Archivio dei tag calcoli renali

DiAlessandra Zarone

Rimedi folclorici per i disturbi cardiaci: Biancospino e Leonorus cardiaca

Rimedi folclorici per i disturbi cardiaci: Biancospino e Leonorus cardiaca

 

Biancospino

Il Biancospino (Crataegus oxyacantha), noto anche come haw, maybush o whitehorn. ‘Haw’ è un antico termine “hedge”, siepe, ciò rivela che fin dai tempi antichi, Hawthorn era usato per dividere la terra in appezzamenti.

Fa parte di un genere di arbusti e alberi spinosi originari delle regioni temperate dell’emisfero settentrionale in Europa, Asia e Nord America. Appartiene alla famiglia delle Rosacee ed è costituito da foglie verde brillante, fiori bianchi e bacche rosso vivo.

Il nome Crataegus deriva da una parola greca kratos, che significa durezza del legno. In Grecia, le corone di biancospino erano indossate dalle spose come copricapo decorativo e un ramo di biancospino erra usato come torcia nuziale.

L’uso medicinale del Biancospino ha una lunga tradizione con testimonianze scritte risalenti all’antica epoca romana. È stato usato in Europa fin dal Medioevo come rimedio per il cuore.

Tradizionalmente, i frutti o le bacche sono utilizzati per le loro proprietà astringenti nel sanguinamento mestruale, diarrea, disturbi alla cistifellea, insonnia e come agente antispasmodico nel trattamento dell’asma.

Sia i fiori che le bacche agiscono come diuretici e possono essere usati per trattare problemi renali e idropisia. Oltre al loro delizioso sapore, i frutti di biancospino hanno dimostrato di avere un effetto tonico sul cuore e in caso di ipertensione.

Per placare la fame prima di colazione, i contadini anglosassoni erano soliti sgranocchiare fiori e foglie, da ciò derivano i nomi “Bread and Butter Tree” o “Bread and Cheese Tree” nella tradizione popolare anglosassone. Le gustose foglie giovani venivano aggiunte ai panini nelle zone di campagna. Molte pratiche sono associate al Biancospino, in particolare l’usanza di andare “a Maying” e scegliere una regina di maggio, precede i tempi cristiani. Il Biancospino è stato apprezzato come un albero mistico, specialmente nella tradizione celtica. I biancospini (sceach gheal in Gaelico) sono spesso chiamati alberi di maggio a causa della loro fioritura che coincide con quel mese, e il 1 ° maggio segna la festa irlandese di Bealtaine, importante nel tradizionale anno solare irlandese che segna l’inizio dell’estate. Nella tradizione celtica, il Biancospino guarisce un cuore spezzato. Si pensa che l’albero di Biancospino sia un luogo di incontro sacro per le fate e abbattere un albero di biancospino solitario è evitato.

Nel XIX secolo un medico irlandese della contea di Clare, il dottor Green, usò una preparazione segreta che ebbe un enorme successo per le malattie cardiache. Solo dopo la sua morte sua figlia rivelò che si trattava di estratto di biancospino.

Era tradizionalmente usato in Europa per calcoli di rene e vescica e come diuretico. Gli erboristi del XVI e XVIII secolo di Gerard, Culpeper e K’Eogh elencano tutti questi usi.

Un decotto di foglie e frutti acerbi di Crataegus aronia è usato per trattare malattie cardiovascolari, cancro, diabete e debolezza sessuale nel sistema di medicina tradizionale araba. In Messico, il diabete viene trattato con estratti di biancospino. Tale trattamento può essere di notevole beneficio, soprattutto durante le prime fasi della malattia.

Nella medicina popolare, diverse specie di Biancospino sono utilizzate principalmente per il trattamento di malattie cardiovascolari, tra cui Crataegus pinntiflda (biancospino cinese), C. pubesens (biancospino messicano), C. cuneata (biancospino giapponese), C. laevigata e C. monogyna (Europa), C. oxycantha e C. aronica (Medio Oriente), C. phaenopyrum (hawtrorn americano) e C. ambigua (biancospino russo).

I frutti secchi di C. pinnatifida sono stati usati tradizionalmente nella medicina orientale e materiale per bevande analcoliche locali a Taiwan.

  1. pinnatifida è stato menzionato per la prima volta come erba nel Compendio di Materia Medica di Zhu Zhen Heng (c. 1347). I frutti di un’altra specie cinese, C. cuneata, hanno un sapore aspro ma gradevole e sono usati principalmente per la diarrea. Internamente per disturbi circolatori e cardiopatie di ogni tipo, spesso abbinati a Selenicereus grandiflorus, Tilia spp., o Scutellaria lateriflora.

In Cina, i frutti, shan zha, sono uno stimolante digestivo, circolatorio e uterino, ipotensivo e anti¬ batterico. I frutti sono usati crudi per disturbi circolatori e cotti per problemi digestivi.

Il rimedio è usato internamente per sindrome dell’intestino irritabile, debolezza della cistifellea, ipertensione associata a malattia coronarica, problemi mestruali e dolore post-partum.

In Cina, C. pinnatifida, è utilizzato per problemi digestivi, iperlipidemia, scarsa circolazione e dispnea. I frutti secchi sono tradizionalmente usati come aiuto digestivo e sono spesso trasformati in marmellata, gelatina, caramelle o vino. Inoltre, i preparati di Biancospino sono disponibili in varie forme, che vanno da infusi e tinture, a estratti standardizzati.

Gli Studi clinici rivelano che il Biancospino potrebbe essere usato come terapia alternativa per varie malattie cardiovascolari, come angina, ipertensione, iperlipidemia, aritmia e insufficienza cardiaca cronica. Inoltre, gli effetti antiossidanti, positivi inotropi, antinfiammatori dei principi attivi del biancospino sono stati dimostrati in vari esperimenti in vivo e in vitro.

Frutta e fiori sono utilizzati nella fitoterapia popolare indiana americana, cinese, europea come tonici cardiaci. Gli studi ne confermano l’efficacia per ipertensione, angina pectoris e arteriosclerosi. Dilata i vasi coronarici, riduce la pressione sanguigna; agisce come tonico cardiaco diretto e delicato.

Le foglie di Biancospino possono sostituire il tè verde orientale e i semi possono essere tostati e utilizzati in modo simile al caffè. Per coloro che tentano di rompere l’abitudine al tabacco, le foglie giovani possono essere fumate in una sigaretta senza nicotina.

I boccioli di biancospino possono essere aggiunti alle insalate. Con le foglie e i fiori si creare

tè e sciroppi.

Diversi studi clinici hanno esplorato la capacità del Biancospino di abbassare la pressione sanguigna e sostenere la funzione cardiaca, con risultati sostanzialmente positivi e forti prove della sicurezza dell’erba.

 

India:

L’estratto o succo di Crataegus crenulata, localmente noto come Ghingaaru, è usato come tonico nelle malattie cardiache nelle aree di Chambaa, Kaanaataal, Ghanshtaal, Bhilanganaa, valle di Iamunaa, Tauns dell’Himalaya nord-occidentale. Un’altra varietà, Crataegus songarica, che si trova nella regione del Kashmir, è usata localmente nelle malattie cardiache.

I principali costituenti delle specie di Crataegus sono i bioflavonoidi (rutina, quercitina), i triterpenoidi, i glicosidi cianogenici, le ammine (trimetilammina solo nei fiori), i polifenoli, le cumarine e i tannini. I bioflavonoidi rilassano e dilatano le arterie, in particolare le arterie coronarie. Ciò aumenta il flusso di sangue ai muscoli cardiaci e riduce i sintomi dell’angina. I bioflavonoidi sono aiutano a prevenire o ridurre la degenerazione dei vasi sanguigni. I glicosidi cianogenici sono sedativi e aumentano il tono parasimpatico del cuore, rallentandolo.

La trimetilammina stimola leggermente la frequenza cardiaca e ha un effetto vasocostrittore periferico. La combinazione di queste proprietà aiuta a spiegare esercitare l’azione simpatica sulla circolazione coronarica e l’azione parasimpatica sul muscolo miocardico. In poche parole, il biancospino migliora l’afflusso di sangue al cuore, dilatando le vescicole coronariche; migliora i processi metabolici nel cuore, che si traducono in un aumento della forza di contrazione del muscolo cardiaco e l’eliminazione di alcuni tipi di disturbi del ritmo; inibisce l’enzima di conversione dell’angiotensina.

Leonorus Cardiaca (Lamiaceae)

Leonurus cardiaca L. Leonurus cardiaca, comunemente noto come Motherwort, appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. Rimedio popolare asiatico contro i disturbi cardiaci nervosi e funzionali. È un’erba prevalente in Europa nelle aree rurali, in pianure e colline, così come in Asia orientale fino all’Himalaya e alla Siberia orientale, all’Africa settentrionale e al Nord America.

  1. cardiaca è stata prescritta nell‘antica Grecia per l’ansia delle donne in gravidanza; da qui il nome “motherwort“.

In Europa, divenne nota per la prima volta come trattamento per le malattie del bestiame. I coloni la introdussero in Nord America e gli eclettici del XIX secolo lo raccomandarono come promotore delle mestruazioni e aiuto per espellere la placenta. Non lo consideravano affatto un rimedio per il cuore. I Cherokee usavano l’erba come sedativo per le afflizioni nervose.

Si pensa che il suo nome, Leonorus, si riferisca alle foglie che hanno la forma di una coda di leone e cardiaca implica che questa erba rafforzerà il cuore. In Gran Bretagna veniva coltivata per fare uno sciroppo e un tè rinfrescante. Nicholas Culpeper, erborista inglese, (1616-1654) scrisse di Motherwort: “Non c’è erba migliore di questa erba per prendere i vapori malinconici dal cuore, per rafforzarlo e renderlo un’anima allegra. Può essere conservato in sciroppo o conservato … Provoca urina e cicli femminili, purifica il petto dalla flemma fredda; uccide i vermi nella pancia”.

Il medico ed erborista italiano Pierandrea Matteoli la riteneva “utile per palpitazioni e cuore martellante, spasmi e paralisi… [esso] assottiglia umori spessi e viscidi [e] stimola l’urina e il sanguinamento mestruale” (1548)

 

In Occidente, l’erba è popolare per il trattamento dei disturbi della menopausa ed è inclusa in alcuni rimedi per la sindrome premestruale.

Gli Studi Clinici hanno rivelato effetti antimicrobici, antiossidanti e antinfiammatori su cuore e sistema circolatorio. Tonifica gli organi genitali femminili, calmerà l’irritabilità nervosa, promuovendo delicatamente il flusso mestruale e tonificando la membrana uterina. Deve essere somministrato in infusione calda.

  • L. sibiricus è stata menzionato per la prima volta nel Classico Illustrato di Materia Medica di Su Song (106 d.C.). È prescritta non mescolata con altre erbe. SI tratta di un’erba diuretica molto amara che agisce come stimolante circolatorio e uterino, abbassa la pressione sanguigna e rilassa gli spasmi. È un sedativo e tonico nervoso e ha effetti antibatterici e antifungini, usata per palpitazioni, problemi femminili di origine nervosa, associati a mestruazioni e menopausa. Non va somministrato a donne in gravidanza.
  • L.sibiricus, syn. L. heterophyllus (Leonorus cinese):

Parti usate: Pianta intera (yi mu cao) e semi (chong wei zu). È un’erba amara e diuretica che stimola la circolazione e l’utero, abbassa la pressione sanguigna, regola le mestruazioni ed elimina le tossine. È efficace contro batteri e infezioni fungine. I semi sono leggermente dolci e hanno azioni simili ma sono meno efficaci come diuretici e disintossicanti.

Internamente è usata per problemi agli occhi, legati al meridiano epatico (semi); mestruazioni dolorose ed eccessive, sanguinamento post-partum (pianta intera, semi); edema, disturbi renali, calcoli renali, eczema e ascessi (pianta intera). Non va somministrato a donne in gravidanza.

Due specie dell’Asia orientale, L. heterophyllus (Cina) e L. sibiricus (Siberia), sono entrambe utilizzate terapeuticamente per abbassare la pressione sanguigna e indurre le mestruazioni. Tradizionalmente, il tè in foglia viene utilizzato per promuovere le mestruazioni, aiutare nel parto, per l’asma e palpitazioni cardiache. Nell’antica Cina si chiamava yi mu cao ed era usata dalle cortigiane come controllo delle nascite per prevenire la gravidanza.

India:

infusioni, estratti liquidi e tinture di L. cardiaca, decotti, pillole, polvere e impacchi di L. sibiricus

sono utilizzati per stimolare i muscoli dell’utero, ridurre il dolore mestruale e la sindrome premestruale.

Tradizionalmente, l’erba è considerata antispasmodica, analgesica, diuretica, emmenagoga e prescritta a donne che soffrono di isteria, palpitazioni cardiache e amenorrea. Il farmaco placa l’irritabilità nervosa e offre sollievo dal dolore allo stomaco e alla cistifellea.

 

Leonurus sibiricus Linn.

Tradizionalmente, l’erba essiccata viene utilizzata per le sue proprietà emmenagoghe ed è impiegata nei disturbi puerperali e mestruali. Foglie e radici sono usate come febbrifugo.

Controindicata durante la gravidanza a causa delle proprietà emmenagogo/stimolanti uterine.

Rafforza la funzione cardiaca, specialmente dove è debole, regola e allevia i disturbi mestruali, il dolore nella regione pelvica e lombare. Agisce anche come antispasmodico per i crampi muscolari, è un forte diuretico sedativo e nervino, è usata per il trattamento di nervosismo, isteria, convulsioni. Non deve essere usata se il sanguinamento mestruale è pesante.

Nella tradizione popolare, Motherwort, è utilizzata per la debilitazione cardiaca, la tachicardia, l’amenorrea. Era usata per trattare reumatismi e problemi polmonari, come la bronchite e l’asma.

Ha proprietà sedativa ed è usata per insonnia, nevralgia, sciatica, spasmi, febbre e mal di stomaco. Gli Studi Scientifici ne hanno confermato attività antispasmodica, ipotensiva, sedativa, cardiotonica, diuretica, antiossidante, immunostimolante e antitumorale.

È particolarmente apprezzata per le malattie femminili, ad esempio amenorrea, dismenorrea, epilessia, nevrastenia, palpitazioni, febbre, crampi urinari e debolezza. È utile per rinforzare la membrana uterina. E ‘utile in caso di, colecistiti, debilitazione, delirio, neurite, nevralgie, palpitazioni, reumatismi, sciatica, spasmi, malattie spinali, mal di stomaco.

In Russia, la pianta è ritenuta efficace in caso di epilessia, gozzo, ipertensione, rabbia e tubercolosi.

La ricerca ha dimostrato che calma il cuore e riduce il rischio di trombosi. Si pensa che tutte le specie abbiano proprietà simili.

Un ottimo rimedio contenente Biancospino e Leonorus è Alato 26, disponibile qui ALATO 26 (lafenicesas.it) o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Betulla

Erbe depurative ed etnobotanica

Betulla  

Betulaalba Linn. (famiglia: Betulaceae), è un albero che cresce fino a circa 30 m di altezza. In India è conosciuta come la “Signora dei Boschi” derivata dalla parola sanscrita Bhurga, “un albero la cui corteccia è usata per scrivere”. È notevole per la sua leggerezza, grazia ed eleganza e dopo la pioggia ha un odore fragrante. Betula deriva dal latino Beatus (beato). Più di 140 specie di Betula sono conosciute nel mondo. La specie più comune in Kazakistan è Betula pendula Roth. (BPR). Conosciuta anche come la betulla bianca europea o betulla argentata, cresce principalmente nella parte settentrionale del paese. Le specie di betulla sono state utilizzate fin dall’antichità nella medicina popolare e tradizionale in varie forme. Gli ampi dati riguardanti l’applicazione della BPR in medicina, così come l’ampia disponibilità in buona quantità hanno attirato l’attenzione degli scienziati di tutto il mondo. I boccioli di betulla (Gemmae Betulae) sono ampiamente usati come diuretici e colagoghi come antisettico e agente cicatrizzante delle ferite. La tintura delle foglie (Folium betulae) è comunemente usata per il trattamento dell’anemia, delle malattie cardiovascolari e renali. La linfa della betula (Succus Betulae) aiuta nel trattamento delle malattie renali e del tratto urinario, delle malattie della pelle, dei reumatismi e della gotta e fondamentale nella purificazione del corpo. Il succo di betulla viene estratto all’inizio della primavera dal tronco di betulla e grazie alle sue proprietà naturali è eccezionale nella rimozione di sostanze tossiche dal corpo, ha anche un’elevata attività antimicrobica, antiflogistica e antipiretica. Oleum Betulae empyreumaticum rectificatum è l’olio ottenuto dalla distillazione secca della corteccia, viene utilizzato principalmente come rimedio esterno nelle malattie cutanee.

Polonia:

Betulla (Betula verrucosa) L’antico nome polacco “brzezie” appare nei manoscritti farmaceutico-medicali del Medievale, principalmente del XV secolo. Non ci sono nomi di betulla negli erbari rinascimentali stampati in polacco. La betulla era utilizzata in rituali magici, per proteggere i cavalli e il bestiame dalla stregoneria.

In Polonia le scope venivano prodotte dai suoi vecchi rami e il catrame di legno era ottenuto dalla sua corteccia. Il succo di betulla è stato usato in medicina per trattare lo scorbuto e la tubercolosi.

La Betulla è indicata nella depurazione naturale primaverile. Il nome Betulla ha derivazioni celtiche o latine e significa “verga”. È una pianta di importanza notevole, definita nel Rinascimento “Albero nefritico d’Europa”. Dal succo di betulla si può ottenere alcol, fare birra, aceto, spumante e sciroppo.

Nel giorno del Corpus Domini gli altari sono decorati con rami di betulla. I fedeli nei villaggi portano questi rami nelle loro case per metterli sul tetto o alle pareti della casa, in modo che siano protetti da tempeste, grandine e vermi. I rami verdi erano considerati di buon auspicio per la casa. Un ramo sul cappello o sui vestiti garantiva il successo, se qualcuno soffriva di epilessia, durante l’attacco della malattia la sua testa era legata con rami. Nella zona di Nałęczów le persone informavano della morte di qualcuno portando rami di betulla intrecciati a forma di ghirlanda. Era permesso entrare con questo ramo nei dintorni della casa, per mostrarlo attraverso la finestra, ma non per portarlo in casa, perché poteva attirare qualcuno vivo nella tomba. Spesso nelle tombe dei soldati o nei luoghi di incidenti stradali venivano collocate croci di betulla.

Fin dall’antichità, la betulla (Betula verrucosa) è nota per le sue proprietà terapeutiche di cui si utilizzano principalmente le foglie e la linfa. Gli estratti delle foglie contengono elevate quantità di fenoli, flavonoidi, acido ascorbico, composti triterpenici e tannini. Nella medicina popolare, l’infuso di foglie di betulla è utilizzato come antimicrobico, antinfiammatorio e protezione cardiovascolare.

La betulla dell’Himalaya (Betula utilis D. Don), popolarmente conosciuta come Bhojpatra nel subcontinente indiano, è una delle specie arboree più importanti in tutta la parte alta dell’Himalaya. Appartiene alla famiglia delle Betulaceae.

Betula utilis è stata identificata per molteplici importanze etnobotaniche da diverse comunità etniche e non etniche che vivono in Himalaya e altrove, per curare catarro e tosse, in infuso, polvere, pasta e decotto. La sua corteccia contiene betulina e altri oli essenziali che possiedono proprietà medicinali. La corteccia del gambo è usata per stipsi, pulizia delle ferite e lebbra in quanto ha proprietà astringenti. È anche usata nell’obesità. La corteccia, la foglia e la resina sono utilizzate nei reumatismi, nelle fratture ossee, nei dolori articolari, nei gonfiori, nell’asma e nella purificazione del sangue. La sua resina è usata come contraccettivo e trattamento di ustioni e ferite esterne. La resina viene applicata anche sulle bolle. È considerata utile per il trattamento dei disturbi psicologici, per follia, epilessia e isteria. La corteccia è usata per trattare l’ittero, mal d’orecchi, disturbi renali e vescica, costipazione, tosse e come tonico. L’infuso di corteccia è usato per alleviare la flatulenza, per il trattamento di animali domestici: viene ridotta in cenere e la sua pasta viene applicata sui tagli profondi e sulle ferite degli animali. La convalida scientifica degli usi tradizionali di Betula utilis rivela che contiene un agente antinfettivo battericida. L’epiteto utilis si riferisce al numero di usi di questa importante specie arborea. Betula utilizza essendo considerato sacro dagli indù è usato in vari rituali religiosi. La corteccia esterna di questa specie è in uso da tempo immemorabile per scrivere scritture e testi, specialmente in sanscrito, per scrivere mantra. In previsione di proteggere qualcuno, specialmente i bambini, da tutte le disgrazie e ricevere benedizioni, viene indossato un amuleto contenente corteccia di Betula utilis scarabocchiata con mantra. Questo amuleto è indossato intorno al collo o legato intorno al braccio. È anche usata nella realizzazione di diversi talismani vedici, chiamati yantra. La raccolta di corteccia cartacea per fare tali yantra è compiuta in un giorno e in un momento specifici in considerazione di specifici Nakshatra (palazzo lunare nell’astrologia indù). Si ritiene inoltre che questo yantra fornisca una vita di prosperità. Il legno di Betula è usato in havan (un rituale inn cui vengono bruciate offerte come cereali e ghee in occasione di nascite, matrimoni e altri eventi religiosi).

Betulla e Sciamanesimo Siberiano:

La betulla (Betula alba) è considerata fra gli sciamani siberiani l’Albero cosmico.  Sono probabilmente il colore bianco-argenteo del tronco, l’aerea luminosità e anche la resistenza al freddo, che le consente di giungere sino al limitare della tundra, ad aver evocato questo simbolo.

Folklore celtico:

La betulla era considerata dai Celti l’albero preposto al mese che cominciava col solstizio d’inverno: dunque, un albero “aurorale”, il primo nella foresta nordica a mettere le foglie insieme con il sambuco. Per questo motivo nei riti contadini si adoperavano verghe di betulla per scacciare lo spirito del vecchio anno.

Russia:

Le forme di preparazione dei rimedi variano: succo, acqua e decotto di latte, vapore, estratto, tintura, unguento, polvere, fumigazione, piante fresche. I decotti d’acqua vengono preparati facendo bollire le foglie, raffreddando e filtrando. I decotti di latte sono preparati in modo simile, ma usati mentre sono caldi. Per preparare l’estratto si versa acqua bollente su foglie e corteccia, si tiene coperto per mezz’ora e più. I vapori sono fatti mantenendo acqua e miscela di pianta essiccata in un recipiente ermeticamente chiuso, nel forno per non meno di 3-4 ore o durante la notte. Per gli impacchi, la pianta secca viene riscaldata in acqua calda, latte o burro. Le tinture di pianta fresca utilizzano la vodka e vengono conservate in un luogo caldo per 5-7 giorni. Per gli unguenti si utilizza grasso adiposo di animale selvatico (tasso, orso, cane procione), ma è possibile utilizzare lo strutto di maiale. La linfa di betulla era usata come bevanda fresca, ma anche come ingrediente per alimenti e bevande. Veniva fermentata per produrre alcolici leggeri. Altri usi popolari della linfa degli alberi variano dalla nutrizione sotto forma di zucchero, minerali e vitamine, alle applicazioni cosmetiche per la pelle e i capelli e all’uso medicinale popolare. Russia, Ucraina, Bielorussia, Estonia, Lettonia e Lituania sono gli unici paesi in cui la raccolta e l’uso della linfa (principalmente linfa di betulla) è rimasta un’attività importante fino a poco tempo fa, a causa dell’esistenza di grandi foreste di betulla e della bassa densità di popolazione.

Danimarca

La spillatura della linfa di betulla ha una lunga tradizione in Danimarca. È menzionata dal botanico Simon Paulli nel 1648. Autori successivi scrivono che è stato usata non solo come bevanda, ma anche come birra, aggiungendo lievito e malto. La linfa di betulla è stata utilizzata anche per scopi medicinali, fu inclusa nella “farmacopea danese” nel 1772: era raccomandata contro l’epatite, l’eruzione cutanea, i vermi intestinali e lo scorbuto. Era aggiunta al formaggio per proteggerlo dai parassiti e usata come cibo di emergenza in tempi di carestia, per la preparazione del pane. Nel “libro di Flatey”,”Flateyjarbók”, completato nel 1394, c’è una descrizione di come il re Sverre e i suoi uomini trascorsero due notti nel deserto e, non avendo cibo, si nutrirono di linfa di betulla.

Norvegia

Lo scrittore norvegese Peder Claussøn Friis descrisse nel 1590 da Finnmark che la linfa veniva sfruttata e utilizzata da pastori e boscaioli. Ci sono molte descrizioni nella letteratura topografica del XVIII e XVIX ° secolo sull’uso della linfa di betulla utilizzata come cibo in varie parti della Norvegia.

Svezia

La spillatura della linfa dalla betulla in primavera era molto comune. Il cartografo Olaus Magnus fece una breve nota nel 1555 in cui scrisse che gli scandinavi picchiettavano la betulla per la linfa e la utilizzavano come bevanda fresca. È anche menzionata in un manuale medicinale del 1578.  Secondo una traduzione svedese della “Magia naturalis” di Wolfgangi Hildebrand del 1654, un po ‘di succo di betulla dovrebbe essere aggiunto al formaggio per proteggerlo dai vermi. In alcune parti della Svezia era considerata cibo per la carestia in primavera. Lo storico Pehr Arvid Säve scrive che i poveri dell’isola di Gotland erano soliti raccogliere la linfa di betulla e usarla come bevanda.  La linfa di betulla è stata utilizzata anche tra i Saami in Svezia, in particolare tra i Saami della foresta di Västerbotten. I Saami usavano anche la linfa e la corteccia interna del pino (Pinus sylvestris L.) e dell’abete rosso [Picea abies (L.) Karst.], in particolare il primo.  Veniva raccolta all’inizio della primavera ed essiccata sotto forma di farina che veniva poi mangiata con latte e grassi.

Il vino di betulla è menzionato in diversi testi del XVIII e XVIX ° secolo. Il vino dalla linfa di betulla è oggi prodotto da alcuni produttori domestici, ma anche da piccole aziende che creano prodotti locali e cibo gastronomico. Il più famoso è il “Grythyttan Björkvin”, un vino frizzante di betulla piuttosto costoso, sviluppato da un’antica ricetta del 1785.

Scozia e Inghilterra

La linfa degli alberi di Betulla è stata raccolta anche in Scozia. Fra le diverse specie utilizzate, vi è la  B. pendula. La linfa era come bevanda fresca, e talvolta trasformata in vino. La medicina popolare scozzese utilizzava betulla per prevenire la calvizie.

Si dice che la regina Vittoria abbia bevuto grandi quantità di linfa di betulla quando era al castello di Balmoral, al fine di fermare il diradamento dei suoi capelli. Nelle Highlands scozzesi la linfa di cenere veniva data ai neonati come primo nutrimento e in Irlanda e Inghilterra per curare il mal d’orecchi.   Le betulle furono sfruttate nelle Highlands fino alla fine del 1940, la linfa veniva bollita per fare una carne dolce. Abbiamo anche alcune note provenienti da varie parti dell’Inghilterra dove veniva spillata la linfa di betulla, ad esempio dal Montgomeryshire, dall’Hampshire e dallo Yorkshire. Gli alberi erano sfruttati a febbraio o all’inizio di marzo.    Nel Lincolnshire e nelle Highlands il vino di linfa di betulla veniva prodotto e usato come tonico e per il trattamento dei reumatismi.

Repubblica Ceca

Il mese di marzo è chiamato in ceco “březen” “il mese delle betulle”. La linfa di betulla, acero e faggio (Fagus sylvatica L.) è descritta dalla Foresta Boema. La migliore linfa proveniva dalla betulla. In alcune zone della Boemia le ragazze e i ragazzi si riunivano il 23 marzo per toccare la linfa di betulla.   Il mese di marzo era celebrato mangiando cibo e ballando intorno a una betulla. Le ragazze consumavano la linfa di betulla per essere sane e, da adulte, fertili. Le persone disabili si recavano in segreto presso una betulla il primo giorno di marzo per tagliare la corteccia e mettere un pezzo di lino con una goccia di sangue nell’incisione. Se la corteccia si fosse unita alla stoffa, la menomazione sarebbe guarita. Si presumeva anche che la linfa raccolta in quel giorno avesse potere curativo: veniva bevuta per buona salute e contro l’infertilità.

Germania

La linfa di betulla è stata usata come medicina tra i tedeschi, specialmente contro le malattie polmonari e la gotta. Il medico Hieronomys Bock descrive, nel suo “Kreuterbuch” (1551), il suo uso medicinale. Nel 1880 la linfa di betulla veniva ancora raccolta nei monti Harz e nella Selva di Turingia.

Polonia

L’uso della linfa di betulla (principalmente da B. pendula, più raramente da B. pubescens) era diffuso nel XIX secolo. Di solito veniva bevuta fresca, praticando un foro e facendo un piccolo trogolo o tubo dal legno, o rompendo un ramo. A metà del XX secolo questo uso era obsoleto nella maggior parte della Polonia o praticato principalmente come intrattenimento primaverile per ragazzi. L’uso della linfa di betulla era più intenso e diffuso nelle parti orientali del paese, ad esempio le regioni di Podlasie e Mazovia.. La lavorazione della linfa di betulla è stata documentata in alcune regioni a cavallo tra il XIX e il XX secolo. Ad esempio, nella foresta di Kozienice (Polonia centrale), veniva bollita con farina di segale e latte. Nella regione di Kurpie (Polonia nord-orientale) lo sciroppo di betulla è stato prodotto facendo bollire l’acqua dalla linfa e utilizzato come dolcificante alimentare.

Romania

In Transilvania la linfa di B. pendula era conosciuta come “virics”,”acqua di betulla”. È stata estratta con vari metodi dal XVIII al XX secolo. Il tronco d’albero veniva tagliato con un’ascia o un coltello a varie altezze e direzioni, oppure forato. Quando la medicina popolare locale era ancora praticata in Transilvania, la linfa di betulla veniva venduta in barili nei mercati locali della città e conservata nelle cantine prima dell’uso. Virics è stata usata contro l’ittero, per rimuovere i calcoli renali e coagulare il latte durante la produzione di formaggio come trattamento contro il raffreddore, i disturbi oculari e come diuretico, ma anche contro costipazione, gozzo, mal di testa e polmonite. Miscelata con olio guariva le ferite. Tra le applicazioni esterne, il lavaggio di nei e macchie solari, come colorazione e balsamo dei capelli. Inoltre, la linfa di betulla è stata consumata in primavera come bevanda dissetante e fermentata o bollita per fare vino, birra, sciroppo o aceto. Questi prodotti sono stati realizzati in edifici speciali noti come “case di acqua di betulla” tra gli Szekély di lingua ungherese.

Nell’antica Roma, durante la cerimonia d’insediamento dei consoli che si svolgeva in quel periodo, i dodici littori reggevano i fasci che, formati da verghe di questa pianta, erano gli emblemi del potere coercitivo dei magistrati romani.

Nel Medioevo venne considerato, forse sulla scia di arcaiche tradizioni celtiche, simbolo di saggezza. Tant’è vero che la bacchetta dei maestri di scuola era costituita da ramoscelli di betulla intrecciati.

La sua corteccia è diuretica e febbrifuga, guarisce le infiammazioni della pelle e stimola la digestione; le gemme attivano la secrezione biliare; le foglie fresche preservano dalla gotta; la linfa raccolta in primavera (detta anche «acqua o sangue di betulla») cura le problematiche dell’apparato osteo-articolare e delle vie urinarie favorendo l’eliminazione dell’acido urico. Una volta se ne estraeva persino un dolcificante e un vino dolce e frizzante.

Nel XVI secolo, Mattioli, umanista, medico e botanico nato nel 1500, affermò che la Betulla ha grandi proprietà e virtù di rompere i sassi di reni e vescica. La tradizione popolare usava distendere sulle foglie seccate al forno bambini debilitati per ridare loro vigore.

Un ottimo rimedio contenente Betulla è Alato 7, disponibile in farmacia o qui 

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Maggiorana

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Maggiorana

Maggiorana

Il genere Origanum (Lamiaceae) è diviso in dieci sezioni: Amaracus Bentham, Anatolicon Bentham, Brevifi lamentum Ietswaart, Longitubus Ietswaart, Chilocalyx Ietswaart, Majorana Bentham, Campanulaticalyx Ietswaart, Elongatispica Ietswaart, Origanum Ietswaart, Prolaticorolla Ietswaart, e contiene circa 20 specie.

Origanum majorana L. della famiglia Lamiaceae (syn. Majorana hortensis Moench) è comunemente noto come maggiorana dolce. Questa erba è originaria della regione mediterranea e coltivata in molti paesi dell’Asia, del Nord Africa e dell’Europa, ad esempio Spagna, Ungheria, Portogallo, Germania, Egitto, Polonia e Francia.

Medio Oriente:

Nella medicina tradizionale e popolare, il popolo tribale si rivolge non solo all’erborista, ma anche al derviscio o al khatib (l’incisore di amuleti); il cauterizzatore; il mujabbir (l’aggiustatore di ossa rotte o fratturate); l’Attar (farmacologo locale e venditore di spezie medicinali); tombe sacre (di antenati o profeti); il mare, i fiumi, le sorgenti sacre e così via. Inoltre, i guaritori utilizzano tecniche che stimolano i processi fisiologici, tra cui il bagno, il bagno del sudore, il massaggio, la coppettazione, l’emetica, l’incisione e il salasso. La medicina classica beduina divenne dominio esclusivo della medicina tradizionale e dei guaritori popolari nel diciannovesimo e ventesimo secolo. La maggior parte delle erbe erano usate sia come cibo che come medicina. Molte delle piante utilizzate dai beduini hanno effetti diretti sul corpo come purgativi, emetici, astringenti o tonici, o causano / prevengono vomito o diarrea. Questa medicina tradizionale si basa su una conoscenza pratica delle piante, come nel caso di Maggiorana:

Maggiorana siriana, Origanum syriacum:

È una delle principali piante autoctone importanti nelle vicinanze della Terra Santa. La maggiorana siriana è un’erba aromatica perenne della famiglia della menta, Lamiaceae. Il nome comune locale di questa pianta è ” Za’atar ” o ” Ezov matzuy “. Questa erba è molto importante per la popolazione locale, con una lunga storia di usi tradizionali. E’ stata identificata come l’issopo biblico, menzionato nella Bibbia come pianta medicinale e antisettica.

Majorana syriacum è endemica del Medio Oriente nella macchia mediterranea e nella foresta, Batha, Phrygana, su affioramenti di roccia dura, principalmente in Libano, Siria, Israele, Giordania e deserto del Sinai. La parola ezov si riferisce nella Bibbia a una pianta legata a rami e usata come pennello per cospargere il sangue sugli stipiti delle porte e sugli architrav,i quando la casa fu purificata contro la lebbra (Levitico 14:4), così come per scopi di adorazione: “E una persona pulita prenderà l’issopo e lo immergerà nell’acqua e lo cospargerà sulla tenda, e su tutti i vasi, e sulle persone che erano lì, e su chi toccò un osso, o uno ucciso, o uno morto, o una tomba” (Numeri 19:6).

A causa della sua associazione con la pulizia, si pensava che la pianta di issopo possedesse poteri di purificazione spirituale: “purificami con l’issopo e sarò puro: lavami e sarò più bianco della neve” (Salmi 51, 7). L’identità dell’ezov biblico con O. syriacum è confermata da un’usanza samaritana per cui l’Origanum è tradizionalmente usato dai samaritani per cospargere il sangue. La maggiorana siriana è conosciuta come un rimedio per i vermi intestinali fin dai tempi di Gesù. Oggi, tra gli arabi israeliani, un tè viene preparato dalle foglie per alleviare raffreddori e dolori di stomaco. Lo sciroppo preparato scottando le foglie di maggiorana siriana è noto come rimedio per diverse malattie, nella medicina popolare del Medio Oriente. Gli ebrei yemeniti usano un infuso di issopo per alleviare i dolori del travaglio, in combinazione con salvia e varie foglie aromatiche, per ridurre il dolore delle malattie cardiache, mal di testa e mal d’orecchi. Si ritiene che la pianta promuova la destrezza verbale e possa fungere da incantesimo contro la stregoneria. Un’indagine etnobotanica condotta in Israele ha rivelato i seguenti usi etnici della maggiorana siriana:

  1. Per alleviare il mal di denti: le foglie verdi vengono schiacciate e poste sul dente dolorante.
  2. Per trattare le infezioni gengivali: le foglie secche vengono schiacciate con sale e strofinate sulla parte infiammata.
  3. Per rafforzare la funzione cardiaca: un tè viene preparato con miele.

. 4. Per trattare le infezioni del tratto digestivo e del sistema urinario viene preparato un decotto e somministrato nella quantità di 2-4 cucchiai al giorno.

  1. Per trattare il raffreddore viene bevuto un tè.
  2. Per eliminare i vermi: un estratto fatto da foglie lasciate macerare e in olio d’oliva, lasciato per 2 settimane al sole, 1 cucchiaio o due di olio viene assunto con zollette di zucchero per volte al giorno.

Origanum dayi, Satureja camphorata:

L’area tradizionalmente considerata la Terra Santa della Bibbia, corrisponde alla zona montuosa del Libano e della Siria, a nord, alle rive orientali del fiume Giordano, e alla parte settentrionale della penisola del Sinai a sud. Indagini etno-botaniche, condotte negli ultimi anni, indicano che molte delle piante tradizionali sono ancora utilizzate nella medicina popolare oggi.

Majorana syriaca , arabo: Za’atar:

Uso etno-botanico: raffreddori; vomito; malattie allergiche della pelle, dermatiti, mal di testa, problemi dentali, tonsillite e tosse. I beduini del Negev e del Sinai lo usano come trattamento per il raffreddore bevendo il tè preparato da questa pianta con un cucchiaino di zucchero.

Il vomito viene trattato immergendo le foglie in acqua e facendo cadere l’acqua nelle narici della persona tre volte al giorno. Le malattie allergiche della pelle e la dermatite sono trattate come segue: le foglie vengono bollite in acqua e date al paziente da bere; anche il corpo dei bambini viene lavato con questa soluzione.

Mal di testa, problemi dentali, tonsillite e tosse sono trattati con una miscela a base di foglie che viene bevuta.

Cina:

Origanum vulgare L.:

È una pianta erbacea annuale distribuita principalmente nelle province cinesi di Hunan, Gansu e Shanxi. È menzionato nella medicina popolare e tradizionale cinese per le sue proprietà antibiotiche e antinfiammatorie.

Il medico e botanico tedesco Leonhardt Fuchs, nel suo De historia stirpium commentarii insignes (“Notevoli commenti sulla storia delle piante”), pubblicato nel 1542, scrisse:

“La maggiorana in polvere può essere spalmata sulla lingua per restituire la parola persa e rafforzare il cervello e la memoria. Se annusata fa starnutire, ciò significa che purifica il cervello. Nel sale e nell’aceto si dice che aiuti contro i morsi di scorpione e nel vino è un diuretico”.

Arabia Saudita:

Origanum majorana, un membro della famiglia Labiatae è una pianta ampiamente utilizzata nella medicina popolare dell’Arabia Saudita. Un infuso di foglie e fiori è prescritto dalla medicina folclorica dell’Arabia Saudita per alleviare i sintomi di febbre da fieno, congestione sinusale, indigestione, asma, mal di stomaco, mal di testa, vertigini, raffreddore, tosse e disturbi nervosi.

Palestina:

Origanum majorana L, in arabo: Mardaqush. Nella medicina popolare è usata come afrodisiaco, emmenagogo, tonico, carminativo, diuretico, stimolante, calcoli renali, infezioni del tratto genito-urinario e prostata, malattie della pelle.

Turchia:

Origanum majorana (maggiorana bianca).

I nativi raccolgono maggiorana e la essiccano sotto il sole. Consumano e vendono principalmente mazzetti di Origano essiccati all’aria (origano turco) foglie. Ottengono l’olio essenziale tradizionalmente per distillazione a vapore, usano la pianta essiccata e l’olio essenziale per curare varie malattie come tosse, raffreddore cronico, ferite, disturbi gastrointestinali e problemi della pelle negli esseri umani e negli animali domestici.

India:

La maggiorana selvatica, chiamata in Hindi Marwa, in Sanscrito Maru è utile per la flatulenza e stimola il flusso della bile. È considerato un rimedio efficace per tosse, tonsillite, bronchite e asma. L’olio diluito viene utilizzato nel mal di denti e nel dolore alle articolazioni. L’olio di maggiorana viene utilizzato come applicazione esterna su distorsioni, lividi, ghiandole linfatiche gonfie e mal di denti.

Marocco:

Maggiorana è un rimedio per le malattie del tratto gastrointestinale. È spesso usata come antisettico, come sollievo dal dolore addominale e in caso di febbre, come pianta antipertensiva. L’olio essenziale della pianta è stato usato per dolori, problemi gastrointestinali e disturbi del tratto respiratorio.

Iran:

Nella medicina folclorica iraniana, l’Origanum vulgare (maggiorana) è utilizzato per aumentare l’ energia, come  diuretico, tonico stomachico, sollievo del sistema nervoso, lassativo, antitumorale, sollievo dal dolore emicranico, fratture, intorpidimento degli organi, mal di denti, disinfettante, antidiarroico, disturbi e malattie del colon, rilassante, anticonvulsivante, espettorante, antidolorifico, anti tosse, antinfiammatorio, regolatore mestruale, infezione del tratto urinario, trattamento della disfunzione sessuale, coliche, sinusite,  tonico cardiaco.

Messico:

L’origano messicano (Lippia graveolens) si trova in Messico e in America Centrale e viene tradizionalmente utilizzato per problemi di stomaco.

Bahrein:

Maggiorana è usata per i dolori addominali e nel trattamento delle infezioni del tratto urinario.

 

Un ottimo rimedio è costituito da Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui