Home

DiAlessandra Zarone

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse _Passiflora

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse

Passiflora

I missionari spagnoli in Sud America consideravano questi fiori come simboli della passione di Cristo – i tre stimmi che rappresentano i chiodi, le cinque antere le ferite e i dieci sepali gli apostoli. P. incarnata è stata usata nella medicina nativa americana, in particolare dalla tribù Houma, come tonico. Fu descritta da un medico europeo in visita nel 1783 come rimedio per l’epilessia e divenne un trattamento popolare per l’insonnia nel XIX secolo, con una voce nel Formulario Nazionale degli Stati Uniti (1916-36). Utile per tensione nervosa, insonnia, irritabilità, cefalea tensiva, asma, sindrome dell’intestino irritabile, tensione premestruale, tachicardia nervosa, ipertensione e herpes zoster.

Passiflora foetida Linn. Famiglia Passifloraceae. Habitat originario: Sud America; trovata selvatica in Uttar Pradesh, Karnataka e Tamil Nadu. Inglese: Stinking Passion Flower. Siddha in Tamil. Ha azione emmenagoga, antiisterica. Un decotto è usato per la biliosità e l’asma (per espellere la bile e la tosse).

Passiflora incarnata Linn. Famiglia Passifloraceae. Habitat: Sud-Est America e coltivata in giardini indiani. Inglese: Wild Passion Flower,Maypop. È utilizzata come lieve sedativo, ipnotico, tranquillante, ipotensivo, vasodilatatore, antispasmodico, anodino, antinfiammatorio.

Passiflora laurifolia Linn. FamigliaPassifloraceae. Habitat: America tropicale; coltivata in giardini indiani. Inglese: Water Lemon, Giamaica: Honey Suckle. Le foglie sono antielmintiche.

Passiflora quadrangularis Linn. Famiglia Passifloraceae. Habitat:

America tropicale; coltivata in giardini indiani. Inglese: Giant Granadilla

Passiflora quadrangularis ha un’azione antielmintica ed è anche frequentemente usata per trattare la bronchite, l’asma, la pertosse, per il trattamento delle complicanze diabetiche e dell’ipertensione.

Medicina popolare:

Gli Indiani d’America facevano impacchi con la radice per bolle, tagli, mal d’orecchi e infiammazione. L’intera pianta è stata tradizionalmente utilizzata in un tè antispasmodico e sedativo per nevralgia, epilessia, irrequietezza, mestruazioni dolorose, insonnia, mal di testa da tensione.

Nella medicina popolare, Passiflora viene impiegata per astinenza da alcol, come antibatterico, anti-spasmo, afrodisiaco, asma, disturbo da deficit di attenzione e iperattività, ustioni (pelle), cancro, dolore cronico, tosse, infezioni fungine, problemi gastrointestinali, infezione da Helicobacter pylori, emorroidi, ipertensione, sintomi della menopausa (vampate di calore), dolore ai nervi, dolore in generale, infiammazione della pelle, tensione e prevenzione delle rughe.

 

La ricerca clinica mostra che gli estratti vegetali sono leggermente sedativi, riducono leggermente la pressione sanguigna, aumentano la frequenza respiratoria e diminuiscono l’attività motoria. Contiene diversi composti che contribuiscono all’attività sedativa. In Germania è utilizzata per irrequietezza nervosa, tensione nervosa; è considerata particolarmente utile nei disturbi del sonno o nell’ansia derivante dall’irrequietezza.

Un ottimo rimedio contenente Passiflora è Alato 10, disponibile in farmacia o qui

DiAlessandra Zarone

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse _Avena

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse

Avena

Avena {Arena sativa L., l’avena comune del commercio, deriva da A. fatiia). Appartiene alla Famiglia delle Gramineae; Poaceae.

Durante l’età del ferro preromana due cereali completamente nuovi raggiunsero la Gran Bretagna. L’avena e la segale avevano avuto origine come erbacce di coltivazione che spuntavano tra grano e orzo. Probabilmente arrivarono in Gran Bretagna mescolati con altri semi di grano portati da nuovi immigrati, e all’inizio erano piuttosto rari. Di diverse varietà di avena introdotte, la più comune era l’avena selvatica.

Nella medicina popolare è usata come tonico, diuretico e antispasmodico. Nella moderna fitoterapia, è comunemente usata per il trattamento delle condizioni cutanee caratterizzate da infiammazione e pustole . L’avena stessa è considerata nutritiva, abbassa il colesterolo.

Tonico nervino usato in caso di spermatorrea, palpitazione, insonnia, tonico cardiaco, usato nella debilitazione, stimolante, antispasmodico, timolettico, antidepressivo, usato nella fase della Menopausa, per diarrea, dissenteria, colite. Esternamente è emolliente.

Avena sativa è al confine tra un alimento e un’erba:

Viene coltivata come foraggio e anche per i suoi chicchi che vengono aggiunti in torte d’avena o porridge, in particolare in Scozia. L’avena cotta (porridge) è un piatto popolare per la colazione, l’avena macinata è un ingrediente importante di muesli e spuntini di cereali tostati. È nota agli erboristi medici come un “trofo-riparatore”. Oltre a proteine, amido e minerali, l’avena contiene un alcaloide, glicosidi e oli fissi, che sono un’importante fonte di vitamina E. L’avena viene utilizzata nei cereali per la colazione e nei prodotti da forno. La crusca d’avena è ricca di fibre solubili, che possono aiutare a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, riducendo così il rischio di attacchi di cuore.

Erba nutriente e carnosa, agisce come un tonico per il cuore, i nervi e la ghiandola del timo e. Il consumo regolare di germe d’avena riduce i livelli di colesterolo nel sangue. È utile per depressione, esaurimento nervoso, herpes zoster, herpes, sintomi della menopausa e debilitazione a seguito di malattia. Esternamente in preparati per eczema e pelle secca.

Un ottimo rimedio contenente Avena è Alato 10, disponibile in farmacia o qui

DiAlessandra Zarone

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse _ Melissa

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse

Melissa

La pianta è originaria dell’Europa meridionale, dell’Asia occidentale e del Nord Africa, essendo stata coltivata per oltre 2000 anni. Originariamente è stato coltivato come pianta di api. Melissa è anche chiamata balsamo d’api perché la parola Melissa deriva da una parola greca che significa ape e come melissa ha una grande attrazione verso l’ape quindi si chiama così. Si chiama Badrangboya, taragarbha in persiano, Warqe habaqe Rauhawi in arabo, Billi lotan in hindi, balsamo di montagna, balsamo dolce o melissa in inglese. Melissa è anche chiamata balsamo d’api perché la parola Melissa deriva da una parola greca che significa ape e come melissa ha una grande attrazione verso l’ape quindi si chiama così. La melissa è una pianta medicinale così come le più importanti piante commerciali degli ultimi decenni. È usato nella medicina popolare per vari disturbi come un succo di pianta, crema o infuso di tè è usato per l’agitazione nervosa, e per promuovere il sonno, e migliora i disturbi gastrointestinali funzionali, isteria, malinconia, catarro bronchiale cronico, emicrania, mal di denti, mal d’orecchi, mal di testa e ipertensione e, esternamente, per reumatismi, dolori nervosi e torcicollo.

Nella Medicina Unani, erba e semi sono usati per epilessia, paralisi, artrite, mastite, alitosi.

Tradizionalmente questa erba è stata utilizzata per la longevità, la guarigione delle ferite, il rilassamento del cuore, il trattamento del mal di denti. Oggi è usata in caso di ansia, depressione lieve, irrequietezza, irritabilità, indigestione, acidità, nausea, gonfiore e dolori colici e herpes labiale. È anche chiamato come un’erba ormonale a causa della sua attività antitiroidea.

Paracelso (1493-1541) lo definì “l’elisir di lunga vita” e John Evelyn (1620-1706) lo descrisse come “sovrano per il cervello che rafforza la memoria e scaccia potentemente la malinconia”. Evelyn riassunse la lunga tradizione di melissa come rimedio tonico che solleva gli spiriti e conforta il cuore.

Oggi, questa erba profumata è ancora ampiamente apprezzata per le sue proprietà calmanti e una nuova ricerca dimostra che può aiutare in modo significativo nel trattamento dell’herpes labiale.

Originaria dell’Europa meridionale, dell’Asia occidentale e dell’Africa settentrionale, la melissa ora cresce in tutto il mondo. La pianta viene propagata da seme o talea in primavera. Le parti aeree vengono raccolte dall’inizio dell’estate in poi e sono meglio raccolte poco prima che i fiori si aprano, quando la concentrazione di olio volatile è al suo massimo.

Medicina popolare e utilizzi folklorici:

Questa erba è sempre stata assunta per sollevare gli spiriti. Presa regolarmente, si credeva che incoraggiasse la longevità, la guarigione delle ferite, l’alleviamento delle palpitazioni, il rilassamento del cuore e il trattamento del mal di denti. La melissa è un tonico rilassante per ansia, depressione lieve, irrequietezza e irritabilità. Riduce nervosismo, panico. È un rimedio prezioso per le palpitazioni di origine nervosa, allevia l’herpes labiale. La melissa è stata utilizzata nella medicina popolare per le sue proprietà sedative, spasmolitiche e antibatteriche. Si afferma anche che è un carminativo, diaforetico e un febbrifugo ed è stato utilizzato per mal di testa, disturbi gastrointestinali, nervosismo e reumatismi.

Le foglie fresche erano incluse in frittate, insalate, zuppe, salse, aceti di erbe e piatti di selvaggina e pesce (specialmente in Spagna), e in liquori come Benedictine, Eau de Mélisse des Carmes e Chartreuse.

Le foglie fresche danno un sapore di limone a insalate, zuppe, salse, aceti di erbe, selvaggina e pesce (specialmente in Spagna), e sono un ingrediente dell’eau de melisse des Cannes (melissa cordial). Le foglie aromatiche essiccate venivano aggiunte a pot-pourris e cuscini alle erbe.

Il balsamo era ben noto ai medici arabi nel X e XI secolo. L’estratto di erbe era assunto internamente, in tè alle erbe, per disturbi nervosi, indigestione associata a tali disturbi, ipertiroidismo, depressione e ansia; esternamente, l’estratto è stato utilizzato per l’herpes, piaghe e punture di insetti.

Nella fitoterapia classica, è indicata per disturbi nervosi, indigestione associata a tensione nervosa, eccitabilità con disturbi digestivi nei bambini, ipertiroidismo, depressione, ansia, palpitazioni e mal di testa da tensione. Esternamente, è indicato per herpes, piaghe, gotta, punture di insetti e come repellente per insetti.

L’interesse attuale è focalizzato sul suo uso come sedativo e topico nell’herpes simplex labialis, a seguito dell’infezione da virus dell’herpes simplex di tipo 1.

Nella Medicina Unani, Baadranjbuuyaa (Melissa) è usata per l’umore, come tonico sedativo e nervino in caso di paralisi, emiplegia, epilessia. La sua pasta viene applicata esternamente sulle articolazioni reumatiche. Il suo estratto liquido è prescritto come espettorante e lenitivo agente in tosse e bronchite.

Il suo decotto è usato come lieve diaforetico nelle febbri, per placare il nervosismo e la malinconia durante la malattia prolungata. Baadranjbuuyaa è un ingrediente di Khameera e-Gaozaban (Qarabadeen-e-Sarkari), un noto tonico Unani per malinconia, palpitazione e debilitazione.

Il decotto del farmaco viene utilizzato per disturbi addominali, gastrici, nevrosi, isteria, palpitazione nervosa, debilitazione nervosa. Esternamente le creme di melissa sono utilizzate su punture di insetti, piaghe e ferite a lenta guarigione.

Un ottimo rimedio contenente Melissa è Alato 10, disponibile in farmacia o qui

DiAlessandra Zarone

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse_Tilia europaea

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse

Tiglio

 

Tilia cordata Miller Europa, Asia occidentale; introdotto in Nord America Tilia europaea Linnaeus lime orticoltura. Un infuso di fiori di tiglio è stato bevuto per l’insonnia nel Somerset e per un mal di testa nel Norfolk. Presumibilmente le due specie autoctone, Tilia cordata e T. platyphyllos Scopoli, sono state troppo scarse negli ultimi secoli per essere state attinte a questo scopo, e gli ibridi tra loro, T. europaea, così generalmente piantati, sono necessariamente rimasti.

Gli alberi di tiglio sono tolleranti alla maggior parte delle condizioni e resistono alla potatura dura, il che li rende adatti alla semina stradale e alla piegatura. Il legno di vario tipo è apprezzato per il suo colore pallido, il peso leggero e l’idoneità per l’intaglio, la tornitura e gli strumenti musicali. Nel folklore si pensava che i tigli curassero l’epilessia se il malato si sedeva sotto l’albero.

I tigli, o fiori di tiglio, sono raccolti da varie specie e ibridi, tra cui T. cordata, T. platyphyllos (lime a foglia larga), T. americana (basswood) e T. europaea (lime comune).

Un’erba aromatica e mucillaginosa che è diuretica ed espettorante, calma i nervi, abbassa la pressione sanguigna, aumenta il tasso di sudorazione, rilassa gli spasmi e migliora la digestione. Usi dell’erba medicinale internamente per ipertensione, indurimento delle arterie, disturbi cardiovascolari e digestivi associati ad ansia, infezioni urinarie, raffreddori febbrili, influenza, catarro respiratorio, emicrania e mal di testa.

American Basswood, Linden. Tilia americana L. Basswood:

Gli indiani d’America usavano il tè ottenuto dalla corteccia per curare disturbi polmonari, bruciore di stomaco;un  impiastro di corteccia curava le bolle. Foglie, fiori e gemme di tè o tintura era tradizionalmente utilizzata per mal di testa nervoso irrequietezza, digestione dolorosa.

Il consumo frequente di tè ai fiori può causare danni cardiaci.

Specie correlate: Tiglio europeo a foglia piccola T. cordata R Mill., e Tiglio europeo a foglia larga T. platyphyllos Scop., entrambi coltivati e talvolta naturalizzati in Nord America, sono utilizzati nella fitoterapia europea.

In Germania, i fiori sono suggeriti per il trattamento di raffreddori e tosse. I preparati delle foglie e della corteccia erano tradizionalmente utilizzati anche per febbri e cellulite

Tiglio argenteo, Tilia argentea Desf. ex DC (Tiliaceae) foglie sono utilizzati nel trattamento del comune raffreddore e bronchite.

Tiglio argenteo, Tilia argentea Desf. ex DC (Tiliaceae) [sinonimo: Tilia tomentosa Moench] è un rimedio popolare in tutto il mondo contro i sintomi di raffreddore, bronchite e tosse.

È un rimedio efficace per raffreddori febbrili e malattie infettive, stomachico, antispasmodico, diuretico e sedativo. Il tè di tiglio è stato usato nella medicina popolare serba per secoli per indurre sudorazione per raffreddori, alleviare l’irritazione della gola e la tosse, ridurre la pressione sanguigna, così come un diuretico, spasmolitico e come sedativo. Il genere Tilia L. (nomi comuni; tiglio e tiglio) della famiglia delle Tiliaceae è costituito da circa 44 specie.

Tilia cordata è usata nella medicina popolare come sedativo nei disturbi d’ansia e del sonno. Ha anche proprietà diuretiche, demulcenti e diaforetiche. È anche utile per il trattamento dell’ipertensione causata da arteriosclerosi e per il trattamento della tosse legata al raffreddore. Le foglie di tiglio sono anche usate nella medicina popolare per le loro proprietà diaforetiche.

Tradizionalmente, i fiori di tiglio erano usati come diuretico, stomachico, antispasmodico e agente sedativo per trattare stress, ansia, insonnia e isteria, raffreddori, congestione nasale, irritazione della gola, mal di testa, emicrania. Inoltre, sono efficaci nel trattamento di palpitazioni, ipertensione, incontinenza, epatite, colite, reumatismi, emorragie e ascessi della parte inferiore della gamba. Il tiglio veniva utilizzato anche esternamente come ammorbidente e antipruriginoso della pelle. In tutto il mondo, Tiliae inflorescentia (l’infiorescenza essiccata di Tilia cordata), popolarmente conosciuta come infiorescenza di tiglio, è stata utilizzata nella medicina tradizionale e nella nutrizione, grazie alle sue proprietà benefiche contro i sintomi del comune raffreddore, bronchite e tosse. Può essere efficace come diaforetico per raffreddori febbrili e malattie infettive in cui è necessaria una cura per la sudorazione.

Nella medicina popolare, il fiore di tiglio è usato come e diuretico, stomachico e antispasmodico. Nella Farmacopea Europea. T. rubra DC. e T. argentea Desf. ex DC. (Syn. T. tomentosa auct.) sono diffusi e utilizzati per scopi simili nella medicina popolare turca.

Romania:

Il tiglio ha un posto importante nell’immaginario rumeno e simboleggia la presenza divina. È un albero sacro che accompagna vari rituali. È “simbolo di vita e di morte”, è “l’albero cosmogonico”, “l’immagine della vegetazione cosmogonica”, che incarna orizzonti esistenziali. Ci sono 40 generi e oltre 350 specie della famiglia delle Tiliaceae che si possono trovare, specialmente nelle regioni tropicali e subtropicali.

In Romania, i tigli sono rappresentati da un unico genere (Tilia) con tre specie: T. cordata Mill. (il più comune), T. tomentosa Moench. (il più resistente alla siccità), e T. platyphyllos Scop.

I fiori secchi sono usati per un tè medicinale e bagni calmanti. Dalla corteccia dell’albero venivano estratte le fibre utilizzate per sostenere le viti e gli alberi da frutto. Anche le corde e le stuoie erano fatte di corteccia di tiglio. La corteccia era usata per trattare l’infiammazione delle gambe delle pecore. Nelle costruzioni, le travi di tiglio hanno il ruolo di proteggere l’edificio dai fulmini. Il legno del tiglio è usato oggi per realizzare mobili, fiammiferi, matite, tavoli da disegno. Dai fiori si ottiene una vernice gialla e il carbone ricavato da questo legno è stato utilizzato per realizzare il colore nero con cui erano dipinti i mobili del contadino. Tilia argentea (sinonimo: T. tomentosa; nomi comuni: tiglio o lime) è una nota pianta occidentale, coltivata in Bulgaria e Albania. I fiori secchi di questa pianta, che sono comunemente chiamati ”fiori di tiglio d’argento”, erano ampiamente utilizzati nella medicina popolare per la preparazione di tisane diuretiche, stomachiche, antinevralgiche e sedative nei paesi europei.

Nella medicina popolare, il fiore di tiglio era usato come diuretico, stomachico, antispasmodico e agente sedativo.

Lituania:

Negli anni Venti e Trenta del XIX secolo, Vilnius (l’attuale capitale della Lituania) era un centro tradizionale di raccolta e commercio all’ingrosso di piante medicinali.

Un tè a base di fiori e foglie di tiglio trattava i disturbi delle vie respiratorie, dei reni e delle vie urinarie, l’insonnia e il nervosismo, raffreddore e febbre.

Il modo più popolare per preparare le erbe era l’estrazione con l’alcol. Le materie prime a base di erbe preparate in questo modo possono essere conservate a lungo e utilizzate secondo necessità. Altri metodi popolari erano tè e decotti perché sono le forme più veloci e convenienti di preparati a base di erbe e non richiedono molto tempo e fasi aggiuntive.

Turchia:

Il genere Tilia L. fa parte della famiglia Tiliaceae ed è rappresentato da quattro specie in Turchia: Tilia cordata Miller, T. rubra D.C., T. platyphyllos Scop. e T. argentea Desf., Tilia rubra DC. caucasica (Rupr.) V. Engler si diffuse nella parte orientale della regione del Mar Nero. I fiori delle specie Tilia sono utilizzati per il trattamento di diverse malattie, tra cui infezioni microbiche, per aumentare l’urina e diminuire la tensione. I fiori secchi, brattee, corteccia, foglie fresche erano utilizzati come

antispasmodico, sedativo, diaforetico, diuretico, espettorante, coleretico. Fiori e foglie di T. rubra subsp. caucasica, erano essere utilizzati al posto degli antibiotici.

Sono anche di grande beneficio nei brividi febbrili, nel catarro respiratorio, nell’indigestione, negli stati d’ansia e nell’emicrania e, in combinazione con altri rimedi, nelle infezioni urinarie. Piccole dosi aiutano la digestione. Un’infusione per uso esterno cura le eruzioni cutanee, in e gargarismi o come bagno lenitivo. Il decotto di corteccia è di benefico nella malattia del fegato.

American Basswood, Linden, Tilia americana L.:

Gli Indiani d’America usavano il tè della corteccia per disturbi polmonari, bruciore di stomaco, un impiastro di corteccia per curare le bolle. Foglie, fiori e boccioli, o tintura erano tradizionalmente utilizzati per mal di testa nervoso irrequietezza, digestione dolorosa.

Il tiglio europeo a foglia piccola T. cordata R Mill. e il tiglio europeo a foglia larga T. platyphyllos Scop., entrambi coltivati e talvolta naturalizzati in Nord America, sono usati nella fitoterapia europea.

Tilia sp. Linn. Famiglia Tiliaceae. Habitat: Regioni temperate dell’emisfero settentrionale. Spp. introdotto in India: Tilia cordata Mill. e T. europaea Linn., sinonimo T. vulgaris Hayne. Inglese: Tiglio a foglia piccola o Tiglio e Lime comune o Tiglio europeo (rispettivamente). I Fiori sono un tonico nervino, spasmolitico, sedativo, ipotensivo. Un’infusione è usata per il trattamento di isteria e indigestione. Nelle erbe occidentali, i fiori sono un ingrediente in compresse e miscele per la pressione sanguigna e tè medicinali per la pressione sanguigna. Tiliacora acuminata (Lam.), Sinonimo T. racemosa Colebr. Famiglia Menispermaceae. Habitat: in tutta l’India tropicale. Ha effetto spasmolitico, ipotermico. Utilizzata esternamente per le malattie della pelle.

Un ottimo rimedio contenente Tiglio è Alato 10, acquistabile in farmacia o qui 

DiAlessandra Zarone

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse_Camomilla

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse

Camomilla

Il nome latino di camomille è preso dalle parole greche “Khamai “e “Malon” con il significato di piccoli fiori con il profumo delle mele. Camomilla tedesca (Matricaria chemmomilla).

È originaria delle regioni temperate del Mediterraneo e dell’Asia Minore e appartiene anche alla famiglia delle Astraceae. Oggi questa pianta può essere trovata in Europa, Nord America e Australia.

In Europa, specialmente in Germania, il tè alla camomilla è comunemente preso come toccasana

per mal di testa, mal di stomaco, raffreddore, ecc.

I fiori di camomilla fanno parte della medicina popolare ispanica. A volte chiamata “camomilla romana” o “camomilla inglese” per distinguerla dalla “camomilla tedesca” (Matricaria recutita Linnaeus, presente in molte parti d’Europa, ma non nella medicina popolare britannica). Chamaemelum nobile ha una distribuzione fortemente sud-occidentale sia in Gran Bretagna che in Irlanda.

Si trova diffusa in Ulster, ma è assente in Scozia. Nel XVIII secolo, William Borlase, antiquario, geologo e naturalista, la indico’ presente in Cornovaglia e “trapiantata nei giardini, per un tè emetico rinforzante”

Camomilla è usata per: rilassamento, dolori di stomaco (Devon, Wiltshire, Essex, Gloucestershire, Nottinghamshire, Highlands); dolori alla testa, ai denti o alle orecchie (Wiltshire, Essex, Warwickshire, Norfolk) o dolori mestruali (Dorset) che accompagnano la pleurite (Hertfordshire); e indurre il sonno o prevenire gli incubi (Norfolk).

Secondariamente, è utilizzata per raffreddori, tosse di ogni tipo e mal di gola. SI somministra un infuso caldo dei fiori o si fanno inalazioni di vapore (Norfolk, Glamorgan, Montgomeryshire), nel Norfolk, era affumicata per la cura dell’asma, la rugiada di fiori in Galles curava la tubercolosi.

I fiori sono stati impiegati anche sotto forma di infuso per impiastro, in caso di gonfiori e infiammazioni (Suffolk, Orcadi) o come lavaggio agli occhi doloranti o stanchi (Norfolk); mescolati con la panna sono serviti come unguento anche per le bolle (Brecknockshire).

Nel Kent un infuso veniva bevuto come tonico mattutino, mentre una recente scoperta fatta nel Suffolk è che l’olio dei capolini mitigava la psoriasi. E ‘utilizzata come antidolorifico a Dublino, Limerick e Cork.  A Wicklow viene usata come soporifero.

in Irlanda è usata per gonfiori e infiammazioni (Londonderry, Sligo, Laois, Co. Dublin, Wicklow) o bolle (Cavan, Cork);

La camomilla è stata utilizzata nei rimedi erboristici per migliaia di anni, conosciuta nell’antico Egitto, in Grecia e a Roma. Questa erba è stata creduta dagli Anglosassoni come una delle 9 erbe sacre date agli esseri umani dal Signore.

Come farmaco, trova uso in caso di flatulenza, coliche, isteria e febbre intermittente, come antinfiammatorio e antisettico, e antispasmodico e leggermente sudorifero.

Viene utilizzata come tisana per disturbi dello stomaco associati a dolore, digestione lenta, diarrea e nausea; l’infiammazione delle vie urinarie, mestruazioni dolorose, dismenorrea.

Esternamente, il farmaco in polvere può essere applicato a ferite lente a guarire, per eruzioni cutanee e infezioni, come herpes zoster e bolle, emorroidi, infiammazione della bocca, della gola e degli occhi.

Conosciuta con una serie di nomi, come Baboonig, Babuna, Babuna camornile, Babunj, camomilla tedesca, camomilla ungherese, camomilla romana, camomilla inglese, camomilla, camomilla flos, mayweed.  Nella medicina popolare tradizionale, è usata sotto forma di tè, per le malattie dolorose intestinali gastriche, le malattie infiammatorie, ferite, ulcere, eczema, gotta, irritazioni cutanee, lividi, ustioni, afte, nevralgie, sciatica, dolore reumatico, emorroidi, mastite.

Per uso esterno, viene applicata sotto forma di impacco contro ferite mal guarite, in bagni per emorroidi e malattie genitali, risciacqui della bocca, cavo orale e faringe, come vapore inalato per il trattamento dell’acne, il flusso nasale e come bagno per i bambini al fine di ammorbidire la pelle. L’attuale medicina naturale lo usa anche come farmaco antinfiammatorio e come disinfettante e per trattare tutti i disturbi in cui lo spasmo è molto forte. E’  stata usata per secoli come medicina antinfiammatoria, antiossidante, lieve astringente e curativa. Esternamente, è usata per trattare dermatite da pannolino, capezzoli screpolati, varicella, infezioni dell’orecchio e degli occhi, disturbi degli occhi, tra cui dotti lacrimali ostruiti, congiuntivite, infiammazione nasale. È ampiamente usata per trattare le infiammazioni della pelle e delle mucose e per varie infezioni batteriche della pelle. Sotto forma di estratto acquoso usata come lieve sedativo per calmare i nervi e ridurre l’ansia, trattare l’isteria, gli incubi, l’insonnia, coliche, febbre. È anche efficace per artrite, mal di schiena, piaghe da decubito e crampi allo stomaco.

È conosciuta fin dall’ epoca romana per le sue proprietà mediche ed è stata utilizzata nella medicina popolare per trattare disturbi digestivi e reumatici.

Per gli Egiziani era una pianta sacra al sole, in grado di curare le febbri intermittenti.

Erba sacra ai Sassoni, che la usavano ampiamente come medicina sedativa e calmante per lo stomaco. Nel Medioevo, era sparsa intorno alle sale insalubri di castelli e grandi case per tenere a bada i cattivi odori e le infezioni.

La camomilla romana promuove la digestione, aumenta l’appetito ed è antiemetica, antispasmodica e leggermente sedativa. La camomilla tedesca è la più spesso studiata dei due tipi ed è ampiamente utilizzata in Europa. Il suo olio essenziale ha proprietà battericide e fungicide.

Un ottimo rimedio contenente Camomilla è Alato 10, disponibile in farmacia o qui 

 

DiAlessandra Zarone

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse _Borragine

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse

Borago offcinalis

Starflower “Borago officinalis L.” appartiene alla famiglia delle Boraginaceae , è disponibile anche in tutta la regione mediterranea, Asia Minore, Europa, Nord Africa e Sud America, Asia settentrionale.

Medicina Unani: Gaozabaan (persiano). Inglese: Beebread, Borage

La borragine fa parte della fitoterapia europea da secoli. Anticamente si diceva che le foglie e i fiori intrisi di vino dissipassero la “malinconia”. I suoi estratti danno sollievo a reumatismi, raffreddori e bronchiti, può indurre sudorazione e diuresi, aumentare la produzione di latte materno nelle donne; agire come rimedio nel cancro al seno e nel cancro del viso; migliorare la pelle secca. Alcune specie conosciute come Gavzabân in Asia e in alcuni paesi africani sono tradizionalmente utilizzate al posto di Borago. Le foglie di borragine fanno parte della fitoterapia europea da secoli. Durante il Medioevo, le foglie e i fiori erano immersi nel vino per dissipare la malinconia. I fiori erano usati per trattare bronchite e raffreddore, ha proprietà antinfiammatorie, diaforetiche, espettoranti e toniche. È usata per l’artrite reumatoide e i risultati dello studio mostrano un moderato miglioramento dei sintomi. L’olio di borragine cura la dermatite atopica, l’eczema e la dermatite seborroica infantile. Fu chiamata Euphrosinum da Plinio, a causa del suo effetto euforico.

Borago può derivare dal latino burra, un indumento peloso, che allude al fogliame ispido.

Bourra francese, che significa capelli o lana. Un’altra possibile soluzione è che prende il nome dalla parola latina buna, che significa “capelli alti”, a causa delle sue foglie ispide. Ancora un’altra teoria è che il nome derivi dal latino borrago che, a sua volta, deriva dalle parole cor ago, che significa “stimolo il cuore”. Qualunque sia la risposta corretta, è chiaro che la borragine è stata un ingrediente importante nella fitoterapia fin dai tempi. Il nome borago stesso appare per la prima volta nell'”Erbario” di Apuleio, che potrebbe risalire al IV secolo.

Bugloss, deriva dal greco Ζουζούνι, bous, un bue, e yXoiarcra, glossa, una lingua, attraverso la forma latina Buglossa, la traduzione Bovis lingua e il suo equivalente francese antico Lang de beef – ha avuto una lunga storia.  Plinio, usando il nome Bugloss, dice di esso: —

“La principale particolarità di questa pianta è che, se messa in vino, favorisce l’allegria e l’ilarità, da cui ha ottenuto il nome aggiuntivo di Euphrosynum (promuovere l’allegria).”

“Buglossum chiamato dai farmacisti borago, è chiamato in inglese borragine, in tedesco borretsch, in francese borache, borage è umido e caldo.”

E ‘ parte di un mazzo floreale medievale di erbe, insieme ad artemisia (Artemisia abrotanum), rue (Ruta graveolens), erba di San Giovanni (Hypericum perforatum), lavanda (Lavandula stoechas), lamium (Lamium maculatum), partenio (Tanacetum parthenium), finocchio (Foeniculum vulgare) l sono le note dominanti. Per l’uomo medievale, era molto importante fortificare e purificare la persona, si utilizzavano erbe aromatiche di montagna, in quanto considerate più potenti, i fiori delle erbe e i loro semi erano salvati in sacchettini o in scatole di legno in una cassapanca.

La documentazione più interessante è quella dell’affascinante e pittoresca “Anatomia della malinconia” di Robert Burton (1652).

 

Nel testo, usa i nomi Bugloss e Borage in modo intercambiabile:

“Bugloss è caldo e umido, e quindi degnamente annoverato tra quelle erbe che espellono la malinconia e esaltano il cuore …  Può essere usato in modo diverso; come nel brodo, nel vino, nelle conserve, negli sciroppi”

È un eccellente cordiale, un’erba davvero di tale sovranità, come attestano, come Diodoro, Plinio, Plutarco, Dioscoride e Celio.

È diffusa in tutto il mondo ed è apprezzata dalla medicina popolare come diuretico, demulcente, emolliente, espettorante, nervoso e tonico cardiaco, rimedio casalingo per la purificazione del sangue, per il trattamento di gonfiore e infiammazione, tosse e altri disturbi respiratori, malattie gastrointestinali e come preparazione culinaria.

Nella cultura popolare era consumata in insalata. In epoca medievale si credeva potesse confortare il cuore portando coraggio e gioia. Grazie alle proprietà antinfiammatorie e balsamiche, la borragine è un buon rimedio per alleviare e guarire raffreddori, tosse, gonfiore degli arti e problemi respiratori. Era usata dai medici arabi nella Spagna medievale, che la conoscevano come Abou-rach, che significa “padre del sudore”, e la usavano per indurre sudorazione.

Sardegna:

È utilizzata per insalate, fritture, ripieni per i ravioli. Dei fiori, per il loro sapore dolce, ne sono molto ghiotte le api. I bambini succhiavano i fiori freschi appena raccolti “suspi ….. suspi…..”. A Sadali la foglia viene prima sbollentata in acqua calda, quindi fritta con pastella di uova e farina. La pianta entra nella preparazione della favata logudorese. A Laconi nella preparazione dei ravioli, al posto degli spinaci ed entra nella composizione della minestra delle 18 erbe selvatiche della Barbagia. Viene utilizzato anche il fiore in insalate o sciroppato o anche candito. A Orani e Sarule si consumano direttamente gli steli, mondati della parte corticale, ricchi di mucillagine e di sapore dolciastro.

Un ottimo rimedio contenente Borragine è Alato 10, acquistabile in farmacia o qui 

DiAlessandra Zarone

Rimedi per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse _ Enotera

Rimedi per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse

Enotera

 

La stella della sera (Oenothera biennis L.) viene comunemente chiamata “il re che cura tutto” e ha rappresentato un elemento importante nella medicina popolare.

Messico:

Oenothera rosea L’ Hér. ex Ait. (Onagraceae) è comunemente noto come “Hierba del golpe“. È usata nella medicina popolare messicana per trattare malattie infiammatorie, renali e batteriche.

L’uso di piante con effetti terapeutici è una pratica comune tra la popolazione messicana. Ci sono un gran numero di specie con effetti antinfiammatori, tra cui Oenothera rosea L’Hér. ex Ait (sin. Hartmannia rosea G. Don, Oenothera purpurea Lam., Oenothera rubra Cav., Oenthera virgata Ruíz y Pavón, Hartmania virgata Spach). È comunemente conosciuta come” hierba del golpe “e l’intera pianta possiede proprietà medicinali utili nel trattamento delle malattie della pelle, malattie renali e infiammatorie, dolore epatico, problemi al fegato e alla pelle, nonché effetto antidiarroico. Nella medicina popolare l’intera pianta è spesso usata come infuso per l’infiammazione interna o come cataplasma nei gonfiori cutanei.

Cina:

Il genere Oenothera (Onagraceae) è stato usato come rimedio popolare fin dall’antichità per il trattamento di asma, disturbi gastrointestinali, nevralgie, malattie della pelle e malattie epatiche e renali.

È comunemente usata nella medicina popolare per trattare malattie della pelle, nevralgie e disturbi gastrointestinali.

Nativi americani:

I Nativi Americani apprezzavano il gambo di enotera e i succhi di foglie come rimedi topici per alleviare l’infiammazione cutanea. Un estratto a base di radici di O. paradoxa è stato utilizzato o per trattare l’obesità e il dolore addominale nevralgie, pelle, fegato, reni e malattie gastrointestinali.

L’enotera è nata in Nord America e si è naturalizzata nel nord-est della Cina circa cento anni fa, dove è stata usata come cibo per la carestia e mangimi per animali. Dalle sue origini in Nord America, O. biennis è stata spostata dall’uomo e si è stabilito in tutti gli altri continenti, esclusa l’Antartide. La sua prima introduzione documentata in Europa risale al 1870 in Inghilterra. O. biennis è stata utilizzata come ornamentale, fonte di cibo ed erba medicinale.

L’olio di semi di O. biennis viene utilizzato per ridurre i dolori premestruali ed è benefico per la pelle del viso. Inoltre, gli impacchi un tempo usati per alleviare i lividi e accelerare la guarigione delle ferite e screpolature. Carl Linnaeus, nel suo “Systema Naturae”, fornì il nome del genere moderno Oenothera, che deriva dalle parole greche oinos (“vino”) e thera, che significa “profumare” e “assorbire”. Molte popolazioni indigene del Nord America usavano l’Oenothera spp. generalmente (e l’enotera comune, in particolare) ad uso alimentare e medicinale i Cherokee cucinavano e mangiavano foglie comuni di enotera come verdura e bollivano le radici come fossero patate. La tribù Ojibwa utilizzava l’intera pianta per i lividi.

I popoli Irochesi, Cherokee, Ojibwa e Potawatomi usavano O. biennis come aiuto dermatologico, rimedio per le emorroidi, trattamento per i dolori premestruali e mestruali e stimolante.

Culpeper affermo’ che tale rimedio curava le ferite.

Un ottimo rimedio contenente Enotera è Alato 10, disponibile in farmacia o qui

 

DiAlessandra Zarone

Anemia e rimedi naturali_Fumaria officinalis

Anemia e rimedi naturali

Fumaria officinalis è la specie più comune del genere Fumaria nell’Europa occidentale e centrale. Fumitory è stata ufficialmente riconosciuta nel 1986 dalle autorità sanitarie francesi come una medicina a base di erbe che è stata tradizionalmente utilizzata nelle funzioni di eliminazione renale e digestiva. La pianta era già chiamata fūmus terrae (fumo della terra) all’inizio del XIII secolo, e duemila anni fa, Dioscoride scrisse in De Materia Medica ὕλης ἰατ ικῆς) e Plinio il Vecchio in Historia Naturalis che strofinare gli occhi con la linfa o il lattice della pianta provocava lacrime, come il fumo acre (fūmus) fa agli occhi. Il suo nome greco è kapnos (καπνός, fumo) e il nome fumewort ora si applica principalmente al genere Corydalis, in particolare Corydalis solida (precedentemente Fumaria bulbosa), che si pensava appartenesse allo stesso genere di fumitorio. Tradizionalmente si pensava che fosse benefica per gli occhi e per rimuovere le imperfezioni della pelle. Nei tempi moderni gli erboristi la usano per trattare le malattie della pelle e la congiuntivite, così come per pulire i reni.

Il fumarato ferroso è il sale di ferro dell’acido fumarico.

Si presenta come una polvere fine, rosso-bruna, inodore, poco solubile in acqua, molto poco solubile in alcool. L’acido fumarico è spesso utilizzato per il trattamento della psoriasi e della sclerosi multipla. È stato ricavato dalla Fumaria officinalis nel 1950 in Germania, come medicinale per trattare la psoriasi e la sclerosi multipla, ma si trova anche nei funghi boleti (in particolare nel Boletus fomentarius var. pseudo-igniarius), nei licheni e nel muschio islandese.

 

Fumaria indica (Hausskn.) Pugsley (Fumariaceae), nota come “Fumitory”, è un’erba annuale che si trova come erba comune in tutte le pianure dell’India e del Pakistan. L’intera pianta è utilizzata nella medicina popolare per le sue attività antielmintiche, diuretiche, diaforetiche, lassative, colagoghe, stomachiche, sedative.

In India è utilizzata come analgesico e antipiretico e per trattare le ustioni e rimuovere il dolore lombare. La radice è stata usata come impiastro o polvere essiccata per trattare piaghe, ulcere, ferite e vari altri disturbi della pelle. I guaritori tradizionali usano questo rimedio per trattare le infezioni intestinali. È un’erba menzionata e raccomandata nei testi ayurvedici classici per malattie dermatologiche, malattie topiche, disturbi cardiovascolari, malattie circolatorie, febbre e mal di testa ecc.

Pakistan:

Shatera/papra Fumaria indica purifica sangue, pelle, cura stitichezza, ittero, acne.

Iran:

E ‘usata tradizionalmente per disturbi epatobiliari, dermatologici e gastrointestinali, come antielmintico, purificatore del sangue, colagogo, diaforetico, diuretico, lassativo, stomachico, sedativo, tonico ed è stato anche considerato utile per il trattamento di crampi addominali, diarrea, febbre, ittero, lebbra e sifilide, disturbi del sangue e tubercolosi. Le foglie tritate curano il mal di testa e febbre. Il decotto è indicato o lebbra, stitichezza, ittero, febbre cronica e dispepsia. Il succo fresco della pianta viene somministrato per via orale per febbre, vermi addominali, purificazione del sangue, disturbi epatici, diabete e infezione della vescica.

L’uso popolare della specie Fumaria riguarda le malattie della pelle, la guarigione delle ferite, problemi epatici e biliari, anti-scorbuto anti-bronchite, diuretico, espettorante, antipiretico, diaforetico. Il genere Fumaria L. in Iran comprende otto specie utili nel trattamento delle malattie gastrointestinali e dei disturbi della pelle: F. officinalis, F. parviflora, F. asepala, F. densiflora, F. schleicheri, F. vaillantii e F. indica.

Nella medicina popolare della Turchia è usato contro la disfunzione epato-biliare. A Charaka e Sushruta, è raccomandato per il trattamento di febbri, disturbi del sangue, malattie croniche della pelle, malattie urinarie e tosse.

Fumaria parviflora Lam. (Fumariaceae) è localmente conosciuta come ‘Pitpapra’ in hindi, ‘Kshetra’ in sanscrito e ‘Homaira’ in arabo.

L’estratto della pianta è usato come prezioso tonico amaro, astringente, lassativo, diuretico, nella dispepsia e nelle infezioni della pelle.

Un ottimo rimedio contenente fumarato ferroso, estratto da Fumaria officinalis, è Alato 9, disponibile in farmacia o qui 

 

 

DiAlessandra Zarone

Anemia e rimedi naturali _Rumex crispus

Anemia e rimedi naturali

In questo articolo vi parlerò di un ottimo prodotto per Anemia. In esso è contenuto:

Rumex crispus L. è una pianta da fiore perenne della famiglia delle Polygonaceae, originaria dell’Europa e dell’Asia occidentale. È una specie naturalizzata diffusa in tutto il mondo temperato che è diventata una specie invasiva seria come erba in molte aree. Al contrario, la pianta è stata ampiamente utilizzata come medicina popolare per il trattamento di indigestione e dermatosi nei paesi asiatici. È comunemente conosciuto con il nome di Romice, ma è detto anche “Erba brusca”.

Rumex significa “lancia”, nome dovuto alla forma delle foglie che sembrano delle lance; mentre acetosa per il suo sapore che ricorda l’aceto.

Regno Unito

Le foglie crude o cotte sono aggiunte a insalate e zuppe. Dovrebbero essere usate solo le foglie molto giovani, preferibilmente prima che gli steli si siano sviluppati per evitare che siano amari. Se utilizzati all’inizio della primavera e in autunno possono o essere abbastanza piacevoli da gustare. Le foglie sono molto ricche di vitamine e minerali, in particolare il ferro e le vitamine A e C. I semi possono essere macinati in polvere e usati come farina per fare frittelle ecc. Il seme tostato è stato utilizzato come sostituto del caffè, è un lassativo delicato e sicuro, meno potente del rabarbaro nella sua azione, quindi, è particolarmente utile nel trattamento della stitichezza lieve. La pianta ha preziose proprietà detergenti ed è utile per il trattamento di una vasta gamma di problemi della pelle. La radice è astringente, colagoga, depurativa, lassativa e leggermente tonica. Può causare o alleviare la diarrea in base alla dose, al tempo di raccolta e alle relative concentrazioni di tannino (astringente) e antrachinone (lassativo) presenti.

Si consiglia una certa cautela nel suo uso poiché dosi eccessive possono causare disturbi gastrici, nausea e dermatiti. Il seme viene utilizzato nel trattamento della diarrea, tostato è stato utilizzato come sostituto del caffè.

Nella medicina popolare, veniva usato come blando lassativo e purificante della pelle. Curava la dissenteria, problemi epatici, itterizia, verruche, scorbuto, anemia, emorroidi. Ad uso interno per sanguinamento dei polmoni, vari disturbi del sangue e malattie croniche della pelle. Per uso esterno, la radice era schiacciata e utilizzata come impiastro e pomata, o essiccata e utilizzata in polvere su piaghe, ulcere, ferite. La radice viene raccolta all’inizio della primavera ed essiccata per un uso successivo. Un decotto di Rumex conglomeratus o R. crispus, era utilizzato nel Norfolk come presunta cura per il cancro.

Nicholas Culpeper (1616-1654) scrisse di Acetosa:

“L’acetosa è prevalente in tutte le malattie calde, per raffreddare qualsiasi infiammazione e calore del sangue e svenimenti derivanti dal calore, per rinfrescare gli spiriti, per placare la sete e procurare appetito allo stomaco. Resiste alla putrefazione del sangue, uccide i vermi ed un tonico per il cuore, il seme è più efficace, essendo più essiccante e legante, e quindi riduce i flussi caldi delle donne, o degli umori nel flusso mestruale, o gli umori del flusso sanguigno, o il flusso dello stomaco. La radice anche in decotto, o in polvere, è efficace per tutti gli scopi suddetti… Il decotto della radice viene preso per aiutare l’itterizia e per espellere la sabbia o i calcoli renali.”

 Irlanda

Rumex crispus Linnaeus introdotto In Irlanda, come “yellow dock”, uno dei suoi nomi alternativi più comuni, Rumex crispus è registrato nell’uso popolare da Sligo, Cavan e Wexford. Un decotto di radici veniva bevuto per stitichezza, vermi intestinali, problemi a fegato e cuore, malattie della pelle e reumatismi, ferite e infezioni alla bocca e piaghe cancerose.

La pratica più diffusa in tutte le isole britanniche consisteva nello strofinare una foglia sulla pelle per alleviare punture di insetto, bruciature, scottature, eruzioni cutanee. Inoltre, le foglie venivano immerse nel brandy o whisky e applicate sulle ferite sanguinanti. Le foglie venivano utilizzate per assorbire l’umidità dei piedi dei piedi, il mal di testa, il dolore dei reumatismi. Le foglie le radici erano un medicamento per piaghe di vario tipo, lividi sulle braccia, gambe e piedi screpolati. I semi venivano bolliti per pulire le ferite dal pus. E per curare tosse, raffreddore e bronchite. Le foglie venivano strofinate sulle parti oppure veniva bevuto il decotto di radici.

Le parti aeree sono utilizzate ancora oggi per l’infiammazione acuta e cronica delle vie nasali e delle vie respiratorie. Utilizzato anche come misura aggiuntiva nella terapia antibatterica e per il suo effetto disintossicante.

Turchia:

La medicina tradizionale era ancora estesa tra la gente di Erzurum. Tuttavia, vi è una graduale perdita di informazioni tradizionali sull’uso delle piante medicinali nelle generazioni più giovani. può essere usato come medicina a base di erbe per alcune malattie. La Tunisia ha una grande varietà di specie con molteplici interessi, comprese le pratiche terapeutiche popolari. Alcune piante per ogni specie non sono state sottoposte a studi chimici. Circa 200 specie di piante del genere Rumex sono caratterizzate dalle loro virtù commestibili e medicinali. Queste specie contengono molti composti bioattivi con strutture chimiche complesse. Le parti aeree e radici, sono state utilizzate nella   medicina popolare a scopo antinfiammatorio, antiossidante, analgesico, antimicrobico e per il trattamento di cancro, fegato, vescica e reni.

Steli, foglie e radici di R. abyssinicus L., R. bequaertii L. e R. usambarensis L. sono usati per trattare tosse, polmonite, ascessi, vaiolo e mal di stomaco.

Noto come “Labada” in Turchia, è stato segnalato per essere utilizzato per il trattamento di malattie ginecologiche come complicazioni post partum e infertilità nella medicina popolare. Studi precedenti hanno dimostrato che gli estratti di foglie, frutta e radici hanno attività antinfiammatorie e antiossidanti e sono utilizzati per il trattamento dei tumori nell’utero. Le radici, le foglie e i semi sono stati segnalati per possedere ampie attività curative, tra cui antiossidanti, antimicrobici.

In Etiopia cura il mal di testa, guarisce le ferite e gli ascessi, eczema, gonfiore, tonsillite, lebbra ed emorroidi.

La radice è usata tradizionalmente nella medicina asiatica per il trattamento dell’emorragia e della dermatite, la scabbia, l’ematochezia e la neurodermite nella medicina asiatica.

In Ungheria e in Romania, Rc viene utilizzato per il trattamento di diarrea, eruzioni cutanee, piaghe e ferite.

Rumex crispus è una pianta perenne che cresce in ambienti umidi in tutta la Corea. Le sue radici sono utilizzate nella medicina tradizionale coreana per trattare diverse malattie, tra cui malattie della milza e della pelle e diverse patologie infiammatorie.

È stato utilizzato dalle tribù indiane americane per il trattamento di diarrea, dissenteria e problemi della pelle, comprese le infezioni fungine.

L’infuso o decotto è stato comunemente usato nelle medicine popolari dai nativi dell’Africa per il trattamento di elminti, ferite, emorragie interne e malattie vascolari.

In Italia, nella medicina popolare, foglie calde di R. crispus e R. sanguineus vengono applicate per trattare gli ascessi. Un impacco fatto di foglie e semi è applicato a ferite e piaghe come agente cicatrizzante. Le foglie schiacciate nell’argilla sono state utilizzate contro ascessi, ustioni e punture di insetti.

Un ottimo rimedio contenente Rumex crispus è Alato 9, disponibile in farmacia o qui 

 

DiAlessandra Zarone

Spirulina

Spirulina

La spirulina è un’alga unicellulare blu-verde, a forma di spirale – da qui il suo nome. Prospera in laghi alcalini caldi come il lago Ciad in Africa e il lago Texcoco in Messico. Le alghe vengono raccolte dal lago ed essiccate. La spirulina era così apprezzata come alimento di sostegno dagli antichi Aztechi che era usata da loro come valuta – e la scienza moderna ha recentemente scoperto perché. La spirulina viene ancora raccolta da fonti di acqua dolce, ma è anche coltivata commercialmente in California, Tailandia, India e Cina. È stata descritta in letteratura sin dal XVI secolo. Gli esploratori spagnoli osservarono gli Aztechi raccogliere un fango blu che probabilmente era costituito da spirulina. Il fango, che veniva essiccato per formare trucioli o pagnotte aromatizzate, fu ottenuto dal lago Texcoco vicino a Città del Messico. La spirulina è stata raccolta in modo simile nel deserto del Sahara da piccoli laghi vicino al lago Ciad, dove era chiamata dihe. Pertanto, 2 culture distanti circa 10.000 km l’una dall’altra, hanno scoperto e utilizzato in modo indipendente le proprietà nutrizionali della spirulina.

La spirulina contiene oltre il 65% di proteine complete, una rarità tra gli alimenti vegetali, e questa proteina, che è predigerita dalle alghe, è così ben bilanciata che è più facile da digerire rispetto alla carne. La spirulina assorbe e trattiene molti minerali dal lago, tra cui potassio, calcio, zinco, magnesio, manganese, selenio, ferro e fosforo.

La Spirulina è un organismo che cresce sia nell’acqua dolce che in quella salata. È un tipo di cianobatteri, ossia una famiglia di microbi unicellulari che vengono spesso indicati come alghe blu-verdi. Proprio come le piante, i cianobatteri possono produrre energia dalla luce solare tramite un processo chiamato fotosintesi. La spirulina era consumata dagli antichi aztechi ma divenne di nuovo popolare quando la NASA propose che potesse essere coltivata nello spazio per essere utilizzata dagli astronauti. Una dose giornaliera standard di spirulina è di 1–3 grammi, ma sono state utilizzate efficacemente dosi fino a 10 grammi al giorno. La spirulina fornisce grassi essenziali (ad esempio, acidi oleici gamma-linolenici), in concomitanza con acidi nucleici a basso contenuto. Ha anche un contenuto eccezionalmente alto di vitamina B12, è una buona fonte di beta-carotene, ferro, calcio e fosforo. Inoltre, la Spirulina ha anche dimostrato di proprietà organolettiche che la rendono un integratore alimentare, privo di tossicità.

Aterosclerosi e ipertorfia cardiaca

Lo stress ossidativo e l’immunità disfunzionale causano molte malattie nell’uomo, tra cui aterosclerosi, ipertrofia cardiaca, insufficienza cardiaca e ipertensione. Pertanto, le attività antiossidanti, immunomodulatrici e antinfiammatorie di queste microalghe possono svolgere un ruolo importante nella salute. La spirulina attiva gli enzimi antiossidanti cellulari, inibisce la perossidazione lipidica e il danno al DNA, elimina i radicali liberi e aumenta l’attività del superossido dismutasi e della catalasi. In particolare, sembra esserci un livello di soglia al di sopra del quale la Spirulina diminuirà gradualmente l’attività antiossidante. Studi clinici dimostrano che la Spirulina previene il danno muscolare scheletrico in condizioni di stress ossidativo indotto dall’esercizio fisico e può stimolare la produzione di anticorpi e aumentare o diminuire l’espressione dei geni codificanti le citochine per indurre risposte immunomodulatorie e antinfiammatorie.

Antinfiammatorio

l danno ossidativo può danneggiare il DNA e le cellule. Questo danno può guidare l’infiammazione cronica, che contribuisce al cancro e ad altre malattie. La spirulina è una fantastica fonte di antiossidanti, che possono proteggere dai danni ossidativi. Il suo principale componente attivo è chiamato ficocianina.

Questa sostanza antiossidante conferisce alla spirulina anche il suo unico colore blu-verde. La ficocianina può combattere i radicali liberi e inibire la produzione di molecole di segnalazione infiammatoria, fornendo straordinari effetti antiossidanti e antinfiammatori.

Proprietà anticancro

Alcune prove suggeriscono che la spirulina ha proprietà anticancro. Uno studio ha esaminato 87 persone provenienti dall’India con lesioni precancerose della bocca – chiamate fibrosi sottomucosa orale. Tra coloro che hanno assunto 1 grammo di spirulina al giorno per un anno, il 45% ha visto scomparire le lesioni, rispetto al solo 7% nel gruppo di controllo. In un altro studio su 40 individui con lesioni alla bocca, 1 grammo di spirulina al giorno ha portato a un miglioramento maggiore dei sintomi d rispetto al farmaco pentossifillina.

Anemia e sistema immunitario

Esistono molte forme diverse di anemia. Il più comune è caratterizzato da una riduzione dell’emoglobina o dei globuli rossi nel sangue. L’anemia è abbastanza comune negli anziani e causa debolezza e affaticamento.

In uno studio su 40 persone anziane affette da anemia, gli integratori di spirulina hanno aumentato il contenuto di emoglobina dei globuli rossi e migliorato la funzione immunitaria.

Rinite allergica e asma

I dati sperimentali hanno suggerito che la C-ficocianina può inibire selettivamente il rilascio di istamina dai mastociti e prevenire l’aumento dell’immunoglobulina E. Un piccolo studio su pazienti con asma ha dimostrato che l’integrazione con spirulina (1 g / giorno) produce un miglioramento dei parametri della funzione polmonare.

 

Ipertensione e obesità 

Spirulina maxima o placebo per 12 settimane in 16 pazienti con ipertensione arteriosa sistemica sottoposti a trattamento:

Si sono verificate riduzioni statisticamente significative (p <0,05) della pressione sanguigna sistolica. Gli effetti trovati nel presente studio concordano con gli effetti antipertensivi e antiossidanti.

Alcuni studi hanno dimostrato gli effetti benefici del consumo di Spirulina maxima (Arthrospira maxima) sui parametri glicemici, lipidici e della pressione sanguigna. Lo scopo di questo studio era di indagare l’effetto della Spirulina maxima sul peso corporeo, sulla pressione sanguigna e sulla funzione endoteliale.

Il consumo di Spirulina maxima è noto per essere associato a una migliore salute cardiovascolare e metabolica. Studi sull’uomo su questo argomento sono stati recentemente descritti in alcuni articoli, tuttavia, le potenziali proprietà cardiovascolari protettive della Spirulina nei pazienti obesi che ricevono un trattamento antipertensivo farmacologico standard devono ancora essere chiarite. Gli effetti cardiovascolari benefici di Spirulina nell’ipertensione correlata all’obesità sono stati studiati in uno studio in doppio cieco controllato con placebo.

Antiossidante

La Spirulina (Arthrospira) maxima ha una spiccata attività antiossidante in vivo e in vitro, nonché attività antinfiammatoria in alcuni modelli sperimentali, quest’ultima attività probabilmente mediata dall’attività antiossidante di questo cianobatterio. Nel presente studio, l’infiammazione cronica è stata indotta attraverso l’iniezione dell’adiuvante completo (CFA) di Freund in ratti trattati quotidianamente con Spirulina (Arthrospira) maxima per 2 settimane a partire dal giorno 14.

Un ottimo prodotto contenente Spirulina  è Alato 8, acquistabile  qui o  in farmacia

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Gramigna

Erbe depurative ed etnobotanica 

Gramigna

Arabo: Najeel, echresh, najim, Tedesco: Queckenwurzelstock; Inglese: Couch grass, coutch, dog grass, quack grass, quick grass, scotch, twitch grass; Francese: chiendent, chiendent rampant, petit chiendent; Tedesco: ackerquecke, quecke; Portoghese: Grama francesa, rizoma; Spagnolo: grama canina; Italiano: gramigna rizoma.

L’Agropyron repens è originario dell’Europa temperata e dell’Asia centrale e ora si trova in Africa. È usato tradizionalmente come diuretico lenitivo e per calmare il dolore e lo spasmo del tratto urinario, come demulcente e tonico. Possiede effetti ipoglicemici, ipolipidici, antinfiammatori e diuretici, cura l’infezione del tratto urinario. È ampiamente usato per enuresi ed incontinenza urinaria dei bambini, per il controllo dei sintomi di malattie urinarie, malattie prostatiche, reumatismi, calcoli urinari e infezioni urinarie (cistite, uretrite, prostatite). Un’erba ben nota e fastidiosa per i giardinieri, Couch Grass ha svolto un ruolo importante come erba medicinale ed è stata messa in risalto da Dioscoride e Plinio. I paesi europei lo bevono ancora come tisana.

Nella medicina popolare, si raccomandava di bere anche pochi bicchieri al giorno, un decotto di questo rimedio a chi soffriva di ascessi e ulcere. Venivano usati clisteri di infuso di Gramigna in caso di blocco intestinale. I decotti sono stati utilizzati nel trattamento della tosse, della tubercolosi e dell’artrite. Anticamente il pane era cotto con la Gramigna e con questa pianta si facevano birra e tè.

Irlanda:

Couch grass è stata molto usata nella medicina popolare come rimedio per la gonorrea e altri problemi genito-urinari. Cento anni fa era ufficialmente impiegata per le malattie veneree, come vermifugo e per i calcoli renali.

Ungheria:

La radice di Gramigna è utilizzata nella medicina popolare per il diabete, come diuretico e in caso di dolori reumatici. Le foglie sono applicate esternamente per la pelle acneica.

Un ottimo prodotto contenente Gramigna è Alato 7, acquistabile in farmacia

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Spirea ulmaria

Erbe depurative ed etnobotanica

Spirea ulmaria

I fiori di Meadowsweet (Filipendula ulmaria (L.) Maxim.) e Dropwort (Filipendula vulgaris Moench) sono tradizionalmente usati per trattare vari disturbi, comprese le condizioni infiammatorie. Filipendula ulmaria (L.) Maxim (meadowsweet) è una pianta medicinale che si dice abbia diverse attività biologiche, tra cui proprietà antitumorali, anticancerogene, antiossidanti, anticoagulanti, anti-ulcerogene, antimicrobiche, antiartritiche e immunomodulatorie.

Tradizionalmente, è stata usata per la dispepsia atonica con bruciore di stomaco e iperacidità, cistite catarrale acuta, dolori articolari, diarrea nei bambini, e in particolare per la profilassi e trattamento dell’ulcera peptica. Nella medicina popolare  è usato come diuretico, per i reumatismi delle articolazioni e dei muscoli, per la gotta per le malattie della vescica e dei reni e per il mal di testa. L’erba Meadowsweet viene utilizzata per i disturbi di stomaco con iperacidità, profilassi e terapia delle ulcere gastriche e per la diarrea nei bambini.

Filipendula ulmaria (L.) Maxim (Meadowsweet) è una pianta medicinale usata nella medicina popolare per trattare diverse malattie infiammatorie, tra cui gotta, artrite reumatoide, trattamento tosse, bronchite, febbre, ulcere e raffreddori. L’uso della corteccia e delle foglie di salice per alleviare la febbre è stato attribuito a Ippocrate, ma è stato documentato più chiaramente da Edmund Stone in una lettera del 1763 al presidente della Royal Society. Proprietà simili sono state attribuite a Meadowsweet (Spiraea ulmaria), da cui deriva il nome Aspirina.

Un ottimo rimedio contenente Spirea ulmaria è Alato 7, disponibile in farmacia o qui

 

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Solidago

Erbe depurative ed etnobotanica

Solidago

Solidago virgaurea L. (verga d’oro europea, Woundwort), Asteraceae, è una pianta medicinale originaria dell’Europa, ampiamente utilizzata e tra le specie più ricercate del suo genere. Le parti aeree della verga d’oro europea sono state a lungo utilizzate per le condizioni del tratto urinario e come agente antinfiammatorio nella medicina tradizionale di diversi popoli.

E’ una specie autoctona in Europa, con una lunga tradizione di uso medicinale per una varietà di scopi terapeutici in diversi motivi geografici: condizioni delle vie urinarie, condizioni gastro-intestinali, diabete, allergie, nonché per scopi curativi e antisettici.

Brasile

Solidago chilensis Meyenmost (Asteraceae), popolarmente noto come “arnica brasiliana”, arnica-silvestre”, “lanceta. È una pianta originaria del Sud America e l’unico rappresentante del genere in Brasile. Questa specie è popolarmente conosciuta come “arnica” ed è usata per trattare lividi, dolori muscolari e infiammazioni, come sostituto dell’Arnica montana L. (arnica verdadeira), originaria delle regioni montuose d’Europa, la cui somità fiorita è usata per trattare lividi, dolori muscolari. Sebbene le specie vegetali appartengano a generi diversi, sono chiamate arnica in funzione della somiglianza dell’uso medico con arnica-do-campo. È ampiamente usata nella medicina popolare per trattare i disturbi gastrici. In Brasile, il suo uso come sostituto della specie di arnica europea A. montana sembra essere dovuto all’ effetto farmacologico simile, in particolare per il trattamento di infezioni e infiammazioni, come nefrite cronica, cistite, urolitiasi. Inoltre, i suoi rizomi freschi sono usati come diuretico, stimolante dell’appetito, antielmintico, le parti aeree come antinfiammatorio.

L’uso popolare di S. chilensis è piuttosto antico ed è iscritto nella prima edizione della Farmacopea brasiliana del 1926. Le foglie di questa specie sono state utilizzate nella medicina tradizionale per gonfiore e ferite, dolori reumatici e lombari, contusioni, ferite e infiammazioni causate da punture di insetti. Le principali attività biologiche e farmacologiche riportate in letteratura sono attribuite alla presenza di flavonoidi e diterpeni.

Questa specie ha proprietà antispasmodiche, antiemorragiche, mal di denti, vulnerarie, ed è anche indicata per lividi, piaghe, debolezza delle articolazioni e vene varicose. Le foglie di questa specie possono anche essere usate come stimolante per la guarigione delle ferite gastro-intestinali.

Il genere Solidago comprende circa 190 specie e, sottospecie e varietà. E’ diffuso in tutto il mondo tradizionale di diverse parti del mondo: S. virgaurea L. (verga d’oro europea) è la più utilizzata in Europa e in Asia. Solidagenone è il principale costituente attivo presente in Solidago chilensis Meyen che viene utilizzato nella medicina popolare per trattare il dolore e le malattie infiammatorie. S. virgaurea ha una diversità di usi medicinali nei territori in cui è diffuso. Probabilmente i suoi usi etnofarmacologici più noti sono legati a disturbi renali, infatti esistono infusi per calcoli renali, infezioni del tratto urinario, sindrome della vescica iperattiva e malattie prostatiche. Gli usi urologici della pianta risalgono almeno agli scritti di Arnaldo da Villanova (1240-1311). Arnaldo da Villanova (catalano Arnau de Vilanova). – Medico, alchimista, politico, riformatore religioso. Studiò teologia a Montpellier, medicina a Napoli e in Spagna con gli Arabi; quindi (1289-99) insegnò ed esercitò la medicina a Montpellier. Tradizionalmente, le parti aeree della pianta sono state utilizzate per le sue proprietà curative e antisettiche, per il trattamento di diabete, allergie e disturbi gastro-intestinali. Allo stesso modo, infusi o decotti preparati dalla verga d’oro europea sono usati nella medicina tradizionale in molte parti del mondo per i suoi effetti antibatterici e antinfiammatori, compresa l’infiammazione della cavità orale e della gola, se usata come risciacquo della bocca.

Solidago canadensis L., Solidago gigantea Ait. e Solidago graminifolia (L) Salisb. sono stati introdotti dal Nord America e sono ampiamente distribuiti nella maggior parte dei paesi europei. Solidago è stata e utilizzata per trattare le vie urinarie, la nefrolitiasi e la prostata. Nella medicina popolare è usata come purificante del sangue, in caso di gotta, reumatismi, artrite, eczema e altri disturbi della pelle.

I Potawatomi usavano le sommità fiorite per fare un “tè” e trattare la febbre.

Solidago canadensis L., nota anche come verga d’oro canadese, è originaria del Nord America. È un’erba perenne eretta che è ampiamente usata come pianta da fiore paesaggistica e in composizioni floreali recise e mazzi di fiori. La verga d’oro canadese è stata utilizzata nella medicina popolare per secoli come terapia urologica e antiflogistica, febbrifuga, analgesica, tratto gastro-intestinale e aiuti epatici, e nel trattamento di ustioni e ulcere.

Le radici di Solidago microglossa (Asteraceae) e Aristolochia cymbifera (Aristolochiaceae) sono popolarmente usate come antielmintiche.

A questo proposito, diverse specie di Solidago (Asteraceae) sono utilizzate nelle medicine popolari di tutto il mondo per molti scopi medicinali, tra cui antiparassitario e antisettico.

Germania:

Hieronymus Bock (1498-1554), uno dei primi botanici moderni in Germania, ipotizzò che le tribù germaniche avessero usato la pianta per scopi medicinali, menzionando che la consideravano una “erba miracolosa” (Wunderkraut). Si ritiene che il padre tedesco della Riforma, Martin Lutero (1438-1546), avesse una buona opinione sulla verga d’oro e la usasse spesso per prendersi cura delle sue infermità fisiche. Una delle prime annotazioni sui suoi effetti diuretici e antinfiammatori è attribuita al padre della botanica tedesca, Jacobus Theodorus Tabernaemontanus (1525-1590), che affermò: “Purifica i reni e le vie urinarie da tutto il muco grossolano”. Il nome heydnisch wundkraut (ferita pagana), impiegato nei territori tedeschi durante il Medioevo indicava la pianta e ne evocava le proprietà curative. Un altro nome tedesco vernacolare, unsegenkraut (erba maledetta), ne indicava le proprietà magiche, in un’epoca in cui la malattia era spesso attribuita a stregoneria e cause metafisiche. Nella medicina popolare tedesca, la verga d’oro era usata per il trattamento della ritenzione urinaria, dei calcoli renali e delle emorroidi. Dalla metà del XIX secolo, il suo uso è stato lentamente dimenticato, per essere riportato in auge solo di recente, grazie a un l rinnovato interesse per le terapie a base di erbe.

Attualmente, in Germania ne viene fatto uso in caso di malattie infiammatorie delle vie urinarie, urolitiasi e problemi renali.

