Vitamina D3 e Vitamina K2 in formaggio e yogurt

DiAlessandra Zarone

Vitamina D3 e Vitamina K2 in formaggio e yogurt

Vitamina D3 e Vitamina K2 in formaggio e yogurt

Vitamina D3 + Vitamina K2 contribuiscono al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo. La vitamina D contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario. K2 deriva da Menachinone (NATTO estratto da Bacillus licheniformis).

Questa vitamina è prodotta principalmente dai batteri presenti nell’intestino. Nella sua forma meno attiva a livello biologico (MK-4) si concentra soprattutto nella carne e nei derivati animali, come uova, latte vaccino, yogurt.
Sono sempre i batteri intestinali quelli deputati alla sua trasformazione nella forma MK-7. A sua volta, la MK-7 si trova già trasformata nel cibo fermentato, come i formaggi fermentati e nel natto, che è soia fermentata. Si tratta di un alimento molto diffuso in Giappone, ma non così facile da reperire nei negozi occidentali.

Storia del formaggio

Secondo un’antica leggenda, il formaggio fu accidentalmente prodotto da un mercante arabo quando mise la sua scorta di latte in un sacchetto fatto di stomaco di pecora quando partì per un lungo viaggio di una giornata attraverso il deserto. Il caglio nel rivestimento del sacchetto combinato con il calore del sole ha causato la separazione del latte in cagliata e siero di latte. Questa storia sembra essere avvenuta circa 7000 anni a.C. nella Mezzaluna Fertile situata tra i fiumi Eufrate e Tigri in Iraq. I primi documenti negli inni vedici in India (da 6000 a 4000 a.C.), nei documenti egiziani (4000 b.C. e nei documenti babilonesi (2000 a.C.) mostrano chiaramente riferimenti a latte, burro e formaggio. Tuttavia, si ritiene che con l’avanzare della civiltà, l’arte della produzione del formaggio si diffuse attraverso il bacino del Mediterraneo nel resto del mondo. C’è un riferimento al formaggio nei tempi biblici (Giobbe 10:10 [ca. 1520 B.C.] e Samuele 1:17:18 e 2.17:29 [ca. 1017 b.C.]), ma la storia scritta è scarsa fino ai periodi dell’Impero greco e romano, quando vari autori hanno lasciato prove scritte. I documenti greci risalgono al 1550 a.C. circa e i documenti romani al 750 a.C., indicando che latte e formaggio erano componenti importanti della dieta di queste persone. All’inizio dell’era cristiana, latte e formaggio erano usati per il cibo in tutta Europa. Le operazioni di mungitura e cagliatura del latte sono raffigurate in un fregio sumero di El-Ubaid. Un materiale alimentare trovato nella Tomba di Hories Aha (ca. 3000 B.C.) è stato dimostrato essere formaggio. Una scena sulle pareti di una tomba di Rameside (100 a.C.) raffigura capre condotte al pascolo e anche sacchi di pelle sospesi ai pali. Tali sacchetti erano tradizionalmente usati per fermentare il latte dalle tribù nomadi. Durante la fermentazione, il drenaggio del siero di latte attraverso un panno o ciotole forate permetteva la raccolta della cagliata che, una volta salata, diventava formaggio. Ciotole con basi perforate, presumibilmente utilizzate per drenare il siero di latte, sono state trovate in diverse località in Europa e in Asia. Sono stati trovati anche cesti di canne e altri steli. Tali cesti sono usati oggi in India per fare sia il paneer Surati che la cagliata Dacca. Le impressioni di cesti trovati a Windmill Hill nel Dorset, in Inghilterra (ca. 1800 a.C.) indicano che il formaggio era fatto in Inghilterra ben prima dell’arrivo dei Romani. Il formaggio era incluso nell’offerta degli antichi greci agli dei sul Monte Olimpo, e la produzione del formaggio era chiaramente un mestiere ben consolidato al momento della scrittura di Omero. Omero, ca. 1184 B.C., riferito al formaggio prodotto con il latte di pecore e capre nelle grotte dal ciclope Polifemo.19 Tale formaggio potrebbe essere stato l’antenato del formaggio feta prodotto ampiamente in Grecia oggi.8 Più tardi, Erodoto, da 484 a 408 B.C., si riferisce al formaggio scita fatto con latte di cavalla, mentre Aristotele (da 384 a 322 B.C.) notò che il formaggio frigio era fatto con il latte di fattrici e asini. Il commercio di formaggio tra i paesi divenne importante durante il dominio dell’imperatore romano Diocleziano (284-205 d.C.). Nel 14 ° secolo, la produzione di formaggio era un’industria considerevole in Svizzera, ma l’esportazione era vietata. A quel tempo, un mercato del formaggio era operativo a Gouda, in Olanda, e si dice che il primo caseificio cooperativo sia stato avviato nel Voralberg nei Balcani intorno al 1380. Nel 1500, si registra che l’espansione della produzione di formaggio in Inghilterra, Francia, Germania e Olanda ha portato l’Italia a perdere la sua posizione dominante come produttore di formaggio.17 Il formaggio Cheddar ha avuto origine nel villaggio di Cheddar nel Somerset, in Inghilterra, ed era popolare durante il regno della regina Elisabetta I (1558-1603), anche se si dice che fosse conosciuto da tre secoli prima. Il periodo dal 1860 al 1880 vide l’introduzione di un sistema di fabbrica in tutto il mondo della caseificazione.
Il primo caseificio fu fondato nella contea di Oneida, New York, e si dimostrò Nel 1870 fu aperto il primo caseificio britannico nel Derbyshire. Alcuni formaggi furono sviluppati solo in seguito per estinguersi. I cambiamenti nella pratica agricola, nell’ambiente, nelle abitudini alimentari, nelle condizioni sociologiche, ecc., Sono stati indicati come ragioni per la scomparsa di alcune varietà di formaggio, ma la reazione dei consumatori è probabilmente la ragione principale. Il mestiere era tradizionalmente tramandato, di solito di madre in figlia, con il passaparola o con l’insegnamento pratico, ma l’arte della produzione del formaggio era mantenuta viva dai monasteri in Europa. Occasionalmente, venivano prodotte alcune nuove varietà di formaggi, ma queste non avevano lo stesso successo di quelle registrate dai monaci. I monasteri, attraverso lo scambio di monaci, diffondono la conoscenza dei metodi di caseificazione. . Il mestiere era tradizionalmente tramandato, di solito di madre in figlia, con il passaparola, o occasionalmente, venivano prodotte alcune nuove varietà di formaggi, ma questi non avevano lo stesso successo di quelli registrati dai monaci. I monasteri, attraverso lo scambio di monaci, diffondono la conoscenza dei metodi di caseificazione. Sei paesi – Italia, Francia, Inghilterra, Olanda, Svizzera e Germania – sono considerati i “sei grandi” nella storia della produzione del formaggio. La maggior parte delle varietà di formaggio consumate oggi provengono da questi paesi. Sir Joseph Lister isolò per la prima volta il batterio del latte ora noto come Lactococcus lactis nel 1878. Dopo la sua scoperta, sono stati fatti tentativi di utilizzare colture selezionate di batteri lattici per fare formaggio, burro e latte fermentato. Il primo esempio dell’uso di una coltura selezionata per produrre latte fermentato è riportato nel 1890 dallo scienziato danese Storch, che ha usato ceppi selezionati per la panna acida per la produzione di burro. Prima dell’uso delle colture, il formaggio era prodotto da: 1. Inacidimento naturale con regolazione della temperatura 2. Aggiunta di latte di siero di latte acido o latticello 3. Aggiunta di antipasto fatto in casa. Intorno al 1870, Hansen in Danimarca mise sul mercato una preparazione commerciale di caglio e, all’inizio del 1900, mise sul mercato culture commerciali per la produzione di formaggio. Ciò ha dato una spinta alla produzione di formaggio su una scala più ampia. Ci sono circa 2000 nomi assegnati ai formaggi in base alla zona di origine del formaggio, paese, fonte di latte, metodo di produzione, contenuto di umidità, colture utilizzate, inventore, metodo di maturazione, ecc. Di questi, circa 800 varietà sono state ben consolidate. Possono essere classificati in 18 tipi distinti. La descrizione di oltre 400 varietà è stata fornita dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA).

Yogurth

Yogurt (yogurt) Come nel caso di molti altri prodotti a base di latte fermentato, non sono disponibili registrazioni precise sull’origine dello yogurt. Si ritiene che l’antico popolo turco in Asia, dove vivevano come nomadi, abbia fatto per la prima volta lo yogurt. Il primo nome turco per questo prodotto apparve nell’viii secolo come “yoghurut” e fu successivamente cambiato nell’XI secolo nella sua ortografia attuale. Una leggenda narra che un angelo abbatté una pentola che conteneva il primo yogurt, mentre un’altra fonte sostiene che gli antichi turchi, che erano buddisti, erano soliti offrire yogurt agli angeli e alle stelle che li proteggevano. Gli abitanti della Tracia erano soliti produrre latte inacidito chiamato prokish dal latte di pecora, che in seguito divenne yogurt. Nella Bibbia, è riportato che quando il patriarca Abramo intrattenne tre angeli, mise davanti a loro latte inacidito e dolce (Genesi VIII, 8). Gli antichi greci e romani conoscevano anche le preparazioni di latte inacidito. La bibliografia dell’imperatore romano Eliogabalum (204-222 d.C.) menziona due ricette per il latte inacidito. Antichi medici del Vicino e Medio Oriente prescrivevano yogurt o latti inaciditi correlati per curare i disturbi dello stomaco, dell’intestino e del fegato e per stimolare l’appetito. Esistono anche registrazioni sull’uso di latti inaciditi, in particolare lo yogurt, per la conservazione della carne contro il deterioramento durante l’estate. I primi scrittori del Medio Oriente menzionano l’uso di latte inacidito come cosmetici per le donne persiane. Tuttavia, gli studi sistematici sulle proprietà terapeutiche dei latti fermentati sono iniziati dopo la pubblicazione del libro Prolongation of Life di Metchnikoff. In questo libro, Metchnikoff attribuì la lunga vita del bulgaro. In questo libro, Metchnikoff attribuiva la lunga vita del popolo bulgaro al consumo di grandi quantità di latte bulgaro contenente Lactobacillus bulgaricus. Più tardi, si è scoperto che Lb. bulgaricus non può essere impiantato nell’intestino. Nella ricerca di un altro organismo che inacidisca il latte, Moro nel 1900 descrisse Lb. acidophilus, che era isolato dalle feci dei neonati ed è un normale abitante dell’intestino umano. Questo organismo potrebbe essere impiantato nel tratto intestinale e quindi è stato selezionato come candidato più adatto per la produzione di latte fermentato con un valore terapeutico più elevato. Una delle prime produzioni industriali di yogurt in Europa fu intrapresa da Danone nel 1922 a Madrid.

Dopo la Seconda guerra mondiale, e in particolare dal 1950, la tecnologia dello yogurt e la comprensione delle sue proprietà sono progredite rapidamente. Lo yogurt prodotto negli Stati Uniti per molti anni è stato un prodotto a cagliata morbida molto diverso dallo yogurt simile alla crema pasticcera preparato in Medio Oriente. Gli organismi coinvolti in questo primo yogurt commerciale erano Lb. bulgaricus e Streptococcus thermophilus. La fermentazione è stata effettuata ad una temperatura inferiore a quelle prevalenti in Medio Oriente. Questo prodotto assomigliava al prodotto a cagliata morbida comunemente usato nelle aree settentrionali dell’Europa. Il metodo di preparazione variava considerevolmente, ma il processo di base, utilizzando batteri lattici ad alta produzione di acido, era lo stesso. Sono stati introdotti nuovi criteri per la selezione della cultura nella produzione di yogurt. L’integrazione della flora dello yogurt con Lb. acidophilus e Bifidobacterium bifidus allo scopo di aumentare il valore di promozione della salute del prodotto ha portato a nuovi latti coltivati variamente chiamati ACO-yogurt, acidophilus-bifidus yogurt, Bioghurt e Biogarde.

Un ottimo rimedio contenente D3 e K2 è  ALATO VIT. D3 + K2 (lafenicesas.it)

Disponibile qui o in farmacia

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: