Archivio dei tag cuore

DiAlessandra Zarone

Vitis vinifera e potassio

Vitis vinifera e potassio

Uva

Vitis vinifera (Vitaceae)

L’uva è un vitigno rampicante originario dell’Asia. La vite cresce fino a circa 9 metri e ha fiori verdi che si sviluppano in frutti verdi dolci o rosso porpora.

Gli egiziani producevano vino fin dal 3500 a.C. e uva secca per fare l’uvetta prima di quel momento.

Riferimenti alle proprietà curative dell’uva possono essere trovati negli scritti degli antichi egizi, Ippocrate e degli altri medici greci e romani.

Originaria dell’Europa meridionale e dell’Asia occidentale, le uve sono coltivate nelle regioni temperate calde di tutto il mondo per i loro frutti e per produrre vino. Le foglie vengono raccolte in estate, il frutto in autunno.

Parti Usate:

Foglie, frutta, semi, linfa.

L’uva contiene flavonoidi, tannini, tartrati, inositolo, caroteni, colina e zuccheri. Il frutto contiene acidi tartarico e malico, zuccheri, pectina, tannino, glicosidi flavoni, antociani (nelle foglie rosse e nell’uva rossa), vitamine A, B1, B2 e C e minerali. Gli antociani riducono la permeabilità capillare.

Nicholas Culpeper nel 1652 esaltava le virtù della vite, descrivendola come “un albero del sole molto galante molto simpatico al corpo dell’uomo, e questa è la ragione per cui lo spirito del vino è il più grande cordiale tra tutti gli ortaggi“.

Azioni e usi medicinali

Le foglie di vite, in particolare le foglie rosse, sono astringenti e antinfiammatorie. Sono prese in infusione per trattare la diarrea, il sanguinamento mestruale pesante e l’emorragia uterina, come lavaggio per le ulcere della bocca e per le perdite vaginali. Le foglie rosse e l’uva sono utili nel trattamento delle vene varicose, delle emorroidi e della fragilità capillare. La linfa dei rami è usata come lavaggio degli occhi. L’uva è nutriente, leggermente lassativa, sostiene il corpo attraverso le malattie, in particolare del tratto gastrointestinale e del fegato. Poiché il contenuto di nutrienti dell’uva è vicino a quello del plasma sanguigno, i digiuni d’uva sono raccomandati per la disintossicazione. La frutta secca (uvetta o ribes) è leggermente espettorante ed emolliente, con un leggero effetto lenitivo della tosse. L’aceto di vino è astringente, rinfrescante e lenitivo per la pelle. Ricerca L’estratto di semi d’uva ha una potente attività antiossidante e circolatoria-protettiva. Normalizza la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, è un   rimedio preventivo e antiage che supporta una circolazione sana. Uno studio ha scoperto che l’estratto di semi d’uva riduceva il gonfiore delle gambe nelle donne sane che dovevano stare sedute al lavoro  per lunghi periodi di tempo. Studi recenti indicano anche che l’estratto di semi d’uva può essere utile nella steatosi epatica non alcolica e nel diabete di tipo 2.

L’olio di vinaccioli è prodotto dai residui di uve che sono state pressate per il vino. L’olio è ampiamente usato in creme, oli da massaggio e su persone allergiche ad altri oli.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it) o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Biancospino nella tradizione folclorica

Biancospino nella tradizione folclorica

Crataegus, Biancospino

Crataegus oxyacantha auct. Linn non. Crataegus crenulata Roxb. Crataegus songarica C. Koch. Crataegus oxyacantha (Biancospino inglese)

E’un albero ornamentale, alto 600-900 cm, presente nell’Himalaya nord-occidentale dall’Indo al Ravi, ad altitudini di 2000-3000 m. Crataegus crenulata Roxb., syn. Pyracantha crenulata Roem, si trova nell’Himalaya da Sutlaj al Bhutan, ad altitudini di 800-2500 metri.

Crataegus crenulata è un grande arbusto, che si trova soprattutto nella zona di Uttarakhand e Himachal, ad altitudine di 900-1500 metri, a Chambaa, Kaanaataal, Ghanshtaal, valle di Bhilanganaa, valle di Jamunaa, Tauns. Trovato anche ad Almora.

Nomi classici e comuni Vernacolare: Ban Sengli , Ban Sanjli (Ricchezza dell’India), Ring, Ringo, Pingyat Ghingaaru. Inglese: Hawthorn

Uso tradizionale

L’estratto o succo di Crataegus crenulata, localmente noto come Ghingaaru, è usato come tonico nelle malattie cardiache nelle aree di Chambaa, Kaanaataal, Ghanshtaal, bhilanganaa, valle di Jamunaa, Tauns dell’Himalaya nord-occidentale. Un’altra varietà, Crataegus songarica, che si trova nella regione del Kashmir, è usata localmente nelle malattie cardiache. I frutti sono usati come tonico cardiaco in una marmellata. Una bevanda, simile al tè, viene preparata dalla corteccia. Le bacche di biancospino non sono ancora entrate nei tonici cardiaci in India.

I costituenti chiave delle specie di Crataegus sono i bioflavonoidi (rutina, quercitina), i triterpenoidi, i glicosidi cianogenici, le ammine (trimetilammina solo nei fiori), i polifenoli, le cumarine e i tannini. I bioflavonoidi del biancospino rilassano e dilatano le arterie, in particolare le arterie coronarie. Aumenta il flusso di sangue ai muscoli cardiaci e riduce i sintomi dell’angina. I bioflavonoidi sono fortemente antiossidanti, aiutano a prevenire o ridurre la degenerazione dei vasi sanguigni. I glicosidi cianogenici sono sedativi e aumentano il tono parasimpatico (vagale) del cuore, rallentandolo, inoltre, la trimetilammina stimola leggermente la frequenza cardiaca e ha un effetto vasocostrittore periferico. La combinazione di queste proprietà aiuta a spiegare l’effetto paradossale e prezioso di esercitare un’azione simpatica sulla circolazione coronarica e l’azione parasimpatica sul muscolo miocardico. Il biancospino migliora l’afflusso di sangue al cuore dilatando i vasi coronarici; migliora i processi metabolici nel cuore, aumenta la forza di contrazione del muscolo cardiaco, elimina alcuni tipi di disturbi del ritmo, inibisce l’enzima di conversione dell’angiotensina.

Crataegus rotundifolia Moench var., “mînesaga’wîc” [cespuglio spinoso].

Gli indiani della foresta Potawatomi usano le bacche come medicina per curare i disturbi di stomaco.

Tra i bianchi, le foglie sono state utilizzate in medicinali, considerati adatti per alleviare le infezioni del torace.

Molte specie di Crataegus sono variabili, il che in passato ha portato alla denominazione di oltre 1.000 specie diverse, alcune delle quali erano probabilmente ibridi. Recenti ricerche hanno ridotto considerevolmente questo numero, ma le numerose forme e ibridi presentano ancora un problema di identificazione. I nomi comuni di C. laevigata si riferiscono a diversi aspetti della pianta: “quickset” dal suo uso come siepe “veloce” o “vivente”; anche “pane e formaggio” grazie alle gustose foglie giovani, che tradizionalmente venivano aggiunte ai panini nelle zone di campagna. Molte pratiche sono associate al biancospino, in particolare l’usanza di andare “a Maying” e scegliere una regina di maggio, che precede i tempi cristiani. In epoca pagana, il re e la regina del maggio venivano uccisi alla fine della stagione di crescita.

È stato usato in Europa fin dal Medioevo come rimedio per il cuore, ed è stato recentemente adottato per questo scopo, come aiuto digestivo, dai praticanti di medicina tradizionale cinese.

C.laevigata e C. monogyna, e i loro ibridi, sono usati in modo intercambiabile per scopi medicinali.

 

C. pinnatifida

È stato menzionato per la prima volta come erba nel Supplemento all’estensione della Materia Medica di Zhu Zhen Heng (c. 1347). I frutti di un’altra specie cinese, C. cuneata, hanno un sapore aspro ma gradevole e sono usati principalmente per la diarrea.

Parti utilizzate: bacche.

In Medicina Cinese, è un rimedio agrodolce e riscaldante, migliora la circolazione periferica, e regola la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e il flusso sanguigno coronarico. Internamente è indicato per disturbi circolatori e malattie cardiache di ogni tipo, spesso combinati con Selenicereus grandiflorus , Tilia spp. Viscum album, o Scutellaria lateriflora. A differenza della maggior parte delle piante medicinali che agiscono sul cuore, il biancospino è relativamente non tossico, anche se il suo uso per condizioni così gravi dovrebbe essere limitato a professionisti qualificati.

È uno stimolante digestivo, circolatorio e uterino che ha anche proprietà ipotensive e antibatteriche. Internamente è usato per “ristagno alimentare”, un termine usato nella medicina cinese per coprire la sindrome dell’intestino irritabile o la debolezza della cistifellea, ipertensione associata a malattia coronarica, problemi mestruali e dolore post-partum. I frutti sono usati crudi per disturbi circolatori e cotti per problemi digestivi.

I frutti vengono essiccati interi per l’uso in decotti, estratti liquidi e tinture.

 

Un ottimo rimedio contenente i rimedi descritti è Alato 28, ALATO 28 (lafenicesas.it) , indicato per senso di angoscia e oppressione nella regione cardiaca, palpitazioni, ansietà, insonnia, eretismo cardiaco, disponibile qui : ALATO 28 (lafenicesas.it) o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale : Luppolo

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale : Luppolo

Un elemento chiave del sistema nervoso, connesso all’ansia, è l’amigdala, che integra le informazioni provenienti da input sensoriali corticali e talamici per generare comportamenti legate alla paura e all’ansia.

I cambiamenti nei modelli di stile di vita, associati all’aumento dello stress, gravano sulla salute mentale. Lo stress sfida i meccanismi omeostatici dell’organismo, innescando una cascata di eventi che dovrebbero, normalmente, mantenere o consentire un ritorno all’equilibrio. Gli eventi stressanti sono percepiti dai sistemi sensoriali nel cervello, facilitando la valutazione e il confronto degli stimoli esistenti e precedenti, nonché l’attivazione di ormoni responsabili della mobilitazione energetica. Il sistema limbico coordina il rilascio di corticosteroidi, gli ormoni dello stress primario, modulando l’attivazione del nucleo paraventricolare ipotalamico (PVN). L’amigdala, una struttura limbica legata al comportamento emotivo, ha un ruolo putativo nella valutazione degli eventi emotivi e nella formazione di ricordi spaventosi; è anche un bersaglio dei mediatori neurochimici e ormonali dello stress. I dati clinici e sperimentali hanno dimostrato la stretta relazione fra i cambiamenti correlati nella struttura/funzione dell’amigdala con i disturbi emotivi come l’ansia.

L’ansia e i disturbi associati sono comuni nei pazienti con malattie cardiovascolari e possono influenzare significativamente la salute cardiaca. I disturbi d’ansia sono associati all’insorgenza e alla progressione della malattia cardiaca.

Il cervello ha 100 miliardi di cellule nervose (neuroni) e ognuna di esse si connette con molte altre per formare reti di comunicazione.

Queste cellule nervose hanno il compito di far pensare, imparare, ricordare, vedere, ascoltare e annusare. Le cellule cerebrali  elaborano e memorizzano le informazioni per comunicare con altre cellule.
Mantenere tutto in perfetto equilibrio richiede grandi quantità di energia e ossigeno e  volta perso  tale equilibrio, nel cervello iniziano a manifestarsi una serie di serie di disturbi , ad esempio il Morbo di Alzheimer,  il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington, depressione, epilessia, schizofrenia, ansia, ecc. Queste malattie sono caratterizzate da un disturbo molto complesso nella funzione cerebrale.

Luppolo

Le infiorescenze femminili di Humulus lupulus (luppolo), sono state a lungo utilizzate nella medicina tradizionale, principalmente per trattare i disturbi del sonno. Tuttavia, l’attività sedativa è ancora in fase di studio, al fine di riconoscere i principi attivi responsabili degli effetti neurofarmacologici osservati negli animali da laboratorio e il loro meccanismo d’azione. Questa attività di sedazione potrebbe essere attribuita a tre categorie di costituenti degli estratti di luppolo lipofilo. Sebbene gli acidi α-amaro si siano rivelati i costituenti più attivi, gli acidi β-amaro e l’olio di luppolo hanno chiaramente contribuito all’attività sedante degli estratti di Humulus che promuovono la dissolubilità o l’assorbimento dei lipidi.

Luppolo è un rimedio stomachico, antibatterico e antimicotico, lo xantumolo in esso contenuto, ha capacità chemio preventiva del cancro della prostata e del seno. Ha proprietà estrogeniche, neuro preventiva, antinfiammatorie e antimicrobiche, è utile nella gestione della menopausa e dell’osteoporosi.

Il luppolo (Humulus lupulus L.) contiene polifenoli (antiossidanti naturali), che si ritiene siano nutrienti efficaci nella prevenzione di malattie ossidativi legate allo stress come il cancro e le malattie cardiache. Il luppolo e i suoi estratti ritardano la degradazione ossidativa e lipidica, grazie ai suoi costituenti antiossidanti, principalmente composti fenolici.

La pianta comune del luppolo (Humulus lupulus L.) è un vitigno resistente e dioico la cui parte aerea è erbacea e annuale, mentre il portinnesto è perenne, e può creare radici avventizie ogni anno. È una specie del genere Humulus che appartiene alla famiglia delle Cannabacee, la cui origine potrebbe essere la Cina.  Può essere trovato principalmente nelle foreste decidue e nei boschetti dell’Europa e dell’Asia occidentale e in altre zone con clima temperato. Il luppolo è stato coltivato a Babilonia intorno al 200 d.C. ed è stato in uso per secoli principalmente come ingrediente della birra. I coni di luppolo sono la porzione più utilizzata di questa pianta, tuttavia, ci sono parti come i giovani germogli possono essere mangiati.

Nella medicina popolare, i coni di luppolo erano utilizzati per il controllo degli spasmi, dell’ansia, della febbre, dell’infiammazione, dell’attivazione della funzione gastrica e del trattamento dei disturbi del sonno. In effetti, il luppolo presenta numerosi benefici per la salute, grazie all’attività antibatterica, antifungina, cardioprotettiva, antiossidante, antinfiammatoria, anticancerogena e antivirale. Nel 2015 è stata scoperta una necropoli romana nei pressi del comune di Passo Corese e Fara, nel Lazio. In questo contesto archeologico sono state individuate 42 tombe di diverse tipologie. La datazione al radiocarbonio, eseguita presso il Centro di Diagnostica e Datazione (CEDAD, Università del Salento) su ossa umane, ha rivelato che il sepolcreto era in uso tra il I e il III secolo D.C. In questa ricerca, applicando sia la microscopia ottica che la spettrometria di massa per gascromatografia su questa matrice, è stata eseguita un’indagine qualitativa dettagliata per ricostruire lo stile di vita di una comunità imperiale romana dell’Ager Curensis (Sabina Tiberina, Italia centrale). Humulus lupulus L.) era presente nel campione di calcolo dentale, ciò dimostra che gli alimenti di origine vegetale venivano regolarmente consumati insieme alle risorse animali.

Il rilevamento di humulolo ha suggerito il potenziale utilizzo di Humulus lupulus L., il luppolo. L’estratto di infiorescenza di questa specie era considerato dai Romani come sedativo per l’insonnia e l’ansia, mentre foglie e germogli venivano consumati come verdure nelle insalate.

Nel corso dei secoli, i fiori secchi venivano utilizzati in cuscini chiamati “luppolo”, per combattere l’insonnia. L’uso di infiorescenze di luppolo essiccate e verdi per usi diuretici e disturbi dell’apparato digerente, sono stati verificati nell’area del parco di Montesinho, in Portogallo. In Cina, gli estratti alcolici di luppolo erano usati per trattare la lebbra, la tubercolosi e la dissenteria. Nel medioevo era utilizzato in infusi in qualità di tonico fisico. Luppolo è utilizzato dalla medicina tradizionale messicana per trattare l’insonnia.

 Alato 2, è  un sedativo del sistema nervoso centrale contenente Luppolo, indicato nei disturbi organici legati a una forte componente emotiva-nervosa .

Acquistabile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Le virtù sconosciute di Equiseto

Equiseto discende da piante antiche del periodo carbonifero della Preistoria .

Raccomandato dal medico romano Galeno, diverse culture hanno impiegato l’equiseto come rimedio popolare per problemi ai reni e alla vescica, artrite, ulcere sanguinanti e tubercolosi. E utilizzato dalla Medicina Cinese   per raffreddare febbri e come rimedio per infiammazioni oculari come congiuntivite e disturbi corneali, dissenteria, influenza, gonfiori ed emorroidi.

 

Sistema urinario

L’equiseto è un’erba astringente e ha un’azione diuretica. Lenisce infiammazioni, emorragie, ulcerazioni, cistiti e infezioni. È considerato un rimedio specifico in caso di infiammazione o ingrossamento benigno della ghiandola prostatica ed è anche usato per velocizzare la rimozione dei calcoli renali.

La sua azione tonica e astringente lo rendono utile in caso di incontinenza, uretrite o cistite con ematuria, riduce l’emorragia e le ferite grazie all’alto contenuto di silice. Questo effetto astringente e anti-emorragico spiega l’utilizzo dell’equiseto in caso di sanguinamento di bocca, naso e vagina, diarrea, dissenteria e sanguinamento dall’intestino e ferite a lenta guarigione e congiuntivite.

Può essere assunto internamente per arrestare  il sanguinamento causato da ulcere o ridurre un abbondante flusso mestruale. Può anche essere usato in gargarismi e risciacquo della bocca per mal di gola e gengive sanguinanti o ulcere alla bocca. Esternamente è un vulnerario e può anche essere applicato come impacco a fratture e distorsioni, ferite, piaghe, problemi alla pelle e gargarismi per infiammazioni della bocca e delle gengive.

Avvertenze: La somministrazione di acido silicico causa leucocitosi (un temporaneo aumento dei globuli bianchi).

Sistema immunitario

L’equiseto ha proprietà antibatteriche e antisettiche, il che significa che l’estratto può proteggere dall’invasione di agenti patogeni estranei e sostanze che possono compromettere il nostro sistema immunitario.

Apparato osseo e articolare

Utile in caso di gonfiore doloroso e infiammazione in parti del corpo, lesioni, artrite e gotta I composti analgesici e antinfiammatori trovati in questa erba possono alleviare rapidamente i sintomi . Grazie alla presenza di silicio, il corpo può riparare ossa, collagene e altri tessuti corporei, proteggere la densità e l’integrità dei minerali ossei .

Sistema cognitivo

Gli effetti antiossidanti dell’equiseto sono stati collegati a maggiori capacità cognitive negli studi di laboratorio, probabilmente a causa dell’aumento dell’efficienza del percorso neurale quando i radicali liberi vengono eliminati dal sistema. Ciò significa che l’equiseto non è solo un’erba che aumenta il cervello, ma può proteggerti da disturbi cognitivi come il morbo di Alzheimer e la demenza senile.

Sistema respiratorio

Utile in caso di problemi respiratori, come congestione o raffreddori frequenti, equiseto agisce come espettorante, eliminando muco e catarro evitando il moltiplicarsi dei batteri e aiutando allo stesso tempo a rafforzare il sistema immunitario .È indicato in caso di   tubercolosi o enfisema.

Epidermide

L’estratto di equiseto si trova comunemente in varie creme e prodotti di bellezza organici, come la miscela unica e complessa di antiossidanti, antinfiammatori, silice e altri composti, che sono potenti agenti per la cura della pelle. Se vuoi ridurre il rossore di bolle o acne, eliminare l’eczema o la psoriasi o prevenire l’invecchiamento precoce, l’estratto di equiseto contiene tutti i componenti necessari per farlo.

Diabete

Secondo una ricerca pubblicata sul Journal of Ethnopharmacology l’uso di integratori di equiseto riequilibra i livelli di insulina, abbassando la glicemia quando necessario.

Sistema renale

Regolare la minzione e l’eliminazione delle tossine è fondamentale per la salute generale, e l’estratto di equiseto può aiutare a raggiungere questo obiettivo. Sono stati fatti collegamenti tra l’aumento dell’eliminazione dell’acido urico e il consumo di equiseto. L’acido urico è ciò che crea calcoli renali dolorosi, che possono causare il lavoro inefficiente dei reni. Pertanto, aumentando l’escrezione naturale di questo acido, non c’è accumulo e la tua salute renale è protetta.

Cura dei capelli

La ricca miscela di minerali e composti organici di  equiseto aumenta la forza e lucentezza dei capelli e ne migliora la salute, riduce la caduta dei capelli e rafforza i follicoli piliferi .

Attività antibatterica e antiossidante

Equisetum arvense induce l’attività antibatterica e modula lo stress ossidativo, l’infiammazione e l’apoptosi nelle cellule vascolari endoteliali esposte allo stress iperosmotico.

I risultati degli studi  hanno dimostrato che Equisetum arvense L. ha effetti antibatterici sui cocci gram-positivi e, somministrato a bassa dose, può essere un nuovo approccio terapeutico per malattie associate a condizioni ipertoniche o stress ossidativo e apoptosi.

Sono state studiate le attività antiossidanti di Equisetum arvense L., Equisetum ramosissimum L. ed Equisetum telmateia L. phosphate buffer (pH 7). Sono state determinate le attività degli enzimi antiossidanti (superossido dismutasi, catalasi, guaiacolo perossidasi e glutatione perossidasi), quantità di glutatione ridotto, malonildialdeide, superossido e radicali idrossilici e flavonoide, proteine solubili, clorofilla a, b e carotenoide.

Anemia

Il succo di Equiseto fa bene all’anemia derivante da sanguinamento interno, come ulcere allo stomaco, poiché promuove la coagulazione del sangue. A causa del suo contenuto minerale l’equiseto è raccomandato per l’anemia e l’indebolimento generale. Ha una proprietà anti-aggregante piastrinica.

Cancro

Equisetum arvense L. ha effetti citotossici sulle cellule leucemiche umane, poiché inibisce le cellule tumorali.

Epato-protettivo

Gli studi hanno mostrato un’attività epatoprotettiva di Equiseto  , grazie alla presenza di  petrosine, onitina , flavonoidi, apigenina, luteolina, kaempferolo e quercetina.

 

HIV

I suoi enzimi essenziali hanno un effetto sull’ HIV.

 

Malattie cardiovascolari

Equisetum arvense  è utile nel trattamento o nella prevenzione delle complicanze da aggregazione piastrinica, legate alle malattie cardiovascolari.

Controindicazioni

L’ingestione cronica di questa erba può diminuire il livello di tiamina o B1 ,a causa del contenuto di tiaminasi. Beriberi ( rif  Beriberi – Wikipedia) è il segno della tossicità cronica.

Questa erba non deve essere consumata a lungo termine o da donne incinte. L’effetto diuretico può causare la perdita di potassio .

Tossicità

Un uso prolungato di equiseto può produrre effetti tossici. I Silicati danno problemi digestivi, soprattutto se usati a lungo. Gli Alcaloidi anche se non compaiono in forti concentrazioni, ad uso prolungato, possono facilitare il parto precoce, i disturbi nervosi, il mal di testa, la perdita di appetito, problemi di deglutizione, ecc. Queste intossicazioni costringono ad un trattamento che ripristina la carenza di tiamina.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico 

 

Un ottimo prodotto è Alato 16, acquistabile qui o in farmacia