Archivio dei tag melatonina

DiAlessandra Zarone

Melatonina e Achillea

Melatonina e Achillea

Melatonina è :

  • Antiinfiammatorio delle mucose delle alte vie respiratorie
  • Miorilassante, decontratturante muscolare per contratture muscolari o stati dolorosi con forte componente muscolo-tensiva
  • Antispastico viscerale e respiratorio: Spasmi digestivi, coliche gastriche e addominali, asma bronchiale.
  • Antistaminico naturale, adatto per:
  1. Rinite allergica
  2. allergie stagionali
  3. eczema atopico

La Melatonina di origine vegetale si trova in una quantità interessante nell’ Achillea

 

Achillea, Achillea millefolium L.:

L’achillea è una pianta nativa europea, con una lunga storia come guaritore di ferite. In epoca classica, era conosciuto come herba militaris, essendo usato per fermare le ferite di guerra. È stato a lungo preso come un tonico amaro rinforzante e tutti i tipi di bevande amare sono stati fatti con questa pianta. L’achillea aiuta il recupero da raffreddori e influenza ed è benefica per la febbre da fieno. È anche utile per problemi mestruali e disturbi circolatori. Originaria dell’Europa e dell’Asia occidentale, l’achillea può essere trovata crescere spontaneamente nelle regioni temperate di tutto il mondo, nei prati e lungo i bordi delle strade. L’erba si diffonde attraverso le sue radici e le parti aeree vengono raccolte in estate quando sono in fiore. Nonostante i suoi numerosi usi e somiglianze con la camomilla tedesca, l’achillea è stata scarsamente studiata. L’erba e il suo olio volatile hanno dimostrato di essere antinfiammatori; gli azuleni sono anche antiallergici. I lattoni sesquiterpenici sono amari e hanno attività antitumorale. Achilleina e flavonoidi aiutano ad arrestare il sanguinamento interno ed esterno; i flavonoidi possono essere responsabili dell’azione antispasmodica dell’achillea. Studi di laboratorio indicano che l’achillea dilata i vasi sanguigni, abbassando così la pressione sanguigna. Funziona, in parte, come i farmaci convenzionali noti come ACE-inibitori, che sono comunemente prescritti per la pressione alta.

Usi tradizionali e attuali

Erba ginecologica, aiuta a regolare il ciclo mestruale, riduce il sanguinamento mestruale pesante e allevia il dolore mestruale.

Altri usi

In combinazione con altre erbe, l’achillea aiuta il raffreddore e l’influenza. Le sue proprietà toniche amare lo rendono utile per la digestione debole e le coliche. Aiuta anche la febbre da fieno, abbassa la pressione alta, migliora la circolazione venosa e tonifica le vene varicose. Pianta intera in fiore Achillea millefolium L.

Uno degli usi principali è come un vulneraria — un agente per fermare il sanguinamento delle ferite. Il nome latino Achillea onora Achille, e la leggenda afferma che  egli  usò un impiastro di fiori di Achillea per fermare l’emorragia dei suoi soldati feriti in battaglia. La tisana a base di pianta essiccata è utilizzata per raffreddori, febbri, anoressia, indigestione, infiammazioni gastriche e sanguinamento interno. Le qualità espettoranti, analgesiche e sudoripare di alcuni componenti forniscono sollievo dal raffreddore e dall’influenza. Sperimentalmente, gli estratti sono emostatici e antinfiammatori.

L’achillea è strettamente associata alla divinazione, dando origine a detti e versi in molte parti del mondo. In Cina i gambi di achillea sono usati per consultare l’I Ching (Libro dei Mutamenti). Oltre 40 diversi costituenti sono stati isolati dall’achillea. Questi includono un olio essenziale, che contiene azulene antinfiammatorio. Il contenuto di azulene varia tra le piante, anche nello stesso habitat. A. millefolium (achillea, milfoil, ferita del soldato).

Parti utilizzate

Pianta intera.

Proprietà

Erba aromatica, amara e astringente che riduce l’infiammazione, aumenta la sudorazione, allevia l’indigestione e ha effetti diuretici. È anche efficace nell’abbassare la pressione sanguigna, rilassare gli spasmi e arrestare l’emorragia.

Usi dell’erba medicinale:

Internamente per malattie febbrili (in particolare raffreddori, influenza e morbillo), catarro, diarrea, dispepsia, reumatismi, artrite, disturbi mestruali e della menopausa, ipertensione e per proteggere dalla trombosi dopo ictus o infarto. Esternamente per ferite, epistassi, ulcere, occhi infiammati ed emorroidi.

Un ottimo rimedio contenente Melatonina è Alato 37, disponibile qui o in farmacia

ALATO 37 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Melatonina e Iperico

Melatonina e Iperico

Melatonina è :

  • Antiinfiammatorio delle mucose delle alte vie respiratorie
  • Miorilassante, decontratturante muscolare per contratture muscolari o stati dolorosi con forte componente muscolo-tensiva
  • Antispastico viscerale e respiratorio: Spasmi digestivi, coliche gastriche e addominali, asma bronchiale.
  • Antistaminico naturale, adatto per:

Rinite allergica

allergie stagionali

eczema atopico

La Melatonina di origine vegetale si trova in una quantità interessante nell’ Iperico:

Iperico

L’iperico fiorisce in molte aree del mondo e le sue virtù come medicina sono state utilizzate in Nord Africa, Sud Africa, Medio Oriente, India settentrionale, Australia e Nuova Zelanda, così come nelle Americhe e in Europa. Molte delle 370 specie di ipericum sono usate nella medicina tradizionale cinese e nel kampo, la medicina tradizionale giapponese.

Usato come medicina fin dai tempi di Ippocrate nell’antica Grecia, la storia dell’iperico è avvincente, quasi una favola. Rifiutata dagli scienziati medici del diciannovesimo secolo come inutile, l’erba di San Giovanni, o Hypericum perforatum per dargli il suo nome completo, è recentemente diventata una stella. “L’umile erba fa bene”, potrebbero dire i titoli dei giornali, e con buone ragioni. Un trattamento scientificamente provato per la depressione da lieve a moderata e il senso di inutilità e perdita di speranza che ne consegue, l’iperico sembra anche destinato ad avere un valore distinto nel trattamento di condizioni virali come l’HIV e l’AIDS e l’epatite C. Ha un potenziale reale come trattamento anticancro ed è un efficace guaritore di ferite e tessuti. La rinascita dell’interesse per le medicine a base di erbe che ha spazzato l’iperico nei titoli dei giornali riflette una nuova volontà nelle persone di provare tali rimedi. I risvegli dei farmaci a base vegetale si sono verificati prima negli ultimi 150 anni. Una differenza fondamentale questa volta è la quantità e la qualità delle prove scientifiche dietro il loro uso e i processi sempre più sofisticati utilizzati nella produzione di preparati a base di erbe.

L’iperico è stato apprezzato come guaritore di ferite o vulnerario per almeno 2.500 anni, con dozzine di riferimenti in erboristeria e farmacopee in tutta Europa che attestano la sua virtù nella guarigione dei tessuti danneggiati.

Dioscoride, un chirurgo dell’esercito greco e autore del primo grande trattato di erbe, De Materia Medica, raccomandò l’applicazione dell’iperico . Gli usi hanno incluso la pulizia di ferite sporche con olio di iperico da parte dei chirurghi nella sala operatoria, il trattamento di ulcere e piaghe e ferite interne e superficiali con infusione o olio. L’erba è particolarmente associata al trattamento di pugnalate e ferite di guerra – in alcune parti della Spagna è conosciuta come hierba militar – forse perché le ghiandole dell’olio traslucide punteggiate sulle foglie avevano l’aspetto di punture d’ago, ma anche perché l’erba lascia macchie color sangue sulla mano, quando raccolta o tritata.

L’erborista inglese del XVII secolo Nicholas Culpeper la descrisse come “una singolare erba ferita”;  bollito nel vino e bevuto, guarisce interiormente ferite o lividi; trasformato in un unguento, apre ostruzioni, scioglie i gonfiori e chiude le l ferite. Seguendo l’esperienza empirica di Culpeper di 350 anni fa, semplici estratti dell’erba presi internamente sembrano essere efficaci nello stimolare la riparazione dei tessuti. Ci sono prove che dimostrano che l’hipericum può aiutare la guarigione di lesioni interne come ulcere gastriche, così come le ferite esterne. In uno studio, la tintura di iperico (1:10) è risultata più efficace nella guarigione delle ferite superficiali della pelle, quando somministrata internamente, rispetto a una tintura di calendula (Calendula officinalis) applicata direttamente sul sito della ferita. L’iperico si è anche dimostrato più efficace della calendula nello stimolare la crescita di una nuova pelle. L’iperico, in particolare l’olio, è quindi un trattamento prezioso e sottoutilizzato per problemi topici come  lividi, tagli, abrasioni, estrazioni dentali ed emorroidi, herpes, piaghe e vesciche . La sua sicurezza lo rende anche un rimedio domestico molto utile per le ferite in generale. Allo stesso modo in cui l’iperico promuove la guarigione delle ferite sulla superficie del corpo, può essere utilizzato per incoraggiare la riparazione di parte della nostra pelle interna, in particolare il rivestimento dello stomaco.

L’olio di iperico è stato usato per secoli, in particolare in Germania, per trattare problemi infiammatori e ulcere nello stomaco. Il trattamento standard raccomandato è quello di prendere un cucchiaino di olio di iperico a stomaco vuoto mattina e sera. Il trattamento deve essere continuato per diversi mesi ed è più efficace se integrato con camomilla e cambiamento nella dieta . In uno studio clinico, gli alcolisti affetti da depressione e gastrite e/o ulcere gastriche hanno assunto infusioni regolari di iperico abbinato a psicoterapia: il trattamento si è dimostrato efficace dopo due mesi. Un altro problema meno grave anche se molto più comune, che potrebbe rispondere bene all’iperico, in combinazione con erbe come la menta piperita (Mentha piperita), è la sindrome dell’intestino irritabile, strettamente legata alla depressione.

Con una marcata attività astringente e antinfiammatoria, l’iperico può ridurre la diarrea e l’irritabilità all’interno dell’intestino, dove incoraggerà anche la riparazione della parete intestinale. Come antimicrobico può eventualmente avere qualche effetto sulla flora intestinale .

L’iperico era usato come medicina nell’antica Grecia, anche se c’è confusione su quali specie fossero effettivamente impiegate. Si pensa che Ippocrate abbia usato Hypericum come rimedio rinfrescante e antinfiammatorio, e nella successiva scuola ippocratica l’olio di iperico è stato usato per il trattamento della depressione. Il chirurgo greco Dioscoride, nel suo De Materia Medica, elenca quattro specie di iperico, che raccomanda per il sollievo della sciatica, per pulire i dotti biliari e per guarire le ustioni. Alcune specie sono raccomandate come diuretici e per stimolare le mestruazioni, e i semi, somministarti per 40 giorni, potrebbero essere usati per trattare le febbri croniche ricorrenti, compresa la malaria.

Plinio il Vecchio, un autore romano che scrive contemporaneamente a Dioscoride ma privo delle sue conoscenze mediche, semplicementesugegrisce l’erba contro i morsi di rettili velenosi. Galeno, medico dell’imperatore romano Marco Aurelio, e autore medico più prolifico del mondo antico, considerava l’iperico per le  qualità calde e secche, utile quindi per correggere o bandire un eccesso di umori umidi e freddi, e problemi legati al cervello e all’inverno.

È difficile scrivere di iperico senza tornare più e più volte a Paracelso, perché la sua scrittura su questa erba, come su altri argomenti, è sempre provocatoria. In particolare, la sua fede entusiasta nei poteri terapeutici dell’iperico – “Dio ha dato al Perforatum (erba di San Giovanni) la forza di inseguire i fantasmi della natura, i vermi, le ferite e le fratture ossee, e ogni scoramento”.

È veramente una medicina universale al di là della creazione dell’umanità” – è stata senza dubbio una delle ragioni per cui, cinque secoli dopo, i ricercatori in Germania hanno iniziato a esaminare il potenziale ruolo dell’iperico come antidepressivo. Le autorità precedenti hanno affermato l’uso della pianta per problemi che colpiscono i nervi, ma Paracelso è andato molto oltre nel sottolineare il suo valore nel trattamento degli stati depressivi. Molti degli erbari stampati in Europa nei secoli XVI e XVII, sia in tedesco, francese, italiano o inglese, hanno dato informazioni simili, ripetendo spesso le indicazioni date da Dioscoride, Galeno e dal medico arabo, Avicenna. Sia Hieronymus Bock che Matthiolus, che hanno prodotto due dei grandi testi erboristici dell’epoca, includono la guarigione delle ferite, l’ effetto emostatico (arresto del sanguinamento), diuretico, l’ effetto emmenagogo (stimolazione delle mestruazioni) e l’attività antimalarica.

L’olio di iperico era un popolare rimedio per ferite ed era incluso nella prima farmacopea di Londra (1616) come Oleum Hyperici. Molti erboristi davano ricette per la sua preparazione, in genere infondendo le cime fiorite in olio d’oliva in un barattolo di vetro trasparente e lasciandolo alla luce del sole per alcune settimane. John Gerard dà istruzioni più complesse per una ricetta che include vino bianco e trementina. Raccomanda che il processo venga ripetuto utilizzando una seconda quantità di erba per produrre un olio con forza sufficiente. Il testo inglese metà del XIX secolo “Our Useful Wild Flowers” nota che gli erboristi vendono ancora l’olio intriso di iperico per l’uso come vulnerario, e questo uso dell’erba continuò in Europa e in Russia, dove è sempre stata un’importante pianta medicinale.

Tra gli erboristi, e nelle zone rurali dove le tradizioni contadine sono rimaste saldamente radicate, l’iperico ha continuato ad essere utilizzato nel XIX secolo come rimedio per ferite, sciatica, problemi urinari e dei dotti biliari e stati nervosi.

Come regola generale, tuttavia, è stato visto come meritevole di poca attenzione come medicina, forse essendo di importanza economica come colorante rosso, per l’ipericina era stato isolato dall’erba nel 1830 dal chimico tedesco, Buchner. “Al giorno d’oggi sia l’erba che le sue proprietà sono allo stesso modo dimenticate”, lamentava padre Kneipp. In effetti, con l’emergere in Germania e negli Stati Uniti di nuove forme non ortodosse di pratica medica – omeopatia e naturopatia in particolare – le pratiche erboristiche tradizionali sono state rivalutate, e questo ha portato nel tempo a una rivalutazione dell’iperico. Kneipp stesso scrisse che l’erba aveva una particolare influenza sul fegato, poteva aiutare ad alleviare il mal di testa e a risolvere l’enuresi notturna nei bambini. Quest’ultima indicazione rifletteva la medicina popolare tedesca, in cui l’iperico era spesso usato per il quale l’iperico era spesso usato per l’enuresi notturna, nonché per incoraggiare le mestruazioni quando un periodo era “bloccato” o assente, per problemi uterini e per il catarro bronchiale. L’olio di Hipericum, piuttosto che l’erba stessa, continuò ad essere usato per ustioni e scottature sia nella medicina tradizionale che in quella naturopatica, le istruzioni per la sua preparazione furono incluse nella Farmacopea Wirtenbergica del 1847.

In Nord Africa, l’iperico è originario delle regioni superiori della Tunisia e del Marocco, dove è stato utilizzato principalmente per guarire ferite e ustioni e per disturbi digestivi. Nell’Anatolia meridionale in Turchia, è stato preso come decotto o infuso per mal di stomaco. Diverse altre specie di iperico trovate in Turchia sono anche usate in medicina.

All’interno della medicina ayurvedica, la principale medicina tradizionale dell’India, l’Hypericum perforatum ha più o meno le stesse azioni di quelle che si trovano in Europa: astringente, vermifugo, emmenagogo, diuretico, vulnerario.

Un ottimo rimedio contenente Melatonina è Alato 37, disponibile qui o in farmacia

ALATO 37 (lafenicesas.it)