Repubblica Ceca

 Una bevanda ottenuta dalle parti aeree della pianta viene utilizzata come trattamento coadiuvante in condizioni infiammatorie del sistema urinario, nonché per la prevenzione dei calcoli renali e vescicale.

 Polonia

 Tradizionalmente, l’infuso di S. virgaurea è stato utilizzato come diuretico e coadiuvante nel trattamento di disturbi minori delle vie urinarie, come disintossicante, antinfiammatorio e per il miglioramento della secrezione biliare, per accelerare la guarigione delle ferite e nella cura della pelle.

 

Russia

 Nella medicina popolare russa, la verga d’oro europea viene utilizzata per calcoli biliari, indigestione reumatismi e gotta. Per uso esterno, le foglie fresche sono raccomandate in ascessi e bolle. Gli usi più comuni di questa specie includono la prevenzione e il trattamento di varie malattie renali, della vescica e della ghiandola prostatica.

Nella tradizione popolare russa, la verga d’oro europea è anche conosciuta come emostatico e astringente, nonché come buon rimedio per le malattie respiratorie (tonsillite, laringite, malattie respiratorie acute) e tubercolosi polmonare.

Ucraina

L’uso di tale rimedio in caso di tubercolosi è anche ben consolidato nella medicina popolare ucraina, dove il nome della pianta, zolotushnik, allude al suo uso nei decotti come “un buon rimedio contro la scrofala (zolotukha)”, ma si credeva anche che la pianta avesse effetti diuretici.

Bulgaria

 Le parti aeree di S. vigaurea L. sono utilizzate come diuretico, antipertensivo ed espettorante, nonché nella terapia renale e gotta.

Romania e Repubblica della Moldavia

 Gli usi etno – farmacologici di questa pianta sono per lo più legati al mantenimento della salute delle vie urinarie e al normale funzionamento dell’apparato digerente. Tradizionalmente, è raccomandato come diuretico, saluretico, antinfiammatorio, antisettico, cicatrizzante e sedativo. Per uso esterno, l’applicazione più comune consiste nel somministrare un infuso o un decotto delle parti aeree o delle sommità fiorite, nel trattamento di ferite o ulcere del cavo orale. L’uso esterno è in caso di rachitismo.

 Corea

La radice e le parti aeree di S. virgaurea subsp. gigantea, Nakai Kitam, sono state utilizzate come stimolante dell’appetito e diuretico nella medicina popolare coreana.

Cina

 Il decotto ottenuto da tutta la pianta è stato utilizzato come antibatterico delle vie respiratorie, ed espettorante.

Argentina e Patagonia

Alcune comunità indigene, ad esempio i Mapuche, che vivono nell’arida Patagonia (Argentina) usano questa erba per uso medicinale e se ne nutrono per la propria sussistenza.

Un ottimo rimedio contenente Solidago è Alato 7, disponibile in farmacia o qui

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Betulla

Erbe depurative ed etnobotanica

Betulla  

Betulaalba Linn. (famiglia: Betulaceae), è un albero che cresce fino a circa 30 m di altezza. In India è conosciuta come la “Signora dei Boschi” derivata dalla parola sanscrita Bhurga, “un albero la cui corteccia è usata per scrivere”. È notevole per la sua leggerezza, grazia ed eleganza e dopo la pioggia ha un odore fragrante. Betula deriva dal latino Beatus (beato). Più di 140 specie di Betula sono conosciute nel mondo. La specie più comune in Kazakistan è Betula pendula Roth. (BPR). Conosciuta anche come la betulla bianca europea o betulla argentata, cresce principalmente nella parte settentrionale del paese. Le specie di betulla sono state utilizzate fin dall’antichità nella medicina popolare e tradizionale in varie forme. Gli ampi dati riguardanti l’applicazione della BPR in medicina, così come l’ampia disponibilità in buona quantità hanno attirato l’attenzione degli scienziati di tutto il mondo. I boccioli di betulla (Gemmae Betulae) sono ampiamente usati come diuretici e colagoghi come antisettico e agente cicatrizzante delle ferite. La tintura delle foglie (Folium betulae) è comunemente usata per il trattamento dell’anemia, delle malattie cardiovascolari e renali. La linfa della betula (Succus Betulae) aiuta nel trattamento delle malattie renali e del tratto urinario, delle malattie della pelle, dei reumatismi e della gotta e fondamentale nella purificazione del corpo. Il succo di betulla viene estratto all’inizio della primavera dal tronco di betulla e grazie alle sue proprietà naturali è eccezionale nella rimozione di sostanze tossiche dal corpo, ha anche un’elevata attività antimicrobica, antiflogistica e antipiretica. Oleum Betulae empyreumaticum rectificatum è l’olio ottenuto dalla distillazione secca della corteccia, viene utilizzato principalmente come rimedio esterno nelle malattie cutanee.

Polonia:

Betulla (Betula verrucosa) L’antico nome polacco “brzezie” appare nei manoscritti farmaceutico-medicali del Medievale, principalmente del XV secolo. Non ci sono nomi di betulla negli erbari rinascimentali stampati in polacco. La betulla era utilizzata in rituali magici, per proteggere i cavalli e il bestiame dalla stregoneria.

In Polonia le scope venivano prodotte dai suoi vecchi rami e il catrame di legno era ottenuto dalla sua corteccia. Il succo di betulla è stato usato in medicina per trattare lo scorbuto e la tubercolosi.

La Betulla è indicata nella depurazione naturale primaverile. Il nome Betulla ha derivazioni celtiche o latine e significa “verga”. È una pianta di importanza notevole, definita nel Rinascimento “Albero nefritico d’Europa”. Dal succo di betulla si può ottenere alcol, fare birra, aceto, spumante e sciroppo.

Nel giorno del Corpus Domini gli altari sono decorati con rami di betulla. I fedeli nei villaggi portano questi rami nelle loro case per metterli sul tetto o alle pareti della casa, in modo che siano protetti da tempeste, grandine e vermi. I rami verdi erano considerati di buon auspicio per la casa. Un ramo sul cappello o sui vestiti garantiva il successo, se qualcuno soffriva di epilessia, durante l’attacco della malattia la sua testa era legata con rami. Nella zona di Nałęczów le persone informavano della morte di qualcuno portando rami di betulla intrecciati a forma di ghirlanda. Era permesso entrare con questo ramo nei dintorni della casa, per mostrarlo attraverso la finestra, ma non per portarlo in casa, perché poteva attirare qualcuno vivo nella tomba. Spesso nelle tombe dei soldati o nei luoghi di incidenti stradali venivano collocate croci di betulla.

Fin dall’antichità, la betulla (Betula verrucosa) è nota per le sue proprietà terapeutiche di cui si utilizzano principalmente le foglie e la linfa. Gli estratti delle foglie contengono elevate quantità di fenoli, flavonoidi, acido ascorbico, composti triterpenici e tannini. Nella medicina popolare, l’infuso di foglie di betulla è utilizzato come antimicrobico, antinfiammatorio e protezione cardiovascolare.

La betulla dell’Himalaya (Betula utilis D. Don), popolarmente conosciuta come Bhojpatra nel subcontinente indiano, è una delle specie arboree più importanti in tutta la parte alta dell’Himalaya. Appartiene alla famiglia delle Betulaceae.

Betula utilis è stata identificata per molteplici importanze etnobotaniche da diverse comunità etniche e non etniche che vivono in Himalaya e altrove, per curare catarro e tosse, in infuso, polvere, pasta e decotto. La sua corteccia contiene betulina e altri oli essenziali che possiedono proprietà medicinali. La corteccia del gambo è usata per stipsi, pulizia delle ferite e lebbra in quanto ha proprietà astringenti. È anche usata nell’obesità. La corteccia, la foglia e la resina sono utilizzate nei reumatismi, nelle fratture ossee, nei dolori articolari, nei gonfiori, nell’asma e nella purificazione del sangue. La sua resina è usata come contraccettivo e trattamento di ustioni e ferite esterne. La resina viene applicata anche sulle bolle. È considerata utile per il trattamento dei disturbi psicologici, per follia, epilessia e isteria. La corteccia è usata per trattare l’ittero, mal d’orecchi, disturbi renali e vescica, costipazione, tosse e come tonico. L’infuso di corteccia è usato per alleviare la flatulenza, per il trattamento di animali domestici: viene ridotta in cenere e la sua pasta viene applicata sui tagli profondi e sulle ferite degli animali. La convalida scientifica degli usi tradizionali di Betula utilis rivela che contiene un agente antinfettivo battericida. L’epiteto utilis si riferisce al numero di usi di questa importante specie arborea. Betula utilizza essendo considerato sacro dagli indù è usato in vari rituali religiosi. La corteccia esterna di questa specie è in uso da tempo immemorabile per scrivere scritture e testi, specialmente in sanscrito, per scrivere mantra. In previsione di proteggere qualcuno, specialmente i bambini, da tutte le disgrazie e ricevere benedizioni, viene indossato un amuleto contenente corteccia di Betula utilis scarabocchiata con mantra. Questo amuleto è indossato intorno al collo o legato intorno al braccio. È anche usata nella realizzazione di diversi talismani vedici, chiamati yantra. La raccolta di corteccia cartacea per fare tali yantra è compiuta in un giorno e in un momento specifici in considerazione di specifici Nakshatra (palazzo lunare nell’astrologia indù). Si ritiene inoltre che questo yantra fornisca una vita di prosperità. Il legno di Betula è usato in havan (un rituale inn cui vengono bruciate offerte come cereali e ghee in occasione di nascite, matrimoni e altri eventi religiosi).

Betulla e Sciamanesimo Siberiano:

La betulla (Betula alba) è considerata fra gli sciamani siberiani l’Albero cosmico.  Sono probabilmente il colore bianco-argenteo del tronco, l’aerea luminosità e anche la resistenza al freddo, che le consente di giungere sino al limitare della tundra, ad aver evocato questo simbolo.

Folklore celtico:

La betulla era considerata dai Celti l’albero preposto al mese che cominciava col solstizio d’inverno: dunque, un albero “aurorale”, il primo nella foresta nordica a mettere le foglie insieme con il sambuco. Per questo motivo nei riti contadini si adoperavano verghe di betulla per scacciare lo spirito del vecchio anno.

Russia:

Le forme di preparazione dei rimedi variano: succo, acqua e decotto di latte, vapore, estratto, tintura, unguento, polvere, fumigazione, piante fresche. I decotti d’acqua vengono preparati facendo bollire le foglie, raffreddando e filtrando. I decotti di latte sono preparati in modo simile, ma usati mentre sono caldi. Per preparare l’estratto si versa acqua bollente su foglie e corteccia, si tiene coperto per mezz’ora e più. I vapori sono fatti mantenendo acqua e miscela di pianta essiccata in un recipiente ermeticamente chiuso, nel forno per non meno di 3-4 ore o durante la notte. Per gli impacchi, la pianta secca viene riscaldata in acqua calda, latte o burro. Le tinture di pianta fresca utilizzano la vodka e vengono conservate in un luogo caldo per 5-7 giorni. Per gli unguenti si utilizza grasso adiposo di animale selvatico (tasso, orso, cane procione), ma è possibile utilizzare lo strutto di maiale. La linfa di betulla era usata come bevanda fresca, ma anche come ingrediente per alimenti e bevande. Veniva fermentata per produrre alcolici leggeri. Altri usi popolari della linfa degli alberi variano dalla nutrizione sotto forma di zucchero, minerali e vitamine, alle applicazioni cosmetiche per la pelle e i capelli e all’uso medicinale popolare. Russia, Ucraina, Bielorussia, Estonia, Lettonia e Lituania sono gli unici paesi in cui la raccolta e l’uso della linfa (principalmente linfa di betulla) è rimasta un’attività importante fino a poco tempo fa, a causa dell’esistenza di grandi foreste di betulla e della bassa densità di popolazione.

Danimarca

La spillatura della linfa di betulla ha una lunga tradizione in Danimarca. È menzionata dal botanico Simon Paulli nel 1648. Autori successivi scrivono che è stato usata non solo come bevanda, ma anche come birra, aggiungendo lievito e malto. La linfa di betulla è stata utilizzata anche per scopi medicinali, fu inclusa nella “farmacopea danese” nel 1772: era raccomandata contro l’epatite, l’eruzione cutanea, i vermi intestinali e lo scorbuto. Era aggiunta al formaggio per proteggerlo dai parassiti e usata come cibo di emergenza in tempi di carestia, per la preparazione del pane. Nel “libro di Flatey”,”Flateyjarbók”, completato nel 1394, c’è una descrizione di come il re Sverre e i suoi uomini trascorsero due notti nel deserto e, non avendo cibo, si nutrirono di linfa di betulla.

Norvegia

Lo scrittore norvegese Peder Claussøn Friis descrisse nel 1590 da Finnmark che la linfa veniva sfruttata e utilizzata da pastori e boscaioli. Ci sono molte descrizioni nella letteratura topografica del XVIII e XVIX ° secolo sull’uso della linfa di betulla utilizzata come cibo in varie parti della Norvegia.

Svezia

La spillatura della linfa dalla betulla in primavera era molto comune. Il cartografo Olaus Magnus fece una breve nota nel 1555 in cui scrisse che gli scandinavi picchiettavano la betulla per la linfa e la utilizzavano come bevanda fresca. È anche menzionata in un manuale medicinale del 1578.  Secondo una traduzione svedese della “Magia naturalis” di Wolfgangi Hildebrand del 1654, un po ‘di succo di betulla dovrebbe essere aggiunto al formaggio per proteggerlo dai vermi. In alcune parti della Svezia era considerata cibo per la carestia in primavera. Lo storico Pehr Arvid Säve scrive che i poveri dell’isola di Gotland erano soliti raccogliere la linfa di betulla e usarla come bevanda.  La linfa di betulla è stata utilizzata anche tra i Saami in Svezia, in particolare tra i Saami della foresta di Västerbotten. I Saami usavano anche la linfa e la corteccia interna del pino (Pinus sylvestris L.) e dell’abete rosso [Picea abies (L.) Karst.], in particolare il primo.  Veniva raccolta all’inizio della primavera ed essiccata sotto forma di farina che veniva poi mangiata con latte e grassi.

Il vino di betulla è menzionato in diversi testi del XVIII e XVIX ° secolo. Il vino dalla linfa di betulla è oggi prodotto da alcuni produttori domestici, ma anche da piccole aziende che creano prodotti locali e cibo gastronomico. Il più famoso è il “Grythyttan Björkvin”, un vino frizzante di betulla piuttosto costoso, sviluppato da un’antica ricetta del 1785.

Scozia e Inghilterra

La linfa degli alberi di Betulla è stata raccolta anche in Scozia. Fra le diverse specie utilizzate, vi è la  B. pendula. La linfa era come bevanda fresca, e talvolta trasformata in vino. La medicina popolare scozzese utilizzava betulla per prevenire la calvizie.

Si dice che la regina Vittoria abbia bevuto grandi quantità di linfa di betulla quando era al castello di Balmoral, al fine di fermare il diradamento dei suoi capelli. Nelle Highlands scozzesi la linfa di cenere veniva data ai neonati come primo nutrimento e in Irlanda e Inghilterra per curare il mal d’orecchi.   Le betulle furono sfruttate nelle Highlands fino alla fine del 1940, la linfa veniva bollita per fare una carne dolce. Abbiamo anche alcune note provenienti da varie parti dell’Inghilterra dove veniva spillata la linfa di betulla, ad esempio dal Montgomeryshire, dall’Hampshire e dallo Yorkshire. Gli alberi erano sfruttati a febbraio o all’inizio di marzo.    Nel Lincolnshire e nelle Highlands il vino di linfa di betulla veniva prodotto e usato come tonico e per il trattamento dei reumatismi.

Repubblica Ceca

Il mese di marzo è chiamato in ceco “březen” “il mese delle betulle”. La linfa di betulla, acero e faggio (Fagus sylvatica L.) è descritta dalla Foresta Boema. La migliore linfa proveniva dalla betulla. In alcune zone della Boemia le ragazze e i ragazzi si riunivano il 23 marzo per toccare la linfa di betulla.   Il mese di marzo era celebrato mangiando cibo e ballando intorno a una betulla. Le ragazze consumavano la linfa di betulla per essere sane e, da adulte, fertili. Le persone disabili si recavano in segreto presso una betulla il primo giorno di marzo per tagliare la corteccia e mettere un pezzo di lino con una goccia di sangue nell’incisione. Se la corteccia si fosse unita alla stoffa, la menomazione sarebbe guarita. Si presumeva anche che la linfa raccolta in quel giorno avesse potere curativo: veniva bevuta per buona salute e contro l’infertilità.

Germania

La linfa di betulla è stata usata come medicina tra i tedeschi, specialmente contro le malattie polmonari e la gotta. Il medico Hieronomys Bock descrive, nel suo “Kreuterbuch” (1551), il suo uso medicinale. Nel 1880 la linfa di betulla veniva ancora raccolta nei monti Harz e nella Selva di Turingia.

Polonia

L’uso della linfa di betulla (principalmente da B. pendula, più raramente da B. pubescens) era diffuso nel XIX secolo. Di solito veniva bevuta fresca, praticando un foro e facendo un piccolo trogolo o tubo dal legno, o rompendo un ramo. A metà del XX secolo questo uso era obsoleto nella maggior parte della Polonia o praticato principalmente come intrattenimento primaverile per ragazzi. L’uso della linfa di betulla era più intenso e diffuso nelle parti orientali del paese, ad esempio le regioni di Podlasie e Mazovia.. La lavorazione della linfa di betulla è stata documentata in alcune regioni a cavallo tra il XIX e il XX secolo. Ad esempio, nella foresta di Kozienice (Polonia centrale), veniva bollita con farina di segale e latte. Nella regione di Kurpie (Polonia nord-orientale) lo sciroppo di betulla è stato prodotto facendo bollire l’acqua dalla linfa e utilizzato come dolcificante alimentare.

Romania

In Transilvania la linfa di B. pendula era conosciuta come “virics”,”acqua di betulla”. È stata estratta con vari metodi dal XVIII al XX secolo. Il tronco d’albero veniva tagliato con un’ascia o un coltello a varie altezze e direzioni, oppure forato. Quando la medicina popolare locale era ancora praticata in Transilvania, la linfa di betulla veniva venduta in barili nei mercati locali della città e conservata nelle cantine prima dell’uso. Virics è stata usata contro l’ittero, per rimuovere i calcoli renali e coagulare il latte durante la produzione di formaggio come trattamento contro il raffreddore, i disturbi oculari e come diuretico, ma anche contro costipazione, gozzo, mal di testa e polmonite. Miscelata con olio guariva le ferite. Tra le applicazioni esterne, il lavaggio di nei e macchie solari, come colorazione e balsamo dei capelli. Inoltre, la linfa di betulla è stata consumata in primavera come bevanda dissetante e fermentata o bollita per fare vino, birra, sciroppo o aceto. Questi prodotti sono stati realizzati in edifici speciali noti come “case di acqua di betulla” tra gli Szekély di lingua ungherese.

Nell’antica Roma, durante la cerimonia d’insediamento dei consoli che si svolgeva in quel periodo, i dodici littori reggevano i fasci che, formati da verghe di questa pianta, erano gli emblemi del potere coercitivo dei magistrati romani.

Nel Medioevo venne considerato, forse sulla scia di arcaiche tradizioni celtiche, simbolo di saggezza. Tant’è vero che la bacchetta dei maestri di scuola era costituita da ramoscelli di betulla intrecciati.

La sua corteccia è diuretica e febbrifuga, guarisce le infiammazioni della pelle e stimola la digestione; le gemme attivano la secrezione biliare; le foglie fresche preservano dalla gotta; la linfa raccolta in primavera (detta anche «acqua o sangue di betulla») cura le problematiche dell’apparato osteo-articolare e delle vie urinarie favorendo l’eliminazione dell’acido urico. Una volta se ne estraeva persino un dolcificante e un vino dolce e frizzante.

Nel XVI secolo, Mattioli, umanista, medico e botanico nato nel 1500, affermò che la Betulla ha grandi proprietà e virtù di rompere i sassi di reni e vescica. La tradizione popolare usava distendere sulle foglie seccate al forno bambini debilitati per ridare loro vigore.

Un ottimo rimedio contenente Betulla è Alato 7, disponibile in farmacia o qui 

 

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Equiseto

Erbe depurative ed etnobotanica

Equisetum:

Equisetum arvense L. (EA) apparttiene alla famiglia delle Equisetaceae. È una pianta erbacea perenne originaria dell’emisfero settentrionale che è stata a lungo utilizzata per scopi medicinali. Le varie specie di questa famiglia sono ampiamente distribuite in tutto il Canada, negli Stati Uniti (ad eccezione del sud-est), in Europa, Africa e Asia meridionale, tra cui Turchia, Iran, Himalaya, Cina (ad eccezione del sud-est), Corea e Giappone. Il genere Equisetum è costituito da 30 specie di erbe perenni simili a giunchi, vistosamente congiunte. Equisetum è l’unico genere vivente dell’ordine Equisetales e della classe Sphenopsida. L’Equisetum arvense, comunemente noto come equiseto di campo o equiseto comune, è un’erba perenne cespugliosa originaria dell’emisfero settentrionale. È un membro di una famiglia di piante molto primitiva. Il nome Equisetum deriva dal latino (equi = cavallo e setum = coda) e può essere spiegato dalla descrizione botanica della pianta. I gambi privi di foglie assomigliano agli asparagi e quando essiccati, diventano cavi, ruvidi e forti; i loro numerosi rami fini con foglie piccole e squamose assomigliano a un equiseto. Il termine “arvense” a sua volta deriva dall’aspetto generale ad albero della pianta.

Per generazioni, EA è stato utilizzato nella medicina popolare per il trattamento di diverse condizioni, tra cui la tubercolosi, le infezioni renali e della vescica; come emostatico per mestruazioni abbondanti, naso, polmone e sanguinamento gastrico; condizioni reumatiche; gotta; ferite e ulcere; gonfiore, fratture ossee e ustioni; unghie fragili e perdita di capelli, per malattie reumatiche, gotta, ferite e ulcere scarsamente cicatrizzanti, gonfiore e fratture e per congelamento. L’equiseto può produrre effetti tossici sul suo uso prolungato.

EA è tradizionalmente indicato come diuretico lieve, per gonfiore, infiammazione e re mineralizzazione.

Iran:

E. arvense è conosciuto come “Dom Asb” in Iran e distribuito nelle regioni settentrionali e nord-occidentali dell’Iran. È utilizzato nella medicina folklorica per tubercolosi, infiammazioni di rene e vescica, come emostatico per mestruazioni profuse, emorragie nasali, polmonari e gastriche, per unghie fragili e perdita di capelli, per malattie reumatiche, gotta, ferite e ulcere che faticano a cicatrizzare, gonfiore e fratture. Negli ultimi anni, sono emersi dati numerosi dati scientifici: E. arvense è fondamentale nel trattamento dell’infiammazione e del dolore e contiene sostanze anticonvulsivanti, antibatteriche, antifungini, antiemorragiche, astringente, diuretiche, epatoprotettive, antivirali (HIV), vaso rilassanti, cardioprotettive e vulnerarie.

Nella medicina popolare è indicato come trattamento diuretico lieve, anti-edematoso, antinfiammatorio e remineralizzante prostatica. L’infuso lava per ferite e piaghe, le infiammazioni della bocca e delle gengive. Grazie al suo contenuto minerale (silicio), l’equiseto è raccomandato per l’anemia e la debilitazione generale. Ha proprietà anti-aggregante piastrinica. L’effetto astringente e antiemorragico locale ne spiega l’efficacia in caso di sanguinamento di bocca naso e vagina. Viene utilizzato anche per dissenteria, sanguinamento dall’intestino e ferite a lenta guarigione, geloni, congiuntivite, uretrite, cistite con ematuria, riducendo le ferite emorragiche e cicatrizzanti, grazie all’alto contenuto di silice.

Fin dai tempi antichi, il brodo di Equisetaceae è stato usato in impacchi. Le proteine grezze estratte da Equisetum arvense L., inibiscono la proliferazione delle cellule tumorali in coltura. Gli antichi greci usavano l’equiseto nel trattamento delle ferite e i romani lo usavano come verdura, mangime per animali e medicina. Culpeper ha scritto che è “Molto potente per fermare il sanguinamento, sia verso l’interno che verso l’esterno, e allevia il gonfiore, il calore e l’infiammazione delle parti intime negli uomini e nelle donne”.

Come diuretico è particolarmente adatto all’edema metabolico o ormonale durante la menopausa.

Il contenuto di silice di Equiseto favorisce l’assorbimento e l’uso del calcio da parte del corpo, aiuta a proteggersi dai depositi di grasso nelle arterie. La sua influenza sul metabolismo lipidico porta a potenziali benefici per i problemi cardiovascolari. E’ considerato il miglior tonico per curare l’acne e l’eczema, migliora la consistenza e il tono della pelle, è un potente anti-age, migliora la consistenza e il tono dei capelli, ne stimola la crescita, anche in caso di alopecia e psoriasi. Riduce l’’osteoporosi, cura l’incontinenza urinaria e la vescica iperattiva.

 

Turchia

La parte aerea di Equisetum telmateia Ehrh. è usata contro mal di stomaco e ulcera peptica nella medicina popolare turca. Il genere Equisetum (Equisetaceae) è distribuito in modo diverso in Anatolia e rappresentato da 7 specie nella flora turca. Tutte le specie di Equisetum comprendono un’importante risorsa biologica nella medicina popolare. È stato usato come espettorante e diuretico; per calcoli renali; disturbi urinari, come pielonefrite, ipertrofia prostatica o cistite; per emorroidi, asma; contro mal di stomaco o ulcere peptiche; per eczema, acne, reumatismi; contro il dolore delle ossa rotte, per rafforzare i capelli, la pelle e le unghie, infezione in bocca; infezioni fungine e parassitarie e arteriosclerosi.

 

India:

In Ayurveda, EA è tradizionalmente usato per il trattamento dell’infiammazione e dell’ipertrofia a prostatica, dell’incontinenza urinaria e dell’enuresi notturna nei bambini.

Nella medicina popolare, Equisetum ramosissimum è usato per la tubercolosi, infiammazioni renali e della vescica, come emostatico per mestruazioni profuse, emorragie nasali, polmonari e gastriche, per unghie fragili e perdita di capelli, per malattie reumatiche, per il sistema del SNC, come diuretico, per HIV e sistema immunitario, come citotossico, epatoprotettivo, cosmetico, astringente, anticancro, per gonfiore e fratture, per fermare il sanguinamento e per osteoporosi.

Europa:

Le fronde sterili di E. arvense (conosciute come Equiseti herba) sono utilizzate nella medicina tradizionale tedesca, francese e svizzera come diuretico e tonico remineralizzante.

Georgia, Russia:

L’uso di piante medicinali in Georgia ha una storia antica. Il primo giardino medicinale, noto come Giardino di Ecate, si trovava nella Colchide. Equisetum arvense L. Perennial è stato usato per le malattie renali.

Messico e Brasile:

L’equiseto gigante messicano, Equisetum myriochaetum è stato tradizionalmente usato come per trattare il diabete nello stato meridionale di Rio Grande do Sul in Brasile.

Pakistan:

Equistem debile Roxb, è ampiamente distribuito in Africa e in Asia. Ha ha una grande importanza medicinale e usato come medicina popolare per il trattamento di dolori articolari e ittero, nefrite, dalla congiuntivite epidemica, uretrite, epatite, blefarite ulcerosa e diarrea. E’ altamente efficace nel trattamento delle infezioni del tratto urinario, sanguinamento intestinale, emorroidi, problemi mestruali, apoptosi della muscolatura liscia, calcoli renali, gonorrea e frattura ossea.

Nativi Americani:

I Potawatomi sono un popolo di nativi americani   composto da circa 28.000 individui e linguisticamente appartenenti al gruppo delle popolazioni algonchine. Equiseto era da essi utilizzato per il trattamento di problemi a reni, vescica e schiena.

Un ottimo rimedio contenente Equiseto è Alato 7, acquistabile in farmacia o qui

 

 

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Salsapariglia

Erbe depurative ed etnobotanica

Salsapariglia:

Hemidesmus indicus (L.) R. Br. ex Schult. (Apocynaceae), noto anche come Salsapariglia indiana, è ampiamente utilizzata nella medicina popolare del subcontinente indiano per il trattamento di morsi di serpente, punture di scorpione, diabete, malattie urinarie, dispnea, menorragia, oligospermia, anoressia, febbre, coliche addominali e dolore, dissenteria, diarrea, tosse, reumatismi, mal di testa, infiammazione, pirosi, malattie della pelle, lebbra, malattie sessualmente trasmissibili e cancro.

In Ayurveda, la pianta viene utilizzata nel trattamento della perdita ossea, del basso peso corporeo, della febbre, dello stress, della ferita topica e della psoriasi. Inoltre, la letteratura ayurvedica descrive anche il suo uso come agente anti-aterogeno, antispasmodico, che migliorano la memoria, immunopotenziante e antinfiammatorio.

Studi sistematici sul profilo farmacologico di H. indicus sono iniziati più di 50 anni fa, e molti studi attuali in vitro, in vivo ed ex vivo, hanno spiegato alcuni usi tradizionali ed esplorato il potenziale antitumorale di H. indicus. Gli estratti di radice alcolica o acquosa si sono rivelati efficaci su diversi tumori, come leucemia, cancro al seno, fegato, colon e pelle. Le principali proprietà farmacologiche di H. indicus includono proprietà epatoprotettive, anticancro, antidiabetiche, antiossidanti, antiofidiche, cardioprotettive, nefroprotettive, anti-ulcerogene, antinfiammatorie e antimicrobiche.

Brasile:

Smilax aspera L. (salsapariglia o edera spinosa) è un rampicante perenne della famiglia delle Smilacaceae. La sua radice e il rizoma sono usati come alterativo, demulcente, depurativo, diaforetico, diuretico, stimolante e tonico. Il genere Smilax L. è l’unico genere della famiglia delle Smilacaceae con più di 350 specie, di cui 80 crescono in Cina, più di 20 specie crescono in India, fino a 30 – in America Centrale, altre – in Africa, in Europa crescono da 1 a 3 specie. Smilax comune – Smilax excelsa L. (Smilax aspera) o Sarsaparilla (Sarsaparilla excelsa L.) cresce in Europa e nel Caucaso. La pianta è distribuita nella regione mediterranea, Asia Minore, Caucaso, Iran. La salsapariglia cresce sia nelle foreste paludose che sulle rocce calcaree.

Le radici e le foglie della pianta, in forma di tè, sono utilizzate nella medicina popolare per molte malattie diverse, come il sudore, la purificazione del sangue, diuretico, e anche per il trattamento di malattie della pelle, gotta, sifilide, gonorrea, artrite, febbre, tosse e ipertensione. Le radici e le foglie della pianta, in forma di tè, sono utilizzate nella medicina popolare per molte malattie diverse, come il sudore, la purificazione del sangue, diuretico e anche per il trattamento di malattie della pelle, gotta, sifilide, gonorrea. Le radici e le foglie della pianta, in forma di tè, sono utilizzate nella medicina popolare per la purificazione del sangue, come diuretico e anche per il trattamento di malattie della pelle, gotta, sifilide, gonorrea, artrite, febbre, tosse e ipertensione. Il tè di radici aiuta anche a combattere l’obesità; un tè con foglie e rami aiuta la digestione e allevia i dolori di stomaco, l’influenza, il raffreddore e i reumatismi. I guaritori della città di Cáceres vendono la radice della pianta per purificare il sangue e come antireumatico. Ci sono pochi studi scientifici su questa relazione di specie con gli usi indicati nella medicina popolare.

Portata dal Nuovo Mondo in Spagna nel 1563, la salsapariglia fu annunciata come una cura per la sifilide, essendo stata usata nei Caraibi con un certo successo. Le affermazioni, tuttavia, furono grossolanamente gonfiate e la popolarità dell’erba presto diminuì. La salsapariglia è antinfiammatoria e purificante, l’erba può portare sollievo ai problemi della pelle come eczema, psoriasi e prurito generale, e aiutare a trattare i reumatismi, la gotta. La sua azione estrogenica la rende benefica in caso di problemi premestruali e in menopausa, in caso di debilitazione e depressione.

I popoli nativi amazzonici assumono salsapariglia per migliorare la virilità e per trattare i problemi della menopausa. In Messico, la radice è ancora frequentemente consumata per le sue rinomate proprietà toniche e afrodisiache. Alcune delle saponine steroidee hanno dimostrato di legarsi alle tossine all’interno dell’intestino, riducendo il loro assorbimento nel flusso sanguigno. Questo può spiegare l’utilità della salsapariglia in condizioni autoimmuni come la psoriasi, l’artrite reumatoide e la colite ulcerosa, che può essere associata a questo tipo di tossicità. La ricerca clinica in Cina suggerisce che la salsapariglia potrebbe avere un potenziale nel trattamento della leptospirosi, una malattia rara trasmessa all’uomo dai ratti, e lo stadio acuto della sifilide.

Nelle piante di Smilax sono stati segnalati flavoni, flavononi, flavonoli, stilbeni, smilasidi, saponine, resine, sostanze amare. Smilax aspera L. accumula antociani: pelargonidina e cianidina. Radix Sarsaparillae excelsae e altre specie di Sarsaparilla sono state a lungo utilizzate nella medicina popolare antica come agenti diuretici e disintossicanti per il trattamento dell’artrite reumatoide, della sifilide, del diabete, della gotta, delle ulcere, del cancro, dell’infiammazione, delle malattie oftalmiche. Alcuni composti di Smilax, vale a dire, riparoside B e timosaponina J invertono il danno al tessuto renale nell’iperuricemia e nella concomitante nefropatia da urato. Allo stesso tempo, viene ripristinata la struttura delle cellule epiteliali e dei tubuli renali.

Smilax glabra (SG) Roxb., una nota medicina tradizionale cinese, è stata ampiamente utilizzata in tutto il mondo per le sue marcate attività farmacologiche per il trattamento di piaghe avvelenate sifilitiche, ipertonicità degli arti, leucorrea morbosa, eczema prurito, carbonchio.

Un ottimo rimedio contenente Salsapariglia è Alato7, disponibile  in farmacia o qui

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _ Uva Ursina

Uva ursina

Arctostaphylos (manzanita) è un arbusto sempreverde con corteccia viola o rosso scuro e bacche rosse o marroni. Le bacche secche venivano consumate crude, cotte, essiccate e macinate, o essiccate intere per un uso futuro. I semi venivano aridi e anche macinati in farina. Semi e frutti venivano immersi nell’acqua e poi filtrati per berne il liquido. Le foglie e la corteccia di Arctostaphylos essiccate, in particolare A. uva-ursi, Kinnickinnick, erano mescolate con foglie di tabacco (Nicotiana) e affumicate. Le foglie fanno parte degli ingredienti di un tè medicinale per i reni, o utilizzato su tagli e ustioni. Il legno era utilizzato nella costruzione di case e per fare una varietà di utensili. Le diverse specie di manzanita si trovano spesso in habitat asciutti.

Lituania:

L’antica medicina popolare lituana utilizza Uva ursina per la cura di cistite e infiammazione delle vie urinarie.  Viene prescritta a una tazza al giorno per non più di una settimana.

Uva-ursi è indicata per possedere proprietà diuretiche, antisettiche urinarie e astringenti. Tradizionalmente, è stata utilizzata per cistite, uretrite, disuria, pielite e in particolare per la cistite catarrale acuta con disuria e urina altamente acida. È stata rivalutata nella medicina ufficiale del XVIII secolo per i problemi urinari.

America:

Uva ursi era usata dai nativi americani per rituali religiosi, credevano che l’erba avesse la capacità di rivitalizzarli. Usano foglie di uva ursina con tabacco e altre erbe nelle cerimonie religiose, o affumicate in una pipa sacra che porta le preghiere del fumatore al Grande Spirito e come rimedio per le infezioni del tratto urinario.

Uva-ursi è uno dei migliori antisettici urinari naturali. È stato ampiamente utilizzato in erboristeria per disinfettare e astringe le vie urinarie nei casi di cistite acuta e cronica e uretrite. Tuttavia, non è un rimedio adatto se c’è un’infezione simultanea dei reni. Esperimenti di ricerca hanno dimostrato che gli estratti di uva-ursi hanno un effetto antibatterico.

Uva-ursi ha mostrato attività antimicrobica nei confronti di una varietà di organismi, tra cui Staphylococcus aureus, Bacillus subtilis, Escherichia coli, Mycobacterium smegmatis, Shigella sonnei e Shigella flexneri.

Un ottimo rimedio contenente Uva ursina è Alato 7, disponibile in farmacia  o qui

 

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Pilosella

Erbe depurative ed etnobotanica

Pilosella

Hieracium pilosella L. (Famiglia: Asteraceae) è una pianta erbacea perenne. È ampiamente diffusa nei pascoli di montagna e pedemontane, nei boschi di querce e nelle aree del sottobosco. È usato principalmente come medicina tradizionale per la bronchite, l’asma bronchiale, l’edema e come unguento per la guarigione delle ferite. È particolarmente raccomandata per intensificare la minzione ed eliminare melma, sabbia e piccoli calcoli dal tratto urinario e dai reni. Grazie al suo valore medicinale, è stata usata nella medicina tradizionale serba per secoli.

Ha proprietà antidiabetiche, antinfiammatorie, antibatteriche, antimicotiche, antivirali, citotossiche e antiproliferative, diuretiche, gastroprotettive, antiepilettiche, ipotensive, antiobesità e ringiovanenti cutanee.

È usata nella medicina tradizionale europea per i suoi effetti diuretici e antinfiammatori. È particolarmente raccomandata per l’espulsione di sabbia e calcoli delle vie urinarie.

La specie più spesso menzionata è P. officinarum ampiamente utilizzata grazie ai suoi effetti diuretici. Altri usi popolari delle specie Hieracium e Pilosella includono il trattamento di malattie della pelle, gastriche e intestinali, nonché disturbi respiratori e vascolari. Ha proprietà antibiotiche, antisettiche, antidiabetiche, toniche, antiepilettiche, antiflogistiche, emetiche, è indicata per la guarigione delle ferite, come astringente, emostatico e disintossicante. Nella tradizione popolare, era utilizzata negli incantesimi. Le specie di Hieracium contengono composti fenolici (acidi fenolici, flavonoidi), cumarine e composti terpenici.

Hieracium pannosum è una pianta perenne e diffusa in Turchia.

Marocco:

Pilosella è utilizzata come antinfettivo, astringente, colagogo.

Irlanda:

Nel suo Irish Herbal (1735), il reverendo John Keogh riassume i benefici medicinali dell’erba che ricorda l’orecchio di topo: “Buono contro lo sputare di sangue, tutti i tipi di flusso, tosse, ulcere dei polmoni, della bocca e degli occhi ed herpes zoster. ”

L’erba rilassa i muscoli dei bronchi, stimola il riflesso della tosse e riduce la produzione di muco. Questa combinazione di azioni rende l’erba efficace nei problemi respiratori, tra cui asma e respiro sibilante, pertosse, bronchite e altri cronici e tosse congestionata. È usata per controllare il sanguinamento mestruale pesante. Può essere applicata come impiastro per guarire le ferite. Nella tradizione popolare è una delle erbe di San Giovanni.

In uso in Irlanda come rimedio contro l’ittero.

Germania:

A Hildesheim, in Germania, la gente era solita scavare l’erba, specialmente sulla collina del patibolo, quando gli orologi segnavano mezzogiorno nel giorno di mezza estate.

Inghilterra:

Nel libro” The New Family Herbal, di M. Robinson, 1863 si legge:”

Il nome Pilosella deriva dal Latino. Esistono Pilosella Major e Minor: le foglie di Pilosella Major assomigliano alle orecchie di un topo e sono utilizzate sia internamente che esternamente in decotto per ferite, ernie, scottature, bruciature. Le foglie secche tritate sono poste sulle ferite. Il succo, versato nelle orecchie, cura infiammazioni e infezioni, toglie il dolore, elimina il cerume accumulato. Può essere mangiata per curare infiammazioni interne.

“E una pianta che raffredda, asciuga e unisce, e quindi fa bene al calore dello stomaco; per le infiammazioni e gli attacchi di dolore. Il succo nel vino favorisce la digestione, espelle il vento e neutralizza l’acidità nello stomaco. La radice essiccata data nel vino e nell’aceto, fa bene all’idropisia. Il decotto preso con il miele e con l’issopo favorisce l’espettorazione e placa la tosse. Il decotto con vino allevia le coliche e io gonfiore della milza: procura riposo e sonno, purifica lo stomaco e il sangue. Le foglie bollite nel latte possono essere applicate esternamente. ll succo mescolato a latte cura le malattie oculari. Le foglie verdi tritate e mescolate con sale fanno un buon unguento per ustioni, erisipela e parti infiammate”

Hieracium Linnaeus hawkweed cresce principalmente in regioni artiche, alpine e temperate dell’emisfero settentrionale e  introdotta in Nuova Zelanda . Pilosella officinarum sembra essere stata conosciuta in generale come “orecchio di topo”, senza l’aggiunta di “hawkweed”.

Un ottimo prodotto contenente Pilosella è Alato 7, acquistabile in farmacia o qui 

 

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica_Orthosiphon

Erbe depurative ed etnobotanica

Orthosiphon:

Orthosiphon stamineus Benth. (Lamiaceae), O. aristatus (B1) Miq., O. grandiflorus Bold., O. spicatus (Thumb)] , localmente noto come ”baffo di gatto”, è una pianta medicinale apprezzata nella medicina popolare tradizionale malese  indonesiana. Molti studi farmacologici ne hanno dimostrato proprietà attività antimicrobiche, antiossidanti, antifungine, antitensive, epatoprotettive, antigenotossiche, antiplasmodiali, citotossiche, cardioattive, antidiabetiche, antinfiammatorie, vasodilatative. È stato a lungo utilizzato nella medicina tradizionale in India orientale, Indocina, Sud-Est asiatico e regioni tropicali dell’Australia. Le foglie di questa pianta sono utilizzate nel sud-est asiatico e nei paesi europei per la ben nota tisana “Tè di Giava”. Tradizionalmente questa pianta è stata usata come diuretico e per curare reumatismi, dolori addominali, diabete, infiammazione dei reni e della vescica, edema e gotta. Gli studi hanno dimostrato che le foglie di O. stamineus presentano una serie di proprietà farmacologiche antinfiammatorie, antiossidanti, antibatteriche, antiangiogenetiche.

Viene utilizzata nella medicina popolare per trattare l’ipertensione e i calcoli renali. Esperimenti in vitro sono stati condotti per studiare le attività antiossidanti, antitumorali, antibatterica e antinfiammatorie utilizzando l’estratto vegetale etanonico. Il risultato mostra meno attività antibatterica, antitumorali e antinfiammatorie rispetto ai rispettivi standard. I migliori risultati sono stati ottenuti con lo studio antiossidante. Orthosiphon stamineus è comunemente noto come misai kucing (Malesia) e kumis kucing (Indonesia). La specie orthosiphon è classificata in due varietà: una con i fiori bianchi (varietà bianca) e l’altra con i fiori viola chiaro (varietà viola). La varietà viola contiene più composti bioattivi di quella bianca. Le foglie di O. stamineus presentano eccellenti attività antiossidanti, antibatteriche, epatoprotettive, antinfiammatorie, citotossiche, antipertensive e vasodilatatorie . Molte farmacopee come francese, indonesiana, olandese e svizzera indicano questa pianta per la cura dei disturbi renali, fra cui nefrite, cistite e uretrite. Nella medicina popolare europea le foglie di estratto di O. stamineus sono utilizzate come tonico per calcoli renali e vescicali, problemi al fegato e alla cistifellea, infezioni del tratto urinario. Le piante medicinali sono ampiamente utilizzate in tutto il mondo come medicina popolare per diversi scopi. Sono stati utilizzati come agenti antibatterici, antiossidanti, antiulcera, antinfiammatori, antivirali, antitumorali e per il trattamento e la prevenzione di diversi tipi di malattie, specialmente nei paesi in via di sviluppo dove le malattie infettive sono endemiche e i servizi sanitari e le strutture igieniche sono inadeguati. O. stamineus contiene più di 20 composti fenolici, tra cui nove derivati dell’acido caffeico, come l’acido rosmarinico e l’acido 2,3-dicaffeoiltartarico, due glicosidi flavonolici e nove flavoni lipofili.

Un ottimo rimedio contenente Orthosiphon è Alato 7, acquistabile in Farmacia o qui 

 

 

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Rodhiola

Piante adattogene ed etnobotanica: Rodhiola

Rodhiola

Rhodiola rosea è ampiamente distribuita ad alta quota nelle regioni artiche e montuose in tutta Europa e in Asia. È annoverata fra i rimedi popolari di Europa orientale e Asia che stimolano il sistema nervoso. Riduce la depressione, migliora le prestazioni lavorative, elimina l’affaticamento e previene il mal di montagna.

Rodhiola rosea, nota anche come “radice d’oro”, “radice di rosa” o “radice artica”, appartiene alla famiglia delle piante Crassulacee. R. rosea cresce principalmente in terreni sabbiosi asciutti ad alta quota nelle aree artiche dell’Europa e dell’Asia. La pianta raggiunge un’altezza di 70 cm e produce fiori gialli. È una pianta perenne con un rizoma denso, fragrante quando tagliato. Oltre alla Rhodiola rosea, sono state identificate oltre 200 diverse specie di Rhodiola e almeno 20 sono utilizzate nei sistemi medici tradizionali in Asia, tra cui R. alterna, R. brevipetiolata, R. crenulata, R. kirilowii, R. quadrifida, R. sachalinensis e R. sacra. Rhodiola rosea è stata intensamente studiata in Russia e Scandinavia per più di 35 anni.

La pianta Rhodiola crenulata è una specie erbacea perenne distribuita nella regione dell’altopiano della Cina sud-occidentale, in particolare nella regione dei Monti Hengduan. È da secoli o uno dei più importanti rimedi erboristici tradizionali tibetani. Nella Medicina Tradizionale Cinese, appartiene alla categoria degli adattogeni, definita modificatore della risposta allo stress che può migliorare la resistenza non specifica allo stress. Il genere Rhodiola (Hong Jing Tian; Crassulaceae) è costituito da più di 200 specie, di cui circa 20, tra cui Rhodiola rosea, Rhodiola alterna, Rhodiola brevipetiolata, Rhodiola crenulata, Rhodiola kirilowi, Rhodiola quadrifida, Rhodiola sachalinensis e Rhodiola sacra, sono utilizzate da millenni nella medicina popolare asiatica. Queste piante crescono principalmente nella cintura himalayana, Tibet, Cina e Mongolia, ma sono coltivati anche in Europa e Nord America e sono disponibili sul mercato come integratori alimentari.

La medicina popolare russa usava R. rosea per aumentare la resistenza fisica, la produttività del lavoro, la longevità, la resistenza al mal di montagna e per trattare affaticamento, depressione, anemia, impotenza, disturbi gastrointestinali, infezioni e disturbi del sistema nervoso. Nei villaggi di montagna della Repubblica di Georgia, un mazzo di radici viene ancora dato alle coppie prima del matrimonio per migliorare la fertilità e assicurare la nascita di bambini sani. I siberiani trasportavano segretamente l’erba lungo antichi sentieri verso le montagne caucasiche, dove veniva scambiata per vini georgiani, frutta, aglio e miele. Gli imperatori cinesi inviarono spedizioni in Siberia per procurarsi la “radice d’oro” per i preparati medicinali.

In Asia centrale, il tè di  R. rosea era il trattamento più efficace per raffreddore e l’influenza durante i severi inverni asiatici. I medici mongoli lo hanno prescritto per la tubercolosi e il cancro. Per secoli, solo i membri della famiglia sapevano dove raccogliere le “radici d’oro” selvatiche e i metodi di estrazione.

Rhodiola rosea è utilizzata da millenni in Asia ed Europa orientale per migliorare le prestazioni fisiche e mentali, stimolare il sistema nervoso, alleviare la depressione e l’affaticamento, prevenire il mal d’alta quota e l’anossia. In Russia e Mongolia è usata per il trattamento di malattie e debolezza a lungo termine, causate da infezioni. La Rhodiola rosea è la specie di pianta medicinale alpino-artica più conosciuta della famiglia delle Crassulaceae, che cresce in Asia, Europa e Nord America. I rizomi contengono agenti tonici, adattogeni, antidepressivi, antinfiammatori, antitumorali, antitumorali, antivirali. Nei villaggi di montagna della Siberia, un mazzo di radici viene ancora dato alle coppie prima del matrimonio per migliorare la fertilità e assicurare la nascita di bambini sani. In Asia centrale, il tè di R. rosea era il trattamento più efficace per il raffreddore e l’influenza durante i severi inverni asiatici. I medici mongoli lo hanno prescritto per la tubercolosi e il cancro. Per secoli, solo i membri della famiglia sapevano dove raccogliere le “radici d’oro” selvatiche e i metodi di estrazione. I siberiani trasportavano segretamente l’erba lungo antichi sentieri verso le montagne caucasiche dove veniva scambiata per vini georgiani, frutta, aglio e miele.

Nel 77 A.C. nel suo De Materia Medica, il medico greco, Dioscoride, registrò per la prima volta le applicazioni medicinali di Rodia riza. I Vichinghi usavano l’erba per migliorare la loro forza fisica e resistenza.

Linneo la ribattezzò Rhodiola rosea riferendosi all’attar (fragranza) simile alla rosa . Per secoli, R. rosea è stato usato nella medicina tradizionale di Russia, Scandinavia e altri paesi. Tra il 1748 e il 1961 varie applicazioni medicinali di R. rosea apparvero nella letteratura scientifica di Svezia, Norvegia, Francia, Germania, Unione Sovietica e Islanda.

Linneo descrisse di R. rosea come astringente e per il trattamento di ernia, leucorrea (perdite vaginali), isteria e mal di testa. Nel 1755 R. rosea fu inclusa nella prima farmacopea svedese. Ricercatori tedeschi hanno descritto i benefici di R. rosea per il dolore, il mal di testa, lo scorbuto, le emorroidi, come stimolante e antinfiammatorio. Nel 1961, G.V. Krylov, un botanico e tassonomista russo nel Dipartimento di Botanica presso il ramo di Novosibirsk dell’Accademia Russa delle Scienze, guidò una spedizione nella taiga di cedro nei Monti Altai della Siberia meridionale dove localizzò e identificò la “radice d’oro” come Rhodiola rosea.

Studi clinici hanno rivelato che protegge gli animali e gli esseri umani dallo stress mentale e fisico, dalle tossine e dal freddo, cura da cancro e radiazioni grazie ai fenilpropanoidi specifici di R. rosea. L’uso tradizionale di R. rosea come tonico nella medicina siberiana e russa ha stimolato ricerche approfondite che hanno portato all’identificazione di R. rosea come adattogeno. Studi su colture cellulari, animali e umani hanno rivelato effetti antifatica, antistress, antiipossico (protezione contro gli effetti dannosi della privazione di ossigeno), antitumorali, antiossidanti, immunostimolanti e stimolanti sessuali. Simile ad altri adattogeni vegetali studiati da ricercatori russi, come Eleutherococcus senticosus (ginseng siberiano) e Panax ginseng (ginseng coreano), estratti di questa pianta producono cambiamenti favorevoli in una varietà di diverse aree della funzione fisiologica del sistema nervoso centrale e cardiovascolare. In Cina e Tibet, le specie rhodiola chiamate Hongjingtian sono utilizzate da migliaia di anni come adattogene, emostatiche e toniche. È usata da secoli anche nella medicina popolare della Scandinavia e della Russia. Tra il 1725 e il 1960 diversi dati sull’uso medicinale di questa specie furono pubblicati in Svezia, Norvegia, Francia, Germania, Russia e Islanda. Nel 1755, R. rosea fu inclusa nella Farmacopea di Svezia (prima edizione). Nel suo articolo del 1755 intitolato “Flora Svecia”, Linné ha mostrato che R. rosea emette un profumo molto piacevole e si raccomanda per curare il mal di testa.

I ricercatori tedeschi hanno descritto i benefici di R. rosea per dolore, mal di testa, scorbuto, emorroidi, come stimolante e antinfiammatorio. Recentemente, le erbe medicinali cinesi, fra cui Rhodiola, sono state studiate per la loro efficacia terapeutica nel trattamento di alcune malattie legate all’invecchiamento.

Rhodiola rosea in Bulgaria è sotto la protezione della legge per la diversità biologica. Secondo studi scientifici degli ultimi decenni, la pianta potrebbe avere un potenziale per l’uso nel trattamento di disturbi della memoria, stress e depressione.

Gli estratti di piante di Rhodiola sono tradizionalmente usati in tonici e adattogeni, antidepressivi e farmaci antinfiammatori. Il più noto è Rhodiola rosea. Gli effetti farmacologici della Rhodiola rosea, compreso il suo ruolo nell’aumentare la longevità, stimolare il sistema nervoso centrale ed elevare le prestazioni lavorative, ha effetto cardiotonico, neurotonico epatoprotettivo, svolge attività immunotropica, antivirale, antinfiammatoria e antibatterica.

 

Un ottimo rimedio naturale con Rodhiola è  Alato 6, acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Eleuterococco

Piante adattogene ed etnobotanica: Eleuterococco

Eleuterococco

Eleutherococcus senticosus Harms (Acanthopanax senticosus, Araliaceae), chiamato anche ginseng siberiano, Ciwujia in cinese e Gasiogalpi in Corea, Ezoukogi in Giappone, è distribuito nella Russia sud-orientale, nella Cina nord-orientale, in Corea e in Giappone. La pianta medicinale legnosa è conosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà curative, e in particolare le radici corticali e i tessuti staminali sono stati utilizzati per il trattamento di vari disturbi come cancro, diabete, malattie cardiovascolari, epatite, problemi alla milza e disturbi epatici. Shigoka, il rizoma di Eleutherococcus senticosus, è una medicina tradizionale usata come tonico nell’Asia nord-orientale e nella Russia orientale. E’utilizzato nella medicina popolare cinese come anti-affaticamento, anti-infiammazione, antistress, antiulcera e sostegno delle funzioni cardiovascolari. In Cina, Corea, Giappone e Russia il Ginseng siberiano è utilizzato per il trattamento di malattie infiammatorie, anemia e artrite reumatoide. Nell’etnomedicina cinese e russa, il suo uso era empirico, perché la gente credeva che fosse una panacea che promuoveva la longevità, con effetti benefici per il trattamento degli affaticamenti fisici. I frutti sono stati utilizzati per lungo tempo come ingrediente del vino fermentato, le foglie come tonico, come bevanda per ridurre i danni al fegato e accelerare la disintossicazione dall’alcol.

Le foglie di E. senticosus sono state utilizzate in Cina per creare una bevanda chiamata tè ci-wu-jia in Cina. Eleuterococcus cresce principalmente nello Shanxi, nell’Hebei e nella regione nord-orientale della Cina. Radici, rizomi o steli di E. senticosus vengono raccolti in primavera o in autunno e utilizzati come tonico e antifatica per rinvigorire il Qi, rafforzare la milza, nutrire il rene, trattare nevrosi, malattie coronariche, infiammazioni, angina pectoris, cambiamenti fisiopatologici indotti dallo stress e menopausa.

Il consumo di frutti selvatici commestibili dà un importante contributo alla salute delle comunità locali. I frutti commestibili selvatici sono noti per possedere nutrienti benefici, tra cui minerali, polifenoli e varie vitamine. I rizomi e le radici di E. senticosus sono registrati nelle farmacopee cinesi e giapponesi per il trattamento di nevrastenia, ipertensione, tosse cronica e cardiopatia ischemica. La foglia di E. senticosus è classificata come cibo ed è utilizzata in tè, zuppe, vino e così via. I frutti di E. senticosus sono usati in Russia nella medicina popolare come tonico sul sistema nervoso centrale e come adattogeno. Negli ultimi anni, E. senticosus sono diventati popolari negli Stati Uniti e nei paesi europei come nuova pianta medicinale e integratore alimentare. La pianta ha proprietà antibatteriche, antitumorali, antinfiammatori, antigottose, antiepatite, antiossidanti, antipiretici; è coleretica, facilita l’emostasi, stimola il sistema immunitario, abbassa il colesterolo e protegge dalle radiazioni.

Eleutherococcus senticosus o ginseng siberiano è una pianta medicinale contenente sostanze adattogene che si ritiene proteggano il sistema immunitario. Sia la radice che la corteccia del gambo sono comunemente usate nelle medicine tradizionali. Nella Medicina Tradizionale Cinese si dice di evitare generalmente l’uso di Panax ginseng in soggetti anziani, prescrivendo altri tipi di radici del gruppo Araliaceae, come ad esempio Eleutherococcus senticosus

Eleutherococcus senticosus Maxim., classificato nella famiglia delle Araliaceae, è usato in una varietà di malattie nella Medicina Tradizionale Coreana, tra cui la cardiopatia ischemica, è stato usato come alimento funzionale e in varie preparazioni fin dai tempi antichi, per rinvigorire il fegato e i reni, ricostituire la vitalità, rafforzare le ossa, stimolare l’appetito e migliorare la memoria.

Studi fitochimici rivelano che le foglie di E. senticosus contengono glicosidi triterpenici insieme a derivati acidi organici e composti flavonoidi. Si ritiene che E. senticosus sia simile al ginseng perché provengono dalla stessa famiglia ed entrambi contengono saponine triterpeniche. Eleutheroside B è il principale composto con attività antiossidanti, immunomodulatorie e antinfiammatorie.

L’estratto di Acanthopanax senticosus ha un effetto neuroprotettivo sul morbo di Parkinson.

 

 

Un ottimo rimedio naturale con Eleuterococco è Alato 6 , acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Cola acuminata

Piante adattogene ed etnobotanica: Cola acuminata

Cola acuminata K.Schum

Tra gli Yoruba africani e i loro discendenti brasiliani diverse specie di piante sono considerate indispensabili per le cerimonie di iniziazione primaria. Queste includono i semi di obt (Cola acuminata) e orobo (specie di Garcinia kohl impiegata in Africa occidentale e Brasile durante la divinazione e l’iniziazione). Gli intrugli segreti sono usati per lavare le collane sacre degli adepti, e la polvere magica preparata da foglie, semi e gesso è dipinta sulle teste rasate degli iniziati, durante i primi mesi. I novizi dormono su un letto di foglie sacre. L’abo (bagno fogliare) rappresenta il rito vegetale più comune per principianti e pazienti laici. I bagni sono impiegati per l’iniziazione, per il miglioramento finanziario e per la purificazione. Il loro ruolo più importante, tuttavia, è medicinale. Abo sono utilizzati per problemi di salute come reumatismi, disturbi della pelle, mal di testa e simili. Più comunemente, il pai o mae-de-santo, sacerdote, prescrive bagni per disturbi psicologici, come ansia e depressione, in particolare dove questi hanno origine spirituale. I bagni a base di foglie sono preparati in base alle esigenze individuali del paziente. Non esiste un insieme di ricette predeterminate. Il sacerdote o la sacerdotessa determina l’eziologia e il rimedio prescrittivo durante una cerimonia di divinazione usando il jogo de buzio, divinazione con le conchiglie. Introdotto insieme ad altri metodi di divinazione durante il corso della tratta degli schiavi, il sistema jogo de buzio consente al capo del tempio di consultarsi direttamente con le divinità. Dopo aver fatto rotolare sedici conchiglie su una tavola, il pai o mae-de’Santo identifica il numero di gusci aperti e chiusi, cioè aperture rivolte verso l’alto o verso il basso. La combinazione di conchiglie corrisponde a uno o più miti specifici odu, o Yoruba, che suggeriscono la causa del problema e la linea d’azione appropriata. Quando il bagno a base di foglie entra nel rimedio prescritto, le foglie appropriate vengono poste in una bacinella di acqua fredda e lentamente macerate con le mani. La manipolazione fisica delle foglie è essenziale, in quanto trasferisce l ‘energia vitale dal sacerdote al bagno in via di sviluppo. L’intruglio verdastro risultante, carico del potere innato delle foglie e di quello del sacerdote del terreiro (tempio di Candomble), è posto all’interno di un piccolo altare dedicato all’una o all’altra delle divinità africane.

Ossaim, custode delle foglie sacre e della medicina, è la divinità più direttamente coinvolta nella salute e nella guarigione. Il suo dominio è la foresta e il campo, ovunque le piante curative crescano spontaneamente. Tra gli Yoruba e la loro diaspora del Nuovo Mondo, la sua immagine mostra disabilità: un solo occhio, una gamba, un orecchio enorme e una voce acuta umoristica. La conoscenza di Ossaim era ambita da altre divinità che cercavano di condividere i suoi segreti.

Nella cultura africana, la noce di Cola viene masticata prima dei pasti come aiuto alla digestione, per trattare le ferite, emicrania, disturbi metabolici, infiammazioni. Il ramoscello amaro dell’albero è utilizzato anche per pulire denti e gengive; rinfrescare l’alito. I frutti di cola sono usati come tonici, afrodisiaci stimolanti e come intruglio per il trattamento di febbre, dissenteria ed esaurimento.

Questo prodotto della costa occidentale dell’Africa è diventato ben noto ai botanici britannici a causa del suo uso tra i nativi come stimolante e promotore della digestione. The Athenaeum, una rivista letteraria britannica pubblicata a Londra, dal 1828 al 1921, annunciò che il suo corrispondente a Lagos aveva inviato a casa a Londra il frutto e le foglie di un’altra cola, nota come “cola amara”, che appartiene a un diverso ordine botanico – la Guttifera, che possedeva alcune proprietà notevoli. I nativi usavano il frutto come rimedio per la tosse e per migliorare la voce dei cantanti, mentre il corrispondente lo raccomandò come estremamente benefico dopo il mal di mare, dicendo: “Il mio appetito è tornato quasi immediatamente dopo aver morso una porzione di un seme che ho trovato nella mia valle”.

In Europa, le noci di Cola erano un tempo usate per trattare emicranie, nevralgia, nausea e diarrea.

Recenti ricerche hanno dimostrato che i composti in questa erba migliorano significativamente la produzione di acido gastrico e aumentano l’efficacia degli enzimi digestivi all’interno dello stomaco. Ciò aumenta anche l’assimilazione dei nutrienti, consentendo al corpo di estrarre più facilmente i preziosi nutrienti dal cibo.

Cola può alleviare altri disturbi digestivi come gonfiore, flatulenza, crampi e stitichezza.

La ricerca mostra che Cola ha un effetto e previene la nefropatia diabetica (malattia renale). Cola è anche conosciuta come erba “termogenica” (bruciagrassi), e come tale è spesso utilizzata come ingrediente negli integratori per la perdita di peso. È ricco di xantine e polifenoli – recenti ricerche mette in relazione questi composti con un’attivazione della termogenesi e, di conseguenza, con possibili trattamenti per l’obesità.

Cola aumenta la diuresi, riduce i livelli di colesterolo e migliora la funzione pancreatica.

La noce di cola contiene circa il 3% di caffeina e circa il 2% di teobromina. Entrambi questi composti agiscono come “vasodilatatori”, allargando i vasi sanguigni e aumentando il flusso sanguigno al cervello. Aumenta i livelli di ossigeno nel cervello, sostiene la funzione cognitiva e la vigilanza.

I preparati Cola sono usati oggi per trattare l’esaurimento fisico e mentale. L’importanza medicinale della Cola nitida si basa principalmente sui costituenti chimici della pianta, dalle sue radici ai suoi semi. La pianta è nota per contenere diversi costituenti chimici noti per i loro valori medicinali, tra cui caffeina, teofillina e teobromina. Cola nitida contiene anche tracce di minerali essenziali come potassio, calcio, magnesio, sodio, ferro, zinco, manganese e fosforo. Alcuni di questi minerali fungono da fonte di macro e micronutrienti necessari per la crescita, lo sviluppo e l’attività metabolica. È usato nella produzione di bevande come Coca cola e Pepsi cola. È anche usato nella produzione di coloranti. Gli studi hanno dimostrato che Cola nitida agisce come stimolante per combattere la stanchezza, ridurre la fame e la sete.

Un ottimo rimedio naturale con Cola acuminata è  da Alato 6 , acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Guaranà

Piante adattogene ed etnobotanica: Guaranà

Guaranà

Il guaranà (Paullinia cupana) è abitualmente ingerito dalle persone in Amazzonia ed è un ingrediente chiave in varie bevande energetiche consumate in tutto il mondo. L’estensione della longevità e la bassa prevalenza di malattie croniche legate all’età sono state associate all’assunzione abituale di guaranà. Nel 1817 un ufficiale addetto all’ambasciata francese a Rio Janeiro portò con sé in Francia un frammento di un prodotto che aveva ottenuto da una tribù di indiani (Guaranà) in Brasile, che erano abituati a farne uso, sia come articolo di dieta che come medicamento per i visceri. Questo farmaco, che ha ricevuto il nome di guaranà, è stato portato all’attenzione del mondo medico da Cadet, in una nota pubblicata nel Journal de Pharmacie, Parigi, 1817. Nel 1840 i suoi effetti fisiologici furono portati in primo piano in Francia, dal Dr. Gavrelle. Gavrelle, che era stato il medico di corte di Don Pedro, imperatore del Brasile, dichiarò che durante la sua residenza in quel paese aveva studiato gli effetti del farmaco, e non esitò ad attribuirne proprietà astringenti pienamente uguali alla retania; annunciò anche il suo successo nel trattamento delle affezioni nervose. Il guaranà, che aveva già trovato posto nella Farmacopea del Brasile, entrò gradualmente in uso in Europa. All’Esposizione di Parigi del 1867, campioni di questo farmaco furono esposti da Faria di Para, Brasile, sotto il nome di cioccolato medico. Il guaranà è preparato dai semi di Paullinia sorbilis. Il genere Pawullinia, dal nome di Simon Pauli, comprende una trentina di specie; sono piante rampicanti, appartenenti alla famiglia delle Sapandace e si trovano in climi caldi in tutte le parti del globo. Paullinia Africana è impiegata nel decotto in Senegambia per arrestare il flusso di sangue. Paullinia Asiatica è stata usata come febbrifugo. Paullinia Pinnata fiorisce in Brasile e nelle Antille; i suoi semi hanno un effetto narcotico e sono usati in queste località allo scopo di stordire i pesci. La pianta che fornisce il guaranà fu chiamata Paullinia sorbilis da Teodoro Marzio, in allusione al suo impiego come bevanda. Paullinia sorbilis cresce allo stato selvatico ad un’altezza da trenta a quaranta piedi. La pianta produce frutti nel suo terzo anno. Fiorisce a luglio e il suo frutto è maturo a novembre. Il frutto ha circa le dimensioni di una noce e contiene cinque o sei semi. Ogni stelo produce per coltivazione da otto a dieci chili di semi all’anno, mentre si dice che la pianta stessa viva per quarant’anni. In ottobre o novembre, quando i semi hanno raggiunto la maturità, i nativi li rimuovono dalla loro capsula e li asciugano al sole. Una pelle sottile che copre il seme viene quindi facilmente rimossa, strofinando tra le mani. Vengono poi ridotti in polvere su una pietra piatta, che è stata in qualche modo riscaldata. L’acqua viene aggiunta alla polvere ruvida, insieme a un po ‘di cacao e tapioca, e il tutto viene trasformato in una pasta, in cui a volte vengono introdotti frammenti di semi. La pasta viene arrotolata in una forma cilindrica, essiccata al sole. Questi cilindri avvolti con foglie, che misurano circa 8 pollici di lunghezza, costituiscono la guarana commerciale. Quando preparato dagli indiani, il guaranà ha il colore del cioccolato, ed è ricoperto da una sorta di crosta, prodotta dalla sua esposizione al calore.

In America centrale e meridionale, parti della pianta di guaranà sono usate come veleno per i pesci.

Il primo esame chimico del guaranà fu fatto nel 1826 da Teodoro Marzio, fratello dell’omonimo botanico erudito, che ne estrasse un principio cristallino, al quale attribuiva le proprietà terapeutiche del farmaco, e gli diede il nome di guaranina. Nel 1840 Berthemot e Dechastelus dimostrarono che questo principio cristallino consisteva in tannato di caffeina. Nel 1840 Dechastelus pubblicò (Bulletin de Thérap., 1840) formule per la preparazione delle varie forme farmaceutiche di questo farmaco. Il guaranà è stato utilizzato per effetti stimolanti simili a quelli del caffè e del tè; contiene circa il 3-5% di caffeina rispetto al 2% presente nei chicchi di caffè e al 4% presente nelle foglie di tè. L’erba è stata utilizzata da molte persone e in varie culture. Ad esempio, i francesi hanno reso popolare una bevanda al guaranà durante l’inizio del XIX secolo; altri mescolavano l’erba con l’alcol per produrre una bevanda unica.

Il guaranà (P. cupana), una pianta folta che si trova nella foresta pluviale del bacino amazzonico, viene coltivata utilizzando i suoi semi ricchi di caffeina-polifenolo. Studi clinici hanno riportato le attività chemio-preventive e antimutagene degli estratti di guaranà. Il guaranà è una pianta originaria del Brasile che presenta un effetto benefico sul controllo del peso corporeo e sulle alterazioni metaboliche. Il guaranà è ricco di diversi composti bioattivi come metilxantine (tra cui caffeina, teobromina e teofillina) tannini, saponine, catechine, epicatechine e proantocianine. Il guaranà protegge da protezione contro l’ipertensione, l’obesità e la sindrome metabolica nei volontari sani anziani. Il consumo di guaranà ha a un effetto benefico funzione epatica e renale.

Ha effetto preventivo sulla compromissione della memoria e sull’attività dell’acetilcolinesterasi nelle strutture cerebrali e disturbi cognitivi. La polvere di guaranà riduce il danno epatico causato dall’iperlipidemia. Ha effetti epatoprotettivi e genoprotettivi sul fegato.

Guaranà produce un seme alcaloide e ricco di polifenoli con proprietà antimicrobiche, antiossidanti e antinfiammatorie, dove la caffeina è il composto principale. Ha effetti antiossidanti e preventivi nei disturbi neurodegenerativi, come nel morbo di Parkinson, Alzheimer e Malattia di Huntington (malattia genetica neurodegenerativa che colpisce la coordinazione muscolare e porta a un declino cognitivo e a problemi psichiatrici), protegge vitalità, attività locomotoria, sonno.

Riduce le malattie metaboliche cardiovascolari e ha effetti positivi sul metabolismo lipidico, principalmente correlati ai livelli di lipoproteina a bassa densità (LDL).

Un ottimo rimedio naturale con Guaranà è  Alato 6 , acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Ginseng

Piante adattogene ed etnobotanica: Ginseng

Ginseng:

Il ginseng è un’erba medicinale utilizzata in Estremo Oriente sin dalla Preistoria, in particolare in Corea e in Cina per il mantenimento della vitalità fisica. Il nome del genere Panax (Pan = tutto + axos = medicina) significa ‘curare tutto’ in greco. La radice di erbe è così chiamata ginseng, perché ha la forma di un uomo, e si crede che incarni le sue tre essenze (cioè corpo, mente e spirito) ed è conosciuto come il signore o re delle erbe. Il ginseng era stato usato principalmente come tonico per rinvigorire i corpi deboli, ma solo raramente come medicina curativa, anche se, secondo la Bancao Gangmu, Enciclopedia delle erbe, scritta da Li Shizhen in Cina, nel 1596 d.C., era incluso come ingrediente per curare 23 malattie. È incluso anche in 653 delle 3.944 prescrizioni totali della   Dongeui Bogam, Farmacopea clinica coreana, scritta dall’erborista coreano Huh Joon, nel 1610 d.C. In Cina, Shennong (Divino Contadino) noto anche come Imperatore Yan, l’Imperatore Giallo, o uno dei “Tre Imperatori” .SI tratta dell’Imperatore che si dice abbia iniziato l’uso delle erbe circa 5.500 anni fa. Si dice che abbia assaggiato centinaia di piante per scoprire molte erbe medicinali. L’opera originale è andata perduta molto tempo fa, tuttavia, gli studi eseguiti da Shennong sono stati tramandati verbalmente per molte generazioni e sono stati raccolti in un libro di commento Shennong Bencao Jing, Erbario di Shennong di Tao Hongjing, risalente alla dinastia Liang, 502-557 d.C. Sono elencati trecentosessantacinque tipi di erbe, divise in tre classi in base al grado di tossicità. Le classi superiori non sono tossiche, servono a rafforzare l’energia vitale e possono essere assunti regolarmente. Gli esempi includono Radix Ginseng. Il ginseng è stato anche menzionato in Jijuzhang, Interpretazione delle creature, scritto da Shi You in Cina, già tra il 48 e il 33 a.C. Le prescrizioni di ginseng si trovano anche nel Shanghan Lun, Trattato sulle febbri, redatto tra il 196 e il 200 d.C. Ci sono molte storie mitiche relative al Ginseng. Una storia leggendaria racconta che un giovane la cui madre soffriva di una malattia incurabile trovò un rimedio miracoloso nella montagna: Lo spirito di montagna gli presentò una pianta di ginseng.

Il principale nome cinese: Panax ginseng, Jen-shen, deriva da una fantasiosa somiglianza della radice con la forma umana e da alcune influenze astrali che si dice derivino dalla costellazione di Orione. Si racconta che durante il regno di Wenti, della dinastia Sui (fra il 581 e il 601 d.C.), a Qhangtang nello Shensi, sul retro della casa di una certa persona, si udì ogni notte la voce implorante di un uomo, e quando fu fatta la ricerca della fonte di questo suono, a una certa distanza, apparve una pianta di ginseng.  Scavando nella terra fino alla profondità di cinque piedi, si scoprì che la radice aveva la forma di un uomo, con quattro estremità perfette e complete, quindi venne chiamata T’u-ching, “Spirito della terra”. Il ginseng migliore è la varietà selvatica che cresce in Manciuria, e il secondo è quello proveniente dalla Corea. Il primo è praticamente tutto riservato all’uso imperiale. Anche il ginseng giapponese e americano si trovano in quantità, ma questi, specialmente quest’ultimo, sono considerati molto inferiori al tipo coreano.

Le foglie, (Seni) sono vendute in fasci del fogliame verde e usate come rimedio emetico ed espettorante. Nel Shen-nung pen-ts’ao-ching (un’enciclopedia di erbe medicinali del I secolo d.C.), si afferma che le radici della pianta “schinseng” (che significa forma umana) aumentino la longevità, la resistenza, illuminino la mente, aumentino la saggezza e agiscano come afrodisiaco. L’erba era considerata così preziosa che potenti signori e persino eserciti governativi centralizzati combatterono e mantennero il controllo sui territori che coltivavano ginseng. Le culture antiche di tutto il mondo adottarono indipendentemente la convinzione che la forma delle piante o la forma delle loro parti determinassero quale parte del corpo potevano curare. Era come se la natura avesse assegnato la forma della pianta come suggerimento all’uomo delle sue proprietà curative. La gente credeva che se l’uso di una pianta era rivelato dai suoi attributi fisici, sicuramente Dio aveva posto la sua “firma “sulla pianta, una filosofia spesso indicata come la Dottrina delle Signature. Questa dottrina era ben consolidata ai tempi in cui il medico greco Dioscoride (chirurgo per l’esercito di Nerone 50-70 d.C.) stava praticando a Roma. Nel caso del ginseng, le radici di questa pianta matura sembrano un uomo con braccia e gambe. Erboristi e medici credevano, quindi, che potesse essere usato per guarire tutto l’uomo.

Il Ginseng americano nel Nuovo Mondo, Panax quinquefolius, strettamente correlato alle specie asiatiche, è stato utilizzato anche dai nativi americani. I cacciatori di Menominee masticavano la radice aromatica per attirare i cervi, mentre le donne delle nazioni Meskwaki e Pawnee la usavano per attirare un amante o un marito. Le donne Penobscot bevevano un’infusione della radice per aumentare la loro fertilità e i cacciatori Ojibwa la portavano con sé come portafortuna. Gli irochesi lo usavano per il lavaggio degli occhi doloranti dei bambini, inoltre veniva bevuta un’infusione per alleviare le piaghe del corpo. La radice polverizzata era anche un trattamento per l’asma da parte di alcune tribù, mentre il Delaware, stato federato degli Stati Uniti d’America situato sulla East Coastusava le radici e altre parti della pianta come tonico generale. I nativi americani raccoglievano la radice di ginseng tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, poco prima che le bacche rosse mature fossero pronte a lasciare i gambi dei fiori a forma di ombrello. Nel XVIII secolo, i gesuiti canadesi divennero i primi esportatori di ginseng americano in Cina. Fu nel 1714 che padre Jartoux, un sacerdote gesuita che viveva in Cina, inviò a padre Lafitau, un gesuita canadese, un esemplare essiccato della radice e dell’erba cinese e gli chiese se crescesse nel Nuovo Mondo. Padre Lafitau cercò e trovò il ginseng americano strettamente imparentato (Panax quinquefolius).

Attualmente, diciassette piante sono state raggruppate sotto il genere Panax. Le specie più comuni utilizzate per le preparazioni botaniche sono Panax Ginseng (ginseng coreano), è coltivato in Corea e Cina, Panax quinquefolius (ginseng americano) è coltivato negli Stati Uniti (Virginia e Wisconsin) e in Canada.

La coltivazione di Panax ginseng C.A. Meyer in Corea è iniziata intorno all’XI Secolo d. C. trapiantando ginseng selvatico. Nel 1122 d.C., durante l’era del re In Jong della dinastia Koryo, la coltivazione del ginseng fu tentata anche attraverso la propagazione del ginseng trapiantato dai semi. Il ginseng coreano C A Meyer è utilizzato principalmente per mantenere l’omeostasi del corpo, e l’efficacia farmacologica del ginseng coreano, identificato dalla scienza moderna, include una migliore funzione cerebrale, anti-affaticamento e anti-stress, effetti preventivi contro i tumori, potenziamento del sistema immunitario, ha effetti anti-diabetici, migliora la funzionalità epatica, regola la pressione sanguigna, disturbi del  climaterio e sessuali, effetti antiossidanti e anti-invecchiamento.

Il Panax ginseng, Jen-shen, svolge un ruolo cruciale nella modulazione dei disturbi dell’umore. Diversi studi recenti hanno identificato un ruolo importante nella prevenzione e trattamento della depressione. Il farmaco viene talvolta preparato per l’uso come estratto o come decotto, i vasi d’argento di solito vengono impiegati per questo scopo.

Panax ginseng è commercializzato e utilizzato per mantenere l’energia, aumentare le capacità mentali e fisiche, migliorare l’umore, promuovere la salute generale e il benessere. Panax ginseng è stato studiato in una serie di studi clinici randomizzati che indagano il suo effetto sulle prestazioni fisiche e psicomotorie, sulla funzione cognitiva, sull’immunomodulazione, sul diabete mellito e sulle infezioni da herpes simplex di tipo II.

I principi attivi del Ginseng sono dei composti fitochimici detti ‘ginsenosidi’, sostanze simili a steroidi che esprimono proprietà in grado di bilanciare e contrastare gli effetti dello stress. I ginsenoidi possono avere effetti diversi che diversificano le varietà di Ginseng: ad esempio, alcuni possono stimolare il sistema nervoso centrale, altri sedarlo e altri ancora bilanciano i processi metabolici, abbassando la glicemia, migliorando il tono muscolare, stimolando il sistema endocrino per mantenere livelli ormonali appropriati.

 

Un ottimo rimedio naturale con Ginseng è  Alato 6, acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Passiflora

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Passiflora

Passiflora

La specie Passiflora incarnata L. è inclusa in molte farmacopee ed è la specie più utilizzata nell’industria alimentare, cosmetica e farmaceutica.  Le specie di Passiflora sono ricche di flavonoidi e hanno attività ansiolitica.

Passiflora agisce sul sistema nervoso centrale nel trattamento dei disturbi d’ansia e dei sintomi neuropsichici della menopausa, dolore, ansia, disfunzione sessuale e disturbi del sonno.

Il genere Passiflora incarnata è stato a lungo utilizzato nella medicina popolare in tutta Europa, per il trattamento dell’insonnia e dell’ansia in Europa ed è stato usato come tè sedativo nel Nord America. Inoltre, questa pianta è stata utilizzata per scopi analgesici, antispasmodici, antiasmatici, e sedativi nella medicina popolare brasiliana, come sedativo e narcotico in Iraq, e per il trattamento di disturbi come dismenorrea, epilessia, insonnia, nevrosi e nevralgia in Turchia. In Polonia, questa pianta è stata utilizzata per trattare isteria e neurastenia, in America, è stata usata per trattare diarrea, dismenorrea, nevralgia, ustioni, emorroidi e insonnia. Passiflora incarnata L. è stata anche utilizzata per curare i soggetti colpiti dalla dipendenza da oppiacei in India.

La passiflora è una delle piante utilizzate in Ayurveda per diversi rimedi come sedativo, ansia e ipertensione ecc. Nella medicina popolare veniva usata per curare molte malattie come diarrea, infezioni della gola, infezioni dell’orecchio, febbre e malattie della pelle.

Una volta essiccate, le foglie venivano affumicate. La Passiflora quadrangularis è utilizzata dai guaritori tradizionali per lenire i morsi di serpente, in quanto provocano la coagulazione del sangue e fanno scoppiare i vasi sanguigni intorno al morso, provocando emorragia.

Le piante di Passiflora utilizzate nella medicina tradizionale sono ricche fonti di emolisine e citolisine, che sono potenziali farmaci battericidi e antitumorali. Diverse specie di Passiflora sono state ampiamente utilizzate dalla medicina popolare a scopo sedativo, tranquillante e antidepressivo.

Nella medicina popolare, Passiflora viene impiegata per  astinenza da alcol, come antibatterico, anti-spasmo, afrodisiaco, asma, disturbo da deficit di attenzione e iperattività , ustioni (pelle), cancro, dolore cronico, tosse, tossicodipendenza, virus di Epstein-Barr, infezioni fungine, problemi  gastrointestinali, infezione da Helicobacter pylori, emorroidi, ipertensione, sintomi della menopausa (vampate di calore), dolore ai nervi, dolore in generale, infiammazione della pelle, tensione e prevenzione delle rughe.

Passiflora incarnata L. comunemente usata in molti rimedi erboristici è ben nota per le sue proprietà sedative, mentre diverse altre specie (P. edulis, P. quadrangularis, P. ligularis) sono coltivate per la produzione di succo di frutta.

Il passicolo può anche essere prodotto dalle scorze del frutto della passione, di colore viola. Il succo può essere addolcito e diluito con acqua o altri succhi (in particolare arancia o ananas), per fare bevande fredde.

In Sud Africa, il succo del frutto della passione viene miscelato con latte e un alginato; in Australia la polpa viene aggiunta allo yogurt. In Brasile, i frutti sono comunemente noti come “maracuja” e la polpa del frutto produce un delizioso succo che viene esportato in diversi paesi. La passiflora è disponibile sul mercato in una gamma di preparati diversi, principalmente in compresse (500 mg) dell’erba essiccata per uso orale o per infusione, come estratto liquido o come tintura.

Le foglie e le radici di P. incarnata hanno una lunga storia di utilizzo tra i nativi americani del Nord America. Le foglie fresche o secche sono usate per fare un infuso che viene usato per trattare l’insonnia, l’isteria e l’epilessia e come antidolorifico. Maracujá (P. edulis) e poche altre specie sono utilizzate in America centrale e meridionale per scopi simili. Molte specie contengono betacarbolina, harmala e alcaloidi che hanno proprietà antidepressive.

Le proprietà antibatteriche degli estratti di foglie e frutta (etanolo e acetone) di Passiflora foetida sono state sottoposte a screening contro quattro batteri patogeni umani Pseudomonas putida, Vibrio cholerae, Shigella flexneri e Streptococcus pyogenes. I risultati hanno mostrato che l’estratto di foglie ha una notevole attività contro tutti i patogeni batterici rispetto ai frutti: il 4-idrossi-2- ciclopentenone è citotossico per le cellule leucemiche. L’estratto di foglie di Passiflora tetrandra e P. aeruginosa sono responsabili dell’attività antibatterica contro i batteri E. coli, B. subtilis. Il frutto ha mostrato attività antitumorale.

Passiflora quadrangularis ha un’azione antielmintica ed è anche frequentemente usata per trattare la bronchite, l’asma, la pertosse, per il trattamento delle complicanze diabetiche e dell’ipertensione. Le piante utilizzate nella medicina popolare tradizionale hanno una vasta fonte di componenti farmacologicamente attivi, tra cui emolisine e citolisine, potenziali farmaci battericidi e antitumorali.

 

 

Un ottimo rimedio contenente Passiflora è  Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Melissa

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Melissa

Melissa:

La melissa (Melissa officinalis L.), membro della famiglia delle Lamiaceae (ex Labiatae), è una delle importanti specie di piante medicinali. La melissa (Melissa officinalis L.), conosciuta anche come balsamo, balsamo inglese, balsamo da giardino, balsamo menta, balsamo comune, balsamo dolce, delizia del cuore, è un’erba aromatica della famiglia della menta (Lamiaceae). È originaria dell’Europa e dell’Asia centrale ed è ora coltivata nella maggior parte delle regioni temperate e subtropicali di tutto il mondo.

Esistono due sottospecie, Melissa officinalis subsp. officinalis, la comune melissa coltivata; e M. officinalis ssp. altissima, naturalizzati in Nuova Zelanda.

I documenti riguardanti il suo uso risalgono a oltre 2000 anni, è descritta nella Historia Plantarum, scritta da Teofrasto, fra il quarto e il terzo secolo a.C.  Dopo la sua introduzione in Spagna nel VII secolo, il suo uso si diffuse in tutta Europa dal Medioevo.

Dioscoride (49-90 CE) in De Materia Medica scrisse:

“Le foglie e i gambi odorano di limone. Un decotto delle foglie preso come bevanda, o applicato è buono per chi viene toccato dagli scorpioni, o morso di ragni o cani.”

Paracelso (1493-1541) prescrisse la melissa per rianimare una persona, e suggerì di usarla per “tutti i disturbi che dovrebbero derivare da uno stato disordinato del sistema nervoso”.

Nella cultura popolare, si credeva che scacciasse il male dalle abitazioni e per tal motivo casa veniva coltivata davanti alla porta, era usata come sedativo e ansiolitico, anche se diversi speziali a base di erbe dell’epoca creavano balsamo con effetti benefici generali sul cervello e in particolare con miglioramenti specifici alla memoria.

Nella medicina popolare europea, gli usi di Melissa sono principalmente legati al trattamento di disturbi nervosi, insonnia, malinconia, problemi digestivi e cardiaci.

Nella medicina popolare islamica, Melissa è utilizzata in caos di tumore.

Austria:

Melissa officinalis L. (melissa), in varie formulazioni, è stata ampiamente utilizzata come rimedio popolare per il trattamento di diversi sintomi legati alla psiche. Nella medicina tradizionale austriaca, le foglie di M. officinalis sono state prescritte come tisana, o come applicazione esterna sotto forma di olio essenziale, per il trattamento di disturbi del tratto gastrointestinale, del sistema nervoso, del fegato e della bile.

Inghilterra:

La melissa era una delle piante preferite dei Tudor, che spargevano le foglie sui loro pavimenti. Era nel giardino delle erbe del botanico inglese John Gerard nel 1590. Il suo erbario conosciuto come “The Grete Herball”, raccomandava l’uso di Melissa come unguento per tutti i dolori, un decotto di  melissa era indicato per la respirazione e facilitare il concepimento.

Il botanico inglese del 1600, Nicholas Culpepper, considerava la melissa governata dal pianeta Giove in Cancro e suggerì di usarla per “stomaci deboli”, per far sì che il cuore diventasse “allegro”, per aiutare la digestione, per aprire “ostruzioni del cervello” ed per espellere “vapori malinconici” dal cuore e dalle arterie. Sin dal Medioevo è stato utilizzata per la regolazione del sonno, dell’appetito e della digestione, la riduzione dell’ansia e come sollievo dal dolore.

Il London Dispensary (1696) affermava: “Un’essenza di Melissa, data nel vino delle Canarie, ogni mattina rinnoverà la giovinezza, rafforzerà il cervello, allevierà la natura languente e preverrà la calvizie”.

In epoca vittoriana, melissa era usata come pianta simbolica per la trasmissione di messaggi tra amanti.

Fu portata in America dall’Europa dai coloni e iniziò a crescere nei loro giardini.

Melissa è descritta nei manoscritti persiani di Medicina Qarabadin-e-kabir e Qarabadin-e-salehi.

I Qarabadins erano una sorta di libri farmaceutici, un registro di farmaci e preparati contenenti forme di dosaggio, procedure di preparazione, considerazioni, dose di somministrazioni. Esistono più di cento Qarabadins scritti da medici persiani e farmacisti dal IX al XVIII  secolo d.C. Melissa menzionata con il nome “Badranjboye”, era utilizzata in idrolato, come sedativo, spasmolitico, antibatterico, tonico di cuore e cervello.

Melissa officinalis L. è usato fin dall’antichità nella medicina popolare a causa dei suoi effetti sedativi, digestivi, carminativi, spasmolitici e analgesici. Il suo impatto terapeutico è dovuto al contenuto di olio essenziale e acido rosmarinico.

Inoltre, i risultati di molte ricerche cliniche hanno dimostrato che l’olio essenziale di melissa può essere utilizzato nel trattamento del morbo di Alzheimer, come antiossidante contro gli effetti negativi dei radicali liberi e agente antitumorale. Ha un effetto positivo sul sistema immunitario e sullo stress.

Un ottimo rimedio contenente Melissa è Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

 

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Meliloto

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Meliloto

Meliloto

Melilotus Indicus, occasionalmente contrassegnato erroneamente come Melilotus Indica, chiamato trifoglio dolce, trifoglio acido in inglese, trifoglio dolce giallo annuale, trifoglio dolce a fiore piccolo, meliloto a fiore piccolo e piccolo meliloto in India.

Usi medicinali Foglie e semi di Melilotus Indicus sono utilizzati per scopi medicinali come:

  •  antibatterico
  • anticoagulante
  • astringente
  • emolliente
  • lassativo
  • narcotico

 

Melilotus officinalis (L.) Pall. (Fabaceae) è originario dell’Europa e dell’Asia e conosciuta come “meliloto gialla, trifoglio dolce giallo e trifoglio dolce medicinale”. M. officinalis è comunemente

Nella medicina popolare europea, M. officinalis era utilizzato per via orale contro mal di stomaco, ulcera gastrica, disturbi del fegato e dell’utero, emorroidi, bronchite, calcoli renali, mestruazioni dolorose, mal d’orecchi, ulcere degli occhi.

 

Etiopia:

E’ conosciuto con diversi nomi vernacolari tra cui “Egug” e “Gugi” in amarico e “Yemamberi” in Tigrigna. Il nome Tigrigna indica che i ramoscelli sono usati per profumare vestiti e unguenti grazie al loro piacevole profumo. Nella medicina popolare etiope, Melilotus elegans Salzm. ex Ser. (Leguminosae) è usato per il trattamento di emorroidi e ferite lacerate. Nella medicina popolare le foglie in polvere di M. elegans sono mescolate con burro e applicate localmente contro le emorroidi, l’infiammazione della bocca e le ferite lacerate. Il rimedio può anche essere assunto per via orale per le malattie di cui sopra e per l’asma bronchiale, nel qual caso è coperto con burro fresco per mascherare il sapore sgradevole.

 

Nella medicina tradizionale cinese, gli estratti di Melilotus sono utilizzati come antinfiammatorio, antiossidante e inibitore della permeabilità capillare.

 

Un ottimo rimedio contenente Meliloto, è c Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Maggiorana

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Maggiorana

Maggiorana

Il genere Origanum (Lamiaceae) è diviso in dieci sezioni: Amaracus Bentham, Anatolicon Bentham, Brevifi lamentum Ietswaart, Longitubus Ietswaart, Chilocalyx Ietswaart, Majorana Bentham, Campanulaticalyx Ietswaart, Elongatispica Ietswaart, Origanum Ietswaart, Prolaticorolla Ietswaart, e contiene circa 20 specie.

Origanum majorana L. della famiglia Lamiaceae (syn. Majorana hortensis Moench) è comunemente noto come maggiorana dolce. Questa erba è originaria della regione mediterranea e coltivata in molti paesi dell’Asia, del Nord Africa e dell’Europa, ad esempio Spagna, Ungheria, Portogallo, Germania, Egitto, Polonia e Francia.

Medio Oriente:

Nella medicina tradizionale e popolare, il popolo tribale si rivolge non solo all’erborista, ma anche al derviscio o al khatib (l’incisore di amuleti); il cauterizzatore; il mujabbir (l’aggiustatore di ossa rotte o fratturate); l’Attar (farmacologo locale e venditore di spezie medicinali); tombe sacre (di antenati o profeti); il mare, i fiumi, le sorgenti sacre e così via. Inoltre, i guaritori utilizzano tecniche che stimolano i processi fisiologici, tra cui il bagno, il bagno del sudore, il massaggio, la coppettazione, l’emetica, l’incisione e il salasso. La medicina classica beduina divenne dominio esclusivo della medicina tradizionale e dei guaritori popolari nel diciannovesimo e ventesimo secolo. La maggior parte delle erbe erano usate sia come cibo che come medicina. Molte delle piante utilizzate dai beduini hanno effetti diretti sul corpo come purgativi, emetici, astringenti o tonici, o causano / prevengono vomito o diarrea. Questa medicina tradizionale si basa su una conoscenza pratica delle piante, come nel caso di Maggiorana:

Maggiorana siriana, Origanum syriacum:

È una delle principali piante autoctone importanti nelle vicinanze della Terra Santa. La maggiorana siriana è un’erba aromatica perenne della famiglia della menta, Lamiaceae. Il nome comune locale di questa pianta è ” Za’atar ” o ” Ezov matzuy “. Questa erba è molto importante per la popolazione locale, con una lunga storia di usi tradizionali. E’ stata identificata come l’issopo biblico, menzionato nella Bibbia come pianta medicinale e antisettica.

Majorana syriacum è endemica del Medio Oriente nella macchia mediterranea e nella foresta, Batha, Phrygana, su affioramenti di roccia dura, principalmente in Libano, Siria, Israele, Giordania e deserto del Sinai. La parola ezov si riferisce nella Bibbia a una pianta legata a rami e usata come pennello per cospargere il sangue sugli stipiti delle porte e sugli architrav,i quando la casa fu purificata contro la lebbra (Levitico 14:4), così come per scopi di adorazione: “E una persona pulita prenderà l’issopo e lo immergerà nell’acqua e lo cospargerà sulla tenda, e su tutti i vasi, e sulle persone che erano lì, e su chi toccò un osso, o uno ucciso, o uno morto, o una tomba” (Numeri 19:6).

A causa della sua associazione con la pulizia, si pensava che la pianta di issopo possedesse poteri di purificazione spirituale: “purificami con l’issopo e sarò puro: lavami e sarò più bianco della neve” (Salmi 51, 7). L’identità dell’ezov biblico con O. syriacum è confermata da un’usanza samaritana per cui l’Origanum è tradizionalmente usato dai samaritani per cospargere il sangue. La maggiorana siriana è conosciuta come un rimedio per i vermi intestinali fin dai tempi di Gesù. Oggi, tra gli arabi israeliani, un tè viene preparato dalle foglie per alleviare raffreddori e dolori di stomaco. Lo sciroppo preparato scottando le foglie di maggiorana siriana è noto come rimedio per diverse malattie, nella medicina popolare del Medio Oriente. Gli ebrei yemeniti usano un infuso di issopo per alleviare i dolori del travaglio, in combinazione con salvia e varie foglie aromatiche, per ridurre il dolore delle malattie cardiache, mal di testa e mal d’orecchi. Si ritiene che la pianta promuova la destrezza verbale e possa fungere da incantesimo contro la stregoneria. Un’indagine etnobotanica condotta in Israele ha rivelato i seguenti usi etnici della maggiorana siriana:

  1. Per alleviare il mal di denti: le foglie verdi vengono schiacciate e poste sul dente dolorante.
  2. Per trattare le infezioni gengivali: le foglie secche vengono schiacciate con sale e strofinate sulla parte infiammata.
  3. Per rafforzare la funzione cardiaca: un tè viene preparato con miele.

. 4. Per trattare le infezioni del tratto digestivo e del sistema urinario viene preparato un decotto e somministrato nella quantità di 2-4 cucchiai al giorno.

  1. Per trattare il raffreddore viene bevuto un tè.
  2. Per eliminare i vermi: un estratto fatto da foglie lasciate macerare e in olio d’oliva, lasciato per 2 settimane al sole, 1 cucchiaio o due di olio viene assunto con zollette di zucchero per volte al giorno.

Origanum dayi, Satureja camphorata:

L’area tradizionalmente considerata la Terra Santa della Bibbia, corrisponde alla zona montuosa del Libano e della Siria, a nord, alle rive orientali del fiume Giordano, e alla parte settentrionale della penisola del Sinai a sud. Indagini etno-botaniche, condotte negli ultimi anni, indicano che molte delle piante tradizionali sono ancora utilizzate nella medicina popolare oggi.

Majorana syriaca , arabo: Za’atar:

Uso etno-botanico: raffreddori; vomito; malattie allergiche della pelle, dermatiti, mal di testa, problemi dentali, tonsillite e tosse. I beduini del Negev e del Sinai lo usano come trattamento per il raffreddore bevendo il tè preparato da questa pianta con un cucchiaino di zucchero.

Il vomito viene trattato immergendo le foglie in acqua e facendo cadere l’acqua nelle narici della persona tre volte al giorno. Le malattie allergiche della pelle e la dermatite sono trattate come segue: le foglie vengono bollite in acqua e date al paziente da bere; anche il corpo dei bambini viene lavato con questa soluzione.

Mal di testa, problemi dentali, tonsillite e tosse sono trattati con una miscela a base di foglie che viene bevuta.

Cina:

Origanum vulgare L.:

È una pianta erbacea annuale distribuita principalmente nelle province cinesi di Hunan, Gansu e Shanxi. È menzionato nella medicina popolare e tradizionale cinese per le sue proprietà antibiotiche e antinfiammatorie.

Il medico e botanico tedesco Leonhardt Fuchs, nel suo De historia stirpium commentarii insignes (“Notevoli commenti sulla storia delle piante”), pubblicato nel 1542, scrisse:

“La maggiorana in polvere può essere spalmata sulla lingua per restituire la parola persa e rafforzare il cervello e la memoria. Se annusata fa starnutire, ciò significa che purifica il cervello. Nel sale e nell’aceto si dice che aiuti contro i morsi di scorpione e nel vino è un diuretico”.

Arabia Saudita:

Origanum majorana, un membro della famiglia Labiatae è una pianta ampiamente utilizzata nella medicina popolare dell’Arabia Saudita. Un infuso di foglie e fiori è prescritto dalla medicina folclorica dell’Arabia Saudita per alleviare i sintomi di febbre da fieno, congestione sinusale, indigestione, asma, mal di stomaco, mal di testa, vertigini, raffreddore, tosse e disturbi nervosi.

Palestina:

Origanum majorana L, in arabo: Mardaqush. Nella medicina popolare è usata come afrodisiaco, emmenagogo, tonico, carminativo, diuretico, stimolante, calcoli renali, infezioni del tratto genito-urinario e prostata, malattie della pelle.

Turchia:

Origanum majorana (maggiorana bianca).

I nativi raccolgono maggiorana e la essiccano sotto il sole. Consumano e vendono principalmente mazzetti di Origano essiccati all’aria (origano turco) foglie. Ottengono l’olio essenziale tradizionalmente per distillazione a vapore, usano la pianta essiccata e l’olio essenziale per curare varie malattie come tosse, raffreddore cronico, ferite, disturbi gastrointestinali e problemi della pelle negli esseri umani e negli animali domestici.

India:

La maggiorana selvatica, chiamata in Hindi Marwa, in Sanscrito Maru è utile per la flatulenza e stimola il flusso della bile. È considerato un rimedio efficace per tosse, tonsillite, bronchite e asma. L’olio diluito viene utilizzato nel mal di denti e nel dolore alle articolazioni. L’olio di maggiorana viene utilizzato come applicazione esterna su distorsioni, lividi, ghiandole linfatiche gonfie e mal di denti.

Marocco:

Maggiorana è un rimedio per le malattie del tratto gastrointestinale. È spesso usata come antisettico, come sollievo dal dolore addominale e in caso di febbre, come pianta antipertensiva. L’olio essenziale della pianta è stato usato per dolori, problemi gastrointestinali e disturbi del tratto respiratorio.

Iran:

Nella medicina folclorica iraniana, l’Origanum vulgare (maggiorana) è utilizzato per aumentare l’ energia, come  diuretico, tonico stomachico, sollievo del sistema nervoso, lassativo, antitumorale, sollievo dal dolore emicranico, fratture, intorpidimento degli organi, mal di denti, disinfettante, antidiarroico, disturbi e malattie del colon, rilassante, anticonvulsivante, espettorante, antidolorifico, anti tosse, antinfiammatorio, regolatore mestruale, infezione del tratto urinario, trattamento della disfunzione sessuale, coliche, sinusite,  tonico cardiaco.

Messico:

L’origano messicano (Lippia graveolens) si trova in Messico e in America Centrale e viene tradizionalmente utilizzato per problemi di stomaco.

Bahrein:

Maggiorana è usata per i dolori addominali e nel trattamento delle infezioni del tratto urinario.

 

Un ottimo rimedio è costituito da Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Luppolo

Sedativi nervosi ed etnobotanica : Luppolo

Luppolo

La pianta comune del luppolo (Humulus lupulus L.) è un vitigno resistente e dioico la cui parte aerea è erbacea e annuale, mentre il portinnesto è perenne, e può creare radici avventizie ogni anno. È una specie del genere Humulus che appartiene alla famiglia delle Cannabacee, la cui origine potrebbe essere la Cina.  Può essere trovato principalmente nelle foreste decidue e nei boschetti dell’Europa e dell’Asia occidentale e in altre zone con clima temperato. Il luppolo è stato coltivato a Babilonia intorno al 200 d.C. ed è stato in uso per secoli principalmente come ingrediente della birra. I coni di luppolo sono la porzione più utilizzata di questa pianta, tuttavia, ci sono parti come i giovani germogli possono essere mangiati.

Nel corso dei secoli, i fiori secchi venivano utilizzati in cuscini chiamati “luppolo”, per combattere l’insonnia. L’uso di infiorescenze di luppolo essiccate e verdi per usi diuretici e disturbi dell’apparato digerente, sono stati verificati nell’area del parco di Montesinho, in Portogallo. In Cina, gli estratti alcolici di luppolo erano usati per trattare la lebbra, la tubercolosi e la dissenteria. Nel medioevo era utilizzato in infusi in qualità di tonico fisico. Luppolo è utilizzato dalla medicina tradizionale messicana per trattare l’insonnia.

Le infiorescenze femminili di Humulus lupulus (luppolo), sono state a lungo utilizzate nella medicina folclorica principalmente per trattare i disturbi del sonno. Tuttavia, l’attività sedativa è ancora in fase di studio, al fine di riconoscere i principi attivi responsabili degli effetti neurofarmacologici osservati negli animali da laboratorio e il loro meccanismo d’azione. Questa attività di sedazione potrebbe essere attribuita a tre categorie di costituenti degli estratti di luppolo lipofilo. Sebbene gli acidi α-amaro si siano rivelati i costituenti più attivi, gli acidi β-amaro e l’olio di luppolo contribuiscono all’attività sedante degli estratti di Humulus.

Nella medicina popolare, i coni di luppolo erano utilizzati per il controllo degli spasmi, dell’ansia, della febbre, dell’infiammazione, dell’attivazione della funzione gastrica e del trattamento dei disturbi del sonno. In effetti, il luppolo presenta numerosi benefici per la salute, grazie all’attività antibatterica, antifungina, cardioprotettiva, antiossidante, antinfiammatoria, anticancerogena e antivirale. Nel 2015 è stata scoperta una necropoli romana nei pressi del comune di Passo Corese e Fara, nel Lazio. In questo contesto archeologico sono state individuate 42 tombe di diverse tipologie. La datazione al radiocarbonio, eseguita presso il Centro di Diagnostica e Datazione (CEDAD, Università del Salento) su ossa umane, ha rivelato che il sepolcreto era in uso tra il I e il III secolo D.C. In questa ricerca, applicando sia la microscopia ottica che la spettrometria di massa per gascromatografia su questa matrice, è stata eseguita un’indagine qualitativa dettagliata per ricostruire lo stile di vita di una comunità imperiale romana dell’Ager Curensis (Sabina Tiberina, Italia centrale). Humulus lupulus L.) era presente nel campione di calcolo dentale, ciò dimostra che gli alimenti di origine vegetale venivano regolarmente consumati insieme alle risorse animali.

Il luppolo (Humulus lupulus L.) contiene polifenoli (antiossidanti naturali), che si ritiene siano nutrienti efficaci nella prevenzione di malattie ossidativi legate allo stress come il cancro e le malattie cardiache. Il luppolo e i suoi estratti ritardano la degradazione ossidativa e lipidica, grazie ai suoi costituenti antiossidanti, principalmente composti fenolici.

Luppolo è un rimedio stomachico, antibatterico e antimicotico, lo xantumolo in esso contenuto, ha capacità chemio preventiva del cancro della prostata e del seno. Ha proprietà estrogeniche, neuro preventiva, antinfiammatorie e antimicrobiche, è utile nella gestione della menopausa e dell’osteoporosi.

Il rilevamento di humulolo ha suggerito il potenziale utilizzo di Humulus lupulus L., il luppolo. L’estratto di infiorescenza di questa specie era considerato dai Romani come sedativo per l’insonnia e l’ansia, mentre foglie e germogli venivano consumati come verdure nelle insalate.

Un ottimo rimedio contenente Luppolo è  Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Papavero

Sedativi nervosi ed etnobotanica : Papavero

Papavero 

Le fonti più antiche sul papavero da oppio e sull’oppio sono costituite dalle tavolette cuneiformi sumere. I Sumeri che regnarono nel 5000 a.C. in Mesopotamia usavano parole per definire “oppio” e rilievi assiri raffiguravano papaveri da oppio. È noto che il papavero da oppio fu coltivato dai Sumeri nel 3300 a.C. I Sumeri la chiamavano “la pianta della gioia”. Gli Ittiti (2000 a.C.) coltivavano papavero da oppio in Anatolia.

Gli Ittiti lo chiamarono “Hassikka” e si ritiene che questo sia un prenome dell’odierno haşhaş in turco. Inoltre, lo stesso nome si riferisce anche a “dormire” e “tranquillizzare” in lingua ittita. Tra i tanti pani degli Ittiti esiste un pane con miele e semi di papavero.  Una moneta della città, coniata nel 330 a.C. dai Romani a Şuhut, in Turchia, raffigura un frutto di grano e papavero. Inoltre, una dea della città che tiene un mazzo di papavero da oppio, è raffigurata nelle monete Emirdağ e Şuhut . Dioscoride di Anazarba (Kozan, Adana) descrive la coltivazione del papavero da oppio e la produzione di oppio nella sua Materia Medica stampata nel 1° secolo  d.C. Il papavero da oppio è anche considerato una delle piante più antiche d’Europa. I dati archeologici rivelano che il papavero da oppio è stato coltivato e utilizzato nell’Europa occidentale e centrale dal 4600 al 3800 a.C.

Turchia:

Papaver rhoeas L. (Papaveraceae) – papavero rosso o papavero di mais chiamato anche ‘gelincik‘ in Turchia – è una specie annuale della sezione Rhoeadium Kadereit. La specie è ampiamente distribuita in Turchia e utilizzata per il trattamento di varie malattie della medicina popolare in forma di  sciroppo per la tosse dei bambini, come infuso per l’insonnia, sedativo e per alleviare il dolore. Le parti aeree fresche sono anche utilizzate come cibo principalmente nel sud-ovest della Turchia . I fiori di papavero sono utilizzati anche come fonte di coloranti alimentari e per esaltare il sapore delle tisane.

In Turchia, sono stati studiati cinque rimedi erboristici utilizzati come farmaci gastroprotettivi per la loro attività anti-ulcerogenica. I rimedi erboristici studiati comprendono frutti di Elaeagnus angustifolia L. (Elaeagnaceae), frutti freschi di Hibiscus esculentus L. (Malvaceae), radici fresche di Papaver rhoeas L. (Papaveraceae), foglie di Phlomis grandiflora H.S. Thomson (Lamiaceae) e frutti freschi di Rosa canina L. (Rosaceae). Gli estratti sono stati preparati secondo le tradizionali indicazioni d’uso. Papaver somniferum significa “portatore di sonno”, ma il papavero da oppio non è meno sociale del papavero di mais. Anch’ esso “cerca la compagnia delle persone”, che prosperano sulla terra agitata, riapparendo anno dopo anno. Le somiglianze, tuttavia, finiscono qui. Il papavero da oppio è più robusto, è alto un metro o più e appare in tonalità variegate, anche se il bianco, il rosa e il viola sono i più comuni. La sua capsula trasporta una resina carica di alcaloidi, di cui morfina, tebaina e codeina sono le più potenti. Il metodo tradizionale di raccolta è quello di segnare la capsula immatura in modo che la linfa fuoriesca e si essicchi sulla superficie esterna del baccello. La resina indurita appiccicosa viene quindi raschiata via e raccolta per l’uso. Il papavero da oppio è unico. Delle 27.000 diverse piante da fiore nel mondo, solo il papavero da oppio produce morfina. Il papavero da oppio ha un passato misterioso, poiché non è stato identificato alcun antenato selvatico. Le sue origini potrebbero trovarsi in Asia Minore (l’odierna Turchia), o forse nei vicini Balcani, il cuore della prima agricoltura europea. Ci sono alcuni primi indizi, tuttavia, dall’Europa occidentale.

Nel 1865, una capsula di papavero carbonizzata fu recuperata da un villaggio neolitico impegato d’acqua sul lago Pfäffikersee vicino a Robenhausen, nel nord della Svizzera. Datata intorno al 2500 a.C., la capsula sembra essere di una specie intermedia, un papavero da oppio semi-selvatico. Da quel momento, gli archeologi hanno trovato prove della coltivazione dell’oppio-papavero in luoghi simili sul lago in tutta la Svizzera, dal Neolitico all’Età del Bronzo (dal 5500 all’800 a.C. circa). A Egolzwil, sulle rive dell’ex lago Wauwil, a Lucerna, dolci ai  semi di papavero e capolini di papavero di 6.000 anni sono stati rinvenuti tra camini di argilla e ceramiche in case di legno ben conservate. Le ricerche suggeriscono che i papaveri erano più comunemente coltivati qui rispetto al grano o all’orzo.

Un’altra importante scoperta avvenne nel 1935, quando capolini di papavero maturo fossilizzati, in seguito datati al carbonio a circa 4000 a.C., furono scoperti nella “Grotta dei pipistrelli” nel sud della Spagna. Le capsule, insieme a ciocche di capelli, erano nascoste all’interno di cesti di erba intrecciata, deposti fra scheletri umani . Si tratta della  prima prova fino ad oggi di papaveri collocati in una tomba. È probabile che questo sia stato un atto deliberato, poiché l’archeologo Ralph Solecki ha scoperto prove simili da un sito molto più antico in Iraq. Scoprì che il polline presente in una sepoltura all’interno di  una grotta riconducibile all’uomo di Neanderthal, di  6.000 anni fa, proveniva da fiori variamente colorati e sembrava essere stato posizionato intenzionalmente attorno ai resti scheletrici. Notevoli testimonianze sono recentemente arrivate da La Marmotta, sul Lago di Bracciano, un cratere vulcanico pieno d’acqua situato a nord-ovest di Roma.

Nel 1989, gli archeologi hanno portato alla luce i resti di una grande città neolitica composta da abitazioni con canniccio e sostenute da migliaia di pali di quercia, conservati nei sedimenti sul fondo del lago. All’interno di un grande edificio lungo trentadue piedi hanno scoperto una statuetta, scolpita in pietra ollare, di una donna voluttuosa – una cosiddetta statuetta della “Dea Madre” – che potrebbe indicare che l’edificio serviva a scopo religioso. Hanno anche trovato grandi quantità di semi di oppio-papavero ben conservati e baccelli e dischi stigmatici (il “cappuccio” che contiene lo stigma riproduttivo del fiore, che intrappola il polline). I semi sembrano essere di una varietà semi-selvatica, e quindi i papaveri erano molto probabilmente coltivati vicino al villaggio per i loro semi e linfa – e i loro effetti antidolorifici. Datati al 5700 a.C., sono i primi campioni di semi di oppio-papavero trovati in un insediamento umano. Per quasi ottomila anni, il papavero di mais, leggermente narcotico e il papavero da oppio sono cresciuti l’uno accanto all’altro, uniti nella loro dipendenza dalle persone.

Un ottimo rimedio contenente Papavero è  Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui: