Archivio dei tag brochite

DiAlessandra Zarone

Lino e vitamina D

Lino e vitamina D

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

La vitamina D E’ contenuta nel

Lino, L. usitatissimum

Lino (Linaceae) Sebbene sia classificato come specie, L. usitatissimum è derivato da L. bienne. Si sono evoluti due tipi distinti di L. usitatissimum: il lino più alto, con meno rami e fiori, che produce fibre; e il seme di lino più corto, florifero e fruttuoso, che ora viene coltivato per l’olio e come coltura foraggera. I semi contengono il 30-40% di un olio fisso, noto come olio di lino, che comprende principalmente acido linoleico .

In comune con molti membri delle famiglie Linaceae, Rosaceae e Caprifoliaceae, contengono anche glicosidi cianogenici o acido prussico. In piccole quantità, questi composti stimolano la respirazione e migliorano la digestione ma, in eccesso, causano insufficienza respiratoria e morte. Non vi è alcuna indicazione che le dosi raccomandate di L. usitatissimum rappresentino una minaccia. Il correlato L. catharticum (lino di montagna o di spurgo) è descritto come un lassativo e un antireumatico, ma ora è usato raramente.

Parti utilizzate:

Pianta intera, steli, semi, olio.

Proprietà

Erba dolce, mucillaginosa, lassativa ed espettorante, lenisce i tessuti irritati, controlla la tosse e allevia il dolore. Usi dell’erba medicinale internamente come lassativo di massa per costipazione cronica e diverticolite (semi schiacciati mescolati con cereali per la colazione e ampio liquido), gastrite, faringite (semi macerati), disturbi bronchiali cronici, tosse e mal di gola; come integratore alimentare per eczema, problemi mestruali, indurimento delle arterie e artrite reumatoide (olio). Esternamente per bronchite, pleurite, mal di gola, ustioni, scottature, bolle, ascessi e ulcere. I semi schiacciati sono combinati, come impiastro, con Sinapis alba per i disturbi al petto e con miele e limone come rimedio per la tosse. L’erba fresca è stata applicata per dolori reumatici, raffreddori e tosse. Il lino è uno dei tessuti più antichi del mondo; il primo frammento di stoffa mai identificato (considerato di lino) proveniva dalla Turchia orientale, datato al carbonio a 9.000 anni fa. Gli antichi egizi raffiguravano la crescita del lino, la filatura del filo di lino, e la tessitura di quel filo su papiri e murales. I resti mummificati dei faraoni sono legati in lino fine e delicato, intrecciato con una perizia che è ancora difficile da replicare oggi, da 3.000 a 4.000 anni dopo. Il lino è stato anche usato per fare casi di mummia, e l’olio di semi di lino è stato usato nel processo di imbalsamazione.

 

Le fibre producono il tessuto, i semi vengono pressati per l’olio, sono utilizzati negli alimenti e nei foraggi per gli animali e nelle industrie di vernici e pavimenti.  I residui di semi vengono trasformati in torte di semi di lino per l’alimentazione animale. Le piante vengono tagliate a maturità per l’estrazione delle fibre. I semi vengono raccolti a maturità, conservati interi o pressati per l’olio. È stata la prima coltura di fibre e ampiamente coltivata in Europa e in Asia, ma ora in gran parte sostituita dal cotone. Attualmente i semi di lino sono prevalentemente coltivati per uso industriale nella produzione di pitture, vernici, mastice e linoleum. I semi di lino hanno una composizione di acidi grassi che porta all’essiccazione e all’indurimento dell’olio se esposti all’aria e alla luce solare. L’olio commestibile è ottenuto dalla spremitura a freddo per evitare l’ossidazione ed è commercializzato come olio di semi. Non è raccomandato per cucinare, ma viene utilizzato principalmente come integratore alimentare, ad alto contenuto di acido linolenico . Tuttavia, i semi di lino sono ancora importanti come olio da cucina soprattutto in Nord Africa e Medio Oriente. Il seme intero ha un mercato in crescita nella cottura e negli alimenti salutari, a volte aggiunto al pane e ai cereali per la colazione. Per questo le tradizionali varietà “ad alto linolenico” sono adatte in quanto solo l’olio estratto manca delle qualità di conservazione per uso culinario. La farina di lino viene utilizzata come mangime per animali e pollame per aumentare gli acidi grassi omega nelle uova.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Le numerose proprietà di Avocado

Gli avocado sono originari delle regioni a nord fino al Messico e al Sud America settentrionale. In genere vengono raccolti quando raggiungono la piena maturazione  e non maturano fino a dopo essere stati raccolti. La qualità coltivata normalmente negli Stati Uniti è l’avocado Hass, prodotto tutto l’anno. Gli avocado Hass hanno una pelle verde-nerastra. L’avocado (Persea americana) è un frutto di origine centro-messicana, anche se un albero, è classificato sotto le  piante da fiore. A differenza di altri frutti, l’avocado ha un contenuto di zucchero molto basso (0,6 g / 100 g) mentre la composizione di acidi grassi omega-3 è piuttosto alta, rendendolo adatto al cuore.

E’ ampiamente utilizzato in Ayurveda. Ci sono 3 razze principali o gruppi di avocado: messicano, guatemalteco e indiano occidentale che prendono il nome dalle aree in cui sono stati originariamente coltivati

L’avocado è un frutto tropicale che ha una buona composizione nutrizionale con attività antiossidante. Il risultato dello studio ha indicato che la polpa di frutta di avocado ha un’elevata quantità di fenoli  e antiossidanti .

Avocado  è utilizzato nella medicina tradizionale per il trattamento di vari disturbi, come menorragia, ipertensione, mal di stomaco, bronchite, diarrea e diabete.

Varie parti morfologiche del Persea americana Mill (Lauraceae) (avocado) sono ampiamente utilizzate nei farmaci tradizionali africani per il trattamento, la gestione e il controllo di una varietà di disturbi tra cui convulsioni infantili ed epilessia.

Uno studio effettuato sulla foglia di avocado ha mostrato proprietà anticonvulsive, e quindi dà credito farmacologico agli usi folcloristici ed etnomedicali nella gestione o nel trattamento delle convulsioni infantili e dell’epilessia in alcune comunità rurali del Sudafrica.

Ha  effetti cardioprotettivi , antipertensivi in caso  di ipertensione  indotta da etanolo e saccarosio ,migliora lo stato biochimico e ossidativo e protegge l’endotelio epatico, renale e vascolare dai danni indotti dal consumo cronico di etanolo e saccarosio.

Gli effetti sulla salute di steroli e stanoli sono stati oggetto di diversi studi. Alcuni autori hanno dimostrato una riduzione del 25% del rischio di malattie coronariche con il consumo di 2g di tali composti al giorno.

I fitochimici estratti dal frutto dell’avocado inducono selettivamente l’arresto del ciclo cellulare, inibiscono la crescita e inducono apoptosi nelle linee cellulari precancerose e tumorali.

  • Ha un effetto positivo sul sistema immunitario, in caso di malattie come il cancro, l’HIV e le infezioni. In relazione al cancro,  avocado sopprime la carcinogenesi e nell’HIV rafforza il sistema immunitario .
  • Migliora la proliferazione dei linfociti e l’attività cellulare killer naturale, che inattiva i microrganismi invasori.
  • Gli studi hanno dimostrato che l’attività β-sitosterolo è un aiuto nella perdita di peso riducendo l’abbuffata alimentare compulsiva e l’accumulo di grasso nella regione addominale .

Il seme di avocado presenta, nella sua composizione, un gran numero di polifenoli estraibili, che hanno attirato l’attenzione a causa della loro elevata capacità antiossidante.

