Archivio dei tag sistema immunitario

DiAlessandra Zarone

Vitamina D3 e Vitamina K2 in formaggio e yogurt

Vitamina D3 e Vitamina K2 in formaggio e yogurt

Vitamina D3 + Vitamina K2 contribuiscono al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo. La vitamina D contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario. K2 deriva da Menachinone (NATTO estratto da Bacillus licheniformis).

Questa vitamina è prodotta principalmente dai batteri presenti nell’intestino. Nella sua forma meno attiva a livello biologico (MK-4) si concentra soprattutto nella carne e nei derivati animali, come uova, latte vaccino, yogurt.
Sono sempre i batteri intestinali quelli deputati alla sua trasformazione nella forma MK-7. A sua volta, la MK-7 si trova già trasformata nel cibo fermentato, come i formaggi fermentati e nel natto, che è soia fermentata. Si tratta di un alimento molto diffuso in Giappone, ma non così facile da reperire nei negozi occidentali.

Storia del formaggio

Secondo un’antica leggenda, il formaggio fu accidentalmente prodotto da un mercante arabo quando mise la sua scorta di latte in un sacchetto fatto di stomaco di pecora quando partì per un lungo viaggio di una giornata attraverso il deserto. Il caglio nel rivestimento del sacchetto combinato con il calore del sole ha causato la separazione del latte in cagliata e siero di latte. Questa storia sembra essere avvenuta circa 7000 anni a.C. nella Mezzaluna Fertile situata tra i fiumi Eufrate e Tigri in Iraq. I primi documenti negli inni vedici in India (da 6000 a 4000 a.C.), nei documenti egiziani (4000 b.C. e nei documenti babilonesi (2000 a.C.) mostrano chiaramente riferimenti a latte, burro e formaggio. Tuttavia, si ritiene che con l’avanzare della civiltà, l’arte della produzione del formaggio si diffuse attraverso il bacino del Mediterraneo nel resto del mondo. C’è un riferimento al formaggio nei tempi biblici (Giobbe 10:10 [ca. 1520 B.C.] e Samuele 1:17:18 e 2.17:29 [ca. 1017 b.C.]), ma la storia scritta è scarsa fino ai periodi dell’Impero greco e romano, quando vari autori hanno lasciato prove scritte. I documenti greci risalgono al 1550 a.C. circa e i documenti romani al 750 a.C., indicando che latte e formaggio erano componenti importanti della dieta di queste persone. All’inizio dell’era cristiana, latte e formaggio erano usati per il cibo in tutta Europa. Le operazioni di mungitura e cagliatura del latte sono raffigurate in un fregio sumero di El-Ubaid. Un materiale alimentare trovato nella Tomba di Hories Aha (ca. 3000 B.C.) è stato dimostrato essere formaggio. Una scena sulle pareti di una tomba di Rameside (100 a.C.) raffigura capre condotte al pascolo e anche sacchi di pelle sospesi ai pali. Tali sacchetti erano tradizionalmente usati per fermentare il latte dalle tribù nomadi. Durante la fermentazione, il drenaggio del siero di latte attraverso un panno o ciotole forate permetteva la raccolta della cagliata che, una volta salata, diventava formaggio. Ciotole con basi perforate, presumibilmente utilizzate per drenare il siero di latte, sono state trovate in diverse località in Europa e in Asia. Sono stati trovati anche cesti di canne e altri steli. Tali cesti sono usati oggi in India per fare sia il paneer Surati che la cagliata Dacca. Le impressioni di cesti trovati a Windmill Hill nel Dorset, in Inghilterra (ca. 1800 a.C.) indicano che il formaggio era fatto in Inghilterra ben prima dell’arrivo dei Romani. Il formaggio era incluso nell’offerta degli antichi greci agli dei sul Monte Olimpo, e la produzione del formaggio era chiaramente un mestiere ben consolidato al momento della scrittura di Omero. Omero, ca. 1184 B.C., riferito al formaggio prodotto con il latte di pecore e capre nelle grotte dal ciclope Polifemo.19 Tale formaggio potrebbe essere stato l’antenato del formaggio feta prodotto ampiamente in Grecia oggi.8 Più tardi, Erodoto, da 484 a 408 B.C., si riferisce al formaggio scita fatto con latte di cavalla, mentre Aristotele (da 384 a 322 B.C.) notò che il formaggio frigio era fatto con il latte di fattrici e asini. Il commercio di formaggio tra i paesi divenne importante durante il dominio dell’imperatore romano Diocleziano (284-205 d.C.). Nel 14 ° secolo, la produzione di formaggio era un’industria considerevole in Svizzera, ma l’esportazione era vietata. A quel tempo, un mercato del formaggio era operativo a Gouda, in Olanda, e si dice che il primo caseificio cooperativo sia stato avviato nel Voralberg nei Balcani intorno al 1380. Nel 1500, si registra che l’espansione della produzione di formaggio in Inghilterra, Francia, Germania e Olanda ha portato l’Italia a perdere la sua posizione dominante come produttore di formaggio.17 Il formaggio Cheddar ha avuto origine nel villaggio di Cheddar nel Somerset, in Inghilterra, ed era popolare durante il regno della regina Elisabetta I (1558-1603), anche se si dice che fosse conosciuto da tre secoli prima. Il periodo dal 1860 al 1880 vide l’introduzione di un sistema di fabbrica in tutto il mondo della caseificazione.
Il primo caseificio fu fondato nella contea di Oneida, New York, e si dimostrò Nel 1870 fu aperto il primo caseificio britannico nel Derbyshire. Alcuni formaggi furono sviluppati solo in seguito per estinguersi. I cambiamenti nella pratica agricola, nell’ambiente, nelle abitudini alimentari, nelle condizioni sociologiche, ecc., Sono stati indicati come ragioni per la scomparsa di alcune varietà di formaggio, ma la reazione dei consumatori è probabilmente la ragione principale. Il mestiere era tradizionalmente tramandato, di solito di madre in figlia, con il passaparola o con l’insegnamento pratico, ma l’arte della produzione del formaggio era mantenuta viva dai monasteri in Europa. Occasionalmente, venivano prodotte alcune nuove varietà di formaggi, ma queste non avevano lo stesso successo di quelle registrate dai monaci. I monasteri, attraverso lo scambio di monaci, diffondono la conoscenza dei metodi di caseificazione. . Il mestiere era tradizionalmente tramandato, di solito di madre in figlia, con il passaparola, o occasionalmente, venivano prodotte alcune nuove varietà di formaggi, ma questi non avevano lo stesso successo di quelli registrati dai monaci. I monasteri, attraverso lo scambio di monaci, diffondono la conoscenza dei metodi di caseificazione. Sei paesi – Italia, Francia, Inghilterra, Olanda, Svizzera e Germania – sono considerati i “sei grandi” nella storia della produzione del formaggio. La maggior parte delle varietà di formaggio consumate oggi provengono da questi paesi. Sir Joseph Lister isolò per la prima volta il batterio del latte ora noto come Lactococcus lactis nel 1878. Dopo la sua scoperta, sono stati fatti tentativi di utilizzare colture selezionate di batteri lattici per fare formaggio, burro e latte fermentato. Il primo esempio dell’uso di una coltura selezionata per produrre latte fermentato è riportato nel 1890 dallo scienziato danese Storch, che ha usato ceppi selezionati per la panna acida per la produzione di burro. Prima dell’uso delle colture, il formaggio era prodotto da: 1. Inacidimento naturale con regolazione della temperatura 2. Aggiunta di latte di siero di latte acido o latticello 3. Aggiunta di antipasto fatto in casa. Intorno al 1870, Hansen in Danimarca mise sul mercato una preparazione commerciale di caglio e, all’inizio del 1900, mise sul mercato culture commerciali per la produzione di formaggio. Ciò ha dato una spinta alla produzione di formaggio su una scala più ampia. Ci sono circa 2000 nomi assegnati ai formaggi in base alla zona di origine del formaggio, paese, fonte di latte, metodo di produzione, contenuto di umidità, colture utilizzate, inventore, metodo di maturazione, ecc. Di questi, circa 800 varietà sono state ben consolidate. Possono essere classificati in 18 tipi distinti. La descrizione di oltre 400 varietà è stata fornita dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA).

Yogurth

Yogurt (yogurt) Come nel caso di molti altri prodotti a base di latte fermentato, non sono disponibili registrazioni precise sull’origine dello yogurt. Si ritiene che l’antico popolo turco in Asia, dove vivevano come nomadi, abbia fatto per la prima volta lo yogurt. Il primo nome turco per questo prodotto apparve nell’viii secolo come “yoghurut” e fu successivamente cambiato nell’XI secolo nella sua ortografia attuale. Una leggenda narra che un angelo abbatté una pentola che conteneva il primo yogurt, mentre un’altra fonte sostiene che gli antichi turchi, che erano buddisti, erano soliti offrire yogurt agli angeli e alle stelle che li proteggevano. Gli abitanti della Tracia erano soliti produrre latte inacidito chiamato prokish dal latte di pecora, che in seguito divenne yogurt. Nella Bibbia, è riportato che quando il patriarca Abramo intrattenne tre angeli, mise davanti a loro latte inacidito e dolce (Genesi VIII, 8). Gli antichi greci e romani conoscevano anche le preparazioni di latte inacidito. La bibliografia dell’imperatore romano Eliogabalum (204-222 d.C.) menziona due ricette per il latte inacidito. Antichi medici del Vicino e Medio Oriente prescrivevano yogurt o latti inaciditi correlati per curare i disturbi dello stomaco, dell’intestino e del fegato e per stimolare l’appetito. Esistono anche registrazioni sull’uso di latti inaciditi, in particolare lo yogurt, per la conservazione della carne contro il deterioramento durante l’estate. I primi scrittori del Medio Oriente menzionano l’uso di latte inacidito come cosmetici per le donne persiane. Tuttavia, gli studi sistematici sulle proprietà terapeutiche dei latti fermentati sono iniziati dopo la pubblicazione del libro Prolongation of Life di Metchnikoff. In questo libro, Metchnikoff attribuì la lunga vita del bulgaro. In questo libro, Metchnikoff attribuiva la lunga vita del popolo bulgaro al consumo di grandi quantità di latte bulgaro contenente Lactobacillus bulgaricus. Più tardi, si è scoperto che Lb. bulgaricus non può essere impiantato nell’intestino. Nella ricerca di un altro organismo che inacidisca il latte, Moro nel 1900 descrisse Lb. acidophilus, che era isolato dalle feci dei neonati ed è un normale abitante dell’intestino umano. Questo organismo potrebbe essere impiantato nel tratto intestinale e quindi è stato selezionato come candidato più adatto per la produzione di latte fermentato con un valore terapeutico più elevato. Una delle prime produzioni industriali di yogurt in Europa fu intrapresa da Danone nel 1922 a Madrid.

Dopo la Seconda guerra mondiale, e in particolare dal 1950, la tecnologia dello yogurt e la comprensione delle sue proprietà sono progredite rapidamente. Lo yogurt prodotto negli Stati Uniti per molti anni è stato un prodotto a cagliata morbida molto diverso dallo yogurt simile alla crema pasticcera preparato in Medio Oriente. Gli organismi coinvolti in questo primo yogurt commerciale erano Lb. bulgaricus e Streptococcus thermophilus. La fermentazione è stata effettuata ad una temperatura inferiore a quelle prevalenti in Medio Oriente. Questo prodotto assomigliava al prodotto a cagliata morbida comunemente usato nelle aree settentrionali dell’Europa. Il metodo di preparazione variava considerevolmente, ma il processo di base, utilizzando batteri lattici ad alta produzione di acido, era lo stesso. Sono stati introdotti nuovi criteri per la selezione della cultura nella produzione di yogurt. L’integrazione della flora dello yogurt con Lb. acidophilus e Bifidobacterium bifidus allo scopo di aumentare il valore di promozione della salute del prodotto ha portato a nuovi latti coltivati variamente chiamati ACO-yogurt, acidophilus-bifidus yogurt, Bioghurt e Biogarde.

Un ottimo rimedio contenente D3 e K2 è  ALATO VIT. D3 + K2 (lafenicesas.it)

Disponibile qui o in farmacia

 

DiAlessandra Zarone

Zucca e vitamina D

Zucca e vitamina D

Zucca e vitamina D

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

E’ contenuta nella

 

Zucca

Cucurbita pepo (Cucurbitaceae) Zucca Descrizione Pianta annuale con steli intrecciati, foglie lobate, fiori gialli e grandi frutti arancioni. Probabilmente originaria del Nord America, la zucca si trova ora in tutto il mondo. Viene raccolto in autunno.

Parti Usate:

Semi, polpa.

Costituenti

I semi di zucca contengono un olio fisso (30-50%), che è principalmente acido linoleico (43-56%) e acido oleico (24-38%). L’olio contiene anche proteine (31-51%), steroli, cucurbitina, vitamina E, beta-carotene e minerali (4-5%), compresi livelli significativi di ferro, zinco e selenio.

Storia e folklore

La zucca è stata molto usata come medicina in Centro e Nord America. I Maya applicavano la linfa della pianta alle ustioni, i Menominee usavano i semi come diuretico e i coloni europei macinavano e mescolavano i semi con acqua, latte o miele per fare un rimedio per i vermi. Questa pratica divenne così diffusa nelle case di tutto il Nord America che la professione medica alla fine la adottò come trattamento standard.

Azioni e usi medicinali

La zucca è stata utilizzata principalmente come agente vermifugo sicuro ed efficace, in particolare nei bambini e nelle donne incinte per le quali i preparati ad azione forte e tossici sono inappropriati. Si pensa che sia più efficace nella rimozione delle tenie. I semi sono diuretici e tonici alla vescica e hanno un valore distinto nel trattamento delle prime fasi dell’allargamento della prostata. La polpa del frutto viene utilizzata come decotto per alleviare l’infiammazione intestinale e viene applicata come impiastro o cerotto per le ustioni. La gamma di composti medicinali e nutrizionali dei semi di zucca di ricerca assicura che abbiano un grande valore come integratore alimentare “naturale”. Una buona fonte dietetica di zinco, i semi contengono anche livelli relativamente alti di selenio, un minerale con importante attività antiossidante e antitumorale nel corpo. La cucurbitina respinge i vermi intestinali e gli steroli sono antinfiammatori. La ricerca suggerisce che i semi di zucca sono efficaci nell’aiutare a ridurre l’allargamento benigno della ghiandola prostatica (BPH), a causa sia dell’influenza ormonale degli steroli che di questa attività antinfiammatoria. In uno studio clinico i semi di zucca sono stati combinati con saw palmetto per trattare l’IPB: coloro che assumevano l’estratto di erbe mostravano un miglioramento del flusso di urina e una ridotta frequenza della minzione.

I chicchi di semi di Cucurbita pepo contengono circa il 45% di un grasso insaturo, il 25% di proteine e quantità utili di minerali e il complesso vitaminico B. Possono essere consumati crudi, arrostiti o fritti (pepitos) e ora sono venduti nei paesi occidentali. In alcune parti dell’America Centrale sono inclusi in una confezione dolce nota come pepitorio. In passato c’è stata qualche estrazione industriale del petrolio. Cucurbita maxima comprende le zucche invernali e le zucche. Semi, datati al 1200 d.C., sono stati trovati in Perù, ma nessun resto è stato trovato in Messico e in America Centrale. Probabilmente è stato addomesticato in Sud America, ma ora si trova in tutto il mondo. La specie è meno ruvida al tatto di C. pepo e le foglie sono a forma di rene e non profondamente lobate.

Storia

La zucca è originaria delle Americhe. La pianta rampicante raggiunge una lunghezza di circa 30 piedi (9 metri), ha foglie grandi, fiori profumati giallo-arancio e frutti arancioni. Le zucche sono i frutti più grandi del regno vegetale. Le zucche erano un alimento base nella dieta dei nativi americani. Nella medicina orientale, si dice che un tè a base di semi, assunto per un periodo di tempo, aiuti a ridurre i gonfiori delle gambe, delle caviglie e dell’addome. In America Latina, Africa e India, i semi sono usati per espellere i vermi intestinali. Alcuni medici europei raccomandano i semi di zucca per prevenire problemi alla prostata negli uomini. I semi contengono sostanze nutritive note per essere componenti dell’ormone maschile testosterone.

In Cina, i semi tostati vengono mangiati per promuovere la longevità. I semi contengono fino al 40% di proteine e preziosi minerali e sostanze nutritive. Il seme ha un contenuto di olio del 46 per cento. La maggior parte dell’olio è prodotto in Austria e popolarmente usato per aromatizzare il cibo.

Usi pratici

L’olio vettore / base viene utilizzato per diluire gli oli essenziali in aromaterapia per oli da massaggio e altre formulazioni. A causa della natura appiccicosa dell’olio di semi di zucca, è meglio mescolare il 20% dell’olio con un altro olio vettore.

Proprietà documentate

Antielmintico, antinfiammatorio, diuretico, stomachico, tonico, vermifugo, vulnerario.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Vitamina D e Pepe nero

Vitamina D e Pepe nero

VITAMINA D3  è indicata per :
• Osteoporosi
• Patologie Autoimmuni
• Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
• Interviene nel processo di divisione delle cellule .
• Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

E’ contenuta nel

 

Piper nigrum (Piperaceae)

Parti utilizzate

Frutta, olio essenziale

Costituenti

Il pepe contiene un olio volatile (tra cui beta-bisabolene, canfene, betacariofillene e molti altri terpeni e sesquiterpeni), fino al 9% di alcaloidi (in particolare piperina, che è in gran parte responsabile del gusto acre dell’erba), circa l’11% di proteine e piccole quantità di minerali.

Storia e Folklore

Coltivato come spezia e medicina fin dall’antichità, il pepe è stato un bene vitale nel commercio mondiale per migliaia di anni. Attila l’Unno è noto per aver chiesto 3.000 libbre (1.360 kg) di pepe come riscatto durante il suo assedio della città di Roma (408 D.C.).

Azioni e usi medicinali

Il familiare sapore acuto del pepe riflette l’effetto stimolante e antisettico che ha sul tratto digestivo e sul sistema circolatorio. Il pepe è comunemente preso per riscaldare il corpo, o per migliorare la funzione digestiva in caso di nausea, mal di stomaco, flatulenza, gonfiore, costipazione, o mancanza di appetito. L’olio essenziale allevia il dolore reumatico e il mal di denti. È antisettico e antibatterico e riduce la febbre. Ricerca

La piperina, il principale costituente attivo all’interno del pepe nero, ha significativi benefici terapeutici, con un documento di ricerca del 2012 che elenca “proprietà immunomodulatorie, antiossidanti, antiasmatiche, anticancerogene, antinfiammatorie, antiulcera e antiamebiche”. La piperina sembra aiutare l’assorbimento di erbe e farmaci chimici, ad esempio la curcumina e, in alcuni casi, rallentare la loro clearance da parte del fegato. Attenzione Non prendere l’olio essenziale internamente senza supervisione professionale.

P. guineense (africa occidentale, o pepe Ashanti) produce grani di pepe dal sapore delicato e foglie che vengono utilizzate come sostituto di P. betle nei quid di betel. P. methysticum è insolito nell’essere un raccolto di radici.

P. auritum (makulan) e P. angustifolia (matico) sono specie tropicali americane, coltivate per le loro foglie. Quelle del primo assomigliano agli spinaci e sono usate come aromatizzanti nella cucina messicana e guatemalteca, quest’ultima è un’erba astringente e stiptica con un aroma simile al tè, utilizzata nei preparati per emorroidi, emorragie e perdite vaginali. Numerose specie diverse da P. nigrum sono coltivate per i loro frutti, ma solo P. longum e P. retrofractum (pepe lungo giavanese) sono sufficientemente simili nel sapore da usare come sostituti. I grani di pepe rosa provengono da un albero americano S, Schinus terebinthifolius. Sono spesso mescolati con grani di pepe verde, nero e bianco per effetto decorativo, ma hanno un sapore resinoso e non possono essere usati come sostituto.

P.longum (Indian long pepper, Jaborandi pepper, pippali)

Parti utilizzate Frutta (hi ba). Proprietà Un’erba aromatica, calda, stimolante che migliora la digestione e ha effetti decongestionanti, antibiotici e analgesici.

I grappoli di frutto ad uso alimentare, sono usati interi in curry e sottaceti.

Nella medicina tradizionale cinese, è indicato aduso interno, per brividi di stomaco, vomito, rigurgito acido, mal di testa e rinite; e, nella medicina ayurvedica, per raffreddori, asma, bronchite, artrite, reumatismi, lombalgia, sciatica, epilessia, indigestione e vento. Esternamente, nella medicina tradizionale cinese, è indicato per il mal di denti. In Ayurveda,  P. nigrum e Zingiber officinale sono, un rimedio ayurvedico per le condizioni di freddo.

P.nigrum

Parti utilizzate Frutta (hu jiao). Erba pungente, aromatica, riscaldante che abbassa la febbre e migliora la digestione. È considerato un espettorante stimolante nella medicina occidentale e ayurvedica e come tranquillizzante e antiemetico nella pratica cinese.

Medicinale internamente usato in Occidente per indigestione e vento, nella medicina cinese, per brividi causati da stomaco, intossicazione alimentare (da pesce, carne, granchio o funghi), colera, dissenteria, diarrea, vomito causati dal raffreddore. Esternamente, nella medicina ayurvedica, mescolato con ghee, si usa per congestione nasale, sinusite, epilessia e infiammazioni della pelle.

P.betle:

Le foglie vengono raccolte secondo necessità, sbollentate al buio, spesso pressate insieme ed essiccate per estratti o per l’uso intero.

P. methysticum:

Le radici vengono utilizzate secondo necessità e utilizzate fresche o essiccate per l’uso in decotti, estratti liquidi, polveri e compresse.

P.cubeba:

I frutti vengono raccolti acerbi e distillati per ricavarne un oleo-resina, o essiccati per l’uso in estratti liquidi, polveri e tinture.

P. longum:

I grappoli di frutti vengono raccolti acerbi ed essiccati per l’uso interi, macinati o in decotti .

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Arancio e Vitamina D

Arancio e Vitamina D

VITAMINA D3   è indicata per:

  • Osteoporosi
  •  Patologie autoimmuni
  •  Contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.
  •  Interviene nel processo di divisione delle cellule .
  • Contribuisce al normale assorbimento/utilizzo di calcio e fosforo

La vitamina D3 si trova principalmente in alcuni cibi: la fonte più importante è l’olio di fegato di merluzzo, ma si trova anche nel pesce: sgombro, salmone, tonno, trota, aringhe, ma anche frutti di mare. Altra importante fonte di questa vitamina è il latte ma anche i prodotti a base di soia, i cereali integrali, il riso. Tra gli alimenti di origine vegetale i funghi sono ricchi di vitamina D ma anche la frutta non è da trascurare, soprattutto l’arancia.

Arancio

L’arancio cresce nei tropici e subtropicali. Dal Vecchio Mondo, l’arancia si diffuse in tutta l’Eurasia e l’Africa nell’antichità. La sua ubiquità ha portato le persone in diverse regioni del mondo a coniare la propria parola per l’arancia. I Persiani si riferivano all’arancia come narang. In armeno, l’arancia è conosciuta come narinj, in arabo naranj, in latino arangia, in spagnolo naranja, in portoghese laranja, in italiano arencia, e in antico francese oranje. Gli inglesi hanno coniato il termine “arancione” nel XIV secolo. L’arancia arrivò nel Nuovo Mondo come parte della Borsa colombiana. Affondando le radici in Florida e Brasile, l’arancia ha reso prosperi i grandi coltivatori. Un albero di arancio può vivere più di 50 anni, durante i quali può produrre più di 1.000 arance. Nell’antichità, l’arancia si diffuse in Africa orientale e nel Levante. Nel IV secolo a.C., Alessandro Magno incontrò l’arancia in India e le sue truppe la portarono nel Mediterraneo orientale. Al tempo di Cristo, gli agricoltori in Italia coltivavano l’arancia dolce. I mosaici del IV secolo rivelano che gli agricoltori dell’impero bizantino coltivavano l’arancia. Nel IX secolo gli arabi, conquistando la Spagna, introdussero l’arancia acida nella penisola iberica. Durante le Crociate, gli arabi lo introdussero in Sicilia e in alcune parti dell’Europa meridionale. Nel 1179, lo scrittore cinese Han Yen Che pubblicò un trattato sulle arance, che descriveva la coltivazione, l’allevamento e gli usi medicinali del frutto. Dopo che l’esploratore portoghese Vasco da Gama stabilì una rotta oceanica verso l’India, i portoghesi portarono l’arancia nell’Europa meridionale. Questa introduzione sembra essere stata uno dei numerosi tentativi di stabilire l’arancione nell’Europa meridionale. Gli europei apprezzavano l’arancia. Nel Medioevo, il governatore bizantino di Roma inviò un cesto di arance al re dei Longobardi nella speranza di invogliarlo a unirsi al governatore in una guerra contro l’imperatore bizantino. In un incidente simile, il principe di Salerno inviò arance al duca di Normandia, chiedendo il suo aiuto per respingere un attacco arabo all’Italia. All’inizio gli europei apprezzavano gli aranci e i loro frutti per la loro bellezza. In Italia, i ricchi piantavano arance nei loro giardini per ombra ed estetica. Il re francese Carlo VIII, invadendo l’Italia nel XV secolo, trovò gli aranci irresistibili. Eresse una serra per la loro cultura nel suo castello di Amboise. Anche sua moglie stabilì una serra per questo scopo nel suo castello di Blois. Re Luigi XIV piantò aranci a Versailles nel 1764. Credendo che l’arancia fosse un afrodisiaco, la prese con alcol e zucchero I reali d’Europa non erano i soli a piantare giardini di aranci. Nella mitologia greca, la dea Hera coltivava arance nel suo giardino. I mortali bramavano le arance di Hera perché ne rendevano immortale una. Ercole rubò le arance da Era, ma la dea Atena le salvò, restituendole il frutto. Poiché l’arancia è un albero prolifico, gli europei lo consideravano un simbolo di fertilità. Cristoforo Colombo era stato un architetto delle nuove rotte commerciali che altri sfruttavano. Nel 1493, durante il suo secondo viaggio, Colombo piantò l’arancia su Hispaniola (ora l’isola di Haiti e la Repubblica Dominicana). Nel 1513, secondo un resoconto, l’esploratore spagnolo Ponce de Leon introdusse l’arancia in Florida. Un altro resoconto sostiene che gli spagnoli piantarono l’arancia a Saint Augustine, in Florida, ma non fino al 1565. Un terzo resoconto attribuisce allo spagnolo Pedro Menendez la piantagione del primo arancio in Florida nel 1579. Nel 1707, i missionari spagnoli introdussero l’arancia in Arizona.

Azioni e usi medicinali

Il frutto fortemente acido dell’arancia amara stimola la digestione e allevia la flatulenza. Si pensa che un’infusione del frutto lenisca il mal di testa, calmi le palpitazioni e la febbre più bassa. Il succo aiuta l’organismo ad eliminare i prodotti di scarto e, essendo ricco di vitamina C, aiuta il sistema immunitario a scongiurare le infezioni. Se assunto in eccesso, tuttavia, il suo contenuto di acido può esacerbare l’artrite. Nella fitoterapia cinese, il frutto acerbo, noto come zhi shi, è pensato per “regolare il qi”, contribuendo ad alleviare la flatulenza e il gonfiore addominale e ad aprire le viscere. Gli oli essenziali di arancio amaro, in particolare neroli, sono sedativi. Nella medicina occidentale, questi oli sono usati per ridurre la frequenza cardiaca e le palpitazioni, per incoraggiare il sonno e per lenire il tratto digestivo. Il neroli diluito viene applicato come olio da massaggio rilassante. L’acqua distillata dei fiori è antispasmodica e sedativa.

L’arancia amara ha fornito cibo e medicine per migliaia di anni. Produce olio di neroli dai suoi fiori e l’olio noto come petitgrain dalle sue foglie e dai giovani germogli. Entrambi i distillati sono ampiamente utilizzati in profumeria. L’acqua di fiori d’arancio è un sottoprodotto della distillazione e viene utilizzata in profumeria e per aromatizzare caramelle e biscotti, oltre ad essere utilizzata in medicina.

Un ottimo prodotto contenente Vitamina D3 è Alato 36 , disponibile qui o in farmacia.

ALATO 36 GOCCE (lafenicesas.it)

DiAlessandra Zarone

Avocado nella medicina tradizionale e folclorica

Avocado nella medicina tradizionale e folclorica

Persea americana Mill. è un albero, originario dell’America centrale, coltivato in climi tropicali e subtropicali in tutto il mondo, appartenente alla famiglia delle Lauraceae.

Gli avocado erano molto apprezzati dagli indiani Aztechi e Maya.

Il nome “Avocado” deriva dalla parola azteca “ahucatl”. È stato tradizionalmente coltivato per scopi alimentari e medicinali, grazie al suo alto contenuto nutrizionale e alle sue proprietà terapeutiche. Le prime prove archeologiche di questo frutto risalgono all’VIII secolo a.C., quando i suoi semi sono stati trovati sepolti con una mummia, in Perù. Era  usato dalle donne sotto forma di unguento e anche per il trattamento delle eruzioni cutanee e scabbia. Durante la metà del 1800, la coltivazione della Persea Americana si diffuse in tutta l’Asia.

Molte parti dell’albero di avocado sono utilizzate nella medicina popolare:

  • Le foglie e la corteccia sono rimedi efficaci per problemi digestivi e tosse. Oltre ad essere estremamente nutriente, il frutto ha una vasta gamma di usi medicinali.
  • La polpa di frutta viene utilizzata come alimento per l’infanzia in Africa occidentale.
  • La pianta è utilizzata nella medicina tradizionale per il trattamento di vari disturbi, come menorragia, ipertensione, mal di stomaco, bronchite, diarrea e diabete.
  • Foglie, corteccia e buccia stimolano le mestruazioni e possono indurre l’aborto.
  • Le foglie sono prese per diarrea, gonfiore e gas, sono preziose per alleviare la tosse, le ostruzioni epatiche e per eliminare alti livelli di acido urico, che causano gotta e ipertensione.
  • La buccia è usata per espellere i vermi.
  • La polpa del frutto è considerata afrodisiaca.
  • Usato esternamente lenisce la pelle.
  • Si applica alle ferite suppuranti, in caso di lividi e ustioni.

 

Indigeno dell’America centrale, l’avocado è ampiamente coltivato per i suoi frutti nelle aree tropicali e subtropicali, tra cui Israele, Spagna e Sud Africa.

In Nigeria, diversi gruppi etnici usano le foglie di P. americana nel trattamento dell’ipertensione, mentre i curatori locali, usano il rimedio per diarrea e diabete mellito.

Nella medicina popolare cubana, le foglie sono anti-tosse, carminative, antidiarroiche, curano l’influenza, hanno proprietà diuretica, colagoga, depurativa, spasmogena, muscolotropa, stomachica.

In America Latina, dalle foglie si ricava un infuso abortivo. Il nocciolo fresco viene mangiato per curare il fegato e regolare la glicemia. Nello Zaire, una birra viene prodotta dalle foglie di avocado.

I frutti e le foglie di avocado sono usati nella medicina popolare messicana per trattare un’ampia varietà di malattie. Francisco Hernández riferì già nel XVI secolo che l’olio ottenuto dalla spremitura del seme era utile nel trattamento di eruzioni cutanee e cicatrici, aveva un effetto astringente e poteva anche essere usato per trattare la dissenteria. I popoli nativi del Guatemala usano la polpa per stimolare la crescita dei capelli, la buccia per espellere i vermi e i semi per curare la diarrea. La polpa di frutta è usata come alimento per l’infanzia in Africa occidentale.

  • L’olio estratto dal seme di avocado nutre la pelle, ammorbidisce la pelle ruvida, secca o desquamata e, massaggiato nel cuoio capelluto, migliora la crescita dei capelli. È molto nutriente per la pelle ed è noto per contenere vitamine A, B, C ed E, e soprattutto grandi quantità di vitamina D e potassio.
  • I semi sono hanno proprietà insetticide, fungicide e antimicrobiche. Storicamente, gli estratti di semi di avocado sono stati utilizzati e come inchiostro per la scrittura. Sono usati nella medicina tradizionale per trattare, placare o prevenire alcuni disturbi legati allo spasmo, ad esempio la diarrea
  • Il frutto è stato utilizzato per disturbi di stomaco, ulcere, per regolare le mestruazioni.
  • Si dice che il frutto acerbo sia velenoso. Il suo nocciolo in polvere acerbo è mescolato con formaggio per avvelenare i topi.
  • La polpa di avocado ha effetti benefici sulla salute cardiovascolare.
  • L’olio di avocado viene utilizzato per applicazioni dermatologiche, ha effetti benefici contro l’osteoartrite.
  • L’estratto di foglie e germogli freschi di avocado ha attività anticancerosa.
  • Le foglie sono utilizzate nella medicina tradizionale per trattare, placare o prevenire alcuni disturbi legati allo spasmo, ad esempio la diarrea. Il decotto delle foglie è anche un rimedio per mal di gola ed emorragia.
  • L’estratto di foglie acquose ha attività analgesiche e antinfiammatorie, anticonvulsivanti, ipoglicemizzanti, e ipocolesterolemizzanti, vasorilassanti.
  • In America Latina e Africa, le foglie sono comunemente utilizzate nel trattamento del diabete.

L’avocado è un frutto tropicale che ha una buona composizione nutrizionale con attività antiossidante, confermata dalla ricerca scientifica

Ci sono tre razze gruppi di avocado: messicano, guatemalteco e indiano occidentale che prendono il nome dalle aree in cui sono stati originariamente coltivati.

È ampiamente utilizzato nei farmaci tradizionali africani per il trattamento, la gestione e il controllo di una varietà di disturbi, tra cui convulsioni infantili ed epilessia.

Studi scientifici:

La ricerca scientifica ha dimostrato che i semi di avocado possono migliorare l’ipercolesterolemia ed essere utili nel trattamento dell’ipertensione, delle condizioni infiammatorie e del diabete.

Uno studio effettuato sulla foglia di avocado ha mostrato proprietà anticonvulsive, e quindi dà credito farmacologico agli usi folcloristici nella gestione o nel trattamento delle convulsioni infantili e dell’epilessia in alcune comunità rurali del Sudafrica.

Ha effetti cardioprotettivi, antipertensivi. In caso di ipertensione indotta da etanolo e saccarosio, migliora lo stato biochimico e ossidativo, protegge l’endotelio epatico, renale e vascolare dai danni indotti dal consumo cronico di etanolo e saccarosio.

L’effetto protettivo di P. americana contro l’epatotossicità indotta dal paracetamolo ne ha determinato proprietà antinfiammatorie, analgesiche e anticonvulsive.

I semi di P. americana sono stati segnalati per abbassare la pressione sanguigna in normotensivo e ipertensivo. Gli avocado aiutano in caso di infiammazione, problemi muscolari e articolari, digestione, regolano l’intestino, purificano il fegato e la cistifellea e contribuiscono al benessere generale del corpo.

I composti di P. americana hanno una potente attività antiossidante, pertanto, l’uso delle foglie di P. americana potrebbe essere utile per prevenire o rallentare il progresso di varie malattie legate allo stress ossidativo.

Gli effetti sulla salute di steroli e stanoli sono stati oggetto di diversi studi. Alcuni autori hanno dimostrato una riduzione del 25% del rischio di malattie coronariche con il consumo di 2g di tali composti al giorno.

I fitochimici estratti dal frutto dell’avocado inducono selettivamente l’arresto del ciclo cellulare, inibiscono la crescita e inducono apoptosi nelle linee cellulari precancerose e tumorali.

  • Ha effetto positivo sul sistema immunitario, in caso di cancro, l’HIV e le infezioni. In relazione al cancro, avocado sopprime la carcinogenesi e nell’HIV rafforza il sistema immunitario.
  • Migliora la proliferazione dei linfociti e l’attività cellulare killer naturale, che inattiva i microrganismi invasori.
  • Gli studi hanno dimostrato che l’attività β-sitosterolo è un aiuto nella perdita di peso riducendo l’abbuffata alimentare compulsiva e l’accumulo di grasso nella regione addominale.

 

Il seme di avocado presenta, nella sua composizione, un gran numero di polifenoli estraibili, che hanno attirato l’attenzione a causa della loro elevata capacità antiossidante.

È stato condotto uno studio su 13 adulti sani con una dieta ipercalorica e iperlipidica abituale, in cui il burro è stato sostituito da olio di avocado estratto a 35 °C dalla sola polpa. L’assunzione di olio di avocado per un periodo di sei giorni ha evidenziato un miglioramento del profilo postprandiale di insulina, glicemia, colesterolo totale, lipoproteine a bassa densità, trigliceridi e parametri infiammatori, come la proteina C-reattiva (CRP) e l’interleuchina-6. L’olio di polpa di avocado (genotipi creoli messicani) ha mostrato attività antinfiammatoria inibendo gli enzimi COX 1 e COX 2 in modo simile al farmaco, all’ibuprofene e all’olio extravergine di oliva. Inoltre, quando l’olio di avocado è stato aggiunto alle preparazioni delle creme per la pelle della vitamina B12, era ben tollerato e indicato per la terapia topica a lungo termine della psoriasi. È utile nella prevenzione del cancro nel fegato, attenua gli effetti dannosi dello stress ossidativo.

Nel cervello, è stato osservato un miglioramento della funzione mitocondriale, così come una diminuzione dei livelli di radicali liberi e perossidazione lipidica. Questi risultati dimostrano che l’integrazione con olio di avocado previene la disfunzione mitocondriale nel cervello e nel fegato.

L’attività curativa di una formulazione semi-solida di olio di avocado e olio di polpa di avocado ha promosso l’aumento della sintesi del collagene e diminuito il numero di cellule infiammatorie, durante il processo di guarigione delle ferite.

 

Oltre ad essere deliziosi, gli avocado sono costituiti da circa 20 vitamine e minerali, tra cui carotenoidi e luteina, che avvantaggiano la salute degli occhi. Hanno anche dimostrato di avere un evidente impatto sul colesterolo alto a causa della loro composizione naturale di steroli vegetali. Simili all’olio d’oliva, sono costituiti da grassi monoinsaturi e polinsaturi, che sono molto più sani dei grassi saturi che sono così dannosi per la forma fisica. Sapevi che il cervello è praticamente grasso al 60%? Senza grassi buoni, nessuno di noi sarebbe qui oggi. Inoltre, senza i grassi monoinsaturi e polinsaturi, il corpo non può espellere le vitamine A, D, E e K.

Gli avocado offrono vantaggi per la salute in caso di malattie cardiache, artrite reumatoide e cancro ai polmoni e possono aiutare a prevenire gli ictus. Sono eccellenti fonti di vitamine A, B, C, E, K, fibre e potassio. I risultati di uno studio indicano che avocado può persino frenare la crescita di alcune cellule tumorali della prostata.

L’avocado viene utilizzato nei cosmetici come crema idratante e protezione solare naturale, oltre dona sollievo a scottature solari. L’alto contenuto di umidità benefico per gli individui con cuoio capelluto e pelle secca, eczema o psoriasi.

Uno studio clinico ha studiato gli effetti dell’avocado sulle cellule tumorali. I fitochimici estratti dal frutto dell’avocado sono stati in grado di fermare selettivamente il ciclo cellulare del cancro fermando la crescita e innescando la morte nelle linee cellulari precancerose e tumorali.

L’ avocado ha contribuito a fortificare il numero di linfociti – quei piccoli globuli bianchi che svolgono un ruolo importante nella difesa del tuo corpo dalle malattie.

I ricercatori hanno anche testato avocado nel ridurre gli effetti collaterali tossici della chemioterapia. Il frutto è stato in grado di abbassare le aberrazioni cromosomiche (cromosomi che vengono cambiati in modo negativo) indotte da un comune trattamento chemio chiamato “ciclofosfamide”.

I fitochimici del frutto dell’avocado potrebbero essere utilizzati per realizzare un ingrediente chemioprotettivo attivo per abbassare gli effetti collaterali delle chemioterapie come la ciclofosfamide che vengono utilizzate nella terapia del cancro.

I ricercatori dell’Ohio State University hanno scoperto che gli avocado possono aumentare la quantità di carotenoidi che vengono assorbiti mentre si consumano altri alimenti. Sembra che i grassi alimentari possano essere un fattore importante nell’assorbimento dei carotenoidi.  Tuttavia, la maggior parte dei frutti e delle verdure ricchi di carotenoidi sono a basso contenuto di grassi.

Un ottimo prodotto contenente Avocado è Alato 22, acquistabile qui o in farmacia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Omega 7 Olivello spinoso_ rimedio adattogeno antiossidante per menopausa, diabete, ipertensione

Olivello spinoso_ rimedio adattogeno antiossidante per menopausa, diabete, ipertensione

L’Olivello spinoso (Hippophaë), della famiglia delle Elaeagnaceae, è un arbusto selvatico, coltivato e distribuito principalmente nelle regioni fredde aride in tutta Europa e in Asia.

La parola Hippophae deriva da una parola latina “Hippo” che significa cavallo e “Phaos” che significa “brillare”. Il frutto può anche essere usato a beneficio dei capelli: il nome hippophae, significa cavallo lucido, e si riferisce alla bellezza del mantello dei cavalli che si nutrono della pianta.

In India sono state descritte tre specie: Hippophae rhamnoides, Hippophae salicifolia e Hippophae tibetana. È distribuito in aree desertiche temperate secche e fredde nelle regioni dell’Himalaya nord-occidentale.

Medicina Tradizionale Asiatica, Greca, Nordica

Indagini approfondite e documentazione della conoscenza etnobotanica indigena di Olivello spinoso rivelano che questa pianta è stata tradizionalmente utilizzata dalla popolazione locale dell’Asia, dell’antica Grecia, dei paesi nordici e della regione baltica per il trattamento di asma, malattie della pelle, ulcere gastriche e disturbi polmonari.

È un rimedio descritto in antichi testi di medicina cinese come Sibu Yidian della dinastia Tang e Jing Zhu Ben Cao della dinastia Qing.

Le bacche sono state utilizzate per trattare varie malattie, come lesioni cutanee, lesioni alle mucose dello stomaco e disturbi polmonari, malattie cardiovascolari e malattie ad alta quota.

La sottospecie di Olivello spinoso mongolo (Hippophae rhamnoides L. ssp mongolica Rous.) è distribuita nei bacini fluviali di Orkhon-Selenge, Zavkhan Tes, Uvs Tes, Bokhmoron, Torkhilog Buyant, Khovd, Zavkhan, Borkh e Bulgan. È anche endemico dell’Altai, del Tuva, del lago Baikal, della Russia e della regione autonoma uigura dello Xinjiang in Cina.

Negli ultimi 50 anni, diversi preparati medicinali a base di H. rhamnoides sono stati clinicamente usati per trattare danni da radiazioni, infiammazione orale, ustioni e ulcere gastriche e più di 300 preparati sono stati riportati in letteratura. Commercialmente, è usato per bevande e succhi di frutta, marmellate, gelatina, aceto, oli, tè verde (tè tsirku), prodotti da forno, integratori alimentari ecc.

Le bacche sono utilizzate principalmente per migliorare la resistenza alle infezioni, essendo leggermente astringenti vengono bollite per lavare l’irritazione della pelle e le eruzioni cutanee. La pianta è ampiamente utilizzata per il trattamento di tosse, ulcere gastriche, asma e disturbi polmonari. Le foglie di Olivello spinoso contengono notevoli proteine (in media il 15%) e possono essere utilizzate come cibo per il bestiame.

Medicina Tradizionale Mongola e Tibetana

La medicina tibetana ha avuto origine con la tradizione popolare locale (nota come Bon) che risale a circa il 300 a.C. ed è stata formalmente registrata da Xiepu Chixi, il medico del re tibetano Niechi Zanpu, nel 126 a. C.Hippophae rhamnoides è utilizzato nel trattamento della cardiopatia ischemica, elimina la flemma, migliora la digestione. La sua corteccia e i suoi frutti sono stati anche usati come medicina popolare tibetana per trattare disturbi polmonari, tosse, febbre e tumori. Nella medicina popolare tradizionale mongola e tibetana e nella medicina popolare occidentale e orientale, l’olio di Olivello spinoso viene utilizzato per ferite esterne, ustioni, congelamento, anemia interna, ulcere gastriche, diabete, ipertensione e vari tumori.

In Leh e Ladakh, è localmente conosciuta come “Leh berry”, “Tsermang” o tasru-wonder plant entre, nell’Himachal Pradesh è localmente indicata come “Chharma” o “Drilbu”.

Medicina Tradizionale Russa

In Mongolia, Russia e Cina l’olio di bacche intere viene usato localmente per trattare le ustioni della pelle. Le bacche dal sapore aspro sono state tradizionalmente mangiate con latte e formaggio da siberiani e tartari, che le usavano anche per fare una gelatina dal sapore piacevole. L’olio di Olivello spinoso è stato elencato nella Farmacopea russa nel 1950 e utilizzato come agente antinfiammatorio e cicatrizzante.

Studi clinici

Le bacche mature sono la potenziale fonte di sostanze bioattive, tra cui vitamine, carotenoidi, fitosteroli, acidi organici, acidi grassi, aminoacidi liberi e una varietà di flavonoidi. Questi potenti fitochimici bioattivi hanno attività antiossidante, anti-aterogena, antistress, epatoprotettiva, radioprotettiva. Riparano i tessuti.

Studi farmacologici hanno evidenziato proprietà terapeutiche, effetti anti piastrinici, antimicrobici contro S. aureus e C. albicans.  Olivello spinoso è tradizionalmente utilizzato per il trattamento delle ulcere gastriche e studi di laboratorio ne confermano l’efficacia. L’olio dei semi è stato usato clinicamente per trattare la cervicite cronica e le ulcere. Grazie ad un alto contenuto di carotenoidi e tocoferoli, può essere utilizzato per trattare ustioni, congelamenti, piaghe da decubito e danni alla pelle, ad esempio derivanti dall’esposizione al sole o ai raggi X.

Salute del cuore:

Le proprietà antiossidanti possono aiutare a ridurre il rischio di disturbi cardiaci come grumi di sangue, pressione sanguigna e colesterolo nel sangue. Il frutto supporta in particolare la salute cardiaca e circolatoria ed è utile nel trattamento di condizioni come fragilità capillare, arteriosclerosi e cuore debole. In uno studio su animali da laboratorio, i flavonoidi dell’Os hanno dimostrato di ridurre le trombosi patogene. Secondo un caso di studio – L’uso di 0,75 ml di olio di Olivello spinoso, per un mese ha ridotto l’alta pressione arteriosa con una significativa riduzione dei livelli di trigliceridi e colesterolo cattivo LDL. In uno studio clinico in doppio cieco condotto in Cina, 128 pazienti con cardiopatia ischemica hanno ricevuto flavonoidi totali di Olivello spinoso pari a 10 mg ogni volta, per tre volte al giorno, per 6 settimane. I pazienti hanno avuto una diminuzione del livello di colesterolo e una migliore funzione cardiaca, inoltre avevano meno angina rispetto a quelli che ricevevano il farmaco di controllo.

Diabete:

Può aiutare a ridurre la glicemia nel diabete di tipo 2. E ‘una fonte generosa di vitamine, minerali, grassi sani, grassi mono e polinsaturi.

Sistema immunitario:

A causa della presenza di un’elevata quantità di flavonoidi, aiuta a rafforzare il sistema immunitario. Secondo uno studio, limita la crescita dei batteri E. coli e protegge da influenza, herpes e virus dell’HIV.

Anticancro:

L’olio contiene flavonoidi, antiossidanti come carotenoidi e vitamina che possono prevenire questa malattia. La quercetina, un flavonoide presente nell’Olivello spinoso, aiuta a uccidere le cellule tumorali.  Protegge il midollo osseo dalle radiazioni. In Cina, è stato condotto uno studio per dimostrare un recupero più rapido del sistema emopoietico dopo chemioterapia ad alte dosi.

Il consumo di prodotti a base di Olivello spinoso protegge il corpo umano prima che i radicali liberi vengano rilasciati.

Salute dello stomaco:

L’olio previene le ulcere gastriche.

Rimedio efficace per gli occhi asciutti:

In uno Studio, l’assunzione giornaliera di Olivello spinoso è stata collegata a una riduzione dell’arrossamento degli occhi e del bruciore. Gli acidi grassi Omega-3 da soli, o in combinazione con acidi grassi omega-6, hanno un effetto benefico nel trattamento dell’occhio secco.

Menopausa:

L’assunzione di Olivello spinoso è utile per le donne in post menopausa che non possono assumere estrogeni e riduce la secchezza vaginale.

Attività antibatterica:

Il tè dell’intera pianta, bacche, olio e succo è efficace contro i batteri Gram-positivi e Gram-negativi, fra cui lo Staphylococcus aureus, resistente alla meticillina. Gli estratti di foglie acquose e idroalcoliche hanno mostrato un effetto inibitore della crescita di Bacillus cereus, Pseudomonas aeruginosa, Staphylococcus aureus ed Enterococcus faecalis.

Adattogeno:

Le foglie di Olivello spinoso hanno ottimi effetti adattogeni sul corpo umano.

Nessuna tossicità:

La pianta non ha alcun effetto danno a carico di reni e fegato.

Ulcere gastriche:

Il rimedio è tradizionalmente utilizzato nel trattamento delle ulcere gastriche e studi di laboratorio confermano l’efficacia dell’olio ricavato dai semi, in quanto normalizza la produzione di acido gastrico e riduce l’infiammazione.

Cirrosi epatica:

Uno studio clinico ha dimostrato che gli estratti di Olivello spinoso hanno contribuito a normalizzare gli enzimi epatici, gli acidi biliari sierici e i marcatori del sistema immunitario, coinvolti nell’infiammazione e nella degenerazione del fegato. Inoltre, l’olio protegge il fegato dagli effetti dannosi delle sostanze chimiche tossiche, come rivelato in studi di laboratorio.

Pelle:

Un ingrediente dell’olio, l’acido palmitoleico, è un componente della pelle, considerato un prezioso agente topico nel trattamento di ustioni e ferite di guarigione. Questo acido grasso può anche nutrire la pelle se assunto per via orale e in quantità adeguate. Questo è un metodo utile per il trattamento di malattie sistemiche della pelle, come la dermatite atopica. L’unica altra grande fonte vegetale di acido palmitoleico è la frutta secca di macadamia.

L’olio di Olivello spinoso è ampiamente usato da solo o applicato localmente per ustioni, scottature, ulcerazioni e infezioni. È un ingrediente per la protezione solare, in quanto blocca i raggi UV. Ha proprietà emollienti, promuove la rigenerazione dei tessuti, l’elasticità della pelle, riduce l’infiammazione, la secchezza cutanea e le ustioni, cura le ferite significative, promuove la guarigione dei tessuti e spesso si rivela utile nel trattamento dell’eczema. Non ha tossicità o effetti collaterali associati.

Proprietà e componenti:

Il succo del frutto è una fonte di quasi 190 sostanze bioattive, mentre il suo olio ha quasi 106 di questi componenti. L’olio è costituito da 6 tipi di vitamine liposolubili, 22 tipi di acidi grassi, 42 tipi di lipidi e 36 tipi di flavonoidi e fenoli.

  • La vitamina – A è tre volte più della carota.
  • La vitamina C è 15 volte più dell’arancia.
  • Vitamina – C in 100gm di Mela = 6mg, Limone = 50 mg, Olivello spinoso = 1.540 mg
  • Vitamina – E è più di tutti i frutti.
  • È la fonte più ricca di SOD (ossido di zolfo dismutasi).
  • Fonte principale di vitamina – complesso B. 7.
  • Fonte principale di flavonoidi.

La pianta ha un gran numero di principi attivi le cui proprietà sono utilizzate con successo nell’industria cosmetica e in medicina. Le sostanze preziose contenute nell’olio di Olivello spinoso svolgono un ruolo importante nel corretto funzionamento del corpo umano e conferiscono alla pelle un aspetto bello e sano.

La Vitamina C è un importante componente nutrizionale dei frutti di H. rhamnoides, il cui livello supera quello di limoni e arance. L’Olivello spinoso ha dimostrato una potente attività antiossidante, principalmente attribuita ai suoi flavonoidi e al contenuto di vitamina C.

Vitamina A:

La vitamina A, nota anche come retinolo, e l’acido retinoico (RA) sono ampiamente riconosciuti come fattori importanti nel mantenimento di cellule e tessuti sani. La vitamina A è un micronutriente essenziale coinvolto in una serie di attività biochimiche necessarie per la normale funzione biologica, tra cui la visione e l’immunocompetenza. La carenza di vitamina A è anche associata ad un aumento della mortalità da malattie respiratorie e gastrointestinali. Ciò è dovuto all’indebolimento del sistema immunitario in quanto avviene una rottura delle barriere resistenti alle superfici epiteliali e mucose, vi è una compromissione dell’immunità sia umorale che cellulare.

Vitamina E:

La vitamina E è il termine per un gruppo di tocoferoli e tocotrienoli, di cui a-tocoferolo ha la più alta attività biologica. Ha potenti proprietà antiossidanti, previene le malattie croniche che, si ritiene, siano associate allo stress ossidativo. La vitamina E funziona come un antiossidante e impedisce la propagazione delle riserve di radicali liberi. Nell’uomo, una grave carenza di vitamina E porta ad anomalie neuro-muscolari caratterizzate da atassia spino cerebellare e miopatie.

La vitamina E viene assorbita nell’intestino ed entra nella circolazione attraverso il sistema linfatico. Il succo di Olivello spinoso contiene una grande quantità di carotenoidi e vitamina E. L’alfa-tocoferolo è la forma più attiva di vitamina E negli esseri umani ed è un potente antiossidante biologico. La vitamina E ha un ruolo fondamentale nel normale metabolismo di tutte le cellule. Pertanto, la sua carenza può interessare diversi sistemi di organi.

Vitamina K:

La vitamina K è un gruppo di molecole coinvolta nella coagulazione del sangue, nella conservazione della densità minerale ossea e nella protezione contro la calcificazione vascolare. La sua carenza comporta la perdita di densità minerale ossea e un’alterazione della coagulazione del sangue con conseguente emorragia.

Acidi grassi insaturi:

I principali acidi grassi insaturi in Olivello spinoso sono un componente fisiologico delle membrane cellulari e delle membrane dei mitocondri e svolgono un ruolo fondamentale nel meccanismo di trasporto cellulare e nella trasmissione dei segnali neuronali.

Olivello spinoso contiene acido oleico (omega-9), acido palmitoleico (omega-7), acido linoleico (omega-6) e acido linolenico (omega-3).

  • L’acido linoleico, insieme all’acido α-linolenico, costituiscono gli acidi grassi essenziali, che il corpo umano non può sintetizzare da solo. L’olio di Olivello spinoso è l’unico olio che presenta naturalmente omega-3 e omega-6.
  • Gli omega 3 e 6 sono essenziali per lo sviluppo e la crescita e svolgono un ruolo chiave nella prevenzione e nella gestione delle malattie coronariche, dell’ipertensione, del diabete, dell’artrite, del cancro e di altre condizioni infiammatorie e autoimmuni.
  • Gli acidi grassi omega-3 riducono significativamente i fattori di rischio per le malattie cardiache, riducono i livelli di trigliceridi nel sangue, colesterolo LDL, lipidi sierici, glicemia, diabete e sindrome metabolica.
  • L’assunzione di acidi grassi nell’alimentazione influenza lo stato cellulare ossidativo molecolare e infiammatorio, inibisce la produzione di glucosio e migliora la produzione di insulina.

Omega 9:

Omega-9 (acido oleico) è un acido grasso monoinsaturo presente negli oli animali e vegetali. Si trova anche in olive, avocado, mandorle, pistacchi, anacardi, nocciole, noci di macadamia e semi di papaia.

  • L’acido oleico riduce il rischio di infarto e aterosclerosi. Aiuta anche a prevenire il cancro.
  • Ha effetti benefici sulle malattie autoimmuni e infiammatorie, facilita la guarigione delle ferite, elimina gli agenti patogeni come batteri e funghi, ha attività ipotensiva.
  • È risultato efficace nell’invertire l’effetto inibitorio nella produzione di insulina della citochina infiammatoria. È un nutriente benefico nelle malattie neurologiche.

 Omega 7:

  • Cura e previene la Candida albicans.
  • Svolge un ruolo importante come trattamento non farmacologico per il diabete e le disfunzioni epatiche.
  • Potenzia il sistema immunitario.
  • Migliora l’idratazione e l’elasticità della pelle e riduce le rughe.
  • Aiuta la guarigione delle ferite e allevia le ustioni.
  • Riduce l’infiammazione della pelle e delle mucose.
  • Allevia ulcera e gastrite.
  • Migliora i sintomi della sindrome dell’occhio secco.
  • Riduce la secchezza delle mucose (vaginali, oculari, respiratorie).
  • Migliora il profilo lipidico nei pazienti con sindrome metabolica.
  • Previene la resistenza all’insulina associata all’obesità.
  • Favorisce l’aumento dei livelli di colesterolo HDL e la diminuzione del colesterolo LDL.

 Omega 3:

Gli acidi grassi omega-3 hanno una varietà di effetti antinfiammatori e immunomodulanti che possono essere rilevanti per l’aterosclerosi e le sue manifestazioni cliniche, dovute a infarto miocardico, morte improvvisa e ictus.

  • Riducono la mortalità cardiovascolare nei pazienti con malattie cardiache, grazie alla loro qualità antinfiammatoria e antiaritmica.
  • Migliorano il profilo lipidico.
  • Abbassano i livelli dei trigliceridi.
  • prevengono lo sviluppo della placca inibiscono l’aggregazione piastrinica.

Hanno effetti benefici in diverse malattie:

  • tumori (seno, colon-retto, prostata, ecc.)
  • asma
  • malattia infiammatoria intestinale
  • artrite reumatoide
  • osteoporosi
  • depressione e disturbo bipolare

Omega 6:

Ha effetti positivi su:

  • dermatiti ed eczemi
  • acne
  • artrite reumatoide
  • sindrome premestruale
  • prevenzione delle malattie cardiache
  • protegge la pelle dalle infezioni
  • contrasta le allergie
  • allevia le infiammazioni
  • rallenta il processo di invecchiamento

È necessario per la normale funzione delle ceramidi dello strato corneo, che impediscono la perdita di acqua trans epidermica. La sua carenza comporta grave dermatosi squamosa.

Ha effetti benefici sulle mucose e sulla pelle, rafforza la barriera lipidica dell’epidermide, protegge la pelle dalla perdita epidermica di acqua e normalizza il metabolismo della pelle, migliora l’attività delle ghiandole sebacee, sblocca i pori e diminuisce il numero di comedoni, ha effetto positivo sulla psoriasi.

Migliora la circolazione sanguigna (importante per il nutrimento e l’ossigenazione della pelle, nonché per rimuovere l’eccesso di tossine).

Un ottimo rimedio contenente Olivello Spinoso e acidi grassi è BioAttivo Omega 7 Pharma Nord

BioAttivo Omega 7 (pharmanord.it)

Disponibile con sconto  del 30% al seguente link, inserendo Il codice  Zar30:

https://www.pharmanord.it/webshop

DiAlessandra Zarone

Spirulina

Spirulina

La spirulina è un’alga unicellulare blu-verde, a forma di spirale – da qui il suo nome. Prospera in laghi alcalini caldi come il lago Ciad in Africa e il lago Texcoco in Messico. Le alghe vengono raccolte dal lago ed essiccate. La spirulina era così apprezzata come alimento di sostegno dagli antichi Aztechi che era usata da loro come valuta – e la scienza moderna ha recentemente scoperto perché. La spirulina viene ancora raccolta da fonti di acqua dolce, ma è anche coltivata commercialmente in California, Tailandia, India e Cina. È stata descritta in letteratura sin dal XVI secolo. Gli esploratori spagnoli osservarono gli Aztechi raccogliere un fango blu che probabilmente era costituito da spirulina. Il fango, che veniva essiccato per formare trucioli o pagnotte aromatizzate, fu ottenuto dal lago Texcoco vicino a Città del Messico. La spirulina è stata raccolta in modo simile nel deserto del Sahara da piccoli laghi vicino al lago Ciad, dove era chiamata dihe. Pertanto, 2 culture distanti circa 10.000 km l’una dall’altra, hanno scoperto e utilizzato in modo indipendente le proprietà nutrizionali della spirulina.

La spirulina contiene oltre il 65% di proteine complete, una rarità tra gli alimenti vegetali, e questa proteina, che è predigerita dalle alghe, è così ben bilanciata che è più facile da digerire rispetto alla carne. La spirulina assorbe e trattiene molti minerali dal lago, tra cui potassio, calcio, zinco, magnesio, manganese, selenio, ferro e fosforo.

La Spirulina è un organismo che cresce sia nell’acqua dolce che in quella salata. È un tipo di cianobatteri, ossia una famiglia di microbi unicellulari che vengono spesso indicati come alghe blu-verdi. Proprio come le piante, i cianobatteri possono produrre energia dalla luce solare tramite un processo chiamato fotosintesi. La spirulina era consumata dagli antichi aztechi ma divenne di nuovo popolare quando la NASA propose che potesse essere coltivata nello spazio per essere utilizzata dagli astronauti. Una dose giornaliera standard di spirulina è di 1–3 grammi, ma sono state utilizzate efficacemente dosi fino a 10 grammi al giorno. La spirulina fornisce grassi essenziali (ad esempio, acidi oleici gamma-linolenici), in concomitanza con acidi nucleici a basso contenuto. Ha anche un contenuto eccezionalmente alto di vitamina B12, è una buona fonte di beta-carotene, ferro, calcio e fosforo. Inoltre, la Spirulina ha anche dimostrato di proprietà organolettiche che la rendono un integratore alimentare, privo di tossicità.

Aterosclerosi e ipertorfia cardiaca

Lo stress ossidativo e l’immunità disfunzionale causano molte malattie nell’uomo, tra cui aterosclerosi, ipertrofia cardiaca, insufficienza cardiaca e ipertensione. Pertanto, le attività antiossidanti, immunomodulatrici e antinfiammatorie di queste microalghe possono svolgere un ruolo importante nella salute. La spirulina attiva gli enzimi antiossidanti cellulari, inibisce la perossidazione lipidica e il danno al DNA, elimina i radicali liberi e aumenta l’attività del superossido dismutasi e della catalasi. In particolare, sembra esserci un livello di soglia al di sopra del quale la Spirulina diminuirà gradualmente l’attività antiossidante. Studi clinici dimostrano che la Spirulina previene il danno muscolare scheletrico in condizioni di stress ossidativo indotto dall’esercizio fisico e può stimolare la produzione di anticorpi e aumentare o diminuire l’espressione dei geni codificanti le citochine per indurre risposte immunomodulatorie e antinfiammatorie.

Antinfiammatorio

l danno ossidativo può danneggiare il DNA e le cellule. Questo danno può guidare l’infiammazione cronica, che contribuisce al cancro e ad altre malattie. La spirulina è una fantastica fonte di antiossidanti, che possono proteggere dai danni ossidativi. Il suo principale componente attivo è chiamato ficocianina.

Questa sostanza antiossidante conferisce alla spirulina anche il suo unico colore blu-verde. La ficocianina può combattere i radicali liberi e inibire la produzione di molecole di segnalazione infiammatoria, fornendo straordinari effetti antiossidanti e antinfiammatori.

Proprietà anticancro

Alcune prove suggeriscono che la spirulina ha proprietà anticancro. Uno studio ha esaminato 87 persone provenienti dall’India con lesioni precancerose della bocca – chiamate fibrosi sottomucosa orale. Tra coloro che hanno assunto 1 grammo di spirulina al giorno per un anno, il 45% ha visto scomparire le lesioni, rispetto al solo 7% nel gruppo di controllo. In un altro studio su 40 individui con lesioni alla bocca, 1 grammo di spirulina al giorno ha portato a un miglioramento maggiore dei sintomi d rispetto al farmaco pentossifillina.

Anemia e sistema immunitario

Esistono molte forme diverse di anemia. Il più comune è caratterizzato da una riduzione dell’emoglobina o dei globuli rossi nel sangue. L’anemia è abbastanza comune negli anziani e causa debolezza e affaticamento.

In uno studio su 40 persone anziane affette da anemia, gli integratori di spirulina hanno aumentato il contenuto di emoglobina dei globuli rossi e migliorato la funzione immunitaria.

Rinite allergica e asma

I dati sperimentali hanno suggerito che la C-ficocianina può inibire selettivamente il rilascio di istamina dai mastociti e prevenire l’aumento dell’immunoglobulina E. Un piccolo studio su pazienti con asma ha dimostrato che l’integrazione con spirulina (1 g / giorno) produce un miglioramento dei parametri della funzione polmonare.

 

Ipertensione e obesità 

Spirulina maxima o placebo per 12 settimane in 16 pazienti con ipertensione arteriosa sistemica sottoposti a trattamento:

Si sono verificate riduzioni statisticamente significative (p <0,05) della pressione sanguigna sistolica. Gli effetti trovati nel presente studio concordano con gli effetti antipertensivi e antiossidanti.

Alcuni studi hanno dimostrato gli effetti benefici del consumo di Spirulina maxima (Arthrospira maxima) sui parametri glicemici, lipidici e della pressione sanguigna. Lo scopo di questo studio era di indagare l’effetto della Spirulina maxima sul peso corporeo, sulla pressione sanguigna e sulla funzione endoteliale.

Il consumo di Spirulina maxima è noto per essere associato a una migliore salute cardiovascolare e metabolica. Studi sull’uomo su questo argomento sono stati recentemente descritti in alcuni articoli, tuttavia, le potenziali proprietà cardiovascolari protettive della Spirulina nei pazienti obesi che ricevono un trattamento antipertensivo farmacologico standard devono ancora essere chiarite. Gli effetti cardiovascolari benefici di Spirulina nell’ipertensione correlata all’obesità sono stati studiati in uno studio in doppio cieco controllato con placebo.

Antiossidante

La Spirulina (Arthrospira) maxima ha una spiccata attività antiossidante in vivo e in vitro, nonché attività antinfiammatoria in alcuni modelli sperimentali, quest’ultima attività probabilmente mediata dall’attività antiossidante di questo cianobatterio. Nel presente studio, l’infiammazione cronica è stata indotta attraverso l’iniezione dell’adiuvante completo (CFA) di Freund in ratti trattati quotidianamente con Spirulina (Arthrospira) maxima per 2 settimane a partire dal giorno 14.

Un ottimo prodotto contenente Spirulina  è Alato 8, acquistabile  qui o  in farmacia

DiAlessandra Zarone

Gli agrumi nella tradizione folclorica

Gli agrumi nella tradizione folclorica

Il termine agrumi ha avuto origine dalla forma latina di “Kedros“, una parola greca che denota alberi come cedro, pino e cipresso. Poiché l’odore delle foglie e dei frutti di agrumi ricorda quello del cedro, il nome agrumi è stato associato al cedro. Linneo raggruppò tutte le specie di agrumi a lui note nel genere Citrus. L’evoluzione del moderno spazzolino da denti ha la sua origine nei bastoncini di agrumi da masticare, che venivano utilizzati dai Babilonesi già nel 3500 a.C. Nella mitologia greca gli agrumi sono chiamati esperidi. L’origine suggerita dei veri agrumi è il sud-est asiatico, compresa la Cina meridionale, l’India nord-orientale e la Birmania. Gli ebrei dell’antico Israele identificarono il cedro come il “Frutto dell’albero buono“, Levitico, verso 23: 40. Il nome della specie è medica, ciò indica che Linneo attribuì l’origine del cedro a Media, una vasta regione dell’antica Persia nord-occidentale, l’odierno Iran, e non si riferì, come a volte erroneamente si pensa, al valore medicinale del frutto. Più recentemente, è stato determinato che il cedro è uno dei tre agrumi primordiali, gli altri sono mandarino e pomelo. Incroci interspecie tra questi tre frutti hanno portato allo sviluppo della vasta gamma di agrumi, dalle arance ai limoni ai tàngelo, gruppo di agrumi originati dall’ibridazione artificiale di alcune varietà di mandarino con diverse varietà di pompelmo. I punti di origine di tutte e tre le specie di agrumi fondatrici sono probabilmente la Cina sud-occidentale e l’India nord-orientale. Alessandro Magno portò il cedro dalla Persia al bacino del Mediterraneo intorno al 300 a.C., probabilmente per uso medicinale. Gli Ebrei che vivevano in Babilonia nel VI secolo a.C. usavano il cedro nei rituali religiosi. I governanti persiani nell’antica Palestina e Giudea introdussero il cedro nel Mediterraneo orientale. Fonti greche, romane, arabe ed ebraiche, dall’antichità al medioevo, si riferiscono tutte al cedro come fonte vegetale di ampio valore medicinale. Estratti e preparati del frutto e dei semi erano particolarmente apprezzati per la loro attività antitossica, sebbene frutta e foglie intere fossero anche usati come repellenti per gli insetti. Maimonide, nel XIII secolo nel suo Trattato sulla guarigione menziona i semi di cedro macinati, applicati freschi o secchi in un impiastro con radice di colocinto, Citrullus colocynthis, come particolarmente efficaci contro il veleno dello scorpione. Il suo contemporaneo ibn Taysan, Saladino da Ascoli, XII secolo, nel Compendium aromatariorum, raccomandava una riduzione del succo di cedro per contrastare il veleno in generale, nonché per migliorare la funzionalità epatica e cardiaca, come ingrediente nel lavaggio degli occhi. Estratti di semi, foglie e germogli sono usati come vermifugo. Gli oli essenziali nella buccia hanno qualità antisettiche e antibiotiche. I cedri sono posti negli armadi dei vestiti e nelle casse di stoccaggio per proteggere i tessuti dalle tarme e da altri insetti. La parte bianca viene mangiata per migliorare la digestione, mentre gli estratti di frutta e le foglie aiutano a ridurre i sintomi del cancro di Alzheimer diabete, ulcere, reumatismi e spiriti maligni. Mangiare la buccia cruda, zuccherata o una marmellata a base di cedro era consuetudine della festività Sukkot, in quanto si pensava facilitasse il parto.

Nei paesi mediterranei, scopriamo che le specie di agrumi hanno un posto importante non solo nella dieta ma anche nell’automedicazione. Il limone, in particolare, sembra costituire una sorta di panacea per tutti i mali e molti dei suoi usi si basano su credenze popolari, ad esempio per trattare oftalmie fette di limone vengono applicate alle tempie per un periodo di tempo sufficiente a indurre la combustione, nelle febbri tifoidi le fette di limone arrosto vengono applicate sulla fronte .Altri usi si trovano nella medicina tradizionale e hanno uno scopo terapeutico: 10 per cento di essenza di bergamotto in alcool a 70° come antisettico locale; acqua distillata di C. aurantium var. dulcis L. e sciroppo di Capsella bursa pastoris, come antiemorragico, nella menorragia durante la pubertà e la menopausa.

L’Aqua Nanfa medievale, dal latino medievale aqua nanfa e dall’arabo nafhah “odore, profumo” è nota per la sua azione lenitiva, antisettica, rinfrescante e deodorante; l’olio di arancia dolce ha un’azione sedativa. Oltre alle preparazioni di forme galeniche, le suddette specie di agrumi sono incluse in numerose specialità medicinali provenienti da tutto il mondo, non solo come esaltatori di sapore e odore, ma anche per il loro contenuto di vitamina C, la loro azione amaro-tonica e il loro effetto antispasmodico.

Usi popolari di Citrus sinensis:

L’arancio dolce (Citrus sinensis) è un piccolo albero sempreverde alto 7,5 m e talvolta fino a 15 m. Citrus sinensis (Cs) appartiene alla famiglia delle rutaceae, genere citrus, specie Citrus sinensis (L.) Osbeck. Il frutto è originario della Cina meridionale, dell’India nord-orientale e dell’Asia meridionale precedentemente Indocina.

Le bucce di agrumi sono state utilizzate nella medicina popolare per la gestione di alcune condizioni degenerative, sebbene ci fossero informazioni limitate sul meccanismo di tali proprietà medicinali. Le bucce consumati in alcuni paesi sotto forma di caramelle, vini, infusi e additivi. Citrus sinensis (Cs) è utilizzato nella medicina popolare per combattere virus. In Turchia, le persone consumano Citrus sinensis in caso di influenza.

Nella medicina popolare ci sono svariati usi delle arance, che vengono mangiate per placare la febbre, la polpa tostata viene preparata come impiastro per le malattie della pelle, la buccia fresca viene strofinata sull’acne. Un’infusione del frutto acerbo viene presa per alleviare i disturbi di stomaco e intestinali. Un decotto di foglie e fiori secchi viene somministrato in Italia come antispasmodico, sedativo cardiaco e antiemetico. La corteccia interna macerata e infusa nel vino viene presa come tonico. Un decotto di semi d’arancia decorticati è prescritto per i disturbi urinari in Cina. La buccia d’arancia è usata dal punto di vista medico contro i funghi. In Ecuador, l’estratto di semi d’arancia viene somministrato come trattamento per la malaria. Anche se è noto per causare depressione respiratoria.

India:

Gli agrumi sono erbe ben note utilizzate nella tradizione ayurvedica per la loro efficacia contro una vasta gamma di malattie, comprese le infezioni della pelle. L’Atharvaveda, uno dei più antichi archivi di conoscenza umana, ha elencato i principali usi di un piccolo numero di farmaci, tra cui la buccia d’arancia amara, che in India è usata come agente aromatico, stomachico, tonico, astringente e carminativo, e il limone, che viene usato come aroma e per i suoi effetti carminativi e stomachici. Il frutto acerbo di Lime, Citrus aurantifolia Swingle. è usato come tonico, cardiotonico, lassativo, antielmintico, per combattere la stanchezza. Il frutto maturo è usato come dolcificante, lassativo e afrodisiaco. La buccia come antielmintico (capace di uccidere vermi parassiti intestinali). Un decotto di fiori è indicato nelle cure popolari per placare la febbre, il succo è usato come tonico e per trattare i casi di gonfiore della milza. Diverse varietà di agrumi sono utilizzate nella farmaceutica e terapeutica ayurvedica. C. medica Linn. (Bijapur), Cedro, è usato come antipasto, cardiostimolante e antiemetico. C. Jambhiri, o Citrus kulu, appartiene alla famiglia dei limoni. E’ usato come antidiarroico, migliora la digestione. Nella Rasashastra (farmaceutica ayurvedica), queste varietà sono utili nelle procedure di purificazione, incenerimento e levigazione essenziali per la preparazione di diverse formulazioni ayurvediche. Citrus sinensis è una delle piante medicinali importanti che si trovano ampiamente nel distretto di Shahjahanpur. Questa pianta è prescritta nel sistema indigeno di medicina per il trattamento di vari disturbi.

Cina:

Il frutto essiccato di Citrus sinensis è incluso fra le erbe antishock, era comunemente usato per trattare l’indigestione, la distensione addominale, la ptosi dell’ano e dell’utero. Il frutto è emetico, anti-tosse, diaforetico, digestivo, carminativo, espettorante, antidiarroico, antitumorale, disturbi di stomaco. Secondo la tradizione cinese, i frutti non completamente maturi, Zhiqiao, di Citrus aurantium L., C. aurantium L. var. amara Engl. o C. Wilsonii Tanaka disperdono l’energia vitale stagnante, hanno un effetto espettorante e facilitano la digestione. Sono principalmente usati per trattare l’eccessivo accumulo di catarro, angoscia toracica, distensione della regione costale, dispepsia, eruttazione, vomito, dissenteria con tenesmo e prolasso dell’utero o del retto.

Indonesia, Filippine, Vietnam:

La buccia o il succo di frutta di varie specie di agrumi sono impiegati nella medicina tradizionale come stomachico, carminativo, antiscorbutico, antiemetico, diuretico ed espettorante. Un decotto di buccia viene utilizzato per tosse, raffreddore, dispepsia, come antidoto per il veleno di pesce e in unguenti per acne ed eczema. Alcuni succhi (probabilmente acidi) sono impiegati come gargarismi per il trattamento di gole doloranti, infiammate o suppurate e per pulire le ferite. Le foglie sono considerate sedative e antispasmodiche, mentre un decotto delle foglie viene applicato caldo per trattare dolori e gonfiori. L’arancia amara è usata in Vietnam come diaforetica e purgativa, nelle Filippine come alimento per i malati, in particolare in condizioni febbrili, infiammatorie e in caso di Scorbuto.

Agrumi nella medicina tradizionale africana:

Citrus sinensis, in Igbo si chiama “ape uta, è utilizzato in caso di malaria, convulsioni infantili, diarrea, dissenteria, gonorrea, epilessia, tonsillite, infezioni fungine, malattie mentali e infezioni da vermi. Nella parte sud-orientale della Nigeria, Citrus sinensis è usato per gestire la malaria e le malattie della pelle. Estratti di foglie di Citrus sinensis sono stati utilizzati nella medicina popolare locale per trattare le malattie neurologiche. Estratti di foglie di Citrus sinensis sono stati utilizzati nella medicina popolare locale nigeriana per trattare le malattie neurologiche. Aveva anche attività sedativa con estratto metanoico. I frutti di CS sono usati fondamentalmente come cibo a causa della presenza di molte vitamine. Tuttavia, gli estratti ottenuti dalle foglie e dalle bucce di frutta vengono utilizzati per uccidere larve di zanzara e acari, come agenti antimicrobici e antifungini. Gli estratti di foglie sono stati anche usati nella medicina popolare per trattare il diabete, disturbi neurologici e per facilitare la digestione. Viene anche usato tradizionalmente in combinazione con il miele per il trattamento dell’anemia falciforme nei bambini e in combinazione con altre piante per il trattamento della malaria.

Citrus sinensis, in Cameron, è la pianta antimalarica più comune di questa famiglia. Un decotto viene preparato dalle radici.

La buccia di Citrus Senensis ha molte proprietà medicinali ed è ampiamente utilizzata contro vari disturbi, come coliche, mal di stomaco, cancro, diuretico, immuno – potenziante, stomachico, tonico del sistema digestivo. È anche usato per trattare e prevenire carenze vitaminiche, raffreddori, influenza e scorbuto, aiuta a combattere le infezioni virali e batteriche. Ha una potente attività antibatterica contro Pseudomonas aeruginosa, Staphylococcus aureus, Staphylococcus epidermidis, Shigella flexineri, Bacillus subtilis ed Escherichia coli.

In Arabia Saudita il frutto di Cedro, Citrus medica L. var. turung Bonavia è usato per mal di stomaco e febbre. Un’infusione concentrata del frutto mescolato con sale e miele viene utilizzata contro la tosse.

L’arancio amaro, Citrus aurantium, è coltivato in Nord Africa. Un’infusione della buccia viene utilizzata per dolori di stomaco e dissenteria, come digestivo, antispasmodico, diaforetico e lieve sedativo, mentre i fiori secchi in infuso sono usati come sedativo nervoso e antispasmodico (isteria, spasmi, singhiozzo), antidiarroico e stimolante. L’acqua distillata dai fiori viene data ai bambini per calmarli e aiutarli a dormire. La radice è usata come trattamento del morso di serpente, per alleviare i dolori addominali, per trattare la gonorrea (come decotto) e come afrodisiaco (cotto con carne). Il succo ottenuto dalle foglie viene spremuto nell’orecchio per il mal d’orecchio.

In Sud Africa il succo di limone, Citrus limon, è usato con il sale come rimedio per la tigna, nel Transvaal con il miele come rimedio per la tosse e con lo zenzero per il raffreddore. Le donne swahili applicano il succo alla vagina per produrre contrazione dopo il parto.

Le foglie di lime, Citrus aurantifolia, sono un rimedio malese per il mal di testa e l’infusione viene utilizzata per le febbri con leggero ittero e febbre biliare. Il succo di frutta è un sollievo dalla tosse, un tonico e un rimedio per il mal di stomaco e viene utilizzato esternamente come detergente e stimolante epidermico. Le fette di lime tostate vengono applicate a piaghe croniche.

Nell’Africa occidentale i preparati di foglie di Citrus aurantium (arancio amaro) sono usati come gargarismi e per il trattamento della polmonite, febbre malarica malattie degli occhi (bollite con foglie d’arancia), febbre con ittero, gonorrea (come bagno di vapore), mal di testa, febbre biliare (con foglie di Ocimum, Basilico) e mal di stomaco (con Areca catechu, Palma di Betel) e come collutorio. La buccia di C. medica o C. acida viene utilizzata contro l’elmintiasi e la corteccia radicale di C. nobilis (Mandarino) come antireumatico.

Agrumi nella medicina tradizionale araba:

Nella medicina araba il succo, la frutta secca e fresca, la buccia e la corteccia di lime sono usati come rimedi per cataratta, raffreddore e febbre, dolori al petto e mal d’orecchi e come stomachico.

Una varietà di arancia dolce (Safargal) coltivata in Oman e il suo frutto è considerato un tonico generale per lo stomaco e mangiata 2-3 volte al giorno viene utilizzata nel trattamento dell’ittero. L’odore della pianta o del frutto del safargal è ritenuto curativo per il cuore. Nello Yemen la buccia d’arancia viene consumata a colazione, mescolata con il latte per rendere lo stomaco forte e stimolare l’appetito; si ritiene che la polpa del frutto rafforzi il cuore.

In Iran, La specie Citrus sinensis (L.) Osbeck (arancia) è usata nella medicina popolare come infuso per il trattamento di irritazione nervosa, insonnia, spasmi, pertosse, problemi gastrointestinali.

Agrumi nella medicina tradizionale del Nuovo Mondo:

Dopo la scoperta dell’America, la coltivazione delle specie di agrumi più utilizzate si diffuse nel Nuovo Mondo. Ci sono prove documentali della presenza di piantagioni di arance amare a Vera Cruz e in Messico nella seconda metà del XVI secolo, mentre pochi anni dopo (1568) in America c’erano piantagioni di limoni e arance dolci. La coltivazione si estese gradualmente in Florida, Louisiana, California, ecc. e oggi le specie originariamente naturalizzate e le numerose varietà da esse derivate sono così diffuse in tutti gli Stati Uniti che gli agrumi hanno un posto non solo nella dieta ma anche nella medicina tradizionale. In America la frutta, la buccia e gli oli di arancia amara e arancia dolce sono usati come carminativo, aromatico e stomachico. La buccia d’arancia e l’olio sono usati come aromatizzanti in alimenti, bevande e medicine e il succo come fonte di vitamina C. Il frutto del lime (C. Limetta Risso) è usato più per aromatizzare che per medicinalmente, mentre il succo è usato come anti-scorbuto. In Messico le foglie di arancio amaro (naranjo agrio) sono utilizzate per le loro proprietà antispasmodiche, toniche e febbrifughe e nel trattamento dell’eccitazione nervosa, delle palpitazioni e dell’epilessia. P. Font Quer, un botanico spagnolo nonché farmacista e chimico, che si è distinto come uno dei nomi più importanti della scienza botanica spagnola della metà del XX secolo, nel descrivere le virtù (virtudes) del cedro, del limone, dell’arancio amaro e dell’arancio dolce, riesamina l’opera di Dioscoride, e delinea l’uso attuale dei rimedi ottenuti da queste piante, il limone in particolare, affermando che “ha innumerevoli stimatori e costituisce una panacea che si ritiene curi un numero infinito di malattie”. Morton, naturalista e botanico austriaco di fine ‘800, include il mandarino (C. reticulata Blanco) tra le piante di rimedio popolare identificate nel nord del Venezuela.

 

Il lime (C. aurantifolia Swingle) ha una moltitudine di usi nella medicina popolare in tutti i tropici: il succo viene preso per fermare la diarrea, è considerato un efficace disinfettante per gli occhi dei neonati e per le ferite. Diluito in acqua, caldo o freddo, è usato in gargarismi per disturbi alla gola e assunto internamente per alleviare la febbre, disturbi epatici, edema, diuretico. Nello Yucatan il succo è usato per diabete, reumatismi e aterosclerosi, l’infuso delle foglie serve come antispasmodico, sudorifero e sedativo; il decotto delle radici viene somministrato come trattamento per la gonorrea. Nel Curasao il succo di lime viene aggiunto al tè di Cymbopogon citratus per alleviare la bronchite. A Trinidad il succo di lime viene utilizzato contro mughetto, mal di denti e viene applicato al petto in caso di polmonite. Un “tè” di boccioli di fiori viene preso come soporifero e un decotto di radice viene applicato sulle punture di scorpione. In Giamaica, si dice che il succo di lime mescolato con i frutti schiacciati di Solanum aculeatum curi la tigna. Nelle Bahamas il succo viene utilizzato per respingere le zanzare e se si viene morsi da questi insetti, il succo allevierà il prurito; il decotto di foglie è usato come tonico e come rimedio per la pressione sanguigna. In America Centrale il succo d’arancia amara è usato come diuretico, purgante, per tosse e febbre; un decotto della buccia viene somministrato per alleviare la flatulenza. Nello Yucatan, le foglie sono comunemente utilizzate nella medicina popolare sotto forma di infuso o decotto come diuretico, stimolante cardiaco e sedativo e per rinforzare altri rimedi per la febbre, per il trattamento di problemi alla cistifellea, ipertensione, mal di stomaco (a Curaçao), e in un decotto con foglie di Annona muricata come rimedio per l’asma, come sedativo e per promuovere un buon sonno (a Curaçao). Il decotto o l’olio essenziale delle foglie e dei fiori sono considerati antispasmodici; i fiori freschi e secchi sono utilizzati in un tè’ come stomachico e sedativo; un unguento preparato dai fiori viene applicato sulla pelle irritata; il decotto di buccia viene utilizzato per alleviare il mal di stomaco e come tonico amaro; il succo di frutta è usato come rimedio per raffreddori e mal di gola. Il decotto della buccia d’arancia dolce è un rimedio per la dissenteria e i vermi intestinali e per la flatulenza. A Curaçao, un decotto della buccia viene preso quando manca l’appetito; l’infuso di foglie come antispasmodico o nel trattamento di isteria, palpitazioni, convulsioni e attacchi epilettici, gastralgia e bronchite. I Maya nello Yucatan usano le foglie in un tè sudorifero. Il “tè” delle foglie viene preso a Trinidad per la polmonite e come depurativo dopo il parto; il decotto di fiori è un sedativo popolare. In Ecuador un estratto di semi d’arancia viene utilizzato nel trattamento della malaria. Nelle Isole Caicos, all’estremità meridionale della catena di isole Bahamas, il succo acido del frutto di lime (C, aurantifolia Swingle) o dell’arancia amara è un rimedio per il tifo.

L’infusione di fiori di diverse specie di generi di agrumi è usata come sedativo per trattare l’insonnia, trattare la tubercolosi e altre malattie respiratorie.

Amazzonia:

Il decotto di radice di arancio, preso durante le mestruazioni, agisce come un contraccettivo; il succo di lime, preso da entrambi i partner poco prima del rapporto sessuale, impedirà il concepimento; la buccia di lime è usata come antiforfora, decongestionante e sedativo; i fiori come tonico, per crampi ed enterite. L’infuso di foglie di limone è un digestivo.

Pompelmo

Il pompelmo (Citrus paradisi) è un importante membro del genere Citrus della famiglia delle Rutaceae. È stato usato come medicina popolare in molti paesi come antibatterico, antifungino, antinfiammatorio, antimicrobico, antiossidante, antivirale, astringente e conservante. È stato anche usato per la prevenzione del cancro, la rigenerazione cellulare, l’abbassamento del colesterolo, la pulizia, la disintossicazione, il mantenimento della salute del cuore, la nefrite da lupus, l’artrite reumatoide e la perdita di peso. Citrus paradisi è uno dei membri più importanti del genere citrus (Rutaceae). È originario dell’isola di Barbados. Il pompelmo viene coltivato commercialmente anche in Spagna, Marocco, Israele, Giordania, Sud Africa, Brasile, Messico, Giamaica e Asia.

In Sudan la buccia interna di Citrus paradisi è usata per curare la malaria, gastro protettiva e antiulcera e questa azione è attribuita all’attività antiossidante dei flavonoidi degli agrumi.

Medicina tradizionale e ricerche scientifiche:

In una rivalutazione critica basata sulle più recenti ricerche farmacologiche, molte delle numerose proprietà terapeutiche attribuite ad alcune specie del genere Citrus nella medicina tradizionale dei paesi, dove si sono diffuse e acclimatati, si sono dimostrate fondate e sono stati individuati i principi attivi responsabili di queste attività. L’attività antiossidante degli antociani, presente in particolare nelle arance pigmentate, ha portato ad una rivalutazione di questo generoso dono della natura. I frutti dorati del giardino mitologico delle Esperidi, le arance, di un colore rosso vivo che riflette il fuoco dell’Etna, il profumo inebriante della zagara, i fiori bianchi che adornano le spose, sono la manifestazione dei doni portati a noi dalle specie di agrumi: nutrimento, bellezza, salute e poesia. Gli obiettivi di uno studio scientifico  erano di indagare l’effetto sedativo di diversi estratti di fiori di Citrus sinensis (L.) Osbeck (Rutaceae) e descrivere il meccanismo d’azione farmacologica dei composti attivi sedativi di questa pianta.

1 Caduta dei capelli e problemi epidermici

Nell’alopecia non cicatriziale, i micronutrienti  svolgono un ruolo molto importante, poiché regolano il normale ciclo del follicolo pilifero e ricambio  cellulare. Il ruolo dell’alimentazione e della dieta nel trattamento della caduta dei capelli rappresenta un’area di indagine dinamica e in crescita: è fondamentale assumere vitamina A, vitamina B, vitamina C, vitamina D, vitamina E, ferro, selenio e zinco, sono molto importanti in caso di alopecia non cicatriziale.

2 Infiammazioni e   infezioni

Gli elementi del sistema antiossidante, fra cui cofattori di enzimi, componenti di fattori di trascrizione e modulatori epigenetici, vitamine e oligoelementi, influenzano vari processi metabolici che sono direttamente associati alle funzioni immunitarie. In particolare, le vitamine C e D hanno dimostrato una funzione immunitaria significativa. In particolare, la vitamina C ha una rilevante funzione immunobiologica, di conseguenza, la carenza di vitamina C è la ridotta resistenza a vari agenti patogeni, mentre un maggiore apporto aumenta l’attività degli anticorpi e la resistenza alle infezioni.

3 Vitamina C e funzione immunitaria

La vitamina C è un micronutriente essenziale per l’uomo, con funzioni pleiotropiche legate alla sua capacità di donare elettroni. La vitamina C contribuisce alla difesa immunitaria supportando varie funzioni cellulari sia del sistema immunitario innato che adattivo. La vitamina C supporta la funzione di barriera epiteliale contro gli agenti patogeni e promuove l’attività antiossidante della pelle, proteggendo e dallo stress ossidativo ambientale. La vitamina C si accumula nelle cellule fagocitiche, come i neutrofili, e può migliorare la chemiotassi, rif. : Chemiotassi – Wikipedia la fagocitosi, rif. Fagocitosi – Wikipedia, e l’uccisione microbica. Il ruolo della vitamina C nei linfociti è meno chiaro, ma è stato dimostrato che migliora la differenziazione e la proliferazione delle cellule B e T, probabilmente a causa dei suoi effetti di regolazione genica, rif. Regolazione genica – Wikipedia . La carenza di vitamina C si traduce in un’immunità compromessa e in una maggiore suscettibilità alle infezioni. A sua volta, le infezioni hanno un impatto significativo sui livelli di vitamina C a causa dell’aumento dell’infiammazione e del fabbisogno metabolico. Inoltre, l’integrazione con vitamina C sembra essere in grado di prevenire e trattare le infezioni respiratorie e sistemiche. La prevenzione profilattica dell’infezione richiede l’assunzione alimentare di vitamina C che forniscano livelli plasmaci almeno adeguati, se non saturi (cioè 100-200 mg/giorno), che ottimizzano i livelli di cellule e tessuti. Al contrario, il trattamento delle infezioni accertate richiede dosi significativamente più elevate (grammo) della vitamina per compensare l’aumento della risposta infiammatoria e della domanda metabolica.

4 La vitamina C riduce le malattie neurodegenerative e i disturbi psichiatrici

La vitamina C (Vit C) è considerata una molecola antiossidante vitale nel cervello. Aiuta a mantenere l’integrità e la funzione di diversi processi nel sistema nervoso centrale (SNC), tra cui maturazione e differenziazione neuronale, formazione di mielina, sintesi della catecolamina, modulazione della neurotrasmissione e protezione antiossidante. L’importanza della Vit C per la funzione SNC è stata dimostrata dal fatto che la cancellazione mirata del co-trasportatore sodio-vitamina C nei topi provoca un’emorragia cerebrale diffusa e la morte il primo giorno post-natale. Poiché le malattie neurologiche sono caratterizzate da una maggiore generazione di radicali liberi e le più alte concentrazioni di Vit C nel corpo si trovano nel cervello e nei tessuti neuroendocrini, si evince  che Vit C possa cambiare il corso delle malattie neurologiche e mostrare potenziali ruoli terapeutici. Agisce sulle malattie neurodegenerative tra cui il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, il morbo di Huntington, la sclerosi multipla e la sclerosi amiotrofica, nonché i disturbi psichiatrici tra cui depressione, ansia e schizofrenia.

5 Effetti dell’esercizio aerobico e dell’integrazione di vitamina C sui sintomi della rinite nei pazienti allergici con rinite

L’esercizio fisico e l’assunzione  della vitamina C sono entrambi raccomandati come efficace trattamento dei sintomi nei pazienti con molte malattie fra cui la rinite allergica .

6 Vitamina C e malattie cardiovascolari

I potenziali effetti benefici delle proprietà antiossidanti della vitamina C sono stati studiati in una serie di condizioni patologiche e disturbi cardiovascolari.

La vitamina C previene i danni causati dallo stress al cuore causati dalla morte di cardiomiociti, attraverso la regolazione dell’eccessiva produzione di catecolamina ( rif . Catecolamina – Wikipedia). Nel complesso, l’insufficienza di vitamina C aumenta il rischio di danni cardiaci indotti dallo stress con cambiamenti strutturali e funzionali derivanti dall’apoptosi dei cardiomiociti.

7 La vitamina C migliora la lesione epatica

L’insufficienza di acido l-ascorbico (vitamina C) è considerata uno dei principali fattori di rischio per lo sviluppo della malattia epatica. Tuttavia, i suoi effetti specifici e i relativi meccanismi in vivo sono in gran parte sconosciuti. L’obiettivo di questo studio era quello di studiare il ruolo protettivo in vivo della vitamina C e i suoi meccanismi correlati nella lesione epatica con topi che non possono sintetizzare la vitamina C come l’uomo a causa della mancanza di l-gulonolattone-γ-ossidasi , un enzima essenziale per la sintesi della vitamina C.

La vitamina C è fondamentale nella prevenzione dello sviluppo della malattia nel fegato e gravi danni al fegato indotti dall’infiammazione possono essere prevenuti con sufficiente integrazione di vitamina C.

8 La carenza di vitamina C aggrava il fattore di necrosi tumorale α insulino-indotta dall’insulina

L’infiammazione cronica di basso grado gioca un ruolo importante nello sviluppo della resistenza all’insulina. Il ruolo potenziale e il meccanismo della vitamina C, un agente antiossidante e antinfiammatorio, è stato studiato nella resistenza all’insulina indotta dal fattore di necrosi tumorale α (TNF-α). Nel complesso, la vitamina C è essenziale per prevenire e migliorare la resistenza all’insulina e l’integrazione con vitamina C può essere un efficace intervento terapeutico per i disturbi metabolici.

Un ottimo prodotto contenente vitamina C è Alato 48 . La  nuova formulazione liposomiale di vitamina C è priva di solventi organici dannosi è disponibile presso La Fenice Sas.

Associazioni:

Alato D3 osteoporosi, malattie autoimmuni

Alato 34 immunostimolante cardiovascolare osteoporosi,

ALATO 10 immunoregolatore – antinfiammatorio

 

ALATO 21 funzioni cognitive

ALATO 25 metabolismo energetico cerebrale

ALATO 30 debilitazione psicofisico

ALATO 37 immunoregolatore – antinfiammatorio

 

Ecco le sue  principali funzioni:

  • Sistema immunitario
  • antiossidante
  • sintesi di collagene
  • metabolismo
  • affaticamento
  • sistema nervoso
  • antitumorale
  • malattie neurodegenerative
  • alopecia
  • epiderma
  • rinite
  • infiammazioni
  • infezioni
  • disturbi cardiovascolari 
DiAlessandra Zarone

Quintessenze e riequilibrio psicofisico

Quintessenze e riequilibrio psicofisico

Firmico Materno, scrittore cristiano, siciliano, è vissuto verso la metà del 4º secolo. Pagano, appartenente all’ordine senatorio, è autore di un trattato di astrologia (Matheseos libri VIII)

sulla  generazione del mondo, la posizione dei pianeti nei segni zodiacali all’inizio delle cose, ci informa:

Il Dio che ha fabbricato il mondo ha costituito il corpo dell’uomo come quello del mondo, da un miscuglio di quattro elementi, fuoco e acqua, aria e terra, cosi che la felice combinazione di tutti questi elementi rende i viventi una bella opera secondo la forma del modello divino. E mediante gli artifici della sua arte creativa, egli ha fatto l’uomo in modo che entro i limiti della natura si raccolga in un piccolo corpo (microcosmo) ogni forza e ogni sostanza in modo tale che per il potente alito celeste che discende dallo spirito divino a vivificare il corpo mortale, egli prepari una dimora, invero fragile, ma tuttavia assomigliante al mondo:

Ed ecco perché l’uomo, come un piccolo mondo, è vivificato dalla fiamma e dal corso eterno dei cinque pianeti e del sole e della luna, così che l’essere vivente creato a immagine del mondo possa analogamente essere governato dalla stessa sostanza della divinità. …. l’uomo, formato secondo la natura e l’immagine del mondo, è sostenuto continuamente dallo stesso principio che dirige e mantiene il mondo, mediante i raggi che lo riscaldano con un calore perpetuo “ .

 

La funzione mercuriale nella malattie polmonari

Mercurio è preposto al processo della respirazione, che mette in contatto l’esterno, rappresentato dall’atmosfera, e l’interno del corpo. Saturno presiede a tutte le cristallizzazioni e remineralizzazioni, una dissonanza fra questi due pianeti , una loro congiunzione che ne affievolisca le funzionalità, porta a malattia.

Il ruolo dei pianeti è analogo a quello degli organi, rappresentati nel corpo attraverso i luoghi del metabolismo energetico.

Piante mercuriali sono:

Lavanda, Timo serpillo, Bugula, Calluna, Faggio, Pioppo, Aglio, Romice.

Piante polmonari sono : Achillea, Angelica, Bugula, Cerfoglio, Canapa, Farfara, Finocchio, Garofano, Iperico, Lavanda, Menta, Pimpinella, Pioppo ,Rosmarino, Ruta, Tasso Barbasso, Timo, Tanaceto.

La funzione di Mercurio permette il  funzionamento e la cooperazione  dei fluidi tra tutti i sistemi, ad esempio la digestione e l’assorbimento del cibo, l’equilibrio omeostatico, i sistemi di escrezione dei rifiuti di polmone, pelle, rene e intestino crasso, sistemi ormonali e nervosi, in modo che l’organismo funzioni nel suo complesso in armonia con se stesso e il suo ambiente.

Mercurio  è l’elemento di interscambio fra il Cielo e la Terra, fra Yin e Yang , permette la vita , agisce come attivatore e come mediatore, favorendo l’entrata verso l’interno ( cellule)  del combustibile che sostiene il corpo. Mercurio crea una connessione fra microcosmo e  macrocosmo e dona consapevolezza del proprio potere interiore.

Come sostengono Ippocrate, Galeno e Paracelso, per ripristinare lo stato di salute, è importante riequilibrare  i quattro umori con le erbe adatte.

I Quattro Umori sono gli agenti metabolici dei Quattro Elementi nel corpo umano. Il giusto equilibrio e purezza di essi è essenziale per mantenere la salute:

SANGUE – ARIA

PHLEGM – ACQUA

BILE GIALLA – FUOCO

BILE NERA – TERRA

 

Paracelso

Egli credeva che il corpo umano fosse un microcosmo corrispondente  al “macrocosmo”, e contenesse in sé tutte le parti della natura visibile:  sole, luna, stelle e i poli del cielo. La Malattia, secondo la sua concezione mistica, non era naturale ma spirituale. Egli introdusse dei rimedi antagonisti della malattia spirituale, chiamati “Arcana”, una parola che implicava una connessione misteriosa tra il rimedio e  l’essenza della malattia .

Per Paracelso i quattro elementi esistevano insieme in tutte le cose, gli elementi differivano  ampiamente l’uno dall’altro ed erano  in grado di concordare e coesistere senza distruzione reciproca. Gli  “arcana” erano esseri semi-spirituali come la “quinta essentia” di Aristotele ; tuttavia credeva di poter scioglierli o estrarli per mezzo di acqua, alcol o acidi.

Gli Arcana, erano considerati  incorporei, immortali, intelligibili, con  il potere di trasmutare, alterare, e ripristinare l’uomo, come l’arcana di Dio, secondo la loro stessa induzione. “…E anche se non c’è eternità in grado di  conservare i nostri corpi più di quanto si possa fare o scoprire dalla natura. “Arcana manteneva il corpo in salute, allontanava le malattie , animava gli spiriti depressi,

liberandoli da ogni dolore, proteggeva  da ogni malattia, e conduceva serenamente  il corpo fino alla sua morte predestinata.

Gli Arcana differivano molto uno dall’ altro, in modo che nessuno di loro operasse allo stesso modo di un altro.

”..Sono diversi sia nel modo che nella forma, ognuno con i suoi modi propri e peculiari. Quindi, la Prima Materia è il primo Arcano; il secondo è la Pietra Filosofale, il terzo è il Mercurio

Vitae, e il quarto è la Tintura… Il Mercurio della Vita, che è il terzo arcano, trasmuta le persone e altre cose essenziali, rinnova ogni cosa in crescita, rinnova il corpo  vecchio e consumato .”

 ( Paragranum, Trattato II, De Astronomia)

Paracelso intuì innanzitutto che mediante la separazione e la purificazione si può eliminare la tossicità dei farmaci, soprattutto di quelli preparati con sostanze minerali. «Nessuno può condannare una cosa senza conoscerne le trasformazioni o ignorando cosa può fare la separazione.

Anche se una cosa è un veleno, può essere trasformata in ciò che veleno non è […]. Non si deve forse separare il veleno dal buono e prendere il buono invece del cattivo?» Egli riconobbe il principio farmacologico (arcanum o quinta essentia) nella natura interna e invisibile delle cose e non nelle loro qualità elementari sensibili. Il farmaco dev’essere perciò prodotto ricorrendo a tecniche alchemiche che permettano di estrarre tale principio, intuito in base alla dottrina della signatura – lo specifico contributo paracelsiano alla concezione della simpatia universale, cioè all’idea che l’esterno visibile di ogni sostanza sia un segno del suo interno invisibile.

Paracelso sosteneva  il parallelismo fra le perturbazioni macrocosmiche, cioè i fenomeni meteorologici, e la malattia come squilibrio delle parti costitutive del corpo umano.

I farmaci preparati alchemicamente guariscono perché introducono nel corpo malato i principi stessi del “cielo” , ricavati dalle sostanze terrene secondo le corrispondenze specifiche.

La quintessenza

L’identificazione della quintessenza alchemica con l’alcol distillato dal vino si deve a Giovanni da Rupescissa, autore a metà del Trecento di un singolare libretto in cui la descrizione di tecniche di distillazione e ricette per la preparazione di farmaci ,la dottrina della quintessenza infatti è segreta .” E in verità affermo che la quintessenza è acqua ardente e non è acqua ardente” . Così si apre uno dei primi capitoli del Liber de consideratone quintae essentiae del Rupescissa, il trattato scritto attorno al 1351-1352 che rappresenta l’apogeo della tradizione alchemica occidentale. Questa dottrina segreta e paradossale dev’essere conservata gelosamente nascosta da parte degli «uomini evangelici» cui Giovanni ha deciso di comunicarla, perché il prodotto che essa insegna a fare è un vero e proprio arcanum Dei, un segreto mirabile e potentissimo.” Ho detto che il Sommo Dio ha creato la quintessenza, che si estrae, mediante operazioni artificiali fatte dagli uomini, dal corpo della natura creata da Dio e la chiamerò coi tre nomi che i filosofi le hanno dato. E detta Acqua ardente, Anima del vino o anche spirito, e Acqua di vita. E quando tu vorrai tenerla segreta, la chiamerai Quintessenza, poiché questa sua natura e questo suo nome gli eccelsi filosofi non vollero rivelarlo a nessuno…. Continuando a sublimare con elevazioni e discese fino a mille volte giunge ad una glorificazione così eccelsa da diventare un composto incorruttibile quasi come il cielo, e perciò, dal fatto che ha la natura del cielo, è chiamata quintessenza, poiché sta in rapporto col nostro corpo come il cielo sta in rapporto col mondo intero “.

 

Medicina Cinese , equilibrio e armonia del corpo

 

Il Tao Te Ching (capitolo 1) afferma che se stesso è la base per raggiungere il Tao in secondo la natura, per raggiungere l’equilibrio. Tao è descritto come un concetto astratto  che non può essere definito a parole.

Il rapporto umano con gli altri è visto come il continuum di sé. Il concetto di Equilibrio e Armonia è costituito da due elementi, uno interno e uno Esterno, parallelamente al concetto spagyrico di micro e macrocosmo, dove interno si riferisce allo stato soggettivo di un individuo ed  esterno si manifesta nelle relazioni sociali e nel comportamento. La fusione tra l’uomo e l’universo è espressa ne I Ching (esagramma 22 ), in quanto l’universo oggettivo e il carattere soggettivo degli esseri umani sono collegati.

In una costituzione debole senza forti difese corporee, le forze avverse possono attaccare il corpo attraverso la pelle, la bocca e il naso, ossia   il vento crea disarmonia nel corpo.

 

 Il  concetto di “vento” come causa di  Malattia:

Nella Medicina Tradizionale Cinese, il vento ( Aria, Mercurio nella Medicina Spagyrica) è considerato in grado di penetrare la superficie del corpo, causando  umidità, secchezza, freddo e calore. Secondo Nei Jing, l’ “attacco” del vento può colpire tre parti del nostro corpo: la parte superiore, centrale e parti inferiori  e le energie delle tre parti sono diverse. Quando il proprio corpo è debole e sperimenta un attacco del vento, la malattia inizierà nelle parti superiori.

 La filosofia esistenziale del  Tao Te Ching si basa sul prendere la vita in modo facile (capitolo 37), essere umili (capitoli 6, 28, 34), accontentarsi (capitolo 12), seguire la natura (capitoli 7, 25, 37), fare le cose correttamente ed evitare gli estremi (capitoli 9, 12). Il concetto di equilibrio ha lo scopo di vivere una vita positiva, ricettiva, onesta e felice.

Nel  Nei Jing, il primo testo  medico cinese (dinastia Tang 618-907 d.C.) vengono espressi i concetti di equilibrio yin e yang del Tao, si consiglia di seguire la natura, preservare la vitalità:

Se le energie yin e yang sono mantenute in uno stato di equilibrio, il corpo e lo spirito saranno forti. Se le sue energie yin e yang sono in disequilibrio, la sua energia vitale diminuirà fino a completo esaurimento delle forze. (Domande semplici, capitolo 3:22)

Le discipline antiche dovrebbero essere le colonne portanti per affrontare le difficoltà dell’uomo contemporaneo.

Un approccio naturale al Coronavirus

La recente e continua epidemia di coronavirus (COVID-19) è un’enorme sfida globale. L’epidemia, che si è verificata prima nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina e poi rapidamente si è diffusa in altre province e in oltre 200 paesi all’estero, è stata dichiarata pandemia globale dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Le persone  con sistema immunitario compromesso e/o problemi respiratori, metabolici o cardiaci sono più soggetti all’infezione .

L’uso di farmaci a base di erbe / integratori alimentari per prevenire, trattare, mitigare, diagnosticare o curare la malattia da coronavirus 2019 non è stato affrontato in modo coerente a livello globale. La Cina ha esplorato attivamente come integrare la Medicina Tradizionale Cinese (TCM) nella terapia occidentale dall’epidemia di SARS nel 2003. Sulla base dei risultati clinici, l’Ufficio Generale della Salute Nazionale e l’Ufficio dell’Amministrazione Statale della Medicina Tradizionale Cinese hanno incoraggiato l’integrazione del TCM a base di erbe e della medicina occidentale nel trattamento delle complicanze respiratorie nelle infezioni da Coronavirus con diverse prescrizioni raccomandate in diverse fasi della malattia . Dopo l’epidemia di malattia della SARS-CoV-2, una serie di studi clinici con farmaci vegetali tradizionali (THM) sono stati aggiunti al corpo di prove con alcuni risultati favorevoli rispetto alla terapia antivirale standard .

Pertanto, non sorprende che migliaia di professionisti di TCM in tutta la Cina abbiano lavorato insieme a medici regolari per controllare la malattia COVID-19. I dati clinici generati da decine di migliaia di casi confermati sono sottoposti a meta-analisi per verificarne l’effettiva efficacia . Nel frattempo, il Protocollo diagnostico e terapeutico del COVID-19 della Commissione Sanitaria Nazionale ha già consigliato di integrare il TCM nel trattamento dei pazienti COVID-19 per alleviare efficacemente sintomi come febbre, tosse, mal di gola, mialgia e affaticamento, abbreviare il decorso della malattia, ridurre la probabilità di complicanze potenzialmente letali .

In India, i praticanti di  Ayurveda stanno seguendo l’esempio lavorando alla definizione di protocolli chiari con una logica coerente con il loro sistema millenario. La prima linea di difesa raccomandata ai pazienti in fase iniziale consiste nei seguenti farmaci a base di erbe:

Tinospora cordifolia (Willd.) Myers (Menispermaceae), Zingiber officinale Roscoe (Zingiberaceae), Curcuma longa L. (Zingiberaceae), Ocimum sanctum L. (Lamiaceae), Glycyrrhiza glabra L. (Fabaceae), Adhatoda vasica Ness (Acanthaceae), (Acanthaceae), Andrographis paniculata (Burm.f.) (Acanthaceae), Swertia chirata Buch.-Ham. ex Muro. (Gentianaceae), Moringa oleifera Lam (Moringaceae), Triphala ,una miscela di Emblica officinalis Gaertn. (Phyllanthaceae), Terminalia bellirica (Gaertn.) Roxb. (Combretaceae) e Terminalia chebula Retz. (Combretaceae)] e Trikatu (una formula complementare a Triphala, tra cui Piper nigrum L. (Piperaceae), Piper longum L. (Piperaceae) e Z. officinale.

Le impostazioni cliniche e i regolamenti della ricerca sul COVID-19 attraverso i sistemi Ayurveda, Unani, Siddha e Omeopatia sono già stati pubblicati dal Ministero indiano dell’Ayush .

Un’iniziativa internazionale del Brazilian Academic Consortium for Integrative Health – CABSIn, TCIM Americas Network e del Latin-American and Caribbean Center on Health Sciences Information (BIREME/PAHO/OMS) sta raccogliendo le prove disponibili sulla medicina tradizionale, complementare e integrativa ,compresi i farmaci a base di erbe, potenzialmente utili nella pandemia di COVID-19 .

Il pubblico nordamericano sta ricevendo consigli sull’uso di prodotti a base di erbe da gruppi accademici dedicati. Uno di questi è l’Andrew Weil Center for Integrative Medicine che consiglia piante ricche di polifenoli (camomilla,  liquirizia, cipolle, mele, pomodori, arance, noci, bacche, prezzemolo, sedano, radice di curcuma e tè verde) per ridurre il rischio di infezione, ma non è disponibile alcuna valutazione dettagliata.

In Europa, i prodotti tradizionali di erboristeria sono regolati dall’EMA come medicinali OTC per alleviare condizioni lievi e autolimitanti, compresi i sintomi influenzali e la tosse. Sorprendentemente, non esiste alcuna guida ufficiale generale per quanto riguarda l’uso dei prodotti erboristici nel contesto della pandemia. In linea di principio, non si qualificherebbe come terapia per i sintomi covid-19 in quanto è considerata una grave condizione pericolosa per la vita. Tuttavia, questa malattia è autolimitante nella maggior parte dei pazienti e, in assenza di un risultato positivo in un test, i pazienti covid-19 sono solo pazienti “influenzali” e, come tali, potrebbero automedicarsi con rimedi erboristici.

Nonostante l’uso massiccio di codeina, paracetamolo e ibuprofene per alleviare le malattie respiratorie, il corpo clinico di prove a sostegno del loro uso nell’influenza è molto basso. Questi farmaci hanno tossicità molto comuni e i loro effetti avversi sono potenzialmente pericolosi nel contesto del COVID.

È sorprendente la mancanza di studi clinici per dimostrare l’uso sia di paracetamolo che di ibuprofene nel trattamento dei sintomi del raffreddore / influenza.

L’’infezione è favorita da una debole risposta immunitaria, mentre le complicazioni derivano da una “reazione eccessiva” del sistema immunitario nota come “tempesta di citochine”. Di conseguenza, le autorità sanitarie scoraggiano qualsiasi terapia che modula la funzione delle cellule immunitarie in una qualsiasi di entrambe le direzioni – compresi i farmaci antinfiammatori – e riservano quelle alla gestione clinica delle fasi avanzate del COVID-19.

I primi dati clinici sull’evoluzione dei pazienti covid-19 hanno evidenziato un’influenza deleteria di ibuprofene e chetoprofene anche assunta fino a 2-4 giorni durante l’inizio dell’infezione (ANSES, 2020), e hanno spinto le autorità francesi a scoraggiare il pubblico a utilizzare FANS diversi dal paracetamolo. Dati successivi non hanno chiaramente dimostrato il legame tra i FANS e il peggioramento dei sintomi, quindi l’EMA ha pubblicato una comunicazione che chiarisce questo punto e chiede un uso razionale dei FANS “alla dose efficace più bassa per il periodo più breve possibile” .

 Vitamine e oligoelementi

Le  vitamine A, B6, B12, C, D, E e folato; microelementi tra cui zinco, ferro, selenio, magnesio e rame, gli acidi grassi omega-3 come acido eicosapentaenoico e acido docosaesaenoico svolgono un ruolo fisiologico essenziale nella promozione del sistema immunitario. Inoltre, lo aiuta a regolare la trascrizione genica come la replicazione del DNA, la trascrizione dell’RNA, la divisione cellulare e l’attivazione cellulare nel sistema biologico umano. Gli Studi hanno sottolineato che la carenza di zinco predispone a herpes simplex, raffreddore comune, epatite C, grave sindrome respiratoria acuta coronavirus (SARS-CoV-1), il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) a causa della riduzione dell’immunità antivirale.

La carenza di zinco è manifestata dall’aumento del processo infiammatorio:

Lo zinco è un oligoelemento essenziale che influisce significativamente sulla salute, specialmente nel mantenimento del sistema immunitario. Studi i hanno riferito che il consumo di zinco ad alte dosi ha effettivamente aumentato il sistema immunitario dei pazienti con diverse malattie virali, tra cui raffreddore comune (rinovirus). Alla luce dell’improvvisa insorgenza della pandemia globale di COVID-19, c’è stato un crescente interesse nella ricerca di potenziali misure protettive e terapeutiche necessarie per frenare la diffusione incontrollabile di questo virus. La patologia del sistema respiratorio e la saturazione dell’ossigeno sono migliorate con integratori di zinco negli studi clinici. In particolare, la popolazione anziana che di solito sviluppa la sindrome respiratoria acuta ha livelli di zinco nel siero più bassi. Allo stesso modo, L’incidenza dell’80% della polmonite pediatrica è associata a bassi livelli di zinco sierico.

Rimedi erboristici per il sistema immunitario: 

Astragalo

Lo stress ossidativo svolge un ruolo chiave nella patogenesi di varie malattie. Gli antiossidanti proteggono le cellule e i tessuti dallo stress ossidativo dei radicali . Le specie di Astragalus (spp.), specialmente Astragalus membranaceus, fanno parte della  Medicina Tradizionale Cinese. Astragalus membranaceus, noto anche come Astragali radix, è usato nella Medicina Tradizionale Cinese come rimedio tonico. Inoltre, attenua l’infiammazione intestinale. È ampiamente usato in Asia orientale per prevenire alcuni gravi effetti collaterali della chemioterapia e fibrosi epatica .

 

Alnus japonica, noto anche come ontano dell’Asia orientale, cresce approssimativamente fino a 22 m. Appartiene alla famiglia Betulaceae, nota anche come famiglia delle betulle, che comprende sei generi con alberi decidui e arbusti portatori di noci. L’estratto di foglie e corteccia di Alnus japonica aumenta l’immunità contro l’influenza .Studi hanno dimostrato che l’estratto metanolo della corteccia di Alnus japonica possiede una forte attività antivirale contro il virus dell’influenza aviaria del sottotipo H9N2 . L’estratto di Alnus japonica potrebbe essere efficacemente utilizzato negli alimenti e nell’industria farmaceutica contro il virus dell’influenza.

 

Allium Sativum (Aglio)

Allium sativum appartiene alla famiglia delle Amaryllidaceae. È una pianta fiorita perenne che cresce da un bulbo e comprende un alto fusto fiorito che raggiunge un’altezza fino a 1 m. Oltre a possedere attività antibatterica, Allium sativum (aglio) ha anche proprietà antivirali. L’estratto di allium sativum ha un effetto inibitorio sul virus della bronchite infettiva aviaria, che è un RNA a singolo filamento e appartiene ai coronavirus. Ha anche mostrato il suo effetto su altri virus tra cui influenza A e B , citomegalovirus , virus dell’herpes simplex 1] e virus dell’herpes simplex-2 .

L’aglio può inibire la SARS-CoV-2 . Allium sativum è indicato per le malattie respiratorie, vale a dire raffreddore e tosse (e altri sintomi legati all’influenza . Ha effetti diaforetici, antisettici, batteriostatici e antivirali. È anche usato per trattare la  bronchite cronica e le infezioni delle vie respiratorie superiori . Inoltre, la Farmacopea britannica ritiene che i prodotti all’aglio siano indicati per raffreddori ricorrenti e pertosse .

 

Althaea officinalis L. – Malvaceae 

Althaea officinalis è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire tosse secca, irritazioni della mucosa orale e faringea .

I preparati di Althaea officinalis possono sopprimere la tosse e diminuire l’irritazione attraverso effetti antinfiammatori e lenitivi sulle vie respiratorie, dà sollievo dei primi sintomi del COVID-19. Le evidenze cliniche possono essere considerate elevate e, poiché non vengono segnalate gravi preoccupazioni per questa erboristeria, può essere valutata come alta sicurezza.

 

Andrographis paniculata (Burm.f.) Nees – Acanthaceae 

Andrographis paniculata è indicato per le malattie respiratorie, vale a dire raffreddore comune, e altre infezioni delle vie respiratorie superiori, tosse e febbre Utile in caso di dolore associato alla febbre.

 

 Cymbopogon citratus (DC.) Stapf – Poaceae

Cymbopogon citratus è indicato per infezioni respiratorie . Cymbopogon citratus è stato valutato sperimentalmente per la febbre. Un estratto standardizzato ha portato alla riduzione delle cellule infiammatorie e degli eosinofili. E’ indicato  in caso di influenza, per l’effetto antinfiammatorio sulle vie respiratorie .

 

Cordyceps

Il genere Cordyceps ha circa 750 specie identificate che sono distribuite in molte regioni del mondo, ma si trovano principalmente in Asia meridionale, Europa e Nord America. Per secoli Cordyceps, della famiglia delle Clavicipitaceae, è stato usato nella Medicina Tradizionale Cinese. Gli studi mostrano attività immunomodulatorie, antiossidanti, antitumorali, citotossiche, antinfiammatorie, antiallergiche, antidiabetiche, analgesiche, anti-HIV, antibatteriche, antimalariali e antifungine.

 

Echinacea sp. (E. angustifolia DC., E. purpurea (L.) Moench e E. pallida (Nutt.) Nutt. – Asteraceae

E’ indicata per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire quelli associati al raffreddore . I preparati di echinacea sono ampiamente utilizzati per prevenire raffreddori e altre infezioni respiratorie, come immunostimolante e in condizioni associate al disagio respiratorio. I preparati di Echinacea sono stati studiati clinicamente per l’influenza e il raffreddore. Echinacea sp. può essere utile per alleviare i sintomi respiratori, in quanto  esercita un effetto lenitivo sulle vie respiratorie. Nel complesso, un numero relativamente elevato di studi clinici e una serie di meta-analisi forniscono la prova che i preparati di Echinacea sono efficaci sia nel trattamento (riducendo i sintomi e la durata) che nella prevenzione del raffreddore comune.

 

 Eucalipto globulus Labill. – Myrtaceae 

L’eucalipto globulus è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire la tosse , espettorante e antisettico.  I preparati di olio essenziale di eucalipto globulo sono stati studiati clinicamente per malattie respiratorie (bronchite, rinite) e sono stati valutati i seguenti sintomi: tosse e irritazione alla gola. Nelle dosi tradizionali, non vi è alcuna relazione sulla tossicità di E. globulus. Tuttavia, dosi elevate possono causare nausea, vomito e diarrea .

 

Foeniculum vulgare – Apiaceae 

Foeniculum vulgare è indicato per le malattie respiratorie, vale a dire la tosse associata al raffreddore e alla febbre . Sebbene l’olio essenziale di F. vulgare presenti l’estragolo come uno dei componenti principali, e a causa della sua cancerogenicità genotossica, l’esposizione a questo composto dovrebbe essere mantenuta il più bassa possibile .

 

Ganoderma Lucidum ( Reishi)

I funghi medicinali sono stati usati per secoli come nutraceutici per migliorare la salute e per trattare numerose malattie croniche e infettive.

L’effetto antitumorale  di Ganoderma (Lingzhi) è strettamente correlato all’immunoregolazione.

Migliora la qualità della pelle e tratta problemi epidermici, ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Studi di laboratorio hanno dimostrato che Ganoderma lucidum migliora le funzioni immunitarie.

 

Ginseng

L’uso del ginseng Panax e del quinquefolius Panax nella Medicina Tradizionale Cinese risale a circa 5000 anni fa, grazie alle sue diverse proprietà benefiche e curative. Negli ultimi anni, ampie evidenze precliniche e cliniche nella letteratura scientifica di tutto il mondo hanno supportato gli effetti benefici di P. ginseng e P. quinquefolius in significative malattie del sistema nervoso centrale, metaboliche, infettive e neoplastiche. Gli studi clinici  hanno mostrato ottimi risultati  in malattie specifiche, come demenza, diabete mellito, infezioni respiratorie e cancro. .

Il ginseng è stato studiato come rimedio  defaticante. Le prove precliniche mostrano una certa attività immuno-stimolante. Ci sono stati diversi studi clinici in una varietà di malattie diverse. è meno studiato. Ci sono alcuni studi preclinici che mostrano un’attività immunitaria interessante.

Il sistema immunitario svolge un ruolo decisivo nella difesa di vari microrganismi patogeni. Astragalus membranaceus (AM) e Panax ginseng (PG) sono due erbe toniche utilizzate nella medicina tradizionale cinese (TCM) come rimedi potenzianti il sistema  immunitario.

In uno studio clinico, entrambi i rimedi  hanno mostrato contemporaneamente la capacità di rafforzare la funzione del sistema immunitario.

Glicirriza Glabra

Glycyrrhiza glabra appartiene alla famiglia delle Fabaceae ed è comunemente nota come liquirizia. La glicirrizina è il componente principale isolato dalle radici. La glicirrizina ha inibito il 50% del virus dell’epatite C (HCV) .Oltre ad essere efficace contro l’epatite e il virus dell’influenza, ha anche dimostrato il suo effetto sulla SARS CoV .

Justicia pectoralis Jacq. [syn. Dianthera pectoralis (Jacq.) J.F.Gmel.] – Acanthaceae

Justicia pectoralis (chambá) è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, come espettorante e immunostimolante . E’ stata sperimentalmente provata per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire l’asma.

Hyssopus officinalis L. ,Issopo

Hyssopus officinalis L. ha proprietà  e stomachiche carminative e antispasmodiche, è tulizzato in Iran e India .E utilizzato in caso di asma  nella Medicina Tradizionale Persiana. Ha proprietà antimicrobiche e antiossidanti. Le foglie essiccate  di H. officinalis sono state testate anche per la sua efficacia sul  virus dell’immunodeficienza (HIV).

 

Magnolia officinalis Rehder & E.H. Wilson – Magnoliaceae 

Magnolia officinalis è indicata per i sintomi di malattie respiratorie, vale a dire tosse, febbre e mancanza di respiro . La corteccia di magnolia è stata utilizzata nella medicina tradizionale cinese e giapponese per il trattamento dell’asma, delle malattie allergiche, nonché per alleviare mal di testa, dolore muscolare e febbre  e il suo principio attivo (magnololo) può migliorare  le patologie connesse al virus SARS-CoV-2 e COVID-19.

 

Malva sylvestris L. – Malvaceae

Malva sylvestris è indicato per le malattie respiratorie, vale a dire irritazioni orali o faringee e tosse secca . Prove precliniche. I preparati di Malva sylvestris sono stati studiati sperimentalmente per la tosse. L’attività anti-tussive della sua mucillagine . Malva sylvestris è stata tradizionalmente utilizzata come terapia della tosse e può essere utile per alleviare i sintomi del COVID-19 esercitando un effetto lenitivo sulle vie respiratorie.

 

Mikania glomerata Spreng. e M. laevigata Sch.Bip. ex Baker Asteraceae

Mikania glomerata è indicata per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire la tosse, e come espettorante . E’ stata utilizzata in Brasile in malattie respiratorie, come asma, tosse e infiammazione della gola  ha avuto un’inequivocabile azione broncodilatatore ed evidente effetto antitosse .Da non utilizzare durante il trattamento con FANS. L’uso può interferire con la coagulazione dovuta alla presenza di derivati della cumarina .

 

Ocimum gratissimum L. -Lamiaceae 

Ocimum gratisssimum è indicato per sintomi di raffreddore, influenza, febbre, asma, bronchite . A causa della presenza di estragolo, un cancerogeno genotossico presente in natura, O. gratissimum deve essere usato per un breve periodo, nella posologia raccomandata .

 

Pelargonium sidoides DC e/o Pelargonium reniforme Curt. -Geraniaceae 

Pelargonium sidoides è indicato per il raffreddore comune , tosse e bronchite. La specie proviene dall’Africa meridionale, e si dice che il termine Umkaloabo sia una fusione di due termini da Zulu (“Umkuhlune” – tosse e febbre; e “Uhlabo” = dolore al petto) .Gli Studi hanno dimostrato un’attività antivirale, per il coronavirus umano e rinovirus in  pazienti con asma . E’utile per alleviare i sintomi della rinosinusite acuta e del raffreddore comune negli adulti. I preparati di Umkaloabo sono generalmente considerati sicuri, anche se a dosi elevate possono verificarsi mal di stomaco, bruciore di stomaco, nausea o diarrea. Umkaloabo può essere utile nel sollievo sintomatico dei sintomi respiratori, in quanto  esercita un effetto lenitivo sulle vie respiratorie. Un numero relativamente elevato di studi clinici e una serie di meta-analisi forniscono la prova che i preparati di Umkaloabo sono efficaci sia nel trattamento (riducendo i sintomi e la durata) che nella prevenzione del raffreddore comune.

 

Pimpinella anisum L. – Apiaceae 

Pimpinella anisum è indicato per tosse e febbre . I preparati di anisum pimpinella sono stati studiati clinicamente per l’asma. L’attività broncodilatatore di P. anisum è stata valutata in uno studio che ha coinvolto 50 pazienti che presentano asma bronchiale. I pazienti hanno ingerito il tè (2 g in 200 ml di acqua), due volte al giorno per 40 giorni. Tutti i pazienti hanno presentato una riduzione degli episodi di tosse dopo 21 giorni di trattamento (da più di 6 episodi al giorno a nessuno), nonché dispnea e respiro sibilante. Inoltre, è stato osservato un miglioramento del tempo di tenuta del respiro e della frequenza respiratoria . Nelle dosi tradizionali, non vi è alcuna relazione sulla tossicità di P. anisum. Tuttavia, possono verificarsi reazioni allergiche, ad esempio la rinocongiuntivite .L’uso concomitante con farmaci antico coagulanti dovrebbe essere evitato a causa della presenza di cumarine .

 

Plantago lanceolata L. – Plantaginaceae 

Plantago lanceolata è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire tosse, faringite e febbre Altre indicazioni includono il catarro bronchiale. Plantago lanceolata fornisce sollievo sintomatico dei sintomi influenzali , esercita un effetto espettorante e antinfiammatorio.

Platycodon chinensis (Jacq). A.DC. [syn. Platycodon grandiflorus (Jacq.) A.DC.] – Campanulaceae (radici) è indicato per la tosse, come espettorante  e infezioni delle vie respiratorie superiori, mal di gola .Un estratto acquoso di P. chinensis ha presentato attività antinfiammatoria , nel trattamento dei sintomi allergici , polmonite. Due pazienti sono stati trattati con estratto acquoso di P. chinensis e agopuntura. I pazienti presentavano un miglioramento di tosse, catarro e febbre. La radiografia del torace ha mostrato una diminuzione dell’infiltrazione polmonare . Radix Platycodi deprime il sistema nervoso centrale). Pertanto, l’uso concomitante con alcol o farmaci ipnotici e sedativi dovrebbe essere evitato.

 

Polygala senega L. – Poligalaceae 

Polygala senega è indicato per la tosse , bronchite, enfisema e catarro delle vie respiratorie superiori .L’’estratto di fluido preparato con P. senega riduce la viscosità del catarro nei pazienti con bronchiectasi. Le saponine di questa specie sono solitamente irritanti per la mucosa e grandi dosi causano nausea, diarrea e vomito .L’ uso da parte di pazienti con ulcera gastrica o infiammazione gastrica dovrebbe essere evitato. L’esposizione cronica della mucosa intestinale alle saponine può anche inibire l’assorbimento attivo dei nutrienti .

 

Polypodium vulgare L. – Polipodiaceae 

Polypodium vulgare è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire la tosse .

Un lieve effetto lassativo può verificarsi quando questa pianta viene utilizzata come espettorante  Inoltre, a causa di possibili effetti ipotensivi e ipnotici, i pazienti dovrebbero essere consapevoli delle potenziali interazioni .

 

Potentilla erecta (L.) Raeusch. – Rosaceae 

Potentilla erecta è indicato per la tosse e il trattamento sintomatico di piccole infiammazioni della mucosa orale. La preparazione deve essere utilizzata per sciacquare la bocca più volte al giorno .

E’ stata segnalata l’attività antivirale contro i tipi di virus Herpes I e II, nonché l’attività citotossica contro il virus influenzale di tipo A2 e  Vaiolo bovino.

 

Primula veris L. – Primulaceae 

Primula veris è indicato per alcuni sintomi di malattie respiratorie, vale a dire tosse .

Un estratto secco di P. veris ha presentato una potenziale attività antinfiammatoria in vitro, ha inibito la replicazione del rinovirus umano (HRV) e del virus respiratorio sinciziale (RSV) . Casi di nausea, vomito, disturbi gastrici e allergie possono verificarsi in dosi superiori a quelle raccomandate .

 

Rosa canina

E’ un potente  antiossidante e fonte di vitamina C. Gli effetti antiossidanti e antinfiammatori di Rosa canina corrispondono alla sua azione clinica. La proprietà antinfiammatoria di Rosa canina suggerendo il suo potenziale ruolo di strumento terapeutico adiuvante per la gestione delle malattie infiammatorie.

 

Salix alba L., Salix sp.

