Withania e Shisandra nella medicina folklorica

DiAlessandra Zarone

Withania e Shisandra nella medicina folklorica

Withania e Shisandra nella medicina folclorica

 

Schisandra, Schisandra chinensis (Turcz.) Baill

Altri nomi comuni: Gomishi, omicha, schizandra, wu-wei-zu.

 

Schisandra chinensis (è una specie vegetale ben nota nella Medicina Tradizionale Cinese e anche nella medicina cinese moderna. La prima descrizione delle specie di S. chinensis si trova in testo del 1596 sull’antica medicina cinese scritto da Li Shih-Chen, un agopuntore, erborista, naturalista, farmacologo, medico e scrittore cinese della dinastia Ming.  Il frutto è stato utilizzato nel trattamento di malattie del tratto gastrointestinale, insufficienza respiratoria, malattie cardiovascolari, negli stati di affaticamento e debolezza del corpo, sudorazione eccessiva e insonnia. Tale rimedio è anche conosciuto dalla Medicina Tradizionale Russa, in cui è stato descritto come un tonico, che riduce la fame, l’affaticamento, ritarda il processo di invecchiamento, aumenta la vitalità e migliora la salute mentale.

Nome farmaceutico: Fructus Schisandrae Chinensis

Nome botanico: Schisandra chinensis (Turcz.) Baill. In alcune parti della Cina centrale e meridionale S. sphe- ruinthera Rehd. et Wils. è usato come quest’ erba.

È una originaria delle foreste dell’Asia orientale, tra cui Russia, Cina, Giappone e Corea, principalmente nota per trattare disturbi dei sistemi riproduttivo, respiratorio, nervoso e digestivo. Scoperta nel nord-est della Cina e in Giappone, fu introdotta nei giardini botanici occidentali alla fine del 1850. Storicamente, è stata utilizzata per varie malattie, tra cui impotenza, gonorrea, diarrea, dissenteria, compromissione dei liquidi corporei, sudorazione spontanea, tosse, asma, ittero, disturbi del tratto urinario e diabete. In Russia, i frutti sono considerati stimolanti e adattogeni. Fu usata dall’esercito sovietico durante la Seconda guerra mondiale per questi benefici e nel 1968 fu inclusa nella Farmacopea Nazionale dell’URSS.

Internamente viene usata per tosse secca, asma, sudorazione notturna, disturbi urinari, eiaculazione involontaria, diarrea cronica e mattutina (associata a debolezza renale), palpitazioni, insonnia, scarsa memoria, iperacidità, epatite e diabete. Esternamente per condizioni cutanee irritanti e allergiche. È stata utilizzata nella medicina cinese per il trattamento di disturbi respiratori, epatici e renali. Ha proprietà antiossidanti e immunostimolanti. Può anche essere usata per migliorare le prestazioni atletiche.

Schisandra deriva dal greco schizo, “dividere”, e andreios, “maschio”.

Si classifica insieme ad altre erbe toniche cinesi come un eccellente tonico e ricostituente. Aiuta nei momenti stressanti e aumenta la gioia di vivere. Le bacche tonificano i reni e gli organi sessuali, proteggono il fegato, rafforzano la funzione nervosa e purificano il sangue. Il nome wu wei zi significa “erba aromatizzata a 5”, poiché si ritiene che questa erba abbia il sapore delle 5 principali energie elementali. Ha un sapore aspro, salato e leggermente caldo. È coltivata nella Cina nord-orientale, in particolare nelle province di Jilin, Lianoning, Heilongjiang e Hebei. Si propaga dal seme in primavera. Il frutto viene raccolto in autunno quando è completamente maturo.

È parte della medicina popolare tradizionale in Asia, in particolare per il trattamento di disturbi gastrointestinali legati a gastrite, diarrea, enterocolite e motilità anormale. Il grande interesse per Limonnik (Schisandra chinensis) in Russia nasce dai risultati delle indagini etnofarmacologiche degli scienziati russi nelle regioni dell’Estremo Oriente, dove le bacche e i semi sono stati utilizzati dai cacciatori Nanai (Goldes o Samagir) per migliorare la visione notturna, come tonico e per ridurre la fame, la sete e l’esaurimento poiché “dà forze per seguire uno zibellino tutto il giorno senza cibo.

I Nanai (HaHn nella loro lingua, in russo il nome è HaHampa) sono un popolo tungusico dell’Estremo Oriente, che ha tradizionalmente vissuto lungo i fiumi Heilongjiang (Amur), Songhuajiang (Sunggari) e Ussuri nel bacino del Medio Amur. Gli antenati dei Nanai erano gli Jurchen della Manciuria settentrionale. Il cacciatore nanai Dersu Uzala introdusse la bacca di Schisandra all’esploratore russo Vladimir Arsenyev, durante la sua spedizione nel bacino dell’Ussuri nel 1902-1907. Arsenyav fu il primo a descrivere numerose specie di flora siberiana.

La Cina è  un’area affascinante e significativa per gli studi sulle tradizioni relative alle erbe selvatiche, in particolare, la provincia dello Yunnan nord-occidentale . Alcuni ricercatori etnobotanici hanno documentato commestibili selvatici utilizzati da diverse minoranze di questa regione. Il popolo Naxi, uno dei principali gruppi etnici nel nord-ovest dello Yunnan, ha accumulato ricche conoscenze sull’uso di rimedi selvatici, fra cui Schisandra propinqua sinensis Oliv (Schisandraceae), utilizzata per la circolazione sanguigna, per trattare fratture, gastrite cronica, artrite reumatoide e mestruazioni irregolari.

I frutti erano solitamente imbevuti di vino, per ottenere un vino medicato, utile combattere le malattie e aumentare la resistenza.

È un’erba tonica importante e agisce in tutto il corpo, rafforzando e tonificando molti organi diversi. Probabilmente meglio conosciuto come tonico sessuale per entrambi gli uomini e le donne, la schisandra presumibilmente aumenta la secrezione di fluidi sessuali e, negli uomini, migliora anche la resistenza sessuale.

Aumenta la secrezione di liquidi sessuali e, negli uomini, migliora anche la resistenza sessuale

Ha dimostrato benefici per il fegato ed è usato nel trattamento dell’epatite e della scarsa funzionalità epatica. Sebbene sia uno stimolante, è usata nella medicina cinese per “calmare lo spirito e il cuore”. Viene somministrata per l’insonnia e il sonno indisturbato da sogno ed è un ottimo esempio di come le erbe adattogene spesso lavorino in modi apparentemente contraddittori per ripristinare la normale funzione corporea.

In Russia e in Cina, le bacche sono state tradizionalmente prescritte per trattare malattie mentali come le nevrosi. Sono anche dati per migliorare la concentrazione e la coordinazione e sono un rimedio tradizionale per la dimenticanza e l’irritabilità. L’erba viene utilizzata nel trattamento di infezioni respiratorie come tosse cronica, mancanza di respiro e respiro sibilante.

È usata per tonificare e rafforzare la funzione renale e per aiutare il corpo a bilanciare i livelli di liquidi, rendendolo utile per il trattamento della sudorazione notturna, della sete e della frequenza urinaria, migliora vista e udito.

Recentemente, gli erboristi cinesi hanno iniziato a usare tale rimedio per l’orticaria e altri problemi della pelle, tra cui l’eczema. Di solito è dato per queste condizioni sotto forma di un vino medicinale.

Il valore curativo è stato menzionato durante la dinastia Han in Cina, 25-200 d.C. La pianta è stata utilizzata anche in Russia e in Giappone per molti secoli. Cina, Russia e Giappone hanno elencato l’erba nelle loro farmacopee. Le bacche erano utili per trattare le condizioni respiratorie, dolori muscolari e articolari, diarrea, disturbi renali e per promuovere un sonno ristoratore. Si diceva anche che migliorasse la resistenza, alleviare la fatica, aumentare la chiarezza mentale, migliorare la memoria e come riduttore di stress.

In Cina, le bacche sono utilizzate per problemi di zucchero nel sangue, per aiutare a dormire, ridurre la minzione frequente, alleviare la tosse, ridurre lo stress, e per la sudorazione notturna, disidratazione, resistenza, e come tonico per rafforzare il corpo.

In alcune zone, le foglie sono cotte come verdura.

Calmante, riduce lo stress, allevia la tensione, promuove un sonno ristoratore, aiuta a respirare più facilmente, migliora l’umore e la chiarezza mentale.

Chenthang Township, che è l’unica cittadina etnica Sherpa in Tibet, si trova nella Riserva Naturale Nazionale del Monte Everest dell’altopiano sud-orientale del Qinghai-Tibet al confine tra Cina e Nepal.

Alcuni studi etnobotanici sul popolo Sherpa si sono concentrati sulle piante commestibili tradizionali, sull’utilizzo di piante medicinali tradizionali nel Nepal centrale, orientale e nello stato indiano del Sikkim. È emerso che “Skeng-smra” (Schisandra grandiflora, S. neglecta, S. sphaerandra) è un è frutto commestibile selvatico molto importante che integra i nutrienti stagionalmente. A volte, la gente del posto raccoglieva un grande sacchetto di “skeng-smra” e lo mangiava quando la famiglia riposava.

 

 

Withania somnifera (Solanaceae)

La ciliegia invernale o Ashwagandha è un’importante pianta medicinale originaria dell’India. Le radici sono ampiamente utilizzate nei sistemi di medicina indiani da oltre 4000 anni. Le radici sono accreditate con diverse proprietà medicinali.

Fu menzionata per la prima volta dal saggio Punarvasu Atreya oltre 4000 anni fa. Successivamente le proprietà medicinali di questa pianta sono state menzionate in trattati ayurvedici come Charaka Samhita, Sushruta Samhita, Astanga Hridaya, Bhava Prakasha Nighantu ecc. per citarne alcuni.

Si trova in India, nel Mediterraneo e in Medio Oriente.

La radice profuma di cavallo (“ashwa”), ecco perché si chiama Ashwagandha (consumandola dà il potere di un cavallo). Il nome indiano ashwagandha (ashwa- cavallo, gandha- odore), ora comunemente chiamato asgandh o asgand, è dovuto all’odore che nasce dalla radice fresca.

Il nome specifico somnifera significa “che induce il sonno” in latino, indicando le sue proprietà sedative.

È stato chiamato “ginseng indiano” perché è usato in Ayurveda più o meno allo stesso modo in cui il ginseng è usato nella medicina cinese: per migliorare la vitalità e per aiutare il recupero dopo una malattia cronica.

Sembra essere un’erba progettata per affrontare la natura frenetica della vita moderna: rinvigorisce dalla fatica, allevia l’impatto dello stress e dell’ansia e aiuta il sonno, tutti usi tradizionali in gran parte supportati dalla ricerca clinica.

Nella medicina Unani, Habb-e-Asgandh è prescritto come afrodisiaco di supporto e tonico nervino. La pasta della radice viene applicata al pene per tonificare; mescolato con il latte materno una pasta della radice viene applicata al seno cadente.

 

È sempre stata apprezzata in Ayurveda per le sue proprietà toniche, rinforzanti e rilassanti. Oggi, è ancora apprezzata come tonico e per la sua insolita combinazione di azioni. Come tonico, rafforza e supporta le prestazioni fisiche e mentali, ma allo stesso tempo allevia l’ansia e, come suggerisce il suo nome botanico, incoraggia una migliore qualità del sonno.  È un’erba eccellente per la convalescenza. Può essere un’utile aggiunta al trattamento per le malattie infiammatorie croniche come l’artrite reumatoide e la psoriasi. è utile per contrastare la debolezza che accompagna lo stress a lungo termine.

Nei sistemi tradizionali, i farmaci a base di Ashwagandha sono usati per trattare la debilitazione generale, sessuale, nervina, lo stress, la debolezza ossea, l’ansia, l’ipertensione, la stitichezza, l’invecchiamento, la debolezza muscolare, l’insonnia. Le foglie sono utilizzate per curare febbre, lesioni, gonfiore, occhi doloranti e piaghe sifilitiche. Le bacche verdi sono usate per il trattamento dell’infezione da tigna, piaghe animali.

L’alto contenuto di ferro di Aswagandha la rende utile nell’anemia. Fin dall’antichità è stata considerata un tonico nervino, afrodisiaco e sedativo. È stata usata in caso di reumatismi, debolezza e debilitazione.

Nei testi ayurvedici, si dice che questa erba impartisca il potere e la forza sessuale del cavallo a un uomo. Può essere utilizzata da persone di entrambi i sessi, di tutte le età e in tutte le fasi della loro vita. Negli anziani fornisce energia, allevia infiammazioni, dolori e dolori alla schiena, alle mani e ai piedi, utile in caso di debilitazione nervosa. Viene prescritto come agente anabolizzante, come adattogeno e analgesico per il trattamento di varie artropatie, alcune forme di ipertensione, follia, ecc. Conferisce resistenza alle infezioni e allo stress. Stimola gli impulsi sessuali e aumenta il numero di spermatozoi.

Nella medicina popolare, i preparati di questa pianta erano usati per trattare l’artrite, l’asma, l’adenopatia, gonfiori o infiammazioni, la bronchite, il cancro, la candida, il raffreddore, la tosse, la cistite, la debilitazione, la diarrea, l’idropisia, la dispepsia, la febbre, il singhiozzo, l’ipertensione, l’infiammazione, la lombalgia, la nausea, le pile, la psoriasi, la tigna, la scabbia, la senilità, il vaiolo, le piaghe, la sifilide, la tubercolosi, i tumori, tifo, utero e ferite.

Il modo più semplice per usare la radice è prendere un cucchiaino di polvere fine con latte zuccherato, o mescolare la polvere con il ghee, leccare la miscela seguita da latte zuccherato con zucchero caramellato. Nella pratica ginecologica aiuta nella sterilità, nella leucorrea e nell’infiammazione della vagina. Aiuta anche lo sviluppo del seno.

Gli studiosi ayurvedici considerano la radice selvatica un che dovrebbe essere applicato esternamente a infiammazioni, bolle, brufoli e come ingrediente di oli da massaggio. Per il consumo interno la radice selvatica dovrebbe essere mitigata facendola bollire nel latte.

E’ ben nota per le sue altre attività biologiche come immunomodulatore, anti-invecchiamento, antiossidante, anti-parkinsonismo, anti ulcerogeno.

I suoi ingredienti chimici sono efficaci nella prevenzione e nel trattamento di diversi tipi di cancro come il cancro del colon, il cancro ai polmoni, il cancro del sangue, il cancro della pelle, il cancro al seno, il cancro renale, il fibrosarcoma, il cancro alla prostata e il cancro al pancreas. di W. S noto è stato descritto nella medicina popolare ayurvedica per avere potenti proprietà afrodisiache, sedative, tonico che migliorano l’energia e nei problemi geriatrici. Recenti ricerche suggeriscono che la fitochimica withaferina A presente nelle foglie possiede attività antitumorale.

 

Un ottimo rimedio contenente Shisandra e Aswagandha è Alato 15, utile per efficienza e luciditá mentale, cali intellettivi in condizioni di stanchezza o stress eccessivo, disturbi di apprendimento,  è acquistabile qui ALATO 15 (lafenicesas.it)  o in farmacia.

 

 

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta