Archivio dei tag scottature

DiAlessandra Zarone

Lino e vitamina D

Lino e vitamina D

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

La vitamina D E’ contenuta nel

Lino, L. usitatissimum

Lino (Linaceae) Sebbene sia classificato come specie, L. usitatissimum è derivato da L. bienne. Si sono evoluti due tipi distinti di L. usitatissimum: il lino più alto, con meno rami e fiori, che produce fibre; e il seme di lino più corto, florifero e fruttuoso, che ora viene coltivato per l’olio e come coltura foraggera. I semi contengono il 30-40% di un olio fisso, noto come olio di lino, che comprende principalmente acido linoleico .

In comune con molti membri delle famiglie Linaceae, Rosaceae e Caprifoliaceae, contengono anche glicosidi cianogenici o acido prussico. In piccole quantità, questi composti stimolano la respirazione e migliorano la digestione ma, in eccesso, causano insufficienza respiratoria e morte. Non vi è alcuna indicazione che le dosi raccomandate di L. usitatissimum rappresentino una minaccia. Il correlato L. catharticum (lino di montagna o di spurgo) è descritto come un lassativo e un antireumatico, ma ora è usato raramente.

Parti utilizzate:

Pianta intera, steli, semi, olio.

Proprietà

Erba dolce, mucillaginosa, lassativa ed espettorante, lenisce i tessuti irritati, controlla la tosse e allevia il dolore. Usi dell’erba medicinale internamente come lassativo di massa per costipazione cronica e diverticolite (semi schiacciati mescolati con cereali per la colazione e ampio liquido), gastrite, faringite (semi macerati), disturbi bronchiali cronici, tosse e mal di gola; come integratore alimentare per eczema, problemi mestruali, indurimento delle arterie e artrite reumatoide (olio). Esternamente per bronchite, pleurite, mal di gola, ustioni, scottature, bolle, ascessi e ulcere. I semi schiacciati sono combinati, come impiastro, con Sinapis alba per i disturbi al petto e con miele e limone come rimedio per la tosse. L’erba fresca è stata applicata per dolori reumatici, raffreddori e tosse. Il lino è uno dei tessuti più antichi del mondo; il primo frammento di stoffa mai identificato (considerato di lino) proveniva dalla Turchia orientale, datato al carbonio a 9.000 anni fa. Gli antichi egizi raffiguravano la crescita del lino, la filatura del filo di lino, e la tessitura di quel filo su papiri e murales. I resti mummificati dei faraoni sono legati in lino fine e delicato, intrecciato con una perizia che è ancora difficile da replicare oggi, da 3.000 a 4.000 anni dopo. Il lino è stato anche usato per fare casi di mummia, e l’olio di semi di lino è stato usato nel processo di imbalsamazione.

 

Le fibre producono il tessuto, i semi vengono pressati per l’olio, sono utilizzati negli alimenti e nei foraggi per gli animali e nelle industrie di vernici e pavimenti.  I residui di semi vengono trasformati in torte di semi di lino per l’alimentazione animale. Le piante vengono tagliate a maturità per l’estrazione delle fibre. I semi vengono raccolti a maturità, conservati interi o pressati per l’olio. È stata la prima coltura di fibre e ampiamente coltivata in Europa e in Asia, ma ora in gran parte sostituita dal cotone. Attualmente i semi di lino sono prevalentemente coltivati per uso industriale nella produzione di pitture, vernici, mastice e linoleum. I semi di lino hanno una composizione di acidi grassi che porta all’essiccazione e all’indurimento dell’olio se esposti all’aria e alla luce solare. L’olio commestibile è ottenuto dalla spremitura a freddo per evitare l’ossidazione ed è commercializzato come olio di semi. Non è raccomandato per cucinare, ma viene utilizzato principalmente come integratore alimentare, ad alto contenuto di acido linolenico . Tuttavia, i semi di lino sono ancora importanti come olio da cucina soprattutto in Nord Africa e Medio Oriente. Il seme intero ha un mercato in crescita nella cottura e negli alimenti salutari, a volte aggiunto al pane e ai cereali per la colazione. Per questo le tradizionali varietà “ad alto linolenico” sono adatte in quanto solo l’olio estratto manca delle qualità di conservazione per uso culinario. La farina di lino viene utilizzata come mangime per animali e pollame per aumentare gli acidi grassi omega nelle uova.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Calendula, riequilibrio femminile e non solo

Calendula, riequilibrio femminile e non solo

 

Calendula è un antico rimedio femminile e non solo. I petali della Calendula, freschi o essiccati, venivano adoperati, al tempo dei Romani, come sostituti dello zafferano, dal momento che questo era molto costoso e più raro. I fiori, inoltre, venivano spremuti freschi per trarne un succo per tinture gialle.

pixabay, download e utilizzo gratuito

Tra gli Aztechi era viva la leggenda che la Calendula fosse nata dal sangue dei guerrieri caduti nella battaglia contro Fernando Cortez. In India la Calendula adornava il tridente di Mahadeva. Grazie al suo fiore la calendula ha riscosso da sempre molto successo come pianta ornamentale. Ma nei secoli passati fu coltivata anche per la sua funzione di “barometro” naturale: già nel Medioevo, infatti, era stato notato che il fiore si apriva all’alba solo quando l’aria era perfettamente asciutta (e quindi probabilmente non avrebbe piovuto).

Secondo invece un’antica usanza germanica, le ragazze erano solite piantare la Calendula nelle orme lasciate dall’amato. Siccome la pianta ha una fioritura assai prolungata, si riteneva che così facendo l’affetto tra i due innamorati non si sarebbe mai spento.

 

Calendula, antica pianta medicinale

Da tempo immemorabile detiene una grande importanza come pianta medicinale, ma è stata apprezzata dai Greci e dai Romani, così come nella cultura indiana e araba come erba medicinale e tintura anche per tessuti più delicati di seta e di lana, i capelli, gli alimenti e i cosmetici.

pixabay, download e utilizzo gratuito

Calendula, “pianta dai fiori d’oro”

Gli scrittori greci parlavano di “una pianta dai fiori d’oro”.
Nella mitologia greca la pianta è associata a Afrodite che addolorata per la morte del giovane amante Adone pianse lacrime, che toccando terra, si trasformarono in Calendule. Per questo motivo nel periodo ottocentesco il fiore veniva sempre associato a simbologie tristi originate da pene  d’amore o da gelosia e inganni.
Le streghe ponevano i fiori sotto la testa durante la notte per indurre sogni profetici.
Fu l’emblema di Margherita d’Orléans, una Calendula che girava intorno al sole con il motto: “Je ne veux suivre que lui seul”.

Nei giochi di Tolosa si offriva al vincitore una Calendula modellata in argento.
Anche William Shakespeare decanta il fiore nel sonetto xxv “I favoriti dei grandi principi schiudono i loro bei petali come la Calendula sotto l’occhio del sole”.
Una leggenda inglese narra che alcune ragazze, impazzite per la gelosia e l’invidia morendo furono trasformate in Calendula.

pixabay, download e utilizzo gratuito

Proprietà riequilibranti 

Una manciata di fiori di Calendula infusi nell’acqua molto calda del bagno (oppure in decotto) esercita in effetto decongestionante, addolcente, idratante.

 

Le mani screpolate traggono giovamento dall’immersione, per 10 minuti, nel decotto.

Possiede un’azione generale :

  • coleretica,
  • emmenagoga
  • antidismenorroica
  • localmente è molto valida come antiinfiammatoria, antisettica e cicatrizzante.
  • decongestionante
  • lenitiva
  •  idratante

Per uso interno contro :

 

Ha proprietà cheratolitiche, cicatrizzanti.
Si usano le foglie fresche, vengono contuse ed applicate localmente per eliminare dai piedi calli e duroni.
Il succo fresco delle infiorescenze si applica sulle scottature.
Si usa l’infuso delle infiorescenze per impacchi a scopo cicatrizzante.

pixabay, download e utilizzo gratuito

Essenza floreale di Calendula

 

Aiuta a :

  • riappropriarsi del proprio potere personale,partecipando attivamente in ogni situazione della vita
  • prendersi carico delle responsabilità
    forza vitale
  • essere presenti attivamente nella propria vita 
  • energizzante e bilanciante del plesso solare

 

Adatta a coloro che :

  • danno potere alle energie altrui
  • si sentono ” in balia ” di una situazione o circostanza
    si sentono vittime
  • hanno tendenza ad usare parole taglienti
  • sono inclini alla litigiosità
  • tendono ad avere malintesi
  • mancanza di ricettività nella comunicazione con gli altri

pixabay, download e utilizzo gratuito

L’Essenza Floreale di Calendula è di grande aiuto a coloro che ascoltano superficialmente.
Sviluppa la comprensione al di là delle parole e permette di capire il senso reale del messaggio degli altri.
Calendula è consigliata anche a coloro che feriscono spesso con il linguaggio, che ingiuriano facilmente gli altri e che hanno la tendenza a discutere permanentemente: apporta calore, sensibilità e dolcezza in tutta la comunicazione.

Se desideri approfondire le tematiche emerse, prenota ora un  un Consulto Naturopatico  oppure un Consulto di Floriterapia Vibrazionale Psicosomatica.

Se desideri maggiori informazioni su ciò che ti offro:

Consulto Naturopatico

Consulto di Floriterapia Vibrazionale Psicosomatica