Archivio dei tag tonico

DiAlessandra Zarone

Zucca e vitamina D

Zucca e vitamina D

Zucca e vitamina D

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

E’ contenuta nella

 

Zucca

Cucurbita pepo (Cucurbitaceae) Zucca Descrizione Pianta annuale con steli intrecciati, foglie lobate, fiori gialli e grandi frutti arancioni. Probabilmente originaria del Nord America, la zucca si trova ora in tutto il mondo. Viene raccolto in autunno.

Parti Usate:

Semi, polpa.

Costituenti

I semi di zucca contengono un olio fisso (30-50%), che è principalmente acido linoleico (43-56%) e acido oleico (24-38%). L’olio contiene anche proteine (31-51%), steroli, cucurbitina, vitamina E, beta-carotene e minerali (4-5%), compresi livelli significativi di ferro, zinco e selenio.

Storia e folklore

La zucca è stata molto usata come medicina in Centro e Nord America. I Maya applicavano la linfa della pianta alle ustioni, i Menominee usavano i semi come diuretico e i coloni europei macinavano e mescolavano i semi con acqua, latte o miele per fare un rimedio per i vermi. Questa pratica divenne così diffusa nelle case di tutto il Nord America che la professione medica alla fine la adottò come trattamento standard.

Azioni e usi medicinali

La zucca è stata utilizzata principalmente come agente vermifugo sicuro ed efficace, in particolare nei bambini e nelle donne incinte per le quali i preparati ad azione forte e tossici sono inappropriati. Si pensa che sia più efficace nella rimozione delle tenie. I semi sono diuretici e tonici alla vescica e hanno un valore distinto nel trattamento delle prime fasi dell’allargamento della prostata. La polpa del frutto viene utilizzata come decotto per alleviare l’infiammazione intestinale e viene applicata come impiastro o cerotto per le ustioni. La gamma di composti medicinali e nutrizionali dei semi di zucca di ricerca assicura che abbiano un grande valore come integratore alimentare “naturale”. Una buona fonte dietetica di zinco, i semi contengono anche livelli relativamente alti di selenio, un minerale con importante attività antiossidante e antitumorale nel corpo. La cucurbitina respinge i vermi intestinali e gli steroli sono antinfiammatori. La ricerca suggerisce che i semi di zucca sono efficaci nell’aiutare a ridurre l’allargamento benigno della ghiandola prostatica (BPH), a causa sia dell’influenza ormonale degli steroli che di questa attività antinfiammatoria. In uno studio clinico i semi di zucca sono stati combinati con saw palmetto per trattare l’IPB: coloro che assumevano l’estratto di erbe mostravano un miglioramento del flusso di urina e una ridotta frequenza della minzione.

I chicchi di semi di Cucurbita pepo contengono circa il 45% di un grasso insaturo, il 25% di proteine e quantità utili di minerali e il complesso vitaminico B. Possono essere consumati crudi, arrostiti o fritti (pepitos) e ora sono venduti nei paesi occidentali. In alcune parti dell’America Centrale sono inclusi in una confezione dolce nota come pepitorio. In passato c’è stata qualche estrazione industriale del petrolio. Cucurbita maxima comprende le zucche invernali e le zucche. Semi, datati al 1200 d.C., sono stati trovati in Perù, ma nessun resto è stato trovato in Messico e in America Centrale. Probabilmente è stato addomesticato in Sud America, ma ora si trova in tutto il mondo. La specie è meno ruvida al tatto di C. pepo e le foglie sono a forma di rene e non profondamente lobate.

Storia

La zucca è originaria delle Americhe. La pianta rampicante raggiunge una lunghezza di circa 30 piedi (9 metri), ha foglie grandi, fiori profumati giallo-arancio e frutti arancioni. Le zucche sono i frutti più grandi del regno vegetale. Le zucche erano un alimento base nella dieta dei nativi americani. Nella medicina orientale, si dice che un tè a base di semi, assunto per un periodo di tempo, aiuti a ridurre i gonfiori delle gambe, delle caviglie e dell’addome. In America Latina, Africa e India, i semi sono usati per espellere i vermi intestinali. Alcuni medici europei raccomandano i semi di zucca per prevenire problemi alla prostata negli uomini. I semi contengono sostanze nutritive note per essere componenti dell’ormone maschile testosterone.

In Cina, i semi tostati vengono mangiati per promuovere la longevità. I semi contengono fino al 40% di proteine e preziosi minerali e sostanze nutritive. Il seme ha un contenuto di olio del 46 per cento. La maggior parte dell’olio è prodotto in Austria e popolarmente usato per aromatizzare il cibo.

Usi pratici

L’olio vettore / base viene utilizzato per diluire gli oli essenziali in aromaterapia per oli da massaggio e altre formulazioni. A causa della natura appiccicosa dell’olio di semi di zucca, è meglio mescolare il 20% dell’olio con un altro olio vettore.

Proprietà documentate

Antielmintico, antinfiammatorio, diuretico, stomachico, tonico, vermifugo, vulnerario.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Capsicum e Betaina

Capsicum e Betaina

In questo articolo illustrerò le piante che contengono betaina ed i loro utilizzo nella tradizione folclorica

 

E’ indicata per:

Bruciore allo stomaco, gonfiore o eruttazioni, pesantezza allo stomaco, infezione cronica da candida, frequenti indigestioni, alito cattivo, allergie alimentari, parassiti intestinali cronici, cibo non digerito nelle feci.

E’ contenuta nel Capsicum

Capsicum annuum e C. frutescens (Solanaceae) Cayenne, Pepe di Caienna, Peperoncino Cayenne

Un arbusto perenne e appuntito che cresce fino a 3 piedi (1 m), con frutti conici rosso scarlatto pieni di semi bianchi. Cayenne è così popolare in Messico che è persino usato per aromatizzare il gelato.

Habitat e Coltivazione

Originaria delle regioni tropicali delle Americhe, la cayenna fu introdotta per la prima volta in Europa nel 16 ° secolo. In cucina, è rinomata per il suo sapore caldo e bruciante, in medicina, è un potente stimolante riscaldante. Agisce sulla circolazione e sulla digestione ed è usato per trattare una vasta gamma di disturbi, da artrite e geloni a coliche e diarrea.

 

Cayenne è originaria delle Americhe tropicali ed è ora coltivata in tutti i tropici, specialmente in Africa e in India. Il frutto viene raccolto a maturità in estate e viene essiccato all’ombra.

Specie correlate

Esistono molte specie e varietà strettamente correlate di C. frutescens, tutte con diversi gradi di piccantezza.

Paprika, o pepe ungherese (uno dei peperoni più delicati), e i grandi peperoni verdi e rossi che vengono mangiati come verdure sono entrambe varietà di C. annuum e sono importanti alimenti medicinali.

Azioni chiave :

Stimolante

Tonico

Carminativo

Allevia gli spasmi  muscolari

Antisettico

Aumenta la sudorazione

Aumenta il flusso sanguigno alla pelle

 

Capsaicina :

Un’ampia ricerca clinica mostra che la capsaicina, il composto in Cayenna principalmente responsabile del suo sapore caldo e pungente, ha una forte attività analgesica locale. Applicata sulla pelle, la capsaicina desensibilizza le terminazioni nervose e agisce come controirritante. È prescritta per il sollievo del dolore nevralgico. Può anche fornire un efficace sollievo dal dolore in condizioni come l’artrite e il mal di testa.

Usi tradizionali e attuali

Stimolante riscaldante: le qualità riscaldanti dell’erba lo rendono un valido rimedio per una cattiva circolazione. Migliora il flusso sanguigno alle mani, ai piedi e agli organi centrali.

Antimicrobico

Nella fitoterapia Maya, la cayenna è stata utilizzata per contrastare le infezioni microbiche. Diverse specie di Capsicum, tra cui la cayenna, sono ora note per avere una significativa attività antimicrobica.

L’aggiunta di cayenna al cibo, riduce le possibilità di sviluppare infezioni gastriche o intestinali e l’erba è spesso utilizzata dagli erboristi per trattare la gastroenterite e la dissenteria.

Usi esterni

Applicata localmente sulla pelle, la cayenna è leggermente analgesica. È anche rubefacente, aumenta il flusso sanguigno alla parte interessata, questo aiuta a stimolare la circolazione in condizioni reumatiche e artritiche “fredde”, aiuta la rimozione dei prodotti di scarto e aumenta il flusso di nutrienti ai tessuti. Cayenne può anche essere applicata ai geloni.

Usi interni

Cayenne è presa per alleviare gas e coliche. Migliora la digestione e la circolazione, stimola la secrezione dei succhi digestivi. Può essere assunto in piccole dosi frequenti per un cuore debole. Un pizzico di cayenna è eccellente se usato nei gargarismi per il mal di gola.

Un ottimo prodotto contenente Betaina è Alato 35, disponibile in farmacia o qui ALATO 35 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Ginseng e  Pfaffia paniculata nella medicina folclorica

Ginseng e  Pfaffia paniculata nella medicina folclorica

Apprezzato da circa 7.000 anni per le sue proprietà medicinali, il Ginseng è la pianta cinese più conosciuta e ricercata. Gli uomini hanno combattuto per il controllo delle foreste in cui cresce. Introdotto in Europa già nel IX secolo, da un medico arabo, solo nel XVIII secolo che diventa popolare.

Originario della Cina nord-orientale della Russia orientale e della Corea del Nord il ginseng è molto raro in natura. Viene coltivato da piantine, in primavera, su terreni e ben irrigato. La radice viene raccolta in autunno, quindi lavato e cotto a vapore prima dell’asciugatura.

Usi tradizionali e comuni

  • Azione tonica generale, esercita un’azione stimolante in soggetti giovani con un qi elevato, in soggetti anziani o indeboliti dalla malattia, ha un’azione fortificante ma anche sedativa.
  • In Cina è una pianta tonica per atleti e persone sottoposte a sforzo fisico. È anche un afrodisiaco maschile. La sua azione tonica è esercitata sugli anziani a cui permette di resistere meglio al freddo
  • In Occidente il Ginseng non è considerato un farmaco, ma piuttosto un tonico.

I ginsenosidi, che sono simili nella struttura agli ormoni del corpo, possono essere adattati all’interno del corpo per attenuare gli stati ormonali carenti. Gli studi clinici supportano l’uso tradizionale della radice da parte degli uomini, con l’avanzare dell’età, per mantenere vitalità e virilità, in quanto aiuta in caso di disfunzione erettile.

Il ginseng è stato studiato in dettaglio negli ultimi 50 anni in Cina, Giappone, Corea, Russia e molti altri paesi. La sua notevole qualità adattogena che permette al corpo di adattarsi allo stress, alla fatica e al freddo è stata confermata. Gli studi dimostrano che il ginseng migliora significativamente la capacità del corpo di far fronte alla fame, agli estremi di temperatura e allo stress mentale ed emotivo.

La ricerca indica che il ginseng è ugualmente prezioso per le donne ed è una medicina utile in menopausa, in quanto aiuta in caso di vampate di calore, migliora l’umore e l’eccitazione sessuale.

Aumenta la funzione immunitaria, la resistenza alle infezioni e migliora la funzionalità epatica. E’ un’erba chiave nel mantenimento della salute e della qualità della vita.

Internamente è indicato per la debilitazione, associata a vecchiaia o malattia, mancanza di appetito, insonnia, stress, shock e malattie croniche. È un ingrediente in molte importanti formule cinesi, un tonico yang da assumere prima dell’inverno o in un periodo di grande stress.

Ha proprietà timolettiche, sedative, demulcenti e stomachiche, ed è noto per essere un afrodisiaco. Tradizionalmente, è stato usato per nevrastenia, nevralgia, insonnia, ipotonia, e in particolare per gli stati depressivi associati all’inadeguatezza sessuale, stimolante, tonico, diuretico e stomachico. Migliorare la concentrazione, il processo di guarigione, la resistenza allo stress, la vigilanza e l’efficienza al lavoro in individui sani, anche in condizioni croniche debilitate e degenerative, associate all’invecchiamento.

Molte delle attività esibite da Panax ginseng sono state confrontate con azioni simili ai corticosteroidi e i risultati di studi endocrinologici hanno suggerito che i ginsenosidi possono principalmente aumentare la steroidogenesi surrenale attraverso un’azione indiretta sulla ghiandola pituitaria.

 

Pfaffia

Ci sono circa 50 specie per lo più arbustive in questo genere, che si verifica nelle parti più calde dell’America C e S. La più conosciuta è la Pfaffia paniculata, che cresce nella foresta pluviale amazzonica superiore ed è conosciuta localmente come paratudo, “per tutto”, un toccasana. Le radici sono state utilizzate dai nativi brasiliani come erba tonica, afrodisiaca e curativa per almeno 300 anni.Viene considerato il Ginseng brasiliano.

Chiamato ginseng brasiliano o Suma, la radice di Pfaffia paniculata, appartiene alle Amaranthaceae. Cresce nei burroni della foresta pluviale amazzonica superioreè stato a lungo usato dai nativi come afrodisiaco e cura tutto. Contiene fino all’11% di saponine, tra cui acido pfaffico e derivati che sono stati brevettati come farmaci antitumorali

È una pianta medicinale adattogena utilizzata nella medicina popolare brasiliana come agente “anti-stress”.

Medicinale tradizionalmente usata come tonico, tonificante, antistress, afrodisiaco, migliora la   memoria, cura reumatismi, artrite e ulcere.

È utilizzata per anemia, diabete, bronchite, affaticamento, impotenza, astringente, promuove la ricostruzione dei tessuti in caso di ferite.

Tonico ormonale e ghiandolare, stimolante immunitario e agente disintossicante, svolge un ruolo preventivo e curativo nel cancro. Cura le infezioni croniche.

La pianta deve probabilmente la sua reputazione al suo uso come tonico sessuale per gli uomini, sebbene sia efficace anche nelle donne. È utile nel trattamento dei disturbi della menopausa.  La radice macinata viene presa come tonico, specialmente durante la convalescenza.

Aiuta a ridurre e persino fermare vampate di calore e altri disagi durante i cambiamenti ormonali di una donna.

Studi di laboratorio hanno dimostrato che molti pfaffosidi prevengono la crescita dei tumori. I pfaffosidi sono chimicamente simili ai ginsenosidi presenti nel ginseng. Il valore della pianta come afrodisiaco sembra avere una base scientifica.

Evitare di prendere Suma durante la gravidanza e durante l’allattamento.

All’Università di San Paolo, il dottor Milton Brazzach, presidente della farmacologia, ha trattato migliaia di pazienti con gravi disturbi, tra cui diabete e cancro, e ha verificato i potenti poteri curativi e preventivi della pianta. I ricercatori hanno scoperto che una delle principali fonti delle proprietà energetiche e protettive dello stress della pianta risiede nella sua capacità di disintossicare il tessuto connettivo da quelle che vengono chiamate omotossine. Si tratta di rifiuti che possono interferire con il trasporto attivo dei nutrienti alle cellule e nella produzione di energia cellulare, e portare a lungo termine a cambiamenti nel DNA associati all’invecchiamento precoce e allo sviluppo di malattie degenerative. È un ottimo supporto nutrizionale che aumenta i livelli di energia, migliora la vitalità psicofisica, disintossica le cellule, previene l’invecchiamento precoce e la degenerazione cellulare.

Un ottimo rimedio contenente Ginseng e Pfaffia e’ Alato 27 disponibile qui ALATO 27 (lafenicesas.it) o in farmacia.

 

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali della medicina folclorica per i disturbi della sfera sessuale

Rimedi naturali della medicina folclorica per i disturbi della sfera sessuale

 

Catuaba, Erythroxylum vacciniifolium Mart.

Arbusto o piccolo albero alto 3-5 m. Appartiene alla famiglia delle Erythroxylaceae, descritta e pubblicata da Karl Friedrich Philipp von Martius in Beit. Erythroxylon  nel 1840, Figlio del  farmacista di corte Ernst Wilhelm Martius (1756-1849), che fu il primo docente di farmacologia all’Università di Erlangen, si laureò in biologia a Erlangen nel 1814con una tesi  sulle piante dell’‘orto botanico dell’università. Dopo la laurea si dedicò alla botanica. Autore di” Nova genera et species plantarum quas in itinere per Brasiliam annis 1817-1820… collegit et descripsit dr. C.F.P. de Martius… Pingendas curavit et secundum auctoris schedulas digessit “.

L’uso di foglie secche in polvere, mescolate con le ceneri di altre piante, come stimolante, è stato registrato per la prima volta nel 500 A.D. .

Si trova nelle regioni settentrionali del Brasile: in Amazzonia, Para, Pernambuco, Bahia, Maranhao e Alagoas. Qui l’albero di Catuaba raggiunge un’altezza e uno spessore immensi, producendo piccoli fiori gialli e un frutto giallo scuro. La seconda specie si trova nelle aree centrali, crescendo a Espirito Santo, San Paolo e Minas Gerais. Qui forma un grande arbusto cespuglioso. Le specie sono ugualmente efficaci in medicina e una tisana tradizionale viene preparata dalla corteccia. Poiché ha un sapore molto amaro, i brasiliani addolciscono il tè con un po ‘di miele o un prodotto derivato da un’altra delle loro incredibili piante della foresta pluviale, un estratto di Stevia.

È una pianta così vigorosa e in forte crescita che tende formare enormi foreste proprie. Gli indiani Tupi ne scoprirono per la prima volta le qualità e composero molte canzoni che la lodavano. È stato riferito che dopo aver bevuto tre o quattro tazze di tè costantemente per un periodo di tempo, i primi sintomi sono di solito sogni erotici e quindi aumento del desiderio sessuale.

L’erba normalizza anche la funzione della prostata e previene la reinfezione della prostata con E. coli., dilata i vasi sanguigni e stimola il sistema nervoso.

Nella medicina tradizionale brasiliana, la corteccia è usata come stimolante del sistema nervoso, afrodisiaco naturale e stimolante sessuale, migliora il sistema nervoso centrale, calma i nervi e regola la pressione, così come per altri tipi di problemi nervosi, come agitazione, nevrastenia, nervosismo, scarsa memoria, insonnia, ipocondria e debolezza sessuale.

La dopamina dell’estratto di corteccia ha proprietà antidepressive.

Tra i costituenti della pianta è stato scoperto un gruppo di alcaloidi chiamati “Catuabina”, con queste sostanze chimiche ritenute responsabili di ulteriori stimoli al sistema nervoso.

L’uso della corteccia dell’albero Erythroxylum catuaba, noto in Amazzonia come chuehulluasi, è visibile nelle case dove si può appare una bottiglia appesa al muro che contiene corteccia di chuchuhuasi “marinata” in aguardiente, un forte alcol distillato dalla canna da zucchero. Nella medicina popolare viene utilizzato per reumatismi e dolori, previene le emorragie post partum e viene mescolato con acqua bollita o aguardiente.

Trichilia catigua (Catuaba)

Il genere Trichilia è stato descritto da Browne nel 1756 e comprende 71 specie distribuite in America tropicale, Africa e nella regione indo-malese, di cui 47 specie si trovano in Brasile.

Diverse specie sono state utilizzate nella medicina popolare nel trattamento di malattie come disturbi del fegato, purganti, antiepilettici, antipiretici, antimalarici, tonici fisici e mentali, afrodisiaci e stimolanti sessuali.

Comunemente conosciuta come “catuaba” o “catiguá”. T. catigua si trova in Sud America (Brasile, Argentina, Paraguay e Bolivia) ed è ampiamente usata come neurostimolante, anti-nevrastenico e afrodisiaco.

È ampiamente usata nella medicina popolare come tonico per il trattamento della fatica, dello stress, come antibatterico e antiossidante.

 

Gli effetti sono principalmente associati alla modulazione del sistema dopaminergico. Poiché la maggior parte dei farmaci disponibili per il trattamento della depressione interferiscono con la modulazione della serotonina / noradrenalina, si potrebbe suggerire che l’estratto standardizzato di T. catigua, usato da solo o in combinazione con altri farmaci disponibili, potrebbe rappresentare uno strumento prezioso per il controllo dei sintomi della depressione, specialmente nelle manifestazioni moderate della malattia. in situazioni in cui la terapia classica non è efficace o non è ben tollerata dai pazienti.

Trichilia catigua A. Juss. (Meliaceae)

La specie T. catigua è ampiamente distribuita in Sud e Centro America. È anche conosciuta come catiguá, catiguá vermelho, catuama, pau-ervilha e catuaba-do-norte.

La corteccia essiccata della specie nativa brasiliana Trichilia catigua A. Juss. è usata nella medicina popolare per le sue proprietà neuroattive ed è nota per il suo potenziale antiossidante.

 

 Damiana, Turnera diffusa

È un afrodisiaco tradizionale del popolo Maya in America Centrale. Continua ad essere considerato prezioso come afrodisiaco e tonico generale, e la sua azione stimolante e tonica lo rende anche un valido rimedio per chi soffre di depressione lieve. Le foglie sono usate per aromatizzare i liquori e sono prese in Messico come sostituto del tè. In Messico e in vari paesi dell’America Latina, le foglie sono ancora oggi utilizzate contro la debolezza muscolare, come tonico, nei disturbi gastrointestinali, diabete, edema, malaria e malattie della pelle, ma soprattutto come afrodisiaco.

È originaria del Golfo del Messico, della California meridionale, delle isole dei Caraibi settentrionali e della Namibia.

Internamente è utilizzata per esaurimento nervoso, ansia, depressione, debilitazione in convalescenza, impotenza, eiaculazione precoce, disturbi della prostata, infezioni urinarie, frigidità, perdite vaginali, mestruazioni dolorose, problemi di menopausa, cefalea ormonale scarso appetito e digestione e stitichezza atonica. La sua azione tonica è in parte dovuta al timolo costituente, che è antisettico e tonico psicofisico.

Le sue proprietà stimolanti e riparatrici lo rendono prezioso quando ansia e depressione si verificano insieme. È utile nel trattamento dell’eiaculazione precoce e dell’impotenza. È, tuttavia, benefica sia per gli uomini che per le donne, in quanto ripara degli organi riproduttivi di entrambi i sessi

Essendo un diuretico e antisettico urinario, è utile nel trattamento delle infezioni urinarie come la cistite e l’uretrite. Questa azione è in parte dovuta all’arbutina costituente, che viene convertita in idrochinone, un forte urinario

È un lassativo lieve, utile nel trattamento della stitichezza dovuta a scarso tono muscolare intestinale.

Studi farmacologici hanno rivelato i suoi effetti ansiolitici, analgesici, spasmolitici e afrodisiaci, ha una lieve attività estrogenica.

L’uso afrodisiaco tradizionale permette di aumentare efficacemente i livelli di testosterone e quindi il desiderio sessuale.

Alcune specie sono ampiamente usata nella medicina popolare per diversi tipi di malattie infiammatorie. La British Herbal Pharmacopoeia cita indicazioni per l’uso di tale rimedio per “nevrosi d’ansia con un fattore sessuale predominante, depressione, nervoso, dispepsia, costipazione atonica e coitale, inadeguatezza.

 

 

Muira Puama, Ptychopetalum olacoides

Muira puama è originaria delle foreste pluviali brasiliane, in particolare la regione del Rio  delle Amazzoni.

Muira Puama: un’erba coltivata in profondità nella foresta pluviale e comunemente conosciuta come “Potency Wood”. Questa è una delle migliori erbe per la maggior parte degli uomini da utilizzare per la disfunzione erettile, e ha una reputazione altrettanto meritata per aumentare il desiderio sessuale. L’arbusto è originario del Brasile ed è stato a lungo usato come un potente afrodisiaco in Sud America. Un recente studio clinico ha convalidato la sua sicurezza ed efficacia nel migliorare il desiderio sessuale e la funzione sessuale in molti pazienti.

Muira puama è stato a lungo usato nella medicina amazzonica come tonico e afrodisiaco. Considerato utile come aiuto per l’impotenza, si pensa che aiuti sia gli aspetti fisici che psicologici del problema.

È anche usata per trattare o prevenire la calvizie. La corteccia è fortemente astringente e viene impiegata come gargarismi per il mal di gola e assunta sotto forma di infuso per trattare diarrea e dissenteria

Sulla base dei numerosi rapporti clinici che documentano gli effetti di miglioramento della libido e dell’energia, Muira Puama aumenta il testosterone libero e / o sopprime l’eccesso di estrogeni.

 

Nella medicina popolare brasiliana Trichilia catigua è usato per le sue proprietà neuroattive, come neurostimolante, antiossidante e antinfiammatorio, mentre Turnera diffusa è tradizionalmente usato come tonico nella nevrastenia. Entrambe le specie sono note per essere ricche di flavonoidi.

Muira puama, sebbene usata in Asia, è in realtà la più nota medicina popolare amazzonica che aumenta la libido. Agisce come stimolante nervoso per aumentare la ricettività agli stimoli sessuali.

 

Un ottimo prodotto composto da Catuaba, Damiana e Muira Puama, è ALATO 18, acquistabile qui  o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Betulla

Erbe depurative ed etnobotanica

Betulla  

Betulaalba Linn. (famiglia: Betulaceae), è un albero che cresce fino a circa 30 m di altezza. In India è conosciuta come la “Signora dei Boschi” derivata dalla parola sanscrita Bhurga, “un albero la cui corteccia è usata per scrivere”. È notevole per la sua leggerezza, grazia ed eleganza e dopo la pioggia ha un odore fragrante. Betula deriva dal latino Beatus (beato). Più di 140 specie di Betula sono conosciute nel mondo. La specie più comune in Kazakistan è Betula pendula Roth. (BPR). Conosciuta anche come la betulla bianca europea o betulla argentata, cresce principalmente nella parte settentrionale del paese. Le specie di betulla sono state utilizzate fin dall’antichità nella medicina popolare e tradizionale in varie forme. Gli ampi dati riguardanti l’applicazione della BPR in medicina, così come l’ampia disponibilità in buona quantità hanno attirato l’attenzione degli scienziati di tutto il mondo. I boccioli di betulla (Gemmae Betulae) sono ampiamente usati come diuretici e colagoghi come antisettico e agente cicatrizzante delle ferite. La tintura delle foglie (Folium betulae) è comunemente usata per il trattamento dell’anemia, delle malattie cardiovascolari e renali. La linfa della betula (Succus Betulae) aiuta nel trattamento delle malattie renali e del tratto urinario, delle malattie della pelle, dei reumatismi e della gotta e fondamentale nella purificazione del corpo. Il succo di betulla viene estratto all’inizio della primavera dal tronco di betulla e grazie alle sue proprietà naturali è eccezionale nella rimozione di sostanze tossiche dal corpo, ha anche un’elevata attività antimicrobica, antiflogistica e antipiretica. Oleum Betulae empyreumaticum rectificatum è l’olio ottenuto dalla distillazione secca della corteccia, viene utilizzato principalmente come rimedio esterno nelle malattie cutanee.

Polonia:

Betulla (Betula verrucosa) L’antico nome polacco “brzezie” appare nei manoscritti farmaceutico-medicali del Medievale, principalmente del XV secolo. Non ci sono nomi di betulla negli erbari rinascimentali stampati in polacco. La betulla era utilizzata in rituali magici, per proteggere i cavalli e il bestiame dalla stregoneria.

In Polonia le scope venivano prodotte dai suoi vecchi rami e il catrame di legno era ottenuto dalla sua corteccia. Il succo di betulla è stato usato in medicina per trattare lo scorbuto e la tubercolosi.

La Betulla è indicata nella depurazione naturale primaverile. Il nome Betulla ha derivazioni celtiche o latine e significa “verga”. È una pianta di importanza notevole, definita nel Rinascimento “Albero nefritico d’Europa”. Dal succo di betulla si può ottenere alcol, fare birra, aceto, spumante e sciroppo.

Nel giorno del Corpus Domini gli altari sono decorati con rami di betulla. I fedeli nei villaggi portano questi rami nelle loro case per metterli sul tetto o alle pareti della casa, in modo che siano protetti da tempeste, grandine e vermi. I rami verdi erano considerati di buon auspicio per la casa. Un ramo sul cappello o sui vestiti garantiva il successo, se qualcuno soffriva di epilessia, durante l’attacco della malattia la sua testa era legata con rami. Nella zona di Nałęczów le persone informavano della morte di qualcuno portando rami di betulla intrecciati a forma di ghirlanda. Era permesso entrare con questo ramo nei dintorni della casa, per mostrarlo attraverso la finestra, ma non per portarlo in casa, perché poteva attirare qualcuno vivo nella tomba. Spesso nelle tombe dei soldati o nei luoghi di incidenti stradali venivano collocate croci di betulla.

Fin dall’antichità, la betulla (Betula verrucosa) è nota per le sue proprietà terapeutiche di cui si utilizzano principalmente le foglie e la linfa. Gli estratti delle foglie contengono elevate quantità di fenoli, flavonoidi, acido ascorbico, composti triterpenici e tannini. Nella medicina popolare, l’infuso di foglie di betulla è utilizzato come antimicrobico, antinfiammatorio e protezione cardiovascolare.

La betulla dell’Himalaya (Betula utilis D. Don), popolarmente conosciuta come Bhojpatra nel subcontinente indiano, è una delle specie arboree più importanti in tutta la parte alta dell’Himalaya. Appartiene alla famiglia delle Betulaceae.

Betula utilis è stata identificata per molteplici importanze etnobotaniche da diverse comunità etniche e non etniche che vivono in Himalaya e altrove, per curare catarro e tosse, in infuso, polvere, pasta e decotto. La sua corteccia contiene betulina e altri oli essenziali che possiedono proprietà medicinali. La corteccia del gambo è usata per stipsi, pulizia delle ferite e lebbra in quanto ha proprietà astringenti. È anche usata nell’obesità. La corteccia, la foglia e la resina sono utilizzate nei reumatismi, nelle fratture ossee, nei dolori articolari, nei gonfiori, nell’asma e nella purificazione del sangue. La sua resina è usata come contraccettivo e trattamento di ustioni e ferite esterne. La resina viene applicata anche sulle bolle. È considerata utile per il trattamento dei disturbi psicologici, per follia, epilessia e isteria. La corteccia è usata per trattare l’ittero, mal d’orecchi, disturbi renali e vescica, costipazione, tosse e come tonico. L’infuso di corteccia è usato per alleviare la flatulenza, per il trattamento di animali domestici: viene ridotta in cenere e la sua pasta viene applicata sui tagli profondi e sulle ferite degli animali. La convalida scientifica degli usi tradizionali di Betula utilis rivela che contiene un agente antinfettivo battericida. L’epiteto utilis si riferisce al numero di usi di questa importante specie arborea. Betula utilizza essendo considerato sacro dagli indù è usato in vari rituali religiosi. La corteccia esterna di questa specie è in uso da tempo immemorabile per scrivere scritture e testi, specialmente in sanscrito, per scrivere mantra. In previsione di proteggere qualcuno, specialmente i bambini, da tutte le disgrazie e ricevere benedizioni, viene indossato un amuleto contenente corteccia di Betula utilis scarabocchiata con mantra. Questo amuleto è indossato intorno al collo o legato intorno al braccio. È anche usata nella realizzazione di diversi talismani vedici, chiamati yantra. La raccolta di corteccia cartacea per fare tali yantra è compiuta in un giorno e in un momento specifici in considerazione di specifici Nakshatra (palazzo lunare nell’astrologia indù). Si ritiene inoltre che questo yantra fornisca una vita di prosperità. Il legno di Betula è usato in havan (un rituale inn cui vengono bruciate offerte come cereali e ghee in occasione di nascite, matrimoni e altri eventi religiosi).

Betulla e Sciamanesimo Siberiano:

La betulla (Betula alba) è considerata fra gli sciamani siberiani l’Albero cosmico.  Sono probabilmente il colore bianco-argenteo del tronco, l’aerea luminosità e anche la resistenza al freddo, che le consente di giungere sino al limitare della tundra, ad aver evocato questo simbolo.

Folklore celtico:

La betulla era considerata dai Celti l’albero preposto al mese che cominciava col solstizio d’inverno: dunque, un albero “aurorale”, il primo nella foresta nordica a mettere le foglie insieme con il sambuco. Per questo motivo nei riti contadini si adoperavano verghe di betulla per scacciare lo spirito del vecchio anno.

Russia:

Le forme di preparazione dei rimedi variano: succo, acqua e decotto di latte, vapore, estratto, tintura, unguento, polvere, fumigazione, piante fresche. I decotti d’acqua vengono preparati facendo bollire le foglie, raffreddando e filtrando. I decotti di latte sono preparati in modo simile, ma usati mentre sono caldi. Per preparare l’estratto si versa acqua bollente su foglie e corteccia, si tiene coperto per mezz’ora e più. I vapori sono fatti mantenendo acqua e miscela di pianta essiccata in un recipiente ermeticamente chiuso, nel forno per non meno di 3-4 ore o durante la notte. Per gli impacchi, la pianta secca viene riscaldata in acqua calda, latte o burro. Le tinture di pianta fresca utilizzano la vodka e vengono conservate in un luogo caldo per 5-7 giorni. Per gli unguenti si utilizza grasso adiposo di animale selvatico (tasso, orso, cane procione), ma è possibile utilizzare lo strutto di maiale. La linfa di betulla era usata come bevanda fresca, ma anche come ingrediente per alimenti e bevande. Veniva fermentata per produrre alcolici leggeri. Altri usi popolari della linfa degli alberi variano dalla nutrizione sotto forma di zucchero, minerali e vitamine, alle applicazioni cosmetiche per la pelle e i capelli e all’uso medicinale popolare. Russia, Ucraina, Bielorussia, Estonia, Lettonia e Lituania sono gli unici paesi in cui la raccolta e l’uso della linfa (principalmente linfa di betulla) è rimasta un’attività importante fino a poco tempo fa, a causa dell’esistenza di grandi foreste di betulla e della bassa densità di popolazione.

Danimarca

La spillatura della linfa di betulla ha una lunga tradizione in Danimarca. È menzionata dal botanico Simon Paulli nel 1648. Autori successivi scrivono che è stato usata non solo come bevanda, ma anche come birra, aggiungendo lievito e malto. La linfa di betulla è stata utilizzata anche per scopi medicinali, fu inclusa nella “farmacopea danese” nel 1772: era raccomandata contro l’epatite, l’eruzione cutanea, i vermi intestinali e lo scorbuto. Era aggiunta al formaggio per proteggerlo dai parassiti e usata come cibo di emergenza in tempi di carestia, per la preparazione del pane. Nel “libro di Flatey”,”Flateyjarbók”, completato nel 1394, c’è una descrizione di come il re Sverre e i suoi uomini trascorsero due notti nel deserto e, non avendo cibo, si nutrirono di linfa di betulla.

Norvegia

Lo scrittore norvegese Peder Claussøn Friis descrisse nel 1590 da Finnmark che la linfa veniva sfruttata e utilizzata da pastori e boscaioli. Ci sono molte descrizioni nella letteratura topografica del XVIII e XVIX ° secolo sull’uso della linfa di betulla utilizzata come cibo in varie parti della Norvegia.

Svezia

La spillatura della linfa dalla betulla in primavera era molto comune. Il cartografo Olaus Magnus fece una breve nota nel 1555 in cui scrisse che gli scandinavi picchiettavano la betulla per la linfa e la utilizzavano come bevanda fresca. È anche menzionata in un manuale medicinale del 1578.  Secondo una traduzione svedese della “Magia naturalis” di Wolfgangi Hildebrand del 1654, un po ‘di succo di betulla dovrebbe essere aggiunto al formaggio per proteggerlo dai vermi. In alcune parti della Svezia era considerata cibo per la carestia in primavera. Lo storico Pehr Arvid Säve scrive che i poveri dell’isola di Gotland erano soliti raccogliere la linfa di betulla e usarla come bevanda.  La linfa di betulla è stata utilizzata anche tra i Saami in Svezia, in particolare tra i Saami della foresta di Västerbotten. I Saami usavano anche la linfa e la corteccia interna del pino (Pinus sylvestris L.) e dell’abete rosso [Picea abies (L.) Karst.], in particolare il primo.  Veniva raccolta all’inizio della primavera ed essiccata sotto forma di farina che veniva poi mangiata con latte e grassi.

Il vino di betulla è menzionato in diversi testi del XVIII e XVIX ° secolo. Il vino dalla linfa di betulla è oggi prodotto da alcuni produttori domestici, ma anche da piccole aziende che creano prodotti locali e cibo gastronomico. Il più famoso è il “Grythyttan Björkvin”, un vino frizzante di betulla piuttosto costoso, sviluppato da un’antica ricetta del 1785.

Scozia e Inghilterra

La linfa degli alberi di Betulla è stata raccolta anche in Scozia. Fra le diverse specie utilizzate, vi è la  B. pendula. La linfa era come bevanda fresca, e talvolta trasformata in vino. La medicina popolare scozzese utilizzava betulla per prevenire la calvizie.

Si dice che la regina Vittoria abbia bevuto grandi quantità di linfa di betulla quando era al castello di Balmoral, al fine di fermare il diradamento dei suoi capelli. Nelle Highlands scozzesi la linfa di cenere veniva data ai neonati come primo nutrimento e in Irlanda e Inghilterra per curare il mal d’orecchi.   Le betulle furono sfruttate nelle Highlands fino alla fine del 1940, la linfa veniva bollita per fare una carne dolce. Abbiamo anche alcune note provenienti da varie parti dell’Inghilterra dove veniva spillata la linfa di betulla, ad esempio dal Montgomeryshire, dall’Hampshire e dallo Yorkshire. Gli alberi erano sfruttati a febbraio o all’inizio di marzo.    Nel Lincolnshire e nelle Highlands il vino di linfa di betulla veniva prodotto e usato come tonico e per il trattamento dei reumatismi.

Repubblica Ceca

Il mese di marzo è chiamato in ceco “březen” “il mese delle betulle”. La linfa di betulla, acero e faggio (Fagus sylvatica L.) è descritta dalla Foresta Boema. La migliore linfa proveniva dalla betulla. In alcune zone della Boemia le ragazze e i ragazzi si riunivano il 23 marzo per toccare la linfa di betulla.   Il mese di marzo era celebrato mangiando cibo e ballando intorno a una betulla. Le ragazze consumavano la linfa di betulla per essere sane e, da adulte, fertili. Le persone disabili si recavano in segreto presso una betulla il primo giorno di marzo per tagliare la corteccia e mettere un pezzo di lino con una goccia di sangue nell’incisione. Se la corteccia si fosse unita alla stoffa, la menomazione sarebbe guarita. Si presumeva anche che la linfa raccolta in quel giorno avesse potere curativo: veniva bevuta per buona salute e contro l’infertilità.

Germania

La linfa di betulla è stata usata come medicina tra i tedeschi, specialmente contro le malattie polmonari e la gotta. Il medico Hieronomys Bock descrive, nel suo “Kreuterbuch” (1551), il suo uso medicinale. Nel 1880 la linfa di betulla veniva ancora raccolta nei monti Harz e nella Selva di Turingia.

Polonia

L’uso della linfa di betulla (principalmente da B. pendula, più raramente da B. pubescens) era diffuso nel XIX secolo. Di solito veniva bevuta fresca, praticando un foro e facendo un piccolo trogolo o tubo dal legno, o rompendo un ramo. A metà del XX secolo questo uso era obsoleto nella maggior parte della Polonia o praticato principalmente come intrattenimento primaverile per ragazzi. L’uso della linfa di betulla era più intenso e diffuso nelle parti orientali del paese, ad esempio le regioni di Podlasie e Mazovia.. La lavorazione della linfa di betulla è stata documentata in alcune regioni a cavallo tra il XIX e il XX secolo. Ad esempio, nella foresta di Kozienice (Polonia centrale), veniva bollita con farina di segale e latte. Nella regione di Kurpie (Polonia nord-orientale) lo sciroppo di betulla è stato prodotto facendo bollire l’acqua dalla linfa e utilizzato come dolcificante alimentare.

Romania

In Transilvania la linfa di B. pendula era conosciuta come “virics”,”acqua di betulla”. È stata estratta con vari metodi dal XVIII al XX secolo. Il tronco d’albero veniva tagliato con un’ascia o un coltello a varie altezze e direzioni, oppure forato. Quando la medicina popolare locale era ancora praticata in Transilvania, la linfa di betulla veniva venduta in barili nei mercati locali della città e conservata nelle cantine prima dell’uso. Virics è stata usata contro l’ittero, per rimuovere i calcoli renali e coagulare il latte durante la produzione di formaggio come trattamento contro il raffreddore, i disturbi oculari e come diuretico, ma anche contro costipazione, gozzo, mal di testa e polmonite. Miscelata con olio guariva le ferite. Tra le applicazioni esterne, il lavaggio di nei e macchie solari, come colorazione e balsamo dei capelli. Inoltre, la linfa di betulla è stata consumata in primavera come bevanda dissetante e fermentata o bollita per fare vino, birra, sciroppo o aceto. Questi prodotti sono stati realizzati in edifici speciali noti come “case di acqua di betulla” tra gli Szekély di lingua ungherese.

Nell’antica Roma, durante la cerimonia d’insediamento dei consoli che si svolgeva in quel periodo, i dodici littori reggevano i fasci che, formati da verghe di questa pianta, erano gli emblemi del potere coercitivo dei magistrati romani.

Nel Medioevo venne considerato, forse sulla scia di arcaiche tradizioni celtiche, simbolo di saggezza. Tant’è vero che la bacchetta dei maestri di scuola era costituita da ramoscelli di betulla intrecciati.

La sua corteccia è diuretica e febbrifuga, guarisce le infiammazioni della pelle e stimola la digestione; le gemme attivano la secrezione biliare; le foglie fresche preservano dalla gotta; la linfa raccolta in primavera (detta anche «acqua o sangue di betulla») cura le problematiche dell’apparato osteo-articolare e delle vie urinarie favorendo l’eliminazione dell’acido urico. Una volta se ne estraeva persino un dolcificante e un vino dolce e frizzante.

Nel XVI secolo, Mattioli, umanista, medico e botanico nato nel 1500, affermò che la Betulla ha grandi proprietà e virtù di rompere i sassi di reni e vescica. La tradizione popolare usava distendere sulle foglie seccate al forno bambini debilitati per ridare loro vigore.

Un ottimo rimedio contenente Betulla è Alato 7, disponibile in farmacia o qui 

 

DiAlessandra Zarone

Adattogeni naturali: Cola acuminata

Adattogeni naturali: Cola acuminata

Premessa

Gli adattogeni comprendono una categoria di medicinali vegetali e prodotti nutrizionali che promuovono l’adattabilità, la resilienza e la sopravvivenza degli organismi viventi nello stress. Gli adattogeni hanno effetti farmacologicamente pleiotropici( Pleiotropia – Wikipedia )sul sistema neuroendocrino-immunitario. Alcune combinazioni di piante adattogene forniscono effetti unici a causa delle loro interazioni sinergiche, non ottenibili da nessun ingrediente in modo indipendente.

Gli adattogeni sono modificatori di risposta allo stress che aumentano la resistenza aspecifica di un organismo allo stress aumentando la sua capacità di adattarsi e sopravvivere. Mostrano effetti benefici polivalenti contro infiammazione cronica, aterosclerosi, deficit cognitivo neurodegenerativo, disturbi metabolici, cancro e altre malattie legate all’invecchiamento. Gli usi attuali e potenziali degli adattogeni sono principalmente correlati all’affaticamento indotto dallo stress e alla funzione cognitiva, alle malattie mentali e ai disturbi comportamentali. Riducono gli effetti dannosi di vari fattori di stress, a causa dell’aumento del livello basale di mediatori coinvolti nella risposta allo stress.

Cola acuminata K.Schum

Tra gli Yoruba africani e i loro discendenti brasiliani diverse specie di piante sono considerate indispensabili per le cerimonie di iniziazione primaria. Queste includono i semi di obt (Cola acuminata) e orobo (specie di Garcinia kohl impiegata in Africa occidentale e Brasile durante la divinazione e l’iniziazione). Gli intrugli segreti sono usati per lavare le collane sacre degli adepti, e la polvere magica preparata da foglie, semi e gesso è dipinta sulle teste rasate degli iniziati, durante i primi mesi. I novizi dormono su un letto di foglie sacre. L’abo (bagno fogliare) rappresenta il rito vegetale più comune per principianti e pazienti laici. I bagni sono impiegati per l’iniziazione, per il miglioramento finanziario e per la purificazione. Il loro ruolo più importante, tuttavia, è medicinale. Abo sono utilizzati per problemi di salute come reumatismi, disturbi della pelle, mal di testa e simili. Più comunemente, il pai o mae-de-santo, sacerdote, prescrive bagni per disturbi psicologici, come ansia e depressione, in particolare dove questi hanno origine spirituale. I bagni a base di foglie sono preparati in base alle esigenze individuali del paziente. Non esiste un insieme di ricette predeterminate. Il sacerdote o la sacerdotessa determina l’eziologia e il rimedio prescrittivo durante una cerimonia di divinazione usando il jogo de buzio, divinazione con le conchiglie. Introdotto insieme ad altri metodi di divinazione durante il corso della tratta degli schiavi, il sistema jogo de buzio consente al capo del tempio di consultarsi direttamente con le divinità. Dopo aver fatto rotolare sedici conchiglie su una tavola, il pai o mae-de’Santo identifica il numero di gusci aperti e chiusi, cioè aperture rivolte verso l’alto o verso il basso. La combinazione di conchiglie corrisponde a uno o più miti specifici odu, o Yoruba, che suggeriscono la causa del problema e la linea d’azione appropriata. Quando il bagno a base di foglie entra nel rimedio prescritto, le foglie appropriate vengono poste in una bacinella di acqua fredda e lentamente macerate con le mani. La manipolazione fisica delle foglie è essenziale, in quanto trasferisce l ‘energia vitale dal sacerdote al bagno in via di sviluppo. L’intruglio verdastro risultante, carico del potere innato delle foglie e di quello del sacerdote del terreiro (tempio di Candomble), è posto all’interno di un piccolo altare dedicato all’una o all’altra delle divinità africane.

Ossaim, custode delle foglie sacre e della medicina, è la divinità più direttamente coinvolta nella salute e nella guarigione. Il suo dominio è la foresta e il campo, ovunque le piante curative crescano spontaneamente. Tra gli Yoruba e la loro diaspora del Nuovo Mondo, la sua immagine mostra disabilità: un solo occhio, una gamba, un orecchio enorme e una voce acuta umoristica. La conoscenza di Ossaim era ambita da altre divinità che cercavano di condividere i suoi segreti.

Nella cultura africana, la noce di Cola viene masticata prima dei pasti come aiuto alla digestione, per trattare le ferite, emicrania, disturbi metabolici, infiammazioni. Il ramoscello amaro dell’albero è utilizzato anche per pulire denti e gengive; rinfrescare l’alito. I frutti di cola sono usati come tonici, afrodisiaci stimolanti e come intruglio per il trattamento di febbre, dissenteria ed esaurimento.

Questo prodotto della costa occidentale dell’Africa è diventato ben noto ai botanici britannici a causa del suo uso tra i nativi come stimolante e promotore della digestione. The Athenaeum, una rivista letteraria britannica pubblicata a Londra, dal 1828 al 1921, annunciò che il suo corrispondente a Lagos aveva inviato a casa a Londra il frutto e le foglie di un’altra cola, nota come “cola amara”, che appartiene a un diverso ordine botanico – la Guttifera, che possedeva alcune proprietà notevoli. I nativi usavano il frutto come rimedio per la tosse e per migliorare la voce dei cantanti, mentre il corrispondente lo raccomandò come estremamente benefico dopo il mal di mare, dicendo: “Il mio appetito è tornato quasi immediatamente dopo aver morso una porzione di un seme che ho trovato nella mia valle”.

In Europa, le noci di Cola erano un tempo usate per trattare emicranie, nevralgia, nausea e diarrea.

Recenti ricerche hanno dimostrato che i composti in questa erba migliorano significativamente la produzione di acido gastrico e aumentano l’efficacia degli enzimi digestivi all’interno dello stomaco. Ciò aumenta anche l’assimilazione dei nutrienti, consentendo al corpo di estrarre più facilmente i preziosi nutrienti dal cibo.

Cola può alleviare altri disturbi digestivi come gonfiore, flatulenza, crampi e stitichezza.

La ricerca mostra che Cola ha un effetto e previene la nefropatia diabetica (malattia renale). Cola è anche conosciuta come erba “termogenica” (bruciagrassi), e come tale è spesso utilizzata come ingrediente negli integratori per la perdita di peso. È ricco di xantine e polifenoli – recenti ricerche mette in relazione questi composti con un’attivazione della termogenesi e, di conseguenza, con possibili trattamenti per l’obesità.

Cola aumenta la diuresi, riduce i livelli di colesterolo  e migliora la funzione pancreatica .

La noce di cola contiene circa il 3% di caffeina e circa il 2% di teobromina. Entrambi questi composti agiscono come “vasodilatatori”, allargando i vasi sanguigni e aumentando il flusso sanguigno al cervello. Aumenta i livelli di ossigeno nel cervello, sostiene la funzione cognitiva e la vigilanza.

I preparati Cola sono usati oggi per trattare l’esaurimento fisico e mentale L’importanza medicinale della Cola nitida si basa principalmente sui costituenti chimici della pianta, dalle sue radici ai suoi semi. La pianta è nota per contenere diversi costituenti chimici noti per i loro valori medicinali, tra cui caffeina, teofillina e teobromina. Cola nitida contiene anche tracce di minerali essenziali come potassio, calcio, magnesio, sodio, ferro, zinco, manganese e fosforo. Alcuni di questi minerali fungono da fonte di macro e micronutrienti necessari per la crescita, lo sviluppo e l’attività metabolica. È usato nella produzione di bevande come Coca cola e Pepsi cola . È anche usato nella produzione di coloranti. Gli studi hanno dimostrato che Cola nitida agisce come stimolante per combattere la stanchezza, ridurre la fame e la sete.

Alato 1, contiene Cola acuminata, ed è uno  stimolante mentale, antidepressivo. Svolge un’azione tonica utile per la stanchezza fisica e mentale .

E’ acquistabile  qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Rimedi adattogeni per stress e stanchezza

Rimedi adattogeni per stress e stanchezza

 

Stress acuto e cronico svolge un  ruolo importante nelle alle malattie cardiovascolari. Sebbene generalmente trascurato dai medici, lo squilibrio autonomo (sovraattività simpatica e/o sottoattività parasimpatica) può essere misurato e modificato .

Sebbene lo stress sia inteso solo  come un problema strettamente emotivo e mentale, esso ha anche effetti fisiologici. Uno studio ha scoperto che una sostanza chimica rilasciata quando il corpo è stressato, il Neuropeptide Y, fa sì che le cellule adipose si aprano immagazzinando  il grasso piuttosto che bruciarlo. Uno studio ha scoperto che, specialmente nelle donne, il cortisolo più alto (ormone dello stress) porta all’aumento di peso intorno alla vita, anche in donne snelle.

Un altro studio ha scoperto che lo stress accorcia i telomeri nelle cellule a un ritmo più veloce, portando all’invecchiamento precoce e all’aumento del rischio di malattie .

Lo stress può avere un impatto anche sugli ormoni e sulla fertilità. Quando il cortisolo è alto nel corpo, il progesterone è spesso basso perché il corpo usa il progesterone per produrre cortisolo. Questo è spesso il motivo per cui lo stress e gli elevati livelli di cortisolo sono correlati con i problemi di concepimento e gravidanza.

Reazioni fisiche associate ad alti livelli di stress sono:

  • Perdita di capelli (da stress prolungato)
  • Mal di testa
  • Insonnia
  • Bocca secca
  • Aumento dell’incidenza di malattie cardiache e ictus
  • Maggiore incidenza di allergie
  • Dolore muscolare o contrazioni
  • Problemi ormonali e mestruali
  • Aumento dell’incidenza di eczema e psoriasi
  • Guarigione più lenta da tutte le malattie

  • Stress fisico:

La mancanza di sonno crea anche stress fisico. Una dieta povera, specialmente quella che include anche tutti gli alimenti a cui si è intolleranti o allergici, può creare una reazione allo stress nel tuo corpo, anche se riduci al minimo altri tipi di stress. Per aiutare a ridurre lo stress fisico, migliora la tua alimentazione, dormi a sufficienza ed evita le tossine .

  • Stress emotivo:

Questo può ovviamente avere molte cause, ma spesso può essere affrontato con le terapie olistiche e la meditazione.

  • Stress mentale:

Simile allo stress emotivo, questo tipo di stress è spesso aiutato dalla   meditazione, da una migliore gestione del tempo e organizzazione dei compiti quotidiani, concentrandosi su  cosa alla volta.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico

Sei sotto stress se :

  • Sei stanco al mattino (ma hai un’esplosione di energia la sera o proprio prima di andare a letto)
  • Non stai dormendo bene
  • Hai un aumento di peso nella parte centrale del tuo corpo
  • Desideri zucchero, cibi salati o carboidrati
  • Noti problemi di memoria o concentrazione
  • Ti ammali spesso
  • È difficile costruire massa muscolare o ci vuole molto tempo per riprendersi dopo un allenamento
  • Ti senti stressato, affaticato o irritabile
  • Si verificano ansia o sintomi depressivi
  • Hai problemi di fertilità

 

Cosa causa stress:

  • fare troppo esercizio fisico
  • consumare troppo zucchero e farinacei
  • mancanza di sonno
  • bere troppa caffeina o alcol
  • troppa stimolazione elettronica o tempo sui dispositivi elettronici
  • avere persone “velenose” nella tua vita

Consigli pratici:

  • Segui una dieta sana ed equilibrata piena di frutta, verdura e fibre integrali
  • Fai regolare esercizio fisico
  • Dormi tra le 7 e le 8 ore ogni notte
  • Bevi almeno otto bicchieri d’acqua al giorno
  • Delega compiti stressanti ad altri
  • Evita di bere alcolici
  • Smetti di fumare

Rimedi naturali

Gli Integratori specifici sono ottimi per bilanciare e regolare i livelli di cortisolo, in quanto non puoi evitare tutti gli aspetti stressanti della vita, non puoi  smettere di andare al lavoro ma l’assunzione degli integratori corretti, ti aiuterà a modulare gli ormoni che guidano la risposta allo stress del corpo, come il cortisolo.

 Alcuni integratori che possono aiutare sono:

 

Withania somnifera (L.) Dunal, comunemente nota come Ashwagandha, è un’importante pianta medicinale che è stata utilizzata nella medicina ayurvedica e indigena per più di 3000 anni.

Withania somnifera L. , una pianta medicinale polivalente di famiglia Solanaceae che si trova abbondantemente nelle regioni subtropicali del mondo. I guaritori popolari hanno usato la pianta per trattare diverse malattie come febbre, cancro, asma, diabete, ulcera, epatite, occhi, artrite, problemi cardiaci ed emorroidi. La pianta è famosa per l’attività anti-cancerosa, il trattamento delmal di schiena e il rafforzamento muscolare, che può essere attribuito agli alcaloidi withanolidi. W. somnifera è anche ricco di numerosi metaboliti secondari come steroidi, alcaloidi, flavonoidi, fenolici, saponine e glicosidi. Una vasta gamma di studi preclinici lo identificano come cardioprotettivo, anticancro, antiossidante, antibatterico, antimicotico, antinfiammatorio, epatoprotettivo, antidepressivo e ipoglicemico . Diverse parti della pianta sono state analizzate  in  studi clinici sull’ infertilità maschile, il disturbo ossessivo-compulsivo, l’ansietà, il rafforzamento osseo e muscolare, il diabete.

Secondo Charaka Samhita, Susruta Samhita e altri testi antichi, Ashwagandha è conosciuta come Balya (aumenta la forza), Brusya (potenziatore delle prestazioni sessuali), vajikari , spermatogenico), Kamarupini (miglioramento della libido), Pustida (nutriente).

Studi fitochimici su W. somnifera hanno rivelato la presenza di importanti costituenti chimici come flavonoidi, acidi fenolici, alcaloidi, saponine, tannini e withanolidi. Vari studi clinici mostrano che l’estratto vegetale e i suoi composti bioattivi sono utilizzati nella prevenzione e nel trattamento di molte malattie, come artrite, impotenza, amnesia, ansia, cancro, il trattamento di ansia e altri disturbi del SNC. Si  è dimostrato un rimedio privo di tossicità ed efficace clinicamente per la salute e il benessere umano.

Ashwagandha è un’erba tradizionalmente utilizzata per ridurre lo stress e migliorare il benessere. Sessanta adulti sono stati assegnati casualmente per prendere un placebo o 240 mg di un estratto standardizzato di Ashwagandha  una volta al giorno. Tutti i partecipanti hanno completato la prova senza che siano stati segnalati eventi avversi. Rispetto al placebo, l’integrazione di  Ashwagandha è stata associata ad una riduzione statisticamente significativa dell’HAM-A  e ad una riduzione quasi significativa della DASS-21 . L’assunzione di Ashwagandha è stata anche associata a una maggiore riduzione di cortisolo mattutino  e del DHEA-S  rispetto al placebo. I livelli di testosterone sono aumentati nei maschi (P = .038) ma non nelle femmine ) nel tempo. Questi risultati suggeriscono che Ashwagandha allevia lo stress possono, attraverso il suo effetto moderatore sull’asse ipotalamo-ipofisi-surrenale. Withania somnifera agisce sui disturbi neurocomportamentali indotti dallo stress ossidativo cerebrale ,ripristinando significativamente gli ossidativi alterati e altri marcatori di stress. Withania somnifera Dunal, comunemente noto come ginseng indiano, è stato in uso fin dall’antichità come agente afrodisiaco, per il trattamento dell’impotenza e dell’infertilità.

Schisandra (Schisandra chinensis) è stata usata per secoli come pianta della medicina tradizionale cinese. I frutti di Schisandra chinensis sono stati tradizionalmente utilizzati per migliaia di anni in Corea e Giappone per trattare vari disturbi. La sua attività biologica e l’uso farmacologico sono associati ai lignani: la loro attività è stata studiata in centinaia di studi che hanno confermato effetti adattogeni, stimolazione del sistema nervoso centrale, effetti epatoprotettivi ed azione anticancro. Gli estratti grezzi e i componenti isolati di lignani puri proteggono efficacemente dal danno delle cellule neuronali e migliorano le prestazioni cognitive, questa pianta è indicata per trattare varie malattie neurodegenerative.

L’estratto dei frutti di Schisandra chinensis è stato tradizionalmente usato dalla  medicina orientale per il trattamento di malattie cardiovascolari.

Schisandra chinensis (Turcz.) Baill (S. chinensis) è stato usato per migliaia di anni in Cina e di solito viene applicato nel trattamento di disturbi del tratto urinario e lesioni al fegato. L’estratto di S. chinensis (SCE) ha effetti protettivi sulla tavola su fegato, reni e sistema nervoso. Schisandra chinensis è stata utilizzata per trattare le malattie del fegato in Cina. I risultati hanno dimostrato che SC ha una cospicua efficacia terapeutica sulle lesioni epatiche. Schisandra chinensis è un’erba naturale in grado di trattare gli effetti del morbo di Alzheimer, regolando l’apoptosi neuronale .

 

Se soffri delle problematiche descritte, ti suggerisco Alato 15, disponibile qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Un approccio naturale alle problematiche sessuali

Un approccio naturale alle problematiche sessuali

Le persone con problemi sessuali hanno spesso un senso di impotenza, un atteggiamento negativo verso la vita, depressione, irritabilità e bassa autostima. Un buon equlibrio piscofisico è necessario per avere una buona attività sessuale.

La parola frigidità è generalmente utilizzata per riferirsi ad un ridotto desiderio sessuale nelle donne. Questo termine viene utilizzato in modo improprio per descrivere una donna che è fredda o non corrisponde alle avances del proprio partner. La persona è spesso inconsapevole di non avere desiderio sessuale, ciò è connesso a problemi più grandi che devono essere discussi.

Le problematiche della sfera intima sono causate principalmente da fattori emotivi e fisici.

 

Le cause emotive :

  • la paura della gravidanza
  • la violenza sessuale
  • problemi di comunicazione
  • depressione, nervosismo
  • la paura di malattie da trasmissione sessuale
  • la mancanza di fiducia
  • dolore durante il rapporto sessuale
  • stanchezza
  • secchezza vaginale
  • scarso rendimento sessuale maschile
  • effetti collaterali da assunzione di farmaci
  • alcol
  • insonnia
  • squilibrio ormonale e infezione

La mancanza di una equilibrata libido femminile, la mancanza di godimento durante l’amore, il dolore durante il rapporto e la secchezza vaginale sono alcuni dei sintomi principali che caratterizzano la frigidità femminile. Per riequilibrare la sessualità femminile, il metodo migliore è quello di utilizzare trattamenti naturali.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico su misura.

Esistono molti tipi di trattamenti per curare efficacemente i problemi sessuali. Con lo sviluppo del tempo vari tipi di farmaci hanno innovato nel mondo medico in modo che le persone possano avere una vita sessuale migliore. Ma la maggior parte delle volte questo tipo di medicina funziona per un tempo limitato e può creare effetti collaterali.

Un alto livello di ansia e stress possono influenzare il flusso di sangue nel pene, portando a problemi sessuali come l’eiaculazione precoce (eiaculazione precoce), la disfunzione erettile, l’impotenza e l’incapacità di eiaculare.

Vari fattori fisici e condizioni mediche possono causare problemi con la funzione sessuale e includono:

  • Diabete
  • Problemi cardiaci
  • Malattie vascolari
  • Disturbi neurologici
  • Squilibri ormonali
  • Insufficienza renale o epatica
  • Invecchiamento
  • Alcolismo
  • Abuso di droghe
  • Obesità
  • Ipertensione
  • Fumo
  • Depressione
  • Bassi livelli di testosterone

Diabete:

le persone con diabete sono a più alto rischio di problemi sessuali, molti uomini con disfunzione erettile hanno scoperto di avere il diabete.

Nella donna può portare a secchezza vaginale, con conseguente dolore durante il rapporto .

Sovrappeso:

La disfunzione erettile è più comune nella persona obesa.

Eiaculazione precoce:

Il problema più comune dell’insoddisfazione sessuale è l’eiaculazione precoce nei maschi. Perché taglia corto la durata dell’intimità e la coppia non può raggiungere l’orgasmo completo.

Mancanza di libido :

Il ritmo frenetico dello stile di vita ultra moderno causa grave tensione e eccessiva stanchezza all’interno degli individui. Questa è di solito la causa principale per la mancanza di libido e prestazioni sessuali insoddisfacenti.

Oligospermia:

L’infertilità maschile è spesso dovuta al fatto che il numero di spermatozoi scende al di sotto del livello di fertilità. Un gran numero di spermatozoi non sono vitali e presentano anomalie morfologiche.

Spermatorrea ( emissioni notturne):

È una scarica involontaria di sperma senza l’orgasmo. Un sintomo angosciante in molti pazienti che porta a disturbi psicosomatici come mancanza di concentrazione, mal di testa, sudorazione eccessiva, vertigini ecc. Di solito accade durante il sonno.

Impotenza:

Principalmente di origine psicologica, è direttamente correlata all’ansia da  prestazione sessuale.

Ruolo degli ormoni nella vita sessuale

Lo squilibrio negli ormoni può portare alla disfunzione sessuale. L’andropausa è una condizione medica negli uomini simile alla Menopausa nelle donne, si tratta di una carenza ormonale del testosterone che crea problemi nell’erezione e nel piacere sessuale. L’assunzione eccessiva di stimolanti, ad esempio cipolla, tabacco, fumo, alcol ecc. portano ad un aumento degli ormoni femminili nei maschi. I prodotti petrolchimici causano alti livelli di estrogeni con conseguente squilibrio degli ormoni maschili. Questo problema si manifesta con prostata allargata, difficoltà urinarie, basso desiderio sessuale, impotenza, diabete, allergie, affaticamento, infertilità, depressione, rapido aumento di peso e osteoporosi.

Alcuni consigli pratici:

  • Bere un bicchiere di latte dopo aver cenato può aumentare il livello di energia in chiunque per fare sesso per tutta la notte.
  • Il flusso sanguigno può essere aumentato se si prendono alimenti quali mandorle, noci del Brasile e semi di zucca sono questo tipo di cibo.

 

Un ottimo rimedio è Alato 18, disponibile qui o in farmacia.