Archivio dei tag emorroidi

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per le infiammazioni

Rimedi naturali per le infiammazioni

La Sinusite, nota come Panis in Ayurveda è generalmente causata da infezioni batteriche o spesso virus o infezioni da funghi possono anche portare alla sinusite. In questa condizione i seni (cavità piene d’aria situate su entrambi i lati del naso) sono bloccati con muco e si infiammano.

La sinusite è una condizione che causa infiammazione o gonfiore nei seni. I seni fanno parte dell’anatomia umana e si riempiono d’aria, ma quando i seni si bloccano e si riempiono di liquidi, batteri, virus e funghi possono crescere e causare un’infezione.

La sinusite Può causare mal di testa o pressione agli occhi, nel naso o nell’area delle guance. Una persona può anche avere tosse, febbre,starnuti,  alito cattivo e congestione nasale con spesse secrezioni. Alcune condizioni di salute come raffreddore comune, rinite allergica, polipi nasali o un setto deviato possono causare il gonfiore dei seni con conseguente infezione.

Le persone con un basso sistema immunitario sono spesso affette da infezioni batteriche o fungine dei seni.

La sinusite può manifestarsi a causa di molteplici fattori come allergie, infezioni, irritazione chimica dei seni. Inoltre, il consumo di cibi oleosi, piccanti, secchi, troppo caldi o troppo freddi, causano la  compromissione di tre dosha (Vata, Pitta, Kapha) con conseguente blocco, gonfiore o irritazione del tessuto dei seni.

Tipi di sinusite (Pinas)

 

  • Sinusite acuta
  • Sinusite subacuto
  • Sinusite cronica
  • Sinusite infettiva
  • Sinusite non infettiva

Otite

In Ayurveda l’orecchio è considerato una sede importante di Vata (Aria). Quando Vata aumenta, come nella stagione di transizione dell’autunno, in cui  si verificano molte variazioni del clima e delle abitudini (ritorno a scuola o al lavoro), si ha dolore all’orecchio. Quando Vata si associa a Kapha (Acqua), si verificherà un blocco del condotto uditivo e dell’orecchio medio con la comparsa di suoni o perdita dell’udito. Se si associa a Pitta (Fuoco) ci sarà ancora più secrezione dell’orecchio e formazione di pus.

Pertanto Ayurveda raccomanda la prevenzione proteggendo le orecchie dal freddo, dall’acqua e oliando il condotto uditivo con oli ayurvedici .

Un’infezione virale nell’orecchio medio può causare blocco e gonfiore. Questo può anche portare alla produzione di alcuni fluidi batterici simili al pus che possono causare dolore e altri problemi legati all’udito. Il problema è più comune nei bambini che negli adulti. A parte questo, la stagione invernale, caratterizzata  da tosse e raffreddore possono mettere a un rischio più elevato di infezione dell’orecchio medio. Entrare in contatto con qualcuno con infezioni respiratorie è ancora motivo di ciò che causa l’otite media.

 

 

Segni e sintomi dell’otite media

 

  • Dolore all’orecchio
  • Difficoltà a dormire
  • Ipoacusia
  • Scarico fluido dall’orecchio
  • Mal di testa
  • Tosse e raffreddore
  • Febbre
  • Perdita di appetito

Emorroidi

 

Le emorroidi sono essenzialmente vene varicose del retto e dell’ano. Le persone tra i 45 e i 60 anni hanno dimostrato di avere maggiori probabilità di svilupparle, anche se possono verificarsi molto prima .

Le emorroidi interne non sono tipicamente visibili e si manifestano sopra l’orifizio anale all’interno del canale rettale

Le emorroidi esterne sono visibili e sono spesso di colore da rossastro a viola, causano una sensazione di pienezza, dolore acuto, sensazione di spilli e prurito.

Le emorroidi sono comunemente causate da un disturbo o da una maggiore pressione all’ano a causa dei seguenti fattori:

 

  • Problemi digestivi
  • Stitichezza
  • Parto
  • vita sedentaria
  • Sollevamento di pesi pesanti
  • Predisposizione ereditaria
  • Fattori dietetici
  • Obesità

 

Sono a tua disposizione per le tematiche trattate, con un Percorso di Naturopatia

 

Olio di nocciolo di albicocca

 

Il nocciolo di albicocca è il seme secco e maturo di Prunus armeniaca L. e Prunus armeniaca L. var. [ . Il principale ingrediente  è l’amigdalina (D-mandelonitrile-b-Dgentiobioside) che ha proprietà antitosse e antiasmatiche.

Recentemente, è stato riferito che l’amigdalina può uccidere selettivamente le cellule tumorali nel sito tumorale senza tossicità sistemica.

L’albicocca è uno dei frutti più importanti prodotti nei paesi temperati. Consumato sia come fresco che essiccato, rappresenta un ingrediente importante della dieta. Contiene polifenoli, carotenoidi con noti effetti biologici, tra cui la protezione del fegato e del cuore, in quanto antiossidante e antinfiammatorio, e microelementi, come Zn, Ca, Cu, Fe, Mg, Na, Mn, P e K.

L’amigdalina è un glicosside cianogenico che è descritto come un agente anticancro presente in natura.

L’amigdalina (vitamina B-17) è vitamina presente naturalmente nei semi dei frutti della famiglia Prunus Rosacea tra cui albicocca, mandorla amara, ciliegia e pesca.

L’amigdalina è un agente anti-cancro che può essere utilizzato per il trattamento del carcinoma epatocellulare. Il potere curativo dell’amigdalina  aumenta  significativamente con l’aggiunta di zinco.

Il cancro al pancreas è la quarta causa comune di morte per cancro. I semi di albicocca amara possiedono una serie di proprietà farmacologiche tra cui l’attività antitumorale e l’amigdalina dai semi di albicocca amara può indurre apoptosi. In uno studio, sono stati analizzati gli effetti cito/genotossici dell’estratto etanolanico di albicocca amara e dell’amigdalina sul cancro al pancreas umano .

L’effetto antitumorale dell’ amigdalina è efficace anche nel cancro al seno, della cervice, colon, leucemia e tumore della vescica. Tale estratto ha un effetto anti-proliferativ . Questi risultati contribuiscono allo sviluppo di terapie dietetiche anti-cancro.

Il National Cancer Registry of South Africa ha registrato che il cancro del colon-retto è uno dei primi dieci tumori più comuni sia negli uomini che nelle donne. Circa 1 persona su 17 , di età superiore ai 50 anni, sviluppa il cancro al colon nel corso della vita. Il cancro al colon dipende dalla nutrizione, il consumo di alcol rappresenta il maggior fattore di rischio, seguito da una dieta ricca di grassi, scarsa assunzione di fibre alimentari, obesità, fumo e mancanza di esercizio fisico . L’assunzione giornaliera può rendere questi noccioli un agente chemiopreventivo vitale.

L’ olio di nocciolo di albicocca migliora l’immunosoppressione associata alla ciclofosfamide .

Gli effetti dell’olio alimentare di nocciolo di albicocca (AKO), che contiene alti livelli di acidi oleici e linoleici e livelli inferiori di α-tocoferolo, gli studi hanno evidenziato una riduzione dello stress ossidativo e l’inibizione della degenerazione degli organi . Le attività dei metaboliti intermedi dell’acido oleico e linoleico.

Un ottimo prodotto è Alato 23, disponibile qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Mango, antico rimedio ayurvedico

Mango, antico rimedio ayurvedico

Mango, Magnifera Indica, appartiene alla famiglia delle Anacardiaceae. Ha il nome scientifico ” si trova ampiamente in India e in Asia sudorientale. Gli alberi hanno radici profonde e raggiungono l’altezza di 40 piedi – 120 piedi. Le foglie di mango giovani sono di colore rame e le mature hanno colore verde profondo.

La corteccia, le foglie, i fiori, i semi, i frutti grezzi e maturi del mango hanno numerosi usi medicinali. Testi di Ayurveda citano vari preparati a base di erbe utilizzando diverse parti dell’albero di mango.

La corteccia di Mango, il fiore, le foglie e il guscio dei semi sono astringenti e causano la secchezza dei tessuti del corpo. Il frutto maturo è dolce al gusto e aumenta la secrezione delle mucose.

Il mango maturo normalizza Vata e Pitta. Aiuta ad alleviare la costipazione e normalizzare la digestione. Il consumo di mango maturo aumenta l’emoglobina nel sangue ed è molto utile nel trattamento dell’anemia. Ringiovanisce il sistema riproduttivo maschile e aumenta la qualità e la quantità di sperma, aumenta l’energia sessuale, aiuta nella disfunzione erettile. Il mango maturo rafforza il corpo, aumenta la massa muscolare e migliora l’incarnato.

pexels, download e utilizzo gratuito

La corteccia, il fiore, le foglie e il guscio dei semi sono utilizzati per prevenire l’emorragia e per curare ferite croniche, in caso di diarrea o la dissenteria. Il guscio dei semi aiuta ad eliminare i parassiti intestinali e ridurre il sanguinamento e infiammazioni dell’utero, semi e foglie tenere sono utili nelle infezioni del tratto urinario. Le foglie di mango riducono la sensazione di vomito.

I testi di Ayurveda lodano il suo valore nutrizionale e medicinale. Di seguito un elenco degli innumerevoli utilizzi pratici:

Aumenta il peso corporeo:

Ricco di carboidrati, aiuta a guadagnare peso ed energia. Questo frutto è fortemente raccomandato nella terapia di aumento di peso.

E’ il miglior rimedio per l’anemia:contiene ferro, rame, vitamina C.
E’ ricco di fibre alimentari ed allevia la costipazione intestinale,aiuta a normalizzare i doshas e ad espellere le tossine del corpo.

E’ utile per:

  • Infezioni batteriche
  • Stipsi
  • Diarrea
  • Disturbi oculari. Il mango contiene la zeaxantina, un antiossidante, che filtra i raggi luminosi e protegge gli occhi .
  • Febbre
  • Colpo di calore
  • Leucorrea
  • Disturbi del fegato
  • Disturbi mestruali
  • Stanchezza
  • Emorroidi
  • Caldo pizzicante
  • Scorbuto
  • Sinusite
  • infiammazione della milza
  • Vaginite

pexels, download e utilizzo gratuito

Diabete:

Gli studiosi australiani hanno scoperto che il mango è molto utile nei pazienti diabetici, tuttavia possono mangiare questo frutto in quantità limitate in quanto ha un elevato indice glicemico. Un’opzione è ridurre i carboidrati (riso, grano ecc) nella dieta e sostituire con mango .
Un modo sano per mangiare mango consiste nell’ aggiungere un pizzico di polvere di zenzero secco o un cucchiaino da tè di succo di zenzero a un bicchiere di frullato di mango o al frutto di mango. Ciò annulla gli squilibri che si verificano durante la digestione del mango. Mai mescolare mango con latte. Il mango e il latte sono opposti in natura. Questa combinazione forma opposti che possono sbilanciare i doshas nel corpo
Foglie e corteccia di mango è ricca di mangiferina, acido mangifolia, omonangiferina e indicenolo. Le foglie giovani contengono tannini, flavonoidi, steroidi, glicosidi cardiaci, alcaloidi e carboidrati.

Proprietà Ayurvediche:

Mango acerbo: E’ pungente, astringente, acido al gusto, asciutto, riequilibra vata e pitta . È ottimo per migliorare il gusto e l’anoressia. Aumenta il sistema immunitario . I sottaceti di mango sono di solito fatti con questi frutti acerbi . A causa del suo sapore estremamente acido, peggiora i disturbi del sangue come gotta, sanguinamento e disturbi mestruali.
Migliora kapha ed è ottimo per il cuore.
Mango maturo : ha sapore astringente dolce e leggero, equilibra i disturbi vata come nevralgia, costipazione, paralisi e gonfiore.
È leggermente pesante da digerire e nutrire il corpo. Il mango dolce è un grande afrodisiaco. Nel complesso, ha un effetto molto nutriente e calmante sul corpo.
La corteccia del mango ha proprietà astringenti che lo rendono utile per calmare i disturbi di kapha e pitta.

I fiori di mango possono essere usati per purificare il sangue , nei problemi gastrici come l’anoressia, la diarrea.
L’olio di mango è utilizzato per la bocca:l’applicazione esterna può aiutare ad accelerare la guarigione delle ferite e prevenire l’emorragia .

E’ utile in caso di :

  • Sistema digestivo debole
  • Febbre cronica ricorrente

L’assunzione regolare di mango fornisce:

  • prevenzione dell’asma, grazie a una quantità elevata di beta-carotene.
  • un minore rischio di degenerazione maculare.
  • un minore rischio di cancro del colon.
  • miglioramento della digestione, grazie al contenuto di fibre e acqua, aiuta a prevenire la costipazione e promuovere la regolarità e un sano tratto digestivo.
    salute delle ossa, grazie alla vitamina K contenuta.
  • prevenzione delle malattie cardiache, grazie al contenuto di fibre, potassio e vitamine.

Obesità:

Molti studi clinici hanno confermato che l’aumento del consumo di mango riduce il rischio di obesità.

Asma:

Mango previene l’ asma, grazie a una quantità elevata di beta-carotene.
Prevenzione del tumore :
Secondo uno studio condotto dal Dipartimento di Nutrizione della Scuola di Salute Pubblica di Harvard sulla popolazione giapponese, questo frutto protegge dal cancro alla prostata e colon. In uno studio clinico condotto da scienziati del settore alimentare di Texas AgriLife Research che hanno sperimentato estratti di polifenoli di mango in vitro sui tumori del colon, del seno, del polmone, della leucemia e della prostata, tali sostanze estratte dal mango, hanno avuto un impatto su tutti i tumori esaminati ma sono stati più efficaci con i tumori del seno e del colon.

 

Pelle e capelli:

Mango è ottimo per i capelli perché contiene  la vitamina A, una sostanza nutritiva necessaria per la produzione di sebo che mantiene i capelli idratati. La vitamina A è anche necessaria per la crescita di tutti i tessuti corporei, tra cui la pelle e i capelli. Le vitamine A e C aiutano a pulire i pori intasati della pelle, donando luminosità.
L’adeguata assunzione di vitamina C che può fornire un mango al giorno, è necessaria per la costruzione e la manutenzione del collagene, che fornisce la struttura alla pelle e ai capelli. E’ stato dimostrato che una maggiore assunzione di tutti i frutti (3 o più porzioni al giorno) riduce il rischio e la progressione della degenerazione maculare legata all’età.

Alessandra Zarone Donadoni

E vietata la riproduzione anche parziale del suddetto articolo. Qualsiasi versione diffusa nel web non è stata autorizzata.

DiAlessandra Zarone

Piantaggine, rimedio naturale antitossico e antimicrobico

Piantaggine, rimedio naturale antitossico e antimicrobico

 

La Piantaggine, è un rimedio naturale antitossico e antimicrobico, appartiene alla famiglia delle Plantaginaceae, che consta più di 200 specie, venticinque o trenta delle quali sono utilizzate per le proprietà terapeutiche.
Nel nord-ovest del Pacifico crescono alcune varietà come la Piantaggine comune ( Plantago major) e a foglie strette ( Plantago lanceolata ) .
Il nome del genere Plantago deriva dal classico nome Plantago latino che in latino classico indicava alcune specie di Piantaggine, tra cui Plantago major e minor .
Il nome è stato formato dal latino classico planta che significa ” pianta del piede ” . perché le foglie di queste specie crescono vicino a luoghi pianeggianti a livello del suolo . Il suffisso -ago in latino significa ” una specie” .

Piantaggine nei tempi antichi

Utilizzata fin dalla preistoria come per le sue proprietà medicamentose, ha proprietà astringenti, anti tossiche, antimicrobiche, anti infiammatorie, anti istaminiche, emollienti, espettoranti, astringenti e diuretiche.

Piantaggine e Folklore anglosassone

Fra i rimedi della tradizione folclorica anglosassone, vi è un medicamento ad uso esterno, composto da foglie di Piantaggine ed Edera, per lenire le punture di insetti, i morsi di serpenti, piaghe, eruzioni cutanee, piaghe cutanee.

In Scozia, la Piantaggine viene ancora chiamata ‘ Slan – lus , ‘ “metodo di guarigione”, a testimoniare la comune convinzione nelle nelle sue virtù curative .

rimedio naturale antitossico e antimicrobico, consulto naturopatico e prevenzione www.blognaturopatia.com

Piantaggine e Fitoterapia moderna 

L’estratto erboristico per uso interno- in formulazione di tè, tintura, o sciroppo – ottenuto dalla bollitura delle foglie- è indicato per la tosse e la bronchite.

La varietà conosciuta come Plantago psyllium:

Le bucce di semi di Piantaggine (Psillio) diventano mucillaginose quando bagnate e vengono utilizzati nella formulazione di lassativi e di integratori di fibre. I semi di Psillio sono utili per la stipsi, i disequilibrio intestinali, per l’apporto di fibra alimentare e per curarei diverticoli. Gli Integratori di Psillio vengono utilizzati in forma di polvere.
Dosaggio: 7 grammi al giorno assunti con acqua o succhi di frutta , viene utilizzata in caso di colesterolo elevato .

Varietà di Piantaggine e utilizzi 

 

Plantago Ovata:

Questo rimedio è conosciuto come Desert Indian Wheat, è ottenuto dalla macinazione della buccia . La mucillagine viene utilizzata per la sindrome dell’intestino irregolare e la costipazione intestinale. È usata anche nella Medicina Ayurvedica e Unani per i problemi intestinali.

Plantago major:

In Serbia, la Romania e la Bulgaria, le foglie di Plantago major sono utilizzate come rimedio popolare per prevenire l’infezione su tagli e graffi, grazie alle sue proprietà antisettiche. In Slovenia e in altre regioni dell’Europa centrale, le foglie erano tradizionalmente utilizzate per uso topico, in caso di screpolature della pelle e sulle punture di zanzara ( Vestfalia orientale e Ostfalia occidentale)
Ha inoltre proprietà refrigeranti, diuretiche, cura le ulcere maligne,la febbre intermittente. Le foglie sono utilizzate per arrestare emorragie esterne, ma sono inutili anche in caso in emorragia interna: sanguinamento dei polmoni e dello stomaco e in caso di dissenteria.

Piantaggine e New Family Herbal ,1863

Negli Stati Uniti, la Piantaggine si chiama Snake Weed, da una credenza nella sua efficacia in caso di morsi di animali velenosi. Si racconta infatti di un cane che fu punto da un serpente a sonagli e di un medicamento a base di succo di piantaggine applicatogli sulla ferita . L’animale era in agonia, ma si salvò grazie a questo medicamento.

Il Dr. Robinson in New Family Herbal , 1863, ci dice che un indiano ricevette una grande ricompensa dell’Assemblea della Carolina del Sud per avere scoperto la Piantaggine quale il rimedio principale per il morso dei serpenti a sonagli .
Robinson lo indica come un rimedio per tosse irritazioni, raucedine, gastrite, enterite, bronchite, asma, congestione delle mucose, diarrea, sangue dal naso, reni e problemi alla vescica, ittero, mal di testa, infezioni, epatite, infertilità, sciatica, tubercolosi, sifilide, mal di denti, l’idropisia, infiammazione oculare .

Egli indica :

  • Un decotto a base di foglie essiccate per la coagulazione del sangue .
  • Il succo fresco , ottenuto da foglie e radici, viene indicato da Robinson come un ottimo rimedio in caso di catarro cronico, febbre da fieno, disturbi gastro-intestinali.
  • Ad uso esterno, egli suggerisce di utilizzare le foglie schiacciate ed per l’applicate in caso di eczema, ustioni, herpes zoster, scottature, ferite, piaghe, ulcere, tagli, graffi, foruncoli, tumori, punture di insetti, punture di ortica ed emorroidi, infiammazioni, lenire i piedi stanchi .

Altri utilizzi fitoterapici :

 

  • Il succo di Piantaggine mescolato con succo di limone è utilizzato come diuretico
  • Tisana per raffreddore e influenza :

Mescolare 1 cucchiaio di estratto secco di Piantaggine secco o fresco ( semi , radici) ad una tazza di acqua bollente , lasciare in infusione per 10 minuti, aggiungere miele e bere durante il giorno .

Trattandosi di un’ erba edibile, le varietà a foglia larga sono a volte utilizzate per insalate , salsa verde.

 

Se desideri approfondire le tematiche trattate, prenota una Consulenza Naturopatica tramite videoconsulenza su Whatsapp o Messenger.

DiAlessandra Zarone

Piante astringenti

Le piante astringenti:

Cosa sono le piante astringenti? Vediamo di cosa si tratta.

Un astringente è una sostanza che attenua le funzioni dei tessuti.

L’astringenza è data dalla presenza di tannini, che astringono la superficie della pelle e delle mucose, formando una sottile membrana.

I tannini sono utilizzati per la coagulazione della sanguinazione capillare, per le escrezioni plasmatiche (siero) e la guarigione di ferite. Sono nello stesso tempo dei germostatici.

Quando si utlizzano:

  • Infiammazioni dell’alto tratto digestivo
  •  Diarrea a seguito di infiammazioni gastrointestinali
  •  A livello topico: lesioni aperte, emorroidi, scottature di 3° grado 

Controindicazioni:

Nella maggior parte dei casi assumere subito dopo i pasti principali. In alcuni casi di infiammazione gastrica l’utilizzo a breve termine lontano o prima dei pasti è giustificato. Non usare a lungo termine (4-6 settimane di seguito).

Alcuni esempi di rimedi naturali astringenti:

  • Acacia catechu (Acacia)
  •  Agrimonia eupatoria (Eupatoria)
  • Alchemilla vulgaris (Alchemilla)
  • Bidens spp. (Bidens)
  • Carduus benedicta (Cardo santo)
  • Quercus spp. (quercia)

 

 

Astringenti e resine:

 

Il potere astringente è dato dalla presenza di resine, gommoresine, oleo gommoresine. Le piante a resina sono generalmente antimicrobiche, stimolanti della leucocitosi locale, astringenti, rubefacenti.

 

Altri esempi:

  • Commiphora myrrha (Mirra)
  •  Propolis
  • Calendula officinalis (estratto)
  • Styrax benzoin
  •  Resine di conifere

 

Puoi affrontare le problematiche descritte con rimedi naturali adatti a te, prenota    una consulenza naturopatica.

DiAlessandra Zarone

Naturopatia Desio: Cipresso

Naturopatia Desio: Cipresso:

Cipresso – Cupressus sempervirens L. – Cupressaceae

Fioritura: febbraio-maggio – Parti raccolte: foglie, rametti giovani, galbuli – Tempo balsamico: primavera.

 

Il Cipresso nell’antichità:

Il cipresso della Bibbia e della civiltà mediterranea è una conifera sempreverde dal portamento affusolato, probabilmente originaria dall’altipiano dell’Iran e attualmente coltivata in tutta l’area del Mediterraneo. A maturità forma un cono globoso, usato dagli Egizi per le sue proprietà astringenti, emostatiche e antinfiammatorie. Dalle foglie e dalla corteccia si estrae per distillazione un olio essenziale giallognolo impiegato in profumeria ed efficace per sedare mediante inalazioni una tosse convulsiva. In un testo medioevale si legge: “Contro le emorroidi, quando queste corrono troppo sia fatta una fermentazione di frutti e di foglie di cipresso cotte in acqua piovana, ed in quella stessa acqua si immerga il paziente e gli si da poi dell’acqua del decotto da bere: tutto ciò è molto utile”.

Proprietà medicamentose del Cipresso:

Le parti utilizzate dalla farmacopea popolare erano i ramoscelli freschi, da raccogliere in primavera e i galbuli ancora verdi e carnosi, per le proprietà astringenti, antidiarroiche, antisettiche, antiemorroidali, antireumatiche, vasocostrittrici.

Il Cipresso nella storia antica:

I Persiani vi coglievano il simbolo vegetale del fuoco per la sua forma evocatrice della fiamma e sostenevano che fosse il primo albero del Paradiso.
A queste caratteristiche simboliche corrispondono quelle medicinali grazie alle foglie e ai frutti che contengono, oltre a un elevato tasso di tannino, un olio essenziale molto aromatico con il quale i Romani preparavano profumi. La fama funeraria del cipresso (Cupressus sempervirens) è nata invece
dai poeti greci e latini che cominciarono a considerarlo l‘albero
dei defunti.

Il Cipresso nelle Metamorifosi di Ovidio:

 

Ovidio racconta nelle Metamorfosi che il giovinetto Ciparisso viveva in compagnia di un grande cervo dalle coma d’oro: monili adorni di gemme gli scendevano sul petto, sulla fronte gli pendeva,legata a un laccetto, una borchia d’argento, e sulle tempie
scintillavano due orecchini di perle che portava fin dalla nascita.

Tintura Madre di Cipresso:

 

Per il complesso dei suoi costituenti ha soprattutto un’azione vasocostrittrice e protettiva dei capillari. La tintura di cipresso, utilizzabile in infuso o decotto, è indicata per curare flebiti, varici, emorroidi, mentre l’essenza dei rami è antisettica e spasmolitica, utile come sedativo della tosse.


Se desideri un consulto naturopatico volto alla prevenzione, contattami qui.

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi