Archivio dei tag ulcere

DiAlessandra Zarone

Melatonina e Achillea

Melatonina e Achillea

Melatonina è :

  • Antiinfiammatorio delle mucose delle alte vie respiratorie
  • Miorilassante, decontratturante muscolare per contratture muscolari o stati dolorosi con forte componente muscolo-tensiva
  • Antispastico viscerale e respiratorio: Spasmi digestivi, coliche gastriche e addominali, asma bronchiale.
  • Antistaminico naturale, adatto per:
  1. Rinite allergica
  2. allergie stagionali
  3. eczema atopico

La Melatonina di origine vegetale si trova in una quantità interessante nell’ Achillea

 

Achillea, Achillea millefolium L.:

L’achillea è una pianta nativa europea, con una lunga storia come guaritore di ferite. In epoca classica, era conosciuto come herba militaris, essendo usato per fermare le ferite di guerra. È stato a lungo preso come un tonico amaro rinforzante e tutti i tipi di bevande amare sono stati fatti con questa pianta. L’achillea aiuta il recupero da raffreddori e influenza ed è benefica per la febbre da fieno. È anche utile per problemi mestruali e disturbi circolatori. Originaria dell’Europa e dell’Asia occidentale, l’achillea può essere trovata crescere spontaneamente nelle regioni temperate di tutto il mondo, nei prati e lungo i bordi delle strade. L’erba si diffonde attraverso le sue radici e le parti aeree vengono raccolte in estate quando sono in fiore. Nonostante i suoi numerosi usi e somiglianze con la camomilla tedesca, l’achillea è stata scarsamente studiata. L’erba e il suo olio volatile hanno dimostrato di essere antinfiammatori; gli azuleni sono anche antiallergici. I lattoni sesquiterpenici sono amari e hanno attività antitumorale. Achilleina e flavonoidi aiutano ad arrestare il sanguinamento interno ed esterno; i flavonoidi possono essere responsabili dell’azione antispasmodica dell’achillea. Studi di laboratorio indicano che l’achillea dilata i vasi sanguigni, abbassando così la pressione sanguigna. Funziona, in parte, come i farmaci convenzionali noti come ACE-inibitori, che sono comunemente prescritti per la pressione alta.

Usi tradizionali e attuali

Erba ginecologica, aiuta a regolare il ciclo mestruale, riduce il sanguinamento mestruale pesante e allevia il dolore mestruale.

Altri usi

In combinazione con altre erbe, l’achillea aiuta il raffreddore e l’influenza. Le sue proprietà toniche amare lo rendono utile per la digestione debole e le coliche. Aiuta anche la febbre da fieno, abbassa la pressione alta, migliora la circolazione venosa e tonifica le vene varicose. Pianta intera in fiore Achillea millefolium L.

Uno degli usi principali è come un vulneraria — un agente per fermare il sanguinamento delle ferite. Il nome latino Achillea onora Achille, e la leggenda afferma che  egli  usò un impiastro di fiori di Achillea per fermare l’emorragia dei suoi soldati feriti in battaglia. La tisana a base di pianta essiccata è utilizzata per raffreddori, febbri, anoressia, indigestione, infiammazioni gastriche e sanguinamento interno. Le qualità espettoranti, analgesiche e sudoripare di alcuni componenti forniscono sollievo dal raffreddore e dall’influenza. Sperimentalmente, gli estratti sono emostatici e antinfiammatori.

L’achillea è strettamente associata alla divinazione, dando origine a detti e versi in molte parti del mondo. In Cina i gambi di achillea sono usati per consultare l’I Ching (Libro dei Mutamenti). Oltre 40 diversi costituenti sono stati isolati dall’achillea. Questi includono un olio essenziale, che contiene azulene antinfiammatorio. Il contenuto di azulene varia tra le piante, anche nello stesso habitat. A. millefolium (achillea, milfoil, ferita del soldato).

Parti utilizzate

Pianta intera.

Proprietà

Erba aromatica, amara e astringente che riduce l’infiammazione, aumenta la sudorazione, allevia l’indigestione e ha effetti diuretici. È anche efficace nell’abbassare la pressione sanguigna, rilassare gli spasmi e arrestare l’emorragia.

Usi dell’erba medicinale:

Internamente per malattie febbrili (in particolare raffreddori, influenza e morbillo), catarro, diarrea, dispepsia, reumatismi, artrite, disturbi mestruali e della menopausa, ipertensione e per proteggere dalla trombosi dopo ictus o infarto. Esternamente per ferite, epistassi, ulcere, occhi infiammati ed emorroidi.

Un ottimo rimedio contenente Melatonina è Alato 37, disponibile qui o in farmacia

ALATO 37 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Spirea ulmaria

Erbe depurative ed etnobotanica

Spirea ulmaria

I fiori di Meadowsweet (Filipendula ulmaria (L.) Maxim.) e Dropwort (Filipendula vulgaris Moench) sono tradizionalmente usati per trattare vari disturbi, comprese le condizioni infiammatorie. Filipendula ulmaria (L.) Maxim (meadowsweet) è una pianta medicinale che si dice abbia diverse attività biologiche, tra cui proprietà antitumorali, anticancerogene, antiossidanti, anticoagulanti, anti-ulcerogene, antimicrobiche, antiartritiche e immunomodulatorie.

Tradizionalmente, è stata usata per la dispepsia atonica con bruciore di stomaco e iperacidità, cistite catarrale acuta, dolori articolari, diarrea nei bambini, e in particolare per la profilassi e trattamento dell’ulcera peptica. Nella medicina popolare  è usato come diuretico, per i reumatismi delle articolazioni e dei muscoli, per la gotta per le malattie della vescica e dei reni e per il mal di testa. L’erba Meadowsweet viene utilizzata per i disturbi di stomaco con iperacidità, profilassi e terapia delle ulcere gastriche e per la diarrea nei bambini.

Filipendula ulmaria (L.) Maxim (Meadowsweet) è una pianta medicinale usata nella medicina popolare per trattare diverse malattie infiammatorie, tra cui gotta, artrite reumatoide, trattamento tosse, bronchite, febbre, ulcere e raffreddori. L’uso della corteccia e delle foglie di salice per alleviare la febbre è stato attribuito a Ippocrate, ma è stato documentato più chiaramente da Edmund Stone in una lettera del 1763 al presidente della Royal Society. Proprietà simili sono state attribuite a Meadowsweet (Spiraea ulmaria), da cui deriva il nome Aspirina.

Un ottimo rimedio contenente Spirea ulmaria è Alato 7, disponibile in farmacia o qui

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia: Camomilla

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

 

Camomilla

Matricaria recutita L., (syn.M. chamomilla, Asteraceae), camomilla tedesca, non deve mancare nel rapporto delle piante utilizzate nel trattamento dei disturbi della pelle. È molto spesso studiata a causa del suo ampio utilizzo popolare. Sotto forma di tisana/infuso, è consigliata per uso orale o per inalazione. Viene anche usata con applicazione oro-mucosale o cutanea o additivo nella vasca bagno. La camomilla è uno dei rimedi più importanti e una delle piante medicinali più utilizzate in Europa, Medio Oriente, Nord America, Australia e Africa. Il nome latino di chamomilla deriva dalle parole greche Khamai e Malon con il significato di “Piccoli fiori con il profumo delle mele”. La camomilla tedesca (Matricaria chemmomilla) è originaria delle regioni temperate del Mediterraneo e dell’Asia Minore e appartiene anche alla famiglia delle Astraceae.  Oggi questa pianta può essere trovata in Europa, Nord America e Australia. Ha fiori di foglie grigio-verdi con centri gialli e petali bianchi che li circondavano. I fiori di questa pianta odorano la mela. La camomilla tedesca cresce nelle praterie e nei terreni sabbiosi. Negli studi di botanica ed etno-botanica sono stati riportati diversi effetti della camomilla, considerata una delle poche piante erbacee preziose dagli effetti miracolosi. La pianta di camomilla rende forti i nervi. È un tonico cerebrale, diuretico, aumenta le mestruazioni della donna e la secrezione di latte nelle madri che allattano, allevia mal di testa ed emicranie e aiuta ad eliminare i calcoli alla vescica.

Il primo documento scritto sulla camomilla è stato trovato nell’antico Egitto: i capolini di camomilla schiacciati venivano usati per alleviare l’infiammazione della pelle, prevenire la dermatite e nei preparati cosmetici. In Serbia, la medicina popolare utilizza camomilla in tisana contro il raffreddore, le malattie dello stomaco, l’infezione della gola e la sedazione lieve. Esternamente, sotto forma di impacchi, contro il gonfiore degli occhi, l’infiammazione della pelle e le infezioni, mentre la forma oleosa è stata utilizzata nel trattamento di ferite e ustioni.

È indicata per il male agli occhi. Il tè alla camomilla viene bevuto per alleviare i dolori muscolari. Masticare fiori di camomilla è usato per guarire le ulcere della bocca. Mangiare 5 gr di radice di camomilla con aceto diluito stimola il desiderio sessuale. La camomilla è anti-febbre, sedativa e tonico stomachico. Allevia il dolore della dentizione nei bambini. Allevia l’insonnia, assicurando   un sonno tranquillo e confortevole: dieci minuti prima di andare a letto bere una tazza di camomilla. Mangiare 5 gr di radice di camomilla con aceto diluito stimola il desiderio sessuale.

È efficace nel trattamento dell’anoressia, per l’enterite e l’anemia. La camomilla è usata per il sollievo dei vermi intestinali, per lenire i crampi mestruali e curare l’ittero.

Le donne in menopausa dovrebbero bere camomilla ogni giorno per alleviarne i disturbi.

È antiallergica, cura la malnutrizione ed è antispasmodico gastrointestinale, anti-malaria, anti-cancrena, tonico dello stomaco, potenziatore dell’appetito, carminativo e anti-flatulenza. Allevia la diarrea nervosa, è utilizzata per il trattamento dell’intossicazione alimentare e cura la gastroenterite, così come le ulcere gastrointestinali. Migliora la memoria, rafforza i nervi e il cervello e ha attività sedative, antiemicraniche, ipnotiche, anticonvulsivanti, antitumorali, antiansia e irrequietezza e vertigini, antiepilettiche.

E ‘utile nel trattamento dell’eczema, previene acne ed eruzione cutanea giovanile, è antigonfiore e arrossamento della pelle, disinfettante per la pelle, ferite cutanee, ustioni, restringe i pori e cura le infezioni. È un vasodilatatore, abbassa la pressione sanguigna. Gli altri effetti terapeutici benefici della pianta medicinale comprendono: miglioramento del sistema immunitario, tosse, congestione e mal di gola, raffreddori, infiammazione polmonare e laringea, infiammazione delle articolazioni, , epilessia, convulsioni,  dolori muscolari, gotta, malattie reumatiche, gonfiore dei reni e della vescica, cistite, gonfiore dei testicoli, eiaculazione precoce, disturbi della menopausa colite ulcerosa, affaticamento, allergie, funghi e  batteri.

È anticancro ed è coinvolta nel trattamento del comune raffreddore. L’uso di camomilla come cosmetico ha una storia antica quanto l’uso di erbe medicinali. Le sue proprietà sono particolarmente utili per la pelle fragile e sensibile ai cambiamenti climatici. I flavonoidi della camomilla inumidiscono e ammorbidiscono la pelle. Oggi, le industrie cosmetiche lo usano da solo o in combinazione con altre erbe come il rosmarino. L’infuso di camomilla può proteggere la pelle quando viene utilizzata in impacchi.

 

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Camomilla. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.