Archivio dei tag attenzione

DiAlessandra Zarone

Acetylcarnitina e Carnitina

Acetylcarnitina e Carnitina

Acetilcarnitina è indicato per:

Affaticamento mentale, perdita di memoria, mancanza di attenzione

L’attuale terapia dei disturbi dell’umore ha diverse limitazioni. Sebbene un elevato numero di farmaci sia clinicamente disponibile, ad oggi, quasi due terzi degli individui non raggiungono la remissione sintomatica completa dopo il trattamento con antidepressivi convenzionali. Inoltre, di solito sono necessarie diverse settimane di trattamento farmacologico per ottenere effetti clinici, una limitazione che ha notevoli implicazioni cliniche, che vanno dall’alto rischio di suicidio alla ridotta conformità. Il caratteristico ritardo nell’efficacia antidepressiva classica ha dato grande impulso alla ricerca di nuove terapie con effetti più rapidi. L-acetilcarnitina (LAC), una piccola molecola di crescente interesse per le sue proprietà farmacologiche, è attualmente commercializzata per il trattamento del dolore neuropatico. Recenti dati preclinici e clinici hanno suggerito che il LAC può esercitare effetti antidepressivi con un esordio più rapido rispetto ai farmaci convenzionali.

L’acetil-carnitina è una sostanza naturale per il corpo. Si forma facilmente nelle cellule con l’aggiunta enzimatica di un gruppo acetile alla carnitina. La carnitina, è una versione modificata della lisina amminoacido. Gli enzimi possono facilmente convertire la carnitina in acetil-carnitina e ritorno, in base alle esigenze metaboliche della cellula. Quindi, all’interno della cellula, acetil-carnitina e carnitina sono essenzialmente intercambiabili. La principale differenza tra acetil-carnitina e carnitina è che l’acetil-carnitina viene assorbita più facilmente dall’intestino e attraversa più facilmente la barriera ematico-encefalica. Come integratore, l’acetil-carnitina ha alcuni vantaggi.

La carnitina svolge un ruolo importante nella combustione dei grassi per l’energia e nel traghettamento degli acidi grassi attraverso le pareti dei mitocondri, dove vengono ossidati e trasformati in energia. Durante il suo viaggio di ritorno dall’interno dei mitocondri, riporta gruppi acetili e altri piccoli frammenti prodotti nell’ossidazione degli acidi grassi. Il ruolo della carnitina nel metabolismo dei grassi lo porta ad influenzare, in una certa misura, tutto l’altro metabolismo energetico nella cellula, compresa la combustione dei carboidrati. In questo modo può essere collegato al metabolismo del glucosio, all’insulina e alla sindrome metabolica. Alcuni autori hanno suggerito che il suo importante ruolo nella combustione dei grassi lo rende anche utile nelle diete per la perdita di peso e la maggior parte della salute generale.

Otteniamo una fornitura costante di carnitina nella nostra dieta, soprattutto se mangiamo carne. (In effetti, il nome carnitina deriva dalla parola latina per carne.) Sebbene la maggior parte delle diete forniamo carnitina più che sufficiente, i nostri corpi hanno la capacità di fare il nostro rifornimento attraverso un’azione enzimatica sull’amminoacido licina. Con questo processo si pensa che anche i vegetariani rigorosi siano in grado di fornirsi quantità adeguate di carnitina1. Ci sono alcune malattie ereditarie in cui la produzione o l’assorbimento della carnitina è carente; tuttavia, queste malattie sono rare.

Poiché la maggior parte di noi lo mangia, e tutti noi lo facciamo, non è del tutto chiaro se sia necessario o addirittura utile integrare le diete di persone sane con carnitina o acetil-carnitina. Ci possono essere circostanze in cui l’integrazione potrebbe essere utile. Ad esempio, è stato scoperto che i livelli di carnitina diminuiscono significativamente man mano che invecchiamo2. Ci sono prove convincenti che 1,5-3 g al giorno di acetil-carnitina possono migliorare la funzione cognitiva degli individui nelle fasi più lievi e iniziali del morbo di Alzheimer. Non è chiaro se l’acetil-carnitina migliora la cognizione dando una spinta all’attività mitocondriale nel cervello, o rendendo disponibili più gruppi acetili da utilizzare nella sintesi del neurotrasmettitore acetilcolina nel cervello. I livelli di acetilcolina sono diminuiti in molte forme di demenza e la maggior parte dei farmaci utilizzati per il trattamento del morbo di Alzheimer aumentano la disponibilità di acetilcolina prevenendo la sua distruzione enzimatica nel cervello.

Recentemente si è scoperto che l’acetil-carntina può essere utile nel trattamento della depressione nei pazienti anziani. Nella maggior parte dei casi, i pazienti anziani negli studi avevano sia depressione che qualche tipo di demenza. Tuttavia, in uno studio, i pazienti erano depressi ma non avevano demenza. Pertanto, gli effetti benefici dell’acetil-carnitina non sono interamente dovuti al miglioramento della funzione cognitiva compromessa. L’acetil-carnitina e la sostanza strettamente correlata alla propionil-carnitina, spesso utilizzata in Europa ma non negli Stati Uniti, possono anche essere utili nel trattamento della sindrome da affaticamento cronico.

Gli enzimi che metabolizzano il grasso nella cellula sono sempre in comunicazione chimica con quegli enzimi che metabolizzano il glucosio. Tale comunicazione può spiegare come la carnitina somministrata per via endovenosa sia in grado di migliorare i livelli di glucosio nel siero e l’utilizzo in pazienti con diabete di tipo II. Un’altra scoperta rilevante è che l’acetil-carnitina può alleviare il dolore e la funzione anomala nei pazienti con neuropatia periferica diabetica. Lo stress ossidativo e le quattro vie primarie di danno che crea, sono principalmente responsabili dei danni neuropatici nel diabete. Recenti prove suggeriscono che l’acetil-carnitina può offrire una certa protezione dai danni ossidativi, e questa protezione può anche estendersi al cervello.

Ci sono prove da studi umani e animali che la carnitina, o la sua forma più facilmente assorbita, l’acetil-carnitina, può in una certa misura migliorare la tolleranza al glucosio, la sensibilità all’insulina, i lipidi sieri e la funzione cognitiva. Può anche offrire una certa protezione dai danni ossidativi. Depressione e affaticamento possono essere migliorati. Forse la caratteristica migliore dell’acetil-carnitina è che è una sostanza naturale con pochissime probabilità di produrre effetti avversi.

Acetil L-carnitina e la L-carnitina sono lo stesso amminoacido, ma in forme diverse. Funzionano anche in modo molto diverso.

L-carnitina è usata più da persone che stanno cercando di perdere peso, come esso aiuta a conversione gli acidi grassi trovati nel corpo in una fonte di energia naturale.

Acetil L-carnitina è la versione acetilata della L-carnitina, che ha la capacità di attraversare la barriera ematoencefalica, che aiuta a migliorare le funzioni del cervello.

La carnitina, derivata da un amminoacido, si trova in quasi tutte le cellule del corpo. Il suo nome deriva dal latino carnus o carne, poiché il composto era isolato dalla carne. Carnitina è il termine generico per una serie di composti che includono L-carnitina, acetil-L-carnitina e propionil-L-carnitina.

La carnitina svolge un ruolo fondamentale nella produzione di energia. Trasporta gli acidi grassi a catena lunga nei mitocondri in modo che possano essere ossidati per produrre energia. Trasporta anche i composti tossici generati da questo organello cellulare per prevenirne l’accumulo. Date queste funzioni chiave, la carnitina è concentrata in tessuti come il muscolo scheletrico e cardiaco che utilizzano gli acidi grassi come combustibile alimentare.

Asparago e carnitina

Si trova nelle regioni native e temperate in Europa, Nord Africa e Asia, l’asparago è coltivato in tutto il mondo come ortaggio. I germogli crescono in teneri steli verdi (e, se al riparo dalla luce solare, bianchi) in primavera. La radice viene raccolta dopo che i germogli sono stati tagliati. Parti usate Radice, germogli. Costituenti Gli asparagi contengono glicosidi steroidei (asparagosidi), glicosidi amari, asparagina e flavonoidi. L’asparagina è un forte diuretico.

