Archivio dei tag tosse

DiAlessandra Zarone

Sorbus, varietà e tradizione folclorica

Sorbus, varietà e tradizione folclorica

Sorbus americana Marsh., American mountain Ash

Gli indiani d’America usavano il tè di frutta matura per lo scorbuto, i vermi, un tè a base di corteccia interna o gemme per raffreddori, debilitazione, bolle, diarrea, tonsillite, come purificatore del sangue, stimolante dell’appetito, astringente, tonico.

I frutti di una specie correlata, Sorbus aucuparia sono stati usati in modo simile, per emorroidi, difficoltà urinarie, indigestione.

Sorbus cashmiriana

È un albero che si trova nel Kashmir e nell’Himalaya occidentale, la sua corteccia è usata nella medicina popolare per curare nausea e malattie cardiache. Le bacche di questa pianta sono un rimedio per lo scorbuto.

Sorbus  commixta, distribuita principalmente in Corea, Giappone e Cina ha anche un uso popolare di lunga data. La sua corteccia viene usata per bronchite, asma o tosse, i frutti sono usati come gargarismi per le infezioni della gola o come lassativo, mentre la corteccia del gambo è un agente anti-aterosclerosi ed espettorante. Inoltre, nelle comunità locali nella Corea del Sud, foglie, gambo e frutti sono tradizionalmente usati come decotto o tè nei disturbi del fegato. La gente della provincia di North Jeolla (Corea) raccomanda il o decotto di gambo nell’asma e nella tubercolosi polmonare. I frutti sono indicati nella tosse e nel comune raffreddore.

Oltre a S. commixta, la corteccia di un’altra specie che cresce in Corea, vale a dire S. amurensis, usata in questa regione come espettorante. In Cina, due specie sono state apprezzate come agenti medicinali soprattutto nei disturbi delle vie respiratorie: S. tianschanica è una medicina tradizionale nel trattamento di asma, dispnea, miociti ventricolari e gastrite. Un’altra specie che si trova a crescere spontaneamente nel nord della Cina, S. pohuashanensis, è raccomandata nella tracheite cronica, nell’edema e nella tubercolosi polmonare.

Europa

Sorbus domestica, ha un uso medicinale tradizionale ben documentato nell’area del bacino del Mediterraneo. Questa specie è anche una pianta medicinale popolare della Turchia. Nella provincia di Kırklareli, il decotto di foglie di S. domestica è usato per trattare prostatite, diabete, nefrite , disturbi della cistifellea, diarrea, calcoli renali, colesterolo. Inoltre, il decotto di corteccia è un rimedio per il mal di stomaco o le ulcere e, infine, la frutta fresca viene applicata come agente antidiarroico. In Anatolia centrale, la popolazione beve un tè di foglie di S. domestica per trattare bradiuria e calcoli renali. I frutti sono usati come agenti astringenti, diarroici e antidiabetici dal popolo di Xanthi, mentre in Serbia sono usati come tonico.

Un’altra specie, rimedio naturale molto popolare contro vari disturbi sia in Europa che in Asia è S. aucuparia, comunemente chiamato albero di sorbo. Le bacche rosse sono raccomandate nella medicina popolare per trattare emorroidi, ipertensione, infezioni del tratto respiratorio, reumatismi e gotta. In Lituania (distretto di Kaišiadorys) i preparati delle bacche venivano somministrati per via orale in caso di costipazione e tosse, mentre il decotto di corteccia veniva usato come lavaggio delle ferite. La corteccia di S. aucuparia è stata utilizzata in Estonia per trattare le malattie tumorali.

I preparati fatti dalle foglie dell’albero di sorbo, oltre ad essere indicati nella cura del   cancro, sono stati utilizzati anche in problemi gastrointestinali o prostatite. Infine, le infiorescenze sono state utilizzate come agenti diuretici e antinfiammatori.

Altre due specie di Sorbus, apprezzate nella medicina tradizionale europea, sono S. torminalis e S. aria (whitebeam). In entrambi i casi, le foglie sono utilizzate come medicinale, il decotto ricavato dalla prima specie è tradizionalmente usato in Turchia per curare il diabete o il mal di stomaco, mentre li secondo è usato come agente antidiarroico.

Nord America

La corteccia di S. decora, una specie originaria del Nord America, viene utilizzata per alleviare i sintomi legati al diabete dalle popolazioni Eeyou Istchee Cree del Quebec, in   Canada.

Anche la corteccia di S. americana è un rimedio tradizionale nelle regioni boreali del Canada, dove è raccomandato nel trattamento del diabete e delle sue complicanze. Le bacche ottenute da diverse specie di Sorbus, oltre al loro uso medicinale, sono note per il loro valore nutrizionale che è anche ben documentato. I frutti di S. commixta e S. pohuashanensis sono consumati in Asia come rinfresco o in conserve, il primo è usato per produrre vino di campagna. Le bacche di S. aucuparia sono prodotte commestibili molto popolari soprattutto in Europa. Sono spesso consumati crudi o trasformati in marmellate, vini ecc. I frutti di S. aucuparia, S. intermedia e S. rupicola sono ingredienti del pane in Estonia. Le bacche di S. torminalis e S. intermedia vengono consumate in conserve o crude, dopo fermentazione naturale o conservazione. I frutti di S. aria vengono trasformati in bevande alcoliche, aceto e marmellate. Infine, S. domestica ha valore nutrizionale in Spagna, Erzegovina meridionale e Xanthi.

E un rimedio utile in caso di disturbi della vescica, angina e altri problemi coronarici.

Sorbus aucuparia (Rosaceae) Cenere di montagna orientale . Ha corteccia rossastra, foglie composte, grappoli di piccoli fiori bianchi e grappoli di frutta arrossata-arancia rotonda (bacche). Conosciuto anche come Rowan.

La cenere di montagna cresce nei boschi di tutto l’emisfero settentrionale. Viene anche coltivato come albero ornamentale. Parte usata: frutti. Il frutto contiene tannini, sorbitolo, acidi malico e sorbico, zuccheri e vitamina C. I semi contengono glicosidi cianogenici, che, in una reazione a contatto con l’acqua, producono l’acido prussico estremamente velenoso.

Nelle Highlands scozzesi, si credeva che questo albero fosse un antidoto affidabile alla stregoneria. Gli Highlander lo piantavano vicino alle loro case e i mandriani credevano che proteggesse il loro bestiame potessero proteggerli dalle influenze malvagie. Il frutto è stato a lungo utilizzato per fare conserve e bevande alcoliche.

Azioni e usi medicinali

Rimedio astringente, viene spesso consumato come marmellata o infuso, per trattare la diarrea e le emorroidi. Inoltre, gli infusi possono essere utilizzati come gargarismi per il mal di gola e come lavaggio per trattare le emorroidi e le perdite vaginali eccessive.

Attenzione: Rimuovere i semi tossici prima di utilizzare il frutto come medicinale o alimento.

Un ottimo prodotto, contenente Sorbus, è Alato 32, utile in caso di stasi venosa, varicosità, varici, tromboflebiti, emorroidi. Stasi linfatica arti inferiori. Ulcere varicose. Sensazione di gambe dure, pesanti, gonfie.

E’ disponibile qui ALATO 32 (lafenicesas.it) o in farmacia

DiAlessandra Zarone

Prunus, varietà e tradizione folclorica mondiale

Prunus, varietà e tradizione folclorica mondiale

Prunus spinosa:

Prugna, ciliegia (Rosaceae)

Prunus spinosa (prugnolo) è una pianta con cui si crea lo Sloe gin.

Il gin Sloe è fatto con prugnole mature, che vengono tradizionalmente raccolte dopo il primo gelo dell’inverno (da fine ottobre a inizio novembre nell’emisfero settentrionale). Ogni prugnola è pungente, tradizionalmente con una spina presa dal cespuglio di prugnolo su cui crescono.

Molte specie sono di Prunus sono utilizzate per realizzare prodotti terapeutici, dagli oli emollienti, alla cura della tosse e lassativi.

Le specie cinesi hanno una storia d’uso particolarmente lunga: P. armeniaca e P. mume sono stati menzionati per la prima volta nella letteratura medica e i riferimenti a P. japonica risalgono alla dinastia Han (206 a.C.-23 d.C.). La maggior parte delle proprietà medicinali derivano dalla presenza di amigdalina e prunasina, che si rompono in acqua per formare l’acido cianidrico (cianuro). In piccole quantità, questo composto estremamente velenoso, stimola la respirazione, migliora la digestione e dà un senso di benessere. La benzaldeide, dona il tipico profumo di mandorla, ora sintetizzato come sostituto dell’olio di mandorle amare negli aromi alimentari.

P.africana (ciliegia africana) è diventato più importante dal 1960, quando si è scoperto che contiene un complesso liposolubile ,efficace nel trattamento della ghiandola prostatica. La corteccia è stata a lungo utilizzata dai guaritori tradizionali, ma la recente domanda su larga scala ha portato a gravi carenze, in particolare in Camerun, dove nel 1991 sono state imposte restrizioni sulla rimozione della corteccia. Anche se poco usati oggi, i gambi dei frutti di P. avium (ciliegia selvatica, gean) e varie altre specie sono stati infusi per fare un diuretico e tonico astringente per cistite, edema, diarrea.

Indiani D’America

Ciliegio selvatico (Prunus serotina Ehrh.) “okwe’mînûn” [ciliegia grub-worm]. I Potawatomi usano questa ciliegia per il cibo, e la mettono nel vino o whisky.

P. serotina è stato elencato per la prima volta nella Farmacopea degli Stati Uniti nel 1820 come sedativo e anti-tussivo. Era usato dal popolo Cherokee per alleviare i dolori del travaglio.

Bird cherry (Prunus pennsylvanica L. f.), “simine’son di wîga” [ciliegie di betulla]. Non è difficile capire perché i Potawatomi della foresta chiamino questa ciliegia la ciliegia di betulla, per la somiglianza con la corteccia di betulla. Molto spesso, quando le donne Potawatomi lavorano in vimini tengono una scorta di rami di questa ciliegia sul terreno vicino a loro e mangiano mentre lavorano.

Un ottimo prodotto contenente Prunus spinosa è Alato 30, disponibile qui  ALATO 30 (lafenicesas.it) o in farmacia.

Alato 30 è indicato per debilitazione psico-fisica, stati depressivi, astenia sessuale, difficoltà di concentrazione e perdita di memoria.

DiAlessandra Zarone

Prunus armeniaca nella tradizione mondiale

Prunus armeniaca nella tradizione mondiale

 

Prunus Armeniaca (Rosaceae)

Originaria della Cina e del Giappone, l’albicocca è ora coltivata in Asia, Nord Africa e California. Il frutto viene raccolto a maturità a fine estate. Proviene originariamente dall’Asia centrale ed è stato coltivato per la prima volta in Cina oltre quattro mila anni fa. Per molti anni si è creduto che l’addomesticamento dell’albicocca avesse luogo in Armenia – da qui il suo nome. Dalla Cina, si diffuse in Asia meridionale e occidentale, Australia meridionale, Europa e Nord Africa. In India, è coltivato principalmente nella regione delle colline nord-occidentali, Jammu e Kashmir, Himachal Pradesh, Uttarakhand e anche nella regione delle colline nord-orientali che comprende lo stato di Arunachal Pradesh, Nagaland, Meghalaya, Sikkim e Manipur. L’albicocca coltivata ha la sua origine nella Cina nord-orientale, mentre l’albicocca selvatica sembra essere indigena dell’India.

In India e Cina, l’albicocca è apprezzata da oltre 2.000 anni.

Il nocciolo di albicocca è stato prescritto nella Medicina Tradizionale Cinese per le sue funzioni antitosse, espettoranti e lassative, ed è usato nel trattamento di edemi e dermatofitosi.

Usi medicinali folclorici nel mondo

L’albicocca e il suo nocciolo sono stati utilizzati nella medicina popolare come rimedio per varie malattie.

Il frutto dell’albicocca è nutriente, purificante e leggermente lassativo. Un decotto della corteccia astringente lenisce le condizioni della pelle infiammate e irritate. Sebbene i semi contengano acido prussico altamente tossico, sono prescritti in piccole quantità in Cina come trattamento per tosse, asma e respiro sibilante, e per l’eccessiva produzione di muco e costipazione.

È usato in medicina popolare nel trattamento delle malattie della pelle.

Le albicocche sono coltivate per il frutto, consumate fresche fuori mano, o essiccate, trasformate in conserve o bevande alcoliche. I noccioli producono un olio commestibile dolce a volte usato come sostituto dell’olio di mandorle. Le mandorle cinesi sono i semi di diverse varietà dolci di albicocca, utilizzati per i biscotti alle mandorle, mangiati salati e sbollentati, o fatti di pappa o farina.

Gli Afghani usano anche i semi come mandorle. Il nocciolo di albicocca amara è altamente tossico a causa dell’acido prussico presente. L’olio espresso, noto come olio persico o olio di albicocca, viene utilizzato come veicolo farmaceutico; è ottenuto con lo stesso processo dell’olio di mandorle amare.

Nella medicina folclorica è considerato anti tosse, afrodisiaco, cianogenetico, demulcente, emolliente, espettorante, preventivo, sedativo, tomo, vermifugo, vulnerario, l’albicocca è un elemento nelle medicine popolari per anemia, asma, bronchite, catarro, raffreddore, costipazione, tosse, occhi, fertilità femminile, febbre, cuore, emorragia, infiammazione, laringite, puerperio, reumatismi, spasmo, gonfiori, sete e tumori.

In Turchia, l’albicocca viene coltivata principalmente a Malatya ed Erzincan dove il clima permette una produzione economica. L’albicocca è stata usata nella medicina popolare come rimedio per varie malattie. Un decotto della corteccia della pianta ha funzionato come un astringente per lenire la pelle irritata. Altri usi nella medicina popolare includono il trattamento di emorragie, infertilità, infiammazione degli occhi e spasmo. La pasta di nocciolo di albicocca può guarire le infezioni vaginali. L’olio di nocciolo è stato utilizzato in cosmetica e come agente farmaceutico (lassativo ed espettorante). In quantità molto piccole, l’acido cianidrico tossico presente nei chicchi di albicocca amara è stato prescritto per l’asma, la tosse e la stitichezza.

Si dice che il frutto sia un rimedio popolare per il cancro. In medicina, una pasta, ottenuta schiacciando il nocciolo, viene utilizzata per l’infiammazione degli occhi ed è considerata antispasmodica, demulcente, pettorale, sedativa, vulneraria e antielmintica.

In Cina, Zenzero e liquirizia, combinati con i noccioli di albicocca, creano un rimedio per la tosse. Un altro intruglio prodotto dalla fermentazione è usato come e tonico. Il decotto di noccioli, trasformati in una bevanda viene utilizzato per tosse, asma e disturbi catarrali. Il succo è usato per le emorragie. Nella medicina cinese, il frutto della mandorla amara è utile nelle malattie cardiache.

In Corea, il nocciolo espettorante è usato per trattare la gola secca. L’Olio di nocciolo è usato per problemi della pelle e parassitosi.

Asia

I frutti sono mangiati dai bambini e dalla popolazione locale. Il frutto viene consumato sia in forma fresca che disidratata. Il nocciolo viene utilizzato sotto forma di olio. L’olio viene utilizzato per il massaggio dalla popolazione locale. Il frutto è di colore arancio giallastro. Il frutto matura nel mese di giugno-luglio. I frutti sono di solito leggermente amari e dal sapore acido. L’albicocca è stata usata nella medicina popolare come rimedio per varie malattie. La corteccia è usata come astringente per lenire la pelle irritata. L’olio di albicocca viene utilizzato in cosmetica per proteggere la pelle dalle radiazioni UV e come agente farmaceutico (lassativo ed espettorante).

L’olio del nocciolo è commestibile, cura asma, costipazione e tosse.

I frutti sono ampiamente usati come medicina popolare soprattutto in Cina e Giappone. È spesso usato come antiasmatico, anti-anameico, anticancro, cura disturbi dello stomaco e dell’intestino, consente un rapido recupero da affaticamento, tosse e diarrea.

L’albicocca selvatica, localmente chiamata Chullu si trova nelle regioni temperate secche dell’Himalaya nord-occidentale, in particolare nelle valli del Jammu, Kashmir, Ladakh, Chenab, nelle nelle regioni Kullu e Shimla e nelle colline Garhwal di Uttrakhand ad altitudini fino a 3000 m. L’olio è usato nella medicina popolare per un certo numero di malattie. La corteccia è usata come astringente per la pelle. La pasta di nocciolo viene utilizzata per guarire le infezioni vaginali e il suo olio viene utilizzato nei cosmetici per proteggere la pelle dalle radiazioni UV. I frutti selvatici sono ampiamente consumati nell’Himalaya rurale e sono potenziali fonti di vari composti e sono anche usati nelle medicine popolari. È stato condotto uno studio sui frutti selvatici commestibili della valle di Pabbar con l’obiettivo di documentare, identificare ed esplorare le conoscenze etnobotaniche della popolazione locale.

I noccioli servono per fare un usato per il massaggio del corpo, tonico per capelli, nei reumatismi e per cucinare. I noccioli sono utilizzati per vari scopi come cosmetici, oli, carbone attivo, profumo, antipasto e anche nei prodotti da forno.

 

Studi cinesi di ricerca dimostrano che la pasta di semi di albicocca aiuta a combattere l’infezione vaginale.

India

L’albicocca selvatica (Prunus armeniaca L.) comunemente nota come ‘khubani‘ è un potenziale frutto ampiamente distribuito nelle regioni himalayane nord-occidentali dell’India.

Viene coltivata anche nel distretto di Almora, Pithoragarh e Nainital di Uttarakhand. Il frutto è una ricca fonte di fibre e ha anche attività antispasmodiche, antitosse, sedative e antinfiammatorie.

Prunus armeniaca L. è la pianta, che è comunemente usata in Ayurveda come anti-diarrea, antipiretica, lassativa, carminativa ed espettorante.

Europa

Nella medicina popolare europea, il consumo di albicocca cura la  litiasi biliare.

L’amigdalina viene utilizzata in diverse malattie come l’asma, il diabete, la bronchite. La pasta di nocciolo di albicocca è un rimedio usato nelle infezioni vaginali. Una sostanza abrasiva per la pulizia della pelle è creata utilizzando noccioli di albicocca. In alcuni paesi, i noccioli di albicocca sono stati utilizzati anche per produrre marzapane. Il nocciolo di albicocca è utilizzato nei prodotti da forno, sia intero che nella forma macinata. Inoltre, è utilizzato come antipasto.

 

Cosa contiene

Il frutto dell’albicocca è un’ottima fonte di vitamine ha proprietà antianemiche e astringenti. L’albicocca e il suo nocciolo hanno molte azioni farmacologiche come anti-invecchiamento, anti-aterosclerosi, attività anti-angina e antiossidante. È usato come agente cardiaco, epatico e reno protettivo. Contiene polifenoli, carotenoidi con noti effetti biologici, tra cui la protezione del fegato e del cuore, in quanto antiossidante e antinfiammatorio, e minerali come Zn, Ca, Cu, Fe, Mg, Na, Mn, P e K, K, Se.

Contiene carboidrati, acido ascorbico, β-carotene, niacina e tiamina, acidi organici, terpenici.

Diversi studi hanno correlato il colore con il pigmento di diversi frutti e verdure solitamente correlati alla presenza di composti polifenoli e carotenoidi riconosciuti come composti bioattivi ad alta attività antiossidante: l’importanza del contenuto di carotenoidi nell’albicocca.

L’arginina e la leucina sono il principale aminoacido essenziale, mentre l’acido glutammico è il principale amminoacido non essenziale riportato nel nocciolo di albicocca. Alcuni studi hanno trovato un’elevata attività antiossidante nell’olio dei noccioli di albicocca dolce, rispetto a quelli amari. I noccioli di albicocca contengono il 27,7 – 66,7% di olio, la maggior parte apportata dall’acido grasso insaturo (91,5 – 91,8%).

Comprende i seguenti acidi grassi: palmitico, palmitoleico, stearico, oleico, linoleico e linolenico che viene utilizzato nelle industrie farmaceutiche, spuntini e prodotti cosmetici.

I noccioli di albicocca sono anche costituiti da vitamina B1 (tiamina), vitamina B2 (riboflavina), vitamina B3 (niacina), vitamina C (acido ascorbico) e vitamina E (tocoferolo)

  

Olio di nocciolo di albicocca e studi scientifici

 Il principale ingrediente è l’amigdalina (che ha proprietà anti tosse e antiasmatiche. L’amigdalina (vitamina B-17) è la vitamina presente naturalmente nei semi dei frutti della famiglia Prunus Rosacea, tra cui albicocca, mandorla amara, ciliegia e pesca.

E’ un agente anticancro che può essere utilizzato per il trattamento del carcinoma epatocellulare. Il potere curativo dell’amigdalina aumenta significativamente con l’aggiunta di zinco.

 In uno studio, sono stati analizzati gli effetti cito/genotossici dell’estratto etanolico di albicocca amara e dell’amigdalina sul cancro al pancreas umano.

Recentemente, è stato riferito che l’amigdalina può uccidere selettivamente le cellule tumorali nel sito tumorale senza tossicità sistemica.

L’effetto antitumorale dell’amigdalina è efficace nel cancro al seno, della cervice, colon, leucemia e tumore della vescica.

Il National Cancer Registry of South Africa ha registrato che il cancro del colon-retto è uno dei primi dieci tumori più comuni sia negli uomini che nelle donne. Circa 1 persona su 17, di età superiore ai 50 anni, sviluppa il cancro al colon nel corso della vita. Il cancro al colon dipende dalla nutrizione, il consumo di alcol rappresenta il maggior fattore di rischio, seguito da una dieta ricca di grassi, scarsa assunzione di fibre alimentari, obesità, fumo e mancanza di esercizio fisico. L’assunzione giornaliera può rendere questi noccioli un agente chemio preventivo vitale.

Gli effetti dell’olio alimentare di nocciolo di albicocca, che contiene alti livelli di acidi oleici e linoleici e livelli inferiori di α-tocoferolo, sono caratterizzati da una riduzione dello stress ossidativo e dall’inibizione della degenerazione degli organi.

I ricercatori hanno osservato che il nocciolo di albicocca contiene composti fenolici cioè epigallocatechina, acido caffeico, quercetina:

  • L’epigallocatechina ha proprietà antiossidanti ed è associata alla prevenzione del cancro, del diabete, della carie, dell’obesità, delle malattie virali e delle malattie cardiovascolari nell’uomo.
  • L’acido caffeico è noto per la sua attività antiossidante e antibatterica, è utile nella prevenzione dell’invecchiamento precoce, delle malattie della pelle e delle malattie cardiovascolari come l’aterosclerosi.
  • La quercetina mostra numerose proprietà antinfiammatorie, antimicrobiche, antidiabetiche, antiossidanti, anti-Alzheimer e antiartritiche.

 

L’albicocca riduce il rischio di malattie cardiovascolari nell’uomo, previene il cancro alla prostata e ai polmoni.

Una combinazione dil nocciolo di albicocca ed estratto di frutta ha mostrato la completa dissoluzione dei calcoli biliari di colesterolo in quattro settimane di trattamento.

Un estratto dei semi, il laetrile, è stato usato nella medicina occidentale come trattamento controverso (e illegale negli Stati Uniti) per il cancro. I semi producono anche un olio fisso, simile all’olio di mandorle (da P. amygdalus), che viene spesso utilizzato nella formulazione di cosmetici

 

Un ottimo prodotto contenente olio di Albicocca è Alato 23, disponibile qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Spirea ulmaria

Erbe depurative ed etnobotanica

Spirea ulmaria

I fiori di Meadowsweet (Filipendula ulmaria (L.) Maxim.) e Dropwort (Filipendula vulgaris Moench) sono tradizionalmente usati per trattare vari disturbi, comprese le condizioni infiammatorie. Filipendula ulmaria (L.) Maxim (meadowsweet) è una pianta medicinale che si dice abbia diverse attività biologiche, tra cui proprietà antitumorali, anticancerogene, antiossidanti, anticoagulanti, anti-ulcerogene, antimicrobiche, antiartritiche e immunomodulatorie.

Tradizionalmente, è stata usata per la dispepsia atonica con bruciore di stomaco e iperacidità, cistite catarrale acuta, dolori articolari, diarrea nei bambini, e in particolare per la profilassi e trattamento dell’ulcera peptica. Nella medicina popolare  è usato come diuretico, per i reumatismi delle articolazioni e dei muscoli, per la gotta per le malattie della vescica e dei reni e per il mal di testa. L’erba Meadowsweet viene utilizzata per i disturbi di stomaco con iperacidità, profilassi e terapia delle ulcere gastriche e per la diarrea nei bambini.

Filipendula ulmaria (L.) Maxim (Meadowsweet) è una pianta medicinale usata nella medicina popolare per trattare diverse malattie infiammatorie, tra cui gotta, artrite reumatoide, trattamento tosse, bronchite, febbre, ulcere e raffreddori. L’uso della corteccia e delle foglie di salice per alleviare la febbre è stato attribuito a Ippocrate, ma è stato documentato più chiaramente da Edmund Stone in una lettera del 1763 al presidente della Royal Society. Proprietà simili sono state attribuite a Meadowsweet (Spiraea ulmaria), da cui deriva il nome Aspirina.

Un ottimo rimedio contenente Spirea ulmaria è Alato 7, disponibile in farmacia o qui

 

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Betulla

Erbe depurative ed etnobotanica

Betulla  

Betulaalba Linn. (famiglia: Betulaceae), è un albero che cresce fino a circa 30 m di altezza. In India è conosciuta come la “Signora dei Boschi” derivata dalla parola sanscrita Bhurga, “un albero la cui corteccia è usata per scrivere”. È notevole per la sua leggerezza, grazia ed eleganza e dopo la pioggia ha un odore fragrante. Betula deriva dal latino Beatus (beato). Più di 140 specie di Betula sono conosciute nel mondo. La specie più comune in Kazakistan è Betula pendula Roth. (BPR). Conosciuta anche come la betulla bianca europea o betulla argentata, cresce principalmente nella parte settentrionale del paese. Le specie di betulla sono state utilizzate fin dall’antichità nella medicina popolare e tradizionale in varie forme. Gli ampi dati riguardanti l’applicazione della BPR in medicina, così come l’ampia disponibilità in buona quantità hanno attirato l’attenzione degli scienziati di tutto il mondo. I boccioli di betulla (Gemmae Betulae) sono ampiamente usati come diuretici e colagoghi come antisettico e agente cicatrizzante delle ferite. La tintura delle foglie (Folium betulae) è comunemente usata per il trattamento dell’anemia, delle malattie cardiovascolari e renali. La linfa della betula (Succus Betulae) aiuta nel trattamento delle malattie renali e del tratto urinario, delle malattie della pelle, dei reumatismi e della gotta e fondamentale nella purificazione del corpo. Il succo di betulla viene estratto all’inizio della primavera dal tronco di betulla e grazie alle sue proprietà naturali è eccezionale nella rimozione di sostanze tossiche dal corpo, ha anche un’elevata attività antimicrobica, antiflogistica e antipiretica. Oleum Betulae empyreumaticum rectificatum è l’olio ottenuto dalla distillazione secca della corteccia, viene utilizzato principalmente come rimedio esterno nelle malattie cutanee.

Polonia:

Betulla (Betula verrucosa) L’antico nome polacco “brzezie” appare nei manoscritti farmaceutico-medicali del Medievale, principalmente del XV secolo. Non ci sono nomi di betulla negli erbari rinascimentali stampati in polacco. La betulla era utilizzata in rituali magici, per proteggere i cavalli e il bestiame dalla stregoneria.

In Polonia le scope venivano prodotte dai suoi vecchi rami e il catrame di legno era ottenuto dalla sua corteccia. Il succo di betulla è stato usato in medicina per trattare lo scorbuto e la tubercolosi.

La Betulla è indicata nella depurazione naturale primaverile. Il nome Betulla ha derivazioni celtiche o latine e significa “verga”. È una pianta di importanza notevole, definita nel Rinascimento “Albero nefritico d’Europa”. Dal succo di betulla si può ottenere alcol, fare birra, aceto, spumante e sciroppo.

Nel giorno del Corpus Domini gli altari sono decorati con rami di betulla. I fedeli nei villaggi portano questi rami nelle loro case per metterli sul tetto o alle pareti della casa, in modo che siano protetti da tempeste, grandine e vermi. I rami verdi erano considerati di buon auspicio per la casa. Un ramo sul cappello o sui vestiti garantiva il successo, se qualcuno soffriva di epilessia, durante l’attacco della malattia la sua testa era legata con rami. Nella zona di Nałęczów le persone informavano della morte di qualcuno portando rami di betulla intrecciati a forma di ghirlanda. Era permesso entrare con questo ramo nei dintorni della casa, per mostrarlo attraverso la finestra, ma non per portarlo in casa, perché poteva attirare qualcuno vivo nella tomba. Spesso nelle tombe dei soldati o nei luoghi di incidenti stradali venivano collocate croci di betulla.

Fin dall’antichità, la betulla (Betula verrucosa) è nota per le sue proprietà terapeutiche di cui si utilizzano principalmente le foglie e la linfa. Gli estratti delle foglie contengono elevate quantità di fenoli, flavonoidi, acido ascorbico, composti triterpenici e tannini. Nella medicina popolare, l’infuso di foglie di betulla è utilizzato come antimicrobico, antinfiammatorio e protezione cardiovascolare.

La betulla dell’Himalaya (Betula utilis D. Don), popolarmente conosciuta come Bhojpatra nel subcontinente indiano, è una delle specie arboree più importanti in tutta la parte alta dell’Himalaya. Appartiene alla famiglia delle Betulaceae.

Betula utilis è stata identificata per molteplici importanze etnobotaniche da diverse comunità etniche e non etniche che vivono in Himalaya e altrove, per curare catarro e tosse, in infuso, polvere, pasta e decotto. La sua corteccia contiene betulina e altri oli essenziali che possiedono proprietà medicinali. La corteccia del gambo è usata per stipsi, pulizia delle ferite e lebbra in quanto ha proprietà astringenti. È anche usata nell’obesità. La corteccia, la foglia e la resina sono utilizzate nei reumatismi, nelle fratture ossee, nei dolori articolari, nei gonfiori, nell’asma e nella purificazione del sangue. La sua resina è usata come contraccettivo e trattamento di ustioni e ferite esterne. La resina viene applicata anche sulle bolle. È considerata utile per il trattamento dei disturbi psicologici, per follia, epilessia e isteria. La corteccia è usata per trattare l’ittero, mal d’orecchi, disturbi renali e vescica, costipazione, tosse e come tonico. L’infuso di corteccia è usato per alleviare la flatulenza, per il trattamento di animali domestici: viene ridotta in cenere e la sua pasta viene applicata sui tagli profondi e sulle ferite degli animali. La convalida scientifica degli usi tradizionali di Betula utilis rivela che contiene un agente antinfettivo battericida. L’epiteto utilis si riferisce al numero di usi di questa importante specie arborea. Betula utilizza essendo considerato sacro dagli indù è usato in vari rituali religiosi. La corteccia esterna di questa specie è in uso da tempo immemorabile per scrivere scritture e testi, specialmente in sanscrito, per scrivere mantra. In previsione di proteggere qualcuno, specialmente i bambini, da tutte le disgrazie e ricevere benedizioni, viene indossato un amuleto contenente corteccia di Betula utilis scarabocchiata con mantra. Questo amuleto è indossato intorno al collo o legato intorno al braccio. È anche usata nella realizzazione di diversi talismani vedici, chiamati yantra. La raccolta di corteccia cartacea per fare tali yantra è compiuta in un giorno e in un momento specifici in considerazione di specifici Nakshatra (palazzo lunare nell’astrologia indù). Si ritiene inoltre che questo yantra fornisca una vita di prosperità. Il legno di Betula è usato in havan (un rituale inn cui vengono bruciate offerte come cereali e ghee in occasione di nascite, matrimoni e altri eventi religiosi).

Betulla e Sciamanesimo Siberiano:

La betulla (Betula alba) è considerata fra gli sciamani siberiani l’Albero cosmico.  Sono probabilmente il colore bianco-argenteo del tronco, l’aerea luminosità e anche la resistenza al freddo, che le consente di giungere sino al limitare della tundra, ad aver evocato questo simbolo.

Folklore celtico:

La betulla era considerata dai Celti l’albero preposto al mese che cominciava col solstizio d’inverno: dunque, un albero “aurorale”, il primo nella foresta nordica a mettere le foglie insieme con il sambuco. Per questo motivo nei riti contadini si adoperavano verghe di betulla per scacciare lo spirito del vecchio anno.

Russia:

Le forme di preparazione dei rimedi variano: succo, acqua e decotto di latte, vapore, estratto, tintura, unguento, polvere, fumigazione, piante fresche. I decotti d’acqua vengono preparati facendo bollire le foglie, raffreddando e filtrando. I decotti di latte sono preparati in modo simile, ma usati mentre sono caldi. Per preparare l’estratto si versa acqua bollente su foglie e corteccia, si tiene coperto per mezz’ora e più. I vapori sono fatti mantenendo acqua e miscela di pianta essiccata in un recipiente ermeticamente chiuso, nel forno per non meno di 3-4 ore o durante la notte. Per gli impacchi, la pianta secca viene riscaldata in acqua calda, latte o burro. Le tinture di pianta fresca utilizzano la vodka e vengono conservate in un luogo caldo per 5-7 giorni. Per gli unguenti si utilizza grasso adiposo di animale selvatico (tasso, orso, cane procione), ma è possibile utilizzare lo strutto di maiale. La linfa di betulla era usata come bevanda fresca, ma anche come ingrediente per alimenti e bevande. Veniva fermentata per produrre alcolici leggeri. Altri usi popolari della linfa degli alberi variano dalla nutrizione sotto forma di zucchero, minerali e vitamine, alle applicazioni cosmetiche per la pelle e i capelli e all’uso medicinale popolare. Russia, Ucraina, Bielorussia, Estonia, Lettonia e Lituania sono gli unici paesi in cui la raccolta e l’uso della linfa (principalmente linfa di betulla) è rimasta un’attività importante fino a poco tempo fa, a causa dell’esistenza di grandi foreste di betulla e della bassa densità di popolazione.

Danimarca

La spillatura della linfa di betulla ha una lunga tradizione in Danimarca. È menzionata dal botanico Simon Paulli nel 1648. Autori successivi scrivono che è stato usata non solo come bevanda, ma anche come birra, aggiungendo lievito e malto. La linfa di betulla è stata utilizzata anche per scopi medicinali, fu inclusa nella “farmacopea danese” nel 1772: era raccomandata contro l’epatite, l’eruzione cutanea, i vermi intestinali e lo scorbuto. Era aggiunta al formaggio per proteggerlo dai parassiti e usata come cibo di emergenza in tempi di carestia, per la preparazione del pane. Nel “libro di Flatey”,”Flateyjarbók”, completato nel 1394, c’è una descrizione di come il re Sverre e i suoi uomini trascorsero due notti nel deserto e, non avendo cibo, si nutrirono di linfa di betulla.

Norvegia

Lo scrittore norvegese Peder Claussøn Friis descrisse nel 1590 da Finnmark che la linfa veniva sfruttata e utilizzata da pastori e boscaioli. Ci sono molte descrizioni nella letteratura topografica del XVIII e XVIX ° secolo sull’uso della linfa di betulla utilizzata come cibo in varie parti della Norvegia.

Svezia

La spillatura della linfa dalla betulla in primavera era molto comune. Il cartografo Olaus Magnus fece una breve nota nel 1555 in cui scrisse che gli scandinavi picchiettavano la betulla per la linfa e la utilizzavano come bevanda fresca. È anche menzionata in un manuale medicinale del 1578.  Secondo una traduzione svedese della “Magia naturalis” di Wolfgangi Hildebrand del 1654, un po ‘di succo di betulla dovrebbe essere aggiunto al formaggio per proteggerlo dai vermi. In alcune parti della Svezia era considerata cibo per la carestia in primavera. Lo storico Pehr Arvid Säve scrive che i poveri dell’isola di Gotland erano soliti raccogliere la linfa di betulla e usarla come bevanda.  La linfa di betulla è stata utilizzata anche tra i Saami in Svezia, in particolare tra i Saami della foresta di Västerbotten. I Saami usavano anche la linfa e la corteccia interna del pino (Pinus sylvestris L.) e dell’abete rosso [Picea abies (L.) Karst.], in particolare il primo.  Veniva raccolta all’inizio della primavera ed essiccata sotto forma di farina che veniva poi mangiata con latte e grassi.

Il vino di betulla è menzionato in diversi testi del XVIII e XVIX ° secolo. Il vino dalla linfa di betulla è oggi prodotto da alcuni produttori domestici, ma anche da piccole aziende che creano prodotti locali e cibo gastronomico. Il più famoso è il “Grythyttan Björkvin”, un vino frizzante di betulla piuttosto costoso, sviluppato da un’antica ricetta del 1785.

Scozia e Inghilterra

La linfa degli alberi di Betulla è stata raccolta anche in Scozia. Fra le diverse specie utilizzate, vi è la  B. pendula. La linfa era come bevanda fresca, e talvolta trasformata in vino. La medicina popolare scozzese utilizzava betulla per prevenire la calvizie.

Si dice che la regina Vittoria abbia bevuto grandi quantità di linfa di betulla quando era al castello di Balmoral, al fine di fermare il diradamento dei suoi capelli. Nelle Highlands scozzesi la linfa di cenere veniva data ai neonati come primo nutrimento e in Irlanda e Inghilterra per curare il mal d’orecchi.   Le betulle furono sfruttate nelle Highlands fino alla fine del 1940, la linfa veniva bollita per fare una carne dolce. Abbiamo anche alcune note provenienti da varie parti dell’Inghilterra dove veniva spillata la linfa di betulla, ad esempio dal Montgomeryshire, dall’Hampshire e dallo Yorkshire. Gli alberi erano sfruttati a febbraio o all’inizio di marzo.    Nel Lincolnshire e nelle Highlands il vino di linfa di betulla veniva prodotto e usato come tonico e per il trattamento dei reumatismi.

Repubblica Ceca

Il mese di marzo è chiamato in ceco “březen” “il mese delle betulle”. La linfa di betulla, acero e faggio (Fagus sylvatica L.) è descritta dalla Foresta Boema. La migliore linfa proveniva dalla betulla. In alcune zone della Boemia le ragazze e i ragazzi si riunivano il 23 marzo per toccare la linfa di betulla.   Il mese di marzo era celebrato mangiando cibo e ballando intorno a una betulla. Le ragazze consumavano la linfa di betulla per essere sane e, da adulte, fertili. Le persone disabili si recavano in segreto presso una betulla il primo giorno di marzo per tagliare la corteccia e mettere un pezzo di lino con una goccia di sangue nell’incisione. Se la corteccia si fosse unita alla stoffa, la menomazione sarebbe guarita. Si presumeva anche che la linfa raccolta in quel giorno avesse potere curativo: veniva bevuta per buona salute e contro l’infertilità.

Germania

La linfa di betulla è stata usata come medicina tra i tedeschi, specialmente contro le malattie polmonari e la gotta. Il medico Hieronomys Bock descrive, nel suo “Kreuterbuch” (1551), il suo uso medicinale. Nel 1880 la linfa di betulla veniva ancora raccolta nei monti Harz e nella Selva di Turingia.

Polonia

L’uso della linfa di betulla (principalmente da B. pendula, più raramente da B. pubescens) era diffuso nel XIX secolo. Di solito veniva bevuta fresca, praticando un foro e facendo un piccolo trogolo o tubo dal legno, o rompendo un ramo. A metà del XX secolo questo uso era obsoleto nella maggior parte della Polonia o praticato principalmente come intrattenimento primaverile per ragazzi. L’uso della linfa di betulla era più intenso e diffuso nelle parti orientali del paese, ad esempio le regioni di Podlasie e Mazovia.. La lavorazione della linfa di betulla è stata documentata in alcune regioni a cavallo tra il XIX e il XX secolo. Ad esempio, nella foresta di Kozienice (Polonia centrale), veniva bollita con farina di segale e latte. Nella regione di Kurpie (Polonia nord-orientale) lo sciroppo di betulla è stato prodotto facendo bollire l’acqua dalla linfa e utilizzato come dolcificante alimentare.

Romania

In Transilvania la linfa di B. pendula era conosciuta come “virics”,”acqua di betulla”. È stata estratta con vari metodi dal XVIII al XX secolo. Il tronco d’albero veniva tagliato con un’ascia o un coltello a varie altezze e direzioni, oppure forato. Quando la medicina popolare locale era ancora praticata in Transilvania, la linfa di betulla veniva venduta in barili nei mercati locali della città e conservata nelle cantine prima dell’uso. Virics è stata usata contro l’ittero, per rimuovere i calcoli renali e coagulare il latte durante la produzione di formaggio come trattamento contro il raffreddore, i disturbi oculari e come diuretico, ma anche contro costipazione, gozzo, mal di testa e polmonite. Miscelata con olio guariva le ferite. Tra le applicazioni esterne, il lavaggio di nei e macchie solari, come colorazione e balsamo dei capelli. Inoltre, la linfa di betulla è stata consumata in primavera come bevanda dissetante e fermentata o bollita per fare vino, birra, sciroppo o aceto. Questi prodotti sono stati realizzati in edifici speciali noti come “case di acqua di betulla” tra gli Szekély di lingua ungherese.

Nell’antica Roma, durante la cerimonia d’insediamento dei consoli che si svolgeva in quel periodo, i dodici littori reggevano i fasci che, formati da verghe di questa pianta, erano gli emblemi del potere coercitivo dei magistrati romani.

Nel Medioevo venne considerato, forse sulla scia di arcaiche tradizioni celtiche, simbolo di saggezza. Tant’è vero che la bacchetta dei maestri di scuola era costituita da ramoscelli di betulla intrecciati.

La sua corteccia è diuretica e febbrifuga, guarisce le infiammazioni della pelle e stimola la digestione; le gemme attivano la secrezione biliare; le foglie fresche preservano dalla gotta; la linfa raccolta in primavera (detta anche «acqua o sangue di betulla») cura le problematiche dell’apparato osteo-articolare e delle vie urinarie favorendo l’eliminazione dell’acido urico. Una volta se ne estraeva persino un dolcificante e un vino dolce e frizzante.

Nel XVI secolo, Mattioli, umanista, medico e botanico nato nel 1500, affermò che la Betulla ha grandi proprietà e virtù di rompere i sassi di reni e vescica. La tradizione popolare usava distendere sulle foglie seccate al forno bambini debilitati per ridare loro vigore.

Un ottimo rimedio contenente Betulla è Alato 7, disponibile in farmacia o qui 

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Papavero

Sedativi nervosi ed etnobotanica : Papavero

Papavero 

Le fonti più antiche sul papavero da oppio e sull’oppio sono costituite dalle tavolette cuneiformi sumere. I Sumeri che regnarono nel 5000 a.C. in Mesopotamia usavano parole per definire “oppio” e rilievi assiri raffiguravano papaveri da oppio. È noto che il papavero da oppio fu coltivato dai Sumeri nel 3300 a.C. I Sumeri la chiamavano “la pianta della gioia”. Gli Ittiti (2000 a.C.) coltivavano papavero da oppio in Anatolia.

Gli Ittiti lo chiamarono “Hassikka” e si ritiene che questo sia un prenome dell’odierno haşhaş in turco. Inoltre, lo stesso nome si riferisce anche a “dormire” e “tranquillizzare” in lingua ittita. Tra i tanti pani degli Ittiti esiste un pane con miele e semi di papavero.  Una moneta della città, coniata nel 330 a.C. dai Romani a Şuhut, in Turchia, raffigura un frutto di grano e papavero. Inoltre, una dea della città che tiene un mazzo di papavero da oppio, è raffigurata nelle monete Emirdağ e Şuhut . Dioscoride di Anazarba (Kozan, Adana) descrive la coltivazione del papavero da oppio e la produzione di oppio nella sua Materia Medica stampata nel 1° secolo  d.C. Il papavero da oppio è anche considerato una delle piante più antiche d’Europa. I dati archeologici rivelano che il papavero da oppio è stato coltivato e utilizzato nell’Europa occidentale e centrale dal 4600 al 3800 a.C.

Turchia:

Papaver rhoeas L. (Papaveraceae) – papavero rosso o papavero di mais chiamato anche ‘gelincik‘ in Turchia – è una specie annuale della sezione Rhoeadium Kadereit. La specie è ampiamente distribuita in Turchia e utilizzata per il trattamento di varie malattie della medicina popolare in forma di  sciroppo per la tosse dei bambini, come infuso per l’insonnia, sedativo e per alleviare il dolore. Le parti aeree fresche sono anche utilizzate come cibo principalmente nel sud-ovest della Turchia . I fiori di papavero sono utilizzati anche come fonte di coloranti alimentari e per esaltare il sapore delle tisane.

In Turchia, sono stati studiati cinque rimedi erboristici utilizzati come farmaci gastroprotettivi per la loro attività anti-ulcerogenica. I rimedi erboristici studiati comprendono frutti di Elaeagnus angustifolia L. (Elaeagnaceae), frutti freschi di Hibiscus esculentus L. (Malvaceae), radici fresche di Papaver rhoeas L. (Papaveraceae), foglie di Phlomis grandiflora H.S. Thomson (Lamiaceae) e frutti freschi di Rosa canina L. (Rosaceae). Gli estratti sono stati preparati secondo le tradizionali indicazioni d’uso. Papaver somniferum significa “portatore di sonno”, ma il papavero da oppio non è meno sociale del papavero di mais. Anch’ esso “cerca la compagnia delle persone”, che prosperano sulla terra agitata, riapparendo anno dopo anno. Le somiglianze, tuttavia, finiscono qui. Il papavero da oppio è più robusto, è alto un metro o più e appare in tonalità variegate, anche se il bianco, il rosa e il viola sono i più comuni. La sua capsula trasporta una resina carica di alcaloidi, di cui morfina, tebaina e codeina sono le più potenti. Il metodo tradizionale di raccolta è quello di segnare la capsula immatura in modo che la linfa fuoriesca e si essicchi sulla superficie esterna del baccello. La resina indurita appiccicosa viene quindi raschiata via e raccolta per l’uso. Il papavero da oppio è unico. Delle 27.000 diverse piante da fiore nel mondo, solo il papavero da oppio produce morfina. Il papavero da oppio ha un passato misterioso, poiché non è stato identificato alcun antenato selvatico. Le sue origini potrebbero trovarsi in Asia Minore (l’odierna Turchia), o forse nei vicini Balcani, il cuore della prima agricoltura europea. Ci sono alcuni primi indizi, tuttavia, dall’Europa occidentale.

Nel 1865, una capsula di papavero carbonizzata fu recuperata da un villaggio neolitico impegato d’acqua sul lago Pfäffikersee vicino a Robenhausen, nel nord della Svizzera. Datata intorno al 2500 a.C., la capsula sembra essere di una specie intermedia, un papavero da oppio semi-selvatico. Da quel momento, gli archeologi hanno trovato prove della coltivazione dell’oppio-papavero in luoghi simili sul lago in tutta la Svizzera, dal Neolitico all’Età del Bronzo (dal 5500 all’800 a.C. circa). A Egolzwil, sulle rive dell’ex lago Wauwil, a Lucerna, dolci ai  semi di papavero e capolini di papavero di 6.000 anni sono stati rinvenuti tra camini di argilla e ceramiche in case di legno ben conservate. Le ricerche suggeriscono che i papaveri erano più comunemente coltivati qui rispetto al grano o all’orzo.

Un’altra importante scoperta avvenne nel 1935, quando capolini di papavero maturo fossilizzati, in seguito datati al carbonio a circa 4000 a.C., furono scoperti nella “Grotta dei pipistrelli” nel sud della Spagna. Le capsule, insieme a ciocche di capelli, erano nascoste all’interno di cesti di erba intrecciata, deposti fra scheletri umani . Si tratta della  prima prova fino ad oggi di papaveri collocati in una tomba. È probabile che questo sia stato un atto deliberato, poiché l’archeologo Ralph Solecki ha scoperto prove simili da un sito molto più antico in Iraq. Scoprì che il polline presente in una sepoltura all’interno di  una grotta riconducibile all’uomo di Neanderthal, di  6.000 anni fa, proveniva da fiori variamente colorati e sembrava essere stato posizionato intenzionalmente attorno ai resti scheletrici. Notevoli testimonianze sono recentemente arrivate da La Marmotta, sul Lago di Bracciano, un cratere vulcanico pieno d’acqua situato a nord-ovest di Roma.

Nel 1989, gli archeologi hanno portato alla luce i resti di una grande città neolitica composta da abitazioni con canniccio e sostenute da migliaia di pali di quercia, conservati nei sedimenti sul fondo del lago. All’interno di un grande edificio lungo trentadue piedi hanno scoperto una statuetta, scolpita in pietra ollare, di una donna voluttuosa – una cosiddetta statuetta della “Dea Madre” – che potrebbe indicare che l’edificio serviva a scopo religioso. Hanno anche trovato grandi quantità di semi di oppio-papavero ben conservati e baccelli e dischi stigmatici (il “cappuccio” che contiene lo stigma riproduttivo del fiore, che intrappola il polline). I semi sembrano essere di una varietà semi-selvatica, e quindi i papaveri erano molto probabilmente coltivati vicino al villaggio per i loro semi e linfa – e i loro effetti antidolorifici. Datati al 5700 a.C., sono i primi campioni di semi di oppio-papavero trovati in un insediamento umano. Per quasi ottomila anni, il papavero di mais, leggermente narcotico e il papavero da oppio sono cresciuti l’uno accanto all’altro, uniti nella loro dipendenza dalle persone.

Un ottimo rimedio contenente Papavero è  Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

DiAlessandra Zarone

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico: Papavero rosso

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico 

 

Premessa

Il concetto di stress è relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada, nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).

Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico, ormonale, locomotorio e immunologico.

Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo

dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.

Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Papavero Rosso

Papaver rhoeas L. (Papaveraceae) – papavero rosso o papavero di mais chiamato anche ‘gelincik’ in Turchia – è una specie annuale della sezione Rhoeadium Kadereit. La specie è ampiamente distribuita in Turchia e utilizzata per il trattamento di varie malattie della medicina popolare in forma di  sciroppo per la tosse dei bambini, come infuso per l’insonnia, sedativo e per alleviare il dolore. Le parti aeree fresche sono anche utilizzate come cibo principalmente nel sud-ovest della Turchia. I fiori di papavero sono utilizzati anche come fonte di coloranti alimentari e per esaltare il sapore delle tisane.

In Turchia, sono stati studiati cinque rimedi erboristici utilizzati come farmaci gastroprotettivi per la loro attività anti-ulcerogenica. I rimedi erboristici studiati comprendono frutti di Elaeagnus angustifolia L. (Elaeagnaceae), frutti freschi di Hibiscus esculentus L. (Malvaceae), radici fresche di Papaver rhoeas L. (Papaveraceae), foglie di Phlomis grandiflora H.S. Thomson (Lamiaceae) e frutti freschi di Rosa canina L. (Rosaceae). Gli estratti sono stati preparati secondo le tradizionali indicazioni d’uso. Papaver somniferum significa “portatore di sonno”, ma il papavero da oppio non è meno sociale del papavero di mais. Anch’ esso “cerca la compagnia delle persone”, che prosperano sulla terra agitata, riapparendo anno dopo anno. Le somiglianze, tuttavia, finiscono qui. Il papavero da oppio è più robusto, è alto un metro o più e appare in tonalità variegate, anche se il bianco, il rosa e il viola sono i più comuni.

 

La sua capsula trasporta una resina carica di alcaloidi, di cui morfina, tebaina e codeina sono le più potenti. Il metodo tradizionale di raccolta è quello di segnare la capsula immatura in modo che la linfa fuoriesca e si essicchi sulla superficie esterna del baccello. La resina indurita appiccicosa viene quindi raschiata via e raccolta per l’uso. Il papavero da oppio è unico. Delle 27.000 diverse piante da fiore nel mondo, solo il papavero da oppio produce morfina. Il papavero da oppio ha un passato misterioso, poiché non è stato identificato alcun antenato selvatico.  Le sue origini potrebbero trovarsi in Asia Minore (l’odierna Turchia), o forse nei vicini Balcani, il cuore della prima agricoltura europea. Ci sono alcuni primi indizi, tuttavia, dall’Europa occidentale. Nel 1865, una capsula di papavero carbonizzata fu recuperata da un villaggio neolitico impiegato d’acqua sul lago Pfäffikersee vicino a Robenhausen, nel nord della Svizzera. Datata intorno al 2500 a.C., la capsula sembra essere di una specie intermedia, un papavero da oppio semi-selvatico. Da quel momento, gli archeologi hanno trovato prove della coltivazione dell’oppio-papavero in luoghi simili sul lago in tutta la Svizzera, dal Neolitico all’Età del Bronzo (dal 5500 all’800 a.C. circa). A Egolzwil, sulle rive dell’ex lago Wauwil, a Lucerna, dolci ai  semi di papavero e capolini di papavero di 6.000 anni sono stati rinvenuti  tra camini di argilla e ceramiche in case di legno ben conservate. Le ricerche suggeriscono che i papaveri erano più comunemente coltivati qui rispetto al grano o all’orzo. Un’altra importante scoperta avvenne nel 1935, quando capolini di papavero maturo fossilizzati, in seguito datati al carbonio a circa 4000 a.C., furono scoperti nella “Grotta dei pipistrelli” nel sud della Spagna. Le capsule, insieme a ciocche di capelli, erano nascoste all’interno di cesti di erba intrecciata, deposti fra scheletri umani . Si tratta della  prima prova fino ad oggi di papaveri collocati in una tomba. È probabile che questo sia stato un atto deliberato, poiché l’archeologo Ralph Solecki ha scoperto prove simili da un sito molto più antico in Iraq. Scoprì che il polline presente in una sepoltura all’interno di  una grotta riconducibile all’uomo di Neanderthal, di  6.000 anni fa, proveniva da fiori variamente colorati e sembrava essere stato posizionato intenzionalmente attorno ai resti scheletrici. Notevoli testimonianze sono recentemente arrivate da La Marmotta, sul Lago di Bracciano, un cratere vulcanico pieno d’acqua situato a nord-ovest di Roma. Nel 1989, gli archeologi hanno portato alla luce i resti di una grande città neolitica composta da abitazioni con canniccio e sostenute da migliaia di pali di quercia, conservati nei sedimenti sul fondo del lago. All’interno di un grande edificio lungo trentadue piedi hanno scoperto una statuetta, scolpita in pietra ollare, di una donna voluttuosa – una cosiddetta statuetta della “Dea Madre” – che potrebbe indicare che l’edificio serviva a scopo religioso. Hanno anche trovato grandi quantità di semi di oppio-papavero ben conservati e baccelli e dischi stigmatici (il “cappuccio” che contiene lo stigma riproduttivo del fiore, che intrappola il polline). I semi sembrano essere di una varietà semi-selvatica, e quindi i papaveri erano molto probabilmente coltivati vicino al villaggio per i loro semi e linfa – e i loro effetti antidolorifici. Datati al 5700 a.C., sono i primi campioni di semi di oppio-papavero trovati in un insediamento umano. Per quasi ottomila anni, il papavero di mais, leggermente narcotico e il papavero da oppio sono cresciuti l’uno accanto all’altro, uniti nella loro dipendenza dalle persone.

Un ottimo prodotto è Alato 3, contiene Papavero rosso, è indicato per  spasmi, contrazioni nervose, irritabilitá, nervosismo, agitazione, ansia, ipereccitabilitá, disturbi organici di origine nervosa. E’ acquistabile qui o in Farmacia.