Archivio degli autori Alessandra Zarone

DiAlessandra Zarone

Vitamina D3 e Vitamina K2 in soia e derivati

Vitamina D3 e Vitamina K2 in soia e derivati

Vitamina D3 + Vitamina K2 contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo. La vitamina D contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario. K2 deriva da Menachinone (NATTO estratto da Bacillus licheniformis).

Questa vitamina è prodotta principalmente dai batteri presenti nell’intestino. Nella sua forma meno attiva a livello biologico (MK-4) si concentra in latte e yogurt.

Sono sempre i batteri intestinali quelli deputati alla sua trasformazione nella forma MK-7. A sua volta, la MK-7 si trova già trasformata nel cibo fermentato e nei prodotti a base di soia.

Glycine max (Fabaceae)

La soia è originaria dell’Asia sud-occidentale ed è coltivata nelle regioni temperate calde. I baccelli vengono raccolti a maturità.

Parti usate

Fagioli, germogli.

Costituenti

La soia contiene proteine (circa il 30%), olio fisso (circa il 17%), tra cui lecitina (2% o più), acido linoleico e acido alfa-linolenico, isoflavoni, coumestrolo, steroli, saponine, vitamine e minerali. Il coumestrolo e gli isoflavoni imitano da vicino gli estrogeni all’interno del corpo.

Storia e Folklore

Alimento base in gran parte dell’Asia, la soia è stata utilizzata in Cina per almeno 5.000 anni. La soia è stata introdotta negli Stati Uniti nel 1804 ed è diventata una delle principali colture nel sud e nel Midwest. Ora è una delle colture alimentari più importanti del mondo.

Azioni e usi medicinali

Sebbene i semi di soia e i prodotti a base di soia abbiano poco valore medicinale diretto, sono molto importanti come alimenti, fornendo livelli insolitamente elevati di proteine, lecitina e acidi grassi essenziali. Tuttavia, i fagioli possono avere un ruolo protettivo contro il cancro, in particolare il cancro al seno. La loro significativa attività estrogenica li rende un alimento medicinale particolarmente buono per le donne che attraversano la menopausa, contribuendo ad alleviare i sintomi come le vampate di calore e a proteggere dall’osteoporosi. Nella medicina cinese, i germogli di soia (anche altamente nutrienti) sono pensati per aiutare ad alleviare il “caldo estivo” e la febbre.

Ricerca

La soia è un nutriente notevole, ricco di proteine, grassi e sostanze estrogeniche, che lo rendono un alimento eccellente. Gli isoflavoni, gli steroli, le saponine e le fibre contribuiscono all’attività protettiva della soia contro il cancro e si ritiene che paesi come il Giappone abbiano livelli più bassi di cancro a causa della grande quantità di prodotti a base di soia consumati lì. Gli isoflavoni, il coumestrolo e gli steroli sono tutti fitoestrogeni. Questi sembrano inibire gli estrogeni all’interno del corpo quando i livelli di estrogeni sono troppo alti (ad esempio, nei disturbi mestruali) e per compensare quando i livelli di estrogeni sono bassi (come durante la menopausa). L’olio di soia non raffinato contiene alti livelli di lecitina e acidi grassi essenziali polinsaturi, che supportano livelli sani di grassi nel sangue come il colesterolo. La maggior parte del resto dei fermenti tradizionali di fagioli si è sviluppata in relazione alla soia in Cina, Giappone, Corea, Indonesia e altre parti dell’Asia. Lo storico Ken Albala sottolinea che i governanti cinesi hanno promosso l’agricoltura della soia per quasi tre millenni e che la lunga stabilità della Cina come civiltà e impero ha contribuito a dare origine, diffondere e perpetuare tali elaborate trasformazioni del fagiolo.

902 d.C. – Indonesia:

Il tofu è menzionato nell’iscrizione Watukura A / Watu Kura A. Tuttavia i semi di soia non sono menzionati 12 ° o 13 ° secolo.

Indonesia e Sud-Est asiatico: I semi di soia (kadele) sono menzionati per la prima volta nel manoscritto Sri Tanjung (Serat Sri Tanjung) in una storia ambientata a Giava orientale.

1637 – Thailandia:

I prodotti a base di soia (salsa di soia) sono ordinati per la prima volta per l’uso in Thailandia, dagli ufficiali della Compagnia olandese delle Indie orientali (Vliet 1637). La salsa di soia era anche ad Ayutha, in Thailandia, nel 1657 .

1652 Vietnam:

I prodotti a base di soia (salsa di soia) vengono ordinati per la prima volta per l’uso ad Hanoi, in Vietnam, dagli ufficiali della Compagnia olandese delle Indie orientali.

1657  Cambogia:

I prodotti a base di soia (salsa di soia) vengono ordinati per la prima volta per l’uso a 250 km a nord-ovest di Phnom Penh, in Cambogia, dagli ufficiali della Compagnia Olandese delle Indie Orientali.

1659 – Indonesia:

Prodotti a base di soia (salsa di soia) sono stati ordinati per la prima volta per l’uso a Giacarta, in Indonesia, da ufficiali della Compagnia Olandese delle Indie Orientali.

Nel 1693 la salsa di soia si trova ad Amboina, Banda e Ternate, nelle Molucche e nell’isola di Sulawesi (Celebes), in Indonesia.

1665 – Filippine:

Si dice che i cinesi nelle Filippine producano tofu dalla soia – che, per deduzione, deve essere coltivata lì (Fernandez Navarrete 1665). 1668 Dicembre – Indonesia: La salsa di soia viene importata a Batavia (Giacarta, nell’odierna Indonesia) dall’isola di Deshima nella baia di Nagasaki, in Giappone, da ufficiali della Compagnia Olandese delle Indie Orientali .

1670-1696 – Indonesia:

Georgius E. Rumphius, in Herbarium Amboinense [La Flora di Amboina], Vol. 5, fornisce una descrizione dettagliata, in latino e olandese, della soia sull’isola di Amboina (nelle Molucche nell’odierna Indonesia). Dice che il nome latino è “Cadelium”. Il malese, giavanese e balinese è Katjang Kadelee. Di colore nero, sono usati per fare noodles e tahu (tofu). Una superba e grande illustrazione mostra una pianta di soia con foglie, baccelli e radici (ma senza noduli). Il suo lavoro non viene pubblicato fino a circa 60 anni dopo che è stato scritto .

1676 giugno – Malesia:

I prodotti a base di soia (salsa di soia) vengono ordinati per la prima volta dal Giappone per l’uso a Malacca, dagli ufficiali della Compagnia Olandese delle Indie Orientali .

1777 – Vietnam:

La coltivazione della soia viene riportata per la prima volta nella Van-dai Loai-ngu (Enciclopedia del Vietnam), da Le Quy Don.

1790 – Vietnam:

La coltivazione della soia è riportata di nuovo (Jao de Loureiro 1790, in latino). Lo chiama Dolichos Soja, Dau nanh. Hoam teu [huang-tou = fagiolo giallo]. Menziona anche salsa di soia e tofu (Tau hu).

1815 – Indonesia:

Tempe viene realizzato in Central Java {manoscritto Serat Centhini ,  Codex Orientalis ,1814 , Leiden University Library).

1826 – Singapore:

I prodotti a base di soia (salsa di soia) sono segnalati per la prima volta a Singapore, importati via nave dall’Inghilterra. Ma ci devono essere date molto precedenti riportate nei documenti in lingua madre.

1879 – Myanmar (ex Birmania):

Primo documento visto che menziona la coltivazione di soia a Myanmar (Pickering 1879, in inglese; dice Ma ci devono essere date molto precedenti riportate nei documenti in lingua madre.

1882 Settembre – Malesia:

Primo documento visto che menziona la coltivazione della soia a Malacca (nell’odierna Malesia (Mene 1882, in francese). Primo documento visto che menziona la coltivazione di soia in Thailandia (Mene 1882, in francese). Ma ci devono essere date molto precedenti riportate nei documenti in lingua madre.

1907 – Laos:

Primo documento visto che menziona la coltivazione della soia in . Ma devono essere date molto precedenti riportate nei documenti della lingua madre.

Soia e derivati

La Soia fermentata con Bacillus spp. provoca la fermentazione alcalina, mentre il latte di soia fermentato con batteri lattici provoca la fermentazione acida. I prodotti a base di soia fermentati bacillus subtilis sono consumati in vari paesi e variano in base ai loro metodi tradizionali di preparazione. Natto è un alimento tradizionale giapponese preparato bollendo i semi di soia e fermentandoli con il B. subtilis natto. Gli enzimi extracellulari dei batteri agiscono sui semi di soia per produrre mucillagini, che conferiscono la natura filiforme e viscida al natto. Natto ha anche dimostrato essere una potenziale fonte di enzimi fibrinolitici e  peptidi bioattivi. Oltre alla fermentazione batterica, i funghi filamentosi sono utilizzati anche in diversi prodotti di soia fermentati in Asia per fornire aroma, colore e attività biologica. I popolari prodotti di soia fermentati da funghi includono douchi, tempeh e miso tofu. Il miso è una pasta di soia preparata con soia, riso o orzo, sale e acqua con fungo Aspergillus oryzae. La preparazione del miso avviene in tre fasi: la prima è la fermentazione della soia con sale al koji, la seconda è l’aggiunta di batteri lattici e lievito per migliorare il sapore seguita dalla fermentazione a 30 ° C, che si traduce in miso, e la terza è la pastorizzazione e il confezionamento.

Douchi è un prodotto tradizionale cinese a base di soia fermentata utilizzato per condimento e per scopi farmaceutici. I ceppi mucor e Aspergillus sono associati alla fermentazione douchi, che comporta un processo di fermentazione in due fasi, che sono fermentazione primaria e secondaria. Douchi ha dimostrato di possedere antiossidanti, enzima di conversione dell’angiotensina I e proprietà inibitoria della α-glucosidasi.

Il tempeh è un alimento fermentato di soia indonesiano prodotto da funghi filamentosi, come Rhizopus spp. e Fusarium spp . Tempeh presenta una vasta gamma di proprietà benefiche per la salute come effetto antiossidante, antimicrobico, antitumorale, antipertensivo, antitrombotico e ipocolesterolaemico. Il tofu è un prodotto di soia fermentato che è ampiamente consumato in Asia orientale e sud-orientale. In Cina e Taiwan, è conosciuto come sufu, funan, tou-yu, tau-zu, fuyu, toufu-ru, rufu, toufu-ju e furu, in Giappone come tofuyo, nelle Filippine come tafuri, in Thailandia come tau-fuyee, in Malesia come tau ju e in Vietnam come chao e dau-phu-nyu . Nella pratica commerciale, questi prodotti a base di soia fermentata vengono preparati utilizzando stampi come Actinomucor spp., Mucor spp. e Rhizopus spp . Tofuyo è stato segnalato per mostrare proprietà antipertensive e abbassamento del colesterolo.

Miso

E’ una pasta di soia fermentata che si ritiene abbia avuto origine in Cina nel 600 d.C. o prima. È conosciuto come chiang in Cina, miso in Giappone, jang o deoenjang in Corea, tauco in Indonesia, taochieo in Thailandia e tao-si nelle Filippine. La maggior parte di questi prodotti contiene riso o orzo fermentato da Aspergillus oryzae, che produce koji. Questo è mescolato con semi di soia e fermentato per diversi mesi. Il miso è stato popolare in Giappone per oltre mille anni ed è usato come base per zuppe, una salsa servita con carne o pollame, frutti di mare e piatti a base di verdure.

Natto in Giappone e thua-nao in Thailandia sono antichi prodotti fermentati di soia intera. Questo cibo fermentato è anche conosciuto come tu-si in Cina, tao-si nelle Filippine e tao-tjo nell’India orientale. Gli alimenti di questo tipo vengono consumati con riso bollito o utilizzati come agente di condimento con carne cotta, frutti di mare e verdure. I prodotti Natto sono di colore scuro e hanno un aroma pungente ma gradevole. Sono alimenti economici e altamente nutrienti che fungono da sostituto del pesce e della carne fermentati. Si dice che Hama natto sia arrivato in Giappone attraverso la Corea circa 350 anni fa al momento dell’invasione giapponese. La parola natto significa “fagioli forniti”. Si ritiene che gli antenati dei proprietari del birrificio Yamaya e della pianta Saito Mido di Hamanatsn abbiano ereditato il processo di produzione del natto dai monaci buddisti.

Oltre agli effetti ipolipemizzanti, i prodotti a base di soia fermentata si sono dimostrati efficaci anche nell’attenuare gli effetti del diabete mellito, della pressione sanguigna, dei disturbi cardiaci e dei problemi legati al cancro. I valori nutrizionali e i vari benefici per la salute dei prodotti a base di soia fermentata sono stati recentemente rivisti.

La soia e altri prodotti a base di soia hanno già mostrato risultati positivi verso la prevenzione del diabete mellito (DM). È stato riportato che i prodotti a base di soia ricchi di isoflavoni presentano l’effetto antidiabetico. L’estratto di soia inibisce l’assorbimento del glucosio nelle vescicole della membrana del bordo del pennello.

Il latte di soia è un importante prodotto di soia che inibisce lo stress ossidativo nel T2DM negli studi sull’uomo. I risultati rivelano che il latte di soia fermentato regola l’antiossidante totale, l’8-isoprostaglandina F2α, la malondialdeide, il glutatione ossidato, il glutatione perossidasi e i livelli ridotti di glutatione (GSH). I risultati dello studio concludono che il consumo di latte di soia probiotico potrebbe migliorare lo stress ossidativo nel T2DM.

La soia e i suoi prodotti sono efficaci nello scavare i radicali liberi e nell’attenuare lo stress ossidativo. Il latte di soia fermentato ha inibito la generazione di specie reattive dell’ossigeno e ha inibito la crescita del carcinoma mammario umano MCF-7 positivo al recettore degli estrogeni nei topi.

L’alto contenuto di acidi grassi n-3 nei prodotti a base di soia può svolgere un ruolo vitale nell’attività benefica su vari prodotti di basso grado.

I risultati suggeriscono che il latte di soia può prevenire il cancro della pelle nei ratti con la sua azione antinfiammatoria. Sono accompagnati da un cambiamento nella composizione degli acidi grassi della pelle e da una riduzione dei macrofagi a causa della diminuzione dell’infiammazione.

Gli isoflavoni di soia mostrano effetti notevoli sul peso corporeo e sull’adiposità, riducono l’accumulo di lipidi nel fegato. Le prove accumulate dimostrano che i prodotti a base di soia, ricchi di isoflavoni, possono agire come agente ipolipemizzante.

Doenjang abbassa il colesterolo e l’ossidazione lipidica. Può ridurre i parametri di perossidazione lipidica e ridurre il colesterolo .

La capacità della proteina presente nella soia di ridurre i livelli di colesterolo potrebbe essere dovuta al suo potenziale di ridurre la produzione di LDL e questo potrebbe anche agire alterando i livelli di apolipoproteina B in vitro. La nattokinasi è un enzima prodotto dalla fermentazione della soia con B. subtillis, che ha dimostrato di possedere forti proprietà antiiperlipidemiche e di protezione dell’aterosclerosi. Lo studio ha coinvolto pazienti, alla fine dell’esperimento; le dimensioni della peste, il colesterolo totale e l’LDL-C totale sono stati significativamente ridotti con l’integrazione orale di nattokinase. Ciò suggerisce che il natto è efficace nel ridurre il colesterolo e i lipidi associati. Pochi studi hanno menzionato che i prodotti a base di soia potrebbero agire come un buon agente perossidativo anti-lipidico. La soia fermentata con Aspergillus oryzae mostra un aumento dei livelli di antiossidanti e inibisce la perossidazione lipidica. È stato scoperto che il natto possiede un forte effetto perossidativo e antiossidante lipidico nei ratti alimentati con colesterolo. Natto influisce  sui livelli di enzimi antiossidanti dei ratti e ha anche un’influenza benefica sulle sostanze reattive dell’acido tiobarbiturico (TBARS), un potenziale indicatore di perossidazione lipidica .I prodotti a base di soia mostrano alcuni effetti immunostimolatori.

 

L’allergia alimentare è una risposta immunitaria anormale a determinati componenti alimentari. L’allergia alimentare è una risposta immunitaria anormale a determinati componenti alimentari. Gli allergeni alimentari sono tipicamente proteine presenti in natura, con piccole regioni, chiamate epitopi, responsabili della risposta allergica mediata dall’immunoglobulina E (IgE). La soia è tra i cosiddetti allergeni alimentari “big 8”, che insieme rappresentano oltre il 90% di tutte le allergie alimentari documentate negli Stati Uniti .

Pochi studi hanno confermato la degradazione degli allergeni della soia, in particolare GlymBd 30 K, noto anche come P34, durante la fermentazione da parte di enzimi proteolitici microbici in alimenti fermentati di soia come salsa di soia, miso, tempeh, ingredienti di soia e pasti di soia per mangimi. I prodotti a base di soia e soia fermentata offrono molti altri benefici per la salute come il mantenimento della salute delle ossa e la prevenzione dell’osteoporosi e mantenevano la normale funzione endoteliale. Nattokinase (derivato da natto) ha indotto la degradazione della fibrina e ha agito come opzione terapeutica alternativa nella protezione dall’asma . Ha anche svolto un ruolo importante nel mantenimento sano della tiroide e ha mostrato un’influenza sugli effetti dello sviluppo e sulla fertilità .

È stato dimostrato che i prodotti a base di soia ricchi di proteine possono ridurre le concentrazioni sieriche di colesterolo totale, LDL e trigliceridi. Oltre a questi effetti ipolipemizzanti, i prodotti a base di soia fermentata si sono dimostrati efficaci anche nell’attenuare gli effetti del diabete mellito, della pressione sanguigna, dei disturbi cardiaci e dei problemi correlati al cancro. Sono anche efficaci nello scavenging dei radicali liberi e forniscono alcuni effetti antinfiammatori, immunostimolatori e neurostimolatori. In termini di sicurezza alimentare, i prodotti a base di soia fermentata sono considerati alimenti sicuri. Tuttavia, i prodotti a base di soia fermentata prodotti o conservati in modo improprio comportano potenziali rischi per la salute come la contaminazione da tossine.

Un ottimo rimedio contenente D3 e K2 è  ALATO VIT. D3 + K2 (lafenicesas.it)

Disponibile qui o in farmacia

 

DiAlessandra Zarone

Vitamina D3 e Vitamina K2 in formaggio e yogurt

Vitamina D3 e Vitamina K2 in formaggio e yogurt

Vitamina D3 + Vitamina K2 contribuiscono al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo. La vitamina D contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario. K2 deriva da Menachinone (NATTO estratto da Bacillus licheniformis).

Questa vitamina è prodotta principalmente dai batteri presenti nell’intestino. Nella sua forma meno attiva a livello biologico (MK-4) si concentra soprattutto nella carne e nei derivati animali, come uova, latte vaccino, yogurt.
Sono sempre i batteri intestinali quelli deputati alla sua trasformazione nella forma MK-7. A sua volta, la MK-7 si trova già trasformata nel cibo fermentato, come i formaggi fermentati e nel natto, che è soia fermentata. Si tratta di un alimento molto diffuso in Giappone, ma non così facile da reperire nei negozi occidentali.

Storia del formaggio

Secondo un’antica leggenda, il formaggio fu accidentalmente prodotto da un mercante arabo quando mise la sua scorta di latte in un sacchetto fatto di stomaco di pecora quando partì per un lungo viaggio di una giornata attraverso il deserto. Il caglio nel rivestimento del sacchetto combinato con il calore del sole ha causato la separazione del latte in cagliata e siero di latte. Questa storia sembra essere avvenuta circa 7000 anni a.C. nella Mezzaluna Fertile situata tra i fiumi Eufrate e Tigri in Iraq. I primi documenti negli inni vedici in India (da 6000 a 4000 a.C.), nei documenti egiziani (4000 b.C. e nei documenti babilonesi (2000 a.C.) mostrano chiaramente riferimenti a latte, burro e formaggio. Tuttavia, si ritiene che con l’avanzare della civiltà, l’arte della produzione del formaggio si diffuse attraverso il bacino del Mediterraneo nel resto del mondo. C’è un riferimento al formaggio nei tempi biblici (Giobbe 10:10 [ca. 1520 B.C.] e Samuele 1:17:18 e 2.17:29 [ca. 1017 b.C.]), ma la storia scritta è scarsa fino ai periodi dell’Impero greco e romano, quando vari autori hanno lasciato prove scritte. I documenti greci risalgono al 1550 a.C. circa e i documenti romani al 750 a.C., indicando che latte e formaggio erano componenti importanti della dieta di queste persone. All’inizio dell’era cristiana, latte e formaggio erano usati per il cibo in tutta Europa. Le operazioni di mungitura e cagliatura del latte sono raffigurate in un fregio sumero di El-Ubaid. Un materiale alimentare trovato nella Tomba di Hories Aha (ca. 3000 B.C.) è stato dimostrato essere formaggio. Una scena sulle pareti di una tomba di Rameside (100 a.C.) raffigura capre condotte al pascolo e anche sacchi di pelle sospesi ai pali. Tali sacchetti erano tradizionalmente usati per fermentare il latte dalle tribù nomadi. Durante la fermentazione, il drenaggio del siero di latte attraverso un panno o ciotole forate permetteva la raccolta della cagliata che, una volta salata, diventava formaggio. Ciotole con basi perforate, presumibilmente utilizzate per drenare il siero di latte, sono state trovate in diverse località in Europa e in Asia. Sono stati trovati anche cesti di canne e altri steli. Tali cesti sono usati oggi in India per fare sia il paneer Surati che la cagliata Dacca. Le impressioni di cesti trovati a Windmill Hill nel Dorset, in Inghilterra (ca. 1800 a.C.) indicano che il formaggio era fatto in Inghilterra ben prima dell’arrivo dei Romani. Il formaggio era incluso nell’offerta degli antichi greci agli dei sul Monte Olimpo, e la produzione del formaggio era chiaramente un mestiere ben consolidato al momento della scrittura di Omero. Omero, ca. 1184 B.C., riferito al formaggio prodotto con il latte di pecore e capre nelle grotte dal ciclope Polifemo.19 Tale formaggio potrebbe essere stato l’antenato del formaggio feta prodotto ampiamente in Grecia oggi.8 Più tardi, Erodoto, da 484 a 408 B.C., si riferisce al formaggio scita fatto con latte di cavalla, mentre Aristotele (da 384 a 322 B.C.) notò che il formaggio frigio era fatto con il latte di fattrici e asini. Il commercio di formaggio tra i paesi divenne importante durante il dominio dell’imperatore romano Diocleziano (284-205 d.C.). Nel 14 ° secolo, la produzione di formaggio era un’industria considerevole in Svizzera, ma l’esportazione era vietata. A quel tempo, un mercato del formaggio era operativo a Gouda, in Olanda, e si dice che il primo caseificio cooperativo sia stato avviato nel Voralberg nei Balcani intorno al 1380. Nel 1500, si registra che l’espansione della produzione di formaggio in Inghilterra, Francia, Germania e Olanda ha portato l’Italia a perdere la sua posizione dominante come produttore di formaggio.17 Il formaggio Cheddar ha avuto origine nel villaggio di Cheddar nel Somerset, in Inghilterra, ed era popolare durante il regno della regina Elisabetta I (1558-1603), anche se si dice che fosse conosciuto da tre secoli prima. Il periodo dal 1860 al 1880 vide l’introduzione di un sistema di fabbrica in tutto il mondo della caseificazione.
Il primo caseificio fu fondato nella contea di Oneida, New York, e si dimostrò Nel 1870 fu aperto il primo caseificio britannico nel Derbyshire. Alcuni formaggi furono sviluppati solo in seguito per estinguersi. I cambiamenti nella pratica agricola, nell’ambiente, nelle abitudini alimentari, nelle condizioni sociologiche, ecc., Sono stati indicati come ragioni per la scomparsa di alcune varietà di formaggio, ma la reazione dei consumatori è probabilmente la ragione principale. Il mestiere era tradizionalmente tramandato, di solito di madre in figlia, con il passaparola o con l’insegnamento pratico, ma l’arte della produzione del formaggio era mantenuta viva dai monasteri in Europa. Occasionalmente, venivano prodotte alcune nuove varietà di formaggi, ma queste non avevano lo stesso successo di quelle registrate dai monaci. I monasteri, attraverso lo scambio di monaci, diffondono la conoscenza dei metodi di caseificazione. . Il mestiere era tradizionalmente tramandato, di solito di madre in figlia, con il passaparola, o occasionalmente, venivano prodotte alcune nuove varietà di formaggi, ma questi non avevano lo stesso successo di quelli registrati dai monaci. I monasteri, attraverso lo scambio di monaci, diffondono la conoscenza dei metodi di caseificazione. Sei paesi – Italia, Francia, Inghilterra, Olanda, Svizzera e Germania – sono considerati i “sei grandi” nella storia della produzione del formaggio. La maggior parte delle varietà di formaggio consumate oggi provengono da questi paesi. Sir Joseph Lister isolò per la prima volta il batterio del latte ora noto come Lactococcus lactis nel 1878. Dopo la sua scoperta, sono stati fatti tentativi di utilizzare colture selezionate di batteri lattici per fare formaggio, burro e latte fermentato. Il primo esempio dell’uso di una coltura selezionata per produrre latte fermentato è riportato nel 1890 dallo scienziato danese Storch, che ha usato ceppi selezionati per la panna acida per la produzione di burro. Prima dell’uso delle colture, il formaggio era prodotto da: 1. Inacidimento naturale con regolazione della temperatura 2. Aggiunta di latte di siero di latte acido o latticello 3. Aggiunta di antipasto fatto in casa. Intorno al 1870, Hansen in Danimarca mise sul mercato una preparazione commerciale di caglio e, all’inizio del 1900, mise sul mercato culture commerciali per la produzione di formaggio. Ciò ha dato una spinta alla produzione di formaggio su una scala più ampia. Ci sono circa 2000 nomi assegnati ai formaggi in base alla zona di origine del formaggio, paese, fonte di latte, metodo di produzione, contenuto di umidità, colture utilizzate, inventore, metodo di maturazione, ecc. Di questi, circa 800 varietà sono state ben consolidate. Possono essere classificati in 18 tipi distinti. La descrizione di oltre 400 varietà è stata fornita dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA).

Yogurth

Yogurt (yogurt) Come nel caso di molti altri prodotti a base di latte fermentato, non sono disponibili registrazioni precise sull’origine dello yogurt. Si ritiene che l’antico popolo turco in Asia, dove vivevano come nomadi, abbia fatto per la prima volta lo yogurt. Il primo nome turco per questo prodotto apparve nell’viii secolo come “yoghurut” e fu successivamente cambiato nell’XI secolo nella sua ortografia attuale. Una leggenda narra che un angelo abbatté una pentola che conteneva il primo yogurt, mentre un’altra fonte sostiene che gli antichi turchi, che erano buddisti, erano soliti offrire yogurt agli angeli e alle stelle che li proteggevano. Gli abitanti della Tracia erano soliti produrre latte inacidito chiamato prokish dal latte di pecora, che in seguito divenne yogurt. Nella Bibbia, è riportato che quando il patriarca Abramo intrattenne tre angeli, mise davanti a loro latte inacidito e dolce (Genesi VIII, 8). Gli antichi greci e romani conoscevano anche le preparazioni di latte inacidito. La bibliografia dell’imperatore romano Eliogabalum (204-222 d.C.) menziona due ricette per il latte inacidito. Antichi medici del Vicino e Medio Oriente prescrivevano yogurt o latti inaciditi correlati per curare i disturbi dello stomaco, dell’intestino e del fegato e per stimolare l’appetito. Esistono anche registrazioni sull’uso di latti inaciditi, in particolare lo yogurt, per la conservazione della carne contro il deterioramento durante l’estate. I primi scrittori del Medio Oriente menzionano l’uso di latte inacidito come cosmetici per le donne persiane. Tuttavia, gli studi sistematici sulle proprietà terapeutiche dei latti fermentati sono iniziati dopo la pubblicazione del libro Prolongation of Life di Metchnikoff. In questo libro, Metchnikoff attribuì la lunga vita del bulgaro. In questo libro, Metchnikoff attribuiva la lunga vita del popolo bulgaro al consumo di grandi quantità di latte bulgaro contenente Lactobacillus bulgaricus. Più tardi, si è scoperto che Lb. bulgaricus non può essere impiantato nell’intestino. Nella ricerca di un altro organismo che inacidisca il latte, Moro nel 1900 descrisse Lb. acidophilus, che era isolato dalle feci dei neonati ed è un normale abitante dell’intestino umano. Questo organismo potrebbe essere impiantato nel tratto intestinale e quindi è stato selezionato come candidato più adatto per la produzione di latte fermentato con un valore terapeutico più elevato. Una delle prime produzioni industriali di yogurt in Europa fu intrapresa da Danone nel 1922 a Madrid.

Dopo la Seconda guerra mondiale, e in particolare dal 1950, la tecnologia dello yogurt e la comprensione delle sue proprietà sono progredite rapidamente. Lo yogurt prodotto negli Stati Uniti per molti anni è stato un prodotto a cagliata morbida molto diverso dallo yogurt simile alla crema pasticcera preparato in Medio Oriente. Gli organismi coinvolti in questo primo yogurt commerciale erano Lb. bulgaricus e Streptococcus thermophilus. La fermentazione è stata effettuata ad una temperatura inferiore a quelle prevalenti in Medio Oriente. Questo prodotto assomigliava al prodotto a cagliata morbida comunemente usato nelle aree settentrionali dell’Europa. Il metodo di preparazione variava considerevolmente, ma il processo di base, utilizzando batteri lattici ad alta produzione di acido, era lo stesso. Sono stati introdotti nuovi criteri per la selezione della cultura nella produzione di yogurt. L’integrazione della flora dello yogurt con Lb. acidophilus e Bifidobacterium bifidus allo scopo di aumentare il valore di promozione della salute del prodotto ha portato a nuovi latti coltivati variamente chiamati ACO-yogurt, acidophilus-bifidus yogurt, Bioghurt e Biogarde.

Un ottimo rimedio contenente D3 e K2 è  ALATO VIT. D3 + K2 (lafenicesas.it)

Disponibile qui o in farmacia

 

DiAlessandra Zarone

Vitamina K2 e Natto

Vitamina K2 e Natto

La Vitamina K2 è indicata per :

  • Osteoporosi
  • Arteriosclerosi

 

Dirige il calcio verso lo scheletro, prevenendo la deposizione in luoghi non appropriati, come gli organi, le articolazioni e le arterie.

La Vitamina K2 deriva dal Menachinone ,estratto dal Bacillus licheniformis.

Natto:

Natto appare intorno al 1000 d.C., si tratta di un prodotto della soia fermentata ad alto contenuto di proteine, calcio, ferro e vitamina B (niacina). Natto aiuta nella digestione del cibo nell’intestino, e  rende la pelle liscia e giovane.

Il natto è prodotto fermentando semi di soia interi, un processo che si dice abbia avuto origine con i monaci buddisti. Fare natto è un’operazione semplice; i semi di soia selezionati vengono puliti e immersi in acqua da 12 a 20 ore, a seconda della temperatura, fino a quando non sono circa raddoppiati di peso. I fagioli vengono cotti a 5 libbre di pressione del vapore per 12-15 minuti o fino a quando non possono essere schiacciati facilmente tra la punta delle dita. I fagioli vengono poi inoculati con Bacillus subtilis ( Bacillus natto ) aggiungendo la coltura inoculante e ruzzolando in un barile fino a quando gli organismi sono ben distribuiti. I fagioli vengono avvolti in un foglio sottile di carta di legno di pino e posti nella sala di fermentazione a 1 + 0 ° a 45 ° C. per I8 a 20 ore. Ogni confezione di natto prima della fermentazione contiene circa un terzo di un chilo di fagioli; durante la fermentazione perdono peso a un quarto di libbra. La stanza di fermentazione viene riscaldata con carbone all’inizio della fermentazione, ma dopo alcune ore il calore della fermentazione può essere più che sufficiente e potrebbe essere necessaria l’aerazione per evitare il surriscaldamento.

Per iniziare la fermentazione, i fagioli devono essere mescolati con un tipo speciale di batteri che viene elaborato in Giappone. In alternativa, è possibile acquistare un pacchetto di natto fermentato in un negozio di alimentari giapponese e mescolarne uno. Dopo aver mescolato, coprire la pentola con un coperchio aderente e mettere nel forno con una temperatura di 102-104 gradi F., che è la temperatura approssimativa del forno quando la luce pilota è accesa.

Storia

Uesugi Kenshin era un famoso guerriero che si contendeva il potere nella battaglia di Kawanaka-jima con Takeda Shingen della provincia di Kai, oggi prefettura di Yamanashi. Il tempo era il periodo degli Stati Combattenti (1470-1570). Uesugi, signore della provincia di Echigo (oggi parte della Prefettura di Niigata), era per natura retto e un sacerdote capace. Presumibilmente, quando teneva la soia cotta in paglia come provvista di campo di battaglia, veniva fermentata dai batteri natto, che la rendevano appiccicosa. Il prodotto era itohiki nattd. Sebbene sia plausibile che Uesugi abbia fatto studiare ai suoi uomini vari tipi di disposizioni sul campo di battaglia e che itohiki natt6 sia stato infine selezionato, non possiamo attribuirgli la sua invenzione; deve aver avuto una conoscenza preliminare del natto nel distretto di Tohoku. Alla fine della rivolta Zenkunen, il clan Abe si arrese a Yoshiie, e Abe no. La leggenda dice che Munetd insegnò alla gente come produrre natto e questo è il motivo per cui le persone nella prefettura di Kumamoto, Kyishd, lo producono oggi. Questa leggenda, come la precedente, indica il natto ha avuto origine a Tohoku. Tra le molte leggende su natto ce n’è una riguardante un vescovo buddista di nome Tenkai, un noto consigliere di Tokugawa leyasu. Tenkai ha riferito di aver vissuto per 135 anni, più a lungo di qualsiasi altro giapponese, grazie al suo mangiare una zuppa di natto, il suo piatto preferito. La zuppa Natto viene prodotta aggiungendo natto macinato alla zuppa di miso, in cui ci sono già vari ingredienti. Ad ogni anniversario della morte di Tenkai, molte persone abbiano mangiato zuppa di gatto al tempio Rinnd-ji di Nikko per celebrare la sua illustre memoria.

Studi scientifici

Le analisi chimiche del natto hanno rivelato che il processo di fermentazione genera notevoli quantità di vitamina K2. Natto in realtà si classifica come una delle fonti più ricche di vitamina. Studi sugli animali hanno concluso che una dieta ricca di vitamina K2 può prevenire la perdita di massa ossea. La ricerca giapponese ha dimostrato che le persone con osteoporosi hanno livelli di K2 più bassi rispetto alle persone che non hanno la malattia.

Molti giapponesi credono che il consumo regolare di natto abbassi la pressione sanguigna. Negli ultimi anni, questa convinzione è stata confermata da diversi studi clinici: nel 1995, i ricercatori hanno confermato la presenza di inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) nel natto. ricercatori di due istituzioni giapponesi – il Miyazaki Medical College e la Kurashiki University of Science and Arts – hanno lanciato studi per testare l’impatto del natto sulla pressione sanguigna sia nei ratti che negli esseri umani.

Un ottimo rimedio contenente K2 è Alato 39, disponibile qui o in farmacia

ALATO 39 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Melatonina e Achillea

Melatonina e Achillea

Melatonina è :

  • Antiinfiammatorio delle mucose delle alte vie respiratorie
  • Miorilassante, decontratturante muscolare per contratture muscolari o stati dolorosi con forte componente muscolo-tensiva
  • Antispastico viscerale e respiratorio: Spasmi digestivi, coliche gastriche e addominali, asma bronchiale.
  • Antistaminico naturale, adatto per:
  1. Rinite allergica
  2. allergie stagionali
  3. eczema atopico

La Melatonina di origine vegetale si trova in una quantità interessante nell’ Achillea

 

Achillea, Achillea millefolium L.:

L’achillea è una pianta nativa europea, con una lunga storia come guaritore di ferite. In epoca classica, era conosciuto come herba militaris, essendo usato per fermare le ferite di guerra. È stato a lungo preso come un tonico amaro rinforzante e tutti i tipi di bevande amare sono stati fatti con questa pianta. L’achillea aiuta il recupero da raffreddori e influenza ed è benefica per la febbre da fieno. È anche utile per problemi mestruali e disturbi circolatori. Originaria dell’Europa e dell’Asia occidentale, l’achillea può essere trovata crescere spontaneamente nelle regioni temperate di tutto il mondo, nei prati e lungo i bordi delle strade. L’erba si diffonde attraverso le sue radici e le parti aeree vengono raccolte in estate quando sono in fiore. Nonostante i suoi numerosi usi e somiglianze con la camomilla tedesca, l’achillea è stata scarsamente studiata. L’erba e il suo olio volatile hanno dimostrato di essere antinfiammatori; gli azuleni sono anche antiallergici. I lattoni sesquiterpenici sono amari e hanno attività antitumorale. Achilleina e flavonoidi aiutano ad arrestare il sanguinamento interno ed esterno; i flavonoidi possono essere responsabili dell’azione antispasmodica dell’achillea. Studi di laboratorio indicano che l’achillea dilata i vasi sanguigni, abbassando così la pressione sanguigna. Funziona, in parte, come i farmaci convenzionali noti come ACE-inibitori, che sono comunemente prescritti per la pressione alta.

Usi tradizionali e attuali

Erba ginecologica, aiuta a regolare il ciclo mestruale, riduce il sanguinamento mestruale pesante e allevia il dolore mestruale.

Altri usi

In combinazione con altre erbe, l’achillea aiuta il raffreddore e l’influenza. Le sue proprietà toniche amare lo rendono utile per la digestione debole e le coliche. Aiuta anche la febbre da fieno, abbassa la pressione alta, migliora la circolazione venosa e tonifica le vene varicose. Pianta intera in fiore Achillea millefolium L.

Uno degli usi principali è come un vulneraria — un agente per fermare il sanguinamento delle ferite. Il nome latino Achillea onora Achille, e la leggenda afferma che  egli  usò un impiastro di fiori di Achillea per fermare l’emorragia dei suoi soldati feriti in battaglia. La tisana a base di pianta essiccata è utilizzata per raffreddori, febbri, anoressia, indigestione, infiammazioni gastriche e sanguinamento interno. Le qualità espettoranti, analgesiche e sudoripare di alcuni componenti forniscono sollievo dal raffreddore e dall’influenza. Sperimentalmente, gli estratti sono emostatici e antinfiammatori.

L’achillea è strettamente associata alla divinazione, dando origine a detti e versi in molte parti del mondo. In Cina i gambi di achillea sono usati per consultare l’I Ching (Libro dei Mutamenti). Oltre 40 diversi costituenti sono stati isolati dall’achillea. Questi includono un olio essenziale, che contiene azulene antinfiammatorio. Il contenuto di azulene varia tra le piante, anche nello stesso habitat. A. millefolium (achillea, milfoil, ferita del soldato).

Parti utilizzate

Pianta intera.

Proprietà

Erba aromatica, amara e astringente che riduce l’infiammazione, aumenta la sudorazione, allevia l’indigestione e ha effetti diuretici. È anche efficace nell’abbassare la pressione sanguigna, rilassare gli spasmi e arrestare l’emorragia.

Usi dell’erba medicinale:

Internamente per malattie febbrili (in particolare raffreddori, influenza e morbillo), catarro, diarrea, dispepsia, reumatismi, artrite, disturbi mestruali e della menopausa, ipertensione e per proteggere dalla trombosi dopo ictus o infarto. Esternamente per ferite, epistassi, ulcere, occhi infiammati ed emorroidi.

Un ottimo rimedio contenente Melatonina è Alato 37, disponibile qui o in farmacia

ALATO 37 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Melatonina e Iperico

Melatonina e Iperico

Melatonina è :

  • Antiinfiammatorio delle mucose delle alte vie respiratorie
  • Miorilassante, decontratturante muscolare per contratture muscolari o stati dolorosi con forte componente muscolo-tensiva
  • Antispastico viscerale e respiratorio: Spasmi digestivi, coliche gastriche e addominali, asma bronchiale.
  • Antistaminico naturale, adatto per:

Rinite allergica

allergie stagionali

eczema atopico

La Melatonina di origine vegetale si trova in una quantità interessante nell’ Iperico:

Iperico

L’iperico fiorisce in molte aree del mondo e le sue virtù come medicina sono state utilizzate in Nord Africa, Sud Africa, Medio Oriente, India settentrionale, Australia e Nuova Zelanda, così come nelle Americhe e in Europa. Molte delle 370 specie di ipericum sono usate nella medicina tradizionale cinese e nel kampo, la medicina tradizionale giapponese.

Usato come medicina fin dai tempi di Ippocrate nell’antica Grecia, la storia dell’iperico è avvincente, quasi una favola. Rifiutata dagli scienziati medici del diciannovesimo secolo come inutile, l’erba di San Giovanni, o Hypericum perforatum per dargli il suo nome completo, è recentemente diventata una stella. “L’umile erba fa bene”, potrebbero dire i titoli dei giornali, e con buone ragioni. Un trattamento scientificamente provato per la depressione da lieve a moderata e il senso di inutilità e perdita di speranza che ne consegue, l’iperico sembra anche destinato ad avere un valore distinto nel trattamento di condizioni virali come l’HIV e l’AIDS e l’epatite C. Ha un potenziale reale come trattamento anticancro ed è un efficace guaritore di ferite e tessuti. La rinascita dell’interesse per le medicine a base di erbe che ha spazzato l’iperico nei titoli dei giornali riflette una nuova volontà nelle persone di provare tali rimedi. I risvegli dei farmaci a base vegetale si sono verificati prima negli ultimi 150 anni. Una differenza fondamentale questa volta è la quantità e la qualità delle prove scientifiche dietro il loro uso e i processi sempre più sofisticati utilizzati nella produzione di preparati a base di erbe.

L’iperico è stato apprezzato come guaritore di ferite o vulnerario per almeno 2.500 anni, con dozzine di riferimenti in erboristeria e farmacopee in tutta Europa che attestano la sua virtù nella guarigione dei tessuti danneggiati.

Dioscoride, un chirurgo dell’esercito greco e autore del primo grande trattato di erbe, De Materia Medica, raccomandò l’applicazione dell’iperico . Gli usi hanno incluso la pulizia di ferite sporche con olio di iperico da parte dei chirurghi nella sala operatoria, il trattamento di ulcere e piaghe e ferite interne e superficiali con infusione o olio. L’erba è particolarmente associata al trattamento di pugnalate e ferite di guerra – in alcune parti della Spagna è conosciuta come hierba militar – forse perché le ghiandole dell’olio traslucide punteggiate sulle foglie avevano l’aspetto di punture d’ago, ma anche perché l’erba lascia macchie color sangue sulla mano, quando raccolta o tritata.

L’erborista inglese del XVII secolo Nicholas Culpeper la descrisse come “una singolare erba ferita”;  bollito nel vino e bevuto, guarisce interiormente ferite o lividi; trasformato in un unguento, apre ostruzioni, scioglie i gonfiori e chiude le l ferite. Seguendo l’esperienza empirica di Culpeper di 350 anni fa, semplici estratti dell’erba presi internamente sembrano essere efficaci nello stimolare la riparazione dei tessuti. Ci sono prove che dimostrano che l’hipericum può aiutare la guarigione di lesioni interne come ulcere gastriche, così come le ferite esterne. In uno studio, la tintura di iperico (1:10) è risultata più efficace nella guarigione delle ferite superficiali della pelle, quando somministrata internamente, rispetto a una tintura di calendula (Calendula officinalis) applicata direttamente sul sito della ferita. L’iperico si è anche dimostrato più efficace della calendula nello stimolare la crescita di una nuova pelle. L’iperico, in particolare l’olio, è quindi un trattamento prezioso e sottoutilizzato per problemi topici come  lividi, tagli, abrasioni, estrazioni dentali ed emorroidi, herpes, piaghe e vesciche . La sua sicurezza lo rende anche un rimedio domestico molto utile per le ferite in generale. Allo stesso modo in cui l’iperico promuove la guarigione delle ferite sulla superficie del corpo, può essere utilizzato per incoraggiare la riparazione di parte della nostra pelle interna, in particolare il rivestimento dello stomaco.

L’olio di iperico è stato usato per secoli, in particolare in Germania, per trattare problemi infiammatori e ulcere nello stomaco. Il trattamento standard raccomandato è quello di prendere un cucchiaino di olio di iperico a stomaco vuoto mattina e sera. Il trattamento deve essere continuato per diversi mesi ed è più efficace se integrato con camomilla e cambiamento nella dieta . In uno studio clinico, gli alcolisti affetti da depressione e gastrite e/o ulcere gastriche hanno assunto infusioni regolari di iperico abbinato a psicoterapia: il trattamento si è dimostrato efficace dopo due mesi. Un altro problema meno grave anche se molto più comune, che potrebbe rispondere bene all’iperico, in combinazione con erbe come la menta piperita (Mentha piperita), è la sindrome dell’intestino irritabile, strettamente legata alla depressione.

Con una marcata attività astringente e antinfiammatoria, l’iperico può ridurre la diarrea e l’irritabilità all’interno dell’intestino, dove incoraggerà anche la riparazione della parete intestinale. Come antimicrobico può eventualmente avere qualche effetto sulla flora intestinale .

L’iperico era usato come medicina nell’antica Grecia, anche se c’è confusione su quali specie fossero effettivamente impiegate. Si pensa che Ippocrate abbia usato Hypericum come rimedio rinfrescante e antinfiammatorio, e nella successiva scuola ippocratica l’olio di iperico è stato usato per il trattamento della depressione. Il chirurgo greco Dioscoride, nel suo De Materia Medica, elenca quattro specie di iperico, che raccomanda per il sollievo della sciatica, per pulire i dotti biliari e per guarire le ustioni. Alcune specie sono raccomandate come diuretici e per stimolare le mestruazioni, e i semi, somministarti per 40 giorni, potrebbero essere usati per trattare le febbri croniche ricorrenti, compresa la malaria.

Plinio il Vecchio, un autore romano che scrive contemporaneamente a Dioscoride ma privo delle sue conoscenze mediche, semplicementesugegrisce l’erba contro i morsi di rettili velenosi. Galeno, medico dell’imperatore romano Marco Aurelio, e autore medico più prolifico del mondo antico, considerava l’iperico per le  qualità calde e secche, utile quindi per correggere o bandire un eccesso di umori umidi e freddi, e problemi legati al cervello e all’inverno.

È difficile scrivere di iperico senza tornare più e più volte a Paracelso, perché la sua scrittura su questa erba, come su altri argomenti, è sempre provocatoria. In particolare, la sua fede entusiasta nei poteri terapeutici dell’iperico – “Dio ha dato al Perforatum (erba di San Giovanni) la forza di inseguire i fantasmi della natura, i vermi, le ferite e le fratture ossee, e ogni scoramento”.

È veramente una medicina universale al di là della creazione dell’umanità” – è stata senza dubbio una delle ragioni per cui, cinque secoli dopo, i ricercatori in Germania hanno iniziato a esaminare il potenziale ruolo dell’iperico come antidepressivo. Le autorità precedenti hanno affermato l’uso della pianta per problemi che colpiscono i nervi, ma Paracelso è andato molto oltre nel sottolineare il suo valore nel trattamento degli stati depressivi. Molti degli erbari stampati in Europa nei secoli XVI e XVII, sia in tedesco, francese, italiano o inglese, hanno dato informazioni simili, ripetendo spesso le indicazioni date da Dioscoride, Galeno e dal medico arabo, Avicenna. Sia Hieronymus Bock che Matthiolus, che hanno prodotto due dei grandi testi erboristici dell’epoca, includono la guarigione delle ferite, l’ effetto emostatico (arresto del sanguinamento), diuretico, l’ effetto emmenagogo (stimolazione delle mestruazioni) e l’attività antimalarica.

L’olio di iperico era un popolare rimedio per ferite ed era incluso nella prima farmacopea di Londra (1616) come Oleum Hyperici. Molti erboristi davano ricette per la sua preparazione, in genere infondendo le cime fiorite in olio d’oliva in un barattolo di vetro trasparente e lasciandolo alla luce del sole per alcune settimane. John Gerard dà istruzioni più complesse per una ricetta che include vino bianco e trementina. Raccomanda che il processo venga ripetuto utilizzando una seconda quantità di erba per produrre un olio con forza sufficiente. Il testo inglese metà del XIX secolo “Our Useful Wild Flowers” nota che gli erboristi vendono ancora l’olio intriso di iperico per l’uso come vulnerario, e questo uso dell’erba continuò in Europa e in Russia, dove è sempre stata un’importante pianta medicinale.

Tra gli erboristi, e nelle zone rurali dove le tradizioni contadine sono rimaste saldamente radicate, l’iperico ha continuato ad essere utilizzato nel XIX secolo come rimedio per ferite, sciatica, problemi urinari e dei dotti biliari e stati nervosi.

Come regola generale, tuttavia, è stato visto come meritevole di poca attenzione come medicina, forse essendo di importanza economica come colorante rosso, per l’ipericina era stato isolato dall’erba nel 1830 dal chimico tedesco, Buchner. “Al giorno d’oggi sia l’erba che le sue proprietà sono allo stesso modo dimenticate”, lamentava padre Kneipp. In effetti, con l’emergere in Germania e negli Stati Uniti di nuove forme non ortodosse di pratica medica – omeopatia e naturopatia in particolare – le pratiche erboristiche tradizionali sono state rivalutate, e questo ha portato nel tempo a una rivalutazione dell’iperico. Kneipp stesso scrisse che l’erba aveva una particolare influenza sul fegato, poteva aiutare ad alleviare il mal di testa e a risolvere l’enuresi notturna nei bambini. Quest’ultima indicazione rifletteva la medicina popolare tedesca, in cui l’iperico era spesso usato per il quale l’iperico era spesso usato per l’enuresi notturna, nonché per incoraggiare le mestruazioni quando un periodo era “bloccato” o assente, per problemi uterini e per il catarro bronchiale. L’olio di Hipericum, piuttosto che l’erba stessa, continuò ad essere usato per ustioni e scottature sia nella medicina tradizionale che in quella naturopatica, le istruzioni per la sua preparazione furono incluse nella Farmacopea Wirtenbergica del 1847.

In Nord Africa, l’iperico è originario delle regioni superiori della Tunisia e del Marocco, dove è stato utilizzato principalmente per guarire ferite e ustioni e per disturbi digestivi. Nell’Anatolia meridionale in Turchia, è stato preso come decotto o infuso per mal di stomaco. Diverse altre specie di iperico trovate in Turchia sono anche usate in medicina.

All’interno della medicina ayurvedica, la principale medicina tradizionale dell’India, l’Hypericum perforatum ha più o meno le stesse azioni di quelle che si trovano in Europa: astringente, vermifugo, emmenagogo, diuretico, vulnerario.

Un ottimo rimedio contenente Melatonina è Alato 37, disponibile qui o in farmacia

ALATO 37 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Lino e vitamina D

Lino e vitamina D

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

La vitamina D E’ contenuta nel

Lino, L. usitatissimum

Lino (Linaceae) Sebbene sia classificato come specie, L. usitatissimum è derivato da L. bienne. Si sono evoluti due tipi distinti di L. usitatissimum: il lino più alto, con meno rami e fiori, che produce fibre; e il seme di lino più corto, florifero e fruttuoso, che ora viene coltivato per l’olio e come coltura foraggera. I semi contengono il 30-40% di un olio fisso, noto come olio di lino, che comprende principalmente acido linoleico .

In comune con molti membri delle famiglie Linaceae, Rosaceae e Caprifoliaceae, contengono anche glicosidi cianogenici o acido prussico. In piccole quantità, questi composti stimolano la respirazione e migliorano la digestione ma, in eccesso, causano insufficienza respiratoria e morte. Non vi è alcuna indicazione che le dosi raccomandate di L. usitatissimum rappresentino una minaccia. Il correlato L. catharticum (lino di montagna o di spurgo) è descritto come un lassativo e un antireumatico, ma ora è usato raramente.

Parti utilizzate:

Pianta intera, steli, semi, olio.

Proprietà

Erba dolce, mucillaginosa, lassativa ed espettorante, lenisce i tessuti irritati, controlla la tosse e allevia il dolore. Usi dell’erba medicinale internamente come lassativo di massa per costipazione cronica e diverticolite (semi schiacciati mescolati con cereali per la colazione e ampio liquido), gastrite, faringite (semi macerati), disturbi bronchiali cronici, tosse e mal di gola; come integratore alimentare per eczema, problemi mestruali, indurimento delle arterie e artrite reumatoide (olio). Esternamente per bronchite, pleurite, mal di gola, ustioni, scottature, bolle, ascessi e ulcere. I semi schiacciati sono combinati, come impiastro, con Sinapis alba per i disturbi al petto e con miele e limone come rimedio per la tosse. L’erba fresca è stata applicata per dolori reumatici, raffreddori e tosse. Il lino è uno dei tessuti più antichi del mondo; il primo frammento di stoffa mai identificato (considerato di lino) proveniva dalla Turchia orientale, datato al carbonio a 9.000 anni fa. Gli antichi egizi raffiguravano la crescita del lino, la filatura del filo di lino, e la tessitura di quel filo su papiri e murales. I resti mummificati dei faraoni sono legati in lino fine e delicato, intrecciato con una perizia che è ancora difficile da replicare oggi, da 3.000 a 4.000 anni dopo. Il lino è stato anche usato per fare casi di mummia, e l’olio di semi di lino è stato usato nel processo di imbalsamazione.

 

Le fibre producono il tessuto, i semi vengono pressati per l’olio, sono utilizzati negli alimenti e nei foraggi per gli animali e nelle industrie di vernici e pavimenti.  I residui di semi vengono trasformati in torte di semi di lino per l’alimentazione animale. Le piante vengono tagliate a maturità per l’estrazione delle fibre. I semi vengono raccolti a maturità, conservati interi o pressati per l’olio. È stata la prima coltura di fibre e ampiamente coltivata in Europa e in Asia, ma ora in gran parte sostituita dal cotone. Attualmente i semi di lino sono prevalentemente coltivati per uso industriale nella produzione di pitture, vernici, mastice e linoleum. I semi di lino hanno una composizione di acidi grassi che porta all’essiccazione e all’indurimento dell’olio se esposti all’aria e alla luce solare. L’olio commestibile è ottenuto dalla spremitura a freddo per evitare l’ossidazione ed è commercializzato come olio di semi. Non è raccomandato per cucinare, ma viene utilizzato principalmente come integratore alimentare, ad alto contenuto di acido linolenico . Tuttavia, i semi di lino sono ancora importanti come olio da cucina soprattutto in Nord Africa e Medio Oriente. Il seme intero ha un mercato in crescita nella cottura e negli alimenti salutari, a volte aggiunto al pane e ai cereali per la colazione. Per questo le tradizionali varietà “ad alto linolenico” sono adatte in quanto solo l’olio estratto manca delle qualità di conservazione per uso culinario. La farina di lino viene utilizzata come mangime per animali e pollame per aumentare gli acidi grassi omega nelle uova.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Zucca e vitamina D

Zucca e vitamina D

Zucca e vitamina D

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

E’ contenuta nella

 

Zucca

Cucurbita pepo (Cucurbitaceae) Zucca Descrizione Pianta annuale con steli intrecciati, foglie lobate, fiori gialli e grandi frutti arancioni. Probabilmente originaria del Nord America, la zucca si trova ora in tutto il mondo. Viene raccolto in autunno.

Parti Usate:

Semi, polpa.

Costituenti

I semi di zucca contengono un olio fisso (30-50%), che è principalmente acido linoleico (43-56%) e acido oleico (24-38%). L’olio contiene anche proteine (31-51%), steroli, cucurbitina, vitamina E, beta-carotene e minerali (4-5%), compresi livelli significativi di ferro, zinco e selenio.

Storia e folklore

La zucca è stata molto usata come medicina in Centro e Nord America. I Maya applicavano la linfa della pianta alle ustioni, i Menominee usavano i semi come diuretico e i coloni europei macinavano e mescolavano i semi con acqua, latte o miele per fare un rimedio per i vermi. Questa pratica divenne così diffusa nelle case di tutto il Nord America che la professione medica alla fine la adottò come trattamento standard.

Azioni e usi medicinali

La zucca è stata utilizzata principalmente come agente vermifugo sicuro ed efficace, in particolare nei bambini e nelle donne incinte per le quali i preparati ad azione forte e tossici sono inappropriati. Si pensa che sia più efficace nella rimozione delle tenie. I semi sono diuretici e tonici alla vescica e hanno un valore distinto nel trattamento delle prime fasi dell’allargamento della prostata. La polpa del frutto viene utilizzata come decotto per alleviare l’infiammazione intestinale e viene applicata come impiastro o cerotto per le ustioni. La gamma di composti medicinali e nutrizionali dei semi di zucca di ricerca assicura che abbiano un grande valore come integratore alimentare “naturale”. Una buona fonte dietetica di zinco, i semi contengono anche livelli relativamente alti di selenio, un minerale con importante attività antiossidante e antitumorale nel corpo. La cucurbitina respinge i vermi intestinali e gli steroli sono antinfiammatori. La ricerca suggerisce che i semi di zucca sono efficaci nell’aiutare a ridurre l’allargamento benigno della ghiandola prostatica (BPH), a causa sia dell’influenza ormonale degli steroli che di questa attività antinfiammatoria. In uno studio clinico i semi di zucca sono stati combinati con saw palmetto per trattare l’IPB: coloro che assumevano l’estratto di erbe mostravano un miglioramento del flusso di urina e una ridotta frequenza della minzione.

I chicchi di semi di Cucurbita pepo contengono circa il 45% di un grasso insaturo, il 25% di proteine e quantità utili di minerali e il complesso vitaminico B. Possono essere consumati crudi, arrostiti o fritti (pepitos) e ora sono venduti nei paesi occidentali. In alcune parti dell’America Centrale sono inclusi in una confezione dolce nota come pepitorio. In passato c’è stata qualche estrazione industriale del petrolio. Cucurbita maxima comprende le zucche invernali e le zucche. Semi, datati al 1200 d.C., sono stati trovati in Perù, ma nessun resto è stato trovato in Messico e in America Centrale. Probabilmente è stato addomesticato in Sud America, ma ora si trova in tutto il mondo. La specie è meno ruvida al tatto di C. pepo e le foglie sono a forma di rene e non profondamente lobate.

Storia

La zucca è originaria delle Americhe. La pianta rampicante raggiunge una lunghezza di circa 30 piedi (9 metri), ha foglie grandi, fiori profumati giallo-arancio e frutti arancioni. Le zucche sono i frutti più grandi del regno vegetale. Le zucche erano un alimento base nella dieta dei nativi americani. Nella medicina orientale, si dice che un tè a base di semi, assunto per un periodo di tempo, aiuti a ridurre i gonfiori delle gambe, delle caviglie e dell’addome. In America Latina, Africa e India, i semi sono usati per espellere i vermi intestinali. Alcuni medici europei raccomandano i semi di zucca per prevenire problemi alla prostata negli uomini. I semi contengono sostanze nutritive note per essere componenti dell’ormone maschile testosterone.

In Cina, i semi tostati vengono mangiati per promuovere la longevità. I semi contengono fino al 40% di proteine e preziosi minerali e sostanze nutritive. Il seme ha un contenuto di olio del 46 per cento. La maggior parte dell’olio è prodotto in Austria e popolarmente usato per aromatizzare il cibo.

Usi pratici

L’olio vettore / base viene utilizzato per diluire gli oli essenziali in aromaterapia per oli da massaggio e altre formulazioni. A causa della natura appiccicosa dell’olio di semi di zucca, è meglio mescolare il 20% dell’olio con un altro olio vettore.

Proprietà documentate

Antielmintico, antinfiammatorio, diuretico, stomachico, tonico, vermifugo, vulnerario.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Vitamina D e Pepe nero

Vitamina D e Pepe nero

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

E’ contenuta nel

 

Piper nigrum (Piperaceae)

Parti utilizzate

Frutta, olio essenziale

Costituenti

Il pepe contiene un olio volatile (tra cui beta-bisabolene, canfene, betacariofillene e molti altri terpeni e sesquiterpeni), fino al 9% di alcaloidi (in particolare piperina, che è in gran parte responsabile del gusto acre dell’erba), circa l’11% di proteine e piccole quantità di minerali.

Storia e Folklore

Coltivato come spezia e medicina fin dall’antichità, il pepe è stato un bene vitale nel commercio mondiale per migliaia di anni. Attila l’Unno è noto per aver chiesto 3.000 libbre (1.360 kg) di pepe come riscatto durante il suo assedio della città di Roma (408 D.C.).

Azioni e usi medicinali

Il familiare sapore acuto del pepe riflette l’effetto stimolante e antisettico che ha sul tratto digestivo e sul sistema circolatorio. Il pepe è comunemente preso per riscaldare il corpo, o per migliorare la funzione digestiva in caso di nausea, mal di stomaco, flatulenza, gonfiore, costipazione, o mancanza di appetito. L’olio essenziale allevia il dolore reumatico e il mal di denti. È antisettico e antibatterico e riduce la febbre. Ricerca

La piperina, il principale costituente attivo all’interno del pepe nero, ha significativi benefici terapeutici, con un documento di ricerca del 2012 che elenca “proprietà immunomodulatorie, antiossidanti, antiasmatiche, anticancerogene, antinfiammatorie, antiulcera e antiamebiche”. La piperina sembra aiutare l’assorbimento di erbe e farmaci chimici, ad esempio la curcumina e, in alcuni casi, rallentare la loro clearance da parte del fegato. Attenzione Non prendere l’olio essenziale internamente senza supervisione professionale.

P. guineense (africa occidentale, o pepe Ashanti) produce grani di pepe dal sapore delicato e foglie che vengono utilizzate come sostituto di P. betle nei quid di betel. P. methysticum è insolito nell’essere un raccolto di radici.

P. auritum (makulan) e P. angustifolia (matico) sono specie tropicali americane, coltivate per le loro foglie. Quelle del primo assomigliano agli spinaci e sono usate come aromatizzanti nella cucina messicana e guatemalteca, quest’ultima è un’erba astringente e stiptica con un aroma simile al tè, utilizzata nei preparati per emorroidi, emorragie e perdite vaginali. Numerose specie diverse da P. nigrum sono coltivate per i loro frutti, ma solo P. longum e P. retrofractum (pepe lungo giavanese) sono sufficientemente simili nel sapore da usare come sostituti. I grani di pepe rosa provengono da un albero americano S, Schinus terebinthifolius. Sono spesso mescolati con grani di pepe verde, nero e bianco per effetto decorativo, ma hanno un sapore resinoso e non possono essere usati come sostituto.

P.longum (Indian long pepper, Jaborandi pepper, pippali)

Parti utilizzate Frutta (hi ba). Proprietà Un’erba aromatica, calda, stimolante che migliora la digestione e ha effetti decongestionanti, antibiotici e analgesici.

I grappoli di frutto ad uso alimentare, sono usati interi in curry e sottaceti.

Nella medicina tradizionale cinese, è indicato aduso interno, per brividi di stomaco, vomito, rigurgito acido, mal di testa e rinite; e, nella medicina ayurvedica, per raffreddori, asma, bronchite, artrite, reumatismi, lombalgia, sciatica, epilessia, indigestione e vento. Esternamente, nella medicina tradizionale cinese, è indicato per il mal di denti. In Ayurveda,  P. nigrum e Zingiber officinale sono, un rimedio ayurvedico per le condizioni di freddo.

P.nigrum

Parti utilizzate Frutta (hu jiao). Erba pungente, aromatica, riscaldante che abbassa la febbre e migliora la digestione. È considerato un espettorante stimolante nella medicina occidentale e ayurvedica e come tranquillizzante e antiemetico nella pratica cinese.

Medicinale internamente usato in Occidente per indigestione e vento, nella medicina cinese, per brividi causati da stomaco, intossicazione alimentare (da pesce, carne, granchio o funghi), colera, dissenteria, diarrea, vomito causati dal raffreddore. Esternamente, nella medicina ayurvedica, mescolato con ghee, si usa per congestione nasale, sinusite, epilessia e infiammazioni della pelle.

P.betle:

Le foglie vengono raccolte secondo necessità, sbollentate al buio, spesso pressate insieme ed essiccate per estratti o per l’uso intero.

P. methysticum:

Le radici vengono utilizzate secondo necessità e utilizzate fresche o essiccate per l’uso in decotti, estratti liquidi, polveri e compresse.

P.cubeba:

I frutti vengono raccolti acerbi e distillati per ricavarne un oleo-resina, o essiccati per l’uso in estratti liquidi, polveri e tinture.

P. longum:

I grappoli di frutti vengono raccolti acerbi ed essiccati per l’uso interi, macinati o in decotti .

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Arancio e Vitamina D

Arancio e Vitamina D

VITAMINA D3   è indicata per:

  • Osteoporosi
  •  Patologie autoimmuni
  •  Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
  •  Interviene nel processo di divisione delle cellule .
  • Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

La vitamina D3 si trova principalmente in alcuni cibi: la fonte più importante è l’olio di fegato di merluzzo, ma si trova anche nel pesce: sgombro, salmone, tonno, trota, aringhe, ma anche frutti di mare. Altra importante fonte di questa vitamina è il latte ma anche i prodotti a base di soia, i cereali integrali, il riso. Tra gli alimenti di origine vegetale i funghi sono ricchi di vitamina D ma anche la frutta non è da trascurare, soprattutto l’arancia.

Arancio

L’arancio cresce nei tropici e subtropicali. Dal Vecchio Mondo, l’arancia si diffuse in tutta l’Eurasia e l’Africa nell’antichità. La sua ubiquità ha portato le persone in diverse regioni del mondo a coniare la propria parola per l’arancia. I Persiani si riferivano all’arancia come narang. In armeno, l’arancia è conosciuta come narinj, in arabo naranj, in latino arangia, in spagnolo naranja, in portoghese laranja, in italiano arencia, e in antico francese oranje. Gli inglesi hanno coniato il termine “arancione” nel XIV secolo. L’arancia arrivò nel Nuovo Mondo come parte della Borsa colombiana. Affondando le radici in Florida e Brasile, l’arancia ha reso prosperi i grandi coltivatori. Un albero di arancio può vivere più di 50 anni, durante i quali può produrre più di 1.000 arance. Nell’antichità, l’arancia si diffuse in Africa orientale e nel Levante. Nel IV secolo a.C., Alessandro Magno incontrò l’arancia in India e le sue truppe la portarono nel Mediterraneo orientale. Al tempo di Cristo, gli agricoltori in Italia coltivavano l’arancia dolce. I mosaici del IV secolo rivelano che gli agricoltori dell’impero bizantino coltivavano l’arancia. Nel IX secolo gli arabi, conquistando la Spagna, introdussero l’arancia acida nella penisola iberica. Durante le Crociate, gli arabi lo introdussero in Sicilia e in alcune parti dell’Europa meridionale. Nel 1179, lo scrittore cinese Han Yen Che pubblicò un trattato sulle arance, che descriveva la coltivazione, l’allevamento e gli usi medicinali del frutto. Dopo che l’esploratore portoghese Vasco da Gama stabilì una rotta oceanica verso l’India, i portoghesi portarono l’arancia nell’Europa meridionale. Questa introduzione sembra essere stata uno dei numerosi tentativi di stabilire l’arancione nell’Europa meridionale. Gli europei apprezzavano l’arancia. Nel Medioevo, il governatore bizantino di Roma inviò un cesto di arance al re dei Longobardi nella speranza di invogliarlo a unirsi al governatore in una guerra contro l’imperatore bizantino. In un incidente simile, il principe di Salerno inviò arance al duca di Normandia, chiedendo il suo aiuto per respingere un attacco arabo all’Italia. All’inizio gli europei apprezzavano gli aranci e i loro frutti per la loro bellezza. In Italia, i ricchi piantavano arance nei loro giardini per ombra ed estetica. Il re francese Carlo VIII, invadendo l’Italia nel XV secolo, trovò gli aranci irresistibili. Eresse una serra per la loro cultura nel suo castello di Amboise. Anche sua moglie stabilì una serra per questo scopo nel suo castello di Blois. Re Luigi XIV piantò aranci a Versailles nel 1764. Credendo che l’arancia fosse un afrodisiaco, la prese con alcol e zucchero I reali d’Europa non erano i soli a piantare giardini di aranci. Nella mitologia greca, la dea Hera coltivava arance nel suo giardino. I mortali bramavano le arance di Hera perché ne rendevano immortale una. Ercole rubò le arance da Era, ma la dea Atena le salvò, restituendole il frutto. Poiché l’arancia è un albero prolifico, gli europei lo consideravano un simbolo di fertilità. Cristoforo Colombo era stato un architetto delle nuove rotte commerciali che altri sfruttavano. Nel 1493, durante il suo secondo viaggio, Colombo piantò l’arancia su Hispaniola (ora l’isola di Haiti e la Repubblica Dominicana). Nel 1513, secondo un resoconto, l’esploratore spagnolo Ponce de Leon introdusse l’arancia in Florida. Un altro resoconto sostiene che gli spagnoli piantarono l’arancia a Saint Augustine, in Florida, ma non fino al 1565. Un terzo resoconto attribuisce allo spagnolo Pedro Menendez la piantagione del primo arancio in Florida nel 1579. Nel 1707, i missionari spagnoli introdussero l’arancia in Arizona.

Azioni e usi medicinali

Il frutto fortemente acido dell’arancia amara stimola la digestione e allevia la flatulenza. Si pensa che un’infusione del frutto lenisca il mal di testa, calmi le palpitazioni e la febbre più bassa. Il succo aiuta l’organismo ad eliminare i prodotti di scarto e, essendo ricco di vitamina C, aiuta il sistema immunitario a scongiurare le infezioni. Se assunto in eccesso, tuttavia, il suo contenuto di acido può esacerbare l’artrite. Nella fitoterapia cinese, il frutto acerbo, noto come zhi shi, è pensato per “regolare il qi”, contribuendo ad alleviare la flatulenza e il gonfiore addominale e ad aprire le viscere. Gli oli essenziali di arancio amaro, in particolare neroli, sono sedativi. Nella medicina occidentale, questi oli sono usati per ridurre la frequenza cardiaca e le palpitazioni, per incoraggiare il sonno e per lenire il tratto digestivo. Il neroli diluito viene applicato come olio da massaggio rilassante. L’acqua distillata dei fiori è antispasmodica e sedativa.

L’arancia amara ha fornito cibo e medicine per migliaia di anni. Produce olio di neroli dai suoi fiori e l’olio noto come petitgrain dalle sue foglie e dai giovani germogli. Entrambi i distillati sono ampiamente utilizzati in profumeria. L’acqua di fiori d’arancio è un sottoprodotto della distillazione e viene utilizzata in profumeria e per aromatizzare caramelle e biscotti, oltre ad essere utilizzata in medicina.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Carnitina e pane integrale

Carnitina e pane integrale

La carnitina svolge un ruolo importante nella combustione dei grassi per l’energia e nel traghettamento degli acidi grassi attraverso le pareti dei mitocondri, dove vengono ossidati e trasformati in energia. Durante il suo viaggio di ritorno dall’interno dei mitocondri, riporta gruppi acetili e altri piccoli frammenti prodotti nell’ossidazione degli acidi grassi. Il ruolo della carnitina nel metabolismo dei grassi lo porta ad influenzare, in una certa misura, tutto l’altro metabolismo energetico nella cellula, compresa la combustione dei carboidrati. In questo modo può essere collegato al metabolismo del glucosio, all’insulina e alla sindrome metabolica. Alcuni autori hanno suggerito che il suo importante ruolo nella combustione dei grassi lo rende anche utile nelle diete per la perdita di peso e la maggior parte della salute generale.

Otteniamo una fornitura costante di carnitina nella nostra dieta, soprattutto se mangiamo carne. (In effetti, il nome carnitina deriva dalla parola latina per carne.) Sebbene la maggior parte delle diete forniamo carnitina più che sufficiente, i nostri corpi hanno la capacità di fare il nostro rifornimento attraverso un’azione enzimatica sull’amminoacido licina. Con questo processo si pensa che anche i vegetariani rigorosi siano in grado di fornirsi quantità adeguate di carnitina1. Ci sono alcune malattie ereditarie in cui la produzione o l’assorbimento della carnitina è carente; tuttavia, queste malattie sono rare.

Poiché la maggior parte di noi lo mangia, e tutti noi lo facciamo, non è del tutto chiaro se sia necessario o addirittura utile integrare le diete di persone sane con carnitina o acetil-carnitina. Ci possono essere circostanze in cui l’integrazione potrebbe essere utile. Ad esempio, è stato scoperto che i livelli di carnitina diminuiscono significativamente man mano che invecchiamo2. Ci sono prove convincenti che 1,5-3 g al giorno di acetil-carnitina possono migliorare la funzione cognitiva degli individui nelle fasi più lievi e iniziali del morbo di Alzheimer. Non è chiaro se l’acetil-carnitina migliora la cognizione dando una spinta all’attività mitocondriale nel cervello, o rendendo disponibili più gruppi acetili da utilizzare nella sintesi del neurotrasmettitore acetilcolina nel cervello. I livelli di acetilcolina sono diminuiti in molte forme di demenza e la maggior parte dei farmaci utilizzati per il trattamento del morbo di Alzheimer aumentano la disponibilità di acetilcolina prevenendo la sua distruzione enzimatica nel cervello.

Recentemente si è scoperto che l’acetil-carntina può essere utile nel trattamento della depressione nei pazienti anziani. Nella maggior parte dei casi, i pazienti anziani negli studi avevano sia depressione che qualche tipo di demenza. Tuttavia, in uno studio, i pazienti erano depressi ma non avevano demenza. Pertanto, gli effetti benefici dell’acetil-carnitina non sono interamente dovuti al miglioramento della funzione cognitiva compromessa. L’acetil-carnitina e la sostanza strettamente correlata alla propionil-carnitina, spesso utilizzata in Europa ma non negli Stati Uniti, possono anche essere utili nel trattamento della sindrome da affaticamento cronico.

Gli enzimi che metabolizzano il grasso nella cellula sono sempre in comunicazione chimica con quegli enzimi che metabolizzano il glucosio. Tale comunicazione può spiegare come la carnitina somministrata per via endovenosa sia in grado di migliorare i livelli di glucosio nel siero e l’utilizzo in pazienti con diabete di tipo II. Un’altra scoperta rilevante è che l’acetil-carnitina può alleviare il dolore e la funzione anomala nei pazienti con neuropatia periferica diabetica. Lo stress ossidativo e le quattro vie primarie di danno che crea, sono principalmente responsabili dei danni neuropatici nel diabete. Recenti prove suggeriscono che l’acetil-carnitina può offrire una certa protezione dai danni ossidativi, e questa protezione può anche estendersi al cervello.

Ci sono prove da studi umani e animali che la carnitina, o la sua forma più facilmente assorbita, l’acetil-carnitina, può in una certa misura migliorare la tolleranza al glucosio, la sensibilità all’insulina, i lipidi sieri e la funzione cognitiva. Può anche offrire una certa protezione dai danni ossidativi. Depressione e affaticamento possono essere migliorati. Forse la caratteristica migliore dell’acetil-carnitina è che è una sostanza naturale con pochissime probabilità di produrre effetti avversi.

Acetil L-carnitina e la L-carnitina sono lo stesso amminoacido, ma in forme diverse. Funzionano anche in modo molto diverso.

L-carnitina è usata più da persone che stanno cercando di perdere peso, come esso aiuta a conversione gli acidi grassi trovati nel corpo in una fonte di energia naturale.

Acetil L-carnitina è la versione acetilata della L-carnitina, che ha la capacità di attraversare la barriera ematoencefalica, che aiuta a migliorare le funzioni del cervello.

La carnitina, derivata da un amminoacido, si trova in quasi tutte le cellule del corpo. Il suo nome deriva dal latino carnus o carne, poiché il composto era isolato dalla carne. Carnitina è il termine generico per una serie di composti che includono L-carnitina, acetil-L-carnitina e propionil-L-carnitina.

La carnitina svolge un ruolo fondamentale nella produzione di energia. Trasporta gli acidi grassi a catena lunga nei mitocondri in modo che possano essere ossidati per produrre energia. Trasporta anche i composti tossici generati da questo organello cellulare per prevenirne l’accumulo. Date queste funzioni chiave, la carnitina è concentrata in tessuti come il muscolo scheletrico e cardiaco che utilizzano gli acidi grassi come combustibile alimentare.

La Carnitina è contenuta nel pane integrale

Storia del pane

Nella storia del pane, le abitazioni lacustri della Svizzera sono le più utili, poiché da loro possiamo raccogliere i cereali usati dai loro abitanti, il loro pane e gli attrezzi con cui schiacciavano il mais. I primi abitanti civilizzati conosciuti d’Europa coltivavano diversi tipi di cereali, tessevano stoffe, facevano stuoie, cesti e reti da pesca e, inoltre, pane cotto. I cereali a noi noti, sono il risultato di molte coltivazioni, migliorate dalla selezione. Nell’insediamento lacustre di Wangen è stata dissotterrata una notevole quantità di mais carbonizzato. Nel Salone Preistorico del British Museum si possono vedere esemplari di fagioli, piselli, paglia carbonizzata, ghiande, nocciole, orzo. Gli antichi egizi avevano a disposizione  tre tipi di grano: Triticum sativa, zea e spelta; orzo, Hordeum vulgare e doura, sorgo Holctts, i cui esemplari possono essere visti nella Galleria Egizia del British Museum. C’erano panettieri professionisti in Egitto, come vediamo in alcune delle immagini ritrovate.

Il cibo dei poveri era costituito da grano, orzo, inumidito con acqua, impastato in una ciotola, e cotto nella cenere calda.

Palestina

Del pane degli antichi ebrei non sappiamo nulla, se non dai loro libri sacri; ma questi contengono una grande riserva di conoscenza. I loro cereali sembrano essere costituiti solo da grano, orzo, segale (o può essere farro) e miglio, ma coltivavano leguminose, come fagioli e lenticchie.

Il tempo del raccolto fu nominato da Mosè come una delle grandi feste: Esodo xxiii. 14.

La preparazione e la cottura del pane è stata lasciata alle donne.

Di quale forma fosse il pane ebraico non lo sappiamo, perché nessuna rappresentazione di esso è giunta fino a noi. Di regola era probabilmente sotto forma di sottili torte rotonde piatte – simili a quei biscotti azzimi ora usati dagli ebrei durante la loro Pasqua, e la cui forma e dimensioni sono probabilmente tradizionali – ma avevano anche pagnotte di pane.

Le indicazioni per farlo, ecc., sono abbastanza chiare (Lev. xxiv. 5-9): ‘E tu prenderai farina fine, e ne cuocerai dodici torte e le metterai in due file, sei su una fila, sulla tavola pura davanti al Signore… E tu metterai incenso puro su ogni fila”.

Non abbiamo alcuna certezza sulla forma di questi dodici pani, tipica delle tribù di Israele. I rabbini dicono che i pani erano quadrati e ricoperti di foglie d’oro; e che fossero posti in due pile di sei ciascuna, una sull’altra, alle estremità opposte del tavolo, e che tra due pani ogni due fossero deposti tre semi tubi, come canne a fessura d’oro, allo scopo di conservare i dolci .La tradizione ebraica afferma che, per rendere il pane più peculiare e consacrato fin dalla sua origine, i sacerdoti stessi eseguissero tutte le operazioni di semina, mietitura e macinazione del grano per il pane di paglia,  così come impastare e cuocere il pane  e preservarlo dalla muffa.  Gli Israeliti non sapevano nulla del pane lievitato fino a quando non andarono in Egitto, dove ottennero la conoscenza dagli egiziani civilizzati. Che abbiano lievitato il loro pane lo apprendiamo da Esodo XII. 34-39: ‘ E il popolo prese il loro impasto prima che fosse lievitato… cuocevano torte azzime della pasta che portavano fuori dall’Egitto, perché non era lievitata, poiché erano stati cacciati dall’Egitto e non potevano fermarsi, né avevano preparato per sé stessi alcuna provvista“. Il pane veniva talvolta immerso nell’olio ed era anche usato in sacrificio.

Nel libro xviii., 23, Plinio ci dà la modalità di macinazione del mais:” Tutti i grani non si rompono facilmente. In Etruria pestano il farro con un pestello calzato con ferro alla fine. In questo strumento il ferro è dentellato sul fondo, creste affilate che si esauriscono come il bordo di un coltello e si concentrano sotto forma di una stella, in modo che, se non si presta attenzione a tenere il pestello perpendicolarmente mentre si martella, i grani saranno solo scheggiati e i denti di ferro rotti. In tutta la maggior parte d’Italia, invece, impiegano un pestello che è solo ruvido alla fine, e ruote girate dall’acqua, per mezzo delle quali il mais viene gradualmente macinato. Esporrò qui le opinioni espresse da Mago in merito alla miglior metodo di martellamento. Dice che il grano dovrebbe essere immerso prima di tutto in acqua, e poi pulito dalla buccia, dopo di che dovrebbe essere asciugato al sole e poi pestato con il pestello “.

Sia i Greci che i Romani originariamente macinavano la loro farina e cuocevano il pane a casa, e mulini e panetterie sono stati trovati in diverse case private a Pompei. Una di queste panetterie era attaccata alla casa di Sallustio, sul lato sud, essendo divisa da essa solo da una strada stretta.

Cina

L’agricoltura in Asia iniziò non nella parte orientale, ma nell’Asia occidentale, dove grano, orzo, altre colture e alcuni animali come pecore e capre furono addomesticati ben prima del 10.000 a.C. In Cina, resti archeologici del periodo neolitico rivelano siti agricoli risalenti al settimo millennio a.C., ma l’agricoltura potrebbe essere iniziata prima, con l’uso della ceramica circa 14.000-10.000 a.C. confermato. Durante le fasi iniziali dell’agricoltura cinese tra l’8 ° e l’inizio del 6 ° millennio a.C., almeno due gruppi di società umane si convertirono dal loro iniziale stile di vita cacciatore-raccoglitore alla produzione di cereali. Sulla base di prove provenienti da diversi siti nel nord della Cina, il miglio proso (Panicum milieaceum, chiamato anche miglio di ginestra) e il miglio a coda di volpe (Setaria italica) furono le principali colture iniziali delle famose culture Peilikang, Yangshao e Seutong e dei loro gruppi successivi. Questi insediamenti prosperi, situati nelle fertili aree dell’alto e medio

Il riso (Oryza sativa) era il principale cereale precoce del sud, dove erano presenti entrambe le sottospecie della coltura, indica e japonica. Questi sono stati identificati in molte località, tra cui siti famosi come Pengtoushan, Lixian County, Henan (8.200-6.20 a.C.); Bashidang, Contea di Lixian, Henan (6.000-5.000 a.C.); Jiahu, Contea di Wuyang, Henan (6.000-5.000 a.C.); e il sito di Hemudu (6.800-5.000 a.C.) nel basso bacino del fiume Yangtze. Tra le “cinque piante sacre coltivate” dell’antica Cina che si pensa risalgano all’imperatore Chinnong nel 2.700 a.C., quattro erano cereali (riso, orzo, grano e miglio) e il quinto era la soia. L’orzo e il grano, originari del Vicino Oriente, furono probabilmente introdotti in Cina alla fine del Periodo Neolitico e sono stati autenticati dalle ossa dell’oracolo Shang (1.766-206 a.C.). L’orzo potrebbe essere stato addomesticato contemporaneamente nelle parti centro-occidentali e occidentali della Cina, dove fiorì per un lungo periodo prima che iniziasse una significativa coltivazione del grano. Il grano è chiaramente un’introduzione dai territori occidentali, divenne una delle principali colture nel nord della Cina solo durante la dinastia Han (206 a.C.-220 d.C.).

L’agricoltura ha sempre avuto un ruolo di primo piano nella politica cinese ed è incorporata nelle loro osservanze religiose e una profonda venerazione per esso è inscritta in tutte le istituzioni in Cina. Tra i diversi gradi della società, i coltivatori della mente sono al primo posto, poi quelli della terra, al terzo vengono i produttori e infine i mercanti. L’omaggio all’agricoltura è fatto ogni anno dall’imperatore, che indice una cerimonia, la cui origine risale a più di 2000 anni fa, era stata interrotta da principi degenerati, ma è stata rianimata da Yong-tching, il terzo della dinastia Mantchoo. Questo anniversario si svolge il 24 ° giorno della seconda luna, in coincidenza con il nostro mese di febbraio. Il monarca si prepara per questo digiunando tre giorni; poi si raduna in un luogo stabilito con tre principi, nove presidenti degli alti tribunali, quaranta vecchi e quaranta giovani mariti. Dopo aver compiuto un sacrificio preliminare dei frutti della terra a Sharig-ti, la divinità suprema, prende per mano l’aratro e fa un solco di una certa lunghezza, in cui è seguito dai principi. Un festival annuale, in onore dell’agricoltura, viene celebrato anche nella capitale di ogni provincia. Sebbene il riso sia il cereale di base in uso in Cina, la coltivazione del grano è una delle principali industrie nelle parti settentrionali e centrali di quel paese. Il terreno, soprattutto nelle province settentrionali, non è adatto alla coltivazione del grano. Immediatamente dopo il primo scioglimento della neve, quando il terreno è diventato sufficientemente indurito dal gelo, questi campi di grano vengono trasformati in pascoli, secondo la teoria che, con un taglio tempestivo delle cime di queste piante, le colture cresceranno con ulteriore forza in primavera. La trebbiatura del grano è l’interesse principale del farjning cinese. A causa della scarsità di carburante, il grano viene solitamente tirato su dalla radice, impacchettato in covoni e trasportato al mien-chong, uno spazio di terreno liscio e indurito vicino alla casa del contadino. La parte superiore dei covoni viene quindi tagliata da una macchina manuale. Il grano viene quindi lasciato asciugare nel mien-chong. Quando il grano è completamente asciutto, viene battuto sotto un grande rullo di pietra trainato da cavalli.Dopo che il grano è stato lasciato asciugare per alcune ore sotto il sole cocente, viene riposto in ariosi bidoni di bambù. Il processo di fresatura è molto antico. Due grandi ruote rotonde in pietra blu, con scanalature tagliate ordinatamente nelle facce su un lato, e al centro della ruota inferiore viene utilizzata una spina di legno massiccio. Il processo di produzione della farina di grano con questo macchinario è chiamato mob-mien. Di solito viene impiegato un cavallo o un mulo; i poveri, non avendo animali, macinano il grano da soli. Vengono così prodotte tre distinte qualità di farina. Quando il pane è ottenuto da una lavorazione grezza, assomiglia al pan di zenzero ruvido. Questo di solito è il cibo delle famiglie più povere. Il pane dei cinesi viene solitamente fermentato e poi cotto a vapore. Solo una piccolissima quantità viene cotta nei forni. Nel nord della Cina il cibo è costituito da miglio e patate dolci. Grano e riso sono il cibo dei ricchi, mentre le classi medie dell’Impero mangiano miglio e riso. Nelle province meridionali l’intero pane è di riso. A King-Kiang, il grano viene servito come riso.

Poiché il cibo è principalmente riso bollito, è ovvio che i panettieri non sono numerosi, il pane appare solo ai tavoli dei mandarini di alta classe. È principalmente sostituito da biscotti fantasiosi e innumerevoli tipi di pasticceria, fatti non solo con farina di frumento, ma anche con quella di riso: questi servono come veicoli per le varie marmellate e composte di frutta, per le quali i cinesi sono famosi. I fornai sono più rigorosamente pasticceri, e possono essere visti ogni giorno, impegnati nei loro negozi, a cuocere torte di farina di riso e mandorle, macinate di ogni forma immaginabile e arricchite con spezie.

Grano e orzo

Storicamente, il grano e l’orzo, originari dell’Asia occidentale (Bonjean e Picard, 1990), sono conosciuti in Cina con il nome comune di mai, che significa grano. Resti di grano (Triticum aestivum), chiamato xiao mai o piccolo grano, e orzo (Hordeum vulgare), chiamato da mai o grano grande, si trovano molto raramente nei siti neolitici cinesi. Nel 1957, un fossile di grano fu scoperto in un sito di Yangshao a Dongguanmiao, nella provincia di Henan, risalente a circa il 5.000 a.C., e nel 1958, chicchi di grano carbonizzati furono trovati in siti neolitici a Diaoyutai, Anhui. Non è chiaro se il grano fosse coltivato nella Cina centro-orientale durante quel periodo, ma poiché entrambe le colture erano ben consolidate in Afghanistan e in altri territori più vicini alla Cina, potrebbero essere state introdotte nella Cina nord-occidentale dai commercianti. Chicchi di grano e d’orzo datati al carbonio al 2.650 a.C. sono stati recentemente trovati nel sito archeologico di Xishanping nella Cina nord-occidentale, il che suggerisce anche che il grano si è diffuso verso est in Cina. Se così fosse, il corridoio del Gansu sarebbe stato il percorso chiave. Attualmente, le più antiche tracce archeologiche della coltivazione del grano in Cina, probabilmente corrispondenti alla coltivazione locale, sono state scavate a Kongque He, nello Xinjiang, e a Diaoyutai nell’Anhui. La datazione al carbonio di questi resti indicava 2.000 a.C. per il primo e 3.000-2.000 a.C. per il secondo. La maggior parte dei primi resti di grano sono stati datati tra il 2.500 a.C. e il 1.500 a.C., suggerendo che il grano fu introdotto in Cina intorno al 2.000 a.C.. Gran parte di questi resti sono concentrati nella zona medio-bassa del Fiume Giallo. Ciò suggerisce che potrebbe essere esistito un altro percorso, o che c’erano diversi percorsi attraverso i quali il grano entrava e si diffondeva in Cina, ad esempio, attraverso le praterie mongole, attraverso il Tibet o lungo le aree costiere del sud e sud-est asiatico. Queste introduzioni di grano (probabilmente in ondate successive dal Vicino Oriente) sono state tardive rispetto al suo uso in Egitto e in Europa, il che potrebbe spiegare perché quasi tutti i grani cinesi sono esaploidi. Ad esempio, è anche certo che il grano fosse coltivato nel sito Haimenkou del 2.000 a.C. di Jianchuan, una contea dello Yunnan, suggerendo un’introduzione sud-occidentale. Spighe di grano carbonizzate, insieme a oggetti in bronzo, ceramiche, gres, manufatti in corno e resti di animali, sono state recentemente scavate lì. Alcuni autori sostengono che l’orzo è stato probabilmente introdotto in Cina prima del grano, o che la significativa produzione di orzo è iniziata prima, perché il suo grano è più morbido del chicco di grano e può essere mangiato come porridge o arrostito, quindi pestato in farina e mescolato con acqua, tè, miele o burro, una preparazione simile all’attuale tsampa tibetana. È anche possibile che l’orzo sia stato addomesticato in Cina separatamente dal Vicino Oriente nel terzo e secondo millennio a.C., dato che nel 1970, i botanici hanno scoperto l’orzo selvatico (H. spontaneum) in Tibet, Yunnan e Sichuan, dove sono note sia forme di orzo decorticate che nude. In ogni caso, la Cina sud-occidentale, così come gran parte dell’Himalaya, è una regione in cui si è verificata la diversificazione e l’addomesticamento dell’orzo. Nelle prime fasi dell’uso del grano e dell’orzo, la popolazione cinese li considerava inferiori al miglio. Gli inverni freddi e le brevi estati della Cina nord-occidentale e settentrionale significavano che inizialmente venivano coltivati solo tipi invernali. Più tardi, l’espansione del grano e dell’orzo nelle aree orientali più diverse che avevano una migliore umidità anche in inverno, oltre ai progressi nella gestione dell’acqua, fornì l’opportunità di coltivare grano invernale e orzo a rotazione con miglio estivo, piselli e grano saraceno. Le iscrizioni della dinastia Shang dimostrano che il grano era una delle principali colture dell’Henan settentrionale. Shijing, il Libro dei Cantici, scritto durante il periodo Zhou occidentale (1.066-771 a.C.) menziona il grano molte volte, indicando che era ampiamente coltivato lungo la parte centrale e inferiore della Valle del Fiume Giallo prima del VI secolo a.C. Il Fan Scheng-Chih Su (ortografia corrente: Fan Sheng Zhi Shu), un trattato sull’agricoltura (I secolo a.C.), suggerisce di mettere i semi di grano per una notte in un leggero decotto di pisello e di deiezioni del baco da seta prima di metterli nel terreno.

Durante la dinastia Han (206 a.C.-220), furono documentati sia il grano primaverile che quello invernale. Il grano piantato in inverno fu spostato nella media valle dello Yangtze e il grano primaverile fu coltivato nel nord dell’Hebei. Il grano è stato introdotto in Cina non solo attraverso la famosa “Via della Seta” settentrionale dal Turkmenistan, che passa attraverso lo Xinjiang nello Shaanxi.  Diversi studi su un gene inibitore gametocida, sui geni della necrosi e sugli isoenzimi della beta-amilasi indicano molteplici vie attraverso le quali il grano potrebbe essere stato introdotto da ovest, tra cui una rotta del Myanmar, una rotta tibetana e una rotta marittima. La rotta del Myanmar è iniziata in Afghanistan e ha raggiunto Yunnan e Sichuan attraverso Pakistan, India e Myanmar. La via di introduzione tibetana era probabilmente legata al buddismo o alla diffusione pre-buddista proveniente dall’India e che raggiungeva il Tibet attraverso il Nepal o le montagne del Pamir, per poi diffondersi nel Sichuan, nello Shaanxi e nella Mongolia Interna. Nell’ultima rotta, il grano è stato portato in barca nel sud della Cina dalle coste indiane o pakistane. È stato anche dimostrato che il grano è stato successivamente portato dalla Cina alla Corea e poi al Giappone. Prima della dinastia Han, il grano era una prelibatezza riservata all’aristocrazia. Durante il periodo Han, lo sviluppo di mulini a base animale e ad acqua, più potenti dei mulini a mano, permise una significativa produzione di grano e di farina di grano e la preparazione di tipici prodotti a base di pane a base di farina della Cina settentrionale, come pane a vapore, noodles e gnocchi. . Si stima che, entro la metà del XVII secolo, il grano rappresentasse il 50% degli alimenti di base nel nord della Cina e il 5% nel sud. Da quel momento, l’espansione del grano in Cina non si è fermata.

Triticum spelta (T. aestivum subsp. spelta).

È un ibrido di farro e un’erba selvatica Aegilops tauschii, probabilmente originario del Medio Oriente circa 6000 A.C da dove si è diffuso, arrivando in Europa circa 2000 A.C. Era una specie di grano importante in Europa fino all’epoca romana a poppa, mentre altre specie divennero dominanti, anche se è rimasto una delle principali colture cerealicole in aree isolate, principalmente in Germania e Svizzera. Il farro è stato introdotto negli Stati Uniti nel 1890 ma nonostante il suo più alto contenuto proteico è stato presto sostituito dal grano da trebbiatura libera che ha dato una resa più elevata. Poiché il farro è più resistente, tollerante ai terreni poveri e richiede meno fertilizzanti del grano, è diventato popolare nell’agricoltura biologica ed è recentemente riapparso come alimento salutare. Si sostiene che gli individui con determinate allergie al grano possono consumare farro, anche se poiché contiene glutine non si può presumere che sia adatto a persone celiache. Il farro ha una composizione nutrizionale simile al grano duro. La sua concentrazione di glutine lo rende adatto alla cottura. I prodotti a base di farro sono disponibili attraverso negozi di alimenti biologici come cereali, farina e alimenti trasformati come pasta, cereali per la colazione, pane e torte. In Germania i semi acerbi sono tostati, chiamati Grünkern (semi verdi), e considerati un alimento “gourmet” per l’uso in pane, zuppe ..

TEFF  Eragrostis teff. I nomi comuni includono Lovegrass e Annual Bunch Grass. Si ritiene che il teff abbia avuto origine in Etiopia tra 4000 e 1000 A.C., da dove deriva il suo nome amarico che significa “perso” a causa delle piccole dimensioni del grano. I grani sono di colore da marrone rossastro a bianco. È ampiamente coltivato in Etiopia ed Eritrea dove è il cereale di base e usato per fare injera, un tondo etiope, pane acido fatto fermentando l’impasto liquido per giorni. Un sottile strato di pasta viene versato su una padella unta riscaldata per fare un pancake che viene mangiato in piccole quantità di vari piatti. Il teff è anche usato con l’orzo per fare una birra tradizionale chiamata tella. Il teff è coltivato in misura minore in Yemen, Kenya, Malawi, Stati Uniti, India e per il pascolo in Sud Africa e Australia. Il grano ha un alto contenuto di minerali, tra cui calcio e ferro. Il teff è più ricco di proteine rispetto al grano tenero e all’orzo, ma simile al grano duro e al farro.

Segale, Secale cereale L., 1753)

La segale è una coltura importante nelle parti più fredde dell’Europa settentrionale e centrale e della Russia, coltivata fino al Circolo Polare Artico. La pianta è estremamente resistente e può crescere in terreni sabbiosi a bassa fertilità. La segale probabilmente ha avuto origine da tipi di erbacce nella Turchia orientale e nell’Armenia adiacente, ma non è vecchia come il grano. La segale viene utilizzata per fare il cosiddetto pane nero (Schwartzbrot), compreso il pumpernickel, anche se il pane può variare di colore perché la segale può essere mescolata con quella del grano che schiarisce il colore e aggiunge glutine. Come il grano, la segale produce un pane lievitato ma è inferiore al grano nella qualità della panificazione perché il suo impasto è meno elastico e ritentivo ai gas. Il pane di segale ha un caratteristico sapore più forte rispetto al pane di grano, ha un contenuto energetico inferiore, è più alto in minerali e fibre e le sue proteine hanno un contenuto di lisina più elevato. Un cosiddetto processo di pasta acida, che coinvolge la fermentazione dell’acido lattico, può essere utilizzato nella panificazione. Il pane croccante scandinavo, knaeckebrot, ha un’ampia popolarità grazie alla sua consistenza e alle eccellenti proprietà di conservazione. La segale è utilizzata per produrre whisky in America, gin nei Paesi Bassi e birra in Russia. Le giovani piante sono usate come foraggio per il bestiame.

 

Un ottimo prodotto contenente  Acetylcarnitina è Alato 25, disponibile qui o in farmacia.

ALATO 25 (lafenicesas.it)

 

DiAlessandra Zarone

Acetylcarnitina e Carnitina

Acetylcarnitina e Carnitina

Acetilcarnitina è indicato per:

Affaticamento mentale, perdita di memoria, mancanza di attenzione

L’attuale terapia dei disturbi dell’umore ha diverse limitazioni. Sebbene un elevato numero di farmaci sia clinicamente disponibile, ad oggi, quasi due terzi degli individui non raggiungono la remissione sintomatica completa dopo il trattamento con antidepressivi convenzionali. Inoltre, di solito sono necessarie diverse settimane di trattamento farmacologico per ottenere effetti clinici, una limitazione che ha notevoli implicazioni cliniche, che vanno dall’alto rischio di suicidio alla ridotta conformità. Il caratteristico ritardo nell’efficacia antidepressiva classica ha dato grande impulso alla ricerca di nuove terapie con effetti più rapidi. L-acetilcarnitina (LAC), una piccola molecola di crescente interesse per le sue proprietà farmacologiche, è attualmente commercializzata per il trattamento del dolore neuropatico. Recenti dati preclinici e clinici hanno suggerito che il LAC può esercitare effetti antidepressivi con un esordio più rapido rispetto ai farmaci convenzionali.

L’acetil-carnitina è una sostanza naturale per il corpo. Si forma facilmente nelle cellule con l’aggiunta enzimatica di un gruppo acetile alla carnitina. La carnitina, è una versione modificata della lisina amminoacido. Gli enzimi possono facilmente convertire la carnitina in acetil-carnitina e ritorno, in base alle esigenze metaboliche della cellula. Quindi, all’interno della cellula, acetil-carnitina e carnitina sono essenzialmente intercambiabili. La principale differenza tra acetil-carnitina e carnitina è che l’acetil-carnitina viene assorbita più facilmente dall’intestino e attraversa più facilmente la barriera ematico-encefalica. Come integratore, l’acetil-carnitina ha alcuni vantaggi.

La carnitina svolge un ruolo importante nella combustione dei grassi per l’energia e nel traghettamento degli acidi grassi attraverso le pareti dei mitocondri, dove vengono ossidati e trasformati in energia. Durante il suo viaggio di ritorno dall’interno dei mitocondri, riporta gruppi acetili e altri piccoli frammenti prodotti nell’ossidazione degli acidi grassi. Il ruolo della carnitina nel metabolismo dei grassi lo porta ad influenzare, in una certa misura, tutto l’altro metabolismo energetico nella cellula, compresa la combustione dei carboidrati. In questo modo può essere collegato al metabolismo del glucosio, all’insulina e alla sindrome metabolica. Alcuni autori hanno suggerito che il suo importante ruolo nella combustione dei grassi lo rende anche utile nelle diete per la perdita di peso e la maggior parte della salute generale.

Otteniamo una fornitura costante di carnitina nella nostra dieta, soprattutto se mangiamo carne. (In effetti, il nome carnitina deriva dalla parola latina per carne.) Sebbene la maggior parte delle diete forniamo carnitina più che sufficiente, i nostri corpi hanno la capacità di fare il nostro rifornimento attraverso un’azione enzimatica sull’amminoacido licina. Con questo processo si pensa che anche i vegetariani rigorosi siano in grado di fornirsi quantità adeguate di carnitina1. Ci sono alcune malattie ereditarie in cui la produzione o l’assorbimento della carnitina è carente; tuttavia, queste malattie sono rare.

Poiché la maggior parte di noi lo mangia, e tutti noi lo facciamo, non è del tutto chiaro se sia necessario o addirittura utile integrare le diete di persone sane con carnitina o acetil-carnitina. Ci possono essere circostanze in cui l’integrazione potrebbe essere utile. Ad esempio, è stato scoperto che i livelli di carnitina diminuiscono significativamente man mano che invecchiamo2. Ci sono prove convincenti che 1,5-3 g al giorno di acetil-carnitina possono migliorare la funzione cognitiva degli individui nelle fasi più lievi e iniziali del morbo di Alzheimer. Non è chiaro se l’acetil-carnitina migliora la cognizione dando una spinta all’attività mitocondriale nel cervello, o rendendo disponibili più gruppi acetili da utilizzare nella sintesi del neurotrasmettitore acetilcolina nel cervello. I livelli di acetilcolina sono diminuiti in molte forme di demenza e la maggior parte dei farmaci utilizzati per il trattamento del morbo di Alzheimer aumentano la disponibilità di acetilcolina prevenendo la sua distruzione enzimatica nel cervello.

Recentemente si è scoperto che l’acetil-carntina può essere utile nel trattamento della depressione nei pazienti anziani. Nella maggior parte dei casi, i pazienti anziani negli studi avevano sia depressione che qualche tipo di demenza. Tuttavia, in uno studio, i pazienti erano depressi ma non avevano demenza. Pertanto, gli effetti benefici dell’acetil-carnitina non sono interamente dovuti al miglioramento della funzione cognitiva compromessa. L’acetil-carnitina e la sostanza strettamente correlata alla propionil-carnitina, spesso utilizzata in Europa ma non negli Stati Uniti, possono anche essere utili nel trattamento della sindrome da affaticamento cronico.

Gli enzimi che metabolizzano il grasso nella cellula sono sempre in comunicazione chimica con quegli enzimi che metabolizzano il glucosio. Tale comunicazione può spiegare come la carnitina somministrata per via endovenosa sia in grado di migliorare i livelli di glucosio nel siero e l’utilizzo in pazienti con diabete di tipo II. Un’altra scoperta rilevante è che l’acetil-carnitina può alleviare il dolore e la funzione anomala nei pazienti con neuropatia periferica diabetica. Lo stress ossidativo e le quattro vie primarie di danno che crea, sono principalmente responsabili dei danni neuropatici nel diabete. Recenti prove suggeriscono che l’acetil-carnitina può offrire una certa protezione dai danni ossidativi, e questa protezione può anche estendersi al cervello.

Ci sono prove da studi umani e animali che la carnitina, o la sua forma più facilmente assorbita, l’acetil-carnitina, può in una certa misura migliorare la tolleranza al glucosio, la sensibilità all’insulina, i lipidi sieri e la funzione cognitiva. Può anche offrire una certa protezione dai danni ossidativi. Depressione e affaticamento possono essere migliorati. Forse la caratteristica migliore dell’acetil-carnitina è che è una sostanza naturale con pochissime probabilità di produrre effetti avversi.

Acetil L-carnitina e la L-carnitina sono lo stesso amminoacido, ma in forme diverse. Funzionano anche in modo molto diverso.

L-carnitina è usata più da persone che stanno cercando di perdere peso, come esso aiuta a conversione gli acidi grassi trovati nel corpo in una fonte di energia naturale.

Acetil L-carnitina è la versione acetilata della L-carnitina, che ha la capacità di attraversare la barriera ematoencefalica, che aiuta a migliorare le funzioni del cervello.

La carnitina, derivata da un amminoacido, si trova in quasi tutte le cellule del corpo. Il suo nome deriva dal latino carnus o carne, poiché il composto era isolato dalla carne. Carnitina è il termine generico per una serie di composti che includono L-carnitina, acetil-L-carnitina e propionil-L-carnitina.

La carnitina svolge un ruolo fondamentale nella produzione di energia. Trasporta gli acidi grassi a catena lunga nei mitocondri in modo che possano essere ossidati per produrre energia. Trasporta anche i composti tossici generati da questo organello cellulare per prevenirne l’accumulo. Date queste funzioni chiave, la carnitina è concentrata in tessuti come il muscolo scheletrico e cardiaco che utilizzano gli acidi grassi come combustibile alimentare.

Asparago e carnitina

Si trova nelle regioni native e temperate in Europa, Nord Africa e Asia, l’asparago è coltivato in tutto il mondo come ortaggio. I germogli crescono in teneri steli verdi (e, se al riparo dalla luce solare, bianchi) in primavera. La radice viene raccolta dopo che i germogli sono stati tagliati. Parti usate Radice, germogli. Costituenti Gli asparagi contengono glicosidi steroidei (asparagosidi), glicosidi amari, asparagina e flavonoidi. L’asparagina è un forte diuretico.

A giudicare dagli antichi disegni tombali egiziani, gli asparagi venivano coltivati già nel 4000 A.C. Nel I secolo D.C., il medico greco Dioscoride raccomandava un decotto di radice di asparagi per migliorare il flusso di urina e per trattare problemi renali, ittero e sciatica.

Asparagus officinalis (asparagi)

Parti usate: Giovani germogli, rizomi. Proprietà Un’erba s riparatrice e purificante che agisce sull’intestino, sul fegato e sui reni. Contiene acido asparagusico, che è nematocida. I germogli sono cotti a vapore e serviti caldi o freddi come verdura, e passati o tritati finemente in zuppe.

L’asparago è un forte diuretico utile per una varietà di problemi urinari, tra cui la cistite. È anche utile per le condizioni reumatiche, aiutando a “lavare” i prodotti di scarto accumulati nelle articolazioni fuori dal corpo nelle urine. L’asparago è anche amaro, leggermente lassativo e sedativo. Attenzione Non prendere se si soffre di malattie renali.

E’ un membro della famiglia Liliaceae ed è originario dell’Europa centrale e meridionale, del Nord Africa e dell’Asia occidentale e centrale. Fu coltivato dagli antichi egizi, greci e romani, ma perse la sua popolarità nel Medioevo, riconquistandolo nel XVII secolo.

Varie specie di asparagi sono usate in medicina in modi simili. La maggior parte contiene asparagina, un diuretico che conferisce all’urina un odore caratteristico in coloro che non hanno il gene per scomporlo.

Asparagus  officinalis è un membro della famiglia Liliaceae ed è originario dell’Europa centrale e meridionale, del Nord Africa e dell’Asia occidentale e centrale. Fu coltivato dagli antichi egizi, greci e romani, ma perse la sua popolarità nel Medioevo, riconquistandolo nel XVII secolo.  Oggi è coltivata in tutto il mondo, con gli Stati Uniti come il più grande produttore (una sottospecie distinta, ssp. prostatus è una pianta rara che si trova in alcune parti del Regno Unito e dell’Europa). La parte mangiata è il giovane germoglio o ‘lancia’, che cresce dal portinnesto tra la fine di aprile e l’inizio di luglio e viene tagliato quando 20-30 cm di altezza. I germogli giovani e non emersi vengono talvolta raccolti come asparagi bianchi. L’asparago verde è una delle verdure più deliziose, essendo leggermente cotta e servita con burro, salsa bianca o vinaigrette; gran parte del raccolto è surgelato o in scatola. Gli asparagi verdi freschi contengono circa il 3% di proteine, pochi grassi, il 2% di zucchero, 0,3 mg / 100 g di carotene e 12 mg di vitamina C / 100 g. Gli asparagi bianchi contengono piccole quantità di vitamine e minerali. I germogli che vengono lasciati sul portinnesto si allungano per formare steli molto ramificati di circa 1,5 m di altezza, che portano grappoli di ‘cladodi’ aghiformi (rami modificati che funzionano come foglie) nelle ascelle delle foglie di squama (ridotte). I piccoli figli di sesso maschile e femminile giallastro o verde pallido sono normalmente portati su piante separate, singolarmente o in gruppi di due o tre, alle giunzioni dei rami. Occasionalmente vengono prodotti fiori ermafroditi. Il frutto è una bacca piccola e rotonda, rossa a maturità.

Asparagus cochinchinensis, syn. A. lucidus, Melanthium cochinchinensis (asparagi cinesi)

Apsaragus cochinchinensis è stato menzionato per la prima volta nei testi medici cinesi C. A. D.200. A. officinalis è stato coltivato per oltre 2.000 anni come ortaggio e come erba medicinale con notevoli effetti diuretici e lassativi. In comune con molte piante medicinali popolari, è stato dato il nome di officinalis per riconoscere il suo status di “officinale” – una pianta con una lunga storia commerciale come erba medicinale.

Parti usate: Tuberi (tian men dong). Proprietà Un’erba antibatterica e purificante che controlla la tosse, elimina la congestione bronchiale, lenisce l’infiammazione, agisce come diuretico e aumenta la salivazione. Usi dell’erba medicinale internamente per febbre, debilitazione, mal di gola, tosse, rinite, difterite, tubercolosi e bronchite.

Medicinale internamente per cistite, pielite M, malattie renali, reumatismi, gotta e edema da insufficienza cardiaca. L’acido asparagusico M è usato per trattare la schistomiasi.

Asparago. racemosus (shatavari)

Il nome comune di A. racemosus, shatavari, significa “colei che possiede cento mariti”, e si riferisce all’effetto ringiovanente dell’erba sugli organi riproduttivi femminili. Nelle regioni native e temperate in Europa, Nord Africa e Asia, l’asparago è coltivato in tutto il mondo come ortaggio. I germogli crescono in teneri steli verdi (e, se al riparo dalla luce solare, bianchi) in primavera. La radice viene raccolta dopo che i germogli sono stati tagliati.

È anche utile per le condizioni reumatiche, aiutando a “lavare” i prodotti di scarto accumulati nelle articolazioni fuori dal corpo nelle urine. L’asparago è anche amaro, leggermente lassativo e sedativo.

Parti usate: Rizomi.

Proprietà

Un’erba lenitiva e tonica che agisce principalmente sugli organi riproduttivi circolatori, digestivi, respiratori e femminili. Usi dell’erba medicinale internamente per infertilità, perdita di libido, aborto spontaneo minacciato, problemi di menopausa, iperacidità, ulcere gastriche, dissenteria e infezioni bronchiali.

Esternamente è indicato per rigidità nelle articolazioni e nel collo. L’erba più importante nella medicina ayurvedica per le donne, come ashwagandha (Withania somnifera) è per gli uomini. Utilizzato internamente dagli aborigeni australiani per disturbi digestivi ed esternamente per le piaghe.

Un ottimo prodotto contenente  Acetylcarnitina è Alato 25, disponibile qui o in farmacia.

ALATO 25 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Ginko Biloba

Ginko Biloba

L’albero di Ginkgo (Ginkgo biloba L.), è l’unico  sopravvissuto della famiglia delle Ginkgoacee, apparsa più di 150 milioni di anni fa, ed è spesso chiamato un ”fossile vivente”. Si estinse in Europa durante l’era glaciale. Il suo nome deriva dalle parole cinesi sankyo o yin-kuo, che significa “albicocca di collina” o “frutto d’argento”, a causa dei frutti maturi a forma di albicocca e colore giallo.

Sebbene G. biloba e altre specie del genere fossero un tempo diffuse in tutto il mondo, si ridussero due milioni di anni fa in una piccola area della Cina nella provincia di Zhejiang nella Cina orientale, nella riserva di Tian Mu Shan. La foglia di ginkgo è il simbolo della scuola Urasenke della cerimonia del tè giapponese. L’albero è l’albero nazionale della Cina.

Nella medicina cinese, Ginkgo biloba (Ginkgoaceae) è stato usato per trattare la perdita di memoria a breve termine, vertigini e mancanza di attenzione, disturbi polmonari. La resistenza estrema sembra essere una caratteristica degli alberi di ginkgo, in quanto è resistente a insetti, microrganismi dannosi, tossine ambientali della civiltà moderna.

La prima pubblicazione riguardante l’uso interno delle foglie di Ginkgo biloba per scopi medici risale al 1505 d.C. in un testo di Wen-Tai, Ben Cao Pin Hue Jing Yaor. G. biloba era utilizzato per trattare i membri anziani della corte reale. Le moderne farmacopee cinesi hanno introdotto le foglie di Ginkgo biloba per il trattamento delle disfunzioni del cuore e dei polmoni.

Medicina folclorica

Un importante uso tradizionale cinese del ginkgo è nel trattamento dell’asma bronchiale.

Foglie e frutti vengono raccolti in autunno. Le noci all’interno dei frutti sono una prelibatezza in Asia e sono vendute nei negozi di alimentari asiatici, possono essere arrostite o bollite, aggiunte alle pietanze o consumate come spuntino.

I semi di Ginkgo sono usati per alleviare il respiro asmatico e ridurre la flemma, sono indicati per perdite vaginali, vescica indebolita e incontinenza.

La polpa del frutto viene macerata in olio vegetale e dopo cento giorni viene assunta per via orale per la tubercolosi. L’estratto in acqua calda del frutto è preso come antielmintico. L’estratto in acqua calda della foglia viene assunto per via orale come vermifugo, per l’asma e la senilità. I semi crudi vengono mangiati e il decotto del seme viene assunto per via orale per il cancro. I semi, fritti in padella, vengono mangiati per la tubercolosi.

Il seme è anti-tosse, espettorante, antiasmatico e nell’infiammazione della vescica. In Cina, le foglie di Ginkgo biloba sono state utilizzate anche nell’asma e nei disturbi cardiovascolari.

Iran

 

L’estratto in acqua calda delle foglie secche viene assunto per via orale per i disturbi della vista, associati ad anomalie della circolazione sanguigna, infiammazione e per migliorare la perdita di memoria. Gli estratti di etanolo (90% e 95%) sono assunti per via orale come dilatatore arterioso e stimolatore della circolazione arteriosa.

 Corea

L’estratto in acqua calda del seme viene assunto per via orale per indurre il travaglio e come abortivo.

La scoperta di Ginko biloba

Il medico e botanico tedesco Engelbert Kaempfer descrisse per la prima volta l’albero nel suo libro “Amoenitatum Exoticarum”, 1712, dopo una visita in Giappone. Il primo albero di ginkgo europeo fu piantato a Utrecht, in Olanda, nel 1730, e nel 1800 il gingko si era naturalizzato in tutta Europa. Si ritiene che il più antico albero di ginkgo in Germania (circa 200 anni) si trovi sul terreno del castello di Wilhelmshohe vicino alla città di Kassel. Goethe scrisse una poesia Ginkgo biloba sulla foglia di ginkgo bilobata nel 1815 dopo aver camminato per i terreni del castello di Heidelberg, e fece piantare diversi alberi di ginkgo vicino alla sua casa estiva a Weimar. L’albero di Ginkgo era tra le specie di piante che si rigenerarono attivamente dopo l’esplosione della bomba atomica di Hiroshima del 1945. Almeno fino al 1993, un esemplare è rimasto nel giardino Shukukein che si trova a circa 1.400 metri dall’ipocentro dell’esplosione.

Molti prodotti G. biloba sono entrati nel mercato e l’estratto di G. biloba è ora tra i farmaci a base di erbe più venduti in tutto il mondo. Oggi vengono coltivati oltre 50 milioni di alberi di G. biloba, in particolare in Cina, Francia e Carolina del Sud negli Stati Uniti, producendo circa 8000 tonnellate di foglie essiccate ogni anno. In India, G. biloba è visto ad alta quota in Kumaun Himalaya.

Usi medicinali contemporanei

Recentemente, l’estratto di G. biloba è stato utilizzato come uno dei potenziali rimedi erboristici per migliorare le funzioni cognitive e per trattare il morbo di Alzheimer e i sintomi dell’insufficienza cerebrale.

I cinesi usano la pianta in medicina da millenni, ma molte delle applicazioni moderne provengono dalla ricerca di scienziati tedeschi.

 Le foglie e il loro estratto sono utilizzate per curare la cattiva circolazione e per equilibrare il flusso sanguigno al sistema nervoso centrale. L’attuale medicina cinese utilizza estratti di foglie di ginkgo nelle medicazioni per ferite. Le proprietà vasoattive dei principi del ginkgo possono svolgere un ruolo in questa applicazione. Le foglie verdi essiccate dell’albero di ginkgo forniscono il farmaco grezzo da cui si ottengono gli estratti di ginkgo. Le foglie possono essere raccolte da alberi coltivati o dallo stato selvatico.

  • Ginko biloba rallenta il deterioramento cerebrale e offre una protezione contro ictus, perdita di memoria, acufene, ipertonia e angina pectoris.
  • È utile in caso di demenza, deficit di memoria, disturbi della concentrazione, depressione, vertigini, acufene e mal di testa.
  • Aumenta la tolleranza all’ipossia e presenta un effetto anti-ischemico, migliora la fluidità del sangue, diminuisce l’aggregazione piastrinica ed eritrocitaria, riduce la viscosità del plasma e del sangue. L’estratto diminuisce anche la permeabilità dei capillari e protegge la membrana cellulare, intrappolando i radicali liberi deleteri.
  • Il farmaco viene utilizzato per le funzioni cerebrali disturbate che provocano vertigini e mal di testa, con labilità emotiva e ansia. Il ginkgo ha dimostrato di migliorare la concentrazione e i deficit di memoria a causa della malattia arteriosa occlusiva periferica.

Studi clinici

 

L’estratto di G. biloba è derivato dalle foglie essiccate dell’albero di ginkgo, dove l’estratto vegetale standardizzato contiene il 24% di ginkgo-flavonglicosidi e il 6% di ginkgo-terpenoidi lattoni come costituente attivo che hanno effetti neuroprotettivi e vasotropici

Tradizionalmente, G. biloba è stato usato come agente nootropico e antiossidante nell’insufficienza cerebrovascolare, principalmente in pazienti con deterioramento cognitivo. Prove recenti hanno dimostrato l’effetto ansiolitico di G. biloba. Nel presente studio, l’assunzione giornaliera di 120 mg di G. biloba per 6 settimane ha ridotto i livelli di ansia in un gruppo di rifugiati.

I risultati di questo studio hanno dimostrato che l’EGb 761 potrebbe migliorare l’efficienza degli antipsicotici, in particolare sui sintomi positivi, nei pazienti con schizofrenia.

 

Diversi studi hanno studiato il ruolo di G. biloba nel migliorare l’affaticamento fisico. È stato dimostrato che G. biloba migliora i sintomi di affaticamento, la resistenza fisica e le attività della vita quotidiana. I rifugiati sono ad alto rischio di sviluppare affaticamento fisico che può limitare le loro attività quotidiane a causa della mancanza di: cibo adeguato e sano, alloggi confortevoli, farmaci, ore di sonno e di avere una scarsa qualità di vita.

Ginko biloba è stato prescritto globalmente nell’insufficienza cerebrale associata a disfunzione cognitiva, che si manifesta clinicamente come demenza e mancanza di concentrazione, specialmente in volontari sani, anziani e pazienti con malattia di Alzheimer. L’estratto di Ginkgo biloba è stato utilizzato terapeuticamente per diversi decenni per aumentare il flusso sanguigno periferico e cerebrale, nonché per il trattamento della demenza.

Ginkgo biloba ha i seguenti effetti farmacodinamici:

  • È un antiossidante
  • Provoca vaso regolazione
  • Inibisce l’aggregazione piastrinica
  • Riduce l’edema cerebrale
  • Migliora il recupero funzionale dopo ischemia
  • Migliora, accelera e prolunga l’attivazione della microglia e dell’astrocitosi nel sito della lesione cerebrale.

 

L’estratto di Ginkgo biloba EGb 761

Intorno al 1965, i preparati di G. biloba furono introdotti nel mondo occidentale dal Dr. Willmar Schwabe scoprì che gli estratti dalle foglie di Ginkgo biloba erano efficaci per il trattamento dei disturbi arteriosi periferici e cerebrali soprattutto nei pazienti anziani, di conseguenza ha proceduto a sviluppare un estratto standardizzato, designato con il nome in codice EGb 761. Un primo brevetto è stato concesso per l’estratto nel 1971 in Germania e nel 1972 in Francia, con cui l’estratto di Ginko è stato arricchito di glicosidi flavonolici al 24%. Un ulteriore brevetto è stato concesso nel 1989 caratterizzato dal’aggiunta di trilattoni terpenici al 6% e rimozione di componenti indesiderati dall’estratto, come gli acidi ginkgolici, che sono noti allergeni. La ricerca scientifica più specifica e significativa su EGb 761 è stata avviata alla fine degli anni 1970 quando sono diventati disponibili modelli patologici adatti.

A seguito del miglioramento dei metodi esistenti e della disponibilità di tecnologie più sofisticate, è stato fatto uno sforzo supremo per aumentare le conoscenze riguardanti tutti gli aspetti scientifici di EGb 761, dalla biologia dell’albero e della sua coltivazione all’ottimizzazione della qualità dell’estratto e alla scoperta dei segreti dei suoi meccanismi d’azione.

I flavonoidi del ginkgo, per lo più derivati della rutina, sono efficienti spazzini dei radicali liberi. Sappiamo da studi sperimentali su animali e umani che la rutina alza la soglia per l’infiltrazione di sangue dai vasi capillari, un effetto generalmente descritto come diminuzione della fragilità capillare. I ginkgolidi inibiscono il fattore di attivazione piastrinica (PAF). Bioregolatore sintetizzato nelle membrane cellulari dei mammiferi in risposta a vari stimoli, il PAF media varie risposte fisiologiche e, quando eccessivo, può avviare processi fisiopatologici. Induce l’aggregazione piastrinica nel sangue e funziona come mediatore chiave nei processi infiammatori allergici. I recettori PAF sono stati rilevati in vari tessuti, incluso il cervello. L’aggregazione piastrinica indotta da PAF è nota per verificarsi in zone di ischemia incompleta, ad esempio alla periferia di un’area infartuata.

La somministrazione sistemica dell’estratto di Ginkgo biloba ha dimostrato di migliorare il recupero funzionale dopo una varietà di lesioni. Ha effetti protettivi, tra cui la sua azione anti-ischemica-antiedema, l’attività di pulitura dei radicali liberi. Inoltre, l’estratto di Ginkgo biloba potrebbe manifestare i suoi effetti benefici attraverso la modifica della proliferazione indotta da lesioni Quando si verifica un danno tissutale, gli astrociti e le microglia sono le prime cellule ad essere attivate. Fino a poco tempo fa, si credeva che il ruolo degli astrociti nel cervello ferito fosse limitato alla formazione di tessuto cicatriziale, separando la morte dal tessuto sano. Si pensava che le cellule microgliali fossero confinate a una funzione principalmente fagocitica, cioè la rimozione di detriti tissutali dopo un trauma. Ora, è ampiamente riconosciuto che gli astrociti e le microglia svolgono un ruolo più fondamentale nel processo di recupero ristabilendo l’omeostasi, sintetizzando e rilasciando sostanze neuro attive e innescando una reazione immunitaria orchestrata all’interno del cervello stesso. Questi eventi sono chiamati attivazione gliale.

Negli studi sugli effetti farmacologici di G. biloba, in particolare sugli effetti nel sistema nervoso centrale, rivelano che EGb 761 :

  • Migliora la cognizione
  • Ha affetti antiossidanti
  • Aumenta il flusso sanguigno cerebrale
  • Modifica la neurotrasmissione e protegge contro l’apoptosi.

 

Diversi studi clinici per l’utilizzo di EGb 761 per il trattamento della demenza e delle funzioni cognitive associate all’Alzheimer, hanno concluso che EGb 761 ha un significativo effetto sulle misure oggettive della funzione cognitiva nei malati di Alzheimer, senza effetti avversi significativi. Sono stati studiati gli effetti di diversi costituenti degli estratti di Ginkgo biloba, cioè flavonoidi e terpenoidi, contro la tossicità indotta sulle cellule dell’ippocampo, un’area cerebrale particolarmente suscettibile ai danni neurodegenerativi. EGb 761 media gli effetti neurotossici del glutammato che sono implicati in lesioni cerebrali ipossiche / ischemiche.

Ci sono prove di efficacia per l’estratto standardizzato EGb 761, nel trattamento dell’acufene da tre studi in pazienti in cui l’acufene era la lamentela primaria. L’acufene si verifica occasionalmente in circa il 10 % della popolazione e influisce significativamente sulla qualità della vita in circa l’1 %. La sensazione uditiva può essere molto fastidiosa, tanto che il paziente soffre di una compromessa capacità di concentrazione e relax, tale disturbo influisce sull’umore, causa depressione, rabbia e ansia. L’efficacia di EGb nel trattamento delle vertigini e dell’acufene, non associati alla demenza, è stata testata in otto studi con risultati per lo più positivi. Un recente studio in doppio cieco controllato con placebo in 99 pazienti ambulatoriali ha confermato l’efficacia terapeutica dell’estratto di ginkgo per questa indicazione.

 

EGb 761 È un noto inibitore del fattore di attivazione piastrinica (PAF), che è importante nella patogenesi dell’asma. Ginko biloba può essere utile per il trattamento dell’asma.

Recentemente, l’attività antibatterica di metanolo, etanolo, cloroformio ed estratti di esano delle foglie di G. biloba dell’Himalaya è stata valutata rispetto a cinque ceppi patogeni animali e vegetali: Agrobacterium tumefaciens, Bacillus subtilis, Escherichia coli, Erwinia chrysanthemi e Xanthomonas phaseoli.

Oltre a questi usi medicinali molto specifici, l’estratto di foglie di Ginkgo ha proprietà neuroprotettive, cardioprotettive, antistress, miglioramento della memoria, effetti su disturbi geriatrici e disturbi psichiatrici. Ha proprietà anticancro, previene la  degenerazione maculare legata all’età , cura ansia e depressione.

L’estratto di foglie di Ginkgo viene utilizzato sia come antiossidante, anti-piastrinico, anti-ipossia, anti-edematoso, antibatterico, afrodisiaco, in quanto contiene    dozzine di composti chimici, tra cui flavonoidi e lattoni terpenici, che sono considerati i composti attivi. Sebbene le azioni farmacologiche di questi composti non siano ancora note, numerosi studi suggeriscono che il Ginkgo biloba ha i seguenti effetti farmacodinamici:

  • Vasoregolazione
  • Antagonismo del fattore di attivazione piastrinica
  • Regolazione dei neurotrasmettitori
  • Proprietà antiossidanti

 

EGb 761 ha effetti diretti contro la necrosi e l’apoptosi dei neuroni e migliora la plasticità neurale. A livello molecolare e cellulare, alcune evidenze ottenute con modelli animali indicano che EGb 761 può interagire come spazzino dei radicali liberi e inibitore della perossidazione lipidica, regola l’equilibrio ionico nelle cellule danneggiate ed esercita una specifica e potente attività antagonista del fattore di attivazione piastrinica. Numerosi studi clinici ben controllati, realizzati in Europa e negli Stai Uniti, hanno rivelato che EGb 761 è una terapia efficace per un’ampia varietà di disturbi della funzione cerebrale, che vanno dalla compromissione cerebrale di origine vascolare ischemica (cioè demenza multi-infartuale), declino cognitivo precoce a casi da lievi a moderati dei tipi più gravi di demenze senili, incluso il morbo di Alzheimer.

Alcuni studi clinici hanno dimostrato che il trattamento con EGb 761 può migliorare la capacità dei pazienti geriatrici di far fronte allo stress della vita quotidiana, in quanto facilita l’adattamento comportamentale allo stress e può diminuire l’eccesso di rilascio di cortisolo.

Per quanto riguarda il sistema visivo, studi sperimentali hanno dimostrato che EGb 761 può inibire o ridurre i disturbi funzionali della retina derivanti da ischemia-riperfusione, foto degenerazione, retinopatia diabetica o proliferativa.

Studi clinici hanno rivelato che EGb 761 può essere utile nel trattamento di disturbi dell’attività visiva e danni al campo visivo associati a insufficienza cerebrovascolare cronica, degenerazione maculare senile e diabete mellito.

Studi adeguatamente controllati in pazienti con malattia occlusiva arteriosa periferica hanno fornito buone prove dell’efficacia terapeutica nella claudicatio intermittente.

Ha un effetto antiossidante nella lesione cerebrale ischemica.

La monografia della Commissione E del 1994 riassume le azioni farmacologiche sperimentalmente documentate di EGb 761 come segue:

 

  • Aumenta la tolleranza all’ipossia, specialmente nel tessuto cerebrale
  • Inibisce lo sviluppo di edema cerebrale post-traumatico o indotto da tossine e ne accelera la risoluzione.
  • Riduce l’edema retinico e le lesioni retiniche
  • Inibisce il fattore di attivazione piastrinica (PAF) ed esercita un effetto neuroprotettivo

 

Gli effetti collaterali sono molto rari e consistono in lievi disturbi gastrici, mal di testa o reazioni allergiche cutanee. Non ci sono interazioni note con altri farmaci. Sette casi di emorragia in pazienti che assumevano prodotti contenenti ginkgo sono stati riportati in letteratura. L’antagonismo dei ginkgolidi al fattore di attivazione piastrinica è stato citato come possibile causa. Non c’è stato alcun caso in cui un nesso causale definito possa essere stabilito tra emorragia e uso di ginkgo. Nonostante alcune preoccupazioni teoriche sul potenziale di interazione con farmaci che fluidificano il sangue, diversi studi di interazione nell’uomo non hanno mostrato prove di interazioni con l’aspirina o con l’anticoagulante di tipo fenprocumone.

Il futuro di EGb 761 è senza dubbio nella promessa di rallentare la progressione della malattia di Alzheimer. In effetti, due recenti studi clinici americani hanno dimostrato l’efficacia e la sicurezza di EGb 761 in pazienti con malattia di Alzheimer da lieve a grave e demenza multi-infartuale. In termini clinici, la progressione dei sintomi è stata ritardata di circa sei mesi. In realtà nuovi studi clinici sono intrapresi negli Stati Uniti e in Europa.

A causa del travolgente successo di EGb 761 in Europa e del crescente interesse per i “farmaci naturali”, un gran numero di estratti di Ginkgo biloba (diversi da EGb 761) sono stati commercializzati, sia negli Stati Uniti ai sensi del “Dietary Supplement Health and Education Act” che in Europa come “prodotti dietetici, omeopatici e / o fitoterapici”.

Un ottimo estratto di Ginko biloba EGb 761 è BioAttivo Biloba, disponibile qui Ginkgo Biloba – Memoria – Microcircolazione (pharmanord.it)o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Papaver somniferum e Betaina

Papavero e Betaina

In questo articolo illustrerò le piante che contengono betaina ed i loro utilizzo nella tradizione folclorica

 Betaina è’ indicata per:

Bruciore allo stomaco, gonfiore o eruttazioni, pesantezza allo stomaco, infezione cronica da candida, frequenti indigestioni, alito cattivo, allergie alimentari, parassiti intestinali cronici, cibo non digerito nelle feci.

E’ contenuta nel Papaver Somniferum

Papavero da oppio ( Papaver somniferum )

Il papavero è originario della regione mediterranea. Gli scavi archeologici rivelano che i Sumeri usavano i semi di papavero oltre 6.000 anni fa. La pianta è stata coltivata nella regione del Medio Oriente per oltre 3.000 anni. I semi erano usati dagli egiziani, dai greci e dai romani. I semi erano usati dagli egiziani, dai greci e dai romani.

Il papavero era usato in medicina come rilassante e per alleviare il dolore. I medici in Europa hanno raccomandato il papavero per alleviare i crampi mestruali, calmare i nervi e migliorare il sonno.  Nei primi anni del 1800, la morfina e la codeina furono isolate dal papavero, il che creò enormi problemi con le loro proprietà di dipendenza. In Medio Oriente, i semi sono usati per fermare le emorragie dal naso e alleviare il dolore. I semi sono macinati e fatti per addensare e aromatizzare il cibo. I petali dei fiori sono usati come agente colorante alimentare. L’olio è un ingrediente alimentare, oltre ad essere utilizzato in saponi, pitture e vernici.

Proprietà documentate

Abortivo, analgesico, antibatterico, antidiarroico, antinfiammatorio, antispasmodico, antitosse, astringente, calmante, carminativo, decongestionante, demulcente, diaforetico, emolliente, espettorante, febbrifugo, emostatico, ipotensivo, narcotico (lieve), nervino, sedativo, sudorifero, tonico, tranquillante.

La famiglia delle Papaveraceae è cosmopolita e si trova in climi temperati e subtropicali. La sua distribuzione principale è intorno alla regione mediterranea e al Medio Oriente. La maggior parte dei generi si trova in Asia, Europa e Nord Africa; e alcuni in Nord America, Sud Africa e Australia.

Il papavero da oppio è stato coltivato in Turchia e in altre parti del mondo fin dai tempi antichi. L’Anatolia è importante come patria e fonte culturale del papavero da oppio. Le fonti più antiche di informazioni scritte sul papavero da oppio e sull’oppio sono tavolette cuneiformi sumere. I Sumeri che regnarono nel 5000 a. C. ,in Mesopotamia. È noto che il papavero da oppio fu coltivato dai Sumeri nel 3300 a.C. I Sumeri la chiamavano “la pianta della gioia”. Gli Ittiti (2000 a.C.) coltivavano papavero da oppio in Anatolia e lo chiamarono “Hassikka”. Si ritiene che questo sia un prenome dell’odierno haşhaş in turco. Inoltre, lo stesso nome si riferisce anche a “dormire” e “tranquillizzare” in lingua ittita. Tra i tanti pani degli Ittiti esiste un pane con miele e semi di papavero. Una moneta della città coniata nel 330 a.C. dai Romani a Şuhut, in Turchia, raffigura un frutto di grano e papavero. Inoltre, una dea della città, regge un mazzo di papaveri da oppio, è raffigurata nelle monete Emirdağ e Şuhut.

Dioscoride di Anazarba (Kozan, Adana) descrive la coltivazione del papavero da oppio e la produzione di oppio nella sua Materia Medica, stampata nel 1 secolo A.C.

Il papavero da oppio è anche considerato come una delle piante più antiche d’Europa. I dati archeologici rivelano che il papavero da oppio era stato coltivato e utilizzato nell’Europa occidentale e centrale dal 4600 al 3800 a.C. Le aree di coltivazione erano concentrate nella regione alpina. Semi e frutti di papavero da oppio sono stati scoperti negli scavi in Svizzera. Inoltre, i semi di papavero da oppio sono stati scoperti anche in Spagna, Paesi Bassi, Grecia e Cipro. Questo dimostra la coltivazione e l’uso diffuso del papavero da oppio nei tempi antichi. Si pensa inoltre che la prima coltivazione del papavero da oppio si sia verificata in Europa. Il ricercatore francese Belon che aveva visitato la Turchia nel 1516-1519, disse che “i turchi coltivano il papavero da oppio buono come il grano francese”. Evliya Chelebi, 1611 – 1684) scrittore ottomano, considerato uno del XVII secolo. menzionò nel suo famoso Libro dei Viaggi Seyahâtnâme che l’Anatolia occidentale interna era descritta come la “terra dell’oppio” e il papavero da oppio era la principale fonte di reddito degli abitanti di Afyonkarahisar e dei suoi dintorni. Akbar shah dell’Impero Moghul (1543-1605) iniziò la coltivazione del papavero da oppio in India, tuttavia, la sua coltivazione fu raggiunta dalla Compagnia delle Indie Orientali, fondata dalla Gran Bretagna. All’inizio del XVIII secolo, i mercanti portoghesi commerciavano oppio coltivato in India in Cina.

Il papavero è utilizzato principalmente per scopi farmaceutici e terapeutici. L’oppio che si ottiene raccogliendo l’essudato lattiginoso è stato usato negli ultimi 6.000 anni, è il farmaco più usato nella storia. L’oppio ha proprietà analgesiche, antidiarroiche, narcotiche e antitosse. L’isolamento della morfina dall’oppio nel 1804, da parte dello scienziato tedesco Sertürner, ha aperto un’era e la ricerca sugli alcaloidi dell’oppio si è intensificata nel corso degli anni, ma l’interesse per l’oppio è continuato fino ad oggi. La ricerca ha dimostrato che l’attività dell’oppio è dovuta ai suoi alcaloidi. I cinque principali alcaloidi sono: morfina, codeina, tebaina, noscapina e papaverina sono stati ampiamente utilizzati. Essendo ricco di proteine, olio e materiali di base non azotati è un prezioso mangime per animali soprattutto per bovini da carne e bufali d’acqua. Il famoso formaggio Afyon kaymağı è fatto con il latte del bufalo d’acqua .

Un ottimo prodotto contenente Betaina è Alato 35, disponibile in farmacia o qui ALATO 35 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Curcuma e Betaina

Curcuma e Betaina

In questo articolo illustrerò le piante che contengono betaina ed i loro utilizzo nella tradizione folclorica

 Betaina è indicata per:

Bruciore allo stomaco, gonfiore o eruttazioni, pesantezza allo stomaco, infezione cronica da candida, frequenti indigestioni, alito cattivo, allergie alimentari, parassiti intestinali cronici, cibo non digerito nelle feci.

E’ contenuta nella Curcuma

Curcuma

Curcuma (Zingiberaceae) C. longa (curcuma) è uno degli aromi e coloranti alimentari più comuni nella cucina asiatica. Recenti studi hanno anche mostrato significativi effetti antinfiammatori e epatoprotettivi. C. longa e C. aromatica, entrambi originari dell’India, sono stati descritti nella medicina cinese nel VII secolo. Il termine yu jin è applicato a C. aromatica da solo e a una miscela di tuberi di C. aromatica, C. longa e C. zedoaria. Seguono per importanza C. aromatica e C. longa C. amada (zenzero di mango), una specie indiana candita o in salamoia, e C. zedoaria (zedoary), che ha applicazioni simili a Zingiber officinale  ed è usato in Cina per trattare il cancro cervicale. C. aromatica (curcuma selvatica) .

Parti utilizzate

Rizomi (yu jin). Erba pungente, amara, rinfrescante che migliora la digestione e stimola la cistifellea e il sistema circolatorio, controllando sia il sanguinamento che sciogliendo i coaguli.

Usi dell’erba medicinale

Internamente per ittero, sangue dal naso, emorragia interna, mestruazioni dolorose, shock, dolori al petto associati a bassa energia epatica e angina.

Curcuma longa, syn. C. domestica (curcuma, haridra)

Parti usate:

Rizomi (jiang huang).

Erba pungente, amara, astringente con un odore caratteristico e un colore giallo intenso. Stimola i sistemi digestivo, circolatorio e respiratorio e l’utero, normalizza il flusso di energia e ha effetti antinfiammatori e antibiotici.

Usi dell’erba Culinaria :

È un ingrediente essenziale del curry in polvere.

Medicinale utilizzato internamente per disturbi digestivi e cutanei, cattiva circolazione, tumori uterini, ittero, malattie del fegato e problemi mestruali. E’spesso combinato con Berberis vulgaris o Mahonia aquifolium per disturbi del fegato e diabete. Esternamente per lesioni, piaghe e tigna.

Utilizzato come colorante alimentare naturale, è fonte di coloranti arancioni e gialli per seta e lana, in particolare come colorante per le vesti dei monaci buddisti. I rizomi del raccolto vengono cotti a vapore o bolliti, prima dell’essiccazione e della macinazione per l’uso in decotti, pillole, impacchi e polveri.

Curcuma longa (C. domestica)

Appartiene alla famiglia dello zenzero, Zingiberaceae, ed è una pianta simile allo zenzero, anche se le foglie sono molto più larghe. Ancora una volta, il gambo tuberoso sotterraneo o il rizoma costituisce la spezia. La curcuma è stata coltivata nel sud-est asiatico, forse da C. aromatica. È un importante costituente del curry in polvere, non solo fornisce un aroma ma contiene forti pigmenti gialli (il principale è la curcumina) che colorano il cibo. La curcuma è un importante colorante giallo nell’Asia meridionale, il suo uso in Europa è stato sostituito da coloranti all’anilina. Viene utilizzato per colorare vari prodotti alimentari, ad esempio la senape in polvere. Un’oleoresina è prodotta dalla curcuma.

Curcuma zedoaria (Zingiberaceae)

Erba perenne con foglie grandi, affusolate, ellittiche, fiori rosa o gialli e una radice aromatica di colore giallo pallido.

Zedoaria è una pianta comune indiana e dell’Asia orientale. È coltivata in India, Bangladesh, Indonesia, Cina e Madagascar. Parte usata: rizoma.

Costituenti: Zedoaria contiene un olio volatile, sesquiterpeni, curcumemone, curcumolo e curdione. Curcumolo e curdione hanno proprietà antitumorali.

Azioni e usi medicinali:

È uno stimolante digestivo aromatico e amaro, usato per alleviare indigestione, nausea, flatulenza e gonfiore e, in generale, per migliorare la digestione. Il rizoma è usato in Cina per trattare alcuni tipi di tumori. Negli studi condotti in Cina, è stato scoperto che tale rimedio riduce il cancro cervicale. Nella fitoterapia cinese, la zedoaria è spesso sostituita dalla curcuma.

Curcuma longa syn. C. domestica (Zingiberaceae) Curcuma, Haldi (Hindi), Jiang Huang (cinese)

La curcuma è un rimedio prezioso per le condizioni artritiche e della pelle.

E’ originaria dell’India e dell’Asia meridionale ed è ora coltivata in tutti i tropici.

Componenti chiave

Azioni chiave della resina:

Antinfiammatorio

Abbassa i livelli di colesterolo

Antimicrobico

Anti-piastrinico (fluidificazione del sangue)

Vi è un nuovo interesse per la curcuma. Nonostante il suo uso di lunga data in India e Cina, le azioni terapeutiche della curcuma non sono state studiate fino agli ultimi decenni, quando c’è stato un aumento di interesse per alimenti e farmaci che abbassano i livelli di colesterolo o hanno proprietà antiossidanti.

La ricerca dal 1970 in poi, soprattutto in India, ha teso a confermare gli usi tradizionali della radice. La ricerca ha stabilito che la curcuma, e la curcumina in particolare, blocca diversi percorsi infiammatori, contrastando l’infiammazione in tutto il corpo. La curcuma è in gran parte presa come integratore per prevenire o curare il cancro, la demenza e molte malattie autoimmuni. Il pepe nero è tradizionalmente assunto con curcuma per aumentare la sua efficacia. Questo effetto è ora supportato dalla ricerca.

Curcumina:

E’ fortemente antibatterica e antiossidante

Colesterolo:

Gli studi clinici cinesi nel 1987 indicano che la curcuma abbassa i livelli di colesterolo.

Cancro:

La curcuma può essere un valido rimedio preventivo per coloro che sono a rischio di sviluppare il cancro, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Altre azioni:

La ricerca ha dimostrato che la curcuma ha un’azione anticoagulante, mantenendo il sangue sottile. Aumenta anche la produzione e il flusso della bile e ha un’azione protettiva sullo stomaco e sul fegato.

Usi tradizionali e attuali:

Migliora l’azione del fegato ed è un rimedio tradizionale per l’ittero, sia nella fitoterapia ayurvedica che in quella cinese.

È anche un’erba antica per problemi digestivi come gastrite e acidità, , aumenta la produzione di muco e protegge lo stomaco, allevia anche la nausea.

Artrite e allergie:

Anche se la curcuma non allevia il dolore, la sua azione antinfiammatoria la rende utile per l’artrite e altre condizioni infiammatorie come l’asma e l’eczema.

Disturbi circolatori:

Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, fluidificanti del sangue e ipocolesterolemizzanti, la curcuma viene ora utilizzata per ridurre il rischio di ictus e infarti.

Problemi della pelle:

Applica sulla pelle, la curcuma è utile nel trattamento di una serie di condizioni, tra cui la psoriasi e le infezioni fungine.

Nausea e cinetosi:

Sebbene sia meglio conosciuta per il suo colore giallo brillante e il gusto piccante nel cibo indiano, la curcuma è sempre più riconosciuta come un alimento medicinale con benefici per la salute quasi senza pari. La sua potente azione antinfiammatoria rende la curcuma un rimedio chiave in molti problemi di salute cronici, tra cui allergie, artrite, diabete e psoriasi.

Un ottimo prodotto contenente Betaina è Alato 35, disponibile in farmacia o qui ALATO 35 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Capsicum e Betaina

Capsicum e Betaina

In questo articolo illustrerò le piante che contengono betaina ed i loro utilizzo nella tradizione folclorica

 

E’ indicata per:

Bruciore allo stomaco, gonfiore o eruttazioni, pesantezza allo stomaco, infezione cronica da candida, frequenti indigestioni, alito cattivo, allergie alimentari, parassiti intestinali cronici, cibo non digerito nelle feci.

E’ contenuta nel Capsicum

Capsicum annuum e C. frutescens (Solanaceae) Cayenne, Pepe di Caienna, Peperoncino Cayenne

Un arbusto perenne e appuntito che cresce fino a 3 piedi (1 m), con frutti conici rosso scarlatto pieni di semi bianchi. Cayenne è così popolare in Messico che è persino usato per aromatizzare il gelato.

Habitat e Coltivazione

Originaria delle regioni tropicali delle Americhe, la cayenna fu introdotta per la prima volta in Europa nel 16 ° secolo. In cucina, è rinomata per il suo sapore caldo e bruciante, in medicina, è un potente stimolante riscaldante. Agisce sulla circolazione e sulla digestione ed è usato per trattare una vasta gamma di disturbi, da artrite e geloni a coliche e diarrea.

 

Cayenne è originaria delle Americhe tropicali ed è ora coltivata in tutti i tropici, specialmente in Africa e in India. Il frutto viene raccolto a maturità in estate e viene essiccato all’ombra.

Specie correlate

Esistono molte specie e varietà strettamente correlate di C. frutescens, tutte con diversi gradi di piccantezza.

Paprika, o pepe ungherese (uno dei peperoni più delicati), e i grandi peperoni verdi e rossi che vengono mangiati come verdure sono entrambe varietà di C. annuum e sono importanti alimenti medicinali.

Azioni chiave :

Stimolante

Tonico

Carminativo

Allevia gli spasmi  muscolari

Antisettico

Aumenta la sudorazione

Aumenta il flusso sanguigno alla pelle

 

Capsaicina :

Un’ampia ricerca clinica mostra che la capsaicina, il composto in Cayenna principalmente responsabile del suo sapore caldo e pungente, ha una forte attività analgesica locale. Applicata sulla pelle, la capsaicina desensibilizza le terminazioni nervose e agisce come controirritante. È prescritta per il sollievo del dolore nevralgico. Può anche fornire un efficace sollievo dal dolore in condizioni come l’artrite e il mal di testa.

Usi tradizionali e attuali

Stimolante riscaldante: le qualità riscaldanti dell’erba lo rendono un valido rimedio per una cattiva circolazione. Migliora il flusso sanguigno alle mani, ai piedi e agli organi centrali.

Antimicrobico

Nella fitoterapia Maya, la cayenna è stata utilizzata per contrastare le infezioni microbiche. Diverse specie di Capsicum, tra cui la cayenna, sono ora note per avere una significativa attività antimicrobica.

L’aggiunta di cayenna al cibo, riduce le possibilità di sviluppare infezioni gastriche o intestinali e l’erba è spesso utilizzata dagli erboristi per trattare la gastroenterite e la dissenteria.

Usi esterni

Applicata localmente sulla pelle, la cayenna è leggermente analgesica. È anche rubefacente, aumenta il flusso sanguigno alla parte interessata, questo aiuta a stimolare la circolazione in condizioni reumatiche e artritiche “fredde”, aiuta la rimozione dei prodotti di scarto e aumenta il flusso di nutrienti ai tessuti. Cayenne può anche essere applicata ai geloni.

Usi interni

Cayenne è presa per alleviare gas e coliche. Migliora la digestione e la circolazione, stimola la secrezione dei succhi digestivi. Può essere assunto in piccole dosi frequenti per un cuore debole. Un pizzico di cayenna è eccellente se usato nei gargarismi per il mal di gola.

Un ottimo prodotto contenente Betaina è Alato 35, disponibile in farmacia o qui ALATO 35 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Origano e Betaina

Origano e Betaina

In questo articolo illustrerò le piante che contengono betaina ed i loro utilizzo nella tradizione folclorica

 Betaina è’ indicata per:

Bruciore allo stomaco, gonfiore o eruttazioni, pesantezza allo stomaco, infezione cronica da candida, frequenti indigestioni, alito cattivo, allergie alimentari, parassiti intestinali cronici, cibo non digerito nelle feci.

E’ contenuta nell’Origano

Origanum vulgare (Lamiaceae) Origano, Maggiorana selvatica

Parti usate Parti aeree, olio essenziale. Costituenti L’origano contiene un olio volatile (comprendente carvacrolo, timolo, beta-bisabolene, cariofillene, linalolo e borneolo), tannini, resina, steroli e flavonoidi. Sia il carvacrolo che il timolo sono antibatterici e antifungini.

Storia e Folklore

Stimato dagli antichi greci, l’origano era considerato un toccasana in epoca medievale. Era una delle piante medicinali coltivate dai primi coloni del New England.

Azioni e usi medicinali

L’origano e il suo olio sono fortemente antisettici, efficaci contro molti batteri e funghi, in particolare ceppi di E. coli e Candida. Può aiutare nel trattamento di  infezioni acute e croniche che colpiscono le vie gastrointestinali e respiratorie, in particolare gastroenterite, dissenteria, bronchite, tosse e tonsillite. Sia l’erba che l’olio inibiscono la flora intestinale e hanno un ruolo importante nella disbiosi intestinale, una condizione in cui la presenza di batteri intestinali nocivi porta a sintomi come gas, gonfiore e disagio addominale. L’olio diluito può essere applicato a mal di denti o articolazioni dolorose.

Precauzioni:

Non prendere come medicinale durante la gravidanza. L’uso esterno può causare irritazione della pelle. Non prendere l’olio essenziale internamente.

Majorana syriaca (L.) Rafi n. [Famiglia: Labiatea]

Arabo: Za’atar

Uso etnobotanico : raffreddori, vomito, malattie allergiche della pelle, dermatiti, mal di testa, problemi dentali, tonsillite e tosse. I beduini del Negev e del Sinai lo usano come trattamento per il raffreddore, bevono il tè preparato da questa pianta con un cucchiaino di zucchero. Il vomito viene trattato immergendo le foglie in acqua e facendo cadere l’acqua nelle narici della persona, per tre volte al giorno. Le malattie allergiche della pelle e la dermatite sono trattate come segue: le foglie vengono bollite in acqua e date al paziente da bere; anche il corpo di un bambino viene lavato con questa soluzione. Mal di testa, problemi dentali, tonsillite e tosse sono trattati con una miscela a base di foglie.

L’Origanum syriacum è una delle principali piante autoctone importanti nelle vicinanze della Terra Santa. La maggiorana siriana è un’erba aromatica perenne della famiglia della menta, Lamiaceae. Il nome comune locale di questa pianta è ” Za’atar ” o ” Ezov matzuy “. Questa erba è molto importante per la popolazione locale, con una lunga storia di usi tradizionali. E’ stata identificata come l’issopo biblico, menzionato nella Bibbia come pianta medicinale e antisettica.

La maggiorana siriana è conosciuta come rimedio per i vermi intestinali fin dai tempi di Gesù. Oggi, tra gli arabi israeliani, un tè viene preparato con le foglie, per alleviare raffreddori e dolori di stomaco. Gli ebrei yemeniti usano un infuso di issopo per alleviare i dolori del travaglio, in combinazione con salvia e varie foglie aromatiche, per ridurre il dolore di malattie cardiache, mal di testa e mal d’orecchi. Si ritiene che la pianta promuova la destrezza verbale e possa fungere da incantesimo contro la stregoneria. Un’indagine etnobotanica condotta in Israele ha rivelato i seguenti usi etnici della maggiorana siriana:

Per alleviare il mal di denti: le foglie verdi vengono schiacciate e poste sul dente dolorante.

Per trattare le infezioni gengivali: le foglie secche vengono schiacciate con sale e strofinate sull’area infiammata.

Per rafforzare la funzione cardiaca: il tè viene preparato con miele.

Per trattare le infezioni del tratto digestivo e del sistema urinario: viene preparato il decotto e vengono presi 2-4 cucchiai al giorno.

Per trattare il raffreddore: viene preparato un tè.

Per eliminare i vermi: Un estratto è fatto da foglie in olio d’oliva, lasciato per 2 settimane al sole, l’olio viene assorbito in zollette di zucchero e 1-3 cucchiaio vengono presi due volte al giorno.

 

Un  ottimo prodotto contenente Betaina è Alato 35, disponibile in farmacia o qui ALATO 35 (lafenicesas.it)

 

 

DiAlessandra Zarone

Basilico e Betaina

Basilico  e Betaina

In questo articolo illustrerò le piante che contengono betaina ed i loro utilizzo nella tradizione folclorica

E’ indicata per:

Bruciore allo stomaco, gonfiore o eruttazioni, pesantezza allo stomaco, infezione cronica da candida, frequenti indigestioni, alito cattivo, allergie alimentari, parassiti intestinali cronici, cibo non digerito nelle feci.

E’ contenuta nel Basilico

Basilico

Il basilico dolce, noto anche come basilico, è probabilmente originario dell’India. Oltre 150 varietà sono ora coltivate in tutto il mondo per il loro sapore distintivo e l’olio essenziale. Le foglie e le sommità fiorite vengono raccolte quando la pianta entra in fiore.

Parti Usate

Foglie, sommità fiorite, olio essenziale

Storia e Folklore

Nel suo I secolo a.C., nel Materia Medica, il medico greco Dioscoride descrisse la credenza africana secondo cui mangiare basilico dolce fermasse il dolore causato dalla puntura di uno scorpione. L’erba veniva utilizzata in epoca romana per alleviare la flatulenza, per contrastare l’avvelenamento, come diuretico, e per stimolare la produzione di latte materno.

Azioni e usi medicinali

Il basilico dolce agisce principalmente sul sistema digestivo e nervoso, alleviando flatulenza, crampi allo stomaco, coliche e indigestione. Può essere usato per prevenire o alleviare nausea e vomito e aiuta a uccidere i vermi intestinali. Ha un’azione leggermente sedativa, dimostrandosi utile nel trattamento di irritabilità nervosa, depressione, ansia e difficoltà a dormire. Può anche essere preso per l’epilessia, emicrania e pertosse.

L’erba è stata tradizionalmente somministrata per aumentare la produzione di latte materno. Applicate esternamente, le foglie agiscono come un repellente per insetti. Il succo delle foglie porta sollievo alle punture di insetti e alle punture. Il basilico dolce ha una consolidata azione antibatterica.

Uso etno-botanico: In Giordania, è usato come stimolante, diuretico, carminativo; i semi contengono mucillagini usate per trattare la gonorrea. È e afrodisiaco e aromatico. Nella penisola arabica, il basilico è una delle erbe più comunemente usate, come deodorante e afrodisiaco, indossato dagli uomini nella loro visita alle loro donne. Le donne lo mescolano con l’olio in una pasta e lo usano come cosmetico.

Un ottimo prodotto contenente Betaina è Alato 35, disponibile in farmacia o qui ALATO 35 (lafenicesas.it)

 

DiAlessandra Zarone

Cedro e Potassio

Cedro e Potassio

 

Il cedro, (Citrus medica L.) è uno dei tre agrumi primordiali (gli altri sono pummelo/ pomelo o pampaleone e il mandarino) da cui ha avuto origine la maggior parte degli altri agrumi.

Sebbene la buccia e gli estratti di cedro crudo siano molto apprezzati in Asia per i loro numerosi usi medicinali ,che vanno dall’Alzheimer al cancro al diabete alle ulcere ai parassiti intestinali, e come repellente per insetti, la maggior parte dei frutti coltivati nel bacino del Mediterraneo è usato per il rituale ebraico durante la festa autunnale del raccolto di Sukkot (Tabernacoli).

Il nome della specie medica indica che Linneo pensava che l’origine del cedro fosse in Medea / Persia (l’odierno Iran), e non si riferisce, come a volte erroneamente si pensa, al valore medicinale del frutto. Più recentemente, è stato determinato che il cedro è uno dei tre agrumi primordiali, gli altri sono il mandarino e il pommelo. Il punto di origine di tutte e tre le specie di agrumi è probabilmente la Cina sud-occidentale / India nord-orientale. Alessandro Magno è accreditato di aver portato il cedro dalla Persia al bacino del Mediterraneo intorno al 300 a.C., probabilmente per uso medicinale.

Gli ebrei che vivevano in Babilonia nel VI secolo a.C. usavano il cedro nei rituali religiosi, e i governanti persiani locali nell’antica Palestina / Giudea furono responsabili dell’introduzione del frutto nel Mediterraneo orientale. Fonti greche, romane, arabe ed ebraiche dall’antichità al medioevo si riferiscono tutte al cedro come fonte vegetale di ampio valore medicinale. Estratti e preparati del frutto e dei semi erano particolarmente apprezzati per la loro attività antitossica, sebbene frutta e foglie intere fossero anche usati come repellenti per insetti. Maimonide (XIII secolo) nel suo Trattato sulla guarigione, menziona i semi di cedro macinati, applicati freschi o secchi in un impiastro con radice di Colocinto, come particolarmente efficaci contro il veleno dello scorpione. Il suo contemporaneo ibn Taysan (Saladino d’Ascoli Salerno, circa XII secolo) raccomandava una riduzione del succo di cedro per contrastare il veleno in generale, oltre che per migliorare la funzionalità epatica e cardiaca, e come ingrediente nel lavaggio degli occhi. Estratti di semi, foglie e germogli sono usati come vermifugo. Gli oli essenziali della buccia hanno qualità antisettiche e antibiotiche. Questi oli aromatici sono anche la ragione per cui i cedri sono collocati negli armadi dei vestiti e nelle casse di stoccaggio per proteggere i tessuti da falene e altri insetti. Inoltre, l’albedo viene mangiato per migliorare la digestione, mentre gli estratti di frutto e talvolta di foglie, aiutano a ridurre i sintomi del morbo di Alzheimer, del cancro del diabete, delle ulcere, di reumatismi e tiene lontano gli spiriti maligni. Mangiare buccia cruda, buccia zuccherata o marmellata a base di cedri usati nella festa di Sukkot è facilitare il parto e migliorare la fertilità. Estratti di cedro migliorano la secrezione di insulina, alleviano i sintomi del diabete, hanno proprietà antiinfiammatorie, inibiscono la l’attività della colinesterasi.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Amaranto e Potassio

Amaranto e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare.

Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

Amaranto

Amaranthus hypochondriacus (Amaranthaceae) Amaranto

Originario dell’India, l’amaranto cresce spontaneamente in molti paesi, compresi gli Stati Uniti.

L’amaranto deriva dalla parola greca che significa “senza fronzoli”. Era sacro alla dea Artemide, adorato a Efeso, e si pensava che avesse speciali poteri curativi. Come simbolo di immortalità, è stato usato per decorare tombe e immagini degli dèi.

Azioni e usi medicinali

L’amaranto è un’erba astringente che viene utilizzata principalmente per ridurre la perdita di sangue e per trattare la diarrea.

Un decotto di amaranto è preso come rimedio in caso di sanguinamento mestruale pesante, perdite vaginali eccessive, diarrea e dissenteria. È anche usato come gargarismi per lenire l’infiammazione della faringe e per accelerare la guarigione delle afte.

Specie correlate

La quinoa (A. caudatus, noto anche come grano Inca) è un nutriente grano andino. È usato per fare il pane e viene mangiato in insalata. I semi di A. grandiflorus sono usati come alimento dagli aborigeni australiani.

  • Gli Aztechi credevano che la pianta avesse poteri soprannaturali e che i semi, una volta mangiati, avrebbero dato loro un’enorme forza.
  • In Perù, i fiori sono stati utilizzati per mal di denti e febbre. I fiori sono anche utilizzati in un tè per normalizzare il ciclo mestruale.
  • Nella tradizione popolare, è stato usato per guarire le ferite, fermare le emorragie dal naso, aiutare le piaghe della bocca e della gola, regolare l’eccessivo sanguinamento durante le mestruazioni, lenire l’infiammazione e per la diarrea.
  • I semi vengono consumati come cereali. Contengono un alto contenuto proteico e molti nutrienti essenziali e aminoacidi.
  • Le foglie sono usate come verdura.
  • Il pigmento rosso dei fiori viene utilizzato per colorare cibi e cosmetici.
  • L’olio è apprezzato nella cura della pelle per idratare la pelle secca, migliorare l’elasticità, ridurre le rughe, rallentare il processo di invecchiamento della pelle e fornire proprietà curative alla pelle danneggiata e pruriginosa.

 

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Vitis vinifera e potassio

Vitis vinifera e potassio

Uva

Vitis vinifera (Vitaceae)

L’uva è un vitigno rampicante originario dell’Asia. La vite cresce fino a circa 9 metri e ha fiori verdi che si sviluppano in frutti verdi dolci o rosso porpora.

Gli egiziani producevano vino fin dal 3500 a.C. e uva secca per fare l’uvetta prima di quel momento.

Riferimenti alle proprietà curative dell’uva possono essere trovati negli scritti degli antichi egizi, Ippocrate e degli altri medici greci e romani.

Originaria dell’Europa meridionale e dell’Asia occidentale, le uve sono coltivate nelle regioni temperate calde di tutto il mondo per i loro frutti e per produrre vino. Le foglie vengono raccolte in estate, il frutto in autunno.

Parti Usate:

Foglie, frutta, semi, linfa.

L’uva contiene flavonoidi, tannini, tartrati, inositolo, caroteni, colina e zuccheri. Il frutto contiene acidi tartarico e malico, zuccheri, pectina, tannino, glicosidi flavoni, antociani (nelle foglie rosse e nell’uva rossa), vitamine A, B1, B2 , C e minerali. Gli antociani riducono la permeabilità capillare.

Nicholas Culpeper nel 1652 esaltava le virtù della vite, descrivendola come “un albero del sole molto galante molto simpatico al corpo dell’uomo, e questa è la ragione per cui lo spirito del vino è il più grande cordiale tra tutti gli ortaggi“.

Azioni e usi medicinali

Le foglie di vite, in particolare le foglie rosse, sono astringenti e antinfiammatorie. Sono prese in infusione per trattare la diarrea, il sanguinamento mestruale pesante e l’emorragia uterina, come lavaggio per le ulcere della bocca e per le perdite vaginali. Le foglie rosse e l’uva sono utili nel trattamento delle vene varicose, delle emorroidi e della fragilità capillare. La linfa dei rami è usata come lavaggio degli occhi. L’uva è nutriente, leggermente lassativa, sostiene il corpo attraverso le malattie, in particolare del tratto gastrointestinale e del fegato. Poiché il contenuto di nutrienti dell’uva è vicino a quello del plasma sanguigno, i digiuni d’uva sono raccomandati per la disintossicazione. La frutta secca (uvetta o ribes) è leggermente espettorante ed emolliente, con un leggero effetto lenitivo della tosse. L’aceto di vino è astringente, rinfrescante e lenitivo per la pelle. Ricerca L’estratto di semi d’uva ha una potente attività antiossidante e circolatoria-protettiva. Normalizza la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, è un   rimedio preventivo e antiage che supporta una circolazione sana. Uno studio ha scoperto che l’estratto di semi d’uva riduceva il gonfiore delle gambe nelle donne sane che dovevano stare sedute al lavoro  per lunghi periodi di tempo. Studi recenti indicano anche che l’estratto di semi d’uva può essere utile nella steatosi epatica non alcolica e nel diabete di tipo 2.

L’olio di vinaccioli è prodotto dai residui di uve che sono state pressate per il vino. L’olio è ampiamente usato in creme, oli da massaggio e su persone allergiche ad altri oli.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it) o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Cacao e Potassio

Cacao e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare.

Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

Theobroma cacao (Sterculiaceae) Cacao, Cocoa

Il cacao è stato coltivato fin dall’antichità dagli indiani dell’America centrale tropicale, anche se la coltura probabilmente si è evoluta dal cacao selvatico nelle foreste amazzoniche. I fagioli (semi) della pianta furono portati da Colombo in Europa. La bevanda al cacao divenne popolare in Europa nel diciassettesimo secolo, Oggi, la pianta (famiglia Sterculiaceae) è coltivata in America centrale e meridionale, nelle Indie occidentali, nell’Africa occidentale e nel sud-est asiatico. I semi sono racchiusi in una polpa mucillaginosa. Nel paese di origine, i baccelli maturi vengono raccolti e divisi aperti per l’estrazione dei fagioli bagnati. Questi sono collocati in cumuli coperti, cesti o scatole di legno (“scatole di sudore”). I batteri e i lieviti nella polpa provocano la fermentazione dei fagioli (“stagionatura”). Il processo va avanti per alcuni  giorni, durante i quali la fermentazione provoca cambiamenti chimici nei fagioli, essenziali per lo sviluppo del caratteristico aroma di cacao. Dopo la fermentazione, i fagioli vengono essiccati. Sebbene il cacao sia una coltura tropicale, le fave secche vengono esportate nei paesi temperati per la lavorazione nelle fabbriche. Le fave vengono tostate e i loro gusci (rivestimenti di semi) vengono rimossi per dare gli  embrioni che vengono macinati per produrre la “massa di cacao”. A questo punto c’è una diversificazione. I gusci di fagioli di scarto sono inclusi nei mangimi per animali o utilizzati come fertilizzante e pacciame.

Originario del Messico e dell’America Centrale, il cacao è ora una delle principali colture in tutti i tropici. I baccelli dei semi vengono raccolti più volte all’anno e vengono tagliati direttamente dal tronco dell’albero (dove crescono). Un baccello contiene fino a 50 fagioli, con circa 900 del peso di (1 kg). Intorno al XV e XVI secolo, gli Aztechi, una cultura molto più recente nell’altopiano centrale del Messico coltivarono e il cacao. Fu documentato per la prima volta intorno al 1100 a.C. .Gli Aztechi e i Maya preparavano un cioccolato che aveva un sapore amaro Gli Aztechi chiamavano l’albero cacvaqualhitl, il frutto raccolto o baccelli cac-vacentli, i semi di cacao cachoatl e la pregiata bevanda a base di fagioli chocolatl.

Baccelli di cacao e immagini simili a viti di rami di alberi che portano baccelli hanno figurato nell’arte aborigena, come le stele Maya e i più recenti codici aztechi Scoperte archeologiche attestano che, nella penisola di Nicoya in Costa Rica, una bevanda a base di polpa a base di baccelli di cacao, era probabilmente utilizzata lungo le rotte commerciali Maya, ben stabilite già nel 600-200 D.C. a.C. La parola “cioccolato” deriva da chócolatl, il nome dato a questo albero dagli Aztechi. Nel 1720, Cotton Mather, un predicatore americano e storico della natura, elogiò il cacao, scrivendo che la pianta “fornisce agli indiani pane, acqua, vino, aceto, brandy, latte, olio, miele, zucchero, aghi, filo, lino, vestiti, berretti, cucchiai, cesti, carta e legname, rivestimenti per le loro case, alberi, vele, corde per le loro navi e medicina per le loro malattie; e cosa si può desiderare di più?”

Medicina folclorica e moderno utilizzo del cacao

Sebbene il cacao sia più spesso usato come alimento, ha anche un valore terapeutico come stimolante del sistema nervoso. In America Centrale e nei Caraibi, i semi sono presi come tonico per cuore e reni. La pianta può essere usata per trattare l’angina e come diuretico. Il burro di cacao (l’olio fisso) è un buon balsamo per le labbra ed è spesso usato come base per supposte. Il potente mix di polifenoli nella polpa di semi non trasformati è stato l’obiettivo principale della ricerca sul cacao. Questi hanno un’attività protettiva sul cuore e sui vasi sanguigni, in particolare sostengono i capillari o la microcircolazione. Sembra anche avere un’attività antidiabetica, in quanto stimola il pancreas a regolare i livelli di zucchero nel sangue in modo più efficace. Altri potenziali usi del cacao che sono stati studiati includono la prevenzione della carie, come aiuto alla perdita di peso, come alimento preventivo per il cancro e come trattamento per l’affaticamento cronico.

Nella Mesoamerica precolombiana, il cioccolato preparato non era dolce. In effetti, era spesso amaro a causa dei peperoncini aggiunti. Le fave di cacao venivano prima essiccate al sole, tostate e poi macinate su metates (piattaforme concave per la macinazione a pietra) con un po ‘d’acqua e altri ingredienti aggiunti, che vanno dalla vaniglia (ricavata da un’orchidea originaria del Messico e dell’America centrale, Vanilla planiflia Jackson) al mais e all’achiote (i semi rossi essiccati, chiamati annatto o bixin in inglese, dalla boscaglia Bixa orellana). La pasta risultante era modellata in piccole torte e conservata fino all’uso. Il chocolatl della bevanda era fatto mescolando un pezzo di una torta di pasta di cacao con acqua in un recipiente di zucca; l’achiote macinato dava alla bevanda un colore rossastro per assomigliare al sangue. Facendo cadere la miscela tra i recipienti di zucca, la bevanda era preparata con una consistenza leggera e schiumosa. Per il popolo Maya, i baccelli di cacao erano simboli di fertilità, vita e cibo degli dèi. Usavano il cioccolato per scopi cerimoniali e credevano che il cioccolato avesse proprietà medicinali. Credevano anche che il consumo di cacao desse saggezza e potere e usassero il cacao come valuta. Nel 1492 Colombo portò le fave di cacao dall’America all’Europa, ma a quel tempo non erano interessanti per gli europei. Hernan Cortez nel 1528 portò il cacao in Spagna insieme al segreto della produzione di xocoatl. In Spagna, zucchero, vaniglia, noce moscata, chiodi di garofano, pimento e cannella furono stati aggiunti alla ricetta. Tuttavia, le barrette di cioccolato non furono prodotte fino al XVIII secolo, quando sono stati prodotti mulini meccanici per spremere il burro di cacao dalla massa di cacao, il cioccolato al latte è stato prodotto per la prima volta nel 19 ° secolo da Daniel Peter e Henry Nestle. Rodolphe Lindt inventò un processo chiamato concaggio, che permise la formazione di un aroma di cioccolato morbido e Milton Hershey fu un pioniere della produzione di massa di barrette di cioccolato a prezzi accessibili. Nel corso dei secoli, il cioccolato è stato considerato un afrodisiaco ed è stato usato per trattare la fatica e la diarrea.

Studi clinici

Un recente studio si è concentrato sull’effetto del cioccolato sulla depressione. I ricercatori hanno scoperto che le persone che sono clinicamente depresse, hanno maggiori probabilità di mangiare cioccolato e più sono depresse, più cioccolato mangiano. I ricercatori non possono affermare in modo conclusivo, se la depressione stimoli il desiderio di cioccolato. Il contenuto di grassi, zucchero, caffeina, la consistenza o l’aroma possono essere responsabili dell’effetto di miglioramento dell’umore del cioccolato. I componenti del cioccolato (teobromina, tiramina e feniletilamina) possono essere responsabili di questo effetto sull’umore. Diversi studi si sono concentrati sul desiderio di cioccolato.

I componenti del cioccolato includono composti antiossidanti, come le catechine, che riducono i radicali liberi prodotti dall’ossidazione. Il cacao abbassa il colesterolo LDL, riduce la pressione sanguigna e l’aggregazione piastrinica.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Orzo e Potassio

Orzo e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare.

Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

Orzo Hordeum vulgare

Orge (francese); Gerste (tedesco); Cevada (portoghese); Cebada (spagnolo); Orzo (italiano); Korn (svedese); Sha’ir (arabo); Sigem (Tigrinha), Gebs (amarico), Garbuu (Oromifa) in Etiopia; Jau, Jar (Hindi e Dari). La coltivazione dell’orzo è probabilmente originaria dell’altopiano dell’Etiopia e del sud-est asiatico dove è coltivato da almeno 2000 anni. Era la principale pianta del pane degli Ebrei, dei Greci e dei Romani. Dioscoride (I secolo a.C.) lo raccomandava “per indebolire tutti gli umori acuti e sottili, mal di gola e ulcere”.

Discende dall’orzo selvatico (Hordeum spontaneum), che cresce ancora in Medio Oriente. Il pane a base di orzo è azzimo (focaccia) a causa del suo basso contenuto di glutine. E’ Un alimento eccellente per la convalescenza sotto forma di porridge o acqua d’orzo, l’orzo è lenitivo per la gola e fornisce nutrienti facilmente assimilabili. Può anche essere preso per eliminare il muco. La sua qualità demulcente lenisce l’infiammazione dell’intestino e del tratto urinario. L’orzo aiuta nella digestione del latte e viene somministrato ai bambini per prevenire lo sviluppo di cagliata all’interno dello stomaco. Viene comunemente somministrato a bambini affetti da infezioni minori o diarrea ed è particolarmente raccomandato come trattamento per gli stati febbrili.

Al giorno d’oggi l’orzo è il più ampiamente distribuito di tutti i cereali, e cresce in quasi tutte le regioni temperate, nonché nelle aree più calde e secche come quelle che si trovano in Nord Africa ed Etiopia e nei tropici degli altopiani. La produzione globale annua di orzo nel 2004 è stata di 154 milioni di tonnellate, di cui circa la metà prodotta in Europa; è il quarto cereale più importante dopo grano, riso e mais. Trasformato in un impiastro, l’orzo è un rimedio efficace per lenire e ridurre l’infiammazione di piaghe e gonfiori.

La fibra nell’orzo, come quella nell’avena, ha un’azione consolidata nel ridurre l’assorbimento dei grassi dall’intestino, aiutando a ridurre i livelli di colesterolo. In comune con altri alimenti a base di fibre, può anche aiutare a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue e a prevenire il cancro intestinale.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Mandorle e Potassio

Mandorle e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare.

Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

Mandorle

La mandorla dolce è originaria dell’Asia e della regione mediterranea e si trova in terreni asciutti. L’albero di medie dimensioni cresce fino a un’altezza di circa 10,5 metri e ha fiori bianco-rosati. Ci sono circa cinquanta specie di mandorli selvatici, ma solo poche varietà producono un nocciolo. Il mandorlo è stato in coltivazione in Asia per migliaia di anni ed è menzionato nella Genesi. Fu introdotto in Europa dai greci che conoscevano più di dieci tipi di seme che allora era noto come amugdale e da cui derivava il termine latino amigdala. I Romani le chiamavano Muces graecae o Noci Greche, e sono state coltivate in Italia fin da molto presto. Non sembrano essere stati coltivati in Francia fino all’VIII secolo e non sono stati coltivati nell’Europa nord-occidentale fino al tardo Medioevo. Il primo albero fu piantato in Inghilterra all’inizio del XVI secolo. La cucina elisabettiana, tuttavia, utilizzava grandi quantità di semi, e “l’acqua di mandorle” era spesso richiesta e usata tanto quanto ora usiamo il latte in alcune ricette. La classificazione botanica della pianta è complicata e si troveranno molti nomi diversi; Prunus amygdalus Batsch. e Amygdalus communis L sono i più comuni, ma ora sono stati sostituiti.

Le mandorle sono ricavate da Prunus dulcis (P. amygdalus, Amygdalus communis).

Nella medicina ayurvedica, le mandorle sono prese come lassativo, e si dice che migliorino la vista. Le noci e l’olio sono considerati afrodisiaci.

In Europa, prima del XVIII secolo, le mandorle venivano polverizzate, immerse nell’acqua e trasformate in una bevanda nutrizionale come sostituto del latte.

In Cina, le mandorle e il riso integrale vengono macinati in polvere e assunti con acqua e miele per aiutare o prevenire la gola secca.

In Asia, le mandorle vengono consumate per migliorare la memoria.

Le mandorle zuccherate o candite sono talvolta date come regalo tradizionale agli ospiti dei matrimoni in alcuni paesi europei. Sono state riconosciute due varietà botaniche: la mandorla dolce (P. dulcis var. dulcis) e la mandorla amara (P. dulcis var. amara). Le mandorle amare contengono una sostanza glicosidica nota come “amigdalina. L’amigdalina, in determinate circostanze, produce l’acido prussico tossico (acido cianidrico.

Olio:

L’olio di mandorle dolci deve essere contrapposto all’«olio di mandorle amare» (benzaldeide) prodotto dall’amigdalina e utilizzato in farmacia. L’acido prussico viene eliminato durante la produzione di olio di mandorle amare. L’olio di mandorle dolci è utilizzato nella fabbricazione di emulsioni per medicinali, oli da massaggio, oli, preparati per la cura della pelle e cosmetici.

Demulcente; nutritivo; emulsionante. L’olio di mandorle dolci è utilizzato prevalentemente per preparare emulsioni in cui altri rimedi erboristici possono essere sospesi, in particolare per le miscele per la tosse. L’olio dolce viene utilizzato esternamente negli oli da massaggio e internamente come lassativo.

L’olio di mandorle amare era un tempo utilizzato come aromatizzante nelle preparazioni farmaceutiche ed esternamente nelle lozioni demulcenti per la pelle e le scottature solari, ed è ora utilizzato nelle industrie di profumeria, liquori e dolciumi.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Noci e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare. Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

Juglans (  Juglandaceae) Noce

Il suo genere comprende 21 specie di alberi decidui, distribuiti dalle regioni mediterranee all’Asia orientale e attraverso l’America settentrionale nelle Ande. L’albero cresce spontaneamente dai Balcani, attraverso l’Asia centrale, fino ad alcune parti della Cina. È stato coltivato migliaia di anni fa, probabilmente nel nord-est della Turchia, nel Caucaso e nel nord dell’Iran. Oggi è coltivato commercialmente in molti paesi. La California è il più grande produttore, ma c’è una notevole produzione in altri paesi, ad esempio Turchia, Cina, Russia, Grecia, Italia, Francia e Romania. La famiglia delle noci deriva il loro nome generico, Juglans, dal latino iovis glans che significa la ghianda di Giove , secondo dopo l’antica credenza che gli dei mangiassero noci.

Juglans regia L juglandaceae , Walnut, Persian Walnut

Juglans regia si trova allo stato selvatico dall’Europa meridionale alla Cina meridionale. Alcune noci vengono coltivate per le loro foglie simili a cenere, spesso molto grandi che in alcune specie ingialliscono in autunno.

Questo albero porta il nome regia, che significa reale, sia per il suo aspetto attraente che per la sua importanza storica come fonte di legname e cibo. Era noto a Teofrasto come karuon, e Plinio – che credeva che fosse entrato in Europa dalla Persia – descrisse per primo l’uso dei gusci per tingere i capelli bianchi in castani. Suggerì che le bucce verdi fossero bollite con piombo, cenere, olio e lombrichi e la miscela applicata alla testa. Sia i gusci di noce verde, che le foglie fresche sono stati usati per secoli come tintura marrone per i capelli, ciò rimase come principale costituente delle tinte fino all’inizio del XX secolo.

Anche se spesso chiamati noci “inglesi”, gli alberi nelle isole britanniche raramente coltivano così come quelli nei climi più caldi. Juglans deriva dal latino Iupiter, “Giove”, e glande, “ghianda”. Nel Regno Unito, i giovani frutti in salamoia nell’aceto erano popolari.

Erba amara e astringente, espettorante e lassativa, lenisce i tessuti irritati e scioglie i calcoli renali, ha proprietà anticancro. I frutti acerbi sono messi in salamoia, conservati sciroppati e trasformati nel liquore francese brou de noix.

Rimedio tonico, astringente, antinfiammatorio, debolmente ipoglicemizzante.

Ad uso interno per costipazione, tosse cronica, asma e calcoli urinari (foglie); diarrea e anemia (corteccia); problemi mestruali e pelle secca e rughe (olio).

Esternamente è utile per eczema, herpes, disturbi cutanei eruttivi, infiammazioni oculari e perdita di capelli. Considerato nella medicina tradizionale cinese come un tonico per l’energia renale debole. Foglie e bucce producono tintura marrone, utilizzata nelle tinte per capelli e nei balsami per capelli scuri. Il legno è usato in mobili, impiallacciature e cannoniere. L’olio è usato nei cosmetici e nelle vernici ed è particolarmente popolare in Francia.

Le foglie sono considerate benefiche per le eruzioni sono cutanee eruttive e utilizzate sia internamente che esternamente. Le foglie sono usate per trattare il prurito del cuoio capelluto e la forfora, nonché i disturbi della pelle.  E ‘impiegata anche omeopaticamente per gli stessi scopi. La frutta matura può essere messa in salamoia. L’olio ricavato dalle noci fornisce un olio da cucina ed è occasionalmente impiegato nelle vernici degli artisti non essiccanti. Il legno è utilizzato nei mobili. Le foglie producono una tintura marrone.

Un tè a base di noci è stato utilizzato in Messico e Perù per stimolare la produzione di latte nelle madri che allattano e in Brasile come tonico nervoso; in Vietnam le noci sono impiegate per curare la dissenteria. Tuttavia, come alimento salutare, le noci forniscono una serie di nutrienti importanti come proteine, grassi, minerali, vitamine e fibre alimentari. Elevate assunzioni di grassi saturi sono state associate a malattie cardiache e alcuni tumori, pertanto, il grasso insaturo di noci è da considerarsi “sano”.

Le noci includono antiossidanti, utili per l’eliminazione dei radicali liberi, come vitamina E, flavonoidi e alcuni oligoelementi come La noce ha dimostrato di essere una fonte adeguata di minerali alimentari, il nocciolo è ricco di potassio (K), magnesio (Mg), fosforo (P) e ferro (Fe), e contiene anche sodio (Na), calcio (Ca), zinco (Zn) e rame (Cu)  . Potassio (K ) è il terzo minerale più abbondante nel corpo umano con funzione elettrolitica, necessario per mantenere cuore, cervello, reni, tessuti muscolari e altri organi importanti del corpo umano in un buono stato. Quindi la noce è un buon alimento anche in termini di minerali essenziali.

I gherigli   contengono acido linoleico e oleico. I residui di nocciolo possono essere impiegati come mangime per animali; il guscio è utilizzato nella produzione di materie plastiche. vitamine A, E , B, ad eccezione della B12, D-3, inoltre, i giovani  frutti contengono vitamina C.

La noce inglese o persiana (Juglans regia L.) è la specie più importante coltivata in tutto il mondo ed è stata consumata per scopi di nutrizione umana fin dall’antichità. Storicamente, tutte le parti della noce persiana come gambo, corteccia, foglie, frutti, noccioli e anche olio di nocciolo sono consumate nelle medicine popolari, per il trattamento di una varietà di disturbi di salute, grazie alla sua attività antimicrobica, antielmintica, antinfiammatoria, astringente, cheratolitica, antisettica, antidiarroica, ipoglicemica, tonica, depurativa, carminativa. Le foglie sono state utilizzate anche in decotti e altri preparati per il trattamento di sinusite, raffreddore e mal di stomaco, faringite e per ridurre la febbre e il dolore reumatico come sedativo. È un rimedio utilizzato anche per l’infiammazione dermica, l’acne, le verruche, l’eccessiva sudorazione delle mani, dei piedi, per il trattamento della scrofola e dell’eczema cronico e sono stati utilizzati anche per lavare ferite e ustioni. Ha inoltre un alto potenziale di attività anti-aterogena (diabete) e una notevole attività osteoblastica.

I gusci verdi di noce sono stati impiegati nella tradizionale medicina erboristica palestinese e araba, per trattare diverse malattie come le malattie della pelle causate da sifilide e funghi, verruche, mal di stomaco, anemia.

La corteccia, i rami e il mallo della noce verde sono stati usati come medicina tradizionale per il trattamento del cancro gastrico, polmonare e epatico per lungo tempo in Cina, Corea e nella regione nord-orientale del Messico. In Tunisia, la corteccia viene utilizzata come miswaks per la pulizia dei denti. In Nepal, la pasta di corteccia viene utilizzata per il trattamento di artrite, mal di denti, malattie della pelle e crescita dei capelli.

Tradizionalmente, i semi di questa pianta medica sono utilizzati per il trattamento dell’insufficienza venosa, dei sintomi emorroidali e hanno anche proprietà antidiarroiche, antidiabetiche e depurative. Si ritiene che la corteccia dello stelo sia alterativa, antielmintica, astringente battericida, depurativa, digestiva, diuretica, stimolante, tonica, lassativa, detergente e insetticida.

Studi clinici

Negli ultimi anni, una varietà di studi è stata fatta sugli estratti di diverse parti di noce e sono stati analizzati gli effetti su una varietà di disturbi. La maggior parte di queste ricerche hanno a che fare con l’effetto ipoglicemico degli estratti di noce l’estratto di foglie di J. regia è in grado di migliorare l’iperglicemia correlata al diabete, ridurre l’emoglobina glicosilata, aumentare il livello di insulina e persino prevenire gli effetti tossici della streptozocina. L’estratto di foglie di J. regia influisce favorevolmente sulle cellule pancreatiche. L’estratto idroalcolico di fiori maschili di noce, è grado di diminuire gli enzimi della glicemia, ha funzione antiproliferativa contro le cellule tumorali della prostata nell’uomo, in contiene agenti antitumorali, gli ellagitannini .Le indagini hanno dimostrato che l’estratto di Juglans potrebbe essere utilizzato favorevolmente per il trattamento della  placca dentale, polmonite nosocomiale, infezioni del tratto . Estratti di corteccia e foglie di Juglans regia hanno attività antibatterica contro i batteri gram-positivi e gram-negativi su Streptococcus mutans, Streptococcus salivarius, Streptococcus sanguinis, Pseudomonas aeruginosa, Escherichia coli, Klebsiella penumoniae, Agrobacterium tumefaciens, Bacillus cereus, Bacillus subtilis, Staphylococcus aureus, Klebsiella spp, Propionibacterium acne, Staphylococcus epidermidis, Mycobacterium tuberculosis, Listeria monocytogenes, Listeria ivanovii, Listeria murrayi e Lactobacillus casei, tubercolosi, Listeria monocytogenes, Listeria ivanovii, Listeria murrayi e Lactobacillus casei.

L’attività antimicrobica degli estratti di noce è attribuita al juglone che ha effetto allelopatico .

Juglans cinerea (Juglandaceae),Butternut , noce bianca

Era un rimedio per i disturbi digestivi. È stato elencato nella Farmacopea degli Stati Uniti (1820-1905).

La corteccia era impiegata dai nativi americani e dai coloni del Nuovo Mondo come rimedio lassativo e tonico. Butternut è stato usato per trattare una varietà di condizioni, tra cui articolazioni reumatiche e artritiche, mal di testa, dissenteria, stitichezza e ferite.

Azioni e usi medicinali

Usato fino ad oggi come lassativo e tonico, Butternut è un prezioso rimedio per la stitichezza cronica.

È particolarmente utile se combinato con un’erba carminativa, come lo zenzero o angelica. Butternut abbassa anche i livelli di colesterolo e promuove la rimozione dei prodotti di scarto da parte del fegato. Ha una reputazione positiva nel trattamento dei vermi intestinali e, essendo antimicrobico e astringente, è stato prescritto come trattamento per la dissenteria.

Noce nera (J. nigra)

È usata allo stesso modo di Butternut. La corteccia del noce (J. regia) è usata come un purgante delicato e viene applicata anche alle afflizioni della pelle. Il dado è usato nella fitoterapia cinese come tonico renale. Le noci di entrambe le varietà sono altamente nutrienti, abbassano i livelli di colesterolo e contengono quantità significative di acido alfa-linolenico.

La maggior parte dei nomi di questo albero, indicano sia la natura oleosa che la forma del frutto. L’olio di noce era una volta usato come condimento aromatizzato in America.

Usi: corteccia della radice interna; frutti maturi, foglie

La corteccia era usata come rimedio domestico per la stitichezza. L’olio del frutto è stato impiegato per rimuovere la tenia. Ora è usato raramente anche nella medicina popolare. La frutta matura può essere usata in salamoia. La linfa produce uno sciroppo simile allo sciroppo d’acero. La corteccia della radice, le foglie e la frutta forniscono una tintura marrone per la lana.

 

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it) o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Legumi e Potassio

Legumi e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare.

Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

I legumi appaiono anche all’inizio dello sviluppo dell’agricoltura nel Nuovo Mondo. Resti di zucche, zucche, peperoni e fagioli (Phaseolus vulgaris) sono stati trovati in grotte a Ocampo in Messico, datati al radiocarbonio a 4000 B.C. o poco prima. Il fagiolo precede di circa 1 000 anni il cereale base delle Americhe, il mais, di cui non è stato ancora trovato alcun antenato selvatico. Non vi è alcuna indicazione che nel Vecchio Mondo piselli e lenticchie fossero coltivati prima del grano e dell’orzo, e forse ulteriori ricerche in diverse regioni mostreranno che cereali e legumi hanno la stessa antichità nella storia umana.

Il fagiolo di Lima (P. lunatus) è una pianta del Nuovo Mondo, trovato nelle tombe pre-Inca in Perù. In epoca precolombiana, era coltivato in tutta l’America tropicale, compresa la Florida. Oggi il fagiolo di Lima, sebbene meno diffuso del fagiolo, viene coltivato in molte regioni tropicali, tra cui l’Africa a sud del Sahara e il sud-est asiatico.

Coltivato fin dall’antichità nella regione mediterranea tra cui Egitto, Etiopia e Vicino Oriente fino all’Afghanistan, si è diffuso in Europa e in Asia, includendo la Cina. Il ”fagiolo’ originale in Europa  prima dell’arrivo della specie Phaseolus dall’America. Cocolmeca (il gruppo Phaseolus metcalfei) sono piante perenni leguminose degli altopiani (1.000-2.500 m di altitudine) del Nord America sud-occidentale. Il loro significato culturale è stato sottovalutato sia all’interno che all’esterno del loro areale naturale, dove sono stati utilizzati in epoca preistorica e storica. Utilizzato ampiamente come medicina sistemica, cibo, foraggio. L’uso dei semi come alimenti essiccati è stato abbandonato a causa dei cambiamenti nei modelli di sussistenza indiani e nella disponibilità delle piante stesse. Phaseolus angularis Wight (fagiolo adzuki) è una medicina popolare etnofarmacologicamente ben nota che viene prescritta per l’infezione, l’edema e l’infiammazione delle articolazioni, dell’appendice, dei reni e della vescica in Corea, Cina e Giappone.

Il testo “Shennong Bencao Jing” e “Beiji Qianjin Yao Fang” in Cina hanno menzionato gli usi etnofarmacologici di questa pianta e dei suoi semi. “Shennong Bencao Jing” ha riferito che il fagiolo Adzuki può rilassare l’intestino, promuovere la minzione, evacuare il pus, curare il beriberi, dissipare gli effetti dell’alcol. “Beiji Qianjin Yao Fang” scritto nel 652   A.D. da Sun Simiao, medico cinese,il quale ha  scritto  che il fagiolo Adzuki può curare l’edema e il beriberi della donna incinta. Inoltre, questa pianta viene utilizzata per controllare le infezioni o l’infiammazione del rene o della vescica e per migliorare le funzioni riproduttive. Questa pianta è anche incorporata come parte di una dieta antinfiammatoria per prevenire e ridurre i fattori di rischio per le malattie cardiache.

Studi scientifici

Acqua, estratti metanolici o etanolici di questa pianta hanno dimostrato di ridurre la pressione sanguigna, diminuire i livelli sierici di colesterolo, migliorare il diabete, stimolare la melanogenesi e la pigmentazione , inibire l’invasione e le metastasi delle cellule tumorali, e proteggere il fegato contro il danno indotto dal paracetamolo.

Il fagiolo adzuki (Vigna angularis) è una coltura tradizionale di leguminose che svolge un ruolo cruciale sia nella sostenibilità dei sistemi agricoli che nell’approvvigionamento di proteine alimentari.

I fagioli sono la prescrizione popolare per il trattamento della stitichezza cronica in Cina.

Adzuki è una buona fonte di acidi grassi essenziali, fibre, minerali e sostanze fitochimiche come polifenoli e fitati.

Soia, Glycine max

La soia o soja (Glycine max (L.Merr.) è una pianta erbacea della famiglia delle Leguminose, oggi delle Fabaceae, dopo la suddivisione in tre famiglie nuove, che approssimativamente corrispondono alle vecchie sottofamiglie in cui era divisa la famiglia delle Leguminose. È originaria dell’Asia orientale ed è coltivata per scopi alimentari. Allo stato spontaneo esiste una specie affine, Glycine soja, la soia selvatica.

Fu coltivata per la prima volta in Cina intorno all’XI secolo a.C., le prime piante di soia erano tipi rampicanti. Da lì la coltivazione si diffuse in Manciuria, Corea, Giappone e Russia, e in altri paesi asiatici.  Si ritiene che il suo antenato selvatico sia G. ussuriensis, una vite originaria dell’Asia nord-orientale. Come molte colture leguminose, la soia ha perso il modello di crescita avvolgente e rampicante dei suoi parenti selvatici.

È stata introdotto negli Stati Uniti all’inizio del XX secolo come coltura da fieno o da pascolo, ma è stata coltivato per i semi oleosi ed è ora la coltura da reddito più importante .

La soia è spesso considerata uno dei migliori alimenti antitumorali. Si dice che le popolazioni che consumano regolarmente soia abbiano livelli più bassi di cancro al seno nelle femmine e cancro alla prostata nei maschi, meno osteoporosi e meno sintomi della menopausa. Si dice anche che il consumo di soia combatta le malattie cardiovascolari e migliori la salute gastrointestinale. La sua fibra ha un modesto effetto benefico sui livelli di glucosio nel sangue nei diabetici e può abbassare il colesterolo lipoproteico totale e a bassa densità. L’isolato di proteine della soia abbassa anche il colesterolo nel sangue.

I più importanti benefici per la salute dei semi di soia sono che migliorano l’attività metabolica, hanno un potenziale antitumorale, potenziano il cuore, alleviano i sintomi della menopausa, migliorano la digestione, la salute delle ossa, migliorano la circolazione, controllano il diabete e alleviano i disturbi del sonno. I semi di soia possono eliminare il calore, disintossicare, facilitare la minzione, lubrificare i polmoni e l’intestino e servire come un’ottima fonte di proteine.

Le vitamine del gruppo B, la tiamina, la riboflavina, l’acido nicotinico e l’acido folico sono ben rappresentati e ci sono buone quantità di minerali, tra cui potassio. La soia è il seme oleoso più importante del mondo, l’olio estratto viene utilizzato per cucinare, come olio per insalata, nella margarina e negli accorciamenti; ci sono anche alcuni usi industriali, come nella vernice e nel sapone. Il residuo di semi è un costituente comune dell’alimentazione animale. I semi di soia vengono mangiati interi, divisi o germinati per dare germogli di fagioli. Possono essere trasformati per dare latte di soia e formaggio, o fermentati per dare salsa di soia. I semi tostati e le noci di soia possono essere inclusi in torte e caramelle. ‘Tofu’, ‘tempeh’, ‘miso’ e altri sono prodotti di soia simili al formaggio orientale.

Il fagiolo Mung (Vigna radiata (L.) Wilczek) o grammo verde, è originario della regione nord-orientale dell’India-Birmania (Myanmar) dell’Asia. Viene coltivato principalmente in Asia, Africa, Sud e Nord America e Australia principalmente per i suoi semi commestibili ricchi di proteine .

La gente apprezza il fagiolo mung, a causa dell’effetto medicinale oltre che nutritivo. Il più famoso trattato sulle erbe “Pen Chao Kung Mao” di Li Shih-Chen, 1578, durante la dinastia Ming, raccomanda il fagiolo mung come “l’ingrediente alimentare chiave”.

Il fagiolo mung, noto anche come lu dou, è un alimento tradizionale a base di soia verde, consumato principalmente in Asia orientale, in particolare in Cina e Giappone. È stato usato sia come alimento nutrizionale che come fitoterapia. Nella medicina tradizionale cinese, il fagiolo mung elimina il calore, disintossica, disseta, favorisce la minzione, riduce il gonfiore e l’edema agli arti inferiori. È raccomandato per edema, congiuntivite, diabete, dissenteria, calore estivo, colpo di calore, disidratazione e intossicazione alimentare da cibo avariato. Ha proprietà antiossidanti, antifungine, antimicrobiche, antinfiammatorie, antidiabetiche, antiipertensive e antitumorali. I fagioli mung sono ricchi di proteine facilmente digeribili. Contiene anche vitamina A, ferro, calcio, zinco, folati,potassio, vitamine B1, B2 e C e niacina.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Salice, varietà e medicina folclorica

Salice, varietà e medicina folclorica

Salice

Salix alba Linn.

E’ piantato per ornamento in Kashmir, Punjab, Himachal Pradesh e Uttar Pradesh, e coltivato nell’Himalaya occidentale.

Nomi classici e comuni ayurvedici: Vetas, Vaanira, Vidula. Jalavetas (Salix alba). Unani: Bedmushk. Bedsaadaa (Salix alba). Inglese: Willow.

Parti utilizzate: Corteccia, radice, foglie.

Vetas e Jalavetas sono stati usati come sostituti l’uno dell’altro nella medicina ayurvedica.

Vetas è stato equiparato a Salix spp., Amlavetas a Garcinia spp. e Vetra a Calamus rotang Linn. Sia Vetas che Vetra sono stati inclusi da Charaka nello stesso gruppo di erbe.

Charaka e Sushruta,antrichi medici indiani, inclusero Vetas nelle prescrizioni per forti febbri, per emorragie interne, disturbi mestruali e vaginali, obesità. Sushruta prescrisse un decotto di Vetas e Nala (Arundo donax) per la febbre cronica. Le foglie di Vetas erano somministrate per la diarrea. Un decotto di Vetas era usato come lavaggio vagonale tonificante. Sushruta incluse Vetas in un unguento per piaghe veneree.

Nella medicina Unani, un decotto della corteccia è impiegato in febbri, reumatismi acuti e gotta, mal di testa, palpitazioni. Vengono anche utilizzate foglie, miele di fiori, zuccheri (noto come Bed-angbeen) e un distillato di fiori (noto come Araq-e-Bedmushk). I medici Unani li prescrivono nel nervosismo e nella palpitazione, come medicina di supporto nello stress psicologico e nelle affezioni cardiache. Diocoride, medico greco del I secolo A.C., suggerì foglie di salice, schiacciate con un po ‘di pepe (Piper nigrum) e bevute con vino, per il mal di schiena, per alleviare il dolore e abbassare la febbre.

Nicholas Culpeper erborista inglese (1616-1654) scrisse: “Sia le foglie e la corteccia, sia il seme, sono usati per fermare il sanguinamento delle ferite, e alla bocca e al naso”. …Il decotto delle foglie o della corteccia, macerata nel vino, toglie la forfora. Le ceneri bruciate della corteccia, mescolate con l’aceto, portano via le verruche, i calli”. L’erba è un ingrediente comune nei tè diaforetici e antireumatici. Il salice è usato come primo soccorso per i farmaci nell’avvelenamento, per diarrea, gas, bruciore di stomaco e altri disturbi gastrointestinali generali. Tradizionalmente è stato utilizzato per i reumatismi muscolari e artrosici, con infiammazione e dolore, per influenza, catarro, artrite gottosa, spondilite anchilosante, artrite reumatoide e altri disturbi sistemici del tessuto connettivo.

I salici producono acido salicilico, che è stato sintetizzato per la prima volta nel 1838 e fornisce la base dell’aspirina.

S.cinerea (salice grigio), S. fragilis (salice crepuscolo), S. nigra americano (salice nero), S. pentandra (salice di alloro) e S. purpurea (osier viola), sono tutti usati in modo intercambiabile con S. . alba. Diverse altre specie sono state utilizzate dai nativi americani, che bevevano un forte tè di corteccia di salice per indurre la sudorazione come cura per la febbre.

Erba amara, astringente, rinfrescante che allevia il dolore, abbassa la febbre e riduce l’infiammazione.

Usi dell’erba medicinale:

Internamente è indicata per malattie febbrili minori e coliche (foglie), reumatismi, artrite, gotta, stadi infiammatori di malattie autoimmuni, diarrea e dissenteria, malattie febbrili, nevralgie, mal di testa (corteccia). E’ combinata con Cimicifuga racemosa, Apium graveolens e Guaiacum officinale per l’artrite reumatoide. Varianti S. a. var. vitellina. Vitellina ‘Britzensis’, syn. S. a. ‘Chermesina’. Le foglie vengono raccolte durante la stagione di crescita e utilizzate fresche o essiccate per le infusioni. La corteccia viene rimossa per tutta l’estate e asciugata per l’uso in decotti, estratti liquidi, polveri, compresse e tinture.

I prodotti contenenti salice dovrebbero preferibilmente essere standardizzati sul loro contenuto di salicina, in considerazione della notevole variazione delle concentrazioni di salicilato tra le diverse specie di Salix. L’uso di salice durante la gravidanza e l’allattamento dovrebbe essere evitato.

La corteccia è stata tradizionalmente utilizzata per per calli, tagli, tumori, ulcere ed eruzioni cutanee e. L’acido salicilico, derivato dalla salicina (che si trova nella corteccia), è un precursore del farmaco semisintetico più usato, l’acido acet) d-salicilico (aspirina), che riduce il dolore, l’infiammazione e la febbre.

 

Salix halrslonica L. Willow

Originario della Cina. Spesso coltivato  come albero ornamentale.

Tradizionalmente usato in Europa per qualità toniche, antisettiche, che riducono la febbre e astringenti. La corteccia è utilizzata da almeno 2.000 anni in Cina per l’artrite reumatoide, l’ittero e la febbre. Le foglie sono utilizzate in Cina per ridurre il calore (febbre), trattare le eruzioni cutanee, regolare la minzione e come purificatore del sangue nel trattamento di mastite, mal di denti, scottature. Come la maggior parte dei salici, contiene salicina e tannini.

Bark Salix caroliniana Michx., Cresce in pianure alluvionali, lungo fiumi, letti di torrenti, habitat umidi o bassi. p a sud di Cuba e Guatemala e America.

Ampiamente usato dagli indiani d’America. Un tè di corteccia di radice  è usato per fluidificare il sangue,  alleviare febbri, torcicollo, mal di schiena, reumatismi, mal di testa, diarrea; per indurre il vomito.

Salix nigra Marshall

Cresce in America, in terreni umidi, aree allagate, lungo corsi d’acqua, stagni e depressioni umide. Dappertutto.: Gli indiani d’America usavano il tè alla corteccia per diarrhea, mal di testa, febbre, dispepsia; come tonico, fluidificante del sangue e come lavaggio per stimolare la crescita dei capelli; esternamente, un impastro di foglie era applicato su distorsioni, lividi e piaghe.

Indiani d’America

Pussy Willow (Salix discolor Muhl.) “sisigo’bamîc” [salice]. Tra i Potawatomi della foresta, la corteccia è un rimedio universale. La corteccia della radice viene bollita per fare un tè, che viene utilizzato per fermare un’emorragia. Le galle di salice non hanno alcun significato per i Potawatomi mentre erano preziose per i Menomini. Tra i coloni, la corteccia è stata utilizzata per le sue proprietà amare, astringenti, antisettiche, aperienti. Le gemme sono state considerate antiafrodisiache. La corteccia è stata usata come stomachica, per il trattamento delle febbri intermittenti.

Un ottimo rimedio contenente Salix è Alato 33, disponibile qui o in farmacia.

Alato 33 è indicato per sindromi ansiose con somatizzazioni organiche, stati di angoscia, insonnia, nevrastenia. Valenza Fisiologica: Favoriscono il rilassamento, il benessere mentale e contrastano gli stati di tensione localizzati.

DiAlessandra Zarone

Tilia americana e Tilia cordata

Tilia americana e Tilia cordata

Basswood (Tilia americana L.) “wîgobbi’mîc”, albero delle stringhe. Come per altre tribù indiane del Wisconsin, il Basswood è forse la pianta da fibra più importante che i Potawatomi della foresta usano. Tutti i tipi di corda per fare corde e borse di moda, cucire i bordi delle stuoie di coda di gatto e i molti usi domestici che si sviluppano, sono curati dall’uso di questa corda.

Le donne raccolgono lunghe strisce della corteccia dagli alberelli e sbucciano la corteccia esterna dalla corteccia interna, usando i loro denti. La fibra di rafia viene poi bollita in una pentola di ferro per ammorbidire la fibra e aumentarne la resistenza. Viene conservata in bobine dopo che sono state bollite, fino al momento in cui vengono usate, nuovamente ammorbidite in acqua e trasformate in corde o sacchetti o qualsiasi cosa desiderino farne. Si afferma che il fiore di tiglio possieda proprietà sedative, antispasmodiche, diaforetiche, diuretiche e lievi astringenti. Tradizionalmente è stato utilizzato per emicrania, isteria, ipertensione arteriosclerotica, raffreddori febbrili e in particolare per l’aumento della pressione arteriosa, associata ad arteriosclerosi e tensione nervosa. Il legno di vario tipo è apprezzato per il suo colore pallido, il peso leggero e l’idoneità per l’intaglio, la tornitura e gli strumenti musicali. Nel folklore si pensava che i tigli curassero l’epilessia se il malato si fosse seduto sotto l’albero. I tigli sono raccolti da varie specie e ibridi, tra cui T. cordata, T. platyphyllos , T. americana (basswood) e T. x europaea .

Tilia cordata, syn. T. parvifolia

Parti utilizzate: Fiori.

Erba aromatica e mucillaginosa, diuretica ed espettorante, calma i nervi, abbassa la pressione sanguigna, aumenta il tasso di sudorazione, rilassa gli spasmi e migliora la digestione.

Usi dell’erba medicinale

Internamente tratta ipertensione, indurimento delle arterie, disturbi cardiovascolari e digestivi associati ad ansia, infezioni urinarie, raffreddore febbrile, influenza, catarro respiratorio, emicrania e mal di testa. Si combina bene con Crataegus laevigata per l’ipertensione, con Ginkgo biloba per l’indurimento delle arterie, con Humulus lupulus per la tensione nervosa e con Sambucus nigra per raffreddori e influenza.

I tigli sviluppano proprietà narcotiche man mano che invecchiano e dovrebbero essere raccolti solo quando vengono aperti per la prima volta. I fiori vengono raccolti in estate ed essiccati per infusioni, estratti liquidi.

Un ottimo rimedio contenente Tilia è Alato 33, disponibile qui o in farmacia.

Alato 33 è indicato per sindromi ansiose con somatizzazioni organiche, stati di angoscia, insonnia, nevrastenia. Valenza Fisiologica: Favoriscono il rilassamento, il benessere mentale e contrastano gli stati di tensione localizzati.

DiAlessandra Zarone

Sorbus, varietà e tradizione folclorica

Sorbus, varietà e tradizione folclorica

Sorbus americana Marsh., American mountain Ash

Gli indiani d’America usavano il tè di frutti maturi per lo scorbuto, i vermi, un tè a base di corteccia interna o gemme per raffreddori, debilitazione, bolle, diarrea, tonsillite, come purificatore del sangue, stimolante dell’appetito, astringente, tonico.

I frutti di una specie correlata, Sorbus aucuparia sono stati usati in modo simile, per emorroidi, difficoltà urinarie, indigestione.

Sorbus cashmiriana

È un albero che si trova nel Kashmir e nell’Himalaya occidentale, la sua corteccia è usata nella medicina popolare per curare nausea e malattie cardiache. Le bacche di questa pianta sono un rimedio per lo scorbuto.

Sorbus  commixta, distribuita principalmente in Corea, Giappone e Cina ha anche un uso popolare di lunga data. La sua corteccia viene usata per bronchite, asma o tosse, i frutti sono usati come gargarismi per le infezioni della gola o come lassativo, mentre la corteccia del gambo è un agente anti-aterosclerosi ed espettorante. Inoltre, nelle comunità locali nella Corea del Sud, foglie, gambo e frutti sono tradizionalmente usati come decotto o tè nei disturbi del fegato. La gente della provincia di North Jeolla (Corea) raccomanda il  decotto di gambo nell’asma e nella tubercolosi polmonare. I frutti sono indicati nella tosse e nel comune raffreddore.

Oltre a S. commixta, la corteccia di un’altra specie che cresce in Corea, vale a dire S. amurensis, usata in questa regione come espettorante. In Cina, due specie sono state apprezzate come agenti medicinali soprattutto nei disturbi delle vie respiratorie: S. tianschanica è una medicina tradizionale nel trattamento di asma, dispnea, miociti ventricolari e gastrite. Un’altra specie che si trova a crescere spontaneamente nel nord della Cina, S. pohuashanensis, è raccomandata nella tracheite cronica, nell’edema e nella tubercolosi polmonare.

Europa

Sorbus domestica, ha un uso medicinale tradizionale ben documentato nell’area del bacino del Mediterraneo. Questa specie è anche una pianta medicinale popolare della Turchia. Nella provincia di Kırklareli, il decotto di foglie di S. domestica è usato per trattare prostatite, diabete, nefrite , disturbi della cistifellea, diarrea, calcoli renali, colesterolo. Inoltre, il decotto di corteccia è un rimedio per il mal di stomaco o le ulcere e, infine, la frutta fresca viene applicata come agente antidiarroico. In Anatolia centrale, la popolazione beve un tè di foglie di S. domestica per trattare bradiuria e calcoli renali. I frutti sono usati come agenti astringenti, diarroici e antidiabetici dal popolo di Xanthi, mentre in Serbia sono usati come tonico.

Un’altra specie, rimedio naturale molto popolare contro vari disturbi sia in Europa che in Asia è S. aucuparia, comunemente chiamato albero di sorbo. Le bacche rosse sono raccomandate nella medicina popolare per trattare emorroidi, ipertensione, infezioni del tratto respiratorio, reumatismi e gotta. In Lituania (distretto di Kaišiadorys) i preparati delle bacche venivano somministrati per via orale in caso di costipazione e tosse, mentre il decotto di corteccia veniva usato come lavaggio delle ferite. La corteccia di S. aucuparia è stata utilizzata in Estonia per trattare le malattie tumorali.

I preparati fatti dalle foglie dell’albero di sorbo, oltre ad essere indicati nella cura del   cancro, sono stati utilizzati anche in problemi gastrointestinali o prostatite. Infine, le infiorescenze sono state utilizzate come agenti diuretici e antinfiammatori.

Altre due specie di Sorbus, apprezzate nella medicina tradizionale europea, sono S. torminalis e S. aria (whitebeam). In entrambi i casi, le foglie sono utilizzate come medicinale, il decotto ricavato dalla prima specie è tradizionalmente usato in Turchia per curare il diabete o il mal di stomaco, mentre li secondo è usato come agente antidiarroico.

Nord America

La corteccia di S. decora, una specie originaria del Nord America, viene utilizzata per alleviare i sintomi legati al diabete dalle popolazioni Eeyou Istchee Cree del Quebec, in   Canada.

Anche la corteccia di S. americana è un rimedio tradizionale nelle regioni boreali del Canada, dove è raccomandato nel trattamento del diabete e delle sue complicanze. Le bacche ottenute da diverse specie di Sorbus, oltre al loro uso medicinale, sono note per il loro valore nutrizionale che è anche ben documentato. I frutti di S. commixta e S. pohuashanensis sono consumati in Asia come rinfresco o in conserve, il primo è usato per produrre vino di campagna. Le bacche di S. aucuparia sono prodotte commestibili molto popolari soprattutto in Europa. Sono spesso consumati crudi o trasformati in marmellate, vini ecc. I frutti di S. aucuparia, S. intermedia e S. rupicola sono ingredienti del pane in Estonia. Le bacche di S. torminalis e S. intermedia vengono consumate in conserve o crude, dopo fermentazione naturale o conservazione. I frutti di S. aria vengono trasformati in bevande alcoliche, aceto e marmellate. Infine, S. domestica ha valore nutrizionale in Spagna, Erzegovina meridionale e Xanthi.

E un rimedio utile in caso di disturbi della vescica, angina e altri problemi coronarici.

Sorbus aucuparia (Rosaceae) Cenere di montagna orientale . Ha corteccia rossastra, foglie composte, grappoli di piccoli fiori bianchi e grappoli di frutta arrossata-arancia rotonda (bacche). Conosciuto anche come Rowan.

La cenere di montagna cresce nei boschi di tutto l’emisfero settentrionale. Viene anche coltivato come albero ornamentale. Parte usata: frutti. Il frutto contiene tannini, sorbitolo, acidi malico e sorbico, zuccheri e vitamina C. I semi contengono glicosidi cianogenici, che, in una reazione a contatto con l’acqua, producono l’acido prussico estremamente velenoso.

Nelle Highlands scozzesi, si credeva che questo albero fosse un antidoto affidabile alla stregoneria. Gli Highlander lo piantavano vicino alle loro case e i mandriani credevano che proteggesse il loro bestiame potessero proteggerli dalle influenze malvagie. Il frutto è stato a lungo utilizzato per fare conserve e bevande alcoliche.

Azioni e usi medicinali

Rimedio astringente, viene spesso consumato come marmellata o infuso, per trattare la diarrea e le emorroidi. Inoltre, gli infusi possono essere utilizzati come gargarismi per il mal di gola e come lavaggio per trattare le emorroidi e le perdite vaginali eccessive.

Attenzione: Rimuovere i semi tossici prima di utilizzare il frutto come medicinale o alimento.

Un ottimo prodotto, contenente Sorbus, è Alato 32, utile in caso di stasi venosa, varicosità, varici, tromboflebiti, emorroidi. Stasi linfatica arti inferiori. Ulcere varicose. Sensazione di gambe dure, pesanti, gonfie.

E’ disponibile qui ALATO 32 (lafenicesas.it) o in farmacia

DiAlessandra Zarone

Castagno, varietà e tradizione folclorica

Castagno, varietà e tradizione folclorica

Castanea sativa

Castanea sativa (Fagaceae) Sweet Chestnut

Originaria del Mediterraneo, dell’Asia Minore e del Caucaso, la castagna dolce cresce liberamente in tutta Europa, compresa la Gran Bretagna. Viene coltivata per il suo legname e per le sue noci, che vengono raccolte in autunno.

Parti Usate:

Foglie, corteccia.

La castagna dolce contiene tannini, plastochinoni e mucillagini.

Il castagno dolce è stato trasportato dalla Turchia alla Sardegna e da lì successivamente si sia diffuso attraverso l’Europa, arrivando in Britannia con i Romani. Le noci sono un alimento nutriente che può essere tostato, candito o trasformato in farina. I fiori vengono talvolta aggiunti a miscele di tabacchi aromatici.

Azioni e usi medicinali

Un’infusione di foglie di castagno dolce viene presa per trattare la pertosse, la bronchite e la congestione bronchiale. Un decotto di foglie o corteccia è efficace in   gargarismi per il mal di gola e può essere bevuto per curare la diarrea. Le foglie sono utilizzate nel trattamento delle condizioni reumatiche, per alleviare il mal di schiena, i dolori alle articolazioni e  ai muscoli rigidi.

Specie correlate

I Mohicani del Nord America usavano un infuso ottenuto da foglie di castagno americano (C. dentata) per curare la pertosse. Nel suo Natural History of North Carolina (1737), John Brickell riferisce che “Le foglie o la corteccia dell’albero, bollite nel vino, sono efficaci per un sanguinamento eccessivo”.

Culpeper scrisse in “The English Physitian Enlarged (1653), che le castagne “provocano enormemente lussuria” e sono “un rimedio ammirevole per la tosse e lo sputare di sangue“.

Castanea sativa ‘Marron de Lyon’ e C. s. ‘Paragon’ producono frutti con un solo nocciolo, preferito per la produzione commerciale.

Castanea sativa (castagna dolce, castagna spagnola).

Parti utilizzate: Foglie, semi.

Rimedio   astringente che allevia la tosse e ha effetti antireumatici. Le castagne, ad uso culinario, sono utilizzate in salse, zuppe, ripieni e dessert e consumate arrostite o bollite come spuntino o verdura. Sono anche frullati (purea di marroni) e cristallizzati (marrone glacé).

Medicinale ad uso interno per tosse parossistica, pertosse, eccesso di muco, diarrea e reumatismi (foglie).

Esternamente, viene utilizzato in gargarismi per faringite (foglie).

Variante C. s. ‘Albomarginata’.

Le foglie vengono raccolte in estate ed essiccate per infusioni ed estratti liquidi. I semi vengono raccolti in autunno e cotti prima dell’uso.

Castanea sativa Mill, fagaceae

Sweet Chestnut Spanish o Eurasian Chestnut Kastanea era il nome classico di questo albero che produce noci più grandi e migliori solo se coltivate in un clima mediterraneo. Queste noci, una volta conosciute come kastana, sono ora chiamate marones e tradizionalmente fanno il miglior ripieno per il tacchino. Pianta originaria dell’Asia occidentale, dell’Europa meridionale e del Nord Africa, fu introdotta in America e in Europa.

Usi: noci.

La foglia fresca era una volta presa come decotto in caso di pertosse e la corteccia era precedentemente impiegata come antipiretico. Le noci sono bollite, tostate, macinate in farina e utilizzate in patè, crostate, pane e zuppe. Dall’albero si ottiene legname di buona qualità.

Un ottimo prodotto, contenente Castanea  è Alato 32, utile in caso di stasi venosa, varicosità, varici, tromboflebiti, emorroidi. Stasi linfatica arti inferiori. Ulcere varicose. Sensazione di gambe dure, pesanti, gonfie.

E’ disponibile qui ALATO 32 (lafenicesas.it) o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Aesculus hippocastanum

Aesculus, Aesculus hippocastanum L hippocastanaceae

Originario dei boschi di montagna dai Balcani attraverso l’Asia occidentale fino all’Himalaya, l’ippocastano è ora coltivato come albero ornamentale e da ombra nelle regioni temperate di tutto il mondo, specialmente nell’Europa settentrionale e occidentale. Si propaga dal seme in autunno o in primavera. Le foglie vengono raccolte in estate, la corteccia e i semi in autunno.  Aesculus era il nome classico di una quercia ma le origini del nome comune sono incerte: era ampiamente usato in Oriente come foraggio per bovini e cavalli; in alternativa il prefisso ‘cavallo’ potrebbe averlo differenziato dalla Castagna dolce commestibile, Castanea sativa.

Usi tradizionali e attuali

Sistema circolatorio

Sebbene l’ippocastano abbia un effetto benefico sul cuore e sulle arterie, è principalmente un rimedio per le vene. Aiuta a migliorare il tono delle pareti venose, che quando sono allentate o distese provocano vene varicose ed emorroidi. Riduce l’edema (ritenzione di liquidi) causato dalla fuoriuscita di liquido dalle vene distese e aumenta la permeabilità dei capillari, consentendo al liquido in eccesso di defluire nel sistema circolatorio.

Negli Stati Uniti un decotto delle foglie è stato considerato utile per la pertosse.

Tradizionalmente, l’ippocastano è stato utilizzato per flebiti, diarrea, febbre e ingrossamento della ghiandola prostatica. L’uso tradizionale dell’ippocastano nei disturbi vascolari periferici è supportato da studi preclinici in cui sono stati osservati effetti antinfiammatori e stabilizzanti capillari. Ci sono prove da studi clinici randomizzati, in doppio cieco, controllati per supportare l’uso dell’estratto di semi di ippocastano nel trattamento dei sintomi di insufficienza venosa cronica.

Le parti utilizzate sono: semi e corteccia di ramo.

Tonico narcotico antipiretico:

La corteccia è usata tradizionalmente in febbri intermittenti. L’azione combinata dei costituenti dei semi rafforza le arterie e le vene, prevenendo la trombosi. L’estratto di semi allevia le emorroidi. Gli estratti di semi di ippocastano – i “conkers” marroni lucidi sono raccolti dai bambini britannici in autunno, alleviano i sintomi delle vene varicose e promuovono la riparazione. Preso per bocca, o applicato come lozione, l’ippocastano aiuterà a stringere i tessuti e ridurre il dolore e il gonfiore delle vene varicose. Numerosi studi clinici hanno confermato il valore dell’ippocastano come medicinale caso di vene varicose, ulcere venose, emorroidi. In Germania, gli estratti di ippocastano e l’escina sono ora abitualmente usati per trattare le vene varicose.

Le noci sbucciate e tostate di questo albero sono state utilizzate per diarrea, disturbi alla prostata. Il tè delle foglie è un tonico utilizzato in presenza di febbre. La tintura di fiori è utilizzata sulle articolazioni reumatiche. Il tè con la corteccia è astringente ed usato nella malaria, esternamente, per lupus e ulcere cutanee. Estratti di semi sono ampiamente prescritti per via orale nella fitomedicina europea per edema con insufficienza venosa, per le vene varicose e per migliorare il tono vascolare. Aiuta a rafforzare le vene e le arterie deboli, gli spasmi muscolari notturni del polpaccio, la trombosi, tali  usi sono  supportati da studi clinici. Contiene escina, che riduce la permeabilità della parete capillare, diminuendo il diametro e il numero di capillari, regolando il flusso dei fluidi verso il tessuto circostante e aumentando la circolazione sanguigna. Rimedio utilizzato anche in gastrite e gastroenterite. Localmente, gel o creme contenenti escina sono ampiamente usati per alleviare gonfiore e dolore in presenza di lividi, distorsioni e contusioni. Forme iniettabili di escina sono utilizzate nei centri traumatologici europei per aiutare a stabilizzare i pazienti con traumi cerebrali.

Vengono utilizzati solo prodotti chimicamente ben definiti; non la droga grezza.

Attenzione: i gusci esterni velenosi. I nativi americani mettevano noci schiacciate nella liscivia, per molti giorni, prima di usare il composto per il pane. Inoltre, la polvere dei semi e dei rami serviva come intossicante per pesci.

Un ottimo prodotto, contenente i rimedi descritti è Alato 32, utile in caso di stasi venosa, varicosità, varici, tromboflebiti, emorroidi. Stasi linfatica arti inferiori. Ulcere varicose. Sensazione di gambe dure, pesanti, gonfie.

E’ disponibile qui ALATO 32 (lafenicesas.it) o in farmacia.