Archivio dei tag potassio

DiAlessandra Zarone

Cedro e Potassio

Cedro e Potassio

 

Il cedro, (Citrus medica L.) è uno dei tre agrumi primordiali (gli altri sono pummelo/ pomelo o pampaleone e il mandarino) da cui ha avuto origine la maggior parte degli altri agrumi.

Sebbene la buccia e gli estratti di cedro crudo siano molto apprezzati in Asia per i loro numerosi usi medicinali ,che vanno dall’Alzheimer al cancro al diabete alle ulcere ai parassiti intestinali, e come repellente per insetti, la maggior parte dei frutti coltivati nel bacino del Mediterraneo è usato per il rituale ebraico durante la festa autunnale del raccolto di Sukkot (Tabernacoli).

Il nome della specie medica indica che Linneo pensava che l’origine del cedro fosse in Medea / Persia (l’odierno Iran), e non si riferisce, come a volte erroneamente si pensa, al valore medicinale del frutto. Più recentemente, è stato determinato che il cedro è uno dei tre agrumi primordiali, gli altri sono il mandarino e il pommelo. Il punto di origine di tutte e tre le specie di agrumi è probabilmente la Cina sud-occidentale / India nord-orientale. Alessandro Magno è accreditato di aver portato il cedro dalla Persia al bacino del Mediterraneo intorno al 300 a.C., probabilmente per uso medicinale.

Gli ebrei che vivevano in Babilonia nel VI secolo a.C. usavano il cedro nei rituali religiosi, e i governanti persiani locali nell’antica Palestina / Giudea furono responsabili dell’introduzione del frutto nel Mediterraneo orientale. Fonti greche, romane, arabe ed ebraiche dall’antichità al medioevo si riferiscono tutte al cedro come fonte vegetale di ampio valore medicinale. Estratti e preparati del frutto e dei semi erano particolarmente apprezzati per la loro attività antitossica, sebbene frutta e foglie intere fossero anche usati come repellenti per insetti. Maimonide (XIII secolo) nel suo Trattato sulla guarigione, menziona i semi di cedro macinati, applicati freschi o secchi in un impiastro con radice di Colocinto, come particolarmente efficaci contro il veleno dello scorpione. Il suo contemporaneo ibn Taysan (Saladino d’Ascoli Salerno, circa XII secolo) raccomandava una riduzione del succo di cedro per contrastare il veleno in generale, oltre che per migliorare la funzionalità epatica e cardiaca, e come ingrediente nel lavaggio degli occhi. Estratti di semi, foglie e germogli sono usati come vermifugo. Gli oli essenziali della buccia hanno qualità antisettiche e antibiotiche. Questi oli aromatici sono anche la ragione per cui i cedri sono collocati negli armadi dei vestiti e nelle casse di stoccaggio per proteggere i tessuti da falene e altri insetti. Inoltre, l’albedo viene mangiato per migliorare la digestione, mentre gli estratti di frutto e talvolta di foglie, aiutano a ridurre i sintomi del morbo di Alzheimer, del cancro del diabete, delle ulcere, di reumatismi e tiene lontano gli spiriti maligni. Mangiare buccia cruda, buccia zuccherata o marmellata a base di cedri usati nella festa di Sukkot è facilitare il parto e migliorare la fertilità. Estratti di cedro migliorano la secrezione di insulina, alleviano i sintomi del diabete, hanno proprietà antiinfiammatorie, inibiscono la l’attività della colinesterasi.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Amaranto e Potassio

Amaranto e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare.

Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

Amaranto

Amaranthus hypochondriacus (Amaranthaceae) Amaranto

Originario dell’India, l’amaranto cresce spontaneamente in molti paesi, compresi gli Stati Uniti.

L’amaranto deriva dalla parola greca che significa “senza fronzoli”. Era sacro alla dea Artemide, adorato a Efeso, e si pensava che avesse speciali poteri curativi. Come simbolo di immortalità, è stato usato per decorare tombe e immagini degli dèi.

Azioni e usi medicinali

L’amaranto è un’erba astringente che viene utilizzata principalmente per ridurre la perdita di sangue e per trattare la diarrea.

Un decotto di amaranto è preso come rimedio in caso di sanguinamento mestruale pesante, perdite vaginali eccessive, diarrea e dissenteria. È anche usato come gargarismi per lenire l’infiammazione della faringe e per accelerare la guarigione delle afte.

Specie correlate

La quinoa (A. caudatus, noto anche come grano Inca) è un nutriente grano andino. È usato per fare il pane e viene mangiato in insalata. I semi di A. grandiflorus sono usati come alimento dagli aborigeni australiani.

  • Gli Aztechi credevano che la pianta avesse poteri soprannaturali e che i semi, una volta mangiati, avrebbero dato loro un’enorme forza.
  • In Perù, i fiori sono stati utilizzati per mal di denti e febbre. I fiori sono anche utilizzati in un tè per normalizzare il ciclo mestruale.
  • Nella tradizione popolare, è stato usato per guarire le ferite, fermare le emorragie dal naso, aiutare le piaghe della bocca e della gola, regolare l’eccessivo sanguinamento durante le mestruazioni, lenire l’infiammazione e per la diarrea.
  • I semi vengono consumati come cereali. Contengono un alto contenuto proteico e molti nutrienti essenziali e aminoacidi.
  • Le foglie sono usate come verdura.
  • Il pigmento rosso dei fiori viene utilizzato per colorare cibi e cosmetici.
  • L’olio è apprezzato nella cura della pelle per idratare la pelle secca, migliorare l’elasticità, ridurre le rughe, rallentare il processo di invecchiamento della pelle e fornire proprietà curative alla pelle danneggiata e pruriginosa.

 

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Cacao e Potassio

Cacao e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare.

Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

Theobroma cacao (Sterculiaceae) Cacao, Cocoa

Il cacao è stato coltivato fin dall’antichità dagli indiani dell’America centrale tropicale, anche se la coltura probabilmente si è evoluta dal cacao selvatico nelle foreste amazzoniche. I fagioli (semi) della pianta furono portati da Colombo in Europa. La bevanda al cacao divenne popolare in Europa nel diciassettesimo secolo, Oggi, la pianta (famiglia Sterculiaceae) è coltivata in America centrale e meridionale, nelle Indie occidentali, nell’Africa occidentale e nel sud-est asiatico. I semi sono racchiusi in una polpa mucillaginosa. Nel paese di origine, i baccelli maturi vengono raccolti e divisi aperti per l’estrazione dei fagioli bagnati. Questi sono collocati in cumuli coperti, cesti o scatole di legno (“scatole di sudore”). I batteri e i lieviti nella polpa provocano la fermentazione dei fagioli (“stagionatura”). Il processo va avanti per alcuni  giorni, durante i quali la fermentazione provoca cambiamenti chimici nei fagioli, essenziali per lo sviluppo del caratteristico aroma di cacao. Dopo la fermentazione, i fagioli vengono essiccati. Sebbene il cacao sia una coltura tropicale, le fave secche vengono esportate nei paesi temperati per la lavorazione nelle fabbriche. Le fave vengono tostate e i loro gusci (rivestimenti di semi) vengono rimossi per dare gli  embrioni che vengono macinati per produrre la “massa di cacao”. A questo punto c’è una diversificazione. I gusci di fagioli di scarto sono inclusi nei mangimi per animali o utilizzati come fertilizzante e pacciame.

Originario del Messico e dell’America Centrale, il cacao è ora una delle principali colture in tutti i tropici. I baccelli dei semi vengono raccolti più volte all’anno e vengono tagliati direttamente dal tronco dell’albero (dove crescono). Un baccello contiene fino a 50 fagioli, con circa 900 del peso di (1 kg). Intorno al XV e XVI secolo, gli Aztechi, una cultura molto più recente nell’altopiano centrale del Messico coltivarono e il cacao. Fu documentato per la prima volta intorno al 1100 a.C. .Gli Aztechi e i Maya preparavano un cioccolato che aveva un sapore amaro Gli Aztechi chiamavano l’albero cacvaqualhitl, il frutto raccolto o baccelli cac-vacentli, i semi di cacao cachoatl e la pregiata bevanda a base di fagioli chocolatl.

Baccelli di cacao e immagini simili a viti di rami di alberi che portano baccelli hanno figurato nell’arte aborigena, come le stele Maya e i più recenti codici aztechi Scoperte archeologiche attestano che, nella penisola di Nicoya in Costa Rica, una bevanda a base di polpa a base di baccelli di cacao, era probabilmente utilizzata lungo le rotte commerciali Maya, ben stabilite già nel 600-200 D.C. a.C. La parola “cioccolato” deriva da chócolatl, il nome dato a questo albero dagli Aztechi. Nel 1720, Cotton Mather, un predicatore americano e storico della natura, elogiò il cacao, scrivendo che la pianta “fornisce agli indiani pane, acqua, vino, aceto, brandy, latte, olio, miele, zucchero, aghi, filo, lino, vestiti, berretti, cucchiai, cesti, carta e legname, rivestimenti per le loro case, alberi, vele, corde per le loro navi e medicina per le loro malattie; e cosa si può desiderare di più?”

Medicina folclorica e moderno utilizzo del cacao

Sebbene il cacao sia più spesso usato come alimento, ha anche un valore terapeutico come stimolante del sistema nervoso. In America Centrale e nei Caraibi, i semi sono presi come tonico per cuore e reni. La pianta può essere usata per trattare l’angina e come diuretico. Il burro di cacao (l’olio fisso) è un buon balsamo per le labbra ed è spesso usato come base per supposte. Il potente mix di polifenoli nella polpa di semi non trasformati è stato l’obiettivo principale della ricerca sul cacao. Questi hanno un’attività protettiva sul cuore e sui vasi sanguigni, in particolare sostengono i capillari o la microcircolazione. Sembra anche avere un’attività antidiabetica, in quanto stimola il pancreas a regolare i livelli di zucchero nel sangue in modo più efficace. Altri potenziali usi del cacao che sono stati studiati includono la prevenzione della carie, come aiuto alla perdita di peso, come alimento preventivo per il cancro e come trattamento per l’affaticamento cronico.

Nella Mesoamerica precolombiana, il cioccolato preparato non era dolce. In effetti, era spesso amaro a causa dei peperoncini aggiunti. Le fave di cacao venivano prima essiccate al sole, tostate e poi macinate su metates (piattaforme concave per la macinazione a pietra) con un po ‘d’acqua e altri ingredienti aggiunti, che vanno dalla vaniglia (ricavata da un’orchidea originaria del Messico e dell’America centrale, Vanilla planiflia Jackson) al mais e all’achiote (i semi rossi essiccati, chiamati annatto o bixin in inglese, dalla boscaglia Bixa orellana). La pasta risultante era modellata in piccole torte e conservata fino all’uso. Il chocolatl della bevanda era fatto mescolando un pezzo di una torta di pasta di cacao con acqua in un recipiente di zucca; l’achiote macinato dava alla bevanda un colore rossastro per assomigliare al sangue. Facendo cadere la miscela tra i recipienti di zucca, la bevanda era preparata con una consistenza leggera e schiumosa. Per il popolo Maya, i baccelli di cacao erano simboli di fertilità, vita e cibo degli dèi. Usavano il cioccolato per scopi cerimoniali e credevano che il cioccolato avesse proprietà medicinali. Credevano anche che il consumo di cacao desse saggezza e potere e usassero il cacao come valuta. Nel 1492 Colombo portò le fave di cacao dall’America all’Europa, ma a quel tempo non erano interessanti per gli europei. Hernan Cortez nel 1528 portò il cacao in Spagna insieme al segreto della produzione di xocoatl. In Spagna, zucchero, vaniglia, noce moscata, chiodi di garofano, pimento e cannella furono stati aggiunti alla ricetta. Tuttavia, le barrette di cioccolato non furono prodotte fino al XVIII secolo, quando sono stati prodotti mulini meccanici per spremere il burro di cacao dalla massa di cacao, il cioccolato al latte è stato prodotto per la prima volta nel 19 ° secolo da Daniel Peter e Henry Nestle. Rodolphe Lindt inventò un processo chiamato concaggio, che permise la formazione di un aroma di cioccolato morbido e Milton Hershey fu un pioniere della produzione di massa di barrette di cioccolato a prezzi accessibili. Nel corso dei secoli, il cioccolato è stato considerato un afrodisiaco ed è stato usato per trattare la fatica e la diarrea.

Studi clinici

Un recente studio si è concentrato sull’effetto del cioccolato sulla depressione. I ricercatori hanno scoperto che le persone che sono clinicamente depresse, hanno maggiori probabilità di mangiare cioccolato e più sono depresse, più cioccolato mangiano. I ricercatori non possono affermare in modo conclusivo, se la depressione stimoli il desiderio di cioccolato. Il contenuto di grassi, zucchero, caffeina, la consistenza o l’aroma possono essere responsabili dell’effetto di miglioramento dell’umore del cioccolato. I componenti del cioccolato (teobromina, tiramina e feniletilamina) possono essere responsabili di questo effetto sull’umore. Diversi studi si sono concentrati sul desiderio di cioccolato.

I componenti del cioccolato includono composti antiossidanti, come le catechine, che riducono i radicali liberi prodotti dall’ossidazione. Il cacao abbassa il colesterolo LDL, riduce la pressione sanguigna e l’aggregazione piastrinica.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Orzo e Potassio

Orzo e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare.

Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

Orzo Hordeum vulgare

Orge (francese); Gerste (tedesco); Cevada (portoghese); Cebada (spagnolo); Orzo (italiano); Korn (svedese); Sha’ir (arabo); Sigem (Tigrinha), Gebs (amarico), Garbuu (Oromifa) in Etiopia; Jau, Jar (Hindi e Dari); La coltivazione dell’orzo è probabilmente originaria dell’altopiano dell’Etiopia e del sud-est asiatico dove è coltivato da almeno 2000 anni. Era la principale pianta del pane degli Ebrei, dei Greci e dei Romani. Dioscoride (I secolo a.C.) lo raccomandava “per indebolire tutti gli umori acuti e sottili, mal di gola e ulceere”.

Discende dall’orzo selvatico (Hordeum spontaneum), che cresce ancora in Medio Oriente. Il pane a base di orzo è azzimo (focaccia) a causa del suo basso contenuto di glutine. E’ Un alimento eccellente per la convalescenza sotto forma di porridge o acqua d’orzo, l’orzo è lenitivo per la gola e fornisce nutrienti facilmente assimilabili. Può anche essere preso per eliminare il muco. La sua qualità demulcente lenisce l’infiammazione dell’intestino e del tratto urinario. L’orzo aiuta nella digestione del latte e viene somministrato ai bambini per prevenire lo sviluppo di cagliata all’interno dello stomaco. Viene comunemente somministrato a bambini affetti da infezioni minori o diarrea ed è particolarmente raccomandato come trattamento per gli stati febbrili.

Al giorno d’oggi l’orzo è il più ampiamente distribuito di tutti i cereali, e cresce in quasi tutte le regioni temperate, nonché nelle aree più calde e secche come quelle che si trovano in Nord Africa ed Etiopia e nei tropici degli altopiani. La produzione globale annua di orzo nel 2004 è stata di 154 milioni di tonnellate, di cui circa la metà prodotta in Europa; è il quarto cereale più importante dopo grano, riso e mais. Trasformato in un impiastro, l’orzo è un rimedio efficace per lenire e ridurre l’infiammazione di piaghe e gonfiori.

La fibra nell’orzo, come quella nell’avena, ha un’azione consolidata nel ridurre l’assorbimento dei grassi dall’intestino, aiutando a ridurre i livelli di colesterolo. In comune con altri alimenti a base di fibre, può anche aiutare a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue e a prevenire il cancro intestinale.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Mandorle e Potassio

Mandorle e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare.

Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

Mandorle

La mandorla dolce è originaria dell’Asia e della regione mediterranea e si trova in terreni asciutti. L’albero di medie dimensioni cresce fino a un’altezza di circa 10,5 metri e ha fiori bianco-rosati. Ci sono circa cinquanta specie di mandorli selvatici, ma solo poche varietà producono un nocciolo. Il mandorlo è stato in coltivazione in Asia per migliaia di anni ed è menzionato nella Genesi. Fu introdotto in Europa dai greci che conoscevano più di dieci tipi di seme che allora era noto come amugdale e da cui derivava il termine latino amigdala. I Romani le chiamavano Muces graecae o Noci Greche, e sono state coltivate in Italia fin da molto presto. Non sembrano essere stati coltivati in Francia fino all’VIII secolo e non sono stati coltivati nell’Europa nord-occidentale fino al tardo Medioevo. Il primo albero fu piantato in Inghilterra all’inizio del XVI secolo. La cucina elisabettiana, tuttavia, utilizzava grandi quantità di semi, e “l’acqua di mandorle” era spesso richiesta e usata tanto quanto ora usiamo il latte in alcune ricette. La classificazione botanica della pianta è complicata e si troveranno molti nomi diversi; Prunus amygdalus Batsch. e Amygdalus communis L sono i più comuni, ma ora sono stati sostituiti.

Le mandorle sono ricavate da Prunus dulcis (P. amygdalus, Amygdalus communis).

Nella medicina ayurvedica, le mandorle sono prese come lassativo, e si dice che migliorino la vista. Le noci e l’olio sono considerati afrodisiaci.

In Europa, prima del XVIII secolo, le mandorle venivano polverizzate, immerse nell’acqua e trasformate in una bevanda nutrizionale come sostituto del latte.

In Cina, le mandorle e il riso integrale vengono macinati in polvere e assunti con acqua e miele per aiutare o prevenire la gola secca.

In Asia, le mandorle vengono consumate per migliorare la memoria.

Le mandorle zuccherate o candite sono talvolta date come regalo tradizionale agli ospiti dei matrimoni in alcuni paesi europei. Sono state riconosciute due varietà botaniche: la mandorla dolce (P. dulcis var. dulcis) e la mandorla amara (P. dulcis var. amara). Le mandorle amare contengono una sostanza glicosidica nota come “amigdalina. L’amigdalina, in determinate circostanze, produce l’acido prussico tossico (acido cianidrico.

Olio:

L’olio di mandorle dolci deve essere contrapposto all’«olio di mandorle amare» (benzaldeide) prodotto dall’amigdalina e utilizzato in farmacia. L’acido prussico viene eliminato durante la produzione di olio di mandorle amare. L’olio di mandorle dolci è utilizzato nella fabbricazione di emulsioni per medicinali, oli da massaggio, oli, preparati per la cura della pelle e cosmetici.

Demulcente; nutritivo; emulsionante. L’olio di mandorle dolci è utilizzato prevalentemente per preparare emulsioni in cui altri rimedi erboristici possono essere sospesi, in particolare per le miscele per la tosse. L’olio dolce viene utilizzato esternamente negli oli da massaggio e internamente come lassativo.

L’olio di mandorle amare era un tempo utilizzato come aromatizzante nelle preparazioni farmaceutiche ed esternamente nelle lozioni demulcenti per la pelle e le scottature solari, ed è ora utilizzato nelle industrie di profumeria, liquori e dolciumi.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Noci e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare. Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

Juglans (  Juglandaceae) Noce

Il suo genere comprende 21 specie di alberi decidui, distribuiti dalle regioni mediterranee all’Asia orientale e attraverso l’America settentrionale nelle Ande. L’albero cresce spontaneamente dai Balcani, attraverso l’Asia centrale, fino ad alcune parti della Cina. È stato coltivato migliaia di anni fa, probabilmente nel nord-est della Turchia, nel Caucaso e nel nord dell’Iran. Oggi è coltivato commercialmente in molti paesi. La California è il più grande produttore, ma c’è una notevole produzione in altri paesi, ad esempio Turchia, Cina, Russia, Grecia, Italia, Francia e Romania. La famiglia delle noci deriva il loro nome generico, Juglans, dal latino iovis glans che significa la ghianda di Giove , secondo dopo l’antica credenza che gli dei mangiassero noci.

Juglans regia L juglandaceae , Walnut, Persian Walnut

Juglans regia si trova allo stato selvatico dall’Europa meridionale alla Cina meridionale. Alcune noci vengono coltivate per le loro foglie simili a cenere, spesso molto grandi che in alcune specie ingialliscono in autunno.

Questo albero porta il nome regia, che significa reale, sia per il suo aspetto attraente che per la sua importanza storica come fonte di legname e cibo. Era noto a Teofrasto come karuon, e Plinio – che credeva che fosse entrato in Europa dalla Persia – descrisse per primo l’uso dei gusci per tingere i capelli bianchi in castani. Suggerì che le bucce verdi fossero bollite con piombo, cenere, olio e lombrichi e la miscela applicata alla testa. Sia i gusci di noce verde, che le foglie fresche sono stati usati per secoli come tintura marrone per i capelli, ciò rimase come principale costituente delle tinte fino all’inizio del XX secolo.

Anche se spesso chiamati noci “inglesi”, gli alberi nelle isole britanniche raramente coltivano così come quelli nei climi più caldi. Juglans deriva dal latino Iupiter, “Giove”, e glande, “ghianda”. Nel Regno Unito, i giovani frutti in salamoia nell’aceto erano popolari.

Erba amara e astringente, espettorante e lassativa, lenisce i tessuti irritati e scioglie i calcoli renali, ha proprietà anticancro. I frutti acerbi sono messi in salamoia, conservati sciroppati e trasformati nel liquore francese brou de noix.

Rimedio tonico, astringente, antinfiammatorio, debolmente ipoglicemizzante.

Ad uso interno per costipazione, tosse cronica, asma e calcoli urinari (foglie); diarrea e anemia (corteccia); problemi mestruali e pelle secca e rughe (olio).

Esternamente è utile per eczema, herpes, disturbi cutanei eruttivi, infiammazioni oculari e perdita di capelli. Considerato nella medicina tradizionale cinese come un tonico per l’energia renale debole. Foglie e bucce producono tintura marrone, utilizzata nelle tinte per capelli e nei balsami per capelli scuri. Il legno è usato in mobili, impiallacciature e cannoniere. L’olio è usato nei cosmetici e nelle vernici ed è particolarmente popolare in Francia.

Le foglie sono considerate benefiche per le eruzioni sono cutanee eruttive e utilizzate sia internamente che esternamente. Le foglie sono usate per trattare il prurito del cuoio capelluto e la forfora, nonché i disturbi della pelle.  E ‘impiegata anche omeopaticamente per gli stessi scopi. La frutta matura può essere messa in salamoia. L’olio ricavato dalle noci fornisce un olio da cucina ed è occasionalmente impiegato nelle vernici degli artisti non essiccanti. Il legno è utilizzato nei mobili. Le foglie producono una tintura marrone.

Un tè a base di noci è stato utilizzato in Messico e Perù per stimolare la produzione di latte nelle madri che allattano e in Brasile come tonico nervoso; in Vietnam le noci sono impiegate per curare la dissenteria. Tuttavia, come alimento salutare, le noci forniscono una serie di nutrienti importanti come proteine, grassi, minerali, vitamine e fibre alimentari. Elevate assunzioni di grassi saturi sono state associate a malattie cardiache e alcuni tumori, pertanto, il grasso insaturo di noci è da considerarsi “sano”.

Le noci includono antiossidanti, utili per l’eliminazione dei radicali liberi, come vitamina E, flavonoidi e alcuni oligoelementi come La noce ha dimostrato di essere una fonte adeguata di minerali alimentari, il nocciolo è ricco di potassio (K), magnesio (Mg), fosforo (P) e ferro (Fe), e contiene anche sodio (Na), calcio (Ca), zinco (Zn) e rame (Cu)  . Potassio (K ) è il terzo minerale più abbondante nel corpo umano con funzione elettrolitica, necessario per mantenere cuore, cervello, reni, tessuti muscolari e altri organi importanti del corpo umano in un buono stato. Quindi la noce è un buon alimento anche in termini di minerali essenziali.

I gherigli   contengono acido linoleico e oleico. I residui di nocciolo possono essere impiegati come mangime per animali; il guscio è utilizzato nella produzione di materie plastiche. vitamine A, E , B, ad eccezione della B12, D-3, inoltre, i giovani  frutti contengono vitamina C.

La noce inglese o persiana (Juglans regia L.) è la specie più importante coltivata in tutto il mondo ed è stata consumata per scopi di nutrizione umana fin dall’antichità. Storicamente, tutte le parti della noce persiana come gambo, corteccia, foglie, frutti, noccioli e anche olio di nocciolo sono consumate nelle medicine popolari, per il trattamento di una varietà di disturbi di salute, grazie alla sua attività antimicrobica, antielmintica, antinfiammatoria, astringente, cheratolitica, antisettica, antidiarroica, ipoglicemica, tonica, depurativa, carminativa. Le foglie sono state utilizzate anche in decotti e altri preparati per il trattamento di sinusite, raffreddore e mal di stomaco, faringite e per ridurre la febbre e il dolore reumatico come sedativo. È un rimedio utilizzato anche per l’infiammazione dermica, l’acne, le verruche, l’eccessiva sudorazione delle mani, dei piedi, per il trattamento della scrofola e dell’eczema cronico e sono stati utilizzati anche per lavare ferite e ustioni. Ha inoltre un alto potenziale di attività anti-aterogena (diabete) e una notevole attività osteoblastica.

I gusci verdi di noce sono stati impiegati nella tradizionale medicina erboristica palestinese e araba, per trattare diverse malattie come le malattie della pelle causate da sifilide e funghi, verruche, mal di stomaco, anemia.

La corteccia, i rami e il mallo della noce verde sono stati usati come medicina tradizionale per il trattamento del cancro gastrico, polmonare e epatico per lungo tempo in Cina, Corea e nella regione nord-orientale del Messico. In Tunisia, la corteccia viene utilizzata come miswaks per la pulizia dei denti. In Nepal, la pasta di corteccia viene utilizzata per il trattamento di artrite, mal di denti, malattie della pelle e crescita dei capelli.

Tradizionalmente, i semi di questa pianta medica sono utilizzati per il trattamento dell’insufficienza venosa, dei sintomi emorroidali e hanno anche proprietà antidiarroiche, antidiabetiche e depurative. Si ritiene che la corteccia dello stelo sia alterativa, antielmintica, astringente battericida, depurativa, digestiva, diuretica, stimolante, tonica, lassativa, detergente e insetticida.

Studi clinici

Negli ultimi anni, una varietà di studi è stata fatta sugli estratti di diverse parti di noce e sono stati analizzati gli effetti su una varietà di disturbi. La maggior parte di queste ricerche hanno a che fare con l’effetto ipoglicemico degli estratti di noce l’estratto di foglie di J. regia è in grado di migliorare l’iperglicemia correlata al diabete, ridurre l’emoglobina glicosilata, aumentare il livello di insulina e persino prevenire gli effetti tossici della streptozocina. L’estratto di foglie di J. regia influisce favorevolmente sulle cellule pancreatiche. L’estratto idroalcolico di fiori maschili di noce, è grado di diminuire gli enzimi della glicemia, ha funzione antiproliferativa contro le cellule tumorali della prostata nell’uomo, in contiene agenti antitumorali, gli ellagitannini .Le indagini hanno dimostrato che l’estratto di Juglans potrebbe essere utilizzato favorevolmente per il trattamento della  placca dentale, polmonite nosocomiale, infezioni del tratto . Estratti di corteccia e foglie di Juglans regia hanno attività antibatterica contro i batteri gram-positivi e gram-negativi su Streptococcus mutans, Streptococcus salivarius, Streptococcus sanguinis, Pseudomonas aeruginosa, Escherichia coli, Klebsiella penumoniae, Agrobacterium tumefaciens, Bacillus cereus, Bacillus subtilis, Staphylococcus aureus, Klebsiella spp, Propionibacterium acne, Staphylococcus epidermidis, Mycobacterium tuberculosis, Listeria monocytogenes, Listeria ivanovii, Listeria murrayi e Lactobacillus casei, tubercolosi, Listeria monocytogenes, Listeria ivanovii, Listeria murrayi e Lactobacillus casei.

L’attività antimicrobica degli estratti di noce è attribuita al juglone che ha effetto allelopatico .

Juglans cinerea (Juglandaceae),Butternut , noce bianca

Era un rimedio per i disturbi digestivi. È stato elencato nella Farmacopea degli Stati Uniti (1820-1905).

La corteccia era impiegata dai nativi americani e dai coloni del Nuovo Mondo come rimedio lassativo e tonico. Butternut è stato usato per trattare una varietà di condizioni, tra cui articolazioni reumatiche e artritiche, mal di testa, dissenteria, stitichezza e ferite.

Azioni e usi medicinali

Usato fino ad oggi come lassativo e tonico, Butternut è un prezioso rimedio per la stitichezza cronica.

È particolarmente utile se combinato con un’erba carminativa, come lo zenzero o angelica. Butternut abbassa anche i livelli di colesterolo e promuove la rimozione dei prodotti di scarto da parte del fegato. Ha una reputazione positiva nel trattamento dei vermi intestinali e, essendo antimicrobico e astringente, è stato prescritto come trattamento per la dissenteria.

Noce nera (J. nigra)

È usata allo stesso modo di Butternut. La corteccia del noce (J. regia) è usata come un purgante delicato e viene applicata anche alle afflizioni della pelle. Il dado è usato nella fitoterapia cinese come tonico renale. Le noci di entrambe le varietà sono altamente nutrienti, abbassano i livelli di colesterolo e contengono quantità significative di acido alfa-linolenico.

La maggior parte dei nomi di questo albero, indicano sia la natura oleosa che la forma del frutto. L’olio di noce era una volta usato come condimento aromatizzato in America.

Usi: corteccia della radice interna; frutti maturi, foglie

La corteccia era usata come rimedio domestico per la stitichezza. L’olio del frutto è stato impiegato per rimuovere la tenia. Ora è usato raramente anche nella medicina popolare. La frutta matura può essere usata in salamoia. La linfa produce uno sciroppo simile allo sciroppo d’acero. La corteccia della radice, le foglie e la frutta forniscono una tintura marrone per la lana.

 

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it) o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Legumi e Potassio

Legumi e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare.

Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

I legumi appaiono anche all’inizio dello sviluppo dell’agricoltura nel Nuovo Mondo. Resti di zucche, zucche, peperoni e fagioli (Phaseolus vulgaris) sono stati trovati in grotte a Ocampo in Messico, datati al radiocarbonio a 4000 B.C. o poco prima. Il fagiolo precede di circa 1 000 anni il cereale base delle Americhe, il mais, di cui non è stato ancora trovato alcun antenato selvatico. Non vi è alcuna indicazione che nel Vecchio Mondo piselli e lenticchie fossero coltivati prima del grano e dell’orzo, e forse ulteriori ricerche in diverse regioni mostreranno che cereali e legumi hanno la stessa antichità nella storia umana.

Il fagiolo di Lima (P. lunatus) è una pianta del Nuovo Mondo, trovato nelle tombe pre-Inca in Perù. In epoca precolombiana, era coltivato in tutta l’America tropicale, compresa la Florida. Oggi il fagiolo di Lima, sebbene meno diffuso del fagiolo, viene coltivato in molte regioni tropicali, tra cui l’Africa a sud del Sahara e il sud-est asiatico.

Coltivato fin dall’antichità nella regione mediterranea tra cui Egitto, Etiopia e Vicino Oriente fino all’Afghanistan, si è diffuso in Europa e in Asia, includendo la Cina. Il ”fagiolo’ originale in Europa  prima dell’arrivo della specie Phaseolus dall’America. Cocolmeca (il gruppo Phaseolus metcalfei) sono piante perenni leguminose degli altopiani (1.000-2.500 m di altitudine) del Nord America sud-occidentale. Il loro significato culturale è stato sottovalutato sia all’interno che all’esterno del loro areale naturale, dove sono stati utilizzati in epoca preistorica e storica. Utilizzato ampiamente come medicina sistemica, cibo, foraggio. L’uso dei semi come alimenti essiccati è stato abbandonato a causa dei cambiamenti nei modelli di sussistenza indiani e nella disponibilità delle piante stesse. Phaseolus angularis Wight (fagiolo adzuki) è una medicina popolare etnofarmacologicamente ben nota che viene prescritta per l’infezione, l’edema e l’infiammazione delle articolazioni, dell’appendice, dei reni e della vescica in Corea, Cina e Giappone.

Il testo “Shennong Bencao Jing” e “Beiji Qianjin Yao Fang” in Cina hanno menzionato gli usi etnofarmacologici di questa pianta e dei suoi semi. “Shennong Bencao Jing” ha riferito che il fagiolo Adzuki può rilassare l’intestino, promuovere la minzione, evacuare il pus, curare il beriberi, dissipare gli effetti dell’alcol. “Beiji Qianjin Yao Fang” scritto nel 652   A.D. da Sun Simiao, medico cinese,il quale ha  scritto  che il fagiolo Adzuki può curare l’edema e il beriberi della donna incinta. Inoltre, questa pianta viene utilizzata per controllare le infezioni o l’infiammazione del rene o della vescica e per migliorare le funzioni riproduttive. Questa pianta è anche incorporata come parte di una dieta antinfiammatoria per prevenire e ridurre i fattori di rischio per le malattie cardiache.

Studi scientifici

Acqua, estratti metanolici o etanolici di questa pianta hanno dimostrato di ridurre la pressione sanguigna, diminuire i livelli sierici di colesterolo, migliorare il diabete, stimolare la melanogenesi e la pigmentazione , inibire l’invasione e le metastasi delle cellule tumorali, e proteggere il fegato contro il danno indotto dal paracetamolo.

Il fagiolo adzuki (Vigna angularis) è una coltura tradizionale di leguminose che svolge un ruolo cruciale sia nella sostenibilità dei sistemi agricoli che nell’approvvigionamento di proteine alimentari.

I fagioli sono la prescrizione popolare per il trattamento della stitichezza cronica in Cina.

Adzuki è una buona fonte di acidi grassi essenziali, fibre, minerali e sostanze fitochimiche come polifenoli e fitati.

Soia, Glycine max

La soia o soja (Glycine max (L.Merr.) è una pianta erbacea della famiglia delle Leguminose, oggi delle Fabaceae, dopo la suddivisione in tre famiglie nuove, che approssimativamente corrispondono alle vecchie sottofamiglie in cui era divisa la famiglia delle Leguminose. È originaria dell’Asia orientale ed è coltivata per scopi alimentari. Allo stato spontaneo esiste una specie affine, Glycine soja, la soia selvatica.

Fu coltivata per la prima volta in Cina intorno all’XI secolo a.C., le prime piante di soia erano tipi rampicanti. Da lì la coltivazione si diffuse in Manciuria, Corea, Giappone e Russia, e in altri paesi asiatici.  Si ritiene che il suo antenato selvatico sia G. ussuriensis, una vite originaria dell’Asia nord-orientale. Come molte colture leguminose, la soia ha perso il modello di crescita avvolgente e rampicante dei suoi parenti selvatici.

È stata introdotto negli Stati Uniti all’inizio del XX secolo come coltura da fieno o da pascolo, ma è stata coltivato per i semi oleosi ed è ora la coltura da reddito più importante .

La soia è spesso considerata uno dei migliori alimenti antitumorali. Si dice che le popolazioni che consumano regolarmente soia abbiano livelli più bassi di cancro al seno nelle femmine e cancro alla prostata nei maschi, meno osteoporosi e meno sintomi della menopausa. Si dice anche che il consumo di soia combatta le malattie cardiovascolari e migliori la salute gastrointestinale. La sua fibra ha un modesto effetto benefico sui livelli di glucosio nel sangue nei diabetici e può abbassare il colesterolo lipoproteico totale e a bassa densità. L’isolato di proteine della soia abbassa anche il colesterolo nel sangue.

I più importanti benefici per la salute dei semi di soia sono che migliorano l’attività metabolica, hanno un potenziale antitumorale, potenziano il cuore, alleviano i sintomi della menopausa, migliorano la digestione, la salute delle ossa, migliorano la circolazione, controllano il diabete e alleviano i disturbi del sonno. I semi di soia possono eliminare il calore, disintossicare, facilitare la minzione, lubrificare i polmoni e l’intestino e servire come un’ottima fonte di proteine.

Le vitamine del gruppo B, la tiamina, la riboflavina, l’acido nicotinico e l’acido folico sono ben rappresentati e ci sono buone quantità di minerali, tra cui potassio. La soia è il seme oleoso più importante del mondo, l’olio estratto viene utilizzato per cucinare, come olio per insalata, nella margarina e negli accorciamenti; ci sono anche alcuni usi industriali, come nella vernice e nel sapone. Il residuo di semi è un costituente comune dell’alimentazione animale. I semi di soia vengono mangiati interi, divisi o germinati per dare germogli di fagioli. Possono essere trasformati per dare latte di soia e formaggio, o fermentati per dare salsa di soia. I semi tostati e le noci di soia possono essere inclusi in torte e caramelle. ‘Tofu’, ‘tempeh’, ‘miso’ e altri sono prodotti di soia simili al formaggio orientale.

Il fagiolo Mung (Vigna radiata (L.) Wilczek) o grammo verde, è originario della regione nord-orientale dell’India-Birmania (Myanmar) dell’Asia. Viene coltivato principalmente in Asia, Africa, Sud e Nord America e Australia principalmente per i suoi semi commestibili ricchi di proteine .

La gente apprezza il fagiolo mung, a causa dell’effetto medicinale oltre che nutritivo. Il più famoso trattato sulle erbe “Pen Chao Kung Mao” di Li Shih-Chen, 1578, durante la dinastia Ming, raccomanda il fagiolo mung come “l’ingrediente alimentare chiave”.

Il fagiolo mung, noto anche come lu dou, è un alimento tradizionale a base di soia verde, consumato principalmente in Asia orientale, in particolare in Cina e Giappone. È stato usato sia come alimento nutrizionale che come fitoterapia. Nella medicina tradizionale cinese, il fagiolo mung elimina il calore, disintossica, disseta, favorisce la minzione, riduce il gonfiore e l’edema agli arti inferiori. È raccomandato per edema, congiuntivite, diabete, dissenteria, calore estivo, colpo di calore, disidratazione e intossicazione alimentare da cibo avariato. Ha proprietà antiossidanti, antifungine, antimicrobiche, antinfiammatorie, antidiabetiche, antiipertensive e antitumorali. I fagioli mung sono ricchi di proteine facilmente digeribili. Contiene anche vitamina A, ferro, calcio, zinco, folati,potassio, vitamine B1, B2 e C e niacina.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.