Archivio dei tag psoriasi

DiAlessandra Zarone

Curcuma e Betaina

Curcuma e Betaina

In questo articolo illustrerò le piante che contengono betaina ed i loro utilizzo nella tradizione folclorica

 Betaina è indicata per:

Bruciore allo stomaco, gonfiore o eruttazioni, pesantezza allo stomaco, infezione cronica da candida, frequenti indigestioni, alito cattivo, allergie alimentari, parassiti intestinali cronici, cibo non digerito nelle feci.

E’ contenuta nella Curcuma

Curcuma

Curcuma (Zingiberaceae) C. longa (curcuma) è uno degli aromi e coloranti alimentari più comuni nella cucina asiatica. Recenti studi hanno anche mostrato significativi effetti antinfiammatori e epatoprotettivi. C. longa e C. aromatica, entrambi originari dell’India, sono stati descritti nella medicina cinese nel VII secolo. Il termine yu jin è applicato a C. aromatica da solo e a una miscela di tuberi di C. aromatica, C. longa e C. zedoaria. Seguono per importanza C. aromatica e C. longa C. amada (zenzero di mango), una specie indiana candita o in salamoia, e C. zedoaria (zedoary), che ha applicazioni simili a Zingiber officinale  ed è usato in Cina per trattare il cancro cervicale. C. aromatica (curcuma selvatica) .

Parti utilizzate

Rizomi (yu jin). Erba pungente, amara, rinfrescante che migliora la digestione e stimola la cistifellea e il sistema circolatorio, controllando sia il sanguinamento che sciogliendo i coaguli.

Usi dell’erba medicinale

Internamente per ittero, sangue dal naso, emorragia interna, mestruazioni dolorose, shock, dolori al petto associati a bassa energia epatica e angina.

Curcuma longa, syn. C. domestica (curcuma, haridra)

Parti usate:

Rizomi (jiang huang).

Erba pungente, amara, astringente con un odore caratteristico e un colore giallo intenso. Stimola i sistemi digestivo, circolatorio e respiratorio e l’utero, normalizza il flusso di energia e ha effetti antinfiammatori e antibiotici.

Usi dell’erba Culinaria :

È un ingrediente essenziale del curry in polvere.

Medicinale utilizzato internamente per disturbi digestivi e cutanei, cattiva circolazione, tumori uterini, ittero, malattie del fegato e problemi mestruali. E’spesso combinato con Berberis vulgaris o Mahonia aquifolium per disturbi del fegato e diabete. Esternamente per lesioni, piaghe e tigna.

Utilizzato come colorante alimentare naturale, è fonte di coloranti arancioni e gialli per seta e lana, in particolare come colorante per le vesti dei monaci buddisti. I rizomi del raccolto vengono cotti a vapore o bolliti, prima dell’essiccazione e della macinazione per l’uso in decotti, pillole, impacchi e polveri.

Curcuma longa (C. domestica)

Appartiene alla famiglia dello zenzero, Zingiberaceae, ed è una pianta simile allo zenzero, anche se le foglie sono molto più larghe. Ancora una volta, il gambo tuberoso sotterraneo o il rizoma costituisce la spezia. La curcuma è stata coltivata nel sud-est asiatico, forse da C. aromatica. È un importante costituente del curry in polvere, non solo fornisce un aroma ma contiene forti pigmenti gialli (il principale è la curcumina) che colorano il cibo. La curcuma è un importante colorante giallo nell’Asia meridionale, il suo uso in Europa è stato sostituito da coloranti all’anilina. Viene utilizzato per colorare vari prodotti alimentari, ad esempio la senape in polvere. Un’oleoresina è prodotta dalla curcuma.

Curcuma zedoaria (Zingiberaceae)

Erba perenne con foglie grandi, affusolate, ellittiche, fiori rosa o gialli e una radice aromatica di colore giallo pallido.

Zedoaria è una pianta comune indiana e dell’Asia orientale. È coltivata in India, Bangladesh, Indonesia, Cina e Madagascar. Parte usata: rizoma.

Costituenti: Zedoaria contiene un olio volatile, sesquiterpeni, curcumemone, curcumolo e curdione. Curcumolo e curdione hanno proprietà antitumorali.

Azioni e usi medicinali:

È uno stimolante digestivo aromatico e amaro, usato per alleviare indigestione, nausea, flatulenza e gonfiore e, in generale, per migliorare la digestione. Il rizoma è usato in Cina per trattare alcuni tipi di tumori. Negli studi condotti in Cina, è stato scoperto che tale rimedio riduce il cancro cervicale. Nella fitoterapia cinese, la zedoaria è spesso sostituita dalla curcuma.

Curcuma longa syn. C. domestica (Zingiberaceae) Curcuma, Haldi (Hindi), Jiang Huang (cinese)

La curcuma è un rimedio prezioso per le condizioni artritiche e della pelle.

E’ originaria dell’India e dell’Asia meridionale ed è ora coltivata in tutti i tropici.

Componenti chiave

Azioni chiave della resina:

Antinfiammatorio

Abbassa i livelli di colesterolo

Antimicrobico

Anti-piastrinico (fluidificazione del sangue)

Vi è un nuovo interesse per la curcuma. Nonostante il suo uso di lunga data in India e Cina, le azioni terapeutiche della curcuma non sono state studiate fino agli ultimi decenni, quando c’è stato un aumento di interesse per alimenti e farmaci che abbassano i livelli di colesterolo o hanno proprietà antiossidanti.

La ricerca dal 1970 in poi, soprattutto in India, ha teso a confermare gli usi tradizionali della radice. La ricerca ha stabilito che la curcuma, e la curcumina in particolare, blocca diversi percorsi infiammatori, contrastando l’infiammazione in tutto il corpo. La curcuma è in gran parte presa come integratore per prevenire o curare il cancro, la demenza e molte malattie autoimmuni. Il pepe nero è tradizionalmente assunto con curcuma per aumentare la sua efficacia. Questo effetto è ora supportato dalla ricerca.

Curcumina:

E’ fortemente antibatterica e antiossidante

Colesterolo:

Gli studi clinici cinesi nel 1987 indicano che la curcuma abbassa i livelli di colesterolo.

Cancro:

La curcuma può essere un valido rimedio preventivo per coloro che sono a rischio di sviluppare il cancro, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Altre azioni:

La ricerca ha dimostrato che la curcuma ha un’azione anticoagulante, mantenendo il sangue sottile. Aumenta anche la produzione e il flusso della bile e ha un’azione protettiva sullo stomaco e sul fegato.

Usi tradizionali e attuali:

Migliora l’azione del fegato ed è un rimedio tradizionale per l’ittero, sia nella fitoterapia ayurvedica che in quella cinese.

È anche un’erba antica per problemi digestivi come gastrite e acidità, , aumenta la produzione di muco e protegge lo stomaco, allevia anche la nausea.

Artrite e allergie:

Anche se la curcuma non allevia il dolore, la sua azione antinfiammatoria la rende utile per l’artrite e altre condizioni infiammatorie come l’asma e l’eczema.

Disturbi circolatori:

Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, fluidificanti del sangue e ipocolesterolemizzanti, la curcuma viene ora utilizzata per ridurre il rischio di ictus e infarti.

Problemi della pelle:

Applica sulla pelle, la curcuma è utile nel trattamento di una serie di condizioni, tra cui la psoriasi e le infezioni fungine.

Nausea e cinetosi:

Sebbene sia meglio conosciuta per il suo colore giallo brillante e il gusto piccante nel cibo indiano, la curcuma è sempre più riconosciuta come un alimento medicinale con benefici per la salute quasi senza pari. La sua potente azione antinfiammatoria rende la curcuma un rimedio chiave in molti problemi di salute cronici, tra cui allergie, artrite, diabete e psoriasi.

Un ottimo prodotto contenente Betaina è Alato 35, disponibile in farmacia o qui ALATO 35 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Noce, antico rimedio naturale per la cute

Noce, antico rimedio naturale per la cute:

Il noce, è un antico rimedio naturale per psoriasi e dermatiti. E’ connessa alla Grande Madre ed il noce ha sempre avuto una duplice valenza, di vita e di morte, luminosa e cupa. Il frutto venne consacrato anche a Giove. Nux iuglans, Iovis glans, ghianda di Giove: nome rimasto nella classificazione botanica, in cui il noce è detto Juglans regia. Dioscoride intuì l’azione dell’olio di Noce nella Tenia (Parassita intestinale).

 

Il Noce nelle cure antiche:

Nel medioevo il frutto, simile all’encefalo, secondo la “similitudine delle signature” ne suggerì l’impiego nella cefalea. Anticamente,  le foglie ed il mallo venivano usati come “elisir” della giovinezza” per la marcata attività depurativa ed eudermica. E altresì indicato per diabete, linfatismo, diarrea, leucorrea (uso esterno), acne, dermatiti, psoriasi.

«Furono queste noci» riferisce Castore Durante :”Chiamate ghiande di Giove ne i primi tempi del mondo dagli uomini”

Cosa contiene:

Contiene glucidi, protidi, sali minerali (soprattutto zincorame), e le vitamine A, B2, PP, B5. Anche le foglie e il mallo dei frutti hanno proprietà medicinali, come notavano già gli Antichi e ha confermato la moderna fitoterapia.

Tradizione folklorica:

La convinzione che streghe e demoni prediligessero il noce per i loro sabba era diffusa in tutta l’Italia.
A Roma una leggenda narra che la chiesa di Santa Maria del Popolo fu costruita per ordine di Pasquale II nel luogo in cui precedentemente vi era un noce intorno al quale migliaia di diavoli danzavano nel cuore della notte. Anche a Bologna si credeva fino al secolo scorso che le streghe si riunissero sotto queste piante, specialmente nella notte di San Giovanni.
In Sicilia, si credeva che, portata in tasca, preservasse dai fulmini e da ogni sortilegio, accelerasse i parti lenti, propiziasse il successo, debellasse la febbre. Nella terra d’Otranto le donne la portavano in tasca per difendersi dal malocchio e dalle malattie.

Nelle campagne si dice ancora oggi che non conviene riposare e tanto meno dormire all’ombra di un noce perché è facile risvegliarsi con una forte emicrania se non addirittura con la febbre. E si crede che, se le radici dell’albero penetrano nelle stalle, faranno deperire il bestiame.
Effettivamente le sue radici, come le foglie, contengono una sostanza tossica, la iuglandina, capace di provocare la morte di molte piante che crescono nelle vicinanze.

Le signature ed il Noce:

Nel XVII secolo, sulla scia della teoria dei segni secondo la quale il simile cura o colpisce il simile, si sosteneva che la noce fosse in grado di curare i disturbi del cervello perché ne era la riproduzione vegetale: l’involucro esterno, verde e carnoso, avrebbe rappresentato il cuoio capelluto, il guscio duro il cranio, la pellicola interna le meningi e la pia mater, mentre il nocciolo interno, convoluto e diviso in due, avrebbe simboleggiato gli emisferi del cervello.

 

E’ possibile prevenire le problematiche trattate, attraverso una corretta alimentazione in sinergia con i rimedi erboristici, prenota ora la tua consulenza naturopatica.