Archivio dei tag colesterolo

DiAlessandra Zarone

Curcuma e Betaina

Curcuma e Betaina

In questo articolo illustrerò le piante che contengono betaina ed i loro utilizzo nella tradizione folclorica

 Betaina è indicata per:

Bruciore allo stomaco, gonfiore o eruttazioni, pesantezza allo stomaco, infezione cronica da candida, frequenti indigestioni, alito cattivo, allergie alimentari, parassiti intestinali cronici, cibo non digerito nelle feci.

E’ contenuta nella Curcuma

Curcuma

Curcuma (Zingiberaceae) C. longa (curcuma) è uno degli aromi e coloranti alimentari più comuni nella cucina asiatica. Recenti studi hanno anche mostrato significativi effetti antinfiammatori e epatoprotettivi. C. longa e C. aromatica, entrambi originari dell’India, sono stati descritti nella medicina cinese nel VII secolo. Il termine yu jin è applicato a C. aromatica da solo e a una miscela di tuberi di C. aromatica, C. longa e C. zedoaria. Seguono per importanza C. aromatica e C. longa C. amada (zenzero di mango), una specie indiana candita o in salamoia, e C. zedoaria (zedoary), che ha applicazioni simili a Zingiber officinale  ed è usato in Cina per trattare il cancro cervicale. C. aromatica (curcuma selvatica) .

Parti utilizzate

Rizomi (yu jin). Erba pungente, amara, rinfrescante che migliora la digestione e stimola la cistifellea e il sistema circolatorio, controllando sia il sanguinamento che sciogliendo i coaguli.

Usi dell’erba medicinale

Internamente per ittero, sangue dal naso, emorragia interna, mestruazioni dolorose, shock, dolori al petto associati a bassa energia epatica e angina.

Curcuma longa, syn. C. domestica (curcuma, haridra)

Parti usate:

Rizomi (jiang huang).

Erba pungente, amara, astringente con un odore caratteristico e un colore giallo intenso. Stimola i sistemi digestivo, circolatorio e respiratorio e l’utero, normalizza il flusso di energia e ha effetti antinfiammatori e antibiotici.

Usi dell’erba Culinaria :

È un ingrediente essenziale del curry in polvere.

Medicinale utilizzato internamente per disturbi digestivi e cutanei, cattiva circolazione, tumori uterini, ittero, malattie del fegato e problemi mestruali. E’spesso combinato con Berberis vulgaris o Mahonia aquifolium per disturbi del fegato e diabete. Esternamente per lesioni, piaghe e tigna.

Utilizzato come colorante alimentare naturale, è fonte di coloranti arancioni e gialli per seta e lana, in particolare come colorante per le vesti dei monaci buddisti. I rizomi del raccolto vengono cotti a vapore o bolliti, prima dell’essiccazione e della macinazione per l’uso in decotti, pillole, impacchi e polveri.

Curcuma longa (C. domestica)

Appartiene alla famiglia dello zenzero, Zingiberaceae, ed è una pianta simile allo zenzero, anche se le foglie sono molto più larghe. Ancora una volta, il gambo tuberoso sotterraneo o il rizoma costituisce la spezia. La curcuma è stata coltivata nel sud-est asiatico, forse da C. aromatica. È un importante costituente del curry in polvere, non solo fornisce un aroma ma contiene forti pigmenti gialli (il principale è la curcumina) che colorano il cibo. La curcuma è un importante colorante giallo nell’Asia meridionale, il suo uso in Europa è stato sostituito da coloranti all’anilina. Viene utilizzato per colorare vari prodotti alimentari, ad esempio la senape in polvere. Un’oleoresina è prodotta dalla curcuma.

Curcuma zedoaria (Zingiberaceae)

Erba perenne con foglie grandi, affusolate, ellittiche, fiori rosa o gialli e una radice aromatica di colore giallo pallido.

Zedoaria è una pianta comune indiana e dell’Asia orientale. È coltivata in India, Bangladesh, Indonesia, Cina e Madagascar. Parte usata: rizoma.

Costituenti: Zedoaria contiene un olio volatile, sesquiterpeni, curcumemone, curcumolo e curdione. Curcumolo e curdione hanno proprietà antitumorali.

Azioni e usi medicinali:

È uno stimolante digestivo aromatico e amaro, usato per alleviare indigestione, nausea, flatulenza e gonfiore e, in generale, per migliorare la digestione. Il rizoma è usato in Cina per trattare alcuni tipi di tumori. Negli studi condotti in Cina, è stato scoperto che tale rimedio riduce il cancro cervicale. Nella fitoterapia cinese, la zedoaria è spesso sostituita dalla curcuma.

Curcuma longa syn. C. domestica (Zingiberaceae) Curcuma, Haldi (Hindi), Jiang Huang (cinese)

La curcuma è un rimedio prezioso per le condizioni artritiche e della pelle.

E’ originaria dell’India e dell’Asia meridionale ed è ora coltivata in tutti i tropici.

Componenti chiave

Azioni chiave della resina:

Antinfiammatorio

Abbassa i livelli di colesterolo

Antimicrobico

Anti-piastrinico (fluidificazione del sangue)

Vi è un nuovo interesse per la curcuma. Nonostante il suo uso di lunga data in India e Cina, le azioni terapeutiche della curcuma non sono state studiate fino agli ultimi decenni, quando c’è stato un aumento di interesse per alimenti e farmaci che abbassano i livelli di colesterolo o hanno proprietà antiossidanti.

La ricerca dal 1970 in poi, soprattutto in India, ha teso a confermare gli usi tradizionali della radice. La ricerca ha stabilito che la curcuma, e la curcumina in particolare, blocca diversi percorsi infiammatori, contrastando l’infiammazione in tutto il corpo. La curcuma è in gran parte presa come integratore per prevenire o curare il cancro, la demenza e molte malattie autoimmuni. Il pepe nero è tradizionalmente assunto con curcuma per aumentare la sua efficacia. Questo effetto è ora supportato dalla ricerca.

Curcumina:

E’ fortemente antibatterica e antiossidante

Colesterolo:

Gli studi clinici cinesi nel 1987 indicano che la curcuma abbassa i livelli di colesterolo.

Cancro:

La curcuma può essere un valido rimedio preventivo per coloro che sono a rischio di sviluppare il cancro, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Altre azioni:

La ricerca ha dimostrato che la curcuma ha un’azione anticoagulante, mantenendo il sangue sottile. Aumenta anche la produzione e il flusso della bile e ha un’azione protettiva sullo stomaco e sul fegato.

Usi tradizionali e attuali:

Migliora l’azione del fegato ed è un rimedio tradizionale per l’ittero, sia nella fitoterapia ayurvedica che in quella cinese.

È anche un’erba antica per problemi digestivi come gastrite e acidità, , aumenta la produzione di muco e protegge lo stomaco, allevia anche la nausea.

Artrite e allergie:

Anche se la curcuma non allevia il dolore, la sua azione antinfiammatoria la rende utile per l’artrite e altre condizioni infiammatorie come l’asma e l’eczema.

Disturbi circolatori:

Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, fluidificanti del sangue e ipocolesterolemizzanti, la curcuma viene ora utilizzata per ridurre il rischio di ictus e infarti.

Problemi della pelle:

Applica sulla pelle, la curcuma è utile nel trattamento di una serie di condizioni, tra cui la psoriasi e le infezioni fungine.

Nausea e cinetosi:

Sebbene sia meglio conosciuta per il suo colore giallo brillante e il gusto piccante nel cibo indiano, la curcuma è sempre più riconosciuta come un alimento medicinale con benefici per la salute quasi senza pari. La sua potente azione antinfiammatoria rende la curcuma un rimedio chiave in molti problemi di salute cronici, tra cui allergie, artrite, diabete e psoriasi.

Un ottimo prodotto contenente Betaina è Alato 35, disponibile in farmacia o qui ALATO 35 (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Omega 7 Olivello spinoso_ rimedio adattogeno antiossidante per menopausa, diabete, ipertensione

Olivello spinoso_ rimedio adattogeno antiossidante per menopausa, diabete, ipertensione

L’Olivello spinoso (Hippophaë), della famiglia delle Elaeagnaceae, è un arbusto selvatico, coltivato e distribuito principalmente nelle regioni fredde aride in tutta Europa e in Asia.

La parola Hippophae deriva da una parola latina “Hippo” che significa cavallo e “Phaos” che significa “brillare”. Il frutto può anche essere usato a beneficio dei capelli: il nome hippophae, significa cavallo lucido, e si riferisce alla bellezza del mantello dei cavalli che si nutrono della pianta.

In India sono state descritte tre specie: Hippophae rhamnoides, Hippophae salicifolia e Hippophae tibetana. È distribuito in aree desertiche temperate secche e fredde nelle regioni dell’Himalaya nord-occidentale.

Medicina Tradizionale Asiatica, Greca, Nordica

Indagini approfondite e documentazione della conoscenza etnobotanica indigena di Olivello spinoso rivelano che questa pianta è stata tradizionalmente utilizzata dalla popolazione locale dell’Asia, dell’antica Grecia, dei paesi nordici e della regione baltica per il trattamento di asma, malattie della pelle, ulcere gastriche e disturbi polmonari.

È un rimedio descritto in antichi testi di medicina cinese come Sibu Yidian della dinastia Tang e Jing Zhu Ben Cao della dinastia Qing.

Le bacche sono state utilizzate per trattare varie malattie, come lesioni cutanee, lesioni alle mucose dello stomaco e disturbi polmonari, malattie cardiovascolari e malattie ad alta quota.

La sottospecie di Olivello spinoso mongolo (Hippophae rhamnoides L. ssp mongolica Rous.) è distribuita nei bacini fluviali di Orkhon-Selenge, Zavkhan Tes, Uvs Tes, Bokhmoron, Torkhilog Buyant, Khovd, Zavkhan, Borkh e Bulgan. È anche endemico dell’Altai, del Tuva, del lago Baikal, della Russia e della regione autonoma uigura dello Xinjiang in Cina.

Negli ultimi 50 anni, diversi preparati medicinali a base di H. rhamnoides sono stati clinicamente usati per trattare danni da radiazioni, infiammazione orale, ustioni e ulcere gastriche e più di 300 preparati sono stati riportati in letteratura. Commercialmente, è usato per bevande e succhi di frutta, marmellate, gelatina, aceto, oli, tè verde (tè tsirku), prodotti da forno, integratori alimentari ecc.

Le bacche sono utilizzate principalmente per migliorare la resistenza alle infezioni, essendo leggermente astringenti vengono bollite per lavare l’irritazione della pelle e le eruzioni cutanee. La pianta è ampiamente utilizzata per il trattamento di tosse, ulcere gastriche, asma e disturbi polmonari. Le foglie di Olivello spinoso contengono notevoli proteine (in media il 15%) e possono essere utilizzate come cibo per il bestiame.

Medicina Tradizionale Mongola e Tibetana

La medicina tibetana ha avuto origine con la tradizione popolare locale (nota come Bon) che risale a circa il 300 a.C. ed è stata formalmente registrata da Xiepu Chixi, il medico del re tibetano Niechi Zanpu, nel 126 a. C.Hippophae rhamnoides è utilizzato nel trattamento della cardiopatia ischemica, elimina la flemma, migliora la digestione. La sua corteccia e i suoi frutti sono stati anche usati come medicina popolare tibetana per trattare disturbi polmonari, tosse, febbre e tumori. Nella medicina popolare tradizionale mongola e tibetana e nella medicina popolare occidentale e orientale, l’olio di Olivello spinoso viene utilizzato per ferite esterne, ustioni, congelamento, anemia interna, ulcere gastriche, diabete, ipertensione e vari tumori.

In Leh e Ladakh, è localmente conosciuta come “Leh berry”, “Tsermang” o tasru-wonder plant entre, nell’Himachal Pradesh è localmente indicata come “Chharma” o “Drilbu”.

Medicina Tradizionale Russa

In Mongolia, Russia e Cina l’olio di bacche intere viene usato localmente per trattare le ustioni della pelle. Le bacche dal sapore aspro sono state tradizionalmente mangiate con latte e formaggio da siberiani e tartari, che le usavano anche per fare una gelatina dal sapore piacevole. L’olio di Olivello spinoso è stato elencato nella Farmacopea russa nel 1950 e utilizzato come agente antinfiammatorio e cicatrizzante.

Studi clinici

Le bacche mature sono la potenziale fonte di sostanze bioattive, tra cui vitamine, carotenoidi, fitosteroli, acidi organici, acidi grassi, aminoacidi liberi e una varietà di flavonoidi. Questi potenti fitochimici bioattivi hanno attività antiossidante, anti-aterogena, antistress, epatoprotettiva, radioprotettiva. Riparano i tessuti.

Studi farmacologici hanno evidenziato proprietà terapeutiche, effetti anti piastrinici, antimicrobici contro S. aureus e C. albicans.  Olivello spinoso è tradizionalmente utilizzato per il trattamento delle ulcere gastriche e studi di laboratorio ne confermano l’efficacia. L’olio dei semi è stato usato clinicamente per trattare la cervicite cronica e le ulcere. Grazie ad un alto contenuto di carotenoidi e tocoferoli, può essere utilizzato per trattare ustioni, congelamenti, piaghe da decubito e danni alla pelle, ad esempio derivanti dall’esposizione al sole o ai raggi X.

Salute del cuore:

Le proprietà antiossidanti possono aiutare a ridurre il rischio di disturbi cardiaci come grumi di sangue, pressione sanguigna e colesterolo nel sangue. Il frutto supporta in particolare la salute cardiaca e circolatoria ed è utile nel trattamento di condizioni come fragilità capillare, arteriosclerosi e cuore debole. In uno studio su animali da laboratorio, i flavonoidi dell’Os hanno dimostrato di ridurre le trombosi patogene. Secondo un caso di studio – L’uso di 0,75 ml di olio di Olivello spinoso, per un mese ha ridotto l’alta pressione arteriosa con una significativa riduzione dei livelli di trigliceridi e colesterolo cattivo LDL. In uno studio clinico in doppio cieco condotto in Cina, 128 pazienti con cardiopatia ischemica hanno ricevuto flavonoidi totali di Olivello spinoso pari a 10 mg ogni volta, per tre volte al giorno, per 6 settimane. I pazienti hanno avuto una diminuzione del livello di colesterolo e una migliore funzione cardiaca, inoltre avevano meno angina rispetto a quelli che ricevevano il farmaco di controllo.

Diabete:

Può aiutare a ridurre la glicemia nel diabete di tipo 2. E ‘una fonte generosa di vitamine, minerali, grassi sani, grassi mono e polinsaturi.

Sistema immunitario:

A causa della presenza di un’elevata quantità di flavonoidi, aiuta a rafforzare il sistema immunitario. Secondo uno studio, limita la crescita dei batteri E. coli e protegge da influenza, herpes e virus dell’HIV.

Anticancro:

L’olio contiene flavonoidi, antiossidanti come carotenoidi e vitamina che possono prevenire questa malattia. La quercetina, un flavonoide presente nell’Olivello spinoso, aiuta a uccidere le cellule tumorali.  Protegge il midollo osseo dalle radiazioni. In Cina, è stato condotto uno studio per dimostrare un recupero più rapido del sistema emopoietico dopo chemioterapia ad alte dosi.

Il consumo di prodotti a base di Olivello spinoso protegge il corpo umano prima che i radicali liberi vengano rilasciati.

Salute dello stomaco:

L’olio previene le ulcere gastriche.

Rimedio efficace per gli occhi asciutti:

In uno Studio, l’assunzione giornaliera di Olivello spinoso è stata collegata a una riduzione dell’arrossamento degli occhi e del bruciore. Gli acidi grassi Omega-3 da soli, o in combinazione con acidi grassi omega-6, hanno un effetto benefico nel trattamento dell’occhio secco.

Menopausa:

L’assunzione di Olivello spinoso è utile per le donne in post menopausa che non possono assumere estrogeni e riduce la secchezza vaginale.

Attività antibatterica:

Il tè dell’intera pianta, bacche, olio e succo è efficace contro i batteri Gram-positivi e Gram-negativi, fra cui lo Staphylococcus aureus, resistente alla meticillina. Gli estratti di foglie acquose e idroalcoliche hanno mostrato un effetto inibitore della crescita di Bacillus cereus, Pseudomonas aeruginosa, Staphylococcus aureus ed Enterococcus faecalis.

Adattogeno:

Le foglie di Olivello spinoso hanno ottimi effetti adattogeni sul corpo umano.

Nessuna tossicità:

La pianta non ha alcun effetto danno a carico di reni e fegato.

Ulcere gastriche:

Il rimedio è tradizionalmente utilizzato nel trattamento delle ulcere gastriche e studi di laboratorio confermano l’efficacia dell’olio ricavato dai semi, in quanto normalizza la produzione di acido gastrico e riduce l’infiammazione.

Cirrosi epatica:

Uno studio clinico ha dimostrato che gli estratti di Olivello spinoso hanno contribuito a normalizzare gli enzimi epatici, gli acidi biliari sierici e i marcatori del sistema immunitario, coinvolti nell’infiammazione e nella degenerazione del fegato. Inoltre, l’olio protegge il fegato dagli effetti dannosi delle sostanze chimiche tossiche, come rivelato in studi di laboratorio.

Pelle:

Un ingrediente dell’olio, l’acido palmitoleico, è un componente della pelle, considerato un prezioso agente topico nel trattamento di ustioni e ferite di guarigione. Questo acido grasso può anche nutrire la pelle se assunto per via orale e in quantità adeguate. Questo è un metodo utile per il trattamento di malattie sistemiche della pelle, come la dermatite atopica. L’unica altra grande fonte vegetale di acido palmitoleico è la frutta secca di macadamia.

L’olio di Olivello spinoso è ampiamente usato da solo o applicato localmente per ustioni, scottature, ulcerazioni e infezioni. È un ingrediente per la protezione solare, in quanto blocca i raggi UV. Ha proprietà emollienti, promuove la rigenerazione dei tessuti, l’elasticità della pelle, riduce l’infiammazione, la secchezza cutanea e le ustioni, cura le ferite significative, promuove la guarigione dei tessuti e spesso si rivela utile nel trattamento dell’eczema. Non ha tossicità o effetti collaterali associati.

Proprietà e componenti:

Il succo del frutto è una fonte di quasi 190 sostanze bioattive, mentre il suo olio ha quasi 106 di questi componenti. L’olio è costituito da 6 tipi di vitamine liposolubili, 22 tipi di acidi grassi, 42 tipi di lipidi e 36 tipi di flavonoidi e fenoli.

  • La vitamina – A è tre volte più della carota.
  • La vitamina C è 15 volte più dell’arancia.
  • Vitamina – C in 100gm di Mela = 6mg, Limone = 50 mg, Olivello spinoso = 1.540 mg
  • Vitamina – E è più di tutti i frutti.
  • È la fonte più ricca di SOD (ossido di zolfo dismutasi).
  • Fonte principale di vitamina – complesso B. 7.
  • Fonte principale di flavonoidi.

La pianta ha un gran numero di principi attivi le cui proprietà sono utilizzate con successo nell’industria cosmetica e in medicina. Le sostanze preziose contenute nell’olio di Olivello spinoso svolgono un ruolo importante nel corretto funzionamento del corpo umano e conferiscono alla pelle un aspetto bello e sano.

La Vitamina C è un importante componente nutrizionale dei frutti di H. rhamnoides, il cui livello supera quello di limoni e arance. L’Olivello spinoso ha dimostrato una potente attività antiossidante, principalmente attribuita ai suoi flavonoidi e al contenuto di vitamina C.

Vitamina A:

La vitamina A, nota anche come retinolo, e l’acido retinoico (RA) sono ampiamente riconosciuti come fattori importanti nel mantenimento di cellule e tessuti sani. La vitamina A è un micronutriente essenziale coinvolto in una serie di attività biochimiche necessarie per la normale funzione biologica, tra cui la visione e l’immunocompetenza. La carenza di vitamina A è anche associata ad un aumento della mortalità da malattie respiratorie e gastrointestinali. Ciò è dovuto all’indebolimento del sistema immunitario in quanto avviene una rottura delle barriere resistenti alle superfici epiteliali e mucose, vi è una compromissione dell’immunità sia umorale che cellulare.

Vitamina E:

La vitamina E è il termine per un gruppo di tocoferoli e tocotrienoli, di cui a-tocoferolo ha la più alta attività biologica. Ha potenti proprietà antiossidanti, previene le malattie croniche che, si ritiene, siano associate allo stress ossidativo. La vitamina E funziona come un antiossidante e impedisce la propagazione delle riserve di radicali liberi. Nell’uomo, una grave carenza di vitamina E porta ad anomalie neuro-muscolari caratterizzate da atassia spino cerebellare e miopatie.

La vitamina E viene assorbita nell’intestino ed entra nella circolazione attraverso il sistema linfatico. Il succo di Olivello spinoso contiene una grande quantità di carotenoidi e vitamina E. L’alfa-tocoferolo è la forma più attiva di vitamina E negli esseri umani ed è un potente antiossidante biologico. La vitamina E ha un ruolo fondamentale nel normale metabolismo di tutte le cellule. Pertanto, la sua carenza può interessare diversi sistemi di organi.

Vitamina K:

La vitamina K è un gruppo di molecole coinvolta nella coagulazione del sangue, nella conservazione della densità minerale ossea e nella protezione contro la calcificazione vascolare. La sua carenza comporta la perdita di densità minerale ossea e un’alterazione della coagulazione del sangue con conseguente emorragia.

Acidi grassi insaturi:

I principali acidi grassi insaturi in Olivello spinoso sono un componente fisiologico delle membrane cellulari e delle membrane dei mitocondri e svolgono un ruolo fondamentale nel meccanismo di trasporto cellulare e nella trasmissione dei segnali neuronali.

Olivello spinoso contiene acido oleico (omega-9), acido palmitoleico (omega-7), acido linoleico (omega-6) e acido linolenico (omega-3).

  • L’acido linoleico, insieme all’acido α-linolenico, costituiscono gli acidi grassi essenziali, che il corpo umano non può sintetizzare da solo. L’olio di Olivello spinoso è l’unico olio che presenta naturalmente omega-3 e omega-6.
  • Gli omega 3 e 6 sono essenziali per lo sviluppo e la crescita e svolgono un ruolo chiave nella prevenzione e nella gestione delle malattie coronariche, dell’ipertensione, del diabete, dell’artrite, del cancro e di altre condizioni infiammatorie e autoimmuni.
  • Gli acidi grassi omega-3 riducono significativamente i fattori di rischio per le malattie cardiache, riducono i livelli di trigliceridi nel sangue, colesterolo LDL, lipidi sierici, glicemia, diabete e sindrome metabolica.
  • L’assunzione di acidi grassi nell’alimentazione influenza lo stato cellulare ossidativo molecolare e infiammatorio, inibisce la produzione di glucosio e migliora la produzione di insulina.

Omega 9:

Omega-9 (acido oleico) è un acido grasso monoinsaturo presente negli oli animali e vegetali. Si trova anche in olive, avocado, mandorle, pistacchi, anacardi, nocciole, noci di macadamia e semi di papaia.

  • L’acido oleico riduce il rischio di infarto e aterosclerosi. Aiuta anche a prevenire il cancro.
  • Ha effetti benefici sulle malattie autoimmuni e infiammatorie, facilita la guarigione delle ferite, elimina gli agenti patogeni come batteri e funghi, ha attività ipotensiva.
  • È risultato efficace nell’invertire l’effetto inibitorio nella produzione di insulina della citochina infiammatoria. È un nutriente benefico nelle malattie neurologiche.

 Omega 7:

  • Cura e previene la Candida albicans.
  • Svolge un ruolo importante come trattamento non farmacologico per il diabete e le disfunzioni epatiche.
  • Potenzia il sistema immunitario.
  • Migliora l’idratazione e l’elasticità della pelle e riduce le rughe.
  • Aiuta la guarigione delle ferite e allevia le ustioni.
  • Riduce l’infiammazione della pelle e delle mucose.
  • Allevia ulcera e gastrite.
  • Migliora i sintomi della sindrome dell’occhio secco.
  • Riduce la secchezza delle mucose (vaginali, oculari, respiratorie).
  • Migliora il profilo lipidico nei pazienti con sindrome metabolica.
  • Previene la resistenza all’insulina associata all’obesità.
  • Favorisce l’aumento dei livelli di colesterolo HDL e la diminuzione del colesterolo LDL.

 Omega 3:

Gli acidi grassi omega-3 hanno una varietà di effetti antinfiammatori e immunomodulanti che possono essere rilevanti per l’aterosclerosi e le sue manifestazioni cliniche, dovute a infarto miocardico, morte improvvisa e ictus.

  • Riducono la mortalità cardiovascolare nei pazienti con malattie cardiache, grazie alla loro qualità antinfiammatoria e antiaritmica.
  • Migliorano il profilo lipidico.
  • Abbassano i livelli dei trigliceridi.
  • prevengono lo sviluppo della placca inibiscono l’aggregazione piastrinica.

Hanno effetti benefici in diverse malattie:

  • tumori (seno, colon-retto, prostata, ecc.)
  • asma
  • malattia infiammatoria intestinale
  • artrite reumatoide
  • osteoporosi
  • depressione e disturbo bipolare

Omega 6:

Ha effetti positivi su:

  • dermatiti ed eczemi
  • acne
  • artrite reumatoide
  • sindrome premestruale
  • prevenzione delle malattie cardiache
  • protegge la pelle dalle infezioni
  • contrasta le allergie
  • allevia le infiammazioni
  • rallenta il processo di invecchiamento

È necessario per la normale funzione delle ceramidi dello strato corneo, che impediscono la perdita di acqua trans epidermica. La sua carenza comporta grave dermatosi squamosa.

Ha effetti benefici sulle mucose e sulla pelle, rafforza la barriera lipidica dell’epidermide, protegge la pelle dalla perdita epidermica di acqua e normalizza il metabolismo della pelle, migliora l’attività delle ghiandole sebacee, sblocca i pori e diminuisce il numero di comedoni, ha effetto positivo sulla psoriasi.

Migliora la circolazione sanguigna (importante per il nutrimento e l’ossigenazione della pelle, nonché per rimuovere l’eccesso di tossine).

Un ottimo rimedio contenente Olivello Spinoso e acidi grassi è BioAttivo Omega 7 Pharma Nord

BioAttivo Omega 7 (pharmanord.it)

Disponibile con sconto  del 30% al seguente link, inserendo Il codice  Zar30:

https://www.pharmanord.it/webshop

DiAlessandra Zarone

Avena, rimedio naturale per insonnia ed altre patologie

Avena, rimedio naturale per insonnia ed altre patologie:

L’avena comune (Avena sativa) è un rimedio naturale per insonnia ed altre patologie . Fa parte della famiglia delle Poacee (o Graminacee) ed è la specie più nota del genere Avena.

E’ un cereale appartenente alla famiglia delle Graminacee; conosciuta sin dai tempi antichi sia per l’alimentazione umana che per il foraggio del bestiame viene oggi particolarmente apprezzata per le sue proprietà e benefici per la salute dell’organismo umano.

L’origine dell’avena è incerta e la sua provenienza è contesa tra India, Cina ed Egitto.

Le vitamine presenti la B1, B2, B3, B5 e B6 per quanto riguarda il gruppo B ed a cui si aggiungono la vitamina K e J, mentre, in piccolissima quantità, troviamo la vitamina E.

È utile come integratore a chi soffre di insonnia, depressione e disordini dell’appetito.
Questo perché contiene due alcaloidi: la gramina, un composto indolico che pare agire sul recettore del neurotrasmettitore acido gamma-amminobutirrico o GABA; e l’avenalumina, che sembra agire positivamente sul metabolismo delle catecolammine.
Regola il colesterolo attraverso la presenza di alcuni composti steroidei : triterpenoidi e saponine chiamati avenacine e avenacosidi A e B.
A dosi alte può dare luogo a cefalea, soprattutto localizzata nella zona della nuca, per l’elevato contenuto di vitamina B12.
Tra le sostanze minori, troviamo l’avenina, con proprietà tonificanti, apporta benefici alla ghiandola tiroidea, e la auxina, una sostanza vegetale simile agli ormoni.
Recenti studi hanno avvalorato la tesi che sostiene le proprietà benefiche dell’avena nei confronti della riduzione del colesterolo “cattivo” e la conseguente prevenzione per quanto riguarda il morbo di Parkinson e l’Alzheimer; il suo basso indice glicemico invece lo rende un alimento adatto per i soggetti diabetici.

Uno studio condotto sui fiocchi d’avena e pubblicato sul British Journal of Nutrition, ha dimostrato come l’assunzione di avena sin dai primi mesi di vita sia in grado di ridurre il rischio di diventare asmatici addirittura del 66%.

I fiocchi di avena, insieme a quelli di altri cereali e frutta secca, vengono utilizzati nella preparazione del muesli.
La farina di avena può essere utilizzata insieme a quella di frumento, o da sola per fare biscotti e altri prodotti da forno.

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, acquistabile in farmacia. Per maggiori informazioni clicca qui

 

Se desideri un Consulto Naturopatico volto alla prevenzione delle patologie descritte, contattami.