Cedro e Potassio

DiAlessandra Zarone

Cedro e Potassio

Cedro e Potassio

 

Il cedro, (Citrus medica L.) è uno dei tre agrumi primordiali (gli altri sono pummelo/ pomelo o pampaleone e il mandarino) da cui ha avuto origine la maggior parte degli altri agrumi.

Sebbene la buccia e gli estratti di cedro crudo siano molto apprezzati in Asia per i loro numerosi usi medicinali ,che vanno dall’Alzheimer al cancro al diabete alle ulcere ai parassiti intestinali, e come repellente per insetti, la maggior parte dei frutti coltivati nel bacino del Mediterraneo è usato per il rituale ebraico durante la festa autunnale del raccolto di Sukkot (Tabernacoli).

Il nome della specie medica indica che Linneo pensava che l’origine del cedro fosse in Medea / Persia (l’odierno Iran), e non si riferisce, come a volte erroneamente si pensa, al valore medicinale del frutto. Più recentemente, è stato determinato che il cedro è uno dei tre agrumi primordiali, gli altri sono il mandarino e il pommelo. Il punto di origine di tutte e tre le specie di agrumi è probabilmente la Cina sud-occidentale / India nord-orientale. Alessandro Magno è accreditato di aver portato il cedro dalla Persia al bacino del Mediterraneo intorno al 300 a.C., probabilmente per uso medicinale.

Gli ebrei che vivevano in Babilonia nel VI secolo a.C. usavano il cedro nei rituali religiosi, e i governanti persiani locali nell’antica Palestina / Giudea furono responsabili dell’introduzione del frutto nel Mediterraneo orientale. Fonti greche, romane, arabe ed ebraiche dall’antichità al medioevo si riferiscono tutte al cedro come fonte vegetale di ampio valore medicinale. Estratti e preparati del frutto e dei semi erano particolarmente apprezzati per la loro attività antitossica, sebbene frutta e foglie intere fossero anche usati come repellenti per insetti. Maimonide (XIII secolo) nel suo Trattato sulla guarigione, menziona i semi di cedro macinati, applicati freschi o secchi in un impiastro con radice di Colocinto, come particolarmente efficaci contro il veleno dello scorpione. Il suo contemporaneo ibn Taysan (Saladino d’Ascoli Salerno, circa XII secolo) raccomandava una riduzione del succo di cedro per contrastare il veleno in generale, oltre che per migliorare la funzionalità epatica e cardiaca, e come ingrediente nel lavaggio degli occhi. Estratti di semi, foglie e germogli sono usati come vermifugo. Gli oli essenziali della buccia hanno qualità antisettiche e antibiotiche. Questi oli aromatici sono anche la ragione per cui i cedri sono collocati negli armadi dei vestiti e nelle casse di stoccaggio per proteggere i tessuti da falene e altri insetti. Inoltre, l’albedo viene mangiato per migliorare la digestione, mentre gli estratti di frutto e talvolta di foglie, aiutano a ridurre i sintomi del morbo di Alzheimer, del cancro del diabete, delle ulcere, di reumatismi e tiene lontano gli spiriti maligni. Mangiare buccia cruda, buccia zuccherata o marmellata a base di cedri usati nella festa di Sukkot è facilitare il parto e migliorare la fertilità. Estratti di cedro migliorano la secrezione di insulina, alleviano i sintomi del diabete, hanno proprietà antiinfiammatorie, inibiscono la l’attività della colinesterasi.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: