Archivio dei tag soia

DiAlessandra Zarone

Legumi e Potassio

Legumi e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare.

Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

I legumi appaiono anche all’inizio dello sviluppo dell’agricoltura nel Nuovo Mondo. Resti di zucche, zucche, peperoni e fagioli (Phaseolus vulgaris) sono stati trovati in grotte a Ocampo in Messico, datati al radiocarbonio a 4000 B.C. o poco prima. Il fagiolo precede di circa 1 000 anni il cereale base delle Americhe, il mais, di cui non è stato ancora trovato alcun antenato selvatico. Non vi è alcuna indicazione che nel Vecchio Mondo piselli e lenticchie fossero coltivati prima del grano e dell’orzo, e forse ulteriori ricerche in diverse regioni mostreranno che cereali e legumi hanno la stessa antichità nella storia umana.

Il fagiolo di Lima (P. lunatus) è una pianta del Nuovo Mondo, trovato nelle tombe pre-Inca in Perù. In epoca precolombiana, era coltivato in tutta l’America tropicale, compresa la Florida. Oggi il fagiolo di Lima, sebbene meno diffuso del fagiolo, viene coltivato in molte regioni tropicali, tra cui l’Africa a sud del Sahara e il sud-est asiatico.

Coltivato fin dall’antichità nella regione mediterranea tra cui Egitto, Etiopia e Vicino Oriente fino all’Afghanistan, si è diffuso in Europa e in Asia, includendo la Cina. Il ”fagiolo’ originale in Europa  prima dell’arrivo della specie Phaseolus dall’America. Cocolmeca (il gruppo Phaseolus metcalfei) sono piante perenni leguminose degli altopiani (1.000-2.500 m di altitudine) del Nord America sud-occidentale. Il loro significato culturale è stato sottovalutato sia all’interno che all’esterno del loro areale naturale, dove sono stati utilizzati in epoca preistorica e storica. Utilizzato ampiamente come medicina sistemica, cibo, foraggio. L’uso dei semi come alimenti essiccati è stato abbandonato a causa dei cambiamenti nei modelli di sussistenza indiani e nella disponibilità delle piante stesse. Phaseolus angularis Wight (fagiolo adzuki) è una medicina popolare etnofarmacologicamente ben nota che viene prescritta per l’infezione, l’edema e l’infiammazione delle articolazioni, dell’appendice, dei reni e della vescica in Corea, Cina e Giappone.

Il testo “Shennong Bencao Jing” e “Beiji Qianjin Yao Fang” in Cina hanno menzionato gli usi etnofarmacologici di questa pianta e dei suoi semi. “Shennong Bencao Jing” ha riferito che il fagiolo Adzuki può rilassare l’intestino, promuovere la minzione, evacuare il pus, curare il beriberi, dissipare gli effetti dell’alcol. “Beiji Qianjin Yao Fang” scritto nel 652   A.D. da Sun Simiao, medico cinese,il quale ha  scritto  che il fagiolo Adzuki può curare l’edema e il beriberi della donna incinta. Inoltre, questa pianta viene utilizzata per controllare le infezioni o l’infiammazione del rene o della vescica e per migliorare le funzioni riproduttive. Questa pianta è anche incorporata come parte di una dieta antinfiammatoria per prevenire e ridurre i fattori di rischio per le malattie cardiache.

Studi scientifici

Acqua, estratti metanolici o etanolici di questa pianta hanno dimostrato di ridurre la pressione sanguigna, diminuire i livelli sierici di colesterolo, migliorare il diabete, stimolare la melanogenesi e la pigmentazione , inibire l’invasione e le metastasi delle cellule tumorali, e proteggere il fegato contro il danno indotto dal paracetamolo.

Il fagiolo adzuki (Vigna angularis) è una coltura tradizionale di leguminose che svolge un ruolo cruciale sia nella sostenibilità dei sistemi agricoli che nell’approvvigionamento di proteine alimentari.

I fagioli sono la prescrizione popolare per il trattamento della stitichezza cronica in Cina.

Adzuki è una buona fonte di acidi grassi essenziali, fibre, minerali e sostanze fitochimiche come polifenoli e fitati.

Soia, Glycine max

La soia o soja (Glycine max (L.Merr.) è una pianta erbacea della famiglia delle Leguminose, oggi delle Fabaceae, dopo la suddivisione in tre famiglie nuove, che approssimativamente corrispondono alle vecchie sottofamiglie in cui era divisa la famiglia delle Leguminose. È originaria dell’Asia orientale ed è coltivata per scopi alimentari. Allo stato spontaneo esiste una specie affine, Glycine soja, la soia selvatica.

