Lino e vitamina D

DiAlessandra Zarone

Lino e vitamina D

Lino e vitamina D

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

La vitamina D E’ contenuta nel

Lino, L. usitatissimum

Lino (Linaceae) Sebbene sia classificato come specie, L. usitatissimum è derivato da L. bienne. Si sono evoluti due tipi distinti di L. usitatissimum: il lino più alto, con meno rami e fiori, che produce fibre; e il seme di lino più corto, florifero e fruttuoso, che ora viene coltivato per l’olio e come coltura foraggera. I semi contengono il 30-40% di un olio fisso, noto come olio di lino, che comprende principalmente acido linoleico .

In comune con molti membri delle famiglie Linaceae, Rosaceae e Caprifoliaceae, contengono anche glicosidi cianogenici o acido prussico. In piccole quantità, questi composti stimolano la respirazione e migliorano la digestione ma, in eccesso, causano insufficienza respiratoria e morte. Non vi è alcuna indicazione che le dosi raccomandate di L. usitatissimum rappresentino una minaccia. Il correlato L. catharticum (lino di montagna o di spurgo) è descritto come un lassativo e un antireumatico, ma ora è usato raramente.

Parti utilizzate:

Pianta intera, steli, semi, olio.

Proprietà

Erba dolce, mucillaginosa, lassativa ed espettorante, lenisce i tessuti irritati, controlla la tosse e allevia il dolore. Usi dell’erba medicinale internamente come lassativo di massa per costipazione cronica e diverticolite (semi schiacciati mescolati con cereali per la colazione e ampio liquido), gastrite, faringite (semi macerati), disturbi bronchiali cronici, tosse e mal di gola; come integratore alimentare per eczema, problemi mestruali, indurimento delle arterie e artrite reumatoide (olio). Esternamente per bronchite, pleurite, mal di gola, ustioni, scottature, bolle, ascessi e ulcere. I semi schiacciati sono combinati, come impiastro, con Sinapis alba per i disturbi al petto e con miele e limone come rimedio per la tosse. L’erba fresca è stata applicata per dolori reumatici, raffreddori e tosse. Il lino è uno dei tessuti più antichi del mondo; il primo frammento di stoffa mai identificato (considerato di lino) proveniva dalla Turchia orientale, datato al carbonio a 9.000 anni fa. Gli antichi egizi raffiguravano la crescita del lino, la filatura del filo di lino, e la tessitura di quel filo su papiri e murales. I resti mummificati dei faraoni sono legati in lino fine e delicato, intrecciato con una perizia che è ancora difficile da replicare oggi, da 3.000 a 4.000 anni dopo. Il lino è stato anche usato per fare casi di mummia, e l’olio di semi di lino è stato usato nel processo di imbalsamazione.

 

Le fibre producono il tessuto, i semi vengono pressati per l’olio, sono utilizzati negli alimenti e nei foraggi per gli animali e nelle industrie di vernici e pavimenti.  I residui di semi vengono trasformati in torte di semi di lino per l’alimentazione animale. Le piante vengono tagliate a maturità per l’estrazione delle fibre. I semi vengono raccolti a maturità, conservati interi o pressati per l’olio. È stata la prima coltura di fibre e ampiamente coltivata in Europa e in Asia, ma ora in gran parte sostituita dal cotone. Attualmente i semi di lino sono prevalentemente coltivati per uso industriale nella produzione di pitture, vernici, mastice e linoleum. I semi di lino hanno una composizione di acidi grassi che porta all’essiccazione e all’indurimento dell’olio se esposti all’aria e alla luce solare. L’olio commestibile è ottenuto dalla spremitura a freddo per evitare l’ossidazione ed è commercializzato come olio di semi. Non è raccomandato per cucinare, ma viene utilizzato principalmente come integratore alimentare, ad alto contenuto di acido linolenico . Tuttavia, i semi di lino sono ancora importanti come olio da cucina soprattutto in Nord Africa e Medio Oriente. Il seme intero ha un mercato in crescita nella cottura e negli alimenti salutari, a volte aggiunto al pane e ai cereali per la colazione. Per questo le tradizionali varietà “ad alto linolenico” sono adatte in quanto solo l’olio estratto manca delle qualità di conservazione per uso culinario. La farina di lino viene utilizzata come mangime per animali e pollame per aumentare gli acidi grassi omega nelle uova.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: