Archivio dei tag arteriosclerosi

DiAlessandra Zarone

Vitamina K2 e Natto

Vitamina K2 e Natto

La Vitamina K2 è indicata per :

  • Osteoporosi
  • Arteriosclerosi

 

Dirige il calcio verso lo scheletro, prevenendo la deposizione in luoghi non appropriati, come gli organi, le articolazioni e le arterie.

La Vitamina K2 deriva dal Menachinone ,estratto dal Bacillus licheniformis.

Natto:

Natto appare intorno al 1000 d.C., si tratta di un prodotto della soia fermentata ad alto contenuto di proteine, calcio, ferro e vitamina B (niacina). Natto aiuta nella digestione del cibo nell’intestino, e  rende la pelle liscia e giovane.

Il natto è prodotto fermentando semi di soia interi, un processo che si dice abbia avuto origine con i monaci buddisti. Fare natto è un’operazione semplice; i semi di soia selezionati vengono puliti e immersi in acqua da 12 a 20 ore, a seconda della temperatura, fino a quando non sono circa raddoppiati di peso. I fagioli vengono cotti a 5 libbre di pressione del vapore per 12-15 minuti o fino a quando non possono essere schiacciati facilmente tra la punta delle dita. I fagioli vengono poi inoculati con Bacillus subtilis ( Bacillus natto ) aggiungendo la coltura inoculante e ruzzolando in un barile fino a quando gli organismi sono ben distribuiti. I fagioli vengono avvolti in un foglio sottile di carta di legno di pino e posti nella sala di fermentazione a 1 + 0 ° a 45 ° C. per I8 a 20 ore. Ogni confezione di natto prima della fermentazione contiene circa un terzo di un chilo di fagioli; durante la fermentazione perdono peso a un quarto di libbra. La stanza di fermentazione viene riscaldata con carbone all’inizio della fermentazione, ma dopo alcune ore il calore della fermentazione può essere più che sufficiente e potrebbe essere necessaria l’aerazione per evitare il surriscaldamento.

Per iniziare la fermentazione, i fagioli devono essere mescolati con un tipo speciale di batteri che viene elaborato in Giappone. In alternativa, è possibile acquistare un pacchetto di natto fermentato in un negozio di alimentari giapponese e mescolarne uno. Dopo aver mescolato, coprire la pentola con un coperchio aderente e mettere nel forno con una temperatura di 102-104 gradi F., che è la temperatura approssimativa del forno quando la luce pilota è accesa.

Storia

Uesugi Kenshin era un famoso guerriero che si contendeva il potere nella battaglia di Kawanaka-jima con Takeda Shingen della provincia di Kai, oggi prefettura di Yamanashi. Il tempo era il periodo degli Stati Combattenti (1470-1570). Uesugi, signore della provincia di Echigo (oggi parte della Prefettura di Niigata), era per natura retto e un sacerdote capace. Presumibilmente, quando teneva la soia cotta in paglia come provvista di campo di battaglia, veniva fermentata dai batteri natto, che la rendevano appiccicosa. Il prodotto era itohiki nattd. Sebbene sia plausibile che Uesugi abbia fatto studiare ai suoi uomini vari tipi di disposizioni sul campo di battaglia e che itohiki natt6 sia stato infine selezionato, non possiamo attribuirgli la sua invenzione; deve aver avuto una conoscenza preliminare del natto nel distretto di Tohoku. Alla fine della rivolta Zenkunen, il clan Abe si arrese a Yoshiie, e Abe no. La leggenda dice che Munetd insegnò alla gente come produrre natto e questo è il motivo per cui le persone nella prefettura di Kumamoto, Kyishd, lo producono oggi. Questa leggenda, come la precedente, indica il natto ha avuto origine a Tohoku. Tra le molte leggende su natto ce n’è una riguardante un vescovo buddista di nome Tenkai, un noto consigliere di Tokugawa leyasu. Tenkai ha riferito di aver vissuto per 135 anni, più a lungo di qualsiasi altro giapponese, grazie al suo mangiare una zuppa di natto, il suo piatto preferito. La zuppa Natto viene prodotta aggiungendo natto macinato alla zuppa di miso, in cui ci sono già vari ingredienti. Ad ogni anniversario della morte di Tenkai, molte persone abbiano mangiato zuppa di gatto al tempio Rinnd-ji di Nikko per celebrare la sua illustre memoria.

Studi scientifici

Le analisi chimiche del natto hanno rivelato che il processo di fermentazione genera notevoli quantità di vitamina K2. Natto in realtà si classifica come una delle fonti più ricche di vitamina. Studi sugli animali hanno concluso che una dieta ricca di vitamina K2 può prevenire la perdita di massa ossea. La ricerca giapponese ha dimostrato che le persone con osteoporosi hanno livelli di K2 più bassi rispetto alle persone che non hanno la malattia.

Molti giapponesi credono che il consumo regolare di natto abbassi la pressione sanguigna. Negli ultimi anni, questa convinzione è stata confermata da diversi studi clinici: nel 1995, i ricercatori hanno confermato la presenza di inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) nel natto. ricercatori di due istituzioni giapponesi – il Miyazaki Medical College e la Kurashiki University of Science and Arts – hanno lanciato studi per testare l’impatto del natto sulla pressione sanguigna sia nei ratti che negli esseri umani.

Un ottimo rimedio contenente K2 è Alato 39, disponibile qui o in farmacia

ALATO 39 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Mirtillo_ rimedio naturale

Mirtillo_ rimedio naturale :

Mirtillo, Vaccinium vitis-idaea (mirtillo rosso) è un rimedio naturale per l’arteriosclerosi :

Mirtillo nell’antichità:

La raccolta dei mirtilli ha tradizioni antichissime. Il mirtillo nero veniva consigliato già da Dioscoride, nel I secolo d. C., per curare la dissenteria.

 

Mirtillo contiene:

Tannini, flavonoidi, iperoside, isoquercitrina, quercitrina),iridoidi (asperuloside),derivati dell’acido caffeico (acido clorogenico), acidi fenolici (acido salicilico e acido gentisico), alcaloidi (mirtina, epimirtina) nelle foglie; antocianoidi (cianidina, malvidina), acidi organici (acido malico, acido citrico), flavonoidi, pectine, vitamine A,C e B (frutti).

Proprietà curative del Mirtillo:

Astringenti, antidiarroiche (foglie e frutti), antisettiche e antivirali (foglie), rinfrescanti, protettrici vasali e della retina (frutti).
Le foglie sono anche ipoglicemizzanti; si consigliano quindi ai diabetici, in quanto consentono di ridurre le dosi di farmaci per via orale o quelle di insulina. L’uso del mirtillo è particolarmente indicato nei casi di retinopatia diabetica, di miopia e nei casi di degenerazione della retina dovuti a ipertensione o ad arteriosclerosi.

Utilizzo:

  • In caso di pesantezza delle gambe, varici, flebiti, ulcere varicose ed emorroidi, infezioni dovute all’alterazione della flora intestinale e per migliorare l’adattamento all’oscurità: assumere a ogni pasto 5÷10 cucchiai di succo fresco ottenuto dai frutti maturi.
  • Per le emorroidi: fare degli impacchi con un decotto preparato con 70g di bacche di mirtillo in 500ml di acqua.

 

  • In caso di ossiuri, piccoli vermi presenti nell’intestino dei bambini: preparare un decotto con 50÷70g di frutti in 1 litro d’acqua per 15 minuti, filtrare e bere nell’arco della giornata.
  • Per i diabetici: preparare un decotto con una manciata di foglie essiccate di mirtilli e alcuni baccelli di fagioli in 1 litro di acqua. Berne una tazza al giorno.
  • Contro la diarrea: preparare un infuso con 30÷40g di foglie in 1 litro d’acqua. Bere una tazza dopo ogni evacuazione, finché la situazione non si normalizza.
  • In caso di eczema e ulcere varicose: effettuare frizioni con il succo fresco o il decotto dei frutti.

Avvertenze:

il mirtillo è considerato una pianta abbastanza sicura, se utilizzata alle dosi consigliate, tuttavia l’uso prolungato e l’abuso delle foglie di mirtillo può causare gravi effetti tossici, con una sintomatologia caratterizzata da ittero, anemia, cachessia e formazione di metaemoglobina.
Il mirtillo ha un effetto sull’inibizione dell’aggregazione piastrinica e pertanto potrebbe interagire con altri inibitori dell’aggregazione piastrinica, come l’aspirina, ed anticoagulanti, quali il warfarin. L’uso dei frutti freschi, al posto di quelli secchi, può provocare diarrea, anche se quelli secchi e le foglie possono essere, talvolta, irritanti per l’intestino.

Se vuoi apporfondire le tematiche trattate, contattami qui per una consulenza naturopatica.