Il salix alba è una pianta appartenente alla famiglia degli alberi latifolie. Salix alba è indicato come antipiretico , antinfiammatorio, nel trattamento dell’influenza e del raffreddore comune .E’ stato sperimentalmente provato per la febbre. La sua efficacia e sicurezza sono state riportate in diversi studi. L’estratto di Salix alba ha mostrato proprietà analgesiche e antinfiammatorie maggiori rispetto all’aspirina standard . I preparati salix alba sono stati studiati clinicamente per febbre e infiammazione. Uno studio randomizzato con 210 pazienti è stato condotto per valutare l’efficacia dell’estratto di corteccia Salix per il trattamento del mal di  schiena. È stato condotto un altro studio randomizzato in doppio cieco controllato con placebo che ha coinvolto 78 pazienti con osteoartrite. Pazienti con osteoartrite e dolore reumatico o mal di schiena o entrambe le condizioni, hanno avuto molto sollievo. Nei bambini può causare un rischio di sindrome di Reye, quindi non è raccomandato, inoltre, gli asmatici (sensibilità ai salicilati) a causa di reazioni gravi (broncospasmi acuti) dovrebbero evitarne l’uso .  Nel caso di trattamento con anticoagulanti, antiacidi, corticosteroidi o FANS, l’uso di salix deve essere evitato, anche in caso di disturbi gastrointestinali . A causa dei suoi effetti antipiastrinici, è considerato utile nel contesto COVID-19. I farmaci antipiastrinici o antiaggreganti piastrinici sono un gruppo di farmaci in grado di interagire negativamente con la funzione di aggregazione piastrinica, prevenendo così la formazione di trombi ed emboli di origine trombotica: tali farmaci trovano quindi utilità nei pazienti che hanno un elevato rischio di trombosi ed embolia, eventi che potrebbero condurre a pericolosi fenomeni ischemici come l’infarto del miocardio.

 

Sambucus nigra L. – Adoxaceae 

Sambucus nigra è indicato per febbre e infiammazione delle vie respiratorie, allevia i sintomi del raffreddore e dell’influenza, il mal di testa ed ha funzione espettorante .

I costituenti attivi inibiscono la biosintesi delle citochine infiammatorie e la  necrosi tumorale-α nelle cellule mononucleari periferiche umane. Diversi esperimenti in vitro e in vivo hanno mostrato gli effetti antivirali degli estratti di sambuco, contro il virus dell’influenza . I preparati di sambucus nigra sono stati studiati clinicamente per il raffreddore e l’influenza comuni. Due studi randomizzati con un estratto standardizzato, che coinvolgono pazienti che presentano sintomi influenzali e reazione positiva per il virus influenzale di tipo A o B, hanno mostrato la riduzione dei sintomi dopo il secondo giorno di trattamento, senza effetti avversi significativi . Una meta-analisi di studi clinici randomizzati ha portato alla conclusione che l’integrazione di S. nigra riduce i sintomi respiratori superiori del raffreddore e dell’influenza comuni .

Scutellaria baicalensis Georgi – Lamiaceae 

Scutellaria baicalensis è indicato per la febbre, ha proprietà  antivirali e per allevia i sintomi della bronchite . L’attività antinfiammatoria è stata valutata mediante esperimenti in vitro e in vivo, mostrando  attività analgesiche e antinfiammatorie . A dosi elevate, sono stati riportati lievi effetti lassativi. Scutellaria baicalensis non deve essere usato in persone con problematiche alla milza e stomaco .

 

Silybum marianum L. Gaertn. – Asteraceae 

Silybum marianum è indicato per la gestione delle malattie respiratorie, vale a dire febbre e catarro . S. marianum fornisce sollievo dei sintomi respiratori, esercitando un effetto antinfiammatorio sistemico.

 

Thymus vulgaris L. – Lamiaceae 

Thymus vulgaris è indicato per tosse associata a raffreddore, laringite e tonsillite . L’olio essenziale presenta attività antinfiammatoria. Un estratto acquoso di T. vulgaris è efficace contro   il virus Herpes simplex di tipo 1 (HSV-1), di tipo 2 (HSV-2) e l’Aciclovir HSV-1 . I bambini di età inferiore ai 30 mesi non dovrebbero usare questa pianta a causa di preparati contenenti timolo, che possono indurre laringospasmo .

 

Tilia cordata Mill. – Malvaceae 

Tilia cordata è indicata per i sintomi del raffreddore comune . Le procyanidine presenti nei piccoli fiori sono state valutate su una risposta infiammatoria nei neutrofili umani . I flavonoidi presenti in T. cordata esercitano un effetto ansiolitico e possono, potenzialmente, interagire con farmaci serotoninergici . E ‘utile nel sollievo dei sintomi respiratori attraverso un effetto antinfiammatorio.

 

Uncaria Tomentosa

Un certo numero di farmaci dei nativi amazzonici sono noti per avere attività antimicrobica e antinfiammatoria, anche se solo pochi sono stati studiati per le loro proprietà antivirali ed effetti immunomodulanti. I più studiati sono: Sangre de Grado (drago) (Croton lechleri) nella famiglia delle Euphorbiaceae e Una de Gato (Uncaria tomentosa) nella famiglia delle Rubiaceae.

Gli Asháninkas, indigeni del Perù, usano l’artiglio del gatto (Uncaria tomentosa) per ripristinare la salute. Uncaria tomentosa ha attività antiossidante e lavora come agente per riparare i danni al DNA. Provoca diversi effetti sulla proliferazione cellulare a seconda del tipo di cellula coinvolta; in particolare, può stimolare la proliferazione dei progenitori mieloidi e causare l’apoptosi delle cellule neoplastiche. La neutropenia è l’effetto collaterale più comune della chemioterapia. Per i pazienti sottoposti a trattamento oncologico, la somministrazione di un farmaco che stimola la proliferazione di cellule del tessuto ematopoietico sano è molto desiderabile. Riduce osteoartrite, artrite reumatoide, prostatite, malattie virali, cancro e rosacea, come  adattogeno immunomodulante nell’invecchiamento cellulare.

 

Zingiber officinale Roscoe – Zingiberaceae 

Zingiber officinale è indicato per il raffreddore e la tosse comuni , ha proprietà  anti-asma  ed espettoranti . È descritto in diversi studi preclinici che riportano le sue proprietà antinfiammatorie e antipiretiche. L’effetto antinfiammatorio dello zenzero , interferisce con la cascata infiammatoria, ed ha attività di aggregazione anti-piastrinica in vitro .

In uno studio randomizzato, 32 pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) hanno ricevuto una dieta enterale arricchita con zenzero, è stato osservato un significativo miglioramento dell’ossigenazione. Gli autori degli studi clinici hanno descritto che vi era una differenza significativa nella durata della ventilazione meccanica e nel tempo speso nell’unità di terapia intensiva. Studi clinici hanno trovato lo zenzero efficace e sicuro per prevenire nausea e vomito associati alla gravidanza. A dosi elevate si possono manifestare    disturbi allo stomaco, dispepsia e nausea .Dosi elevate di zenzero possono aumentare gli effetti della terapia anticoagulante . L’uso è controindicato per le persone con calcoli biliari, irritazione gastrica e ipertensione .

Rimedi erboristici utilizzati per alleviare i sintomi legati alle condizioni respiratorie non elencati dalle monografie internazionali:

Alcune specie, sebbene senza il supporto di documenti ufficiali, sono state ampiamente utilizzate per alleviare i comuni sintomi del raffreddore, di solito come preparati fatti in casa. Alcuni di essi vengono analizzati qui, nel contesto COVID-19.

 

Citrus limon (L.) Burm. f. Rutaceae 

Il limone di agrumi è stato usato per alleviare la tosse,mal di gola,  come espettorante nella bronchite e come antinfiammatorio .  Il succo di limone  presenta attività anti-piastrinica, pertanto, l’uso concomitante con farmaci anti-piastrine dovrebbe essere evitato.

 

Culcitium canescens. – Asteraceae

In Perù e nei paesi confinanti, culcitium canescens è usato per alleviare la tosse e la febbre .Un’altra indicazione correlata include l’asma .

 

Laurus nobilis L. – Lauraceae

Laurus nobilis è usato per trattare le infezioni respiratorie .).Uno studio in vitro esamina la SARS-CoV e l’effetto di diversi oli essenziali. Gli autori hanno riferito che un olio distillato estratto dalle bacche di Laurus nobilis era un efficace virucida contro la SARS-CoV. L’olio essenziale di L. nobilis è stato anche valutato per le sue attività antinocicettive e antinfiammatorie, ha mostrato un significativo effetto analgesico . L. nobilis è stato usato come cibo fin dai tempi antichi, pertanto, è utile per alleviare i sintomi respiratori, in quanto esercita effetti antivirali e antinfiammatori sulle vie respiratorie.

Lippia graveolens Kunth. – Verbenaceae

Lippia graveolens è usata per trattare i sintomi delle malattie respiratorie e come antinfiammatorio . Da’ sollievo ai sintomi respiratori .

 

Nigella sativa L. – Ranunculaceae

I semi neri sono conosciuti a livello globale come spezia e alimento. Nella medicina araba, hanno utilizzo  molto alto . Nel contesto del COVID-19, gli usi rilevanti sono per l’asma e nella gestione più generale delle condizioni infiammatorie. In molti paesi arabi, il seme nero è usato per l’asma e la tosse, per le malattie gastrointestinali (come dolore addominale, mal di stomaco, coliche), reumatismi, malattie della pelle. Studi clinici hanno mostrato effetti positivi sull’infiammazione polmonare e sullo stress ossidativo . Alcuni studi dimostrano benefici clinici nei pazienti asmatici. In uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo, l’integrazione della terapia standard con capsule di N. sativa ha migliorato l’asma e migliorato la funzione polmonare.

Il seme nero può essere utile nel sollievo dei sintomi respiratori principalmente associati alla tosse grave sperimentata e può ridurre i parametri infiammatori.

 

Plectranthus amboinicus Lour. – Lamiaceae

Plectranthus amboinicus è stato usato nel trattamento dell’asma e per alleviare raffreddore, mal di testa e febbre . Contiene acidi rosmarinico, caffeico, gallico e p-cumarico, derivati della quercetina, luteolina) .Estratti acquosi ed etanotici di P. amboinicus presentano  attività antinfiammatoria in vitro ed effetti inibitori sulle citochine pro-infiammatorie . I bambini, di età inferiore ai 30 mesi, non dovrebbero usare questa pianta a causa di preparati contenenti timolo, possono indurre laringospasmo .

Houttuynia Cordata

Houttuynia cordata appartiene alla famiglia delle Saururaceae ed è per lo più confinata nell’habitat umido. E’ efficace nell’inibire l’infettività del virus dengue (DENV e il virus della bronchite infettiva aviaria . La quercetina ha mostrato attività anti-influenzale) e ha inibito la replicazione del virus nelle fasi iniziali dell’infezione. Il distillato di stelo della Houttuynia cordata ha mostrato attività inibitoria contro il virus dell’herpes simplex-1, il virus dell’influenza e il virus dell’immunodeficienza umana-1 senza alcuna citotossicità .Houttuynia cordata ha mostrato una significativa inibizione della SARS-CoV. L’estratto di Houttuynia cordata (HC) ha inibito con successo la SARS-CoV3C e l’RNA polimerasi dipendente dall’RNA (RdRp) .

 

Licoris Radiata

Lycoris radiata, comunemente noto come giglio ragno rosso, fiore infernale, giglio magico rosso, o talvolta chiamato fiore di equinozio, appartiene alla famiglia delle Amaryllidaceae. La licorina il componente attivo di Lycoris radiata ha inibito con successo il virus dell’influenza, che è responsabile dell’infezione da influenza aviaria . Anche i derivati della licoricidina ottenuti dal bulbo di Lycoris radiata hanno dimostrato l’attività del virus anti-epatite C . L’estratto etanolarico della corteccia del gambo della pianta ha inibito con successo la SARS-CoV.

 

Terminalia chebula, Mirabolano

Terminalia chebula è originario dell’Asia meridionale, dall’India e dal Nepal da est a sud-ovest della Cina, e a sud dello Sri Lanka, della Malesia e del Vietnam. E’ un’importante pianta medicinale ayurvedica, usata come rimedio per problemi dell’apparato digerente, ferite, infiammazione gengivale, asma, tosse, ecc. È lassativo, stomachico, espettorante, emostatico e tonico. Inoltre, mostra proprietà antifungine e antibatteriche. Terminalia chebula è ampiamente studiata per le sue attività antiossidanti, epatoprotettive, neuroprotettive, citotossiche, antidiabetiche, antinfiammatorie .

 

Tinospora Cordifolia

La tinospora cordifolia, comunemente chiamata Guduchi o Giloy, appartiene alla famiglia delle Menispermaceae. La pianta è una vite erbacea che porta foglie a forma di cuore.

L’estratto di tinospora cordifolia ha proprietà antibatteriche, antifungine e antivirali. L’estratto di fusto della Tinospora cordifolia ha inibito con successo il virus dell’herpes simplex e  una diminuzione dell’incidenza di vari sintomi associati all’HIV.

 

Vitex Trifolia

Vitex trifolia appartiene alla famiglia delle Verbenaceae. L’olio essenziale di Vitex trifolia viene utilizzato come antinfiammatorio e contro mal di testa, raffreddore, tosse, disturbi del fegato e HIV .A causa dell’alto contenuto dei composti fenolici come acido fenolico, flavoni e flavonoli, è stato analizzato che l’estratto metanolo contiene proprietà antiossidanti e anticancro .

 

Zafferano x stress e ansia:

La depressione è uno dei disturbi psichiatrici più diffusi ed è stato stimato che colpisce oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo, rappresentando circa il 4,4% della popolazione totale mondiale È probabile che le cifre effettive siano più elevate, poiché questo tasso include solo i casi diagnosticati con livelli subclinici di disturbi dell’umore altamente prevalenti .Esistono trattamenti farmacologici, ma diversi articoli hanno sottolineato gli effetti collaterali di tali trattamenti, tra cui nausea e sonnolenza. Tra le soluzioni non farmacologiche per migliorare i sintomi subclinici dell’umore e la resilienza allo stress, i prodotti naturali come lo zafferano nei principali disturbi depressivi rappresentano una strategia efficace. L’estratto di zafferano migliora i sintomi depressivi subclinici in individui sani e può contribuire a una maggiore resilienza contro lo sviluppo di disturbi psichiatrici correlati allo stress.

Lo zafferano è prodotto dallo stigma essiccato di Crocus sativus L. Gli stimmi di zafferano sono naturalmente ricchi di quattro principali composti bioattivi: crocina, crocetina  sono tradizionalmente usati nella medicina asiatica, in particolare persiana, per trattare una serie di disturbi fisici tra cui dolori mestruali, infiammazione e sintomi depressivi . Una meta-analisi di cinque studi clinici ha rivelato un effetto terapeutico dello zafferano rispetto al placebo e a un’efficacia antidepressiva simile rispetto ai farmaci antidepressivi .

Alcuni fattori ambientali possono essere coinvolti nell’insorgenza e nello sviluppo di sintomi depressivi. Tra questi fattori, gli eventi cronici di una  vita stressante durante l’età adulta possono attivare o amplificare l’espressione dei sintomi depressivi. Mentre alcune persone esposte a eventi stressanti non mostrano segni o sintomi di depressione, altre esposte allo stress psicologico sono vulnerabili . In risposta allo stress psicologico, si verificano una serie di cambiamenti neurobiologici. È interessante notare che lo zafferano può ridurre i livelli plasmatici di suggerendo una potenziale modulazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrenale. Un singolo studio ha dimostrato che le donne sane esposte all’aroma di zafferano per 20 minuti hanno sperimentato una diminuzione dei livelli di cortisolo salivare, accompagnato da una diminuzione dell’ansia .

L’estratto di zafferano riduce l’umore depressivo in individui sani che sperimentano disturbi dell’umore, ha un  effetto benefico sulla frequenza cardiaca, in risposta a eventi stressanti  psicosociali , aumenta la resilienza contro lo sviluppo di disturbi psichiatrici correlati allo stress.

Rimedi erboristici per stress, ansia insonnia:

Sessantasei studi controllati sono stati localizzati coinvolgendo undici fitofarmaci. Hypericum perforatum per la depressione maggiore e Piper methysticum per i disturbi d’ansia. Diversi studi clinici sull’uomo forniscono prove positive preliminari di effetti antidepressivi (Echium amoenum, Crocus sativus e Rhodiola rosea) e attività ansolitica (Matricaria recutita, Ginkgo biloba, Passiflora incarnata, E. amoenum e Scutellaria lateriflora). Occorre tuttavia prestare attenzione quando si interpretano i risultati, poiché molti studi non sono stati replicati.

Sessantasei studi controllati sono stati localizzati coinvolgendo undici fitofarmaci. Molti di questi forniscono un alto livello di evidenza, come Hypericum perforatum sia efficace per la depressione maggiore e Piper methysticum per i disturbi d’ansia. Diversi studi clinici sull’uomo forniscono prove positive preliminari di effetti antidepressivi di Echium amoenum, Crocus sativus e Rhodiola rosea e attività ansiolitica di Matricaria recutita, Ginkgo biloba, Passiflora incarnata, E. amoenum e Scutellaria lateriflora.

La ricerca moderna sulla medicina a base di erbe in psichiatria, sebbene ancora agli inizi, è aumentata negli ultimi anni con un aumento del 50% della letteratura in 5 anni fino al 2008 . La ricerca sulle piante psicoattive che possono influenzare il sistema nervoso centrale (SNC) è fiorita, con un’abbondanza di studi in vitro e in vivo che convalidano l’efficacia di molti rimedi fitoterapici con  effetti positivi sull’equilibrio mente – corpo. A parte i notevoli costituenti psicoattivi isolati dalle piante (di solito contenenti alcaloidi) come la cocaina della coca Erythroxylon (coca), la morfina di Papaver somniferum (papavero da oppio), o l’arecolina di Areca catechu (noce betel), altre piante meno potenti, come l’Hypericum perforatum (erba di San Giovanni), hanno sviluppato prove di attività terapeutica benefica negli ultimi decenni .Molti di questi rimedi  psicotropi hanno  meno effetti collaterali rispetto alle farmacoterapie convenzionali come antidepressivi (sintomi colinergici, disfunzione sessuale, insonnia e problemi di astinenza) e benzodiazepine (sonnolenza, dipendenza e problemi di astinenza.

La presenza di diversi composti psicoattivi in una pianta può avere un effetto “sinergico, concetto espresso da millenni nei sistemi medicinali tradizionali, ad esempio Medicina Tradizionale Cinese  e Ayurveda. Un esempio di sinergia può essere trovato in Salvia spp. (salvia), nota per avere proprietà pro-cognitive e colinesterasi inibitorie.

Un concetto correlato alla sinergia è quello della “polivalenza” che, a differenza della sinergia , che in senso stretto si riferisce a un singolo effetto farmacologico, descrive la gamma di attività biologiche  di un  fitoterapico. La polivalenza può verificarsi a causa della presenza di una varietà di sostanze chimiche, ognuna con effetti fisiologici diversi, o della presenza di una particolare sostanza chimica che ha più di un effetto fisiologico rilevante per la malattia . Valeriana officinalis (valeriana) contiene componenti con una gamma di proprietà rilevanti per l’ansiolisi, il rilassamento muscolare e la promozione del sonno  .

Meccanismi d’azione psicotropi a base di erbe:

I meccanismi d’azione dei rimedi  vegetali utilizzati per il trattamento dei disturbi psichiatrici comportano principalmente la modulazione della comunicazione neuronale, attraverso specifici metaboliti vegetali che si legano ai recettori neurotrasmettitori /neuromodulatori, lo stimolare, il sedare l’attività del SNC , regolare o sostenere la a funzione del sistema endocrino  I rimedi erboristici hanno antidepressivi, ansiolitici, nootropici (miglioramento cognitivo), sedativi, ipnotici e analgesici , funzioni adattogene e toniche per l’ umore, ansia e disturbi del sonno.

macchie proteiche hanno espressioni sovrapposte, con le più colpite che coinvolgono il metabolismo energetico. L’analisi western del gonfiore ha rivelato che sia l’erba che la clomipramina hanno aumentato l’espressione di due forme di DRP-2, una proteina coinvolta nella crescita e rigenerazione assonale, mentre la proteina shock termico 70 (gene pieghevole neuronale-proteina) è stata anche trovata aumentata. Il significato di questi studi è che forniscono la prova che H. perforatum non solo influisce sulla trascrizione di molti geni, ma modula espressioni genetiche simili a un antidepressivo convenzionale. Futuri studi proteomici simili di altri psicotropi a base di erbe promettono di rivelare espressioni genetiche simili comuni alle farmacoterapie convenzionali.

Antidepressivi a base di erbe e depressione:

Negli ultimi anni, una maggiore attenzione si è concentrata anche sul ruolo delle anomalie neuro‐endocrinologiche che coinvolgono l’eccesso di cortisolo .

Diversi farmaci vegetali hanno rivelato una serie di attività antidepressiva . Hipericum perforatum, Rhodiola, Crocus sativus (zafferano) offrono buoni risultati nel  trattamento di questo disturbo .

Alcuni farmaci a base di erbe con effetti elevanti dell’umore, come Rodhiola. rosea e Crocus sativus, mostrano anche effetti ansiolitici. Ciò può essere dovuto alla modulazione di percorsi neurologici che hanno sia effetti antidepressivi che ansiolitici (ad esempio GABA, serotonina e sistemi noradrenalina. Uno studio ha scoperto che  che Piper methysticum  oltre alla riduzione dell’ansia, ha anche fornito una riduzione statisticamente significativa della depressione .

Erbe, insonnia e ansia:

L’insonnia è un’afflizione comune nelle società occidentali, che coinvolge il sistema neuroendocrino. Ciò è causato  causato da anomalie nel ritmo circadiano (, secrezione di melatonina e recettori dell’adenosina), percorsi GABA, fattori endocrini (alto cortisolo) .

Ipnotici e sedativi a base di erbe come Valeriana spp. e Humulus lupulus modulano i recettori dell’adenosina . Zizyphus jujuba e Valeriana officinalis, comunemente usati in fitoterapia per l’insonnia, possono essere usati anche per trattare l’ansia poichè le sostanze che agiscono come sedativi lievi causano rilassamento e riduzione dell’ansia.

Depressione e fitoterapia:

Diversi medicinali a base di erbe con effetti antidepressivi nei modelli preclinici sono stati sottoposti a sperimentazioni cliniche .Una recente meta-analisi di H. perforatum , ha evidenziato che tale rimedio ha una migliore tollerabilità rispetto ad alcuni antidepressivi .

L estratto concentrato di C. sativus ha dimostrato un significativo miglioramento della depressione.

La Griffonia simplicifolia è distribuita dalla Liberia al Gabon. La pianta di Griffonia simplicifolia si trova principalmente nei paesi dell’Africa occidentale del Ghana, della Costa d’Avorio e del Togo.

L’estratto di semi di Griffonia simplicifolia esercita un effetto ansiolitico. Rimedio adatto per coloro che soffrono di depressione e insonnia.

Uno studio particolare voleva valutare se usarlo insieme all’acido gamma-amminobutirrico GABA avrebbe aiutato a dormire anche quando ai soggetti era somministrata caffeina.   I risultati finali hanno mostrato che induce il sonno e ne consente una migliore qualità e durata. Un altro studio voleva vedere se l’uso di questo composto aiutava con il sonnambulismo e altri gravi problemi di sonno.  I risultati di tale test hanno dimostrato che era utile. E’ utile nel trattamento dell’insonnia, specialmente nel migliorare la qualità del sonno aumentando il sonno REM.

L’estratto di P. incarnata ha rivelato l’efficacia equivoca all’oxazepam  nel ridurre l’ansia, con meno effetti collaterali. Matricaria recutita modera l’ ansia in modo significativo. Gli studi su Ginkgo biloba (ginkgo), hanno rivelato una significativa riduzione dell’ansia.). H. perforatum è stato studiato anche per la fobia sociale e gli studi hanno mostrato miglioramenti nei soggetti trattati.

Molti dei farmaci vegetali ansiolitici esaminati hanno potenziali applicazioni aggiuntive. Questi includono il miglioramento dell’umore (Melissa officinalis o Piper methysticum), azione sedativa o ipnotica per l’insonnia (P. incarnata o Scutellaria lateriflora), la riduzione della tensione muscolare o del dolore (Escolzia californica),  il miglioramento della cognizione attraverso attività nootropiche (Bacopa monnieri: brahmi o Ginko biloba) . Withania somnifera e Centella asiatica possono anche fornire un effetto adattogeno . Passiflora officinalis è l’unica pianta  con sufficiente ricerca di adeguato rigore nell’area . Meta-analisi hanno dimostrato un miglioramento della qualità soggettiva del sonno,

Albizia  (Mimosa), Melissa officinalis, Ziziphus. jujuba ed E. californica sono stati studiati negli ultimi tre decenni in modelli preclinici con risultati positivi, tuttavia sorprendentemente questi non sono stati studiati come monoterapie nel trattamento dei disturbi psichiatrici, depressione, ansia e insonnia. I presenti rimedi,  esaminati  clinicamente, sono utilizzati nella moderna pratica fitoterapica per trattare ansia, depressione e insonnia. Alcuni hanno applicazioni specifiche che possono essere utilizzate per condizioni complesse:

  • Bacopa monnieri è considerata benefica nel trattamento dell’insufficienza cognitiva.
  • Escolzia californica è stata usata per l’insonnia e il dolore.
  • Melissa officinalis è usata per disturbi gastrointestinali come dispepsia nervosa.
  • Withania somnifera e Panax ginseng sono considerati “tonici” che ,attraverso la modulazione neuroendocrina, possono alleviare la stanchezza.

 

Un ampio studio ha utilizzato  una combinazione di H. perforatum e Valeriana. officinalis per trattare la depressione che si verifica insieme all’ansia . I risultati hanno dimostrato un notevole successo .Esistono altre potenziali combinazioni che possono essere benefiche nel trattamento della depressione: formulazioni che coinvolgono combinazioni di Rodhiola rosea, Crocus sativus, Albizia julibrissin e H. perforatum possono fornire maggiori effetti antidepressivi sinergici per il trattamento della depressione.

Nel trattamento dell’ansia, nuove formulazioni tra cui P. incarnata, Scutellaria lateriflora, in combinazione con P. methysticum possono rivelarsi benefiche. Ulteriori ricerche, che utilizzano Ziziphus jujuba e Vitex agnus castus in combinazione con altri ipnotici, possono fornire benefici nell’insonnia.

Per quanto riguarda il sistema immunitario ti suggerisco :

 

OROVITA ECHINACEA

OROVITA ISSOPO

RUGIADA TIMO

RUGIADA UNCARIA

REISHI

CORDYCEPS

ROSA CANINA

AURA F7 

GINSENG +

 

 

Per quanto riguarda il  sistema nervoso, ansia, insonnia, stress, depressione, trauma,  ti suggerisco l’assunzione di :

 

OROVITA MELISSA

OROVITA HYPERICO

MIRABOLANO

AURA E12 

AURA E10 

AURA E9 

AURA F16 

OROVITA PASSIFLORA

 

Fonti principali:

Articoli  scientifici :

Food as medicine: A possible preventive measure against coronavirus disease (COVID-19) – PubMed (nih.gov)

The Antioxidant Effects of Radix Astragali (Astragalus membranaceus and Related Species) in Protecting Tissues from Injury and Disease – PubMed (nih.gov)

Astragalus membranaceus Extract Attenuates Inflammation and Oxidative Stress in Intestinal Epithelial Cells via NF-κB Activation and Nrf2 Response – PubMed (nih.gov)

Astragalus membranaceus Extract Attenuates Inflammation and Oxidative Stress in Intestinal Epithelial Cells via NF-κB Activation and Nrf2 Response (nih.gov)

 Panax ginseng and Panax quinquefolius: From pharmacology to toxicology – PubMed (nih.gov)

Systematic exploration of Astragalus membranaceus and Panax ginseng as immune regulators: Insights from the comparative biological and computational analysis – ScienceDirect

The genus Cordyceps: An extensive review of its traditional uses, phytochemistry and pharmacology – PubMed (nih.gov)

Antitumor Effect of Ganoderma (Lingzhi) Mediated by Immunological Mechanism and Its Clinical Application – PubMed (nih.gov)

Preventive and Therapeutic Effect of Ganoderma (Lingzhi) on Skin Diseases and Care – PubMed (nih.gov)

Suppression of proliferation and oxidative stress by extracts of Ganoderma lucidum in the ovarian cancer cell line OVCAR-3 – PubMed (nih.gov)

Medicinal Plants for the Treatment of Asthma: A Traditional Persian Medicine Perspective | Bentham Science (eurekaselect.com)

Rosa canina – Rose hip pharmacological ingredients and molecular mechanics counteracting osteoarthritis – A systematic review – PubMed (nih.gov)

Review of antiviral and immunomodulating properties of plants of the Peruvian rainforest with a particular emphasis on Una de Gato and Sangre de Grado – PubMed (nih.gov)

Uncaria tomentosa stimulates the proliferation of myeloid progenitor cells – PubMed (nih.gov)

Uncaria tomentosa – PubMed (nih.gov)

Cellular and molecular mechanisms of immuno-modulation by Ganoderma lucidum – PubMed (nih.gov)

Fruits of Terminalia chebula Retz.: A review on traditional uses, bioactive chemical constituents and pharmacological activities – PubMed (nih.gov)

Natural Products and Nutrients against Different Viral Diseases: Prospects in Prevention and Treatment of SARS-CoV-2 – PubMed (nih.gov)

Formulations of dietary supplements and herbal extracts for relaxation and anxiolytic action: Relarian – PubMed (nih.gov)

Anxiolytic effects of a combination of Melissa officinalis and Valeriana officinalis during laboratory induced stress – PubMed (nih.gov)

Attenuation of laboratory-induced stress in humans after acute administration of Melissa officinalis (Lemon Balm) – PubMed (nih.gov)

Effects of Saffron Extract Supplementation on Mood, Well-Being, and Response to a Psychosocial Stressor in Healthy Adults: A Randomized, Double-Blind, Parallel Group, Clinical Trial (nih.gov)

Herbal medicine for depression, anxiety and insomnia: a review of psychopharmacology and clinical evidence – PubMed (nih.gov)

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Le numerose proprietà di Avocado

Gli avocado sono originari delle regioni a nord fino al Messico e al Sud America settentrionale. In genere vengono raccolti quando raggiungono la piena maturazione  e non maturano fino a dopo essere stati raccolti. La qualità coltivata normalmente negli Stati Uniti è l’avocado Hass, prodotto tutto l’anno. Gli avocado Hass hanno una pelle verde-nerastra. L’avocado (Persea americana) è un frutto di origine centro-messicana, anche se un albero, è classificato sotto le  piante da fiore. A differenza di altri frutti, l’avocado ha un contenuto di zucchero molto basso (0,6 g / 100 g) mentre la composizione di acidi grassi omega-3 è piuttosto alta, rendendolo adatto al cuore.

E’ ampiamente utilizzato in Ayurveda. Ci sono 3 razze principali o gruppi di avocado: messicano, guatemalteco e indiano occidentale che prendono il nome dalle aree in cui sono stati originariamente coltivati

L’avocado è un frutto tropicale che ha una buona composizione nutrizionale con attività antiossidante. Il risultato dello studio ha indicato che la polpa di frutta di avocado ha un’elevata quantità di fenoli  e antiossidanti .

Avocado  è utilizzato nella medicina tradizionale per il trattamento di vari disturbi, come menorragia, ipertensione, mal di stomaco, bronchite, diarrea e diabete.

Varie parti morfologiche del Persea americana Mill (Lauraceae) (avocado) sono ampiamente utilizzate nei farmaci tradizionali africani per il trattamento, la gestione e il controllo di una varietà di disturbi tra cui convulsioni infantili ed epilessia.

Uno studio effettuato sulla foglia di avocado ha mostrato proprietà anticonvulsive, e quindi dà credito farmacologico agli usi folcloristici ed etnomedicali nella gestione o nel trattamento delle convulsioni infantili e dell’epilessia in alcune comunità rurali del Sudafrica.

Ha  effetti cardioprotettivi , antipertensivi in caso  di ipertensione  indotta da etanolo e saccarosio ,migliora lo stato biochimico e ossidativo e protegge l’endotelio epatico, renale e vascolare dai danni indotti dal consumo cronico di etanolo e saccarosio.

Gli effetti sulla salute di steroli e stanoli sono stati oggetto di diversi studi. Alcuni autori hanno dimostrato una riduzione del 25% del rischio di malattie coronariche con il consumo di 2g di tali composti al giorno.

I fitochimici estratti dal frutto dell’avocado inducono selettivamente l’arresto del ciclo cellulare, inibiscono la crescita e inducono apoptosi nelle linee cellulari precancerose e tumorali.

  • Ha un effetto positivo sul sistema immunitario, in caso di malattie come il cancro, l’HIV e le infezioni. In relazione al cancro,  avocado sopprime la carcinogenesi e nell’HIV rafforza il sistema immunitario .
  • Migliora la proliferazione dei linfociti e l’attività cellulare killer naturale, che inattiva i microrganismi invasori.
  • Gli studi hanno dimostrato che l’attività β-sitosterolo è un aiuto nella perdita di peso riducendo l’abbuffata alimentare compulsiva e l’accumulo di grasso nella regione addominale .

Il seme di avocado presenta, nella sua composizione, un gran numero di polifenoli estraibili, che hanno attirato l’attenzione a causa della loro elevata capacità antiossidante.

È stato condotto uno studio su 13 adulti sani con una dieta ipercalorica e iperlipidica abituale, in cui il burro è stato sostituito da olio di avocado estratto a 35 °C dalla sola polpa. L’assunzione  di olio di avocado per un periodo di sei giorni ha evidenziato un miglioramento del profilo postprandiale di insulina, glicemia, colesterolo totale, lipoproteine a bassa densità, trigliceridi e parametri infiammatori, come la proteina C-reattiva (CRP) e l’interleuchina-6 . L’olio di polpa di avocado (genotipi creoli messicani) ha mostrato attività antinfiammatoria inibendo gli enzimi COX 1 e COX 2 in modo simile al farmaco, all’ibuprofene e all’olio extravergine di oliva . Inoltre, quando l’olio di avocado è stato aggiunto alla preparazioni della creme per la pelle della vitamina B12, era ben tollerato e indicato  per la terapia topica a lungo termine della psoriasi . E utile nella  prevenzione del cancro nel fegato, attenua gli effetti dannosi dello stress ossidativo .

Nel cervello, è stato osservato un miglioramento della funzione mitocondriale, così come una diminuzione dei livelli di radicali liberi e perossidazione lipidica. Questi risultati dimostrano che l’integrazione con olio di avocado previene la disfunzione mitocondriale nel cervello e nel fegato .

L’attività curativa di una formulazione semi-solida di olio di avocado (50/50 vaselina) e olio di polpa di avocado ha promosso l’aumento della sintesi del collagene e diminuito il numero di cellule infiammatorie durante il processo di guarigione delle ferite.

 

Oltre ad essere deliziosi, gli avocado sono costituiti da circa 20 vitamine e minerali, tra cui carotenoidi e luteina, che avvantaggiano la salute degli occhi. Hanno anche dimostrato di avere un evidente impatto sul colesterolo alto a causa della loro composizione naturale di steroli vegetali. Simili all’olio d’oliva, sono costituiti da grassi monoinsaturi e polinsaturi, che sono molto più sani dei grassi saturi che sono così dannosi per la forma fisica. Sapevi che il cervello è praticamente grasso al 60%? Senza grassi buoni, nessuno di noi sarebbe qui oggi. Inoltre, senza i grassi monoinsaturi e polinsaturi, il corpo non può espellere le vitamine A, D, E e K.

  • Gli avocado offrono vantaggi per la salute in caso  malattie cardiache, artrite reumatoide e cancro ai polmoni e possono aiutare a prevenire gli ictus. Sono eccellenti fonti di vitamine A, B, C, E, K, fibre e potassio. I risultati di uno studio indicano che avocado può persino frenare la crescita di alcune cellule tumorali della prostata.
  • Sono tra i primi frutti che un bambino può ingerire a causa della loro naturale. L’avocado viene utilizzato nei cosmetici come crema idratante e protezione solare naturale, oltre dona  sollievo alle  scottature solari. L’alto contenuto di umidità benefico per gli individui con cuoio capelluto e pelle secca, eczema o psoriasi. .

Uno studio clinico ha studiato gli effetti dell’avocado sulle cellule tumorali. I fitochimici estratti dal frutto dell’avocado sono stati in grado di fermare selettivamente il ciclo cellulare del cancro fermando la crescita e innescando la morte nelle linee cellulari precancerose e tumorali.

L’ avocado ha contribuito a fortificare il numero di linfociti – quei piccoli globuli bianchi che svolgono un ruolo importante nella difesa del corpo dalle malattie.

I ricercatori hanno anche testato avocado nel ridurre gli effetti collaterali tossici della chemioterapia. Il frutto è stato in grado di abbassare le aberrazioni cromosomiche (cromosomi che vengono cambiati in modo negativo) indotte da un comune trattamento chemio chiamato “ciclofosfamide”.

Il team di ricerca ha suggerito che i fitochimici del frutto dell’avocado potrebbero essere utilizzati per realizzare un ingrediente chemioprotettivo attivo per abbassare gli effetti collaterali delle chemioterapie come la ciclofosfamide che vengono utilizzate nella terapia del cancro.

I ricercatori dell’Ohio State University hanno scoperto che gli avocado possono aumentare la quantità di carotenoidi che vengono assorbiti mentre si consumano altri alimenti . Sembra che i grassi alimentari possano essere un fattore importante nell’assorbimento dei carotenoidi.  Tuttavia, la maggior parte dei frutti e delle verdure ricchi di carotenoidi sono a basso contenuto di grassi.

Sono a tua disposizione per le tematiche trattate, con un Percorso Naturopatico

Un ottimo prodotto è Alato 22, acquistabile qui o in farmacia.

 

 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Le proprietà straordinarie di Griffonia

Le proprietà straordinarie di Griffonia

La Griffonia simplicifolia è distribuita dalla Liberia al Gabon. La pianta di Griffonia simplicifolia si trova principalmente nei paesi dell’Africa occidentale del Ghana, della Costa d’Avorio e del Togo.

I semi di Griffonia simplicifolia Baill., sono ricchi di 5-idrossi-L-triptofano (5-HTP), un precursore diretto nella sintesi della serotonina (5-HT) e ampiamente utilizzati nella medicina tradizionale per il loro alto contenuto di 5-idrossi-l-triptofano (5-HTP), un precursore diretto e potenziatore dell’attività dell’ormone cerebrale serotonina (5-HT.

  • L’estratto di semi di Griffonia simplicifolia esercita un effetto ansiolitico .
  • Rimedio adatto per coloro che soffrono di  depressione e insonnia.

Uno studio particolare voleva valutare se usarlo insieme all’acido gamma-amminobutirrico GABA avrebbe aiutato a dormire anche quando ai soggetti era somministrata caffeina.   I risultati finali hanno mostrato che induce il  sonno e  ne consente  una migliore qualità e durata. Un altro studio voleva vedere se l’uso di questo composto aiutava con il sonnambulismo e altri gravi problemi di sonno.  I risultati di tale test hanno dimostrato che era utile.

 

  • Griffonia Simplicifolia aiuta a perdere peso  perché riduce l’appetito e aumenta la sensazione di sazietà.
  • Il cianoglucoside lithospermoside (= griffonina) contenuto nelle radici è il principio attivo contro l’anemia falciforme.

In Costa d’Avorio e Nigeria la corteccia viene applicata alle piaghe sifilitiche. Un decotto di foglie è usato come emetico, a per la tosse e afrodisiaco. Un decotto di steli e foglie viene bevuto in caso di stitichezza, esternamente come lavaggio antisettico per trattare le ferite suppuranti. La linfa delle foglie viene utilizzata come collirio per curare gli occhi infiammati e bevuta o applicata come clistere per curare i problemi renali. Steli e corteccia di gambo sono fatti in una pasta che viene applicata ai denti in decomposizione e una pasta fatta dalle foglie viene applicata alle ustioni. La corteccia, mescolata con succo di limone e pepe di Capsicum, viene applicata per trattare il dolore intercostale. Si dice che masticare gli steli produca un effetto afrodisiaco. Le foglie vengono utilizzate nella produzione di vino di palma e conferiscono al vino un sapore amaro. La  linfa che trasuda dagli  steli tagliati può essere bevuta per dissetarsi. In Ghana le radici vengono masticate e asciugate per produrre una polvere bianca che viene utilizzata dalle donne per il loro viso. Un decotto di steli e foglie viene anche usato per fermare il vomito e per trattare la congestione del bacino. Il seme di Griffonia è anche noto per essere un rimedio per la diarrea e il mal di stomaco.

Gli studi sulla depressione in pazienti con depressione unipolare o bipolare hanno dimostrato una risposta clinica significativa in 2-4 settimane a dosi di 50-300 mg tre volte al giorno.

  •  Griffonia previene il mal di testa cronico .
  •  E’ utile nel trattamento dell’insonnia, specialmente nel migliorare la qualità del sonno aumentando il sonno REM.
  • L’assunzione di Griffonia in persone affette da fibromialgia, in cui si ha perdita di serotonina, ha dimostrato un significativo miglioramento dei sintomi, tra cui dolore, rigidità mattutina, ansia e affaticamento.
  • Griffonia  rafforza  il sistema immunitario e riduce gli  spasmi cardiaci, è utilizzato nella  nella gestione del morbo di Parkinson (PD) e dell’epilessia.

Sono a tua disposizione con un Percorso di Naturopatia

Un ottimo prodotto è Alato 20, acquistabile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Cortisolo e Naturopatia Psicosomatica

Cortisolo e Naturopatia Psicosomatica

E’ un ormone steroideo naturale che svolge un ruolo chiave nella risposta allo stress del corpo.E’ spesso chiamato “l’ormone dello stress” per il suo ruolo più noto. È secreto dalle ghiandole surrenali e coinvolto nella regolazione delle seguenti funzioni e altro ancora:

Regolazione della pressione sanguigna

Metabolismo del glucosio

Funzione immunitaria

Risposta infiammatoria

Rilascio di insulina

Le ghiandole surrenali rilasciano cortisolo in risposta allo stress o alla paura. Quando si trova di fronte a qualche tipo di minaccia nel vostro ambiente, il corpo passa attraverso una serie di Quando si confronta con un qualche tipo di minaccia nel vostro ambiente, il vostro corpo passa attraverso una serie di reazioni quasi istantanee che servono ad affrontare il problema o a fuggire . Una struttura cerebrale chiamata amigdala avvisa l’ipotalamo, che poi segnala una serie di risposte tra cui il rilascio di ormoni come adrenalina e cortisolo. Il cortisolo è importante per il corpo a funzionare normalmente, ma troppo cortisolo può essere un male per la salute.

Pexels, download e utilizzo gratuito.

Quando i livelli di cortisolo sono troppo alti, si potrebbero sperimentare una serie di sintomi indesiderati. Livelli più alti e  prolungati di cortisolo nel sangue, si verificano in caso di stress cronico, hanno come conseguenza:

  • Squilibri di zucchero nel sangue (iperglicemia )
  • Diminuzione della densità ossea
  • Assottigliamento del tessuto muscolare
  • Pressione  alta
  • Prestazioni cognitive compromesse
  • Aumento del grasso addominale
  • Abbassamento del sistema immunitario
  • Stato infiammatorio generalizzato
  • Ridotta  cicatrizzazione
  • Diminuita  funzione tiroidea

La secrezione di cortisolo varia tra gli individui. Gli studi hanno anche dimostrato che le persone che se secernono  livelli più elevati di cortisolo in risposta allo stress tendono a mangiare di più.
Le persone depresse possono  avere livelli elevati di cortisolo nel sangue.

Lo stress cronico

Lo stress cronico porta ad avere un  livello  elevato di cortisolo, cio’ può esaurire la vitamina B6, di conseguenza anemia,  scarsa funzione cognitiva, depressione, neuropatia, problemi visivi e occhi secchi. Gli studi clinici sulle donne in stato di stress, con conseguente produzione elevata di cortisolo, hanno dimostrato che la distribuzione centrale del grasso è correlata a una maggiore vulnerabilità psicologica allo stress, ciò mostra  un legame tra stress psicologico e rischio di malattia.

Soppressione del sistema immunitario

La funzione del cortisolo è  ridurre l’infiammazione nel corpo,  ma nel corso del tempo, questi sforzi per ridurre l’infiammazione sopprimono anche il sistema immunitario. L’infiammazione cronica, causata da una cattiva alimentazione e lo stress, aiuta a mantenere alti i livelli di cortisolo, causando il caos sul sistema immunitario. Un sistema immunitario incontrollato che risponde a un’infiammazione senza sosta può portare a una miriade di problemi: influenza, un aumento del rischio di cancro, allergie alimentari,  problemi gastrointestinali, in quanto  un intestino sano dipende da un sistema immunitario sano e un aumento di malattie autoimmuni.

 

Problemi gastrointestinali

Il cortisolo attiva il sistema nervoso simpatico, causando tutte le risposte fisiologiche descritte in precedenza. Di norma, il sistema nervoso parasimpatico deve quindi essere soppresso, poiché i due sistemi non possono funzionare contemporaneamente. Il sistema nervoso parasimpatico viene stimolato durante attività tranquille come mangiare,  azione in cui sono coinvolti enzimi e ormoni che controllano la digestione e l’assorbimento. Quando una persona stressata si nutre, la digestione e l’assorbimento sono compromessi, si sviluppa l’indigestione e il rivestimento delle mucose diventa irritato e infiammato. DI conseguenza ci saranno  ulcere,  sindrome dell’intestino irritabile e colite .

Malattie cardiovascolari

Il cortisolo restringe i vasi sanguigni e aumenta la pressione sanguigna per ossigenare il sangue. Nel corso del tempo, tale costrizione arteriosa e ipertensione arteriosa possono portare a danni cardiaci.

Problemi di fertilità

Il cortisolo elevato può creare disfunzione erettile, interruzione della normale ovulazione e cicli mestruali. Inoltre, gli ormoni sessuali androgeni sono prodotti nelle stesse ghiandole del cortisolo e dell’epinefrina, quindi l’eccesso di produzione di cortisolo può ostacolare la produzione ottimale di questi ormoni sessuali.

Altri problemi

Lo stress a lungo termine e  il cortisolo elevato possono essere collegati a insonnia, sindrome da stanchezza cronica, disturbi della tiroide, demenza, depressione e altre condizioni.

Medicina Tradizionale Cinese

Lo stress fa ristagnare il qi del fegato. Il ristagno cronico del qi del fegato può esaurire il sangue del fegato e lo yin. Il sangue di fegato e la  carenza di yin creano secchezza oculare, visione sfocata, poca flessibilità degli arti, intorpidimento o spasmi nelle estremità. Segni e sintomi di carenza di sangue  includono carnagione pallida.

Nelle persone con livelli normali, il cortisolo dovrebbe raggiungere il picco intorno alle 8 del mattino, diminuire gradualmente ed essere più basso intorno alla mezzanotte e alle 4 del mattino. Nelle persone con sindrome di Cushing o con stanchezza cronica, i livelli di cortisolo possono essere più bassi al mattino e più alti di notte.

Pexels, download e utilizzo gratuito.

 

La visione ayurvedica

Lo stress disequilibra i doshas,  sostanze vitali, che governano la mente,e, di conseguenza,  producono più fluido.

Pitta (il subdosha Sadhaka Pitta) inizia a bruciare più caldo, mentre Vata crea un effetto di essiccazione.  Di conseguenza,  Kapha  genera fluidi extra per contrastare questo effetto e proteggere il cervello. Sotto sforzo, il fluido creato da Kapha aumenta e inizia a domare il fuoco  della mente (Medhya Agni) che sostiene Dhi, Dhriti e Smriti. Lo stress può  smorzare questo fuoco mentale (Agni) e quando questo accade, si creano tossine ( Ama ) . Ama si accumula nel cervello, si mescola con i fluidi creati da Kapha e crea un tipo dannoso di cortisolo, l’indicatore dello stress. Il cortisolo in sé non è male. È stato creato dal corpo per proteggere il cervello, ma quando Kapha è in disequilibrio e c’è Ama, il cortisolo fa più male che bene. Ayurveda utilizza rimedi naturali che abbassano il livello di cortisolo e migliorano il fuoco digestivo del cervello.

Un ottimo rimedio è Alato 12 , indicato per:

  • Ipocorticosurrenalismo
  • astenie psicosiche
    debilitazione organica
  • esaurimenti psicosici
    dovuti a eccesso di stress
  • stati di malattia conseguenti a condizioni di esaurimento

Acquistalo   qui o in farmacia.

 

Vuoi sapere quali sono gli alimenti potenzianti, le erbe antistress e immunostimolanti, le essenze floreali antistress e dinamizzanti indicati alla tua persona?

Prenota una  Consulenza singola anche tramite videochiamata Whatsapp.

A tua disposizione con:

Tecniche di gestione dello stress aiutano ad abbassare il livello di cortisolo.

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Un approccio allo stress con Naturopatia Psicosomatica e Dietetica Cinese

Un approccio allo stress con Naturopatia Psicosomatica e Dietetica Cinese

 

Stress

E’ un concetto relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada,nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).
Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico,ormonale, locomotorio e immunologico.
Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo
dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.
Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Uno stress prolungato nel tempo provoca:

 
  • Rischio di ictus e infarto dovuti alla forte pressione e all’aterosclerosi legata ai grassi nel sangue.
  • Aumento delle infiammazioni di tutti gli organi e delle conseguenti patologie.
  • Possibili danni ai neuroni e alle capacità cognitive.
  • Indebolimento e riduzione del numero degli anticorpi che non ci proteggono più a sufficienza da virus, batteri e cellule pretumorali.
  • Colite ulcerosa o colon irritabile, difficoltà persistenti a livello digestivo.
  • Aumento del rischio di ulcere peptiche.
  • Eventuali disturbi della sfera sessuale, come calo del desiderio e impotenza.
  • Maggiore produzione di radicali liberi, che velocizzano l’invecchiamento.

Stress e sistema immunitario

Lo stress psicologico induce inoltre variazioni nei livelli di molte sostanze a cui è sensibile il sistema immunitario: l’ormone della crescita, (GH), l’ormone stimolante
la tiroide (TSH), la prolattina, l’ossitocina, il testosterone e altri .
In seguito all’innalzamento del livello di adrenalina e noradrenalina nel sangue, si verifica un effetto di immunosoppressione che insieme a un’iperattivazione del sistema simpatico si trasforma in stato patologico, se le condizioni di stress permangono. C’è dunque una catena fisiologica che ci porta a rispondere ai mutamenti, ai cambiamenti, agli stimoli esterni o agli stimoli interiori, consentendoci di rispettare il nostro orologio interno, il nostro modo di essere.
Quando questa serie di operazioni biochimiche, metaboliche e ormonali, sotto pressioni esterne o interne, si altera si dà il via a uno stato di malattia.

Le cause:

  • Fattori biofisici: il dolore  cronico, le malattie invalidanti, l’inquinamento acustico, condizioni ambientali ostili o sfavorevoli.
  • Fattori psicosociali: competitività esasperata, frustrazioni, senso di inadeguatezza, sovraffollamento, cambiamenti improvvisi, ripetitività esasperata.
  • Fattori psicologici individuali: tutti gli eventi che impediscono l’autonomia personale ,il lutto, l’abbandono,  la fine di relazioni significative.

Le persone più a rischio sono caratterizzate da :

– scarsa autostima
– passività
– ansia sociale
– umore depresso
– senso di inadeguatezza
– allontanamento dagli altri
– debolezza e remissività
– scarsa consapevolezza di sé (Io debole)
– dipendenza affettiva

Ecco quali sono gli avvertimenti da non sottovalutare:

• Contrazione muscolare ricorrente soprattutto a collo spalle, regione addominale e lombare
• Palpitazioni

•Oppressione al petto e senso di soffocamento, con respiro rapido e affannato
• Pruriti e dermatiti ricorrenti
• Secchezza della bocca
• Sudorazione abbondante e continua senza motivi fisici apparenti
• Tremito alle mani e capogiri

•Mal di testa ripetuti, soprattutto a fine giornata o durante il fine settimana
• Estrema debolezza fisica e sensazione di stanchezza (sindrome da affaticamento cronico)
• Difficoltà digestive e intestinali persistenti (bruciori di stomaco, reflusso gastrico o diarrea)

•Continuo stato di agitazione, allarme, preoccupazione per eventi non chiari e distinti, stati d’ansia anche senza motivo imminente.
• Difficoltà di concentrazione, incapacità di mantenere l’attenzione su ciò che si sta facendo, fatica nel memorizzare e richiamare le informazioni.
• Percezione di aver raggiunto il limite e di essere sul punto di esplodere.
• Sentirsi impotenti a cambiare le cose.
• Essere facilmente agitati o sconvolti.
• Sensazione di essere perennemente in ritardo.
• Calo dell’interesse sessuale.
• Irritabilità, nervosismo, scatti di rabbia e talvolta atteggiamenti aggressivi.
• Momenti di tristezza immotivata e di disinteresse.
• Disturbi del sonno.
• Tendenza al consumo eccessivo di cibo o perdita dell’appetito.
• Abuso di alcol o psicofarmaci.
• Comparsa di tic e gesti compulsivi (come controllare ossessivamente il gas, le luci, le serrature).
• Insofferenza nei confronti di persone o situazioni che interferiscono con la normale routine.
• Perdita del senso dell’umorismo.
• Guida “aggressiva”.

Un ottimo prodotto è Alato 3, acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui

E’ importante :

  • Alimentarsi nel modo corretto, per ritrovare equilibrio di meridiani  e doshas.
  • Utilizzare rimedi fitoterapici adatti in base alla tua tipologia in quanto, un rilassamento profondo, ripristina l’armonia interna e fa regredire gli effetti nocivi dello stress.
  • Assumere essenze floreali per smettere di subire gli eventi e di sentirsi sopraffatti da ogni minima avversità.

Tecniche di rilassamento a mediazione corporea:

  • Consentono un rilassamento profondo ripristina l’armonia interna e fa regredire gli effetti nocivi dello stress.
  • Il ritmo della respirazione rallenta perché il corpo ha meno bisogno di ossigeno e la pressione sanguigna si normalizza, mentre sale un piacevole senso di calma e di distensione.
  •  si regolarizza il ritmo respiratorio
  •  cala il battito cardiaco
  •  si abbassa la pressione arteriosa
  • rallenta il metabolismo
  •  aumentano le onde alfa nell’emisfero destro del cervello
  • (rispetto a quello sinistro) e si armonizzano le attività dei due emisferi
  •  diminuisce il cortisolo, l’ormone dello stress
  •  si accresce la quantità di anticorpi nel sangue
  •  si scioglie la tensione dei muscoli
  •  si alza la temperatura cutanea periferica attraverso la vasodilatazione

Pexels, download e utilizzo gratuito.

Energie e  riequilibrio con Dietetica Cinese 

Oggi è ormai ben chiaro che, se ci si alimenta male, il fisico prima o poi ne risentirà. Quello che è meno noto è che anche la psiche è influenzata da una dieta impropria.
Il cibo e il tipo di alimentazione che seguiamo quotidianamente hanno davvero una grande influenza anche sul nostro stato d’animo, è importante prestare attenzione a ciò che si mangia
e al modo in cui lo si fa, perché dalle abitudini che ogni giorno adottiamo a tavola dipende in gran parte il nostro benessere.

L’Energia Ki (Qi) si condensa in tre diversi stadi:
• il Jing, il più grezzo e denso
• il Qi, più rarefatto;
•lo Shen, più sottile e immateriale.

Pexels, download e utilizzo gratuito.

Gli squilibri energetici sono causa di malattie e dipendono principalmente da questi tre fattori:

•il fattore Cielo (cause climatiche);
•il fattore Terra (cause alimentari;)
•il fattore Uomo (cause ereditarie, costituzionali e psichiche).

Lo Shen (Mente) che risiede nel Cuore, o Cuore-Shen, è responsabile di molte attività mentali che includono :

Pensiero – memoria – coscienza – introspezione – cognizione -sonno – intelligenza – saggezza- ideazione.
Inoltre, il Cuore Shen , interagendo con altre funzioni è responsabile dell’udito, della vista, del tatto, del gusto e dell’olfatto.
Le emozioni sono uno stimolo mentale che influenza la nostra vita affettiva, diventano causa di malattia solo quando sono eccessive o si protraggono nel tempo, oppure per entrambi i
motivi. Esse si riflettono nell’organo Yin corrispondente che producendo già una determinata energia mentale con caratteristiche specifiche, si altera e “risuona” in modo disarmonico.

Il Qi e funzioni:

 

  1. Jing qi che è conservato nei reni . Energia ancestrale ed ereditaria (cielo anteriore)
  2. Gu qi prodotta dalla trasformazione dei cibi e dei liquidi da milza e stomaco (cielo posteriore)
  3. Tian qi energia respiratoria del polmone (cielo posteriore)

 

Funzione di trasformazione (circolazione, assorbimento, digestione, secrezione, vista, udito, parlare muoversi sono tutte dovute alla trasformazione del Qi)
Funzione di propulsione (accrescimento, sviluppo, attività di visceri ed organi, circolazione del sangue)
Funzione di riscaldamento (organi, visceri, canali, sangue, pelle, muscoli)
Funzione di difesa (nella trasformazione della Gu qi la quota impura forma la wei qi, energia difensiva che scorre sotto la pelle tra i muscoli e apre i pori)
Funzione di contenimento (sangue all’interno dei vasi, sudore, urine, liquido seminale, liquidi nello stomaco e nell’intestino)
Funzione di riproduzione (legata soprattutto al rene yang)
Funzione di equilibrio (tra organi, visceri, movimenti)

“Senza l’uscire e l’entrare del Qi, non ci possono essere nascita,crescita, maturità e vecchiaia. Senza salita-discesa non vi possono essere nascita, crescita, trasformazione, raccolta e
accumulo. Tutti gli organi dipendono dalla salita-discesa, ed entrata-uscita del Qi” Su Wen cap.68

 

Deficit di Qi:

astenia (sintomo caratteristico)

carnagione giallastra

respiro corto

voce debole

difficoltà a parlare

perdita dell’appetito

feci molli

carnagione pallida vertigini

palpitazioni intorpidimento delle mani e dei piedi

mestruazioni scarse

amenorrea

lingua pallida

 

Pexels, download e utilizzo gratuito.

Ti offro un percorso benessere riequilibrante, sono a tua disposizione tramite Whatsapp/Messenger con Dietetica Cinese, Ayurveda, Fitoterapia, Aromaterapia, Cromoterapia, Tecniche di rilassamento a mediazione corporea .

 

DiAlessandra Zarone

Detox e sistema immunitario

Detox e sistema immunitario:

 

Un forte sistema immunitario dipende dalla salute del tratto digestivo. Se la salute dell’apparato digerente è scarsa, lo sarà anche il sistema immunitario. E’ importante dunque introdurre batteri sani poichè mantengono in equilibrio la nostra flora batterica, ossia verdure fermentate detox che potenziano il sistema immunitario. A causa della dipendenza della nostra cultura dai prodotti alimentari pastorizzati, abbiamo eliminato la maggior parte delle fonti di questi probiotici importanti . Gli alimenti fermentati introducono utili probiotici per il nostro intestino .

Ci sono molteplici benefici nel mangiare cibi fermentati:

  • Protezione da cancro al colon
  • Sollievo all’intolleranza al lattosio e alla diarrea da Rotavirus
  • Riduzione delle carie dei bambini 
  • Prevenzione dal ripetersi di malattie infiammatorie intestinali
  • Miglioramento della digestione

 

Un intestino rinnovato può assorbire così più sostanze nutritive:

Un intestino rinnovato può assorbire così’ più sostanze nutritive, vitamine e minerali .
I benefici dati dal consumo di alimenti fermentati non sono derivanti da qualche proprietà magica inerente ad essi ma dal semplice fatto che l’introduzione di batteri benefici nel nostro corpo ripristina l’ equilibrio della flora intestinale.
Il processo di fermentazione rompe il lattosio, mitigando in tal modo uno zucchero potenzialmente problematico e diminuisce il contenuto di carboidrati .

pixabay, download e utilizzo gratuito

Le sostanze nutritive contenute nelle verdure fermentate della tradizione asiatica:

  • Natto, una qualità giapponese di soia fermentata, è ad alto contenuto di vitamina
    K2 , che è vitale per la struttura ossea, cardiovascolare e la salute dentale .
  • Kimchi è un alimento fermentato che può aiutare a migliorare la vostra salute intestinale. Si tratta di un piatto tradizionale coreano a base di verdure fermentate e una miscela piccante di peperoncino, aglio, scalogno e altre spezie . E ‘ comune trovare kimchi in quasi ogni pasto coreano, dove viene servito solo come contorno, mescolato con riso o pasta, o utilizzato come ingrediente di zuppe o stufati . Come riportato in uno studio nel Journal of Agricultural Food Chemistry, gli insetticidi organofosfati vengono distrutti rapidamente durante la fermentazione del kimchi.

 

pexels. download e utilizzo gratuito

Le verdure fermentate sono una fonte naturale di probiotici:

 

I cibi fermentati sono una fonte naturale di probiotici, i cosiddetti “batteri buoni” dell’intestino sano che vivono nel no stro intestino, che sostengono il sistema immunitario e aiutano la digestione. Oltre alle sostanze nutritive che le verdure contengono naturalmente, gli alimenti  fermentati sono anche fonti naturali di vitamina B e C  e sono  prodotti da batteri buoni nel momento in cui avviene il processo di fermentazione .

La maggior parte delle verdure possono essere fermentate, non solo il cavolo, ma anche carote, cetrioli, ravanelli, pastinaca , pomodori, peperoni, fagiolini. I crauti, per esempio, contengono batteri buoni: il Lactobacillus . Il  sapore aspro  e’ dato dall’acido lattico, e costituisce in realtà un antibiotico naturale.

Detox naturale:

L’assunzione di verdure fermentate rientra fra i metodi naturali che possono aiutare il corpo nel processo di disintossicazione da organofosfati, poichè eliminano le sostanze chimiche neurotossiche artificiali che tendono ad accumularsi nel corpo, sotto forma di grasso corporeo, dove possono rimanere per lunghi periodi di tempo .

Essere in salute, riequilibrare il corpo equivale a riequilibrare la mente, tutto ciò è realizzabile in modo concreto, attraverso la giusta alimentazione e un programma Detox personalizzato. Se desideri altri consigli personalizzati in base alla tua costituzione,
prenota ora una Consulenza in Alimentazione  Cinese ed un Programma Detox.

pexels, download e utilizzo gratuito

DiAlessandra Zarone

Antibiotici naturali

Antibiotici naturali

Alcuni degli effetti collaterali connessi all’utilizzo degli antibiotici prodotti in laboratorio più comuni includono allergie e disturbi gastrointestinali. In rari casi, le reazioni agli antibiotici possono portare a tossicità renale e la morte.
Gli studi hanno dimostrato che gli antibiotici influenzano i batteri sani nell’ intestino e possono influire negativamente sulla salute generale.
Tanto più gli antibiotici sono prescritti su scala globale, quanto più i batteri imparano resistere agli effetti degli antibiotici. Lo Staphylococcus aureus resiste alla meticillina, ad esempio. Secondo il Centre for Disease Control and Prevention, ogni anno, 2 milioni di persone negli Stati Uniti sono infettati da batteri resistenti ai farmaci e almeno 23.000 persone muoiono a causa di queste infezioni.

Antibiotici a base di erbe

Gli antibiotici a base di erbe, che sono stati usati per migliaia di anni, hanno grandi proprietà antibatteriche e un minor numero di effetti collaterali. L’industria farmaceutica riconosce ultimamente il potere delle erbe, combinandole sinergicamente con gli antibiotici di sintesi,e creando così fitofarmaci che sono più potenti degli antibiotici di sintesi.Tutti i farmaci originariamente provenivano da piante della Terra.

Ecco alcuni fra i principali antibiotici naturali:

 

1 .Aglio

Qualche spicchio d’aglio ogni giorno, può efficacemente combattere tutti i tipi di batteri, virus e infezioni. Gli studi hanno scoperto che l’aglio può aiutare in caso di AIDS.

E ‘anche un grande aiuto per alleviare gli effetti di raffreddore, dell’influenza, il mal di denti, il diabete e la pressione alta.

Per massimizzare le sue piene proprietà antibiotiche, è necessario schiacciare l’aglio e mangiarlo crudo: in insalata o nelle zuppe .

2.Cipolla

Sono strettamente correlate all’aglio e riducono il dolore e l’infiammazione, così come le malattie come il raffreddore e l’ influenza.E’ meglio mangiare le cipolle crude, poichè la cottura fa perdere molte sostanze nutritive.

pixabay

3.  Pompelmo

L’estratto di semi, viene convenzionalmente usato come un composto antimicrobico. Esso ha mostrato di prevenire la crescita di diversi funghi e batteri, è raccomandato per l’uso nella pulizia del bagno.

pixabay

4.Rafano

Rafano dà al corpo energia; aiuta l’organismo a difendersi contro le malattie. Promuove la circolazione del sangue e ha proprietà antibiotiche, agendo nello stomaco. E’ utile per le infezioni del tratto urinario, calcoli renali e la bronchite. Vi consiglio di consumarlo crudo, oppure a dadini, con una piccola quantità di aceto, per ottenere un effetto ottimale.

 

5.La vitamina C

Può essere trovata in una grande varietà di frutta comprese le arance e ananas. E ‘nota per la sua capacità di rafforzare il sistema immunitario -che è il motivo per cui il succo d’arancia allevia il raffreddore. La vitamina C fa miracoli, ripara la pelle e protegge la salute .

pixabay

6.Miele di Manuka

E’ fatto dalle api in Nuova Zelanda e, come altri tipi di miele contiene perossido che gli conferisce le sue proprietà antibiotiche. Esso contiene anche diversi altri componenti antibiotici che non si trovano in altri tipi di miele come il methylglyoxal.

 

7.Cannella

Può aiutare a ridurre lo zucchero nel sangue nelle persone con diabete. Ha proprietà antibiotiche e può aiutare a trattare le infezioni da lieviti.

pixabay

8.Aceto di mele

Contiene acido malico, noto per possedere proprietà antibiotiche. Utile per prevenire e alleviare il mal di gola.

pixabay

9.Zenzero

Da utilizzare nel trattamento di influenza e raffreddori, mal di stomaco e nausea, dolori muscolari e articolari.Evitare di consumare zenzero in grandi quantità se si pensa di essere incinta, alcuni esperti temono che possa provocare un aborto spontaneo.

pixabay

10.Eucalipto

Ha molte proprietà antisettiche. E ‘anche comunemente stato usato in tisane e per via inalatoria per combattere la tosse, uccide i funghi.

pixabay

11.Echinacea

E’ stata utilizzato per centinaia di anni per rafforzare il sistema immunitario e combattere una varietà di infezioni. Tradizionalmente, Echinacea è stata utilizzata per il trattamento di ferite aperte, difterite, cellulite, avvelenamento del sangue, lesioni sifilitiche e altre malattie batteriche. Anche se è in gran parte utilizzata tuttora per combattere raffreddori e influenza, questa potente erba possiede la capacità di distruggere i batteri più virulenti come lo Staphylococcus aureus che è mortale.

pixabay

12.Argento colloidale

Le proprietà antibatteriche e germicide dell’ argento colloidale sono state scoperte quasi un secolo fa. Numerosi casi clinici dimostrano che l’argento colloidale uccide batteri, infezioni fungine e virus, ferite, piaghe.

 

13.Pau D’Arco ( Tabebuia impetiginosa), detto Lapacho

Lapacho o Taheebo è il nome attribuito ad una tisana costituita dalla parte interna della corteccia della pianta sudamericana Tabebuia impetiginosa.
Il Lapacho viene usato nella pratica erboristica da diversi popoli indigeni in Centro e Sud America. Ha proprietà antimicrobiche, antivirali, antifungine e viene impiegato per uso topico per il trattamento di lesioni cutanee, come punture di insetti e psoriasi.
E’ una pianta originaria del Sud America il cui principio attivo è il lapachol, è che allevia una vasta gamma di infezioni : quelle avviate da batteri, virus e funghi. Gli studi suggeriscono che Pau d’arco può anche avere proprietà anticancro. Pau d’Arco è stata usata dagli indiani del Sud America per rafforzare il sistema immunitario e combattere malattie mortali. E da consumarsi come un tè o decotto. Contrasta il cancro, l’HIV e la Candida. Il US National Cancer Institute, Dipartimento di Sanità degli Stati Uniti, ha suggerit oche questa corteccia può prevenire, ritardare o curare il cancro, ma le dosi orali necessarie per raggiungere i livelli utili nel sangue sono troppo elevate e possono causare effetti collaterali come anemia, diarrea, vertigini, nausea e vomito.

14.Idraste (Hydrastis canadensis), detta Goldenseal

Contiene un alcaloide chiamato berberina che distrugge i batteri Gram-positivi. Può causare danni cerebrali nei neonati e nei bambini. Non consumare in caso di gravidanza o allattamento. E ‘ indicato per uso emostatico nelle emorragie uterine.

pixabay

15.Neem

L’albero neem cresce in India ed è stato usato nella medicina ayurvedica per più di 2.000 anni. L’olio di Neem è comunemente usato per combattere le infezioni batteriche della pelle. Neem è deve essere assunto per via orale per meno di 10 settimane. Il consumo in grandi dosi o per lunghi periodi di tempo può danneggiare i reni e il fegato.

pixabay

16.Mahonia Aquifolium, detta Uva Oregon

Ha proprietà antibatteriche, ideale per il trattamento dell’acne. Non esistono abbastanza studi sono stati fatti per sapere se l’uva Oregon è sicura e può essere consumata per via orale. Come Idraste,contiene berberina, e non dovrebbe essere consumata da bambini e donne in gravidanza o allattamento.È classificata come un lassativo naturale ed è stato utilizzato come rimedio per la stitichezza, per un tempo molto lungo. Oltre a questo, questa erba è anche detto di essere efficace per stimolare il flusso della bile, che può essere efficace nel prevenire malattie come la diverticolosi, emorroidi, malattie della colecisti e costipazione. Oregon uva radice è anche detto di purificare il sangue e disintossicare il fegato. E ‘anche usato per trattare i disturbi della pelle come la psoriasi, eczema e herpes. Da evitare in caso di malattie cardiache, pressione alta e glaucoma . E’ indicata per le  emorragie uterine.
Uva Oregon radice è di solito assunta  come un tè, compresse o tintura. Anche creme e unguenti sono disponibili con questa erba per il trattamento di alcune malattie della pelle.

pixabay

Contattami per una alimentazione personalizzata, volta a:

 

  • Rinforzare il sistema immunitario

 

 

  • Prevenire influenza e raffreddori

 

 

  • Prevenire la diverticolosi, emorroidi, riequlibrare le funzioni  della colecisti e costipazione

 

 

  • Prevenire calcoli renali 

 

  • Alleviare dolori muscolari

 

 

DiAlessandra Zarone

Schisandra chinensis, rimedio naturale per esaurimento e difese immunitarie

Schisandra chinensis, rimedio naturale per esaurimento e difese immunitarie:

La pianta Schisandra chinensis ,  rimedio naturale per esaurimento e difese immunitarie, si trova in tutto il nord e nord-est della Cina (in particolare a Jilin, Lianoning, Heilongliang e Hebei) e nelle regioni limitrofe della Russia e della Corea. Le bacche di Schisandra sono i frutti di una pianta chiamata Schisandra chinensis, nativa della Russia orientale e della Cina settentrionale.

Schisandra Studio Naturopatico Donadoni

La bacca dei cinque aromi:

Il suo nome originale è Wu Wei Zi, che significa la bacca dei 5 aromi.

Le bacche di Schisandra sono nello stesso tempo dolci, acide, salate, amare e pungenti, una caratteristica ritenuta importante dalla Medicina Tradizionale Cinese.

schisandra_berries_wuweizi naturopata como

E’ un rimedio naturale che trova utile impiego in molteplici condizioni di salute, quali stress, stanchezza, esaurimento psicofisico, cali di memoria, di rendimento e di concentrazione, lentezza di riflessi, umore depresso, scarsa vitalità, basse difese immunitarie ed epatopatie, tra cui epatiti croniche.

schizandra_chinensis naturopata milano

Se desideri un consulto naturopatico volto alla prevenzione ed alla risoluzione delle tematiche trattate, contattami o prenota il tuo consulto qui:

DiAlessandra Zarone

Naturopatia Desio: Uncaria Tomentosa e sistema immunitario

 Naturopatia Desio: Uncaria Tomentosa e sistema immunitario:

 

Uncaria Tomentosa rientra nei rimedi per il sistema immunitario, poichè  agisce sui globuli bianchi dotati di attività fagocitaria. I globuli bianchi rappresentano la prima linea di difesa dell’organismo contro gli agenti estranei.
Essi svolgono le loro funzioni nel tessuto connettivo, nel quale migrano grazie alle proprietà ameboidi (spingono delle porzioni del citoplasma cellulare verso l’esterno, come dei falsi piedi), dopo aver attraversato la parete dei vasi sanguigni. Il sangue circolante rappresenta infatti il loro mezzo di trasporto dagli organi dove sono prodotti al tessuto connettivo, dove svolgono la loro funzione e muoiono.

Il termine immunità deriva dal latino, e significa “protezione“. Il sistema immunitario è quindi un apparato protettivo, che difende l’uomo dalla nascita in poi.
Il suo compito principale è quello di proteggere il nostro corpo da agenti infettivi, come virus, batteri e parassiti, capaci di superare barriere cutanee e mucose. Esso è in grado inoltre di identificare la eventuale presenza di cellule, appartenenti all’organismo, ma deviate dalla norma (cellule tumorali), e di eliminarle.

Il medicamento degli indigeni delle foreste amazzoniche :

Esistono due specie di Uncaria, la tomentosa e la guianensis, molto simili tra loro, vengono usate, senza distinzione, come medicamento dagli indigeni della foresta da oltre 2000 anni.

Quando utilizzare Uncaria:

Secondo i curanderos peruviani questa pianta può essere utilizzata per curare ferite profonde, dolori alle ossa, problemi renali, patologie degenerative, per ristabilire le donne dopo il parto e come contraccettivo.In particolare, per i brasiliani, l’unghia di gatto è un rimedio popolare contro il cancro, soprattutto delle vie urinarie.

Studi condotti sull’Uncaria hanno evidenziato la sua utilità in caso di dolori di origine infiammatoria acuta e cronica (osteoarticolari,viscerali e mestruali, gengiviti, emorroidi), di disturbi gastrointestinali, di ulcere gastroduodenali e nelle malattie da raffreddamento e virali (faringiti, laringiti, influenza).

La parte dell’Uncaria che viene usata come droga è la corteccia .

In alcuni studi è stato inoltre evidenziato che il contenuto alcaloideo varia nella pianta, sia qualitativamente che quantitativamente, in funzione delle fluttuazioni stagionali.
Da quanto detto emerge l’importanza della standardizzazione di qualsiasi prodotto derivato dall’ Uncaria, se se ne vogliono sfruttare in particolare alcune proprietà.
L’interesse dei ricercatori si è focalizzato negli ultimi venti anni sugli alcaloidi pentaciclici ossindolici contenuti nel genere, di cui è stata evidenziata la potente azione immunostimolante.
La frazione glicosidica, in particolare i glicosidi dell’acido quinovico, mostra invece importanti proprietà antiinfiammatorie ed antivirali. La stimolazione aspecifica del sistema immunitario si traduce in un sostanziale aumento dell’ attività fagocitaria dei macrofagi del sistema reticoloendoteliale e dei granulociti neutrofili e in un aumento della reattività delle cellule immunitarie nei confronti di antigeni diversi (virus, batteri ecc.). La pianta è stata ed è tuttora usata come terapia adiuvante nelle forme classiche di terapia antineoplastica (chemio e raggi gamma).

In pazienti sottoposti a chemioterapia, il trattamento con preparati di Uncaria tomentosa, titolati nel contenuto di alcaloidi ossindolici, ha ridotto il numero di pancitopenie (tipico effetto collaterale della chemioterapia), determinando una minor incidenza di infezioni da compromissione del sistema immunitario. In pazienti con AIDS è stata notata una generale trasformazione positiva del decorso della malattia, traducibile in un aumento delle cellule Natural Killer e dei linfociti T4 ed un miglioramento delle infezioni opportunistiche.
Vuoi rinforzare il tuo sistema immunitario? contattami per una consulenza erboristica associata ad una corretta alimentazione.

DiAlessandra Zarone

Naturopatia Desio: Carota

Naturopatia Desio: Carota:

La carota, nella tradizione araba ha evocato il simbolo della Bontà. Favorisce l’alito fresco e la salute della bocca.

Le proprietà curative:

E’ un ottimo, cicatrizzante, diuretico, evacuante, lassativo e depurativo. Di questa pianta si usa l’infiorescenza, radice e foglie.

Il decotto di fiori essiccati si utilizza con il clistere ed ha un doppio scopo lassativo e rinfrescante intestinale. Il decotto della radice si beve a scopo diuretico.

Un impiastro di foglie e radici si applica su ferite e ustioni.

La carota è coltivata per il fittone radicale di colore bianco nelle varietà da foraggio ed arancio nelle varietà da ortaggio (cristalli di caroteni nei cromoplasti delle cellule parenchimatiche). La carota è ricca di vitamina A (Betacarotene), B, C, PP, D ed E, nonché di sali minerali e zuccheri semplici come il glucosio. Per questo motivo il suo consumo favorisce un aumento delle difese dell’organismo contro le malattie infettive.


La carota è molto usata in cosmesi perché antiossidante e ricca di betacarotene, perciò stimola l’abbronzatura prevenendo la formazione di rughe e curando la pelle secca e le sue impurità; la sua polpa è un ottimo antinfiammatorio molto adatto a curare piaghe, sfoghi cutanei e screpolature della pelle.

La carota cura i polmoni:

È molto indicata per la cura delle affezioni polmonari e nelle dermatosi; quale gastro-protettore delle pareti dello stomaco è un ottimo antiulcera.

Rimedio anti invecchiamento:

Fra le altre molteplici proprietà curative, la carota ha quelle di prevenire l’invecchiamento della pelle, facilitala secrezione del latte nelle puerpere, tonifica il fegato, regola il colesterolo. Altri benefici riconosciuti sono la facilitazione della diuresi, la tonificazione dei reni, l’innalzamento della emoglobina, la regolazione delle funzioni intestinali. Infine, favorisce la vista portando sollievo ad occhi stanchi ed arrossati ed è indicato nella prevenzione della cataratta e del glaucoma.

Essenza floreale di Carota:

Calma il sistema riproduttivo . E’ Utile per gli occhi, la colonna vertebrale e rafforza il sistema immunitario. Purifica le energie della  colonna, del sacro e del cranio. Aiuta le persone molto mentali, che si preoccupano oltre il dovuto o si lasciano coinvolgere troppo dall’ego. L’essenza  consente di riconnettersi al proprio divino sè.

Se desideri approfondire le tematiche trattate, contattami per una consulenza via skype.