Fu coltivata per la prima volta in Cina intorno all’XI secolo a.C., le prime piante di soia erano tipi rampicanti. Da lì la coltivazione si diffuse in Manciuria, Corea, Giappone e Russia, e in altri paesi asiatici.  Si ritiene che il suo antenato selvatico sia G. ussuriensis, una vite originaria dell’Asia nord-orientale. Come molte colture leguminose, la soia ha perso il modello di crescita avvolgente e rampicante dei suoi parenti selvatici.

È stata introdotto negli Stati Uniti all’inizio del XX secolo come coltura da fieno o da pascolo, ma è stata coltivato per i semi oleosi ed è ora la coltura da reddito più importante .

La soia è spesso considerata uno dei migliori alimenti antitumorali. Si dice che le popolazioni che consumano regolarmente soia abbiano livelli più bassi di cancro al seno nelle femmine e cancro alla prostata nei maschi, meno osteoporosi e meno sintomi della menopausa. Si dice anche che il consumo di soia combatta le malattie cardiovascolari e migliori la salute gastrointestinale. La sua fibra ha un modesto effetto benefico sui livelli di glucosio nel sangue nei diabetici e può abbassare il colesterolo lipoproteico totale e a bassa densità. L’isolato di proteine della soia abbassa anche il colesterolo nel sangue.

I più importanti benefici per la salute dei semi di soia sono che migliorano l’attività metabolica, hanno un potenziale antitumorale, potenziano il cuore, alleviano i sintomi della menopausa, migliorano la digestione, la salute delle ossa, migliorano la circolazione, controllano il diabete e alleviano i disturbi del sonno. I semi di soia possono eliminare il calore, disintossicare, facilitare la minzione, lubrificare i polmoni e l’intestino e servire come un’ottima fonte di proteine.

Le vitamine del gruppo B, la tiamina, la riboflavina, l’acido nicotinico e l’acido folico sono ben rappresentati e ci sono buone quantità di minerali, tra cui potassio. La soia è il seme oleoso più importante del mondo, l’olio estratto viene utilizzato per cucinare, come olio per insalata, nella margarina e negli accorciamenti; ci sono anche alcuni usi industriali, come nella vernice e nel sapone. Il residuo di semi è un costituente comune dell’alimentazione animale. I semi di soia vengono mangiati interi, divisi o germinati per dare germogli di fagioli. Possono essere trasformati per dare latte di soia e formaggio, o fermentati per dare salsa di soia. I semi tostati e le noci di soia possono essere inclusi in torte e caramelle. ‘Tofu’, ‘tempeh’, ‘miso’ e altri sono prodotti di soia simili al formaggio orientale.

Il fagiolo Mung (Vigna radiata (L.) Wilczek) o grammo verde, è originario della regione nord-orientale dell’India-Birmania (Myanmar) dell’Asia. Viene coltivato principalmente in Asia, Africa, Sud e Nord America e Australia principalmente per i suoi semi commestibili ricchi di proteine .

La gente apprezza il fagiolo mung, a causa dell’effetto medicinale oltre che nutritivo. Il più famoso trattato sulle erbe “Pen Chao Kung Mao” di Li Shih-Chen, 1578, durante la dinastia Ming, raccomanda il fagiolo mung come “l’ingrediente alimentare chiave”.

Il fagiolo mung, noto anche come lu dou, è un alimento tradizionale a base di soia verde, consumato principalmente in Asia orientale, in particolare in Cina e Giappone. È stato usato sia come alimento nutrizionale che come fitoterapia. Nella medicina tradizionale cinese, il fagiolo mung elimina il calore, disintossica, disseta, favorisce la minzione, riduce il gonfiore e l’edema agli arti inferiori. È raccomandato per edema, congiuntivite, diabete, dissenteria, calore estivo, colpo di calore, disidratazione e intossicazione alimentare da cibo avariato. Ha proprietà antiossidanti, antifungine, antimicrobiche, antinfiammatorie, antidiabetiche, antiipertensive e antitumorali. I fagioli mung sono ricchi di proteine facilmente digeribili. Contiene anche vitamina A, ferro, calcio, zinco, folati,potassio, vitamine B1, B2 e C e niacina.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.