Cacao e Potassio

DiAlessandra Zarone

Cacao e Potassio

Cacao e Potassio

Il potassio è il terzo elemento più abbondante nel corpo dopo calcio e magnesio. È un elemento assoluto che è necessario al nostro corpo per assicurarsi che alcuni organi funzionino correttamente. Questi organi sono vitali, come reni, cervello, cuore e tessuto muscolare.

Il potassio è contenuto in numerosi alimenti, utilizzati dall’uomo anticamente.

Theobroma cacao (Sterculiaceae) Cacao, Cocoa

Il cacao è stato coltivato fin dall’antichità dagli indiani dell’America centrale tropicale, anche se la coltura probabilmente si è evoluta dal cacao selvatico nelle foreste amazzoniche. I fagioli (semi) della pianta furono portati da Colombo in Europa. La bevanda al cacao divenne popolare in Europa nel diciassettesimo secolo, Oggi, la pianta (famiglia Sterculiaceae) è coltivata in America centrale e meridionale, nelle Indie occidentali, nell’Africa occidentale e nel sud-est asiatico. I semi sono racchiusi in una polpa mucillaginosa. Nel paese di origine, i baccelli maturi vengono raccolti e divisi aperti per l’estrazione dei fagioli bagnati. Questi sono collocati in cumuli coperti, cesti o scatole di legno (“scatole di sudore”). I batteri e i lieviti nella polpa provocano la fermentazione dei fagioli (“stagionatura”). Il processo va avanti per alcuni  giorni, durante i quali la fermentazione provoca cambiamenti chimici nei fagioli, essenziali per lo sviluppo del caratteristico aroma di cacao. Dopo la fermentazione, i fagioli vengono essiccati. Sebbene il cacao sia una coltura tropicale, le fave secche vengono esportate nei paesi temperati per la lavorazione nelle fabbriche. Le fave vengono tostate e i loro gusci (rivestimenti di semi) vengono rimossi per dare gli  embrioni che vengono macinati per produrre la “massa di cacao”. A questo punto c’è una diversificazione. I gusci di fagioli di scarto sono inclusi nei mangimi per animali o utilizzati come fertilizzante e pacciame.

Originario del Messico e dell’America Centrale, il cacao è ora una delle principali colture in tutti i tropici. I baccelli dei semi vengono raccolti più volte all’anno e vengono tagliati direttamente dal tronco dell’albero (dove crescono). Un baccello contiene fino a 50 fagioli, con circa 900 del peso di (1 kg). Intorno al XV e XVI secolo, gli Aztechi, una cultura molto più recente nell’altopiano centrale del Messico coltivarono e il cacao. Fu documentato per la prima volta intorno al 1100 a.C. .Gli Aztechi e i Maya preparavano un cioccolato che aveva un sapore amaro Gli Aztechi chiamavano l’albero cacvaqualhitl, il frutto raccolto o baccelli cac-vacentli, i semi di cacao cachoatl e la pregiata bevanda a base di fagioli chocolatl.

Baccelli di cacao e immagini simili a viti di rami di alberi che portano baccelli hanno figurato nell’arte aborigena, come le stele Maya e i più recenti codici aztechi Scoperte archeologiche attestano che, nella penisola di Nicoya in Costa Rica, una bevanda a base di polpa a base di baccelli di cacao, era probabilmente utilizzata lungo le rotte commerciali Maya, ben stabilite già nel 600-200 D.C. a.C. La parola “cioccolato” deriva da chócolatl, il nome dato a questo albero dagli Aztechi. Nel 1720, Cotton Mather, un predicatore americano e storico della natura, elogiò il cacao, scrivendo che la pianta “fornisce agli indiani pane, acqua, vino, aceto, brandy, latte, olio, miele, zucchero, aghi, filo, lino, vestiti, berretti, cucchiai, cesti, carta e legname, rivestimenti per le loro case, alberi, vele, corde per le loro navi e medicina per le loro malattie; e cosa si può desiderare di più?”

Medicina folclorica e moderno utilizzo del cacao

Sebbene il cacao sia più spesso usato come alimento, ha anche un valore terapeutico come stimolante del sistema nervoso. In America Centrale e nei Caraibi, i semi sono presi come tonico per cuore e reni. La pianta può essere usata per trattare l’angina e come diuretico. Il burro di cacao (l’olio fisso) è un buon balsamo per le labbra ed è spesso usato come base per supposte. Il potente mix di polifenoli nella polpa di semi non trasformati è stato l’obiettivo principale della ricerca sul cacao. Questi hanno un’attività protettiva sul cuore e sui vasi sanguigni, in particolare sostengono i capillari o la microcircolazione. Sembra anche avere un’attività antidiabetica, in quanto stimola il pancreas a regolare i livelli di zucchero nel sangue in modo più efficace. Altri potenziali usi del cacao che sono stati studiati includono la prevenzione della carie, come aiuto alla perdita di peso, come alimento preventivo per il cancro e come trattamento per l’affaticamento cronico.

Nella Mesoamerica precolombiana, il cioccolato preparato non era dolce. In effetti, era spesso amaro a causa dei peperoncini aggiunti. Le fave di cacao venivano prima essiccate al sole, tostate e poi macinate su metates (piattaforme concave per la macinazione a pietra) con un po ‘d’acqua e altri ingredienti aggiunti, che vanno dalla vaniglia (ricavata da un’orchidea originaria del Messico e dell’America centrale, Vanilla planiflia Jackson) al mais e all’achiote (i semi rossi essiccati, chiamati annatto o bixin in inglese, dalla boscaglia Bixa orellana). La pasta risultante era modellata in piccole torte e conservata fino all’uso. Il chocolatl della bevanda era fatto mescolando un pezzo di una torta di pasta di cacao con acqua in un recipiente di zucca; l’achiote macinato dava alla bevanda un colore rossastro per assomigliare al sangue. Facendo cadere la miscela tra i recipienti di zucca, la bevanda era preparata con una consistenza leggera e schiumosa. Per il popolo Maya, i baccelli di cacao erano simboli di fertilità, vita e cibo degli dèi. Usavano il cioccolato per scopi cerimoniali e credevano che il cioccolato avesse proprietà medicinali. Credevano anche che il consumo di cacao desse saggezza e potere e usassero il cacao come valuta. Nel 1492 Colombo portò le fave di cacao dall’America all’Europa, ma a quel tempo non erano interessanti per gli europei. Hernan Cortez nel 1528 portò il cacao in Spagna insieme al segreto della produzione di xocoatl. In Spagna, zucchero, vaniglia, noce moscata, chiodi di garofano, pimento e cannella furono stati aggiunti alla ricetta. Tuttavia, le barrette di cioccolato non furono prodotte fino al XVIII secolo, quando sono stati prodotti mulini meccanici per spremere il burro di cacao dalla massa di cacao, il cioccolato al latte è stato prodotto per la prima volta nel 19 ° secolo da Daniel Peter e Henry Nestle. Rodolphe Lindt inventò un processo chiamato concaggio, che permise la formazione di un aroma di cioccolato morbido e Milton Hershey fu un pioniere della produzione di massa di barrette di cioccolato a prezzi accessibili. Nel corso dei secoli, il cioccolato è stato considerato un afrodisiaco ed è stato usato per trattare la fatica e la diarrea.

Studi clinici

Un recente studio si è concentrato sull’effetto del cioccolato sulla depressione. I ricercatori hanno scoperto che le persone che sono clinicamente depresse, hanno maggiori probabilità di mangiare cioccolato e più sono depresse, più cioccolato mangiano. I ricercatori non possono affermare in modo conclusivo, se la depressione stimoli il desiderio di cioccolato. Il contenuto di grassi, zucchero, caffeina, la consistenza o l’aroma possono essere responsabili dell’effetto di miglioramento dell’umore del cioccolato. I componenti del cioccolato (teobromina, tiramina e feniletilamina) possono essere responsabili di questo effetto sull’umore. Diversi studi si sono concentrati sul desiderio di cioccolato.

I componenti del cioccolato includono composti antiossidanti, come le catechine, che riducono i radicali liberi prodotti dall’ossidazione. Il cacao abbassa il colesterolo LDL, riduce la pressione sanguigna e l’aggregazione piastrinica.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: