Archivio dei tag vit d

DiAlessandra Zarone

Lino e vitamina D

Lino e vitamina D

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

La vitamina D E’ contenuta nel

Lino, L. usitatissimum

Lino (Linaceae) Sebbene sia classificato come specie, L. usitatissimum è derivato da L. bienne. Si sono evoluti due tipi distinti di L. usitatissimum: il lino più alto, con meno rami e fiori, che produce fibre; e il seme di lino più corto, florifero e fruttuoso, che ora viene coltivato per l’olio e come coltura foraggera. I semi contengono il 30-40% di un olio fisso, noto come olio di lino, che comprende principalmente acido linoleico .

In comune con molti membri delle famiglie Linaceae, Rosaceae e Caprifoliaceae, contengono anche glicosidi cianogenici o acido prussico. In piccole quantità, questi composti stimolano la respirazione e migliorano la digestione ma, in eccesso, causano insufficienza respiratoria e morte. Non vi è alcuna indicazione che le dosi raccomandate di L. usitatissimum rappresentino una minaccia. Il correlato L. catharticum (lino di montagna o di spurgo) è descritto come un lassativo e un antireumatico, ma ora è usato raramente.

Parti utilizzate:

Pianta intera, steli, semi, olio.

Proprietà

Erba dolce, mucillaginosa, lassativa ed espettorante, lenisce i tessuti irritati, controlla la tosse e allevia il dolore. Usi dell’erba medicinale internamente come lassativo di massa per costipazione cronica e diverticolite (semi schiacciati mescolati con cereali per la colazione e ampio liquido), gastrite, faringite (semi macerati), disturbi bronchiali cronici, tosse e mal di gola; come integratore alimentare per eczema, problemi mestruali, indurimento delle arterie e artrite reumatoide (olio). Esternamente per bronchite, pleurite, mal di gola, ustioni, scottature, bolle, ascessi e ulcere. I semi schiacciati sono combinati, come impiastro, con Sinapis alba per i disturbi al petto e con miele e limone come rimedio per la tosse. L’erba fresca è stata applicata per dolori reumatici, raffreddori e tosse. Il lino è uno dei tessuti più antichi del mondo; il primo frammento di stoffa mai identificato (considerato di lino) proveniva dalla Turchia orientale, datato al carbonio a 9.000 anni fa. Gli antichi egizi raffiguravano la crescita del lino, la filatura del filo di lino, e la tessitura di quel filo su papiri e murales. I resti mummificati dei faraoni sono legati in lino fine e delicato, intrecciato con una perizia che è ancora difficile da replicare oggi, da 3.000 a 4.000 anni dopo. Il lino è stato anche usato per fare casi di mummia, e l’olio di semi di lino è stato usato nel processo di imbalsamazione.

 

Le fibre producono il tessuto, i semi vengono pressati per l’olio, sono utilizzati negli alimenti e nei foraggi per gli animali e nelle industrie di vernici e pavimenti.  I residui di semi vengono trasformati in torte di semi di lino per l’alimentazione animale. Le piante vengono tagliate a maturità per l’estrazione delle fibre. I semi vengono raccolti a maturità, conservati interi o pressati per l’olio. È stata la prima coltura di fibre e ampiamente coltivata in Europa e in Asia, ma ora in gran parte sostituita dal cotone. Attualmente i semi di lino sono prevalentemente coltivati per uso industriale nella produzione di pitture, vernici, mastice e linoleum. I semi di lino hanno una composizione di acidi grassi che porta all’essiccazione e all’indurimento dell’olio se esposti all’aria e alla luce solare. L’olio commestibile è ottenuto dalla spremitura a freddo per evitare l’ossidazione ed è commercializzato come olio di semi. Non è raccomandato per cucinare, ma viene utilizzato principalmente come integratore alimentare, ad alto contenuto di acido linolenico . Tuttavia, i semi di lino sono ancora importanti come olio da cucina soprattutto in Nord Africa e Medio Oriente. Il seme intero ha un mercato in crescita nella cottura e negli alimenti salutari, a volte aggiunto al pane e ai cereali per la colazione. Per questo le tradizionali varietà “ad alto linolenico” sono adatte in quanto solo l’olio estratto manca delle qualità di conservazione per uso culinario. La farina di lino viene utilizzata come mangime per animali e pollame per aumentare gli acidi grassi omega nelle uova.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Zucca e vitamina D

Zucca e vitamina D

Zucca e vitamina D

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

E’ contenuta nella

 

Zucca

Cucurbita pepo (Cucurbitaceae) Zucca Descrizione Pianta annuale con steli intrecciati, foglie lobate, fiori gialli e grandi frutti arancioni. Probabilmente originaria del Nord America, la zucca si trova ora in tutto il mondo. Viene raccolto in autunno.

Parti Usate:

Semi, polpa.

Costituenti

I semi di zucca contengono un olio fisso (30-50%), che è principalmente acido linoleico (43-56%) e acido oleico (24-38%). L’olio contiene anche proteine (31-51%), steroli, cucurbitina, vitamina E, beta-carotene e minerali (4-5%), compresi livelli significativi di ferro, zinco e selenio.

Storia e folklore

La zucca è stata molto usata come medicina in Centro e Nord America. I Maya applicavano la linfa della pianta alle ustioni, i Menominee usavano i semi come diuretico e i coloni europei macinavano e mescolavano i semi con acqua, latte o miele per fare un rimedio per i vermi. Questa pratica divenne così diffusa nelle case di tutto il Nord America che la professione medica alla fine la adottò come trattamento standard.

Azioni e usi medicinali

La zucca è stata utilizzata principalmente come agente vermifugo sicuro ed efficace, in particolare nei bambini e nelle donne incinte per le quali i preparati ad azione forte e tossici sono inappropriati. Si pensa che sia più efficace nella rimozione delle tenie. I semi sono diuretici e tonici alla vescica e hanno un valore distinto nel trattamento delle prime fasi dell’allargamento della prostata. La polpa del frutto viene utilizzata come decotto per alleviare l’infiammazione intestinale e viene applicata come impiastro o cerotto per le ustioni. La gamma di composti medicinali e nutrizionali dei semi di zucca di ricerca assicura che abbiano un grande valore come integratore alimentare “naturale”. Una buona fonte dietetica di zinco, i semi contengono anche livelli relativamente alti di selenio, un minerale con importante attività antiossidante e antitumorale nel corpo. La cucurbitina respinge i vermi intestinali e gli steroli sono antinfiammatori. La ricerca suggerisce che i semi di zucca sono efficaci nell’aiutare a ridurre l’allargamento benigno della ghiandola prostatica (BPH), a causa sia dell’influenza ormonale degli steroli che di questa attività antinfiammatoria. In uno studio clinico i semi di zucca sono stati combinati con saw palmetto per trattare l’IPB: coloro che assumevano l’estratto di erbe mostravano un miglioramento del flusso di urina e una ridotta frequenza della minzione.

I chicchi di semi di Cucurbita pepo contengono circa il 45% di un grasso insaturo, il 25% di proteine e quantità utili di minerali e il complesso vitaminico B. Possono essere consumati crudi, arrostiti o fritti (pepitos) e ora sono venduti nei paesi occidentali. In alcune parti dell’America Centrale sono inclusi in una confezione dolce nota come pepitorio. In passato c’è stata qualche estrazione industriale del petrolio. Cucurbita maxima comprende le zucche invernali e le zucche. Semi, datati al 1200 d.C., sono stati trovati in Perù, ma nessun resto è stato trovato in Messico e in America Centrale. Probabilmente è stato addomesticato in Sud America, ma ora si trova in tutto il mondo. La specie è meno ruvida al tatto di C. pepo e le foglie sono a forma di rene e non profondamente lobate.

Storia

La zucca è originaria delle Americhe. La pianta rampicante raggiunge una lunghezza di circa 30 piedi (9 metri), ha foglie grandi, fiori profumati giallo-arancio e frutti arancioni. Le zucche sono i frutti più grandi del regno vegetale. Le zucche erano un alimento base nella dieta dei nativi americani. Nella medicina orientale, si dice che un tè a base di semi, assunto per un periodo di tempo, aiuti a ridurre i gonfiori delle gambe, delle caviglie e dell’addome. In America Latina, Africa e India, i semi sono usati per espellere i vermi intestinali. Alcuni medici europei raccomandano i semi di zucca per prevenire problemi alla prostata negli uomini. I semi contengono sostanze nutritive note per essere componenti dell’ormone maschile testosterone.

In Cina, i semi tostati vengono mangiati per promuovere la longevità. I semi contengono fino al 40% di proteine e preziosi minerali e sostanze nutritive. Il seme ha un contenuto di olio del 46 per cento. La maggior parte dell’olio è prodotto in Austria e popolarmente usato per aromatizzare il cibo.

Usi pratici

L’olio vettore / base viene utilizzato per diluire gli oli essenziali in aromaterapia per oli da massaggio e altre formulazioni. A causa della natura appiccicosa dell’olio di semi di zucca, è meglio mescolare il 20% dell’olio con un altro olio vettore.

Proprietà documentate

Antielmintico, antinfiammatorio, diuretico, stomachico, tonico, vermifugo, vulnerario.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Vitamina D e Pepe nero

Vitamina D e Pepe nero

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

E’ contenuta nel

 

Piper nigrum (Piperaceae)

Parti utilizzate

Frutta, olio essenziale

Costituenti

Il pepe contiene un olio volatile (tra cui beta-bisabolene, canfene, betacariofillene e molti altri terpeni e sesquiterpeni), fino al 9% di alcaloidi (in particolare piperina, che è in gran parte responsabile del gusto acre dell’erba), circa l’11% di proteine e piccole quantità di minerali.

Storia e Folklore

Coltivato come spezia e medicina fin dall’antichità, il pepe è stato un bene vitale nel commercio mondiale per migliaia di anni. Attila l’Unno è noto per aver chiesto 3.000 libbre (1.360 kg) di pepe come riscatto durante il suo assedio della città di Roma (408 D.C.).

Azioni e usi medicinali

Il familiare sapore acuto del pepe riflette l’effetto stimolante e antisettico che ha sul tratto digestivo e sul sistema circolatorio. Il pepe è comunemente preso per riscaldare il corpo, o per migliorare la funzione digestiva in caso di nausea, mal di stomaco, flatulenza, gonfiore, costipazione, o mancanza di appetito. L’olio essenziale allevia il dolore reumatico e il mal di denti. È antisettico e antibatterico e riduce la febbre. Ricerca

La piperina, il principale costituente attivo all’interno del pepe nero, ha significativi benefici terapeutici, con un documento di ricerca del 2012 che elenca “proprietà immunomodulatorie, antiossidanti, antiasmatiche, anticancerogene, antinfiammatorie, antiulcera e antiamebiche”. La piperina sembra aiutare l’assorbimento di erbe e farmaci chimici, ad esempio la curcumina e, in alcuni casi, rallentare la loro clearance da parte del fegato. Attenzione Non prendere l’olio essenziale internamente senza supervisione professionale.

P. guineense (africa occidentale, o pepe Ashanti) produce grani di pepe dal sapore delicato e foglie che vengono utilizzate come sostituto di P. betle nei quid di betel. P. methysticum è insolito nell’essere un raccolto di radici.

P. auritum (makulan) e P. angustifolia (matico) sono specie tropicali americane, coltivate per le loro foglie. Quelle del primo assomigliano agli spinaci e sono usate come aromatizzanti nella cucina messicana e guatemalteca, quest’ultima è un’erba astringente e stiptica con un aroma simile al tè, utilizzata nei preparati per emorroidi, emorragie e perdite vaginali. Numerose specie diverse da P. nigrum sono coltivate per i loro frutti, ma solo P. longum e P. retrofractum (pepe lungo giavanese) sono sufficientemente simili nel sapore da usare come sostituti. I grani di pepe rosa provengono da un albero americano S, Schinus terebinthifolius. Sono spesso mescolati con grani di pepe verde, nero e bianco per effetto decorativo, ma hanno un sapore resinoso e non possono essere usati come sostituto.

P.longum (Indian long pepper, Jaborandi pepper, pippali)

Parti utilizzate Frutta (hi ba). Proprietà Un’erba aromatica, calda, stimolante che migliora la digestione e ha effetti decongestionanti, antibiotici e analgesici.

I grappoli di frutto ad uso alimentare, sono usati interi in curry e sottaceti.

Nella medicina tradizionale cinese, è indicato aduso interno, per brividi di stomaco, vomito, rigurgito acido, mal di testa e rinite; e, nella medicina ayurvedica, per raffreddori, asma, bronchite, artrite, reumatismi, lombalgia, sciatica, epilessia, indigestione e vento. Esternamente, nella medicina tradizionale cinese, è indicato per il mal di denti. In Ayurveda,  P. nigrum e Zingiber officinale sono, un rimedio ayurvedico per le condizioni di freddo.

P.nigrum

Parti utilizzate Frutta (hu jiao). Erba pungente, aromatica, riscaldante che abbassa la febbre e migliora la digestione. È considerato un espettorante stimolante nella medicina occidentale e ayurvedica e come tranquillizzante e antiemetico nella pratica cinese.

Medicinale internamente usato in Occidente per indigestione e vento, nella medicina cinese, per brividi causati da stomaco, intossicazione alimentare (da pesce, carne, granchio o funghi), colera, dissenteria, diarrea, vomito causati dal raffreddore. Esternamente, nella medicina ayurvedica, mescolato con ghee, si usa per congestione nasale, sinusite, epilessia e infiammazioni della pelle.

P.betle:

Le foglie vengono raccolte secondo necessità, sbollentate al buio, spesso pressate insieme ed essiccate per estratti o per l’uso intero.

P. methysticum:

Le radici vengono utilizzate secondo necessità e utilizzate fresche o essiccate per l’uso in decotti, estratti liquidi, polveri e compresse.

P.cubeba:

I frutti vengono raccolti acerbi e distillati per ricavarne un oleo-resina, o essiccati per l’uso in estratti liquidi, polveri e tinture.

P. longum:

I grappoli di frutti vengono raccolti acerbi ed essiccati per l’uso interi, macinati o in decotti .

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)