A giudicare dagli antichi disegni tombali egiziani, gli asparagi venivano coltivati già nel 4000 A.C. Nel I secolo D.C., il medico greco Dioscoride raccomandava un decotto di radice di asparagi per migliorare il flusso di urina e per trattare problemi renali, ittero e sciatica.

Asparagus officinalis (asparagi)

Parti usate: Giovani germogli, rizomi. Proprietà Un’erba s riparatrice e purificante che agisce sull’intestino, sul fegato e sui reni. Contiene acido asparagusico, che è nematocida. I germogli sono cotti a vapore e serviti caldi o freddi come verdura, e passati o tritati finemente in zuppe.

L’asparago è un forte diuretico utile per una varietà di problemi urinari, tra cui la cistite. È anche utile per le condizioni reumatiche, aiutando a “lavare” i prodotti di scarto accumulati nelle articolazioni fuori dal corpo nelle urine. L’asparago è anche amaro, leggermente lassativo e sedativo. Attenzione Non prendere se si soffre di malattie renali.

E’ un membro della famiglia Liliaceae ed è originario dell’Europa centrale e meridionale, del Nord Africa e dell’Asia occidentale e centrale. Fu coltivato dagli antichi egizi, greci e romani, ma perse la sua popolarità nel Medioevo, riconquistandolo nel XVII secolo.

Varie specie di asparagi sono usate in medicina in modi simili. La maggior parte contiene asparagina, un diuretico che conferisce all’urina un odore caratteristico in coloro che non hanno il gene per scomporlo.

Asparagus  officinalis è un membro della famiglia Liliaceae ed è originario dell’Europa centrale e meridionale, del Nord Africa e dell’Asia occidentale e centrale. Fu coltivato dagli antichi egizi, greci e romani, ma perse la sua popolarità nel Medioevo, riconquistandolo nel XVII secolo.  Oggi è coltivata in tutto il mondo, con gli Stati Uniti come il più grande produttore (una sottospecie distinta, ssp. prostatus è una pianta rara che si trova in alcune parti del Regno Unito e dell’Europa). La parte mangiata è il giovane germoglio o ‘lancia’, che cresce dal portinnesto tra la fine di aprile e l’inizio di luglio e viene tagliato quando 20-30 cm di altezza. I germogli giovani e non emersi vengono talvolta raccolti come asparagi bianchi. L’asparago verde è una delle verdure più deliziose, essendo leggermente cotta e servita con burro, salsa bianca o vinaigrette; gran parte del raccolto è surgelato o in scatola. Gli asparagi verdi freschi contengono circa il 3% di proteine, pochi grassi, il 2% di zucchero, 0,3 mg / 100 g di carotene e 12 mg di vitamina C / 100 g. Gli asparagi bianchi contengono piccole quantità di vitamine e minerali. I germogli che vengono lasciati sul portinnesto si allungano per formare steli molto ramificati di circa 1,5 m di altezza, che portano grappoli di ‘cladodi’ aghiformi (rami modificati che funzionano come foglie) nelle ascelle delle foglie di squama (ridotte). I piccoli figli di sesso maschile e femminile giallastro o verde pallido sono normalmente portati su piante separate, singolarmente o in gruppi di due o tre, alle giunzioni dei rami. Occasionalmente vengono prodotti fiori ermafroditi. Il frutto è una bacca piccola e rotonda, rossa a maturità.

Asparagus cochinchinensis, syn. A. lucidus, Melanthium cochinchinensis (asparagi cinesi)

Apsaragus cochinchinensis è stato menzionato per la prima volta nei testi medici cinesi C. A. D.200. A. officinalis è stato coltivato per oltre 2.000 anni come ortaggio e come erba medicinale con notevoli effetti diuretici e lassativi. In comune con molte piante medicinali popolari, è stato dato il nome di officinalis per riconoscere il suo status di “officinale” – una pianta con una lunga storia commerciale come erba medicinale.

Parti usate: Tuberi (tian men dong). Proprietà Un’erba antibatterica e purificante che controlla la tosse, elimina la congestione bronchiale, lenisce l’infiammazione, agisce come diuretico e aumenta la salivazione. Usi dell’erba medicinale internamente per febbre, debilitazione, mal di gola, tosse, rinite, difterite, tubercolosi e bronchite.

Medicinale internamente per cistite, pielite M, malattie renali, reumatismi, gotta e edema da insufficienza cardiaca. L’acido asparagusico M è usato per trattare la schistomiasi.

Asparago. racemosus (shatavari)

Il nome comune di A. racemosus, shatavari, significa “colei che possiede cento mariti”, e si riferisce all’effetto ringiovanente dell’erba sugli organi riproduttivi femminili. Nelle regioni native e temperate in Europa, Nord Africa e Asia, l’asparago è coltivato in tutto il mondo come ortaggio. I germogli crescono in teneri steli verdi (e, se al riparo dalla luce solare, bianchi) in primavera. La radice viene raccolta dopo che i germogli sono stati tagliati.

È anche utile per le condizioni reumatiche, aiutando a “lavare” i prodotti di scarto accumulati nelle articolazioni fuori dal corpo nelle urine. L’asparago è anche amaro, leggermente lassativo e sedativo.

Parti usate: Rizomi.

Proprietà

Un’erba lenitiva e tonica che agisce principalmente sugli organi riproduttivi circolatori, digestivi, respiratori e femminili. Usi dell’erba medicinale internamente per infertilità, perdita di libido, aborto spontaneo minacciato, problemi di menopausa, iperacidità, ulcere gastriche, dissenteria e infezioni bronchiali.

Esternamente è indicato per rigidità nelle articolazioni e nel collo. L’erba più importante nella medicina ayurvedica per le donne, come ashwagandha (Withania somnifera) è per gli uomini. Utilizzato internamente dagli aborigeni australiani per disturbi digestivi ed esternamente per le piaghe.

Un ottimo prodotto contenente  Acetylcarnitina è Alato 25, disponibile qui o in farmacia.

ALATO 25 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Riequilibrio psicofisico con rimedi naturali

Brahmi (Bacopa monniera Linn.) è un’erba utilizzata nella medicina ayurvedica nel trattamento di una serie di disturbi, in particolare quelli che coinvolgono ansia, intelletto e scarsa memoria. Bacopa monnieri (Linn.) Wettst., una pianta medicinale ampiamente documentata, per le sue proprietà nootropiche( Nootropo – Wikipedia).

Gli studi dimostrano che Bacopa può migliorare la memoria, ridurre lo stress e l’ansia, bilanciare i neurotrasmettitori, proteggere i neuroni, antidepressivo, antiossidante, agente antiulcerogenico e antagonista del calcio.

E’ utilizzato per dislessia, l Alzheimer , infiammazione, epilessia, un disturbo cronico del sistema nervoso centrale . L’importanza medicinale di Brahmi, con particolare riferimento alla neuroprotezione nell’epilessia e nell’insonnia è stata ben documentata nella letteratura tradizionale indiana come Charak Samhita e Susrutha Samhita.

Bacopa è stato usato per secoli come antinfiammatorio, analgesico, antipiretico e antiepilettico. Più recentemente, studi preclinici hanno riportato effetti di miglioramento cognitivo con vari estratti di Bacopa monnieri. Le saponine triterpenoidi e i loro bacosidi sono responsabili del miglioramento della trasmissione dell’impulso nervoso.

Bacopa monnieri contiene potenti composti che possono avere effetti antiossidanti. I bacosidi, i principali composti attivi in Bacopa monnieri, neutralizzano i radicali liberi e impediscono alle molecole di grasso di reagire con i radicali liberi .

Quando le molecole di grasso reagiscono con i radicali liberi, subiscono un processo chiamato perossidazione lipidica. La perossidazione lipidica è legata a diverse condizioni, come l’Alzheimer, il Parkinson e altri disturbi neurodegenerativi . Diversi studi indicano che Bacopa può aiutare a preservare la memoria e migliorare la funzione cognitiva.

In uno studio del 2016 su 60 studenti universitari, i ricercatori hanno scoperto che sei settimane di trattamento due volte al giorno con Bacopa (a una dose di 300 mg al giorno) hanno portato a miglioramenti nei test relativi alla funzione cognitiva.

Ansia

Gli studi suggeriscono che Bacopa può aiutare ad alterare l’attività di alcuni enzimi coinvolti nella risposta allo stress, consentendo al cervello di far fronte allo stress.

Un piccolo studio, pubblicato su Phytotherapy Research nel 2014, ha valutato gli effetti di un estratto di Bacopa in partecipanti sani impegnati in più compiti. I ricercatori hanno trovato effetti cognitivi positivi, alcuni effetti positivi dell’umore e una riduzione dei livelli di cortisolo in coloro che assumono Bacopa. L’erba può influenzare i livelli di neurotrasmettitori come serotonina, dopamina e GABA.

Storicamente, l’uso medicinale del tè verde risale alla Cina 4700 anni fa e bere tè continua ad essere considerato tradizionalmente in Asia come una pratica sanitaria generale.

Le foglie di Camellia sinensis contengono elevate quantità di Teanina-L, un amminoacido non essenziale. Queste sono le stesse foglie usate per preparare il tè verde. Teanina -L  fu scoperta nel 1949 da scienziati giapponesi che stavano estraendo vari composti dalle foglie di tè.

Le persone hanno consumato tè verde per centinaia di anni in Giappone a causa dei suoi molteplici benefici per la salute. Oggi, la scienza ha verificato molte delle affermazioni riguardanti questi benefici .

La Teanina  è una sostanza psicoattiva in grado di attraversare la barriera ematico-encefalica entro 30 minuti dall’ingestione orale. La sua natura ad azione rapida gli consente di influenzare direttamente il cervello, migliorando la funzione cognitiva, in questo modo, fornisce rapidamente una sensazione di relax e calma in tutto il corpo.

Gli scienziati sanno che gli integratori di Teanina -L fanno diverse cose. Il suo meccanismo d’azione prevede l’innalzamento dei livelli di acido gamma-amminobutirrico (GABA), serotonina e dopamina. Tutti e tre i composti sono neurotrasmettitori responsabili della regolazione di molte funzioni cognitive. Queste funzioni includono umore, energia e sensazioni di vigilanza. GABA abbassa i segnali di stress nel cervello, aiutando a sentirsi più rilassati, molto indicato per  le persone che soffrono di ansia o insonnia. Gli aumenti di serotonina e dopamina contribuiscono a un umore e un senso di benessere complessivamente migliori.

Ci sono tecnicamente due forme di Teanina nelle foglie: Teanina-D e Teanina -L . La variazione “L” è più dominante al 98%.Teanina -L costituisce l’1-2% del peso secco totale del tè. Per ogni porzione di tè verde da 200 ml, c’è 25-60 mg di Teanina -L . Puoi scegliere di prendere un integratore di Teanina -L   o ottenerlo bevendo più tè verde. Il tè nero contiene anche Teanina-L , ma il tè verde ne ha di più. Sebbene tutto il tè contenga antiossidanti benefici, i tè verdi e bianchi di alta qualità li hanno in concentrazioni maggiori rispetto al tè nero. Oggi, gli scienziati credono che i principali principi attivi del tè verde includano i polifenoli, in particolare le catechine e l’amminoacido, la teanina.

La Teanina è un amminoacido non proteico che si trova naturalmente nella pianta del tè (Camellia sinensis) e contribuisce al suo gusto gradevole. La Teanina è efficace nel rilassamento, migliora la concentrazione e le capacità di apprendimento. Agisce sul SNC grazie al suo ruolo anti-stress e neuroprotettivo nelle demenze senili, in particolare l’ Alzheimer.

La Teanina può influenzare i livelli di alcune sostanze chimiche nel cervello, serotonina e dopamina, che influenzano l’umore, il sonno, e cortisolo, che aiuta il corpo ad affrontare lo stress.

Agisce sul cervello alterando i livelli di GABA, serotonina e dopamina, aumenta l’attività delle onde alfa-cerebrali, fattore che indica uno stato rilassato.

La teanina :

  • Previene la compromissione della memoria indotta da ripetuta ischemia cerebrale.
  • Protegge il morbo di Parkinson
  • Allevia i sintomi di ansia nei pazienti con schizofrenia e disturbo schizoaffettivo.
  • Bere tè verde contribuisce a combattere i tipi diversi di tumori che interessano  stomaco, esofago, ovaie, colon, seno, fegato e prostata .
  • Previene le lesioni al fegato, migliorando la capacità antiossidante dell’epatocita e induce l’attivazione dello stato antiossidante cellulare.
  • Ha un effetto protettivo sulla lesione cerebrale da riperfusione
  • Riduce i livelli di colesterolo in entrambi gli esseri umani
  • Ha proprietà antinfiammatorie

Sistema Immunitario

Le prove suggeriscono che il tè può aiutare a rafforzare la nostra capacità di combattere le malattie, perché uno dei metaboliti dia Teanina -L , l’ammina etile (antigene non peptidico) attiva un elemento del sistema immunitario chiamato cellula T gamma-delta.

Malattie cardiovascolari

Il consumo regolare di tè verde o nero riduce significativamente il rischio di malattie cardiovascolari, incluso l’ictus ischemico. La somministrazione di Teanina -L  ha mostrato una notevole riduzione della pressione sanguigna.

Migliore concentrazione mentale

Sonno e rilassamento

Favorisce il rilassamento senza sonnolenza. A differenza dei sonniferi convenzionali non è un sedativo ma induce una buona qualità del sonno , permette di rilassarsi prima di coricarsi, e a dormire più profondamente.

Aumento delle prestazioni cognitive

Nel 2016, i ricercatori hanno esaminato la ricerca esistente sui benefici della Teanina in quanto ha  effetti neuroprotettivi, che migliorano la funzione cerebrale. Migliora l’attenzione e i tempi di reazione di una persona.

Pressione sanguigna

Aiuta  a ridurre lo stress, una riduzione dello stress e un maggiore rilassamento possono abbassare la frequenza cardiaca. A sua volta, questo può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna.

Riduce lo stress e l’ansia

I benefici di Teanina -L sono più importanti per coloro che cercano di migliorare il loro umore. La gente ha iniziato a usare Teanina -L per ansia e depressione secoli fa. Alla fine, è diventato famoso nel mondo della salute come un potente integratore ansiolitico. Teanina -L a funziona riducendo i segnali prodotti chimicamente responsabili delle emozioni negative. Inoltre, ti aiuta a rilassarti senza sentirti affaticato o stanco. Molti integratori anti-stress hanno il problema di renderti troppo sedato.

Uno studio del 2007 ha esaminato 12 studenti universitari sani che hanno fatto un test di matematica stressante di 20 minuti. Un gruppo aveva assunto 200 mg di  Teanina -L  oralmente prima del e  un altro gruppo non ha preso nulla. Le persone che hanno assunto Teanina -L avevano tutti i biomarcatori associati a uno stress inferiore. Non solo, ma lo stesso gruppo ha sperimentato una riduzione della frequenza cardiaca.

Interazioni:

Può interagire con i seguenti farmaci e integratori:

  • farmaci per il trattamento dell’ipertensione
  • altri integratori che abbassano la pressione sanguigna
  • stimolanti per trattare il disturbo da deficit di attenzione e iperattività
  • integratori contenenti caffeina

Possibili effetti collaterali:

  • Nausea
  • Crampi allo stomaco
  • Gonfiore
  • Diarrea
  • Bocca secca
  • Affaticamento

Sono a tua disposizione con  un Percorso di Naturopatia

 

Un ottimo prodotto è Alato 19, disponibile qui  o in farmacia