltura importante nell’antica Grecia, le sue proprietà furono e descritte da Plinio (23-79 d.C.). Il suo effetto benefico per la salute è stato menzionato in libri religiosi tra cui Bibbia e Corano. Nella sura al-Teen di Corano, il beneficio medicinale è discusso come “Giuro sul fico e sull’oliva” (Sura n. 95 versetto n. 1.) Inoltre, il suo effetto di promozione della salute è menzionato come Hazrat Abu Darda. Per i greci, il fico commestibile (Ficus carica Linn.) essendo uno dei primi alberi da frutto ad essere coltivato, era stato concesso da Dio. Gli atleti erano nutriti quasi interamente con fichiper aumentare forza e rapidità. I buddisti considerano F. religious L come il sacro ‘bodhivriksh’.

Il profeta Maometto ha detto: “Mangia il fico, cura le emorroidi ed è utile nei reumatismi”.

Nicholas Culpeper (1616-1654) scrisse: “Il latte (lattice) caduto sulle verruche le porta via. Il decotto di foglie è ottimamente buono per lavare le teste doloranti, croste e piaghe. Uno sciroppo fatto di foglie scioglie il sangue congelato, causato da lividi o cadute e aiuta il flusso sanguinante”.

Le foglie sono tradizionalmente utilizzate per vitiligine, diabete, tosse, asma, stitichezza e gengivite. Inoltre, le radici trattano leucodermia e tigna, i frutti mostrano hanno proprietà antipiretica, purgativa, afrodisiaca e curano infiammazioni e paralisi. Uno studio ha riportato che il lattice e i suoi derivati sono possono sopprimere la crescita di tumori trapiantati e spontanei.

I frutti vengono consumati crudi o in umido, raccolti a maturità e utilizzati freschi o secchi, sono trasformati in marmellata e utilizzati per aromatizzare il caffè. Costituiscono un medicinale interno per costipazione, mal di gola, tosse, infezioni bronchiali e infiammazione della trachea. Esternamente curano emorroidi, occhi doloranti (foglie), calli e verruche (linfa).

È stato usato per curare disturbi del sistema endocrino (diabete), del sistema respiratorio (malattie del fegato, asma e tosse), del tratto gastrointestinale (ulcera e vomito), del sistema riproduttivo (dolore mestruale) e delle malattie infettive (malattie della pelle, scabbia e gonorrea). F. carica mostra un ruolo di antitumorale, attraverso effetti inibitori sulla proliferazione di varie linee cellulari tumorali. Uno studio è stato condotto per verificare l’effetto antitumorale del lattice in diverse concentrazioni e la scoperta ha dimostrato che la concentrazione di 5 mg / ml ha avuto il maggiore effetto nell’inibizione della crescita della linea cellulare del cancro dello stomaco.

Studi basati su esperimenti hanno dimostrato che F. carica e il suo estratto hanno attività antidiabetica dovuto all’estratto metanolico di corteccia di gambo che protegge e abbassa i livelli di glucosio nel sangue

Gustav Heinrich Von Martius, medico tedesco nato nel 1781, aveva già menzionato la specie nelle sue attività medicinali a metà del XIX secolo. Quando era in Brasile incontrò le piante medicinali utilizzate dai residenti brasiliani, che includevano specie autoctone ed esotiche (Martius, 1852). In questa pubblicazione sulle piante medicinali, presenta informazioni sull’uso del fico, con l’uso di frutta fresca o secca, chiamata ficus passae, o nella forma Capvificus.

Nei paesi orientali il fico è un simbolo di fertilità. In Indù banyan e krishna bor (F. religiosa, F. benghalensis e F. krishnae rispettivamente) sono sacri.

È ampiamente usato nella medicina tradizionale marocchina per trattare malattie gastrointestinali (coliche, indigestione, inappetenza, diarrea), respiratorie (mal di gola, tosse, malattie bronchiali) e cardiovascolari oltre al loro uso come farmaci antinfiammatori e antispasmodici.

Nella medicina Unani, Anjeer, il fico, è usato come lieve lassativo, espettorante, diuretico; anche nelle malattie del fegato e della milza, come agente deostruente e antinfiammatorio. Ficus carica e Juglans regia (Akharot) formano un buon tonico afrodisiaco nella medicina Unani. La polpa del frutto viene riscaldata e applicata a gonfiori, tumori; gomma ad ascessi per alleviare il dolore e l’infiammazione. Nella medicina Unani, la corteccia radicale di Fico è usata come purificatore del sangue e come purgante drastico. È un ingrediente di Zimad-e-Kibreet, prescritto per l’applicazione esterna nell’indurimento della milza, come agente antinfiammatorio. Il lattice viene applicato sulla tigna; la pasta del frutto maturo in cso di gozzo. I frutti in polvere, mescolati con aceto, vengono applicati esternamente per il trattamento di affezioni cutanee, bolle e ulcere.

Le ceneri del legno, trasformate in un unguento, aiutano in caso di geloni. Uno sciroppo fatto di foglie o frutta verde è indicato per la tosse e tutte le malattie dei polmoni.

Ficus catappifolia

Creolo: bwa-fidjé, “albero-fico”, sia per la somiglianza dei frutti con quelli del fico del Vecchio Mondo (Ficus carica L.). o a causa della somiglianza del Ficus americano con ficus bengalesis L., chiamato nella letteratura antica.

II fico dell’India, Palikur; munu è il termine di base per tutti i Ficus.

Tra i Palikur, il lattice di questa specie è particolarmente ricercato per trattare i dolori addominali. E’ usato nel cotone imbevuto viene anche utilizzato dopo la coagulazione per estrarre i denti cariati. Sinonimi: Ficus clusiifolia Schott; Ficus erratica Stand/. ; Ficus pa rkeria fla (Miq.)

Ci sono più di 800 specie e 2000 varietà del genere Ficus, la maggior parte delle quali sono originarie dei tropici del vecchio mondo.   Ficus benghalensis (albero di Baniano), Ficus Religiosa (albero di Pipal) e Ficus carica (albero di Anjir) sono alcuni degli alberi comunemente presenti di questo genere appartenenti alla famiglia Moraceae.

Ficus benghalensis, F. religiosa e F. carica sono stati segnalati per avere potenziale antielmintico. Vari estratti di radici di F. benghalensis sono vermifughi. Estratti di stelo e corteccia di F. Religiosa si sono rivelati letali per Ascaridia galli in vitro. L’estratto metanolico di corteccia di F. Religiosa è letale al 100% per i vermi di Haemonchus contortus. Anche F. inspida e F. carica sono stati segnalati per avere attività antielmintica.  Sulla base di ciò si è tentato di confrontare e valutare la potenza antielmintica di estratti acquosi di frutti di F. benghalensis, F. religiosa e F. carica.

I frutti freschi di F. benghalensis, F. religiosa e F. carica sono stati raccolti dal distretto di Raipur, Chatttisgarh, India.    Questi materiali vegetali sono stati autenticati presso il Dipartimento di Botanica, di  Raipur.  I frutti freschi sono stati poi schiacciati e utilizzati per ottenere estratti acquosi. Sulla base dei risultati del presente studio si conclude che gli estratti acquosi di frutti di F. benghalensis possiedono una potente attività antielmintica, rispetto all’estratto acquoso di frutti di F. religiosa e F. carica.

Il gruppo dei Quattro Ficus, tutti produttori di lattice, secondo i testi ayurvedici, è costituito da Nyagrodha (Ficus benghalensis), Udumbara (Ficus glomerata/ Ficus racemosa), Plaksha (Ficus lacor/Ficus retusa) e Ashvattha (Ficus religiosa). La corteccia e le foglie di questo gruppo sono usate come astringenti, emostatiche, antinfiammatorie, antisettiche;

In Ayurveda, Ficus è prescritto per diarrea, dissenteria e nel trattamento di malattie della pelle, ulcere, disturbi vaginali, leucorrea, menorragia, allattamento carente, promuove la fertilità e curae la debilitazione, è un astringente urinario e riduce la glicemia nei diabetici. Charaka, medico indiano del VI – II secolo a.C.   prescrisse:

  • L’ estratto acquoso di gemme fogliari di Nyagrodha, Udumbara (Ficus glomerata) e Ashvattha (Ficus religiosa), mescolato con zucchero e miele per controllare la diarrea.
  • Un latte medicato con le radici o le gemme delle foglie di Nyagrodha in caso di emorragie e muco sanguinante;
  • La pasta di Lodhra (Symplocos racemosa) con il decotto di corteccia di Nyagrodha per leucorrea e altre perdite vaginali.
  • Un decotto di gemme dodi foglie e radici di Nyagrodha, mescolato con miele, per controllare il vomito e arsura, anche durante le febbri con sensazione di bruciore.
  • Le gemme delle foglie di Nyagrodha per promuovere il concepimento, disuria e poliuria malattie della pelle.

Charaka, medico indiano che visse tra il VI – II secolo a.C., prescrisse la pasta di fichi in caso di emaciazione e debilitazione, come diuretico in caso di calcoli urinari.

Sushruta, medico indiano dell ‘800 a.C., incluse il frutto in un burro chiarificato medicato per uso interno, in caso di febbre, consunzione, asma, epilessia e follia.

  • Il succo del frutto, con miele, fu da lui prescritto per l’emorragia.
  • Un decotto caldo di radice era una bevanda ad uso interno e ingrediente di un cerotto medicinale esterno, prescritto da Charaka e Sushruta per la leucodermia.
  • La radice, pestata con acqua di riso, era utile per l’emorragia. Il succo del frutto mescolato con miele è stato prescritto per leucorrea.
  • Le foglie tenere, pestate e cotte nel latte vaccino, aggiunte con un po ‘di Pippali (Piper longum), sono state prescritte per la tosse e l’asma.

Ficus religiosa Linn.

Charaka e Sushruta prescrissero un decotto della corteccia per emorragie; le foglie per coprire le ferite; la pasta di radici tenere o la corteccia per le infezioni della pelle.

Sushruta somministrò un decotto nei disturbi urinari e nelle perdite vaginali. Il latte cotto con il frutto, il germoglio delle foglie, la corteccia e la radice, con zucchero e miele, fu prescritto come afrodisiaco.

Ficus religiosa è un ingrediente in composti ayurvedici, prescritti per diarrea, dissenteria, erisipela e altre affezioni cutanee, disturbi vaginali, leucorrea, menorragia, emorragie, debilitazione sessuale, disturbi nervosi, diabete.

Medicina popolare indiana:

  • La polvere della corteccia essiccata era messa sulle ustioni, una pasta dia corteccia e foglie era prescritta nella stomatite.
  • L’acqua di cenere della corteccia essiccata è stata data per controllare il vomito
  • Il decotto della corteccia della radice con sale zucchero grezzo, per alleviare le coliche.
  • Nella medicina popolare, un decotto della corteccia tuttora viene somministrato nella pertosse e nell’asma, per promuovere il concepimento, viene somministrata la polvere del frutto.
  • La corteccia e i frutti sono prescritti in caso di diabete.

 

Inghilterra

I fichi sono utilizzati per la loro azione delicata e lassativa, e sono impiegati nella preparazione di confezioni lassative e sciroppi, di solito con senna alessandrina e carminativi. Le tre preparazioni di fico della Farmacopea britannica sono: Sciroppo di fichi, un blando lassativo adatto ai bambini; Sciroppo Aromatico di Fichi, Elisir di Fichi o Essenza Dolce di Fichi per bambini e persone delicate. Lo Sciroppo Composto di Fichi è una preparazione più forte, composta dallo sciroppo di fichi, estratto liquido di senna e sciroppo di rabarbaro (Rheum palmatum) ed è più adatto agli adulti. Il fico è considerato un demulcente per lenire i tessuti irritati e viene assunto per mal di gola, tosse e problemi bronchiali. Il lattice viene utilizzato solo esternamente per rimuovere le verruche.

Un ottimo rimedio contenente  Ficus  è Alato 29, disponibile qui : ALATO 29 (lafenicesas.it) o in farmacia. Alato 29 è indicato per turbe dispeptiche funzionali gastro-duodeno-coliche, meteorismo, aerofagia, colon irritabile, gastroduodenite, ulcera gastroduodenale, gastrite.

 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Ginseng e  Pfaffia paniculata nella medicina folclorica

Ginseng e  Pfaffia paniculata nella medicina folclorica

Apprezzato da circa 7.000 anni per le sue proprietà medicinali, il Ginseng è la pianta cinese più conosciuta e ricercata. Gli uomini hanno combattuto per il controllo delle foreste in cui cresce. Introdotto in Europa già nel IX secolo, da un medico arabo, solo nel XVIII secolo che diventa popolare.

Originario della Cina nord-orientale della Russia orientale e della Corea del Nord il ginseng è molto raro in natura. Viene coltivato da piantine, in primavera, su terreni e ben irrigato. La radice viene raccolta in autunno, quindi lavato e cotto a vapore prima dell’asciugatura.

Usi tradizionali e comuni

  • Azione tonica generale, esercita un’azione stimolante in soggetti giovani con un qi elevato, in soggetti anziani o indeboliti dalla malattia, ha un’azione fortificante ma anche sedativa.
  • In Cina è una pianta tonica per atleti e persone sottoposte a sforzo fisico. È anche un afrodisiaco maschile. La sua azione tonica è esercitata sugli anziani a cui permette di resistere meglio al freddo
  • In Occidente il Ginseng non è considerato un farmaco, ma piuttosto un tonico.

I ginsenosidi, che sono simili nella struttura agli ormoni del corpo, possono essere adattati all’interno del corpo per attenuare gli stati ormonali carenti. Gli studi clinici supportano l’uso tradizionale della radice da parte degli uomini, con l’avanzare dell’età, per mantenere vitalità e virilità, in quanto aiuta in caso di disfunzione erettile.

Il ginseng è stato studiato in dettaglio negli ultimi 50 anni in Cina, Giappone, Corea, Russia e molti altri paesi. La sua notevole qualità adattogena che permette al corpo di adattarsi allo stress, alla fatica e al freddo è stata confermata. Gli studi dimostrano che il ginseng migliora significativamente la capacità del corpo di far fronte alla fame, agli estremi di temperatura e allo stress mentale ed emotivo.

La ricerca indica che il ginseng è ugualmente prezioso per le donne ed è una medicina utile in menopausa, in quanto aiuta in caso di vampate di calore, migliora l’umore e l’eccitazione sessuale.

Aumenta la funzione immunitaria, la resistenza alle infezioni e migliora la funzionalità epatica. E’ un’erba chiave nel mantenimento della salute e della qualità della vita.

Internamente è indicato per la debilitazione, associata a vecchiaia o malattia, mancanza di appetito, insonnia, stress, shock e malattie croniche. È un ingrediente in molte importanti formule cinesi, un tonico yang da assumere prima dell’inverno o in un periodo di grande stress.

Ha proprietà timolettiche, sedative, demulcenti e stomachiche, ed è noto per essere un afrodisiaco. Tradizionalmente, è stato usato per nevrastenia, nevralgia, insonnia, ipotonia, e in particolare per gli stati depressivi associati all’inadeguatezza sessuale, stimolante, tonico, diuretico e stomachico. Migliorare la concentrazione, il processo di guarigione, la resistenza allo stress, la vigilanza e l’efficienza al lavoro in individui sani, anche in condizioni croniche debilitate e degenerative, associate all’invecchiamento.

Molte delle attività esibite da Panax ginseng sono state confrontate con azioni simili ai corticosteroidi e i risultati di studi endocrinologici hanno suggerito che i ginsenosidi possono principalmente aumentare la steroidogenesi surrenale attraverso un’azione indiretta sulla ghiandola pituitaria.

 

Pfaffia

Ci sono circa 50 specie per lo più arbustive in questo genere, che si verifica nelle parti più calde dell’America C e S. La più conosciuta è la Pfaffia paniculata, che cresce nella foresta pluviale amazzonica superiore ed è conosciuta localmente come paratudo, “per tutto”, un toccasana. Le radici sono state utilizzate dai nativi brasiliani come erba tonica, afrodisiaca e curativa per almeno 300 anni.Viene considerato il Ginseng brasiliano.

Chiamato ginseng brasiliano o Suma, la radice di Pfaffia paniculata, appartiene alle Amaranthaceae. Cresce nei burroni della foresta pluviale amazzonica superioreè stato a lungo usato dai nativi come afrodisiaco e cura tutto. Contiene fino all’11% di saponine, tra cui acido pfaffico e derivati che sono stati brevettati come farmaci antitumorali

È una pianta medicinale adattogena utilizzata nella medicina popolare brasiliana come agente “anti-stress”.

Medicinale tradizionalmente usata come tonico, tonificante, antistress, afrodisiaco, migliora la   memoria, cura reumatismi, artrite e ulcere.

È utilizzata per anemia, diabete, bronchite, affaticamento, impotenza, astringente, promuove la ricostruzione dei tessuti in caso di ferite.

Tonico ormonale e ghiandolare, stimolante immunitario e agente disintossicante, svolge un ruolo preventivo e curativo nel cancro. Cura le infezioni croniche.

La pianta deve probabilmente la sua reputazione al suo uso come tonico sessuale per gli uomini, sebbene sia efficace anche nelle donne. È utile nel trattamento dei disturbi della menopausa.  La radice macinata viene presa come tonico, specialmente durante la convalescenza.

Aiuta a ridurre e persino fermare vampate di calore e altri disagi durante i cambiamenti ormonali di una donna.

Studi di laboratorio hanno dimostrato che molti pfaffosidi prevengono la crescita dei tumori. I pfaffosidi sono chimicamente simili ai ginsenosidi presenti nel ginseng. Il valore della pianta come afrodisiaco sembra avere una base scientifica.

Evitare di prendere Suma durante la gravidanza e durante l’allattamento.

All’Università di San Paolo, il dottor Milton Brazzach, presidente della farmacologia, ha trattato migliaia di pazienti con gravi disturbi, tra cui diabete e cancro, e ha verificato i potenti poteri curativi e preventivi della pianta. I ricercatori hanno scoperto che una delle principali fonti delle proprietà energetiche e protettive dello stress della pianta risiede nella sua capacità di disintossicare il tessuto connettivo da quelle che vengono chiamate omotossine. Si tratta di rifiuti che possono interferire con il trasporto attivo dei nutrienti alle cellule e nella produzione di energia cellulare, e portare a lungo termine a cambiamenti nel DNA associati all’invecchiamento precoce e allo sviluppo di malattie degenerative. È un ottimo supporto nutrizionale che aumenta i livelli di energia, migliora la vitalità psicofisica, disintossica le cellule, previene l’invecchiamento precoce e la degenerazione cellulare.

Un ottimo rimedio contenente Ginseng e Pfaffia e’ Alato 27 disponibile qui ALATO 27 (lafenicesas.it) o in farmacia.

 

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi folclorici per i disturbi cardiaci: Biancospino e Leonorus cardiaca

Rimedi folclorici per i disturbi cardiaci: Biancospino e Leonorus cardiaca

 

Biancospino

Il Biancospino (Crataegus oxyacantha), noto anche come haw, maybush o whitehorn. ‘Haw’ è un antico termine “hedge”, siepe, ciò rivela che fin dai tempi antichi, Hawthorn era usato per dividere la terra in appezzamenti.

Fa parte di un genere di arbusti e alberi spinosi originari delle regioni temperate dell’emisfero settentrionale in Europa, Asia e Nord America. Appartiene alla famiglia delle Rosacee ed è costituito da foglie verde brillante, fiori bianchi e bacche rosso vivo.

Il nome Crataegus deriva da una parola greca kratos, che significa durezza del legno. In Grecia, le corone di biancospino erano indossate dalle spose come copricapo decorativo e un ramo di biancospino erra usato come torcia nuziale.

L’uso medicinale del Biancospino ha una lunga tradizione con testimonianze scritte risalenti all’antica epoca romana. È stato usato in Europa fin dal Medioevo come rimedio per il cuore.

Tradizionalmente, i frutti o le bacche sono utilizzati per le loro proprietà astringenti nel sanguinamento mestruale, diarrea, disturbi alla cistifellea, insonnia e come agente antispasmodico nel trattamento dell’asma.

Sia i fiori che le bacche agiscono come diuretici e possono essere usati per trattare problemi renali e idropisia. Oltre al loro delizioso sapore, i frutti di biancospino hanno dimostrato di avere un effetto tonico sul cuore e in caso di ipertensione.

Per placare la fame prima di colazione, i contadini anglosassoni erano soliti sgranocchiare fiori e foglie, da ciò derivano i nomi “Bread and Butter Tree” o “Bread and Cheese Tree” nella tradizione popolare anglosassone. Le gustose foglie giovani venivano aggiunte ai panini nelle zone di campagna. Molte pratiche sono associate al Biancospino, in particolare l’usanza di andare “a Maying” e scegliere una regina di maggio, precede i tempi cristiani. Il Biancospino è stato apprezzato come un albero mistico, specialmente nella tradizione celtica. I biancospini (sceach gheal in Gaelico) sono spesso chiamati alberi di maggio a causa della loro fioritura che coincide con quel mese, e il 1 ° maggio segna la festa irlandese di Bealtaine, importante nel tradizionale anno solare irlandese che segna l’inizio dell’estate. Nella tradizione celtica, il Biancospino guarisce un cuore spezzato. Si pensa che l’albero di Biancospino sia un luogo di incontro sacro per le fate e abbattere un albero di biancospino solitario è evitato.

Nel XIX secolo un medico irlandese della contea di Clare, il dottor Green, usò una preparazione segreta che ebbe un enorme successo per le malattie cardiache. Solo dopo la sua morte sua figlia rivelò che si trattava di estratto di biancospino.

Era tradizionalmente usato in Europa per calcoli di rene e vescica e come diuretico. Gli erboristi del XVI e XVIII secolo di Gerard, Culpeper e K’Eogh elencano tutti questi usi.

Un decotto di foglie e frutti acerbi di Crataegus aronia è usato per trattare malattie cardiovascolari, cancro, diabete e debolezza sessuale nel sistema di medicina tradizionale araba. In Messico, il diabete viene trattato con estratti di biancospino. Tale trattamento può essere di notevole beneficio, soprattutto durante le prime fasi della malattia.

Nella medicina popolare, diverse specie di Biancospino sono utilizzate principalmente per il trattamento di malattie cardiovascolari, tra cui Crataegus pinntiflda (biancospino cinese), C. pubesens (biancospino messicano), C. cuneata (biancospino giapponese), C. laevigata e C. monogyna (Europa), C. oxycantha e C. aronica (Medio Oriente), C. phaenopyrum (hawtrorn americano) e C. ambigua (biancospino russo).

I frutti secchi di C. pinnatifida sono stati usati tradizionalmente nella medicina orientale e materiale per bevande analcoliche locali a Taiwan.

  1. pinnatifida è stato menzionato per la prima volta come erba nel Compendio di Materia Medica di Zhu Zhen Heng (c. 1347). I frutti di un’altra specie cinese, C. cuneata, hanno un sapore aspro ma gradevole e sono usati principalmente per la diarrea. Internamente per disturbi circolatori e cardiopatie di ogni tipo, spesso abbinati a Selenicereus grandiflorus, Tilia spp., o Scutellaria lateriflora.

In Cina, i frutti, shan zha, sono uno stimolante digestivo, circolatorio e uterino, ipotensivo e anti¬ batterico. I frutti sono usati crudi per disturbi circolatori e cotti per problemi digestivi.

Il rimedio è usato internamente per sindrome dell’intestino irritabile, debolezza della cistifellea, ipertensione associata a malattia coronarica, problemi mestruali e dolore post-partum.

In Cina, C. pinnatifida, è utilizzato per problemi digestivi, iperlipidemia, scarsa circolazione e dispnea. I frutti secchi sono tradizionalmente usati come aiuto digestivo e sono spesso trasformati in marmellata, gelatina, caramelle o vino. Inoltre, i preparati di Biancospino sono disponibili in varie forme, che vanno da infusi e tinture, a estratti standardizzati.

Gli Studi clinici rivelano che il Biancospino potrebbe essere usato come terapia alternativa per varie malattie cardiovascolari, come angina, ipertensione, iperlipidemia, aritmia e insufficienza cardiaca cronica. Inoltre, gli effetti antiossidanti, positivi inotropi, antinfiammatori dei principi attivi del biancospino sono stati dimostrati in vari esperimenti in vivo e in vitro.

Frutta e fiori sono utilizzati nella fitoterapia popolare indiana americana, cinese, europea come tonici cardiaci. Gli studi ne confermano l’efficacia per ipertensione, angina pectoris e arteriosclerosi. Dilata i vasi coronarici, riduce la pressione sanguigna; agisce come tonico cardiaco diretto e delicato.

Le foglie di Biancospino possono sostituire il tè verde orientale e i semi possono essere tostati e utilizzati in modo simile al caffè. Per coloro che tentano di rompere l’abitudine al tabacco, le foglie giovani possono essere fumate in una sigaretta senza nicotina.

I boccioli di biancospino possono essere aggiunti alle insalate. Con le foglie e i fiori si creare

tè e sciroppi.

Diversi studi clinici hanno esplorato la capacità del Biancospino di abbassare la pressione sanguigna e sostenere la funzione cardiaca, con risultati sostanzialmente positivi e forti prove della sicurezza dell’erba.

 

India:

L’estratto o succo di Crataegus crenulata, localmente noto come Ghingaaru, è usato come tonico nelle malattie cardiache nelle aree di Chambaa, Kaanaataal, Ghanshtaal, Bhilanganaa, valle di Iamunaa, Tauns dell’Himalaya nord-occidentale. Un’altra varietà, Crataegus songarica, che si trova nella regione del Kashmir, è usata localmente nelle malattie cardiache.

I principali costituenti delle specie di Crataegus sono i bioflavonoidi (rutina, quercitina), i triterpenoidi, i glicosidi cianogenici, le ammine (trimetilammina solo nei fiori), i polifenoli, le cumarine e i tannini. I bioflavonoidi rilassano e dilatano le arterie, in particolare le arterie coronarie. Ciò aumenta il flusso di sangue ai muscoli cardiaci e riduce i sintomi dell’angina. I bioflavonoidi sono aiutano a prevenire o ridurre la degenerazione dei vasi sanguigni. I glicosidi cianogenici sono sedativi e aumentano il tono parasimpatico del cuore, rallentandolo.

La trimetilammina stimola leggermente la frequenza cardiaca e ha un effetto vasocostrittore periferico. La combinazione di queste proprietà aiuta a spiegare esercitare l’azione simpatica sulla circolazione coronarica e l’azione parasimpatica sul muscolo miocardico. In poche parole, il biancospino migliora l’afflusso di sangue al cuore, dilatando le vescicole coronariche; migliora i processi metabolici nel cuore, che si traducono in un aumento della forza di contrazione del muscolo cardiaco e l’eliminazione di alcuni tipi di disturbi del ritmo; inibisce l’enzima di conversione dell’angiotensina.

Leonorus Cardiaca (Lamiaceae)

Leonurus cardiaca L. Leonurus cardiaca, comunemente noto come Motherwort, appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. Rimedio popolare asiatico contro i disturbi cardiaci nervosi e funzionali. È un’erba prevalente in Europa nelle aree rurali, in pianure e colline, così come in Asia orientale fino all’Himalaya e alla Siberia orientale, all’Africa settentrionale e al Nord America.

  1. cardiaca è stata prescritta nell‘antica Grecia per l’ansia delle donne in gravidanza; da qui il nome “motherwort“.

In Europa, divenne nota per la prima volta come trattamento per le malattie del bestiame. I coloni la introdussero in Nord America e gli eclettici del XIX secolo lo raccomandarono come promotore delle mestruazioni e aiuto per espellere la placenta. Non lo consideravano affatto un rimedio per il cuore. I Cherokee usavano l’erba come sedativo per le afflizioni nervose.

Si pensa che il suo nome, Leonorus, si riferisca alle foglie che hanno la forma di una coda di leone e cardiaca implica che questa erba rafforzerà il cuore. In Gran Bretagna veniva coltivata per fare uno sciroppo e un tè rinfrescante. Nicholas Culpeper, erborista inglese, (1616-1654) scrisse di Motherwort: “Non c’è erba migliore di questa erba per prendere i vapori malinconici dal cuore, per rafforzarlo e renderlo un’anima allegra. Può essere conservato in sciroppo o conservato … Provoca urina e cicli femminili, purifica il petto dalla flemma fredda; uccide i vermi nella pancia”.

Il medico ed erborista italiano Pierandrea Matteoli la riteneva “utile per palpitazioni e cuore martellante, spasmi e paralisi… [esso] assottiglia umori spessi e viscidi [e] stimola l’urina e il sanguinamento mestruale” (1548)

 

In Occidente, l’erba è popolare per il trattamento dei disturbi della menopausa ed è inclusa in alcuni rimedi per la sindrome premestruale.

Gli Studi Clinici hanno rivelato effetti antimicrobici, antiossidanti e antinfiammatori su cuore e sistema circolatorio. Tonifica gli organi genitali femminili, calmerà l’irritabilità nervosa, promuovendo delicatamente il flusso mestruale e tonificando la membrana uterina. Deve essere somministrato in infusione calda.

  • L. sibiricus è stata menzionato per la prima volta nel Classico Illustrato di Materia Medica di Su Song (106 d.C.). È prescritta non mescolata con altre erbe. SI tratta di un’erba diuretica molto amara che agisce come stimolante circolatorio e uterino, abbassa la pressione sanguigna e rilassa gli spasmi. È un sedativo e tonico nervoso e ha effetti antibatterici e antifungini, usata per palpitazioni, problemi femminili di origine nervosa, associati a mestruazioni e menopausa. Non va somministrato a donne in gravidanza.
  • L.sibiricus, syn. L. heterophyllus (Leonorus cinese):

Parti usate: Pianta intera (yi mu cao) e semi (chong wei zu). È un’erba amara e diuretica che stimola la circolazione e l’utero, abbassa la pressione sanguigna, regola le mestruazioni ed elimina le tossine. È efficace contro batteri e infezioni fungine. I semi sono leggermente dolci e hanno azioni simili ma sono meno efficaci come diuretici e disintossicanti.

Internamente è usata per problemi agli occhi, legati al meridiano epatico (semi); mestruazioni dolorose ed eccessive, sanguinamento post-partum (pianta intera, semi); edema, disturbi renali, calcoli renali, eczema e ascessi (pianta intera). Non va somministrato a donne in gravidanza.

Due specie dell’Asia orientale, L. heterophyllus (Cina) e L. sibiricus (Siberia), sono entrambe utilizzate terapeuticamente per abbassare la pressione sanguigna e indurre le mestruazioni. Tradizionalmente, il tè in foglia viene utilizzato per promuovere le mestruazioni, aiutare nel parto, per l’asma e palpitazioni cardiache. Nell’antica Cina si chiamava yi mu cao ed era usata dalle cortigiane come controllo delle nascite per prevenire la gravidanza.

India:

infusioni, estratti liquidi e tinture di L. cardiaca, decotti, pillole, polvere e impacchi di L. sibiricus

sono utilizzati per stimolare i muscoli dell’utero, ridurre il dolore mestruale e la sindrome premestruale.

Tradizionalmente, l’erba è considerata antispasmodica, analgesica, diuretica, emmenagoga e prescritta a donne che soffrono di isteria, palpitazioni cardiache e amenorrea. Il farmaco placa l’irritabilità nervosa e offre sollievo dal dolore allo stomaco e alla cistifellea.

 

Leonurus sibiricus Linn.

Tradizionalmente, l’erba essiccata viene utilizzata per le sue proprietà emmenagoghe ed è impiegata nei disturbi puerperali e mestruali. Foglie e radici sono usate come febbrifugo.

Controindicata durante la gravidanza a causa delle proprietà emmenagogo/stimolanti uterine.

Rafforza la funzione cardiaca, specialmente dove è debole, regola e allevia i disturbi mestruali, il dolore nella regione pelvica e lombare. Agisce anche come antispasmodico per i crampi muscolari, è un forte diuretico sedativo e nervino, è usata per il trattamento di nervosismo, isteria, convulsioni. Non deve essere usata se il sanguinamento mestruale è pesante.

Nella tradizione popolare, Motherwort, è utilizzata per la debilitazione cardiaca, la tachicardia, l’amenorrea. Era usata per trattare reumatismi e problemi polmonari, come la bronchite e l’asma.

Ha proprietà sedativa ed è usata per insonnia, nevralgia, sciatica, spasmi, febbre e mal di stomaco. Gli Studi Scientifici ne hanno confermato attività antispasmodica, ipotensiva, sedativa, cardiotonica, diuretica, antiossidante, immunostimolante e antitumorale.

È particolarmente apprezzata per le malattie femminili, ad esempio amenorrea, dismenorrea, epilessia, nevrastenia, palpitazioni, febbre, crampi urinari e debolezza. È utile per rinforzare la membrana uterina. E ‘utile in caso di, colecistiti, debilitazione, delirio, neurite, nevralgie, palpitazioni, reumatismi, sciatica, spasmi, malattie spinali, mal di stomaco.

In Russia, la pianta è ritenuta efficace in caso di epilessia, gozzo, ipertensione, rabbia e tubercolosi.

La ricerca ha dimostrato che calma il cuore e riduce il rischio di trombosi. Si pensa che tutte le specie abbiano proprietà simili.

Un ottimo rimedio contenente Biancospino e Leonorus è Alato 26, disponibile qui ALATO 26 (lafenicesas.it) o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Camellia sinensis nella tradizione mondiale

Camellia sinensis  nella tradizione mondiale

 

Storia del Te e Camellia sinesis

Gli studi archeologici attestano l’utilizzo delle foglie di tè immerse in acqua già 500.000 anni fa. Le origini dell’abitudine di bere il tè in Cina si perdono nell’antichità, anche se uno scrittore dell’VIII secolo d.C., Lu Yu, lo colloca nel periodo Han (III secolo a.C. al III secolo d.C.) e l’origine di C. sinensis nel bacino superiore dello Yangtze. La coltivazione e l’utilizzo del tè sono registrati nella letteratura cinese del 2700 a.C. e in Giappone intorno al 1100 A.C. L’arrivo della religione buddista dalla Cina in Giappone sembra essere stata responsabile della diffusione di C. sinensis in quel paese all’inizio del XII secolo. La sua coltivazione, iniziata nei pressi di Kyushu, si estese rapidamente su gran parte del Giappone, e con essa l’abitudine di bere tè, che in seguito diede origine al rituale della cerimonia del tè.Attraverso gli arabi, il tè raggiunse l’Europa intorno al 1550. La pianta del tè è una specie di albero di alloro sempreverde ed è tassonomicamente classificata come Camellia sinensis (L.) O. Kuntze della famiglia delle Theaceae.Cresce spontaneamente dalle regioni tropicali a quelle temperate dell’Asia. Il contenuto di caffeina, polifenoli e teanina nelle foglie di C. sinensis caratterizza il gusto dell’infuso di tè, e questa specie si distingue dalle altre specie selvatiche correlate. Questi componenti chimici caratteristici nella foglia di tè devono essere la ragione per cui il tè è stato a lungo utilizzato e amato come una delle migliori bevande al mondo. Camellia sinensis, fu introdotta per la prima volta in Europa dalla Cina nei primi anni del XVII secolo e divenne così popolare che, secondo quanto riferito, fu venduto a Londra a 60 scellini al chilo nell’anno 1666. Nel denaro di quei giorni questo rappresentava il salario di un anno per un lavoratore.

Camellia varietà ASSAMICA

Scoperto dal maggiore scozzese Robert Bruce nella regione di Assam, in India, nella prima metà del XIX secolo, CS assamica è coltivata estensivamente in India, Africa e Sri Lanka. Molto adatto ad un clima tropicale, viene coltivato principalmente in pianura e in regioni che godono di abbondanti precipitazioni.

CAMELLIA SINENSIS (L.) O. KUNTZE L’albero del tè è noto ai cinesi da tempo, ma in Occidente la prima descrizione scientifica fu scritta nel 1712, dal Dr. Kaempfer, un medico della Compagnia Olandese delle Indie Orientali, che lo chiamò Thea japonense. Circa 40 anni dopo, nel suo capolavoro Species Plantarum, che elenca tutte le piante allora conosciute dall’uomo, Carl von Linnaeus la ribattezzò Thea sinensis. In un secondo momento ha distinto tra due diverse varietà: Camellia japonica e Camellia sassanqua. Si noti che, all’epoca, c’erano due termini accettati per definire la pianta: Thea e Camellia. Fu solo nel 1959, dopo numerosi dibattiti tra botanici, che il nome Camelia fu ufficialmente adottato dal Codice Internazionale di Nomenclatura Botanica. Il termine Camelia è un omaggio a un gesuita moravo chiamato Georg Joseph Kamel (1661-1706), che studiò botanica in Asia alla fine del VII secolo. L’aggettivo sinensis fu aggiunto da Linneo.

C. CAMBODIENSIS

Grandi e flessibili, le foglie di Camellia sinensis var. cambodiensis possono crescere fino a una lunghezza di 8 pollici (20 cm). Le sue proprietà sensoriali sono meno apprezzate di quelle del C. s. var sinensis e del C. s. var. assamica, pertanto, C. s. van cambodiensis è usato raramente per la coltivazione del tè. Tuttavia, grazie alla sua eccellente capacità di ibridazione naturale con le altre due varietà, viene occasionalmente utilizzato per creare nuove coltivazioni

I mercanti olandesi furono i primi a portare le foglie vere e proprie in Europa, all’Aia nel 1610. Gli olandesi stabilirono anche piantagioni di tè a Giava, e nel 1650 furono in grado di esportare il tè in Francia e Germania e in altri paesi dell’Occidente. Il tè arrivò per la prima volta in America al centro di commercio di New Amsterdam, come era allora conosciuta New York City; e arrivò in Gran Bretagna probabilmente tra il 1652 e il 1654, in seguito alla cattura di una nave olandese. Fu solo nel 1657 che il tè fu venduto per la prima volta attivamente alla Gran Bretagna, dagli olandesi. Qualche centinaio di anni dopo, il 16 dicembre 1773, i coloni americani, infuriati per la riscossione di quella che consideravano una tassa viziosa, lanciarono 342 casse di tè da tre navi ormeggiate nel porto di Boston: il Boston Tea Party.

La classificazione botanica della pianta del tè si basava su esemplari di piante coltivate in Cina, e fu da lì che il commercio su larga scala di tè fu portato avanti con l’Europa nel XVII e XVIII secolo. Il collezionista di piante, Robert Fortune, il cui nome compare in altre parti della storia della camelia, fu inviato in Cina nel 1848 dalla Compagnia delle Indie Orientali per organizzare la raccolta di piante e semi e per reclutare alcuni esperti produttori di tè, con l’idea di stabilire un’industria del tè in India sotto il controllo britannico. Le piante utilizzate per la moderna produzione di tè in queste aree derivano principalmente da una sottospecie, C. sinensis v. assamica, che era stata coltivata in Assam per secoli, e non dalle introduzioni di Fortune.

Giappone:

A parte i loro usi pratici, le camelie hanno un ruolo importante nella cultura giapponese. Svolgono un ruolo nella progettazione del giardino, nella composizione floreale e nella cerimonia del tè; appaiono nei dipinti, come decorazioni su ceramica, e sono oggetto di una serie di miti e leggende interessanti. Nell’VIII secolo d.C. si dice che l’imperatore abbia “pacificato” una tribù ribelle locale con armi di legno di camelia e abbia usato bastoni dello stesso materiale per esorcizzare gli spiriti maligni.Questa usanza sembra essere stata portata avanti come una tradizionale cerimonia di Capodanno in un certo numero di santuari. Nello stesso secolo la Camelia, considerata nel taoismo come un “elisir di lunga vita”, con qualità curative magiche, fu portata dagli ambasciatori giapponesi e presentata all’imperatore della Cina come un dono prezioso.

In alcuni templi buddisti vecchi alberi di camelia sono oggetto di venerazione e camelie sono sparse davanti al santuario, in un rituale primaverile, che simboleggia l’avvento dei venticinque Bodhisattva della salvezza.

Usi medicinali folclorici:

Il tè verde è ottenuto dalla pianta del tè Camellia sinensis (L.) Kuntze (che appartiene alla famiglia Theaceae. È una pianta medicinale ampiamente utilizzata dai tribali in tutta l’India, la Cina e popolare in vari sistemi indigeni di medicina come Ayurveda e Unani. Il tè verde è stato consumato nel corso dei secoli in India, Cina, Giappone e Thailandia. Usi tradizionali del tè verde includono il trattamento della flatulenza, la regolazione della temperatura corporea e della glicemia, la promozione della digestione e il miglioramento dei processi mentali.

I fiori di tè sono stati usati come deodorante, cura della pelle, agente aromatizzante, ecc. in Cina e Giappone per secoli

 India

Decotti di gemme e foglie secche e fresche vengono assunte per via orale per mal di testa e febbre. Polvere o decotto della foglia secca viene applicato ai denti per prevenire la carie. Il succo di foglie fresche viene assunto per via orale per l’aborto e come contraccettivo ed emostatico.

Messico

L’estratto di acqua calda della foglia viene assunto per via orale dalle madri che allattano per aumentare la produzione di latte.

Turchia

Le foglie sono prese per via orale per trattare la diarrea.

Cina

L’estratto di acqua calda della foglia secca viene assunto per via orale come sedativo, antipertensivo e antinfiammatorio. Guatemala. L’estratto di acqua calda della foglia secca viene utilizzato come lavaggio degli occhi per la congiuntivite.

Guatemala

L’estratto di acqua calda della foglia secca viene utilizzato come lavaggio degli occhi per la congiuntivite.

Kenia

L’estratto di acqua della foglia essiccata viene applicato oftalmicamente per trattare le opacità corneali. L’infusione viene utilizzata per il calazio e la congiuntivite.

Thailandia

L’estratto di acqua calda della foglia secca viene assunto per via orale come cardiotonico e neurotonico. L’estratto di acqua calda del seme essiccato viene assunto per via orale come antifungino.

Proprietà antiossidanti

Ci sono tre varietà principali di tè-verde, nero e oolong. La differenza tra i tè è nella loro elaborazione. Il tè verde è fatto da foglie non fermentate e, secondo quanto riferito, contiene la più alta concentrazione di potenti antiossidanti chiamati polifenoli. Sia il tè nero che quello verde contengono antiossidanti noti come polifenoli, che aiutano a proteggere da malattie cardiache, ictus e cancro.

Gli antiossidanti sono sostanze che eliminano i radicali liberi – composti dannosi nel corpo che alterano le cellule, manomettono il DNA (materiale genetico) e causano la morte cellulare. I radicali liberi si trovano naturalmente nel corpo, ma anche le tossine ambientali (compresi i raggi ultravioletti del sole, le radiazioni, il fumo di sigaretta e l’inquinamento atmosferico) danno origine a queste particelle dannose. Gli scienziati ritengono che i radicali liberi contribuiscano al processo di invecchiamento e allo sviluppo di una serie di problemi di salute, tra cui il cancro e le malattie cardiache.

Gli antiossidanti come i polifenoli nel tè verde possono neutralizzare i radicali liberi e ridurre o addirittura aiutare a prevenire alcuni dei danni che causano.

Oggi, la Camellia sinensis cresce in tutta l’Asia e in alcune parti del Medio Oriente e dell’Africa. Gli  p asiatici consumano più comunemente tè verde e oolong, mentre il tè nero è più popolare negli Stati Uniti. Il tè verde viene preparato da foglie non fermentate, le foglie del tè oolong sono parzialmente fermentate e il tè nero è completamente fermentato.

Le proprietà salutari del tè verde sono in gran parte attribuite ai polifenoli, sostanze chimiche con potenti proprietà antiossidanti. In effetti, gli effetti antiossidanti dei polifenoli sembrano essere maggiori della vitamina C. I polifenoli nel tè verde gli conferiscono anche un sapore un po ‘amaro. I polifenoli contenuti nei tè sono classificati come catechine.

Il tè verde contiene sei composti primari della catechina: catechina, gallaogatechina, epicatechina, epigallocatechina, epicatechina gallato e apigallocatechina gallato è il componente polifenolico più studiato nel tè verde e il più attivo. Il tè verde contiene anche alcaloidi, tra cui caffeina, teobrominae teofillina. Questi alcaloidi forniscono gli effetti stimolanti del tè verde.

Le foglie di tè contengono molti composti, come polisaccaridi, oli volatili, vitamine, minerali, purine, alcaloidi, ad esempio caffeina e polifenoli, ad esempio catechine, flavonoidi. Sebbene tutti e tre i tipi di tè abbiano attività antibatteriche e di cattura dei radicali liberi (antiossidanti), l’efficacia diminuisce sostanzialmente quanto più scura è la varietà di tè. Ciò è dovuto al minor contenuto di polifenoli antiossidanti che rimangono nelle foglie. I polifenoli presenti nel tè sono più comunemente noti come flavanoli o catechine e comprendono il 30-40% dei solidi estraibili delle foglie di tè verde essiccate. Le catechine principali nel tè verde sono epicatechina, epicatechina-3-gallato, epigallocatechina ed epigallocatechina-3-gallato (EGCG), con quest’ultima che è la più alta in concentrazione. I polifenoli del tè verde hanno dimostrato significative proprietà antiossidanti, anticancerogene, antinfiammatorie, termogeniche, probiotiche e antimicrobiche in numerosi studi umani, animali e in vitro.

Attività farmacologiche del tè verde:

Il tè verde è stato ampiamente studiato in persone, animali ed esperimenti di laboratorio. I risultati di questi studi suggeriscono che il tè verde può essere utile per le seguenti condizioni di salute.

Aterosclerosi

Studi basati sulla popolazione indicano che le proprietà antiossidanti del tè verde possono aiutare a prevenire l’aterosclerosi, in particolare la malattia coronarica. La ricerca sul colesterolo alto mostra che il tè verde abbassa il colesterolo totale e aumenta il colesterolo HDL (“buono”) sia negli animali che nelle persone. Uno studio basato sulla popolazione ha rilevato che gli uomini che bevono tè verde hanno maggiori probabilità di avere un colesterolo totale più basso rispetto a quelli che non bevono tè verde. I risultati di uno studio sugli animali suggeriscono che i polifenoli nel tè verde possono bloccare l’assorbimento intestinale del colesterolo e promuovere la sua escrezione dal corpo. In un altro piccolo studio sui fumatori maschi, i ricercatori hanno scoperto che il tè verde riduce significativamente i livelli ematici di colesterolo LDL dannoso.

Cancro

Diversi studi basati sulla popolazione hanno dimostrato che il tè verde aiuta a proteggere dal cancro. Ad esempio, i tassi di cancro tendono ad essere bassi in paesi come il Giappone, dove le persone consumano regolarmente tè verde. Tuttavia, non è possibile determinare da questi studi basati sulla popolazione se il tè verde previene effettivamente il cancro nelle persone. Studi emergenti suggeriscono che i polifenoli nel tè verde possono svolgere un ruolo importante nella prevenzione del cancro.

Cancro alla vescica:

Solo pochi studi hanno esaminato la relazione tra il cancro alla vescica e il consumo di tè verde. In uno studio che ha confrontato le persone con e senza cancro alla vescica, i ricercatori hanno scoperto che le donne che bevevano tè nero e tè verde in polvere avevano meno probabilità di sviluppare il cancro alla vescica.

Cancro al seno:

Studi su animali e provette suggeriscono che i polifenoli nel tè verde inibiscono la crescita delle cellule del cancro al seno. In uno studio su 472 donne con vari stadi del cancro al seno, i ricercatori hanno scoperto che le donne che consumavano più tè verde sperimentavano la minore diffusione del cancro (in particolare le donne in premenopausa nelle prime fasi del cancro al seno). Hanno anche scoperto che le donne con le prime fasi della malattia che bevevano almeno cinque tazze di tè ogni giorno prima di essere diagnosticate con il cancro avevano meno probabilità di soffrire di recidive della malattia dopo il completamento del trattamento.

Cancro ovarico:

In uno studio condotto su pazienti con cancro ovarico in Cina, i ricercatori hanno scoperto che le donne che bevevano almeno una tazza di tè verde al giorno sopravvivevano più a lungo con la malattia rispetto a quelle che non bevevano tè verde. In effetti, coloro che hanno bevuto più tè, hanno vissuto più a lungo.

Cancro del colon retto:

Gli studi sugli effetti del tè verde sul cancro del colon o del retto hanno prodotto risultati contrastanti. Alcuni studi mostrano una diminuzione del rischio in coloro che bevono il tè, mentre altri mostrano un aumento del rischio. Sono necessarie ulteriori ricerche prima che i ricercatori possano raccomandare il tè verde per la prevenzione del cancro del colon-retto.

Cancro esofageo:

Studi su animali da laboratorio hanno scoperto che i polifenoli del tè verde inibiscono la crescita delle cellule tumorali esofagee. Tuttavia, gli studi sulle persone hanno prodotto risultati contrastanti. Ad esempio, uno studio su larga scala basato sulla popolazione ha rilevato che il tè verde offriva una protezione significativa contro lo sviluppo del cancro esofageo (in particolare tra le donne).

Un altro studio basato sulla popolazione ha rivelato esattamente il contrario: il consumo di tè verde era associato ad un aumentato rischio di cancro esofageo. Infatti, più forte e caldo è il tè, maggiore è il rischio. Dati questi risultati contrastanti, sono necessarie ulteriori ricerche prima che gli scienziati possano raccomandare il tè verde per la prevenzione del cancro esofageo.

Cancro ai polmoni:

Mentre i polifenoli del tè verde hanno dimostrato di inibire la crescita delle cellule tumorali polmonari umane nelle provette, pochi studi hanno studiato il legame tra il consumo di tè verde e il cancro ai polmoni nelle persone e anche questi studi sono stati contrastanti. Uno studio basato sulla popolazione ha rilevato che il tè di Okinawa (simile al tè verde ma parzialmente fermentato) era associato a una diminuzione del rischio di cancro ai polmoni, in particolare tra le donne. Un secondo studio ha rivelato che il tè verde e il tè nero hanno aumentato significativamente il rischio di cancro ai polmoni. Come per i tumori del colon e dell’esofago, sono necessari ulteriori studi prima che i ricercatori possano trarre conclusioni sul tè verde e sul cancro ai polmoni.

Cancro al pancreas:

In uno studio su larga scala i ricercatori hanno confrontato i bevitori di tè verde con i non bevitori e hanno scoperto che coloro che bevevano più tè avevano significativamente meno probabilità di sviluppare il cancro al pancreas. Questo era particolarmente vero per le donne: coloro che bevevano più tè verde avevano la metà delle probabilità di sviluppare il cancro al pancreas rispetto a quelli che bevevano meno tè. Gli uomini che bevevano più tè avevano il 37% in meno di probabilità di sviluppare il cancro al pancreas.

Tuttavia, non è chiaro da questo studio basato sulla popolazione se il tè verde sia l’unico responsabile della riduzione del rischio di cancro al pancreas. Sono necessari ulteriori studi su animali e persone prima che i ricercatori possano raccomandare il tè verde per la prevenzione del cancro al pancreas.

 Cancro alla prostata:

Studi di laboratorio hanno scoperto che gli estratti di tè verde impediscono la crescita delle cellule tumorali della prostata in provetta. In un ampio studio condotto nel sud-est della Cina, i ricercatori hanno scoperto che il rischio di cancro alla prostata è diminuito con l’aumentare della frequenza, della durata e della quantità di consumo di tè verde. Tuttavia, sia gli estratti di tè verde che quelli neri hanno anche stimolato i geni che fanno sì che le cellule siano meno sensibili ai farmaci chemioterapici.

Data questa potenziale interazione, le persone non dovrebbero bere tè nero e verde (così come estratti di questi tè) durante la chemioterapia.

Cancro della pelle:

Il principale polifenolo nel tè verde è l’epigallocatechina gallato (EGCG). Studi scientifici suggeriscono che i polifenoli EGCG e del tè verde hanno proprietà antinfiammatorie e antitumorali che possono aiutare a prevenire l’insorgenza e la crescita di tumori della pelle.

Cancro allo stomaco:

Studi di laboratorio hanno scoperto che i polifenoli del tè verde inibiscono la crescita delle cellule tumorali dello stomaco nelle provette, ma gli studi sulle persone sono stati meno conclusivi. In due studi che hanno confrontato i bevitori di tè verde con i non bevitori, i ricercatori hanno scoperto che le persone che bevevano tè avevano circa la metà delle probabilità di sviluppare cancro allo stomaco e gastrite (infiammazione dello stomaco) rispetto a quelle che non bevevano tè verde.

Tuttavia, uno studio che ha coinvolto più di 26.000 uomini e donne in Giappone non ha trovato alcuna associazione tra il consumo di tè verde e il rischio di cancro allo stomaco. Alcuni studi suggeriscono anche che il tè verde può aumentare il rischio di cancro allo stomaco. Malattia infiammatoria intestinale . Il tè verde può aiutare a ridurre l’infiammazione associata al morbo di Crohn e alla colite ulcerosa, i due tipi di IBD.

Se il tè verde si rivela utile per prevenire il cancro del colon, questo sarebbe un ulteriore vantaggio per quelli con IBD perché sono a rischio di cancro al colon.

 Diabete:

Il tè verde è stato usato tradizionalmente per controllare lo zucchero nel sangue nel corpo. Studi su animali suggeriscono che il tè verde può aiutare a prevenire lo sviluppo del diabete di tipo 1 e rallentare la progressione una volta che si è sviluppato.

Le persone con diabete di tipo 1 producono poca o nessuna insulina, un ormone che converte glucosio (zucchero), amidi e altri alimenti in energia necessaria per la vita quotidiana. Il tè verde può aiutare a regolare il glucosio nel corpo.

Malattie del fegato:

Studi basati sulla popolazione hanno dimostrato che gli uomini che bevono più di dieci tazze di tè verde al giorno hanno meno probabilità di sviluppare disturbi del fegato. Il tè verde sembra anche proteggere il fegato dagli effetti dannosi di sostanze tossiche come l’alcol.

Studi sugli animali hanno dimostrato che il tè verde aiuta a proteggere contro lo sviluppo di tumori del fegato nei topi. I risultati di diversi studi su animali e sull’uomo suggeriscono che uno dei polifenoli presenti nel tè verde, noto come catechina, può aiutare a trattare l’epatite virale (infiammazione del fegato da un virus). In questi studi, la catechina è stata isolata dal tè verde e utilizzata in concentrazioni molto elevate.

Non è chiaro se il tè verde (che contiene una minore concentrazione di catechine) conferisca questi stessi benefici alle persone con epatite. Gli studi sulla perdita di peso suggeriscono che l’estratto di tè verde può aumentare il metabolismo e aiutare a bruciare i grassi. Uno studio ha confermato che la combinazione di tè verde e caffeina ha migliorato la perdita di peso e il mantenimento in individui in sovrappeso e moderatamente obesi.

Tuttavia, un secondo studio ha rilevato che il mantenimento del peso dopo la perdita di peso non è stato influenzato dal tè verde. Alcuni ricercatori ipotizzano che le sostanze nel tè verde note come polifenoli, in particolare le catechine, siano responsabili dell’effetto brucia grassi dell’erba.

Un recente studio clinico ha indicato che il tè verde ha un’azione geno protettiva, aiutando a prevenire i cambiamenti degenerativi all’interno del corpo e potenzialmente rallentando il processo di invecchiamento. Uno studio clinico del 2013 ha rilevato che l’estratto di tè verde assunto dalle donne per 4 mesi ha ridotto con successo i fibromi uterini.

L’estratto di tè verde aiuta a ridurre l’attività ormonale ed è un trattamento efficace per l’acne. La foglia di tè verde è antibatterica, aiuta a ridurre il colesterolo, riduce l’infiammazione e abbassa la pressione sanguigna. Aiuta anche a prevenire alcune forme di cancro, tra cui il cancro del colon, del pancreas e dello stomaco. L’estratto di tè verde stimola il sistema immunitario e aiuta anche a difendersi dalla placca dentale.  L’estratto di tè verde protegge anche dai danni al fegato. Alcune nuove ricerche suggeriscono che il tè verde può aiutare a prevenire l’insufficienza del trapianto di fegato nei pazienti. Il tè è un ottimo potenziatore immunitario che aiuta a rafforzare il sistema immunitario del nostro corpo e scongiurare germi e malattie. Ogni tipo di tè ha particolari componenti per la salute.

Gli antiossidanti nel tè si sono dimostrati più efficaci delle vitamine C o E nel proteggere le cellule dai danni causati da composti tossici

Studi scientifici stanno scoprendo che il tè è ricco di flavonoidi, una sostanza vegetale che funziona come antiossidante per neutralizzare i radicali liberi che possono danneggiare le cellule e portare a malattie come malattie cardiache e cancro. I ricercatori di uno studio pubblicato negli Archives of Internal Medicine (1995) hanno riferito che i flavonoidi nel tè possono rendere le cellule del sangue meno inclini a coaguli che possono causare infarti o ictus. Un certo numero di studi epidemiologici hanno suggerito che il tè verde forse protettivo contro alcuni tipi di cancro, tra cui ovaio polmonare, seno, prostata, cancro allo stomaco e la sua condizione precancerosa, gastrite, la possibile azione protettiva del tè verde non è chiara, anche se un certo numero di studi in vitro e su animali stanno tentando di spiegarlo.  Oltre ai suoi potenziali effetti anticancerogeni e antiossidanti, altri studi hanno dimostrato che il tè verde ha proprietà antinfiammatorie, antitrombotiche, ipocolesterolemizzanti, antivirali e antibatteriche. E’ analgesico, antimicrobico, antiossidante, astringente, cardiotonico, demulcente, diuretico, espettorante, galattoagogo, nervino, stimolante, stomachico. Un’erba aromatica, leggermente amara, astringente che stimola il sistema nervoso e ha effetti diuretici e battericidi.

 

Etnobotanica:

Diversi prodotti diversi sono ottenuti da C. sinensis: tè verde, fatto da foglie che vengono cotte a vapore e poi essiccate; tè nero, da foglie fermentate e secche; e l’assoluto del tè, un olio essenziale distillato dal tè nero.

Il tè bianco proviene dalle nuove gemme che vengono cotte a vapore o essiccate. Le foglie di tè verde vengono cotte a vapore e asciugate. Le foglie di tè nero vengono arrotolate, fermentate ed essiccate. Le foglie di tè oolong sono parzialmente fermentate ed essiccate.

  • Il tè verde è stato assunto per le sue proprietà antiossidanti, così come il suo effetto benefico sul sistema cardiovascolare, circolazione, respirazione e digestione, per la chiarezza mentale e per guarire le ferite.
  • L’olio è stato applicato localmente per secoli da donne giapponesi per la cura della pelle e dei capelli.
  • L’olio di camelia è anche conosciuto come olio di tsubaki. Viene utilizzato per cucinare, friggere, condire insalate e prodotti per la cura della pelle.
  • L’olio di camelia viene utilizzato per scopi culinari, cosmetici e parrucchieri, e si dice che sia di altissima qualità e abbia una lunga durata di conservazione. C’è, a quanto pare, l’attuale interesse ufficiale per la produzione di olio dai semi di camelia in Cina.
  • Il tè nero è una bevanda stimolante, rinfrescante e diuretica a condizione che non sia fortemente immerso, solo leggermente infuso. È tradizionalmente usato per aiutare la digestione, specialmente dopo un pasto pesante; inoltre disseta la sete, allevia la flatulenza e contrasta la diarrea. Una varietà di tè popolare, ‘Earl Grey’ consiste in tè nero miscelato con olio di bergamotto, che è di per sé rinfrescante, rilassante e calmante, e aggiunge queste proprietà nella miscelazione al tè.
  • Il tè comune contiene sostanze stimolanti e astringenti, tra cui teofillina, teina e tannini, che sono noti per stimolare la sovrapproduzione di prodotti cellulari, come il tessuto fibroso e il liquido della cisti. Il tè forte è usato in medicina per fermare la dissenteria e trattare le infiammazioni croniche come la gastrite e l’enterite. Viene anche usato esternamente per determinate condizioni della pelle. Il tè include i minerali sodio, potassio, magnesio, calcio e manganese. Nei paesi che bevono tè, un terzo o più del consumo giornaliero di manganese proviene dal tè.

Usi dell’erba in cucina:

Occasionalmente usato per aromatizzare il cibo, in particolare come liquido di ammollo per frutta secca e prosciutto.

Uso medicinale:

  • Internamente è indicato per diarrea, dissenteria, epatite e gastroenterite. Il tè è utile nelle infezioni digestive, contribuisce a stringere le mucose dell’intestino e riduce la scioltezza.
  • Una forte infusione di tè può essere utilizzata per lenire le palpebre irritate, punture di insetti, gonfiori e scottature solari e, in caso di emergenza, se non c’è niente di meglio a portata di mano, il tè è un trattamento utile per le ustioni minori.
  • Nella medicina ayurvedica il tè è considerato astringente e un tonico nervoso. La caffeina nel tè può aiutare ad alleviare il mal di testa, anche se meno efficacemente del caffè. Alla luce della ricerca, il tè verde è riconosciuto come una bevanda molto più sana del tè nero.
  • L’eccesso provoca stitichezza, indigestione, vertigini, palpitazioni, irritabilità e insonnia. Esternamente per occhi doloranti, lesioni minori e punture di insetti.

 

 Un ottimo rimedio con  Teanina-L  è Alato 24, disponibile qui o in farmacia.

ALATO 24 (lafenicesas.it)

 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Prunus armeniaca nella tradizione mondiale

Prunus armeniaca nella tradizione mondiale

 

Prunus Armeniaca (Rosaceae)

Originaria della Cina e del Giappone, l’albicocca è ora coltivata in Asia, Nord Africa e California. Il frutto viene raccolto a maturità a fine estate. Proviene originariamente dall’Asia centrale ed è stato coltivato per la prima volta in Cina oltre quattro mila anni fa. Per molti anni si è creduto che l’addomesticamento dell’albicocca avesse luogo in Armenia – da qui il suo nome. Dalla Cina, si diffuse in Asia meridionale e occidentale, Australia meridionale, Europa e Nord Africa. In India, è coltivato principalmente nella regione delle colline nord-occidentali, Jammu e Kashmir, Himachal Pradesh, Uttarakhand e anche nella regione delle colline nord-orientali che comprende lo stato di Arunachal Pradesh, Nagaland, Meghalaya, Sikkim e Manipur. L’albicocca coltivata ha la sua origine nella Cina nord-orientale, mentre l’albicocca selvatica sembra essere indigena dell’India.

In India e Cina, l’albicocca è apprezzata da oltre 2.000 anni.

Il nocciolo di albicocca è stato prescritto nella Medicina Tradizionale Cinese per le sue funzioni antitosse, espettoranti e lassative, ed è usato nel trattamento di edemi e dermatofitosi.

Usi medicinali folclorici nel mondo

L’albicocca e il suo nocciolo sono stati utilizzati nella medicina popolare come rimedio per varie malattie.

Il frutto dell’albicocca è nutriente, purificante e leggermente lassativo. Un decotto della corteccia astringente lenisce le condizioni della pelle infiammate e irritate. Sebbene i semi contengano acido prussico altamente tossico, sono prescritti in piccole quantità in Cina come trattamento per tosse, asma e respiro sibilante, e per l’eccessiva produzione di muco e costipazione.

È usato in medicina popolare nel trattamento delle malattie della pelle.

Le albicocche sono coltivate per il frutto, consumate fresche fuori mano, o essiccate, trasformate in conserve o bevande alcoliche. I noccioli producono un olio commestibile dolce a volte usato come sostituto dell’olio di mandorle. Le mandorle cinesi sono i semi di diverse varietà dolci di albicocca, utilizzati per i biscotti alle mandorle, mangiati salati e sbollentati, o fatti di pappa o farina.

Gli Afghani usano anche i semi come mandorle. Il nocciolo di albicocca amara è altamente tossico a causa dell’acido prussico presente. L’olio espresso, noto come olio persico o olio di albicocca, viene utilizzato come veicolo farmaceutico; è ottenuto con lo stesso processo dell’olio di mandorle amare.

Nella medicina folclorica è considerato anti tosse, afrodisiaco, cianogenetico, demulcente, emolliente, espettorante, preventivo, sedativo, tomo, vermifugo, vulnerario, l’albicocca è un elemento nelle medicine popolari per anemia, asma, bronchite, catarro, raffreddore, costipazione, tosse, occhi, fertilità femminile, febbre, cuore, emorragia, infiammazione, laringite, puerperio, reumatismi, spasmo, gonfiori, sete e tumori.

In Turchia, l’albicocca viene coltivata principalmente a Malatya ed Erzincan dove il clima permette una produzione economica. L’albicocca è stata usata nella medicina popolare come rimedio per varie malattie. Un decotto della corteccia della pianta ha funzionato come un astringente per lenire la pelle irritata. Altri usi nella medicina popolare includono il trattamento di emorragie, infertilità, infiammazione degli occhi e spasmo. La pasta di nocciolo di albicocca può guarire le infezioni vaginali. L’olio di nocciolo è stato utilizzato in cosmetica e come agente farmaceutico (lassativo ed espettorante). In quantità molto piccole, l’acido cianidrico tossico presente nei chicchi di albicocca amara è stato prescritto per l’asma, la tosse e la stitichezza.

Si dice che il frutto sia un rimedio popolare per il cancro. In medicina, una pasta, ottenuta schiacciando il nocciolo, viene utilizzata per l’infiammazione degli occhi ed è considerata antispasmodica, demulcente, pettorale, sedativa, vulneraria e antielmintica.

In Cina, Zenzero e liquirizia, combinati con i noccioli di albicocca, creano un rimedio per la tosse. Un altro intruglio prodotto dalla fermentazione è usato come e tonico. Il decotto di noccioli, trasformati in una bevanda viene utilizzato per tosse, asma e disturbi catarrali. Il succo è usato per le emorragie. Nella medicina cinese, il frutto della mandorla amara è utile nelle malattie cardiache.

In Corea, il nocciolo espettorante è usato per trattare la gola secca. L’Olio di nocciolo è usato per problemi della pelle e parassitosi.

Asia

I frutti sono mangiati dai bambini e dalla popolazione locale. Il frutto viene consumato sia in forma fresca che disidratata. Il nocciolo viene utilizzato sotto forma di olio. L’olio viene utilizzato per il massaggio dalla popolazione locale. Il frutto è di colore arancio giallastro. Il frutto matura nel mese di giugno-luglio. I frutti sono di solito leggermente amari e dal sapore acido. L’albicocca è stata usata nella medicina popolare come rimedio per varie malattie. La corteccia è usata come astringente per lenire la pelle irritata. L’olio di albicocca viene utilizzato in cosmetica per proteggere la pelle dalle radiazioni UV e come agente farmaceutico (lassativo ed espettorante).

L’olio del nocciolo è commestibile, cura asma, costipazione e tosse.

I frutti sono ampiamente usati come medicina popolare soprattutto in Cina e Giappone. È spesso usato come antiasmatico, anti-anameico, anticancro, cura disturbi dello stomaco e dell’intestino, consente un rapido recupero da affaticamento, tosse e diarrea.

L’albicocca selvatica, localmente chiamata Chullu si trova nelle regioni temperate secche dell’Himalaya nord-occidentale, in particolare nelle valli del Jammu, Kashmir, Ladakh, Chenab, nelle nelle regioni Kullu e Shimla e nelle colline Garhwal di Uttrakhand ad altitudini fino a 3000 m. L’olio è usato nella medicina popolare per un certo numero di malattie. La corteccia è usata come astringente per la pelle. La pasta di nocciolo viene utilizzata per guarire le infezioni vaginali e il suo olio viene utilizzato nei cosmetici per proteggere la pelle dalle radiazioni UV. I frutti selvatici sono ampiamente consumati nell’Himalaya rurale e sono potenziali fonti di vari composti e sono anche usati nelle medicine popolari. È stato condotto uno studio sui frutti selvatici commestibili della valle di Pabbar con l’obiettivo di documentare, identificare ed esplorare le conoscenze etnobotaniche della popolazione locale.

I noccioli servono per fare un usato per il massaggio del corpo, tonico per capelli, nei reumatismi e per cucinare. I noccioli sono utilizzati per vari scopi come cosmetici, oli, carbone attivo, profumo, antipasto e anche nei prodotti da forno.

 

Studi cinesi di ricerca dimostrano che la pasta di semi di albicocca aiuta a combattere l’infezione vaginale.

India

L’albicocca selvatica (Prunus armeniaca L.) comunemente nota come ‘khubani‘ è un potenziale frutto ampiamente distribuito nelle regioni himalayane nord-occidentali dell’India.

Viene coltivata anche nel distretto di Almora, Pithoragarh e Nainital di Uttarakhand. Il frutto è una ricca fonte di fibre e ha anche attività antispasmodiche, antitosse, sedative e antinfiammatorie.

Prunus armeniaca L. è la pianta, che è comunemente usata in Ayurveda come anti-diarrea, antipiretica, lassativa, carminativa ed espettorante.

Europa

Nella medicina popolare europea, il consumo di albicocca cura la  litiasi biliare.

L’amigdalina viene utilizzata in diverse malattie come l’asma, il diabete, la bronchite. La pasta di nocciolo di albicocca è un rimedio usato nelle infezioni vaginali. Una sostanza abrasiva per la pulizia della pelle è creata utilizzando noccioli di albicocca. In alcuni paesi, i noccioli di albicocca sono stati utilizzati anche per produrre marzapane. Il nocciolo di albicocca è utilizzato nei prodotti da forno, sia intero che nella forma macinata. Inoltre, è utilizzato come antipasto.

 

Cosa contiene

Il frutto dell’albicocca è un’ottima fonte di vitamine ha proprietà antianemiche e astringenti. L’albicocca e il suo nocciolo hanno molte azioni farmacologiche come anti-invecchiamento, anti-aterosclerosi, attività anti-angina e antiossidante. È usato come agente cardiaco, epatico e reno protettivo. Contiene polifenoli, carotenoidi con noti effetti biologici, tra cui la protezione del fegato e del cuore, in quanto antiossidante e antinfiammatorio, e minerali come Zn, Ca, Cu, Fe, Mg, Na, Mn, P e K, K, Se.

Contiene carboidrati, acido ascorbico, β-carotene, niacina e tiamina, acidi organici, terpenici.

Diversi studi hanno correlato il colore con il pigmento di diversi frutti e verdure solitamente correlati alla presenza di composti polifenoli e carotenoidi riconosciuti come composti bioattivi ad alta attività antiossidante: l’importanza del contenuto di carotenoidi nell’albicocca.

L’arginina e la leucina sono il principale aminoacido essenziale, mentre l’acido glutammico è il principale amminoacido non essenziale riportato nel nocciolo di albicocca. Alcuni studi hanno trovato un’elevata attività antiossidante nell’olio dei noccioli di albicocca dolce, rispetto a quelli amari. I noccioli di albicocca contengono il 27,7 – 66,7% di olio, la maggior parte apportata dall’acido grasso insaturo (91,5 – 91,8%).

Comprende i seguenti acidi grassi: palmitico, palmitoleico, stearico, oleico, linoleico e linolenico che viene utilizzato nelle industrie farmaceutiche, spuntini e prodotti cosmetici.

I noccioli di albicocca sono anche costituiti da vitamina B1 (tiamina), vitamina B2 (riboflavina), vitamina B3 (niacina), vitamina C (acido ascorbico) e vitamina E (tocoferolo)

  

Olio di nocciolo di albicocca e studi scientifici

 Il principale ingrediente è l’amigdalina (che ha proprietà anti tosse e antiasmatiche. L’amigdalina (vitamina B-17) è la vitamina presente naturalmente nei semi dei frutti della famiglia Prunus Rosacea, tra cui albicocca, mandorla amara, ciliegia e pesca.

E’ un agente anticancro che può essere utilizzato per il trattamento del carcinoma epatocellulare. Il potere curativo dell’amigdalina aumenta significativamente con l’aggiunta di zinco.

 In uno studio, sono stati analizzati gli effetti cito/genotossici dell’estratto etanolico di albicocca amara e dell’amigdalina sul cancro al pancreas umano.

Recentemente, è stato riferito che l’amigdalina può uccidere selettivamente le cellule tumorali nel sito tumorale senza tossicità sistemica.

L’effetto antitumorale dell’amigdalina è efficace nel cancro al seno, della cervice, colon, leucemia e tumore della vescica.

Il National Cancer Registry of South Africa ha registrato che il cancro del colon-retto è uno dei primi dieci tumori più comuni sia negli uomini che nelle donne. Circa 1 persona su 17, di età superiore ai 50 anni, sviluppa il cancro al colon nel corso della vita. Il cancro al colon dipende dalla nutrizione, il consumo di alcol rappresenta il maggior fattore di rischio, seguito da una dieta ricca di grassi, scarsa assunzione di fibre alimentari, obesità, fumo e mancanza di esercizio fisico. L’assunzione giornaliera può rendere questi noccioli un agente chemio preventivo vitale.

Gli effetti dell’olio alimentare di nocciolo di albicocca, che contiene alti livelli di acidi oleici e linoleici e livelli inferiori di α-tocoferolo, sono caratterizzati da una riduzione dello stress ossidativo e dall’inibizione della degenerazione degli organi.

I ricercatori hanno osservato che il nocciolo di albicocca contiene composti fenolici cioè epigallocatechina, acido caffeico, quercetina:

  • L’epigallocatechina ha proprietà antiossidanti ed è associata alla prevenzione del cancro, del diabete, della carie, dell’obesità, delle malattie virali e delle malattie cardiovascolari nell’uomo.
  • L’acido caffeico è noto per la sua attività antiossidante e antibatterica, è utile nella prevenzione dell’invecchiamento precoce, delle malattie della pelle e delle malattie cardiovascolari come l’aterosclerosi.
  • La quercetina mostra numerose proprietà antinfiammatorie, antimicrobiche, antidiabetiche, antiossidanti, anti-Alzheimer e antiartritiche.

 

L’albicocca riduce il rischio di malattie cardiovascolari nell’uomo, previene il cancro alla prostata e ai polmoni.

Una combinazione dil nocciolo di albicocca ed estratto di frutta ha mostrato la completa dissoluzione dei calcoli biliari di colesterolo in quattro settimane di trattamento.

Un estratto dei semi, il laetrile, è stato usato nella medicina occidentale come trattamento controverso (e illegale negli Stati Uniti) per il cancro. I semi producono anche un olio fisso, simile all’olio di mandorle (da P. amygdalus), che viene spesso utilizzato nella formulazione di cosmetici

 

Un ottimo prodotto contenente olio di Albicocca è Alato 23, disponibile qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Bacopa Monnieri  e Ginko Biloba : etnobotanica e medicina folclorica

Bacopa Monnieri  e Ginko Biloba : etnobotanica e medicina folclorica

 

Bacopa Monnieri, o Issopo d’acqua cresce nei climi temperati e tropicali più caldi, specialmente nell’Asia meridionale. Prospera nelle paludi, sviluppandosi in fitte stuoie su distese fangose e ai bordi delle paludi di mangrovie.

In India, l’issopo d’acqua viene utilizzato principalmente per disturbi del sistema nervoso, come nevralgia, epilessia e malattie mentali, ma è anche impiegato per una vasta gamma di altri disturbi, tra cui indigestione, ulcere, gas e stitichezza, asma e bronchite e infertilità.

In Cina, è preso come un tonico yang per l’impotenza, l’eiaculazione precoce, l’infertilità e le condizioni reumatiche.

In Indonesia, la pianta è un rimedio per la filariosi (una malattia tropicale causata da vermi).

A Cuba, l’issopo d’acqua è usato come purgante e un decotto dell’intera pianta è preso come diuretico e lassativo. Il succo viene mescolato con olio e applicato come sfregamento localmente per il dolore artritico. La ricerca indiana suggerisce che l’issopo d’acqua migliora la funzione mentale, la memoria e la concentrazione, oltre a ridurre il tempo di apprendimento.

E un potente adattogeno, astringente, diuretico, sedativo, potente tonico nervino, antiansia.

Migliora le funzioni mentali, cura l’epilessia, come antispasmodico cura bronchite, asma e diarrea.

Un semplice tè può essere fatto in qualsiasi momento dell’anno con le foglie, ma quelle giallo-verdi di fine estate sono i migliori.

Utilizzata nella medicina ayurvedica tradizionale, diminuisce l’apoptosi e la senescenza.

Charaka, medico indiano, ha usato la pianta essiccata e in polvere internamente, in caso di perdita di memoria, decadimento senile e come prevenzione dell’aborto. Sushruta, medico indiano, ha usato la pianta in infuso, per febbri, emottisi, singhiozzo, tosse, dispnea, malattie urinarie, calcoli, malattie della pelle, e, esternamente, per lavare le ulcere. Ha prescritto il succo di pianta con latte come parte della dieta quotidiana, per promuovere l’intelletto e prevenire l’invecchiamento.

È comunemente nota come Brahmi, migliora la memoria ed è di grande interesse nel trattamento delle malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer, con miglioramenti significativi nell’orientamento, nell’attenzione e nei componenti linguistici. Previene lo stress mitocondriale e ossidativo.

Studi Clinici

Una serie di studi e studi clinici hanno studiato le proprietà di miglioramento della memoria di B. monnieri, dimostrando un miglioramento dei ricordi in individui anziani sani (età media 62 anni). Inoltre, è stato osservato che l’effetto è continuato dopo la cessazione della somministrazione dell’estratto di B. monnieri.

Una meta-analisi di nove studi randomizzati controllati ha concluso che B. monnieri ha il potenziale per migliorare la funzione cognitiva, in particolare nella velocità di attenzione. I pazienti hanno anche riportato un miglioramento della qualità della vita. Uno studio su pazienti più anziani (prevalentemente di 65 anni e più) con disturbi della memoria (anche se non è stato formalmente diagnosticato con il morbo di Alzheimer) ha mostrato che il trattamento con estratto di 125 mg al giorno di B. monnieri ha portato a miglioramenti in alcuni aspetti della memoria (controllo mentale, memoria logica).

Ginko biloba

Il Ginkgo biloba, noto anche come Maidenhair, risale a quasi 300 milioni di anni fa, è la più antica specie di albero sopravvissuta sulla terra. I cinesi usano la pianta in medicina da millenni, ma molte delle applicazioni moderne provengono dalla ricerca di scienziati tedeschi.

 Sebbene sia stato a lungo utilizzato come medicina nella sua nativa Cina, le sue azioni terapeutiche sono state studiate solo di recente. Le foglie e il loro estratto sono utilizzate per curare la cattiva circolazione e per equilibrare il flusso sanguigno al sistema nervoso centrale.

Originari della Cina, gli alberi di ginkgo sono coltivati in piantagioni in Cina, Francia e Carolina del Sud (Stati Uniti), sono coltivati nei giardini indiani come ornamentale. Foglie e frutti vengono raccolti in autunno. Le noci all’interno dei frutti sono una prelibatezza in Asia e sono vendute nei negozi di alimentari asiatici, possono essere arrostite o bollite, aggiunte alle pietanze o consumate come spuntino.

  • I semi di Ginkgo sono usati per alleviare il respiro asmatico e ridurre la flemma, sono indicati per perdite vaginali, vescica indebolita e incontinenza.
  • Rallenta il deterioramento cerebrale e offre una protezione contro ictus, perdita di memoria, acufene, ipertonia e angina pectoris.
  • È utile in caso di demenza, deficit di memoria, disturbi della concentrazione, depressione, vertigini, acufene e mal di testa.
  •  Aumenta la tolleranza all’ipossia e presenta un effetto anti-ischemico, migliora la fluidità del sangue, diminuisce l’aggregazione piastrinica ed eritrocitaria, riduce la viscosità del plasma e del sangue.
  • L’estratto diminuisce anche la permeabilità dei capillari e protegge la membrana cellulare, intrappolando i radicali liberi deleteri.

Cina:

La polpa del frutto viene macerata in olio vegetale e dopo cento giorni viene assunta per via orale per la tubercolosi. L’estratto in acqua calda del frutto è preso come antielmintico. L’estratto in acqua calda della foglia viene assunto per via orale come vermifugo, per l’asma e la senilità. I semi crudi vengono mangiati e il decotto del seme viene assunto per via orale per il cancro. I semi, fritti in padella, vengono mangiati per la tubercolosi. È un rimedio usato per tinnito, ipertonia e angina pectoris.

Il seme è anti-tosse, espettorante, antiasmatico e nell’infiammazione della vescica. In Cina, le foglie di Ginkgo biloba sono state utilizzate anche nell’asma e nei disturbi cardiovascolari.

 Iran

L’estratto in acqua calda della foglia secca viene assunto per via orale per i disturbi della vista, associati ad anomalie della circolazione sanguigna, infiammazione e per migliorare la perdita di memoria. Gli estratti di etanolo (90% e 95%) sono assunti per via orale come dilatatore arterioso e stimolatore della circolazione arteriosa.

 Corea

L’estratto in acqua calda del seme viene assunto per via orale per indurre il travaglio e come abortivo.

Oggi, estratti concentrati standardizzati di foglie di G. biloba, sono commercializzati in diversi paesi europei e sono utilizzati in caso di deficit cognitivo, claudicatio intermittente, vertigini e tinnito di origine vascolare.

L’interesse occidentale per il ginkgo si è concentrato sulla notevole capacità delle foglie di migliorare la circolazione.

Le proprietà   antiallergiche e antinfiammatorie lo rendono un rimedio particolarmente utile per il trattamento dell’asma e altri problemi allergici.

Il farmaco viene utilizzato per le funzioni cerebrali disturbate che provocano vertigini e mal di testa, con labilità emotiva e ansia. Il ginkgo ha dimostrato di migliorare la concentrazione e i deficit di memoria a causa della malattia arteriosa occlusiva periferica.

 

Studi clinici

L’estratto di ginkgo biloba è stato usato terapeuticamente per diversi decenni per aumentare il flusso sanguigno periferico e cerebrale e per il trattamento della demenza. Contiene composti come flavonoidi e terpenoidi che si pensa contribuiscano ai suoi effetti neuroprotettivi e vasotropici.

È indicato nel trattamento da deficit di memoria, lesioni cerebrali traumatiche, Alzheimer, ictus, disturbi vaso-occlusivi e invecchiamento, edema, acufene e degenerazione maculare.

L’estratto contiene flavonoidi (24%) e terpenoidi, con   effetti neuroprotettivi, esercitati attraverso la sua funzione antiossidante.

Previene:

  • Il morbo di Parkinson

Un disturbo neurodegenerativo che colpisce il 2% della popolazione di età superiore ai 60 anni. Produce una progressiva perdita di neuroni dopaminergici e l’esaurimento della dopamina, portando a compromissione del movimento.

  • Ansia e stress

Sono causati da molti fattori, tra cui un ambiente stressante che potrebbe causare affaticamento e peggiorare la qualità della vita. I rifugiati e i sopravvissuti alla guerra sono più a rischio di sviluppare disturbi di salute mentale. L’estratto di ginkgo biloba è stato utilizzato per migliorare le funzioni cognitive.
I partecipanti allo studio erano rifugiati iracheni, reclutati da tre centri medici della Caritas: Amman, Madaba e Zarqa. Il G. biloba è stato somministrato ogni giorno ai partecipanti per sei settimane.

C’è stata una significativa diminuzione dell’ansia, dell’affaticamento fisico, dell’affaticamento mentale e della riduzione dell’affaticamento da attività.
L’aggiunta di G. biloba porta a un significativo miglioramento dell’ansia e di alcuni dei sintomi di affaticamento. Tradizionalmente,   è stato usato come agente nootropico e antiossidante nell’insufficienza cerebrovascolare, principalmente in pazienti con deficit cognitivo.

Nel presente studio, l’assunzione giornaliera di 120 mg G. biloba per 6 settimane ha ridotto i livelli di ansia in un gruppo di rifugiati, coerentemente con le ricerche precedenti. L’uso a lungo termine di G. biloba aumenta il neurotrasmettitore di mono ammina, migliorando così l’umore. G. biloba svolge un ruolo antiossidante fondamentale che protegge gli eritrociti dai danni, consentendo quindi un maggiore apporto di ossigeno e produzione di energia.

È stato dimostrato che G. biloba migliora i sintomi della stanchezza, la resistenza fisica e le attività della vita quotidiana.

 

Un ottimo prodotto contenente Bacopa e Ginko è Alato 21, disponibile qui o in farmacia.

 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Riequilibrio psicofisico con antichi rimedi naturali folclorici: Bacopa e Teanina L

Riequilibrio psicofisico con antichi rimedi naturali folclorici: Bacopa e Teanina L

Brahmi (Bacopa monniera Linn.) è un’erba utilizzata nella medicina ayurvedica nel trattamento di una serie di disturbi, in particolare quelli che coinvolgono ansia, intelletto e scarsa memoria. Bacopa monnieri (Linn.) Wettst., una pianta medicinale ampiamente documentata, per le sue proprietà nootropiche( Nootropo – Wikipedia).

Bacopa monnieri (L.), comunemente noto come ”Brahmi”, appartiene alla famiglia delle Scrophulariaceae, si colloca al secondo posto nella lista prioritaria delle piante medicinali indiane. È stato usato per secoli nel folklore e nel sistema tradizionale di medicina come potenziatore della memoria, antinfiammatorio, analgesico, antipiretico, sedativo e antiepilettico.

In India, l’issopo d’acqua viene utilizzato principalmente per disturbi del sistema nervoso, come nevralgia, epilessia e malattie mentali, ma è anche impiegato per una vasta gamma di altri disturbi, tra cui indigestione, ulcere, gas e stitichezza, asma e bronchite e infertilità. È usato per alleviare l’ansia e anche come trattamento per l’epilessia e la lebbra. È un tranquillante naturale con lieve effetto calmante. Nella medicina popolare cura i disturbi della pelle, la psoriasi. Tradizionalmente, è usato come tonico cerebrale per migliorare lo sviluppo della memoria, l’apprendimento e la concentrazione, e per fornire sollievo ai pazienti con ansia o disturbi epilettici.

Il significato letterale di brahmi è “espansione della coscienza”.

Secondo la mitologia indù, Brahma è uno dei tre dei della trinità, che controllava il mondo durante la sua origine. Gli altri nomi di questa erba nei testi antichi sono: Sureshta – gradito dagli dèi, Divy ,Saraswati, Sharad, Bharati. L’erba prende il nome da queste dee per dimostrare che ha un buon effetto sull’intelletto e sulla memoria, riduce l’ansia e la tensione. È considerato un tonico nervino per nevrastenia, epilessia, follia e per esaurimento nervoso.

La pianta è conosciuta in bengalese come ‘brahmi shak’, e in inglese come issopo d’acqua. Le piante intere sono utilizzate dai medici popolari per migliorare la memoria, prevenire la perdita di memoria, ma anche per abbassare i livelli elevati di zucchero nei pazienti diabetici e per alleviare il dolore.

Pianta ayurvedica tradizionale, utilizzata da secoli come potenziante della memoria, antinfiammatorio, antipiretico, sedativo, antiepilettico, tonico nervino, antitumorale, anti-Parkinson, cardiotonico, protettivo, epatoprotettivo, antimicrobico e adattogeno. È utilizzata per l’asma e l’epilessia, ulcere, ascite, milza ingrossata, lebbra, anemia e gastroenterite.

L’importanza medicinale di Brahmi, con particolare riferimento alla neuro protezione nell’epilessia e nell’insonnia è stata ben documentata nei testi di Medicina Indiana: Charak Samhita e Susrutha Samhita.

Le proprietà antiossidanti della Bacopa proteggono dai danni dei radicali liberi nei disturbi cardiovascolari e in alcuni tipi di cancro. Migliora la voce, cura febbre, lebbra, edema, purifica il sangue.

La pianta è stata utilizzata anche in Pakistan come cardiotonico, aiuto digestivo e per migliorare la funzione respiratoria in caso di broncocostrizione.

In Cina, è preso come tonico yang per l’impotenza, l’eiaculazione precoce, l’infertilità e i reumatismi. In Indonesia, la pianta è un rimedio per la filariosi (una malattia tropicale causata da vermi). A Cuba, l’issopo d’acqua è usato come purgante e un decotto dell’intera pianta è preso come diuretico e lassativo. Il succo espresso viene mescolato con olio e applicato come sfregamento per il dolore artritico. La ricerca indiana suggerisce che l’issopo d’acqua migliora la funzione mentale, la memoria e la concentrazione, oltre a ridurre il tempo di apprendimento.

Gli studi dimostrano che Bacopa può migliorare la memoria, ridurre lo stress e l’ansia, bilanciare i neurotrasmettitori, proteggere i neuroni, antidepressivo, antiossidante, agente antiulcerogenico e antagonista del calcio.

Bacopa è stato usato per secoli come antinfiammatorio, analgesico, antipiretico e antiepilettico. Più recentemente, studi preclinici hanno riportato effetti di miglioramento cognitivo con vari estratti di Bacopa monnieri. Le saponine triterpenoidi e i loro bacosidi sono responsabili del miglioramento della trasmissione dell’impulso nervoso.

Contiene potenti composti che possono avere effetti antiossidanti. I bacosidi, i principali composti attivi in Bacopa monnieri, neutralizzano i radicali liberi e impediscono alle molecole di grasso di reagire con i radicali liberi.

Quando le molecole di grasso reagiscono con i radicali liberi, subiscono un processo chiamato perossidazione lipidica. La perossidazione lipidica è legata a diverse condizioni, come l’Alzheimer, il Parkinson e altri disturbi neurodegenerativi. Diversi studi indicano che Bacopa può aiutare a preservare la memoria e migliorare la funzione cognitiva.

In uno studio del 2016 su 60 studenti universitari, i ricercatori hanno scoperto che sei settimane di trattamento due volte al giorno con Bacopa (a una dose di 300 mg al giorno) hanno portato a miglioramenti nei test relativi alla funzione cognitiva.

Ansia

Gli studi suggeriscono che Bacopa può aiutare ad alterare l’attività di alcuni enzimi coinvolti nella risposta allo stress, consentendo al cervello di far fronte allo stress.

Un piccolo studio, pubblicato su Phytotherapy Research nel 2014, ha valutato gli effetti di un estratto di Bacopa in partecipanti sani impegnati in più compiti. I ricercatori hanno trovato effetti cognitivi positivi, alcuni effetti positivi dell’umore e una riduzione dei livelli di cortisolo in coloro che assumono Bacopa. L’erba può influenzare i livelli di neurotrasmettitori come serotonina, dopamina e GABA.

Ha varie proprietà medicinali come un antiinfiammatorio, analgesico, antipiretico, sedativo, antiepilettico e antiossidante, immunomodulatore, miglioramento della memoria, antistress, antiansia e anticancro.

 

 

Camellia sinensis syn. Thea sinensis (Theaceae)

Storicamente, l’uso medicinale del tè verde risale alla Cina 4700 anni fa e bere tè continua ad essere considerato tradizionalmente in Asia come una pratica sanitaria generale.

In Cina e Giappone molti rituali si sono sviluppati intorno al bere il tè. Originariamente coltivato in Cina, oggi viene coltivato come pianta da tè in India, Cina, Sri Lanka, Giappone, Indonesia, Kenya, Turchia, Pakistan, Malawi e Argentina. Le foglie di tè sono le foglie fermentate e/o essiccate di Camellia sinensis. La raccolta avviene sotto rigoroso controllo di qualità. L’attività antiossidante del tè verde è sei volte maggiore di quella del tè nero. Grazie alla sua astringenza, il tè è utile nelle infezioni digestive, aiuta a stringere le mucose dell’intestino e ridurre la dissenteria. Un forte infuso lenisce le palpebre irritate, punture di insetti, gonfiori e scottature solari e ustioni minori. Nella medicina ayurvedica il tè è considerato come astringente e tonico nervoso.

La caffeina nel tè può aiutare ad alleviare il mal di testa, anche se meno efficacemente del caffè. Alla luce della ricerca, il tè verde è riconosciuto come una bevanda molto più sana del tè nero. La forte attività antiossidante del tè verde è dovuta ai polifenoli, che sono utili nella prevenzione del cancro. Si ritiene che l’elevata assunzione di tè verde in Cina e Giappone sia in parte responsabile della bassa incidenza del cancro

The verde

Il tè verde (Camellia sinensis) era considerato una medicina efficace per il trattamento di diversi disturbi nell’antica medicina popolare asiatica. È noto per la sua abbondanza di antiossidanti.

Il tè verde viene prodotto cuocendo a vapore la foglia appena tagliata. Il tè nero viene prodotto permettendo alle foglie di ossidarsi. Durante l’ossidazione, gli enzimi presenti nel tè convertono molte delle sostanze terapeutiche polifenoliche in composti meno attivi. L’ossidazione non si verifica con il tè verde perché il processo di cottura a vapore inattiva gli enzimi responsabili dell’ossidazione.

In Cina il tè verde è usato per trattare emicrania, nausea, diarrea derivanti da malaria e problemi di digestione.

Studi clinici indicano che il tè verde può aiutare a promuovere la perdita di peso e trattare l’epatite, e c’è il suggerimento che aiuta a prevenire la carie. Un recente studio clinico ha indicato che il tè verde ha un’azione genoprotettiva, aiutando a prevenire i cambiamenti degenerativi all’interno del corpo e potenzialmente rallentando il processo di invecchiamento. Uno studio clinico del 2013 ha rilevato che l’estratto di tè verde, assunto dalle donne per 4 mesi ha ridotto con successo i fibromi uterini.

Ci sono prove cliniche attestanti le proprietà antitumorali del tè verde su tumori di pancreas, colon, intestino tenue, stomaco, seno e polmone.

I collutori di tè verde hanno dimostrato di inibire la crescita di batteri dentali come Streptococcus mutans, Streptococcus salivarius ed Escherichia coli.

The bianco

Il tè bianco è un tè tradizionale cinese, prodotto principalmente nella provincia del Fujian, in Cina.

Il tè bianco era originariamente usato come medicina popolare per l’influenza e il diabete nell’antica Cina. È stato riportato che il tè bianco ha una forte attività antiossidante e possiede effetti antidiabetici, allevia lo stress ossidativo e la resistenza all’insulina.  Per curare il diabete nell’antica Cina, era tradizione l’uso delle foglie di tè provenienti da alberi trentennali.

Usi omeopatici: Il sale di Camellia sinensis è indicato per il trattamento di patologie cardiache e circolatorie, mal di testa, stati di agitazione, stati di depressione e disturbi di stomaco.

Medicina indiana:

In India, i preparati di tè sono usati per diarrea, perdita di appetito, iperdipsia, emicrania, dolore cardiaco, febbre e affaticamento.

Teanina -L

Le foglie di Camellia sinensis contengono elevate quantità di teanina-L, un amminoacido non essenziale. Queste sono le stesse foglie usate per preparare il tè verde. Teanina-L fu scoperta nel 1949 da scienziati giapponesi. Stavano estraendo vari composti dalle foglie di tè. Le persone hanno consumato tè verde per centinaia di anni in Giappone a causa dei suoi molteplici benefici per la salute. Oggi, la scienza ha verificato molte delle affermazioni riguardanti questi benefici.

La teanina è una sostanza psicoattiva in grado di attraversare la barriera ematico-encefalica entro 30 minuti dall’ingestione orale. La sua natura ad azione rapida gli consente di influenzare direttamente il cervello, migliorando la funzione cognitiva, in questo modo, fornisce rapidamente una sensazione di relax e calma in tutto il corpo.

Gli scienziati sanno che gli integratori di teanina – L fanno diverse cose. Il suo meccanismo d’azione prevede l’innalzamento dei livelli di acido gamma-amminobutirrico (GABA), serotonina e dopamina. Tutti e tre i composti sono neurotrasmettitori responsabili della regolazione di molte funzioni cognitive. Queste funzioni includono umore, energia e sensazioni di vigilanza. GABA abbassa i segnali di stress nel cervello, aiutando a sentirsi più rilassati, molto indicato per le persone che soffrono di ansia o insonnia. Gli aumenti di serotonina e dopamina contribuiscono a un umore e un senso di benessere complessivamente migliori.

Sebbene tutto il tè contenga antiossidanti benefici, i tè verdi e bianchi di alta qualità li hanno in concentrazioni maggiori rispetto al tè nero. Oggi, gli scienziati credono che i principali principi attivi del tè verde includano i polifenoli, in particolare le catechine e l’amminoacido, la teanina.

La teanina è un amminoacido non proteico che si trova naturalmente nella pianta del tè (Camellia sinensis) e contribuisce al suo gusto gradevole. La teanina è efficace nel rilassamento, migliora la concentrazione e le capacità di apprendimento. Agisce sul SNC grazie al suo ruolo anti-stress e neuroprotettivo nelle demenze senili, in particolare l’ Alzheimer.

La teanina può influenzare i livelli di alcune sostanze chimiche nel cervello, serotonina e dopamina, che influenzano l’umore, il sonno, e cortisolo, che aiuta il corpo ad affrontare lo stress.

Agisce sul cervello alterando i livelli di GABA, serotonina e dopamina, aumenta l’attività delle onde alfa-cerebrali, fattore che indica uno stato rilassato.

La teanina :

  • Previene la compromissione della memoria indotta da ripetuta ischemia cerebrale.
  • Protegge il morbo di Parkinson
  • Allevia i sintomi di ansia nei pazienti con schizofrenia e disturbo schizoaffettivo.
  • Bere tè verde contribuisce a combattere i tipi diversi di tumori che interessano stomaco, esofago, ovaie, colon, seno, fegato e prostata.
  • Previene le lesioni al fegato, migliorando la capacità antiossidante dell’epatocita e induce l’attivazione dello stato antiossidante cellulare.
  • Ha un effetto protettivo sulla lesione cerebrale da riperfusione
  • Riduce i livelli di colesterolo in entrambi gli esseri umani
  • Ha proprietà antinfiammatorie

Sistema Immunitario

Le prove suggeriscono che il tè può aiutare a rafforzare la nostra capacità di combattere le malattie, perché uno dei metaboliti della teanina, l’ammina etile (antigene non peptidico) attiva un elemento del sistema immunitario chiamato cellula T gamma-delta.

Malattie cardiovascolari

Il consumo regolare di tè verde o nero riduce significativamente il rischio di malattie cardiovascolari, incluso l’ictus ischemico. La somministrazione di teanina -L ha mostrato una notevole riduzione della pressione sanguigna.

Migliore concentrazione mentale

Sonno e rilassamento

Favorisce il rilassamento senza sonnolenza. A differenza dei sonniferi convenzionali non è un sedativo ma induce una buona qualità del sonno, permette di rilassarsi prima di coricarsi, e a dormire più profondamente.

Aumento delle prestazioni cognitive

Nel 2016, i ricercatori hanno esaminato la ricerca esistente sui benefici della teanina in quanto ha  effetti neuroprotettivi, che migliorano la funzione cerebrale. Migliora l’attenzione e i tempi di reazione di una persona.

Pressione sanguigna

Aiuta a ridurre lo stress, una riduzione dello stress e un maggiore rilassamento possono abbassare la frequenza cardiaca. A sua volta, questo può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna.

Riduce lo stress e l’ansia

I benefici di teanina   sono più importanti per coloro che cercano di migliorare il loro umoreo. Teanina -L funziona riducendo i segnali prodotti chimicamente e responsabili delle emozioni negative. Inoltre, ti aiuta a rilassarti senza sentirti affaticato o stanco. Molti integratori anti-stress hanno il problema di renderti troppo sedato.

Uno studio del 2007 ha esaminato 12 studenti universitari sani che hanno fatto un test di matematica stressante di 20 minuti. Un gruppo aveva 200 mg di teanina -L oralmente prima del processo, un altro gruppo non ha preso nulla. Le persone che hanno assunto teanina -L avevano tutti i biomarcatori associati a uno stress inferiore. Non solo, ma lo stesso gruppo ha sperimentato una riduzione della frequenza cardiaca.

Interazioni:

Può interagire con i seguenti farmaci e integratori:

  • farmaci per il trattamento dell’ipertensione
  • altri integratori che abbassano la pressione sanguigna
  • stimolanti per trattare il disturbo da deficit di attenzione e iperattività
  • integratori contenenti caffeina

 

Possibili effetti collaterali:

  • Nausea
  • Crampi allo stomaco
  • Gonfiore
  • Diarrea
  • Bocca secca
  • Affaticamento

Un ottimo prodotto contenente Bacopa e Teanina L è Alato 19, disponibile qui ALATO 19 (lafenicesas.it) o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Eleuterococco e Rodhiola _adattogeni e immunostimolanti nella medicina folclorica

Eleuterococco e Rodhiola _adattogeni e immunostimolanti nella medicina folclorica

Lo stress descrive la reazione fisiologica alle minacce o alle pressioni ambientali, che possono essere auto-guidate, ad esempio, lottando per la perfezione, alta ambizione o esterne come pressioni sociali, richieste eccessive o carichi di lavoro. Sebbene il corpo possa inizialmente adattarsi per esibirsi sotto stress, diventa presto disfunzionale se lo stress persiste e ha un’intensità troppo elevata. Lo stress si manifesta in un’ampia varietà di sintomi sia fisici che psicologici, ha un impatto negativo sulle prestazioni e porta all’assenza dal lavoro. Se lo stress persiste e non viene trattato, può causare gravi problemi di salute, tra cui burnout e condizioni secondarie, ad esempio depressione, ansia, malattie cardiovascolari, gastrointestinali, neurologiche o muscoloscheletriche o diabete – di conseguenza con costi più elevati per la comunità e un impatto maggiore sulla vita degli individui.

Eleutherococcus senticosus (Araliaceae) Siberian Ginseng, Eleuthero

È originario della Russia orientale, Cina, Corea e Giappone. Può essere coltivato da seme, ma è una pianta difficile da germinare. La radice viene sollevata in autunno e asciugata.

Wu jia pi (Acanthopanacis gracilistylus) nella medicina cinese, parente molto stretto del ginseng siberiano, è usato per disturbi reumatici, bassa vitalità e debole energia epatica e renale, per trattare condizioni “fredde e umide da oltre 2.000 anni. Ha un effetto tonico generale sul corpo, in particolare sulle ghiandole surrenali, aiuta il corpo a resistere al caldo, al freddo, alle infezioni, ad altri stress fisici e alle radiazioni. È stato persino dato agli astronauti per contrastare gli effetti dell’assenza di gravità. Ginseng siberiano è preso per migliorare la resilienza mentale, come in preparazione per i test, e per ridurre l’impatto dell’allenamento fisico e lo stress sul corpo.

Esaurimento

Può essere molto utile per alleviare l’esaurimento e gli stati debilitanti dovuti a superlavoro o stress a lungo termine. Può anche rivelarsi utile nel trattamento dell’affaticamento cronico, anche se in alcuni casi può essere eccessivamente stimolante.

 

Anticancro

Un rimedio prezioso durante il trattamento convenzionale del cancro, ginseng siberiano supporta la vitalità e la funzione sana durante l’assunzione di chemioterapia, e può ridurre gli effetti collaterali. Studi russi suggeriscono che aiuta a ridurre gli effetti nocivi delle radiazioni

È una potente erba tonica con una gamma impressionante di benefici per la salute. A differenza di molti farmaci vegetali è generalmente più utile nel mantenimento di una buona salute che nel trattamento di cattiva salute. La radice viene sollevata in autunno e asciugata.

Internamente, è indicato   per convalescenza, disturbi della menopausa, debilitazione geriatrica, stress mentale, insonnia causata da ansia prolungata. È altresì utilizzato nel trattamento del cancro, dell’esposizione a sostanze chimiche tossiche, radiazioni e per migliorare la resistenza alle infezioni.

È un’erba tradizionale cinese ampiamente utilizzata per rinvigorire il qi, rafforzare la milza e nutrire i reni.

Acanthopanax senticosus, ginseng siberiano o Gasiogapi in Corea. È una nota erba cinese tonica e sedativa che cura varie malattie con le sue attività antibatteriche,  antiossidanti e immunomodulanti. Eleutherococcus senticosus (Rupr. et Maxim.) Maxim (ES) (sin. Acanthopanax senticosus (Rupr. & Maxim.) Harms) è una pianta medicinale utilizzata nella medicina tradizionale dell’Estremo Oriente russo e dell’Asia orientale e conosciuta come adattogeno.

C’è stata molta ricerca sul ginseng siberiano in Russia dal 1950, anche se il metodo esatto con cui stimola la resistenza e la resistenza allo stress non è ancora stato compreso. Ginseng siberiano sembra avere un effetto tonico generale sul corpo, in particolare sulle ghiandole surrenali, aiutando il corpo a resistere al caldo, al freddo, alle infezioni, ad altri stress fisici e alle radiazioni. È stato persino dato agli astronauti per contrastare gli effetti dell’assenza di gravità.

Usi tradizionali e attuali:

Migliora la resilienza mentale, come in preparazione per i test, e per ridurre l’impatto dell’allenamento fisico e lo stress sul corpo.

Può essere molto utile per alleviare l’esaurimento e stati debilitati derivanti da superlavoro o stress a lungo termine. Può anche rivelarsi utile nella gestione dell’affaticamento cronico, anche se in alcuni casi può essere eccessivamente stimolante.

Ringiovanisce il sistema ghiandolare, è indicato in caso di edema, promuove la circolazione delle gambe, stimola e rilassa il sistema nervoso centrale, abbassa i livelli di glucosio nel sangue, è indicato per coloro affetti da malattie autoimmuni e diabete.

 

Rodhiola

Le specie Rodiola sono piante erbacee perenni della famiglia delle Crassulaceae, ampiamente utilizzate nelle medicine tradizionali sia dell’Asia che dell’Europa come farmaci tonici, adattogeni, antidepressivi e antinfiammatori. Crescono nelle regioni più fredde nelle aree subartiche dell’emisfero settentrionale, tra cui l’Europa settentrionale e centrale, l’Asia e il Nord America. Si ritiene che il genere Rhodiola provenga dalle regioni montuose della Cina sud-occidentale e dell’Himalaya.

In Europa, il primo uso medicinale documentato di R. rosea può essere fatto risalire a Dioscoride nel 77 d.C. In “Materia Medica di Carl Nilsson Linnaeus (medico botanico e naturalista svedese del 1700, divenuto Carl von Linné in seguito all’acquisizione di un titolo nobiliare e chiamato Carlo Linneo in italiano), la radice di R. rosea è stata raccomandata per diverse mal di testa, isteria, ernie e dissenteria. In Cina, sono state segnalate 73 diverse specie di Rhodiola, principalmente nelle regioni nord-occidentali e sud-occidentali come il Tibet e la provincia del Sichuan. Le proprietà adattogene e toniche delle piante di Rhodiola sono state ampiamente utilizzate nella medicina tradizionale cinese e tibetana. Sono generalmente indicate con il nome Pinyin Hong Jing Tian (vista rossa o gloriosa del cielo). R. crenulata è presente nei libri di medicina tibetana tra cui “I quattro tantra medici” (rgyud-bzhi in tibetano, Si Bu Yi Dian in cinese), il libro medicinale classico di Yue Wang (Somaratsa, in tibetano, Yue Wang Yao Zhen in cinese) e Materia Medica Jing Zhu ( Shel Gong Shel Phreng in tibetano, Jing Zhu Ben Cao in cinese). È usato per il trattamento di tosse, emottisi, polmonite e perdite vaginali anormali. Nella Medicina Tradizionale Cinese, nutre il qi, promuove la circolazione sanguigna ed è principalmente prescritto per la carenza di qi e la stasi del sangue, ictus, emiplegia e affaticamento. È comunemente usato in Cina e in Tibet per il trattamento del mal di montagna.

Rodiola è un rimedio millenario della medicina popolare, indicata come “tonico del cervello”, per trattare il mal di testa e disturbi polmonari, per eliminare la fatica, migliorare la fertilità in uomini e donne. Prospera in ambienti estremi, le radici color rosa hanno una pronunciata attività medicinale, agisce sul sistema nervoso centrale, aumenta la memoria e la concentrazione in condizioni di stress e allevia esaurimento nervoso e depressione. Ha proprietà stimolanti ed è utile nella prevenzione dello stress. L’interesse moderno per tale rimedio si concentra sulle sue proprietà adattogene.

R. quadrifida dell’Asia centrale è usata in Mongolia per migliorare la forza e il vigore. R. crenulata e R. rosea sono usate nella medicina cinese per alleviare la fatica e proteggere dal freddo. La ricerca cinese su R. crenulata indica che questa specie aiuta la resistenza e ha un’attività protettiva contro le radiazioni. Le radici promuovono la longevità, alleviano la depressione e curano le infezioni. In epoca moderna, è suggerita per migliorare le prestazioni mentali e fisiche, per proteggere dagli effetti dannosi dello stress.

Nella Medicina Cinese è usata come tonico, emostatico e per le contusioni.

In Tibet, è comunemente usata per promuovere la circolazione del sangue e alleviare la tosse.

In Siberia, le radici vengono date alle coppie sposate per promuovere la fertilità e la salute dei loro futuri figli. In Mongolia, viene somministrata per infezioni come bronchite e polmonite, ed è anche usata come collutorio per l’alito cattivo.

Rodiola divenne una medicina ufficiale in Russia nel 1969, fu raccomandata per una vasta gamma di problemi di salute, per problemi psichiatrici e neurologici, come la depressione e la schizofrenia. Un ottimo prodotto contenente le piante descritte è Alato 12, indicato per ipoadrenalismo, astenia psicofisica, debilitazione organica, psicofisica, esaurimento dovuto a stress eccessivo, stati di malattia derivante da condizioni di esaurimento.

È disponibile qui  o in farmacia

 

 

DiAlessandra Zarone

Withania e Shisandra nella medicina folklorica

Withania e Shisandra nella medicina folclorica

 

Schisandra, Schisandra chinensis (Turcz.) Baill

Altri nomi comuni: Gomishi, omicha, schizandra, wu-wei-zu.

 

Schisandra chinensis (è una specie vegetale ben nota nella Medicina Tradizionale Cinese e anche nella medicina cinese moderna. La prima descrizione delle specie di S. chinensis si trova in testo del 1596 sull’antica medicina cinese scritto da Li Shih-Chen, un agopuntore, erborista, naturalista, farmacologo, medico e scrittore cinese della dinastia Ming.  Il frutto è stato utilizzato nel trattamento di malattie del tratto gastrointestinale, insufficienza respiratoria, malattie cardiovascolari, negli stati di affaticamento e debolezza del corpo, sudorazione eccessiva e insonnia. Tale rimedio è anche conosciuto dalla Medicina Tradizionale Russa, in cui è stato descritto come un tonico, che riduce la fame, l’affaticamento, ritarda il processo di invecchiamento, aumenta la vitalità e migliora la salute mentale.

Nome farmaceutico: Fructus Schisandrae Chinensis

Nome botanico: Schisandra chinensis (Turcz.) Baill. In alcune parti della Cina centrale e meridionale S. sphe- ruinthera Rehd. et Wils. è usato come quest’ erba.

È una originaria delle foreste dell’Asia orientale, tra cui Russia, Cina, Giappone e Corea, principalmente nota per trattare disturbi dei sistemi riproduttivo, respiratorio, nervoso e digestivo. Scoperta nel nord-est della Cina e in Giappone, fu introdotta nei giardini botanici occidentali alla fine del 1850. Storicamente, è stata utilizzata per varie malattie, tra cui impotenza, gonorrea, diarrea, dissenteria, compromissione dei liquidi corporei, sudorazione spontanea, tosse, asma, ittero, disturbi del tratto urinario e diabete. In Russia, i frutti sono considerati stimolanti e adattogeni. Fu usata dall’esercito sovietico durante la Seconda guerra mondiale per questi benefici e nel 1968 fu inclusa nella Farmacopea Nazionale dell’URSS.

Internamente viene usata per tosse secca, asma, sudorazione notturna, disturbi urinari, eiaculazione involontaria, diarrea cronica e mattutina (associata a debolezza renale), palpitazioni, insonnia, scarsa memoria, iperacidità, epatite e diabete. Esternamente per condizioni cutanee irritanti e allergiche. È stata utilizzata nella medicina cinese per il trattamento di disturbi respiratori, epatici e renali. Ha proprietà antiossidanti e immunostimolanti. Può anche essere usata per migliorare le prestazioni atletiche.

Schisandra deriva dal greco schizo, “dividere”, e andreios, “maschio”.

Si classifica insieme ad altre erbe toniche cinesi come un eccellente tonico e ricostituente. Aiuta nei momenti stressanti e aumenta la gioia di vivere. Le bacche tonificano i reni e gli organi sessuali, proteggono il fegato, rafforzano la funzione nervosa e purificano il sangue. Il nome wu wei zi significa “erba aromatizzata a 5”, poiché si ritiene che questa erba abbia il sapore delle 5 principali energie elementali. Ha un sapore aspro, salato e leggermente caldo. È coltivata nella Cina nord-orientale, in particolare nelle province di Jilin, Lianoning, Heilongjiang e Hebei. Si propaga dal seme in primavera. Il frutto viene raccolto in autunno quando è completamente maturo.

È parte della medicina popolare tradizionale in Asia, in particolare per il trattamento di disturbi gastrointestinali legati a gastrite, diarrea, enterocolite e motilità anormale. Il grande interesse per Limonnik (Schisandra chinensis) in Russia nasce dai risultati delle indagini etnofarmacologiche degli scienziati russi nelle regioni dell’Estremo Oriente, dove le bacche e i semi sono stati utilizzati dai cacciatori Nanai (Goldes o Samagir) per migliorare la visione notturna, come tonico e per ridurre la fame, la sete e l’esaurimento poiché “dà forze per seguire uno zibellino tutto il giorno senza cibo.

I Nanai (HaHn nella loro lingua, in russo il nome è HaHampa) sono un popolo tungusico dell’Estremo Oriente, che ha tradizionalmente vissuto lungo i fiumi Heilongjiang (Amur), Songhuajiang (Sunggari) e Ussuri nel bacino del Medio Amur. Gli antenati dei Nanai erano gli Jurchen della Manciuria settentrionale. Il cacciatore nanai Dersu Uzala introdusse la bacca di Schisandra all’esploratore russo Vladimir Arsenyev, durante la sua spedizione nel bacino dell’Ussuri nel 1902-1907. Arsenyav fu il primo a descrivere numerose specie di flora siberiana.

La Cina è  un’area affascinante e significativa per gli studi sulle tradizioni relative alle erbe selvatiche, in particolare, la provincia dello Yunnan nord-occidentale . Alcuni ricercatori etnobotanici hanno documentato commestibili selvatici utilizzati da diverse minoranze di questa regione. Il popolo Naxi, uno dei principali gruppi etnici nel nord-ovest dello Yunnan, ha accumulato ricche conoscenze sull’uso di rimedi selvatici, fra cui Schisandra propinqua sinensis Oliv (Schisandraceae), utilizzata per la circolazione sanguigna, per trattare fratture, gastrite cronica, artrite reumatoide e mestruazioni irregolari.

I frutti erano solitamente imbevuti di vino, per ottenere un vino medicato, utile combattere le malattie e aumentare la resistenza.

È un’erba tonica importante e agisce in tutto il corpo, rafforzando e tonificando molti organi diversi. Probabilmente meglio conosciuto come tonico sessuale per entrambi gli uomini e le donne, la schisandra presumibilmente aumenta la secrezione di fluidi sessuali e, negli uomini, migliora anche la resistenza sessuale.

Aumenta la secrezione di liquidi sessuali e, negli uomini, migliora anche la resistenza sessuale

Ha dimostrato benefici per il fegato ed è usato nel trattamento dell’epatite e della scarsa funzionalità epatica. Sebbene sia uno stimolante, è usata nella medicina cinese per “calmare lo spirito e il cuore”. Viene somministrata per l’insonnia e il sonno indisturbato da sogno ed è un ottimo esempio di come le erbe adattogene spesso lavorino in modi apparentemente contraddittori per ripristinare la normale funzione corporea.

In Russia e in Cina, le bacche sono state tradizionalmente prescritte per trattare malattie mentali come le nevrosi. Sono anche dati per migliorare la concentrazione e la coordinazione e sono un rimedio tradizionale per la dimenticanza e l’irritabilità. L’erba viene utilizzata nel trattamento di infezioni respiratorie come tosse cronica, mancanza di respiro e respiro sibilante.

È usata per tonificare e rafforzare la funzione renale e per aiutare il corpo a bilanciare i livelli di liquidi, rendendolo utile per il trattamento della sudorazione notturna, della sete e della frequenza urinaria, migliora vista e udito.

Recentemente, gli erboristi cinesi hanno iniziato a usare tale rimedio per l’orticaria e altri problemi della pelle, tra cui l’eczema. Di solito è dato per queste condizioni sotto forma di un vino medicinale.

Il valore curativo è stato menzionato durante la dinastia Han in Cina, 25-200 d.C. La pianta è stata utilizzata anche in Russia e in Giappone per molti secoli. Cina, Russia e Giappone hanno elencato l’erba nelle loro farmacopee. Le bacche erano utili per trattare le condizioni respiratorie, dolori muscolari e articolari, diarrea, disturbi renali e per promuovere un sonno ristoratore. Si diceva anche che migliorasse la resistenza, alleviare la fatica, aumentare la chiarezza mentale, migliorare la memoria e come riduttore di stress.

In Cina, le bacche sono utilizzate per problemi di zucchero nel sangue, per aiutare a dormire, ridurre la minzione frequente, alleviare la tosse, ridurre lo stress, e per la sudorazione notturna, disidratazione, resistenza, e come tonico per rafforzare il corpo.

In alcune zone, le foglie sono cotte come verdura.

Calmante, riduce lo stress, allevia la tensione, promuove un sonno ristoratore, aiuta a respirare più facilmente, migliora l’umore e la chiarezza mentale.

Chenthang Township, che è l’unica cittadina etnica Sherpa in Tibet, si trova nella Riserva Naturale Nazionale del Monte Everest dell’altopiano sud-orientale del Qinghai-Tibet al confine tra Cina e Nepal.

Alcuni studi etnobotanici sul popolo Sherpa si sono concentrati sulle piante commestibili tradizionali, sull’utilizzo di piante medicinali tradizionali nel Nepal centrale, orientale e nello stato indiano del Sikkim. È emerso che “Skeng-smra” (Schisandra grandiflora, S. neglecta, S. sphaerandra) è un è frutto commestibile selvatico molto importante che integra i nutrienti stagionalmente. A volte, la gente del posto raccoglieva un grande sacchetto di “skeng-smra” e lo mangiava quando la famiglia riposava.

 

 

Withania somnifera (Solanaceae)

La ciliegia invernale o Ashwagandha è un’importante pianta medicinale originaria dell’India. Le radici sono ampiamente utilizzate nei sistemi di medicina indiani da oltre 4000 anni. Le radici sono accreditate con diverse proprietà medicinali.

Fu menzionata per la prima volta dal saggio Punarvasu Atreya oltre 4000 anni fa. Successivamente le proprietà medicinali di questa pianta sono state menzionate in trattati ayurvedici come Charaka Samhita, Sushruta Samhita, Astanga Hridaya, Bhava Prakasha Nighantu ecc. per citarne alcuni.

Si trova in India, nel Mediterraneo e in Medio Oriente.

La radice profuma di cavallo (“ashwa”), ecco perché si chiama Ashwagandha (consumandola dà il potere di un cavallo). Il nome indiano ashwagandha (ashwa- cavallo, gandha- odore), ora comunemente chiamato asgandh o asgand, è dovuto all’odore che nasce dalla radice fresca.

Il nome specifico somnifera significa “che induce il sonno” in latino, indicando le sue proprietà sedative.

È stato chiamato “ginseng indiano” perché è usato in Ayurveda più o meno allo stesso modo in cui il ginseng è usato nella medicina cinese: per migliorare la vitalità e per aiutare il recupero dopo una malattia cronica.

Sembra essere un’erba progettata per affrontare la natura frenetica della vita moderna: rinvigorisce dalla fatica, allevia l’impatto dello stress e dell’ansia e aiuta il sonno, tutti usi tradizionali in gran parte supportati dalla ricerca clinica.

Nella medicina Unani, Habb-e-Asgandh è prescritto come afrodisiaco di supporto e tonico nervino. La pasta della radice viene applicata al pene per tonificare; mescolato con il latte materno una pasta della radice viene applicata al seno cadente.

 

È sempre stata apprezzata in Ayurveda per le sue proprietà toniche, rinforzanti e rilassanti. Oggi, è ancora apprezzata come tonico e per la sua insolita combinazione di azioni. Come tonico, rafforza e supporta le prestazioni fisiche e mentali, ma allo stesso tempo allevia l’ansia e, come suggerisce il suo nome botanico, incoraggia una migliore qualità del sonno.  È un’erba eccellente per la convalescenza. Può essere un’utile aggiunta al trattamento per le malattie infiammatorie croniche come l’artrite reumatoide e la psoriasi. è utile per contrastare la debolezza che accompagna lo stress a lungo termine.

Nei sistemi tradizionali, i farmaci a base di Ashwagandha sono usati per trattare la debilitazione generale, sessuale, nervina, lo stress, la debolezza ossea, l’ansia, l’ipertensione, la stitichezza, l’invecchiamento, la debolezza muscolare, l’insonnia. Le foglie sono utilizzate per curare febbre, lesioni, gonfiore, occhi doloranti e piaghe sifilitiche. Le bacche verdi sono usate per il trattamento dell’infezione da tigna, piaghe animali.

L’alto contenuto di ferro di Aswagandha la rende utile nell’anemia. Fin dall’antichità è stata considerata un tonico nervino, afrodisiaco e sedativo. È stata usata in caso di reumatismi, debolezza e debilitazione.

Nei testi ayurvedici, si dice che questa erba impartisca il potere e la forza sessuale del cavallo a un uomo. Può essere utilizzata da persone di entrambi i sessi, di tutte le età e in tutte le fasi della loro vita. Negli anziani fornisce energia, allevia infiammazioni, dolori e dolori alla schiena, alle mani e ai piedi, utile in caso di debilitazione nervosa. Viene prescritto come agente anabolizzante, come adattogeno e analgesico per il trattamento di varie artropatie, alcune forme di ipertensione, follia, ecc. Conferisce resistenza alle infezioni e allo stress. Stimola gli impulsi sessuali e aumenta il numero di spermatozoi.

Nella medicina popolare, i preparati di questa pianta erano usati per trattare l’artrite, l’asma, l’adenopatia, gonfiori o infiammazioni, la bronchite, il cancro, la candida, il raffreddore, la tosse, la cistite, la debilitazione, la diarrea, l’idropisia, la dispepsia, la febbre, il singhiozzo, l’ipertensione, l’infiammazione, la lombalgia, la nausea, le pile, la psoriasi, la tigna, la scabbia, la senilità, il vaiolo, le piaghe, la sifilide, la tubercolosi, i tumori, tifo, utero e ferite.

Il modo più semplice per usare la radice è prendere un cucchiaino di polvere fine con latte zuccherato, o mescolare la polvere con il ghee, leccare la miscela seguita da latte zuccherato con zucchero caramellato. Nella pratica ginecologica aiuta nella sterilità, nella leucorrea e nell’infiammazione della vagina. Aiuta anche lo sviluppo del seno.

Gli studiosi ayurvedici considerano la radice selvatica un che dovrebbe essere applicato esternamente a infiammazioni, bolle, brufoli e come ingrediente di oli da massaggio. Per il consumo interno la radice selvatica dovrebbe essere mitigata facendola bollire nel latte.

E’ ben nota per le sue altre attività biologiche come immunomodulatore, anti-invecchiamento, antiossidante, anti-parkinsonismo, anti ulcerogeno.

I suoi ingredienti chimici sono efficaci nella prevenzione e nel trattamento di diversi tipi di cancro come il cancro del colon, il cancro ai polmoni, il cancro del sangue, il cancro della pelle, il cancro al seno, il cancro renale, il fibrosarcoma, il cancro alla prostata e il cancro al pancreas. di W. S noto è stato descritto nella medicina popolare ayurvedica per avere potenti proprietà afrodisiache, sedative, tonico che migliorano l’energia e nei problemi geriatrici. Recenti ricerche suggeriscono che la fitochimica withaferina A presente nelle foglie possiede attività antitumorale.

 

Un ottimo rimedio contenente Shisandra e Aswagandha è Alato 15, utile per efficienza e luciditá mentale, cali intellettivi in condizioni di stanchezza o stress eccessivo, disturbi di apprendimento,  è acquistabile qui ALATO 15 (lafenicesas.it)  o in farmacia.

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Equiseto e medicina folclorica

Equiseto e medicina folclorica

 

Originario dell’Europa, del Nord Africa, dell’Asia settentrionale e delle Americhe, l’equiseto è una pianta comune, che preferisce il terreno umido.

L’equiseto è una pianta primitiva che discende da enormi alberi vissuti durante il Paleozoico (600-375 milioni di anni fa). L’alto contenuto di silice dell’erba la rende abrasiva e in passato veniva utilizzata per lucidare metallo e legno. Il suo nome comune, bottlebrush, (scovolino, spazzola) indica un altro dei suoi usi. Aiuta ad accelerare la riparazione del tessuto connettivo danneggiato, migliorandone la forza e l’elasticità. L’erba è anche prescritta per trattare problemi reumatici e artritici, disturbi al torace (come l’enfisema), gonfiore cronico delle gambe. Un decotto delle parti aeree dell’erba aggiunto a un bagno cura distorsioni e fratture a lenta guarigione, così come l’eczema.

Era legato alle code del bestiame per allontanare le mosche. È stata a lungo considerata un’erba che guarisce le ferite dai Greci.

È ricco di silice, le sue ha proprietà abrasive sono state utilizzate dal Medioevo fino al XVIII secolo per pulire pentole e padelle, in particolare il peltro. La varietà (E. hyemale) un tempo veniva esportato dai Paesi Bassi, dove cresce abbondantemente. L’uso dell’equiseto comune o campestre può essere fatto risalire all’antichità, per “hippuris” (la parola greca per equiseto, a causa della comparsa dei germogli sterili), menzionato da Dioscoride (circa 50 d.C.). Alberto Magno, frate tedesco vissuto nel 1200 e autore diDe vegetabilibus et plantis . È un rimedio importante nella medicina popolare: un “purificatore del sangue” in primavera e in autunno, un mezzo per curare i reumatismi e la gotta e un rimedio per la tosse e l’asma.

Nicholas Culpeper, un erborista inglese del diciassettesimo secolo, scrisse delle proprietà benefiche dell’equiseto nel fermare il sanguinamento e nel trattamento delle ulcere.

Richiude le ferite, ferma il sangue da naso e riduce l’espettorato di sangue della tosse. Inoltre, ha un effetto astringente sul sistema genito-urinario, dimostrandosi particolarmente prezioso dove c’è sanguinamento all’interno del tratto urinario, in caso di cistite, uretrite e prostatite.

La raccomandazione di tale rimedio come vulnerario risale a Galeno nella medicina classica.

In Scozia, Isole Ebridi e nell’Isola di Man, una o più specie di questo genere sono parte dei rimedi popolari per fermare il flusso di sangue.

Nello Yorkshire, viene utilizzato per il lavaggio della schiena sporca, nelle Shetland come rimedio per l’indigestione e nell’Isola di Man come diuretico. Solo dalle Ebridi e dall’Isola di Man sono emerse testimonianze del suo utilizzo in caso di sanguinamento.

I popoli nativi nordamericani usavano l’equiseto per trattare una serie di disturbi renali e della vescica. La Tribù Cherokee usava l’equiseto per aiutare i reni. I Chippewa, in America Settentrionale, facevano   un decotto con steli di equiseto per trattare la minzione dolorosa o difficile. Chiamato anche “giunco abrasivo” a causa dei suoi steli carichi di silice, l’equiseto era usato sia dagli indiani che dai coloni per la perlustrazione e la lucidatura. Alcune tribù indiane tessevano anche gli steli in stuoie. Presso la tribù Blackfeet tale rimedio si chiamava “sa-po-tun-a-kio-toi- yis” (erba d’acqua snodata). I Mesquaki preparavano un tè dall’intera pianta come cura per la gonorrea). I Crees fecero un rimedio per le irregolarità mestruali facendo bollire l’equiseto con due radici sconosciute, una delle quali era Acorus Calamus.

I Menominee preparavano un tè per curare i problemi renali. Le donne lo hanno bevuto dopo il parto per “chiarire il sistema”

E’ stato usato come medicina popolare in Quebec, un tè era bevuto come diuretico, emostatico e remineralizzatore. I popoli Okanagan-Colville e Potowatami in Canada facevano un infuso di equiseto come diuretico per aiutare la funzione renale.

Decotti, impacchi e tè sono usati per varie forme di cancro, tra cui polipi, tumori addominali e orali. In Guatemala, usato per il cancro alle ossa. Inoltre, è usato per il cancro al seno, intestino, rene, labbra, fegato, stomaco e lingua.  Il decotto  è astringente ed è usato per ridurre il gonfiore delle palpebre. Ceneri di pianta erano utilizzate per l’acidità di stomaco e la dispepsia.

È usato per ulcerazioni cistiche, emorragie e ulcere nelle vie urinarie. Esternamente, il decotto riduce il gonfiore delle palpebre. Fratturale ossa sono ~ aiuto per guarire più velocemente quando viene preso l’equiseto. Si dice che l’alto contenuto di silicio aiuti per la consunzione polmonare. La radice data ai bambini in fase di dentizione.

Gli strobili sono bolliti e mangiati in Giappone, anche bollito, salato, e tenuto in aceto e mescolato con soia.

 

Un ottimo prodotto è Alato 16, acquistabile qui o in farmacia.

.

 

DiAlessandra Zarone

Adattogeni naturali : Ginseng

Adattogeni naturali : Ginseng

Premessa

Gli adattogeni comprendono una categoria di medicinali vegetali e prodotti nutrizionali che promuovono l’adattabilità, la resilienza e la sopravvivenza degli organismi viventi nello stress. Gli adattogeni hanno effetti farmacologicamente pleiotropici( Pleiotropia – Wikipedia )sul sistema neuroendocrino-immunitario. Alcune combinazioni di piante adattogene forniscono effetti unici a causa delle loro interazioni sinergiche, non ottenibili da nessun ingrediente in modo indipendente.

Gli adattogeni sono modificatori di risposta allo stress che aumentano la resistenza aspecifica di un organismo allo stress aumentando la sua capacità di adattarsi e sopravvivere. Mostrano effetti benefici polivalenti contro infiammazione cronica, aterosclerosi, deficit cognitivo neurodegenerativo, disturbi metabolici, cancro e altre malattie legate all’invecchiamento. Gli usi attuali e potenziali degli adattogeni sono principalmente correlati all’affaticamento indotto dallo stress e alla funzione cognitiva, alle malattie mentali e ai disturbi comportamentali. Riducono gli effetti dannosi di vari fattori di stress, a causa dell’aumento del livello basale di mediatori coinvolti nella risposta allo stress.

Ginseng

Il Panax ginseng, Jen-shen, una nota medicina tradizionale cinese con molteplici attività farmacologiche, svolge un ruolo cruciale nella modulazione dei disturbi dell’umore. Diversi studi recenti hanno identificato un ruolo importante nella prevenzione e il trattamento della depressione. Per migliaia di anni la medicina tradizionale cinese si è affidata a questo rimedio per ripristinare e migliorare il benessere. Più recentemente, ha guadagnato popolarità in Occidente, dove è diventato uno dei rimedi erboristici più ricercati. Panax (Aralia) quinquefolium D. e C. Ginseng. Ginseng americano. Araliacece. Originario del Nord America strettamente imparentato con il ginseng cinese (Aralia ginseng), medicinalmente di scarso valore, ma molto prezioso commercialmente. Usato in gran parte dai cinesi, che lo considerano una panacea universale. Il ginseng selvatico sta diventando scarso ma ampiamente coltivato in diverse parti degli Stati Uniti. Riservato all’uso dell’Imperatore e della sua famiglia, e conferito dal favore imperiale agli alti e utili funzionari. Il principale nome cinese: Panax ginseng, Jen-shen , deriva da una fantasiosa somiglianza della radice con la forma umana e da alcune influenze astrali che si dice derivino dalla costellazione di Orione. Si racconta che durante il regno di Wenti, della dinastia Sui (581 tq 601 d.C.), a Qhangtang nello Shensi, sul retro della casa di una certa persona, si udì ogni notte la voce implorante di un uomo, e quando fu fatta la ricerca della fonte di questo suono, a una certa distanza, apparve una pianta di ginseng.  Scavando nella terra fino alla profondità di cinque piedi, si scoprì che la radice aveva la forma di un uomo, con quattro estremità perfette e complete, quindi venne chiamata T’u-ching, “Spirito della terra”. Il ginseng migliore è la varietà selvatica che cresce in Manciuria, e il secondo è quello proveniente dalla Corea. Il primo è praticamente tutto riservato all’uso imperiale. Anche il ginseng giapponese e americano si trovano in quantità, ma questi, specialmente quest’ultimo, sono considerati molto inferiori al tipo coreano.

Il farmaco viene talvolta preparato per l’uso come estratto o come decotto, i vasi d’argento di solito vengono impiegati per questo scopo. Le foglie, (Sheni ) sono vendute in fasci del fogliame verde e usate come rimedio emetico ed espettorante. Nel Shen-nung pen-ts’ao-ching (un’enciclopedia di erbe medicinali del I secolo d.C.), si afferma che le radici della pianta “schinseng” (che significa forma umana) aumentino la longevità, la resistenza, illuminino la mente, aumentino la saggezza e agiscano come afrodisiaco. L’erba era considerata così preziosa che potenti signori e persino eserciti governativi centralizzati combatterono e mantennero il controllo sui territori che coltivavano ginseng. Le culture antiche di tutto il mondo adottarono indipendentemente la convinzione che la forma delle piante o la forma delle loro parti determinassero quale parte del corpo potevano curare. Era come se la natura avesse assegnato la forma della pianta come suggerimento all’uomo delle sue proprietà curative. La gente credeva che se l’uso di una pianta era rivelato dai suoi attributi fisici, sicuramente Dio aveva posto la sua “firma “sulla pianta, una filosofia spesso indicata come la Dottrina delle Signature. Questa dottrina era ben consolidata ai tempi in cui il medico greco Dioscoride (chirurgo per l’esercito di Nerone 50-70 d.C.) stava praticando a Roma. Nel caso del ginseng, le radici di questa pianta matura sembrano un uomo con braccia e gambe. Erboristi e medici credevano, quindi, che potesse essere usato per guarire tutto l’uomo. Il Ginseng americano nel Nuovo Mondo, Panax quinquefolius, strettamente correlato alle specie asiatiche, è stato utilizzato anche dai nativi americani. I cacciatori di Menominee masticavano la radice aromatica per attirare i cervi, mentre le donne delle nazioni Meskwaki e Pawnee la usavano per attirare un amante o un marito. Le donne Penobscot bevevano un’infusione della radice per aumentare la loro fertilità e i cacciatori Ojibwa la portavano con sé come portafortuna. Gli irochesi lo usavano per il lavaggio degli occhi doloranti dei bambini, inoltre veniva bevuta un’infusione per alleviare le piaghe del corpo. La radice polverizzata era anche un trattamento per l’asma da parte di alcune tribù, mentre il Delaware, Stato federato degli Stati Uniti d’America situato sulla East Coast, usava le radici e altre parti della pianta come tonico generale. I nativi americani raccoglievano la radice di ginseng tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, poco prima che le bacche rosse mature fossero pronte a lasciare i gambi dei fiori a forma di ombrello. Nel XVIII secolo, i gesuiti canadesi divennero i primi esportatori di ginseng americano in Cina. Fu nel 1714 che padre Jartoux, un sacerdote gesuita che viveva in Cina, inviò a padre Lafitau, un gesuita canadese, un esemplare essiccato della radice e dell’erba cinese e gli chiese se crescesse nel Nuovo Mondo. Padre Lafitau cercò e trovò il ginseng americano strettamente imparentato (Panax quinquefolius).

Panax ginseng è commercializzato e utilizzato per mantenere l’energia, aumentare le capacità mentali e fisiche, migliorare l’umore, promuovere la salute generale e il benessere. Panax ginseng è stato studiato in una serie di studi clinici randomizzati che indagano il suo effetto sulle prestazioni fisiche e psicomotorie, sulla funzione cognitiva, sull’immunomodulazione, sul diabete mellito e sulle infezioni da herpes simplex di tipo II.

Attualmente, diciassette piante sono state raggruppate sotto il genere Panax . Le specie più comuni utilizzate per le preparazioni botaniche sono Panax Ginseng (ginseng coreano), è coltivato in Corea e Cina, Panax quinquefolius (ginseng americano) è coltivato negli Stati Uniti (Virginia e Wisconsin) e in Canada.

Il ginseng coreano C A Meyer è utilizzato principalmente per mantenere l’omeostasi del corpo, e l’efficacia farmacologica del ginseng coreano, identificato dalla scienza moderna, include una migliore funzione cerebrale, anti-affaticamento e anti-stress, effetti preventivi contro i tumori, potenziamento del sistema immunitario, ha effetti anti-diabetici, migliora la funzionalità epatica, regola la pressione sanguigna, disturbi del  climaterio e sessuali, effetti antiossidanti e anti-invecchiamento.

I principi attivi del Ginseng sono dei composti fitochimici detti ‘ginsenosidi’, sostanze simili a steroidi che esprimono proprietà in grado di bilanciare e contrastare gli effetti dello stress. I ginsenoidi possono avere effetti diversi che diversificano le varietà di Ginseng: ad esempio, alcuni possono stimolare il sistema nervoso centrale, altri sedarlo e altri ancora bilanciano i processi metabolici, abbassando la glicemia, migliorando il tono muscolare, stimolando il sistema endocrino per mantenere livelli ormonali appropriati.

Alato 1, contiene Ginseng, ed è uno  stimolante mentale, antidepressivo. Svolge un’azione tonica utile per la stanchezza fisica e mentale .

E’ acquistabile  qui o in farmacia.

 

 

DiAlessandra Zarone

Sistema immunitario e antiossidanti naturali

Sistema immunitario e antiossidanti naturali

In questo articolo ti parlo di alcuni rimedi per il sistema immunitario e antiossidanti.

Gli antiossidanti sono composti che inibiscono l’ossidazione, una reazione chimica che può produrre radicali liberi e reazioni a catena che possono danneggiare le cellule degli organismi. Antiossidanti come i tioli o l’acido ascorbico (vitamina C) possono agire per inibire queste reazioni. Per bilanciare lo stress ossidativo, piante e animali mantengono complessi sistemi di antiossidanti sovrapposti, come il glutatione.

Gli antiossidanti sono utili in caso di infiammazione cronica:

L’infiammazione cronica è una condizione patologica caratterizzata da una continua risposta attiva all’infiammazione e dalla distruzione dei tessuti. Molte delle cellule immunitarie tra cui macrofagi, neutrofili ed eosinofili sono coinvolte direttamente o dalla produzione di citochine infiammatorie nella patologia dell’infiammazione cronica. L’infiammazione cronica può essere una delle principali cause di tumori ed  invecchiamento. Il processo infiammatorio induce stress ossidativo e riduce la capacità antiossidante cellulare. I radicali liberi sovraprodotti reagiscono con acidi grassi della membrana cellulare e proteine che compromettono la loro funzione in modo permanente. Inoltre, i radicali liberi possono portare a mutazioni e danni al DNA che possono essere un fattore predisponente per il cancro e i disturbi legati all’età.

Il sistema immunitario:

Un buon sistema immunitario migliora la qualità della vita, consente di essere protetti da malattie e disturbi. Questo scudo protettivo protegge da problemi minori come tosse, raffreddore, influenza ecc. e malattie importanti. In età avanzata il corpo si indebolisce e anche il sistema immunitario. In assenza di un’alimentazione  sana e di un sano stile di vita, anche i giovani manifestano problemi al sistema immunitario.Le persone con un alto livello di tossine nel sangue o non supportate da una buona alimentazione, sono soggette ad avere un basso sistema immunitario. Le tossine impediscono al sistema immunitario di ostacolare gli attacchi esterni. Una cattiva alimentazione crea scarsità di anticorpi ed enzimi necessari per il trattamento di infezioni e disturbi. Il sistema immunitario è in deficit  a causa di :

  • Stress e  tensione
  • Inquinamento
  • Dieta inadatta
  • Virus 
  • Disturbo metabolico

Curcuma in Medicina Cinese

La Curcuma, chiamata Jiang Huang in Medicina Cinese, cura i meridiani di milza, stomaco e fegato. Rinvigorisce il sangue, favorendone il movimento, sblocca la mestruazione e il dolore addominale, allevia amenorrea e dismenorrea con dolore o gonfiore. Espelle il vento. La Curcuma è usata in Ayurveda per equilibrare vata, pitta e capha, anche se in eccesso, può aggravare però pitta e vata. Ha un particolare effetto benefico per rasa e rakta dhatu (sistema circolatorio). Accelera anche agni (fuoco), aiutando a ridurre kapha e ama (tossine e muco). Il suo gusto amaro, pungente e riscaldante, permettono di far fluire l’energia ristagnante, rimuovendo le scorie.

Gli organi principali che tratta curcuma sono il cuore, il fegato e i polmoni. Ha funzione anti ipertensiva, anti-tumorale, antiallergica, antiossidante, antisettica, antispasmodica, astringente, cardiovascolare, carminativacolagoga, digestiva, diuretica, stimolante.

pexels, download e utilizzo gratuito

Usi terapeutici della curcuma:

  • anemia
  • cancro
  • diabete
  • digestione
  • avvelenamento alimentare
  • calcoli biliari
  • indigestione
  • parassiti
  • cattiva circolazione
  • infezioni
  • ferite
  • tosse
  • leucorrea
  • pus nelle orecchie
  • aiuta a regolare il sistema riproduttivo femminile, purifica l’utero e il latte materno.
  • purifica il seme maschile
  • detossifica il fegato
  • riequilibra i livelli di colesterolo
  • combatte le allergie
  • potenzia il sistema immunitario
  • migliora la carnagione

 

Rosmarino

Rosmarinus officinalis L. (rosmarino) è una pianta medicinale originaria della regione mediterranea e coltivata in tutto il mondo. Oltre allo scopo terapeutico, è comunemente usato come condimento e conservante alimentare. R. officinalis L. è costituito da molecole bioattive, i fitocomposti, responsabili dell’attuazione di diverse attività farmacologiche, quali attività antinfiammatorie, antiossidanti, antimicrobiche, antiproliferative, antitumorali e protettive, inibitorie e attenuante.
L’olio essenziale di Rosmarino, oltre a mostrare un’attività di pulitura dei radicali liberi,  ha effetti epatoprotettivi anche attraverso l’attivazione di meccanismi fisiologici di difesa.

La sua azione si rivolge tramite il cuore e si riversa sull’intero organismo influendo sul pericardio. Si impiega nelle debolezze generali, sia fisiche che psichiche, sia nei casi di perdita di memoria e nelle affezioni del sistema nervoso.
L’attività antiossidante è stata valutata come capacità di eliminare  i radicali liberi , insieme all’effetto sulla perossidazione lipidica.

 

Astragalo

Il nome cinese dell’Astragalo, huang qi, significa .”energia gialla”, e suggerisce il suo importante ruolo nella stimolazione dell’organismo debilitato o affaticato.

In Cina si crede che esso riscaldi e dia tono al Wei qi, l’energia di protezione superficiale che circola al di sotto della pelle, aiutando il corpo ad adattarsi alle influenze esterne, specialmente al freddo.L’Astragalo, infatti, innalza l’immunoresistenza e, manifestamente, migliora le difese dell’organismo contro agenti virali e batterici, prevenendo le malattie da raffreddamento e l.influenza, abbreviandone il decorso ed evitando le ricadute. Le radici di Astragalo contengono numerosi principi attivi, quali saponine triterpeniche (astragalosidi I-VIII, acetilastragaloside,soyasaponina I, isoastragalosidi I-II ecc.), polisaccaridi (astragalani IIII,AG1, AG2, AH1 e AH2 ecc.), flavonoidi (canferolo, quercetina, isoramnetina, calicosina, formonetina, cumatachenina ecc.),aminoacidi liberi (asparagina, acido glutamico, canavanina, prolina,arginina, acido β aminobutirrico, acido aspartico ecc.) e più di 20 minerali in tracce (magnesio, ferro, rame, zinco, rubidio, cromo ecc.). I componenti coinvolti nella stimolazione del sistema immunitario sembrano essere soprattutto alcuni polisaccaridi e anche delle saponine. L’Astragalo stimola la produzione di interferone, una proteina che ostacola la moltiplicazione dei virus, attraverso il blocco della loro capacità di riprodursi all’ interno delle cellule dell’ospite. Gli estratti a base di Astragalo fanno aumentare il numero delle cellule Natural Killer (NK), che circolano nel sangue e nella linfa, col compito di distruggere un’ampia gamma di invasori, comprese le cellule tumorali e quelle infettate dai virus.E. stato osservato che gli astragalani determinano un aumento della citotossicità dei NK di circa sei volte rispetto al controllo. In Cina l’Astragalo viene somministrato a pazienti anziani per migliorarne le difese immunitarie. La pianta sembra attivare la funzione delle cellule B e aumentare i livelli di IgM, che generalmente tendono a diminuire con l’età. Ricerche preliminari suggeriscono che l’Astragalo possiede anche proprietà anticancerogene. Alcuni studi, condotti su pazienti affetti da cancro, dimostrano che un estratto acquoso della radice della pianta è in grado di ripristinare o incrementare l’attività delle cellule T e di far crescere la velocità di maturazione dei linfociti. L’Astragalo stimola anche l’attività delle cellule T-helper, che coordinano la risposta immunitaria, attraverso la riduzione dei livelli eccessivi di soppressori, quindi con una modalità di azione simile a quella di alcuni chemioterapici, ma priva di pericolosi effetti collaterali.

Vitamina A 

La vitamina A è un micronutriente essenziale per  la vita. Il suo acido retinoico metabolita fisiologicamente attivo e agisce attraverso i recettori dell’acido retinoico nucleare , è fondamentale per  lo sviluppo embrionale, oltre ad essere necessario per l’omeostasi dei tessuti adulti. La carenza di vitamina A durante la gravidanza aumenta il rischio di cecità notturna materna e anemia e può essere una causa di malformazioni congenite.
Recenti prove hanno dimostrato che la vitamina A, i carotenoidi e i carotenoidi provitamina A sono  antiossidanti efficaci per inibire lo sviluppo di malattie cardiache. La vitamina A deve essere ottenuta dalla dieta: verdure verdi e gialle, latticini, frutta e carni  sono alcune delle fonti più ricche.

La vitamina A è un composto liposolubile  necessario per la normale funzione immunologica, visione, proliferazione cellulare e differenziazione.
La carenza di vitamina A causa la cessazione della crescita, la cecità notturna e rende l’organismo più suscettibile alle infezioni, la  vitamina A  migliora la risposta immunitaria.

 

Vitamina C

La vitamina C o acido ascorbico è una vitamina idrosolubile derivata dal metabolismo del glucosio. Agisce come agente riduttore necessario per la sintesi delle fibre di collagene attraverso l’idrossilazione della prolina e della litosina. Protegge il corpo dai danni causati dai radicali liberi. Gli esseri umani non possono sintetizzare l’acido ascorbico in quanto mancano di un enzima chiamato gulonolattone ossidasi ( rif. L-gulonolattone ossidasi – Wikipedia) . Le concentrazioni nel plasma e nei leucociti riflettono rispettivamente i livelli della dieta e dei depositi corporei di questa vitamina. Tra gli alimenti con alti livelli di vitamina C ci sono pomodori, patate e agrumi come lime, arance e limoni. L’attuale raccomandazione sull’assunzione giornaliera di vitamina C è di 90 mg/giorno per gli uomini e di 75 mg/giorno per le donne. Le persone affette da malattie croniche come il cancro o il diabete o i fumatori necessitano dosi più elevate nella loro dieta abituale. La carenza di acido ascorbico dà origine alla comparsa di scorbuto. Questa malattia è raramente osservata nei paesi sviluppati. Lo scorbuto è caratterizzato dalla presenza di debolezza, dolori articolari o lesioni cutanee sotto forma di petecchie, sanguinamento gengivale, facilità nello sviluppo di lividi o ritardo nella guarigione delle ferite. Le manifestazioni cutanee più caratteristiche sono le papule ipercheratosiche perifollicolari purpuriche e la presenza di capelli crespi.

La vitamina C è un micronutriente essenziale per l’uomo, con funzioni pleiotropiche legate alla sua capacità di donare elettroni. La vitamina C contribuisce alla difesa immunitaria supportando varie funzioni cellulari sia del sistema immunitario innato che adattivo. La vitamina C supporta la funzione di barriera epiteliale contro gli agenti patogeni e promuove l’attività antiossidante della pelle, proteggendo e dallo stress ossidativo ambientale. La vitamina C si accumula nelle cellule fagocitiche, come i neutrofili, e può migliorare la chemiotassi, rif. : Chemiotassi – Wikipedia la fagocitosi, rif. Fagocitosi – Wikipedia, e l’uccisione microbica. Il ruolo della vitamina C nei linfociti è meno chiaro, ma è stato dimostrato che migliora la differenziazione e la proliferazione delle cellule B e T, probabilmente a causa dei suoi effetti di regolazione genica, rif. Regolazione genica – Wikipedia . La carenza di vitamina C si traduce in un’immunità compromessa e in una maggiore suscettibilità alle infezioni. A sua volta, le infezioni hanno un impatto significativo sui livelli di vitamina C a causa dell’aumento dell’infiammazione e del fabbisogno metabolico. Inoltre, l’integrazione con vitamina C sembra essere in grado di prevenire e trattare le infezioni respiratorie e sistemiche. La prevenzione profilattica dell’infezione richiede l’assunzione alimentare di vitamina C che forniscano livelli plasmaci almeno adeguati, se non saturi (cioè 100-200 mg/giorno), che ottimizzano i livelli di cellule e tessuti. Al contrario, il trattamento delle infezioni accertate richiede dosi significativamente più elevate (grammo) della vitamina per compensare l’aumento della risposta infiammatoria e della domanda metabolica.

Vitamina E 

Vitamina E è il termine indicante  un gruppo di tocoferoli e tocotrienoli, di cui l’alfa-tocoferolo ha la più alta attività biologica. A causa delle potenti proprietà antiossidanti dei tocoferoli, l’impatto dell’alfa-tocoferolo nella prevenzione delle malattie croniche, che si ritiene siano associate allo stress ossidativo, è stato spesso studiato e sono stati dimostrati effetti benefici.
La vitamina E è un antiossidante liposolubile in grado di proteggere gli acidi grassi polinsaturi  nella membrana dall’ossidazione, regolare la produzione di specie reattive di ossigeno e specie di azoto reattivo(e modulare la trasduzione del segnale.
Agisce nelle membrane cellulari dove previene la propagazione delle reazioni dei radicali liberi, sebbene sia stato anche dimostrato che ha attività pro-ossidante. I prodotti di ossidazione non radicali sono formati dalla reazione tra il radicale alfa-tocoferile e altri radicali liberi, che sono coniugati all’acido glucuronico ed escreti attraverso la bile o l’urina. La vitamina E viene trasportata nelle lipoproteine plasmatiche, viene assorbita nell’intestino e confezionata in chilomicroni, che lungo la via linfatica vengono secreti nella circolazione sistemica.  La vitamina E è essenziale per la normale funzione neurologica. È il principale antiossidante liposolubile e che rompe la catena nel corpo, proteggendo l’integrità delle membrane, inibendo la perossidazione lipidica. Principalmente sulla base dei sintomi della carenza primaria di vitamina E, è stato dimostrato che la vitamina E ha un ruolo centrale nel mantenimento della struttura e della funzione neurologica. La vitamina E integrata oralmente raggiunge il liquido cerebrospinale e il cervello

La carenza di vitamina E può causare danni ai nervi e rottura dei globuli rossi, ma questo è molto raro. I casi di carenza di vitamina E possono verificarsi con alimentazione  una dieta molto povera di grassi, .
Migliora la  la produzione di collagene che mantiene la pelle elastica, supporta anche la crescita di nuove cellule e accelera la rigenerazione delle cellule del corpo, quindi il consumo di vitamina E secondo la dose sarà un modo per eliminare le rughe sul viso.

A tua disposizione con una Consulenza di Naturopatia 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Ayurveda, salute e detox

Ayurveda, salute e detox

 

Etere, Aria, Fuoco, Acqua e Terra, i cinque elementi fondamentali, si manifestano nel corpo umano come tre principi di base, o stati d’animo, noti come tridosha.

Etere + Aria = Vata :

Dagli elementi di Etere e Aria si manifesta il principio Aria, nella terminologia sanscrita è chiamato vata dosha.

Acqua + Fuoco = Pitta :

Gli elementi di Fuoco e Acqua si manifestano nel corpo come il principio di Fuoco chiamato Pitta

Terra + Acqua = Kapha :

Gli elementi della Terra e dell’Acqua si manifestano come l’umore acquatico del corpo noto, come kapha.

 

Questi tre elementi  vata-pitta-kapha – governano tutte le funzioni biologiche, psicologiche e fisiopatologiche del corpo, della mente e della coscienza. Agiscono come costituenti fondamentali e barriere protettive nelle normali condizioni fisiologiche. Quando invece sono in uno stato di squilibrio, contribuiscono ai processi della malattia.

I tridosha sono responsabili delle preferenze naturali e individuali nel cibo, cioè sapore, temperatura e così via. Governano la creazione, il mantenimento,  la distruzione dei tessuti corporei e l’eliminazione dei prodotti di scarto dal corpo. Sono anche responsabili di fenomeni psicologici, tra cui alcune emozioni come la paura, la rabbia e l’avidità e del più alto grado di emozioni umane come la comprensione, la compassione e l’amore. In questo modo, i tridosha sono il fondamento dell’esistenza psicosomatica dell’uomo.

In sanscrito, la costituzione è chiamata Prakryti, un termine che significa “natura”, “creatività” o “la prima creazione”.

Nel corpo umano, la prima espressione dei cinque elementi fondamentali è la costituzione. La costituzione di base dell’individuo rimane invariata per tutta la vita, così come è determinata geneticamente. La combinazione degli elementi presenti al momento della nascita rimane costante. Tuttavia, la combinazione degli elementi che governano le trasformazioni fisiopatologiche continue nel corpo, viene alterata in risposta ai cambiamenti in atto nell’ambiente.

Nel corso della vita c’è un’interazione incessante tra l’ambiente interno e l’ambiente esterno. L’ambiente include la somma delle forze cosmiche (macrocosmo), mentre le forze interne (microcosmo) sono governate da vata-pitta-kapha. In Ayurveda, un principio fondamentale di cura afferma che  si può stabilire  equilibrio tra le forze interne che agiscono nell’individuo. Ciò si ottiene alterando la dieta e le abitudini di vita, al fine di contrastare i cambiamenti che hanno avuto luogo all’esterno.

Pitta governa la digestione, l’assorbimento, l’assimilazione, la nutrizione, il metabolismo, la temperatura corporea, la colorazione della pelle, lo splendore degli occhi e anche l’intelligenza e la comprensione.

Psicologicamente pitta dà origine a rabbia, odio e gelosia. L’intestino tenue, lo stomaco, le ghiandole sudoripare, il sangue, il grasso, gli occhi e la pelle sono sedi di pitta, che è formato da  Fuoco e Acqua.

L’eccesso di pitta disturba il metabolismo, l’eccesso di kapha aumenta il tasso di anabolismo e l’eccesso di vata crea emaciazione (catabolismo).

Pitta dosha

Le persone pitta hanno molte lentiggini,  la carnagione è  giallastra e rossastra. La pelle è morbida, calda e meno rugosa della pelle vata. I capelli sono sottili, setosi, rossi o marroni e c’è una tendenza all’incanutimento precoce e alla loro perdita. Gli occhi sono grigi, verdi o marroni rame e sottili; i bulbi oculari sono di media grandezza. La congiuntiva  è umida,le unghie sono morbide. La forma del naso è spigolosa e la punta tende ad essere rossastra.

A livello fisico, queste persone hanno un forte metabolismo, una buona digestione e buon  appetito. Gli individui della costituzione pitta ingeriscono abitualmente grandi quantità di cibo e bevande. I tipi pitta hanno una propensione naturale per  sapori dolci, amari e astringenti e amano le bevande fredde. Il loro sonno è di media durata, ma ininterrotto. Producono molta urina e le feci sono giallastre, liquide, morbide e abbondanti. C’è una tendenza verso un’eccessiva sudorazione. La temperatura corporea può essere leggermente alta; mani e piedi tenderanno ad essere caldi. I tipi pitta non tollerano bene la luce solare, il calore o il duro lavoro.

A livello psicologico, le persone pitta hanno una buona comprensione; sono molto intelligenti e acute e tendono ad essere molto bravi nel parlare. Tendono a provare  odio, rabbia e gelosia. Sono persone ambiziose a cui in genere piace dirigere. Le persone pitta apprezzano la prosperità materiale e tendono ad essere ricche. Si rallegrano nell’esporre la loro ricchezza .

Squilibrio e malattia 

Lo squilibrio che causa la malattia può avere origine nella coscienza sotto forma di una certa consapevolezza negativa e può quindi manifestarsi nella mente, dove il seme della malattia può trovarsi nel subconscio più profondo, sotto forma di rabbia, paura o attaccamento. Queste emozioni si manifestano nel corpo attraverso la mente. La paura repressa creerà danni al Vata; rabbia, un eccesso pitta, invidia, avidità e attaccamento aggraveranno kapha. Questi squilibri nel tridosha influenzeranno la resistenza naturale del corpo (il sistema immunitario, agni) e in questo modo, il corpo sarà soggetto alla malattia. Agni è il fuoco biologico che governa il metabolismo. È simile a pitta nella sua funzione e può essere considerato parte integrante del sistema pitta nel corpo, funzionando come agente catalitico nella digestione e nel metabolismo. Pitta contiene energia e calore che aiuta la digestione:  questa energia termica è agni. Pitta e agni sono essenzialmente la stessa cosa con questa sottile differenza: pitta è il contenitore e agni è il contenuto.

Il ruolo fondamentale di pitta nella digestione 

Pitta si manifesta nello stomaco come Fuoco  gastrico, agni. Agni è di natura acida e la sua azione consuma  il cibo e stimola la digestione.

Agni è presente e necessario in ogni tessuto e cellula per mantenere la nutrizione tissutale e per il mantenimento del meccanismo autoimmune. Agni distrugge microrganismi, batteri e tossine estranee nello stomaco e nell’intestino tenue e crasso. In questo modo, agni protegge la flora batterica di questi organi. La longevità dipende da agni. Intelligenza, comprensione e percezione sono anche funzioni dell’Agni. Il colore della pelle è mantenuto da agni e i sistemi enzimatici e metabolici dipendono interamente da agni. Finché agni funziona correttamente, i processi di scomposizione del cibo, l’assorbimento e l’assimilazione nel corpo opereranno armoniosamente.

Quando agni è indebolito a causa di uno squilibrio nei tridosha, il metabolismo è drasticamente influenzato. La resistenza del corpo e del sistema immunitario è indebolita. I componenti del cibo rimangono non digeriti e non assorbiti. Si accumulano nell’intestino crasso diventando una sostanza eterogenea  appiccicosa e con un cattivo odore , chiamata Ama, che si   manifesta quando la funzione di agni è ritardata. Tuttavia, anche un’iperattività di agni è dannosa. Quando agni diventa iperattivo, il processo di digestione, a causa di un’eccessiva combustione, distrugge i normali nutrienti biologici del cibo. Ciò causa emaciazione e questa condizione indebolisce anche il sistema immunitario del corpo.

Squilibrio di pitta 

L’eccesso di pitta può causare un alto tasso di acidità nelle urine. Inoltre, anche le sostanze che stimolano l’orinazione, come tè, caffè e alcol, possono aggravare la pitta. Un aumento di pitta sarà causato da: cibi piccanti, burro di arachidi, frutta acida, pomodori, aglio, banane e papaia. Gli alimenti che inibiscono pitta sono: mango, arance, peri, prugne, germogli, insalata verde, semi di girasole, asparagi e funghi.

Il ruolo  chiave dell’alimentazione 

Se ingerisci costantemente sostanze che hanno caratteristiche opposte a quelle del tuo corpo, queste  prevarranno e causeranno  danni. È il cibo che nutre il corpo, la mente e la coscienza, quindi il modo in cui mangi è importante. Quando sei a tavola, dovresti sederti in posizione verticale ed evitare distrazioni come la conversazione televisiva o la lettura. Concentrati sul gusto del cibo e sii consapevole di ciò  di cui ti nutri. Mastica con amore e compassione e sperimenterai chiaramente i sapori. Il  sapore non è originato dal cibo, ma ha avuto origine dall’esperienza di chi mangia. Se il tuo agni è danneggiato, non ti godrai correttamente il cibo perché il gusto del cibo dipende da agni. Le spezie aiutano ad eccitare agni, oltre a purificare il corpo e arricchire il gusto del cibo.

Primavera e disintossicazione 

La primavera, da marzo a maggio, è la congiunzione tra inverno ed estate. Kapha è aggravato all’inizio della primavera e pitta è nella sua parte finale. All’inizio della primavera, il kapha accumulato durante l’inverno viene liquefatto e lentamente asciugato. Il calore a tarda primavera aumenta il calore pitta nel corpo, aumenta  i disturbi di Pitta come diarrea estiva, occhi arrossati, scottature solari, orticaria, dermatite.

La disintossicazione è importante perché può letteralmente invertire i sintomi della malattia e cambiare le nostre vite. Esistono molti tipi diversi di protocolli di disintossicazione ed è importante trovarne uno che funzioni bene per noi, a seconda della costituzione, seguirai diversi programmi di disintossicazione. Disintossicare significa rimuovere veleni o tossine. Il nostro corpo ha un sistema naturale di gestione dei rifiuti, i rifiuti vengono eliminati attraverso l’urina, il sudore e le feci. Filtriamo l’aria che respiriamo, il cibo e le bevande che consumiamo e tutto ciò che assorbiamo attraverso la nostra pelle. La nostra circolazione sanguigna, il tratto digestivo, il fegato, i reni e i polmoni sono tutti sistemi che funzionano in modo efficiente ed efficace nelle giuste condizioni.

I problemi sorgono quando sovraccarichiamo. Bere caffè e alcol ogni giorno, respirare aria carica di piombo inquinato, mangiare cibi artificiali pieni di additivi e zuccheri, mangiare troppo e non dormire abbastanza, sentirsi stressati. Questi fattori esauriscono il nostro corpo e gradualmente la loro capacità di eliminare i rifiuti diminuisce e le tossine si accumulano. Smettiamola di prosperare. È importante sapere quando è il momento di eliminare lo squilibrio psicofisico e snellire il tuo corpo come farei con il tuo guardaroba alla fine di ogni stagione.

Le tossine

Le tossine sono le sostanze che interrompono  l’equilibrio  interno e creano disarmonia del sistema di organi.

Includono prodotti di scarto provenienti da normali attività metaboliche del corpo, come materiale fecale, anidride carbonica e urea, nonché inquinanti ambientali come metalli pesanti, radicali liberi, batteri e virus. Le tossine portano a malattie e persino all’invecchiamento precoce.

Una lunga lista di sintomi è associata all’accumulo di tossine nel corpo, tra cui mal di testa, mal di schiena e mal di schiena, crampi mestruali, gonfiore, arti gonfi, senso di costrizione toracica, eruttazione eccessiva, reflusso, scarso appetito, stitichezza o diarrea, occhi iniettati dal sangue, sete, alito cattivo, ulcere e problemi alla pelle.

Il fegato, l’intestino tenue, i reni e il colon sono i principali organi coinvolti nel sistema di disintossicazione del corpo.

Non è necessario fare una drastica pulizia del corpo, a base di succhi, della durata di 30 giorni , per ottenere i benefici della disintossicazione, con i rimedi ayurvedici puoi :

 

  • Migliorare la digestione (rimozione di materiale putrido associato al gas e cattivi odori corporei.
  • Riequilibrare il sistema intestinale.
  • Aumentare i livelli di energia e favorire una sensazione di benessere
  • Aumentare l’assorbimento dei nutrienti
  • Aumentare l’efficienza dei sistemi corporei e delle funzioni degli organi.

Ricorda che ….

I segni di cattiva salute del fegato includono una carnagione opaca, acne, problemi agli occhi arrossati, visione offuscata, debolezza muscolare e insonnia.

 

Alcuni rimedi naturali per la disintossicazione e la purificazione

 

Cipolle

aiutano a ridurre il colesterolo e sono un buon tonico per il cuore: l’azione delle cipolle aiuta a ridurre il battito cardiaco. Mezza tazza di succo di cipolla fresca con due cucchiaini di miele, per uso interno, allevia asma, tosse, spasmi, nausea, vomito e aiuterà anche a distruggere i vermi intestinali.

Coriandolo

E’ un diuretico naturale e può essere utilizzato quando si verifica una sensazione di bruciore. Si può  preparare un’infusione versando acqua bollente sui semi mentre sono nel colino. Questa infusione rende l’urina più alcalina ed è utile anche nei casi di indigestione, gas intestinali, nausea e vomito. Succo di coriandolo fresco (coriandolo), bilancia Pitta e viene utilizzato per orticaria e dermatite. Può anche essere applicato sulla pelle sotto forma di crema per alleviare una sensazione di bruciore. Inoltre, il succo fresco di questa pianta viene utilizzato e come purificatore del sangue.

Cumino:

Questa pianta è aromatica, leggermente amara e pungente. Favorisce la digestione, migliora il gusto del cibo e promuove la secrezione di succhi gastrici. La polvere tostata viene efficacemente utilizzata per disturbi intestinali come diarrea o dissenteria, mettendo  un pizzico di cumino in polvere nei in succhi freschi . Il cumino allevia anche crampi e dolori addominali ed è molto efficace per i disturbi pitta e kapha.

Curcuma

Ha proprietà antinfiammatorie. Indicata per abrasioni, lividi o gonfiore traumatico, la pasta di curcuma può essere applicata localmente, il dolore, il gonfiore e l’infiammazione verranno rapidamente rimossi. La curcuma è anche utile nel trattamento del diabete, assumere da quattro a cinque capsule ad ogni pasto per aiutare la glicemia a tornare a livelli normali.

Semi di lino

Alleviano i problemi di stitichezza, la dilatazione e il fastidio nella regione addominale. I semi di lino sono energici e aiutano anche a mitigare l’asma e la tosse cronica.

Punarnava

E’ un’erba ampiamente diffusa,  con potenziale antitossico, antiossidante e attività antibatterica contro microrganismi .

Zenzero

Provoca sudorazione, stimola l’agni, neutralizza le tossine, facilita la digestione, l’assorbimento e l’assimilazione del cibo. Inoltre, allevia l’infiammazione della gola, il freddo, congestione e problemi con i seni paranasali. Lo zenzero in polvere mescolato in acqua bollente è un infuso che può essere assunto con miele. Per rimediare a un agni debole puoi mangiare zenzero grattugiato fresco con un po ‘di aglio. Dovrebbe essere assunto  solo nel caso in cui pitta sia in equilibrio.

Amla

E’ forse l’erba più spesso menzionata nella Caraka Samhita. Ha la reputazione di  potente erba ringiovanente ed è usata in molte formule di ringiovanimento ayurvedico, la più famosa delle quali è Chavana Prash. Amla è particolarmente utile per le costituzioni pitta, in quanto ha una potenza fredda, che  non aggrava gli altri dosha. Si dice che il frutto abbia il più alto contenuto di vitamina C di qualsiasi sostanza naturale presente in natura. Promuove gli ojas e i fluidi riproduttivi ed è utile nel trattamento delle ulcere e dell’iperacidità.

Guduchi

E’ una delle sue migliori erbe per guarire e ringiovanire in Ayurveda. La ricerca moderna mostra che è un forte immunostimolante con effetti anti-citotossici. L’uso di guduchi aiuta a ridurre gli effetti di farmaci tossici per la lotta contro il cancro e. Altri studi mostrano la capacità di abbassare la glicemia .

Guggulu

E’ solitamente mescolato con altre erbe per migliorarle e guidarle verso un’azione specifica nel corpo. È considerato una forte sostanza ringiovanente e purificante. Guggulu è noto per avere proprietà afrodisiache, riduce il grasso, le  tossine e altre sostanze in eccesso nei tessuti. E’ efficace nel trattamento dell’artrite, disturbi digestivi , diabete e  ulcere. La ricerca moderna mostra che è l’erba ayurvedica primaria per il trattamento dell’obesità e del colesterolo alto. Guggulu, abbassa il colesterolo .

Kumari

Tradizionalmente l’ayurveda ha usato kumari per il trattamento di vermi intestinali, squilibri di milza, come lassativo e tonico per l’utero. È utile per qualsiasi tipo di condizioni di pitta, ulcere e infiammazioni, sia internamente che esternamente. È considerato un afrodisiaco e indicato  per le malattie veneree. Alcuni studi moderni lo hanno dimostrato efficace nel trattamento della dispepsia, flatulenza, coliche intestinali, debilità generale, tosse, asma, come promotore della crescita dei capelli.

Katuki

È usato in Ayurveda per malattie del fegato e dei polmoni. È stato usato per curare il vomito e la febbre. È noto principalmente come rimedio efficace contro l’asma. Ha  un’azione tonica sul corpo.

. La maggior parte di questi studi si concentra sulle sue proprietà di protezione del fegato e sulle sue comprovate qualità antiasmatiche. Gli scienziati sono stati in grado di isolare il principio attivo del katuki , mettendone in evidenza le proprietà rigeneranti a livello epatico.

 

Un ottimo prodotto per la detossificazione, è Yakrit Plihantak Churna di Planet Ayurveda

 

Tutte le capsule di Planet  Ayurveda sono preparate utilizzando capsule vegetali  in cui viene inserito  l’estratto standardizzato .
Tutti gli integratori a base di erbe Planet  Ayurveda sono preparati con erbe biologiche e pure, senza additivi, coloranti, aggreganti, conservanti, sostanze chimiche, ecc.
Si tratta di  prodotti validi, con tutte le certificazioni richieste a livello globale, come GMP, ISO, WHO-GMP, HACCP, HALAL, US-FDA, KOSHER, India Organic.
I prodotti sono sicuri ed economici,  da usare in qualsiasi fascia d’età, secondo le raccomandazioni degli esperti ayurveda.
La gamma di Planet Ayurveda comprende tisane, sciroppi di erbe, capsule di erbe singole, capsule con varie erbe in sinergia, pacchetti di combinazioni di erbe, miscele di erbe in polvere, polvere di erbe singole, estratti secchi  di erbe, succhi di erbe, oli vegetali, prodotti di bellezza a base di erbe, formulazioni ayurvediche classiche e prodotti a base di erbe per animali domestici (cani, cavalli, scimmie, gatti, ecc.)

Puoi acquistarlo direttamente qui @ https://store.planetayurveda.com/products/yakrit-plihantak-churna

 

Fatty Liver Herbal Remedy, Fatty Liver, Herbs for Fatty Liver, Herbal Remedies Liver failure, Liver Cirrhosis (planetayurveda.com)

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per le infiammazioni

Rimedi naturali per le infiammazioni

La Sinusite, nota come Panis in Ayurveda è generalmente causata da infezioni batteriche o spesso virus o infezioni da funghi possono anche portare alla sinusite. In questa condizione i seni (cavità piene d’aria situate su entrambi i lati del naso) sono bloccati con muco e si infiammano.

La sinusite è una condizione che causa infiammazione o gonfiore nei seni. I seni fanno parte dell’anatomia umana e si riempiono d’aria, ma quando i seni si bloccano e si riempiono di liquidi, batteri, virus e funghi possono crescere e causare un’infezione.

La sinusite Può causare mal di testa o pressione agli occhi, nel naso o nell’area delle guance. Una persona può anche avere tosse, febbre,starnuti,  alito cattivo e congestione nasale con spesse secrezioni. Alcune condizioni di salute come raffreddore comune, rinite allergica, polipi nasali o un setto deviato possono causare il gonfiore dei seni con conseguente infezione.

Le persone con un basso sistema immunitario sono spesso affette da infezioni batteriche o fungine dei seni.

La sinusite può manifestarsi a causa di molteplici fattori come allergie, infezioni, irritazione chimica dei seni. Inoltre, il consumo di cibi oleosi, piccanti, secchi, troppo caldi o troppo freddi, causano la  compromissione di tre dosha (Vata, Pitta, Kapha) con conseguente blocco, gonfiore o irritazione del tessuto dei seni.

Tipi di sinusite (Pinas)

 

  • Sinusite acuta
  • Sinusite subacuto
  • Sinusite cronica
  • Sinusite infettiva
  • Sinusite non infettiva

Otite

In Ayurveda l’orecchio è considerato una sede importante di Vata (Aria). Quando Vata aumenta, come nella stagione di transizione dell’autunno, in cui  si verificano molte variazioni del clima e delle abitudini (ritorno a scuola o al lavoro), si ha dolore all’orecchio. Quando Vata si associa a Kapha (Acqua), si verificherà un blocco del condotto uditivo e dell’orecchio medio con la comparsa di suoni o perdita dell’udito. Se si associa a Pitta (Fuoco) ci sarà ancora più secrezione dell’orecchio e formazione di pus.

Pertanto Ayurveda raccomanda la prevenzione proteggendo le orecchie dal freddo, dall’acqua e oliando il condotto uditivo con oli ayurvedici .

Un’infezione virale nell’orecchio medio può causare blocco e gonfiore. Questo può anche portare alla produzione di alcuni fluidi batterici simili al pus che possono causare dolore e altri problemi legati all’udito. Il problema è più comune nei bambini che negli adulti. A parte questo, la stagione invernale, caratterizzata  da tosse e raffreddore possono mettere a un rischio più elevato di infezione dell’orecchio medio. Entrare in contatto con qualcuno con infezioni respiratorie è ancora motivo di ciò che causa l’otite media.

 

 

Segni e sintomi dell’otite media

 

  • Dolore all’orecchio
  • Difficoltà a dormire
  • Ipoacusia
  • Scarico fluido dall’orecchio
  • Mal di testa
  • Tosse e raffreddore
  • Febbre
  • Perdita di appetito

Emorroidi

 

Le emorroidi sono essenzialmente vene varicose del retto e dell’ano. Le persone tra i 45 e i 60 anni hanno dimostrato di avere maggiori probabilità di svilupparle, anche se possono verificarsi molto prima .

Le emorroidi interne non sono tipicamente visibili e si manifestano sopra l’orifizio anale all’interno del canale rettale

Le emorroidi esterne sono visibili e sono spesso di colore da rossastro a viola, causano una sensazione di pienezza, dolore acuto, sensazione di spilli e prurito.

Le emorroidi sono comunemente causate da un disturbo o da una maggiore pressione all’ano a causa dei seguenti fattori:

 

  • Problemi digestivi
  • Stitichezza
  • Parto
  • vita sedentaria
  • Sollevamento di pesi pesanti
  • Predisposizione ereditaria
  • Fattori dietetici
  • Obesità

 

Sono a tua disposizione per le tematiche trattate, con un Percorso di Naturopatia

 

Olio di nocciolo di albicocca

 

Il nocciolo di albicocca è il seme secco e maturo di Prunus armeniaca L. e Prunus armeniaca L. var. [ . Il principale ingrediente  è l’amigdalina (D-mandelonitrile-b-Dgentiobioside) che ha proprietà antitosse e antiasmatiche.

Recentemente, è stato riferito che l’amigdalina può uccidere selettivamente le cellule tumorali nel sito tumorale senza tossicità sistemica.

L’albicocca è uno dei frutti più importanti prodotti nei paesi temperati. Consumato sia come fresco che essiccato, rappresenta un ingrediente importante della dieta. Contiene polifenoli, carotenoidi con noti effetti biologici, tra cui la protezione del fegato e del cuore, in quanto antiossidante e antinfiammatorio, e microelementi, come Zn, Ca, Cu, Fe, Mg, Na, Mn, P e K.

L’amigdalina è un glicosside cianogenico che è descritto come un agente anticancro presente in natura.

L’amigdalina (vitamina B-17) è vitamina presente naturalmente nei semi dei frutti della famiglia Prunus Rosacea tra cui albicocca, mandorla amara, ciliegia e pesca.

L’amigdalina è un agente anti-cancro che può essere utilizzato per il trattamento del carcinoma epatocellulare. Il potere curativo dell’amigdalina  aumenta  significativamente con l’aggiunta di zinco.

Il cancro al pancreas è la quarta causa comune di morte per cancro. I semi di albicocca amara possiedono una serie di proprietà farmacologiche tra cui l’attività antitumorale e l’amigdalina dai semi di albicocca amara può indurre apoptosi. In uno studio, sono stati analizzati gli effetti cito/genotossici dell’estratto etanolanico di albicocca amara e dell’amigdalina sul cancro al pancreas umano .

L’effetto antitumorale dell’ amigdalina è efficace anche nel cancro al seno, della cervice, colon, leucemia e tumore della vescica. Tale estratto ha un effetto anti-proliferativ . Questi risultati contribuiscono allo sviluppo di terapie dietetiche anti-cancro.

Il National Cancer Registry of South Africa ha registrato che il cancro del colon-retto è uno dei primi dieci tumori più comuni sia negli uomini che nelle donne. Circa 1 persona su 17 , di età superiore ai 50 anni, sviluppa il cancro al colon nel corso della vita. Il cancro al colon dipende dalla nutrizione, il consumo di alcol rappresenta il maggior fattore di rischio, seguito da una dieta ricca di grassi, scarsa assunzione di fibre alimentari, obesità, fumo e mancanza di esercizio fisico . L’assunzione giornaliera può rendere questi noccioli un agente chemiopreventivo vitale.

L’ olio di nocciolo di albicocca migliora l’immunosoppressione associata alla ciclofosfamide .

Gli effetti dell’olio alimentare di nocciolo di albicocca (AKO), che contiene alti livelli di acidi oleici e linoleici e livelli inferiori di α-tocoferolo, gli studi hanno evidenziato una riduzione dello stress ossidativo e l’inibizione della degenerazione degli organi . Le attività dei metaboliti intermedi dell’acido oleico e linoleico.

Un ottimo prodotto è Alato 23, disponibile qui o in farmacia.