Ginko Biloba

DiAlessandra Zarone

Ginko Biloba

Ginko Biloba

L’albero di Ginkgo (Ginkgo biloba L.), è l’unico  sopravvissuto della famiglia delle Ginkgoacee, apparsa più di 150 milioni di anni fa, ed è spesso chiamato un ”fossile vivente”. Si estinse in Europa durante l’era glaciale. Il suo nome deriva dalle parole cinesi sankyo o yin-kuo, che significa “albicocca di collina” o “frutto d’argento”, a causa dei frutti maturi a forma di albicocca e colore giallo.

Sebbene G. biloba e altre specie del genere fossero un tempo diffuse in tutto il mondo, si ridussero due milioni di anni fa in una piccola area della Cina nella provincia di Zhejiang nella Cina orientale, nella riserva di Tian Mu Shan. La foglia di ginkgo è il simbolo della scuola Urasenke della cerimonia del tè giapponese. L’albero è l’albero nazionale della Cina.

Nella medicina cinese, Ginkgo biloba (Ginkgoaceae) è stato usato per trattare la perdita di memoria a breve termine, vertigini e mancanza di attenzione, disturbi polmonari. La resistenza estrema sembra essere una caratteristica degli alberi di ginkgo, in quanto è resistente a insetti, microrganismi dannosi, tossine ambientali della civiltà moderna.

La prima pubblicazione riguardante l’uso interno delle foglie di Ginkgo biloba per scopi medici risale al 1505 d.C. in un testo di Wen-Tai, Ben Cao Pin Hue Jing Yaor. G. biloba era utilizzato per trattare i membri anziani della corte reale. Le moderne farmacopee cinesi hanno introdotto le foglie di Ginkgo biloba per il trattamento delle disfunzioni del cuore e dei polmoni.

Medicina folclorica

Un importante uso tradizionale cinese del ginkgo è nel trattamento dell’asma bronchiale.

Foglie e frutti vengono raccolti in autunno. Le noci all’interno dei frutti sono una prelibatezza in Asia e sono vendute nei negozi di alimentari asiatici, possono essere arrostite o bollite, aggiunte alle pietanze o consumate come spuntino.

I semi di Ginkgo sono usati per alleviare il respiro asmatico e ridurre la flemma, sono indicati per perdite vaginali, vescica indebolita e incontinenza.

La polpa del frutto viene macerata in olio vegetale e dopo cento giorni viene assunta per via orale per la tubercolosi. L’estratto in acqua calda del frutto è preso come antielmintico. L’estratto in acqua calda della foglia viene assunto per via orale come vermifugo, per l’asma e la senilità. I semi crudi vengono mangiati e il decotto del seme viene assunto per via orale per il cancro. I semi, fritti in padella, vengono mangiati per la tubercolosi.

Il seme è anti-tosse, espettorante, antiasmatico e nell’infiammazione della vescica. In Cina, le foglie di Ginkgo biloba sono state utilizzate anche nell’asma e nei disturbi cardiovascolari.

Iran

 

L’estratto in acqua calda delle foglie secche viene assunto per via orale per i disturbi della vista, associati ad anomalie della circolazione sanguigna, infiammazione e per migliorare la perdita di memoria. Gli estratti di etanolo (90% e 95%) sono assunti per via orale come dilatatore arterioso e stimolatore della circolazione arteriosa.

 Corea

L’estratto in acqua calda del seme viene assunto per via orale per indurre il travaglio e come abortivo.

La scoperta di Ginko biloba

Il medico e botanico tedesco Engelbert Kaempfer descrisse per la prima volta l’albero nel suo libro “Amoenitatum Exoticarum”, 1712, dopo una visita in Giappone. Il primo albero di ginkgo europeo fu piantato a Utrecht, in Olanda, nel 1730, e nel 1800 il gingko si era naturalizzato in tutta Europa. Si ritiene che il più antico albero di ginkgo in Germania (circa 200 anni) si trovi sul terreno del castello di Wilhelmshohe vicino alla città di Kassel. Goethe scrisse una poesia Ginkgo biloba sulla foglia di ginkgo bilobata nel 1815 dopo aver camminato per i terreni del castello di Heidelberg, e fece piantare diversi alberi di ginkgo vicino alla sua casa estiva a Weimar. L’albero di Ginkgo era tra le specie di piante che si rigenerarono attivamente dopo l’esplosione della bomba atomica di Hiroshima del 1945. Almeno fino al 1993, un esemplare è rimasto nel giardino Shukukein che si trova a circa 1.400 metri dall’ipocentro dell’esplosione.

Molti prodotti G. biloba sono entrati nel mercato e l’estratto di G. biloba è ora tra i farmaci a base di erbe più venduti in tutto il mondo. Oggi vengono coltivati oltre 50 milioni di alberi di G. biloba, in particolare in Cina, Francia e Carolina del Sud negli Stati Uniti, producendo circa 8000 tonnellate di foglie essiccate ogni anno. In India, G. biloba è visto ad alta quota in Kumaun Himalaya.

Usi medicinali contemporanei

Recentemente, l’estratto di G. biloba è stato utilizzato come uno dei potenziali rimedi erboristici per migliorare le funzioni cognitive e per trattare il morbo di Alzheimer e i sintomi dell’insufficienza cerebrale.

I cinesi usano la pianta in medicina da millenni, ma molte delle applicazioni moderne provengono dalla ricerca di scienziati tedeschi.

 Le foglie e il loro estratto sono utilizzate per curare la cattiva circolazione e per equilibrare il flusso sanguigno al sistema nervoso centrale. L’attuale medicina cinese utilizza estratti di foglie di ginkgo nelle medicazioni per ferite. Le proprietà vasoattive dei principi del ginkgo possono svolgere un ruolo in questa applicazione. Le foglie verdi essiccate dell’albero di ginkgo forniscono il farmaco grezzo da cui si ottengono gli estratti di ginkgo. Le foglie possono essere raccolte da alberi coltivati o dallo stato selvatico.

  • Ginko biloba rallenta il deterioramento cerebrale e offre una protezione contro ictus, perdita di memoria, acufene, ipertonia e angina pectoris.
  • È utile in caso di demenza, deficit di memoria, disturbi della concentrazione, depressione, vertigini, acufene e mal di testa.
  • Aumenta la tolleranza all’ipossia e presenta un effetto anti-ischemico, migliora la fluidità del sangue, diminuisce l’aggregazione piastrinica ed eritrocitaria, riduce la viscosità del plasma e del sangue. L’estratto diminuisce anche la permeabilità dei capillari e protegge la membrana cellulare, intrappolando i radicali liberi deleteri.
  • Il farmaco viene utilizzato per le funzioni cerebrali disturbate che provocano vertigini e mal di testa, con labilità emotiva e ansia. Il ginkgo ha dimostrato di migliorare la concentrazione e i deficit di memoria a causa della malattia arteriosa occlusiva periferica.

Studi clinici

 

L’estratto di G. biloba è derivato dalle foglie essiccate dell’albero di ginkgo, dove l’estratto vegetale standardizzato contiene il 24% di ginkgo-flavonglicosidi e il 6% di ginkgo-terpenoidi lattoni come costituente attivo che hanno effetti neuroprotettivi e vasotropici

Tradizionalmente, G. biloba è stato usato come agente nootropico e antiossidante nell’insufficienza cerebrovascolare, principalmente in pazienti con deterioramento cognitivo. Prove recenti hanno dimostrato l’effetto ansiolitico di G. biloba. Nel presente studio, l’assunzione giornaliera di 120 mg di G. biloba per 6 settimane ha ridotto i livelli di ansia in un gruppo di rifugiati.

I risultati di questo studio hanno dimostrato che l’EGb 761 potrebbe migliorare l’efficienza degli antipsicotici, in particolare sui sintomi positivi, nei pazienti con schizofrenia.

 

Diversi studi hanno studiato il ruolo di G. biloba nel migliorare l’affaticamento fisico. È stato dimostrato che G. biloba migliora i sintomi di affaticamento, la resistenza fisica e le attività della vita quotidiana. I rifugiati sono ad alto rischio di sviluppare affaticamento fisico che può limitare le loro attività quotidiane a causa della mancanza di: cibo adeguato e sano, alloggi confortevoli, farmaci, ore di sonno e di avere una scarsa qualità di vita.

Ginko biloba è stato prescritto globalmente nell’insufficienza cerebrale associata a disfunzione cognitiva, che si manifesta clinicamente come demenza e mancanza di concentrazione, specialmente in volontari sani, anziani e pazienti con malattia di Alzheimer. L’estratto di Ginkgo biloba è stato utilizzato terapeuticamente per diversi decenni per aumentare il flusso sanguigno periferico e cerebrale, nonché per il trattamento della demenza.

Ginkgo biloba ha i seguenti effetti farmacodinamici:

  • È un antiossidante
  • Provoca vaso regolazione
  • Inibisce l’aggregazione piastrinica
  • Riduce l’edema cerebrale
  • Migliora il recupero funzionale dopo ischemia
  • Migliora, accelera e prolunga l’attivazione della microglia e dell’astrocitosi nel sito della lesione cerebrale.

 

L’estratto di Ginkgo biloba EGb 761

Intorno al 1965, i preparati di G. biloba furono introdotti nel mondo occidentale dal Dr. Willmar Schwabe scoprì che gli estratti dalle foglie di Ginkgo biloba erano efficaci per il trattamento dei disturbi arteriosi periferici e cerebrali soprattutto nei pazienti anziani, di conseguenza ha proceduto a sviluppare un estratto standardizzato, designato con il nome in codice EGb 761. Un primo brevetto è stato concesso per l’estratto nel 1971 in Germania e nel 1972 in Francia, con cui l’estratto di Ginko è stato arricchito di glicosidi flavonolici al 24%. Un ulteriore brevetto è stato concesso nel 1989 caratterizzato dal’aggiunta di trilattoni terpenici al 6% e rimozione di componenti indesiderati dall’estratto, come gli acidi ginkgolici, che sono noti allergeni. La ricerca scientifica più specifica e significativa su EGb 761 è stata avviata alla fine degli anni 1970 quando sono diventati disponibili modelli patologici adatti.

A seguito del miglioramento dei metodi esistenti e della disponibilità di tecnologie più sofisticate, è stato fatto uno sforzo supremo per aumentare le conoscenze riguardanti tutti gli aspetti scientifici di EGb 761, dalla biologia dell’albero e della sua coltivazione all’ottimizzazione della qualità dell’estratto e alla scoperta dei segreti dei suoi meccanismi d’azione.

I flavonoidi del ginkgo, per lo più derivati della rutina, sono efficienti spazzini dei radicali liberi. Sappiamo da studi sperimentali su animali e umani che la rutina alza la soglia per l’infiltrazione di sangue dai vasi capillari, un effetto generalmente descritto come diminuzione della fragilità capillare. I ginkgolidi inibiscono il fattore di attivazione piastrinica (PAF). Bioregolatore sintetizzato nelle membrane cellulari dei mammiferi in risposta a vari stimoli, il PAF media varie risposte fisiologiche e, quando eccessivo, può avviare processi fisiopatologici. Induce l’aggregazione piastrinica nel sangue e funziona come mediatore chiave nei processi infiammatori allergici. I recettori PAF sono stati rilevati in vari tessuti, incluso il cervello. L’aggregazione piastrinica indotta da PAF è nota per verificarsi in zone di ischemia incompleta, ad esempio alla periferia di un’area infartuata.

La somministrazione sistemica dell’estratto di Ginkgo biloba ha dimostrato di migliorare il recupero funzionale dopo una varietà di lesioni. Ha effetti protettivi, tra cui la sua azione anti-ischemica-antiedema, l’attività di pulitura dei radicali liberi. Inoltre, l’estratto di Ginkgo biloba potrebbe manifestare i suoi effetti benefici attraverso la modifica della proliferazione indotta da lesioni Quando si verifica un danno tissutale, gli astrociti e le microglia sono le prime cellule ad essere attivate. Fino a poco tempo fa, si credeva che il ruolo degli astrociti nel cervello ferito fosse limitato alla formazione di tessuto cicatriziale, separando la morte dal tessuto sano. Si pensava che le cellule microgliali fossero confinate a una funzione principalmente fagocitica, cioè la rimozione di detriti tissutali dopo un trauma. Ora, è ampiamente riconosciuto che gli astrociti e le microglia svolgono un ruolo più fondamentale nel processo di recupero ristabilendo l’omeostasi, sintetizzando e rilasciando sostanze neuro attive e innescando una reazione immunitaria orchestrata all’interno del cervello stesso. Questi eventi sono chiamati attivazione gliale.

Negli studi sugli effetti farmacologici di G. biloba, in particolare sugli effetti nel sistema nervoso centrale, rivelano che EGb 761 :

  • Migliora la cognizione
  • Ha affetti antiossidanti
  • Aumenta il flusso sanguigno cerebrale
  • Modifica la neurotrasmissione e protegge contro l’apoptosi.

 

Diversi studi clinici per l’utilizzo di EGb 761 per il trattamento della demenza e delle funzioni cognitive associate all’Alzheimer, hanno concluso che EGb 761 ha un significativo effetto sulle misure oggettive della funzione cognitiva nei malati di Alzheimer, senza effetti avversi significativi. Sono stati studiati gli effetti di diversi costituenti degli estratti di Ginkgo biloba, cioè flavonoidi e terpenoidi, contro la tossicità indotta sulle cellule dell’ippocampo, un’area cerebrale particolarmente suscettibile ai danni neurodegenerativi. EGb 761 media gli effetti neurotossici del glutammato che sono implicati in lesioni cerebrali ipossiche / ischemiche.

Ci sono prove di efficacia per l’estratto standardizzato EGb 761, nel trattamento dell’acufene da tre studi in pazienti in cui l’acufene era la lamentela primaria. L’acufene si verifica occasionalmente in circa il 10 % della popolazione e influisce significativamente sulla qualità della vita in circa l’1 %. La sensazione uditiva può essere molto fastidiosa, tanto che il paziente soffre di una compromessa capacità di concentrazione e relax, tale disturbo influisce sull’umore, causa depressione, rabbia e ansia. L’efficacia di EGb nel trattamento delle vertigini e dell’acufene, non associati alla demenza, è stata testata in otto studi con risultati per lo più positivi. Un recente studio in doppio cieco controllato con placebo in 99 pazienti ambulatoriali ha confermato l’efficacia terapeutica dell’estratto di ginkgo per questa indicazione.

 

EGb 761 È un noto inibitore del fattore di attivazione piastrinica (PAF), che è importante nella patogenesi dell’asma. Ginko biloba può essere utile per il trattamento dell’asma.

Recentemente, l’attività antibatterica di metanolo, etanolo, cloroformio ed estratti di esano delle foglie di G. biloba dell’Himalaya è stata valutata rispetto a cinque ceppi patogeni animali e vegetali: Agrobacterium tumefaciens, Bacillus subtilis, Escherichia coli, Erwinia chrysanthemi e Xanthomonas phaseoli.

Oltre a questi usi medicinali molto specifici, l’estratto di foglie di Ginkgo ha proprietà neuroprotettive, cardioprotettive, antistress, miglioramento della memoria, effetti su disturbi geriatrici e disturbi psichiatrici. Ha proprietà anticancro, previene la  degenerazione maculare legata all’età , cura ansia e depressione.

L’estratto di foglie di Ginkgo viene utilizzato sia come antiossidante, anti-piastrinico, anti-ipossia, anti-edematoso, antibatterico, afrodisiaco, in quanto contiene    dozzine di composti chimici, tra cui flavonoidi e lattoni terpenici, che sono considerati i composti attivi. Sebbene le azioni farmacologiche di questi composti non siano ancora note, numerosi studi suggeriscono che il Ginkgo biloba ha i seguenti effetti farmacodinamici:

  • Vasoregolazione
  • Antagonismo del fattore di attivazione piastrinica
  • Regolazione dei neurotrasmettitori
  • Proprietà antiossidanti

 

EGb 761 ha effetti diretti contro la necrosi e l’apoptosi dei neuroni e migliora la plasticità neurale. A livello molecolare e cellulare, alcune evidenze ottenute con modelli animali indicano che EGb 761 può interagire come spazzino dei radicali liberi e inibitore della perossidazione lipidica, regola l’equilibrio ionico nelle cellule danneggiate ed esercita una specifica e potente attività antagonista del fattore di attivazione piastrinica. Numerosi studi clinici ben controllati, realizzati in Europa e negli Stai Uniti, hanno rivelato che EGb 761 è una terapia efficace per un’ampia varietà di disturbi della funzione cerebrale, che vanno dalla compromissione cerebrale di origine vascolare ischemica (cioè demenza multi-infartuale), declino cognitivo precoce a casi da lievi a moderati dei tipi più gravi di demenze senili, incluso il morbo di Alzheimer.

Alcuni studi clinici hanno dimostrato che il trattamento con EGb 761 può migliorare la capacità dei pazienti geriatrici di far fronte allo stress della vita quotidiana, in quanto facilita l’adattamento comportamentale allo stress e può diminuire l’eccesso di rilascio di cortisolo.

Per quanto riguarda il sistema visivo, studi sperimentali hanno dimostrato che EGb 761 può inibire o ridurre i disturbi funzionali della retina derivanti da ischemia-riperfusione, foto degenerazione, retinopatia diabetica o proliferativa.

Studi clinici hanno rivelato che EGb 761 può essere utile nel trattamento di disturbi dell’attività visiva e danni al campo visivo associati a insufficienza cerebrovascolare cronica, degenerazione maculare senile e diabete mellito.

Studi adeguatamente controllati in pazienti con malattia occlusiva arteriosa periferica hanno fornito buone prove dell’efficacia terapeutica nella claudicatio intermittente.

Ha un effetto antiossidante nella lesione cerebrale ischemica.

La monografia della Commissione E del 1994 riassume le azioni farmacologiche sperimentalmente documentate di EGb 761 come segue:

 

  • Aumenta la tolleranza all’ipossia, specialmente nel tessuto cerebrale
  • Inibisce lo sviluppo di edema cerebrale post-traumatico o indotto da tossine e ne accelera la risoluzione.
  • Riduce l’edema retinico e le lesioni retiniche
  • Inibisce il fattore di attivazione piastrinica (PAF) ed esercita un effetto neuroprotettivo

 

Gli effetti collaterali sono molto rari e consistono in lievi disturbi gastrici, mal di testa o reazioni allergiche cutanee. Non ci sono interazioni note con altri farmaci. Sette casi di emorragia in pazienti che assumevano prodotti contenenti ginkgo sono stati riportati in letteratura. L’antagonismo dei ginkgolidi al fattore di attivazione piastrinica è stato citato come possibile causa. Non c’è stato alcun caso in cui un nesso causale definito possa essere stabilito tra emorragia e uso di ginkgo. Nonostante alcune preoccupazioni teoriche sul potenziale di interazione con farmaci che fluidificano il sangue, diversi studi di interazione nell’uomo non hanno mostrato prove di interazioni con l’aspirina o con l’anticoagulante di tipo fenprocumone.

Il futuro di EGb 761 è senza dubbio nella promessa di rallentare la progressione della malattia di Alzheimer. In effetti, due recenti studi clinici americani hanno dimostrato l’efficacia e la sicurezza di EGb 761 in pazienti con malattia di Alzheimer da lieve a grave e demenza multi-infartuale. In termini clinici, la progressione dei sintomi è stata ritardata di circa sei mesi. In realtà nuovi studi clinici sono intrapresi negli Stati Uniti e in Europa.

A causa del travolgente successo di EGb 761 in Europa e del crescente interesse per i “farmaci naturali”, un gran numero di estratti di Ginkgo biloba (diversi da EGb 761) sono stati commercializzati, sia negli Stati Uniti ai sensi del “Dietary Supplement Health and Education Act” che in Europa come “prodotti dietetici, omeopatici e / o fitoterapici”.

Un ottimo estratto di Ginko biloba EGb 761 è BioAttivo Biloba, disponibile qui Ginkgo Biloba – Memoria – Microcircolazione (pharmanord.it)o in farmacia.

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta