Archivio dei tag affaticamento

DiAlessandra Zarone

Acetylcarnitina e Carnitina

Acetylcarnitina e Carnitina

Acetilcarnitina è indicato per:

Affaticamento mentale, perdita di memoria, mancanza di attenzione

L’attuale terapia dei disturbi dell’umore ha diverse limitazioni. Sebbene un elevato numero di farmaci sia clinicamente disponibile, ad oggi, quasi due terzi degli individui non raggiungono la remissione sintomatica completa dopo il trattamento con antidepressivi convenzionali. Inoltre, di solito sono necessarie diverse settimane di trattamento farmacologico per ottenere effetti clinici, una limitazione che ha notevoli implicazioni cliniche, che vanno dall’alto rischio di suicidio alla ridotta conformità. Il caratteristico ritardo nell’efficacia antidepressiva classica ha dato grande impulso alla ricerca di nuove terapie con effetti più rapidi. L-acetilcarnitina (LAC), una piccola molecola di crescente interesse per le sue proprietà farmacologiche, è attualmente commercializzata per il trattamento del dolore neuropatico. Recenti dati preclinici e clinici hanno suggerito che il LAC può esercitare effetti antidepressivi con un esordio più rapido rispetto ai farmaci convenzionali.

L’acetil-carnitina è una sostanza naturale per il corpo. Si forma facilmente nelle cellule con l’aggiunta enzimatica di un gruppo acetile alla carnitina. La carnitina, è una versione modificata della lisina amminoacido. Gli enzimi possono facilmente convertire la carnitina in acetil-carnitina e ritorno, in base alle esigenze metaboliche della cellula. Quindi, all’interno della cellula, acetil-carnitina e carnitina sono essenzialmente intercambiabili. La principale differenza tra acetil-carnitina e carnitina è che l’acetil-carnitina viene assorbita più facilmente dall’intestino e attraversa più facilmente la barriera ematico-encefalica. Come integratore, l’acetil-carnitina ha alcuni vantaggi.

La carnitina svolge un ruolo importante nella combustione dei grassi per l’energia e nel traghettamento degli acidi grassi attraverso le pareti dei mitocondri, dove vengono ossidati e trasformati in energia. Durante il suo viaggio di ritorno dall’interno dei mitocondri, riporta gruppi acetili e altri piccoli frammenti prodotti nell’ossidazione degli acidi grassi. Il ruolo della carnitina nel metabolismo dei grassi lo porta ad influenzare, in una certa misura, tutto l’altro metabolismo energetico nella cellula, compresa la combustione dei carboidrati. In questo modo può essere collegato al metabolismo del glucosio, all’insulina e alla sindrome metabolica. Alcuni autori hanno suggerito che il suo importante ruolo nella combustione dei grassi lo rende anche utile nelle diete per la perdita di peso e la maggior parte della salute generale.

Otteniamo una fornitura costante di carnitina nella nostra dieta, soprattutto se mangiamo carne. (In effetti, il nome carnitina deriva dalla parola latina per carne.) Sebbene la maggior parte delle diete forniamo carnitina più che sufficiente, i nostri corpi hanno la capacità di fare il nostro rifornimento attraverso un’azione enzimatica sull’amminoacido licina. Con questo processo si pensa che anche i vegetariani rigorosi siano in grado di fornirsi quantità adeguate di carnitina1. Ci sono alcune malattie ereditarie in cui la produzione o l’assorbimento della carnitina è carente; tuttavia, queste malattie sono rare.

Poiché la maggior parte di noi lo mangia, e tutti noi lo facciamo, non è del tutto chiaro se sia necessario o addirittura utile integrare le diete di persone sane con carnitina o acetil-carnitina. Ci possono essere circostanze in cui l’integrazione potrebbe essere utile. Ad esempio, è stato scoperto che i livelli di carnitina diminuiscono significativamente man mano che invecchiamo2. Ci sono prove convincenti che 1,5-3 g al giorno di acetil-carnitina possono migliorare la funzione cognitiva degli individui nelle fasi più lievi e iniziali del morbo di Alzheimer. Non è chiaro se l’acetil-carnitina migliora la cognizione dando una spinta all’attività mitocondriale nel cervello, o rendendo disponibili più gruppi acetili da utilizzare nella sintesi del neurotrasmettitore acetilcolina nel cervello. I livelli di acetilcolina sono diminuiti in molte forme di demenza e la maggior parte dei farmaci utilizzati per il trattamento del morbo di Alzheimer aumentano la disponibilità di acetilcolina prevenendo la sua distruzione enzimatica nel cervello.

Recentemente si è scoperto che l’acetil-carntina può essere utile nel trattamento della depressione nei pazienti anziani. Nella maggior parte dei casi, i pazienti anziani negli studi avevano sia depressione che qualche tipo di demenza. Tuttavia, in uno studio, i pazienti erano depressi ma non avevano demenza. Pertanto, gli effetti benefici dell’acetil-carnitina non sono interamente dovuti al miglioramento della funzione cognitiva compromessa. L’acetil-carnitina e la sostanza strettamente correlata alla propionil-carnitina, spesso utilizzata in Europa ma non negli Stati Uniti, possono anche essere utili nel trattamento della sindrome da affaticamento cronico.

Gli enzimi che metabolizzano il grasso nella cellula sono sempre in comunicazione chimica con quegli enzimi che metabolizzano il glucosio. Tale comunicazione può spiegare come la carnitina somministrata per via endovenosa sia in grado di migliorare i livelli di glucosio nel siero e l’utilizzo in pazienti con diabete di tipo II. Un’altra scoperta rilevante è che l’acetil-carnitina può alleviare il dolore e la funzione anomala nei pazienti con neuropatia periferica diabetica. Lo stress ossidativo e le quattro vie primarie di danno che crea, sono principalmente responsabili dei danni neuropatici nel diabete. Recenti prove suggeriscono che l’acetil-carnitina può offrire una certa protezione dai danni ossidativi, e questa protezione può anche estendersi al cervello.

Ci sono prove da studi umani e animali che la carnitina, o la sua forma più facilmente assorbita, l’acetil-carnitina, può in una certa misura migliorare la tolleranza al glucosio, la sensibilità all’insulina, i lipidi sieri e la funzione cognitiva. Può anche offrire una certa protezione dai danni ossidativi. Depressione e affaticamento possono essere migliorati. Forse la caratteristica migliore dell’acetil-carnitina è che è una sostanza naturale con pochissime probabilità di produrre effetti avversi.

Acetil L-carnitina e la L-carnitina sono lo stesso amminoacido, ma in forme diverse. Funzionano anche in modo molto diverso.

L-carnitina è usata più da persone che stanno cercando di perdere peso, come esso aiuta a conversione gli acidi grassi trovati nel corpo in una fonte di energia naturale.

Acetil L-carnitina è la versione acetilata della L-carnitina, che ha la capacità di attraversare la barriera ematoencefalica, che aiuta a migliorare le funzioni del cervello.

La carnitina, derivata da un amminoacido, si trova in quasi tutte le cellule del corpo. Il suo nome deriva dal latino carnus o carne, poiché il composto era isolato dalla carne. Carnitina è il termine generico per una serie di composti che includono L-carnitina, acetil-L-carnitina e propionil-L-carnitina.

La carnitina svolge un ruolo fondamentale nella produzione di energia. Trasporta gli acidi grassi a catena lunga nei mitocondri in modo che possano essere ossidati per produrre energia. Trasporta anche i composti tossici generati da questo organello cellulare per prevenirne l’accumulo. Date queste funzioni chiave, la carnitina è concentrata in tessuti come il muscolo scheletrico e cardiaco che utilizzano gli acidi grassi come combustibile alimentare.

Asparago e carnitina

Si trova nelle regioni native e temperate in Europa, Nord Africa e Asia, l’asparago è coltivato in tutto il mondo come ortaggio. I germogli crescono in teneri steli verdi (e, se al riparo dalla luce solare, bianchi) in primavera. La radice viene raccolta dopo che i germogli sono stati tagliati. Parti usate Radice, germogli. Costituenti Gli asparagi contengono glicosidi steroidei (asparagosidi), glicosidi amari, asparagina e flavonoidi. L’asparagina è un forte diuretico.

A giudicare dagli antichi disegni tombali egiziani, gli asparagi venivano coltivati già nel 4000 A.C. Nel I secolo D.C., il medico greco Dioscoride raccomandava un decotto di radice di asparagi per migliorare il flusso di urina e per trattare problemi renali, ittero e sciatica.

Asparagus officinalis (asparagi)

Parti usate: Giovani germogli, rizomi. Proprietà Un’erba s riparatrice e purificante che agisce sull’intestino, sul fegato e sui reni. Contiene acido asparagusico, che è nematocida. I germogli sono cotti a vapore e serviti caldi o freddi come verdura, e passati o tritati finemente in zuppe.

L’asparago è un forte diuretico utile per una varietà di problemi urinari, tra cui la cistite. È anche utile per le condizioni reumatiche, aiutando a “lavare” i prodotti di scarto accumulati nelle articolazioni fuori dal corpo nelle urine. L’asparago è anche amaro, leggermente lassativo e sedativo. Attenzione Non prendere se si soffre di malattie renali.

E’ un membro della famiglia Liliaceae ed è originario dell’Europa centrale e meridionale, del Nord Africa e dell’Asia occidentale e centrale. Fu coltivato dagli antichi egizi, greci e romani, ma perse la sua popolarità nel Medioevo, riconquistandolo nel XVII secolo.

Varie specie di asparagi sono usate in medicina in modi simili. La maggior parte contiene asparagina, un diuretico che conferisce all’urina un odore caratteristico in coloro che non hanno il gene per scomporlo.

Asparagus  officinalis è un membro della famiglia Liliaceae ed è originario dell’Europa centrale e meridionale, del Nord Africa e dell’Asia occidentale e centrale. Fu coltivato dagli antichi egizi, greci e romani, ma perse la sua popolarità nel Medioevo, riconquistandolo nel XVII secolo.  Oggi è coltivata in tutto il mondo, con gli Stati Uniti come il più grande produttore (una sottospecie distinta, ssp. prostatus è una pianta rara che si trova in alcune parti del Regno Unito e dell’Europa). La parte mangiata è il giovane germoglio o ‘lancia’, che cresce dal portinnesto tra la fine di aprile e l’inizio di luglio e viene tagliato quando 20-30 cm di altezza. I germogli giovani e non emersi vengono talvolta raccolti come asparagi bianchi. L’asparago verde è una delle verdure più deliziose, essendo leggermente cotta e servita con burro, salsa bianca o vinaigrette; gran parte del raccolto è surgelato o in scatola. Gli asparagi verdi freschi contengono circa il 3% di proteine, pochi grassi, il 2% di zucchero, 0,3 mg / 100 g di carotene e 12 mg di vitamina C / 100 g. Gli asparagi bianchi contengono piccole quantità di vitamine e minerali. I germogli che vengono lasciati sul portinnesto si allungano per formare steli molto ramificati di circa 1,5 m di altezza, che portano grappoli di ‘cladodi’ aghiformi (rami modificati che funzionano come foglie) nelle ascelle delle foglie di squama (ridotte). I piccoli figli di sesso maschile e femminile giallastro o verde pallido sono normalmente portati su piante separate, singolarmente o in gruppi di due o tre, alle giunzioni dei rami. Occasionalmente vengono prodotti fiori ermafroditi. Il frutto è una bacca piccola e rotonda, rossa a maturità.

Asparagus cochinchinensis, syn. A. lucidus, Melanthium cochinchinensis (asparagi cinesi)

Apsaragus cochinchinensis è stato menzionato per la prima volta nei testi medici cinesi C. A. D.200. A. officinalis è stato coltivato per oltre 2.000 anni come ortaggio e come erba medicinale con notevoli effetti diuretici e lassativi. In comune con molte piante medicinali popolari, è stato dato il nome di officinalis per riconoscere il suo status di “officinale” – una pianta con una lunga storia commerciale come erba medicinale.

Parti usate: Tuberi (tian men dong). Proprietà Un’erba antibatterica e purificante che controlla la tosse, elimina la congestione bronchiale, lenisce l’infiammazione, agisce come diuretico e aumenta la salivazione. Usi dell’erba medicinale internamente per febbre, debilitazione, mal di gola, tosse, rinite, difterite, tubercolosi e bronchite.

Medicinale internamente per cistite, pielite M, malattie renali, reumatismi, gotta e edema da insufficienza cardiaca. L’acido asparagusico M è usato per trattare la schistomiasi.

Asparago. racemosus (shatavari)

Il nome comune di A. racemosus, shatavari, significa “colei che possiede cento mariti”, e si riferisce all’effetto ringiovanente dell’erba sugli organi riproduttivi femminili. Nelle regioni native e temperate in Europa, Nord Africa e Asia, l’asparago è coltivato in tutto il mondo come ortaggio. I germogli crescono in teneri steli verdi (e, se al riparo dalla luce solare, bianchi) in primavera. La radice viene raccolta dopo che i germogli sono stati tagliati.

È anche utile per le condizioni reumatiche, aiutando a “lavare” i prodotti di scarto accumulati nelle articolazioni fuori dal corpo nelle urine. L’asparago è anche amaro, leggermente lassativo e sedativo.

Parti usate: Rizomi.

Proprietà

Un’erba lenitiva e tonica che agisce principalmente sugli organi riproduttivi circolatori, digestivi, respiratori e femminili. Usi dell’erba medicinale internamente per infertilità, perdita di libido, aborto spontaneo minacciato, problemi di menopausa, iperacidità, ulcere gastriche, dissenteria e infezioni bronchiali.

Esternamente è indicato per rigidità nelle articolazioni e nel collo. L’erba più importante nella medicina ayurvedica per le donne, come ashwagandha (Withania somnifera) è per gli uomini. Utilizzato internamente dagli aborigeni australiani per disturbi digestivi ed esternamente per le piaghe.

Un ottimo prodotto contenente  Acetylcarnitina è Alato 25, disponibile qui o in farmacia.

ALATO 25 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Ginko Biloba

Ginko Biloba

L’albero di Ginkgo (Ginkgo biloba L.), è l’unico  sopravvissuto della famiglia delle Ginkgoacee, apparsa più di 150 milioni di anni fa, ed è spesso chiamato un ”fossile vivente”. Si estinse in Europa durante l’era glaciale. Il suo nome deriva dalle parole cinesi sankyo o yin-kuo, che significa “albicocca di collina” o “frutto d’argento”, a causa dei frutti maturi a forma di albicocca e colore giallo.

Sebbene G. biloba e altre specie del genere fossero un tempo diffuse in tutto il mondo, si ridussero due milioni di anni fa in una piccola area della Cina nella provincia di Zhejiang nella Cina orientale, nella riserva di Tian Mu Shan. La foglia di ginkgo è il simbolo della scuola Urasenke della cerimonia del tè giapponese. L’albero è l’albero nazionale della Cina.

Nella medicina cinese, Ginkgo biloba (Ginkgoaceae) è stato usato per trattare la perdita di memoria a breve termine, vertigini e mancanza di attenzione, disturbi polmonari. La resistenza estrema sembra essere una caratteristica degli alberi di ginkgo, in quanto è resistente a insetti, microrganismi dannosi, tossine ambientali della civiltà moderna.

La prima pubblicazione riguardante l’uso interno delle foglie di Ginkgo biloba per scopi medici risale al 1505 d.C. in un testo di Wen-Tai, Ben Cao Pin Hue Jing Yaor. G. biloba era utilizzato per trattare i membri anziani della corte reale. Le moderne farmacopee cinesi hanno introdotto le foglie di Ginkgo biloba per il trattamento delle disfunzioni del cuore e dei polmoni.

Medicina folclorica

Un importante uso tradizionale cinese del ginkgo è nel trattamento dell’asma bronchiale.

Foglie e frutti vengono raccolti in autunno. Le noci all’interno dei frutti sono una prelibatezza in Asia e sono vendute nei negozi di alimentari asiatici, possono essere arrostite o bollite, aggiunte alle pietanze o consumate come spuntino.

I semi di Ginkgo sono usati per alleviare il respiro asmatico e ridurre la flemma, sono indicati per perdite vaginali, vescica indebolita e incontinenza.

La polpa del frutto viene macerata in olio vegetale e dopo cento giorni viene assunta per via orale per la tubercolosi. L’estratto in acqua calda del frutto è preso come antielmintico. L’estratto in acqua calda della foglia viene assunto per via orale come vermifugo, per l’asma e la senilità. I semi crudi vengono mangiati e il decotto del seme viene assunto per via orale per il cancro. I semi, fritti in padella, vengono mangiati per la tubercolosi.

Il seme è anti-tosse, espettorante, antiasmatico e nell’infiammazione della vescica. In Cina, le foglie di Ginkgo biloba sono state utilizzate anche nell’asma e nei disturbi cardiovascolari.

Iran

 

L’estratto in acqua calda delle foglie secche viene assunto per via orale per i disturbi della vista, associati ad anomalie della circolazione sanguigna, infiammazione e per migliorare la perdita di memoria. Gli estratti di etanolo (90% e 95%) sono assunti per via orale come dilatatore arterioso e stimolatore della circolazione arteriosa.

 Corea

L’estratto in acqua calda del seme viene assunto per via orale per indurre il travaglio e come abortivo.

La scoperta di Ginko biloba

Il medico e botanico tedesco Engelbert Kaempfer descrisse per la prima volta l’albero nel suo libro “Amoenitatum Exoticarum”, 1712, dopo una visita in Giappone. Il primo albero di ginkgo europeo fu piantato a Utrecht, in Olanda, nel 1730, e nel 1800 il gingko si era naturalizzato in tutta Europa. Si ritiene che il più antico albero di ginkgo in Germania (circa 200 anni) si trovi sul terreno del castello di Wilhelmshohe vicino alla città di Kassel. Goethe scrisse una poesia Ginkgo biloba sulla foglia di ginkgo bilobata nel 1815 dopo aver camminato per i terreni del castello di Heidelberg, e fece piantare diversi alberi di ginkgo vicino alla sua casa estiva a Weimar. L’albero di Ginkgo era tra le specie di piante che si rigenerarono attivamente dopo l’esplosione della bomba atomica di Hiroshima del 1945. Almeno fino al 1993, un esemplare è rimasto nel giardino Shukukein che si trova a circa 1.400 metri dall’ipocentro dell’esplosione.

Molti prodotti G. biloba sono entrati nel mercato e l’estratto di G. biloba è ora tra i farmaci a base di erbe più venduti in tutto il mondo. Oggi vengono coltivati oltre 50 milioni di alberi di G. biloba, in particolare in Cina, Francia e Carolina del Sud negli Stati Uniti, producendo circa 8000 tonnellate di foglie essiccate ogni anno. In India, G. biloba è visto ad alta quota in Kumaun Himalaya.

Usi medicinali contemporanei

Recentemente, l’estratto di G. biloba è stato utilizzato come uno dei potenziali rimedi erboristici per migliorare le funzioni cognitive e per trattare il morbo di Alzheimer e i sintomi dell’insufficienza cerebrale.

I cinesi usano la pianta in medicina da millenni, ma molte delle applicazioni moderne provengono dalla ricerca di scienziati tedeschi.

 Le foglie e il loro estratto sono utilizzate per curare la cattiva circolazione e per equilibrare il flusso sanguigno al sistema nervoso centrale. L’attuale medicina cinese utilizza estratti di foglie di ginkgo nelle medicazioni per ferite. Le proprietà vasoattive dei principi del ginkgo possono svolgere un ruolo in questa applicazione. Le foglie verdi essiccate dell’albero di ginkgo forniscono il farmaco grezzo da cui si ottengono gli estratti di ginkgo. Le foglie possono essere raccolte da alberi coltivati o dallo stato selvatico.

  • Ginko biloba rallenta il deterioramento cerebrale e offre una protezione contro ictus, perdita di memoria, acufene, ipertonia e angina pectoris.
  • È utile in caso di demenza, deficit di memoria, disturbi della concentrazione, depressione, vertigini, acufene e mal di testa.
  • Aumenta la tolleranza all’ipossia e presenta un effetto anti-ischemico, migliora la fluidità del sangue, diminuisce l’aggregazione piastrinica ed eritrocitaria, riduce la viscosità del plasma e del sangue. L’estratto diminuisce anche la permeabilità dei capillari e protegge la membrana cellulare, intrappolando i radicali liberi deleteri.
  • Il farmaco viene utilizzato per le funzioni cerebrali disturbate che provocano vertigini e mal di testa, con labilità emotiva e ansia. Il ginkgo ha dimostrato di migliorare la concentrazione e i deficit di memoria a causa della malattia arteriosa occlusiva periferica.

Studi clinici

 

L’estratto di G. biloba è derivato dalle foglie essiccate dell’albero di ginkgo, dove l’estratto vegetale standardizzato contiene il 24% di ginkgo-flavonglicosidi e il 6% di ginkgo-terpenoidi lattoni come costituente attivo che hanno effetti neuroprotettivi e vasotropici

Tradizionalmente, G. biloba è stato usato come agente nootropico e antiossidante nell’insufficienza cerebrovascolare, principalmente in pazienti con deterioramento cognitivo. Prove recenti hanno dimostrato l’effetto ansiolitico di G. biloba. Nel presente studio, l’assunzione giornaliera di 120 mg di G. biloba per 6 settimane ha ridotto i livelli di ansia in un gruppo di rifugiati.

I risultati di questo studio hanno dimostrato che l’EGb 761 potrebbe migliorare l’efficienza degli antipsicotici, in particolare sui sintomi positivi, nei pazienti con schizofrenia.

 

Diversi studi hanno studiato il ruolo di G. biloba nel migliorare l’affaticamento fisico. È stato dimostrato che G. biloba migliora i sintomi di affaticamento, la resistenza fisica e le attività della vita quotidiana. I rifugiati sono ad alto rischio di sviluppare affaticamento fisico che può limitare le loro attività quotidiane a causa della mancanza di: cibo adeguato e sano, alloggi confortevoli, farmaci, ore di sonno e di avere una scarsa qualità di vita.

Ginko biloba è stato prescritto globalmente nell’insufficienza cerebrale associata a disfunzione cognitiva, che si manifesta clinicamente come demenza e mancanza di concentrazione, specialmente in volontari sani, anziani e pazienti con malattia di Alzheimer. L’estratto di Ginkgo biloba è stato utilizzato terapeuticamente per diversi decenni per aumentare il flusso sanguigno periferico e cerebrale, nonché per il trattamento della demenza.

Ginkgo biloba ha i seguenti effetti farmacodinamici:

  • È un antiossidante
  • Provoca vaso regolazione
  • Inibisce l’aggregazione piastrinica
  • Riduce l’edema cerebrale
  • Migliora il recupero funzionale dopo ischemia
  • Migliora, accelera e prolunga l’attivazione della microglia e dell’astrocitosi nel sito della lesione cerebrale.

 

L’estratto di Ginkgo biloba EGb 761

Intorno al 1965, i preparati di G. biloba furono introdotti nel mondo occidentale dal Dr. Willmar Schwabe scoprì che gli estratti dalle foglie di Ginkgo biloba erano efficaci per il trattamento dei disturbi arteriosi periferici e cerebrali soprattutto nei pazienti anziani, di conseguenza ha proceduto a sviluppare un estratto standardizzato, designato con il nome in codice EGb 761. Un primo brevetto è stato concesso per l’estratto nel 1971 in Germania e nel 1972 in Francia, con cui l’estratto di Ginko è stato arricchito di glicosidi flavonolici al 24%. Un ulteriore brevetto è stato concesso nel 1989 caratterizzato dal’aggiunta di trilattoni terpenici al 6% e rimozione di componenti indesiderati dall’estratto, come gli acidi ginkgolici, che sono noti allergeni. La ricerca scientifica più specifica e significativa su EGb 761 è stata avviata alla fine degli anni 1970 quando sono diventati disponibili modelli patologici adatti.

A seguito del miglioramento dei metodi esistenti e della disponibilità di tecnologie più sofisticate, è stato fatto uno sforzo supremo per aumentare le conoscenze riguardanti tutti gli aspetti scientifici di EGb 761, dalla biologia dell’albero e della sua coltivazione all’ottimizzazione della qualità dell’estratto e alla scoperta dei segreti dei suoi meccanismi d’azione.

I flavonoidi del ginkgo, per lo più derivati della rutina, sono efficienti spazzini dei radicali liberi. Sappiamo da studi sperimentali su animali e umani che la rutina alza la soglia per l’infiltrazione di sangue dai vasi capillari, un effetto generalmente descritto come diminuzione della fragilità capillare. I ginkgolidi inibiscono il fattore di attivazione piastrinica (PAF). Bioregolatore sintetizzato nelle membrane cellulari dei mammiferi in risposta a vari stimoli, il PAF media varie risposte fisiologiche e, quando eccessivo, può avviare processi fisiopatologici. Induce l’aggregazione piastrinica nel sangue e funziona come mediatore chiave nei processi infiammatori allergici. I recettori PAF sono stati rilevati in vari tessuti, incluso il cervello. L’aggregazione piastrinica indotta da PAF è nota per verificarsi in zone di ischemia incompleta, ad esempio alla periferia di un’area infartuata.

La somministrazione sistemica dell’estratto di Ginkgo biloba ha dimostrato di migliorare il recupero funzionale dopo una varietà di lesioni. Ha effetti protettivi, tra cui la sua azione anti-ischemica-antiedema, l’attività di pulitura dei radicali liberi. Inoltre, l’estratto di Ginkgo biloba potrebbe manifestare i suoi effetti benefici attraverso la modifica della proliferazione indotta da lesioni Quando si verifica un danno tissutale, gli astrociti e le microglia sono le prime cellule ad essere attivate. Fino a poco tempo fa, si credeva che il ruolo degli astrociti nel cervello ferito fosse limitato alla formazione di tessuto cicatriziale, separando la morte dal tessuto sano. Si pensava che le cellule microgliali fossero confinate a una funzione principalmente fagocitica, cioè la rimozione di detriti tissutali dopo un trauma. Ora, è ampiamente riconosciuto che gli astrociti e le microglia svolgono un ruolo più fondamentale nel processo di recupero ristabilendo l’omeostasi, sintetizzando e rilasciando sostanze neuro attive e innescando una reazione immunitaria orchestrata all’interno del cervello stesso. Questi eventi sono chiamati attivazione gliale.

Negli studi sugli effetti farmacologici di G. biloba, in particolare sugli effetti nel sistema nervoso centrale, rivelano che EGb 761 :

  • Migliora la cognizione
  • Ha affetti antiossidanti
  • Aumenta il flusso sanguigno cerebrale
  • Modifica la neurotrasmissione e protegge contro l’apoptosi.

 

Diversi studi clinici per l’utilizzo di EGb 761 per il trattamento della demenza e delle funzioni cognitive associate all’Alzheimer, hanno concluso che EGb 761 ha un significativo effetto sulle misure oggettive della funzione cognitiva nei malati di Alzheimer, senza effetti avversi significativi. Sono stati studiati gli effetti di diversi costituenti degli estratti di Ginkgo biloba, cioè flavonoidi e terpenoidi, contro la tossicità indotta sulle cellule dell’ippocampo, un’area cerebrale particolarmente suscettibile ai danni neurodegenerativi. EGb 761 media gli effetti neurotossici del glutammato che sono implicati in lesioni cerebrali ipossiche / ischemiche.

Ci sono prove di efficacia per l’estratto standardizzato EGb 761, nel trattamento dell’acufene da tre studi in pazienti in cui l’acufene era la lamentela primaria. L’acufene si verifica occasionalmente in circa il 10 % della popolazione e influisce significativamente sulla qualità della vita in circa l’1 %. La sensazione uditiva può essere molto fastidiosa, tanto che il paziente soffre di una compromessa capacità di concentrazione e relax, tale disturbo influisce sull’umore, causa depressione, rabbia e ansia. L’efficacia di EGb nel trattamento delle vertigini e dell’acufene, non associati alla demenza, è stata testata in otto studi con risultati per lo più positivi. Un recente studio in doppio cieco controllato con placebo in 99 pazienti ambulatoriali ha confermato l’efficacia terapeutica dell’estratto di ginkgo per questa indicazione.

 

EGb 761 È un noto inibitore del fattore di attivazione piastrinica (PAF), che è importante nella patogenesi dell’asma. Ginko biloba può essere utile per il trattamento dell’asma.

Recentemente, l’attività antibatterica di metanolo, etanolo, cloroformio ed estratti di esano delle foglie di G. biloba dell’Himalaya è stata valutata rispetto a cinque ceppi patogeni animali e vegetali: Agrobacterium tumefaciens, Bacillus subtilis, Escherichia coli, Erwinia chrysanthemi e Xanthomonas phaseoli.

Oltre a questi usi medicinali molto specifici, l’estratto di foglie di Ginkgo ha proprietà neuroprotettive, cardioprotettive, antistress, miglioramento della memoria, effetti su disturbi geriatrici e disturbi psichiatrici. Ha proprietà anticancro, previene la  degenerazione maculare legata all’età , cura ansia e depressione.

L’estratto di foglie di Ginkgo viene utilizzato sia come antiossidante, anti-piastrinico, anti-ipossia, anti-edematoso, antibatterico, afrodisiaco, in quanto contiene    dozzine di composti chimici, tra cui flavonoidi e lattoni terpenici, che sono considerati i composti attivi. Sebbene le azioni farmacologiche di questi composti non siano ancora note, numerosi studi suggeriscono che il Ginkgo biloba ha i seguenti effetti farmacodinamici:

  • Vasoregolazione
  • Antagonismo del fattore di attivazione piastrinica
  • Regolazione dei neurotrasmettitori
  • Proprietà antiossidanti

 

EGb 761 ha effetti diretti contro la necrosi e l’apoptosi dei neuroni e migliora la plasticità neurale. A livello molecolare e cellulare, alcune evidenze ottenute con modelli animali indicano che EGb 761 può interagire come spazzino dei radicali liberi e inibitore della perossidazione lipidica, regola l’equilibrio ionico nelle cellule danneggiate ed esercita una specifica e potente attività antagonista del fattore di attivazione piastrinica. Numerosi studi clinici ben controllati, realizzati in Europa e negli Stai Uniti, hanno rivelato che EGb 761 è una terapia efficace per un’ampia varietà di disturbi della funzione cerebrale, che vanno dalla compromissione cerebrale di origine vascolare ischemica (cioè demenza multi-infartuale), declino cognitivo precoce a casi da lievi a moderati dei tipi più gravi di demenze senili, incluso il morbo di Alzheimer.

Alcuni studi clinici hanno dimostrato che il trattamento con EGb 761 può migliorare la capacità dei pazienti geriatrici di far fronte allo stress della vita quotidiana, in quanto facilita l’adattamento comportamentale allo stress e può diminuire l’eccesso di rilascio di cortisolo.

Per quanto riguarda il sistema visivo, studi sperimentali hanno dimostrato che EGb 761 può inibire o ridurre i disturbi funzionali della retina derivanti da ischemia-riperfusione, foto degenerazione, retinopatia diabetica o proliferativa.

Studi clinici hanno rivelato che EGb 761 può essere utile nel trattamento di disturbi dell’attività visiva e danni al campo visivo associati a insufficienza cerebrovascolare cronica, degenerazione maculare senile e diabete mellito.

Studi adeguatamente controllati in pazienti con malattia occlusiva arteriosa periferica hanno fornito buone prove dell’efficacia terapeutica nella claudicatio intermittente.

Ha un effetto antiossidante nella lesione cerebrale ischemica.

La monografia della Commissione E del 1994 riassume le azioni farmacologiche sperimentalmente documentate di EGb 761 come segue:

 

  • Aumenta la tolleranza all’ipossia, specialmente nel tessuto cerebrale
  • Inibisce lo sviluppo di edema cerebrale post-traumatico o indotto da tossine e ne accelera la risoluzione.
  • Riduce l’edema retinico e le lesioni retiniche
  • Inibisce il fattore di attivazione piastrinica (PAF) ed esercita un effetto neuroprotettivo

 

Gli effetti collaterali sono molto rari e consistono in lievi disturbi gastrici, mal di testa o reazioni allergiche cutanee. Non ci sono interazioni note con altri farmaci. Sette casi di emorragia in pazienti che assumevano prodotti contenenti ginkgo sono stati riportati in letteratura. L’antagonismo dei ginkgolidi al fattore di attivazione piastrinica è stato citato come possibile causa. Non c’è stato alcun caso in cui un nesso causale definito possa essere stabilito tra emorragia e uso di ginkgo. Nonostante alcune preoccupazioni teoriche sul potenziale di interazione con farmaci che fluidificano il sangue, diversi studi di interazione nell’uomo non hanno mostrato prove di interazioni con l’aspirina o con l’anticoagulante di tipo fenprocumone.

Il futuro di EGb 761 è senza dubbio nella promessa di rallentare la progressione della malattia di Alzheimer. In effetti, due recenti studi clinici americani hanno dimostrato l’efficacia e la sicurezza di EGb 761 in pazienti con malattia di Alzheimer da lieve a grave e demenza multi-infartuale. In termini clinici, la progressione dei sintomi è stata ritardata di circa sei mesi. In realtà nuovi studi clinici sono intrapresi negli Stati Uniti e in Europa.

A causa del travolgente successo di EGb 761 in Europa e del crescente interesse per i “farmaci naturali”, un gran numero di estratti di Ginkgo biloba (diversi da EGb 761) sono stati commercializzati, sia negli Stati Uniti ai sensi del “Dietary Supplement Health and Education Act” che in Europa come “prodotti dietetici, omeopatici e / o fitoterapici”.

Un ottimo estratto di Ginko biloba EGb 761 è BioAttivo Biloba, disponibile qui Ginkgo Biloba – Memoria – Microcircolazione (pharmanord.it)o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Gli agrumi nella tradizione folclorica

Gli agrumi nella tradizione folclorica

Il termine agrumi ha avuto origine dalla forma latina di “Kedros“, una parola greca che denota alberi come cedro, pino e cipresso. Poiché l’odore delle foglie e dei frutti di agrumi ricorda quello del cedro, il nome agrumi è stato associato al cedro. Linneo raggruppò tutte le specie di agrumi a lui note nel genere Citrus. L’evoluzione del moderno spazzolino da denti ha la sua origine nei bastoncini di agrumi da masticare, che venivano utilizzati dai Babilonesi già nel 3500 a.C. Nella mitologia greca gli agrumi sono chiamati esperidi. L’origine suggerita dei veri agrumi è il sud-est asiatico, compresa la Cina meridionale, l’India nord-orientale e la Birmania. Gli ebrei dell’antico Israele identificarono il cedro come il “Frutto dell’albero buono“, Levitico, verso 23: 40. Il nome della specie è medica, ciò indica che Linneo attribuì l’origine del cedro a Media, una vasta regione dell’antica Persia nord-occidentale, l’odierno Iran, e non si riferì, come a volte erroneamente si pensa, al valore medicinale del frutto. Più recentemente, è stato determinato che il cedro è uno dei tre agrumi primordiali, gli altri sono mandarino e pomelo. Incroci interspecie tra questi tre frutti hanno portato allo sviluppo della vasta gamma di agrumi, dalle arance ai limoni ai tàngelo, gruppo di agrumi originati dall’ibridazione artificiale di alcune varietà di mandarino con diverse varietà di pompelmo. I punti di origine di tutte e tre le specie di agrumi fondatrici sono probabilmente la Cina sud-occidentale e l’India nord-orientale. Alessandro Magno portò il cedro dalla Persia al bacino del Mediterraneo intorno al 300 a.C., probabilmente per uso medicinale. Gli Ebrei che vivevano in Babilonia nel VI secolo a.C. usavano il cedro nei rituali religiosi. I governanti persiani nell’antica Palestina e Giudea introdussero il cedro nel Mediterraneo orientale. Fonti greche, romane, arabe ed ebraiche, dall’antichità al medioevo, si riferiscono tutte al cedro come fonte vegetale di ampio valore medicinale. Estratti e preparati del frutto e dei semi erano particolarmente apprezzati per la loro attività antitossica, sebbene frutta e foglie intere fossero anche usati come repellenti per gli insetti. Maimonide, nel XIII secolo nel suo Trattato sulla guarigione menziona i semi di cedro macinati, applicati freschi o secchi in un impiastro con radice di colocinto, Citrullus colocynthis, come particolarmente efficaci contro il veleno dello scorpione. Il suo contemporaneo ibn Taysan, Saladino da Ascoli, XII secolo, nel Compendium aromatariorum, raccomandava una riduzione del succo di cedro per contrastare il veleno in generale, nonché per migliorare la funzionalità epatica e cardiaca, come ingrediente nel lavaggio degli occhi. Estratti di semi, foglie e germogli sono usati come vermifugo. Gli oli essenziali nella buccia hanno qualità antisettiche e antibiotiche. I cedri sono posti negli armadi dei vestiti e nelle casse di stoccaggio per proteggere i tessuti dalle tarme e da altri insetti. La parte bianca viene mangiata per migliorare la digestione, mentre gli estratti di frutta e le foglie aiutano a ridurre i sintomi del cancro di Alzheimer diabete, ulcere, reumatismi e spiriti maligni. Mangiare la buccia cruda, zuccherata o una marmellata a base di cedro era consuetudine della festività Sukkot, in quanto si pensava facilitasse il parto.

Nei paesi mediterranei, scopriamo che le specie di agrumi hanno un posto importante non solo nella dieta ma anche nell’automedicazione. Il limone, in particolare, sembra costituire una sorta di panacea per tutti i mali e molti dei suoi usi si basano su credenze popolari, ad esempio per trattare oftalmie fette di limone vengono applicate alle tempie per un periodo di tempo sufficiente a indurre la combustione, nelle febbri tifoidi le fette di limone arrosto vengono applicate sulla fronte .Altri usi si trovano nella medicina tradizionale e hanno uno scopo terapeutico: 10 per cento di essenza di bergamotto in alcool a 70° come antisettico locale; acqua distillata di C. aurantium var. dulcis L. e sciroppo di Capsella bursa pastoris, come antiemorragico, nella menorragia durante la pubertà e la menopausa.

L’Aqua Nanfa medievale, dal latino medievale aqua nanfa e dall’arabo nafhah “odore, profumo” è nota per la sua azione lenitiva, antisettica, rinfrescante e deodorante; l’olio di arancia dolce ha un’azione sedativa. Oltre alle preparazioni di forme galeniche, le suddette specie di agrumi sono incluse in numerose specialità medicinali provenienti da tutto il mondo, non solo come esaltatori di sapore e odore, ma anche per il loro contenuto di vitamina C, la loro azione amaro-tonica e il loro effetto antispasmodico.

Usi popolari di Citrus sinensis:

L’arancio dolce (Citrus sinensis) è un piccolo albero sempreverde alto 7,5 m e talvolta fino a 15 m. Citrus sinensis (Cs) appartiene alla famiglia delle rutaceae, genere citrus, specie Citrus sinensis (L.) Osbeck. Il frutto è originario della Cina meridionale, dell’India nord-orientale e dell’Asia meridionale precedentemente Indocina.

Le bucce di agrumi sono state utilizzate nella medicina popolare per la gestione di alcune condizioni degenerative, sebbene ci fossero informazioni limitate sul meccanismo di tali proprietà medicinali. Le bucce consumati in alcuni paesi sotto forma di caramelle, vini, infusi e additivi. Citrus sinensis (Cs) è utilizzato nella medicina popolare per combattere virus. In Turchia, le persone consumano Citrus sinensis in caso di influenza.

Nella medicina popolare ci sono svariati usi delle arance, che vengono mangiate per placare la febbre, la polpa tostata viene preparata come impiastro per le malattie della pelle, la buccia fresca viene strofinata sull’acne. Un’infusione del frutto acerbo viene presa per alleviare i disturbi di stomaco e intestinali. Un decotto di foglie e fiori secchi viene somministrato in Italia come antispasmodico, sedativo cardiaco e antiemetico. La corteccia interna macerata e infusa nel vino viene presa come tonico. Un decotto di semi d’arancia decorticati è prescritto per i disturbi urinari in Cina. La buccia d’arancia è usata dal punto di vista medico contro i funghi. In Ecuador, l’estratto di semi d’arancia viene somministrato come trattamento per la malaria. Anche se è noto per causare depressione respiratoria.

India:

Gli agrumi sono erbe ben note utilizzate nella tradizione ayurvedica per la loro efficacia contro una vasta gamma di malattie, comprese le infezioni della pelle. L’Atharvaveda, uno dei più antichi archivi di conoscenza umana, ha elencato i principali usi di un piccolo numero di farmaci, tra cui la buccia d’arancia amara, che in India è usata come agente aromatico, stomachico, tonico, astringente e carminativo, e il limone, che viene usato come aroma e per i suoi effetti carminativi e stomachici. Il frutto acerbo di Lime, Citrus aurantifolia Swingle. è usato come tonico, cardiotonico, lassativo, antielmintico, per combattere la stanchezza. Il frutto maturo è usato come dolcificante, lassativo e afrodisiaco. La buccia come antielmintico (capace di uccidere vermi parassiti intestinali). Un decotto di fiori è indicato nelle cure popolari per placare la febbre, il succo è usato come tonico e per trattare i casi di gonfiore della milza. Diverse varietà di agrumi sono utilizzate nella farmaceutica e terapeutica ayurvedica. C. medica Linn. (Bijapur), Cedro, è usato come antipasto, cardiostimolante e antiemetico. C. Jambhiri, o Citrus kulu, appartiene alla famiglia dei limoni. E’ usato come antidiarroico, migliora la digestione. Nella Rasashastra (farmaceutica ayurvedica), queste varietà sono utili nelle procedure di purificazione, incenerimento e levigazione essenziali per la preparazione di diverse formulazioni ayurvediche. Citrus sinensis è una delle piante medicinali importanti che si trovano ampiamente nel distretto di Shahjahanpur. Questa pianta è prescritta nel sistema indigeno di medicina per il trattamento di vari disturbi.

Cina:

Il frutto essiccato di Citrus sinensis è incluso fra le erbe antishock, era comunemente usato per trattare l’indigestione, la distensione addominale, la ptosi dell’ano e dell’utero. Il frutto è emetico, anti-tosse, diaforetico, digestivo, carminativo, espettorante, antidiarroico, antitumorale, disturbi di stomaco. Secondo la tradizione cinese, i frutti non completamente maturi, Zhiqiao, di Citrus aurantium L., C. aurantium L. var. amara Engl. o C. Wilsonii Tanaka disperdono l’energia vitale stagnante, hanno un effetto espettorante e facilitano la digestione. Sono principalmente usati per trattare l’eccessivo accumulo di catarro, angoscia toracica, distensione della regione costale, dispepsia, eruttazione, vomito, dissenteria con tenesmo e prolasso dell’utero o del retto.

Indonesia, Filippine, Vietnam:

La buccia o il succo di frutta di varie specie di agrumi sono impiegati nella medicina tradizionale come stomachico, carminativo, antiscorbutico, antiemetico, diuretico ed espettorante. Un decotto di buccia viene utilizzato per tosse, raffreddore, dispepsia, come antidoto per il veleno di pesce e in unguenti per acne ed eczema. Alcuni succhi (probabilmente acidi) sono impiegati come gargarismi per il trattamento di gole doloranti, infiammate o suppurate e per pulire le ferite. Le foglie sono considerate sedative e antispasmodiche, mentre un decotto delle foglie viene applicato caldo per trattare dolori e gonfiori. L’arancia amara è usata in Vietnam come diaforetica e purgativa, nelle Filippine come alimento per i malati, in particolare in condizioni febbrili, infiammatorie e in caso di Scorbuto.

Agrumi nella medicina tradizionale africana:

Citrus sinensis, in Igbo si chiama “ape uta, è utilizzato in caso di malaria, convulsioni infantili, diarrea, dissenteria, gonorrea, epilessia, tonsillite, infezioni fungine, malattie mentali e infezioni da vermi. Nella parte sud-orientale della Nigeria, Citrus sinensis è usato per gestire la malaria e le malattie della pelle. Estratti di foglie di Citrus sinensis sono stati utilizzati nella medicina popolare locale per trattare le malattie neurologiche. Estratti di foglie di Citrus sinensis sono stati utilizzati nella medicina popolare locale nigeriana per trattare le malattie neurologiche. Aveva anche attività sedativa con estratto metanoico. I frutti di CS sono usati fondamentalmente come cibo a causa della presenza di molte vitamine. Tuttavia, gli estratti ottenuti dalle foglie e dalle bucce di frutta vengono utilizzati per uccidere larve di zanzara e acari, come agenti antimicrobici e antifungini. Gli estratti di foglie sono stati anche usati nella medicina popolare per trattare il diabete, disturbi neurologici e per facilitare la digestione. Viene anche usato tradizionalmente in combinazione con il miele per il trattamento dell’anemia falciforme nei bambini e in combinazione con altre piante per il trattamento della malaria.

Citrus sinensis, in Cameron, è la pianta antimalarica più comune di questa famiglia. Un decotto viene preparato dalle radici.

La buccia di Citrus Senensis ha molte proprietà medicinali ed è ampiamente utilizzata contro vari disturbi, come coliche, mal di stomaco, cancro, diuretico, immuno – potenziante, stomachico, tonico del sistema digestivo. È anche usato per trattare e prevenire carenze vitaminiche, raffreddori, influenza e scorbuto, aiuta a combattere le infezioni virali e batteriche. Ha una potente attività antibatterica contro Pseudomonas aeruginosa, Staphylococcus aureus, Staphylococcus epidermidis, Shigella flexineri, Bacillus subtilis ed Escherichia coli.

In Arabia Saudita il frutto di Cedro, Citrus medica L. var. turung Bonavia è usato per mal di stomaco e febbre. Un’infusione concentrata del frutto mescolato con sale e miele viene utilizzata contro la tosse.

L’arancio amaro, Citrus aurantium, è coltivato in Nord Africa. Un’infusione della buccia viene utilizzata per dolori di stomaco e dissenteria, come digestivo, antispasmodico, diaforetico e lieve sedativo, mentre i fiori secchi in infuso sono usati come sedativo nervoso e antispasmodico (isteria, spasmi, singhiozzo), antidiarroico e stimolante. L’acqua distillata dai fiori viene data ai bambini per calmarli e aiutarli a dormire. La radice è usata come trattamento del morso di serpente, per alleviare i dolori addominali, per trattare la gonorrea (come decotto) e come afrodisiaco (cotto con carne). Il succo ottenuto dalle foglie viene spremuto nell’orecchio per il mal d’orecchio.

In Sud Africa il succo di limone, Citrus limon, è usato con il sale come rimedio per la tigna, nel Transvaal con il miele come rimedio per la tosse e con lo zenzero per il raffreddore. Le donne swahili applicano il succo alla vagina per produrre contrazione dopo il parto.

Le foglie di lime, Citrus aurantifolia, sono un rimedio malese per il mal di testa e l’infusione viene utilizzata per le febbri con leggero ittero e febbre biliare. Il succo di frutta è un sollievo dalla tosse, un tonico e un rimedio per il mal di stomaco e viene utilizzato esternamente come detergente e stimolante epidermico. Le fette di lime tostate vengono applicate a piaghe croniche.

Nell’Africa occidentale i preparati di foglie di Citrus aurantium (arancio amaro) sono usati come gargarismi e per il trattamento della polmonite, febbre malarica malattie degli occhi (bollite con foglie d’arancia), febbre con ittero, gonorrea (come bagno di vapore), mal di testa, febbre biliare (con foglie di Ocimum, Basilico) e mal di stomaco (con Areca catechu, Palma di Betel) e come collutorio. La buccia di C. medica o C. acida viene utilizzata contro l’elmintiasi e la corteccia radicale di C. nobilis (Mandarino) come antireumatico.

Agrumi nella medicina tradizionale araba:

Nella medicina araba il succo, la frutta secca e fresca, la buccia e la corteccia di lime sono usati come rimedi per cataratta, raffreddore e febbre, dolori al petto e mal d’orecchi e come stomachico.

Una varietà di arancia dolce (Safargal) coltivata in Oman e il suo frutto è considerato un tonico generale per lo stomaco e mangiata 2-3 volte al giorno viene utilizzata nel trattamento dell’ittero. L’odore della pianta o del frutto del safargal è ritenuto curativo per il cuore. Nello Yemen la buccia d’arancia viene consumata a colazione, mescolata con il latte per rendere lo stomaco forte e stimolare l’appetito; si ritiene che la polpa del frutto rafforzi il cuore.

In Iran, La specie Citrus sinensis (L.) Osbeck (arancia) è usata nella medicina popolare come infuso per il trattamento di irritazione nervosa, insonnia, spasmi, pertosse, problemi gastrointestinali.

Agrumi nella medicina tradizionale del Nuovo Mondo:

Dopo la scoperta dell’America, la coltivazione delle specie di agrumi più utilizzate si diffuse nel Nuovo Mondo. Ci sono prove documentali della presenza di piantagioni di arance amare a Vera Cruz e in Messico nella seconda metà del XVI secolo, mentre pochi anni dopo (1568) in America c’erano piantagioni di limoni e arance dolci. La coltivazione si estese gradualmente in Florida, Louisiana, California, ecc. e oggi le specie originariamente naturalizzate e le numerose varietà da esse derivate sono così diffuse in tutti gli Stati Uniti che gli agrumi hanno un posto non solo nella dieta ma anche nella medicina tradizionale. In America la frutta, la buccia e gli oli di arancia amara e arancia dolce sono usati come carminativo, aromatico e stomachico. La buccia d’arancia e l’olio sono usati come aromatizzanti in alimenti, bevande e medicine e il succo come fonte di vitamina C. Il frutto del lime (C. Limetta Risso) è usato più per aromatizzare che per medicinalmente, mentre il succo è usato come anti-scorbuto. In Messico le foglie di arancio amaro (naranjo agrio) sono utilizzate per le loro proprietà antispasmodiche, toniche e febbrifughe e nel trattamento dell’eccitazione nervosa, delle palpitazioni e dell’epilessia. P. Font Quer, un botanico spagnolo nonché farmacista e chimico, che si è distinto come uno dei nomi più importanti della scienza botanica spagnola della metà del XX secolo, nel descrivere le virtù (virtudes) del cedro, del limone, dell’arancio amaro e dell’arancio dolce, riesamina l’opera di Dioscoride, e delinea l’uso attuale dei rimedi ottenuti da queste piante, il limone in particolare, affermando che “ha innumerevoli stimatori e costituisce una panacea che si ritiene curi un numero infinito di malattie”. Morton, naturalista e botanico austriaco di fine ‘800, include il mandarino (C. reticulata Blanco) tra le piante di rimedio popolare identificate nel nord del Venezuela.

 

Il lime (C. aurantifolia Swingle) ha una moltitudine di usi nella medicina popolare in tutti i tropici: il succo viene preso per fermare la diarrea, è considerato un efficace disinfettante per gli occhi dei neonati e per le ferite. Diluito in acqua, caldo o freddo, è usato in gargarismi per disturbi alla gola e assunto internamente per alleviare la febbre, disturbi epatici, edema, diuretico. Nello Yucatan il succo è usato per diabete, reumatismi e aterosclerosi, l’infuso delle foglie serve come antispasmodico, sudorifero e sedativo; il decotto delle radici viene somministrato come trattamento per la gonorrea. Nel Curasao il succo di lime viene aggiunto al tè di Cymbopogon citratus per alleviare la bronchite. A Trinidad il succo di lime viene utilizzato contro mughetto, mal di denti e viene applicato al petto in caso di polmonite. Un “tè” di boccioli di fiori viene preso come soporifero e un decotto di radice viene applicato sulle punture di scorpione. In Giamaica, si dice che il succo di lime mescolato con i frutti schiacciati di Solanum aculeatum curi la tigna. Nelle Bahamas il succo viene utilizzato per respingere le zanzare e se si viene morsi da questi insetti, il succo allevierà il prurito; il decotto di foglie è usato come tonico e come rimedio per la pressione sanguigna. In America Centrale il succo d’arancia amara è usato come diuretico, purgante, per tosse e febbre; un decotto della buccia viene somministrato per alleviare la flatulenza. Nello Yucatan, le foglie sono comunemente utilizzate nella medicina popolare sotto forma di infuso o decotto come diuretico, stimolante cardiaco e sedativo e per rinforzare altri rimedi per la febbre, per il trattamento di problemi alla cistifellea, ipertensione, mal di stomaco (a Curaçao), e in un decotto con foglie di Annona muricata come rimedio per l’asma, come sedativo e per promuovere un buon sonno (a Curaçao). Il decotto o l’olio essenziale delle foglie e dei fiori sono considerati antispasmodici; i fiori freschi e secchi sono utilizzati in un tè’ come stomachico e sedativo; un unguento preparato dai fiori viene applicato sulla pelle irritata; il decotto di buccia viene utilizzato per alleviare il mal di stomaco e come tonico amaro; il succo di frutta è usato come rimedio per raffreddori e mal di gola. Il decotto della buccia d’arancia dolce è un rimedio per la dissenteria e i vermi intestinali e per la flatulenza. A Curaçao, un decotto della buccia viene preso quando manca l’appetito; l’infuso di foglie come antispasmodico o nel trattamento di isteria, palpitazioni, convulsioni e attacchi epilettici, gastralgia e bronchite. I Maya nello Yucatan usano le foglie in un tè sudorifero. Il “tè” delle foglie viene preso a Trinidad per la polmonite e come depurativo dopo il parto; il decotto di fiori è un sedativo popolare. In Ecuador un estratto di semi d’arancia viene utilizzato nel trattamento della malaria. Nelle Isole Caicos, all’estremità meridionale della catena di isole Bahamas, il succo acido del frutto di lime (C, aurantifolia Swingle) o dell’arancia amara è un rimedio per il tifo.

L’infusione di fiori di diverse specie di generi di agrumi è usata come sedativo per trattare l’insonnia, trattare la tubercolosi e altre malattie respiratorie.

Amazzonia:

Il decotto di radice di arancio, preso durante le mestruazioni, agisce come un contraccettivo; il succo di lime, preso da entrambi i partner poco prima del rapporto sessuale, impedirà il concepimento; la buccia di lime è usata come antiforfora, decongestionante e sedativo; i fiori come tonico, per crampi ed enterite. L’infuso di foglie di limone è un digestivo.

Pompelmo

Il pompelmo (Citrus paradisi) è un importante membro del genere Citrus della famiglia delle Rutaceae. È stato usato come medicina popolare in molti paesi come antibatterico, antifungino, antinfiammatorio, antimicrobico, antiossidante, antivirale, astringente e conservante. È stato anche usato per la prevenzione del cancro, la rigenerazione cellulare, l’abbassamento del colesterolo, la pulizia, la disintossicazione, il mantenimento della salute del cuore, la nefrite da lupus, l’artrite reumatoide e la perdita di peso. Citrus paradisi è uno dei membri più importanti del genere citrus (Rutaceae). È originario dell’isola di Barbados. Il pompelmo viene coltivato commercialmente anche in Spagna, Marocco, Israele, Giordania, Sud Africa, Brasile, Messico, Giamaica e Asia.

In Sudan la buccia interna di Citrus paradisi è usata per curare la malaria, gastro protettiva e antiulcera e questa azione è attribuita all’attività antiossidante dei flavonoidi degli agrumi.

Medicina tradizionale e ricerche scientifiche:

In una rivalutazione critica basata sulle più recenti ricerche farmacologiche, molte delle numerose proprietà terapeutiche attribuite ad alcune specie del genere Citrus nella medicina tradizionale dei paesi, dove si sono diffuse e acclimatati, si sono dimostrate fondate e sono stati individuati i principi attivi responsabili di queste attività. L’attività antiossidante degli antociani, presente in particolare nelle arance pigmentate, ha portato ad una rivalutazione di questo generoso dono della natura. I frutti dorati del giardino mitologico delle Esperidi, le arance, di un colore rosso vivo che riflette il fuoco dell’Etna, il profumo inebriante della zagara, i fiori bianchi che adornano le spose, sono la manifestazione dei doni portati a noi dalle specie di agrumi: nutrimento, bellezza, salute e poesia. Gli obiettivi di uno studio scientifico  erano di indagare l’effetto sedativo di diversi estratti di fiori di Citrus sinensis (L.) Osbeck (Rutaceae) e descrivere il meccanismo d’azione farmacologica dei composti attivi sedativi di questa pianta.

1 Caduta dei capelli e problemi epidermici

Nell’alopecia non cicatriziale, i micronutrienti  svolgono un ruolo molto importante, poiché regolano il normale ciclo del follicolo pilifero e ricambio  cellulare. Il ruolo dell’alimentazione e della dieta nel trattamento della caduta dei capelli rappresenta un’area di indagine dinamica e in crescita: è fondamentale assumere vitamina A, vitamina B, vitamina C, vitamina D, vitamina E, ferro, selenio e zinco, sono molto importanti in caso di alopecia non cicatriziale.

2 Infiammazioni e   infezioni

Gli elementi del sistema antiossidante, fra cui cofattori di enzimi, componenti di fattori di trascrizione e modulatori epigenetici, vitamine e oligoelementi, influenzano vari processi metabolici che sono direttamente associati alle funzioni immunitarie. In particolare, le vitamine C e D hanno dimostrato una funzione immunitaria significativa. In particolare, la vitamina C ha una rilevante funzione immunobiologica, di conseguenza, la carenza di vitamina C è la ridotta resistenza a vari agenti patogeni, mentre un maggiore apporto aumenta l’attività degli anticorpi e la resistenza alle infezioni.

3 Vitamina C e funzione immunitaria

La vitamina C è un micronutriente essenziale per l’uomo, con funzioni pleiotropiche legate alla sua capacità di donare elettroni. La vitamina C contribuisce alla difesa immunitaria supportando varie funzioni cellulari sia del sistema immunitario innato che adattivo. La vitamina C supporta la funzione di barriera epiteliale contro gli agenti patogeni e promuove l’attività antiossidante della pelle, proteggendo e dallo stress ossidativo ambientale. La vitamina C si accumula nelle cellule fagocitiche, come i neutrofili, e può migliorare la chemiotassi, rif. : Chemiotassi – Wikipedia la fagocitosi, rif. Fagocitosi – Wikipedia, e l’uccisione microbica. Il ruolo della vitamina C nei linfociti è meno chiaro, ma è stato dimostrato che migliora la differenziazione e la proliferazione delle cellule B e T, probabilmente a causa dei suoi effetti di regolazione genica, rif. Regolazione genica – Wikipedia . La carenza di vitamina C si traduce in un’immunità compromessa e in una maggiore suscettibilità alle infezioni. A sua volta, le infezioni hanno un impatto significativo sui livelli di vitamina C a causa dell’aumento dell’infiammazione e del fabbisogno metabolico. Inoltre, l’integrazione con vitamina C sembra essere in grado di prevenire e trattare le infezioni respiratorie e sistemiche. La prevenzione profilattica dell’infezione richiede l’assunzione alimentare di vitamina C che forniscano livelli plasmaci almeno adeguati, se non saturi (cioè 100-200 mg/giorno), che ottimizzano i livelli di cellule e tessuti. Al contrario, il trattamento delle infezioni accertate richiede dosi significativamente più elevate (grammo) della vitamina per compensare l’aumento della risposta infiammatoria e della domanda metabolica.

4 La vitamina C riduce le malattie neurodegenerative e i disturbi psichiatrici

La vitamina C (Vit C) è considerata una molecola antiossidante vitale nel cervello. Aiuta a mantenere l’integrità e la funzione di diversi processi nel sistema nervoso centrale (SNC), tra cui maturazione e differenziazione neuronale, formazione di mielina, sintesi della catecolamina, modulazione della neurotrasmissione e protezione antiossidante. L’importanza della Vit C per la funzione SNC è stata dimostrata dal fatto che la cancellazione mirata del co-trasportatore sodio-vitamina C nei topi provoca un’emorragia cerebrale diffusa e la morte il primo giorno post-natale. Poiché le malattie neurologiche sono caratterizzate da una maggiore generazione di radicali liberi e le più alte concentrazioni di Vit C nel corpo si trovano nel cervello e nei tessuti neuroendocrini, si evince  che Vit C possa cambiare il corso delle malattie neurologiche e mostrare potenziali ruoli terapeutici. Agisce sulle malattie neurodegenerative tra cui il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, il morbo di Huntington, la sclerosi multipla e la sclerosi amiotrofica, nonché i disturbi psichiatrici tra cui depressione, ansia e schizofrenia.

5 Effetti dell’esercizio aerobico e dell’integrazione di vitamina C sui sintomi della rinite nei pazienti allergici con rinite

L’esercizio fisico e l’assunzione  della vitamina C sono entrambi raccomandati come efficace trattamento dei sintomi nei pazienti con molte malattie fra cui la rinite allergica .

6 Vitamina C e malattie cardiovascolari

I potenziali effetti benefici delle proprietà antiossidanti della vitamina C sono stati studiati in una serie di condizioni patologiche e disturbi cardiovascolari.

La vitamina C previene i danni causati dallo stress al cuore causati dalla morte di cardiomiociti, attraverso la regolazione dell’eccessiva produzione di catecolamina ( rif . Catecolamina – Wikipedia). Nel complesso, l’insufficienza di vitamina C aumenta il rischio di danni cardiaci indotti dallo stress con cambiamenti strutturali e funzionali derivanti dall’apoptosi dei cardiomiociti.

7 La vitamina C migliora la lesione epatica

L’insufficienza di acido l-ascorbico (vitamina C) è considerata uno dei principali fattori di rischio per lo sviluppo della malattia epatica. Tuttavia, i suoi effetti specifici e i relativi meccanismi in vivo sono in gran parte sconosciuti. L’obiettivo di questo studio era quello di studiare il ruolo protettivo in vivo della vitamina C e i suoi meccanismi correlati nella lesione epatica con topi che non possono sintetizzare la vitamina C come l’uomo a causa della mancanza di l-gulonolattone-γ-ossidasi , un enzima essenziale per la sintesi della vitamina C.

La vitamina C è fondamentale nella prevenzione dello sviluppo della malattia nel fegato e gravi danni al fegato indotti dall’infiammazione possono essere prevenuti con sufficiente integrazione di vitamina C.

8 La carenza di vitamina C aggrava il fattore di necrosi tumorale α insulino-indotta dall’insulina

L’infiammazione cronica di basso grado gioca un ruolo importante nello sviluppo della resistenza all’insulina. Il ruolo potenziale e il meccanismo della vitamina C, un agente antiossidante e antinfiammatorio, è stato studiato nella resistenza all’insulina indotta dal fattore di necrosi tumorale α (TNF-α). Nel complesso, la vitamina C è essenziale per prevenire e migliorare la resistenza all’insulina e l’integrazione con vitamina C può essere un efficace intervento terapeutico per i disturbi metabolici.

Un ottimo prodotto contenente vitamina C è Alato 48 . La  nuova formulazione liposomiale di vitamina C è priva di solventi organici dannosi è disponibile presso La Fenice Sas.

Associazioni:

Alato D3 osteoporosi, malattie autoimmuni

Alato 34 immunostimolante cardiovascolare osteoporosi,

ALATO 10 immunoregolatore – antinfiammatorio

 

ALATO 21 funzioni cognitive

ALATO 25 metabolismo energetico cerebrale

ALATO 30 debilitazione psicofisico

ALATO 37 immunoregolatore – antinfiammatorio

 

Ecco le sue  principali funzioni:

  • Sistema immunitario
  • antiossidante
  • sintesi di collagene
  • metabolismo
  • affaticamento
  • sistema nervoso
  • antitumorale
  • malattie neurodegenerative
  • alopecia
  • epiderma
  • rinite
  • infiammazioni
  • infezioni
  • disturbi cardiovascolari 
DiAlessandra Zarone

Rimedi adattogeni per stress e stanchezza

Rimedi adattogeni per stress e stanchezza

 

Stress acuto e cronico svolge un  ruolo importante nelle alle malattie cardiovascolari. Sebbene generalmente trascurato dai medici, lo squilibrio autonomo (sovraattività simpatica e/o sottoattività parasimpatica) può essere misurato e modificato .

Sebbene lo stress sia inteso solo  come un problema strettamente emotivo e mentale, esso ha anche effetti fisiologici. Uno studio ha scoperto che una sostanza chimica rilasciata quando il corpo è stressato, il Neuropeptide Y, fa sì che le cellule adipose si aprano immagazzinando  il grasso piuttosto che bruciarlo. Uno studio ha scoperto che, specialmente nelle donne, il cortisolo più alto (ormone dello stress) porta all’aumento di peso intorno alla vita, anche in donne snelle.

Un altro studio ha scoperto che lo stress accorcia i telomeri nelle cellule a un ritmo più veloce, portando all’invecchiamento precoce e all’aumento del rischio di malattie .

Lo stress può avere un impatto anche sugli ormoni e sulla fertilità. Quando il cortisolo è alto nel corpo, il progesterone è spesso basso perché il corpo usa il progesterone per produrre cortisolo. Questo è spesso il motivo per cui lo stress e gli elevati livelli di cortisolo sono correlati con i problemi di concepimento e gravidanza.

Reazioni fisiche associate ad alti livelli di stress sono:

  • Perdita di capelli (da stress prolungato)
  • Mal di testa
  • Insonnia
  • Bocca secca
  • Aumento dell’incidenza di malattie cardiache e ictus
  • Maggiore incidenza di allergie
  • Dolore muscolare o contrazioni
  • Problemi ormonali e mestruali
  • Aumento dell’incidenza di eczema e psoriasi
  • Guarigione più lenta da tutte le malattie

  • Stress fisico:

La mancanza di sonno crea anche stress fisico. Una dieta povera, specialmente quella che include anche tutti gli alimenti a cui si è intolleranti o allergici, può creare una reazione allo stress nel tuo corpo, anche se riduci al minimo altri tipi di stress. Per aiutare a ridurre lo stress fisico, migliora la tua alimentazione, dormi a sufficienza ed evita le tossine .

  • Stress emotivo:

Questo può ovviamente avere molte cause, ma spesso può essere affrontato con le terapie olistiche e la meditazione.

  • Stress mentale:

Simile allo stress emotivo, questo tipo di stress è spesso aiutato dalla   meditazione, da una migliore gestione del tempo e organizzazione dei compiti quotidiani, concentrandosi su  cosa alla volta.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico

Sei sotto stress se :

  • Sei stanco al mattino (ma hai un’esplosione di energia la sera o proprio prima di andare a letto)
  • Non stai dormendo bene
  • Hai un aumento di peso nella parte centrale del tuo corpo
  • Desideri zucchero, cibi salati o carboidrati
  • Noti problemi di memoria o concentrazione
  • Ti ammali spesso
  • È difficile costruire massa muscolare o ci vuole molto tempo per riprendersi dopo un allenamento
  • Ti senti stressato, affaticato o irritabile
  • Si verificano ansia o sintomi depressivi
  • Hai problemi di fertilità

 

Cosa causa stress:

  • fare troppo esercizio fisico
  • consumare troppo zucchero e farinacei
  • mancanza di sonno
  • bere troppa caffeina o alcol
  • troppa stimolazione elettronica o tempo sui dispositivi elettronici
  • avere persone “velenose” nella tua vita

Consigli pratici:

  • Segui una dieta sana ed equilibrata piena di frutta, verdura e fibre integrali
  • Fai regolare esercizio fisico
  • Dormi tra le 7 e le 8 ore ogni notte
  • Bevi almeno otto bicchieri d’acqua al giorno
  • Delega compiti stressanti ad altri
  • Evita di bere alcolici
  • Smetti di fumare

Rimedi naturali

Gli Integratori specifici sono ottimi per bilanciare e regolare i livelli di cortisolo, in quanto non puoi evitare tutti gli aspetti stressanti della vita, non puoi  smettere di andare al lavoro ma l’assunzione degli integratori corretti, ti aiuterà a modulare gli ormoni che guidano la risposta allo stress del corpo, come il cortisolo.

 Alcuni integratori che possono aiutare sono:

 

Withania somnifera (L.) Dunal, comunemente nota come Ashwagandha, è un’importante pianta medicinale che è stata utilizzata nella medicina ayurvedica e indigena per più di 3000 anni.

Withania somnifera L. , una pianta medicinale polivalente di famiglia Solanaceae che si trova abbondantemente nelle regioni subtropicali del mondo. I guaritori popolari hanno usato la pianta per trattare diverse malattie come febbre, cancro, asma, diabete, ulcera, epatite, occhi, artrite, problemi cardiaci ed emorroidi. La pianta è famosa per l’attività anti-cancerosa, il trattamento delmal di schiena e il rafforzamento muscolare, che può essere attribuito agli alcaloidi withanolidi. W. somnifera è anche ricco di numerosi metaboliti secondari come steroidi, alcaloidi, flavonoidi, fenolici, saponine e glicosidi. Una vasta gamma di studi preclinici lo identificano come cardioprotettivo, anticancro, antiossidante, antibatterico, antimicotico, antinfiammatorio, epatoprotettivo, antidepressivo e ipoglicemico . Diverse parti della pianta sono state analizzate  in  studi clinici sull’ infertilità maschile, il disturbo ossessivo-compulsivo, l’ansietà, il rafforzamento osseo e muscolare, il diabete.

Secondo Charaka Samhita, Susruta Samhita e altri testi antichi, Ashwagandha è conosciuta come Balya (aumenta la forza), Brusya (potenziatore delle prestazioni sessuali), vajikari , spermatogenico), Kamarupini (miglioramento della libido), Pustida (nutriente).

Studi fitochimici su W. somnifera hanno rivelato la presenza di importanti costituenti chimici come flavonoidi, acidi fenolici, alcaloidi, saponine, tannini e withanolidi. Vari studi clinici mostrano che l’estratto vegetale e i suoi composti bioattivi sono utilizzati nella prevenzione e nel trattamento di molte malattie, come artrite, impotenza, amnesia, ansia, cancro, il trattamento di ansia e altri disturbi del SNC. Si  è dimostrato un rimedio privo di tossicità ed efficace clinicamente per la salute e il benessere umano.

Ashwagandha è un’erba tradizionalmente utilizzata per ridurre lo stress e migliorare il benessere. Sessanta adulti sono stati assegnati casualmente per prendere un placebo o 240 mg di un estratto standardizzato di Ashwagandha  una volta al giorno. Tutti i partecipanti hanno completato la prova senza che siano stati segnalati eventi avversi. Rispetto al placebo, l’integrazione di  Ashwagandha è stata associata ad una riduzione statisticamente significativa dell’HAM-A  e ad una riduzione quasi significativa della DASS-21 . L’assunzione di Ashwagandha è stata anche associata a una maggiore riduzione di cortisolo mattutino  e del DHEA-S  rispetto al placebo. I livelli di testosterone sono aumentati nei maschi (P = .038) ma non nelle femmine ) nel tempo. Questi risultati suggeriscono che Ashwagandha allevia lo stress possono, attraverso il suo effetto moderatore sull’asse ipotalamo-ipofisi-surrenale. Withania somnifera agisce sui disturbi neurocomportamentali indotti dallo stress ossidativo cerebrale ,ripristinando significativamente gli ossidativi alterati e altri marcatori di stress. Withania somnifera Dunal, comunemente noto come ginseng indiano, è stato in uso fin dall’antichità come agente afrodisiaco, per il trattamento dell’impotenza e dell’infertilità.

Schisandra (Schisandra chinensis) è stata usata per secoli come pianta della medicina tradizionale cinese. I frutti di Schisandra chinensis sono stati tradizionalmente utilizzati per migliaia di anni in Corea e Giappone per trattare vari disturbi. La sua attività biologica e l’uso farmacologico sono associati ai lignani: la loro attività è stata studiata in centinaia di studi che hanno confermato effetti adattogeni, stimolazione del sistema nervoso centrale, effetti epatoprotettivi ed azione anticancro. Gli estratti grezzi e i componenti isolati di lignani puri proteggono efficacemente dal danno delle cellule neuronali e migliorano le prestazioni cognitive, questa pianta è indicata per trattare varie malattie neurodegenerative.

L’estratto dei frutti di Schisandra chinensis è stato tradizionalmente usato dalla  medicina orientale per il trattamento di malattie cardiovascolari.

Schisandra chinensis (Turcz.) Baill (S. chinensis) è stato usato per migliaia di anni in Cina e di solito viene applicato nel trattamento di disturbi del tratto urinario e lesioni al fegato. L’estratto di S. chinensis (SCE) ha effetti protettivi sulla tavola su fegato, reni e sistema nervoso. Schisandra chinensis è stata utilizzata per trattare le malattie del fegato in Cina. I risultati hanno dimostrato che SC ha una cospicua efficacia terapeutica sulle lesioni epatiche. Schisandra chinensis è un’erba naturale in grado di trattare gli effetti del morbo di Alzheimer, regolando l’apoptosi neuronale .

 

Se soffri delle problematiche descritte, ti suggerisco Alato 15, disponibile qui o in farmacia.