Archivio per Categoria PREVENZIONE E CURA CON LE ERBE – Alessandra Zarone

DiAlessandra Zarone

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico: Escolzia

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico 

 

Premessa

Il concetto di stress è relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada, nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).

Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico, ormonale, locomotorio e immunologico.

Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo

dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.

Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Escolzia

Eschscholzia californica Cham, è una pianta medicinale tradizionale degli indiani utilizzata dalla popolazione rurale della California per le sue proprietà analgesiche e sedative. Uno studio sull’estratto convalida le sue tradizionali proprietà sedative Inoltre, quando somministrato ad una dose di 25 mg/kg, E. californica ha anche  un’azione ansiolitica .

Nomi comuni: California-Poppy, Golden Cup, Gold Poppy, Yellow Poppy, Golden Poppy, Opium of The Indians. Modo d’uso: fumo, tè, frutta da masticare, tinture, estratti. Ha la reputazione di essere un’alternativa al papavero da oppio, anche se è meno potente poichè on contiene oppio. È segnalato per facilitare l’astinenza da tabacco e alcol.

Migliora la qualità del sonno naturale, rilassa il sistema nervoso, induce lieve euforia, riduce l’ansia, E’un anestetico, antispasmodico, diuretico, galattofugo, odontalgico, tranquillante. Il sovradosaggio causa : mal di testa, irritazione dell’occhio, nausea, effetti da sbornia del giorno successivo, sudore che induce, vomito. L’uso può causare un test delle urine a leggere positivo per gli oppiacei. Eschscholzia californica (papavero della California) è una pianta che si trova in California e viene utilizzata per i suoi valori medicinali. È un rimedio soporifero sedativo e analgesico non narcotico usato per favorire il rilassamento e utile per disturbi del sonno (insonnia), dolori, agitazione nervosa, tensione nervosa, ansia nei bambini, depressione, stanchezza mentale e fisica a lungo termine (nevrastenia), dolore ai nervi, varie condizioni psichiatriche, problemi ai vasi sanguigni, sensibilità ai cambiamenti climatici. È comunemente noto per i suoi effetti terapeutici nell’alleviare il mal di denti e agisce come tranquillante. Negli esperimenti sugli animali, è stato scoperto che agisce in modo più potente della morfina.

Gli indiani d’America, in generale, usavano il papavero californiano per il dolore delle  coliche e ha una lunga storia di uso tradizionale in Nord America.

Rimedi tradizionali del Chumash, una tribu’ di nativi americani stanziati nelle zone costiere della California centrale Le ricerche archeologiche dicono che i Chumash arrivarono dal Canale di Santa Barbara e vissero in California per millenni. I Chumash si stabilirono in alcuni insediamenti già 10.000 anni fa. Tale popolazione utilizzava Escholzia  per dismenorrea, sindrome premestruale, igiene femminile, mestruazioni pesanti, infezioni del tratto urinario, parto, allattamento, cura dell’infanzia, menopausa, malattie sessualmente trasmissibili, fertilità, contraccezione e aborti,come analgesico, sedativo e ansiolitico. Gli Studi clinici  hanno dimostrato che il papavero della California possiede un’affinità con i recettori delle benzodiazepine con flumazenil (un antagonista del recettore delle benzodiazepine) che sopprime questi effetti sedativi e ansiolitici

Un ottimo prodotto è Alato 3, contiene Escolzia, è indicato per  spasmi, contrazioni nervose, irritabilitá, nervosismo, agitazione, ansia, ipereccitabilitá, disturbi organici di origine nervosa. E’ acquistabile qui o in Farmacia.

 

 

DiAlessandra Zarone

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico: Papavero rosso

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico 

 

Premessa

Il concetto di stress è relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada, nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).

Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico, ormonale, locomotorio e immunologico.

Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo

dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.

Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Papavero Rosso

Papaver rhoeas L. (Papaveraceae) – papavero rosso o papavero di mais chiamato anche ‘gelincik’ in Turchia – è una specie annuale della sezione Rhoeadium Kadereit. La specie è ampiamente distribuita in Turchia e utilizzata per il trattamento di varie malattie della medicina popolare in forma di  sciroppo per la tosse dei bambini, come infuso per l’insonnia, sedativo e per alleviare il dolore. Le parti aeree fresche sono anche utilizzate come cibo principalmente nel sud-ovest della Turchia. I fiori di papavero sono utilizzati anche come fonte di coloranti alimentari e per esaltare il sapore delle tisane.

In Turchia, sono stati studiati cinque rimedi erboristici utilizzati come farmaci gastroprotettivi per la loro attività anti-ulcerogenica. I rimedi erboristici studiati comprendono frutti di Elaeagnus angustifolia L. (Elaeagnaceae), frutti freschi di Hibiscus esculentus L. (Malvaceae), radici fresche di Papaver rhoeas L. (Papaveraceae), foglie di Phlomis grandiflora H.S. Thomson (Lamiaceae) e frutti freschi di Rosa canina L. (Rosaceae). Gli estratti sono stati preparati secondo le tradizionali indicazioni d’uso. Papaver somniferum significa “portatore di sonno”, ma il papavero da oppio non è meno sociale del papavero di mais. Anch’ esso “cerca la compagnia delle persone”, che prosperano sulla terra agitata, riapparendo anno dopo anno. Le somiglianze, tuttavia, finiscono qui. Il papavero da oppio è più robusto, è alto un metro o più e appare in tonalità variegate, anche se il bianco, il rosa e il viola sono i più comuni.

 

La sua capsula trasporta una resina carica di alcaloidi, di cui morfina, tebaina e codeina sono le più potenti. Il metodo tradizionale di raccolta è quello di segnare la capsula immatura in modo che la linfa fuoriesca e si essicchi sulla superficie esterna del baccello. La resina indurita appiccicosa viene quindi raschiata via e raccolta per l’uso. Il papavero da oppio è unico. Delle 27.000 diverse piante da fiore nel mondo, solo il papavero da oppio produce morfina. Il papavero da oppio ha un passato misterioso, poiché non è stato identificato alcun antenato selvatico.  Le sue origini potrebbero trovarsi in Asia Minore (l’odierna Turchia), o forse nei vicini Balcani, il cuore della prima agricoltura europea. Ci sono alcuni primi indizi, tuttavia, dall’Europa occidentale. Nel 1865, una capsula di papavero carbonizzata fu recuperata da un villaggio neolitico impiegato d’acqua sul lago Pfäffikersee vicino a Robenhausen, nel nord della Svizzera. Datata intorno al 2500 a.C., la capsula sembra essere di una specie intermedia, un papavero da oppio semi-selvatico. Da quel momento, gli archeologi hanno trovato prove della coltivazione dell’oppio-papavero in luoghi simili sul lago in tutta la Svizzera, dal Neolitico all’Età del Bronzo (dal 5500 all’800 a.C. circa). A Egolzwil, sulle rive dell’ex lago Wauwil, a Lucerna, dolci ai  semi di papavero e capolini di papavero di 6.000 anni sono stati rinvenuti  tra camini di argilla e ceramiche in case di legno ben conservate. Le ricerche suggeriscono che i papaveri erano più comunemente coltivati qui rispetto al grano o all’orzo. Un’altra importante scoperta avvenne nel 1935, quando capolini di papavero maturo fossilizzati, in seguito datati al carbonio a circa 4000 a.C., furono scoperti nella “Grotta dei pipistrelli” nel sud della Spagna. Le capsule, insieme a ciocche di capelli, erano nascoste all’interno di cesti di erba intrecciata, deposti fra scheletri umani . Si tratta della  prima prova fino ad oggi di papaveri collocati in una tomba. È probabile che questo sia stato un atto deliberato, poiché l’archeologo Ralph Solecki ha scoperto prove simili da un sito molto più antico in Iraq. Scoprì che il polline presente in una sepoltura all’interno di  una grotta riconducibile all’uomo di Neanderthal, di  6.000 anni fa, proveniva da fiori variamente colorati e sembrava essere stato posizionato intenzionalmente attorno ai resti scheletrici. Notevoli testimonianze sono recentemente arrivate da La Marmotta, sul Lago di Bracciano, un cratere vulcanico pieno d’acqua situato a nord-ovest di Roma. Nel 1989, gli archeologi hanno portato alla luce i resti di una grande città neolitica composta da abitazioni con canniccio e sostenute da migliaia di pali di quercia, conservati nei sedimenti sul fondo del lago. All’interno di un grande edificio lungo trentadue piedi hanno scoperto una statuetta, scolpita in pietra ollare, di una donna voluttuosa – una cosiddetta statuetta della “Dea Madre” – che potrebbe indicare che l’edificio serviva a scopo religioso. Hanno anche trovato grandi quantità di semi di oppio-papavero ben conservati e baccelli e dischi stigmatici (il “cappuccio” che contiene lo stigma riproduttivo del fiore, che intrappola il polline). I semi sembrano essere di una varietà semi-selvatica, e quindi i papaveri erano molto probabilmente coltivati vicino al villaggio per i loro semi e linfa – e i loro effetti antidolorifici. Datati al 5700 a.C., sono i primi campioni di semi di oppio-papavero trovati in un insediamento umano. Per quasi ottomila anni, il papavero di mais, leggermente narcotico e il papavero da oppio sono cresciuti l’uno accanto all’altro, uniti nella loro dipendenza dalle persone.

Un ottimo prodotto è Alato 3, contiene Papavero rosso, è indicato per  spasmi, contrazioni nervose, irritabilitá, nervosismo, agitazione, ansia, ipereccitabilitá, disturbi organici di origine nervosa. E’ acquistabile qui o in Farmacia.

 

 

DiAlessandra Zarone

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico : Giuggiolo

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico 

 

Premessa

Il concetto di stress è relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada, nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).

Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico, ormonale, locomotorio e immunologico.

Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo

dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.

Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Giuggiolo

Nome botanico: Zizyphus mauritiana Lam.

Sinonimo: Z. jujuba Lam. not of Mill.; Z. spina-christi

Distribuzione nel mondo: India, Pakistan, Afghanistan, Cina, Ceylon, Australia, Trop. Africa

Usi medici popolari: Trattamento di ascessi e ferite.

La pasta di foglie fresche schiacciate viene mescolata con una piccola quantità di sapone e zucchero macinato ed è legata con un panno come benda sugli ascessi. La benda viene cambiata ogni 24 ore e il trattamento viene continuato per 3-4 giorni.

La popolazione dei villaggi orientali dell’Andra Pradesh, in India usa la colla delle foglie di questa pianta e il lattice di Ipomea carnea per trattare i brufoli. La pasta di polvere di corteccia e foglie, applicata esternamente sul petto viene usata dalla medicina popolare di questi luoghi, per trattare il dolore toracico della tosse; la polvere del frutto di Z. xylopyrus è utilizzato nel trattamento di indigestione e mal di stomaco, con aggiunta di un pizzico di zenzero. Nella medicina popolare turca, la polvere del frutto è utilizzata come sedativo.

 

 

Ziziphus spina-christi riconosciuto come giuggiola del trono di Cristo. È un piccolo albero o un arbusto spinoso che resiste fortemente alla siccità e al calore. È una pianta o un albero sempreverde nell’Africa tropicale, nel Levante e in alcuni paesi tropicali. L’indagine morfologica ha rilevato in Arabia Saudita due varietà ben definite, Z. spina-christi var. spina-christi, Z. spina-christi var. mi-crophylla e una pianta affinità con Z. spina-christi var. spina-christi. Gli arabi hanno a lungo usato Z. spina-christi nella medicina folclorica per mantenere la salute. I nativi del Medio Oriente, dell’Oriente e del Sud dell’Asia lo stanno usando per curare molte malattie come febbre, forfora, dolore, condizioni infiammatorie, ferite e ulcere, asma e disturbi agli occhi. In Medio Oriente, questa pianta è sia cibo che medicina.

Ziziphus oxyphylla si trova principalmente nelle regioni calde e tropicali del mondo. È una delle specie del genere Ziziphus ampiamente usato per trattare problemi legati al fegato, ittero e diabete. I test fitochimici confermano la presenza di alcaloidi, flavonoidi, composti fenolici. Gli studi clinici hanno mostrato attività antibatterica, antipiretica, antiossidante e antinfiammatoria in vivo e in vitro.

Un ottimo prodotto è Alato 3, contiene Giuggiolo, è indicato per  spasmi, contrazioni nervose, irritabilitá, nervosismo, agitazione, ansia, ipereccitabilitá, disturbi organici di origine nervosa. E’ acquistabile qui o in Farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia: Escolzia

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

Escolzia

Eschscholzia californica Cham, è una pianta medicinale tradizionale degli indiani utilizzata dalla popolazione rurale della California per le sue proprietà analgesiche e sedative. Uno studio sull’estratto convalida le sue tradizionali proprietà sedative Inoltre, quando somministrato ad una dose di 25 mg/kg, E. californica ha anche un’azione ansiolitica .
Nomi comuni: California-Poppy, Golden Cup, Gold Poppy, Yellow Poppy, Golden Poppy, Opium of The Indians. Modo d’uso: fumo, tè, frutta da masticare, tinture, estratti. Ha la reputazione di essere un’alternativa al papavero da oppio, anche se è meno potente poichè on contiene oppio. È segnalato per facilitare l’astinenza da tabacco e alcol.
Migliora la qualità del sonno naturale, rilassa il sistema nervoso, induce lieve euforia, riduce l’ansia, E’un anestetico, antispasmodico, diuretico, galattofugo, odontalgico, tranquillante. Il sovradosaggio causa : mal di testa, irritazione dell’occhio, nausea, effetti da sbornia del giorno successivo, sudore che induce, vomito. L’uso può causare un test delle urine a leggere positivo per gli oppiacei. Eschscholzia californica (papavero della California) è una pianta che si trova in California e viene utilizzata per i suoi valori medicinali. È un rimedio soporifero sedativo e analgesico non narcotico usato per favorire il rilassamento e utile per disturbi del sonno (insonnia), dolori, agitazione nervosa, tensione nervosa, ansia nei bambini, depressione, stanchezza mentale e fisica a lungo termine (nevrastenia), dolore ai nervi, varie condizioni psichiatriche, problemi ai vasi sanguigni, sensibilità ai cambiamenti climatici. È comunemente noto per i suoi effetti terapeutici nell’alleviare il mal di denti e agisce come tranquillante. Negli esperimenti sugli animali, è stato scoperto che agisce in modo più potente della morfina.
Gli indiani d’America, in generale, usavano il papavero californiano per il dolore delle coliche e ha una lunga storia di uso tradizionale in Nord America.
Rimedi tradizionali del Chumash, una tribu’ di nativi americani stanziati nelle zone costiere della California centrale Le ricerche archeologiche dicono che i Chumash arrivarono dal Canale di Santa Barbara e vissero in California per millenni. I Chumash si stabilirono in alcuni insediamenti già 10.000 anni fa. Tale popolazione utilizzava Escholzia per dismenorrea, sindrome premestruale, igiene femminile, mestruazioni pesanti, infezioni del tratto urinario, parto, allattamento, cura dell’infanzia, menopausa, malattie sessualmente trasmissibili, fertilità, contraccezione e aborti, come analgesico, sedativo e ansiolitico. Gli Studi clinici hanno dimostrato che il papavero della California possiede un’affinità con i recettori delle benzodiazepine con flumazenil (un antagonista del recettore delle benzodiazepine) che sopprime questi effetti sedativi e ansiolitici.

 

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Escolzia. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia : Valeriana

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

 

Valeriana

Valeriana officinalis o valeriana ha effetti sedativi, antispasmodici, ansiolitici, antidolorifici e ipnotici in umani e animali. Valeriana clarionifolia si distingue come uno fra i principali rimedi nelle farmacopee indigene della Patagonia, e le sue radici e rizomi sono stati usati fin dai tempi antichi.

Il nome generico deriva dal latino valere, “essere sani”, in riferimento agli usi medicinali nel trattamento di condizioni nervose e isteria. Valeriana è una nota erba medicinale tradizionale indiana con rimedio per il sonno. È stata usata nel corso degli anni per trattare nervine e sedativi nell’isteria, nell’epilessia e sedativi nell’ansia nervosa, come stimolante, per reumatismi, febbri di basso grado e afrodisiaco. È noto per crescere bene nelle regioni d’Europa, parti dell’Asia e del Nord America. Le radici dell’erba valeriana dall’odore forte erano un farmaco essenziale nei sacchetti di medicina per le ferite, dei primi guerrieri indiani Thompson. Le radici fresche venivano polverizzate tramite pietre e applicate direttamente sulla zona lesa, mentre le radici essiccate venivano impiegate come polvere antisettica. Le foglie fresche venivano talvolta masticate fino a quando non erano umide e poi applicate a tagli e ferite. La tribù Thompson della Columbia Britannica probabilmente scoprì il valore di questa specie, a causa di tentativi ed errori, molto prima dell’arrivo degli Europei.

 

 

La valeriana americana è originaria del Canada meridionale e si trova a sud della regione delle Montagne Rocciose del Nuovo Messico. Una specie correlata di valeriana (V. officinalis) è stata a lungo utilizzata nella medicina europea dove la pianta era nativa, ed è ancora oggi coltivata in Olanda, Inghilterra e Germania. È impiegato come antispasmodico e sedativo nell’epilessia e in altri disturbi nervosi. La valeriana europea è descritta in modo molto interessante in Woodville’s Medical Botany, pubblicato a Londra nel 1832: “I suoi poteri antispasmodici sono molto ben consolidati, e confido in molti dei resoconti che sono stati dati sulla sua efficacia; e se a volte non è stata efficace, l’ho appena spiegato, aggiungendo solo questo, che mi sembra, in quasi tutti i casi, dovrebbe essere somministrato in dosi maggiori di quelle comunemente date. È un fatto ben noto che alcuni gruppi indiani avessero usato antisettici prima del tempo di Lister. La valeriana americana è originaria del Canada meridionale e si trova a sud della regione delle Montagne Rocciose del Nuovo Messico. Una specie correlata di valeriana (V. officinalis) è stata a lungo utilizzata nella medicina europea dove la pianta era nativa, ed è ancora oggi coltivata in Olanda, Inghilterra e Germania. È impiegata come antispasmodico, anticonvulsivo, sedativo nell’epilessia e in altri disturbi nervosi. È utile nelle affezioni epilettiche, isteriche e in altre affezioni spasmodiche. La radice viene data in polvere: il suo sapore sgradevole può essere nascosto da una piccola aggiunta di noce moscata.

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Valeriana. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia : Leonorus cardiaca

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

Leonorus cardiaca

Leonorus cardiaca L. (motherwort) è un’erba perenne, originaria dell’Asia e dell’Europa sud-orientale, con una diffusa presenza globale ai giorni nostri. La pianta è stata storicamente utilizzata come cardiotonica e per il trattamento di afflizioni ginecologiche (come amenorrea, dismenorrea, ansia da menopausa o depressione post partum). Sebbene il suo uso nella medicina orientale e occidentale sia relativamente ben documentato.

Originariamente utilizzata nella nevrosi cardiovascolare, angina pectoris, ipertonia, dall’inizio del 20 ° secolo come sedativo, ad esempio in condizioni nervose, psicastenia, nevrastenia con insonnia, stress, iperreattività, distonia vegetativa-vascolare, sintomi nervosi nel periodo pre menopausa e post menopausa, usata nella medicina popolare come sedativo, in caso dismenorrea, sindrome premestruale. Nella Medicina Unani in assenza di mestruazioni, tensione premestruale, vampate di calore della menopausa, spasmi (Mattiolius 1626), paralisi degli arti (Mattiolius 1626),

trattamento delle ferite, espellere la flemma dai polmoni, sostenere la funzione gastrica, dolore allo stomaco, dolore causato da calcoli biliari.

Leonurus japonicus HOUTT., chiamata Cardiaca Cinese:

Il primo uso riportato “per espellere il feto morto e la placenta trattenuta” è descritto nella prima Farmacopea ufficiale dei Chini Tang Peng Ts’ao (659 d.C.). MTC attuale: disturbi mestruali, mestruazioni dolorose, amenorrea, menorrea prolungata, edema con ridotta eliminazione delle urine, edema nella nefrite acuta. Più frequentemente usato come emmenagogo sotto forma di decotto. Per attivare la circolazione sanguigna e regolare le mestruazioni, per sottomettere l’iperattività del fegato e per la cataratta. Usata per disturbi mestruali, amenorrea, dismenorrea, vertigini e mal di testa, mestruazioni dolorose, infiammazione dell’occhio, opacità corneale, vertigini, dolore e sensazione di tensione.

Nelle parti orientali della Cina si usa nella medicina popolare per promuovere il recupero uterino dopo il parto, sindrome premestruale, disturbi cardiaci causati da ansia e stress (nessuna differenza con L. cardiaca L.). In uno studio retrospettivo a Taiwan, L. japonicus, herba era la sostanza a base di erbe più comunemente prescritta per il trattamento dei sintomi legati alla menopausa.

Leonurus sibiricus L., erba Utilizzata nella medicina tradizionale coreana per il trattamento del leiomioma uterino.

In un testo molto antico, (Schröder 1685) i preparati di L. cardiaca sono “particolarmente utili per il trattamento dei disturbi cardiaci nei bambini”.

Leonorus era utilizzata dalla medicina popolare utilizzato per il trattamento di diverse afflizioni nervose, come depressione, ansia, stress, epilessia. Fino al X secolo, le tradizioni popolari di guarigione russe avevano uno scambio limitato di idee tra le varie regioni, al momento in cui fu introdotta per la prima volta la letteratura erboristica e medica. A quel tempo, copie di diversi erboristi greci trovarono la loro strada in Russia attraverso i monasteri e alla fine furono tradotte in russo. A differenza della pratica erboristica in altri paesi, tuttavia, la tradizione erboristica russa era forte e ben consolidata.

In Russia, Leonorus cardiaca L.  e Leonorus quinquelobatus Gilib., erano usate come rimedio per la rabbia e sedativo. Fino al X secolo, i guaritori avevano uno scambio limitato di idee tra le varie regioni, al momento in cui fu introdotta per la prima volta la letteratura erboristica e medica. A quel tempo, copie di diversi erboristi greci si diffusero in Russia attraverso i monasteri e alla fine furono tradotte in russo. A differenza della pratica erboristica in altri paesi, tuttavia, la tradizione erboristica russa era forte e ben consolidata. A metà del XIII secolo e per oltre trecento anni, la Russia fu occupata da tartari e mongoli. Queste popolazioni diffusero le proprie tradizioni erboristiche, che sono state incorporate nella prassi di guarigione dagli erboristi locali. Culpepper scrisse nel 1652: “Non c’è erba migliore per scacciare i vapori malinconici dal cuore per rafforzarlo e rendere la mente allegra”. Bevo sempre il tè di Leonorus, quando il mio cuore si sente pesante per qualsiasi motivo, noto o sconosciuto. Ha una notevole capacità di lenire il cuore come una nonna, facendomi sentire compreso e protetto”.

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Leonorus cardiaca. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.

 

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia: Camomilla

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

 

Camomilla

Matricaria recutita L., (syn.M. chamomilla, Asteraceae), camomilla tedesca, non deve mancare nel rapporto delle piante utilizzate nel trattamento dei disturbi della pelle. È molto spesso studiata a causa del suo ampio utilizzo popolare. Sotto forma di tisana/infuso, è consigliata per uso orale o per inalazione. Viene anche usata con applicazione oro-mucosale o cutanea o additivo nella vasca bagno. La camomilla è uno dei rimedi più importanti e una delle piante medicinali più utilizzate in Europa, Medio Oriente, Nord America, Australia e Africa. Il nome latino di chamomilla deriva dalle parole greche Khamai e Malon con il significato di “Piccoli fiori con il profumo delle mele”. La camomilla tedesca (Matricaria chemmomilla) è originaria delle regioni temperate del Mediterraneo e dell’Asia Minore e appartiene anche alla famiglia delle Astraceae.  Oggi questa pianta può essere trovata in Europa, Nord America e Australia. Ha fiori di foglie grigio-verdi con centri gialli e petali bianchi che li circondavano. I fiori di questa pianta odorano la mela. La camomilla tedesca cresce nelle praterie e nei terreni sabbiosi. Negli studi di botanica ed etno-botanica sono stati riportati diversi effetti della camomilla, considerata una delle poche piante erbacee preziose dagli effetti miracolosi. La pianta di camomilla rende forti i nervi. È un tonico cerebrale, diuretico, aumenta le mestruazioni della donna e la secrezione di latte nelle madri che allattano, allevia mal di testa ed emicranie e aiuta ad eliminare i calcoli alla vescica.

Il primo documento scritto sulla camomilla è stato trovato nell’antico Egitto: i capolini di camomilla schiacciati venivano usati per alleviare l’infiammazione della pelle, prevenire la dermatite e nei preparati cosmetici. In Serbia, la medicina popolare utilizza camomilla in tisana contro il raffreddore, le malattie dello stomaco, l’infezione della gola e la sedazione lieve. Esternamente, sotto forma di impacchi, contro il gonfiore degli occhi, l’infiammazione della pelle e le infezioni, mentre la forma oleosa è stata utilizzata nel trattamento di ferite e ustioni.

È indicata per il male agli occhi. Il tè alla camomilla viene bevuto per alleviare i dolori muscolari. Masticare fiori di camomilla è usato per guarire le ulcere della bocca. Mangiare 5 gr di radice di camomilla con aceto diluito stimola il desiderio sessuale. La camomilla è anti-febbre, sedativa e tonico stomachico. Allevia il dolore della dentizione nei bambini. Allevia l’insonnia, assicurando   un sonno tranquillo e confortevole: dieci minuti prima di andare a letto bere una tazza di camomilla. Mangiare 5 gr di radice di camomilla con aceto diluito stimola il desiderio sessuale.

È efficace nel trattamento dell’anoressia, per l’enterite e l’anemia. La camomilla è usata per il sollievo dei vermi intestinali, per lenire i crampi mestruali e curare l’ittero.

Le donne in menopausa dovrebbero bere camomilla ogni giorno per alleviarne i disturbi.

È antiallergica, cura la malnutrizione ed è antispasmodico gastrointestinale, anti-malaria, anti-cancrena, tonico dello stomaco, potenziatore dell’appetito, carminativo e anti-flatulenza. Allevia la diarrea nervosa, è utilizzata per il trattamento dell’intossicazione alimentare e cura la gastroenterite, così come le ulcere gastrointestinali. Migliora la memoria, rafforza i nervi e il cervello e ha attività sedative, antiemicraniche, ipnotiche, anticonvulsivanti, antitumorali, antiansia e irrequietezza e vertigini, antiepilettiche.

E ‘utile nel trattamento dell’eczema, previene acne ed eruzione cutanea giovanile, è antigonfiore e arrossamento della pelle, disinfettante per la pelle, ferite cutanee, ustioni, restringe i pori e cura le infezioni. È un vasodilatatore, abbassa la pressione sanguigna. Gli altri effetti terapeutici benefici della pianta medicinale comprendono: miglioramento del sistema immunitario, tosse, congestione e mal di gola, raffreddori, infiammazione polmonare e laringea, infiammazione delle articolazioni, , epilessia, convulsioni,  dolori muscolari, gotta, malattie reumatiche, gonfiore dei reni e della vescica, cistite, gonfiore dei testicoli, eiaculazione precoce, disturbi della menopausa colite ulcerosa, affaticamento, allergie, funghi e  batteri.

È anticancro ed è coinvolta nel trattamento del comune raffreddore. L’uso di camomilla come cosmetico ha una storia antica quanto l’uso di erbe medicinali. Le sue proprietà sono particolarmente utili per la pelle fragile e sensibile ai cambiamenti climatici. I flavonoidi della camomilla inumidiscono e ammorbidiscono la pelle. Oggi, le industrie cosmetiche lo usano da solo o in combinazione con altre erbe come il rosmarino. L’infuso di camomilla può proteggere la pelle quando viene utilizzata in impacchi.

 

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Camomilla. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.

 

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia: Biancospino

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

Biancospino

Il biancospino [Crataegus spp. (Rosaceae)] è una delle più antiche piante medicinali ampiamente utilizzate in tutto il mondo, soprattutto nei paesi del Sud Europa e in Turchia. Cresce naturalmente in Europa occidentale e centrale, Medio Oriente, Caucaso, Anatolia e Africa nord-occidentale. È utilizzato principalmente per il trattamento di malattie cardiovascolari. Due specie di Crataegus crescono nelle province settentrionali dell’Iran, C. pentaegyna e C. microphylla. L’estratto di Crataegus contiene composti flavonoidi e fenolici e mostra proprietà antiossidante e protettiva.

La foglia e il fiore di biancospino sono usati nella medicina popolare fin dai tempi antichi per il trattamento dei disturbi della funzione cardiaca nervosa, per regolare la pressione sanguigna, le palpitazioni, l’irritabilità e l’esaurimento. Crataegus è menzionato per la prima volta nel I° secolo D.C. da Dioscoride come rimedio cardiotonico. A partire dal XIX secolo, in America troviamo l’uso del biancospino per diverse malattie cardiache, angina pectoris, per sostenere l’effetto della digitale, o nei casi di battito cardiaco irregolare quando la digitale non era tollerata, il climaterio, l’arteriosclerosi e le nevrosi cardiache dei dispeptici. I frutti del biancospino cinese (Crataegus pinnatifida) sono stati utilizzati come alimento funzionale nella medicina popolare, grazie alla potente attività antiossidante. Il biancospino è usato nella tradizione popolare di Europa e Cina per curare malattia coronarica, ipertensione, aritmie, insufficienza cardiaca congestizia e iperlipidemia. Nella Medicina Araba, un decotto di foglie e frutti acerbi di Crataegus aronia syn. azarolus (L) (Rosaceae), il biancospino israeliano indigeno, è usato per trattare malattie cardiovascolari, cancro, diabete e debolezza degli organi sessuali.

Diverse indagini etnobotaniche ed etnofarmacologiche sull’uso terapeutico di piante indigene in Giordania e nell’area palestinese hanno rivelato l’uso di Crataegus aronia nella Medicina Tradizionale Araba per il trattamento di malattie cardiovascolari, il cancro e il diabete.

Il medico irlandese che per primo ha usato il rimedio per i disturbi cardiovascolari ha usato specificamente le bacche. L’edizione del 1983 della British Herbal Pharmacopoeia, considerata da molti come il testo standard per gli erboristi professionisti per molti anni, cita solo le bacche. Questo può spiegare perche’ gli erboristi hanno preferito la bacca rispetto al fiore, anche se questa tendenza sembra cambiare negli ultimi tempi in cui fiori e bacche utilizzati in modo più intercambiabile e in alcuni casi miscelati. I testi storici nella medicina occidentale registrano l’uso di bacche, semi e fiori e foglie sono altrettanto usati.

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Biancospino. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia: Avena

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

Avena

L’avena comune (Avena sativa) è un rimedio naturale per insonnia ed altre patologie. Fa parte della famiglia delle Poacee (o Graminacee) ed è la specie più nota del genere Avena.

È un cereale appartenente alla famiglia delle Graminacee; conosciuta sin dai tempi antichi sia per l’alimentazione umana che per il foraggio del bestiame viene oggi particolarmente apprezzata per le sue proprietà e benefici per la salute dell’organismo umano. L’origine dell’avena è incerta e la sua provenienza è contesa tra India, Cina ed Egitto.

Oltre ad essere un alimento base in Scozia e in altre regioni del nord Europa, l’avena ha anche una lunga storia in medicina. E’ stata utilizzata per trattare insonnia, ansia e condizioni della pelle, tra cui eczema e ustioni in varie forme come cibo, tè o bagni.

L’uso di avena selvatica (Avena sativa) era già presente nel 2000 A.C. in Egitto e nella penisola arabica per la cura della pelle della pelle.

Avena (Avena sativa) è una specie di cereale coltivata per il suo seme, che è conosciuto con lo stesso nome (di solito al plurale, a differenza di altri cereali). L’avena non viene consumata solo per scopi nutrizionali, ma è anche riconosciuta come in possesso di proprietà curative e lenitive. Il delicato processo utilizzato per estrarre l’olio d’avena dall’intero nocciolo d’avena assicura che il valore biologico rimanga inalterato. L’olio d’avena è ricco di antiossidanti, acidi grassi essenziali ed emollienti naturali. L’olio d’avena è utilizzato in molte lozioni, creme, oli per il viso, pomate e balsami poiché le sue proprietà aggiungono benefici unici.

L’Avena sativa è un sedativo e neurotonico ed è usato nella medicina tradizionale per trattare l’ansia e l’insonnia. È utilizzata principalmente per disturbi spasmodici e nervosi con esaurimento. Debolezze cardiache, problema di spermatorrea, debilitazione nervosa della convalescenza sono sintomi comuni dell’Avena sativa omeopatica. Nella nevrastenia a funzione maschile, l’Avena sativa omeopatica agisce sul sistema nervoso dell’apparato genitore-urinario. L’avena selvatica, che assomiglia alla varietà coltivata, era comunemente usata dagli indiani della California. I semi duri e appuntiti venivano gettati insieme ai carboni ardenti e scossi in un cesto appositamente realizzato per resistere al calore. Il seme aridi veniva poi macinato in un mortaio di pietra fino a formare la farina desiderata. I Pomos della California settentrionale mangiavano questa farina allo stato crudo e crudo, con un pò di sale aggiunto per aromatizzare.

Trattamento dell’avena, rimedi popolari

  • Per curare l’influenza, mettere in ammollo un bicchiere di chicchi di avena in un litro d’acqua, e lasciare in ammollo durante la notte. Al mattino, cuocere il tutto fino a quando la quantità di avena non si riduce della metà. Il brodo  viene filtrato e bevuto durante il giorno.
  • Per contrastare lunghi periodi di insonnia, è necessario prendere un cucchiaio di avena e macinare con un frullatore. Versare la polvere di avena in 100 ml di vodka e riporre per quattordici giorni in un luogo caldo. Assumere 30 gocce di questo preparato, con poca acqua.
  • L’avena della medicina popolare ha trovato un utilizzo nella lotta contro il fumo. Prendere cinquanta grammi di chicchi di avena, segale, orzo e miglio. Mescolare il tutto, versare due bicchieri d’acqua. La miscela viene portata a ebollizione e fatta cuocere per 10 minuti. Il brodo deve essere versato in thermos e lasciato sedimentare per dodici ore. La soluzione filtrata viene bevuta tre volte al giorno, con dosaggio di 100 ml.
  • L’avena aiuta a trattare la gastrite cronica e l’epatite. È necessario prendere mezzo bicchiere di cereali, lavare accuratamente e versare sopra mezzo litro d’acqua, lasciare in infusione per 12 giorni. Trascorso questo periodo, il liquido deve essere messo sul fuoco e fatto bollire per trenta minuti e lasciato riposare per diverse ore. Bere 100 ml di brodo, a colazione, pranzo e cena.
  • L’uso dell’avena nella medicina popolare cura la tosse: versare un litro di latte in una pentola e aggiungere un bicchiere di chicchi di avena, cuocere a fiamma bassa per un’ora. Quando è cotto, fare raffreddare e filtrare con una garza, bere il liquido a piccoli sorsi.

 

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Avena. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui

DiAlessandra Zarone

Adattogeni naturali: Cola acuminata

Adattogeni naturali: Cola acuminata

Premessa

Gli adattogeni comprendono una categoria di medicinali vegetali e prodotti nutrizionali che promuovono l’adattabilità, la resilienza e la sopravvivenza degli organismi viventi nello stress. Gli adattogeni hanno effetti farmacologicamente pleiotropici( Pleiotropia – Wikipedia )sul sistema neuroendocrino-immunitario. Alcune combinazioni di piante adattogene forniscono effetti unici a causa delle loro interazioni sinergiche, non ottenibili da nessun ingrediente in modo indipendente.

Gli adattogeni sono modificatori di risposta allo stress che aumentano la resistenza aspecifica di un organismo allo stress aumentando la sua capacità di adattarsi e sopravvivere. Mostrano effetti benefici polivalenti contro infiammazione cronica, aterosclerosi, deficit cognitivo neurodegenerativo, disturbi metabolici, cancro e altre malattie legate all’invecchiamento. Gli usi attuali e potenziali degli adattogeni sono principalmente correlati all’affaticamento indotto dallo stress e alla funzione cognitiva, alle malattie mentali e ai disturbi comportamentali. Riducono gli effetti dannosi di vari fattori di stress, a causa dell’aumento del livello basale di mediatori coinvolti nella risposta allo stress.

Cola acuminata K.Schum

Tra gli Yoruba africani e i loro discendenti brasiliani diverse specie di piante sono considerate indispensabili per le cerimonie di iniziazione primaria. Queste includono i semi di obt (Cola acuminata) e orobo (specie di Garcinia kohl impiegata in Africa occidentale e Brasile durante la divinazione e l’iniziazione). Gli intrugli segreti sono usati per lavare le collane sacre degli adepti, e la polvere magica preparata da foglie, semi e gesso è dipinta sulle teste rasate degli iniziati, durante i primi mesi. I novizi dormono su un letto di foglie sacre. L’abo (bagno fogliare) rappresenta il rito vegetale più comune per principianti e pazienti laici. I bagni sono impiegati per l’iniziazione, per il miglioramento finanziario e per la purificazione. Il loro ruolo più importante, tuttavia, è medicinale. Abo sono utilizzati per problemi di salute come reumatismi, disturbi della pelle, mal di testa e simili. Più comunemente, il pai o mae-de-santo, sacerdote, prescrive bagni per disturbi psicologici, come ansia e depressione, in particolare dove questi hanno origine spirituale. I bagni a base di foglie sono preparati in base alle esigenze individuali del paziente. Non esiste un insieme di ricette predeterminate. Il sacerdote o la sacerdotessa determina l’eziologia e il rimedio prescrittivo durante una cerimonia di divinazione usando il jogo de buzio, divinazione con le conchiglie. Introdotto insieme ad altri metodi di divinazione durante il corso della tratta degli schiavi, il sistema jogo de buzio consente al capo del tempio di consultarsi direttamente con le divinità. Dopo aver fatto rotolare sedici conchiglie su una tavola, il pai o mae-de’Santo identifica il numero di gusci aperti e chiusi, cioè aperture rivolte verso l’alto o verso il basso. La combinazione di conchiglie corrisponde a uno o più miti specifici odu, o Yoruba, che suggeriscono la causa del problema e la linea d’azione appropriata. Quando il bagno a base di foglie entra nel rimedio prescritto, le foglie appropriate vengono poste in una bacinella di acqua fredda e lentamente macerate con le mani. La manipolazione fisica delle foglie è essenziale, in quanto trasferisce l ‘energia vitale dal sacerdote al bagno in via di sviluppo. L’intruglio verdastro risultante, carico del potere innato delle foglie e di quello del sacerdote del terreiro (tempio di Candomble), è posto all’interno di un piccolo altare dedicato all’una o all’altra delle divinità africane.

Ossaim, custode delle foglie sacre e della medicina, è la divinità più direttamente coinvolta nella salute e nella guarigione. Il suo dominio è la foresta e il campo, ovunque le piante curative crescano spontaneamente. Tra gli Yoruba e la loro diaspora del Nuovo Mondo, la sua immagine mostra disabilità: un solo occhio, una gamba, un orecchio enorme e una voce acuta umoristica. La conoscenza di Ossaim era ambita da altre divinità che cercavano di condividere i suoi segreti.

Nella cultura africana, la noce di Cola viene masticata prima dei pasti come aiuto alla digestione, per trattare le ferite, emicrania, disturbi metabolici, infiammazioni. Il ramoscello amaro dell’albero è utilizzato anche per pulire denti e gengive; rinfrescare l’alito. I frutti di cola sono usati come tonici, afrodisiaci stimolanti e come intruglio per il trattamento di febbre, dissenteria ed esaurimento.

Questo prodotto della costa occidentale dell’Africa è diventato ben noto ai botanici britannici a causa del suo uso tra i nativi come stimolante e promotore della digestione. The Athenaeum, una rivista letteraria britannica pubblicata a Londra, dal 1828 al 1921, annunciò che il suo corrispondente a Lagos aveva inviato a casa a Londra il frutto e le foglie di un’altra cola, nota come “cola amara”, che appartiene a un diverso ordine botanico – la Guttifera, che possedeva alcune proprietà notevoli. I nativi usavano il frutto come rimedio per la tosse e per migliorare la voce dei cantanti, mentre il corrispondente lo raccomandò come estremamente benefico dopo il mal di mare, dicendo: “Il mio appetito è tornato quasi immediatamente dopo aver morso una porzione di un seme che ho trovato nella mia valle”.

In Europa, le noci di Cola erano un tempo usate per trattare emicranie, nevralgia, nausea e diarrea.

Recenti ricerche hanno dimostrato che i composti in questa erba migliorano significativamente la produzione di acido gastrico e aumentano l’efficacia degli enzimi digestivi all’interno dello stomaco. Ciò aumenta anche l’assimilazione dei nutrienti, consentendo al corpo di estrarre più facilmente i preziosi nutrienti dal cibo.

Cola può alleviare altri disturbi digestivi come gonfiore, flatulenza, crampi e stitichezza.

La ricerca mostra che Cola ha un effetto e previene la nefropatia diabetica (malattia renale). Cola è anche conosciuta come erba “termogenica” (bruciagrassi), e come tale è spesso utilizzata come ingrediente negli integratori per la perdita di peso. È ricco di xantine e polifenoli – recenti ricerche mette in relazione questi composti con un’attivazione della termogenesi e, di conseguenza, con possibili trattamenti per l’obesità.

Cola aumenta la diuresi, riduce i livelli di colesterolo  e migliora la funzione pancreatica .

La noce di cola contiene circa il 3% di caffeina e circa il 2% di teobromina. Entrambi questi composti agiscono come “vasodilatatori”, allargando i vasi sanguigni e aumentando il flusso sanguigno al cervello. Aumenta i livelli di ossigeno nel cervello, sostiene la funzione cognitiva e la vigilanza.

I preparati Cola sono usati oggi per trattare l’esaurimento fisico e mentale L’importanza medicinale della Cola nitida si basa principalmente sui costituenti chimici della pianta, dalle sue radici ai suoi semi. La pianta è nota per contenere diversi costituenti chimici noti per i loro valori medicinali, tra cui caffeina, teofillina e teobromina. Cola nitida contiene anche tracce di minerali essenziali come potassio, calcio, magnesio, sodio, ferro, zinco, manganese e fosforo. Alcuni di questi minerali fungono da fonte di macro e micronutrienti necessari per la crescita, lo sviluppo e l’attività metabolica. È usato nella produzione di bevande come Coca cola e Pepsi cola . È anche usato nella produzione di coloranti. Gli studi hanno dimostrato che Cola nitida agisce come stimolante per combattere la stanchezza, ridurre la fame e la sete.

Alato 1, contiene Cola acuminata, ed è uno  stimolante mentale, antidepressivo. Svolge un’azione tonica utile per la stanchezza fisica e mentale .

E’ acquistabile  qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Adattogeni naturali: Guaranà

Adattogeni naturali: Guaranà

Premessa

Gli adattogeni comprendono una categoria di medicinali vegetali e prodotti nutrizionali che promuovono l’adattabilità, la resilienza e la sopravvivenza degli organismi viventi nello stress. Gli adattogeni hanno effetti farmacologicamente pleiotropici( Pleiotropia – Wikipedia )sul sistema neuroendocrino-immunitario. Alcune combinazioni di piante adattogene forniscono effetti unici a causa delle loro interazioni sinergiche, non ottenibili da nessun ingrediente in modo indipendente.

Gli adattogeni sono modificatori di risposta allo stress che aumentano la resistenza aspecifica di un organismo allo stress aumentando la sua capacità di adattarsi e sopravvivere. Mostrano effetti benefici polivalenti contro infiammazione cronica, aterosclerosi, deficit cognitivo neurodegenerativo, disturbi metabolici, cancro e altre malattie legate all’invecchiamento. Gli usi attuali e potenziali degli adattogeni sono principalmente correlati all’affaticamento indotto dallo stress e alla funzione cognitiva, alle malattie mentali e ai disturbi comportamentali. Riducono gli effetti dannosi di vari fattori di stress, a causa dell’aumento del livello basale di mediatori coinvolti nella risposta allo stress.

Guaranà 

Il guaranà (Paullinia cupana) è abitualmente ingerito dalle persone in Amazzonia ed è un ingrediente chiave in varie bevande energetiche consumate in tutto il mondo. L’estensione della longevità e la bassa prevalenza di malattie croniche legate all’età sono state associate all’assunzione abituale di guaranà. Nel 1817 un ufficiale addetto all’ambasciata francese a Rio Janeiro portò con sé in Francia un frammento di un prodotto che aveva ottenuto da una tribù di indiani (Guaranà) in Brasile, che erano abituati a farne uso, sia come articolo di dieta che come medicamento per i visceri. Questo farmaco, che ha ricevuto il nome di guaranà, è stato portato all’attenzione del mondo medico da Cadet, in una nota pubblicata nel Journal de Pharmacie, Parigi, 1817. Nel 1840 i suoi effetti fisiologici furono portati in primo piano in Francia, dal Dr. Gavrelle. Gavrelle, che era stato il medico di corte di Don Pedro, imperatore del Brasile, dichiarò che durante la sua residenza in quel paese aveva studiato gli effetti del farmaco, e non esitò ad attribuirne proprietà astringenti pienamente uguali alla retania; annunciò anche il suo successo nel trattamento delle affezioni nervose. Il guaranà, che aveva già trovato posto nella Farmacopea del Brasile, entrò gradualmente in uso in Europa. All’Esposizione di Parigi del 1867, campioni di questo farmaco furono esposti da Faria di Para, Brasile, sotto il nome di cioccolato medico. Il guaranà è preparato dai semi di Paullinia sorbilis. Il genere Pwullinia, dal nome di Simon Pauli, comprende una trentina di specie; sono piante rampicanti, appartenenti alla famiglia delle Sapandace e si trovano in climi caldi in tutte le parti del globo. Paullinia Africana è impiegata nel decotto in Senegambia per arrestare il flusso di sangue. Paullinia Asiatica è stata usata come febbrifugo. Paullinia Pinnata fiorisce in Brasile e nelle Antille; i suoi semi hanno un effetto narcotico e sono usati in queste località allo scopo di stordire i pesci. La pianta che fornisce il guaranà fu chiamata Paullinia sorbilis da Teodoro Marzio, in allusione al suo impiego come bevanda. Paullinia sorbilis cresce allo stato selvatico ad un’altezza da trenta a quaranta piedi. La pianta produce frutti nel suo terzo anno. Fiorisce a luglio e il suo frutto è maturo a novembre. Il frutto ha circa le dimensioni di una noce e contiene cinque o sei semi. Ogni stelo produce per coltivazione da otto a dieci chili di semi all’anno, mentre si dice che la pianta stessa viva per quarant’anni. In ottobre o novembre, quando i semi hanno raggiunto la maturità, i nativi li rimuovono dalla loro capsula e li asciugano al sole. Una pelle sottile che copre il seme viene quindi facilmente rimossa, strofinando tra le mani. Vengono poi ridotti in polvere su una pietra piatta, che è stata in qualche modo riscaldata. L’acqua viene aggiunta alla polvere ruvida, insieme a un po ‘di cacao e tapioca, e il tutto viene trasformato in una pasta, in cui a volte vengono introdotti frammenti di semi. La pasta viene arrotolata in una forma cilindrica, essiccata al sole. Questi cilindri avvolti con foglie, che misurano circa 8 pollici di lunghezza, costituiscono la guarana commerciale. Quando preparato dagli indiani, il guaranà ha il colore del cioccolato, ed è ricoperto da una sorta di crosta, prodotta dalla sua esposizione al calore.

In America centrale e meridionale, parti della pianta di guaranà sono usate come veleno per i pesci.

Il primo esame chimico del guaranà fu fatto nel 1826 da Teodoro Marzio, fratello dell’omonimo botanico erudito, che ne estrasse un principio cristallino, al quale attribuiva le proprietà terapeutiche del farmaco, e gli diede il nome di guaranina. Nel 1840 Berthemot e Dechastelus dimostrarono che questo principio cristallino consisteva in tannato di caffeina. Nel 1840 Dechastelus pubblicò (Bulletin de Thérap., 1840) formule per la preparazione delle varie forme farmaceutiche di questo farmaco. Il guaranà è stato utilizzato per effetti stimolanti simili a quelli del caffè e del tè; contiene circa il 3-5% di caffeina rispetto al 2% presente nei chicchi di caffè e al 4% presente nelle foglie di tè. L’erba è stata utilizzata da molte persone e in varie culture. Ad esempio, i francesi hanno reso popolare una bevanda al guaranà durante l’inizio del XIX secolo; altri mescolavano l’erba con l’alcol per produrre una bevanda unica.

La guaranà (P. cupana), una pianta folta che si trova nella foresta pluviale del bacino amazzonico, viene coltivata utilizzando i suoi semi ricchi di caffeina-polifenolo.Studi hanno riportato le attività chemio-preventive e anti-mutagene degli estratti di guaranà. La guaranà è una pianta originaria del Brasile che presenta un effetto benefico sul controllo del peso corporeo e sulle alterazioni metaboliche.La guaranà  è ricca di diversi composti bioattivi come metilxantine (tra cui caffeina, teobromina e teofillina) tannini, saponine, catechine, epicatechine e proantocianine. Il guaranà protegge da protezione contro l’ipertensione, l’obesità e la sindrome metabolica nei volontari sani anziani. Il consumo di guaranà ha a un effetto benefico funzione epatica e renale.

Ha effetto preventivo sulla compromissione della memoria e sull’attività dell’acetilcolinesterasi (AChE) nelle strutture cerebrali e disturbi cognitivi. La polvere di guaranà riduce il danno epatico causato dall’iperlipidemia. Ha effetti epatoprotettivi e genoprotettivi sul fegato.

Guaranà produce un seme alcaloide e ricco di polifenoli con proprietà antimicrobiche, antiossidanti e antinfiammatorie, dove la caffeina è il composto principale. Ha effetti antiossidanti e preventivi nei disturbi neurodegenerativi, come nel morbo di Parkinson, Alzheimer e Malattia di Huntington (malattia genetica neurodegenerativa che colpisce la coordinazione muscolare e porta a un declino cognitivo e a problemi psichiatrici), protegge vitalità, attività locomotoria, sonno.

Riduce le malattie metaboliche cardiovascolari e ha effetti positivi sul metabolismo lipidico, principalmente correlati ai livelli di lipoproteina a bassa densità (LDL).

Alato 1, contiene Guaranà, ed è uno  stimolante mentale, antidepressivo. Svolge un’azione tonica utile per la stanchezza fisica e mentale .

E’ acquistabile  qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Adattogeni naturali : Ginseng

Adattogeni naturali : Ginseng

Premessa

Gli adattogeni comprendono una categoria di medicinali vegetali e prodotti nutrizionali che promuovono l’adattabilità, la resilienza e la sopravvivenza degli organismi viventi nello stress. Gli adattogeni hanno effetti farmacologicamente pleiotropici( Pleiotropia – Wikipedia )sul sistema neuroendocrino-immunitario. Alcune combinazioni di piante adattogene forniscono effetti unici a causa delle loro interazioni sinergiche, non ottenibili da nessun ingrediente in modo indipendente.

Gli adattogeni sono modificatori di risposta allo stress che aumentano la resistenza aspecifica di un organismo allo stress aumentando la sua capacità di adattarsi e sopravvivere. Mostrano effetti benefici polivalenti contro infiammazione cronica, aterosclerosi, deficit cognitivo neurodegenerativo, disturbi metabolici, cancro e altre malattie legate all’invecchiamento. Gli usi attuali e potenziali degli adattogeni sono principalmente correlati all’affaticamento indotto dallo stress e alla funzione cognitiva, alle malattie mentali e ai disturbi comportamentali. Riducono gli effetti dannosi di vari fattori di stress, a causa dell’aumento del livello basale di mediatori coinvolti nella risposta allo stress.

Ginseng

Il Panax ginseng, Jen-shen, una nota medicina tradizionale cinese con molteplici attività farmacologiche, svolge un ruolo cruciale nella modulazione dei disturbi dell’umore. Diversi studi recenti hanno identificato un ruolo importante nella prevenzione e il trattamento della depressione. Per migliaia di anni la medicina tradizionale cinese si è affidata a questo rimedio per ripristinare e migliorare il benessere. Più recentemente, ha guadagnato popolarità in Occidente, dove è diventato uno dei rimedi erboristici più ricercati. Panax (Aralia) quinquefolium D. e C. Ginseng. Ginseng americano. Araliacece. Originario del Nord America strettamente imparentato con il ginseng cinese (Aralia ginseng), medicinalmente di scarso valore, ma molto prezioso commercialmente. Usato in gran parte dai cinesi, che lo considerano una panacea universale. Il ginseng selvatico sta diventando scarso ma ampiamente coltivato in diverse parti degli Stati Uniti. Riservato all’uso dell’Imperatore e della sua famiglia, e conferito dal favore imperiale agli alti e utili funzionari. Il principale nome cinese: Panax ginseng, Jen-shen , deriva da una fantasiosa somiglianza della radice con la forma umana e da alcune influenze astrali che si dice derivino dalla costellazione di Orione. Si racconta che durante il regno di Wenti, della dinastia Sui (581 tq 601 d.C.), a Qhangtang nello Shensi, sul retro della casa di una certa persona, si udì ogni notte la voce implorante di un uomo, e quando fu fatta la ricerca della fonte di questo suono, a una certa distanza, apparve una pianta di ginseng.  Scavando nella terra fino alla profondità di cinque piedi, si scoprì che la radice aveva la forma di un uomo, con quattro estremità perfette e complete, quindi venne chiamata T’u-ching, “Spirito della terra”. Il ginseng migliore è la varietà selvatica che cresce in Manciuria, e il secondo è quello proveniente dalla Corea. Il primo è praticamente tutto riservato all’uso imperiale. Anche il ginseng giapponese e americano si trovano in quantità, ma questi, specialmente quest’ultimo, sono considerati molto inferiori al tipo coreano.

Il farmaco viene talvolta preparato per l’uso come estratto o come decotto, i vasi d’argento di solito vengono impiegati per questo scopo. Le foglie, (Sheni ) sono vendute in fasci del fogliame verde e usate come rimedio emetico ed espettorante. Nel Shen-nung pen-ts’ao-ching (un’enciclopedia di erbe medicinali del I secolo d.C.), si afferma che le radici della pianta “schinseng” (che significa forma umana) aumentino la longevità, la resistenza, illuminino la mente, aumentino la saggezza e agiscano come afrodisiaco. L’erba era considerata così preziosa che potenti signori e persino eserciti governativi centralizzati combatterono e mantennero il controllo sui territori che coltivavano ginseng. Le culture antiche di tutto il mondo adottarono indipendentemente la convinzione che la forma delle piante o la forma delle loro parti determinassero quale parte del corpo potevano curare. Era come se la natura avesse assegnato la forma della pianta come suggerimento all’uomo delle sue proprietà curative. La gente credeva che se l’uso di una pianta era rivelato dai suoi attributi fisici, sicuramente Dio aveva posto la sua “firma “sulla pianta, una filosofia spesso indicata come la Dottrina delle Signature. Questa dottrina era ben consolidata ai tempi in cui il medico greco Dioscoride (chirurgo per l’esercito di Nerone 50-70 d.C.) stava praticando a Roma. Nel caso del ginseng, le radici di questa pianta matura sembrano un uomo con braccia e gambe. Erboristi e medici credevano, quindi, che potesse essere usato per guarire tutto l’uomo. Il Ginseng americano nel Nuovo Mondo, Panax quinquefolius, strettamente correlato alle specie asiatiche, è stato utilizzato anche dai nativi americani. I cacciatori di Menominee masticavano la radice aromatica per attirare i cervi, mentre le donne delle nazioni Meskwaki e Pawnee la usavano per attirare un amante o un marito. Le donne Penobscot bevevano un’infusione della radice per aumentare la loro fertilità e i cacciatori Ojibwa la portavano con sé come portafortuna. Gli irochesi lo usavano per il lavaggio degli occhi doloranti dei bambini, inoltre veniva bevuta un’infusione per alleviare le piaghe del corpo. La radice polverizzata era anche un trattamento per l’asma da parte di alcune tribù, mentre il Delaware, Stato federato degli Stati Uniti d’America situato sulla East Coast, usava le radici e altre parti della pianta come tonico generale. I nativi americani raccoglievano la radice di ginseng tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, poco prima che le bacche rosse mature fossero pronte a lasciare i gambi dei fiori a forma di ombrello. Nel XVIII secolo, i gesuiti canadesi divennero i primi esportatori di ginseng americano in Cina. Fu nel 1714 che padre Jartoux, un sacerdote gesuita che viveva in Cina, inviò a padre Lafitau, un gesuita canadese, un esemplare essiccato della radice e dell’erba cinese e gli chiese se crescesse nel Nuovo Mondo. Padre Lafitau cercò e trovò il ginseng americano strettamente imparentato (Panax quinquefolius).

Panax ginseng è commercializzato e utilizzato per mantenere l’energia, aumentare le capacità mentali e fisiche, migliorare l’umore, promuovere la salute generale e il benessere. Panax ginseng è stato studiato in una serie di studi clinici randomizzati che indagano il suo effetto sulle prestazioni fisiche e psicomotorie, sulla funzione cognitiva, sull’immunomodulazione, sul diabete mellito e sulle infezioni da herpes simplex di tipo II.

Attualmente, diciassette piante sono state raggruppate sotto il genere Panax . Le specie più comuni utilizzate per le preparazioni botaniche sono Panax Ginseng (ginseng coreano), è coltivato in Corea e Cina, Panax quinquefolius (ginseng americano) è coltivato negli Stati Uniti (Virginia e Wisconsin) e in Canada.

Il ginseng coreano C A Meyer è utilizzato principalmente per mantenere l’omeostasi del corpo, e l’efficacia farmacologica del ginseng coreano, identificato dalla scienza moderna, include una migliore funzione cerebrale, anti-affaticamento e anti-stress, effetti preventivi contro i tumori, potenziamento del sistema immunitario, ha effetti anti-diabetici, migliora la funzionalità epatica, regola la pressione sanguigna, disturbi del  climaterio e sessuali, effetti antiossidanti e anti-invecchiamento.

I principi attivi del Ginseng sono dei composti fitochimici detti ‘ginsenosidi’, sostanze simili a steroidi che esprimono proprietà in grado di bilanciare e contrastare gli effetti dello stress. I ginsenoidi possono avere effetti diversi che diversificano le varietà di Ginseng: ad esempio, alcuni possono stimolare il sistema nervoso centrale, altri sedarlo e altri ancora bilanciano i processi metabolici, abbassando la glicemia, migliorando il tono muscolare, stimolando il sistema endocrino per mantenere livelli ormonali appropriati.

Alato 1, contiene Ginseng, ed è uno  stimolante mentale, antidepressivo. Svolge un’azione tonica utile per la stanchezza fisica e mentale .

E’ acquistabile  qui o in farmacia.

 

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale: Melissa 

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale: Melissa 

 

Un elemento chiave del sistema nervoso, connesso all’ansia, è l’amigdala, che integra le informazioni provenienti da input sensoriali corticali e talamici per generare comportamenti legate alla paura e all’ansia.

I cambiamenti nei modelli di stile di vita, associati all’aumento dello stress, gravano sulla salute mentale. Lo stress sfida i meccanismi omeostatici dell’organismo, innescando una cascata di eventi che dovrebbero, normalmente, mantenere o consentire un ritorno all’equilibrio. Gli eventi stressanti sono percepiti dai sistemi sensoriali nel cervello, facilitando la valutazione e il confronto degli stimoli esistenti e precedenti, nonché l’attivazione di ormoni responsabili della mobilitazione energetica. Il sistema limbico coordina il rilascio di corticosteroidi, gli ormoni dello stress primario, modulando l’attivazione del nucleo paraventricolare ipotalamico (PVN). L’amigdala, una struttura limbica legata al comportamento emotivo, ha un ruolo putativo nella valutazione degli eventi emotivi e nella formazione di ricordi spaventosi; è anche un bersaglio dei mediatori neurochimici e ormonali dello stress. I dati clinici e sperimentali hanno dimostrato la stretta relazione fra i cambiamenti correlati nella struttura/funzione dell’amigdala con i disturbi emotivi come l’ansia.

L’ansia e i disturbi associati sono comuni nei pazienti con malattie cardiovascolari e possono influenzare significativamente la salute cardiaca. I disturbi d’ansia sono associati all’insorgenza e alla progressione della malattia cardiaca.

Il cervello ha 100 miliardi di cellule nervose (neuroni) e ognuna di esse si connette con molte altre per formare reti di comunicazione.

Queste cellule nervose hanno il compito di far pensare, imparare, ricordare, vedere, ascoltare e annusare. Le cellule cerebrali  elaborano e memorizzano le informazioni per comunicare con altre cellule.
Mantenere tutto in perfetto equilibrio richiede grandi quantità di energia e ossigeno e  volta perso  tale equilibrio, nel cervello iniziano a manifestarsi una serie di serie di disturbi , ad esempio il Morbo di Alzheimer,  il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington, depressione, epilessia, schizofrenia, ansia, ecc. Queste malattie sono caratterizzate da un disturbo molto complesso nella funzione cerebrale.

Melissa

Melissa officinalis L., è una pianta perenne, che appartiene alla famiglia delle labiatae. È fondamentalmente coltivato nella regione mediterranea e originario dell’Europa, del Nord Africa e dell’Asia occidentale. Melissa è anche chiamato balsamo d’api perché la parola Melissa deriva da una parola greca che significa ape poiché ha una grande attrazione verso questa pianta. Ha un sapore e una fragranza di limone.

Nella tradizione popolare, si dice che melissa possieda effetti sedativi /tranquillizzanti, antifebbrili, antibatterici, ipotensivi, che migliori la memoria, induca le mestruazioni e regoli l’Ipertiroidismo. Nella tradizione popolare, questa erba è stata utilizzata per la longevità, la guarigione delle ferite, il rilassamento del cuore, il trattamento del mal di denti. Al giorno d’oggi è usata per ansia, depressione lieve, irrequietezza, irritabilità, indigestione, acidità, nausea, gonfiore e dolori di coliche e herpes.

In India si trova nell’Himalaya temperato, da Garhwal al Sikkim e alle montagne Khassia. La melissa in India si trova a crescere su aree sabbiose, arbusti, terre desolate umide, ad altitudini che vanno dal livello del mare alle montagne. È usata nella medicina tradizionale per vari disturbi, in succo vegetale, crema o infuso di tè per l’agitazione nervosa e per promuovere il sonno, per i disturbi gastrointestinali funzionali, l’isteria, la malinconia, il catarro bronchiale cronico, l’emicrania, il mal di denti, il mal d’orecchi, il mal di testa e l’ipertensione e, esternamente, per i reumatismi, i dolori nervosi e il torcicollo (impacco).

Nella medicina Unani, foglie e semi sono usati per epilessia, paralisi, artrite, mastite.

Le foglie di Melissa officinalis L. sono utilizzate nella medicina popolare iraniana per le loro proprietà digestive, carminative, antispasmodiche, sedative, analgesiche, toniche e diuretiche, nonché per disturbi gastrointestinali funzionali.

Gli studi scientifici hanno dimostrato proprietà antivirale e antiossidante, antifungina, antiparassitaria e anti-spasmolitica. Melissa cura flatulenza, asma, bronchite, amenorrea, insufficienza cardiaca. Inoltre, è efficace nel trattamento di indigestione, coliche, nausea, nervosismo, anemia, vertigini, sincope, malessere, insonnia, epilessia, depressione, psicosi e isteria.

Vari studi hanno dimostrato che Melissa officinalis L possiede un’alta quantità di attività antiossidante, attraverso i suoi composti chimici, tra cui un’alta quantità di flavonoidi, acido rosmarinico, acido gallico, fenoli, previene le malattie legate allo stress.

Lo stress ossidativo è implicato nella progressione di diverse malattie degenerative, attraverso la mutazione del DNA, l’ossidazione proteica e / o la perossidazione lipidica: diabete, malattie cardiovascolari, nei disturbi neurodegenerativi cronici come le malattie di Parkinson e Alzheimer, e così via. È stato rivelato che gli oli essenziali di Melissa officinalis possono essere utilizzati negli alimenti contenenti lipidi.

Alcuni recenti studi su Melissa hanno dimostrato che, è utile nel trattamento dell’ipertiroidismo e della malattia di Graves.

Alato 2, è  un sedativo del sistema nervoso centrale contenente Melissa, indicato nei disturbi organici legati a una forte componente emotiva-nervosa .

Acquistabile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale: Passiflora

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale: Passiflora

Un elemento chiave del sistema nervoso, connesso all’ansia, è l’amigdala, che integra le informazioni provenienti da input sensoriali corticali e talamici per generare comportamenti legate alla paura e all’ansia.

I cambiamenti nei modelli di stile di vita, associati all’aumento dello stress, gravano sulla salute mentale. Lo stress sfida i meccanismi omeostatici dell’organismo, innescando una cascata di eventi che dovrebbero, normalmente, mantenere o consentire un ritorno all’equilibrio. Gli eventi stressanti sono percepiti dai sistemi sensoriali nel cervello, facilitando la valutazione e il confronto degli stimoli esistenti e precedenti, nonché l’attivazione di ormoni responsabili della mobilitazione energetica. Il sistema limbico coordina il rilascio di corticosteroidi, gli ormoni dello stress primario, modulando l’attivazione del nucleo paraventricolare ipotalamico (PVN). L’amigdala, una struttura limbica legata al comportamento emotivo, ha un ruolo putativo nella valutazione degli eventi emotivi e nella formazione di ricordi spaventosi; è anche un bersaglio dei mediatori neurochimici e ormonali dello stress. I dati clinici e sperimentali hanno dimostrato la stretta relazione fra i cambiamenti correlati nella struttura/funzione dell’amigdala con i disturbi emotivi come l’ansia.

L’ansia e i disturbi associati sono comuni nei pazienti con malattie cardiovascolari e possono influenzare significativamente la salute cardiaca. I disturbi d’ansia sono associati all’insorgenza e alla progressione della malattia cardiaca.

Il cervello ha 100 miliardi di cellule nervose (neuroni) e ognuna di esse si connette con molte altre per formare reti di comunicazione.

Queste cellule nervose hanno il compito di far pensare, imparare, ricordare, vedere, ascoltare e annusare. Le cellule cerebrali  elaborano e memorizzano le informazioni per comunicare con altre cellule.
Mantenere tutto in perfetto equilibrio richiede grandi quantità di energia e ossigeno e  volta perso  tale equilibrio, nel cervello iniziano a manifestarsi una serie di serie di disturbi , ad esempio il Morbo di Alzheimer,  il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington, depressione, epilessia, schizofrenia, ansia, ecc. Queste malattie sono caratterizzate da un disturbo molto complesso nella funzione cerebrale.

Passiflora

La specie Passiflora incarnata L. è inclusa in molte farmacopee ed è la specie più utilizzata nell’industria alimentare, cosmetica e farmaceutica.  Le specie di Passiflora sono ricche di flavonoidi e hanno attività ansiolitica.

Passiflora agisce sul sistema nervoso centrale nel trattamento dei disturbi d’ansia e dei sintomi neuropsichici della menopausa, dolore, ansia, disfunzione sessuale e disturbi del sonno.

Il genere Passiflora incarnata è stato a lungo utilizzato nella medicina popolare in tutta Europa, per il trattamento dell’insonnia e dell’ansia in Europa ed è stato usato come tè sedativo nel Nord America. Inoltre, questa pianta è stata utilizzata per scopi analgesici, antispasmodici, antiasmatici, e sedativi nella medicina popolare brasiliana, come sedativo e narcotico in Iraq, e per il trattamento di disturbi come dismenorrea, epilessia, insonnia, nevrosi e nevralgia in Turchia. In Polonia, questa pianta è stata utilizzata per trattare isteria e neurastenia, in America, è stata usata per trattare diarrea, dismenorrea, nevralgia, ustioni, emorroidi e insonnia. Passiflora incarnata L. è stata anche utilizzata per curare i soggetti colpiti dalla dipendenza da oppiacei in India.

La passiflora è una delle piante utilizzate in Ayurveda per diversi rimedi come sedativo, ansia e ipertensione ecc. Nella medicina popolare veniva usata per curare molte malattie come diarrea, infezioni della gola, infezioni dell’orecchio, febbre e malattie della pelle.

Una volta essiccate, le foglie venivano affumicate. La Passiflora quadrangularris è utilizzata dai guaritori tradizionali per lenire i morsi di serpente, in quanto provocano la coagulazione del sangue e fanno scoppiare i vasi sanguigni intorno al morso, provocando emorragia.

Le proprietà antibatteriche degli estratti di foglie e frutta (etanolo e acetone) di Passiflora foetida sono state sottoposte a screening contro quattro batteri patogeni umani Pseudomonas putida, Vibrio cholerae, Shigella flexneri e Streptococcus pyogenes .I risultati hanno mostrato che l’estratto di foglie ha una notevole attività contro tutti i patogeni batterici rispetto ai frutti: il 4-idrossi-2- ciclopentenone è citotossico per le cellule leucemiche. L’estratto di foglie di  Passiflora tetrandra e e P. aeruginosa sono  responsabili dell’attività antibatterica contro i batteri E. coli, B. subtilis. Il frutto ha mostrato attività antitumorale.

Le piante di Passiflora utilizzate nella medicina tradizionale sono ricche fonti di emolisine e citolisine, che sono potenziali farmaci battericidi e antitumorali. Diverse specie di Passiflora sono state ampiamente utilizzate dalla medicina popolare a scopo sedativo, tranquillante e antidepressivo.

Nella medicina popolare, Passiflora viene impiegata per  astinenza da alcol, come antibatterico, anti-spasmo, afrodisiaco, asma, disturbo da deficit di attenzione e iperattività , ustioni (pelle), cancro, dolore cronico, tosse, tossicodipendenza, virus di Epstein-Barr, infezioni fungine, problemi  gastrointestinali, infezione da Helicobacter pylori, emorroidi, ipertensione, sintomi della menopausa (vampate di calore), dolore ai nervi, dolore in generale, infiammazione della pelle, tensione e prevenzione delle rughe.  Passiflora incarnatea L. comunemente usata in molti rimedi erboristici è ben nota per le sue proprietà sedative, mentre diverse altre specie (P. edulis, P. quadrangularis, P. ligularis) sono coltivate per la produzione di succo di frutta.

Il passicolo può anche essere prodotto dalle scorze del frutto della passione, di colore viola. Il succo può essere addolcito e diluito con acqua o altri succhi (in particolare arancia o ananas), per fare bevande fredde.

In Sud Africa, il succo del frutto della passione viene miscelato con latte e un alginato; in Australia la polpa viene aggiunta allo yogurt. In Brasile, i frutti sono comunemente noti come “maracuja” e la polpa del frutto produce un delizioso succo che viene esportato in diversi paesi. La passiflora è disponibile sul mercato in una gamma di preparati diversi, principalmente in compresse (500 mg) dell’erba essiccata per uso orale o per infusione, come estratto liquido o come tintura

Le foglie e le radici di Maypop (P. incarnata) hanno una lunga storia di utilizzo tra i nativi americani del Nord America. Le foglie fresche o secche di Maypop sono usate per fare un infuso che viene usato per trattare l’insonnia, l’isteria e l’epilessia e come antidolorifico. Maracujá (P. edulis) e poche altre specie sono utilizzate in America centrale e meridionale per scopi simili. Molte specie contengono betacarbolina, harmala e alcaloidi che hanno proprietà antidepressive.

Passiflora quadrangularis ha un’azione antielmintica ed è anche frequentemente usata per trattare la bronchite, l’asma, la pertosse, per il trattamento delle complicanze diabetiche e dell’ipertensione. Le piante utilizzate nella medicina popolare tradizionale hanno una vasta fonte di componenti farmacologicamente attivi, tra cui emolisine e citolisine, potenziali farmaci battericidi e antitumorali.

Alato 2, è  un sedativo del sistema nervoso centrale contenente Passiflora, indicato nei disturbi organici legati a una forte componente emotiva-nervosa .

Acquistabile qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale : Luppolo

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale : Luppolo

Un elemento chiave del sistema nervoso, connesso all’ansia, è l’amigdala, che integra le informazioni provenienti da input sensoriali corticali e talamici per generare comportamenti legate alla paura e all’ansia.

I cambiamenti nei modelli di stile di vita, associati all’aumento dello stress, gravano sulla salute mentale. Lo stress sfida i meccanismi omeostatici dell’organismo, innescando una cascata di eventi che dovrebbero, normalmente, mantenere o consentire un ritorno all’equilibrio. Gli eventi stressanti sono percepiti dai sistemi sensoriali nel cervello, facilitando la valutazione e il confronto degli stimoli esistenti e precedenti, nonché l’attivazione di ormoni responsabili della mobilitazione energetica. Il sistema limbico coordina il rilascio di corticosteroidi, gli ormoni dello stress primario, modulando l’attivazione del nucleo paraventricolare ipotalamico (PVN). L’amigdala, una struttura limbica legata al comportamento emotivo, ha un ruolo putativo nella valutazione degli eventi emotivi e nella formazione di ricordi spaventosi; è anche un bersaglio dei mediatori neurochimici e ormonali dello stress. I dati clinici e sperimentali hanno dimostrato la stretta relazione fra i cambiamenti correlati nella struttura/funzione dell’amigdala con i disturbi emotivi come l’ansia.

L’ansia e i disturbi associati sono comuni nei pazienti con malattie cardiovascolari e possono influenzare significativamente la salute cardiaca. I disturbi d’ansia sono associati all’insorgenza e alla progressione della malattia cardiaca.

Il cervello ha 100 miliardi di cellule nervose (neuroni) e ognuna di esse si connette con molte altre per formare reti di comunicazione.

Queste cellule nervose hanno il compito di far pensare, imparare, ricordare, vedere, ascoltare e annusare. Le cellule cerebrali  elaborano e memorizzano le informazioni per comunicare con altre cellule.
Mantenere tutto in perfetto equilibrio richiede grandi quantità di energia e ossigeno e  volta perso  tale equilibrio, nel cervello iniziano a manifestarsi una serie di serie di disturbi , ad esempio il Morbo di Alzheimer,  il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington, depressione, epilessia, schizofrenia, ansia, ecc. Queste malattie sono caratterizzate da un disturbo molto complesso nella funzione cerebrale.

Luppolo

Le infiorescenze femminili di Humulus lupulus (luppolo), sono state a lungo utilizzate nella medicina tradizionale, principalmente per trattare i disturbi del sonno. Tuttavia, l’attività sedativa è ancora in fase di studio, al fine di riconoscere i principi attivi responsabili degli effetti neurofarmacologici osservati negli animali da laboratorio e il loro meccanismo d’azione. Questa attività di sedazione potrebbe essere attribuita a tre categorie di costituenti degli estratti di luppolo lipofilo. Sebbene gli acidi α-amaro si siano rivelati i costituenti più attivi, gli acidi β-amaro e l’olio di luppolo hanno chiaramente contribuito all’attività sedante degli estratti di Humulus che promuovono la dissolubilità o l’assorbimento dei lipidi.

Luppolo è un rimedio stomachico, antibatterico e antimicotico, lo xantumolo in esso contenuto, ha capacità chemio preventiva del cancro della prostata e del seno. Ha proprietà estrogeniche, neuro preventiva, antinfiammatorie e antimicrobiche, è utile nella gestione della menopausa e dell’osteoporosi.

Il luppolo (Humulus lupulus L.) contiene polifenoli (antiossidanti naturali), che si ritiene siano nutrienti efficaci nella prevenzione di malattie ossidativi legate allo stress come il cancro e le malattie cardiache. Il luppolo e i suoi estratti ritardano la degradazione ossidativa e lipidica, grazie ai suoi costituenti antiossidanti, principalmente composti fenolici.

La pianta comune del luppolo (Humulus lupulus L.) è un vitigno resistente e dioico la cui parte aerea è erbacea e annuale, mentre il portinnesto è perenne, e può creare radici avventizie ogni anno. È una specie del genere Humulus che appartiene alla famiglia delle Cannabacee, la cui origine potrebbe essere la Cina.  Può essere trovato principalmente nelle foreste decidue e nei boschetti dell’Europa e dell’Asia occidentale e in altre zone con clima temperato. Il luppolo è stato coltivato a Babilonia intorno al 200 d.C. ed è stato in uso per secoli principalmente come ingrediente della birra. I coni di luppolo sono la porzione più utilizzata di questa pianta, tuttavia, ci sono parti come i giovani germogli possono essere mangiati.

Nella medicina popolare, i coni di luppolo erano utilizzati per il controllo degli spasmi, dell’ansia, della febbre, dell’infiammazione, dell’attivazione della funzione gastrica e del trattamento dei disturbi del sonno. In effetti, il luppolo presenta numerosi benefici per la salute, grazie all’attività antibatterica, antifungina, cardioprotettiva, antiossidante, antinfiammatoria, anticancerogena e antivirale. Nel 2015 è stata scoperta una necropoli romana nei pressi del comune di Passo Corese e Fara, nel Lazio. In questo contesto archeologico sono state individuate 42 tombe di diverse tipologie. La datazione al radiocarbonio, eseguita presso il Centro di Diagnostica e Datazione (CEDAD, Università del Salento) su ossa umane, ha rivelato che il sepolcreto era in uso tra il I e il III secolo D.C. In questa ricerca, applicando sia la microscopia ottica che la spettrometria di massa per gascromatografia su questa matrice, è stata eseguita un’indagine qualitativa dettagliata per ricostruire lo stile di vita di una comunità imperiale romana dell’Ager Curensis (Sabina Tiberina, Italia centrale). Humulus lupulus L.) era presente nel campione di calcolo dentale, ciò dimostra che gli alimenti di origine vegetale venivano regolarmente consumati insieme alle risorse animali.

Il rilevamento di humulolo ha suggerito il potenziale utilizzo di Humulus lupulus L., il luppolo. L’estratto di infiorescenza di questa specie era considerato dai Romani come sedativo per l’insonnia e l’ansia, mentre foglie e germogli venivano consumati come verdure nelle insalate.

Nel corso dei secoli, i fiori secchi venivano utilizzati in cuscini chiamati “luppolo”, per combattere l’insonnia. L’uso di infiorescenze di luppolo essiccate e verdi per usi diuretici e disturbi dell’apparato digerente, sono stati verificati nell’area del parco di Montesinho, in Portogallo. In Cina, gli estratti alcolici di luppolo erano usati per trattare la lebbra, la tubercolosi e la dissenteria. Nel medioevo era utilizzato in infusi in qualità di tonico fisico. Luppolo è utilizzato dalla medicina tradizionale messicana per trattare l’insonnia.

 Alato 2, è  un sedativo del sistema nervoso centrale contenente Luppolo, indicato nei disturbi organici legati a una forte componente emotiva-nervosa .

Acquistabile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Purifica il tuo corpo in Primavera e accogli l’Estate

Purifica il tuo corpo in Primavera e accogli l’Estate

 

In questa stagione, l’organismo manifesta una sensibilità particolare in quanto sembra partecipare biologicamente al risveglio della Natura: ci si può sentire diversi o strani, di umore molto variabile. In questa stagione si assiste all’accelerazione di molti processi metabolici che comportano una maggiore tensione psichica.

Nell’adulto avvengono modificazioni ormonali ed enzimatiche che possono provocare disturbi, fino al momento in cui avviene un adattamento dell’organismo alla nuova situazione:

l’estate.

Detossinare

Detossinare significa rimuovere veleni o tossine. Filtriamo l’aria che respiriamo, il cibo e le bevande che consumiamo e tutto ciò che assorbiamo attraverso la nostra pelle. La nostra circolazione sanguigna, il tubo digerente, il fegato, i reni e i polmoni sono tutti sistemi che funzionano in modo efficiente ed efficace nelle giuste condizioni.

Le tossine sono le sostanze che sconvolgono l’ambiente interno del corpo e creano disarmonia del sistema di organi. Il fegato ha funzioni sia sintetiche che cataboliche in termini di metabolismo dei grassi. Il fegato è intimamente collegato all’infiammazione, che è il sistema di difesa innato del corpo per rimuovere gli stimoli dannosi. Una forte infiammazione può indurre lo sviluppo di fibrosi, cirrosi e carcinoma epatocellulare.

Stress ossidativo:

Lo stress ossidativo è associato all’attivazione di vie infiammatorie, mentre l’infiammazione cronica si trova associata ad alcuni tumori umani. L’infiammazione e il cancro possono essere collegati dall’effetto dell’asse infiammazione-fibrosi-cancro . Un aumento dello stress ossidativo predispone alla perossidazione lipidica delle cellule lipidiche epatiche con conseguente infiammazione .La carenza di carnitina, colina e taurina, possono essere responsabili sia steatosi e colestasi, una condizione associata a svariate patologie, accumunate dalla severa compromissione del flusso della bile verso il duodeno. Il fegato grasso, anche noto come steatosi, è una condizione caratterizzata dall’accumulo di grassi (trigliceridi) nelle cellule del fegato. Mangiare per soddisfare dei bisogni emozionali è in tutto il mondo la causa principale dell’obesità.

 Le tappe della prevenzione :

  • Pulizia del corpo per rimuovere i ristagni, attraverso le piante
  • Fluidificare i catarri e favorire l’espettorazione
  • Combattere la ritenzione idrica
  • Regolarizzare l’intestino
  • Potenziare la ventilazione polmonare: fare gite e passeggiate in spazi aperti con grande ricambio d’aria.
  • Inalazioni con oli essenziali di Eucalipto
  • Rinforzare le difese immunitarie migliorando il tono dell’umore

 

Le erbe medicinali cinesi mostrano abilità nella protezione del fegato, rispetto alle terapie convenzionali, poiché sono efficaci agenti antinfiammatori e antiossidanti.

Alcuni esempi di diverse erbe medicinali cinesi che sono state comunemente utilizzate per prevenire e trattare le malattie epatiche sono:

 

  • Andrographis Herba ,  la parte aerea di Andrographis paniculata (Burm. F.) Nees, è stata ampiamente utilizzata per eliminare il calore e rimuovere la tossicità, raffreddare il sangue e la detumescenza. I moderni studi farmacologici indicano che l’AH ha varie attività tra cui attività antimicrobiche e antiossidanti , antimalarici , antiangiogenetiche, antinfiammatorie, antidiabetiche e in vitro α-glucosidasi e α-amilasi enzimatici inibitori .

 

 

 

 

  • Lycii Fructus,  ampiamente coltivato nel nord-ovest della Cina, è ben noto per il suo effetto antiage nei farmaci tradizionali cinesi .Il Fructus lycii (F. lycii) è un frutto esotico da cui si utilizzano le bacche della pianta,  Lycium barbarum. E’ caratterizzato da una complessa miscela di composti bioattivi distinti per il loro alto potenziale antiossidante. F. lycii è usato nella cucina tradizionale cinese e nella Farmacopea Cinese come aiuto alla vista e alla longevità, nonché come rimedio per il diabete, per bilanciare “yin” e “yang” nel corpo . Polisaccaridi, carotenoidi, flavonoidi e fenolici rappresentano i componenti funzionali chiave di F. lycii. Studi clinici condotti su F. lycii   hanno dimostrato i suoi  effetti antiossidanti, antinfiammatori, antiapoptotici e neuroprotettivi.

  • Coptis chinensis Franch., C. deltoidea C.Y. Cheng et Hsiao, o C. teeta Wall (Ranunculaceae) è stato ampiamente usato per trattare la dissenteria bacillare, il diabete, la pertosse, il mal di gola, l’afta e l’eczema in Cina. Studi clinici hanno dimostrato che Coptis  riduce i livelli dei trigliceridi e favorisce l’escrezione di colesterolo nella bile. Insieme agli stanoli vegetali inibisce l’assorbimento del colesterolo e migliora la funzione ventricolare sinistra nei pazienti con insufficienza cardiaca congestiva.

pexels, download e utilizzo gratuito

  • Curcuma fa parte  della famiglia dello zenzero (Zingiberaceae) ed è prescritta abbondantemente per disturbi sia nella medicina tradizionale cinese che indiana. Recentemente, diverse spezie comunemente usate come pepe, zenzero e curcumina hanno dimostrato di svolgere un ruolo benefico nella gestione dell’obesità. Tra queste spezie, la curcumina, che è la componente primaria della curcuma delle spezie, ha guadagnato grande interesse per i suoi molteplici benefici per la salute. La curcumina ha attirato l’attenzione di tutto il mondo grazie ai suoi molteplici benefici per la salute. Questi benefici includono le sue proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, anti carcinogene, antidepressive, antiartritiche , antidiabetiche, epatoprotettive e anti adipose . Inoltre, la curcumina ha dimostrato di svolgere un ruolo chiave nella gestione dell’obesità , in quanto aumenta il tasso metabolico basale e il dispendio energetico.

Aloe:

Negli ultimi secoli, l’Aloe vera, una specie vegetale appartenente al genere Aloe, è stata ampiamente studiata per varie attività terapeutiche, tra cui l’attività antibatterica, antivirale, anti-cancro, nonché le proprietà immunoregolatrici ed epatoprotettive, sebbene alcune di queste efficacie affermate siano controverse come dimostrato da alcuni dei recenti studi. Molti studi hanno dimostrato che i componenti bioattivi dell’’Aloe vera hanno un effetto antinfiammatorio e supportano il metabolismo lipidico e dei carboidrati, contribuendo a mantenere i normali livelli di zucchero e  colesterolo nel sangue e il normale peso corporeo. Quando l’aloe viene applicata esternamente, accelera la rigenerazione della pelle danneggiata. L’aloe contiene antiossidanti,  che possono aumentare la durata di conservazione e il valore nutrizionale del cibo; pertanto, è ampiamente utilizzato nell’industria cosmetica, farmaceutica e alimentare.

Ti offro la possibilità di seguire un Programma di 10  giorni in cui riceverai pillole di benessere e prevenzione.

Contattami qui 

 

 

DiAlessandra Zarone

Eliminare stress e tossine_ riequilibrio mente – corpo con Naturopatia ed integratori biologici

Eliminare stress e tossine _ riequilibrio mente – corpo con Naturopatia ed integratori biologici

Quando i livelli di cortisolo sono troppo alti, si potrebbero sperimentare una serie di sintomi indesiderati. Livelli più alti e  prolungati di cortisolo nel sangue, si verificano in caso di stress cronico, hanno come conseguenza:

  • Squilibri di zucchero nel sangue (iperglicemia )
  • Diminuzione della densità ossea
  • Assottigliamento del tessuto muscolare
  • Pressione  alta
  • Prestazioni cognitive compromesse
  • Aumento del grasso addominale
  • Abbassamento del sistema immunitario
  • Stato infiammatorio generalizzato
  • Ridotta  cicatrizzazione
  • Diminuita  funzione tiroidea

Le sostanze chimiche danneggiano la funzione cerebrale:

Una  corretta funzione cerebrale richiede la complessa interazione di sostanze chimiche perennemente occupate in biochimica intenzionale, purtroppo alcune sostanze tossiche hanno il potenziale per interrompere la normale fisiologia cerebrale e per compromettere l’omeostasi neurologica.

Oltre a mal di testa, disfunzione cognitiva, disturbi della memoria e altri segni e sintomi neurologici, l’interruzione della funzione cerebrale può anche manifestarsi come alterazione sottile o palese nei pensieri, negli stati d’animo o nei comportamenti. Negli ultimi quattro decenni, c’è stato lo sviluppo e il rilascio senza precedenti di un repertorio di sostanze chimiche potenzialmente tossiche che hanno la capacità di causare danni cerebrali.

I composti chimici onnipresenti nel nostro cibo, aria e acqua si trovano in ogni persona. Il bioaccumulo di questi composti in alcuni individui può portare a una varietà di disfunzioni metaboliche e sistemiche e, in alcuni casi, stati di malattia , a carico del  sistema immunitario, neurologico ed endocrino.

La tossicità di queste sostanze  chimiche può portare a disfunzione immunitaria, autoimmunità, asma, allergie, tumori, deficit cognitivo, cambiamenti di umore, malattie neurologiche, cambiamenti nella libido, disfunzione riproduttiva e disregolazione del glucosio.

Medicina Tradizionale Cinese

Lo stress fa ristagnare il qi del fegato. Il ristagno cronico del qi del fegato può esaurire il sangue del fegato e lo yin. Il sangue di fegato e la  carenza di yin creano secchezza oculare, visione sfocata, poca flessibilità degli arti, intorpidimento o spasmi nelle estremità. Segni e sintomi di carenza di sangue  includono carnagione pallida.

Nelle persone con livelli normali, il cortisolo dovrebbe raggiungere il picco intorno alle 8 del mattino, diminuire gradualmente ed essere più basso intorno alla mezzanotte e alle 4 del mattino. Nelle persone con sindrome di Cushing o con stanchezza cronica, i livelli di cortisolo possono essere più bassi al mattino e più alti di notte.

La visione ayurvedica:

Lo stress disequilibra i doshas,  sostanze vitali, che governano la mente,e, di conseguenza,  producono più fluido.

Pitta (il subdosha Sadhaka Pitta) inizia a bruciare più caldo, mentre Vata crea un effetto di essiccazione.  Di conseguenza,  Kapha  genera fluidi extra per contrastare questo effetto e proteggere il cervello. Sotto sforzo, il fluido creato da Kapha aumenta e inizia a domare il fuoco  della mente (Medhya Agni) che sostiene Dhi, Dhriti e Smriti. Lo stress può  smorzare questo fuoco mentale (Agni) e quando questo accade, si creano tossine ( Ama ) . Ama si accumula nel cervello, si mescola con i fluidi creati da Kapha e crea un tipo dannoso di cortisolo, l’indicatore dello stress. Il cortisolo in sé non è male. È stato creato dal corpo per proteggere il cervello, ma quando Kapha è in disequilibrio e c’è Ama, il cortisolo fa più male che bene. Ayurveda utilizza rimedi naturali che abbassano il livello di cortisolo e migliorano il fuoco digestivo del cervello.

Per liberarsi dalle tossine del corpo, è necessario seguire un percorso naturopatico  stagionale con  elementi di dietetica cinese e integratori naturali, ecco alcuni esempi:

 

Negli ultimi secoli, l’Aloe vera, una specie vegetale appartenente al genere Aloe, è stata ampiamente studiata per varie attività terapeutiche, tra cui l’attività antibatterica, antivirale, anti-cancro, nonché le proprietà immunoregolative ed epatoprotettive, sebbene alcune di queste efficacie affermate siano controverse come dimostrato da alcuni dei recenti studi. Molti studi hanno dimostrato che i componenti bioattivi dell’Aloe vera hanno un effetto antinfiammatorio e supportano il metabolismo lipidico e dei carboidrati, contribuendo a mantenere i normali livelli di zucchero e colesterolo nel sangue e il normale peso corporeo. Quando l’aloe viene applicata esternamente, accelera la rigenerazione della pelle danneggiata. L’aloe contiene antiossidanti, che possono aumentare la durata di conservazione e il valore nutrizionale del cibo; pertanto, è ampiamente utilizzato nell’industria cosmetica, farmaceutica e alimentare.

L’alimentazione è direttamente collegata non solo allo stato fisico ma anche al funzionamento del cervello e allo stato mentale. I nutrienti potenzialmente benefici con un effetto protettivo sulla funzione del sistema nervoso includono aminoacidi (triptofano, fenilalanina, tirosina, taurina), glucosio e vitamine C, E, D e beta-carotene, vitamine del gruppo B (vitamina B12, vitamina B6, vitamina B4, vitamina B1) e minerali (selenio, zinco, magnesio, sodio, ferro, rame, manganese, iodio). La presenza di antiossidanti nella dieta protegge dai danni ossidativi alle cellule del sistema nervoso.

Le vitamine del gruppo B neurotropico svolgono ruoli cruciali come coenzimi e oltre nel sistema nervoso. In particolare la vitamina B1 (tiamina), B6 (piridossina) e B12 (cobalamina) contribuiscono essenzialmente al mantenimento di un sistema nervoso sano. La loro importanza è evidenziata da molte malattie neurologiche legate a carenze in una o più di queste vitamine, ma possono migliorare alcune condizioni neurologiche anche senza una comprovata carenza.

La riboflavina (RF) è un componente solubile in acqua della famiglia delle vitamine B. Un’assunzione sufficiente di RF dietetica e supplementare sembra avere un effetto protettivo su varie condizioni mediche come sepsi, ischemia, ecc., mentre contribuisce anche alla riduzione del rischio di alcune forme di cancro nell’uomo. Ha  proprietà antiossidanti, anti-invecchiamento, antinfiammatorie, anti-nocicettive e anti-cancro. La riboflavina, vitamina B2, è una vitamina solubile in acqua e termo-stabile che il corpo utilizza per metabolizzare grassi, proteine e carboidrati nel glucosio per l’energia. Oltre ad aumentare l’energia, la riboflavina funziona come antiossidante per la corretta funzione del sistema immunitario, della pelle sana e dei capelli.

Senza una quantità adeguata di riboflavina, i macronutrienti come carboidrati, grassi e proteine non possono essere digeriti e mantenere il corpo. Con un sistema digestivo sano, il corpo può assorbire la maggior parte dei nutrienti dalla dieta, quindi è importante ottenere la maggior parte della riboflavina da fonti dietetiche. La riboflavina ha un pigmento fluorescente giallo-verde, che fa ingiallire l’urina, indicando che il corpo sta assorbendo la riboflavina. La riboflavina aiuta anche a convertire il triptofano in niacina, che attiva la vitamina B6. Alcune malattie prevenibili gestibili con un’adeguata riboflavina sono anemia, cataratta, emicrania e disfunzione tiroidea. La riboflavina è necessaria per il normale sviluppo, allattamento, prestazioni fisiche e riproduzione.

Vitamina E 

Vitamina E è il termine indicante  un gruppo di tocoferoli e tocotrienoli, di cui l’alfa-tocoferolo ha la più alta attività biologica. A causa delle potenti proprietà antiossidanti dei tocoferoli, l’impatto dell’alfa-tocoferolo nella prevenzione delle malattie croniche, che si ritiene siano associate allo stress ossidativo, è stato spesso studiato e sono stati dimostrati effetti benefici.

Il metabolismo del α-tocoferolo (α-TOH, vitamina E) mostra una marcata variabilità interindividuale, che può influenzare la risposta agli interventi nutrizionali e terapeutici con questa vitamina. Recentemente, nuovi protocolli di metabolomica hanno favorito la possibilità di esplorare tale variabilità per i diversi metaboliti di α-TOH finora identificati nel sangue umano, cioè il “metaboloma vitamina E”, alcuni dei quali sono stati segnalati per promuovere importanti funzioni biologiche.
La vitamina E è un antiossidante liposolubile in grado di proteggere gli acidi grassi polinsaturi  nella membrana dall’ossidazione, regolare la produzione di specie reattive di ossigeno e specie di azoto reattivo(e modulare la trasduzione del segnale.
Agisce nelle membrane cellulari dove previene la propagazione delle reazioni dei radicali liberi, sebbene sia stato anche dimostrato che ha attività pro-ossidante. I prodotti di ossidazione non radicali sono formati dalla reazione tra il radicale alfa-tocoferile e altri radicali liberi, che sono coniugati all’acido glucuronico ed escreti attraverso la bile o l’urina. La vitamina E viene trasportata nelle lipoproteine plasmatiche, viene assorbita nell’intestino e confezionata in chilomicroni, che lungo la via linfatica vengono secreti nella circolazione sistemica.  La vitamina E è essenziale per la normale funzione neurologica. È il principale antiossidante liposolubile e che rompe la catena nel corpo, proteggendo l’integrità delle membrane, inibendo la perossidazione lipidica. Principalmente sulla base dei sintomi della carenza primaria di vitamina E, è stato dimostrato che la vitamina E ha un ruolo centrale nel mantenimento della struttura e della funzione neurologica. La vitamina E integrata oralmente raggiunge il liquido cerebrospinale e il cervello. La carenza di vitamina E può causare danni ai nervi e rottura dei globuli rossi, ma questo è molto raro. I casi di carenza di vitamina E possono verificarsi con una alimentazione  molto povera di grassi.
Migliora la  produzione di collagene che mantiene la pelle elastica, supporta anche la crescita di nuove cellule e accelera la rigenerazione delle cellule del corpo, quindi il consumo di vitamina E sarà un modo per eliminare le rughe sul viso. I benefici della vitamina E per la salute umana prevengono  anemia, la sua carenza provoca rottura degli erytrociti , degenerazione neuronale, degenerazione muscolare, malassorbimento intestinale. Infatti, come per tutti i macro e micronutrienti, l’assorbimento intestinale è il fattore limitante per la biodisponibilità della vitamina E nell’uomo. L’assorbimento della vitamina E varia tra il 20% e l’80%.

Pixabay

La carenza di vitamina C è correlata a disturbi avversi dell’umore ed effetti cognitivi.

La vitamina C (Vit C) è considerata una molecola antiossidante vitale nel cervello. Vitamina  C aiuta a mantenere l’integrità e la funzione di diversi processi nel sistema nervoso centrale (SNC), tra cui maturazione e differenziazione neuronale, formazione di mielina, sintesi della catecolamina, modulazione della neurotrasmissione e protezione antiossidante. Vit C è il nutriente di maggiore importanza per il corretto funzionamento del sistema nervoso e il suo ruolo principale nel cervello è la sua partecipazione alla difesa antiossidante.

Il cervello è un organo particolarmente esposto allo stress ossidativo e all’attività dei radicali liberi, che è associato ad alti livelli di acidi grassi insaturi e ad un alto tasso di metabolismo cellulare .

Selenio

Il Selenio è un micronutriente essenziale per il corretto funzionamento di tutti gli organismi. Gli studi sulle funzioni del selenio si stanno rapidamente sviluppando. Questo elemento è un cofattore di molti enzimi, ad esempio il glutatione perossidasi o la tioredossina reduttasi.

L’insufficiente integrazione di questo elemento comporta un aumento del rischio di sviluppare molte malattie degenerative croniche. Il selenio è importante per la protezione dallo stress ossidativo, poiché elimina  i radicali liberi ed ha proprietà anti-cancro.

Magnesio

Le condizioni legate all’ansia sono i disturbi affettivi più comuni presenti nella popolazione generale con una prevalenza una tantum superiore al 15%. Lo stato di magnesio (Mg) è associato all’ansia soggettiva, portando alla proposizione che l’integrazione di Mg può attenuare i sintomi di ansia.

Vitamina D

La carenza di vitamina D è associata allo stress ossidativo nel muscolo scheletrico che influenza la funzione mitocondriale e influisce sullo sviluppo dell’atrofia muscolare scheletrica. La  carenza di vitamina D riduce il tasso di consumo di ossigeno e induce l’interruzione della funzione mitocondriale. La vitamina D svolge un ruolo importante nell’omeostasi del calcio e nel metabolismo osseo, modula la funzione immunitaria, la funzione  cardiovascolare.

Contattami @alessandra.naturopatia@gmail.com

 

A tua disposizione con Percorso Naturopatico , Floriterapia Psicosomatica,Tecniche di Rilassamento a Mediazione Corporea

 

 

 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Metabolismo energetico e stress ossidativo

Metabolismo energetico e stress ossidativo:

Il fabbisogno energetico umano viene definito come l’apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica sufficiente per partecipare attivamente alla vita sociale ed economica e che abbiano dimensioni e composizione corporee compatibili con un buono stato di salute a lungo termine.

Lo stress ossidativo, è un disturbo nell’equilibrio tra la produzione di specie reattive di ossigeno (radicali liberi) e difese antiossidanti. Lo stress ossidativo riflette uno squilibrio tra la manifestazione sistemica delle specie reattive dell’ossigeno e la capacità di un sistema biologico di disintossicare prontamente gli intermedi reattivi o di riparare il danno risultante.

Nell’uomo, si ritiene che lo stress ossidativo sia coinvolto nello sviluppo del cancro, morbo di Parkinson, la malattia di Lafora, il morbo di Alzheimer, aterosclerosi, insufficienza cardiaca, infarto del miocardio, vitiligine, autismo, infezione, sindrome da fatica cronica  e depressione.

 

 

 

 

Prevenzione con  rimedi naturali :

Il tè Yerba Mate, un infuso a base di foglie dell’albero Ilex paraguariensis, è una bevanda analcolica ampiamente consumata in Sud America che sta guadagnando una rapida introduzione nel mercato mondiale, sia come the  che come ingrediente in cibi formulati o integratori alimentari. Gli indigeni lo hanno usato per secoli come bevanda sociale e medicinale. Yerba Mate  è ipocolesterolemico, epatoprotettivo, stimolante del sistema nervoso centrale, diuretico e a beneficio del sistema cardiovascolare. È utile nella gestione dell’obesità. Yerba Mate protegge il DNA dall’ossidazione e dalla lipoproteina  a bassa densità in vitro e ha un’elevata capacità antiossidante. Il consumo di Yerba mate può esercitare un effetto benefico sulla salute, tra cui: un effetto protettivo sulle cellule del fegato, stimolazione del sistema nervoso centrale, effetto antinfiammatorio e un effetto positivo sul sistema cardiovascolare.

La vitamina C  è considerata una molecola antiossidante vitale nel cervello. Aiuta a mantenere l’integrità e la funzione di diversi processi nel sistema nervoso centrale (SNC), tra cui maturazione e differenziazione neuronale, formazione di mielina, sintesi della catecolamina, modulazione della neurotrasmissione e protezione antiossidante. L’importanza della Vit C per la funzione SNC è stata dimostrata dal fatto che la cancellazione mirata del co-trasportatore sodio-vitamina C nei topi provoca un’emorragia cerebrale diffusa e la morte il primo giorno post-natale. Poiché le malattie neurologiche sono caratterizzate da una maggiore generazione di radicali liberi e le più alte concentrazioni di Vit C nel corpo si trovano nel cervello e nei tessuti neuroendocrini, si evince  che Vit C possa cambiare il corso delle malattie neurologiche e mostrare potenziali ruoli terapeutici. Agisce sulle malattie neurodegenerative tra cui il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, il morbo di Huntington, la sclerosi multipla e la sclerosi amiotrofica, nonché i disturbi psichiatrici tra cui depressione, ansia e schizofrenia. I potenziali effetti benefici delle proprietà antiossidanti della vitamina C sono stati studiati in una serie di condizioni patologiche e disturbi cardiovascolari. La vitamina C previene i danni causati dallo stress al cuore causati dalla morte di cardiomiociti, attraverso la regolazione dell’eccessiva produzione di catecolamina ( rif . Catecolamina – Wikipedia). Nel complesso, l’insufficienza di vitamina C aumenta il rischio di danni cardiaci indotti dallo stress con cambiamenti strutturali e funzionali derivanti dall’apoptosi dei cardiomiociti. La vitamina C è fondamentale nella  prevenzione dello sviluppo della malattia nel fegato e gravi danni al fegato indotti dall’infiammazione possono essere prevenuti con sufficiente integrazione di vitamina C.

 

La vitamina C :

  • contribuisce al corretto funzionamento del sistema immunitario
  • contribuisce alla  corretta produzione di collagene per garantire il corretto funzionamento di denti, vasi sanguigni, pelle, gengive, cartilagine, ossa
  • contribuisce al mantenimento della normale funzione immunitaria durante e dopo un pesante sforzo fisico
  • aiuta a proteggere i componenti cellulari dai danni ossidativi
  • aumenta l’assorbimento del ferro
  • contribuisce alla corretta generazione di energia dei processi metabolici
  • contribuisce al corretto funzionamento del sistema nervoso
  • contribuisce a ridurre l’affaticamento
  • contribuisce al corretto fluire delle attività mentali (psicologiche)

 

Teanina -L

Il tè è noto per essere una ricca fonte di antiossidanti flavonoidi. Tuttavia il the contiene anche un amminoacido unico, Teanina -L  che può modulare aspetti della funzione cerebrale negli esseri umani. Le prove degli studi sull’elettroencefalografo umano ) mostrano che ha un effetto diretto sul cervello,  aumenta significativamente l’attività nella banda di frequenza alfa, ciò indica che rilassa la mente senza indurre sonnolenza. Ha  un effetto significativo sullo stato generale di vigilanza mentale o eccitazione. Sebbene gli effetti farmacologici della teanina siano incerti, diversi ricercatori hanno proposto una serie di meccanismi con cui può agire sul SNC. Questi includono l’inibizione dei recettori del glutammato, aumentando la concentrazione di acido gamma-amminobutirrico (GABA), aumentando la dopamina e la serotonina in specifiche regioni cerebrali e il blocco neuroprotettivo di molteplici sottotipi di recettore del glutammato nell’ippocampo, suggerendo un potenziale ruolo nel morbo di Parkinson. In generale, la corteccia cerebrale degli animali e dell’essere umano può produrre onde cerebrali, che possono essere classificate come onde α, β, δ e θ in base alla loro frequenza, teanina-L può accelerare la generazione di onde α e indurre il rilassamento. Teanina-L può migliorare la capacità di apprendimento e la memoria del cervello, è utile per  prevenire il morbo di Parkinson, il climaterio, la demenza senile, malattie del sistema  nervoso e cardiache. E’ utile per prevenire coma epatico, dismnesia ( perdita di memoria) e ipofrenia ( ritardo mentale).

 

 A tua disposizione con un percorso di Naturopatia

 

DiAlessandra Zarone

Sistema immunitario e antiossidanti naturali

Sistema immunitario e antiossidanti naturali

In questo articolo ti parlo di alcuni rimedi per il sistema immunitario e antiossidanti.

Gli antiossidanti sono composti che inibiscono l’ossidazione, una reazione chimica che può produrre radicali liberi e reazioni a catena che possono danneggiare le cellule degli organismi. Antiossidanti come i tioli o l’acido ascorbico (vitamina C) possono agire per inibire queste reazioni. Per bilanciare lo stress ossidativo, piante e animali mantengono complessi sistemi di antiossidanti sovrapposti, come il glutatione.

Gli antiossidanti sono utili in caso di infiammazione cronica:

L’infiammazione cronica è una condizione patologica caratterizzata da una continua risposta attiva all’infiammazione e dalla distruzione dei tessuti. Molte delle cellule immunitarie tra cui macrofagi, neutrofili ed eosinofili sono coinvolte direttamente o dalla produzione di citochine infiammatorie nella patologia dell’infiammazione cronica. L’infiammazione cronica può essere una delle principali cause di tumori ed  invecchiamento. Il processo infiammatorio induce stress ossidativo e riduce la capacità antiossidante cellulare. I radicali liberi sovraprodotti reagiscono con acidi grassi della membrana cellulare e proteine che compromettono la loro funzione in modo permanente. Inoltre, i radicali liberi possono portare a mutazioni e danni al DNA che possono essere un fattore predisponente per il cancro e i disturbi legati all’età.

Il sistema immunitario:

Un buon sistema immunitario migliora la qualità della vita, consente di essere protetti da malattie e disturbi. Questo scudo protettivo protegge da problemi minori come tosse, raffreddore, influenza ecc. e malattie importanti. In età avanzata il corpo si indebolisce e anche il sistema immunitario. In assenza di un’alimentazione  sana e di un sano stile di vita, anche i giovani manifestano problemi al sistema immunitario.Le persone con un alto livello di tossine nel sangue o non supportate da una buona alimentazione, sono soggette ad avere un basso sistema immunitario. Le tossine impediscono al sistema immunitario di ostacolare gli attacchi esterni. Una cattiva alimentazione crea scarsità di anticorpi ed enzimi necessari per il trattamento di infezioni e disturbi. Il sistema immunitario è in deficit  a causa di :

  • Stress e  tensione
  • Inquinamento
  • Dieta inadatta
  • Virus 
  • Disturbo metabolico

Curcuma in Medicina Cinese

La Curcuma, chiamata Jiang Huang in Medicina Cinese, cura i meridiani di milza, stomaco e fegato. Rinvigorisce il sangue, favorendone il movimento, sblocca la mestruazione e il dolore addominale, allevia amenorrea e dismenorrea con dolore o gonfiore. Espelle il vento. La Curcuma è usata in Ayurveda per equilibrare vata, pitta e capha, anche se in eccesso, può aggravare però pitta e vata. Ha un particolare effetto benefico per rasa e rakta dhatu (sistema circolatorio). Accelera anche agni (fuoco), aiutando a ridurre kapha e ama (tossine e muco). Il suo gusto amaro, pungente e riscaldante, permettono di far fluire l’energia ristagnante, rimuovendo le scorie.

Gli organi principali che tratta curcuma sono il cuore, il fegato e i polmoni. Ha funzione anti ipertensiva, anti-tumorale, antiallergica, antiossidante, antisettica, antispasmodica, astringente, cardiovascolare, carminativacolagoga, digestiva, diuretica, stimolante.

pexels, download e utilizzo gratuito

Usi terapeutici della curcuma:

  • anemia
  • cancro
  • diabete
  • digestione
  • avvelenamento alimentare
  • calcoli biliari
  • indigestione
  • parassiti
  • cattiva circolazione
  • infezioni
  • ferite
  • tosse
  • leucorrea
  • pus nelle orecchie
  • aiuta a regolare il sistema riproduttivo femminile, purifica l’utero e il latte materno.
  • purifica il seme maschile
  • detossifica il fegato
  • riequilibra i livelli di colesterolo
  • combatte le allergie
  • potenzia il sistema immunitario
  • migliora la carnagione

 

Rosmarino

Rosmarinus officinalis L. (rosmarino) è una pianta medicinale originaria della regione mediterranea e coltivata in tutto il mondo. Oltre allo scopo terapeutico, è comunemente usato come condimento e conservante alimentare. R. officinalis L. è costituito da molecole bioattive, i fitocomposti, responsabili dell’attuazione di diverse attività farmacologiche, quali attività antinfiammatorie, antiossidanti, antimicrobiche, antiproliferative, antitumorali e protettive, inibitorie e attenuante.
L’olio essenziale di Rosmarino, oltre a mostrare un’attività di pulitura dei radicali liberi,  ha effetti epatoprotettivi anche attraverso l’attivazione di meccanismi fisiologici di difesa.

La sua azione si rivolge tramite il cuore e si riversa sull’intero organismo influendo sul pericardio. Si impiega nelle debolezze generali, sia fisiche che psichiche, sia nei casi di perdita di memoria e nelle affezioni del sistema nervoso.
L’attività antiossidante è stata valutata come capacità di eliminare  i radicali liberi , insieme all’effetto sulla perossidazione lipidica.

 

Astragalo

Il nome cinese dell’Astragalo, huang qi, significa .”energia gialla”, e suggerisce il suo importante ruolo nella stimolazione dell’organismo debilitato o affaticato.

In Cina si crede che esso riscaldi e dia tono al Wei qi, l’energia di protezione superficiale che circola al di sotto della pelle, aiutando il corpo ad adattarsi alle influenze esterne, specialmente al freddo.L’Astragalo, infatti, innalza l’immunoresistenza e, manifestamente, migliora le difese dell’organismo contro agenti virali e batterici, prevenendo le malattie da raffreddamento e l.influenza, abbreviandone il decorso ed evitando le ricadute. Le radici di Astragalo contengono numerosi principi attivi, quali saponine triterpeniche (astragalosidi I-VIII, acetilastragaloside,soyasaponina I, isoastragalosidi I-II ecc.), polisaccaridi (astragalani IIII,AG1, AG2, AH1 e AH2 ecc.), flavonoidi (canferolo, quercetina, isoramnetina, calicosina, formonetina, cumatachenina ecc.),aminoacidi liberi (asparagina, acido glutamico, canavanina, prolina,arginina, acido β aminobutirrico, acido aspartico ecc.) e più di 20 minerali in tracce (magnesio, ferro, rame, zinco, rubidio, cromo ecc.). I componenti coinvolti nella stimolazione del sistema immunitario sembrano essere soprattutto alcuni polisaccaridi e anche delle saponine. L’Astragalo stimola la produzione di interferone, una proteina che ostacola la moltiplicazione dei virus, attraverso il blocco della loro capacità di riprodursi all’ interno delle cellule dell’ospite. Gli estratti a base di Astragalo fanno aumentare il numero delle cellule Natural Killer (NK), che circolano nel sangue e nella linfa, col compito di distruggere un’ampia gamma di invasori, comprese le cellule tumorali e quelle infettate dai virus.E. stato osservato che gli astragalani determinano un aumento della citotossicità dei NK di circa sei volte rispetto al controllo. In Cina l’Astragalo viene somministrato a pazienti anziani per migliorarne le difese immunitarie. La pianta sembra attivare la funzione delle cellule B e aumentare i livelli di IgM, che generalmente tendono a diminuire con l’età. Ricerche preliminari suggeriscono che l’Astragalo possiede anche proprietà anticancerogene. Alcuni studi, condotti su pazienti affetti da cancro, dimostrano che un estratto acquoso della radice della pianta è in grado di ripristinare o incrementare l’attività delle cellule T e di far crescere la velocità di maturazione dei linfociti. L’Astragalo stimola anche l’attività delle cellule T-helper, che coordinano la risposta immunitaria, attraverso la riduzione dei livelli eccessivi di soppressori, quindi con una modalità di azione simile a quella di alcuni chemioterapici, ma priva di pericolosi effetti collaterali.

Vitamina A 

La vitamina A è un micronutriente essenziale per  la vita. Il suo acido retinoico metabolita fisiologicamente attivo e agisce attraverso i recettori dell’acido retinoico nucleare , è fondamentale per  lo sviluppo embrionale, oltre ad essere necessario per l’omeostasi dei tessuti adulti. La carenza di vitamina A durante la gravidanza aumenta il rischio di cecità notturna materna e anemia e può essere una causa di malformazioni congenite.
Recenti prove hanno dimostrato che la vitamina A, i carotenoidi e i carotenoidi provitamina A sono  antiossidanti efficaci per inibire lo sviluppo di malattie cardiache. La vitamina A deve essere ottenuta dalla dieta: verdure verdi e gialle, latticini, frutta e carni  sono alcune delle fonti più ricche.

La vitamina A è un composto liposolubile  necessario per la normale funzione immunologica, visione, proliferazione cellulare e differenziazione.
La carenza di vitamina A causa la cessazione della crescita, la cecità notturna e rende l’organismo più suscettibile alle infezioni, la  vitamina A  migliora la risposta immunitaria.

 

Vitamina C

La vitamina C o acido ascorbico è una vitamina idrosolubile derivata dal metabolismo del glucosio. Agisce come agente riduttore necessario per la sintesi delle fibre di collagene attraverso l’idrossilazione della prolina e della litosina. Protegge il corpo dai danni causati dai radicali liberi. Gli esseri umani non possono sintetizzare l’acido ascorbico in quanto mancano di un enzima chiamato gulonolattone ossidasi ( rif. L-gulonolattone ossidasi – Wikipedia) . Le concentrazioni nel plasma e nei leucociti riflettono rispettivamente i livelli della dieta e dei depositi corporei di questa vitamina. Tra gli alimenti con alti livelli di vitamina C ci sono pomodori, patate e agrumi come lime, arance e limoni. L’attuale raccomandazione sull’assunzione giornaliera di vitamina C è di 90 mg/giorno per gli uomini e di 75 mg/giorno per le donne. Le persone affette da malattie croniche come il cancro o il diabete o i fumatori necessitano dosi più elevate nella loro dieta abituale. La carenza di acido ascorbico dà origine alla comparsa di scorbuto. Questa malattia è raramente osservata nei paesi sviluppati. Lo scorbuto è caratterizzato dalla presenza di debolezza, dolori articolari o lesioni cutanee sotto forma di petecchie, sanguinamento gengivale, facilità nello sviluppo di lividi o ritardo nella guarigione delle ferite. Le manifestazioni cutanee più caratteristiche sono le papule ipercheratosiche perifollicolari purpuriche e la presenza di capelli crespi.

La vitamina C è un micronutriente essenziale per l’uomo, con funzioni pleiotropiche legate alla sua capacità di donare elettroni. La vitamina C contribuisce alla difesa immunitaria supportando varie funzioni cellulari sia del sistema immunitario innato che adattivo. La vitamina C supporta la funzione di barriera epiteliale contro gli agenti patogeni e promuove l’attività antiossidante della pelle, proteggendo e dallo stress ossidativo ambientale. La vitamina C si accumula nelle cellule fagocitiche, come i neutrofili, e può migliorare la chemiotassi, rif. : Chemiotassi – Wikipedia la fagocitosi, rif. Fagocitosi – Wikipedia, e l’uccisione microbica. Il ruolo della vitamina C nei linfociti è meno chiaro, ma è stato dimostrato che migliora la differenziazione e la proliferazione delle cellule B e T, probabilmente a causa dei suoi effetti di regolazione genica, rif. Regolazione genica – Wikipedia . La carenza di vitamina C si traduce in un’immunità compromessa e in una maggiore suscettibilità alle infezioni. A sua volta, le infezioni hanno un impatto significativo sui livelli di vitamina C a causa dell’aumento dell’infiammazione e del fabbisogno metabolico. Inoltre, l’integrazione con vitamina C sembra essere in grado di prevenire e trattare le infezioni respiratorie e sistemiche. La prevenzione profilattica dell’infezione richiede l’assunzione alimentare di vitamina C che forniscano livelli plasmaci almeno adeguati, se non saturi (cioè 100-200 mg/giorno), che ottimizzano i livelli di cellule e tessuti. Al contrario, il trattamento delle infezioni accertate richiede dosi significativamente più elevate (grammo) della vitamina per compensare l’aumento della risposta infiammatoria e della domanda metabolica.

Vitamina E 

Vitamina E è il termine indicante  un gruppo di tocoferoli e tocotrienoli, di cui l’alfa-tocoferolo ha la più alta attività biologica. A causa delle potenti proprietà antiossidanti dei tocoferoli, l’impatto dell’alfa-tocoferolo nella prevenzione delle malattie croniche, che si ritiene siano associate allo stress ossidativo, è stato spesso studiato e sono stati dimostrati effetti benefici.
La vitamina E è un antiossidante liposolubile in grado di proteggere gli acidi grassi polinsaturi  nella membrana dall’ossidazione, regolare la produzione di specie reattive di ossigeno e specie di azoto reattivo(e modulare la trasduzione del segnale.
Agisce nelle membrane cellulari dove previene la propagazione delle reazioni dei radicali liberi, sebbene sia stato anche dimostrato che ha attività pro-ossidante. I prodotti di ossidazione non radicali sono formati dalla reazione tra il radicale alfa-tocoferile e altri radicali liberi, che sono coniugati all’acido glucuronico ed escreti attraverso la bile o l’urina. La vitamina E viene trasportata nelle lipoproteine plasmatiche, viene assorbita nell’intestino e confezionata in chilomicroni, che lungo la via linfatica vengono secreti nella circolazione sistemica.  La vitamina E è essenziale per la normale funzione neurologica. È il principale antiossidante liposolubile e che rompe la catena nel corpo, proteggendo l’integrità delle membrane, inibendo la perossidazione lipidica. Principalmente sulla base dei sintomi della carenza primaria di vitamina E, è stato dimostrato che la vitamina E ha un ruolo centrale nel mantenimento della struttura e della funzione neurologica. La vitamina E integrata oralmente raggiunge il liquido cerebrospinale e il cervello

La carenza di vitamina E può causare danni ai nervi e rottura dei globuli rossi, ma questo è molto raro. I casi di carenza di vitamina E possono verificarsi con alimentazione  una dieta molto povera di grassi, .
Migliora la  la produzione di collagene che mantiene la pelle elastica, supporta anche la crescita di nuove cellule e accelera la rigenerazione delle cellule del corpo, quindi il consumo di vitamina E secondo la dose sarà un modo per eliminare le rughe sul viso.

A tua disposizione con una Consulenza di Naturopatia 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Quintessenze e riequilibrio psicofisico

Quintessenze e riequilibrio psicofisico

Firmico Materno, scrittore cristiano, siciliano, è vissuto verso la metà del 4º secolo. Pagano, appartenente all’ordine senatorio, è autore di un trattato di astrologia (Matheseos libri VIII)

sulla  generazione del mondo, la posizione dei pianeti nei segni zodiacali all’inizio delle cose, ci informa:

Il Dio che ha fabbricato il mondo ha costituito il corpo dell’uomo come quello del mondo, da un miscuglio di quattro elementi, fuoco e acqua, aria e terra, cosi che la felice combinazione di tutti questi elementi rende i viventi una bella opera secondo la forma del modello divino. E mediante gli artifici della sua arte creativa, egli ha fatto l’uomo in modo che entro i limiti della natura si raccolga in un piccolo corpo (microcosmo) ogni forza e ogni sostanza in modo tale che per il potente alito celeste che discende dallo spirito divino a vivificare il corpo mortale, egli prepari una dimora, invero fragile, ma tuttavia assomigliante al mondo:

Ed ecco perché l’uomo, come un piccolo mondo, è vivificato dalla fiamma e dal corso eterno dei cinque pianeti e del sole e della luna, così che l’essere vivente creato a immagine del mondo possa analogamente essere governato dalla stessa sostanza della divinità. …. l’uomo, formato secondo la natura e l’immagine del mondo, è sostenuto continuamente dallo stesso principio che dirige e mantiene il mondo, mediante i raggi che lo riscaldano con un calore perpetuo “ .

 

La funzione mercuriale nella malattie polmonari

Mercurio è preposto al processo della respirazione, che mette in contatto l’esterno, rappresentato dall’atmosfera, e l’interno del corpo. Saturno presiede a tutte le cristallizzazioni e remineralizzazioni, una dissonanza fra questi due pianeti , una loro congiunzione che ne affievolisca le funzionalità, porta a malattia.

Il ruolo dei pianeti è analogo a quello degli organi, rappresentati nel corpo attraverso i luoghi del metabolismo energetico.

Piante mercuriali sono:

Lavanda, Timo serpillo, Bugula, Calluna, Faggio, Pioppo, Aglio, Romice.

Piante polmonari sono : Achillea, Angelica, Bugula, Cerfoglio, Canapa, Farfara, Finocchio, Garofano, Iperico, Lavanda, Menta, Pimpinella, Pioppo ,Rosmarino, Ruta, Tasso Barbasso, Timo, Tanaceto.

La funzione di Mercurio permette il  funzionamento e la cooperazione  dei fluidi tra tutti i sistemi, ad esempio la digestione e l’assorbimento del cibo, l’equilibrio omeostatico, i sistemi di escrezione dei rifiuti di polmone, pelle, rene e intestino crasso, sistemi ormonali e nervosi, in modo che l’organismo funzioni nel suo complesso in armonia con se stesso e il suo ambiente.

Mercurio  è l’elemento di interscambio fra il Cielo e la Terra, fra Yin e Yang , permette la vita , agisce come attivatore e come mediatore, favorendo l’entrata verso l’interno ( cellule)  del combustibile che sostiene il corpo. Mercurio crea una connessione fra microcosmo e  macrocosmo e dona consapevolezza del proprio potere interiore.

Come sostengono Ippocrate, Galeno e Paracelso, per ripristinare lo stato di salute, è importante riequilibrare  i quattro umori con le erbe adatte.

I Quattro Umori sono gli agenti metabolici dei Quattro Elementi nel corpo umano. Il giusto equilibrio e purezza di essi è essenziale per mantenere la salute:

SANGUE – ARIA

PHLEGM – ACQUA

BILE GIALLA – FUOCO

BILE NERA – TERRA

 

Paracelso

Egli credeva che il corpo umano fosse un microcosmo corrispondente  al “macrocosmo”, e contenesse in sé tutte le parti della natura visibile:  sole, luna, stelle e i poli del cielo. La Malattia, secondo la sua concezione mistica, non era naturale ma spirituale. Egli introdusse dei rimedi antagonisti della malattia spirituale, chiamati “Arcana”, una parola che implicava una connessione misteriosa tra il rimedio e  l’essenza della malattia .

Per Paracelso i quattro elementi esistevano insieme in tutte le cose, gli elementi differivano  ampiamente l’uno dall’altro ed erano  in grado di concordare e coesistere senza distruzione reciproca. Gli  “arcana” erano esseri semi-spirituali come la “quinta essentia” di Aristotele ; tuttavia credeva di poter scioglierli o estrarli per mezzo di acqua, alcol o acidi.

Gli Arcana, erano considerati  incorporei, immortali, intelligibili, con  il potere di trasmutare, alterare, e ripristinare l’uomo, come l’arcana di Dio, secondo la loro stessa induzione. “…E anche se non c’è eternità in grado di  conservare i nostri corpi più di quanto si possa fare o scoprire dalla natura. “Arcana manteneva il corpo in salute, allontanava le malattie , animava gli spiriti depressi,

liberandoli da ogni dolore, proteggeva  da ogni malattia, e conduceva serenamente  il corpo fino alla sua morte predestinata.

Gli Arcana differivano molto uno dall’ altro, in modo che nessuno di loro operasse allo stesso modo di un altro.

”..Sono diversi sia nel modo che nella forma, ognuno con i suoi modi propri e peculiari. Quindi, la Prima Materia è il primo Arcano; il secondo è la Pietra Filosofale, il terzo è il Mercurio

Vitae, e il quarto è la Tintura… Il Mercurio della Vita, che è il terzo arcano, trasmuta le persone e altre cose essenziali, rinnova ogni cosa in crescita, rinnova il corpo  vecchio e consumato .”

 ( Paragranum, Trattato II, De Astronomia)

Paracelso intuì innanzitutto che mediante la separazione e la purificazione si può eliminare la tossicità dei farmaci, soprattutto di quelli preparati con sostanze minerali. «Nessuno può condannare una cosa senza conoscerne le trasformazioni o ignorando cosa può fare la separazione.

Anche se una cosa è un veleno, può essere trasformata in ciò che veleno non è […]. Non si deve forse separare il veleno dal buono e prendere il buono invece del cattivo?» Egli riconobbe il principio farmacologico (arcanum o quinta essentia) nella natura interna e invisibile delle cose e non nelle loro qualità elementari sensibili. Il farmaco dev’essere perciò prodotto ricorrendo a tecniche alchemiche che permettano di estrarre tale principio, intuito in base alla dottrina della signatura – lo specifico contributo paracelsiano alla concezione della simpatia universale, cioè all’idea che l’esterno visibile di ogni sostanza sia un segno del suo interno invisibile.

Paracelso sosteneva  il parallelismo fra le perturbazioni macrocosmiche, cioè i fenomeni meteorologici, e la malattia come squilibrio delle parti costitutive del corpo umano.

I farmaci preparati alchemicamente guariscono perché introducono nel corpo malato i principi stessi del “cielo” , ricavati dalle sostanze terrene secondo le corrispondenze specifiche.

La quintessenza

L’identificazione della quintessenza alchemica con l’alcol distillato dal vino si deve a Giovanni da Rupescissa, autore a metà del Trecento di un singolare libretto in cui la descrizione di tecniche di distillazione e ricette per la preparazione di farmaci ,la dottrina della quintessenza infatti è segreta .” E in verità affermo che la quintessenza è acqua ardente e non è acqua ardente” . Così si apre uno dei primi capitoli del Liber de consideratone quintae essentiae del Rupescissa, il trattato scritto attorno al 1351-1352 che rappresenta l’apogeo della tradizione alchemica occidentale. Questa dottrina segreta e paradossale dev’essere conservata gelosamente nascosta da parte degli «uomini evangelici» cui Giovanni ha deciso di comunicarla, perché il prodotto che essa insegna a fare è un vero e proprio arcanum Dei, un segreto mirabile e potentissimo.” Ho detto che il Sommo Dio ha creato la quintessenza, che si estrae, mediante operazioni artificiali fatte dagli uomini, dal corpo della natura creata da Dio e la chiamerò coi tre nomi che i filosofi le hanno dato. E detta Acqua ardente, Anima del vino o anche spirito, e Acqua di vita. E quando tu vorrai tenerla segreta, la chiamerai Quintessenza, poiché questa sua natura e questo suo nome gli eccelsi filosofi non vollero rivelarlo a nessuno…. Continuando a sublimare con elevazioni e discese fino a mille volte giunge ad una glorificazione così eccelsa da diventare un composto incorruttibile quasi come il cielo, e perciò, dal fatto che ha la natura del cielo, è chiamata quintessenza, poiché sta in rapporto col nostro corpo come il cielo sta in rapporto col mondo intero “.

 

Medicina Cinese , equilibrio e armonia del corpo

 

Il Tao Te Ching (capitolo 1) afferma che se stesso è la base per raggiungere il Tao in secondo la natura, per raggiungere l’equilibrio. Tao è descritto come un concetto astratto  che non può essere definito a parole.

Il rapporto umano con gli altri è visto come il continuum di sé. Il concetto di Equilibrio e Armonia è costituito da due elementi, uno interno e uno Esterno, parallelamente al concetto spagyrico di micro e macrocosmo, dove interno si riferisce allo stato soggettivo di un individuo ed  esterno si manifesta nelle relazioni sociali e nel comportamento. La fusione tra l’uomo e l’universo è espressa ne I Ching (esagramma 22 ), in quanto l’universo oggettivo e il carattere soggettivo degli esseri umani sono collegati.

In una costituzione debole senza forti difese corporee, le forze avverse possono attaccare il corpo attraverso la pelle, la bocca e il naso, ossia   il vento crea disarmonia nel corpo.

 

 Il  concetto di “vento” come causa di  Malattia:

Nella Medicina Tradizionale Cinese, il vento ( Aria, Mercurio nella Medicina Spagyrica) è considerato in grado di penetrare la superficie del corpo, causando  umidità, secchezza, freddo e calore. Secondo Nei Jing, l’ “attacco” del vento può colpire tre parti del nostro corpo: la parte superiore, centrale e parti inferiori  e le energie delle tre parti sono diverse. Quando il proprio corpo è debole e sperimenta un attacco del vento, la malattia inizierà nelle parti superiori.

 La filosofia esistenziale del  Tao Te Ching si basa sul prendere la vita in modo facile (capitolo 37), essere umili (capitoli 6, 28, 34), accontentarsi (capitolo 12), seguire la natura (capitoli 7, 25, 37), fare le cose correttamente ed evitare gli estremi (capitoli 9, 12). Il concetto di equilibrio ha lo scopo di vivere una vita positiva, ricettiva, onesta e felice.

Nel  Nei Jing, il primo testo  medico cinese (dinastia Tang 618-907 d.C.) vengono espressi i concetti di equilibrio yin e yang del Tao, si consiglia di seguire la natura, preservare la vitalità:

Se le energie yin e yang sono mantenute in uno stato di equilibrio, il corpo e lo spirito saranno forti. Se le sue energie yin e yang sono in disequilibrio, la sua energia vitale diminuirà fino a completo esaurimento delle forze. (Domande semplici, capitolo 3:22)

Le discipline antiche dovrebbero essere le colonne portanti per affrontare le difficoltà dell’uomo contemporaneo.

Un approccio naturale al Coronavirus

La recente e continua epidemia di coronavirus (COVID-19) è un’enorme sfida globale. L’epidemia, che si è verificata prima nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina e poi rapidamente si è diffusa in altre province e in oltre 200 paesi all’estero, è stata dichiarata pandemia globale dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Le persone  con sistema immunitario compromesso e/o problemi respiratori, metabolici o cardiaci sono più soggetti all’infezione .

L’uso di farmaci a base di erbe / integratori alimentari per prevenire, trattare, mitigare, diagnosticare o curare la malattia da coronavirus 2019 non è stato affrontato in modo coerente a livello globale. La Cina ha esplorato attivamente come integrare la Medicina Tradizionale Cinese (TCM) nella terapia occidentale dall’epidemia di SARS nel 2003. Sulla base dei risultati clinici, l’Ufficio Generale della Salute Nazionale e l’Ufficio dell’Amministrazione Statale della Medicina Tradizionale Cinese hanno incoraggiato l’integrazione del TCM a base di erbe e della medicina occidentale nel trattamento delle complicanze respiratorie nelle infezioni da Coronavirus con diverse prescrizioni raccomandate in diverse fasi della malattia . Dopo l’epidemia di malattia della SARS-CoV-2, una serie di studi clinici con farmaci vegetali tradizionali (THM) sono stati aggiunti al corpo di prove con alcuni risultati favorevoli rispetto alla terapia antivirale standard .

Pertanto, non sorprende che migliaia di professionisti di TCM in tutta la Cina abbiano lavorato insieme a medici regolari per controllare la malattia COVID-19. I dati clinici generati da decine di migliaia di casi confermati sono sottoposti a meta-analisi per verificarne l’effettiva efficacia . Nel frattempo, il Protocollo diagnostico e terapeutico del COVID-19 della Commissione Sanitaria Nazionale ha già consigliato di integrare il TCM nel trattamento dei pazienti COVID-19 per alleviare efficacemente sintomi come febbre, tosse, mal di gola, mialgia e affaticamento, abbreviare il decorso della malattia, ridurre la probabilità di complicanze potenzialmente letali .

In India, i praticanti di  Ayurveda stanno seguendo l’esempio lavorando alla definizione di protocolli chiari con una logica coerente con il loro sistema millenario. La prima linea di difesa raccomandata ai pazienti in fase iniziale consiste nei seguenti farmaci a base di erbe:

Tinospora cordifolia (Willd.) Myers (Menispermaceae), Zingiber officinale Roscoe (Zingiberaceae), Curcuma longa L. (Zingiberaceae), Ocimum sanctum L. (Lamiaceae), Glycyrrhiza glabra L. (Fabaceae), Adhatoda vasica Ness (Acanthaceae), (Acanthaceae), Andrographis paniculata (Burm.f.) (Acanthaceae), Swertia chirata Buch.-Ham. ex Muro. (Gentianaceae), Moringa oleifera Lam (Moringaceae), Triphala ,una miscela di Emblica officinalis Gaertn. (Phyllanthaceae), Terminalia bellirica (Gaertn.) Roxb. (Combretaceae) e Terminalia chebula Retz. (Combretaceae)] e Trikatu (una formula complementare a Triphala, tra cui Piper nigrum L. (Piperaceae), Piper longum L. (Piperaceae) e Z. officinale.

Le impostazioni cliniche e i regolamenti della ricerca sul COVID-19 attraverso i sistemi Ayurveda, Unani, Siddha e Omeopatia sono già stati pubblicati dal Ministero indiano dell’Ayush .

Un’iniziativa internazionale del Brazilian Academic Consortium for Integrative Health – CABSIn, TCIM Americas Network e del Latin-American and Caribbean Center on Health Sciences Information (BIREME/PAHO/OMS) sta raccogliendo le prove disponibili sulla medicina tradizionale, complementare e integrativa ,compresi i farmaci a base di erbe, potenzialmente utili nella pandemia di COVID-19 .

Il pubblico nordamericano sta ricevendo consigli sull’uso di prodotti a base di erbe da gruppi accademici dedicati. Uno di questi è l’Andrew Weil Center for Integrative Medicine che consiglia piante ricche di polifenoli (camomilla,  liquirizia, cipolle, mele, pomodori, arance, noci, bacche, prezzemolo, sedano, radice di curcuma e tè verde) per ridurre il rischio di infezione, ma non è disponibile alcuna valutazione dettagliata.

In Europa, i prodotti tradizionali di erboristeria sono regolati dall’EMA come medicinali OTC per alleviare condizioni lievi e autolimitanti, compresi i sintomi influenzali e la tosse. Sorprendentemente, non esiste alcuna guida ufficiale generale per quanto riguarda l’uso dei prodotti erboristici nel contesto della pandemia. In linea di principio, non si qualificherebbe come terapia per i sintomi covid-19 in quanto è considerata una grave condizione pericolosa per la vita. Tuttavia, questa malattia è autolimitante nella maggior parte dei pazienti e, in assenza di un risultato positivo in un test, i pazienti covid-19 sono solo pazienti “influenzali” e, come tali, potrebbero automedicarsi con rimedi erboristici.

Nonostante l’uso massiccio di codeina, paracetamolo e ibuprofene per alleviare le malattie respiratorie, il corpo clinico di prove a sostegno del loro uso nell’influenza è molto basso. Questi farmaci hanno tossicità molto comuni e i loro effetti avversi sono potenzialmente pericolosi nel contesto del COVID.

È sorprendente la mancanza di studi clinici per dimostrare l’uso sia di paracetamolo che di ibuprofene nel trattamento dei sintomi del raffreddore / influenza.

L’’infezione è favorita da una debole risposta immunitaria, mentre le complicazioni derivano da una “reazione eccessiva” del sistema immunitario nota come “tempesta di citochine”. Di conseguenza, le autorità sanitarie scoraggiano qualsiasi terapia che modula la funzione delle cellule immunitarie in una qualsiasi di entrambe le direzioni – compresi i farmaci antinfiammatori – e riservano quelle alla gestione clinica delle fasi avanzate del COVID-19.

I primi dati clinici sull’evoluzione dei pazienti covid-19 hanno evidenziato un’influenza deleteria di ibuprofene e chetoprofene anche assunta fino a 2-4 giorni durante l’inizio dell’infezione (ANSES, 2020), e hanno spinto le autorità francesi a scoraggiare il pubblico a utilizzare FANS diversi dal paracetamolo. Dati successivi non hanno chiaramente dimostrato il legame tra i FANS e il peggioramento dei sintomi, quindi l’EMA ha pubblicato una comunicazione che chiarisce questo punto e chiede un uso razionale dei FANS “alla dose efficace più bassa per il periodo più breve possibile” .

 Vitamine e oligoelementi

Le  vitamine A, B6, B12, C, D, E e folato; microelementi tra cui zinco, ferro, selenio, magnesio e rame, gli acidi grassi omega-3 come acido eicosapentaenoico e acido docosaesaenoico svolgono un ruolo fisiologico essenziale nella promozione del sistema immunitario. Inoltre, lo aiuta a regolare la trascrizione genica come la replicazione del DNA, la trascrizione dell’RNA, la divisione cellulare e l’attivazione cellulare nel sistema biologico umano. Gli Studi hanno sottolineato che la carenza di zinco predispone a herpes simplex, raffreddore comune, epatite C, grave sindrome respiratoria acuta coronavirus (SARS-CoV-1), il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) a causa della riduzione dell’immunità antivirale.

La carenza di zinco è manifestata dall’aumento del processo infiammatorio:

Lo zinco è un oligoelemento essenziale che influisce significativamente sulla salute, specialmente nel mantenimento del sistema immunitario. Studi i hanno riferito che il consumo di zinco ad alte dosi ha effettivamente aumentato il sistema immunitario dei pazienti con diverse malattie virali, tra cui raffreddore comune (rinovirus). Alla luce dell’improvvisa insorgenza della pandemia globale di COVID-19, c’è stato un crescente interesse nella ricerca di potenziali misure protettive e terapeutiche necessarie per frenare la diffusione incontrollabile di questo virus. La patologia del sistema respiratorio e la saturazione dell’ossigeno sono migliorate con integratori di zinco negli studi clinici. In particolare, la popolazione anziana che di solito sviluppa la sindrome respiratoria acuta ha livelli di zinco nel siero più bassi. Allo stesso modo, L’incidenza dell’80% della polmonite pediatrica è associata a bassi livelli di zinco sierico.

Rimedi erboristici per il sistema immunitario: 

Astragalo

Lo stress ossidativo svolge un ruolo chiave nella patogenesi di varie malattie. Gli antiossidanti proteggono le cellule e i tessuti dallo stress ossidativo dei radicali . Le specie di Astragalus (spp.), specialmente Astragalus membranaceus, fanno parte della  Medicina Tradizionale Cinese. Astragalus membranaceus, noto anche come Astragali radix, è usato nella Medicina Tradizionale Cinese come rimedio tonico. Inoltre, attenua l’infiammazione intestinale. È ampiamente usato in Asia orientale per prevenire alcuni gravi effetti collaterali della chemioterapia e fibrosi epatica .

 

Alnus japonica, noto anche come ontano dell’Asia orientale, cresce approssimativamente fino a 22 m. Appartiene alla famiglia Betulaceae, nota anche come famiglia delle betulle, che comprende sei generi con alberi decidui e arbusti portatori di noci. L’estratto di foglie e corteccia di Alnus japonica aumenta l’immunità contro l’influenza .Studi hanno dimostrato che l’estratto metanolo della corteccia di Alnus japonica possiede una forte attività antivirale contro il virus dell’influenza aviaria del sottotipo H9N2 . L’estratto di Alnus japonica potrebbe essere efficacemente utilizzato negli alimenti e nell’industria farmaceutica contro il virus dell’influenza.

 

Allium Sativum (Aglio)

Allium sativum appartiene alla famiglia delle Amaryllidaceae. È una pianta fiorita perenne che cresce da un bulbo e comprende un alto fusto fiorito che raggiunge un’altezza fino a 1 m. Oltre a possedere attività antibatterica, Allium sativum (aglio) ha anche proprietà antivirali. L’estratto di allium sativum ha un effetto inibitorio sul virus della bronchite infettiva aviaria, che è un RNA a singolo filamento e appartiene ai coronavirus. Ha anche mostrato il suo effetto su altri virus tra cui influenza A e B , citomegalovirus , virus dell’herpes simplex 1] e virus dell’herpes simplex-2 .

L’aglio può inibire la SARS-CoV-2 . Allium sativum è indicato per le malattie respiratorie, vale a dire raffreddore e tosse (e altri sintomi legati all’influenza . Ha effetti diaforetici, antisettici, batteriostatici e antivirali. È anche usato per trattare la  bronchite cronica e le infezioni delle vie respiratorie superiori . Inoltre, la Farmacopea britannica ritiene che i prodotti all’aglio siano indicati per raffreddori ricorrenti e pertosse .

 

Althaea officinalis L. – Malvaceae 

Althaea officinalis è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire tosse secca, irritazioni della mucosa orale e faringea .

I preparati di Althaea officinalis possono sopprimere la tosse e diminuire l’irritazione attraverso effetti antinfiammatori e lenitivi sulle vie respiratorie, dà sollievo dei primi sintomi del COVID-19. Le evidenze cliniche possono essere considerate elevate e, poiché non vengono segnalate gravi preoccupazioni per questa erboristeria, può essere valutata come alta sicurezza.

 

Andrographis paniculata (Burm.f.) Nees – Acanthaceae 

Andrographis paniculata è indicato per le malattie respiratorie, vale a dire raffreddore comune, e altre infezioni delle vie respiratorie superiori, tosse e febbre Utile in caso di dolore associato alla febbre.

 

 Cymbopogon citratus (DC.) Stapf – Poaceae

Cymbopogon citratus è indicato per infezioni respiratorie . Cymbopogon citratus è stato valutato sperimentalmente per la febbre. Un estratto standardizzato ha portato alla riduzione delle cellule infiammatorie e degli eosinofili. E’ indicato  in caso di influenza, per l’effetto antinfiammatorio sulle vie respiratorie .

 

Cordyceps

Il genere Cordyceps ha circa 750 specie identificate che sono distribuite in molte regioni del mondo, ma si trovano principalmente in Asia meridionale, Europa e Nord America. Per secoli Cordyceps, della famiglia delle Clavicipitaceae, è stato usato nella Medicina Tradizionale Cinese. Gli studi mostrano attività immunomodulatorie, antiossidanti, antitumorali, citotossiche, antinfiammatorie, antiallergiche, antidiabetiche, analgesiche, anti-HIV, antibatteriche, antimalariali e antifungine.

 

Echinacea sp. (E. angustifolia DC., E. purpurea (L.) Moench e E. pallida (Nutt.) Nutt. – Asteraceae

E’ indicata per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire quelli associati al raffreddore . I preparati di echinacea sono ampiamente utilizzati per prevenire raffreddori e altre infezioni respiratorie, come immunostimolante e in condizioni associate al disagio respiratorio. I preparati di Echinacea sono stati studiati clinicamente per l’influenza e il raffreddore. Echinacea sp. può essere utile per alleviare i sintomi respiratori, in quanto  esercita un effetto lenitivo sulle vie respiratorie. Nel complesso, un numero relativamente elevato di studi clinici e una serie di meta-analisi forniscono la prova che i preparati di Echinacea sono efficaci sia nel trattamento (riducendo i sintomi e la durata) che nella prevenzione del raffreddore comune.

 

 Eucalipto globulus Labill. – Myrtaceae 

L’eucalipto globulus è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire la tosse , espettorante e antisettico.  I preparati di olio essenziale di eucalipto globulo sono stati studiati clinicamente per malattie respiratorie (bronchite, rinite) e sono stati valutati i seguenti sintomi: tosse e irritazione alla gola. Nelle dosi tradizionali, non vi è alcuna relazione sulla tossicità di E. globulus. Tuttavia, dosi elevate possono causare nausea, vomito e diarrea .

 

Foeniculum vulgare – Apiaceae 

Foeniculum vulgare è indicato per le malattie respiratorie, vale a dire la tosse associata al raffreddore e alla febbre . Sebbene l’olio essenziale di F. vulgare presenti l’estragolo come uno dei componenti principali, e a causa della sua cancerogenicità genotossica, l’esposizione a questo composto dovrebbe essere mantenuta il più bassa possibile .

 

Ganoderma Lucidum ( Reishi)

I funghi medicinali sono stati usati per secoli come nutraceutici per migliorare la salute e per trattare numerose malattie croniche e infettive.

L’effetto antitumorale  di Ganoderma (Lingzhi) è strettamente correlato all’immunoregolazione.

Migliora la qualità della pelle e tratta problemi epidermici, ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Studi di laboratorio hanno dimostrato che Ganoderma lucidum migliora le funzioni immunitarie.

 

Ginseng

L’uso del ginseng Panax e del quinquefolius Panax nella Medicina Tradizionale Cinese risale a circa 5000 anni fa, grazie alle sue diverse proprietà benefiche e curative. Negli ultimi anni, ampie evidenze precliniche e cliniche nella letteratura scientifica di tutto il mondo hanno supportato gli effetti benefici di P. ginseng e P. quinquefolius in significative malattie del sistema nervoso centrale, metaboliche, infettive e neoplastiche. Gli studi clinici  hanno mostrato ottimi risultati  in malattie specifiche, come demenza, diabete mellito, infezioni respiratorie e cancro. .

Il ginseng è stato studiato come rimedio  defaticante. Le prove precliniche mostrano una certa attività immuno-stimolante. Ci sono stati diversi studi clinici in una varietà di malattie diverse. è meno studiato. Ci sono alcuni studi preclinici che mostrano un’attività immunitaria interessante.

Il sistema immunitario svolge un ruolo decisivo nella difesa di vari microrganismi patogeni. Astragalus membranaceus (AM) e Panax ginseng (PG) sono due erbe toniche utilizzate nella medicina tradizionale cinese (TCM) come rimedi potenzianti il sistema  immunitario.

In uno studio clinico, entrambi i rimedi  hanno mostrato contemporaneamente la capacità di rafforzare la funzione del sistema immunitario.

Glicirriza Glabra

Glycyrrhiza glabra appartiene alla famiglia delle Fabaceae ed è comunemente nota come liquirizia. La glicirrizina è il componente principale isolato dalle radici. La glicirrizina ha inibito il 50% del virus dell’epatite C (HCV) .Oltre ad essere efficace contro l’epatite e il virus dell’influenza, ha anche dimostrato il suo effetto sulla SARS CoV .

Justicia pectoralis Jacq. [syn. Dianthera pectoralis (Jacq.) J.F.Gmel.] – Acanthaceae

Justicia pectoralis (chambá) è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, come espettorante e immunostimolante . E’ stata sperimentalmente provata per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire l’asma.

Hyssopus officinalis L. ,Issopo

Hyssopus officinalis L. ha proprietà  e stomachiche carminative e antispasmodiche, è tulizzato in Iran e India .E utilizzato in caso di asma  nella Medicina Tradizionale Persiana. Ha proprietà antimicrobiche e antiossidanti. Le foglie essiccate  di H. officinalis sono state testate anche per la sua efficacia sul  virus dell’immunodeficienza (HIV).

 

Magnolia officinalis Rehder & E.H. Wilson – Magnoliaceae 

Magnolia officinalis è indicata per i sintomi di malattie respiratorie, vale a dire tosse, febbre e mancanza di respiro . La corteccia di magnolia è stata utilizzata nella medicina tradizionale cinese e giapponese per il trattamento dell’asma, delle malattie allergiche, nonché per alleviare mal di testa, dolore muscolare e febbre  e il suo principio attivo (magnololo) può migliorare  le patologie connesse al virus SARS-CoV-2 e COVID-19.

 

Malva sylvestris L. – Malvaceae

Malva sylvestris è indicato per le malattie respiratorie, vale a dire irritazioni orali o faringee e tosse secca . Prove precliniche. I preparati di Malva sylvestris sono stati studiati sperimentalmente per la tosse. L’attività anti-tussive della sua mucillagine . Malva sylvestris è stata tradizionalmente utilizzata come terapia della tosse e può essere utile per alleviare i sintomi del COVID-19 esercitando un effetto lenitivo sulle vie respiratorie.

 

Mikania glomerata Spreng. e M. laevigata Sch.Bip. ex Baker Asteraceae

Mikania glomerata è indicata per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire la tosse, e come espettorante . E’ stata utilizzata in Brasile in malattie respiratorie, come asma, tosse e infiammazione della gola  ha avuto un’inequivocabile azione broncodilatatore ed evidente effetto antitosse .Da non utilizzare durante il trattamento con FANS. L’uso può interferire con la coagulazione dovuta alla presenza di derivati della cumarina .

 

Ocimum gratissimum L. -Lamiaceae 

Ocimum gratisssimum è indicato per sintomi di raffreddore, influenza, febbre, asma, bronchite . A causa della presenza di estragolo, un cancerogeno genotossico presente in natura, O. gratissimum deve essere usato per un breve periodo, nella posologia raccomandata .

 

Pelargonium sidoides DC e/o Pelargonium reniforme Curt. -Geraniaceae 

Pelargonium sidoides è indicato per il raffreddore comune , tosse e bronchite. La specie proviene dall’Africa meridionale, e si dice che il termine Umkaloabo sia una fusione di due termini da Zulu (“Umkuhlune” – tosse e febbre; e “Uhlabo” = dolore al petto) .Gli Studi hanno dimostrato un’attività antivirale, per il coronavirus umano e rinovirus in  pazienti con asma . E’utile per alleviare i sintomi della rinosinusite acuta e del raffreddore comune negli adulti. I preparati di Umkaloabo sono generalmente considerati sicuri, anche se a dosi elevate possono verificarsi mal di stomaco, bruciore di stomaco, nausea o diarrea. Umkaloabo può essere utile nel sollievo sintomatico dei sintomi respiratori, in quanto  esercita un effetto lenitivo sulle vie respiratorie. Un numero relativamente elevato di studi clinici e una serie di meta-analisi forniscono la prova che i preparati di Umkaloabo sono efficaci sia nel trattamento (riducendo i sintomi e la durata) che nella prevenzione del raffreddore comune.

 

Pimpinella anisum L. – Apiaceae 

Pimpinella anisum è indicato per tosse e febbre . I preparati di anisum pimpinella sono stati studiati clinicamente per l’asma. L’attività broncodilatatore di P. anisum è stata valutata in uno studio che ha coinvolto 50 pazienti che presentano asma bronchiale. I pazienti hanno ingerito il tè (2 g in 200 ml di acqua), due volte al giorno per 40 giorni. Tutti i pazienti hanno presentato una riduzione degli episodi di tosse dopo 21 giorni di trattamento (da più di 6 episodi al giorno a nessuno), nonché dispnea e respiro sibilante. Inoltre, è stato osservato un miglioramento del tempo di tenuta del respiro e della frequenza respiratoria . Nelle dosi tradizionali, non vi è alcuna relazione sulla tossicità di P. anisum. Tuttavia, possono verificarsi reazioni allergiche, ad esempio la rinocongiuntivite .L’uso concomitante con farmaci antico coagulanti dovrebbe essere evitato a causa della presenza di cumarine .

 

Plantago lanceolata L. – Plantaginaceae 

Plantago lanceolata è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire tosse, faringite e febbre Altre indicazioni includono il catarro bronchiale. Plantago lanceolata fornisce sollievo sintomatico dei sintomi influenzali , esercita un effetto espettorante e antinfiammatorio.

Platycodon chinensis (Jacq). A.DC. [syn. Platycodon grandiflorus (Jacq.) A.DC.] – Campanulaceae (radici) è indicato per la tosse, come espettorante  e infezioni delle vie respiratorie superiori, mal di gola .Un estratto acquoso di P. chinensis ha presentato attività antinfiammatoria , nel trattamento dei sintomi allergici , polmonite. Due pazienti sono stati trattati con estratto acquoso di P. chinensis e agopuntura. I pazienti presentavano un miglioramento di tosse, catarro e febbre. La radiografia del torace ha mostrato una diminuzione dell’infiltrazione polmonare . Radix Platycodi deprime il sistema nervoso centrale). Pertanto, l’uso concomitante con alcol o farmaci ipnotici e sedativi dovrebbe essere evitato.

 

Polygala senega L. – Poligalaceae 

Polygala senega è indicato per la tosse , bronchite, enfisema e catarro delle vie respiratorie superiori .L’’estratto di fluido preparato con P. senega riduce la viscosità del catarro nei pazienti con bronchiectasi. Le saponine di questa specie sono solitamente irritanti per la mucosa e grandi dosi causano nausea, diarrea e vomito .L’ uso da parte di pazienti con ulcera gastrica o infiammazione gastrica dovrebbe essere evitato. L’esposizione cronica della mucosa intestinale alle saponine può anche inibire l’assorbimento attivo dei nutrienti .

 

Polypodium vulgare L. – Polipodiaceae 

Polypodium vulgare è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire la tosse .

Un lieve effetto lassativo può verificarsi quando questa pianta viene utilizzata come espettorante  Inoltre, a causa di possibili effetti ipotensivi e ipnotici, i pazienti dovrebbero essere consapevoli delle potenziali interazioni .

 

Potentilla erecta (L.) Raeusch. – Rosaceae 

Potentilla erecta è indicato per la tosse e il trattamento sintomatico di piccole infiammazioni della mucosa orale. La preparazione deve essere utilizzata per sciacquare la bocca più volte al giorno .

E’ stata segnalata l’attività antivirale contro i tipi di virus Herpes I e II, nonché l’attività citotossica contro il virus influenzale di tipo A2 e  Vaiolo bovino.

 

Primula veris L. – Primulaceae 

Primula veris è indicato per alcuni sintomi di malattie respiratorie, vale a dire tosse .

Un estratto secco di P. veris ha presentato una potenziale attività antinfiammatoria in vitro, ha inibito la replicazione del rinovirus umano (HRV) e del virus respiratorio sinciziale (RSV) . Casi di nausea, vomito, disturbi gastrici e allergie possono verificarsi in dosi superiori a quelle raccomandate .

 

Rosa canina

E’ un potente  antiossidante e fonte di vitamina C. Gli effetti antiossidanti e antinfiammatori di Rosa canina corrispondono alla sua azione clinica. La proprietà antinfiammatoria di Rosa canina suggerendo il suo potenziale ruolo di strumento terapeutico adiuvante per la gestione delle malattie infiammatorie.

 

Salix alba L., Salix sp.

Il salix alba è una pianta appartenente alla famiglia degli alberi latifolie. Salix alba è indicato come antipiretico , antinfiammatorio, nel trattamento dell’influenza e del raffreddore comune .E’ stato sperimentalmente provato per la febbre. La sua efficacia e sicurezza sono state riportate in diversi studi. L’estratto di Salix alba ha mostrato proprietà analgesiche e antinfiammatorie maggiori rispetto all’aspirina standard . I preparati salix alba sono stati studiati clinicamente per febbre e infiammazione. Uno studio randomizzato con 210 pazienti è stato condotto per valutare l’efficacia dell’estratto di corteccia Salix per il trattamento del mal di  schiena. È stato condotto un altro studio randomizzato in doppio cieco controllato con placebo che ha coinvolto 78 pazienti con osteoartrite. Pazienti con osteoartrite e dolore reumatico o mal di schiena o entrambe le condizioni, hanno avuto molto sollievo. Nei bambini può causare un rischio di sindrome di Reye, quindi non è raccomandato, inoltre, gli asmatici (sensibilità ai salicilati) a causa di reazioni gravi (broncospasmi acuti) dovrebbero evitarne l’uso .  Nel caso di trattamento con anticoagulanti, antiacidi, corticosteroidi o FANS, l’uso di salix deve essere evitato, anche in caso di disturbi gastrointestinali . A causa dei suoi effetti antipiastrinici, è considerato utile nel contesto COVID-19. I farmaci antipiastrinici o antiaggreganti piastrinici sono un gruppo di farmaci in grado di interagire negativamente con la funzione di aggregazione piastrinica, prevenendo così la formazione di trombi ed emboli di origine trombotica: tali farmaci trovano quindi utilità nei pazienti che hanno un elevato rischio di trombosi ed embolia, eventi che potrebbero condurre a pericolosi fenomeni ischemici come l’infarto del miocardio.

 

Sambucus nigra L. – Adoxaceae 

Sambucus nigra è indicato per febbre e infiammazione delle vie respiratorie, allevia i sintomi del raffreddore e dell’influenza, il mal di testa ed ha funzione espettorante .

I costituenti attivi inibiscono la biosintesi delle citochine infiammatorie e la  necrosi tumorale-α nelle cellule mononucleari periferiche umane. Diversi esperimenti in vitro e in vivo hanno mostrato gli effetti antivirali degli estratti di sambuco, contro il virus dell’influenza . I preparati di sambucus nigra sono stati studiati clinicamente per il raffreddore e l’influenza comuni. Due studi randomizzati con un estratto standardizzato, che coinvolgono pazienti che presentano sintomi influenzali e reazione positiva per il virus influenzale di tipo A o B, hanno mostrato la riduzione dei sintomi dopo il secondo giorno di trattamento, senza effetti avversi significativi . Una meta-analisi di studi clinici randomizzati ha portato alla conclusione che l’integrazione di S. nigra riduce i sintomi respiratori superiori del raffreddore e dell’influenza comuni .

Scutellaria baicalensis Georgi – Lamiaceae 

Scutellaria baicalensis è indicato per la febbre, ha proprietà  antivirali e per allevia i sintomi della bronchite . L’attività antinfiammatoria è stata valutata mediante esperimenti in vitro e in vivo, mostrando  attività analgesiche e antinfiammatorie . A dosi elevate, sono stati riportati lievi effetti lassativi. Scutellaria baicalensis non deve essere usato in persone con problematiche alla milza e stomaco .

 

Silybum marianum L. Gaertn. – Asteraceae 

Silybum marianum è indicato per la gestione delle malattie respiratorie, vale a dire febbre e catarro . S. marianum fornisce sollievo dei sintomi respiratori, esercitando un effetto antinfiammatorio sistemico.

 

Thymus vulgaris L. – Lamiaceae 

Thymus vulgaris è indicato per tosse associata a raffreddore, laringite e tonsillite . L’olio essenziale presenta attività antinfiammatoria. Un estratto acquoso di T. vulgaris è efficace contro   il virus Herpes simplex di tipo 1 (HSV-1), di tipo 2 (HSV-2) e l’Aciclovir HSV-1 . I bambini di età inferiore ai 30 mesi non dovrebbero usare questa pianta a causa di preparati contenenti timolo, che possono indurre laringospasmo .

 

Tilia cordata Mill. – Malvaceae 

Tilia cordata è indicata per i sintomi del raffreddore comune . Le procyanidine presenti nei piccoli fiori sono state valutate su una risposta infiammatoria nei neutrofili umani . I flavonoidi presenti in T. cordata esercitano un effetto ansiolitico e possono, potenzialmente, interagire con farmaci serotoninergici . E ‘utile nel sollievo dei sintomi respiratori attraverso un effetto antinfiammatorio.

 

Uncaria Tomentosa

Un certo numero di farmaci dei nativi amazzonici sono noti per avere attività antimicrobica e antinfiammatoria, anche se solo pochi sono stati studiati per le loro proprietà antivirali ed effetti immunomodulanti. I più studiati sono: Sangre de Grado (drago) (Croton lechleri) nella famiglia delle Euphorbiaceae e Una de Gato (Uncaria tomentosa) nella famiglia delle Rubiaceae.

Gli Asháninkas, indigeni del Perù, usano l’artiglio del gatto (Uncaria tomentosa) per ripristinare la salute. Uncaria tomentosa ha attività antiossidante e lavora come agente per riparare i danni al DNA. Provoca diversi effetti sulla proliferazione cellulare a seconda del tipo di cellula coinvolta; in particolare, può stimolare la proliferazione dei progenitori mieloidi e causare l’apoptosi delle cellule neoplastiche. La neutropenia è l’effetto collaterale più comune della chemioterapia. Per i pazienti sottoposti a trattamento oncologico, la somministrazione di un farmaco che stimola la proliferazione di cellule del tessuto ematopoietico sano è molto desiderabile. Riduce osteoartrite, artrite reumatoide, prostatite, malattie virali, cancro e rosacea, come  adattogeno immunomodulante nell’invecchiamento cellulare.

 

Zingiber officinale Roscoe – Zingiberaceae 

Zingiber officinale è indicato per il raffreddore e la tosse comuni , ha proprietà  anti-asma  ed espettoranti . È descritto in diversi studi preclinici che riportano le sue proprietà antinfiammatorie e antipiretiche. L’effetto antinfiammatorio dello zenzero , interferisce con la cascata infiammatoria, ed ha attività di aggregazione anti-piastrinica in vitro .

In uno studio randomizzato, 32 pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) hanno ricevuto una dieta enterale arricchita con zenzero, è stato osservato un significativo miglioramento dell’ossigenazione. Gli autori degli studi clinici hanno descritto che vi era una differenza significativa nella durata della ventilazione meccanica e nel tempo speso nell’unità di terapia intensiva. Studi clinici hanno trovato lo zenzero efficace e sicuro per prevenire nausea e vomito associati alla gravidanza. A dosi elevate si possono manifestare    disturbi allo stomaco, dispepsia e nausea .Dosi elevate di zenzero possono aumentare gli effetti della terapia anticoagulante . L’uso è controindicato per le persone con calcoli biliari, irritazione gastrica e ipertensione .

Rimedi erboristici utilizzati per alleviare i sintomi legati alle condizioni respiratorie non elencati dalle monografie internazionali:

Alcune specie, sebbene senza il supporto di documenti ufficiali, sono state ampiamente utilizzate per alleviare i comuni sintomi del raffreddore, di solito come preparati fatti in casa. Alcuni di essi vengono analizzati qui, nel contesto COVID-19.

 

Citrus limon (L.) Burm. f. Rutaceae 

Il limone di agrumi è stato usato per alleviare la tosse,mal di gola,  come espettorante nella bronchite e come antinfiammatorio .  Il succo di limone  presenta attività anti-piastrinica, pertanto, l’uso concomitante con farmaci anti-piastrine dovrebbe essere evitato.

 

Culcitium canescens. – Asteraceae

In Perù e nei paesi confinanti, culcitium canescens è usato per alleviare la tosse e la febbre .Un’altra indicazione correlata include l’asma .

 

Laurus nobilis L. – Lauraceae

Laurus nobilis è usato per trattare le infezioni respiratorie .).Uno studio in vitro esamina la SARS-CoV e l’effetto di diversi oli essenziali. Gli autori hanno riferito che un olio distillato estratto dalle bacche di Laurus nobilis era un efficace virucida contro la SARS-CoV. L’olio essenziale di L. nobilis è stato anche valutato per le sue attività antinocicettive e antinfiammatorie, ha mostrato un significativo effetto analgesico . L. nobilis è stato usato come cibo fin dai tempi antichi, pertanto, è utile per alleviare i sintomi respiratori, in quanto esercita effetti antivirali e antinfiammatori sulle vie respiratorie.

Lippia graveolens Kunth. – Verbenaceae

Lippia graveolens è usata per trattare i sintomi delle malattie respiratorie e come antinfiammatorio . Da’ sollievo ai sintomi respiratori .

 

Nigella sativa L. – Ranunculaceae

I semi neri sono conosciuti a livello globale come spezia e alimento. Nella medicina araba, hanno utilizzo  molto alto . Nel contesto del COVID-19, gli usi rilevanti sono per l’asma e nella gestione più generale delle condizioni infiammatorie. In molti paesi arabi, il seme nero è usato per l’asma e la tosse, per le malattie gastrointestinali (come dolore addominale, mal di stomaco, coliche), reumatismi, malattie della pelle. Studi clinici hanno mostrato effetti positivi sull’infiammazione polmonare e sullo stress ossidativo . Alcuni studi dimostrano benefici clinici nei pazienti asmatici. In uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo, l’integrazione della terapia standard con capsule di N. sativa ha migliorato l’asma e migliorato la funzione polmonare.

Il seme nero può essere utile nel sollievo dei sintomi respiratori principalmente associati alla tosse grave sperimentata e può ridurre i parametri infiammatori.

 

Plectranthus amboinicus Lour. – Lamiaceae

Plectranthus amboinicus è stato usato nel trattamento dell’asma e per alleviare raffreddore, mal di testa e febbre . Contiene acidi rosmarinico, caffeico, gallico e p-cumarico, derivati della quercetina, luteolina) .Estratti acquosi ed etanotici di P. amboinicus presentano  attività antinfiammatoria in vitro ed effetti inibitori sulle citochine pro-infiammatorie . I bambini, di età inferiore ai 30 mesi, non dovrebbero usare questa pianta a causa di preparati contenenti timolo, possono indurre laringospasmo .

Houttuynia Cordata

Houttuynia cordata appartiene alla famiglia delle Saururaceae ed è per lo più confinata nell’habitat umido. E’ efficace nell’inibire l’infettività del virus dengue (DENV e il virus della bronchite infettiva aviaria . La quercetina ha mostrato attività anti-influenzale) e ha inibito la replicazione del virus nelle fasi iniziali dell’infezione. Il distillato di stelo della Houttuynia cordata ha mostrato attività inibitoria contro il virus dell’herpes simplex-1, il virus dell’influenza e il virus dell’immunodeficienza umana-1 senza alcuna citotossicità .Houttuynia cordata ha mostrato una significativa inibizione della SARS-CoV. L’estratto di Houttuynia cordata (HC) ha inibito con successo la SARS-CoV3C e l’RNA polimerasi dipendente dall’RNA (RdRp) .

 

Licoris Radiata

Lycoris radiata, comunemente noto come giglio ragno rosso, fiore infernale, giglio magico rosso, o talvolta chiamato fiore di equinozio, appartiene alla famiglia delle Amaryllidaceae. La licorina il componente attivo di Lycoris radiata ha inibito con successo il virus dell’influenza, che è responsabile dell’infezione da influenza aviaria . Anche i derivati della licoricidina ottenuti dal bulbo di Lycoris radiata hanno dimostrato l’attività del virus anti-epatite C . L’estratto etanolarico della corteccia del gambo della pianta ha inibito con successo la SARS-CoV.

 

Terminalia chebula, Mirabolano

Terminalia chebula è originario dell’Asia meridionale, dall’India e dal Nepal da est a sud-ovest della Cina, e a sud dello Sri Lanka, della Malesia e del Vietnam. E’ un’importante pianta medicinale ayurvedica, usata come rimedio per problemi dell’apparato digerente, ferite, infiammazione gengivale, asma, tosse, ecc. È lassativo, stomachico, espettorante, emostatico e tonico. Inoltre, mostra proprietà antifungine e antibatteriche. Terminalia chebula è ampiamente studiata per le sue attività antiossidanti, epatoprotettive, neuroprotettive, citotossiche, antidiabetiche, antinfiammatorie .

 

Tinospora Cordifolia

La tinospora cordifolia, comunemente chiamata Guduchi o Giloy, appartiene alla famiglia delle Menispermaceae. La pianta è una vite erbacea che porta foglie a forma di cuore.

L’estratto di tinospora cordifolia ha proprietà antibatteriche, antifungine e antivirali. L’estratto di fusto della Tinospora cordifolia ha inibito con successo il virus dell’herpes simplex e  una diminuzione dell’incidenza di vari sintomi associati all’HIV.

 

Vitex Trifolia

Vitex trifolia appartiene alla famiglia delle Verbenaceae. L’olio essenziale di Vitex trifolia viene utilizzato come antinfiammatorio e contro mal di testa, raffreddore, tosse, disturbi del fegato e HIV .A causa dell’alto contenuto dei composti fenolici come acido fenolico, flavoni e flavonoli, è stato analizzato che l’estratto metanolo contiene proprietà antiossidanti e anticancro .

 

Zafferano x stress e ansia:

La depressione è uno dei disturbi psichiatrici più diffusi ed è stato stimato che colpisce oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo, rappresentando circa il 4,4% della popolazione totale mondiale È probabile che le cifre effettive siano più elevate, poiché questo tasso include solo i casi diagnosticati con livelli subclinici di disturbi dell’umore altamente prevalenti .Esistono trattamenti farmacologici, ma diversi articoli hanno sottolineato gli effetti collaterali di tali trattamenti, tra cui nausea e sonnolenza. Tra le soluzioni non farmacologiche per migliorare i sintomi subclinici dell’umore e la resilienza allo stress, i prodotti naturali come lo zafferano nei principali disturbi depressivi rappresentano una strategia efficace. L’estratto di zafferano migliora i sintomi depressivi subclinici in individui sani e può contribuire a una maggiore resilienza contro lo sviluppo di disturbi psichiatrici correlati allo stress.

Lo zafferano è prodotto dallo stigma essiccato di Crocus sativus L. Gli stimmi di zafferano sono naturalmente ricchi di quattro principali composti bioattivi: crocina, crocetina  sono tradizionalmente usati nella medicina asiatica, in particolare persiana, per trattare una serie di disturbi fisici tra cui dolori mestruali, infiammazione e sintomi depressivi . Una meta-analisi di cinque studi clinici ha rivelato un effetto terapeutico dello zafferano rispetto al placebo e a un’efficacia antidepressiva simile rispetto ai farmaci antidepressivi .

Alcuni fattori ambientali possono essere coinvolti nell’insorgenza e nello sviluppo di sintomi depressivi. Tra questi fattori, gli eventi cronici di una  vita stressante durante l’età adulta possono attivare o amplificare l’espressione dei sintomi depressivi. Mentre alcune persone esposte a eventi stressanti non mostrano segni o sintomi di depressione, altre esposte allo stress psicologico sono vulnerabili . In risposta allo stress psicologico, si verificano una serie di cambiamenti neurobiologici. È interessante notare che lo zafferano può ridurre i livelli plasmatici di suggerendo una potenziale modulazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrenale. Un singolo studio ha dimostrato che le donne sane esposte all’aroma di zafferano per 20 minuti hanno sperimentato una diminuzione dei livelli di cortisolo salivare, accompagnato da una diminuzione dell’ansia .

L’estratto di zafferano riduce l’umore depressivo in individui sani che sperimentano disturbi dell’umore, ha un  effetto benefico sulla frequenza cardiaca, in risposta a eventi stressanti  psicosociali , aumenta la resilienza contro lo sviluppo di disturbi psichiatrici correlati allo stress.

Rimedi erboristici per stress, ansia insonnia:

Sessantasei studi controllati sono stati localizzati coinvolgendo undici fitofarmaci. Hypericum perforatum per la depressione maggiore e Piper methysticum per i disturbi d’ansia. Diversi studi clinici sull’uomo forniscono prove positive preliminari di effetti antidepressivi (Echium amoenum, Crocus sativus e Rhodiola rosea) e attività ansolitica (Matricaria recutita, Ginkgo biloba, Passiflora incarnata, E. amoenum e Scutellaria lateriflora). Occorre tuttavia prestare attenzione quando si interpretano i risultati, poiché molti studi non sono stati replicati.

Sessantasei studi controllati sono stati localizzati coinvolgendo undici fitofarmaci. Molti di questi forniscono un alto livello di evidenza, come Hypericum perforatum sia efficace per la depressione maggiore e Piper methysticum per i disturbi d’ansia. Diversi studi clinici sull’uomo forniscono prove positive preliminari di effetti antidepressivi di Echium amoenum, Crocus sativus e Rhodiola rosea e attività ansiolitica di Matricaria recutita, Ginkgo biloba, Passiflora incarnata, E. amoenum e Scutellaria lateriflora.

La ricerca moderna sulla medicina a base di erbe in psichiatria, sebbene ancora agli inizi, è aumentata negli ultimi anni con un aumento del 50% della letteratura in 5 anni fino al 2008 . La ricerca sulle piante psicoattive che possono influenzare il sistema nervoso centrale (SNC) è fiorita, con un’abbondanza di studi in vitro e in vivo che convalidano l’efficacia di molti rimedi fitoterapici con  effetti positivi sull’equilibrio mente – corpo. A parte i notevoli costituenti psicoattivi isolati dalle piante (di solito contenenti alcaloidi) come la cocaina della coca Erythroxylon (coca), la morfina di Papaver somniferum (papavero da oppio), o l’arecolina di Areca catechu (noce betel), altre piante meno potenti, come l’Hypericum perforatum (erba di San Giovanni), hanno sviluppato prove di attività terapeutica benefica negli ultimi decenni .Molti di questi rimedi  psicotropi hanno  meno effetti collaterali rispetto alle farmacoterapie convenzionali come antidepressivi (sintomi colinergici, disfunzione sessuale, insonnia e problemi di astinenza) e benzodiazepine (sonnolenza, dipendenza e problemi di astinenza.

La presenza di diversi composti psicoattivi in una pianta può avere un effetto “sinergico, concetto espresso da millenni nei sistemi medicinali tradizionali, ad esempio Medicina Tradizionale Cinese  e Ayurveda. Un esempio di sinergia può essere trovato in Salvia spp. (salvia), nota per avere proprietà pro-cognitive e colinesterasi inibitorie.

Un concetto correlato alla sinergia è quello della “polivalenza” che, a differenza della sinergia , che in senso stretto si riferisce a un singolo effetto farmacologico, descrive la gamma di attività biologiche  di un  fitoterapico. La polivalenza può verificarsi a causa della presenza di una varietà di sostanze chimiche, ognuna con effetti fisiologici diversi, o della presenza di una particolare sostanza chimica che ha più di un effetto fisiologico rilevante per la malattia . Valeriana officinalis (valeriana) contiene componenti con una gamma di proprietà rilevanti per l’ansiolisi, il rilassamento muscolare e la promozione del sonno  .

Meccanismi d’azione psicotropi a base di erbe:

I meccanismi d’azione dei rimedi  vegetali utilizzati per il trattamento dei disturbi psichiatrici comportano principalmente la modulazione della comunicazione neuronale, attraverso specifici metaboliti vegetali che si legano ai recettori neurotrasmettitori /neuromodulatori, lo stimolare, il sedare l’attività del SNC , regolare o sostenere la a funzione del sistema endocrino  I rimedi erboristici hanno antidepressivi, ansiolitici, nootropici (miglioramento cognitivo), sedativi, ipnotici e analgesici , funzioni adattogene e toniche per l’ umore, ansia e disturbi del sonno.

macchie proteiche hanno espressioni sovrapposte, con le più colpite che coinvolgono il metabolismo energetico. L’analisi western del gonfiore ha rivelato che sia l’erba che la clomipramina hanno aumentato l’espressione di due forme di DRP-2, una proteina coinvolta nella crescita e rigenerazione assonale, mentre la proteina shock termico 70 (gene pieghevole neuronale-proteina) è stata anche trovata aumentata. Il significato di questi studi è che forniscono la prova che H. perforatum non solo influisce sulla trascrizione di molti geni, ma modula espressioni genetiche simili a un antidepressivo convenzionale. Futuri studi proteomici simili di altri psicotropi a base di erbe promettono di rivelare espressioni genetiche simili comuni alle farmacoterapie convenzionali.

Antidepressivi a base di erbe e depressione:

Negli ultimi anni, una maggiore attenzione si è concentrata anche sul ruolo delle anomalie neuro‐endocrinologiche che coinvolgono l’eccesso di cortisolo .

Diversi farmaci vegetali hanno rivelato una serie di attività antidepressiva . Hipericum perforatum, Rhodiola, Crocus sativus (zafferano) offrono buoni risultati nel  trattamento di questo disturbo .

Alcuni farmaci a base di erbe con effetti elevanti dell’umore, come Rodhiola. rosea e Crocus sativus, mostrano anche effetti ansiolitici. Ciò può essere dovuto alla modulazione di percorsi neurologici che hanno sia effetti antidepressivi che ansiolitici (ad esempio GABA, serotonina e sistemi noradrenalina. Uno studio ha scoperto che  che Piper methysticum  oltre alla riduzione dell’ansia, ha anche fornito una riduzione statisticamente significativa della depressione .

Erbe, insonnia e ansia:

L’insonnia è un’afflizione comune nelle società occidentali, che coinvolge il sistema neuroendocrino. Ciò è causato  causato da anomalie nel ritmo circadiano (, secrezione di melatonina e recettori dell’adenosina), percorsi GABA, fattori endocrini (alto cortisolo) .

Ipnotici e sedativi a base di erbe come Valeriana spp. e Humulus lupulus modulano i recettori dell’adenosina . Zizyphus jujuba e Valeriana officinalis, comunemente usati in fitoterapia per l’insonnia, possono essere usati anche per trattare l’ansia poichè le sostanze che agiscono come sedativi lievi causano rilassamento e riduzione dell’ansia.

Depressione e fitoterapia:

Diversi medicinali a base di erbe con effetti antidepressivi nei modelli preclinici sono stati sottoposti a sperimentazioni cliniche .Una recente meta-analisi di H. perforatum , ha evidenziato che tale rimedio ha una migliore tollerabilità rispetto ad alcuni antidepressivi .

L estratto concentrato di C. sativus ha dimostrato un significativo miglioramento della depressione.

La Griffonia simplicifolia è distribuita dalla Liberia al Gabon. La pianta di Griffonia simplicifolia si trova principalmente nei paesi dell’Africa occidentale del Ghana, della Costa d’Avorio e del Togo.

L’estratto di semi di Griffonia simplicifolia esercita un effetto ansiolitico. Rimedio adatto per coloro che soffrono di depressione e insonnia.

Uno studio particolare voleva valutare se usarlo insieme all’acido gamma-amminobutirrico GABA avrebbe aiutato a dormire anche quando ai soggetti era somministrata caffeina.   I risultati finali hanno mostrato che induce il sonno e ne consente una migliore qualità e durata. Un altro studio voleva vedere se l’uso di questo composto aiutava con il sonnambulismo e altri gravi problemi di sonno.  I risultati di tale test hanno dimostrato che era utile. E’ utile nel trattamento dell’insonnia, specialmente nel migliorare la qualità del sonno aumentando il sonno REM.

L’estratto di P. incarnata ha rivelato l’efficacia equivoca all’oxazepam  nel ridurre l’ansia, con meno effetti collaterali. Matricaria recutita modera l’ ansia in modo significativo. Gli studi su Ginkgo biloba (ginkgo), hanno rivelato una significativa riduzione dell’ansia.). H. perforatum è stato studiato anche per la fobia sociale e gli studi hanno mostrato miglioramenti nei soggetti trattati.

Molti dei farmaci vegetali ansiolitici esaminati hanno potenziali applicazioni aggiuntive. Questi includono il miglioramento dell’umore (Melissa officinalis o Piper methysticum), azione sedativa o ipnotica per l’insonnia (P. incarnata o Scutellaria lateriflora), la riduzione della tensione muscolare o del dolore (Escolzia californica),  il miglioramento della cognizione attraverso attività nootropiche (Bacopa monnieri: brahmi o Ginko biloba) . Withania somnifera e Centella asiatica possono anche fornire un effetto adattogeno . Passiflora officinalis è l’unica pianta  con sufficiente ricerca di adeguato rigore nell’area . Meta-analisi hanno dimostrato un miglioramento della qualità soggettiva del sonno,

Albizia  (Mimosa), Melissa officinalis, Ziziphus. jujuba ed E. californica sono stati studiati negli ultimi tre decenni in modelli preclinici con risultati positivi, tuttavia sorprendentemente questi non sono stati studiati come monoterapie nel trattamento dei disturbi psichiatrici, depressione, ansia e insonnia. I presenti rimedi,  esaminati  clinicamente, sono utilizzati nella moderna pratica fitoterapica per trattare ansia, depressione e insonnia. Alcuni hanno applicazioni specifiche che possono essere utilizzate per condizioni complesse:

  • Bacopa monnieri è considerata benefica nel trattamento dell’insufficienza cognitiva.
  • Escolzia californica è stata usata per l’insonnia e il dolore.
  • Melissa officinalis è usata per disturbi gastrointestinali come dispepsia nervosa.
  • Withania somnifera e Panax ginseng sono considerati “tonici” che ,attraverso la modulazione neuroendocrina, possono alleviare la stanchezza.

 

Un ampio studio ha utilizzato  una combinazione di H. perforatum e Valeriana. officinalis per trattare la depressione che si verifica insieme all’ansia . I risultati hanno dimostrato un notevole successo .Esistono altre potenziali combinazioni che possono essere benefiche nel trattamento della depressione: formulazioni che coinvolgono combinazioni di Rodhiola rosea, Crocus sativus, Albizia julibrissin e H. perforatum possono fornire maggiori effetti antidepressivi sinergici per il trattamento della depressione.

Nel trattamento dell’ansia, nuove formulazioni tra cui P. incarnata, Scutellaria lateriflora, in combinazione con P. methysticum possono rivelarsi benefiche. Ulteriori ricerche, che utilizzano Ziziphus jujuba e Vitex agnus castus in combinazione con altri ipnotici, possono fornire benefici nell’insonnia.

Per quanto riguarda il sistema immunitario ti suggerisco :

 

OROVITA ECHINACEA

OROVITA ISSOPO

RUGIADA TIMO

RUGIADA UNCARIA

REISHI

CORDYCEPS

ROSA CANINA

AURA F7 

GINSENG +

 

 

Per quanto riguarda il  sistema nervoso, ansia, insonnia, stress, depressione, trauma,  ti suggerisco l’assunzione di :

 

OROVITA MELISSA

OROVITA HYPERICO

MIRABOLANO

AURA E12 

AURA E10 

AURA E9 

AURA F16 

OROVITA PASSIFLORA

 

Fonti principali:

Articoli  scientifici :

Food as medicine: A possible preventive measure against coronavirus disease (COVID-19) – PubMed (nih.gov)

The Antioxidant Effects of Radix Astragali (Astragalus membranaceus and Related Species) in Protecting Tissues from Injury and Disease – PubMed (nih.gov)

Astragalus membranaceus Extract Attenuates Inflammation and Oxidative Stress in Intestinal Epithelial Cells via NF-κB Activation and Nrf2 Response – PubMed (nih.gov)

Astragalus membranaceus Extract Attenuates Inflammation and Oxidative Stress in Intestinal Epithelial Cells via NF-κB Activation and Nrf2 Response (nih.gov)

 Panax ginseng and Panax quinquefolius: From pharmacology to toxicology – PubMed (nih.gov)

Systematic exploration of Astragalus membranaceus and Panax ginseng as immune regulators: Insights from the comparative biological and computational analysis – ScienceDirect

The genus Cordyceps: An extensive review of its traditional uses, phytochemistry and pharmacology – PubMed (nih.gov)

Antitumor Effect of Ganoderma (Lingzhi) Mediated by Immunological Mechanism and Its Clinical Application – PubMed (nih.gov)

Preventive and Therapeutic Effect of Ganoderma (Lingzhi) on Skin Diseases and Care – PubMed (nih.gov)

Suppression of proliferation and oxidative stress by extracts of Ganoderma lucidum in the ovarian cancer cell line OVCAR-3 – PubMed (nih.gov)

Medicinal Plants for the Treatment of Asthma: A Traditional Persian Medicine Perspective | Bentham Science (eurekaselect.com)

Rosa canina – Rose hip pharmacological ingredients and molecular mechanics counteracting osteoarthritis – A systematic review – PubMed (nih.gov)

Review of antiviral and immunomodulating properties of plants of the Peruvian rainforest with a particular emphasis on Una de Gato and Sangre de Grado – PubMed (nih.gov)

Uncaria tomentosa stimulates the proliferation of myeloid progenitor cells – PubMed (nih.gov)

Uncaria tomentosa – PubMed (nih.gov)

Cellular and molecular mechanisms of immuno-modulation by Ganoderma lucidum – PubMed (nih.gov)

Fruits of Terminalia chebula Retz.: A review on traditional uses, bioactive chemical constituents and pharmacological activities – PubMed (nih.gov)

Natural Products and Nutrients against Different Viral Diseases: Prospects in Prevention and Treatment of SARS-CoV-2 – PubMed (nih.gov)

Formulations of dietary supplements and herbal extracts for relaxation and anxiolytic action: Relarian – PubMed (nih.gov)

Anxiolytic effects of a combination of Melissa officinalis and Valeriana officinalis during laboratory induced stress – PubMed (nih.gov)

Attenuation of laboratory-induced stress in humans after acute administration of Melissa officinalis (Lemon Balm) – PubMed (nih.gov)

Effects of Saffron Extract Supplementation on Mood, Well-Being, and Response to a Psychosocial Stressor in Healthy Adults: A Randomized, Double-Blind, Parallel Group, Clinical Trial (nih.gov)

Herbal medicine for depression, anxiety and insomnia: a review of psychopharmacology and clinical evidence – PubMed (nih.gov)

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Ayurveda, salute e detox

Ayurveda, salute e detox

 

Etere, Aria, Fuoco, Acqua e Terra, i cinque elementi fondamentali, si manifestano nel corpo umano come tre principi di base, o stati d’animo, noti come tridosha.

Etere + Aria = Vata :

Dagli elementi di Etere e Aria si manifesta il principio Aria, nella terminologia sanscrita è chiamato vata dosha.

Acqua + Fuoco = Pitta :

Gli elementi di Fuoco e Acqua si manifestano nel corpo come il principio di Fuoco chiamato Pitta

Terra + Acqua = Kapha :

Gli elementi della Terra e dell’Acqua si manifestano come l’umore acquatico del corpo noto, come kapha.

 

Questi tre elementi  vata-pitta-kapha – governano tutte le funzioni biologiche, psicologiche e fisiopatologiche del corpo, della mente e della coscienza. Agiscono come costituenti fondamentali e barriere protettive nelle normali condizioni fisiologiche. Quando invece sono in uno stato di squilibrio, contribuiscono ai processi della malattia.

I tridosha sono responsabili delle preferenze naturali e individuali nel cibo, cioè sapore, temperatura e così via. Governano la creazione, il mantenimento,  la distruzione dei tessuti corporei e l’eliminazione dei prodotti di scarto dal corpo. Sono anche responsabili di fenomeni psicologici, tra cui alcune emozioni come la paura, la rabbia e l’avidità e del più alto grado di emozioni umane come la comprensione, la compassione e l’amore. In questo modo, i tridosha sono il fondamento dell’esistenza psicosomatica dell’uomo.

In sanscrito, la costituzione è chiamata Prakryti, un termine che significa “natura”, “creatività” o “la prima creazione”.

Nel corpo umano, la prima espressione dei cinque elementi fondamentali è la costituzione. La costituzione di base dell’individuo rimane invariata per tutta la vita, così come è determinata geneticamente. La combinazione degli elementi presenti al momento della nascita rimane costante. Tuttavia, la combinazione degli elementi che governano le trasformazioni fisiopatologiche continue nel corpo, viene alterata in risposta ai cambiamenti in atto nell’ambiente.

Nel corso della vita c’è un’interazione incessante tra l’ambiente interno e l’ambiente esterno. L’ambiente include la somma delle forze cosmiche (macrocosmo), mentre le forze interne (microcosmo) sono governate da vata-pitta-kapha. In Ayurveda, un principio fondamentale di cura afferma che  si può stabilire  equilibrio tra le forze interne che agiscono nell’individuo. Ciò si ottiene alterando la dieta e le abitudini di vita, al fine di contrastare i cambiamenti che hanno avuto luogo all’esterno.

Pitta governa la digestione, l’assorbimento, l’assimilazione, la nutrizione, il metabolismo, la temperatura corporea, la colorazione della pelle, lo splendore degli occhi e anche l’intelligenza e la comprensione.

Psicologicamente pitta dà origine a rabbia, odio e gelosia. L’intestino tenue, lo stomaco, le ghiandole sudoripare, il sangue, il grasso, gli occhi e la pelle sono sedi di pitta, che è formato da  Fuoco e Acqua.

L’eccesso di pitta disturba il metabolismo, l’eccesso di kapha aumenta il tasso di anabolismo e l’eccesso di vata crea emaciazione (catabolismo).

Pitta dosha

Le persone pitta hanno molte lentiggini,  la carnagione è  giallastra e rossastra. La pelle è morbida, calda e meno rugosa della pelle vata. I capelli sono sottili, setosi, rossi o marroni e c’è una tendenza all’incanutimento precoce e alla loro perdita. Gli occhi sono grigi, verdi o marroni rame e sottili; i bulbi oculari sono di media grandezza. La congiuntiva  è umida,le unghie sono morbide. La forma del naso è spigolosa e la punta tende ad essere rossastra.

A livello fisico, queste persone hanno un forte metabolismo, una buona digestione e buon  appetito. Gli individui della costituzione pitta ingeriscono abitualmente grandi quantità di cibo e bevande. I tipi pitta hanno una propensione naturale per  sapori dolci, amari e astringenti e amano le bevande fredde. Il loro sonno è di media durata, ma ininterrotto. Producono molta urina e le feci sono giallastre, liquide, morbide e abbondanti. C’è una tendenza verso un’eccessiva sudorazione. La temperatura corporea può essere leggermente alta; mani e piedi tenderanno ad essere caldi. I tipi pitta non tollerano bene la luce solare, il calore o il duro lavoro.

A livello psicologico, le persone pitta hanno una buona comprensione; sono molto intelligenti e acute e tendono ad essere molto bravi nel parlare. Tendono a provare  odio, rabbia e gelosia. Sono persone ambiziose a cui in genere piace dirigere. Le persone pitta apprezzano la prosperità materiale e tendono ad essere ricche. Si rallegrano nell’esporre la loro ricchezza .

Squilibrio e malattia 

Lo squilibrio che causa la malattia può avere origine nella coscienza sotto forma di una certa consapevolezza negativa e può quindi manifestarsi nella mente, dove il seme della malattia può trovarsi nel subconscio più profondo, sotto forma di rabbia, paura o attaccamento. Queste emozioni si manifestano nel corpo attraverso la mente. La paura repressa creerà danni al Vata; rabbia, un eccesso pitta, invidia, avidità e attaccamento aggraveranno kapha. Questi squilibri nel tridosha influenzeranno la resistenza naturale del corpo (il sistema immunitario, agni) e in questo modo, il corpo sarà soggetto alla malattia. Agni è il fuoco biologico che governa il metabolismo. È simile a pitta nella sua funzione e può essere considerato parte integrante del sistema pitta nel corpo, funzionando come agente catalitico nella digestione e nel metabolismo. Pitta contiene energia e calore che aiuta la digestione:  questa energia termica è agni. Pitta e agni sono essenzialmente la stessa cosa con questa sottile differenza: pitta è il contenitore e agni è il contenuto.

Il ruolo fondamentale di pitta nella digestione 

Pitta si manifesta nello stomaco come Fuoco  gastrico, agni. Agni è di natura acida e la sua azione consuma  il cibo e stimola la digestione.

Agni è presente e necessario in ogni tessuto e cellula per mantenere la nutrizione tissutale e per il mantenimento del meccanismo autoimmune. Agni distrugge microrganismi, batteri e tossine estranee nello stomaco e nell’intestino tenue e crasso. In questo modo, agni protegge la flora batterica di questi organi. La longevità dipende da agni. Intelligenza, comprensione e percezione sono anche funzioni dell’Agni. Il colore della pelle è mantenuto da agni e i sistemi enzimatici e metabolici dipendono interamente da agni. Finché agni funziona correttamente, i processi di scomposizione del cibo, l’assorbimento e l’assimilazione nel corpo opereranno armoniosamente.

Quando agni è indebolito a causa di uno squilibrio nei tridosha, il metabolismo è drasticamente influenzato. La resistenza del corpo e del sistema immunitario è indebolita. I componenti del cibo rimangono non digeriti e non assorbiti. Si accumulano nell’intestino crasso diventando una sostanza eterogenea  appiccicosa e con un cattivo odore , chiamata Ama, che si   manifesta quando la funzione di agni è ritardata. Tuttavia, anche un’iperattività di agni è dannosa. Quando agni diventa iperattivo, il processo di digestione, a causa di un’eccessiva combustione, distrugge i normali nutrienti biologici del cibo. Ciò causa emaciazione e questa condizione indebolisce anche il sistema immunitario del corpo.

Squilibrio di pitta 

L’eccesso di pitta può causare un alto tasso di acidità nelle urine. Inoltre, anche le sostanze che stimolano l’orinazione, come tè, caffè e alcol, possono aggravare la pitta. Un aumento di pitta sarà causato da: cibi piccanti, burro di arachidi, frutta acida, pomodori, aglio, banane e papaia. Gli alimenti che inibiscono pitta sono: mango, arance, peri, prugne, germogli, insalata verde, semi di girasole, asparagi e funghi.

Il ruolo  chiave dell’alimentazione 

Se ingerisci costantemente sostanze che hanno caratteristiche opposte a quelle del tuo corpo, queste  prevarranno e causeranno  danni. È il cibo che nutre il corpo, la mente e la coscienza, quindi il modo in cui mangi è importante. Quando sei a tavola, dovresti sederti in posizione verticale ed evitare distrazioni come la conversazione televisiva o la lettura. Concentrati sul gusto del cibo e sii consapevole di ciò  di cui ti nutri. Mastica con amore e compassione e sperimenterai chiaramente i sapori. Il  sapore non è originato dal cibo, ma ha avuto origine dall’esperienza di chi mangia. Se il tuo agni è danneggiato, non ti godrai correttamente il cibo perché il gusto del cibo dipende da agni. Le spezie aiutano ad eccitare agni, oltre a purificare il corpo e arricchire il gusto del cibo.

Primavera e disintossicazione 

La primavera, da marzo a maggio, è la congiunzione tra inverno ed estate. Kapha è aggravato all’inizio della primavera e pitta è nella sua parte finale. All’inizio della primavera, il kapha accumulato durante l’inverno viene liquefatto e lentamente asciugato. Il calore a tarda primavera aumenta il calore pitta nel corpo, aumenta  i disturbi di Pitta come diarrea estiva, occhi arrossati, scottature solari, orticaria, dermatite.

La disintossicazione è importante perché può letteralmente invertire i sintomi della malattia e cambiare le nostre vite. Esistono molti tipi diversi di protocolli di disintossicazione ed è importante trovarne uno che funzioni bene per noi, a seconda della costituzione, seguirai diversi programmi di disintossicazione. Disintossicare significa rimuovere veleni o tossine. Il nostro corpo ha un sistema naturale di gestione dei rifiuti, i rifiuti vengono eliminati attraverso l’urina, il sudore e le feci. Filtriamo l’aria che respiriamo, il cibo e le bevande che consumiamo e tutto ciò che assorbiamo attraverso la nostra pelle. La nostra circolazione sanguigna, il tratto digestivo, il fegato, i reni e i polmoni sono tutti sistemi che funzionano in modo efficiente ed efficace nelle giuste condizioni.

I problemi sorgono quando sovraccarichiamo. Bere caffè e alcol ogni giorno, respirare aria carica di piombo inquinato, mangiare cibi artificiali pieni di additivi e zuccheri, mangiare troppo e non dormire abbastanza, sentirsi stressati. Questi fattori esauriscono il nostro corpo e gradualmente la loro capacità di eliminare i rifiuti diminuisce e le tossine si accumulano. Smettiamola di prosperare. È importante sapere quando è il momento di eliminare lo squilibrio psicofisico e snellire il tuo corpo come farei con il tuo guardaroba alla fine di ogni stagione.

Le tossine

Le tossine sono le sostanze che interrompono  l’equilibrio  interno e creano disarmonia del sistema di organi.

Includono prodotti di scarto provenienti da normali attività metaboliche del corpo, come materiale fecale, anidride carbonica e urea, nonché inquinanti ambientali come metalli pesanti, radicali liberi, batteri e virus. Le tossine portano a malattie e persino all’invecchiamento precoce.

Una lunga lista di sintomi è associata all’accumulo di tossine nel corpo, tra cui mal di testa, mal di schiena e mal di schiena, crampi mestruali, gonfiore, arti gonfi, senso di costrizione toracica, eruttazione eccessiva, reflusso, scarso appetito, stitichezza o diarrea, occhi iniettati dal sangue, sete, alito cattivo, ulcere e problemi alla pelle.

Il fegato, l’intestino tenue, i reni e il colon sono i principali organi coinvolti nel sistema di disintossicazione del corpo.

Non è necessario fare una drastica pulizia del corpo, a base di succhi, della durata di 30 giorni , per ottenere i benefici della disintossicazione, con i rimedi ayurvedici puoi :

 

  • Migliorare la digestione (rimozione di materiale putrido associato al gas e cattivi odori corporei.
  • Riequilibrare il sistema intestinale.
  • Aumentare i livelli di energia e favorire una sensazione di benessere
  • Aumentare l’assorbimento dei nutrienti
  • Aumentare l’efficienza dei sistemi corporei e delle funzioni degli organi.

Ricorda che ….

I segni di cattiva salute del fegato includono una carnagione opaca, acne, problemi agli occhi arrossati, visione offuscata, debolezza muscolare e insonnia.

 

Alcuni rimedi naturali per la disintossicazione e la purificazione

 

Cipolle

aiutano a ridurre il colesterolo e sono un buon tonico per il cuore: l’azione delle cipolle aiuta a ridurre il battito cardiaco. Mezza tazza di succo di cipolla fresca con due cucchiaini di miele, per uso interno, allevia asma, tosse, spasmi, nausea, vomito e aiuterà anche a distruggere i vermi intestinali.

Coriandolo

E’ un diuretico naturale e può essere utilizzato quando si verifica una sensazione di bruciore. Si può  preparare un’infusione versando acqua bollente sui semi mentre sono nel colino. Questa infusione rende l’urina più alcalina ed è utile anche nei casi di indigestione, gas intestinali, nausea e vomito. Succo di coriandolo fresco (coriandolo), bilancia Pitta e viene utilizzato per orticaria e dermatite. Può anche essere applicato sulla pelle sotto forma di crema per alleviare una sensazione di bruciore. Inoltre, il succo fresco di questa pianta viene utilizzato e come purificatore del sangue.

Cumino:

Questa pianta è aromatica, leggermente amara e pungente. Favorisce la digestione, migliora il gusto del cibo e promuove la secrezione di succhi gastrici. La polvere tostata viene efficacemente utilizzata per disturbi intestinali come diarrea o dissenteria, mettendo  un pizzico di cumino in polvere nei in succhi freschi . Il cumino allevia anche crampi e dolori addominali ed è molto efficace per i disturbi pitta e kapha.

Curcuma

Ha proprietà antinfiammatorie. Indicata per abrasioni, lividi o gonfiore traumatico, la pasta di curcuma può essere applicata localmente, il dolore, il gonfiore e l’infiammazione verranno rapidamente rimossi. La curcuma è anche utile nel trattamento del diabete, assumere da quattro a cinque capsule ad ogni pasto per aiutare la glicemia a tornare a livelli normali.

Semi di lino

Alleviano i problemi di stitichezza, la dilatazione e il fastidio nella regione addominale. I semi di lino sono energici e aiutano anche a mitigare l’asma e la tosse cronica.

Punarnava

E’ un’erba ampiamente diffusa,  con potenziale antitossico, antiossidante e attività antibatterica contro microrganismi .

Zenzero

Provoca sudorazione, stimola l’agni, neutralizza le tossine, facilita la digestione, l’assorbimento e l’assimilazione del cibo. Inoltre, allevia l’infiammazione della gola, il freddo, congestione e problemi con i seni paranasali. Lo zenzero in polvere mescolato in acqua bollente è un infuso che può essere assunto con miele. Per rimediare a un agni debole puoi mangiare zenzero grattugiato fresco con un po ‘di aglio. Dovrebbe essere assunto  solo nel caso in cui pitta sia in equilibrio.

Amla

E’ forse l’erba più spesso menzionata nella Caraka Samhita. Ha la reputazione di  potente erba ringiovanente ed è usata in molte formule di ringiovanimento ayurvedico, la più famosa delle quali è Chavana Prash. Amla è particolarmente utile per le costituzioni pitta, in quanto ha una potenza fredda, che  non aggrava gli altri dosha. Si dice che il frutto abbia il più alto contenuto di vitamina C di qualsiasi sostanza naturale presente in natura. Promuove gli ojas e i fluidi riproduttivi ed è utile nel trattamento delle ulcere e dell’iperacidità.

Guduchi

E’ una delle sue migliori erbe per guarire e ringiovanire in Ayurveda. La ricerca moderna mostra che è un forte immunostimolante con effetti anti-citotossici. L’uso di guduchi aiuta a ridurre gli effetti di farmaci tossici per la lotta contro il cancro e. Altri studi mostrano la capacità di abbassare la glicemia .

Guggulu

E’ solitamente mescolato con altre erbe per migliorarle e guidarle verso un’azione specifica nel corpo. È considerato una forte sostanza ringiovanente e purificante. Guggulu è noto per avere proprietà afrodisiache, riduce il grasso, le  tossine e altre sostanze in eccesso nei tessuti. E’ efficace nel trattamento dell’artrite, disturbi digestivi , diabete e  ulcere. La ricerca moderna mostra che è l’erba ayurvedica primaria per il trattamento dell’obesità e del colesterolo alto. Guggulu, abbassa il colesterolo .

Kumari

Tradizionalmente l’ayurveda ha usato kumari per il trattamento di vermi intestinali, squilibri di milza, come lassativo e tonico per l’utero. È utile per qualsiasi tipo di condizioni di pitta, ulcere e infiammazioni, sia internamente che esternamente. È considerato un afrodisiaco e indicato  per le malattie veneree. Alcuni studi moderni lo hanno dimostrato efficace nel trattamento della dispepsia, flatulenza, coliche intestinali, debilità generale, tosse, asma, come promotore della crescita dei capelli.

Katuki

È usato in Ayurveda per malattie del fegato e dei polmoni. È stato usato per curare il vomito e la febbre. È noto principalmente come rimedio efficace contro l’asma. Ha  un’azione tonica sul corpo.

. La maggior parte di questi studi si concentra sulle sue proprietà di protezione del fegato e sulle sue comprovate qualità antiasmatiche. Gli scienziati sono stati in grado di isolare il principio attivo del katuki , mettendone in evidenza le proprietà rigeneranti a livello epatico.

 

Un ottimo prodotto per la detossificazione, è Yakrit Plihantak Churna di Planet Ayurveda

 

Tutte le capsule di Planet  Ayurveda sono preparate utilizzando capsule vegetali  in cui viene inserito  l’estratto standardizzato .
Tutti gli integratori a base di erbe Planet  Ayurveda sono preparati con erbe biologiche e pure, senza additivi, coloranti, aggreganti, conservanti, sostanze chimiche, ecc.
Si tratta di  prodotti validi, con tutte le certificazioni richieste a livello globale, come GMP, ISO, WHO-GMP, HACCP, HALAL, US-FDA, KOSHER, India Organic.
I prodotti sono sicuri ed economici,  da usare in qualsiasi fascia d’età, secondo le raccomandazioni degli esperti ayurveda.
La gamma di Planet Ayurveda comprende tisane, sciroppi di erbe, capsule di erbe singole, capsule con varie erbe in sinergia, pacchetti di combinazioni di erbe, miscele di erbe in polvere, polvere di erbe singole, estratti secchi  di erbe, succhi di erbe, oli vegetali, prodotti di bellezza a base di erbe, formulazioni ayurvediche classiche e prodotti a base di erbe per animali domestici (cani, cavalli, scimmie, gatti, ecc.)

Puoi acquistarlo direttamente qui @ https://store.planetayurveda.com/products/yakrit-plihantak-churna

 

Fatty Liver Herbal Remedy, Fatty Liver, Herbs for Fatty Liver, Herbal Remedies Liver failure, Liver Cirrhosis (planetayurveda.com)

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Un approccio naturale ai disturbi del sistema nervoso

Un approccio naturale ai disturbi del sistema nervoso

Medici e filosofi greci e latini distinguevano l’ansia da altri tipi di effetti negativi e la identificavano come un disturbo medico. Gli antichi filosofi epicurei e stoici suggerirono tecniche per raggiungere uno stato mentale privo di ansia che ricordano la moderna psicologia cognitiva. Tra l’antichità classica e la fine del XIX secolo c’era un lungo intervallo durante il quale l’ansia non era classificata come una malattia separata.

Il Corpus Ippocraticum è una raccolta di testi medici greci attribuiti ad Ippocrate (dal 460 a.C. ca. al 370 d.C.), o scritti a suo nome dai suoi discepoli. Viene descritta la fobia di un uomo di nome Nicanor: “L’affetto di Nicanor (πάθoς), quando andò a una festa per bere…. “In questo testo viene descritto un tipico caso di fobia, etichettato come disturbo medico.

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute >Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII).

La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico,  Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito”.

Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

Nel XVIII secolo, gli autori medici pubblicavano descrizioni cliniche degli attacchi di panico, ma non li etichettavano come una malattia separata. Piuttosto, i sintomi degli attacchi di panico erano spesso considerati sintomi di malinconia.

Effetti dell’ansia :

  • Aumento della frequenza cardiaca
  • Respirazione rapida
  • Irrequietezza
  • Problemi di concentrazione
  • Difficoltà ad addormentarsi
  • Sensazione di vertigini
  • Bocca secca
  • Mani fredde
  • Brividi e vampate di calore
  • Angoscia
  • Intorpidimento
  • Mancanza di respiro
  • Paura eccessiva
  • Pensiero ossessivo
  • Palpitazioni

Ansia e depressione hanno un grande importanza nella salute mentale ed caratterizzata da una combinazione di fattori:

  • Ereditarietà
  • eventi stressanti in corso
  • problemi di salute

L’ansia eccessiva può verificarsi sia a causa della genetica che come risultato dell’ambiente. Alcune persone sono geneticamente predisposte all’ansia. Esperienze traumatiche durante la prima infanzia possono causare intense emozioni che possono portare a episodi di ansia. Durante questi episodi possono sorgere vari sentimenti come paura, preoccupazione, incertezza, ipersensibilità, sovraccarico emozionale, perdita di controllo, senso di conflitto interno, indecisione, ecc.

La visione ayurvedica

L’obiettivo primario dell’Ayurveda è bilanciare la mente, rafforzare il corpo, aumentare l’energia e purificare tratto digestivo. Ciò si ottiene attraverso una serie di procedure di purificazione o disintossicazione chiamate Panchakarma. Questi potenti trattamenti scaricano delicatamente le tossine e le impurità accumulate (ama) .

Per affrontare l’ansia, Ayurveda raccomanda una varietà di erbe che riscaldano e ringiovaniscono il sistema nervoso. La maggior parte di queste piante ha radica il corpo energetico.

Fare un bagno caldo è un ottimo metodo per lavorare sul sistema nervoso para-simpatico, ridurre lo stress, calmare l’energia ed equilibrare le emozioni.  Basta aggiungere zenzero secco e bicarbonato di sodi, e sciogliere nell’ acqua calda della vasca da bagno e aggiungere  e gocce di un olio essenziale calmante come lavanda, rosa, rosmarino o tulsi.

Se dormiamo al momento giusto il corpo è naturalmente in grado di riposare, riparare e reintegrare le sue risorse e l’energia. Se dormiamo durante il giorno o dormiamo dopo l’alba il corpo

immagazzina tossine e diventa stanco, rigido e lento – uno stato ideale per lo sviluppo della malattia.

SI dovrebbe dormire solo tra le 22:00 e le 5:00 / 6:00.

La relazione del polmone con le emozioni in Medicina Tradizionale Cinese:

Il polmone è associato alla preoccupazione e alle emozioni. La preoccupazione e il dolore possono

variare di grado, ma hanno effetti simili sulle attività fisiologiche del corpo. Per questo motivo, entrambi riguardano il polmone. Inoltre, il dolore e la preoccupazione sono  stimoli avversi per il corpo e possono causare un consumo eccessivo di qi, energia vitale. Poiché il polmone controlla qi, il dolore e la preoccupazione compromettono il polmone.

La relazione della Milza con le emozioni:

La milza è associata alla contemplazione nelle emozioni, che sono connesse al cuore. La  contemplazione moderata non è dannosa per il corpo, mentre il pensiero eccessivo può influenzare le normali attività fisiologiche, in particolare il movimento e la stagnazione del qi. In termini di funzioni fisiologiche dei visceri, il trasporto e la trasformazione della milza hanno maggiori probabilità di essere colpiti. Di conseguenza, il pensiero eccessivo spesso porta ad anoressia, sensazione di distensione nella regione gastrica e addominale, vertigini.

Fegato ed emozioni:

Le attività emotive non sono solo associate al cuore nel governare spirito, ma sono anche influenzate dal fegato nel promuovere il libero flusso di qi. Le normali attività emotive dipendono da una circolazione fluida di qi e sangue. Se il fegato funziona correttamente per promuovere flusso di qi, le attività di qi saranno fluide, ci sarà coesistenza armoniosa di qi e sangue, così come uno stato d’animo felice e contento. Se il fegato non funziona correttamente, ci sarà ristagno di qi epatico, depressione e vulnerabilità emotiva.

In stato armonico, i movimenti di qi saranno fluidi e le attività fisiologiche dei visceri, meridiani e tessuti saranno normali. Al contrario, in stato disarmonico, ci sarà ristagno delle attività di qi e dolore al torace, ipocondria, depressione, infelicità . È quindi chiaro che le emozioni anomale dipendono dalla disfunzione del fegato nel promuovere il libero flusso di qi.

 

La depressione è un disturbo psicologico diffuso che colpisce fino al 20% della popolazione mondiale. La Medicina Tradizionale Cinese (TCM), utilizza la teanina-L  per il suo effetto curativo unico nel trattamento della depressione.

Sebbene gli effetti farmacologici della teanina siano incerti, diversi ricercatori hanno proposto una serie di meccanismi con cui può agire sul SNC. Questi includono l’inibizione dei recettori del glutammato, aumentando la concentrazione di acido gamma-amminobutirrico (GABA), aumentando la dopamina e la serotonina in specifiche regioni cerebrali e il blocco neuroprotettivo di molteplici sottotipi di recettore del glutammato nell’ippocampo, suggerendo un potenziale ruolo nel morbo di Parkinson. Teanina-L  è in grado di attraversare la barriera ematica-encefalica, e la maggior parte delle ricerche si è concentrata sul suo effetto rilassante.

In generale, la corteccia cerebrale degli animali e dell’essere umano può produrre onde cerebrali, che possono essere classificate come onde α, β, δ e θ in base alla loro frequenza, teanina-L può accelerare la generazione di onde α e indurre il rilassamento. Teanina-L ha un impatto eccezionale sul rilascio o sulla riduzione di neurotrasmettitori come la dopamina e 5-idrossitriptamina (5-HT), che sono strettamente rilevanti per la memoria e la capacità di apprendimento, e ha dimostrato che la teanina-L   ha un impatto sulla memoria e sulla capacità di apprendimento. Un numero limitato di studi condotti principalmente da 2 gruppi di ricercatori suggeriscono che  teanina-L può migliorare l’azione dei componenti del sistema immunitario.

I risultati di studi in vitro, uno studio pilota e un piccolo studio clinico suggeriscono che il miglioramento dei linfociti gamma delta T può svolgere un ruolo importante nella diminuzione dei sintomi del raffreddore e dell’influenza.

Altri ricercatori hanno valutato l’effetto combinato di cistina- L  e teanina-L sulla risposta immunologica alle vaccinazioni negli anziani e all’esercizio fisico negli atleti ed il risultato è un miglioramento  del sistema immunitario.

Il Dr. Bukowski e il suo team della Harvard Medical School hanno recentemente pubblicato un documento di ricerca su Proceedings of National Academy of Sciences, in cui si afferma che la teanina-L consente al sistema immunitario di resistere agli attacchi di germi e virus .

Teanina-L può migliorare la capacità di apprendimento e la memoria del cervello, è utile per  prevenire il morbo di Parkinson, il climaterio, la demenza senile, malattie del sistema  nervoso e cardiache. E’ utile per prevenire coma epatico, dismnesia ( perdita di memoria) e ipofrenia ( ritardo mentale).

Griffonia

Il 5-idrossitriptofano (5-HTP) è un farmaco clinicamente efficace contro depressione, insonnia, obesità, mal di testa cronico, ecc. È prodotto commercialmente solo dall’estrazione dai semi di Griffonia simplicifolia.

I semi di Griffonia simplicifolia Baill., un arbusto tropicale originario dell’Africa occidentale, sono ricchi di 5-idrossi-L-triptofano (5-HTP), un precursore diretto nella sintesi della serotonina (5-HT).

L’estratto di semi di Griffonia simplicifolia esercita un effetto ansiolitico. Rimedio adatto per coloro che soffrono di depressione e insonnia, in quanto  aumenta il sonno REM.

 

Sono a tua disposizione con un Percorso di Naturopatia Psicosomatica

 

Un ottimo rimedio che combina Teanina-L  e Griffonia è Alato 24, disponibile qui o in farmacia

 

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per le infiammazioni

Rimedi naturali per le infiammazioni

La Sinusite, nota come Panis in Ayurveda è generalmente causata da infezioni batteriche o spesso virus o infezioni da funghi possono anche portare alla sinusite. In questa condizione i seni (cavità piene d’aria situate su entrambi i lati del naso) sono bloccati con muco e si infiammano.

La sinusite è una condizione che causa infiammazione o gonfiore nei seni. I seni fanno parte dell’anatomia umana e si riempiono d’aria, ma quando i seni si bloccano e si riempiono di liquidi, batteri, virus e funghi possono crescere e causare un’infezione.

La sinusite Può causare mal di testa o pressione agli occhi, nel naso o nell’area delle guance. Una persona può anche avere tosse, febbre,starnuti,  alito cattivo e congestione nasale con spesse secrezioni. Alcune condizioni di salute come raffreddore comune, rinite allergica, polipi nasali o un setto deviato possono causare il gonfiore dei seni con conseguente infezione.

Le persone con un basso sistema immunitario sono spesso affette da infezioni batteriche o fungine dei seni.

La sinusite può manifestarsi a causa di molteplici fattori come allergie, infezioni, irritazione chimica dei seni. Inoltre, il consumo di cibi oleosi, piccanti, secchi, troppo caldi o troppo freddi, causano la  compromissione di tre dosha (Vata, Pitta, Kapha) con conseguente blocco, gonfiore o irritazione del tessuto dei seni.

Tipi di sinusite (Pinas)

 

  • Sinusite acuta
  • Sinusite subacuto
  • Sinusite cronica
  • Sinusite infettiva
  • Sinusite non infettiva

Otite

In Ayurveda l’orecchio è considerato una sede importante di Vata (Aria). Quando Vata aumenta, come nella stagione di transizione dell’autunno, in cui  si verificano molte variazioni del clima e delle abitudini (ritorno a scuola o al lavoro), si ha dolore all’orecchio. Quando Vata si associa a Kapha (Acqua), si verificherà un blocco del condotto uditivo e dell’orecchio medio con la comparsa di suoni o perdita dell’udito. Se si associa a Pitta (Fuoco) ci sarà ancora più secrezione dell’orecchio e formazione di pus.

Pertanto Ayurveda raccomanda la prevenzione proteggendo le orecchie dal freddo, dall’acqua e oliando il condotto uditivo con oli ayurvedici .

Un’infezione virale nell’orecchio medio può causare blocco e gonfiore. Questo può anche portare alla produzione di alcuni fluidi batterici simili al pus che possono causare dolore e altri problemi legati all’udito. Il problema è più comune nei bambini che negli adulti. A parte questo, la stagione invernale, caratterizzata  da tosse e raffreddore possono mettere a un rischio più elevato di infezione dell’orecchio medio. Entrare in contatto con qualcuno con infezioni respiratorie è ancora motivo di ciò che causa l’otite media.

 

 

Segni e sintomi dell’otite media

 

  • Dolore all’orecchio
  • Difficoltà a dormire
  • Ipoacusia
  • Scarico fluido dall’orecchio
  • Mal di testa
  • Tosse e raffreddore
  • Febbre
  • Perdita di appetito

Emorroidi

 

Le emorroidi sono essenzialmente vene varicose del retto e dell’ano. Le persone tra i 45 e i 60 anni hanno dimostrato di avere maggiori probabilità di svilupparle, anche se possono verificarsi molto prima .

Le emorroidi interne non sono tipicamente visibili e si manifestano sopra l’orifizio anale all’interno del canale rettale

Le emorroidi esterne sono visibili e sono spesso di colore da rossastro a viola, causano una sensazione di pienezza, dolore acuto, sensazione di spilli e prurito.

Le emorroidi sono comunemente causate da un disturbo o da una maggiore pressione all’ano a causa dei seguenti fattori:

 

  • Problemi digestivi
  • Stitichezza
  • Parto
  • vita sedentaria
  • Sollevamento di pesi pesanti
  • Predisposizione ereditaria
  • Fattori dietetici
  • Obesità

 

Sono a tua disposizione per le tematiche trattate, con un Percorso di Naturopatia

 

Olio di nocciolo di albicocca

 

Il nocciolo di albicocca è il seme secco e maturo di Prunus armeniaca L. e Prunus armeniaca L. var. [ . Il principale ingrediente  è l’amigdalina (D-mandelonitrile-b-Dgentiobioside) che ha proprietà antitosse e antiasmatiche.

Recentemente, è stato riferito che l’amigdalina può uccidere selettivamente le cellule tumorali nel sito tumorale senza tossicità sistemica.

L’albicocca è uno dei frutti più importanti prodotti nei paesi temperati. Consumato sia come fresco che essiccato, rappresenta un ingrediente importante della dieta. Contiene polifenoli, carotenoidi con noti effetti biologici, tra cui la protezione del fegato e del cuore, in quanto antiossidante e antinfiammatorio, e microelementi, come Zn, Ca, Cu, Fe, Mg, Na, Mn, P e K.

L’amigdalina è un glicosside cianogenico che è descritto come un agente anticancro presente in natura.

L’amigdalina (vitamina B-17) è vitamina presente naturalmente nei semi dei frutti della famiglia Prunus Rosacea tra cui albicocca, mandorla amara, ciliegia e pesca.

L’amigdalina è un agente anti-cancro che può essere utilizzato per il trattamento del carcinoma epatocellulare. Il potere curativo dell’amigdalina  aumenta  significativamente con l’aggiunta di zinco.

Il cancro al pancreas è la quarta causa comune di morte per cancro. I semi di albicocca amara possiedono una serie di proprietà farmacologiche tra cui l’attività antitumorale e l’amigdalina dai semi di albicocca amara può indurre apoptosi. In uno studio, sono stati analizzati gli effetti cito/genotossici dell’estratto etanolanico di albicocca amara e dell’amigdalina sul cancro al pancreas umano .

L’effetto antitumorale dell’ amigdalina è efficace anche nel cancro al seno, della cervice, colon, leucemia e tumore della vescica. Tale estratto ha un effetto anti-proliferativ . Questi risultati contribuiscono allo sviluppo di terapie dietetiche anti-cancro.

Il National Cancer Registry of South Africa ha registrato che il cancro del colon-retto è uno dei primi dieci tumori più comuni sia negli uomini che nelle donne. Circa 1 persona su 17 , di età superiore ai 50 anni, sviluppa il cancro al colon nel corso della vita. Il cancro al colon dipende dalla nutrizione, il consumo di alcol rappresenta il maggior fattore di rischio, seguito da una dieta ricca di grassi, scarsa assunzione di fibre alimentari, obesità, fumo e mancanza di esercizio fisico . L’assunzione giornaliera può rendere questi noccioli un agente chemiopreventivo vitale.

L’ olio di nocciolo di albicocca migliora l’immunosoppressione associata alla ciclofosfamide .

Gli effetti dell’olio alimentare di nocciolo di albicocca (AKO), che contiene alti livelli di acidi oleici e linoleici e livelli inferiori di α-tocoferolo, gli studi hanno evidenziato una riduzione dello stress ossidativo e l’inibizione della degenerazione degli organi . Le attività dei metaboliti intermedi dell’acido oleico e linoleico.

Un ottimo prodotto è Alato 23, disponibile qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Le numerose proprietà di Avocado

Gli avocado sono originari delle regioni a nord fino al Messico e al Sud America settentrionale. In genere vengono raccolti quando raggiungono la piena maturazione  e non maturano fino a dopo essere stati raccolti. La qualità coltivata normalmente negli Stati Uniti è l’avocado Hass, prodotto tutto l’anno. Gli avocado Hass hanno una pelle verde-nerastra. L’avocado (Persea americana) è un frutto di origine centro-messicana, anche se un albero, è classificato sotto le  piante da fiore. A differenza di altri frutti, l’avocado ha un contenuto di zucchero molto basso (0,6 g / 100 g) mentre la composizione di acidi grassi omega-3 è piuttosto alta, rendendolo adatto al cuore.

E’ ampiamente utilizzato in Ayurveda. Ci sono 3 razze principali o gruppi di avocado: messicano, guatemalteco e indiano occidentale che prendono il nome dalle aree in cui sono stati originariamente coltivati

L’avocado è un frutto tropicale che ha una buona composizione nutrizionale con attività antiossidante. Il risultato dello studio ha indicato che la polpa di frutta di avocado ha un’elevata quantità di fenoli  e antiossidanti .

Avocado  è utilizzato nella medicina tradizionale per il trattamento di vari disturbi, come menorragia, ipertensione, mal di stomaco, bronchite, diarrea e diabete.

Varie parti morfologiche del Persea americana Mill (Lauraceae) (avocado) sono ampiamente utilizzate nei farmaci tradizionali africani per il trattamento, la gestione e il controllo di una varietà di disturbi tra cui convulsioni infantili ed epilessia.

Uno studio effettuato sulla foglia di avocado ha mostrato proprietà anticonvulsive, e quindi dà credito farmacologico agli usi folcloristici ed etnomedicali nella gestione o nel trattamento delle convulsioni infantili e dell’epilessia in alcune comunità rurali del Sudafrica.

Ha  effetti cardioprotettivi , antipertensivi in caso  di ipertensione  indotta da etanolo e saccarosio ,migliora lo stato biochimico e ossidativo e protegge l’endotelio epatico, renale e vascolare dai danni indotti dal consumo cronico di etanolo e saccarosio.

Gli effetti sulla salute di steroli e stanoli sono stati oggetto di diversi studi. Alcuni autori hanno dimostrato una riduzione del 25% del rischio di malattie coronariche con il consumo di 2g di tali composti al giorno.

I fitochimici estratti dal frutto dell’avocado inducono selettivamente l’arresto del ciclo cellulare, inibiscono la crescita e inducono apoptosi nelle linee cellulari precancerose e tumorali.

  • Ha un effetto positivo sul sistema immunitario, in caso di malattie come il cancro, l’HIV e le infezioni. In relazione al cancro,  avocado sopprime la carcinogenesi e nell’HIV rafforza il sistema immunitario .
  • Migliora la proliferazione dei linfociti e l’attività cellulare killer naturale, che inattiva i microrganismi invasori.
  • Gli studi hanno dimostrato che l’attività β-sitosterolo è un aiuto nella perdita di peso riducendo l’abbuffata alimentare compulsiva e l’accumulo di grasso nella regione addominale .

Il seme di avocado presenta, nella sua composizione, un gran numero di polifenoli estraibili, che hanno attirato l’attenzione a causa della loro elevata capacità antiossidante.

È stato condotto uno studio su 13 adulti sani con una dieta ipercalorica e iperlipidica abituale, in cui il burro è stato sostituito da olio di avocado estratto a 35 °C dalla sola polpa. L’assunzione  di olio di avocado per un periodo di sei giorni ha evidenziato un miglioramento del profilo postprandiale di insulina, glicemia, colesterolo totale, lipoproteine a bassa densità, trigliceridi e parametri infiammatori, come la proteina C-reattiva (CRP) e l’interleuchina-6 . L’olio di polpa di avocado (genotipi creoli messicani) ha mostrato attività antinfiammatoria inibendo gli enzimi COX 1 e COX 2 in modo simile al farmaco, all’ibuprofene e all’olio extravergine di oliva . Inoltre, quando l’olio di avocado è stato aggiunto alla preparazioni della creme per la pelle della vitamina B12, era ben tollerato e indicato  per la terapia topica a lungo termine della psoriasi . E utile nella  prevenzione del cancro nel fegato, attenua gli effetti dannosi dello stress ossidativo .

Nel cervello, è stato osservato un miglioramento della funzione mitocondriale, così come una diminuzione dei livelli di radicali liberi e perossidazione lipidica. Questi risultati dimostrano che l’integrazione con olio di avocado previene la disfunzione mitocondriale nel cervello e nel fegato .

L’attività curativa di una formulazione semi-solida di olio di avocado (50/50 vaselina) e olio di polpa di avocado ha promosso l’aumento della sintesi del collagene e diminuito il numero di cellule infiammatorie durante il processo di guarigione delle ferite.

 

Oltre ad essere deliziosi, gli avocado sono costituiti da circa 20 vitamine e minerali, tra cui carotenoidi e luteina, che avvantaggiano la salute degli occhi. Hanno anche dimostrato di avere un evidente impatto sul colesterolo alto a causa della loro composizione naturale di steroli vegetali. Simili all’olio d’oliva, sono costituiti da grassi monoinsaturi e polinsaturi, che sono molto più sani dei grassi saturi che sono così dannosi per la forma fisica. Sapevi che il cervello è praticamente grasso al 60%? Senza grassi buoni, nessuno di noi sarebbe qui oggi. Inoltre, senza i grassi monoinsaturi e polinsaturi, il corpo non può espellere le vitamine A, D, E e K.

  • Gli avocado offrono vantaggi per la salute in caso  malattie cardiache, artrite reumatoide e cancro ai polmoni e possono aiutare a prevenire gli ictus. Sono eccellenti fonti di vitamine A, B, C, E, K, fibre e potassio. I risultati di uno studio indicano che avocado può persino frenare la crescita di alcune cellule tumorali della prostata.
  • Sono tra i primi frutti che un bambino può ingerire a causa della loro naturale. L’avocado viene utilizzato nei cosmetici come crema idratante e protezione solare naturale, oltre dona  sollievo alle  scottature solari. L’alto contenuto di umidità benefico per gli individui con cuoio capelluto e pelle secca, eczema o psoriasi. .

Uno studio clinico ha studiato gli effetti dell’avocado sulle cellule tumorali. I fitochimici estratti dal frutto dell’avocado sono stati in grado di fermare selettivamente il ciclo cellulare del cancro fermando la crescita e innescando la morte nelle linee cellulari precancerose e tumorali.

L’ avocado ha contribuito a fortificare il numero di linfociti – quei piccoli globuli bianchi che svolgono un ruolo importante nella difesa del corpo dalle malattie.

I ricercatori hanno anche testato avocado nel ridurre gli effetti collaterali tossici della chemioterapia. Il frutto è stato in grado di abbassare le aberrazioni cromosomiche (cromosomi che vengono cambiati in modo negativo) indotte da un comune trattamento chemio chiamato “ciclofosfamide”.

Il team di ricerca ha suggerito che i fitochimici del frutto dell’avocado potrebbero essere utilizzati per realizzare un ingrediente chemioprotettivo attivo per abbassare gli effetti collaterali delle chemioterapie come la ciclofosfamide che vengono utilizzate nella terapia del cancro.

I ricercatori dell’Ohio State University hanno scoperto che gli avocado possono aumentare la quantità di carotenoidi che vengono assorbiti mentre si consumano altri alimenti . Sembra che i grassi alimentari possano essere un fattore importante nell’assorbimento dei carotenoidi.  Tuttavia, la maggior parte dei frutti e delle verdure ricchi di carotenoidi sono a basso contenuto di grassi.

Sono a tua disposizione per le tematiche trattate, con un Percorso Naturopatico

Un ottimo prodotto è Alato 22, acquistabile qui o in farmacia.

 

 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Sistema nervoso e rimedi naturali

Sistema nervoso e rimedi naturali

 

I tridosha giocano un ruolo molto importante nel conservare la salute delle cellule e la longevità. Ogni dosha svolge un ruolo vitale nel sostenere il funzionamento di ciascuno dei bilioni di cellule

che formano il corpo umano. Kapha mantiene la longevità a livello cellulare. Pitta governa la digestione e la nutrizione. Vata, che è strettamente collegato all’energia vitale del prana, governa

tutte le funzioni vitali.

Ad un livello più profondo, per combattere l’invecchiamento è necessario equilibrare le tre essenze sottili che sono all’interno del corpo: prana, ojas e tejas. Il funzionamento di prana, ojas

e tejas corrisponde, ad un livello più sottile della creazione, al funzionamento di vata, kapha e pitta rispettivamente. Dieta, esercizio fisico e stile di vita adeguati possono creare un equilibrio fra

queste tre essenze sottili assicurando una lunga vita. Il prana è l’energia vitale che esegue la respirazione, l’ossigenazione e la circolazione. Il prana governa anche tutte le funzioni motorie e sensoriali. L’energia vitale del prana eccita il fuoco corporeo centrale (agni). La naturale intelligenza del corpo viene espressa spontaneamente attraverso il prana.

La sede del prana è nel capo ed il prana governa tutte le attività cerebrali più elevate.

Le funzioni della mente, della memoria, del pensiero e delle emozioni, sono tenute tutte sotto il controllo del prana. Il funzionamento fisiologico del cuore è anche esso governato dal prana e, dal cuore, il prana entra nel sangue controllando in questo modo anche l’ossigenazione in tutti i dhatu e negli organi vitali. Il prana governa le funzioni biologiche delle altre due essenze sottili, ojas e tejas. Durante la gravidanza, l’ombelico del feto è la porta principale attraverso cui il prana entra nel grembo e nel corpo del feto. Questo prana regola anche la circolazione di ojas nel feto. In questo modo, in tutti gli esseri umani, perfino in coloro che debbono ancora nascere, un disordine del prana può creare uno squilibrio di ojas e tejas e viceversa.

Il ringiovanimento deve avvenire ai livelli fisico, mentale e spirituale: 

Proprio come un panno sporco non può assumere il giusto colore quando viene tinto, così il corpo non avrà profitto dalle pratiche di ringiovanimento fino a che non sarà prima purificato

dall’interno. Un’erba ringiovanente assunta oralmente, prima che le sue sostanze arrivino nel flusso sanguigno, passa attraverso lo stomaco, l’intestino tenue e l’intestino crasso.

Il ringiovanimento mentale comporta il calmare la mente. Una mente quieta e meditativa aiuta anch’essa a favorire la longevità. Perciò si deve imparare a “testimoniare” tutte le attività mentali (pensieri ed emozioni) rimanendo distaccati dall’esperienza. Una raccomandazione ayurvedica per promuovere la pace mentale è l’isolamento, evitare gli affari mondani e la vita di società.

 

Rimedi naturali: 

Bacopa monnieri, una pianta nootropa   ben documentata ad alta domanda globale commerciale, era stata esplorata per il suo effetto nell’alleviare altre malattie e sintomi. Ciò è principalmente attribuito a diversi fitocomposti presenti nella pianta. Uno dei principali costituenti tra questi sono le saponine.

Bacopa monnieri (BM), una medicina ayurvedica tradizionale, ha diminuito l’apoptosi e la senescenza . E’ comunemente nota come Brahmi, tradizionalmente usato per il miglioramento della memoria, tonico nervino, epilessia, sistema nervoso centrale (SNC), antidepressivo, ansia, pressione sanguigna e attività antiossidanti. È nota per le sue proprietà che migliorano la memoria ed è di grande interesse nel trattamento delle malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer,  con  miglioramenti significativi nell’orientamento, nell’attenzione e nei componenti linguistici. Bacopa previene lo stress mitocondriale e ossidativo .

Una serie di studi e studi clinici hanno studiato le proprietà di miglioramento della memoria di B.monnieri, dimostrando un  miglioramento dei ricordi in individui anziani sani (età media 62 anni).Inoltre, è stato osservato che l’effetto è continuato dopo la cessazione della somministrazione dell’estratto di B.monnieri.

Una meta-analisi di 9 studi randomizzati controllati ha concluso che B.monnieri ha il potenziale per migliorare la funzione cognitiva, in particolare nella velocità di attenzione. I pazienti hanno anche riportato un miglioramento della qualità della vita. Uno studio su pazienti più anziani (prevalentemente di 65 anni e più) con disturbi della memoria (anche se non è stato formalmente diagnosticato con il morbo di Alzheimer) ha mostrato che il trattamento con estratto di 125 mg al giorno di B.monnieri ha portato a miglioramenti in alcuni aspetti della memoria (controllo mentale, memoria logica).

L’aspettativa di vita è in aumento in tutto il mondo sviluppato, con il risultato di un numero più significativo di anziani, molti dei quali possono richiedere maggiore assistenza sanitaria, poiché la prevalenza di malattie aumenta con l’età. Le malattie neurodegenerative come il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza sono causa in tutto il mondo. Attualmente ci sono 44 milioni di persone che hanno il morbo di Alzheimer in tutto il mondo; inoltre, con una popolazione che invecchia e nessuna cura efficace attuale, tale numero dovrebbe salire a 76 milioni entro il 2030 e a 135 entro il 2050. Si ritiene che la tossicità del glutammato sia un fattore nella patologia della neuro degenerativa nei pazienti anziani. Alte concentrazioni di glutammato possono bloccare l’assorbimento della cistina nelle cellule, con conseguente esaurimento della cisteina intracellulare e del glutatione, un antiossidante cellulare.

una cifra di estensione statisticamente significativa in avanti. B. monnieri ha un esito positivo nel trattamento dell’Alzheimer. Per una revisione aggiornata degli effetti neuro-farmacologici e cognitivi di B.monnieri.

Ginko biloba

 L’estratto di ginkgo biloba è stato usato terapeuticamente per diversi decenni per aumentare il flusso sanguigno periferico e cerebrale e per il trattamento della demenza. L’estratto contiene composti come flavonoidi e terpenoidi che si pensa contribuiscano ai suoi effetti neuroprotettivi e vasotropici. Ginkgo biloba è indicato nel trattamento da deficit di  memoria velocità cognitiva, lesioni cerebrali traumatiche, Alzheimer, ictus, disturbi vaso-occlusivi e invecchiamento, edema, acufene e degenerazione maculare. Nella medicina cinese, Ginkgo biloba (Ginkgoaceae) è usato per trattare la perdita di memoria a breve termine, le vertigini e la mancanza di attenzione.

L’estratto di Ginkgo Biloba contiene flavonoidi (24%) e terpenoidi (6%). Questo estratto ha effetti neuroprotettivi, esercitati attraverso la sua funzione antiossidante. Il morbo di Parkinson è un disturbo neurodegenerativo che colpisce il 2% della popolazione di età superiore ai 60 anni. Produce una progressiva perdita di neuroni dopaminergici e l’esaurimento della dopamina, portando a compromissione del movimento.

Ansia e stress sono causati da molti fattori, tra cui un ambiente stressante che potrebbe causare affaticamento e bassa qualità della vita. I rifugiati e i sopravvissuti alla guerra sono più a rischio di sviluppare problematiche connesse al sistema nervoso . L’estratto di ginkgo biloba è stato utilizzato come uno dei potenziali rimedi erboristici per migliorare le funzioni cognitive.
I partecipanti allo studio erano rifugiati iracheni, reclutati da tre centri medici della Caritas: Amman, Madaba e Zarqa. Il G. biloba è stato somministrato ogni giorno ai partecipanti per 6 settimane.

C’è stata una significativa diminuzione dell’ansia, dell’affaticamento fisico, dell’affaticamento mentale e della riduzione dell’affaticamento da attività.
L’aggiunta di G. biloba porta a un significativo miglioramento dell’ansia e di alcuni dei sintomi di affaticamento. Tradizionalmente, Ginko biloba è stato usato come agente nootropico e antiossidante nell’insufficienza cerebrovascolare, principalmente in pazienti con deficit cognitivo.  Nel presente studio, l’assunzione giornaliera di 120 mg G. biloba per 6 settimane ha ridotto i livelli di ansia in un gruppo di rifugiati, coerentemente con le ricerche precedenti. L’uso a lungo termine di G. biloba aumenta il neurotrasmettitore di monoammina, migliorando così l’umore. G. biloba svolge un ruolo antiossidante fondamentale che protegge gli eritrociti dai danni, consentendo quindi un maggiore apporto di ossigeno e produzione di energia.

È stato dimostrato che G. biloba migliora i sintomi della stanchezza, la resistenza fisica e le attività della vita quotidiana.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico

Un ottimo prodotto è Alato 21, disponibile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Le proprietà straordinarie di Griffonia

Le proprietà straordinarie di Griffonia

La Griffonia simplicifolia è distribuita dalla Liberia al Gabon. La pianta di Griffonia simplicifolia si trova principalmente nei paesi dell’Africa occidentale del Ghana, della Costa d’Avorio e del Togo.

I semi di Griffonia simplicifolia Baill., sono ricchi di 5-idrossi-L-triptofano (5-HTP), un precursore diretto nella sintesi della serotonina (5-HT) e ampiamente utilizzati nella medicina tradizionale per il loro alto contenuto di 5-idrossi-l-triptofano (5-HTP), un precursore diretto e potenziatore dell’attività dell’ormone cerebrale serotonina (5-HT.

  • L’estratto di semi di Griffonia simplicifolia esercita un effetto ansiolitico .
  • Rimedio adatto per coloro che soffrono di  depressione e insonnia.

Uno studio particolare voleva valutare se usarlo insieme all’acido gamma-amminobutirrico GABA avrebbe aiutato a dormire anche quando ai soggetti era somministrata caffeina.   I risultati finali hanno mostrato che induce il  sonno e  ne consente  una migliore qualità e durata. Un altro studio voleva vedere se l’uso di questo composto aiutava con il sonnambulismo e altri gravi problemi di sonno.  I risultati di tale test hanno dimostrato che era utile.

 

  • Griffonia Simplicifolia aiuta a perdere peso  perché riduce l’appetito e aumenta la sensazione di sazietà.
  • Il cianoglucoside lithospermoside (= griffonina) contenuto nelle radici è il principio attivo contro l’anemia falciforme.

In Costa d’Avorio e Nigeria la corteccia viene applicata alle piaghe sifilitiche. Un decotto di foglie è usato come emetico, a per la tosse e afrodisiaco. Un decotto di steli e foglie viene bevuto in caso di stitichezza, esternamente come lavaggio antisettico per trattare le ferite suppuranti. La linfa delle foglie viene utilizzata come collirio per curare gli occhi infiammati e bevuta o applicata come clistere per curare i problemi renali. Steli e corteccia di gambo sono fatti in una pasta che viene applicata ai denti in decomposizione e una pasta fatta dalle foglie viene applicata alle ustioni. La corteccia, mescolata con succo di limone e pepe di Capsicum, viene applicata per trattare il dolore intercostale. Si dice che masticare gli steli produca un effetto afrodisiaco. Le foglie vengono utilizzate nella produzione di vino di palma e conferiscono al vino un sapore amaro. La  linfa che trasuda dagli  steli tagliati può essere bevuta per dissetarsi. In Ghana le radici vengono masticate e asciugate per produrre una polvere bianca che viene utilizzata dalle donne per il loro viso. Un decotto di steli e foglie viene anche usato per fermare il vomito e per trattare la congestione del bacino. Il seme di Griffonia è anche noto per essere un rimedio per la diarrea e il mal di stomaco.

Gli studi sulla depressione in pazienti con depressione unipolare o bipolare hanno dimostrato una risposta clinica significativa in 2-4 settimane a dosi di 50-300 mg tre volte al giorno.

  •  Griffonia previene il mal di testa cronico .
  •  E’ utile nel trattamento dell’insonnia, specialmente nel migliorare la qualità del sonno aumentando il sonno REM.
  • L’assunzione di Griffonia in persone affette da fibromialgia, in cui si ha perdita di serotonina, ha dimostrato un significativo miglioramento dei sintomi, tra cui dolore, rigidità mattutina, ansia e affaticamento.
  • Griffonia  rafforza  il sistema immunitario e riduce gli  spasmi cardiaci, è utilizzato nella  nella gestione del morbo di Parkinson (PD) e dell’epilessia.

Sono a tua disposizione con un Percorso di Naturopatia

Un ottimo prodotto è Alato 20, acquistabile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Le molteplici virtù della Valeriana

Preparazioni folcloriche o galeniche di radici di valeriana e rizomi sono state usate come sedativi / ansiolitici e induttori del sonno fin dai tempi antichi. Le radici e i rizomi di diverse specie di valeriane e di altre piante correlate (ad esempio Nardus) sono stati la fonte di una fragranza peculiare menzionata nel nuovo Testamento, e di un sedativo naturale e registrato da Galeno, Dioscoride e Plinio il Vecchio. Le proprietà terapeutiche della valeriana, tuttavia, erano già menzionate nei farmaci ayurvedici e cinesi (da 800 B.C. a 1000 d.C.).

Valeriana  era usata  per trattare disturbi dei polmoni, stomaco, fegato, reni, dolore alla vita e mal di schiena e per il decadimento , come analgesico e sedativo, per trattare i reumatismi, l’insonnia, e i disturbi legati al cuore e alla vescica .

Valeriana officinalis (valeriana) è una pianta fiorita perenne che si trova in Europa e in Asia. Fin dall’antichità, questa pianta è stata utilizzata come erba medicinale. È ben noto per i suoi effetti sedativi e antispasmodici in tutto il mondo. Il tè alla radice di valeriana è famoso per i suoi effetti che inducono il sonno. Ci sono molte sostanze chimiche naturali presenti nella radice, nel gambo e nella foglia della pianta V. officinalis.

Per il trattamento del morbo di Alzheimer (AD), ci sono molte piante medicinali utilizzate per migliorare la memoria. Alcune piante medicinali utilizzate per il trattamento dell’AD sono Withania somnifera, Curcuma longa, Convolvulus pluricaulis, V. officinalis, Centella asiatica e Nardoastachys jatamansi. La valeriana è disponibile come radice intera in polvere ed estratto acquoso o etanolarico. Nei pazienti affetti da AD, la valeriana viene utilizzata per il rilassamento, la promozione del sonno e gli effetti neuroprotettivi.

La valeriana è famosa per le sue proprietà ansiolitiche, sedative, anticonvulsive, antibatteriche, antidiuretiche, antisettiche, antispasmodiche e antinfiammatorie. È usata nel trattamento naturale di ansia, pressione sanguigna, menopausa, crampi mestruali, mal di testa, dolori articolari e disturbi del sonno, sindrome da affaticamento cronico, epilessia, disturbo da deficit di attenzione-iperattività, mal di stomaco

La radice di valeriana ti aiuta a ridurre il dolore e mantenere i muscoli rilassati. La valeriana è anche efficace nel trattamento del dolore sciatico legato a uno spasmo muscolare. Questo perché la radice di valeriana contiene l’olio volatile che aiuta a rilassare i muscoli e ridurre la tensione.

La valeriana contiene una sostanza chimica chiamata linarina, che crea un effetto sedativo.

L’estratto di valeriana può causare sedazione aumentando il livello GABA del cervello. L’acido gamma-ammino butirrico (GABA) è un neurotrasmettitore inibitorio nel sistema nervoso centrale. In quantità abbastanza grandi può causare un effetto sedativo, calmando l’attività nervosa.

I risultati di uno studio in vitro suggeriscono che l’estratto di valeriana può causare il rilascio di GABA dalle terminazioni nervose cerebrali e quindi impedire al GABA di essere riportato nelle cellule nervose.

Ansia

Gli scienziati hanno scoperto che la radice di valeriana aumenta la quantità di una sostanza chimica chiamata acido amminobutirrico gamma (GABA) attraverso i recettori GABA. GABA aiuta a regolare le cellule nervose e calma l’ansia.

Abbassa la pressione sanguigna

Ora che sai che la radice di valeriana può essere così calmante per la mente e il corpo, può anche aiutare a ridurre la pressione sanguigna, migliorando la salute del cuore. Gli stessi componenti attivi che rendono la radice di valeriana così efficace per la gestione dello stress e dell’ansia possono anche aiutare il corpo a regolare correttamente la sua pressione sanguigna. Gli studi indicano che gli integratori di radici di valeriana possono aiutare a ridurre naturalmente la pressione sanguigna e mantenerla a un livello sano.

Crampi mestruali

La natura rilassante della radice di valeriana può renderlo una scelta intelligente per il sollievo naturale dei crampi mestruali.

Rilassante muscolare

È un sedativo naturale e antispasmodico, elimina  gli spasmi muscolari e agisce come un rilassante muscolare naturale.

Migliora la gestione dello stress

Riducendo l’ansia e migliorando la lunghezza e la qualità del sonno, la radice di valeriana può aiutare significativamente nella la gestione quotidiana dello stress. La radice di valeriana è un ottimo modo naturale per aiutare a mantenere basso lo stress e la qualità della vita. La radice di valeriana elimina lo stress fisico e psicologico aiutando a mantenere i livelli di serotonina. I lievi effetti sedativi della valeriana sono utilizzati per promuovere il rilassamento e il sonno da almeno 2.000 anni.

Una meta-analisi di 16 studi e 1.093 persone ha scoperto che la valeriana ha migliorato la velocità di addormentarsi, la profondità e la qualità complessiva del sonno . In uno studio di 2 giorni su 27 pazienti anziani con problemi mentali, il 44% ha riportato un sonno perfetto e l’89% ha riportato un sonno migliorato utilizzando una preparazione di valeriana (contenente sesquiterpeni)

Inoltre, uno studio di un mese su 16 persone con insonnia ha scoperto che una singola dose di valeriana ha migliorato il tempo per raggiungere il sonno profondo e la sua durata.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico

Insonnia

L’insonnia colpisce circa un terzo della popolazione adulta. Estratti delle radici della valeriana (Valeriana officinalis) sono ampiamente utilizzati per indurre il sonno e migliorare la qualità del sonno.

La ricerca si è concentrata su valutazioni soggettive dei modelli di sonno, in particolare la mancanza del sonno. La valeriana migliora il sonno se assunta di notte per periodi da una a due settimane negli individui con insonnia da lieve a moderata. Il trattamento con un estratto di erbe di radix valerianae ha dimostrato effetti positivi sulla struttura del sonno e sulla percezione del sonno dei pazienti con insonnia e può quindi essere raccomandato per il trattamento di pazienti con lieve insonnia psicofisiologia.

 

Effetto della valeriana sulla qualità del sonno nelle donne in post menopausa:

I disturbi del sonno riducono la qualità della vita. Circa il 50% delle donne in post menopausa sperimenta disturbi del sonno come l’insonnia. Terapie mediche complementari e alternative possono essere utili per la gestione dei disturbi del sonno tra le donne in post menopausa. Lo scopo del presente studio era quello di valutare gli effetti dell’estratto di valeriana prelevato di notte sul miglioramento della qualità del sonno nelle donne in post menopausa che sperimentano l’insonnia.

È stato segnalato un cambiamento statisticamente significativo nella qualità del sonno del gruppo d’intervento rispetto al gruppo placebo (P < 0,001). Inoltre, il 30% dei partecipanti al gruppo d’intervento e il 4% del gruppo placebo hanno mostrato un miglioramento della qualità del sonno (P < 0,001).

La valeriana migliora la qualità del sonno nelle donne con menopausa che stanno vivendo l’insonnia. I risultati di questo studio aggiungono supporto all’efficacia riportata della valeriana nella gestione clinica dell’insonnia.

Depressione

La radice di valeriana (Valeriana officinalis) contiene mono- e sesquiterpeni, e iridoidi. La valeriana non ha usi specifici nelle madri che allattano, ma è più comunemente usata per trattare l’ansia e i disturbi del sonno, e occasionalmente per l’autotrattamento della depressione  postpartum o della depressione. Non esistono dati sulla sicurezza e l’efficacia della valeriana nelle madri che allattano o nei neonati. In generale, la valeriana è ben tollerata, con effetti collaterali come vertigini, sbornia o mal di testa riportati occasionalmente. Poiché non esiste un’esperienza pubblicata con la valeriana durante l’allattamento al seno, può essere preferita una terapia alternativa, specialmente durante l’allattamento di un neonato .

Altri utilizzi :

 

  • Artrite reumatoide
  • Menopausa
  • HIV
  • Fibromialgia
  • Problemi digestivi: la valeriana viene utilizzata come rimedio casalingo per i crampi allo stomaco. Sebbene possa ridurre gli spasmi muscolari, le prove attuali non supportano l’uso della valeriana come aiuto digestivo .
  • Sindrome delle gambe senza riposo (RLS): uno studio di 8 settimane su 37 persone con Sindrome delle Gambe senza Riposo (RLS) ha scoperto che la valeriana ha migliorato significativamente i sintomi di RLS .
  • Salute cardiaca, rafforza i vasi sanguigni e migliora la loro elasticità .
  • Mal di testa

 

Non va assunta in concomitanza con :

  • Benzodiazepine, come il lorazepam
  • Barbiturici, come fenobarbital
  • Narcotici, come la codeina
  • Antidepressivi, come la fluoxetina (Prozac)
  • Antistaminici, come la difenidramina
  • Alcol

 

Un ottimo prodotto è Alato 17, disponibile qui ALATO 17 (lafenicesas.it)  o in farmacia

DiAlessandra Zarone

Le virtù sconosciute di Equiseto

Equiseto discende da piante antiche del periodo carbonifero della Preistoria .

Raccomandato dal medico romano Galeno, diverse culture hanno impiegato l’equiseto come rimedio popolare per problemi ai reni e alla vescica, artrite, ulcere sanguinanti e tubercolosi. E utilizzato dalla Medicina Cinese   per raffreddare febbri e come rimedio per infiammazioni oculari come congiuntivite e disturbi corneali, dissenteria, influenza, gonfiori ed emorroidi.

 

Sistema urinario

L’equiseto è un’erba astringente e ha un’azione diuretica. Lenisce infiammazioni, emorragie, ulcerazioni, cistiti e infezioni. È considerato un rimedio specifico in caso di infiammazione o ingrossamento benigno della ghiandola prostatica ed è anche usato per velocizzare la rimozione dei calcoli renali.

La sua azione tonica e astringente lo rendono utile in caso di incontinenza, uretrite o cistite con ematuria, riduce l’emorragia e le ferite grazie all’alto contenuto di silice. Questo effetto astringente e anti-emorragico spiega l’utilizzo dell’equiseto in caso di sanguinamento di bocca, naso e vagina, diarrea, dissenteria e sanguinamento dall’intestino e ferite a lenta guarigione e congiuntivite.

Può essere assunto internamente per arrestare  il sanguinamento causato da ulcere o ridurre un abbondante flusso mestruale. Può anche essere usato in gargarismi e risciacquo della bocca per mal di gola e gengive sanguinanti o ulcere alla bocca. Esternamente è un vulnerario e può anche essere applicato come impacco a fratture e distorsioni, ferite, piaghe, problemi alla pelle e gargarismi per infiammazioni della bocca e delle gengive.

Avvertenze: La somministrazione di acido silicico causa leucocitosi (un temporaneo aumento dei globuli bianchi).

Sistema immunitario

L’equiseto ha proprietà antibatteriche e antisettiche, il che significa che l’estratto può proteggere dall’invasione di agenti patogeni estranei e sostanze che possono compromettere il nostro sistema immunitario.

Apparato osseo e articolare

Utile in caso di gonfiore doloroso e infiammazione in parti del corpo, lesioni, artrite e gotta I composti analgesici e antinfiammatori trovati in questa erba possono alleviare rapidamente i sintomi . Grazie alla presenza di silicio, il corpo può riparare ossa, collagene e altri tessuti corporei, proteggere la densità e l’integrità dei minerali ossei .

Sistema cognitivo

Gli effetti antiossidanti dell’equiseto sono stati collegati a maggiori capacità cognitive negli studi di laboratorio, probabilmente a causa dell’aumento dell’efficienza del percorso neurale quando i radicali liberi vengono eliminati dal sistema. Ciò significa che l’equiseto non è solo un’erba che aumenta il cervello, ma può proteggerti da disturbi cognitivi come il morbo di Alzheimer e la demenza senile.

Sistema respiratorio

Utile in caso di problemi respiratori, come congestione o raffreddori frequenti, equiseto agisce come espettorante, eliminando muco e catarro evitando il moltiplicarsi dei batteri e aiutando allo stesso tempo a rafforzare il sistema immunitario .È indicato in caso di   tubercolosi o enfisema.

Epidermide

L’estratto di equiseto si trova comunemente in varie creme e prodotti di bellezza organici, come la miscela unica e complessa di antiossidanti, antinfiammatori, silice e altri composti, che sono potenti agenti per la cura della pelle. Se vuoi ridurre il rossore di bolle o acne, eliminare l’eczema o la psoriasi o prevenire l’invecchiamento precoce, l’estratto di equiseto contiene tutti i componenti necessari per farlo.

Diabete

Secondo una ricerca pubblicata sul Journal of Ethnopharmacology l’uso di integratori di equiseto riequilibra i livelli di insulina, abbassando la glicemia quando necessario.

Sistema renale

Regolare la minzione e l’eliminazione delle tossine è fondamentale per la salute generale, e l’estratto di equiseto può aiutare a raggiungere questo obiettivo. Sono stati fatti collegamenti tra l’aumento dell’eliminazione dell’acido urico e il consumo di equiseto. L’acido urico è ciò che crea calcoli renali dolorosi, che possono causare il lavoro inefficiente dei reni. Pertanto, aumentando l’escrezione naturale di questo acido, non c’è accumulo e la tua salute renale è protetta.

Cura dei capelli

La ricca miscela di minerali e composti organici di  equiseto aumenta la forza e lucentezza dei capelli e ne migliora la salute, riduce la caduta dei capelli e rafforza i follicoli piliferi .

Attività antibatterica e antiossidante

Equisetum arvense induce l’attività antibatterica e modula lo stress ossidativo, l’infiammazione e l’apoptosi nelle cellule vascolari endoteliali esposte allo stress iperosmotico.

I risultati degli studi  hanno dimostrato che Equisetum arvense L. ha effetti antibatterici sui cocci gram-positivi e, somministrato a bassa dose, può essere un nuovo approccio terapeutico per malattie associate a condizioni ipertoniche o stress ossidativo e apoptosi.

Sono state studiate le attività antiossidanti di Equisetum arvense L., Equisetum ramosissimum L. ed Equisetum telmateia L. phosphate buffer (pH 7). Sono state determinate le attività degli enzimi antiossidanti (superossido dismutasi, catalasi, guaiacolo perossidasi e glutatione perossidasi), quantità di glutatione ridotto, malonildialdeide, superossido e radicali idrossilici e flavonoide, proteine solubili, clorofilla a, b e carotenoide.

Anemia

Il succo di Equiseto fa bene all’anemia derivante da sanguinamento interno, come ulcere allo stomaco, poiché promuove la coagulazione del sangue. A causa del suo contenuto minerale l’equiseto è raccomandato per l’anemia e l’indebolimento generale. Ha una proprietà anti-aggregante piastrinica.

Cancro

Equisetum arvense L. ha effetti citotossici sulle cellule leucemiche umane, poiché inibisce le cellule tumorali.

Epato-protettivo

Gli studi hanno mostrato un’attività epatoprotettiva di Equiseto  , grazie alla presenza di  petrosine, onitina , flavonoidi, apigenina, luteolina, kaempferolo e quercetina.

 

HIV

I suoi enzimi essenziali hanno un effetto sull’ HIV.

 

Malattie cardiovascolari

Equisetum arvense  è utile nel trattamento o nella prevenzione delle complicanze da aggregazione piastrinica, legate alle malattie cardiovascolari.

Controindicazioni

L’ingestione cronica di questa erba può diminuire il livello di tiamina o B1 ,a causa del contenuto di tiaminasi. Beriberi ( rif  Beriberi – Wikipedia) è il segno della tossicità cronica.

Questa erba non deve essere consumata a lungo termine o da donne incinte. L’effetto diuretico può causare la perdita di potassio .

Tossicità

Un uso prolungato di equiseto può produrre effetti tossici. I Silicati danno problemi digestivi, soprattutto se usati a lungo. Gli Alcaloidi anche se non compaiono in forti concentrazioni, ad uso prolungato, possono facilitare il parto precoce, i disturbi nervosi, il mal di testa, la perdita di appetito, problemi di deglutizione, ecc. Queste intossicazioni costringono ad un trattamento che ripristina la carenza di tiamina.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico 

 

Un ottimo prodotto è Alato 16, acquistabile qui o in farmacia

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi adattogeni per stress e stanchezza

Rimedi adattogeni per stress e stanchezza

 

Stress acuto e cronico svolge un  ruolo importante nelle alle malattie cardiovascolari. Sebbene generalmente trascurato dai medici, lo squilibrio autonomo (sovraattività simpatica e/o sottoattività parasimpatica) può essere misurato e modificato .

Sebbene lo stress sia inteso solo  come un problema strettamente emotivo e mentale, esso ha anche effetti fisiologici. Uno studio ha scoperto che una sostanza chimica rilasciata quando il corpo è stressato, il Neuropeptide Y, fa sì che le cellule adipose si aprano immagazzinando  il grasso piuttosto che bruciarlo. Uno studio ha scoperto che, specialmente nelle donne, il cortisolo più alto (ormone dello stress) porta all’aumento di peso intorno alla vita, anche in donne snelle.

Un altro studio ha scoperto che lo stress accorcia i telomeri nelle cellule a un ritmo più veloce, portando all’invecchiamento precoce e all’aumento del rischio di malattie .

Lo stress può avere un impatto anche sugli ormoni e sulla fertilità. Quando il cortisolo è alto nel corpo, il progesterone è spesso basso perché il corpo usa il progesterone per produrre cortisolo. Questo è spesso il motivo per cui lo stress e gli elevati livelli di cortisolo sono correlati con i problemi di concepimento e gravidanza.

Reazioni fisiche associate ad alti livelli di stress sono:

  • Perdita di capelli (da stress prolungato)
  • Mal di testa
  • Insonnia
  • Bocca secca
  • Aumento dell’incidenza di malattie cardiache e ictus
  • Maggiore incidenza di allergie
  • Dolore muscolare o contrazioni
  • Problemi ormonali e mestruali
  • Aumento dell’incidenza di eczema e psoriasi
  • Guarigione più lenta da tutte le malattie

  • Stress fisico:

La mancanza di sonno crea anche stress fisico. Una dieta povera, specialmente quella che include anche tutti gli alimenti a cui si è intolleranti o allergici, può creare una reazione allo stress nel tuo corpo, anche se riduci al minimo altri tipi di stress. Per aiutare a ridurre lo stress fisico, migliora la tua alimentazione, dormi a sufficienza ed evita le tossine .

  • Stress emotivo:

Questo può ovviamente avere molte cause, ma spesso può essere affrontato con le terapie olistiche e la meditazione.

  • Stress mentale:

Simile allo stress emotivo, questo tipo di stress è spesso aiutato dalla   meditazione, da una migliore gestione del tempo e organizzazione dei compiti quotidiani, concentrandosi su  cosa alla volta.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico

Sei sotto stress se :

  • Sei stanco al mattino (ma hai un’esplosione di energia la sera o proprio prima di andare a letto)
  • Non stai dormendo bene
  • Hai un aumento di peso nella parte centrale del tuo corpo
  • Desideri zucchero, cibi salati o carboidrati
  • Noti problemi di memoria o concentrazione
  • Ti ammali spesso
  • È difficile costruire massa muscolare o ci vuole molto tempo per riprendersi dopo un allenamento
  • Ti senti stressato, affaticato o irritabile
  • Si verificano ansia o sintomi depressivi
  • Hai problemi di fertilità

 

Cosa causa stress:

  • fare troppo esercizio fisico
  • consumare troppo zucchero e farinacei
  • mancanza di sonno
  • bere troppa caffeina o alcol
  • troppa stimolazione elettronica o tempo sui dispositivi elettronici
  • avere persone “velenose” nella tua vita

Consigli pratici:

  • Segui una dieta sana ed equilibrata piena di frutta, verdura e fibre integrali
  • Fai regolare esercizio fisico
  • Dormi tra le 7 e le 8 ore ogni notte
  • Bevi almeno otto bicchieri d’acqua al giorno
  • Delega compiti stressanti ad altri
  • Evita di bere alcolici
  • Smetti di fumare

Rimedi naturali

Gli Integratori specifici sono ottimi per bilanciare e regolare i livelli di cortisolo, in quanto non puoi evitare tutti gli aspetti stressanti della vita, non puoi  smettere di andare al lavoro ma l’assunzione degli integratori corretti, ti aiuterà a modulare gli ormoni che guidano la risposta allo stress del corpo, come il cortisolo.

 Alcuni integratori che possono aiutare sono:

 

Withania somnifera (L.) Dunal, comunemente nota come Ashwagandha, è un’importante pianta medicinale che è stata utilizzata nella medicina ayurvedica e indigena per più di 3000 anni.

Withania somnifera L. , una pianta medicinale polivalente di famiglia Solanaceae che si trova abbondantemente nelle regioni subtropicali del mondo. I guaritori popolari hanno usato la pianta per trattare diverse malattie come febbre, cancro, asma, diabete, ulcera, epatite, occhi, artrite, problemi cardiaci ed emorroidi. La pianta è famosa per l’attività anti-cancerosa, il trattamento delmal di schiena e il rafforzamento muscolare, che può essere attribuito agli alcaloidi withanolidi. W. somnifera è anche ricco di numerosi metaboliti secondari come steroidi, alcaloidi, flavonoidi, fenolici, saponine e glicosidi. Una vasta gamma di studi preclinici lo identificano come cardioprotettivo, anticancro, antiossidante, antibatterico, antimicotico, antinfiammatorio, epatoprotettivo, antidepressivo e ipoglicemico . Diverse parti della pianta sono state analizzate  in  studi clinici sull’ infertilità maschile, il disturbo ossessivo-compulsivo, l’ansietà, il rafforzamento osseo e muscolare, il diabete.

Secondo Charaka Samhita, Susruta Samhita e altri testi antichi, Ashwagandha è conosciuta come Balya (aumenta la forza), Brusya (potenziatore delle prestazioni sessuali), vajikari , spermatogenico), Kamarupini (miglioramento della libido), Pustida (nutriente).

Studi fitochimici su W. somnifera hanno rivelato la presenza di importanti costituenti chimici come flavonoidi, acidi fenolici, alcaloidi, saponine, tannini e withanolidi. Vari studi clinici mostrano che l’estratto vegetale e i suoi composti bioattivi sono utilizzati nella prevenzione e nel trattamento di molte malattie, come artrite, impotenza, amnesia, ansia, cancro, il trattamento di ansia e altri disturbi del SNC. Si  è dimostrato un rimedio privo di tossicità ed efficace clinicamente per la salute e il benessere umano.

Ashwagandha è un’erba tradizionalmente utilizzata per ridurre lo stress e migliorare il benessere. Sessanta adulti sono stati assegnati casualmente per prendere un placebo o 240 mg di un estratto standardizzato di Ashwagandha  una volta al giorno. Tutti i partecipanti hanno completato la prova senza che siano stati segnalati eventi avversi. Rispetto al placebo, l’integrazione di  Ashwagandha è stata associata ad una riduzione statisticamente significativa dell’HAM-A  e ad una riduzione quasi significativa della DASS-21 . L’assunzione di Ashwagandha è stata anche associata a una maggiore riduzione di cortisolo mattutino  e del DHEA-S  rispetto al placebo. I livelli di testosterone sono aumentati nei maschi (P = .038) ma non nelle femmine ) nel tempo. Questi risultati suggeriscono che Ashwagandha allevia lo stress possono, attraverso il suo effetto moderatore sull’asse ipotalamo-ipofisi-surrenale. Withania somnifera agisce sui disturbi neurocomportamentali indotti dallo stress ossidativo cerebrale ,ripristinando significativamente gli ossidativi alterati e altri marcatori di stress. Withania somnifera Dunal, comunemente noto come ginseng indiano, è stato in uso fin dall’antichità come agente afrodisiaco, per il trattamento dell’impotenza e dell’infertilità.

Schisandra (Schisandra chinensis) è stata usata per secoli come pianta della medicina tradizionale cinese. I frutti di Schisandra chinensis sono stati tradizionalmente utilizzati per migliaia di anni in Corea e Giappone per trattare vari disturbi. La sua attività biologica e l’uso farmacologico sono associati ai lignani: la loro attività è stata studiata in centinaia di studi che hanno confermato effetti adattogeni, stimolazione del sistema nervoso centrale, effetti epatoprotettivi ed azione anticancro. Gli estratti grezzi e i componenti isolati di lignani puri proteggono efficacemente dal danno delle cellule neuronali e migliorano le prestazioni cognitive, questa pianta è indicata per trattare varie malattie neurodegenerative.

L’estratto dei frutti di Schisandra chinensis è stato tradizionalmente usato dalla  medicina orientale per il trattamento di malattie cardiovascolari.

Schisandra chinensis (Turcz.) Baill (S. chinensis) è stato usato per migliaia di anni in Cina e di solito viene applicato nel trattamento di disturbi del tratto urinario e lesioni al fegato. L’estratto di S. chinensis (SCE) ha effetti protettivi sulla tavola su fegato, reni e sistema nervoso. Schisandra chinensis è stata utilizzata per trattare le malattie del fegato in Cina. I risultati hanno dimostrato che SC ha una cospicua efficacia terapeutica sulle lesioni epatiche. Schisandra chinensis è un’erba naturale in grado di trattare gli effetti del morbo di Alzheimer, regolando l’apoptosi neuronale .

 

Se soffri delle problematiche descritte, ti suggerisco Alato 15, disponibile qui o in farmacia.