È stato condotto uno studio su 13 adulti sani con una dieta ipercalorica e iperlipidica abituale, in cui il burro è stato sostituito da olio di avocado estratto a 35 °C dalla sola polpa. L’assunzione  di olio di avocado per un periodo di sei giorni ha evidenziato un miglioramento del profilo postprandiale di insulina, glicemia, colesterolo totale, lipoproteine a bassa densità, trigliceridi e parametri infiammatori, come la proteina C-reattiva (CRP) e l’interleuchina-6 . L’olio di polpa di avocado (genotipi creoli messicani) ha mostrato attività antinfiammatoria inibendo gli enzimi COX 1 e COX 2 in modo simile al farmaco, all’ibuprofene e all’olio extravergine di oliva . Inoltre, quando l’olio di avocado è stato aggiunto alla preparazioni della creme per la pelle della vitamina B12, era ben tollerato e indicato  per la terapia topica a lungo termine della psoriasi . E utile nella  prevenzione del cancro nel fegato, attenua gli effetti dannosi dello stress ossidativo .

Nel cervello, è stato osservato un miglioramento della funzione mitocondriale, così come una diminuzione dei livelli di radicali liberi e perossidazione lipidica. Questi risultati dimostrano che l’integrazione con olio di avocado previene la disfunzione mitocondriale nel cervello e nel fegato .

L’attività curativa di una formulazione semi-solida di olio di avocado (50/50 vaselina) e olio di polpa di avocado ha promosso l’aumento della sintesi del collagene e diminuito il numero di cellule infiammatorie durante il processo di guarigione delle ferite.

 

Oltre ad essere deliziosi, gli avocado sono costituiti da circa 20 vitamine e minerali, tra cui carotenoidi e luteina, che avvantaggiano la salute degli occhi. Hanno anche dimostrato di avere un evidente impatto sul colesterolo alto a causa della loro composizione naturale di steroli vegetali. Simili all’olio d’oliva, sono costituiti da grassi monoinsaturi e polinsaturi, che sono molto più sani dei grassi saturi che sono così dannosi per la forma fisica. Sapevi che il cervello è praticamente grasso al 60%? Senza grassi buoni, nessuno di noi sarebbe qui oggi. Inoltre, senza i grassi monoinsaturi e polinsaturi, il corpo non può espellere le vitamine A, D, E e K.

  • Gli avocado offrono vantaggi per la salute in caso  malattie cardiache, artrite reumatoide e cancro ai polmoni e possono aiutare a prevenire gli ictus. Sono eccellenti fonti di vitamine A, B, C, E, K, fibre e potassio. I risultati di uno studio indicano che avocado può persino frenare la crescita di alcune cellule tumorali della prostata.
  • Sono tra i primi frutti che un bambino può ingerire a causa della loro naturale. L’avocado viene utilizzato nei cosmetici come crema idratante e protezione solare naturale, oltre dona  sollievo alle  scottature solari. L’alto contenuto di umidità benefico per gli individui con cuoio capelluto e pelle secca, eczema o psoriasi. .

Uno studio clinico ha studiato gli effetti dell’avocado sulle cellule tumorali. I fitochimici estratti dal frutto dell’avocado sono stati in grado di fermare selettivamente il ciclo cellulare del cancro fermando la crescita e innescando la morte nelle linee cellulari precancerose e tumorali.

L’ avocado ha contribuito a fortificare il numero di linfociti – quei piccoli globuli bianchi che svolgono un ruolo importante nella difesa del corpo dalle malattie.

I ricercatori hanno anche testato avocado nel ridurre gli effetti collaterali tossici della chemioterapia. Il frutto è stato in grado di abbassare le aberrazioni cromosomiche (cromosomi che vengono cambiati in modo negativo) indotte da un comune trattamento chemio chiamato “ciclofosfamide”.

Il team di ricerca ha suggerito che i fitochimici del frutto dell’avocado potrebbero essere utilizzati per realizzare un ingrediente chemioprotettivo attivo per abbassare gli effetti collaterali delle chemioterapie come la ciclofosfamide che vengono utilizzate nella terapia del cancro.

I ricercatori dell’Ohio State University hanno scoperto che gli avocado possono aumentare la quantità di carotenoidi che vengono assorbiti mentre si consumano altri alimenti . Sembra che i grassi alimentari possano essere un fattore importante nell’assorbimento dei carotenoidi.  Tuttavia, la maggior parte dei frutti e delle verdure ricchi di carotenoidi sono a basso contenuto di grassi.

Sono a tua disposizione per le tematiche trattate, con un Percorso Naturopatico

Un ottimo prodotto è Alato 22, acquistabile qui o in farmacia.

 

 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Nocciolo, Corylus avellana: rimedio naturale per il fegato

 Corylus avellana: rimedio naturale il fegato

Corylus avellana è un  rimedio naturale per cirrosi epatica e altre patologie.

Il Nocciolo, il cui termine latino Corylus avellana è stato adottato in botanica, era chiamato dai Romani  abellana – dal nome della città di Abella i cui ruderi esistono ancora nei pressi di Avella, mentre Corylus deriva dal greco córys, che significa casco perché la nocciola è racchiusa in una brattea verde che somiglia a un casco ma anche a una barba; tant’è vero che la si è soprannominata “noce barbata”.

Simbologia nell’Antica Roma:

I Romani chiamavano il nocciolo nux pontica, come riferisce Plinio, sostenendo che l’albero era arrivato in Asia e in Grecia dal Ponto. I Romani donavano piante di nocciolo come augurio di prosperità e di pace.

Folklore celtico:

Per i Celti il nocciolo, chiamato Coll, dava il nome, nel calendario arboreo, al mese lunare che corrispondeva all’epoca della raccolta delle nocciole, dai primi di agosto sino alla fine del mese. Questi frutti erano considerati il simbolo della Saggezza concentrata: dolce e compatta nello stesso tempo, racchiusa in un piccolo guscio duro, ovvero impermeabile alle mutevoli opinioni del volgo. La lettera Coll rappresentava per i Bardi il nove, un numero sacro alla Muse e collegato al nocciolo perché si diceva che l’albero fruttificasse dopo nove anni. Il nocciolo dava anche il nome a un dio, Mac Coll, “Figlio di Coll”, che fu uno dei primi tre sovrani d’Irlanda sposati con la Triplice Dea, colei che concedeva Saggezza e I’ispirazione poetica. I Druidi e i Bardi usavano tavolette divinatorie di nocciolo come supporto per la loro ispirazione: vi incidevano gli ogam, le lettere magiche.

 

L’albero con i suoi frutti sferici è un simbolo della Luna.

Il Nocciolo negli antichi erbari:

Dioscoride e  Plinio, sostenevano che provocavano, oltre a emicrania e flatulenza, un ingrassamento inverosimile del corpo; ma tostati curavano il catarro e, bevuti nell’idromele, la tosse cronica. Santa Ildegarda consigliava le nocciole contro l‘impotenza, mentre il Mattioli affermava che sbucciate e mescolate col grasso d’orso fossero infallibili per la crescita dei capelli. Durante, pur ribadendo che causavano emicranie, le consigliava come astringenti e anticatarrali, e sosteneva che, mangiate al principio del pranzo, liberavano dal dolore alle reni e dalla renella.

 

Proprietà curative del Nocciolo:

Il Nocciolo è utile in caso di…

  • problematiche della pelle
  • problematiche di stomaco
  • infiammazioni dell’apparato genitale
  • infiammazioni dell’apparato respiratorio

 

Contiene  Omega-3, utili nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

 

Risolvi  le problematiche trattate con rimedi naturali, prenota  una consulenza naturopatica.