Archivio degli autori Alessandra Zarone

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Rodhiola

Piante adattogene ed etnobotanica: Rodhiola

Rodhiola

Rhodiola rosea è ampiamente distribuita ad alta quota nelle regioni artiche e montuose in tutta Europa e in Asia. È annoverata fra i rimedi popolari di Europa orientale e Asia che stimolano il sistema nervoso. Riduce la depressione, migliora le prestazioni lavorative, elimina l’affaticamento e previene il mal di montagna.

Rodhiola rosea, nota anche come “radice d’oro”, “radice di rosa” o “radice artica”, appartiene alla famiglia delle piante Crassulacee. R. rosea cresce principalmente in terreni sabbiosi asciutti ad alta quota nelle aree artiche dell’Europa e dell’Asia. La pianta raggiunge un’altezza di 70 cm e produce fiori gialli. È una pianta perenne con un rizoma denso, fragrante quando tagliato. Oltre alla Rhodiola rosea, sono state identificate oltre 200 diverse specie di Rhodiola e almeno 20 sono utilizzate nei sistemi medici tradizionali in Asia, tra cui R. alterna, R. brevipetiolata, R. crenulata, R. kirilowii, R. quadrifida, R. sachalinensis e R. sacra. Rhodiola rosea è stata intensamente studiata in Russia e Scandinavia per più di 35 anni.

La pianta Rhodiola crenulata è una specie erbacea perenne distribuita nella regione dell’altopiano della Cina sud-occidentale, in particolare nella regione dei Monti Hengduan. È da secoli o uno dei più importanti rimedi erboristici tradizionali tibetani. Nella Medicina Tradizionale Cinese, appartiene alla categoria degli adattogeni, definita modificatore della risposta allo stress che può migliorare la resistenza non specifica allo stress. Il genere Rhodiola (Hong Jing Tian; Crassulaceae) è costituito da più di 200 specie, di cui circa 20, tra cui Rhodiola rosea, Rhodiola alterna, Rhodiola brevipetiolata, Rhodiola crenulata, Rhodiola kirilowi, Rhodiola quadrifida, Rhodiola sachalinensis e Rhodiola sacra, sono utilizzate da millenni nella medicina popolare asiatica. Queste piante crescono principalmente nella cintura himalayana, Tibet, Cina e Mongolia, ma sono coltivati anche in Europa e Nord America e sono disponibili sul mercato come integratori alimentari.

La medicina popolare russa usava R. rosea per aumentare la resistenza fisica, la produttività del lavoro, la longevità, la resistenza al mal di montagna e per trattare affaticamento, depressione, anemia, impotenza, disturbi gastrointestinali, infezioni e disturbi del sistema nervoso. Nei villaggi di montagna della Repubblica di Georgia, un mazzo di radici viene ancora dato alle coppie prima del matrimonio per migliorare la fertilità e assicurare la nascita di bambini sani. I siberiani trasportavano segretamente l’erba lungo antichi sentieri verso le montagne caucasiche, dove veniva scambiata per vini georgiani, frutta, aglio e miele. Gli imperatori cinesi inviarono spedizioni in Siberia per procurarsi la “radice d’oro” per i preparati medicinali.

In Asia centrale, il tè di  R. rosea era il trattamento più efficace per raffreddore e l’influenza durante i severi inverni asiatici. I medici mongoli lo hanno prescritto per la tubercolosi e il cancro. Per secoli, solo i membri della famiglia sapevano dove raccogliere le “radici d’oro” selvatiche e i metodi di estrazione.

Rhodiola rosea è utilizzata da millenni in Asia ed Europa orientale per migliorare le prestazioni fisiche e mentali, stimolare il sistema nervoso, alleviare la depressione e l’affaticamento, prevenire il mal d’alta quota e l’anossia. In Russia e Mongolia è usata per il trattamento di malattie e debolezza a lungo termine, causate da infezioni. La Rhodiola rosea è la specie di pianta medicinale alpino-artica più conosciuta della famiglia delle Crassulaceae, che cresce in Asia, Europa e Nord America. I rizomi contengono agenti tonici, adattogeni, antidepressivi, antinfiammatori, antitumorali, antitumorali, antivirali. Nei villaggi di montagna della Siberia, un mazzo di radici viene ancora dato alle coppie prima del matrimonio per migliorare la fertilità e assicurare la nascita di bambini sani. In Asia centrale, il tè di R. rosea era il trattamento più efficace per il raffreddore e l’influenza durante i severi inverni asiatici. I medici mongoli lo hanno prescritto per la tubercolosi e il cancro. Per secoli, solo i membri della famiglia sapevano dove raccogliere le “radici d’oro” selvatiche e i metodi di estrazione. I siberiani trasportavano segretamente l’erba lungo antichi sentieri verso le montagne caucasiche dove veniva scambiata per vini georgiani, frutta, aglio e miele.

Nel 77 A.C. nel suo De Materia Medica, il medico greco, Dioscoride, registrò per la prima volta le applicazioni medicinali di Rodia riza. I Vichinghi usavano l’erba per migliorare la loro forza fisica e resistenza.

Linneo la ribattezzò Rhodiola rosea riferendosi all’attar (fragranza) simile alla rosa . Per secoli, R. rosea è stato usato nella medicina tradizionale di Russia, Scandinavia e altri paesi. Tra il 1748 e il 1961 varie applicazioni medicinali di R. rosea apparvero nella letteratura scientifica di Svezia, Norvegia, Francia, Germania, Unione Sovietica e Islanda.

Linneo descrisse di R. rosea come astringente e per il trattamento di ernia, leucorrea (perdite vaginali), isteria e mal di testa. Nel 1755 R. rosea fu inclusa nella prima farmacopea svedese. Ricercatori tedeschi hanno descritto i benefici di R. rosea per il dolore, il mal di testa, lo scorbuto, le emorroidi, come stimolante e antinfiammatorio. Nel 1961, G.V. Krylov, un botanico e tassonomista russo nel Dipartimento di Botanica presso il ramo di Novosibirsk dell’Accademia Russa delle Scienze, guidò una spedizione nella taiga di cedro nei Monti Altai della Siberia meridionale dove localizzò e identificò la “radice d’oro” come Rhodiola rosea.

Studi clinici hanno rivelato che protegge gli animali e gli esseri umani dallo stress mentale e fisico, dalle tossine e dal freddo, cura da cancro e radiazioni grazie ai fenilpropanoidi specifici di R. rosea. L’uso tradizionale di R. rosea come tonico nella medicina siberiana e russa ha stimolato ricerche approfondite che hanno portato all’identificazione di R. rosea come adattogeno. Studi su colture cellulari, animali e umani hanno rivelato effetti antifatica, antistress, antiipossico (protezione contro gli effetti dannosi della privazione di ossigeno), antitumorali, antiossidanti, immunostimolanti e stimolanti sessuali. Simile ad altri adattogeni vegetali studiati da ricercatori russi, come Eleutherococcus senticosus (ginseng siberiano) e Panax ginseng (ginseng coreano), estratti di questa pianta producono cambiamenti favorevoli in una varietà di diverse aree della funzione fisiologica del sistema nervoso centrale e cardiovascolare. In Cina e Tibet, le specie rhodiola chiamate Hongjingtian sono utilizzate da migliaia di anni come adattogene, emostatiche e toniche. È usata da secoli anche nella medicina popolare della Scandinavia e della Russia. Tra il 1725 e il 1960 diversi dati sull’uso medicinale di questa specie furono pubblicati in Svezia, Norvegia, Francia, Germania, Russia e Islanda. Nel 1755, R. rosea fu inclusa nella Farmacopea di Svezia (prima edizione). Nel suo articolo del 1755 intitolato “Flora Svecia”, Linné ha mostrato che R. rosea emette un profumo molto piacevole e si raccomanda per curare il mal di testa.

I ricercatori tedeschi hanno descritto i benefici di R. rosea per dolore, mal di testa, scorbuto, emorroidi, come stimolante e antinfiammatorio. Recentemente, le erbe medicinali cinesi, fra cui Rhodiola, sono state studiate per la loro efficacia terapeutica nel trattamento di alcune malattie legate all’invecchiamento.

Rhodiola rosea in Bulgaria è sotto la protezione della legge per la diversità biologica. Secondo studi scientifici degli ultimi decenni, la pianta potrebbe avere un potenziale per l’uso nel trattamento di disturbi della memoria, stress e depressione.

Gli estratti di piante di Rhodiola sono tradizionalmente usati in tonici e adattogeni, antidepressivi e farmaci antinfiammatori. Il più noto è Rhodiola rosea. Gli effetti farmacologici della Rhodiola rosea, compreso il suo ruolo nell’aumentare la longevità, stimolare il sistema nervoso centrale ed elevare le prestazioni lavorative, ha effetto cardiotonico, neurotonico epatoprotettivo, svolge attività immunotropica, antivirale, antinfiammatoria e antibatterica.

 

Un ottimo rimedio naturale con Rodhiola è  Alato 6, acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Eleuterococco

Piante adattogene ed etnobotanica: Eleuterococco

Eleuterococco

Eleutherococcus senticosus Harms (Acanthopanax senticosus, Araliaceae), chiamato anche ginseng siberiano, Ciwujia in cinese e Gasiogalpi in Corea, Ezoukogi in Giappone, è distribuito nella Russia sud-orientale, nella Cina nord-orientale, in Corea e in Giappone. La pianta medicinale legnosa è conosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà curative, e in particolare le radici corticali e i tessuti staminali sono stati utilizzati per il trattamento di vari disturbi come cancro, diabete, malattie cardiovascolari, epatite, problemi alla milza e disturbi epatici. Shigoka, il rizoma di Eleutherococcus senticosus, è una medicina tradizionale usata come tonico nell’Asia nord-orientale e nella Russia orientale. E’utilizzato nella medicina popolare cinese come anti-affaticamento, anti-infiammazione, antistress, antiulcera e sostegno delle funzioni cardiovascolari. In Cina, Corea, Giappone e Russia il Ginseng siberiano è utilizzato per il trattamento di malattie infiammatorie, anemia e artrite reumatoide. Nell’etnomedicina cinese e russa, il suo uso era empirico, perché la gente credeva che fosse una panacea che promuoveva la longevità, con effetti benefici per il trattamento degli affaticamenti fisici. I frutti sono stati utilizzati per lungo tempo come ingrediente del vino fermentato, le foglie come tonico, come bevanda per ridurre i danni al fegato e accelerare la disintossicazione dall’alcol.

Le foglie di E. senticosus sono state utilizzate in Cina per creare una bevanda chiamata tè ci-wu-jia in Cina. Eleuterococcus cresce principalmente nello Shanxi, nell’Hebei e nella regione nord-orientale della Cina. Radici, rizomi o steli di E. senticosus vengono raccolti in primavera o in autunno e utilizzati come tonico e antifatica per rinvigorire il Qi, rafforzare la milza, nutrire il rene, trattare nevrosi, malattie coronariche, infiammazioni, angina pectoris, cambiamenti fisiopatologici indotti dallo stress e menopausa.

Il consumo di frutti selvatici commestibili dà un importante contributo alla salute delle comunità locali. I frutti commestibili selvatici sono noti per possedere nutrienti benefici, tra cui minerali, polifenoli e varie vitamine. I rizomi e le radici di E. senticosus sono registrati nelle farmacopee cinesi e giapponesi per il trattamento di nevrastenia, ipertensione, tosse cronica e cardiopatia ischemica. La foglia di E. senticosus è classificata come cibo ed è utilizzata in tè, zuppe, vino e così via. I frutti di E. senticosus sono usati in Russia nella medicina popolare come tonico sul sistema nervoso centrale e come adattogeno. Negli ultimi anni, E. senticosus sono diventati popolari negli Stati Uniti e nei paesi europei come nuova pianta medicinale e integratore alimentare. La pianta ha proprietà antibatteriche, antitumorali, antinfiammatori, antigottose, antiepatite, antiossidanti, antipiretici; è coleretica, facilita l’emostasi, stimola il sistema immunitario, abbassa il colesterolo e protegge dalle radiazioni.

Eleutherococcus senticosus o ginseng siberiano è una pianta medicinale contenente sostanze adattogene che si ritiene proteggano il sistema immunitario. Sia la radice che la corteccia del gambo sono comunemente usate nelle medicine tradizionali. Nella Medicina Tradizionale Cinese si dice di evitare generalmente l’uso di Panax ginseng in soggetti anziani, prescrivendo altri tipi di radici del gruppo Araliaceae, come ad esempio Eleutherococcus senticosus

Eleutherococcus senticosus Maxim., classificato nella famiglia delle Araliaceae, è usato in una varietà di malattie nella Medicina Tradizionale Coreana, tra cui la cardiopatia ischemica, è stato usato come alimento funzionale e in varie preparazioni fin dai tempi antichi, per rinvigorire il fegato e i reni, ricostituire la vitalità, rafforzare le ossa, stimolare l’appetito e migliorare la memoria.

Studi fitochimici rivelano che le foglie di E. senticosus contengono glicosidi triterpenici insieme a derivati acidi organici e composti flavonoidi. Si ritiene che E. senticosus sia simile al ginseng perché provengono dalla stessa famiglia ed entrambi contengono saponine triterpeniche. Eleutheroside B è il principale composto con attività antiossidanti, immunomodulatorie e antinfiammatorie.

L’estratto di Acanthopanax senticosus ha un effetto neuroprotettivo sul morbo di Parkinson.

 

 

Un ottimo rimedio naturale con Eleuterococco è Alato 6 , acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Cola acuminata

Piante adattogene ed etnobotanica: Cola acuminata

Cola acuminata K.Schum

Tra gli Yoruba africani e i loro discendenti brasiliani diverse specie di piante sono considerate indispensabili per le cerimonie di iniziazione primaria. Queste includono i semi di obt (Cola acuminata) e orobo (specie di Garcinia kohl impiegata in Africa occidentale e Brasile durante la divinazione e l’iniziazione). Gli intrugli segreti sono usati per lavare le collane sacre degli adepti, e la polvere magica preparata da foglie, semi e gesso è dipinta sulle teste rasate degli iniziati, durante i primi mesi. I novizi dormono su un letto di foglie sacre. L’abo (bagno fogliare) rappresenta il rito vegetale più comune per principianti e pazienti laici. I bagni sono impiegati per l’iniziazione, per il miglioramento finanziario e per la purificazione. Il loro ruolo più importante, tuttavia, è medicinale. Abo sono utilizzati per problemi di salute come reumatismi, disturbi della pelle, mal di testa e simili. Più comunemente, il pai o mae-de-santo, sacerdote, prescrive bagni per disturbi psicologici, come ansia e depressione, in particolare dove questi hanno origine spirituale. I bagni a base di foglie sono preparati in base alle esigenze individuali del paziente. Non esiste un insieme di ricette predeterminate. Il sacerdote o la sacerdotessa determina l’eziologia e il rimedio prescrittivo durante una cerimonia di divinazione usando il jogo de buzio, divinazione con le conchiglie. Introdotto insieme ad altri metodi di divinazione durante il corso della tratta degli schiavi, il sistema jogo de buzio consente al capo del tempio di consultarsi direttamente con le divinità. Dopo aver fatto rotolare sedici conchiglie su una tavola, il pai o mae-de’Santo identifica il numero di gusci aperti e chiusi, cioè aperture rivolte verso l’alto o verso il basso. La combinazione di conchiglie corrisponde a uno o più miti specifici odu, o Yoruba, che suggeriscono la causa del problema e la linea d’azione appropriata. Quando il bagno a base di foglie entra nel rimedio prescritto, le foglie appropriate vengono poste in una bacinella di acqua fredda e lentamente macerate con le mani. La manipolazione fisica delle foglie è essenziale, in quanto trasferisce l ‘energia vitale dal sacerdote al bagno in via di sviluppo. L’intruglio verdastro risultante, carico del potere innato delle foglie e di quello del sacerdote del terreiro (tempio di Candomble), è posto all’interno di un piccolo altare dedicato all’una o all’altra delle divinità africane.

Ossaim, custode delle foglie sacre e della medicina, è la divinità più direttamente coinvolta nella salute e nella guarigione. Il suo dominio è la foresta e il campo, ovunque le piante curative crescano spontaneamente. Tra gli Yoruba e la loro diaspora del Nuovo Mondo, la sua immagine mostra disabilità: un solo occhio, una gamba, un orecchio enorme e una voce acuta umoristica. La conoscenza di Ossaim era ambita da altre divinità che cercavano di condividere i suoi segreti.

Nella cultura africana, la noce di Cola viene masticata prima dei pasti come aiuto alla digestione, per trattare le ferite, emicrania, disturbi metabolici, infiammazioni. Il ramoscello amaro dell’albero è utilizzato anche per pulire denti e gengive; rinfrescare l’alito. I frutti di cola sono usati come tonici, afrodisiaci stimolanti e come intruglio per il trattamento di febbre, dissenteria ed esaurimento.

Questo prodotto della costa occidentale dell’Africa è diventato ben noto ai botanici britannici a causa del suo uso tra i nativi come stimolante e promotore della digestione. The Athenaeum, una rivista letteraria britannica pubblicata a Londra, dal 1828 al 1921, annunciò che il suo corrispondente a Lagos aveva inviato a casa a Londra il frutto e le foglie di un’altra cola, nota come “cola amara”, che appartiene a un diverso ordine botanico – la Guttifera, che possedeva alcune proprietà notevoli. I nativi usavano il frutto come rimedio per la tosse e per migliorare la voce dei cantanti, mentre il corrispondente lo raccomandò come estremamente benefico dopo il mal di mare, dicendo: “Il mio appetito è tornato quasi immediatamente dopo aver morso una porzione di un seme che ho trovato nella mia valle”.

In Europa, le noci di Cola erano un tempo usate per trattare emicranie, nevralgia, nausea e diarrea.

Recenti ricerche hanno dimostrato che i composti in questa erba migliorano significativamente la produzione di acido gastrico e aumentano l’efficacia degli enzimi digestivi all’interno dello stomaco. Ciò aumenta anche l’assimilazione dei nutrienti, consentendo al corpo di estrarre più facilmente i preziosi nutrienti dal cibo.

Cola può alleviare altri disturbi digestivi come gonfiore, flatulenza, crampi e stitichezza.

La ricerca mostra che Cola ha un effetto e previene la nefropatia diabetica (malattia renale). Cola è anche conosciuta come erba “termogenica” (bruciagrassi), e come tale è spesso utilizzata come ingrediente negli integratori per la perdita di peso. È ricco di xantine e polifenoli – recenti ricerche mette in relazione questi composti con un’attivazione della termogenesi e, di conseguenza, con possibili trattamenti per l’obesità.

Cola aumenta la diuresi, riduce i livelli di colesterolo e migliora la funzione pancreatica.

La noce di cola contiene circa il 3% di caffeina e circa il 2% di teobromina. Entrambi questi composti agiscono come “vasodilatatori”, allargando i vasi sanguigni e aumentando il flusso sanguigno al cervello. Aumenta i livelli di ossigeno nel cervello, sostiene la funzione cognitiva e la vigilanza.

I preparati Cola sono usati oggi per trattare l’esaurimento fisico e mentale. L’importanza medicinale della Cola nitida si basa principalmente sui costituenti chimici della pianta, dalle sue radici ai suoi semi. La pianta è nota per contenere diversi costituenti chimici noti per i loro valori medicinali, tra cui caffeina, teofillina e teobromina. Cola nitida contiene anche tracce di minerali essenziali come potassio, calcio, magnesio, sodio, ferro, zinco, manganese e fosforo. Alcuni di questi minerali fungono da fonte di macro e micronutrienti necessari per la crescita, lo sviluppo e l’attività metabolica. È usato nella produzione di bevande come Coca cola e Pepsi cola. È anche usato nella produzione di coloranti. Gli studi hanno dimostrato che Cola nitida agisce come stimolante per combattere la stanchezza, ridurre la fame e la sete.

Un ottimo rimedio naturale con Cola acuminata è  da Alato 6 , acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Guaranà

Piante adattogene ed etnobotanica: Guaranà

Guaranà

Il guaranà (Paullinia cupana) è abitualmente ingerito dalle persone in Amazzonia ed è un ingrediente chiave in varie bevande energetiche consumate in tutto il mondo. L’estensione della longevità e la bassa prevalenza di malattie croniche legate all’età sono state associate all’assunzione abituale di guaranà. Nel 1817 un ufficiale addetto all’ambasciata francese a Rio Janeiro portò con sé in Francia un frammento di un prodotto che aveva ottenuto da una tribù di indiani (Guaranà) in Brasile, che erano abituati a farne uso, sia come articolo di dieta che come medicamento per i visceri. Questo farmaco, che ha ricevuto il nome di guaranà, è stato portato all’attenzione del mondo medico da Cadet, in una nota pubblicata nel Journal de Pharmacie, Parigi, 1817. Nel 1840 i suoi effetti fisiologici furono portati in primo piano in Francia, dal Dr. Gavrelle. Gavrelle, che era stato il medico di corte di Don Pedro, imperatore del Brasile, dichiarò che durante la sua residenza in quel paese aveva studiato gli effetti del farmaco, e non esitò ad attribuirne proprietà astringenti pienamente uguali alla retania; annunciò anche il suo successo nel trattamento delle affezioni nervose. Il guaranà, che aveva già trovato posto nella Farmacopea del Brasile, entrò gradualmente in uso in Europa. All’Esposizione di Parigi del 1867, campioni di questo farmaco furono esposti da Faria di Para, Brasile, sotto il nome di cioccolato medico. Il guaranà è preparato dai semi di Paullinia sorbilis. Il genere Pawullinia, dal nome di Simon Pauli, comprende una trentina di specie; sono piante rampicanti, appartenenti alla famiglia delle Sapandace e si trovano in climi caldi in tutte le parti del globo. Paullinia Africana è impiegata nel decotto in Senegambia per arrestare il flusso di sangue. Paullinia Asiatica è stata usata come febbrifugo. Paullinia Pinnata fiorisce in Brasile e nelle Antille; i suoi semi hanno un effetto narcotico e sono usati in queste località allo scopo di stordire i pesci. La pianta che fornisce il guaranà fu chiamata Paullinia sorbilis da Teodoro Marzio, in allusione al suo impiego come bevanda. Paullinia sorbilis cresce allo stato selvatico ad un’altezza da trenta a quaranta piedi. La pianta produce frutti nel suo terzo anno. Fiorisce a luglio e il suo frutto è maturo a novembre. Il frutto ha circa le dimensioni di una noce e contiene cinque o sei semi. Ogni stelo produce per coltivazione da otto a dieci chili di semi all’anno, mentre si dice che la pianta stessa viva per quarant’anni. In ottobre o novembre, quando i semi hanno raggiunto la maturità, i nativi li rimuovono dalla loro capsula e li asciugano al sole. Una pelle sottile che copre il seme viene quindi facilmente rimossa, strofinando tra le mani. Vengono poi ridotti in polvere su una pietra piatta, che è stata in qualche modo riscaldata. L’acqua viene aggiunta alla polvere ruvida, insieme a un po ‘di cacao e tapioca, e il tutto viene trasformato in una pasta, in cui a volte vengono introdotti frammenti di semi. La pasta viene arrotolata in una forma cilindrica, essiccata al sole. Questi cilindri avvolti con foglie, che misurano circa 8 pollici di lunghezza, costituiscono la guarana commerciale. Quando preparato dagli indiani, il guaranà ha il colore del cioccolato, ed è ricoperto da una sorta di crosta, prodotta dalla sua esposizione al calore.

In America centrale e meridionale, parti della pianta di guaranà sono usate come veleno per i pesci.

Il primo esame chimico del guaranà fu fatto nel 1826 da Teodoro Marzio, fratello dell’omonimo botanico erudito, che ne estrasse un principio cristallino, al quale attribuiva le proprietà terapeutiche del farmaco, e gli diede il nome di guaranina. Nel 1840 Berthemot e Dechastelus dimostrarono che questo principio cristallino consisteva in tannato di caffeina. Nel 1840 Dechastelus pubblicò (Bulletin de Thérap., 1840) formule per la preparazione delle varie forme farmaceutiche di questo farmaco. Il guaranà è stato utilizzato per effetti stimolanti simili a quelli del caffè e del tè; contiene circa il 3-5% di caffeina rispetto al 2% presente nei chicchi di caffè e al 4% presente nelle foglie di tè. L’erba è stata utilizzata da molte persone e in varie culture. Ad esempio, i francesi hanno reso popolare una bevanda al guaranà durante l’inizio del XIX secolo; altri mescolavano l’erba con l’alcol per produrre una bevanda unica.

Il guaranà (P. cupana), una pianta folta che si trova nella foresta pluviale del bacino amazzonico, viene coltivata utilizzando i suoi semi ricchi di caffeina-polifenolo. Studi clinici hanno riportato le attività chemio-preventive e antimutagene degli estratti di guaranà. Il guaranà è una pianta originaria del Brasile che presenta un effetto benefico sul controllo del peso corporeo e sulle alterazioni metaboliche. Il guaranà è ricco di diversi composti bioattivi come metilxantine (tra cui caffeina, teobromina e teofillina) tannini, saponine, catechine, epicatechine e proantocianine. Il guaranà protegge da protezione contro l’ipertensione, l’obesità e la sindrome metabolica nei volontari sani anziani. Il consumo di guaranà ha a un effetto benefico funzione epatica e renale.

Ha effetto preventivo sulla compromissione della memoria e sull’attività dell’acetilcolinesterasi nelle strutture cerebrali e disturbi cognitivi. La polvere di guaranà riduce il danno epatico causato dall’iperlipidemia. Ha effetti epatoprotettivi e genoprotettivi sul fegato.

Guaranà produce un seme alcaloide e ricco di polifenoli con proprietà antimicrobiche, antiossidanti e antinfiammatorie, dove la caffeina è il composto principale. Ha effetti antiossidanti e preventivi nei disturbi neurodegenerativi, come nel morbo di Parkinson, Alzheimer e Malattia di Huntington (malattia genetica neurodegenerativa che colpisce la coordinazione muscolare e porta a un declino cognitivo e a problemi psichiatrici), protegge vitalità, attività locomotoria, sonno.

Riduce le malattie metaboliche cardiovascolari e ha effetti positivi sul metabolismo lipidico, principalmente correlati ai livelli di lipoproteina a bassa densità (LDL).

Un ottimo rimedio naturale con Guaranà è  Alato 6 , acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Ginseng

Piante adattogene ed etnobotanica: Ginseng

Ginseng:

Il ginseng è un’erba medicinale utilizzata in Estremo Oriente sin dalla Preistoria, in particolare in Corea e in Cina per il mantenimento della vitalità fisica. Il nome del genere Panax (Pan = tutto + axos = medicina) significa ‘curare tutto’ in greco. La radice di erbe è così chiamata ginseng, perché ha la forma di un uomo, e si crede che incarni le sue tre essenze (cioè corpo, mente e spirito) ed è conosciuto come il signore o re delle erbe. Il ginseng era stato usato principalmente come tonico per rinvigorire i corpi deboli, ma solo raramente come medicina curativa, anche se, secondo la Bancao Gangmu, Enciclopedia delle erbe, scritta da Li Shizhen in Cina, nel 1596 d.C., era incluso come ingrediente per curare 23 malattie. È incluso anche in 653 delle 3.944 prescrizioni totali della   Dongeui Bogam, Farmacopea clinica coreana, scritta dall’erborista coreano Huh Joon, nel 1610 d.C. In Cina, Shennong (Divino Contadino) noto anche come Imperatore Yan, l’Imperatore Giallo, o uno dei “Tre Imperatori” .SI tratta dell’Imperatore che si dice abbia iniziato l’uso delle erbe circa 5.500 anni fa. Si dice che abbia assaggiato centinaia di piante per scoprire molte erbe medicinali. L’opera originale è andata perduta molto tempo fa, tuttavia, gli studi eseguiti da Shennong sono stati tramandati verbalmente per molte generazioni e sono stati raccolti in un libro di commento Shennong Bencao Jing, Erbario di Shennong di Tao Hongjing, risalente alla dinastia Liang, 502-557 d.C. Sono elencati trecentosessantacinque tipi di erbe, divise in tre classi in base al grado di tossicità. Le classi superiori non sono tossiche, servono a rafforzare l’energia vitale e possono essere assunti regolarmente. Gli esempi includono Radix Ginseng. Il ginseng è stato anche menzionato in Jijuzhang, Interpretazione delle creature, scritto da Shi You in Cina, già tra il 48 e il 33 a.C. Le prescrizioni di ginseng si trovano anche nel Shanghan Lun, Trattato sulle febbri, redatto tra il 196 e il 200 d.C. Ci sono molte storie mitiche relative al Ginseng. Una storia leggendaria racconta che un giovane la cui madre soffriva di una malattia incurabile trovò un rimedio miracoloso nella montagna: Lo spirito di montagna gli presentò una pianta di ginseng.

Il principale nome cinese: Panax ginseng, Jen-shen, deriva da una fantasiosa somiglianza della radice con la forma umana e da alcune influenze astrali che si dice derivino dalla costellazione di Orione. Si racconta che durante il regno di Wenti, della dinastia Sui (fra il 581 e il 601 d.C.), a Qhangtang nello Shensi, sul retro della casa di una certa persona, si udì ogni notte la voce implorante di un uomo, e quando fu fatta la ricerca della fonte di questo suono, a una certa distanza, apparve una pianta di ginseng.  Scavando nella terra fino alla profondità di cinque piedi, si scoprì che la radice aveva la forma di un uomo, con quattro estremità perfette e complete, quindi venne chiamata T’u-ching, “Spirito della terra”. Il ginseng migliore è la varietà selvatica che cresce in Manciuria, e il secondo è quello proveniente dalla Corea. Il primo è praticamente tutto riservato all’uso imperiale. Anche il ginseng giapponese e americano si trovano in quantità, ma questi, specialmente quest’ultimo, sono considerati molto inferiori al tipo coreano.

Le foglie, (Seni) sono vendute in fasci del fogliame verde e usate come rimedio emetico ed espettorante. Nel Shen-nung pen-ts’ao-ching (un’enciclopedia di erbe medicinali del I secolo d.C.), si afferma che le radici della pianta “schinseng” (che significa forma umana) aumentino la longevità, la resistenza, illuminino la mente, aumentino la saggezza e agiscano come afrodisiaco. L’erba era considerata così preziosa che potenti signori e persino eserciti governativi centralizzati combatterono e mantennero il controllo sui territori che coltivavano ginseng. Le culture antiche di tutto il mondo adottarono indipendentemente la convinzione che la forma delle piante o la forma delle loro parti determinassero quale parte del corpo potevano curare. Era come se la natura avesse assegnato la forma della pianta come suggerimento all’uomo delle sue proprietà curative. La gente credeva che se l’uso di una pianta era rivelato dai suoi attributi fisici, sicuramente Dio aveva posto la sua “firma “sulla pianta, una filosofia spesso indicata come la Dottrina delle Signature. Questa dottrina era ben consolidata ai tempi in cui il medico greco Dioscoride (chirurgo per l’esercito di Nerone 50-70 d.C.) stava praticando a Roma. Nel caso del ginseng, le radici di questa pianta matura sembrano un uomo con braccia e gambe. Erboristi e medici credevano, quindi, che potesse essere usato per guarire tutto l’uomo.

Il Ginseng americano nel Nuovo Mondo, Panax quinquefolius, strettamente correlato alle specie asiatiche, è stato utilizzato anche dai nativi americani. I cacciatori di Menominee masticavano la radice aromatica per attirare i cervi, mentre le donne delle nazioni Meskwaki e Pawnee la usavano per attirare un amante o un marito. Le donne Penobscot bevevano un’infusione della radice per aumentare la loro fertilità e i cacciatori Ojibwa la portavano con sé come portafortuna. Gli irochesi lo usavano per il lavaggio degli occhi doloranti dei bambini, inoltre veniva bevuta un’infusione per alleviare le piaghe del corpo. La radice polverizzata era anche un trattamento per l’asma da parte di alcune tribù, mentre il Delaware, stato federato degli Stati Uniti d’America situato sulla East Coastusava le radici e altre parti della pianta come tonico generale. I nativi americani raccoglievano la radice di ginseng tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, poco prima che le bacche rosse mature fossero pronte a lasciare i gambi dei fiori a forma di ombrello. Nel XVIII secolo, i gesuiti canadesi divennero i primi esportatori di ginseng americano in Cina. Fu nel 1714 che padre Jartoux, un sacerdote gesuita che viveva in Cina, inviò a padre Lafitau, un gesuita canadese, un esemplare essiccato della radice e dell’erba cinese e gli chiese se crescesse nel Nuovo Mondo. Padre Lafitau cercò e trovò il ginseng americano strettamente imparentato (Panax quinquefolius).

Attualmente, diciassette piante sono state raggruppate sotto il genere Panax. Le specie più comuni utilizzate per le preparazioni botaniche sono Panax Ginseng (ginseng coreano), è coltivato in Corea e Cina, Panax quinquefolius (ginseng americano) è coltivato negli Stati Uniti (Virginia e Wisconsin) e in Canada.

La coltivazione di Panax ginseng C.A. Meyer in Corea è iniziata intorno all’XI Secolo d. C. trapiantando ginseng selvatico. Nel 1122 d.C., durante l’era del re In Jong della dinastia Koryo, la coltivazione del ginseng fu tentata anche attraverso la propagazione del ginseng trapiantato dai semi. Il ginseng coreano C A Meyer è utilizzato principalmente per mantenere l’omeostasi del corpo, e l’efficacia farmacologica del ginseng coreano, identificato dalla scienza moderna, include una migliore funzione cerebrale, anti-affaticamento e anti-stress, effetti preventivi contro i tumori, potenziamento del sistema immunitario, ha effetti anti-diabetici, migliora la funzionalità epatica, regola la pressione sanguigna, disturbi del  climaterio e sessuali, effetti antiossidanti e anti-invecchiamento.

Il Panax ginseng, Jen-shen, svolge un ruolo cruciale nella modulazione dei disturbi dell’umore. Diversi studi recenti hanno identificato un ruolo importante nella prevenzione e trattamento della depressione. Il farmaco viene talvolta preparato per l’uso come estratto o come decotto, i vasi d’argento di solito vengono impiegati per questo scopo.

Panax ginseng è commercializzato e utilizzato per mantenere l’energia, aumentare le capacità mentali e fisiche, migliorare l’umore, promuovere la salute generale e il benessere. Panax ginseng è stato studiato in una serie di studi clinici randomizzati che indagano il suo effetto sulle prestazioni fisiche e psicomotorie, sulla funzione cognitiva, sull’immunomodulazione, sul diabete mellito e sulle infezioni da herpes simplex di tipo II.

I principi attivi del Ginseng sono dei composti fitochimici detti ‘ginsenosidi’, sostanze simili a steroidi che esprimono proprietà in grado di bilanciare e contrastare gli effetti dello stress. I ginsenoidi possono avere effetti diversi che diversificano le varietà di Ginseng: ad esempio, alcuni possono stimolare il sistema nervoso centrale, altri sedarlo e altri ancora bilanciano i processi metabolici, abbassando la glicemia, migliorando il tono muscolare, stimolando il sistema endocrino per mantenere livelli ormonali appropriati.

 

Un ottimo rimedio naturale con Ginseng è  Alato 6, acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Passiflora

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Passiflora

Passiflora

La specie Passiflora incarnata L. è inclusa in molte farmacopee ed è la specie più utilizzata nell’industria alimentare, cosmetica e farmaceutica.  Le specie di Passiflora sono ricche di flavonoidi e hanno attività ansiolitica.

Passiflora agisce sul sistema nervoso centrale nel trattamento dei disturbi d’ansia e dei sintomi neuropsichici della menopausa, dolore, ansia, disfunzione sessuale e disturbi del sonno.

Il genere Passiflora incarnata è stato a lungo utilizzato nella medicina popolare in tutta Europa, per il trattamento dell’insonnia e dell’ansia in Europa ed è stato usato come tè sedativo nel Nord America. Inoltre, questa pianta è stata utilizzata per scopi analgesici, antispasmodici, antiasmatici, e sedativi nella medicina popolare brasiliana, come sedativo e narcotico in Iraq, e per il trattamento di disturbi come dismenorrea, epilessia, insonnia, nevrosi e nevralgia in Turchia. In Polonia, questa pianta è stata utilizzata per trattare isteria e neurastenia, in America, è stata usata per trattare diarrea, dismenorrea, nevralgia, ustioni, emorroidi e insonnia. Passiflora incarnata L. è stata anche utilizzata per curare i soggetti colpiti dalla dipendenza da oppiacei in India.

La passiflora è una delle piante utilizzate in Ayurveda per diversi rimedi come sedativo, ansia e ipertensione ecc. Nella medicina popolare veniva usata per curare molte malattie come diarrea, infezioni della gola, infezioni dell’orecchio, febbre e malattie della pelle.

Una volta essiccate, le foglie venivano affumicate. La Passiflora quadrangularis è utilizzata dai guaritori tradizionali per lenire i morsi di serpente, in quanto provocano la coagulazione del sangue e fanno scoppiare i vasi sanguigni intorno al morso, provocando emorragia.

Le piante di Passiflora utilizzate nella medicina tradizionale sono ricche fonti di emolisine e citolisine, che sono potenziali farmaci battericidi e antitumorali. Diverse specie di Passiflora sono state ampiamente utilizzate dalla medicina popolare a scopo sedativo, tranquillante e antidepressivo.

Nella medicina popolare, Passiflora viene impiegata per  astinenza da alcol, come antibatterico, anti-spasmo, afrodisiaco, asma, disturbo da deficit di attenzione e iperattività , ustioni (pelle), cancro, dolore cronico, tosse, tossicodipendenza, virus di Epstein-Barr, infezioni fungine, problemi  gastrointestinali, infezione da Helicobacter pylori, emorroidi, ipertensione, sintomi della menopausa (vampate di calore), dolore ai nervi, dolore in generale, infiammazione della pelle, tensione e prevenzione delle rughe.

Passiflora incarnata L. comunemente usata in molti rimedi erboristici è ben nota per le sue proprietà sedative, mentre diverse altre specie (P. edulis, P. quadrangularis, P. ligularis) sono coltivate per la produzione di succo di frutta.

Il passicolo può anche essere prodotto dalle scorze del frutto della passione, di colore viola. Il succo può essere addolcito e diluito con acqua o altri succhi (in particolare arancia o ananas), per fare bevande fredde.

In Sud Africa, il succo del frutto della passione viene miscelato con latte e un alginato; in Australia la polpa viene aggiunta allo yogurt. In Brasile, i frutti sono comunemente noti come “maracuja” e la polpa del frutto produce un delizioso succo che viene esportato in diversi paesi. La passiflora è disponibile sul mercato in una gamma di preparati diversi, principalmente in compresse (500 mg) dell’erba essiccata per uso orale o per infusione, come estratto liquido o come tintura.

Le foglie e le radici di P. incarnata hanno una lunga storia di utilizzo tra i nativi americani del Nord America. Le foglie fresche o secche sono usate per fare un infuso che viene usato per trattare l’insonnia, l’isteria e l’epilessia e come antidolorifico. Maracujá (P. edulis) e poche altre specie sono utilizzate in America centrale e meridionale per scopi simili. Molte specie contengono betacarbolina, harmala e alcaloidi che hanno proprietà antidepressive.

Le proprietà antibatteriche degli estratti di foglie e frutta (etanolo e acetone) di Passiflora foetida sono state sottoposte a screening contro quattro batteri patogeni umani Pseudomonas putida, Vibrio cholerae, Shigella flexneri e Streptococcus pyogenes. I risultati hanno mostrato che l’estratto di foglie ha una notevole attività contro tutti i patogeni batterici rispetto ai frutti: il 4-idrossi-2- ciclopentenone è citotossico per le cellule leucemiche. L’estratto di foglie di Passiflora tetrandra e P. aeruginosa sono responsabili dell’attività antibatterica contro i batteri E. coli, B. subtilis. Il frutto ha mostrato attività antitumorale.

Passiflora quadrangularis ha un’azione antielmintica ed è anche frequentemente usata per trattare la bronchite, l’asma, la pertosse, per il trattamento delle complicanze diabetiche e dell’ipertensione. Le piante utilizzate nella medicina popolare tradizionale hanno una vasta fonte di componenti farmacologicamente attivi, tra cui emolisine e citolisine, potenziali farmaci battericidi e antitumorali.

 

 

Un ottimo rimedio contenente Passiflora è  Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Melissa

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Melissa

Melissa:

La melissa (Melissa officinalis L.), membro della famiglia delle Lamiaceae (ex Labiatae), è una delle importanti specie di piante medicinali. La melissa (Melissa officinalis L.), conosciuta anche come balsamo, balsamo inglese, balsamo da giardino, balsamo menta, balsamo comune, balsamo dolce, delizia del cuore, è un’erba aromatica della famiglia della menta (Lamiaceae). È originaria dell’Europa e dell’Asia centrale ed è ora coltivata nella maggior parte delle regioni temperate e subtropicali di tutto il mondo.

Esistono due sottospecie, Melissa officinalis subsp. officinalis, la comune melissa coltivata; e M. officinalis ssp. altissima, naturalizzati in Nuova Zelanda.

I documenti riguardanti il suo uso risalgono a oltre 2000 anni, è descritta nella Historia Plantarum, scritta da Teofrasto, fra il quarto e il terzo secolo a.C.  Dopo la sua introduzione in Spagna nel VII secolo, il suo uso si diffuse in tutta Europa dal Medioevo.

Dioscoride (49-90 CE) in De Materia Medica scrisse:

“Le foglie e i gambi odorano di limone. Un decotto delle foglie preso come bevanda, o applicato è buono per chi viene toccato dagli scorpioni, o morso di ragni o cani.”

Paracelso (1493-1541) prescrisse la melissa per rianimare una persona, e suggerì di usarla per “tutti i disturbi che dovrebbero derivare da uno stato disordinato del sistema nervoso”.

Nella cultura popolare, si credeva che scacciasse il male dalle abitazioni e per tal motivo casa veniva coltivata davanti alla porta, era usata come sedativo e ansiolitico, anche se diversi speziali a base di erbe dell’epoca creavano balsamo con effetti benefici generali sul cervello e in particolare con miglioramenti specifici alla memoria.

Nella medicina popolare europea, gli usi di Melissa sono principalmente legati al trattamento di disturbi nervosi, insonnia, malinconia, problemi digestivi e cardiaci.

Nella medicina popolare islamica, Melissa è utilizzata in caos di tumore.

Austria:

Melissa officinalis L. (melissa), in varie formulazioni, è stata ampiamente utilizzata come rimedio popolare per il trattamento di diversi sintomi legati alla psiche. Nella medicina tradizionale austriaca, le foglie di M. officinalis sono state prescritte come tisana, o come applicazione esterna sotto forma di olio essenziale, per il trattamento di disturbi del tratto gastrointestinale, del sistema nervoso, del fegato e della bile.

Inghilterra:

La melissa era una delle piante preferite dei Tudor, che spargevano le foglie sui loro pavimenti. Era nel giardino delle erbe del botanico inglese John Gerard nel 1590. Il suo erbario conosciuto come “The Grete Herball”, raccomandava l’uso di Melissa come unguento per tutti i dolori, un decotto di  melissa era indicato per la respirazione e facilitare il concepimento.

Il botanico inglese del 1600, Nicholas Culpepper, considerava la melissa governata dal pianeta Giove in Cancro e suggerì di usarla per “stomaci deboli”, per far sì che il cuore diventasse “allegro”, per aiutare la digestione, per aprire “ostruzioni del cervello” ed per espellere “vapori malinconici” dal cuore e dalle arterie. Sin dal Medioevo è stato utilizzata per la regolazione del sonno, dell’appetito e della digestione, la riduzione dell’ansia e come sollievo dal dolore.

Il London Dispensary (1696) affermava: “Un’essenza di Melissa, data nel vino delle Canarie, ogni mattina rinnoverà la giovinezza, rafforzerà il cervello, allevierà la natura languente e preverrà la calvizie”.

In epoca vittoriana, melissa era usata come pianta simbolica per la trasmissione di messaggi tra amanti.

Fu portata in America dall’Europa dai coloni e iniziò a crescere nei loro giardini.

Melissa è descritta nei manoscritti persiani di Medicina Qarabadin-e-kabir e Qarabadin-e-salehi.

I Qarabadins erano una sorta di libri farmaceutici, un registro di farmaci e preparati contenenti forme di dosaggio, procedure di preparazione, considerazioni, dose di somministrazioni. Esistono più di cento Qarabadins scritti da medici persiani e farmacisti dal IX al XVIII  secolo d.C. Melissa menzionata con il nome “Badranjboye”, era utilizzata in idrolato, come sedativo, spasmolitico, antibatterico, tonico di cuore e cervello.

Melissa officinalis L. è usato fin dall’antichità nella medicina popolare a causa dei suoi effetti sedativi, digestivi, carminativi, spasmolitici e analgesici. Il suo impatto terapeutico è dovuto al contenuto di olio essenziale e acido rosmarinico.

Inoltre, i risultati di molte ricerche cliniche hanno dimostrato che l’olio essenziale di melissa può essere utilizzato nel trattamento del morbo di Alzheimer, come antiossidante contro gli effetti negativi dei radicali liberi e agente antitumorale. Ha un effetto positivo sul sistema immunitario e sullo stress.

Un ottimo rimedio contenente Melissa è Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

 

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Meliloto

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Meliloto

Meliloto

Melilotus Indicus, occasionalmente contrassegnato erroneamente come Melilotus Indica, chiamato trifoglio dolce, trifoglio acido in inglese, trifoglio dolce giallo annuale, trifoglio dolce a fiore piccolo, meliloto a fiore piccolo e piccolo meliloto in India.

Usi medicinali Foglie e semi di Melilotus Indicus sono utilizzati per scopi medicinali come:

  •  antibatterico
  • anticoagulante
  • astringente
  • emolliente
  • lassativo
  • narcotico

 

Melilotus officinalis (L.) Pall. (Fabaceae) è originario dell’Europa e dell’Asia e conosciuta come “meliloto gialla, trifoglio dolce giallo e trifoglio dolce medicinale”. M. officinalis è comunemente

Nella medicina popolare europea, M. officinalis era utilizzato per via orale contro mal di stomaco, ulcera gastrica, disturbi del fegato e dell’utero, emorroidi, bronchite, calcoli renali, mestruazioni dolorose, mal d’orecchi, ulcere degli occhi.

 

Etiopia:

E’ conosciuto con diversi nomi vernacolari tra cui “Egug” e “Gugi” in amarico e “Yemamberi” in Tigrigna. Il nome Tigrigna indica che i ramoscelli sono usati per profumare vestiti e unguenti grazie al loro piacevole profumo. Nella medicina popolare etiope, Melilotus elegans Salzm. ex Ser. (Leguminosae) è usato per il trattamento di emorroidi e ferite lacerate. Nella medicina popolare le foglie in polvere di M. elegans sono mescolate con burro e applicate localmente contro le emorroidi, l’infiammazione della bocca e le ferite lacerate. Il rimedio può anche essere assunto per via orale per le malattie di cui sopra e per l’asma bronchiale, nel qual caso è coperto con burro fresco per mascherare il sapore sgradevole.

 

Nella medicina tradizionale cinese, gli estratti di Melilotus sono utilizzati come antinfiammatorio, antiossidante e inibitore della permeabilità capillare.

 

Un ottimo rimedio contenente Meliloto, è c Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Maggiorana

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Maggiorana

Maggiorana

Il genere Origanum (Lamiaceae) è diviso in dieci sezioni: Amaracus Bentham, Anatolicon Bentham, Brevifi lamentum Ietswaart, Longitubus Ietswaart, Chilocalyx Ietswaart, Majorana Bentham, Campanulaticalyx Ietswaart, Elongatispica Ietswaart, Origanum Ietswaart, Prolaticorolla Ietswaart, e contiene circa 20 specie.

Origanum majorana L. della famiglia Lamiaceae (syn. Majorana hortensis Moench) è comunemente noto come maggiorana dolce. Questa erba è originaria della regione mediterranea e coltivata in molti paesi dell’Asia, del Nord Africa e dell’Europa, ad esempio Spagna, Ungheria, Portogallo, Germania, Egitto, Polonia e Francia.

Medio Oriente:

Nella medicina tradizionale e popolare, il popolo tribale si rivolge non solo all’erborista, ma anche al derviscio o al khatib (l’incisore di amuleti); il cauterizzatore; il mujabbir (l’aggiustatore di ossa rotte o fratturate); l’Attar (farmacologo locale e venditore di spezie medicinali); tombe sacre (di antenati o profeti); il mare, i fiumi, le sorgenti sacre e così via. Inoltre, i guaritori utilizzano tecniche che stimolano i processi fisiologici, tra cui il bagno, il bagno del sudore, il massaggio, la coppettazione, l’emetica, l’incisione e il salasso. La medicina classica beduina divenne dominio esclusivo della medicina tradizionale e dei guaritori popolari nel diciannovesimo e ventesimo secolo. La maggior parte delle erbe erano usate sia come cibo che come medicina. Molte delle piante utilizzate dai beduini hanno effetti diretti sul corpo come purgativi, emetici, astringenti o tonici, o causano / prevengono vomito o diarrea. Questa medicina tradizionale si basa su una conoscenza pratica delle piante, come nel caso di Maggiorana:

Maggiorana siriana, Origanum syriacum:

È una delle principali piante autoctone importanti nelle vicinanze della Terra Santa. La maggiorana siriana è un’erba aromatica perenne della famiglia della menta, Lamiaceae. Il nome comune locale di questa pianta è ” Za’atar ” o ” Ezov matzuy “. Questa erba è molto importante per la popolazione locale, con una lunga storia di usi tradizionali. E’ stata identificata come l’issopo biblico, menzionato nella Bibbia come pianta medicinale e antisettica.

Majorana syriacum è endemica del Medio Oriente nella macchia mediterranea e nella foresta, Batha, Phrygana, su affioramenti di roccia dura, principalmente in Libano, Siria, Israele, Giordania e deserto del Sinai. La parola ezov si riferisce nella Bibbia a una pianta legata a rami e usata come pennello per cospargere il sangue sugli stipiti delle porte e sugli architrav,i quando la casa fu purificata contro la lebbra (Levitico 14:4), così come per scopi di adorazione: “E una persona pulita prenderà l’issopo e lo immergerà nell’acqua e lo cospargerà sulla tenda, e su tutti i vasi, e sulle persone che erano lì, e su chi toccò un osso, o uno ucciso, o uno morto, o una tomba” (Numeri 19:6).

A causa della sua associazione con la pulizia, si pensava che la pianta di issopo possedesse poteri di purificazione spirituale: “purificami con l’issopo e sarò puro: lavami e sarò più bianco della neve” (Salmi 51, 7). L’identità dell’ezov biblico con O. syriacum è confermata da un’usanza samaritana per cui l’Origanum è tradizionalmente usato dai samaritani per cospargere il sangue. La maggiorana siriana è conosciuta come un rimedio per i vermi intestinali fin dai tempi di Gesù. Oggi, tra gli arabi israeliani, un tè viene preparato dalle foglie per alleviare raffreddori e dolori di stomaco. Lo sciroppo preparato scottando le foglie di maggiorana siriana è noto come rimedio per diverse malattie, nella medicina popolare del Medio Oriente. Gli ebrei yemeniti usano un infuso di issopo per alleviare i dolori del travaglio, in combinazione con salvia e varie foglie aromatiche, per ridurre il dolore delle malattie cardiache, mal di testa e mal d’orecchi. Si ritiene che la pianta promuova la destrezza verbale e possa fungere da incantesimo contro la stregoneria. Un’indagine etnobotanica condotta in Israele ha rivelato i seguenti usi etnici della maggiorana siriana:

  1. Per alleviare il mal di denti: le foglie verdi vengono schiacciate e poste sul dente dolorante.
  2. Per trattare le infezioni gengivali: le foglie secche vengono schiacciate con sale e strofinate sulla parte infiammata.
  3. Per rafforzare la funzione cardiaca: un tè viene preparato con miele.

. 4. Per trattare le infezioni del tratto digestivo e del sistema urinario viene preparato un decotto e somministrato nella quantità di 2-4 cucchiai al giorno.

  1. Per trattare il raffreddore viene bevuto un tè.
  2. Per eliminare i vermi: un estratto fatto da foglie lasciate macerare e in olio d’oliva, lasciato per 2 settimane al sole, 1 cucchiaio o due di olio viene assunto con zollette di zucchero per volte al giorno.

Origanum dayi, Satureja camphorata:

L’area tradizionalmente considerata la Terra Santa della Bibbia, corrisponde alla zona montuosa del Libano e della Siria, a nord, alle rive orientali del fiume Giordano, e alla parte settentrionale della penisola del Sinai a sud. Indagini etno-botaniche, condotte negli ultimi anni, indicano che molte delle piante tradizionali sono ancora utilizzate nella medicina popolare oggi.

Majorana syriaca , arabo: Za’atar:

Uso etno-botanico: raffreddori; vomito; malattie allergiche della pelle, dermatiti, mal di testa, problemi dentali, tonsillite e tosse. I beduini del Negev e del Sinai lo usano come trattamento per il raffreddore bevendo il tè preparato da questa pianta con un cucchiaino di zucchero.

Il vomito viene trattato immergendo le foglie in acqua e facendo cadere l’acqua nelle narici della persona tre volte al giorno. Le malattie allergiche della pelle e la dermatite sono trattate come segue: le foglie vengono bollite in acqua e date al paziente da bere; anche il corpo dei bambini viene lavato con questa soluzione.

Mal di testa, problemi dentali, tonsillite e tosse sono trattati con una miscela a base di foglie che viene bevuta.

Cina:

Origanum vulgare L.:

È una pianta erbacea annuale distribuita principalmente nelle province cinesi di Hunan, Gansu e Shanxi. È menzionato nella medicina popolare e tradizionale cinese per le sue proprietà antibiotiche e antinfiammatorie.

Il medico e botanico tedesco Leonhardt Fuchs, nel suo De historia stirpium commentarii insignes (“Notevoli commenti sulla storia delle piante”), pubblicato nel 1542, scrisse:

“La maggiorana in polvere può essere spalmata sulla lingua per restituire la parola persa e rafforzare il cervello e la memoria. Se annusata fa starnutire, ciò significa che purifica il cervello. Nel sale e nell’aceto si dice che aiuti contro i morsi di scorpione e nel vino è un diuretico”.

Arabia Saudita:

Origanum majorana, un membro della famiglia Labiatae è una pianta ampiamente utilizzata nella medicina popolare dell’Arabia Saudita. Un infuso di foglie e fiori è prescritto dalla medicina folclorica dell’Arabia Saudita per alleviare i sintomi di febbre da fieno, congestione sinusale, indigestione, asma, mal di stomaco, mal di testa, vertigini, raffreddore, tosse e disturbi nervosi.

Palestina:

Origanum majorana L, in arabo: Mardaqush. Nella medicina popolare è usata come afrodisiaco, emmenagogo, tonico, carminativo, diuretico, stimolante, calcoli renali, infezioni del tratto genito-urinario e prostata, malattie della pelle.

Turchia:

Origanum majorana (maggiorana bianca).

I nativi raccolgono maggiorana e la essiccano sotto il sole. Consumano e vendono principalmente mazzetti di Origano essiccati all’aria (origano turco) foglie. Ottengono l’olio essenziale tradizionalmente per distillazione a vapore, usano la pianta essiccata e l’olio essenziale per curare varie malattie come tosse, raffreddore cronico, ferite, disturbi gastrointestinali e problemi della pelle negli esseri umani e negli animali domestici.

India:

La maggiorana selvatica, chiamata in Hindi Marwa, in Sanscrito Maru è utile per la flatulenza e stimola il flusso della bile. È considerato un rimedio efficace per tosse, tonsillite, bronchite e asma. L’olio diluito viene utilizzato nel mal di denti e nel dolore alle articolazioni. L’olio di maggiorana viene utilizzato come applicazione esterna su distorsioni, lividi, ghiandole linfatiche gonfie e mal di denti.

Marocco:

Maggiorana è un rimedio per le malattie del tratto gastrointestinale. È spesso usata come antisettico, come sollievo dal dolore addominale e in caso di febbre, come pianta antipertensiva. L’olio essenziale della pianta è stato usato per dolori, problemi gastrointestinali e disturbi del tratto respiratorio.

Iran:

Nella medicina folclorica iraniana, l’Origanum vulgare (maggiorana) è utilizzato per aumentare l’ energia, come  diuretico, tonico stomachico, sollievo del sistema nervoso, lassativo, antitumorale, sollievo dal dolore emicranico, fratture, intorpidimento degli organi, mal di denti, disinfettante, antidiarroico, disturbi e malattie del colon, rilassante, anticonvulsivante, espettorante, antidolorifico, anti tosse, antinfiammatorio, regolatore mestruale, infezione del tratto urinario, trattamento della disfunzione sessuale, coliche, sinusite,  tonico cardiaco.

Messico:

L’origano messicano (Lippia graveolens) si trova in Messico e in America Centrale e viene tradizionalmente utilizzato per problemi di stomaco.

Bahrein:

Maggiorana è usata per i dolori addominali e nel trattamento delle infezioni del tratto urinario.

 

Un ottimo rimedio è costituito da Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Luppolo

Sedativi nervosi ed etnobotanica : Luppolo

Luppolo

La pianta comune del luppolo (Humulus lupulus L.) è un vitigno resistente e dioico la cui parte aerea è erbacea e annuale, mentre il portinnesto è perenne, e può creare radici avventizie ogni anno. È una specie del genere Humulus che appartiene alla famiglia delle Cannabacee, la cui origine potrebbe essere la Cina.  Può essere trovato principalmente nelle foreste decidue e nei boschetti dell’Europa e dell’Asia occidentale e in altre zone con clima temperato. Il luppolo è stato coltivato a Babilonia intorno al 200 d.C. ed è stato in uso per secoli principalmente come ingrediente della birra. I coni di luppolo sono la porzione più utilizzata di questa pianta, tuttavia, ci sono parti come i giovani germogli possono essere mangiati.

Nel corso dei secoli, i fiori secchi venivano utilizzati in cuscini chiamati “luppolo”, per combattere l’insonnia. L’uso di infiorescenze di luppolo essiccate e verdi per usi diuretici e disturbi dell’apparato digerente, sono stati verificati nell’area del parco di Montesinho, in Portogallo. In Cina, gli estratti alcolici di luppolo erano usati per trattare la lebbra, la tubercolosi e la dissenteria. Nel medioevo era utilizzato in infusi in qualità di tonico fisico. Luppolo è utilizzato dalla medicina tradizionale messicana per trattare l’insonnia.

Le infiorescenze femminili di Humulus lupulus (luppolo), sono state a lungo utilizzate nella medicina folclorica principalmente per trattare i disturbi del sonno. Tuttavia, l’attività sedativa è ancora in fase di studio, al fine di riconoscere i principi attivi responsabili degli effetti neurofarmacologici osservati negli animali da laboratorio e il loro meccanismo d’azione. Questa attività di sedazione potrebbe essere attribuita a tre categorie di costituenti degli estratti di luppolo lipofilo. Sebbene gli acidi α-amaro si siano rivelati i costituenti più attivi, gli acidi β-amaro e l’olio di luppolo contribuiscono all’attività sedante degli estratti di Humulus.

Nella medicina popolare, i coni di luppolo erano utilizzati per il controllo degli spasmi, dell’ansia, della febbre, dell’infiammazione, dell’attivazione della funzione gastrica e del trattamento dei disturbi del sonno. In effetti, il luppolo presenta numerosi benefici per la salute, grazie all’attività antibatterica, antifungina, cardioprotettiva, antiossidante, antinfiammatoria, anticancerogena e antivirale. Nel 2015 è stata scoperta una necropoli romana nei pressi del comune di Passo Corese e Fara, nel Lazio. In questo contesto archeologico sono state individuate 42 tombe di diverse tipologie. La datazione al radiocarbonio, eseguita presso il Centro di Diagnostica e Datazione (CEDAD, Università del Salento) su ossa umane, ha rivelato che il sepolcreto era in uso tra il I e il III secolo D.C. In questa ricerca, applicando sia la microscopia ottica che la spettrometria di massa per gascromatografia su questa matrice, è stata eseguita un’indagine qualitativa dettagliata per ricostruire lo stile di vita di una comunità imperiale romana dell’Ager Curensis (Sabina Tiberina, Italia centrale). Humulus lupulus L.) era presente nel campione di calcolo dentale, ciò dimostra che gli alimenti di origine vegetale venivano regolarmente consumati insieme alle risorse animali.

Il luppolo (Humulus lupulus L.) contiene polifenoli (antiossidanti naturali), che si ritiene siano nutrienti efficaci nella prevenzione di malattie ossidativi legate allo stress come il cancro e le malattie cardiache. Il luppolo e i suoi estratti ritardano la degradazione ossidativa e lipidica, grazie ai suoi costituenti antiossidanti, principalmente composti fenolici.

Luppolo è un rimedio stomachico, antibatterico e antimicotico, lo xantumolo in esso contenuto, ha capacità chemio preventiva del cancro della prostata e del seno. Ha proprietà estrogeniche, neuro preventiva, antinfiammatorie e antimicrobiche, è utile nella gestione della menopausa e dell’osteoporosi.

Il rilevamento di humulolo ha suggerito il potenziale utilizzo di Humulus lupulus L., il luppolo. L’estratto di infiorescenza di questa specie era considerato dai Romani come sedativo per l’insonnia e l’ansia, mentre foglie e germogli venivano consumati come verdure nelle insalate.

Un ottimo rimedio contenente Luppolo è  Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Papavero

Sedativi nervosi ed etnobotanica : Papavero

Papavero 

Le fonti più antiche sul papavero da oppio e sull’oppio sono costituite dalle tavolette cuneiformi sumere. I Sumeri che regnarono nel 5000 a.C. in Mesopotamia usavano parole per definire “oppio” e rilievi assiri raffiguravano papaveri da oppio. È noto che il papavero da oppio fu coltivato dai Sumeri nel 3300 a.C. I Sumeri la chiamavano “la pianta della gioia”. Gli Ittiti (2000 a.C.) coltivavano papavero da oppio in Anatolia.

Gli Ittiti lo chiamarono “Hassikka” e si ritiene che questo sia un prenome dell’odierno haşhaş in turco. Inoltre, lo stesso nome si riferisce anche a “dormire” e “tranquillizzare” in lingua ittita. Tra i tanti pani degli Ittiti esiste un pane con miele e semi di papavero.  Una moneta della città, coniata nel 330 a.C. dai Romani a Şuhut, in Turchia, raffigura un frutto di grano e papavero. Inoltre, una dea della città che tiene un mazzo di papavero da oppio, è raffigurata nelle monete Emirdağ e Şuhut . Dioscoride di Anazarba (Kozan, Adana) descrive la coltivazione del papavero da oppio e la produzione di oppio nella sua Materia Medica stampata nel 1° secolo  d.C. Il papavero da oppio è anche considerato una delle piante più antiche d’Europa. I dati archeologici rivelano che il papavero da oppio è stato coltivato e utilizzato nell’Europa occidentale e centrale dal 4600 al 3800 a.C.

Turchia:

Papaver rhoeas L. (Papaveraceae) – papavero rosso o papavero di mais chiamato anche ‘gelincik‘ in Turchia – è una specie annuale della sezione Rhoeadium Kadereit. La specie è ampiamente distribuita in Turchia e utilizzata per il trattamento di varie malattie della medicina popolare in forma di  sciroppo per la tosse dei bambini, come infuso per l’insonnia, sedativo e per alleviare il dolore. Le parti aeree fresche sono anche utilizzate come cibo principalmente nel sud-ovest della Turchia . I fiori di papavero sono utilizzati anche come fonte di coloranti alimentari e per esaltare il sapore delle tisane.

In Turchia, sono stati studiati cinque rimedi erboristici utilizzati come farmaci gastroprotettivi per la loro attività anti-ulcerogenica. I rimedi erboristici studiati comprendono frutti di Elaeagnus angustifolia L. (Elaeagnaceae), frutti freschi di Hibiscus esculentus L. (Malvaceae), radici fresche di Papaver rhoeas L. (Papaveraceae), foglie di Phlomis grandiflora H.S. Thomson (Lamiaceae) e frutti freschi di Rosa canina L. (Rosaceae). Gli estratti sono stati preparati secondo le tradizionali indicazioni d’uso. Papaver somniferum significa “portatore di sonno”, ma il papavero da oppio non è meno sociale del papavero di mais. Anch’ esso “cerca la compagnia delle persone”, che prosperano sulla terra agitata, riapparendo anno dopo anno. Le somiglianze, tuttavia, finiscono qui. Il papavero da oppio è più robusto, è alto un metro o più e appare in tonalità variegate, anche se il bianco, il rosa e il viola sono i più comuni. La sua capsula trasporta una resina carica di alcaloidi, di cui morfina, tebaina e codeina sono le più potenti. Il metodo tradizionale di raccolta è quello di segnare la capsula immatura in modo che la linfa fuoriesca e si essicchi sulla superficie esterna del baccello. La resina indurita appiccicosa viene quindi raschiata via e raccolta per l’uso. Il papavero da oppio è unico. Delle 27.000 diverse piante da fiore nel mondo, solo il papavero da oppio produce morfina. Il papavero da oppio ha un passato misterioso, poiché non è stato identificato alcun antenato selvatico. Le sue origini potrebbero trovarsi in Asia Minore (l’odierna Turchia), o forse nei vicini Balcani, il cuore della prima agricoltura europea. Ci sono alcuni primi indizi, tuttavia, dall’Europa occidentale.

Nel 1865, una capsula di papavero carbonizzata fu recuperata da un villaggio neolitico impegato d’acqua sul lago Pfäffikersee vicino a Robenhausen, nel nord della Svizzera. Datata intorno al 2500 a.C., la capsula sembra essere di una specie intermedia, un papavero da oppio semi-selvatico. Da quel momento, gli archeologi hanno trovato prove della coltivazione dell’oppio-papavero in luoghi simili sul lago in tutta la Svizzera, dal Neolitico all’Età del Bronzo (dal 5500 all’800 a.C. circa). A Egolzwil, sulle rive dell’ex lago Wauwil, a Lucerna, dolci ai  semi di papavero e capolini di papavero di 6.000 anni sono stati rinvenuti tra camini di argilla e ceramiche in case di legno ben conservate. Le ricerche suggeriscono che i papaveri erano più comunemente coltivati qui rispetto al grano o all’orzo.

Un’altra importante scoperta avvenne nel 1935, quando capolini di papavero maturo fossilizzati, in seguito datati al carbonio a circa 4000 a.C., furono scoperti nella “Grotta dei pipistrelli” nel sud della Spagna. Le capsule, insieme a ciocche di capelli, erano nascoste all’interno di cesti di erba intrecciata, deposti fra scheletri umani . Si tratta della  prima prova fino ad oggi di papaveri collocati in una tomba. È probabile che questo sia stato un atto deliberato, poiché l’archeologo Ralph Solecki ha scoperto prove simili da un sito molto più antico in Iraq. Scoprì che il polline presente in una sepoltura all’interno di  una grotta riconducibile all’uomo di Neanderthal, di  6.000 anni fa, proveniva da fiori variamente colorati e sembrava essere stato posizionato intenzionalmente attorno ai resti scheletrici. Notevoli testimonianze sono recentemente arrivate da La Marmotta, sul Lago di Bracciano, un cratere vulcanico pieno d’acqua situato a nord-ovest di Roma.

Nel 1989, gli archeologi hanno portato alla luce i resti di una grande città neolitica composta da abitazioni con canniccio e sostenute da migliaia di pali di quercia, conservati nei sedimenti sul fondo del lago. All’interno di un grande edificio lungo trentadue piedi hanno scoperto una statuetta, scolpita in pietra ollare, di una donna voluttuosa – una cosiddetta statuetta della “Dea Madre” – che potrebbe indicare che l’edificio serviva a scopo religioso. Hanno anche trovato grandi quantità di semi di oppio-papavero ben conservati e baccelli e dischi stigmatici (il “cappuccio” che contiene lo stigma riproduttivo del fiore, che intrappola il polline). I semi sembrano essere di una varietà semi-selvatica, e quindi i papaveri erano molto probabilmente coltivati vicino al villaggio per i loro semi e linfa – e i loro effetti antidolorifici. Datati al 5700 a.C., sono i primi campioni di semi di oppio-papavero trovati in un insediamento umano. Per quasi ottomila anni, il papavero di mais, leggermente narcotico e il papavero da oppio sono cresciuti l’uno accanto all’altro, uniti nella loro dipendenza dalle persone.

Un ottimo rimedio contenente Papavero è  Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica: Salice

Sedativi nervosi ed etnobotanica: Salice

Salice

La specie Salix è del Medio Oriente: Egitto e Turchia, Iran, Iraq, Armenia, Turkmenistan e Afghanistan, ma si è diffusa come pianta ornamentale fino in Europa, America e
Australia.

Il genere Salix (salice) comprende circa 400 specie di alberi e arbusti decidui. La pianta decidua, Salix mucronata Thunb (comunemente chiamata salice argentato del capo o salice safsaf), è ampiamente distribuita lungo il fiume Nilo in Egitto. Come altri alberi di salice, anche gli estratti di safsaf sono stati utilizzati nella medicina folclorica, nel trattamento del mal di stomaco, febbre e mal di testa con radici, un tè preparato con le foglie è utile per i reumatismi, mentre la corteccia in polvere per lenire e curare le ustioni. Nella medicina popolare è usato come diuretico, stimolante, antireumatico, infezioni renali e calcoli, infertilità maschile, diarrea e infezioni del fegato.

Salix tetrasperma Roxb. (salice indiano), appartenente alla famiglia delle Salicaceae, è un sottoabusto deciduo o un piccolo albero che si trova distribuito in vari paesi come India, Cina, Penisola malese e Arcipelago. Nella medicina popolare, la pianta è usata per trattare disturbi come diabete, febbre, epilessia, reumatismi, gonfiori, calcoli alla vescica, ferite, dolore all’orecchio, dissenteria, tosse e raffreddore. In India è comunemente noto come salice indiano, Neeruvanji in kannada e Jalavetasa in sanscrito. La pianta è distribuita in India, Cina, Nepal, Afghanistan, Laos, Cambogia, Vietnam, Singapore, Myanmar, Penisola della Malesia e Arcipelago. La pianta S. tetrasperma è ben nota per essere utilizzata per vari scopi come foraggio, legante del suolo, per la realizzazione di utensili agricoli, cesti, articoli sportivi e trattamento di varie malattie o disturbi. In Punjab, Pakistan, Bagladesh, la corteccia è usata come febbrifugo. In India, le foglie sono consumate con zucchero per reumatismi, epilessia, malattie veneree, calcoli della vescica, gonfiori. Le radici sono utilizzate in caso di diabete (India e Pakistan), le foglie vengono usate in un impacco per le ferite.

Nel Punjab centrale la corteccia è usata come febbrifugo. Le tribu Tharu, nella regione Terai dell’Himalaya, utilizzano la corteccia per la febbre. Nel Kerala, in India, e in Himalaya, salice è usato per reumatismi, epilessia, gonfiori, emorroidi, calcoli alla vescica. A Burma, la radice è usata come febbrifugo. In Pakistan le foglie sono usate in impiastro per le ferite, il succo delle foglie per otite, le radici per tosse e raffreddore, i semi per dissenteria. In Pakistan, le foglie sono usate come foraggio per il bestiame.

Salix tetrasperma:

La corteccia e le foglie hanno proprietà lassative, diuretiche, analgesiche, antipiretiche, insetticida, antiossidante, antinfiammatorio, antibatterico, antifungino nei confronti di Aspergillus niger e Candida albicans. Il salice tetrasperma è stato ed è tuttora usato in vari sistemi di medicina tradizionale come Ayurveda, Unani e Siddha.

 

Sud Africa:

Salice è usato per trattare le malattie del bestiame, vale a dire mal di gallina, acqua rossa, acqua cardiaca, infiammazione degli occhi, placenta trattenuta, marciume del piede, estro, parassiti interni (elmintiasi).

Pakistan:

Salix acmophylla Boiss., Salix denticulata Andersson, Salix iliensis Regel, Salix sericocarpa, Salix turanica Nasarov (nome locale: Brawoon). Tutte le specie di Salix sono conosciute con lo stesso nome locale e anche i loro usi sono gli stessi. I rami sono usati per fare cesti e spazzolini da denti. Lo stelo viene utilizzato per la produzione di manici di attrezzi agricoli e il legno è la principale fonte di combustibile. La corteccia dello stelo viene bollita in acqua e utilizzata in febbre, mal di testa e paralisi. Foglie e rami sono utilizzati esternamente per prurito e allergia.

Kashmir:

Le piante medicinali sono ancora ampiamente utilizzate per l’assistenza sanitaria dai locali del distretto pakistano Kotli. Mentre le giovani generazioni sono dirottate verso le medicine allopatiche, le conoscenze etnobotaniche di importanti piante medicinali sono limitate solo agli anziani. I farmaci che si ottengono dalla pianta sono efficaci e hanno pochi effetti collaterali. Questo può essere meglio spiegato dal confronto tra l’aspirina della droga sintetica e la corteccia dell’importante pianta medicinale Salix alba (salice bianco). È chiaro da diversi studi che l’aspirina provoca molti effetti collaterali che possono essere evitati utilizzando l’estratto di corteccia di Salix alba. Quindi la conoscenza etnobotanica non è solo utile per la conservazione della biodiversità e delle culture tradizionali, ma anche utile nello sviluppo di farmaci e nell’assistenza sanitaria. Nonostante la grande importanza delle piante, è stato fatto pochissimo lavoro sull’enumerazione etnobotanica delle piante e solo il medico sanitario locale ha conoscenza delle piante medicinali.

Albania:

Le comunità Gorani attribuiscono un valore molto alto al salice (S. alba), parte integrante di diverse pratiche culturali inerenti varie festività, in cui Salice viene usato nei rituali di corteggiamento, per promuovere la salute di bambini, del bestiame, propiziare un raccolto abbondante, creare amuleti che vengono esposti in case e aziende.

Gli estratti di Salice erano originariamente e utilizzati in tutta la regione come antipiretici e diuretici. Nella medicina popolare, gli infusi di Salice servono per il trattamento di dissenteria, gastrite, colite, sanguinamento, malattie femminili, febbre, nevrosi, tubercolosi, febbre tifoide e reumatismi. Usati esternamente, gli estratti sono impiegati per risciacqui della bocca, della gola e ferite sanguinanti. La corteccia di salice è una delle poche sostanze vegetali con un così ampio spettro d’azione, ha proprietà analgesiche, antipiretiche, antinfiammatorie, antitrombotiche, antireumatiche, antibatteriche e antimicrobiche. Il più noto dei rimedi botanici per il trattamento del mal di testa è il salice.

Il medico greco Ippocrate prescrisse la corteccia in polvere amara per alleviare il mal di testa, alleviare i dolori del travaglio e ridurre la febbre.

I nativi americani:

Usavano regolarmente il salice per trattare la febbre e il dolore. Il reverendo Edmund Stone riferì il primo studio sul salice nel 1763 dopo aver trattato con successo 50 parrocchiani affetti da febbre reumatica.

Acido salicilico e Spirea salicifolia

Nel 1829, Henri Leroux, un farmacista francese, isolò la salicina, un precursore che può essere metabolizzato in acido salicilico. Nel 1860, Kolbe e Lautemann sintetizzarono l’acido salicilico. Dal 1860 al 1898, l’acido salicilico fu ampiamente usato come medicina, tuttavia, l’acido bruciava la bocca, per questo motivo venne aggiunto il sodio per formare il salicilato di sodio, che aveva ancora un sapore orribile ma non causava la sensazione di bruciore dovuta all’ acido salicilico. Nel frattempo, il farmacista svizzero Johann Pagenstecher distillò fiori di prato (Spiraea salicifolia) e ottenne una sostanza chiamata salicilaldeide. Hoffman, un chimico che lavorava per l’azienda farmaceutica Bayer, era insoddisfatto del disagio allo stomaco sperimentato da suo padre artritico durante l’assunzione di salicilato di sodio. Nel tentativo di trovare un modo meno sgradevole per somministrare acido salicilico, Hoffman riesaminò la reazione di acetilazione, condotta per la prima volta dal chimico francese Gerhardt nel 1853, e scoprì che l’acido acetilsalicilico funzionava efficacemente come il salicilato di sodio, ma che era molto più delicato sullo stomaco. Il materiale sintetico, chiamato aspirina (“a” per il gruppo acetilico e “spirin” per il genere botanico Spiraea) mostrò le proprietà desiderabili dell’acido salicilico, senza la forte acidità e sapore sgradevole del suo sale sodico. L’aspirina rimane uno degli analgesici più efficaci disponibili.

 

 Salix aegyptiaca:

E’ ‘conosciuto come “Bidmeshk” in Iran e distribuito in molte parti dell’Iran, specialmente a Urmia, nel nord-ovest dell’Iran. Il distillato di infiorescenze maschili della pianta è utilizzato nella medicina folclorica iraniana come cardiotonico, nel trattamento dell’anemia e delle vertigini, nonché additivo per fragranze. L’estratto acquoso e l’olio essenziale di queste infiorescenze vengono utilizzati anche in dolciumi, sciroppi saporiti e soprattutto nella preparazione di una caramella locale. I dolori reumatici, che colpiscono principalmente gli anziani, possono essere alleviati da un decotto o da un’infusione di corteccia di S. aegyptiaca. Il decotto delle foglie o delle cortecce è anche usato come rimedio antielmintico e vermifugo. Le foglie di Salix, insieme al germoglio di chiodi di garofano e alla Nigella, vengono utilizzati nel trattamento della verruca comune. Inoltre, S. aegyptiaca è usato come lassativo, sedativo, ipnotico, afrodisiaco, oressigenico, carminativo e gastro protettivo. Il decotto di foglie di S. aegyptiaca con miele è ancora usato come tonico del sistema nervoso. Il decotto con aggiunta di zucchero è usato tra Iraniani e Turchi per la depressione, il dolore neuropatico e l’artrite reumatoide.

Nella medicina Unani, S. aegyptiaca vienen prescritto per colelitiasi, colecistite, artrite e reumatismi. L’olio essenziale di S. aegyptiaca è febbrifugo ed è utilizzato dal popolo iraniano per il suo effetto calmante sul cuore e antipertensivo. Nella medicina foclorica iraniana della comunità popolare di Kerman, nella provincia nel sud-est dell’Iran, S. aegyptiaca è stato prescritto per disturbi come colecistite e colelitiasi.

Studi clinici

Gli studi sui componenti chimici di diverse parti del genere Salix (salice) hanno rivelato la presenza di composti come catecolo, salicina e suoi derivati. La pianta è risultata ricca di miscele di flavonoidi e derivati dell’acido fenolico. La pianta ha attività antimicrobica, antiossidante, citotossica, analgesica, antinfiammatoria, antipiretica, del SNC, attività lassativa e diuretica.

Dagli attuali studi farmaceutici, ulteriori applicazioni farmaceutiche di S. aegyptiaca hanno rivelato effetti antiossidanti, antinfiammatori, analgesici, ansiolitici e anti-ipercolesterolemia.

Un ottimo rimedio è costituito da Alato 5, contiene Salice, è acquistabile in farmacia o direttamente qui.

 

DiAlessandra Zarone

Gli agrumi nella tradizione folclorica

Gli agrumi nella tradizione folclorica

Il termine agrumi ha avuto origine dalla forma latina di “Kedros“, una parola greca che denota alberi come cedro, pino e cipresso. Poiché l’odore delle foglie e dei frutti di agrumi ricorda quello del cedro, il nome agrumi è stato associato al cedro. Linneo raggruppò tutte le specie di agrumi a lui note nel genere Citrus. L’evoluzione del moderno spazzolino da denti ha la sua origine nei bastoncini di agrumi da masticare, che venivano utilizzati dai Babilonesi già nel 3500 a.C. Nella mitologia greca gli agrumi sono chiamati esperidi. L’origine suggerita dei veri agrumi è il sud-est asiatico, compresa la Cina meridionale, l’India nord-orientale e la Birmania. Gli ebrei dell’antico Israele identificarono il cedro come il “Frutto dell’albero buono“, Levitico, verso 23: 40. Il nome della specie è medica, ciò indica che Linneo attribuì l’origine del cedro a Media, una vasta regione dell’antica Persia nord-occidentale, l’odierno Iran, e non si riferì, come a volte erroneamente si pensa, al valore medicinale del frutto. Più recentemente, è stato determinato che il cedro è uno dei tre agrumi primordiali, gli altri sono mandarino e pomelo. Incroci interspecie tra questi tre frutti hanno portato allo sviluppo della vasta gamma di agrumi, dalle arance ai limoni ai tàngelo, gruppo di agrumi originati dall’ibridazione artificiale di alcune varietà di mandarino con diverse varietà di pompelmo. I punti di origine di tutte e tre le specie di agrumi fondatrici sono probabilmente la Cina sud-occidentale e l’India nord-orientale. Alessandro Magno portò il cedro dalla Persia al bacino del Mediterraneo intorno al 300 a.C., probabilmente per uso medicinale. Gli Ebrei che vivevano in Babilonia nel VI secolo a.C. usavano il cedro nei rituali religiosi. I governanti persiani nell’antica Palestina e Giudea introdussero il cedro nel Mediterraneo orientale. Fonti greche, romane, arabe ed ebraiche, dall’antichità al medioevo, si riferiscono tutte al cedro come fonte vegetale di ampio valore medicinale. Estratti e preparati del frutto e dei semi erano particolarmente apprezzati per la loro attività antitossica, sebbene frutta e foglie intere fossero anche usati come repellenti per gli insetti. Maimonide, nel XIII secolo nel suo Trattato sulla guarigione menziona i semi di cedro macinati, applicati freschi o secchi in un impiastro con radice di colocinto, Citrullus colocynthis, come particolarmente efficaci contro il veleno dello scorpione. Il suo contemporaneo ibn Taysan, Saladino da Ascoli, XII secolo, nel Compendium aromatariorum, raccomandava una riduzione del succo di cedro per contrastare il veleno in generale, nonché per migliorare la funzionalità epatica e cardiaca, come ingrediente nel lavaggio degli occhi. Estratti di semi, foglie e germogli sono usati come vermifugo. Gli oli essenziali nella buccia hanno qualità antisettiche e antibiotiche. I cedri sono posti negli armadi dei vestiti e nelle casse di stoccaggio per proteggere i tessuti dalle tarme e da altri insetti. La parte bianca viene mangiata per migliorare la digestione, mentre gli estratti di frutta e le foglie aiutano a ridurre i sintomi del cancro di Alzheimer diabete, ulcere, reumatismi e spiriti maligni. Mangiare la buccia cruda, zuccherata o una marmellata a base di cedro era consuetudine della festività Sukkot, in quanto si pensava facilitasse il parto.

Nei paesi mediterranei, scopriamo che le specie di agrumi hanno un posto importante non solo nella dieta ma anche nell’automedicazione. Il limone, in particolare, sembra costituire una sorta di panacea per tutti i mali e molti dei suoi usi si basano su credenze popolari, ad esempio per trattare oftalmie fette di limone vengono applicate alle tempie per un periodo di tempo sufficiente a indurre la combustione, nelle febbri tifoidi le fette di limone arrosto vengono applicate sulla fronte .Altri usi si trovano nella medicina tradizionale e hanno uno scopo terapeutico: 10 per cento di essenza di bergamotto in alcool a 70° come antisettico locale; acqua distillata di C. aurantium var. dulcis L. e sciroppo di Capsella bursa pastoris, come antiemorragico, nella menorragia durante la pubertà e la menopausa.

L’Aqua Nanfa medievale, dal latino medievale aqua nanfa e dall’arabo nafhah “odore, profumo” è nota per la sua azione lenitiva, antisettica, rinfrescante e deodorante; l’olio di arancia dolce ha un’azione sedativa. Oltre alle preparazioni di forme galeniche, le suddette specie di agrumi sono incluse in numerose specialità medicinali provenienti da tutto il mondo, non solo come esaltatori di sapore e odore, ma anche per il loro contenuto di vitamina C, la loro azione amaro-tonica e il loro effetto antispasmodico.

Usi popolari di Citrus sinensis:

L’arancio dolce (Citrus sinensis) è un piccolo albero sempreverde alto 7,5 m e talvolta fino a 15 m. Citrus sinensis (Cs) appartiene alla famiglia delle rutaceae, genere citrus, specie Citrus sinensis (L.) Osbeck. Il frutto è originario della Cina meridionale, dell’India nord-orientale e dell’Asia meridionale precedentemente Indocina.

Le bucce di agrumi sono state utilizzate nella medicina popolare per la gestione di alcune condizioni degenerative, sebbene ci fossero informazioni limitate sul meccanismo di tali proprietà medicinali. Le bucce consumati in alcuni paesi sotto forma di caramelle, vini, infusi e additivi. Citrus sinensis (Cs) è utilizzato nella medicina popolare per combattere virus. In Turchia, le persone consumano Citrus sinensis in caso di influenza.

Nella medicina popolare ci sono svariati usi delle arance, che vengono mangiate per placare la febbre, la polpa tostata viene preparata come impiastro per le malattie della pelle, la buccia fresca viene strofinata sull’acne. Un’infusione del frutto acerbo viene presa per alleviare i disturbi di stomaco e intestinali. Un decotto di foglie e fiori secchi viene somministrato in Italia come antispasmodico, sedativo cardiaco e antiemetico. La corteccia interna macerata e infusa nel vino viene presa come tonico. Un decotto di semi d’arancia decorticati è prescritto per i disturbi urinari in Cina. La buccia d’arancia è usata dal punto di vista medico contro i funghi. In Ecuador, l’estratto di semi d’arancia viene somministrato come trattamento per la malaria. Anche se è noto per causare depressione respiratoria.

India:

Gli agrumi sono erbe ben note utilizzate nella tradizione ayurvedica per la loro efficacia contro una vasta gamma di malattie, comprese le infezioni della pelle. L’Atharvaveda, uno dei più antichi archivi di conoscenza umana, ha elencato i principali usi di un piccolo numero di farmaci, tra cui la buccia d’arancia amara, che in India è usata come agente aromatico, stomachico, tonico, astringente e carminativo, e il limone, che viene usato come aroma e per i suoi effetti carminativi e stomachici. Il frutto acerbo di Lime, Citrus aurantifolia Swingle. è usato come tonico, cardiotonico, lassativo, antielmintico, per combattere la stanchezza. Il frutto maturo è usato come dolcificante, lassativo e afrodisiaco. La buccia come antielmintico (capace di uccidere vermi parassiti intestinali). Un decotto di fiori è indicato nelle cure popolari per placare la febbre, il succo è usato come tonico e per trattare i casi di gonfiore della milza. Diverse varietà di agrumi sono utilizzate nella farmaceutica e terapeutica ayurvedica. C. medica Linn. (Bijapur), Cedro, è usato come antipasto, cardiostimolante e antiemetico. C. Jambhiri, o Citrus kulu, appartiene alla famiglia dei limoni. E’ usato come antidiarroico, migliora la digestione. Nella Rasashastra (farmaceutica ayurvedica), queste varietà sono utili nelle procedure di purificazione, incenerimento e levigazione essenziali per la preparazione di diverse formulazioni ayurvediche. Citrus sinensis è una delle piante medicinali importanti che si trovano ampiamente nel distretto di Shahjahanpur. Questa pianta è prescritta nel sistema indigeno di medicina per il trattamento di vari disturbi.

Cina:

Il frutto essiccato di Citrus sinensis è incluso fra le erbe antishock, era comunemente usato per trattare l’indigestione, la distensione addominale, la ptosi dell’ano e dell’utero. Il frutto è emetico, anti-tosse, diaforetico, digestivo, carminativo, espettorante, antidiarroico, antitumorale, disturbi di stomaco. Secondo la tradizione cinese, i frutti non completamente maturi, Zhiqiao, di Citrus aurantium L., C. aurantium L. var. amara Engl. o C. Wilsonii Tanaka disperdono l’energia vitale stagnante, hanno un effetto espettorante e facilitano la digestione. Sono principalmente usati per trattare l’eccessivo accumulo di catarro, angoscia toracica, distensione della regione costale, dispepsia, eruttazione, vomito, dissenteria con tenesmo e prolasso dell’utero o del retto.

Indonesia, Filippine, Vietnam:

La buccia o il succo di frutta di varie specie di agrumi sono impiegati nella medicina tradizionale come stomachico, carminativo, antiscorbutico, antiemetico, diuretico ed espettorante. Un decotto di buccia viene utilizzato per tosse, raffreddore, dispepsia, come antidoto per il veleno di pesce e in unguenti per acne ed eczema. Alcuni succhi (probabilmente acidi) sono impiegati come gargarismi per il trattamento di gole doloranti, infiammate o suppurate e per pulire le ferite. Le foglie sono considerate sedative e antispasmodiche, mentre un decotto delle foglie viene applicato caldo per trattare dolori e gonfiori. L’arancia amara è usata in Vietnam come diaforetica e purgativa, nelle Filippine come alimento per i malati, in particolare in condizioni febbrili, infiammatorie e in caso di Scorbuto.

Agrumi nella medicina tradizionale africana:

Citrus sinensis, in Igbo si chiama “ape uta, è utilizzato in caso di malaria, convulsioni infantili, diarrea, dissenteria, gonorrea, epilessia, tonsillite, infezioni fungine, malattie mentali e infezioni da vermi. Nella parte sud-orientale della Nigeria, Citrus sinensis è usato per gestire la malaria e le malattie della pelle. Estratti di foglie di Citrus sinensis sono stati utilizzati nella medicina popolare locale per trattare le malattie neurologiche. Estratti di foglie di Citrus sinensis sono stati utilizzati nella medicina popolare locale nigeriana per trattare le malattie neurologiche. Aveva anche attività sedativa con estratto metanoico. I frutti di CS sono usati fondamentalmente come cibo a causa della presenza di molte vitamine. Tuttavia, gli estratti ottenuti dalle foglie e dalle bucce di frutta vengono utilizzati per uccidere larve di zanzara e acari, come agenti antimicrobici e antifungini. Gli estratti di foglie sono stati anche usati nella medicina popolare per trattare il diabete, disturbi neurologici e per facilitare la digestione. Viene anche usato tradizionalmente in combinazione con il miele per il trattamento dell’anemia falciforme nei bambini e in combinazione con altre piante per il trattamento della malaria.

Citrus sinensis, in Cameron, è la pianta antimalarica più comune di questa famiglia. Un decotto viene preparato dalle radici.

La buccia di Citrus Senensis ha molte proprietà medicinali ed è ampiamente utilizzata contro vari disturbi, come coliche, mal di stomaco, cancro, diuretico, immuno – potenziante, stomachico, tonico del sistema digestivo. È anche usato per trattare e prevenire carenze vitaminiche, raffreddori, influenza e scorbuto, aiuta a combattere le infezioni virali e batteriche. Ha una potente attività antibatterica contro Pseudomonas aeruginosa, Staphylococcus aureus, Staphylococcus epidermidis, Shigella flexineri, Bacillus subtilis ed Escherichia coli.

In Arabia Saudita il frutto di Cedro, Citrus medica L. var. turung Bonavia è usato per mal di stomaco e febbre. Un’infusione concentrata del frutto mescolato con sale e miele viene utilizzata contro la tosse.

L’arancio amaro, Citrus aurantium, è coltivato in Nord Africa. Un’infusione della buccia viene utilizzata per dolori di stomaco e dissenteria, come digestivo, antispasmodico, diaforetico e lieve sedativo, mentre i fiori secchi in infuso sono usati come sedativo nervoso e antispasmodico (isteria, spasmi, singhiozzo), antidiarroico e stimolante. L’acqua distillata dai fiori viene data ai bambini per calmarli e aiutarli a dormire. La radice è usata come trattamento del morso di serpente, per alleviare i dolori addominali, per trattare la gonorrea (come decotto) e come afrodisiaco (cotto con carne). Il succo ottenuto dalle foglie viene spremuto nell’orecchio per il mal d’orecchio.

In Sud Africa il succo di limone, Citrus limon, è usato con il sale come rimedio per la tigna, nel Transvaal con il miele come rimedio per la tosse e con lo zenzero per il raffreddore. Le donne swahili applicano il succo alla vagina per produrre contrazione dopo il parto.

Le foglie di lime, Citrus aurantifolia, sono un rimedio malese per il mal di testa e l’infusione viene utilizzata per le febbri con leggero ittero e febbre biliare. Il succo di frutta è un sollievo dalla tosse, un tonico e un rimedio per il mal di stomaco e viene utilizzato esternamente come detergente e stimolante epidermico. Le fette di lime tostate vengono applicate a piaghe croniche.

Nell’Africa occidentale i preparati di foglie di Citrus aurantium (arancio amaro) sono usati come gargarismi e per il trattamento della polmonite, febbre malarica malattie degli occhi (bollite con foglie d’arancia), febbre con ittero, gonorrea (come bagno di vapore), mal di testa, febbre biliare (con foglie di Ocimum, Basilico) e mal di stomaco (con Areca catechu, Palma di Betel) e come collutorio. La buccia di C. medica o C. acida viene utilizzata contro l’elmintiasi e la corteccia radicale di C. nobilis (Mandarino) come antireumatico.

Agrumi nella medicina tradizionale araba:

Nella medicina araba il succo, la frutta secca e fresca, la buccia e la corteccia di lime sono usati come rimedi per cataratta, raffreddore e febbre, dolori al petto e mal d’orecchi e come stomachico.

Una varietà di arancia dolce (Safargal) coltivata in Oman e il suo frutto è considerato un tonico generale per lo stomaco e mangiata 2-3 volte al giorno viene utilizzata nel trattamento dell’ittero. L’odore della pianta o del frutto del safargal è ritenuto curativo per il cuore. Nello Yemen la buccia d’arancia viene consumata a colazione, mescolata con il latte per rendere lo stomaco forte e stimolare l’appetito; si ritiene che la polpa del frutto rafforzi il cuore.

In Iran, La specie Citrus sinensis (L.) Osbeck (arancia) è usata nella medicina popolare come infuso per il trattamento di irritazione nervosa, insonnia, spasmi, pertosse, problemi gastrointestinali.

Agrumi nella medicina tradizionale del Nuovo Mondo:

Dopo la scoperta dell’America, la coltivazione delle specie di agrumi più utilizzate si diffuse nel Nuovo Mondo. Ci sono prove documentali della presenza di piantagioni di arance amare a Vera Cruz e in Messico nella seconda metà del XVI secolo, mentre pochi anni dopo (1568) in America c’erano piantagioni di limoni e arance dolci. La coltivazione si estese gradualmente in Florida, Louisiana, California, ecc. e oggi le specie originariamente naturalizzate e le numerose varietà da esse derivate sono così diffuse in tutti gli Stati Uniti che gli agrumi hanno un posto non solo nella dieta ma anche nella medicina tradizionale. In America la frutta, la buccia e gli oli di arancia amara e arancia dolce sono usati come carminativo, aromatico e stomachico. La buccia d’arancia e l’olio sono usati come aromatizzanti in alimenti, bevande e medicine e il succo come fonte di vitamina C. Il frutto del lime (C. Limetta Risso) è usato più per aromatizzare che per medicinalmente, mentre il succo è usato come anti-scorbuto. In Messico le foglie di arancio amaro (naranjo agrio) sono utilizzate per le loro proprietà antispasmodiche, toniche e febbrifughe e nel trattamento dell’eccitazione nervosa, delle palpitazioni e dell’epilessia. P. Font Quer, un botanico spagnolo nonché farmacista e chimico, che si è distinto come uno dei nomi più importanti della scienza botanica spagnola della metà del XX secolo, nel descrivere le virtù (virtudes) del cedro, del limone, dell’arancio amaro e dell’arancio dolce, riesamina l’opera di Dioscoride, e delinea l’uso attuale dei rimedi ottenuti da queste piante, il limone in particolare, affermando che “ha innumerevoli stimatori e costituisce una panacea che si ritiene curi un numero infinito di malattie”. Morton, naturalista e botanico austriaco di fine ‘800, include il mandarino (C. reticulata Blanco) tra le piante di rimedio popolare identificate nel nord del Venezuela.

 

Il lime (C. aurantifolia Swingle) ha una moltitudine di usi nella medicina popolare in tutti i tropici: il succo viene preso per fermare la diarrea, è considerato un efficace disinfettante per gli occhi dei neonati e per le ferite. Diluito in acqua, caldo o freddo, è usato in gargarismi per disturbi alla gola e assunto internamente per alleviare la febbre, disturbi epatici, edema, diuretico. Nello Yucatan il succo è usato per diabete, reumatismi e aterosclerosi, l’infuso delle foglie serve come antispasmodico, sudorifero e sedativo; il decotto delle radici viene somministrato come trattamento per la gonorrea. Nel Curasao il succo di lime viene aggiunto al tè di Cymbopogon citratus per alleviare la bronchite. A Trinidad il succo di lime viene utilizzato contro mughetto, mal di denti e viene applicato al petto in caso di polmonite. Un “tè” di boccioli di fiori viene preso come soporifero e un decotto di radice viene applicato sulle punture di scorpione. In Giamaica, si dice che il succo di lime mescolato con i frutti schiacciati di Solanum aculeatum curi la tigna. Nelle Bahamas il succo viene utilizzato per respingere le zanzare e se si viene morsi da questi insetti, il succo allevierà il prurito; il decotto di foglie è usato come tonico e come rimedio per la pressione sanguigna. In America Centrale il succo d’arancia amara è usato come diuretico, purgante, per tosse e febbre; un decotto della buccia viene somministrato per alleviare la flatulenza. Nello Yucatan, le foglie sono comunemente utilizzate nella medicina popolare sotto forma di infuso o decotto come diuretico, stimolante cardiaco e sedativo e per rinforzare altri rimedi per la febbre, per il trattamento di problemi alla cistifellea, ipertensione, mal di stomaco (a Curaçao), e in un decotto con foglie di Annona muricata come rimedio per l’asma, come sedativo e per promuovere un buon sonno (a Curaçao). Il decotto o l’olio essenziale delle foglie e dei fiori sono considerati antispasmodici; i fiori freschi e secchi sono utilizzati in un tè’ come stomachico e sedativo; un unguento preparato dai fiori viene applicato sulla pelle irritata; il decotto di buccia viene utilizzato per alleviare il mal di stomaco e come tonico amaro; il succo di frutta è usato come rimedio per raffreddori e mal di gola. Il decotto della buccia d’arancia dolce è un rimedio per la dissenteria e i vermi intestinali e per la flatulenza. A Curaçao, un decotto della buccia viene preso quando manca l’appetito; l’infuso di foglie come antispasmodico o nel trattamento di isteria, palpitazioni, convulsioni e attacchi epilettici, gastralgia e bronchite. I Maya nello Yucatan usano le foglie in un tè sudorifero. Il “tè” delle foglie viene preso a Trinidad per la polmonite e come depurativo dopo il parto; il decotto di fiori è un sedativo popolare. In Ecuador un estratto di semi d’arancia viene utilizzato nel trattamento della malaria. Nelle Isole Caicos, all’estremità meridionale della catena di isole Bahamas, il succo acido del frutto di lime (C, aurantifolia Swingle) o dell’arancia amara è un rimedio per il tifo.

L’infusione di fiori di diverse specie di generi di agrumi è usata come sedativo per trattare l’insonnia, trattare la tubercolosi e altre malattie respiratorie.

Amazzonia:

Il decotto di radice di arancio, preso durante le mestruazioni, agisce come un contraccettivo; il succo di lime, preso da entrambi i partner poco prima del rapporto sessuale, impedirà il concepimento; la buccia di lime è usata come antiforfora, decongestionante e sedativo; i fiori come tonico, per crampi ed enterite. L’infuso di foglie di limone è un digestivo.

Pompelmo

Il pompelmo (Citrus paradisi) è un importante membro del genere Citrus della famiglia delle Rutaceae. È stato usato come medicina popolare in molti paesi come antibatterico, antifungino, antinfiammatorio, antimicrobico, antiossidante, antivirale, astringente e conservante. È stato anche usato per la prevenzione del cancro, la rigenerazione cellulare, l’abbassamento del colesterolo, la pulizia, la disintossicazione, il mantenimento della salute del cuore, la nefrite da lupus, l’artrite reumatoide e la perdita di peso. Citrus paradisi è uno dei membri più importanti del genere citrus (Rutaceae). È originario dell’isola di Barbados. Il pompelmo viene coltivato commercialmente anche in Spagna, Marocco, Israele, Giordania, Sud Africa, Brasile, Messico, Giamaica e Asia.

In Sudan la buccia interna di Citrus paradisi è usata per curare la malaria, gastro protettiva e antiulcera e questa azione è attribuita all’attività antiossidante dei flavonoidi degli agrumi.

Medicina tradizionale e ricerche scientifiche:

In una rivalutazione critica basata sulle più recenti ricerche farmacologiche, molte delle numerose proprietà terapeutiche attribuite ad alcune specie del genere Citrus nella medicina tradizionale dei paesi, dove si sono diffuse e acclimatati, si sono dimostrate fondate e sono stati individuati i principi attivi responsabili di queste attività. L’attività antiossidante degli antociani, presente in particolare nelle arance pigmentate, ha portato ad una rivalutazione di questo generoso dono della natura. I frutti dorati del giardino mitologico delle Esperidi, le arance, di un colore rosso vivo che riflette il fuoco dell’Etna, il profumo inebriante della zagara, i fiori bianchi che adornano le spose, sono la manifestazione dei doni portati a noi dalle specie di agrumi: nutrimento, bellezza, salute e poesia. Gli obiettivi di uno studio scientifico  erano di indagare l’effetto sedativo di diversi estratti di fiori di Citrus sinensis (L.) Osbeck (Rutaceae) e descrivere il meccanismo d’azione farmacologica dei composti attivi sedativi di questa pianta.

1 Caduta dei capelli e problemi epidermici

Nell’alopecia non cicatriziale, i micronutrienti  svolgono un ruolo molto importante, poiché regolano il normale ciclo del follicolo pilifero e ricambio  cellulare. Il ruolo dell’alimentazione e della dieta nel trattamento della caduta dei capelli rappresenta un’area di indagine dinamica e in crescita: è fondamentale assumere vitamina A, vitamina B, vitamina C, vitamina D, vitamina E, ferro, selenio e zinco, sono molto importanti in caso di alopecia non cicatriziale.

2 Infiammazioni e   infezioni

Gli elementi del sistema antiossidante, fra cui cofattori di enzimi, componenti di fattori di trascrizione e modulatori epigenetici, vitamine e oligoelementi, influenzano vari processi metabolici che sono direttamente associati alle funzioni immunitarie. In particolare, le vitamine C e D hanno dimostrato una funzione immunitaria significativa. In particolare, la vitamina C ha una rilevante funzione immunobiologica, di conseguenza, la carenza di vitamina C è la ridotta resistenza a vari agenti patogeni, mentre un maggiore apporto aumenta l’attività degli anticorpi e la resistenza alle infezioni.

3 Vitamina C e funzione immunitaria

La vitamina C è un micronutriente essenziale per l’uomo, con funzioni pleiotropiche legate alla sua capacità di donare elettroni. La vitamina C contribuisce alla difesa immunitaria supportando varie funzioni cellulari sia del sistema immunitario innato che adattivo. La vitamina C supporta la funzione di barriera epiteliale contro gli agenti patogeni e promuove l’attività antiossidante della pelle, proteggendo e dallo stress ossidativo ambientale. La vitamina C si accumula nelle cellule fagocitiche, come i neutrofili, e può migliorare la chemiotassi, rif. : Chemiotassi – Wikipedia la fagocitosi, rif. Fagocitosi – Wikipedia, e l’uccisione microbica. Il ruolo della vitamina C nei linfociti è meno chiaro, ma è stato dimostrato che migliora la differenziazione e la proliferazione delle cellule B e T, probabilmente a causa dei suoi effetti di regolazione genica, rif. Regolazione genica – Wikipedia . La carenza di vitamina C si traduce in un’immunità compromessa e in una maggiore suscettibilità alle infezioni. A sua volta, le infezioni hanno un impatto significativo sui livelli di vitamina C a causa dell’aumento dell’infiammazione e del fabbisogno metabolico. Inoltre, l’integrazione con vitamina C sembra essere in grado di prevenire e trattare le infezioni respiratorie e sistemiche. La prevenzione profilattica dell’infezione richiede l’assunzione alimentare di vitamina C che forniscano livelli plasmaci almeno adeguati, se non saturi (cioè 100-200 mg/giorno), che ottimizzano i livelli di cellule e tessuti. Al contrario, il trattamento delle infezioni accertate richiede dosi significativamente più elevate (grammo) della vitamina per compensare l’aumento della risposta infiammatoria e della domanda metabolica.

4 La vitamina C riduce le malattie neurodegenerative e i disturbi psichiatrici

La vitamina C (Vit C) è considerata una molecola antiossidante vitale nel cervello. Aiuta a mantenere l’integrità e la funzione di diversi processi nel sistema nervoso centrale (SNC), tra cui maturazione e differenziazione neuronale, formazione di mielina, sintesi della catecolamina, modulazione della neurotrasmissione e protezione antiossidante. L’importanza della Vit C per la funzione SNC è stata dimostrata dal fatto che la cancellazione mirata del co-trasportatore sodio-vitamina C nei topi provoca un’emorragia cerebrale diffusa e la morte il primo giorno post-natale. Poiché le malattie neurologiche sono caratterizzate da una maggiore generazione di radicali liberi e le più alte concentrazioni di Vit C nel corpo si trovano nel cervello e nei tessuti neuroendocrini, si evince  che Vit C possa cambiare il corso delle malattie neurologiche e mostrare potenziali ruoli terapeutici. Agisce sulle malattie neurodegenerative tra cui il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, il morbo di Huntington, la sclerosi multipla e la sclerosi amiotrofica, nonché i disturbi psichiatrici tra cui depressione, ansia e schizofrenia.

5 Effetti dell’esercizio aerobico e dell’integrazione di vitamina C sui sintomi della rinite nei pazienti allergici con rinite

L’esercizio fisico e l’assunzione  della vitamina C sono entrambi raccomandati come efficace trattamento dei sintomi nei pazienti con molte malattie fra cui la rinite allergica .

6 Vitamina C e malattie cardiovascolari

I potenziali effetti benefici delle proprietà antiossidanti della vitamina C sono stati studiati in una serie di condizioni patologiche e disturbi cardiovascolari.

La vitamina C previene i danni causati dallo stress al cuore causati dalla morte di cardiomiociti, attraverso la regolazione dell’eccessiva produzione di catecolamina ( rif . Catecolamina – Wikipedia). Nel complesso, l’insufficienza di vitamina C aumenta il rischio di danni cardiaci indotti dallo stress con cambiamenti strutturali e funzionali derivanti dall’apoptosi dei cardiomiociti.

7 La vitamina C migliora la lesione epatica

L’insufficienza di acido l-ascorbico (vitamina C) è considerata uno dei principali fattori di rischio per lo sviluppo della malattia epatica. Tuttavia, i suoi effetti specifici e i relativi meccanismi in vivo sono in gran parte sconosciuti. L’obiettivo di questo studio era quello di studiare il ruolo protettivo in vivo della vitamina C e i suoi meccanismi correlati nella lesione epatica con topi che non possono sintetizzare la vitamina C come l’uomo a causa della mancanza di l-gulonolattone-γ-ossidasi , un enzima essenziale per la sintesi della vitamina C.

La vitamina C è fondamentale nella prevenzione dello sviluppo della malattia nel fegato e gravi danni al fegato indotti dall’infiammazione possono essere prevenuti con sufficiente integrazione di vitamina C.

8 La carenza di vitamina C aggrava il fattore di necrosi tumorale α insulino-indotta dall’insulina

L’infiammazione cronica di basso grado gioca un ruolo importante nello sviluppo della resistenza all’insulina. Il ruolo potenziale e il meccanismo della vitamina C, un agente antiossidante e antinfiammatorio, è stato studiato nella resistenza all’insulina indotta dal fattore di necrosi tumorale α (TNF-α). Nel complesso, la vitamina C è essenziale per prevenire e migliorare la resistenza all’insulina e l’integrazione con vitamina C può essere un efficace intervento terapeutico per i disturbi metabolici.

Un ottimo prodotto contenente vitamina C è Alato 48 . La  nuova formulazione liposomiale di vitamina C è priva di solventi organici dannosi è disponibile presso La Fenice Sas.

Associazioni:

Alato D3 osteoporosi, malattie autoimmuni

Alato 34 immunostimolante cardiovascolare osteoporosi,

ALATO 10 immunoregolatore – antinfiammatorio

 

ALATO 21 funzioni cognitive

ALATO 25 metabolismo energetico cerebrale

ALATO 30 debilitazione psicofisico

ALATO 37 immunoregolatore – antinfiammatorio

 

Ecco le sue  principali funzioni:

  • Sistema immunitario
  • antiossidante
  • sintesi di collagene
  • metabolismo
  • affaticamento
  • sistema nervoso
  • antitumorale
  • malattie neurodegenerative
  • alopecia
  • epiderma
  • rinite
  • infiammazioni
  • infezioni
  • disturbi cardiovascolari 
DiAlessandra Zarone

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico: Escolzia

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico 

 

Premessa

Il concetto di stress è relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada, nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).

Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico, ormonale, locomotorio e immunologico.

Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo

dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.

Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Escolzia

Eschscholzia californica Cham, è una pianta medicinale tradizionale degli indiani utilizzata dalla popolazione rurale della California per le sue proprietà analgesiche e sedative. Uno studio sull’estratto convalida le sue tradizionali proprietà sedative Inoltre, quando somministrato ad una dose di 25 mg/kg, E. californica ha anche  un’azione ansiolitica .

Nomi comuni: California-Poppy, Golden Cup, Gold Poppy, Yellow Poppy, Golden Poppy, Opium of The Indians. Modo d’uso: fumo, tè, frutta da masticare, tinture, estratti. Ha la reputazione di essere un’alternativa al papavero da oppio, anche se è meno potente poichè on contiene oppio. È segnalato per facilitare l’astinenza da tabacco e alcol.

Migliora la qualità del sonno naturale, rilassa il sistema nervoso, induce lieve euforia, riduce l’ansia, E’un anestetico, antispasmodico, diuretico, galattofugo, odontalgico, tranquillante. Il sovradosaggio causa : mal di testa, irritazione dell’occhio, nausea, effetti da sbornia del giorno successivo, sudore che induce, vomito. L’uso può causare un test delle urine a leggere positivo per gli oppiacei. Eschscholzia californica (papavero della California) è una pianta che si trova in California e viene utilizzata per i suoi valori medicinali. È un rimedio soporifero sedativo e analgesico non narcotico usato per favorire il rilassamento e utile per disturbi del sonno (insonnia), dolori, agitazione nervosa, tensione nervosa, ansia nei bambini, depressione, stanchezza mentale e fisica a lungo termine (nevrastenia), dolore ai nervi, varie condizioni psichiatriche, problemi ai vasi sanguigni, sensibilità ai cambiamenti climatici. È comunemente noto per i suoi effetti terapeutici nell’alleviare il mal di denti e agisce come tranquillante. Negli esperimenti sugli animali, è stato scoperto che agisce in modo più potente della morfina.

Gli indiani d’America, in generale, usavano il papavero californiano per il dolore delle  coliche e ha una lunga storia di uso tradizionale in Nord America.

Rimedi tradizionali del Chumash, una tribu’ di nativi americani stanziati nelle zone costiere della California centrale Le ricerche archeologiche dicono che i Chumash arrivarono dal Canale di Santa Barbara e vissero in California per millenni. I Chumash si stabilirono in alcuni insediamenti già 10.000 anni fa. Tale popolazione utilizzava Escholzia  per dismenorrea, sindrome premestruale, igiene femminile, mestruazioni pesanti, infezioni del tratto urinario, parto, allattamento, cura dell’infanzia, menopausa, malattie sessualmente trasmissibili, fertilità, contraccezione e aborti,come analgesico, sedativo e ansiolitico. Gli Studi clinici  hanno dimostrato che il papavero della California possiede un’affinità con i recettori delle benzodiazepine con flumazenil (un antagonista del recettore delle benzodiazepine) che sopprime questi effetti sedativi e ansiolitici

Un ottimo prodotto è Alato 3, contiene Escolzia, è indicato per  spasmi, contrazioni nervose, irritabilitá, nervosismo, agitazione, ansia, ipereccitabilitá, disturbi organici di origine nervosa. E’ acquistabile qui o in Farmacia.

 

 

DiAlessandra Zarone

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico: Papavero rosso

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico 

 

Premessa

Il concetto di stress è relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada, nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).

Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico, ormonale, locomotorio e immunologico.

Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo

dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.

Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Papavero Rosso

Papaver rhoeas L. (Papaveraceae) – papavero rosso o papavero di mais chiamato anche ‘gelincik’ in Turchia – è una specie annuale della sezione Rhoeadium Kadereit. La specie è ampiamente distribuita in Turchia e utilizzata per il trattamento di varie malattie della medicina popolare in forma di  sciroppo per la tosse dei bambini, come infuso per l’insonnia, sedativo e per alleviare il dolore. Le parti aeree fresche sono anche utilizzate come cibo principalmente nel sud-ovest della Turchia. I fiori di papavero sono utilizzati anche come fonte di coloranti alimentari e per esaltare il sapore delle tisane.

In Turchia, sono stati studiati cinque rimedi erboristici utilizzati come farmaci gastroprotettivi per la loro attività anti-ulcerogenica. I rimedi erboristici studiati comprendono frutti di Elaeagnus angustifolia L. (Elaeagnaceae), frutti freschi di Hibiscus esculentus L. (Malvaceae), radici fresche di Papaver rhoeas L. (Papaveraceae), foglie di Phlomis grandiflora H.S. Thomson (Lamiaceae) e frutti freschi di Rosa canina L. (Rosaceae). Gli estratti sono stati preparati secondo le tradizionali indicazioni d’uso. Papaver somniferum significa “portatore di sonno”, ma il papavero da oppio non è meno sociale del papavero di mais. Anch’ esso “cerca la compagnia delle persone”, che prosperano sulla terra agitata, riapparendo anno dopo anno. Le somiglianze, tuttavia, finiscono qui. Il papavero da oppio è più robusto, è alto un metro o più e appare in tonalità variegate, anche se il bianco, il rosa e il viola sono i più comuni.

 

La sua capsula trasporta una resina carica di alcaloidi, di cui morfina, tebaina e codeina sono le più potenti. Il metodo tradizionale di raccolta è quello di segnare la capsula immatura in modo che la linfa fuoriesca e si essicchi sulla superficie esterna del baccello. La resina indurita appiccicosa viene quindi raschiata via e raccolta per l’uso. Il papavero da oppio è unico. Delle 27.000 diverse piante da fiore nel mondo, solo il papavero da oppio produce morfina. Il papavero da oppio ha un passato misterioso, poiché non è stato identificato alcun antenato selvatico.  Le sue origini potrebbero trovarsi in Asia Minore (l’odierna Turchia), o forse nei vicini Balcani, il cuore della prima agricoltura europea. Ci sono alcuni primi indizi, tuttavia, dall’Europa occidentale. Nel 1865, una capsula di papavero carbonizzata fu recuperata da un villaggio neolitico impiegato d’acqua sul lago Pfäffikersee vicino a Robenhausen, nel nord della Svizzera. Datata intorno al 2500 a.C., la capsula sembra essere di una specie intermedia, un papavero da oppio semi-selvatico. Da quel momento, gli archeologi hanno trovato prove della coltivazione dell’oppio-papavero in luoghi simili sul lago in tutta la Svizzera, dal Neolitico all’Età del Bronzo (dal 5500 all’800 a.C. circa). A Egolzwil, sulle rive dell’ex lago Wauwil, a Lucerna, dolci ai  semi di papavero e capolini di papavero di 6.000 anni sono stati rinvenuti  tra camini di argilla e ceramiche in case di legno ben conservate. Le ricerche suggeriscono che i papaveri erano più comunemente coltivati qui rispetto al grano o all’orzo. Un’altra importante scoperta avvenne nel 1935, quando capolini di papavero maturo fossilizzati, in seguito datati al carbonio a circa 4000 a.C., furono scoperti nella “Grotta dei pipistrelli” nel sud della Spagna. Le capsule, insieme a ciocche di capelli, erano nascoste all’interno di cesti di erba intrecciata, deposti fra scheletri umani . Si tratta della  prima prova fino ad oggi di papaveri collocati in una tomba. È probabile che questo sia stato un atto deliberato, poiché l’archeologo Ralph Solecki ha scoperto prove simili da un sito molto più antico in Iraq. Scoprì che il polline presente in una sepoltura all’interno di  una grotta riconducibile all’uomo di Neanderthal, di  6.000 anni fa, proveniva da fiori variamente colorati e sembrava essere stato posizionato intenzionalmente attorno ai resti scheletrici. Notevoli testimonianze sono recentemente arrivate da La Marmotta, sul Lago di Bracciano, un cratere vulcanico pieno d’acqua situato a nord-ovest di Roma. Nel 1989, gli archeologi hanno portato alla luce i resti di una grande città neolitica composta da abitazioni con canniccio e sostenute da migliaia di pali di quercia, conservati nei sedimenti sul fondo del lago. All’interno di un grande edificio lungo trentadue piedi hanno scoperto una statuetta, scolpita in pietra ollare, di una donna voluttuosa – una cosiddetta statuetta della “Dea Madre” – che potrebbe indicare che l’edificio serviva a scopo religioso. Hanno anche trovato grandi quantità di semi di oppio-papavero ben conservati e baccelli e dischi stigmatici (il “cappuccio” che contiene lo stigma riproduttivo del fiore, che intrappola il polline). I semi sembrano essere di una varietà semi-selvatica, e quindi i papaveri erano molto probabilmente coltivati vicino al villaggio per i loro semi e linfa – e i loro effetti antidolorifici. Datati al 5700 a.C., sono i primi campioni di semi di oppio-papavero trovati in un insediamento umano. Per quasi ottomila anni, il papavero di mais, leggermente narcotico e il papavero da oppio sono cresciuti l’uno accanto all’altro, uniti nella loro dipendenza dalle persone.

Un ottimo prodotto è Alato 3, contiene Papavero rosso, è indicato per  spasmi, contrazioni nervose, irritabilitá, nervosismo, agitazione, ansia, ipereccitabilitá, disturbi organici di origine nervosa. E’ acquistabile qui o in Farmacia.

 

 

DiAlessandra Zarone

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico : Giuggiolo

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico 

 

Premessa

Il concetto di stress è relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada, nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).

Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico, ormonale, locomotorio e immunologico.

Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo

dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.

Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Giuggiolo

Nome botanico: Zizyphus mauritiana Lam.

Sinonimo: Z. jujuba Lam. not of Mill.; Z. spina-christi

Distribuzione nel mondo: India, Pakistan, Afghanistan, Cina, Ceylon, Australia, Trop. Africa

Usi medici popolari: Trattamento di ascessi e ferite.

La pasta di foglie fresche schiacciate viene mescolata con una piccola quantità di sapone e zucchero macinato ed è legata con un panno come benda sugli ascessi. La benda viene cambiata ogni 24 ore e il trattamento viene continuato per 3-4 giorni.

La popolazione dei villaggi orientali dell’Andra Pradesh, in India usa la colla delle foglie di questa pianta e il lattice di Ipomea carnea per trattare i brufoli. La pasta di polvere di corteccia e foglie, applicata esternamente sul petto viene usata dalla medicina popolare di questi luoghi, per trattare il dolore toracico della tosse; la polvere del frutto di Z. xylopyrus è utilizzato nel trattamento di indigestione e mal di stomaco, con aggiunta di un pizzico di zenzero. Nella medicina popolare turca, la polvere del frutto è utilizzata come sedativo.

 

 

Ziziphus spina-christi riconosciuto come giuggiola del trono di Cristo. È un piccolo albero o un arbusto spinoso che resiste fortemente alla siccità e al calore. È una pianta o un albero sempreverde nell’Africa tropicale, nel Levante e in alcuni paesi tropicali. L’indagine morfologica ha rilevato in Arabia Saudita due varietà ben definite, Z. spina-christi var. spina-christi, Z. spina-christi var. mi-crophylla e una pianta affinità con Z. spina-christi var. spina-christi. Gli arabi hanno a lungo usato Z. spina-christi nella medicina folclorica per mantenere la salute. I nativi del Medio Oriente, dell’Oriente e del Sud dell’Asia lo stanno usando per curare molte malattie come febbre, forfora, dolore, condizioni infiammatorie, ferite e ulcere, asma e disturbi agli occhi. In Medio Oriente, questa pianta è sia cibo che medicina.

Ziziphus oxyphylla si trova principalmente nelle regioni calde e tropicali del mondo. È una delle specie del genere Ziziphus ampiamente usato per trattare problemi legati al fegato, ittero e diabete. I test fitochimici confermano la presenza di alcaloidi, flavonoidi, composti fenolici. Gli studi clinici hanno mostrato attività antibatterica, antipiretica, antiossidante e antinfiammatoria in vivo e in vitro.

Un ottimo prodotto è Alato 3, contiene Giuggiolo, è indicato per  spasmi, contrazioni nervose, irritabilitá, nervosismo, agitazione, ansia, ipereccitabilitá, disturbi organici di origine nervosa. E’ acquistabile qui o in Farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia: Escolzia

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

Escolzia

Eschscholzia californica Cham, è una pianta medicinale tradizionale degli indiani utilizzata dalla popolazione rurale della California per le sue proprietà analgesiche e sedative. Uno studio sull’estratto convalida le sue tradizionali proprietà sedative Inoltre, quando somministrato ad una dose di 25 mg/kg, E. californica ha anche un’azione ansiolitica .
Nomi comuni: California-Poppy, Golden Cup, Gold Poppy, Yellow Poppy, Golden Poppy, Opium of The Indians. Modo d’uso: fumo, tè, frutta da masticare, tinture, estratti. Ha la reputazione di essere un’alternativa al papavero da oppio, anche se è meno potente poichè on contiene oppio. È segnalato per facilitare l’astinenza da tabacco e alcol.
Migliora la qualità del sonno naturale, rilassa il sistema nervoso, induce lieve euforia, riduce l’ansia, E’un anestetico, antispasmodico, diuretico, galattofugo, odontalgico, tranquillante. Il sovradosaggio causa : mal di testa, irritazione dell’occhio, nausea, effetti da sbornia del giorno successivo, sudore che induce, vomito. L’uso può causare un test delle urine a leggere positivo per gli oppiacei. Eschscholzia californica (papavero della California) è una pianta che si trova in California e viene utilizzata per i suoi valori medicinali. È un rimedio soporifero sedativo e analgesico non narcotico usato per favorire il rilassamento e utile per disturbi del sonno (insonnia), dolori, agitazione nervosa, tensione nervosa, ansia nei bambini, depressione, stanchezza mentale e fisica a lungo termine (nevrastenia), dolore ai nervi, varie condizioni psichiatriche, problemi ai vasi sanguigni, sensibilità ai cambiamenti climatici. È comunemente noto per i suoi effetti terapeutici nell’alleviare il mal di denti e agisce come tranquillante. Negli esperimenti sugli animali, è stato scoperto che agisce in modo più potente della morfina.
Gli indiani d’America, in generale, usavano il papavero californiano per il dolore delle coliche e ha una lunga storia di uso tradizionale in Nord America.
Rimedi tradizionali del Chumash, una tribu’ di nativi americani stanziati nelle zone costiere della California centrale Le ricerche archeologiche dicono che i Chumash arrivarono dal Canale di Santa Barbara e vissero in California per millenni. I Chumash si stabilirono in alcuni insediamenti già 10.000 anni fa. Tale popolazione utilizzava Escholzia per dismenorrea, sindrome premestruale, igiene femminile, mestruazioni pesanti, infezioni del tratto urinario, parto, allattamento, cura dell’infanzia, menopausa, malattie sessualmente trasmissibili, fertilità, contraccezione e aborti, come analgesico, sedativo e ansiolitico. Gli Studi clinici hanno dimostrato che il papavero della California possiede un’affinità con i recettori delle benzodiazepine con flumazenil (un antagonista del recettore delle benzodiazepine) che sopprime questi effetti sedativi e ansiolitici.

 

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Escolzia. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia : Valeriana

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

 

Valeriana

Valeriana officinalis o valeriana ha effetti sedativi, antispasmodici, ansiolitici, antidolorifici e ipnotici in umani e animali. Valeriana clarionifolia si distingue come uno fra i principali rimedi nelle farmacopee indigene della Patagonia, e le sue radici e rizomi sono stati usati fin dai tempi antichi.

Il nome generico deriva dal latino valere, “essere sani”, in riferimento agli usi medicinali nel trattamento di condizioni nervose e isteria. Valeriana è una nota erba medicinale tradizionale indiana con rimedio per il sonno. È stata usata nel corso degli anni per trattare nervine e sedativi nell’isteria, nell’epilessia e sedativi nell’ansia nervosa, come stimolante, per reumatismi, febbri di basso grado e afrodisiaco. È noto per crescere bene nelle regioni d’Europa, parti dell’Asia e del Nord America. Le radici dell’erba valeriana dall’odore forte erano un farmaco essenziale nei sacchetti di medicina per le ferite, dei primi guerrieri indiani Thompson. Le radici fresche venivano polverizzate tramite pietre e applicate direttamente sulla zona lesa, mentre le radici essiccate venivano impiegate come polvere antisettica. Le foglie fresche venivano talvolta masticate fino a quando non erano umide e poi applicate a tagli e ferite. La tribù Thompson della Columbia Britannica probabilmente scoprì il valore di questa specie, a causa di tentativi ed errori, molto prima dell’arrivo degli Europei.

 

 

La valeriana americana è originaria del Canada meridionale e si trova a sud della regione delle Montagne Rocciose del Nuovo Messico. Una specie correlata di valeriana (V. officinalis) è stata a lungo utilizzata nella medicina europea dove la pianta era nativa, ed è ancora oggi coltivata in Olanda, Inghilterra e Germania. È impiegato come antispasmodico e sedativo nell’epilessia e in altri disturbi nervosi. La valeriana europea è descritta in modo molto interessante in Woodville’s Medical Botany, pubblicato a Londra nel 1832: “I suoi poteri antispasmodici sono molto ben consolidati, e confido in molti dei resoconti che sono stati dati sulla sua efficacia; e se a volte non è stata efficace, l’ho appena spiegato, aggiungendo solo questo, che mi sembra, in quasi tutti i casi, dovrebbe essere somministrato in dosi maggiori di quelle comunemente date. È un fatto ben noto che alcuni gruppi indiani avessero usato antisettici prima del tempo di Lister. La valeriana americana è originaria del Canada meridionale e si trova a sud della regione delle Montagne Rocciose del Nuovo Messico. Una specie correlata di valeriana (V. officinalis) è stata a lungo utilizzata nella medicina europea dove la pianta era nativa, ed è ancora oggi coltivata in Olanda, Inghilterra e Germania. È impiegata come antispasmodico, anticonvulsivo, sedativo nell’epilessia e in altri disturbi nervosi. È utile nelle affezioni epilettiche, isteriche e in altre affezioni spasmodiche. La radice viene data in polvere: il suo sapore sgradevole può essere nascosto da una piccola aggiunta di noce moscata.

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Valeriana. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia : Leonorus cardiaca

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

Leonorus cardiaca

Leonorus cardiaca L. (motherwort) è un’erba perenne, originaria dell’Asia e dell’Europa sud-orientale, con una diffusa presenza globale ai giorni nostri. La pianta è stata storicamente utilizzata come cardiotonica e per il trattamento di afflizioni ginecologiche (come amenorrea, dismenorrea, ansia da menopausa o depressione post partum). Sebbene il suo uso nella medicina orientale e occidentale sia relativamente ben documentato.

Originariamente utilizzata nella nevrosi cardiovascolare, angina pectoris, ipertonia, dall’inizio del 20 ° secolo come sedativo, ad esempio in condizioni nervose, psicastenia, nevrastenia con insonnia, stress, iperreattività, distonia vegetativa-vascolare, sintomi nervosi nel periodo pre menopausa e post menopausa, usata nella medicina popolare come sedativo, in caso dismenorrea, sindrome premestruale. Nella Medicina Unani in assenza di mestruazioni, tensione premestruale, vampate di calore della menopausa, spasmi (Mattiolius 1626), paralisi degli arti (Mattiolius 1626),

trattamento delle ferite, espellere la flemma dai polmoni, sostenere la funzione gastrica, dolore allo stomaco, dolore causato da calcoli biliari.

Leonurus japonicus HOUTT., chiamata Cardiaca Cinese:

Il primo uso riportato “per espellere il feto morto e la placenta trattenuta” è descritto nella prima Farmacopea ufficiale dei Chini Tang Peng Ts’ao (659 d.C.). MTC attuale: disturbi mestruali, mestruazioni dolorose, amenorrea, menorrea prolungata, edema con ridotta eliminazione delle urine, edema nella nefrite acuta. Più frequentemente usato come emmenagogo sotto forma di decotto. Per attivare la circolazione sanguigna e regolare le mestruazioni, per sottomettere l’iperattività del fegato e per la cataratta. Usata per disturbi mestruali, amenorrea, dismenorrea, vertigini e mal di testa, mestruazioni dolorose, infiammazione dell’occhio, opacità corneale, vertigini, dolore e sensazione di tensione.

Nelle parti orientali della Cina si usa nella medicina popolare per promuovere il recupero uterino dopo il parto, sindrome premestruale, disturbi cardiaci causati da ansia e stress (nessuna differenza con L. cardiaca L.). In uno studio retrospettivo a Taiwan, L. japonicus, herba era la sostanza a base di erbe più comunemente prescritta per il trattamento dei sintomi legati alla menopausa.

Leonurus sibiricus L., erba Utilizzata nella medicina tradizionale coreana per il trattamento del leiomioma uterino.

In un testo molto antico, (Schröder 1685) i preparati di L. cardiaca sono “particolarmente utili per il trattamento dei disturbi cardiaci nei bambini”.

Leonorus era utilizzata dalla medicina popolare utilizzato per il trattamento di diverse afflizioni nervose, come depressione, ansia, stress, epilessia. Fino al X secolo, le tradizioni popolari di guarigione russe avevano uno scambio limitato di idee tra le varie regioni, al momento in cui fu introdotta per la prima volta la letteratura erboristica e medica. A quel tempo, copie di diversi erboristi greci trovarono la loro strada in Russia attraverso i monasteri e alla fine furono tradotte in russo. A differenza della pratica erboristica in altri paesi, tuttavia, la tradizione erboristica russa era forte e ben consolidata.

In Russia, Leonorus cardiaca L.  e Leonorus quinquelobatus Gilib., erano usate come rimedio per la rabbia e sedativo. Fino al X secolo, i guaritori avevano uno scambio limitato di idee tra le varie regioni, al momento in cui fu introdotta per la prima volta la letteratura erboristica e medica. A quel tempo, copie di diversi erboristi greci si diffusero in Russia attraverso i monasteri e alla fine furono tradotte in russo. A differenza della pratica erboristica in altri paesi, tuttavia, la tradizione erboristica russa era forte e ben consolidata. A metà del XIII secolo e per oltre trecento anni, la Russia fu occupata da tartari e mongoli. Queste popolazioni diffusero le proprie tradizioni erboristiche, che sono state incorporate nella prassi di guarigione dagli erboristi locali. Culpepper scrisse nel 1652: “Non c’è erba migliore per scacciare i vapori malinconici dal cuore per rafforzarlo e rendere la mente allegra”. Bevo sempre il tè di Leonorus, quando il mio cuore si sente pesante per qualsiasi motivo, noto o sconosciuto. Ha una notevole capacità di lenire il cuore come una nonna, facendomi sentire compreso e protetto”.

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Leonorus cardiaca. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.

 

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia: Camomilla

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

 

Camomilla

Matricaria recutita L., (syn.M. chamomilla, Asteraceae), camomilla tedesca, non deve mancare nel rapporto delle piante utilizzate nel trattamento dei disturbi della pelle. È molto spesso studiata a causa del suo ampio utilizzo popolare. Sotto forma di tisana/infuso, è consigliata per uso orale o per inalazione. Viene anche usata con applicazione oro-mucosale o cutanea o additivo nella vasca bagno. La camomilla è uno dei rimedi più importanti e una delle piante medicinali più utilizzate in Europa, Medio Oriente, Nord America, Australia e Africa. Il nome latino di chamomilla deriva dalle parole greche Khamai e Malon con il significato di “Piccoli fiori con il profumo delle mele”. La camomilla tedesca (Matricaria chemmomilla) è originaria delle regioni temperate del Mediterraneo e dell’Asia Minore e appartiene anche alla famiglia delle Astraceae.  Oggi questa pianta può essere trovata in Europa, Nord America e Australia. Ha fiori di foglie grigio-verdi con centri gialli e petali bianchi che li circondavano. I fiori di questa pianta odorano la mela. La camomilla tedesca cresce nelle praterie e nei terreni sabbiosi. Negli studi di botanica ed etno-botanica sono stati riportati diversi effetti della camomilla, considerata una delle poche piante erbacee preziose dagli effetti miracolosi. La pianta di camomilla rende forti i nervi. È un tonico cerebrale, diuretico, aumenta le mestruazioni della donna e la secrezione di latte nelle madri che allattano, allevia mal di testa ed emicranie e aiuta ad eliminare i calcoli alla vescica.

Il primo documento scritto sulla camomilla è stato trovato nell’antico Egitto: i capolini di camomilla schiacciati venivano usati per alleviare l’infiammazione della pelle, prevenire la dermatite e nei preparati cosmetici. In Serbia, la medicina popolare utilizza camomilla in tisana contro il raffreddore, le malattie dello stomaco, l’infezione della gola e la sedazione lieve. Esternamente, sotto forma di impacchi, contro il gonfiore degli occhi, l’infiammazione della pelle e le infezioni, mentre la forma oleosa è stata utilizzata nel trattamento di ferite e ustioni.

È indicata per il male agli occhi. Il tè alla camomilla viene bevuto per alleviare i dolori muscolari. Masticare fiori di camomilla è usato per guarire le ulcere della bocca. Mangiare 5 gr di radice di camomilla con aceto diluito stimola il desiderio sessuale. La camomilla è anti-febbre, sedativa e tonico stomachico. Allevia il dolore della dentizione nei bambini. Allevia l’insonnia, assicurando   un sonno tranquillo e confortevole: dieci minuti prima di andare a letto bere una tazza di camomilla. Mangiare 5 gr di radice di camomilla con aceto diluito stimola il desiderio sessuale.

È efficace nel trattamento dell’anoressia, per l’enterite e l’anemia. La camomilla è usata per il sollievo dei vermi intestinali, per lenire i crampi mestruali e curare l’ittero.

Le donne in menopausa dovrebbero bere camomilla ogni giorno per alleviarne i disturbi.

È antiallergica, cura la malnutrizione ed è antispasmodico gastrointestinale, anti-malaria, anti-cancrena, tonico dello stomaco, potenziatore dell’appetito, carminativo e anti-flatulenza. Allevia la diarrea nervosa, è utilizzata per il trattamento dell’intossicazione alimentare e cura la gastroenterite, così come le ulcere gastrointestinali. Migliora la memoria, rafforza i nervi e il cervello e ha attività sedative, antiemicraniche, ipnotiche, anticonvulsivanti, antitumorali, antiansia e irrequietezza e vertigini, antiepilettiche.

E ‘utile nel trattamento dell’eczema, previene acne ed eruzione cutanea giovanile, è antigonfiore e arrossamento della pelle, disinfettante per la pelle, ferite cutanee, ustioni, restringe i pori e cura le infezioni. È un vasodilatatore, abbassa la pressione sanguigna. Gli altri effetti terapeutici benefici della pianta medicinale comprendono: miglioramento del sistema immunitario, tosse, congestione e mal di gola, raffreddori, infiammazione polmonare e laringea, infiammazione delle articolazioni, , epilessia, convulsioni,  dolori muscolari, gotta, malattie reumatiche, gonfiore dei reni e della vescica, cistite, gonfiore dei testicoli, eiaculazione precoce, disturbi della menopausa colite ulcerosa, affaticamento, allergie, funghi e  batteri.

È anticancro ed è coinvolta nel trattamento del comune raffreddore. L’uso di camomilla come cosmetico ha una storia antica quanto l’uso di erbe medicinali. Le sue proprietà sono particolarmente utili per la pelle fragile e sensibile ai cambiamenti climatici. I flavonoidi della camomilla inumidiscono e ammorbidiscono la pelle. Oggi, le industrie cosmetiche lo usano da solo o in combinazione con altre erbe come il rosmarino. L’infuso di camomilla può proteggere la pelle quando viene utilizzata in impacchi.

 

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Camomilla. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.

 

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia: Biancospino

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

Biancospino

Il biancospino [Crataegus spp. (Rosaceae)] è una delle più antiche piante medicinali ampiamente utilizzate in tutto il mondo, soprattutto nei paesi del Sud Europa e in Turchia. Cresce naturalmente in Europa occidentale e centrale, Medio Oriente, Caucaso, Anatolia e Africa nord-occidentale. È utilizzato principalmente per il trattamento di malattie cardiovascolari. Due specie di Crataegus crescono nelle province settentrionali dell’Iran, C. pentaegyna e C. microphylla. L’estratto di Crataegus contiene composti flavonoidi e fenolici e mostra proprietà antiossidante e protettiva.

La foglia e il fiore di biancospino sono usati nella medicina popolare fin dai tempi antichi per il trattamento dei disturbi della funzione cardiaca nervosa, per regolare la pressione sanguigna, le palpitazioni, l’irritabilità e l’esaurimento. Crataegus è menzionato per la prima volta nel I° secolo D.C. da Dioscoride come rimedio cardiotonico. A partire dal XIX secolo, in America troviamo l’uso del biancospino per diverse malattie cardiache, angina pectoris, per sostenere l’effetto della digitale, o nei casi di battito cardiaco irregolare quando la digitale non era tollerata, il climaterio, l’arteriosclerosi e le nevrosi cardiache dei dispeptici. I frutti del biancospino cinese (Crataegus pinnatifida) sono stati utilizzati come alimento funzionale nella medicina popolare, grazie alla potente attività antiossidante. Il biancospino è usato nella tradizione popolare di Europa e Cina per curare malattia coronarica, ipertensione, aritmie, insufficienza cardiaca congestizia e iperlipidemia. Nella Medicina Araba, un decotto di foglie e frutti acerbi di Crataegus aronia syn. azarolus (L) (Rosaceae), il biancospino israeliano indigeno, è usato per trattare malattie cardiovascolari, cancro, diabete e debolezza degli organi sessuali.

Diverse indagini etnobotaniche ed etnofarmacologiche sull’uso terapeutico di piante indigene in Giordania e nell’area palestinese hanno rivelato l’uso di Crataegus aronia nella Medicina Tradizionale Araba per il trattamento di malattie cardiovascolari, il cancro e il diabete.

Il medico irlandese che per primo ha usato il rimedio per i disturbi cardiovascolari ha usato specificamente le bacche. L’edizione del 1983 della British Herbal Pharmacopoeia, considerata da molti come il testo standard per gli erboristi professionisti per molti anni, cita solo le bacche. Questo può spiegare perche’ gli erboristi hanno preferito la bacca rispetto al fiore, anche se questa tendenza sembra cambiare negli ultimi tempi in cui fiori e bacche utilizzati in modo più intercambiabile e in alcuni casi miscelati. I testi storici nella medicina occidentale registrano l’uso di bacche, semi e fiori e foglie sono altrettanto usati.

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Biancospino. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia: Avena

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

Avena

L’avena comune (Avena sativa) è un rimedio naturale per insonnia ed altre patologie. Fa parte della famiglia delle Poacee (o Graminacee) ed è la specie più nota del genere Avena.

È un cereale appartenente alla famiglia delle Graminacee; conosciuta sin dai tempi antichi sia per l’alimentazione umana che per il foraggio del bestiame viene oggi particolarmente apprezzata per le sue proprietà e benefici per la salute dell’organismo umano. L’origine dell’avena è incerta e la sua provenienza è contesa tra India, Cina ed Egitto.

Oltre ad essere un alimento base in Scozia e in altre regioni del nord Europa, l’avena ha anche una lunga storia in medicina. E’ stata utilizzata per trattare insonnia, ansia e condizioni della pelle, tra cui eczema e ustioni in varie forme come cibo, tè o bagni.

L’uso di avena selvatica (Avena sativa) era già presente nel 2000 A.C. in Egitto e nella penisola arabica per la cura della pelle della pelle.

Avena (Avena sativa) è una specie di cereale coltivata per il suo seme, che è conosciuto con lo stesso nome (di solito al plurale, a differenza di altri cereali). L’avena non viene consumata solo per scopi nutrizionali, ma è anche riconosciuta come in possesso di proprietà curative e lenitive. Il delicato processo utilizzato per estrarre l’olio d’avena dall’intero nocciolo d’avena assicura che il valore biologico rimanga inalterato. L’olio d’avena è ricco di antiossidanti, acidi grassi essenziali ed emollienti naturali. L’olio d’avena è utilizzato in molte lozioni, creme, oli per il viso, pomate e balsami poiché le sue proprietà aggiungono benefici unici.

L’Avena sativa è un sedativo e neurotonico ed è usato nella medicina tradizionale per trattare l’ansia e l’insonnia. È utilizzata principalmente per disturbi spasmodici e nervosi con esaurimento. Debolezze cardiache, problema di spermatorrea, debilitazione nervosa della convalescenza sono sintomi comuni dell’Avena sativa omeopatica. Nella nevrastenia a funzione maschile, l’Avena sativa omeopatica agisce sul sistema nervoso dell’apparato genitore-urinario. L’avena selvatica, che assomiglia alla varietà coltivata, era comunemente usata dagli indiani della California. I semi duri e appuntiti venivano gettati insieme ai carboni ardenti e scossi in un cesto appositamente realizzato per resistere al calore. Il seme aridi veniva poi macinato in un mortaio di pietra fino a formare la farina desiderata. I Pomos della California settentrionale mangiavano questa farina allo stato crudo e crudo, con un pò di sale aggiunto per aromatizzare.

Trattamento dell’avena, rimedi popolari

  • Per curare l’influenza, mettere in ammollo un bicchiere di chicchi di avena in un litro d’acqua, e lasciare in ammollo durante la notte. Al mattino, cuocere il tutto fino a quando la quantità di avena non si riduce della metà. Il brodo  viene filtrato e bevuto durante il giorno.
  • Per contrastare lunghi periodi di insonnia, è necessario prendere un cucchiaio di avena e macinare con un frullatore. Versare la polvere di avena in 100 ml di vodka e riporre per quattordici giorni in un luogo caldo. Assumere 30 gocce di questo preparato, con poca acqua.
  • L’avena della medicina popolare ha trovato un utilizzo nella lotta contro il fumo. Prendere cinquanta grammi di chicchi di avena, segale, orzo e miglio. Mescolare il tutto, versare due bicchieri d’acqua. La miscela viene portata a ebollizione e fatta cuocere per 10 minuti. Il brodo deve essere versato in thermos e lasciato sedimentare per dodici ore. La soluzione filtrata viene bevuta tre volte al giorno, con dosaggio di 100 ml.
  • L’avena aiuta a trattare la gastrite cronica e l’epatite. È necessario prendere mezzo bicchiere di cereali, lavare accuratamente e versare sopra mezzo litro d’acqua, lasciare in infusione per 12 giorni. Trascorso questo periodo, il liquido deve essere messo sul fuoco e fatto bollire per trenta minuti e lasciato riposare per diverse ore. Bere 100 ml di brodo, a colazione, pranzo e cena.
  • L’uso dell’avena nella medicina popolare cura la tosse: versare un litro di latte in una pentola e aggiungere un bicchiere di chicchi di avena, cuocere a fiamma bassa per un’ora. Quando è cotto, fare raffreddare e filtrare con una garza, bere il liquido a piccoli sorsi.

 

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Avena. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui

DiAlessandra Zarone

Adattogeni naturali: Cola acuminata

Adattogeni naturali: Cola acuminata

Premessa

Gli adattogeni comprendono una categoria di medicinali vegetali e prodotti nutrizionali che promuovono l’adattabilità, la resilienza e la sopravvivenza degli organismi viventi nello stress. Gli adattogeni hanno effetti farmacologicamente pleiotropici( Pleiotropia – Wikipedia )sul sistema neuroendocrino-immunitario. Alcune combinazioni di piante adattogene forniscono effetti unici a causa delle loro interazioni sinergiche, non ottenibili da nessun ingrediente in modo indipendente.

Gli adattogeni sono modificatori di risposta allo stress che aumentano la resistenza aspecifica di un organismo allo stress aumentando la sua capacità di adattarsi e sopravvivere. Mostrano effetti benefici polivalenti contro infiammazione cronica, aterosclerosi, deficit cognitivo neurodegenerativo, disturbi metabolici, cancro e altre malattie legate all’invecchiamento. Gli usi attuali e potenziali degli adattogeni sono principalmente correlati all’affaticamento indotto dallo stress e alla funzione cognitiva, alle malattie mentali e ai disturbi comportamentali. Riducono gli effetti dannosi di vari fattori di stress, a causa dell’aumento del livello basale di mediatori coinvolti nella risposta allo stress.

Cola acuminata K.Schum

Tra gli Yoruba africani e i loro discendenti brasiliani diverse specie di piante sono considerate indispensabili per le cerimonie di iniziazione primaria. Queste includono i semi di obt (Cola acuminata) e orobo (specie di Garcinia kohl impiegata in Africa occidentale e Brasile durante la divinazione e l’iniziazione). Gli intrugli segreti sono usati per lavare le collane sacre degli adepti, e la polvere magica preparata da foglie, semi e gesso è dipinta sulle teste rasate degli iniziati, durante i primi mesi. I novizi dormono su un letto di foglie sacre. L’abo (bagno fogliare) rappresenta il rito vegetale più comune per principianti e pazienti laici. I bagni sono impiegati per l’iniziazione, per il miglioramento finanziario e per la purificazione. Il loro ruolo più importante, tuttavia, è medicinale. Abo sono utilizzati per problemi di salute come reumatismi, disturbi della pelle, mal di testa e simili. Più comunemente, il pai o mae-de-santo, sacerdote, prescrive bagni per disturbi psicologici, come ansia e depressione, in particolare dove questi hanno origine spirituale. I bagni a base di foglie sono preparati in base alle esigenze individuali del paziente. Non esiste un insieme di ricette predeterminate. Il sacerdote o la sacerdotessa determina l’eziologia e il rimedio prescrittivo durante una cerimonia di divinazione usando il jogo de buzio, divinazione con le conchiglie. Introdotto insieme ad altri metodi di divinazione durante il corso della tratta degli schiavi, il sistema jogo de buzio consente al capo del tempio di consultarsi direttamente con le divinità. Dopo aver fatto rotolare sedici conchiglie su una tavola, il pai o mae-de’Santo identifica il numero di gusci aperti e chiusi, cioè aperture rivolte verso l’alto o verso il basso. La combinazione di conchiglie corrisponde a uno o più miti specifici odu, o Yoruba, che suggeriscono la causa del problema e la linea d’azione appropriata. Quando il bagno a base di foglie entra nel rimedio prescritto, le foglie appropriate vengono poste in una bacinella di acqua fredda e lentamente macerate con le mani. La manipolazione fisica delle foglie è essenziale, in quanto trasferisce l ‘energia vitale dal sacerdote al bagno in via di sviluppo. L’intruglio verdastro risultante, carico del potere innato delle foglie e di quello del sacerdote del terreiro (tempio di Candomble), è posto all’interno di un piccolo altare dedicato all’una o all’altra delle divinità africane.

Ossaim, custode delle foglie sacre e della medicina, è la divinità più direttamente coinvolta nella salute e nella guarigione. Il suo dominio è la foresta e il campo, ovunque le piante curative crescano spontaneamente. Tra gli Yoruba e la loro diaspora del Nuovo Mondo, la sua immagine mostra disabilità: un solo occhio, una gamba, un orecchio enorme e una voce acuta umoristica. La conoscenza di Ossaim era ambita da altre divinità che cercavano di condividere i suoi segreti.

Nella cultura africana, la noce di Cola viene masticata prima dei pasti come aiuto alla digestione, per trattare le ferite, emicrania, disturbi metabolici, infiammazioni. Il ramoscello amaro dell’albero è utilizzato anche per pulire denti e gengive; rinfrescare l’alito. I frutti di cola sono usati come tonici, afrodisiaci stimolanti e come intruglio per il trattamento di febbre, dissenteria ed esaurimento.

Questo prodotto della costa occidentale dell’Africa è diventato ben noto ai botanici britannici a causa del suo uso tra i nativi come stimolante e promotore della digestione. The Athenaeum, una rivista letteraria britannica pubblicata a Londra, dal 1828 al 1921, annunciò che il suo corrispondente a Lagos aveva inviato a casa a Londra il frutto e le foglie di un’altra cola, nota come “cola amara”, che appartiene a un diverso ordine botanico – la Guttifera, che possedeva alcune proprietà notevoli. I nativi usavano il frutto come rimedio per la tosse e per migliorare la voce dei cantanti, mentre il corrispondente lo raccomandò come estremamente benefico dopo il mal di mare, dicendo: “Il mio appetito è tornato quasi immediatamente dopo aver morso una porzione di un seme che ho trovato nella mia valle”.

In Europa, le noci di Cola erano un tempo usate per trattare emicranie, nevralgia, nausea e diarrea.

Recenti ricerche hanno dimostrato che i composti in questa erba migliorano significativamente la produzione di acido gastrico e aumentano l’efficacia degli enzimi digestivi all’interno dello stomaco. Ciò aumenta anche l’assimilazione dei nutrienti, consentendo al corpo di estrarre più facilmente i preziosi nutrienti dal cibo.

Cola può alleviare altri disturbi digestivi come gonfiore, flatulenza, crampi e stitichezza.

La ricerca mostra che Cola ha un effetto e previene la nefropatia diabetica (malattia renale). Cola è anche conosciuta come erba “termogenica” (bruciagrassi), e come tale è spesso utilizzata come ingrediente negli integratori per la perdita di peso. È ricco di xantine e polifenoli – recenti ricerche mette in relazione questi composti con un’attivazione della termogenesi e, di conseguenza, con possibili trattamenti per l’obesità.

Cola aumenta la diuresi, riduce i livelli di colesterolo  e migliora la funzione pancreatica .

La noce di cola contiene circa il 3% di caffeina e circa il 2% di teobromina. Entrambi questi composti agiscono come “vasodilatatori”, allargando i vasi sanguigni e aumentando il flusso sanguigno al cervello. Aumenta i livelli di ossigeno nel cervello, sostiene la funzione cognitiva e la vigilanza.

I preparati Cola sono usati oggi per trattare l’esaurimento fisico e mentale L’importanza medicinale della Cola nitida si basa principalmente sui costituenti chimici della pianta, dalle sue radici ai suoi semi. La pianta è nota per contenere diversi costituenti chimici noti per i loro valori medicinali, tra cui caffeina, teofillina e teobromina. Cola nitida contiene anche tracce di minerali essenziali come potassio, calcio, magnesio, sodio, ferro, zinco, manganese e fosforo. Alcuni di questi minerali fungono da fonte di macro e micronutrienti necessari per la crescita, lo sviluppo e l’attività metabolica. È usato nella produzione di bevande come Coca cola e Pepsi cola . È anche usato nella produzione di coloranti. Gli studi hanno dimostrato che Cola nitida agisce come stimolante per combattere la stanchezza, ridurre la fame e la sete.

Alato 1, contiene Cola acuminata, ed è uno  stimolante mentale, antidepressivo. Svolge un’azione tonica utile per la stanchezza fisica e mentale .

E’ acquistabile  qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Adattogeni naturali: Guaranà

Adattogeni naturali: Guaranà

Premessa

Gli adattogeni comprendono una categoria di medicinali vegetali e prodotti nutrizionali che promuovono l’adattabilità, la resilienza e la sopravvivenza degli organismi viventi nello stress. Gli adattogeni hanno effetti farmacologicamente pleiotropici( Pleiotropia – Wikipedia )sul sistema neuroendocrino-immunitario. Alcune combinazioni di piante adattogene forniscono effetti unici a causa delle loro interazioni sinergiche, non ottenibili da nessun ingrediente in modo indipendente.

Gli adattogeni sono modificatori di risposta allo stress che aumentano la resistenza aspecifica di un organismo allo stress aumentando la sua capacità di adattarsi e sopravvivere. Mostrano effetti benefici polivalenti contro infiammazione cronica, aterosclerosi, deficit cognitivo neurodegenerativo, disturbi metabolici, cancro e altre malattie legate all’invecchiamento. Gli usi attuali e potenziali degli adattogeni sono principalmente correlati all’affaticamento indotto dallo stress e alla funzione cognitiva, alle malattie mentali e ai disturbi comportamentali. Riducono gli effetti dannosi di vari fattori di stress, a causa dell’aumento del livello basale di mediatori coinvolti nella risposta allo stress.

Guaranà 

Il guaranà (Paullinia cupana) è abitualmente ingerito dalle persone in Amazzonia ed è un ingrediente chiave in varie bevande energetiche consumate in tutto il mondo. L’estensione della longevità e la bassa prevalenza di malattie croniche legate all’età sono state associate all’assunzione abituale di guaranà. Nel 1817 un ufficiale addetto all’ambasciata francese a Rio Janeiro portò con sé in Francia un frammento di un prodotto che aveva ottenuto da una tribù di indiani (Guaranà) in Brasile, che erano abituati a farne uso, sia come articolo di dieta che come medicamento per i visceri. Questo farmaco, che ha ricevuto il nome di guaranà, è stato portato all’attenzione del mondo medico da Cadet, in una nota pubblicata nel Journal de Pharmacie, Parigi, 1817. Nel 1840 i suoi effetti fisiologici furono portati in primo piano in Francia, dal Dr. Gavrelle. Gavrelle, che era stato il medico di corte di Don Pedro, imperatore del Brasile, dichiarò che durante la sua residenza in quel paese aveva studiato gli effetti del farmaco, e non esitò ad attribuirne proprietà astringenti pienamente uguali alla retania; annunciò anche il suo successo nel trattamento delle affezioni nervose. Il guaranà, che aveva già trovato posto nella Farmacopea del Brasile, entrò gradualmente in uso in Europa. All’Esposizione di Parigi del 1867, campioni di questo farmaco furono esposti da Faria di Para, Brasile, sotto il nome di cioccolato medico. Il guaranà è preparato dai semi di Paullinia sorbilis. Il genere Pwullinia, dal nome di Simon Pauli, comprende una trentina di specie; sono piante rampicanti, appartenenti alla famiglia delle Sapandace e si trovano in climi caldi in tutte le parti del globo. Paullinia Africana è impiegata nel decotto in Senegambia per arrestare il flusso di sangue. Paullinia Asiatica è stata usata come febbrifugo. Paullinia Pinnata fiorisce in Brasile e nelle Antille; i suoi semi hanno un effetto narcotico e sono usati in queste località allo scopo di stordire i pesci. La pianta che fornisce il guaranà fu chiamata Paullinia sorbilis da Teodoro Marzio, in allusione al suo impiego come bevanda. Paullinia sorbilis cresce allo stato selvatico ad un’altezza da trenta a quaranta piedi. La pianta produce frutti nel suo terzo anno. Fiorisce a luglio e il suo frutto è maturo a novembre. Il frutto ha circa le dimensioni di una noce e contiene cinque o sei semi. Ogni stelo produce per coltivazione da otto a dieci chili di semi all’anno, mentre si dice che la pianta stessa viva per quarant’anni. In ottobre o novembre, quando i semi hanno raggiunto la maturità, i nativi li rimuovono dalla loro capsula e li asciugano al sole. Una pelle sottile che copre il seme viene quindi facilmente rimossa, strofinando tra le mani. Vengono poi ridotti in polvere su una pietra piatta, che è stata in qualche modo riscaldata. L’acqua viene aggiunta alla polvere ruvida, insieme a un po ‘di cacao e tapioca, e il tutto viene trasformato in una pasta, in cui a volte vengono introdotti frammenti di semi. La pasta viene arrotolata in una forma cilindrica, essiccata al sole. Questi cilindri avvolti con foglie, che misurano circa 8 pollici di lunghezza, costituiscono la guarana commerciale. Quando preparato dagli indiani, il guaranà ha il colore del cioccolato, ed è ricoperto da una sorta di crosta, prodotta dalla sua esposizione al calore.

In America centrale e meridionale, parti della pianta di guaranà sono usate come veleno per i pesci.

Il primo esame chimico del guaranà fu fatto nel 1826 da Teodoro Marzio, fratello dell’omonimo botanico erudito, che ne estrasse un principio cristallino, al quale attribuiva le proprietà terapeutiche del farmaco, e gli diede il nome di guaranina. Nel 1840 Berthemot e Dechastelus dimostrarono che questo principio cristallino consisteva in tannato di caffeina. Nel 1840 Dechastelus pubblicò (Bulletin de Thérap., 1840) formule per la preparazione delle varie forme farmaceutiche di questo farmaco. Il guaranà è stato utilizzato per effetti stimolanti simili a quelli del caffè e del tè; contiene circa il 3-5% di caffeina rispetto al 2% presente nei chicchi di caffè e al 4% presente nelle foglie di tè. L’erba è stata utilizzata da molte persone e in varie culture. Ad esempio, i francesi hanno reso popolare una bevanda al guaranà durante l’inizio del XIX secolo; altri mescolavano l’erba con l’alcol per produrre una bevanda unica.

La guaranà (P. cupana), una pianta folta che si trova nella foresta pluviale del bacino amazzonico, viene coltivata utilizzando i suoi semi ricchi di caffeina-polifenolo.Studi hanno riportato le attività chemio-preventive e anti-mutagene degli estratti di guaranà. La guaranà è una pianta originaria del Brasile che presenta un effetto benefico sul controllo del peso corporeo e sulle alterazioni metaboliche.La guaranà  è ricca di diversi composti bioattivi come metilxantine (tra cui caffeina, teobromina e teofillina) tannini, saponine, catechine, epicatechine e proantocianine. Il guaranà protegge da protezione contro l’ipertensione, l’obesità e la sindrome metabolica nei volontari sani anziani. Il consumo di guaranà ha a un effetto benefico funzione epatica e renale.

Ha effetto preventivo sulla compromissione della memoria e sull’attività dell’acetilcolinesterasi (AChE) nelle strutture cerebrali e disturbi cognitivi. La polvere di guaranà riduce il danno epatico causato dall’iperlipidemia. Ha effetti epatoprotettivi e genoprotettivi sul fegato.

Guaranà produce un seme alcaloide e ricco di polifenoli con proprietà antimicrobiche, antiossidanti e antinfiammatorie, dove la caffeina è il composto principale. Ha effetti antiossidanti e preventivi nei disturbi neurodegenerativi, come nel morbo di Parkinson, Alzheimer e Malattia di Huntington (malattia genetica neurodegenerativa che colpisce la coordinazione muscolare e porta a un declino cognitivo e a problemi psichiatrici), protegge vitalità, attività locomotoria, sonno.

Riduce le malattie metaboliche cardiovascolari e ha effetti positivi sul metabolismo lipidico, principalmente correlati ai livelli di lipoproteina a bassa densità (LDL).

Alato 1, contiene Guaranà, ed è uno  stimolante mentale, antidepressivo. Svolge un’azione tonica utile per la stanchezza fisica e mentale .

E’ acquistabile  qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Adattogeni naturali : Ginseng

Adattogeni naturali : Ginseng

Premessa

Gli adattogeni comprendono una categoria di medicinali vegetali e prodotti nutrizionali che promuovono l’adattabilità, la resilienza e la sopravvivenza degli organismi viventi nello stress. Gli adattogeni hanno effetti farmacologicamente pleiotropici( Pleiotropia – Wikipedia )sul sistema neuroendocrino-immunitario. Alcune combinazioni di piante adattogene forniscono effetti unici a causa delle loro interazioni sinergiche, non ottenibili da nessun ingrediente in modo indipendente.

Gli adattogeni sono modificatori di risposta allo stress che aumentano la resistenza aspecifica di un organismo allo stress aumentando la sua capacità di adattarsi e sopravvivere. Mostrano effetti benefici polivalenti contro infiammazione cronica, aterosclerosi, deficit cognitivo neurodegenerativo, disturbi metabolici, cancro e altre malattie legate all’invecchiamento. Gli usi attuali e potenziali degli adattogeni sono principalmente correlati all’affaticamento indotto dallo stress e alla funzione cognitiva, alle malattie mentali e ai disturbi comportamentali. Riducono gli effetti dannosi di vari fattori di stress, a causa dell’aumento del livello basale di mediatori coinvolti nella risposta allo stress.

Ginseng

Il Panax ginseng, Jen-shen, una nota medicina tradizionale cinese con molteplici attività farmacologiche, svolge un ruolo cruciale nella modulazione dei disturbi dell’umore. Diversi studi recenti hanno identificato un ruolo importante nella prevenzione e il trattamento della depressione. Per migliaia di anni la medicina tradizionale cinese si è affidata a questo rimedio per ripristinare e migliorare il benessere. Più recentemente, ha guadagnato popolarità in Occidente, dove è diventato uno dei rimedi erboristici più ricercati. Panax (Aralia) quinquefolium D. e C. Ginseng. Ginseng americano. Araliacece. Originario del Nord America strettamente imparentato con il ginseng cinese (Aralia ginseng), medicinalmente di scarso valore, ma molto prezioso commercialmente. Usato in gran parte dai cinesi, che lo considerano una panacea universale. Il ginseng selvatico sta diventando scarso ma ampiamente coltivato in diverse parti degli Stati Uniti. Riservato all’uso dell’Imperatore e della sua famiglia, e conferito dal favore imperiale agli alti e utili funzionari. Il principale nome cinese: Panax ginseng, Jen-shen , deriva da una fantasiosa somiglianza della radice con la forma umana e da alcune influenze astrali che si dice derivino dalla costellazione di Orione. Si racconta che durante il regno di Wenti, della dinastia Sui (581 tq 601 d.C.), a Qhangtang nello Shensi, sul retro della casa di una certa persona, si udì ogni notte la voce implorante di un uomo, e quando fu fatta la ricerca della fonte di questo suono, a una certa distanza, apparve una pianta di ginseng.  Scavando nella terra fino alla profondità di cinque piedi, si scoprì che la radice aveva la forma di un uomo, con quattro estremità perfette e complete, quindi venne chiamata T’u-ching, “Spirito della terra”. Il ginseng migliore è la varietà selvatica che cresce in Manciuria, e il secondo è quello proveniente dalla Corea. Il primo è praticamente tutto riservato all’uso imperiale. Anche il ginseng giapponese e americano si trovano in quantità, ma questi, specialmente quest’ultimo, sono considerati molto inferiori al tipo coreano.

Il farmaco viene talvolta preparato per l’uso come estratto o come decotto, i vasi d’argento di solito vengono impiegati per questo scopo. Le foglie, (Sheni ) sono vendute in fasci del fogliame verde e usate come rimedio emetico ed espettorante. Nel Shen-nung pen-ts’ao-ching (un’enciclopedia di erbe medicinali del I secolo d.C.), si afferma che le radici della pianta “schinseng” (che significa forma umana) aumentino la longevità, la resistenza, illuminino la mente, aumentino la saggezza e agiscano come afrodisiaco. L’erba era considerata così preziosa che potenti signori e persino eserciti governativi centralizzati combatterono e mantennero il controllo sui territori che coltivavano ginseng. Le culture antiche di tutto il mondo adottarono indipendentemente la convinzione che la forma delle piante o la forma delle loro parti determinassero quale parte del corpo potevano curare. Era come se la natura avesse assegnato la forma della pianta come suggerimento all’uomo delle sue proprietà curative. La gente credeva che se l’uso di una pianta era rivelato dai suoi attributi fisici, sicuramente Dio aveva posto la sua “firma “sulla pianta, una filosofia spesso indicata come la Dottrina delle Signature. Questa dottrina era ben consolidata ai tempi in cui il medico greco Dioscoride (chirurgo per l’esercito di Nerone 50-70 d.C.) stava praticando a Roma. Nel caso del ginseng, le radici di questa pianta matura sembrano un uomo con braccia e gambe. Erboristi e medici credevano, quindi, che potesse essere usato per guarire tutto l’uomo. Il Ginseng americano nel Nuovo Mondo, Panax quinquefolius, strettamente correlato alle specie asiatiche, è stato utilizzato anche dai nativi americani. I cacciatori di Menominee masticavano la radice aromatica per attirare i cervi, mentre le donne delle nazioni Meskwaki e Pawnee la usavano per attirare un amante o un marito. Le donne Penobscot bevevano un’infusione della radice per aumentare la loro fertilità e i cacciatori Ojibwa la portavano con sé come portafortuna. Gli irochesi lo usavano per il lavaggio degli occhi doloranti dei bambini, inoltre veniva bevuta un’infusione per alleviare le piaghe del corpo. La radice polverizzata era anche un trattamento per l’asma da parte di alcune tribù, mentre il Delaware, Stato federato degli Stati Uniti d’America situato sulla East Coast, usava le radici e altre parti della pianta come tonico generale. I nativi americani raccoglievano la radice di ginseng tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, poco prima che le bacche rosse mature fossero pronte a lasciare i gambi dei fiori a forma di ombrello. Nel XVIII secolo, i gesuiti canadesi divennero i primi esportatori di ginseng americano in Cina. Fu nel 1714 che padre Jartoux, un sacerdote gesuita che viveva in Cina, inviò a padre Lafitau, un gesuita canadese, un esemplare essiccato della radice e dell’erba cinese e gli chiese se crescesse nel Nuovo Mondo. Padre Lafitau cercò e trovò il ginseng americano strettamente imparentato (Panax quinquefolius).

Panax ginseng è commercializzato e utilizzato per mantenere l’energia, aumentare le capacità mentali e fisiche, migliorare l’umore, promuovere la salute generale e il benessere. Panax ginseng è stato studiato in una serie di studi clinici randomizzati che indagano il suo effetto sulle prestazioni fisiche e psicomotorie, sulla funzione cognitiva, sull’immunomodulazione, sul diabete mellito e sulle infezioni da herpes simplex di tipo II.

Attualmente, diciassette piante sono state raggruppate sotto il genere Panax . Le specie più comuni utilizzate per le preparazioni botaniche sono Panax Ginseng (ginseng coreano), è coltivato in Corea e Cina, Panax quinquefolius (ginseng americano) è coltivato negli Stati Uniti (Virginia e Wisconsin) e in Canada.

Il ginseng coreano C A Meyer è utilizzato principalmente per mantenere l’omeostasi del corpo, e l’efficacia farmacologica del ginseng coreano, identificato dalla scienza moderna, include una migliore funzione cerebrale, anti-affaticamento e anti-stress, effetti preventivi contro i tumori, potenziamento del sistema immunitario, ha effetti anti-diabetici, migliora la funzionalità epatica, regola la pressione sanguigna, disturbi del  climaterio e sessuali, effetti antiossidanti e anti-invecchiamento.

I principi attivi del Ginseng sono dei composti fitochimici detti ‘ginsenosidi’, sostanze simili a steroidi che esprimono proprietà in grado di bilanciare e contrastare gli effetti dello stress. I ginsenoidi possono avere effetti diversi che diversificano le varietà di Ginseng: ad esempio, alcuni possono stimolare il sistema nervoso centrale, altri sedarlo e altri ancora bilanciano i processi metabolici, abbassando la glicemia, migliorando il tono muscolare, stimolando il sistema endocrino per mantenere livelli ormonali appropriati.

Alato 1, contiene Ginseng, ed è uno  stimolante mentale, antidepressivo. Svolge un’azione tonica utile per la stanchezza fisica e mentale .

E’ acquistabile  qui o in farmacia.

 

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale: Melissa 

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale: Melissa 

 

Un elemento chiave del sistema nervoso, connesso all’ansia, è l’amigdala, che integra le informazioni provenienti da input sensoriali corticali e talamici per generare comportamenti legate alla paura e all’ansia.

I cambiamenti nei modelli di stile di vita, associati all’aumento dello stress, gravano sulla salute mentale. Lo stress sfida i meccanismi omeostatici dell’organismo, innescando una cascata di eventi che dovrebbero, normalmente, mantenere o consentire un ritorno all’equilibrio. Gli eventi stressanti sono percepiti dai sistemi sensoriali nel cervello, facilitando la valutazione e il confronto degli stimoli esistenti e precedenti, nonché l’attivazione di ormoni responsabili della mobilitazione energetica. Il sistema limbico coordina il rilascio di corticosteroidi, gli ormoni dello stress primario, modulando l’attivazione del nucleo paraventricolare ipotalamico (PVN). L’amigdala, una struttura limbica legata al comportamento emotivo, ha un ruolo putativo nella valutazione degli eventi emotivi e nella formazione di ricordi spaventosi; è anche un bersaglio dei mediatori neurochimici e ormonali dello stress. I dati clinici e sperimentali hanno dimostrato la stretta relazione fra i cambiamenti correlati nella struttura/funzione dell’amigdala con i disturbi emotivi come l’ansia.

L’ansia e i disturbi associati sono comuni nei pazienti con malattie cardiovascolari e possono influenzare significativamente la salute cardiaca. I disturbi d’ansia sono associati all’insorgenza e alla progressione della malattia cardiaca.

Il cervello ha 100 miliardi di cellule nervose (neuroni) e ognuna di esse si connette con molte altre per formare reti di comunicazione.

Queste cellule nervose hanno il compito di far pensare, imparare, ricordare, vedere, ascoltare e annusare. Le cellule cerebrali  elaborano e memorizzano le informazioni per comunicare con altre cellule.
Mantenere tutto in perfetto equilibrio richiede grandi quantità di energia e ossigeno e  volta perso  tale equilibrio, nel cervello iniziano a manifestarsi una serie di serie di disturbi , ad esempio il Morbo di Alzheimer,  il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington, depressione, epilessia, schizofrenia, ansia, ecc. Queste malattie sono caratterizzate da un disturbo molto complesso nella funzione cerebrale.

Melissa

Melissa officinalis L., è una pianta perenne, che appartiene alla famiglia delle labiatae. È fondamentalmente coltivato nella regione mediterranea e originario dell’Europa, del Nord Africa e dell’Asia occidentale. Melissa è anche chiamato balsamo d’api perché la parola Melissa deriva da una parola greca che significa ape poiché ha una grande attrazione verso questa pianta. Ha un sapore e una fragranza di limone.

Nella tradizione popolare, si dice che melissa possieda effetti sedativi /tranquillizzanti, antifebbrili, antibatterici, ipotensivi, che migliori la memoria, induca le mestruazioni e regoli l’Ipertiroidismo. Nella tradizione popolare, questa erba è stata utilizzata per la longevità, la guarigione delle ferite, il rilassamento del cuore, il trattamento del mal di denti. Al giorno d’oggi è usata per ansia, depressione lieve, irrequietezza, irritabilità, indigestione, acidità, nausea, gonfiore e dolori di coliche e herpes.

In India si trova nell’Himalaya temperato, da Garhwal al Sikkim e alle montagne Khassia. La melissa in India si trova a crescere su aree sabbiose, arbusti, terre desolate umide, ad altitudini che vanno dal livello del mare alle montagne. È usata nella medicina tradizionale per vari disturbi, in succo vegetale, crema o infuso di tè per l’agitazione nervosa e per promuovere il sonno, per i disturbi gastrointestinali funzionali, l’isteria, la malinconia, il catarro bronchiale cronico, l’emicrania, il mal di denti, il mal d’orecchi, il mal di testa e l’ipertensione e, esternamente, per i reumatismi, i dolori nervosi e il torcicollo (impacco).

Nella medicina Unani, foglie e semi sono usati per epilessia, paralisi, artrite, mastite.

Le foglie di Melissa officinalis L. sono utilizzate nella medicina popolare iraniana per le loro proprietà digestive, carminative, antispasmodiche, sedative, analgesiche, toniche e diuretiche, nonché per disturbi gastrointestinali funzionali.

Gli studi scientifici hanno dimostrato proprietà antivirale e antiossidante, antifungina, antiparassitaria e anti-spasmolitica. Melissa cura flatulenza, asma, bronchite, amenorrea, insufficienza cardiaca. Inoltre, è efficace nel trattamento di indigestione, coliche, nausea, nervosismo, anemia, vertigini, sincope, malessere, insonnia, epilessia, depressione, psicosi e isteria.

Vari studi hanno dimostrato che Melissa officinalis L possiede un’alta quantità di attività antiossidante, attraverso i suoi composti chimici, tra cui un’alta quantità di flavonoidi, acido rosmarinico, acido gallico, fenoli, previene le malattie legate allo stress.

Lo stress ossidativo è implicato nella progressione di diverse malattie degenerative, attraverso la mutazione del DNA, l’ossidazione proteica e / o la perossidazione lipidica: diabete, malattie cardiovascolari, nei disturbi neurodegenerativi cronici come le malattie di Parkinson e Alzheimer, e così via. È stato rivelato che gli oli essenziali di Melissa officinalis possono essere utilizzati negli alimenti contenenti lipidi.

Alcuni recenti studi su Melissa hanno dimostrato che, è utile nel trattamento dell’ipertiroidismo e della malattia di Graves.

Alato 2, è  un sedativo del sistema nervoso centrale contenente Melissa, indicato nei disturbi organici legati a una forte componente emotiva-nervosa .

Acquistabile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale: Passiflora

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale: Passiflora

Un elemento chiave del sistema nervoso, connesso all’ansia, è l’amigdala, che integra le informazioni provenienti da input sensoriali corticali e talamici per generare comportamenti legate alla paura e all’ansia.

I cambiamenti nei modelli di stile di vita, associati all’aumento dello stress, gravano sulla salute mentale. Lo stress sfida i meccanismi omeostatici dell’organismo, innescando una cascata di eventi che dovrebbero, normalmente, mantenere o consentire un ritorno all’equilibrio. Gli eventi stressanti sono percepiti dai sistemi sensoriali nel cervello, facilitando la valutazione e il confronto degli stimoli esistenti e precedenti, nonché l’attivazione di ormoni responsabili della mobilitazione energetica. Il sistema limbico coordina il rilascio di corticosteroidi, gli ormoni dello stress primario, modulando l’attivazione del nucleo paraventricolare ipotalamico (PVN). L’amigdala, una struttura limbica legata al comportamento emotivo, ha un ruolo putativo nella valutazione degli eventi emotivi e nella formazione di ricordi spaventosi; è anche un bersaglio dei mediatori neurochimici e ormonali dello stress. I dati clinici e sperimentali hanno dimostrato la stretta relazione fra i cambiamenti correlati nella struttura/funzione dell’amigdala con i disturbi emotivi come l’ansia.

L’ansia e i disturbi associati sono comuni nei pazienti con malattie cardiovascolari e possono influenzare significativamente la salute cardiaca. I disturbi d’ansia sono associati all’insorgenza e alla progressione della malattia cardiaca.

Il cervello ha 100 miliardi di cellule nervose (neuroni) e ognuna di esse si connette con molte altre per formare reti di comunicazione.

Queste cellule nervose hanno il compito di far pensare, imparare, ricordare, vedere, ascoltare e annusare. Le cellule cerebrali  elaborano e memorizzano le informazioni per comunicare con altre cellule.
Mantenere tutto in perfetto equilibrio richiede grandi quantità di energia e ossigeno e  volta perso  tale equilibrio, nel cervello iniziano a manifestarsi una serie di serie di disturbi , ad esempio il Morbo di Alzheimer,  il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington, depressione, epilessia, schizofrenia, ansia, ecc. Queste malattie sono caratterizzate da un disturbo molto complesso nella funzione cerebrale.

Passiflora

La specie Passiflora incarnata L. è inclusa in molte farmacopee ed è la specie più utilizzata nell’industria alimentare, cosmetica e farmaceutica.  Le specie di Passiflora sono ricche di flavonoidi e hanno attività ansiolitica.

Passiflora agisce sul sistema nervoso centrale nel trattamento dei disturbi d’ansia e dei sintomi neuropsichici della menopausa, dolore, ansia, disfunzione sessuale e disturbi del sonno.

Il genere Passiflora incarnata è stato a lungo utilizzato nella medicina popolare in tutta Europa, per il trattamento dell’insonnia e dell’ansia in Europa ed è stato usato come tè sedativo nel Nord America. Inoltre, questa pianta è stata utilizzata per scopi analgesici, antispasmodici, antiasmatici, e sedativi nella medicina popolare brasiliana, come sedativo e narcotico in Iraq, e per il trattamento di disturbi come dismenorrea, epilessia, insonnia, nevrosi e nevralgia in Turchia. In Polonia, questa pianta è stata utilizzata per trattare isteria e neurastenia, in America, è stata usata per trattare diarrea, dismenorrea, nevralgia, ustioni, emorroidi e insonnia. Passiflora incarnata L. è stata anche utilizzata per curare i soggetti colpiti dalla dipendenza da oppiacei in India.

La passiflora è una delle piante utilizzate in Ayurveda per diversi rimedi come sedativo, ansia e ipertensione ecc. Nella medicina popolare veniva usata per curare molte malattie come diarrea, infezioni della gola, infezioni dell’orecchio, febbre e malattie della pelle.

Una volta essiccate, le foglie venivano affumicate. La Passiflora quadrangularris è utilizzata dai guaritori tradizionali per lenire i morsi di serpente, in quanto provocano la coagulazione del sangue e fanno scoppiare i vasi sanguigni intorno al morso, provocando emorragia.

Le proprietà antibatteriche degli estratti di foglie e frutta (etanolo e acetone) di Passiflora foetida sono state sottoposte a screening contro quattro batteri patogeni umani Pseudomonas putida, Vibrio cholerae, Shigella flexneri e Streptococcus pyogenes .I risultati hanno mostrato che l’estratto di foglie ha una notevole attività contro tutti i patogeni batterici rispetto ai frutti: il 4-idrossi-2- ciclopentenone è citotossico per le cellule leucemiche. L’estratto di foglie di  Passiflora tetrandra e e P. aeruginosa sono  responsabili dell’attività antibatterica contro i batteri E. coli, B. subtilis. Il frutto ha mostrato attività antitumorale.

Le piante di Passiflora utilizzate nella medicina tradizionale sono ricche fonti di emolisine e citolisine, che sono potenziali farmaci battericidi e antitumorali. Diverse specie di Passiflora sono state ampiamente utilizzate dalla medicina popolare a scopo sedativo, tranquillante e antidepressivo.

Nella medicina popolare, Passiflora viene impiegata per  astinenza da alcol, come antibatterico, anti-spasmo, afrodisiaco, asma, disturbo da deficit di attenzione e iperattività , ustioni (pelle), cancro, dolore cronico, tosse, tossicodipendenza, virus di Epstein-Barr, infezioni fungine, problemi  gastrointestinali, infezione da Helicobacter pylori, emorroidi, ipertensione, sintomi della menopausa (vampate di calore), dolore ai nervi, dolore in generale, infiammazione della pelle, tensione e prevenzione delle rughe.  Passiflora incarnatea L. comunemente usata in molti rimedi erboristici è ben nota per le sue proprietà sedative, mentre diverse altre specie (P. edulis, P. quadrangularis, P. ligularis) sono coltivate per la produzione di succo di frutta.

Il passicolo può anche essere prodotto dalle scorze del frutto della passione, di colore viola. Il succo può essere addolcito e diluito con acqua o altri succhi (in particolare arancia o ananas), per fare bevande fredde.

In Sud Africa, il succo del frutto della passione viene miscelato con latte e un alginato; in Australia la polpa viene aggiunta allo yogurt. In Brasile, i frutti sono comunemente noti come “maracuja” e la polpa del frutto produce un delizioso succo che viene esportato in diversi paesi. La passiflora è disponibile sul mercato in una gamma di preparati diversi, principalmente in compresse (500 mg) dell’erba essiccata per uso orale o per infusione, come estratto liquido o come tintura

Le foglie e le radici di Maypop (P. incarnata) hanno una lunga storia di utilizzo tra i nativi americani del Nord America. Le foglie fresche o secche di Maypop sono usate per fare un infuso che viene usato per trattare l’insonnia, l’isteria e l’epilessia e come antidolorifico. Maracujá (P. edulis) e poche altre specie sono utilizzate in America centrale e meridionale per scopi simili. Molte specie contengono betacarbolina, harmala e alcaloidi che hanno proprietà antidepressive.

Passiflora quadrangularis ha un’azione antielmintica ed è anche frequentemente usata per trattare la bronchite, l’asma, la pertosse, per il trattamento delle complicanze diabetiche e dell’ipertensione. Le piante utilizzate nella medicina popolare tradizionale hanno una vasta fonte di componenti farmacologicamente attivi, tra cui emolisine e citolisine, potenziali farmaci battericidi e antitumorali.

Alato 2, è  un sedativo del sistema nervoso centrale contenente Passiflora, indicato nei disturbi organici legati a una forte componente emotiva-nervosa .

Acquistabile qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale : Luppolo

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale : Luppolo

Un elemento chiave del sistema nervoso, connesso all’ansia, è l’amigdala, che integra le informazioni provenienti da input sensoriali corticali e talamici per generare comportamenti legate alla paura e all’ansia.

I cambiamenti nei modelli di stile di vita, associati all’aumento dello stress, gravano sulla salute mentale. Lo stress sfida i meccanismi omeostatici dell’organismo, innescando una cascata di eventi che dovrebbero, normalmente, mantenere o consentire un ritorno all’equilibrio. Gli eventi stressanti sono percepiti dai sistemi sensoriali nel cervello, facilitando la valutazione e il confronto degli stimoli esistenti e precedenti, nonché l’attivazione di ormoni responsabili della mobilitazione energetica. Il sistema limbico coordina il rilascio di corticosteroidi, gli ormoni dello stress primario, modulando l’attivazione del nucleo paraventricolare ipotalamico (PVN). L’amigdala, una struttura limbica legata al comportamento emotivo, ha un ruolo putativo nella valutazione degli eventi emotivi e nella formazione di ricordi spaventosi; è anche un bersaglio dei mediatori neurochimici e ormonali dello stress. I dati clinici e sperimentali hanno dimostrato la stretta relazione fra i cambiamenti correlati nella struttura/funzione dell’amigdala con i disturbi emotivi come l’ansia.

L’ansia e i disturbi associati sono comuni nei pazienti con malattie cardiovascolari e possono influenzare significativamente la salute cardiaca. I disturbi d’ansia sono associati all’insorgenza e alla progressione della malattia cardiaca.

Il cervello ha 100 miliardi di cellule nervose (neuroni) e ognuna di esse si connette con molte altre per formare reti di comunicazione.

Queste cellule nervose hanno il compito di far pensare, imparare, ricordare, vedere, ascoltare e annusare. Le cellule cerebrali  elaborano e memorizzano le informazioni per comunicare con altre cellule.
Mantenere tutto in perfetto equilibrio richiede grandi quantità di energia e ossigeno e  volta perso  tale equilibrio, nel cervello iniziano a manifestarsi una serie di serie di disturbi , ad esempio il Morbo di Alzheimer,  il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington, depressione, epilessia, schizofrenia, ansia, ecc. Queste malattie sono caratterizzate da un disturbo molto complesso nella funzione cerebrale.

Luppolo

Le infiorescenze femminili di Humulus lupulus (luppolo), sono state a lungo utilizzate nella medicina tradizionale, principalmente per trattare i disturbi del sonno. Tuttavia, l’attività sedativa è ancora in fase di studio, al fine di riconoscere i principi attivi responsabili degli effetti neurofarmacologici osservati negli animali da laboratorio e il loro meccanismo d’azione. Questa attività di sedazione potrebbe essere attribuita a tre categorie di costituenti degli estratti di luppolo lipofilo. Sebbene gli acidi α-amaro si siano rivelati i costituenti più attivi, gli acidi β-amaro e l’olio di luppolo hanno chiaramente contribuito all’attività sedante degli estratti di Humulus che promuovono la dissolubilità o l’assorbimento dei lipidi.

Luppolo è un rimedio stomachico, antibatterico e antimicotico, lo xantumolo in esso contenuto, ha capacità chemio preventiva del cancro della prostata e del seno. Ha proprietà estrogeniche, neuro preventiva, antinfiammatorie e antimicrobiche, è utile nella gestione della menopausa e dell’osteoporosi.

Il luppolo (Humulus lupulus L.) contiene polifenoli (antiossidanti naturali), che si ritiene siano nutrienti efficaci nella prevenzione di malattie ossidativi legate allo stress come il cancro e le malattie cardiache. Il luppolo e i suoi estratti ritardano la degradazione ossidativa e lipidica, grazie ai suoi costituenti antiossidanti, principalmente composti fenolici.

La pianta comune del luppolo (Humulus lupulus L.) è un vitigno resistente e dioico la cui parte aerea è erbacea e annuale, mentre il portinnesto è perenne, e può creare radici avventizie ogni anno. È una specie del genere Humulus che appartiene alla famiglia delle Cannabacee, la cui origine potrebbe essere la Cina.  Può essere trovato principalmente nelle foreste decidue e nei boschetti dell’Europa e dell’Asia occidentale e in altre zone con clima temperato. Il luppolo è stato coltivato a Babilonia intorno al 200 d.C. ed è stato in uso per secoli principalmente come ingrediente della birra. I coni di luppolo sono la porzione più utilizzata di questa pianta, tuttavia, ci sono parti come i giovani germogli possono essere mangiati.

Nella medicina popolare, i coni di luppolo erano utilizzati per il controllo degli spasmi, dell’ansia, della febbre, dell’infiammazione, dell’attivazione della funzione gastrica e del trattamento dei disturbi del sonno. In effetti, il luppolo presenta numerosi benefici per la salute, grazie all’attività antibatterica, antifungina, cardioprotettiva, antiossidante, antinfiammatoria, anticancerogena e antivirale. Nel 2015 è stata scoperta una necropoli romana nei pressi del comune di Passo Corese e Fara, nel Lazio. In questo contesto archeologico sono state individuate 42 tombe di diverse tipologie. La datazione al radiocarbonio, eseguita presso il Centro di Diagnostica e Datazione (CEDAD, Università del Salento) su ossa umane, ha rivelato che il sepolcreto era in uso tra il I e il III secolo D.C. In questa ricerca, applicando sia la microscopia ottica che la spettrometria di massa per gascromatografia su questa matrice, è stata eseguita un’indagine qualitativa dettagliata per ricostruire lo stile di vita di una comunità imperiale romana dell’Ager Curensis (Sabina Tiberina, Italia centrale). Humulus lupulus L.) era presente nel campione di calcolo dentale, ciò dimostra che gli alimenti di origine vegetale venivano regolarmente consumati insieme alle risorse animali.

Il rilevamento di humulolo ha suggerito il potenziale utilizzo di Humulus lupulus L., il luppolo. L’estratto di infiorescenza di questa specie era considerato dai Romani come sedativo per l’insonnia e l’ansia, mentre foglie e germogli venivano consumati come verdure nelle insalate.

Nel corso dei secoli, i fiori secchi venivano utilizzati in cuscini chiamati “luppolo”, per combattere l’insonnia. L’uso di infiorescenze di luppolo essiccate e verdi per usi diuretici e disturbi dell’apparato digerente, sono stati verificati nell’area del parco di Montesinho, in Portogallo. In Cina, gli estratti alcolici di luppolo erano usati per trattare la lebbra, la tubercolosi e la dissenteria. Nel medioevo era utilizzato in infusi in qualità di tonico fisico. Luppolo è utilizzato dalla medicina tradizionale messicana per trattare l’insonnia.

 Alato 2, è  un sedativo del sistema nervoso centrale contenente Luppolo, indicato nei disturbi organici legati a una forte componente emotiva-nervosa .

Acquistabile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Purifica il tuo corpo in Primavera e accogli l’Estate

Purifica il tuo corpo in Primavera e accogli l’Estate

 

In questa stagione, l’organismo manifesta una sensibilità particolare in quanto sembra partecipare biologicamente al risveglio della Natura: ci si può sentire diversi o strani, di umore molto variabile. In questa stagione si assiste all’accelerazione di molti processi metabolici che comportano una maggiore tensione psichica.

Nell’adulto avvengono modificazioni ormonali ed enzimatiche che possono provocare disturbi, fino al momento in cui avviene un adattamento dell’organismo alla nuova situazione:

l’estate.

Detossinare

Detossinare significa rimuovere veleni o tossine. Filtriamo l’aria che respiriamo, il cibo e le bevande che consumiamo e tutto ciò che assorbiamo attraverso la nostra pelle. La nostra circolazione sanguigna, il tubo digerente, il fegato, i reni e i polmoni sono tutti sistemi che funzionano in modo efficiente ed efficace nelle giuste condizioni.

Le tossine sono le sostanze che sconvolgono l’ambiente interno del corpo e creano disarmonia del sistema di organi. Il fegato ha funzioni sia sintetiche che cataboliche in termini di metabolismo dei grassi. Il fegato è intimamente collegato all’infiammazione, che è il sistema di difesa innato del corpo per rimuovere gli stimoli dannosi. Una forte infiammazione può indurre lo sviluppo di fibrosi, cirrosi e carcinoma epatocellulare.

Stress ossidativo:

Lo stress ossidativo è associato all’attivazione di vie infiammatorie, mentre l’infiammazione cronica si trova associata ad alcuni tumori umani. L’infiammazione e il cancro possono essere collegati dall’effetto dell’asse infiammazione-fibrosi-cancro . Un aumento dello stress ossidativo predispone alla perossidazione lipidica delle cellule lipidiche epatiche con conseguente infiammazione .La carenza di carnitina, colina e taurina, possono essere responsabili sia steatosi e colestasi, una condizione associata a svariate patologie, accumunate dalla severa compromissione del flusso della bile verso il duodeno. Il fegato grasso, anche noto come steatosi, è una condizione caratterizzata dall’accumulo di grassi (trigliceridi) nelle cellule del fegato. Mangiare per soddisfare dei bisogni emozionali è in tutto il mondo la causa principale dell’obesità.

 Le tappe della prevenzione :

  • Pulizia del corpo per rimuovere i ristagni, attraverso le piante
  • Fluidificare i catarri e favorire l’espettorazione
  • Combattere la ritenzione idrica
  • Regolarizzare l’intestino
  • Potenziare la ventilazione polmonare: fare gite e passeggiate in spazi aperti con grande ricambio d’aria.
  • Inalazioni con oli essenziali di Eucalipto
  • Rinforzare le difese immunitarie migliorando il tono dell’umore

 

Le erbe medicinali cinesi mostrano abilità nella protezione del fegato, rispetto alle terapie convenzionali, poiché sono efficaci agenti antinfiammatori e antiossidanti.

Alcuni esempi di diverse erbe medicinali cinesi che sono state comunemente utilizzate per prevenire e trattare le malattie epatiche sono:

 

  • Andrographis Herba ,  la parte aerea di Andrographis paniculata (Burm. F.) Nees, è stata ampiamente utilizzata per eliminare il calore e rimuovere la tossicità, raffreddare il sangue e la detumescenza. I moderni studi farmacologici indicano che l’AH ha varie attività tra cui attività antimicrobiche e antiossidanti , antimalarici , antiangiogenetiche, antinfiammatorie, antidiabetiche e in vitro α-glucosidasi e α-amilasi enzimatici inibitori .

 

 

 

 

  • Lycii Fructus,  ampiamente coltivato nel nord-ovest della Cina, è ben noto per il suo effetto antiage nei farmaci tradizionali cinesi .Il Fructus lycii (F. lycii) è un frutto esotico da cui si utilizzano le bacche della pianta,  Lycium barbarum. E’ caratterizzato da una complessa miscela di composti bioattivi distinti per il loro alto potenziale antiossidante. F. lycii è usato nella cucina tradizionale cinese e nella Farmacopea Cinese come aiuto alla vista e alla longevità, nonché come rimedio per il diabete, per bilanciare “yin” e “yang” nel corpo . Polisaccaridi, carotenoidi, flavonoidi e fenolici rappresentano i componenti funzionali chiave di F. lycii. Studi clinici condotti su F. lycii   hanno dimostrato i suoi  effetti antiossidanti, antinfiammatori, antiapoptotici e neuroprotettivi.

  • Coptis chinensis Franch., C. deltoidea C.Y. Cheng et Hsiao, o C. teeta Wall (Ranunculaceae) è stato ampiamente usato per trattare la dissenteria bacillare, il diabete, la pertosse, il mal di gola, l’afta e l’eczema in Cina. Studi clinici hanno dimostrato che Coptis  riduce i livelli dei trigliceridi e favorisce l’escrezione di colesterolo nella bile. Insieme agli stanoli vegetali inibisce l’assorbimento del colesterolo e migliora la funzione ventricolare sinistra nei pazienti con insufficienza cardiaca congestiva.

pexels, download e utilizzo gratuito

  • Curcuma fa parte  della famiglia dello zenzero (Zingiberaceae) ed è prescritta abbondantemente per disturbi sia nella medicina tradizionale cinese che indiana. Recentemente, diverse spezie comunemente usate come pepe, zenzero e curcumina hanno dimostrato di svolgere un ruolo benefico nella gestione dell’obesità. Tra queste spezie, la curcumina, che è la componente primaria della curcuma delle spezie, ha guadagnato grande interesse per i suoi molteplici benefici per la salute. La curcumina ha attirato l’attenzione di tutto il mondo grazie ai suoi molteplici benefici per la salute. Questi benefici includono le sue proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, anti carcinogene, antidepressive, antiartritiche , antidiabetiche, epatoprotettive e anti adipose . Inoltre, la curcumina ha dimostrato di svolgere un ruolo chiave nella gestione dell’obesità , in quanto aumenta il tasso metabolico basale e il dispendio energetico.

Aloe:

Negli ultimi secoli, l’Aloe vera, una specie vegetale appartenente al genere Aloe, è stata ampiamente studiata per varie attività terapeutiche, tra cui l’attività antibatterica, antivirale, anti-cancro, nonché le proprietà immunoregolatrici ed epatoprotettive, sebbene alcune di queste efficacie affermate siano controverse come dimostrato da alcuni dei recenti studi. Molti studi hanno dimostrato che i componenti bioattivi dell’’Aloe vera hanno un effetto antinfiammatorio e supportano il metabolismo lipidico e dei carboidrati, contribuendo a mantenere i normali livelli di zucchero e  colesterolo nel sangue e il normale peso corporeo. Quando l’aloe viene applicata esternamente, accelera la rigenerazione della pelle danneggiata. L’aloe contiene antiossidanti,  che possono aumentare la durata di conservazione e il valore nutrizionale del cibo; pertanto, è ampiamente utilizzato nell’industria cosmetica, farmaceutica e alimentare.

Ti offro la possibilità di seguire un Programma di 10  giorni in cui riceverai pillole di benessere e prevenzione.

Contattami qui 

 

 

DiAlessandra Zarone

Eliminare stress e tossine_ riequilibrio mente – corpo con Naturopatia ed integratori biologici

Eliminare stress e tossine _ riequilibrio mente – corpo con Naturopatia ed integratori biologici

Quando i livelli di cortisolo sono troppo alti, si potrebbero sperimentare una serie di sintomi indesiderati. Livelli più alti e  prolungati di cortisolo nel sangue, si verificano in caso di stress cronico, hanno come conseguenza:

  • Squilibri di zucchero nel sangue (iperglicemia )
  • Diminuzione della densità ossea
  • Assottigliamento del tessuto muscolare
  • Pressione  alta
  • Prestazioni cognitive compromesse
  • Aumento del grasso addominale
  • Abbassamento del sistema immunitario
  • Stato infiammatorio generalizzato
  • Ridotta  cicatrizzazione
  • Diminuita  funzione tiroidea

Le sostanze chimiche danneggiano la funzione cerebrale:

Una  corretta funzione cerebrale richiede la complessa interazione di sostanze chimiche perennemente occupate in biochimica intenzionale, purtroppo alcune sostanze tossiche hanno il potenziale per interrompere la normale fisiologia cerebrale e per compromettere l’omeostasi neurologica.

Oltre a mal di testa, disfunzione cognitiva, disturbi della memoria e altri segni e sintomi neurologici, l’interruzione della funzione cerebrale può anche manifestarsi come alterazione sottile o palese nei pensieri, negli stati d’animo o nei comportamenti. Negli ultimi quattro decenni, c’è stato lo sviluppo e il rilascio senza precedenti di un repertorio di sostanze chimiche potenzialmente tossiche che hanno la capacità di causare danni cerebrali.

I composti chimici onnipresenti nel nostro cibo, aria e acqua si trovano in ogni persona. Il bioaccumulo di questi composti in alcuni individui può portare a una varietà di disfunzioni metaboliche e sistemiche e, in alcuni casi, stati di malattia , a carico del  sistema immunitario, neurologico ed endocrino.

La tossicità di queste sostanze  chimiche può portare a disfunzione immunitaria, autoimmunità, asma, allergie, tumori, deficit cognitivo, cambiamenti di umore, malattie neurologiche, cambiamenti nella libido, disfunzione riproduttiva e disregolazione del glucosio.

Medicina Tradizionale Cinese

Lo stress fa ristagnare il qi del fegato. Il ristagno cronico del qi del fegato può esaurire il sangue del fegato e lo yin. Il sangue di fegato e la  carenza di yin creano secchezza oculare, visione sfocata, poca flessibilità degli arti, intorpidimento o spasmi nelle estremità. Segni e sintomi di carenza di sangue  includono carnagione pallida.

Nelle persone con livelli normali, il cortisolo dovrebbe raggiungere il picco intorno alle 8 del mattino, diminuire gradualmente ed essere più basso intorno alla mezzanotte e alle 4 del mattino. Nelle persone con sindrome di Cushing o con stanchezza cronica, i livelli di cortisolo possono essere più bassi al mattino e più alti di notte.

La visione ayurvedica:

Lo stress disequilibra i doshas,  sostanze vitali, che governano la mente,e, di conseguenza,  producono più fluido.

Pitta (il subdosha Sadhaka Pitta) inizia a bruciare più caldo, mentre Vata crea un effetto di essiccazione.  Di conseguenza,  Kapha  genera fluidi extra per contrastare questo effetto e proteggere il cervello. Sotto sforzo, il fluido creato da Kapha aumenta e inizia a domare il fuoco  della mente (Medhya Agni) che sostiene Dhi, Dhriti e Smriti. Lo stress può  smorzare questo fuoco mentale (Agni) e quando questo accade, si creano tossine ( Ama ) . Ama si accumula nel cervello, si mescola con i fluidi creati da Kapha e crea un tipo dannoso di cortisolo, l’indicatore dello stress. Il cortisolo in sé non è male. È stato creato dal corpo per proteggere il cervello, ma quando Kapha è in disequilibrio e c’è Ama, il cortisolo fa più male che bene. Ayurveda utilizza rimedi naturali che abbassano il livello di cortisolo e migliorano il fuoco digestivo del cervello.

Per liberarsi dalle tossine del corpo, è necessario seguire un percorso naturopatico  stagionale con  elementi di dietetica cinese e integratori naturali, ecco alcuni esempi:

 

Negli ultimi secoli, l’Aloe vera, una specie vegetale appartenente al genere Aloe, è stata ampiamente studiata per varie attività terapeutiche, tra cui l’attività antibatterica, antivirale, anti-cancro, nonché le proprietà immunoregolative ed epatoprotettive, sebbene alcune di queste efficacie affermate siano controverse come dimostrato da alcuni dei recenti studi. Molti studi hanno dimostrato che i componenti bioattivi dell’Aloe vera hanno un effetto antinfiammatorio e supportano il metabolismo lipidico e dei carboidrati, contribuendo a mantenere i normali livelli di zucchero e colesterolo nel sangue e il normale peso corporeo. Quando l’aloe viene applicata esternamente, accelera la rigenerazione della pelle danneggiata. L’aloe contiene antiossidanti, che possono aumentare la durata di conservazione e il valore nutrizionale del cibo; pertanto, è ampiamente utilizzato nell’industria cosmetica, farmaceutica e alimentare.

L’alimentazione è direttamente collegata non solo allo stato fisico ma anche al funzionamento del cervello e allo stato mentale. I nutrienti potenzialmente benefici con un effetto protettivo sulla funzione del sistema nervoso includono aminoacidi (triptofano, fenilalanina, tirosina, taurina), glucosio e vitamine C, E, D e beta-carotene, vitamine del gruppo B (vitamina B12, vitamina B6, vitamina B4, vitamina B1) e minerali (selenio, zinco, magnesio, sodio, ferro, rame, manganese, iodio). La presenza di antiossidanti nella dieta protegge dai danni ossidativi alle cellule del sistema nervoso.

Le vitamine del gruppo B neurotropico svolgono ruoli cruciali come coenzimi e oltre nel sistema nervoso. In particolare la vitamina B1 (tiamina), B6 (piridossina) e B12 (cobalamina) contribuiscono essenzialmente al mantenimento di un sistema nervoso sano. La loro importanza è evidenziata da molte malattie neurologiche legate a carenze in una o più di queste vitamine, ma possono migliorare alcune condizioni neurologiche anche senza una comprovata carenza.

La riboflavina (RF) è un componente solubile in acqua della famiglia delle vitamine B. Un’assunzione sufficiente di RF dietetica e supplementare sembra avere un effetto protettivo su varie condizioni mediche come sepsi, ischemia, ecc., mentre contribuisce anche alla riduzione del rischio di alcune forme di cancro nell’uomo. Ha  proprietà antiossidanti, anti-invecchiamento, antinfiammatorie, anti-nocicettive e anti-cancro. La riboflavina, vitamina B2, è una vitamina solubile in acqua e termo-stabile che il corpo utilizza per metabolizzare grassi, proteine e carboidrati nel glucosio per l’energia. Oltre ad aumentare l’energia, la riboflavina funziona come antiossidante per la corretta funzione del sistema immunitario, della pelle sana e dei capelli.

Senza una quantità adeguata di riboflavina, i macronutrienti come carboidrati, grassi e proteine non possono essere digeriti e mantenere il corpo. Con un sistema digestivo sano, il corpo può assorbire la maggior parte dei nutrienti dalla dieta, quindi è importante ottenere la maggior parte della riboflavina da fonti dietetiche. La riboflavina ha un pigmento fluorescente giallo-verde, che fa ingiallire l’urina, indicando che il corpo sta assorbendo la riboflavina. La riboflavina aiuta anche a convertire il triptofano in niacina, che attiva la vitamina B6. Alcune malattie prevenibili gestibili con un’adeguata riboflavina sono anemia, cataratta, emicrania e disfunzione tiroidea. La riboflavina è necessaria per il normale sviluppo, allattamento, prestazioni fisiche e riproduzione.

Vitamina E 

Vitamina E è il termine indicante  un gruppo di tocoferoli e tocotrienoli, di cui l’alfa-tocoferolo ha la più alta attività biologica. A causa delle potenti proprietà antiossidanti dei tocoferoli, l’impatto dell’alfa-tocoferolo nella prevenzione delle malattie croniche, che si ritiene siano associate allo stress ossidativo, è stato spesso studiato e sono stati dimostrati effetti benefici.

Il metabolismo del α-tocoferolo (α-TOH, vitamina E) mostra una marcata variabilità interindividuale, che può influenzare la risposta agli interventi nutrizionali e terapeutici con questa vitamina. Recentemente, nuovi protocolli di metabolomica hanno favorito la possibilità di esplorare tale variabilità per i diversi metaboliti di α-TOH finora identificati nel sangue umano, cioè il “metaboloma vitamina E”, alcuni dei quali sono stati segnalati per promuovere importanti funzioni biologiche.
La vitamina E è un antiossidante liposolubile in grado di proteggere gli acidi grassi polinsaturi  nella membrana dall’ossidazione, regolare la produzione di specie reattive di ossigeno e specie di azoto reattivo(e modulare la trasduzione del segnale.
Agisce nelle membrane cellulari dove previene la propagazione delle reazioni dei radicali liberi, sebbene sia stato anche dimostrato che ha attività pro-ossidante. I prodotti di ossidazione non radicali sono formati dalla reazione tra il radicale alfa-tocoferile e altri radicali liberi, che sono coniugati all’acido glucuronico ed escreti attraverso la bile o l’urina. La vitamina E viene trasportata nelle lipoproteine plasmatiche, viene assorbita nell’intestino e confezionata in chilomicroni, che lungo la via linfatica vengono secreti nella circolazione sistemica.  La vitamina E è essenziale per la normale funzione neurologica. È il principale antiossidante liposolubile e che rompe la catena nel corpo, proteggendo l’integrità delle membrane, inibendo la perossidazione lipidica. Principalmente sulla base dei sintomi della carenza primaria di vitamina E, è stato dimostrato che la vitamina E ha un ruolo centrale nel mantenimento della struttura e della funzione neurologica. La vitamina E integrata oralmente raggiunge il liquido cerebrospinale e il cervello. La carenza di vitamina E può causare danni ai nervi e rottura dei globuli rossi, ma questo è molto raro. I casi di carenza di vitamina E possono verificarsi con una alimentazione  molto povera di grassi.
Migliora la  produzione di collagene che mantiene la pelle elastica, supporta anche la crescita di nuove cellule e accelera la rigenerazione delle cellule del corpo, quindi il consumo di vitamina E sarà un modo per eliminare le rughe sul viso. I benefici della vitamina E per la salute umana prevengono  anemia, la sua carenza provoca rottura degli erytrociti , degenerazione neuronale, degenerazione muscolare, malassorbimento intestinale. Infatti, come per tutti i macro e micronutrienti, l’assorbimento intestinale è il fattore limitante per la biodisponibilità della vitamina E nell’uomo. L’assorbimento della vitamina E varia tra il 20% e l’80%.

Pixabay

La carenza di vitamina C è correlata a disturbi avversi dell’umore ed effetti cognitivi.

La vitamina C (Vit C) è considerata una molecola antiossidante vitale nel cervello. Vitamina  C aiuta a mantenere l’integrità e la funzione di diversi processi nel sistema nervoso centrale (SNC), tra cui maturazione e differenziazione neuronale, formazione di mielina, sintesi della catecolamina, modulazione della neurotrasmissione e protezione antiossidante. Vit C è il nutriente di maggiore importanza per il corretto funzionamento del sistema nervoso e il suo ruolo principale nel cervello è la sua partecipazione alla difesa antiossidante.

Il cervello è un organo particolarmente esposto allo stress ossidativo e all’attività dei radicali liberi, che è associato ad alti livelli di acidi grassi insaturi e ad un alto tasso di metabolismo cellulare .

Selenio

Il Selenio è un micronutriente essenziale per il corretto funzionamento di tutti gli organismi. Gli studi sulle funzioni del selenio si stanno rapidamente sviluppando. Questo elemento è un cofattore di molti enzimi, ad esempio il glutatione perossidasi o la tioredossina reduttasi.

L’insufficiente integrazione di questo elemento comporta un aumento del rischio di sviluppare molte malattie degenerative croniche. Il selenio è importante per la protezione dallo stress ossidativo, poiché elimina  i radicali liberi ed ha proprietà anti-cancro.

Magnesio

Le condizioni legate all’ansia sono i disturbi affettivi più comuni presenti nella popolazione generale con una prevalenza una tantum superiore al 15%. Lo stato di magnesio (Mg) è associato all’ansia soggettiva, portando alla proposizione che l’integrazione di Mg può attenuare i sintomi di ansia.

Vitamina D

La carenza di vitamina D è associata allo stress ossidativo nel muscolo scheletrico che influenza la funzione mitocondriale e influisce sullo sviluppo dell’atrofia muscolare scheletrica. La  carenza di vitamina D riduce il tasso di consumo di ossigeno e induce l’interruzione della funzione mitocondriale. La vitamina D svolge un ruolo importante nell’omeostasi del calcio e nel metabolismo osseo, modula la funzione immunitaria, la funzione  cardiovascolare.

Contattami @alessandra.naturopatia@gmail.com

 

A tua disposizione con Percorso Naturopatico , Floriterapia Psicosomatica,Tecniche di Rilassamento a Mediazione Corporea