Archivio dei tag stimolante

DiAlessandra Zarone

Capsicum e Betaina

Capsicum e Betaina

In questo articolo illustrerò le piante che contengono betaina ed i loro utilizzo nella tradizione folclorica

 

E’ indicata per:

Bruciore allo stomaco, gonfiore o eruttazioni, pesantezza allo stomaco, infezione cronica da candida, frequenti indigestioni, alito cattivo, allergie alimentari, parassiti intestinali cronici, cibo non digerito nelle feci.

E’ contenuta nel Capsicum

Capsicum annuum e C. frutescens (Solanaceae) Cayenne, Pepe di Caienna, Peperoncino Cayenne

Un arbusto perenne e appuntito che cresce fino a 3 piedi (1 m), con frutti conici rosso scarlatto pieni di semi bianchi. Cayenne è così popolare in Messico che è persino usato per aromatizzare il gelato.

Habitat e Coltivazione

Originaria delle regioni tropicali delle Americhe, la cayenna fu introdotta per la prima volta in Europa nel 16 ° secolo. In cucina, è rinomata per il suo sapore caldo e bruciante, in medicina, è un potente stimolante riscaldante. Agisce sulla circolazione e sulla digestione ed è usato per trattare una vasta gamma di disturbi, da artrite e geloni a coliche e diarrea.

 

Cayenne è originaria delle Americhe tropicali ed è ora coltivata in tutti i tropici, specialmente in Africa e in India. Il frutto viene raccolto a maturità in estate e viene essiccato all’ombra.

Specie correlate

Esistono molte specie e varietà strettamente correlate di C. frutescens, tutte con diversi gradi di piccantezza.

Paprika, o pepe ungherese (uno dei peperoni più delicati), e i grandi peperoni verdi e rossi che vengono mangiati come verdure sono entrambe varietà di C. annuum e sono importanti alimenti medicinali.

Azioni chiave :

Stimolante

Tonico

Carminativo

Allevia gli spasmi  muscolari

Antisettico

Aumenta la sudorazione

Aumenta il flusso sanguigno alla pelle

 

Capsaicina :

Un’ampia ricerca clinica mostra che la capsaicina, il composto in Cayenna principalmente responsabile del suo sapore caldo e pungente, ha una forte attività analgesica locale. Applicata sulla pelle, la capsaicina desensibilizza le terminazioni nervose e agisce come controirritante. È prescritta per il sollievo del dolore nevralgico. Può anche fornire un efficace sollievo dal dolore in condizioni come l’artrite e il mal di testa.

Usi tradizionali e attuali

Stimolante riscaldante: le qualità riscaldanti dell’erba lo rendono un valido rimedio per una cattiva circolazione. Migliora il flusso sanguigno alle mani, ai piedi e agli organi centrali.

Antimicrobico

Nella fitoterapia Maya, la cayenna è stata utilizzata per contrastare le infezioni microbiche. Diverse specie di Capsicum, tra cui la cayenna, sono ora note per avere una significativa attività antimicrobica.

L’aggiunta di cayenna al cibo, riduce le possibilità di sviluppare infezioni gastriche o intestinali e l’erba è spesso utilizzata dagli erboristi per trattare la gastroenterite e la dissenteria.

Usi esterni

Applicata localmente sulla pelle, la cayenna è leggermente analgesica. È anche rubefacente, aumenta il flusso sanguigno alla parte interessata, questo aiuta a stimolare la circolazione in condizioni reumatiche e artritiche “fredde”, aiuta la rimozione dei prodotti di scarto e aumenta il flusso di nutrienti ai tessuti. Cayenne può anche essere applicata ai geloni.

Usi interni

Cayenne è presa per alleviare gas e coliche. Migliora la digestione e la circolazione, stimola la secrezione dei succhi digestivi. Può essere assunto in piccole dosi frequenti per un cuore debole. Un pizzico di cayenna è eccellente se usato nei gargarismi per il mal di gola.

Un ottimo prodotto contenente Betaina è Alato 35, disponibile in farmacia o qui ALATO 35 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali della medicina folclorica per i disturbi della sfera sessuale

Rimedi naturali della medicina folclorica per i disturbi della sfera sessuale

 

Catuaba, Erythroxylum vacciniifolium Mart.

Arbusto o piccolo albero alto 3-5 m. Appartiene alla famiglia delle Erythroxylaceae, descritta e pubblicata da Karl Friedrich Philipp von Martius in Beit. Erythroxylon  nel 1840, Figlio del  farmacista di corte Ernst Wilhelm Martius (1756-1849), che fu il primo docente di farmacologia all’Università di Erlangen, si laureò in biologia a Erlangen nel 1814con una tesi  sulle piante dell’‘orto botanico dell’università. Dopo la laurea si dedicò alla botanica. Autore di” Nova genera et species plantarum quas in itinere per Brasiliam annis 1817-1820… collegit et descripsit dr. C.F.P. de Martius… Pingendas curavit et secundum auctoris schedulas digessit “.

L’uso di foglie secche in polvere, mescolate con le ceneri di altre piante, come stimolante, è stato registrato per la prima volta nel 500 A.D. .

Si trova nelle regioni settentrionali del Brasile: in Amazzonia, Para, Pernambuco, Bahia, Maranhao e Alagoas. Qui l’albero di Catuaba raggiunge un’altezza e uno spessore immensi, producendo piccoli fiori gialli e un frutto giallo scuro. La seconda specie si trova nelle aree centrali, crescendo a Espirito Santo, San Paolo e Minas Gerais. Qui forma un grande arbusto cespuglioso. Le specie sono ugualmente efficaci in medicina e una tisana tradizionale viene preparata dalla corteccia. Poiché ha un sapore molto amaro, i brasiliani addolciscono il tè con un po ‘di miele o un prodotto derivato da un’altra delle loro incredibili piante della foresta pluviale, un estratto di Stevia.

È una pianta così vigorosa e in forte crescita che tende formare enormi foreste proprie. Gli indiani Tupi ne scoprirono per la prima volta le qualità e composero molte canzoni che la lodavano. È stato riferito che dopo aver bevuto tre o quattro tazze di tè costantemente per un periodo di tempo, i primi sintomi sono di solito sogni erotici e quindi aumento del desiderio sessuale.

L’erba normalizza anche la funzione della prostata e previene la reinfezione della prostata con E. coli., dilata i vasi sanguigni e stimola il sistema nervoso.

Nella medicina tradizionale brasiliana, la corteccia è usata come stimolante del sistema nervoso, afrodisiaco naturale e stimolante sessuale, migliora il sistema nervoso centrale, calma i nervi e regola la pressione, così come per altri tipi di problemi nervosi, come agitazione, nevrastenia, nervosismo, scarsa memoria, insonnia, ipocondria e debolezza sessuale.

La dopamina dell’estratto di corteccia ha proprietà antidepressive.

Tra i costituenti della pianta è stato scoperto un gruppo di alcaloidi chiamati “Catuabina”, con queste sostanze chimiche ritenute responsabili di ulteriori stimoli al sistema nervoso.

L’uso della corteccia dell’albero Erythroxylum catuaba, noto in Amazzonia come chuehulluasi, è visibile nelle case dove si può appare una bottiglia appesa al muro che contiene corteccia di chuchuhuasi “marinata” in aguardiente, un forte alcol distillato dalla canna da zucchero. Nella medicina popolare viene utilizzato per reumatismi e dolori, previene le emorragie post partum e viene mescolato con acqua bollita o aguardiente.

Trichilia catigua (Catuaba)

Il genere Trichilia è stato descritto da Browne nel 1756 e comprende 71 specie distribuite in America tropicale, Africa e nella regione indo-malese, di cui 47 specie si trovano in Brasile.

Diverse specie sono state utilizzate nella medicina popolare nel trattamento di malattie come disturbi del fegato, purganti, antiepilettici, antipiretici, antimalarici, tonici fisici e mentali, afrodisiaci e stimolanti sessuali.

Comunemente conosciuta come “catuaba” o “catiguá”. T. catigua si trova in Sud America (Brasile, Argentina, Paraguay e Bolivia) ed è ampiamente usata come neurostimolante, anti-nevrastenico e afrodisiaco.

È ampiamente usata nella medicina popolare come tonico per il trattamento della fatica, dello stress, come antibatterico e antiossidante.

 

Gli effetti sono principalmente associati alla modulazione del sistema dopaminergico. Poiché la maggior parte dei farmaci disponibili per il trattamento della depressione interferiscono con la modulazione della serotonina / noradrenalina, si potrebbe suggerire che l’estratto standardizzato di T. catigua, usato da solo o in combinazione con altri farmaci disponibili, potrebbe rappresentare uno strumento prezioso per il controllo dei sintomi della depressione, specialmente nelle manifestazioni moderate della malattia. in situazioni in cui la terapia classica non è efficace o non è ben tollerata dai pazienti.

Trichilia catigua A. Juss. (Meliaceae)

La specie T. catigua è ampiamente distribuita in Sud e Centro America. È anche conosciuta come catiguá, catiguá vermelho, catuama, pau-ervilha e catuaba-do-norte.

La corteccia essiccata della specie nativa brasiliana Trichilia catigua A. Juss. è usata nella medicina popolare per le sue proprietà neuroattive ed è nota per il suo potenziale antiossidante.

 

 Damiana, Turnera diffusa

È un afrodisiaco tradizionale del popolo Maya in America Centrale. Continua ad essere considerato prezioso come afrodisiaco e tonico generale, e la sua azione stimolante e tonica lo rende anche un valido rimedio per chi soffre di depressione lieve. Le foglie sono usate per aromatizzare i liquori e sono prese in Messico come sostituto del tè. In Messico e in vari paesi dell’America Latina, le foglie sono ancora oggi utilizzate contro la debolezza muscolare, come tonico, nei disturbi gastrointestinali, diabete, edema, malaria e malattie della pelle, ma soprattutto come afrodisiaco.

È originaria del Golfo del Messico, della California meridionale, delle isole dei Caraibi settentrionali e della Namibia.

Internamente è utilizzata per esaurimento nervoso, ansia, depressione, debilitazione in convalescenza, impotenza, eiaculazione precoce, disturbi della prostata, infezioni urinarie, frigidità, perdite vaginali, mestruazioni dolorose, problemi di menopausa, cefalea ormonale scarso appetito e digestione e stitichezza atonica. La sua azione tonica è in parte dovuta al timolo costituente, che è antisettico e tonico psicofisico.

Le sue proprietà stimolanti e riparatrici lo rendono prezioso quando ansia e depressione si verificano insieme. È utile nel trattamento dell’eiaculazione precoce e dell’impotenza. È, tuttavia, benefica sia per gli uomini che per le donne, in quanto ripara degli organi riproduttivi di entrambi i sessi

Essendo un diuretico e antisettico urinario, è utile nel trattamento delle infezioni urinarie come la cistite e l’uretrite. Questa azione è in parte dovuta all’arbutina costituente, che viene convertita in idrochinone, un forte urinario

È un lassativo lieve, utile nel trattamento della stitichezza dovuta a scarso tono muscolare intestinale.

Studi farmacologici hanno rivelato i suoi effetti ansiolitici, analgesici, spasmolitici e afrodisiaci, ha una lieve attività estrogenica.

L’uso afrodisiaco tradizionale permette di aumentare efficacemente i livelli di testosterone e quindi il desiderio sessuale.

Alcune specie sono ampiamente usata nella medicina popolare per diversi tipi di malattie infiammatorie. La British Herbal Pharmacopoeia cita indicazioni per l’uso di tale rimedio per “nevrosi d’ansia con un fattore sessuale predominante, depressione, nervoso, dispepsia, costipazione atonica e coitale, inadeguatezza.

 

 

Muira Puama, Ptychopetalum olacoides

Muira puama è originaria delle foreste pluviali brasiliane, in particolare la regione del Rio  delle Amazzoni.

Muira Puama: un’erba coltivata in profondità nella foresta pluviale e comunemente conosciuta come “Potency Wood”. Questa è una delle migliori erbe per la maggior parte degli uomini da utilizzare per la disfunzione erettile, e ha una reputazione altrettanto meritata per aumentare il desiderio sessuale. L’arbusto è originario del Brasile ed è stato a lungo usato come un potente afrodisiaco in Sud America. Un recente studio clinico ha convalidato la sua sicurezza ed efficacia nel migliorare il desiderio sessuale e la funzione sessuale in molti pazienti.

Muira puama è stato a lungo usato nella medicina amazzonica come tonico e afrodisiaco. Considerato utile come aiuto per l’impotenza, si pensa che aiuti sia gli aspetti fisici che psicologici del problema.

È anche usata per trattare o prevenire la calvizie. La corteccia è fortemente astringente e viene impiegata come gargarismi per il mal di gola e assunta sotto forma di infuso per trattare diarrea e dissenteria

Sulla base dei numerosi rapporti clinici che documentano gli effetti di miglioramento della libido e dell’energia, Muira Puama aumenta il testosterone libero e / o sopprime l’eccesso di estrogeni.

 

Nella medicina popolare brasiliana Trichilia catigua è usato per le sue proprietà neuroattive, come neurostimolante, antiossidante e antinfiammatorio, mentre Turnera diffusa è tradizionalmente usato come tonico nella nevrastenia. Entrambe le specie sono note per essere ricche di flavonoidi.

Muira puama, sebbene usata in Asia, è in realtà la più nota medicina popolare amazzonica che aumenta la libido. Agisce come stimolante nervoso per aumentare la ricettività agli stimoli sessuali.

 

Un ottimo prodotto composto da Catuaba, Damiana e Muira Puama, è ALATO 18, acquistabile qui  o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse _Avena

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse

Avena

Avena {Arena sativa L., l’avena comune del commercio, deriva da A. fatiia). Appartiene alla Famiglia delle Gramineae; Poaceae.

Durante l’età del ferro preromana due cereali completamente nuovi raggiunsero la Gran Bretagna. L’avena e la segale avevano avuto origine come erbacce di coltivazione che spuntavano tra grano e orzo. Probabilmente arrivarono in Gran Bretagna mescolati con altri semi di grano portati da nuovi immigrati, e all’inizio erano piuttosto rari. Di diverse varietà di avena introdotte, la più comune era l’avena selvatica.

Nella medicina popolare è usata come tonico, diuretico e antispasmodico. Nella moderna fitoterapia, è comunemente usata per il trattamento delle condizioni cutanee caratterizzate da infiammazione e pustole . L’avena stessa è considerata nutritiva, abbassa il colesterolo.

Tonico nervino usato in caso di spermatorrea, palpitazione, insonnia, tonico cardiaco, usato nella debilitazione, stimolante, antispasmodico, timolettico, antidepressivo, usato nella fase della Menopausa, per diarrea, dissenteria, colite. Esternamente è emolliente.

Avena sativa è al confine tra un alimento e un’erba:

Viene coltivata come foraggio e anche per i suoi chicchi che vengono aggiunti in torte d’avena o porridge, in particolare in Scozia. L’avena cotta (porridge) è un piatto popolare per la colazione, l’avena macinata è un ingrediente importante di muesli e spuntini di cereali tostati. È nota agli erboristi medici come un “trofo-riparatore”. Oltre a proteine, amido e minerali, l’avena contiene un alcaloide, glicosidi e oli fissi, che sono un’importante fonte di vitamina E. L’avena viene utilizzata nei cereali per la colazione e nei prodotti da forno. La crusca d’avena è ricca di fibre solubili, che possono aiutare a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, riducendo così il rischio di attacchi di cuore.

Erba nutriente e carnosa, agisce come un tonico per il cuore, i nervi e la ghiandola del timo e. Il consumo regolare di germe d’avena riduce i livelli di colesterolo nel sangue. È utile per depressione, esaurimento nervoso, herpes zoster, herpes, sintomi della menopausa e debilitazione a seguito di malattia. Esternamente in preparati per eczema e pelle secca.

Un ottimo rimedio contenente Avena è Alato 10, disponibile in farmacia o qui

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Cola acuminata

Piante adattogene ed etnobotanica: Cola acuminata

Cola acuminata K.Schum

Tra gli Yoruba africani e i loro discendenti brasiliani diverse specie di piante sono considerate indispensabili per le cerimonie di iniziazione primaria. Queste includono i semi di obt (Cola acuminata) e orobo (specie di Garcinia kohl impiegata in Africa occidentale e Brasile durante la divinazione e l’iniziazione). Gli intrugli segreti sono usati per lavare le collane sacre degli adepti, e la polvere magica preparata da foglie, semi e gesso è dipinta sulle teste rasate degli iniziati, durante i primi mesi. I novizi dormono su un letto di foglie sacre. L’abo (bagno fogliare) rappresenta il rito vegetale più comune per principianti e pazienti laici. I bagni sono impiegati per l’iniziazione, per il miglioramento finanziario e per la purificazione. Il loro ruolo più importante, tuttavia, è medicinale. Abo sono utilizzati per problemi di salute come reumatismi, disturbi della pelle, mal di testa e simili. Più comunemente, il pai o mae-de-santo, sacerdote, prescrive bagni per disturbi psicologici, come ansia e depressione, in particolare dove questi hanno origine spirituale. I bagni a base di foglie sono preparati in base alle esigenze individuali del paziente. Non esiste un insieme di ricette predeterminate. Il sacerdote o la sacerdotessa determina l’eziologia e il rimedio prescrittivo durante una cerimonia di divinazione usando il jogo de buzio, divinazione con le conchiglie. Introdotto insieme ad altri metodi di divinazione durante il corso della tratta degli schiavi, il sistema jogo de buzio consente al capo del tempio di consultarsi direttamente con le divinità. Dopo aver fatto rotolare sedici conchiglie su una tavola, il pai o mae-de’Santo identifica il numero di gusci aperti e chiusi, cioè aperture rivolte verso l’alto o verso il basso. La combinazione di conchiglie corrisponde a uno o più miti specifici odu, o Yoruba, che suggeriscono la causa del problema e la linea d’azione appropriata. Quando il bagno a base di foglie entra nel rimedio prescritto, le foglie appropriate vengono poste in una bacinella di acqua fredda e lentamente macerate con le mani. La manipolazione fisica delle foglie è essenziale, in quanto trasferisce l ‘energia vitale dal sacerdote al bagno in via di sviluppo. L’intruglio verdastro risultante, carico del potere innato delle foglie e di quello del sacerdote del terreiro (tempio di Candomble), è posto all’interno di un piccolo altare dedicato all’una o all’altra delle divinità africane.

Ossaim, custode delle foglie sacre e della medicina, è la divinità più direttamente coinvolta nella salute e nella guarigione. Il suo dominio è la foresta e il campo, ovunque le piante curative crescano spontaneamente. Tra gli Yoruba e la loro diaspora del Nuovo Mondo, la sua immagine mostra disabilità: un solo occhio, una gamba, un orecchio enorme e una voce acuta umoristica. La conoscenza di Ossaim era ambita da altre divinità che cercavano di condividere i suoi segreti.

Nella cultura africana, la noce di Cola viene masticata prima dei pasti come aiuto alla digestione, per trattare le ferite, emicrania, disturbi metabolici, infiammazioni. Il ramoscello amaro dell’albero è utilizzato anche per pulire denti e gengive; rinfrescare l’alito. I frutti di cola sono usati come tonici, afrodisiaci stimolanti e come intruglio per il trattamento di febbre, dissenteria ed esaurimento.

Questo prodotto della costa occidentale dell’Africa è diventato ben noto ai botanici britannici a causa del suo uso tra i nativi come stimolante e promotore della digestione. The Athenaeum, una rivista letteraria britannica pubblicata a Londra, dal 1828 al 1921, annunciò che il suo corrispondente a Lagos aveva inviato a casa a Londra il frutto e le foglie di un’altra cola, nota come “cola amara”, che appartiene a un diverso ordine botanico – la Guttifera, che possedeva alcune proprietà notevoli. I nativi usavano il frutto come rimedio per la tosse e per migliorare la voce dei cantanti, mentre il corrispondente lo raccomandò come estremamente benefico dopo il mal di mare, dicendo: “Il mio appetito è tornato quasi immediatamente dopo aver morso una porzione di un seme che ho trovato nella mia valle”.

In Europa, le noci di Cola erano un tempo usate per trattare emicranie, nevralgia, nausea e diarrea.

Recenti ricerche hanno dimostrato che i composti in questa erba migliorano significativamente la produzione di acido gastrico e aumentano l’efficacia degli enzimi digestivi all’interno dello stomaco. Ciò aumenta anche l’assimilazione dei nutrienti, consentendo al corpo di estrarre più facilmente i preziosi nutrienti dal cibo.

Cola può alleviare altri disturbi digestivi come gonfiore, flatulenza, crampi e stitichezza.

La ricerca mostra che Cola ha un effetto e previene la nefropatia diabetica (malattia renale). Cola è anche conosciuta come erba “termogenica” (bruciagrassi), e come tale è spesso utilizzata come ingrediente negli integratori per la perdita di peso. È ricco di xantine e polifenoli – recenti ricerche mette in relazione questi composti con un’attivazione della termogenesi e, di conseguenza, con possibili trattamenti per l’obesità.

Cola aumenta la diuresi, riduce i livelli di colesterolo e migliora la funzione pancreatica.

La noce di cola contiene circa il 3% di caffeina e circa il 2% di teobromina. Entrambi questi composti agiscono come “vasodilatatori”, allargando i vasi sanguigni e aumentando il flusso sanguigno al cervello. Aumenta i livelli di ossigeno nel cervello, sostiene la funzione cognitiva e la vigilanza.

I preparati Cola sono usati oggi per trattare l’esaurimento fisico e mentale. L’importanza medicinale della Cola nitida si basa principalmente sui costituenti chimici della pianta, dalle sue radici ai suoi semi. La pianta è nota per contenere diversi costituenti chimici noti per i loro valori medicinali, tra cui caffeina, teofillina e teobromina. Cola nitida contiene anche tracce di minerali essenziali come potassio, calcio, magnesio, sodio, ferro, zinco, manganese e fosforo. Alcuni di questi minerali fungono da fonte di macro e micronutrienti necessari per la crescita, lo sviluppo e l’attività metabolica. È usato nella produzione di bevande come Coca cola e Pepsi cola. È anche usato nella produzione di coloranti. Gli studi hanno dimostrato che Cola nitida agisce come stimolante per combattere la stanchezza, ridurre la fame e la sete.

Un ottimo rimedio naturale con Cola acuminata è  da Alato 6 , acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Guaranà

Piante adattogene ed etnobotanica: Guaranà

Guaranà

Il guaranà (Paullinia cupana) è abitualmente ingerito dalle persone in Amazzonia ed è un ingrediente chiave in varie bevande energetiche consumate in tutto il mondo. L’estensione della longevità e la bassa prevalenza di malattie croniche legate all’età sono state associate all’assunzione abituale di guaranà. Nel 1817 un ufficiale addetto all’ambasciata francese a Rio Janeiro portò con sé in Francia un frammento di un prodotto che aveva ottenuto da una tribù di indiani (Guaranà) in Brasile, che erano abituati a farne uso, sia come articolo di dieta che come medicamento per i visceri. Questo farmaco, che ha ricevuto il nome di guaranà, è stato portato all’attenzione del mondo medico da Cadet, in una nota pubblicata nel Journal de Pharmacie, Parigi, 1817. Nel 1840 i suoi effetti fisiologici furono portati in primo piano in Francia, dal Dr. Gavrelle. Gavrelle, che era stato il medico di corte di Don Pedro, imperatore del Brasile, dichiarò che durante la sua residenza in quel paese aveva studiato gli effetti del farmaco, e non esitò ad attribuirne proprietà astringenti pienamente uguali alla retania; annunciò anche il suo successo nel trattamento delle affezioni nervose. Il guaranà, che aveva già trovato posto nella Farmacopea del Brasile, entrò gradualmente in uso in Europa. All’Esposizione di Parigi del 1867, campioni di questo farmaco furono esposti da Faria di Para, Brasile, sotto il nome di cioccolato medico. Il guaranà è preparato dai semi di Paullinia sorbilis. Il genere Pawullinia, dal nome di Simon Pauli, comprende una trentina di specie; sono piante rampicanti, appartenenti alla famiglia delle Sapandace e si trovano in climi caldi in tutte le parti del globo. Paullinia Africana è impiegata nel decotto in Senegambia per arrestare il flusso di sangue. Paullinia Asiatica è stata usata come febbrifugo. Paullinia Pinnata fiorisce in Brasile e nelle Antille; i suoi semi hanno un effetto narcotico e sono usati in queste località allo scopo di stordire i pesci. La pianta che fornisce il guaranà fu chiamata Paullinia sorbilis da Teodoro Marzio, in allusione al suo impiego come bevanda. Paullinia sorbilis cresce allo stato selvatico ad un’altezza da trenta a quaranta piedi. La pianta produce frutti nel suo terzo anno. Fiorisce a luglio e il suo frutto è maturo a novembre. Il frutto ha circa le dimensioni di una noce e contiene cinque o sei semi. Ogni stelo produce per coltivazione da otto a dieci chili di semi all’anno, mentre si dice che la pianta stessa viva per quarant’anni. In ottobre o novembre, quando i semi hanno raggiunto la maturità, i nativi li rimuovono dalla loro capsula e li asciugano al sole. Una pelle sottile che copre il seme viene quindi facilmente rimossa, strofinando tra le mani. Vengono poi ridotti in polvere su una pietra piatta, che è stata in qualche modo riscaldata. L’acqua viene aggiunta alla polvere ruvida, insieme a un po ‘di cacao e tapioca, e il tutto viene trasformato in una pasta, in cui a volte vengono introdotti frammenti di semi. La pasta viene arrotolata in una forma cilindrica, essiccata al sole. Questi cilindri avvolti con foglie, che misurano circa 8 pollici di lunghezza, costituiscono la guarana commerciale. Quando preparato dagli indiani, il guaranà ha il colore del cioccolato, ed è ricoperto da una sorta di crosta, prodotta dalla sua esposizione al calore.

In America centrale e meridionale, parti della pianta di guaranà sono usate come veleno per i pesci.

Il primo esame chimico del guaranà fu fatto nel 1826 da Teodoro Marzio, fratello dell’omonimo botanico erudito, che ne estrasse un principio cristallino, al quale attribuiva le proprietà terapeutiche del farmaco, e gli diede il nome di guaranina. Nel 1840 Berthemot e Dechastelus dimostrarono che questo principio cristallino consisteva in tannato di caffeina. Nel 1840 Dechastelus pubblicò (Bulletin de Thérap., 1840) formule per la preparazione delle varie forme farmaceutiche di questo farmaco. Il guaranà è stato utilizzato per effetti stimolanti simili a quelli del caffè e del tè; contiene circa il 3-5% di caffeina rispetto al 2% presente nei chicchi di caffè e al 4% presente nelle foglie di tè. L’erba è stata utilizzata da molte persone e in varie culture. Ad esempio, i francesi hanno reso popolare una bevanda al guaranà durante l’inizio del XIX secolo; altri mescolavano l’erba con l’alcol per produrre una bevanda unica.

Il guaranà (P. cupana), una pianta folta che si trova nella foresta pluviale del bacino amazzonico, viene coltivata utilizzando i suoi semi ricchi di caffeina-polifenolo. Studi clinici hanno riportato le attività chemio-preventive e antimutagene degli estratti di guaranà. Il guaranà è una pianta originaria del Brasile che presenta un effetto benefico sul controllo del peso corporeo e sulle alterazioni metaboliche. Il guaranà è ricco di diversi composti bioattivi come metilxantine (tra cui caffeina, teobromina e teofillina) tannini, saponine, catechine, epicatechine e proantocianine. Il guaranà protegge da protezione contro l’ipertensione, l’obesità e la sindrome metabolica nei volontari sani anziani. Il consumo di guaranà ha a un effetto benefico funzione epatica e renale.

Ha effetto preventivo sulla compromissione della memoria e sull’attività dell’acetilcolinesterasi nelle strutture cerebrali e disturbi cognitivi. La polvere di guaranà riduce il danno epatico causato dall’iperlipidemia. Ha effetti epatoprotettivi e genoprotettivi sul fegato.

Guaranà produce un seme alcaloide e ricco di polifenoli con proprietà antimicrobiche, antiossidanti e antinfiammatorie, dove la caffeina è il composto principale. Ha effetti antiossidanti e preventivi nei disturbi neurodegenerativi, come nel morbo di Parkinson, Alzheimer e Malattia di Huntington (malattia genetica neurodegenerativa che colpisce la coordinazione muscolare e porta a un declino cognitivo e a problemi psichiatrici), protegge vitalità, attività locomotoria, sonno.

Riduce le malattie metaboliche cardiovascolari e ha effetti positivi sul metabolismo lipidico, principalmente correlati ai livelli di lipoproteina a bassa densità (LDL).

Un ottimo rimedio naturale con Guaranà è  Alato 6 , acquistabile direttamente qui   o in farmacia.