Archivio dei tag sedativo

DiAlessandra Zarone

Papaver somniferum e Betaina

Papavero e Betaina

In questo articolo illustrerò le piante che contengono betaina ed i loro utilizzo nella tradizione folclorica

 Betaina è’ indicata per:

Bruciore allo stomaco, gonfiore o eruttazioni, pesantezza allo stomaco, infezione cronica da candida, frequenti indigestioni, alito cattivo, allergie alimentari, parassiti intestinali cronici, cibo non digerito nelle feci.

E’ contenuta nel Papaver Somniferum

Papavero da oppio ( Papaver somniferum )

Il papavero è originario della regione mediterranea. Gli scavi archeologici rivelano che i Sumeri usavano i semi di papavero oltre 6.000 anni fa. La pianta è stata coltivata nella regione del Medio Oriente per oltre 3.000 anni. I semi erano usati dagli egiziani, dai greci e dai romani. I semi erano usati dagli egiziani, dai greci e dai romani.

Il papavero era usato in medicina come rilassante e per alleviare il dolore. I medici in Europa hanno raccomandato il papavero per alleviare i crampi mestruali, calmare i nervi e migliorare il sonno.  Nei primi anni del 1800, la morfina e la codeina furono isolate dal papavero, il che creò enormi problemi con le loro proprietà di dipendenza. In Medio Oriente, i semi sono usati per fermare le emorragie dal naso e alleviare il dolore. I semi sono macinati e fatti per addensare e aromatizzare il cibo. I petali dei fiori sono usati come agente colorante alimentare. L’olio è un ingrediente alimentare, oltre ad essere utilizzato in saponi, pitture e vernici.

Proprietà documentate

Abortivo, analgesico, antibatterico, antidiarroico, antinfiammatorio, antispasmodico, antitosse, astringente, calmante, carminativo, decongestionante, demulcente, diaforetico, emolliente, espettorante, febbrifugo, emostatico, ipotensivo, narcotico (lieve), nervino, sedativo, sudorifero, tonico, tranquillante.

La famiglia delle Papaveraceae è cosmopolita e si trova in climi temperati e subtropicali. La sua distribuzione principale è intorno alla regione mediterranea e al Medio Oriente. La maggior parte dei generi si trova in Asia, Europa e Nord Africa; e alcuni in Nord America, Sud Africa e Australia.

Il papavero da oppio è stato coltivato in Turchia e in altre parti del mondo fin dai tempi antichi. L’Anatolia è importante come patria e fonte culturale del papavero da oppio. Le fonti più antiche di informazioni scritte sul papavero da oppio e sull’oppio sono tavolette cuneiformi sumere. I Sumeri che regnarono nel 5000 a. C. ,in Mesopotamia. È noto che il papavero da oppio fu coltivato dai Sumeri nel 3300 a.C. I Sumeri la chiamavano “la pianta della gioia”. Gli Ittiti (2000 a.C.) coltivavano papavero da oppio in Anatolia e lo chiamarono “Hassikka”. Si ritiene che questo sia un prenome dell’odierno haşhaş in turco. Inoltre, lo stesso nome si riferisce anche a “dormire” e “tranquillizzare” in lingua ittita. Tra i tanti pani degli Ittiti esiste un pane con miele e semi di papavero. Una moneta della città coniata nel 330 a.C. dai Romani a Şuhut, in Turchia, raffigura un frutto di grano e papavero. Inoltre, una dea della città, regge un mazzo di papaveri da oppio, è raffigurata nelle monete Emirdağ e Şuhut.

Dioscoride di Anazarba (Kozan, Adana) descrive la coltivazione del papavero da oppio e la produzione di oppio nella sua Materia Medica, stampata nel 1 secolo A.C.

Il papavero da oppio è anche considerato come una delle piante più antiche d’Europa. I dati archeologici rivelano che il papavero da oppio era stato coltivato e utilizzato nell’Europa occidentale e centrale dal 4600 al 3800 a.C. Le aree di coltivazione erano concentrate nella regione alpina. Semi e frutti di papavero da oppio sono stati scoperti negli scavi in Svizzera. Inoltre, i semi di papavero da oppio sono stati scoperti anche in Spagna, Paesi Bassi, Grecia e Cipro. Questo dimostra la coltivazione e l’uso diffuso del papavero da oppio nei tempi antichi. Si pensa inoltre che la prima coltivazione del papavero da oppio si sia verificata in Europa. Il ricercatore francese Belon che aveva visitato la Turchia nel 1516-1519, disse che “i turchi coltivano il papavero da oppio buono come il grano francese”. Evliya Chelebi, 1611 – 1684) scrittore ottomano, considerato uno del XVII secolo. menzionò nel suo famoso Libro dei Viaggi Seyahâtnâme che l’Anatolia occidentale interna era descritta come la “terra dell’oppio” e il papavero da oppio era la principale fonte di reddito degli abitanti di Afyonkarahisar e dei suoi dintorni. Akbar shah dell’Impero Moghul (1543-1605) iniziò la coltivazione del papavero da oppio in India, tuttavia, la sua coltivazione fu raggiunta dalla Compagnia delle Indie Orientali, fondata dalla Gran Bretagna. All’inizio del XVIII secolo, i mercanti portoghesi commerciavano oppio coltivato in India in Cina.

Il papavero è utilizzato principalmente per scopi farmaceutici e terapeutici. L’oppio che si ottiene raccogliendo l’essudato lattiginoso è stato usato negli ultimi 6.000 anni, è il farmaco più usato nella storia. L’oppio ha proprietà analgesiche, antidiarroiche, narcotiche e antitosse. L’isolamento della morfina dall’oppio nel 1804, da parte dello scienziato tedesco Sertürner, ha aperto un’era e la ricerca sugli alcaloidi dell’oppio si è intensificata nel corso degli anni, ma l’interesse per l’oppio è continuato fino ad oggi. La ricerca ha dimostrato che l’attività dell’oppio è dovuta ai suoi alcaloidi. I cinque principali alcaloidi sono: morfina, codeina, tebaina, noscapina e papaverina sono stati ampiamente utilizzati. Essendo ricco di proteine, olio e materiali di base non azotati è un prezioso mangime per animali soprattutto per bovini da carne e bufali d’acqua. Il famoso formaggio Afyon kaymağı è fatto con il latte del bufalo d’acqua .

Un ottimo prodotto contenente Betaina è Alato 35, disponibile in farmacia o qui ALATO 35 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Prunus armeniaca nella tradizione mondiale

Prunus armeniaca nella tradizione mondiale

 

Prunus Armeniaca (Rosaceae)

Originaria della Cina e del Giappone, l’albicocca è ora coltivata in Asia, Nord Africa e California. Il frutto viene raccolto a maturità a fine estate. Proviene originariamente dall’Asia centrale ed è stato coltivato per la prima volta in Cina oltre quattro mila anni fa. Per molti anni si è creduto che l’addomesticamento dell’albicocca avesse luogo in Armenia – da qui il suo nome. Dalla Cina, si diffuse in Asia meridionale e occidentale, Australia meridionale, Europa e Nord Africa. In India, è coltivato principalmente nella regione delle colline nord-occidentali, Jammu e Kashmir, Himachal Pradesh, Uttarakhand e anche nella regione delle colline nord-orientali che comprende lo stato di Arunachal Pradesh, Nagaland, Meghalaya, Sikkim e Manipur. L’albicocca coltivata ha la sua origine nella Cina nord-orientale, mentre l’albicocca selvatica sembra essere indigena dell’India.

In India e Cina, l’albicocca è apprezzata da oltre 2.000 anni.

Il nocciolo di albicocca è stato prescritto nella Medicina Tradizionale Cinese per le sue funzioni antitosse, espettoranti e lassative, ed è usato nel trattamento di edemi e dermatofitosi.

Usi medicinali folclorici nel mondo

L’albicocca e il suo nocciolo sono stati utilizzati nella medicina popolare come rimedio per varie malattie.

Il frutto dell’albicocca è nutriente, purificante e leggermente lassativo. Un decotto della corteccia astringente lenisce le condizioni della pelle infiammate e irritate. Sebbene i semi contengano acido prussico altamente tossico, sono prescritti in piccole quantità in Cina come trattamento per tosse, asma e respiro sibilante, e per l’eccessiva produzione di muco e costipazione.

È usato in medicina popolare nel trattamento delle malattie della pelle.

Le albicocche sono coltivate per il frutto, consumate fresche fuori mano, o essiccate, trasformate in conserve o bevande alcoliche. I noccioli producono un olio commestibile dolce a volte usato come sostituto dell’olio di mandorle. Le mandorle cinesi sono i semi di diverse varietà dolci di albicocca, utilizzati per i biscotti alle mandorle, mangiati salati e sbollentati, o fatti di pappa o farina.

Gli Afghani usano anche i semi come mandorle. Il nocciolo di albicocca amara è altamente tossico a causa dell’acido prussico presente. L’olio espresso, noto come olio persico o olio di albicocca, viene utilizzato come veicolo farmaceutico; è ottenuto con lo stesso processo dell’olio di mandorle amare.

Nella medicina folclorica è considerato anti tosse, afrodisiaco, cianogenetico, demulcente, emolliente, espettorante, preventivo, sedativo, tomo, vermifugo, vulnerario, l’albicocca è un elemento nelle medicine popolari per anemia, asma, bronchite, catarro, raffreddore, costipazione, tosse, occhi, fertilità femminile, febbre, cuore, emorragia, infiammazione, laringite, puerperio, reumatismi, spasmo, gonfiori, sete e tumori.

In Turchia, l’albicocca viene coltivata principalmente a Malatya ed Erzincan dove il clima permette una produzione economica. L’albicocca è stata usata nella medicina popolare come rimedio per varie malattie. Un decotto della corteccia della pianta ha funzionato come un astringente per lenire la pelle irritata. Altri usi nella medicina popolare includono il trattamento di emorragie, infertilità, infiammazione degli occhi e spasmo. La pasta di nocciolo di albicocca può guarire le infezioni vaginali. L’olio di nocciolo è stato utilizzato in cosmetica e come agente farmaceutico (lassativo ed espettorante). In quantità molto piccole, l’acido cianidrico tossico presente nei chicchi di albicocca amara è stato prescritto per l’asma, la tosse e la stitichezza.

Si dice che il frutto sia un rimedio popolare per il cancro. In medicina, una pasta, ottenuta schiacciando il nocciolo, viene utilizzata per l’infiammazione degli occhi ed è considerata antispasmodica, demulcente, pettorale, sedativa, vulneraria e antielmintica.

In Cina, Zenzero e liquirizia, combinati con i noccioli di albicocca, creano un rimedio per la tosse. Un altro intruglio prodotto dalla fermentazione è usato come e tonico. Il decotto di noccioli, trasformati in una bevanda viene utilizzato per tosse, asma e disturbi catarrali. Il succo è usato per le emorragie. Nella medicina cinese, il frutto della mandorla amara è utile nelle malattie cardiache.

In Corea, il nocciolo espettorante è usato per trattare la gola secca. L’Olio di nocciolo è usato per problemi della pelle e parassitosi.

Asia

I frutti sono mangiati dai bambini e dalla popolazione locale. Il frutto viene consumato sia in forma fresca che disidratata. Il nocciolo viene utilizzato sotto forma di olio. L’olio viene utilizzato per il massaggio dalla popolazione locale. Il frutto è di colore arancio giallastro. Il frutto matura nel mese di giugno-luglio. I frutti sono di solito leggermente amari e dal sapore acido. L’albicocca è stata usata nella medicina popolare come rimedio per varie malattie. La corteccia è usata come astringente per lenire la pelle irritata. L’olio di albicocca viene utilizzato in cosmetica per proteggere la pelle dalle radiazioni UV e come agente farmaceutico (lassativo ed espettorante).

L’olio del nocciolo è commestibile, cura asma, costipazione e tosse.

I frutti sono ampiamente usati come medicina popolare soprattutto in Cina e Giappone. È spesso usato come antiasmatico, anti-anameico, anticancro, cura disturbi dello stomaco e dell’intestino, consente un rapido recupero da affaticamento, tosse e diarrea.

L’albicocca selvatica, localmente chiamata Chullu si trova nelle regioni temperate secche dell’Himalaya nord-occidentale, in particolare nelle valli del Jammu, Kashmir, Ladakh, Chenab, nelle nelle regioni Kullu e Shimla e nelle colline Garhwal di Uttrakhand ad altitudini fino a 3000 m. L’olio è usato nella medicina popolare per un certo numero di malattie. La corteccia è usata come astringente per la pelle. La pasta di nocciolo viene utilizzata per guarire le infezioni vaginali e il suo olio viene utilizzato nei cosmetici per proteggere la pelle dalle radiazioni UV. I frutti selvatici sono ampiamente consumati nell’Himalaya rurale e sono potenziali fonti di vari composti e sono anche usati nelle medicine popolari. È stato condotto uno studio sui frutti selvatici commestibili della valle di Pabbar con l’obiettivo di documentare, identificare ed esplorare le conoscenze etnobotaniche della popolazione locale.

I noccioli servono per fare un usato per il massaggio del corpo, tonico per capelli, nei reumatismi e per cucinare. I noccioli sono utilizzati per vari scopi come cosmetici, oli, carbone attivo, profumo, antipasto e anche nei prodotti da forno.

 

Studi cinesi di ricerca dimostrano che la pasta di semi di albicocca aiuta a combattere l’infezione vaginale.

India

L’albicocca selvatica (Prunus armeniaca L.) comunemente nota come ‘khubani‘ è un potenziale frutto ampiamente distribuito nelle regioni himalayane nord-occidentali dell’India.

Viene coltivata anche nel distretto di Almora, Pithoragarh e Nainital di Uttarakhand. Il frutto è una ricca fonte di fibre e ha anche attività antispasmodiche, antitosse, sedative e antinfiammatorie.

Prunus armeniaca L. è la pianta, che è comunemente usata in Ayurveda come anti-diarrea, antipiretica, lassativa, carminativa ed espettorante.

Europa

Nella medicina popolare europea, il consumo di albicocca cura la  litiasi biliare.

L’amigdalina viene utilizzata in diverse malattie come l’asma, il diabete, la bronchite. La pasta di nocciolo di albicocca è un rimedio usato nelle infezioni vaginali. Una sostanza abrasiva per la pulizia della pelle è creata utilizzando noccioli di albicocca. In alcuni paesi, i noccioli di albicocca sono stati utilizzati anche per produrre marzapane. Il nocciolo di albicocca è utilizzato nei prodotti da forno, sia intero che nella forma macinata. Inoltre, è utilizzato come antipasto.

 

Cosa contiene

Il frutto dell’albicocca è un’ottima fonte di vitamine ha proprietà antianemiche e astringenti. L’albicocca e il suo nocciolo hanno molte azioni farmacologiche come anti-invecchiamento, anti-aterosclerosi, attività anti-angina e antiossidante. È usato come agente cardiaco, epatico e reno protettivo. Contiene polifenoli, carotenoidi con noti effetti biologici, tra cui la protezione del fegato e del cuore, in quanto antiossidante e antinfiammatorio, e minerali come Zn, Ca, Cu, Fe, Mg, Na, Mn, P e K, K, Se.

Contiene carboidrati, acido ascorbico, β-carotene, niacina e tiamina, acidi organici, terpenici.

Diversi studi hanno correlato il colore con il pigmento di diversi frutti e verdure solitamente correlati alla presenza di composti polifenoli e carotenoidi riconosciuti come composti bioattivi ad alta attività antiossidante: l’importanza del contenuto di carotenoidi nell’albicocca.

L’arginina e la leucina sono il principale aminoacido essenziale, mentre l’acido glutammico è il principale amminoacido non essenziale riportato nel nocciolo di albicocca. Alcuni studi hanno trovato un’elevata attività antiossidante nell’olio dei noccioli di albicocca dolce, rispetto a quelli amari. I noccioli di albicocca contengono il 27,7 – 66,7% di olio, la maggior parte apportata dall’acido grasso insaturo (91,5 – 91,8%).

Comprende i seguenti acidi grassi: palmitico, palmitoleico, stearico, oleico, linoleico e linolenico che viene utilizzato nelle industrie farmaceutiche, spuntini e prodotti cosmetici.

I noccioli di albicocca sono anche costituiti da vitamina B1 (tiamina), vitamina B2 (riboflavina), vitamina B3 (niacina), vitamina C (acido ascorbico) e vitamina E (tocoferolo)

  

Olio di nocciolo di albicocca e studi scientifici

 Il principale ingrediente è l’amigdalina (che ha proprietà anti tosse e antiasmatiche. L’amigdalina (vitamina B-17) è la vitamina presente naturalmente nei semi dei frutti della famiglia Prunus Rosacea, tra cui albicocca, mandorla amara, ciliegia e pesca.

E’ un agente anticancro che può essere utilizzato per il trattamento del carcinoma epatocellulare. Il potere curativo dell’amigdalina aumenta significativamente con l’aggiunta di zinco.

 In uno studio, sono stati analizzati gli effetti cito/genotossici dell’estratto etanolico di albicocca amara e dell’amigdalina sul cancro al pancreas umano.

Recentemente, è stato riferito che l’amigdalina può uccidere selettivamente le cellule tumorali nel sito tumorale senza tossicità sistemica.

L’effetto antitumorale dell’amigdalina è efficace nel cancro al seno, della cervice, colon, leucemia e tumore della vescica.

Il National Cancer Registry of South Africa ha registrato che il cancro del colon-retto è uno dei primi dieci tumori più comuni sia negli uomini che nelle donne. Circa 1 persona su 17, di età superiore ai 50 anni, sviluppa il cancro al colon nel corso della vita. Il cancro al colon dipende dalla nutrizione, il consumo di alcol rappresenta il maggior fattore di rischio, seguito da una dieta ricca di grassi, scarsa assunzione di fibre alimentari, obesità, fumo e mancanza di esercizio fisico. L’assunzione giornaliera può rendere questi noccioli un agente chemio preventivo vitale.

Gli effetti dell’olio alimentare di nocciolo di albicocca, che contiene alti livelli di acidi oleici e linoleici e livelli inferiori di α-tocoferolo, sono caratterizzati da una riduzione dello stress ossidativo e dall’inibizione della degenerazione degli organi.

I ricercatori hanno osservato che il nocciolo di albicocca contiene composti fenolici cioè epigallocatechina, acido caffeico, quercetina:

  • L’epigallocatechina ha proprietà antiossidanti ed è associata alla prevenzione del cancro, del diabete, della carie, dell’obesità, delle malattie virali e delle malattie cardiovascolari nell’uomo.
  • L’acido caffeico è noto per la sua attività antiossidante e antibatterica, è utile nella prevenzione dell’invecchiamento precoce, delle malattie della pelle e delle malattie cardiovascolari come l’aterosclerosi.
  • La quercetina mostra numerose proprietà antinfiammatorie, antimicrobiche, antidiabetiche, antiossidanti, anti-Alzheimer e antiartritiche.

 

L’albicocca riduce il rischio di malattie cardiovascolari nell’uomo, previene il cancro alla prostata e ai polmoni.

Una combinazione dil nocciolo di albicocca ed estratto di frutta ha mostrato la completa dissoluzione dei calcoli biliari di colesterolo in quattro settimane di trattamento.

Un estratto dei semi, il laetrile, è stato usato nella medicina occidentale come trattamento controverso (e illegale negli Stati Uniti) per il cancro. I semi producono anche un olio fisso, simile all’olio di mandorle (da P. amygdalus), che viene spesso utilizzato nella formulazione di cosmetici

 

Un ottimo prodotto contenente olio di Albicocca è Alato 23, disponibile qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse _Passiflora

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse

Passiflora

I missionari spagnoli in Sud America consideravano questi fiori come simboli della passione di Cristo – i tre stimmi che rappresentano i chiodi, le cinque antere le ferite e i dieci sepali gli apostoli. P. incarnata è stata usata nella medicina nativa americana, in particolare dalla tribù Houma, come tonico. Fu descritta da un medico europeo in visita nel 1783 come rimedio per l’epilessia e divenne un trattamento popolare per l’insonnia nel XIX secolo, con una voce nel Formulario Nazionale degli Stati Uniti (1916-36). Utile per tensione nervosa, insonnia, irritabilità, cefalea tensiva, asma, sindrome dell’intestino irritabile, tensione premestruale, tachicardia nervosa, ipertensione e herpes zoster.

Passiflora foetida Linn. Famiglia Passifloraceae. Habitat originario: Sud America; trovata selvatica in Uttar Pradesh, Karnataka e Tamil Nadu. Inglese: Stinking Passion Flower. Siddha in Tamil. Ha azione emmenagoga, antiisterica. Un decotto è usato per la biliosità e l’asma (per espellere la bile e la tosse).

Passiflora incarnata Linn. Famiglia Passifloraceae. Habitat: Sud-Est America e coltivata in giardini indiani. Inglese: Wild Passion Flower,Maypop. È utilizzata come lieve sedativo, ipnotico, tranquillante, ipotensivo, vasodilatatore, antispasmodico, anodino, antinfiammatorio.

Passiflora laurifolia Linn. FamigliaPassifloraceae. Habitat: America tropicale; coltivata in giardini indiani. Inglese: Water Lemon, Giamaica: Honey Suckle. Le foglie sono antielmintiche.

Passiflora quadrangularis Linn. Famiglia Passifloraceae. Habitat:

America tropicale; coltivata in giardini indiani. Inglese: Giant Granadilla

Passiflora quadrangularis ha un’azione antielmintica ed è anche frequentemente usata per trattare la bronchite, l’asma, la pertosse, per il trattamento delle complicanze diabetiche e dell’ipertensione.

Medicina popolare:

Gli Indiani d’America facevano impacchi con la radice per bolle, tagli, mal d’orecchi e infiammazione. L’intera pianta è stata tradizionalmente utilizzata in un tè antispasmodico e sedativo per nevralgia, epilessia, irrequietezza, mestruazioni dolorose, insonnia, mal di testa da tensione.

Nella medicina popolare, Passiflora viene impiegata per astinenza da alcol, come antibatterico, anti-spasmo, afrodisiaco, asma, disturbo da deficit di attenzione e iperattività, ustioni (pelle), cancro, dolore cronico, tosse, infezioni fungine, problemi gastrointestinali, infezione da Helicobacter pylori, emorroidi, ipertensione, sintomi della menopausa (vampate di calore), dolore ai nervi, dolore in generale, infiammazione della pelle, tensione e prevenzione delle rughe.

 

La ricerca clinica mostra che gli estratti vegetali sono leggermente sedativi, riducono leggermente la pressione sanguigna, aumentano la frequenza respiratoria e diminuiscono l’attività motoria. Contiene diversi composti che contribuiscono all’attività sedativa. In Germania è utilizzata per irrequietezza nervosa, tensione nervosa; è considerata particolarmente utile nei disturbi del sonno o nell’ansia derivante dall’irrequietezza.

Un ottimo rimedio contenente Passiflora è Alato 10, disponibile in farmacia o qui

DiAlessandra Zarone

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse_Camomilla

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse

Camomilla

Il nome latino di camomille è preso dalle parole greche “Khamai “e “Malon” con il significato di piccoli fiori con il profumo delle mele. Camomilla tedesca (Matricaria chemmomilla).

È originaria delle regioni temperate del Mediterraneo e dell’Asia Minore e appartiene anche alla famiglia delle Astraceae. Oggi questa pianta può essere trovata in Europa, Nord America e Australia.

In Europa, specialmente in Germania, il tè alla camomilla è comunemente preso come toccasana

per mal di testa, mal di stomaco, raffreddore, ecc.

I fiori di camomilla fanno parte della medicina popolare ispanica. A volte chiamata “camomilla romana” o “camomilla inglese” per distinguerla dalla “camomilla tedesca” (Matricaria recutita Linnaeus, presente in molte parti d’Europa, ma non nella medicina popolare britannica). Chamaemelum nobile ha una distribuzione fortemente sud-occidentale sia in Gran Bretagna che in Irlanda.

Si trova diffusa in Ulster, ma è assente in Scozia. Nel XVIII secolo, William Borlase, antiquario, geologo e naturalista, la indico’ presente in Cornovaglia e “trapiantata nei giardini, per un tè emetico rinforzante”

Camomilla è usata per: rilassamento, dolori di stomaco (Devon, Wiltshire, Essex, Gloucestershire, Nottinghamshire, Highlands); dolori alla testa, ai denti o alle orecchie (Wiltshire, Essex, Warwickshire, Norfolk) o dolori mestruali (Dorset) che accompagnano la pleurite (Hertfordshire); e indurre il sonno o prevenire gli incubi (Norfolk).

Secondariamente, è utilizzata per raffreddori, tosse di ogni tipo e mal di gola. SI somministra un infuso caldo dei fiori o si fanno inalazioni di vapore (Norfolk, Glamorgan, Montgomeryshire), nel Norfolk, era affumicata per la cura dell’asma, la rugiada di fiori in Galles curava la tubercolosi.

I fiori sono stati impiegati anche sotto forma di infuso per impiastro, in caso di gonfiori e infiammazioni (Suffolk, Orcadi) o come lavaggio agli occhi doloranti o stanchi (Norfolk); mescolati con la panna sono serviti come unguento anche per le bolle (Brecknockshire).

Nel Kent un infuso veniva bevuto come tonico mattutino, mentre una recente scoperta fatta nel Suffolk è che l’olio dei capolini mitigava la psoriasi. E ‘utilizzata come antidolorifico a Dublino, Limerick e Cork.  A Wicklow viene usata come soporifero.

in Irlanda è usata per gonfiori e infiammazioni (Londonderry, Sligo, Laois, Co. Dublin, Wicklow) o bolle (Cavan, Cork);

La camomilla è stata utilizzata nei rimedi erboristici per migliaia di anni, conosciuta nell’antico Egitto, in Grecia e a Roma. Questa erba è stata creduta dagli Anglosassoni come una delle 9 erbe sacre date agli esseri umani dal Signore.

Come farmaco, trova uso in caso di flatulenza, coliche, isteria e febbre intermittente, come antinfiammatorio e antisettico, e antispasmodico e leggermente sudorifero.

Viene utilizzata come tisana per disturbi dello stomaco associati a dolore, digestione lenta, diarrea e nausea; l’infiammazione delle vie urinarie, mestruazioni dolorose, dismenorrea.

Esternamente, il farmaco in polvere può essere applicato a ferite lente a guarire, per eruzioni cutanee e infezioni, come herpes zoster e bolle, emorroidi, infiammazione della bocca, della gola e degli occhi.

Conosciuta con una serie di nomi, come Baboonig, Babuna, Babuna camornile, Babunj, camomilla tedesca, camomilla ungherese, camomilla romana, camomilla inglese, camomilla, camomilla flos, mayweed.  Nella medicina popolare tradizionale, è usata sotto forma di tè, per le malattie dolorose intestinali gastriche, le malattie infiammatorie, ferite, ulcere, eczema, gotta, irritazioni cutanee, lividi, ustioni, afte, nevralgie, sciatica, dolore reumatico, emorroidi, mastite.

Per uso esterno, viene applicata sotto forma di impacco contro ferite mal guarite, in bagni per emorroidi e malattie genitali, risciacqui della bocca, cavo orale e faringe, come vapore inalato per il trattamento dell’acne, il flusso nasale e come bagno per i bambini al fine di ammorbidire la pelle. L’attuale medicina naturale lo usa anche come farmaco antinfiammatorio e come disinfettante e per trattare tutti i disturbi in cui lo spasmo è molto forte. E’  stata usata per secoli come medicina antinfiammatoria, antiossidante, lieve astringente e curativa. Esternamente, è usata per trattare dermatite da pannolino, capezzoli screpolati, varicella, infezioni dell’orecchio e degli occhi, disturbi degli occhi, tra cui dotti lacrimali ostruiti, congiuntivite, infiammazione nasale. È ampiamente usata per trattare le infiammazioni della pelle e delle mucose e per varie infezioni batteriche della pelle. Sotto forma di estratto acquoso usata come lieve sedativo per calmare i nervi e ridurre l’ansia, trattare l’isteria, gli incubi, l’insonnia, coliche, febbre. È anche efficace per artrite, mal di schiena, piaghe da decubito e crampi allo stomaco.

È conosciuta fin dall’ epoca romana per le sue proprietà mediche ed è stata utilizzata nella medicina popolare per trattare disturbi digestivi e reumatici.

Per gli Egiziani era una pianta sacra al sole, in grado di curare le febbri intermittenti.

Erba sacra ai Sassoni, che la usavano ampiamente come medicina sedativa e calmante per lo stomaco. Nel Medioevo, era sparsa intorno alle sale insalubri di castelli e grandi case per tenere a bada i cattivi odori e le infezioni.

La camomilla romana promuove la digestione, aumenta l’appetito ed è antiemetica, antispasmodica e leggermente sedativa. La camomilla tedesca è la più spesso studiata dei due tipi ed è ampiamente utilizzata in Europa. Il suo olio essenziale ha proprietà battericide e fungicide.

Un ottimo rimedio contenente Camomilla è Alato 10, disponibile in farmacia o qui 

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Melissa

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Melissa

Melissa:

La melissa (Melissa officinalis L.), membro della famiglia delle Lamiaceae (ex Labiatae), è una delle importanti specie di piante medicinali. La melissa (Melissa officinalis L.), conosciuta anche come balsamo, balsamo inglese, balsamo da giardino, balsamo menta, balsamo comune, balsamo dolce, delizia del cuore, è un’erba aromatica della famiglia della menta (Lamiaceae). È originaria dell’Europa e dell’Asia centrale ed è ora coltivata nella maggior parte delle regioni temperate e subtropicali di tutto il mondo.

Esistono due sottospecie, Melissa officinalis subsp. officinalis, la comune melissa coltivata; e M. officinalis ssp. altissima, naturalizzati in Nuova Zelanda.

I documenti riguardanti il suo uso risalgono a oltre 2000 anni, è descritta nella Historia Plantarum, scritta da Teofrasto, fra il quarto e il terzo secolo a.C.  Dopo la sua introduzione in Spagna nel VII secolo, il suo uso si diffuse in tutta Europa dal Medioevo.

Dioscoride (49-90 CE) in De Materia Medica scrisse:

“Le foglie e i gambi odorano di limone. Un decotto delle foglie preso come bevanda, o applicato è buono per chi viene toccato dagli scorpioni, o morso di ragni o cani.”

Paracelso (1493-1541) prescrisse la melissa per rianimare una persona, e suggerì di usarla per “tutti i disturbi che dovrebbero derivare da uno stato disordinato del sistema nervoso”.

Nella cultura popolare, si credeva che scacciasse il male dalle abitazioni e per tal motivo casa veniva coltivata davanti alla porta, era usata come sedativo e ansiolitico, anche se diversi speziali a base di erbe dell’epoca creavano balsamo con effetti benefici generali sul cervello e in particolare con miglioramenti specifici alla memoria.

Nella medicina popolare europea, gli usi di Melissa sono principalmente legati al trattamento di disturbi nervosi, insonnia, malinconia, problemi digestivi e cardiaci.

Nella medicina popolare islamica, Melissa è utilizzata in caos di tumore.

Austria:

Melissa officinalis L. (melissa), in varie formulazioni, è stata ampiamente utilizzata come rimedio popolare per il trattamento di diversi sintomi legati alla psiche. Nella medicina tradizionale austriaca, le foglie di M. officinalis sono state prescritte come tisana, o come applicazione esterna sotto forma di olio essenziale, per il trattamento di disturbi del tratto gastrointestinale, del sistema nervoso, del fegato e della bile.

Inghilterra:

La melissa era una delle piante preferite dei Tudor, che spargevano le foglie sui loro pavimenti. Era nel giardino delle erbe del botanico inglese John Gerard nel 1590. Il suo erbario conosciuto come “The Grete Herball”, raccomandava l’uso di Melissa come unguento per tutti i dolori, un decotto di  melissa era indicato per la respirazione e facilitare il concepimento.

Il botanico inglese del 1600, Nicholas Culpepper, considerava la melissa governata dal pianeta Giove in Cancro e suggerì di usarla per “stomaci deboli”, per far sì che il cuore diventasse “allegro”, per aiutare la digestione, per aprire “ostruzioni del cervello” ed per espellere “vapori malinconici” dal cuore e dalle arterie. Sin dal Medioevo è stato utilizzata per la regolazione del sonno, dell’appetito e della digestione, la riduzione dell’ansia e come sollievo dal dolore.

Il London Dispensary (1696) affermava: “Un’essenza di Melissa, data nel vino delle Canarie, ogni mattina rinnoverà la giovinezza, rafforzerà il cervello, allevierà la natura languente e preverrà la calvizie”.

In epoca vittoriana, melissa era usata come pianta simbolica per la trasmissione di messaggi tra amanti.

Fu portata in America dall’Europa dai coloni e iniziò a crescere nei loro giardini.

Melissa è descritta nei manoscritti persiani di Medicina Qarabadin-e-kabir e Qarabadin-e-salehi.

I Qarabadins erano una sorta di libri farmaceutici, un registro di farmaci e preparati contenenti forme di dosaggio, procedure di preparazione, considerazioni, dose di somministrazioni. Esistono più di cento Qarabadins scritti da medici persiani e farmacisti dal IX al XVIII  secolo d.C. Melissa menzionata con il nome “Badranjboye”, era utilizzata in idrolato, come sedativo, spasmolitico, antibatterico, tonico di cuore e cervello.

Melissa officinalis L. è usato fin dall’antichità nella medicina popolare a causa dei suoi effetti sedativi, digestivi, carminativi, spasmolitici e analgesici. Il suo impatto terapeutico è dovuto al contenuto di olio essenziale e acido rosmarinico.

Inoltre, i risultati di molte ricerche cliniche hanno dimostrato che l’olio essenziale di melissa può essere utilizzato nel trattamento del morbo di Alzheimer, come antiossidante contro gli effetti negativi dei radicali liberi e agente antitumorale. Ha un effetto positivo sul sistema immunitario e sullo stress.

Un ottimo rimedio contenente Melissa è Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

 

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Papavero

Sedativi nervosi ed etnobotanica : Papavero

Papavero 

Le fonti più antiche sul papavero da oppio e sull’oppio sono costituite dalle tavolette cuneiformi sumere. I Sumeri che regnarono nel 5000 a.C. in Mesopotamia usavano parole per definire “oppio” e rilievi assiri raffiguravano papaveri da oppio. È noto che il papavero da oppio fu coltivato dai Sumeri nel 3300 a.C. I Sumeri la chiamavano “la pianta della gioia”. Gli Ittiti (2000 a.C.) coltivavano papavero da oppio in Anatolia.

Gli Ittiti lo chiamarono “Hassikka” e si ritiene che questo sia un prenome dell’odierno haşhaş in turco. Inoltre, lo stesso nome si riferisce anche a “dormire” e “tranquillizzare” in lingua ittita. Tra i tanti pani degli Ittiti esiste un pane con miele e semi di papavero.  Una moneta della città, coniata nel 330 a.C. dai Romani a Şuhut, in Turchia, raffigura un frutto di grano e papavero. Inoltre, una dea della città che tiene un mazzo di papavero da oppio, è raffigurata nelle monete Emirdağ e Şuhut . Dioscoride di Anazarba (Kozan, Adana) descrive la coltivazione del papavero da oppio e la produzione di oppio nella sua Materia Medica stampata nel 1° secolo  d.C. Il papavero da oppio è anche considerato una delle piante più antiche d’Europa. I dati archeologici rivelano che il papavero da oppio è stato coltivato e utilizzato nell’Europa occidentale e centrale dal 4600 al 3800 a.C.

Turchia:

Papaver rhoeas L. (Papaveraceae) – papavero rosso o papavero di mais chiamato anche ‘gelincik‘ in Turchia – è una specie annuale della sezione Rhoeadium Kadereit. La specie è ampiamente distribuita in Turchia e utilizzata per il trattamento di varie malattie della medicina popolare in forma di  sciroppo per la tosse dei bambini, come infuso per l’insonnia, sedativo e per alleviare il dolore. Le parti aeree fresche sono anche utilizzate come cibo principalmente nel sud-ovest della Turchia . I fiori di papavero sono utilizzati anche come fonte di coloranti alimentari e per esaltare il sapore delle tisane.

In Turchia, sono stati studiati cinque rimedi erboristici utilizzati come farmaci gastroprotettivi per la loro attività anti-ulcerogenica. I rimedi erboristici studiati comprendono frutti di Elaeagnus angustifolia L. (Elaeagnaceae), frutti freschi di Hibiscus esculentus L. (Malvaceae), radici fresche di Papaver rhoeas L. (Papaveraceae), foglie di Phlomis grandiflora H.S. Thomson (Lamiaceae) e frutti freschi di Rosa canina L. (Rosaceae). Gli estratti sono stati preparati secondo le tradizionali indicazioni d’uso. Papaver somniferum significa “portatore di sonno”, ma il papavero da oppio non è meno sociale del papavero di mais. Anch’ esso “cerca la compagnia delle persone”, che prosperano sulla terra agitata, riapparendo anno dopo anno. Le somiglianze, tuttavia, finiscono qui. Il papavero da oppio è più robusto, è alto un metro o più e appare in tonalità variegate, anche se il bianco, il rosa e il viola sono i più comuni. La sua capsula trasporta una resina carica di alcaloidi, di cui morfina, tebaina e codeina sono le più potenti. Il metodo tradizionale di raccolta è quello di segnare la capsula immatura in modo che la linfa fuoriesca e si essicchi sulla superficie esterna del baccello. La resina indurita appiccicosa viene quindi raschiata via e raccolta per l’uso. Il papavero da oppio è unico. Delle 27.000 diverse piante da fiore nel mondo, solo il papavero da oppio produce morfina. Il papavero da oppio ha un passato misterioso, poiché non è stato identificato alcun antenato selvatico. Le sue origini potrebbero trovarsi in Asia Minore (l’odierna Turchia), o forse nei vicini Balcani, il cuore della prima agricoltura europea. Ci sono alcuni primi indizi, tuttavia, dall’Europa occidentale.

Nel 1865, una capsula di papavero carbonizzata fu recuperata da un villaggio neolitico impegato d’acqua sul lago Pfäffikersee vicino a Robenhausen, nel nord della Svizzera. Datata intorno al 2500 a.C., la capsula sembra essere di una specie intermedia, un papavero da oppio semi-selvatico. Da quel momento, gli archeologi hanno trovato prove della coltivazione dell’oppio-papavero in luoghi simili sul lago in tutta la Svizzera, dal Neolitico all’Età del Bronzo (dal 5500 all’800 a.C. circa). A Egolzwil, sulle rive dell’ex lago Wauwil, a Lucerna, dolci ai  semi di papavero e capolini di papavero di 6.000 anni sono stati rinvenuti tra camini di argilla e ceramiche in case di legno ben conservate. Le ricerche suggeriscono che i papaveri erano più comunemente coltivati qui rispetto al grano o all’orzo.

Un’altra importante scoperta avvenne nel 1935, quando capolini di papavero maturo fossilizzati, in seguito datati al carbonio a circa 4000 a.C., furono scoperti nella “Grotta dei pipistrelli” nel sud della Spagna. Le capsule, insieme a ciocche di capelli, erano nascoste all’interno di cesti di erba intrecciata, deposti fra scheletri umani . Si tratta della  prima prova fino ad oggi di papaveri collocati in una tomba. È probabile che questo sia stato un atto deliberato, poiché l’archeologo Ralph Solecki ha scoperto prove simili da un sito molto più antico in Iraq. Scoprì che il polline presente in una sepoltura all’interno di  una grotta riconducibile all’uomo di Neanderthal, di  6.000 anni fa, proveniva da fiori variamente colorati e sembrava essere stato posizionato intenzionalmente attorno ai resti scheletrici. Notevoli testimonianze sono recentemente arrivate da La Marmotta, sul Lago di Bracciano, un cratere vulcanico pieno d’acqua situato a nord-ovest di Roma.

Nel 1989, gli archeologi hanno portato alla luce i resti di una grande città neolitica composta da abitazioni con canniccio e sostenute da migliaia di pali di quercia, conservati nei sedimenti sul fondo del lago. All’interno di un grande edificio lungo trentadue piedi hanno scoperto una statuetta, scolpita in pietra ollare, di una donna voluttuosa – una cosiddetta statuetta della “Dea Madre” – che potrebbe indicare che l’edificio serviva a scopo religioso. Hanno anche trovato grandi quantità di semi di oppio-papavero ben conservati e baccelli e dischi stigmatici (il “cappuccio” che contiene lo stigma riproduttivo del fiore, che intrappola il polline). I semi sembrano essere di una varietà semi-selvatica, e quindi i papaveri erano molto probabilmente coltivati vicino al villaggio per i loro semi e linfa – e i loro effetti antidolorifici. Datati al 5700 a.C., sono i primi campioni di semi di oppio-papavero trovati in un insediamento umano. Per quasi ottomila anni, il papavero di mais, leggermente narcotico e il papavero da oppio sono cresciuti l’uno accanto all’altro, uniti nella loro dipendenza dalle persone.

Un ottimo rimedio contenente Papavero è  Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

DiAlessandra Zarone

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico: Papavero rosso

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico 

 

Premessa

Il concetto di stress è relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada, nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).

Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico, ormonale, locomotorio e immunologico.

Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo

dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.

Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Papavero Rosso

Papaver rhoeas L. (Papaveraceae) – papavero rosso o papavero di mais chiamato anche ‘gelincik’ in Turchia – è una specie annuale della sezione Rhoeadium Kadereit. La specie è ampiamente distribuita in Turchia e utilizzata per il trattamento di varie malattie della medicina popolare in forma di  sciroppo per la tosse dei bambini, come infuso per l’insonnia, sedativo e per alleviare il dolore. Le parti aeree fresche sono anche utilizzate come cibo principalmente nel sud-ovest della Turchia. I fiori di papavero sono utilizzati anche come fonte di coloranti alimentari e per esaltare il sapore delle tisane.

In Turchia, sono stati studiati cinque rimedi erboristici utilizzati come farmaci gastroprotettivi per la loro attività anti-ulcerogenica. I rimedi erboristici studiati comprendono frutti di Elaeagnus angustifolia L. (Elaeagnaceae), frutti freschi di Hibiscus esculentus L. (Malvaceae), radici fresche di Papaver rhoeas L. (Papaveraceae), foglie di Phlomis grandiflora H.S. Thomson (Lamiaceae) e frutti freschi di Rosa canina L. (Rosaceae). Gli estratti sono stati preparati secondo le tradizionali indicazioni d’uso. Papaver somniferum significa “portatore di sonno”, ma il papavero da oppio non è meno sociale del papavero di mais. Anch’ esso “cerca la compagnia delle persone”, che prosperano sulla terra agitata, riapparendo anno dopo anno. Le somiglianze, tuttavia, finiscono qui. Il papavero da oppio è più robusto, è alto un metro o più e appare in tonalità variegate, anche se il bianco, il rosa e il viola sono i più comuni.

 

La sua capsula trasporta una resina carica di alcaloidi, di cui morfina, tebaina e codeina sono le più potenti. Il metodo tradizionale di raccolta è quello di segnare la capsula immatura in modo che la linfa fuoriesca e si essicchi sulla superficie esterna del baccello. La resina indurita appiccicosa viene quindi raschiata via e raccolta per l’uso. Il papavero da oppio è unico. Delle 27.000 diverse piante da fiore nel mondo, solo il papavero da oppio produce morfina. Il papavero da oppio ha un passato misterioso, poiché non è stato identificato alcun antenato selvatico.  Le sue origini potrebbero trovarsi in Asia Minore (l’odierna Turchia), o forse nei vicini Balcani, il cuore della prima agricoltura europea. Ci sono alcuni primi indizi, tuttavia, dall’Europa occidentale. Nel 1865, una capsula di papavero carbonizzata fu recuperata da un villaggio neolitico impiegato d’acqua sul lago Pfäffikersee vicino a Robenhausen, nel nord della Svizzera. Datata intorno al 2500 a.C., la capsula sembra essere di una specie intermedia, un papavero da oppio semi-selvatico. Da quel momento, gli archeologi hanno trovato prove della coltivazione dell’oppio-papavero in luoghi simili sul lago in tutta la Svizzera, dal Neolitico all’Età del Bronzo (dal 5500 all’800 a.C. circa). A Egolzwil, sulle rive dell’ex lago Wauwil, a Lucerna, dolci ai  semi di papavero e capolini di papavero di 6.000 anni sono stati rinvenuti  tra camini di argilla e ceramiche in case di legno ben conservate. Le ricerche suggeriscono che i papaveri erano più comunemente coltivati qui rispetto al grano o all’orzo. Un’altra importante scoperta avvenne nel 1935, quando capolini di papavero maturo fossilizzati, in seguito datati al carbonio a circa 4000 a.C., furono scoperti nella “Grotta dei pipistrelli” nel sud della Spagna. Le capsule, insieme a ciocche di capelli, erano nascoste all’interno di cesti di erba intrecciata, deposti fra scheletri umani . Si tratta della  prima prova fino ad oggi di papaveri collocati in una tomba. È probabile che questo sia stato un atto deliberato, poiché l’archeologo Ralph Solecki ha scoperto prove simili da un sito molto più antico in Iraq. Scoprì che il polline presente in una sepoltura all’interno di  una grotta riconducibile all’uomo di Neanderthal, di  6.000 anni fa, proveniva da fiori variamente colorati e sembrava essere stato posizionato intenzionalmente attorno ai resti scheletrici. Notevoli testimonianze sono recentemente arrivate da La Marmotta, sul Lago di Bracciano, un cratere vulcanico pieno d’acqua situato a nord-ovest di Roma. Nel 1989, gli archeologi hanno portato alla luce i resti di una grande città neolitica composta da abitazioni con canniccio e sostenute da migliaia di pali di quercia, conservati nei sedimenti sul fondo del lago. All’interno di un grande edificio lungo trentadue piedi hanno scoperto una statuetta, scolpita in pietra ollare, di una donna voluttuosa – una cosiddetta statuetta della “Dea Madre” – che potrebbe indicare che l’edificio serviva a scopo religioso. Hanno anche trovato grandi quantità di semi di oppio-papavero ben conservati e baccelli e dischi stigmatici (il “cappuccio” che contiene lo stigma riproduttivo del fiore, che intrappola il polline). I semi sembrano essere di una varietà semi-selvatica, e quindi i papaveri erano molto probabilmente coltivati vicino al villaggio per i loro semi e linfa – e i loro effetti antidolorifici. Datati al 5700 a.C., sono i primi campioni di semi di oppio-papavero trovati in un insediamento umano. Per quasi ottomila anni, il papavero di mais, leggermente narcotico e il papavero da oppio sono cresciuti l’uno accanto all’altro, uniti nella loro dipendenza dalle persone.

Un ottimo prodotto è Alato 3, contiene Papavero rosso, è indicato per  spasmi, contrazioni nervose, irritabilitá, nervosismo, agitazione, ansia, ipereccitabilitá, disturbi organici di origine nervosa. E’ acquistabile qui o in Farmacia.

 

 

DiAlessandra Zarone

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico : Giuggiolo

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico 

 

Premessa

Il concetto di stress è relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada, nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).

Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico, ormonale, locomotorio e immunologico.

Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo

dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.

Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Giuggiolo

Nome botanico: Zizyphus mauritiana Lam.

Sinonimo: Z. jujuba Lam. not of Mill.; Z. spina-christi

Distribuzione nel mondo: India, Pakistan, Afghanistan, Cina, Ceylon, Australia, Trop. Africa

Usi medici popolari: Trattamento di ascessi e ferite.

La pasta di foglie fresche schiacciate viene mescolata con una piccola quantità di sapone e zucchero macinato ed è legata con un panno come benda sugli ascessi. La benda viene cambiata ogni 24 ore e il trattamento viene continuato per 3-4 giorni.

La popolazione dei villaggi orientali dell’Andra Pradesh, in India usa la colla delle foglie di questa pianta e il lattice di Ipomea carnea per trattare i brufoli. La pasta di polvere di corteccia e foglie, applicata esternamente sul petto viene usata dalla medicina popolare di questi luoghi, per trattare il dolore toracico della tosse; la polvere del frutto di Z. xylopyrus è utilizzato nel trattamento di indigestione e mal di stomaco, con aggiunta di un pizzico di zenzero. Nella medicina popolare turca, la polvere del frutto è utilizzata come sedativo.

 

 

Ziziphus spina-christi riconosciuto come giuggiola del trono di Cristo. È un piccolo albero o un arbusto spinoso che resiste fortemente alla siccità e al calore. È una pianta o un albero sempreverde nell’Africa tropicale, nel Levante e in alcuni paesi tropicali. L’indagine morfologica ha rilevato in Arabia Saudita due varietà ben definite, Z. spina-christi var. spina-christi, Z. spina-christi var. mi-crophylla e una pianta affinità con Z. spina-christi var. spina-christi. Gli arabi hanno a lungo usato Z. spina-christi nella medicina folclorica per mantenere la salute. I nativi del Medio Oriente, dell’Oriente e del Sud dell’Asia lo stanno usando per curare molte malattie come febbre, forfora, dolore, condizioni infiammatorie, ferite e ulcere, asma e disturbi agli occhi. In Medio Oriente, questa pianta è sia cibo che medicina.

Ziziphus oxyphylla si trova principalmente nelle regioni calde e tropicali del mondo. È una delle specie del genere Ziziphus ampiamente usato per trattare problemi legati al fegato, ittero e diabete. I test fitochimici confermano la presenza di alcaloidi, flavonoidi, composti fenolici. Gli studi clinici hanno mostrato attività antibatterica, antipiretica, antiossidante e antinfiammatoria in vivo e in vitro.

Un ottimo prodotto è Alato 3, contiene Giuggiolo, è indicato per  spasmi, contrazioni nervose, irritabilitá, nervosismo, agitazione, ansia, ipereccitabilitá, disturbi organici di origine nervosa. E’ acquistabile qui o in Farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia : Valeriana

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

 

Valeriana

Valeriana officinalis o valeriana ha effetti sedativi, antispasmodici, ansiolitici, antidolorifici e ipnotici in umani e animali. Valeriana clarionifolia si distingue come uno fra i principali rimedi nelle farmacopee indigene della Patagonia, e le sue radici e rizomi sono stati usati fin dai tempi antichi.

Il nome generico deriva dal latino valere, “essere sani”, in riferimento agli usi medicinali nel trattamento di condizioni nervose e isteria. Valeriana è una nota erba medicinale tradizionale indiana con rimedio per il sonno. È stata usata nel corso degli anni per trattare nervine e sedativi nell’isteria, nell’epilessia e sedativi nell’ansia nervosa, come stimolante, per reumatismi, febbri di basso grado e afrodisiaco. È noto per crescere bene nelle regioni d’Europa, parti dell’Asia e del Nord America. Le radici dell’erba valeriana dall’odore forte erano un farmaco essenziale nei sacchetti di medicina per le ferite, dei primi guerrieri indiani Thompson. Le radici fresche venivano polverizzate tramite pietre e applicate direttamente sulla zona lesa, mentre le radici essiccate venivano impiegate come polvere antisettica. Le foglie fresche venivano talvolta masticate fino a quando non erano umide e poi applicate a tagli e ferite. La tribù Thompson della Columbia Britannica probabilmente scoprì il valore di questa specie, a causa di tentativi ed errori, molto prima dell’arrivo degli Europei.

 

 

La valeriana americana è originaria del Canada meridionale e si trova a sud della regione delle Montagne Rocciose del Nuovo Messico. Una specie correlata di valeriana (V. officinalis) è stata a lungo utilizzata nella medicina europea dove la pianta era nativa, ed è ancora oggi coltivata in Olanda, Inghilterra e Germania. È impiegato come antispasmodico e sedativo nell’epilessia e in altri disturbi nervosi. La valeriana europea è descritta in modo molto interessante in Woodville’s Medical Botany, pubblicato a Londra nel 1832: “I suoi poteri antispasmodici sono molto ben consolidati, e confido in molti dei resoconti che sono stati dati sulla sua efficacia; e se a volte non è stata efficace, l’ho appena spiegato, aggiungendo solo questo, che mi sembra, in quasi tutti i casi, dovrebbe essere somministrato in dosi maggiori di quelle comunemente date. È un fatto ben noto che alcuni gruppi indiani avessero usato antisettici prima del tempo di Lister. La valeriana americana è originaria del Canada meridionale e si trova a sud della regione delle Montagne Rocciose del Nuovo Messico. Una specie correlata di valeriana (V. officinalis) è stata a lungo utilizzata nella medicina europea dove la pianta era nativa, ed è ancora oggi coltivata in Olanda, Inghilterra e Germania. È impiegata come antispasmodico, anticonvulsivo, sedativo nell’epilessia e in altri disturbi nervosi. È utile nelle affezioni epilettiche, isteriche e in altre affezioni spasmodiche. La radice viene data in polvere: il suo sapore sgradevole può essere nascosto da una piccola aggiunta di noce moscata.

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Valeriana. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.