Archivio dei tag antisettico

DiAlessandra Zarone

Origano e Betaina

Origano e Betaina

In questo articolo illustrerò le piante che contengono betaina ed i loro utilizzo nella tradizione folclorica

 Betaina è’ indicata per:

Bruciore allo stomaco, gonfiore o eruttazioni, pesantezza allo stomaco, infezione cronica da candida, frequenti indigestioni, alito cattivo, allergie alimentari, parassiti intestinali cronici, cibo non digerito nelle feci.

E’ contenuta nell’Origano

Origanum vulgare (Lamiaceae) Origano, Maggiorana selvatica

Parti usate Parti aeree, olio essenziale. Costituenti L’origano contiene un olio volatile (comprendente carvacrolo, timolo, beta-bisabolene, cariofillene, linalolo e borneolo), tannini, resina, steroli e flavonoidi. Sia il carvacrolo che il timolo sono antibatterici e antifungini.

Storia e Folklore

Stimato dagli antichi greci, l’origano era considerato un toccasana in epoca medievale. Era una delle piante medicinali coltivate dai primi coloni del New England.

Azioni e usi medicinali

L’origano e il suo olio sono fortemente antisettici, efficaci contro molti batteri e funghi, in particolare ceppi di E. coli e Candida. Può aiutare nel trattamento di  infezioni acute e croniche che colpiscono le vie gastrointestinali e respiratorie, in particolare gastroenterite, dissenteria, bronchite, tosse e tonsillite. Sia l’erba che l’olio inibiscono la flora intestinale e hanno un ruolo importante nella disbiosi intestinale, una condizione in cui la presenza di batteri intestinali nocivi porta a sintomi come gas, gonfiore e disagio addominale. L’olio diluito può essere applicato a mal di denti o articolazioni dolorose.

Precauzioni:

Non prendere come medicinale durante la gravidanza. L’uso esterno può causare irritazione della pelle. Non prendere l’olio essenziale internamente.

Majorana syriaca (L.) Rafi n. [Famiglia: Labiatea]

Arabo: Za’atar

Uso etnobotanico : raffreddori, vomito, malattie allergiche della pelle, dermatiti, mal di testa, problemi dentali, tonsillite e tosse. I beduini del Negev e del Sinai lo usano come trattamento per il raffreddore, bevono il tè preparato da questa pianta con un cucchiaino di zucchero. Il vomito viene trattato immergendo le foglie in acqua e facendo cadere l’acqua nelle narici della persona, per tre volte al giorno. Le malattie allergiche della pelle e la dermatite sono trattate come segue: le foglie vengono bollite in acqua e date al paziente da bere; anche il corpo di un bambino viene lavato con questa soluzione. Mal di testa, problemi dentali, tonsillite e tosse sono trattati con una miscela a base di foglie.

L’Origanum syriacum è una delle principali piante autoctone importanti nelle vicinanze della Terra Santa. La maggiorana siriana è un’erba aromatica perenne della famiglia della menta, Lamiaceae. Il nome comune locale di questa pianta è ” Za’atar ” o ” Ezov matzuy “. Questa erba è molto importante per la popolazione locale, con una lunga storia di usi tradizionali. E’ stata identificata come l’issopo biblico, menzionato nella Bibbia come pianta medicinale e antisettica.

La maggiorana siriana è conosciuta come rimedio per i vermi intestinali fin dai tempi di Gesù. Oggi, tra gli arabi israeliani, un tè viene preparato con le foglie, per alleviare raffreddori e dolori di stomaco. Gli ebrei yemeniti usano un infuso di issopo per alleviare i dolori del travaglio, in combinazione con salvia e varie foglie aromatiche, per ridurre il dolore di malattie cardiache, mal di testa e mal d’orecchi. Si ritiene che la pianta promuova la destrezza verbale e possa fungere da incantesimo contro la stregoneria. Un’indagine etnobotanica condotta in Israele ha rivelato i seguenti usi etnici della maggiorana siriana:

Per alleviare il mal di denti: le foglie verdi vengono schiacciate e poste sul dente dolorante.

Per trattare le infezioni gengivali: le foglie secche vengono schiacciate con sale e strofinate sull’area infiammata.

Per rafforzare la funzione cardiaca: il tè viene preparato con miele.

Per trattare le infezioni del tratto digestivo e del sistema urinario: viene preparato il decotto e vengono presi 2-4 cucchiai al giorno.

Per trattare il raffreddore: viene preparato un tè.

Per eliminare i vermi: Un estratto è fatto da foglie in olio d’oliva, lasciato per 2 settimane al sole, l’olio viene assorbito in zollette di zucchero e 1-3 cucchiaio vengono presi due volte al giorno.

 

Un  ottimo prodotto contenente Betaina è Alato 35, disponibile in farmacia o qui ALATO 35 (lafenicesas.it)

 

 

DiAlessandra Zarone

Cedro e Potassio

Cedro e Potassio

 

Il cedro, (Citrus medica L.) è uno dei tre agrumi primordiali (gli altri sono pummelo/ pomelo o pampaleone e il mandarino) da cui ha avuto origine la maggior parte degli altri agrumi.

Sebbene la buccia e gli estratti di cedro crudo siano molto apprezzati in Asia per i loro numerosi usi medicinali ,che vanno dall’Alzheimer al cancro al diabete alle ulcere ai parassiti intestinali, e come repellente per insetti, la maggior parte dei frutti coltivati nel bacino del Mediterraneo è usato per il rituale ebraico durante la festa autunnale del raccolto di Sukkot (Tabernacoli).

Il nome della specie medica indica che Linneo pensava che l’origine del cedro fosse in Medea / Persia (l’odierno Iran), e non si riferisce, come a volte erroneamente si pensa, al valore medicinale del frutto. Più recentemente, è stato determinato che il cedro è uno dei tre agrumi primordiali, gli altri sono il mandarino e il pommelo. Il punto di origine di tutte e tre le specie di agrumi è probabilmente la Cina sud-occidentale / India nord-orientale. Alessandro Magno è accreditato di aver portato il cedro dalla Persia al bacino del Mediterraneo intorno al 300 a.C., probabilmente per uso medicinale.

Gli ebrei che vivevano in Babilonia nel VI secolo a.C. usavano il cedro nei rituali religiosi, e i governanti persiani locali nell’antica Palestina / Giudea furono responsabili dell’introduzione del frutto nel Mediterraneo orientale. Fonti greche, romane, arabe ed ebraiche dall’antichità al medioevo si riferiscono tutte al cedro come fonte vegetale di ampio valore medicinale. Estratti e preparati del frutto e dei semi erano particolarmente apprezzati per la loro attività antitossica, sebbene frutta e foglie intere fossero anche usati come repellenti per insetti. Maimonide (XIII secolo) nel suo Trattato sulla guarigione, menziona i semi di cedro macinati, applicati freschi o secchi in un impiastro con radice di Colocinto, come particolarmente efficaci contro il veleno dello scorpione. Il suo contemporaneo ibn Taysan (Saladino d’Ascoli Salerno, circa XII secolo) raccomandava una riduzione del succo di cedro per contrastare il veleno in generale, oltre che per migliorare la funzionalità epatica e cardiaca, e come ingrediente nel lavaggio degli occhi. Estratti di semi, foglie e germogli sono usati come vermifugo. Gli oli essenziali della buccia hanno qualità antisettiche e antibiotiche. Questi oli aromatici sono anche la ragione per cui i cedri sono collocati negli armadi dei vestiti e nelle casse di stoccaggio per proteggere i tessuti da falene e altri insetti. Inoltre, l’albedo viene mangiato per migliorare la digestione, mentre gli estratti di frutto e talvolta di foglie, aiutano a ridurre i sintomi del morbo di Alzheimer, del cancro del diabete, delle ulcere, di reumatismi e tiene lontano gli spiriti maligni. Mangiare buccia cruda, buccia zuccherata o marmellata a base di cedri usati nella festa di Sukkot è facilitare il parto e migliorare la fertilità. Estratti di cedro migliorano la secrezione di insulina, alleviano i sintomi del diabete, hanno proprietà antiinfiammatorie, inibiscono la l’attività della colinesterasi.

Un ottimo rimedio a base di Potassio è Alato 34, disponibile qui ALATO 34 (lafenicesas.it)o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali della medicina folclorica per i disturbi della sfera sessuale

Rimedi naturali della medicina folclorica per i disturbi della sfera sessuale

 

Catuaba, Erythroxylum vacciniifolium Mart.

Arbusto o piccolo albero alto 3-5 m. Appartiene alla famiglia delle Erythroxylaceae, descritta e pubblicata da Karl Friedrich Philipp von Martius in Beit. Erythroxylon  nel 1840, Figlio del  farmacista di corte Ernst Wilhelm Martius (1756-1849), che fu il primo docente di farmacologia all’Università di Erlangen, si laureò in biologia a Erlangen nel 1814con una tesi  sulle piante dell’‘orto botanico dell’università. Dopo la laurea si dedicò alla botanica. Autore di” Nova genera et species plantarum quas in itinere per Brasiliam annis 1817-1820… collegit et descripsit dr. C.F.P. de Martius… Pingendas curavit et secundum auctoris schedulas digessit “.

L’uso di foglie secche in polvere, mescolate con le ceneri di altre piante, come stimolante, è stato registrato per la prima volta nel 500 A.D. .

Si trova nelle regioni settentrionali del Brasile: in Amazzonia, Para, Pernambuco, Bahia, Maranhao e Alagoas. Qui l’albero di Catuaba raggiunge un’altezza e uno spessore immensi, producendo piccoli fiori gialli e un frutto giallo scuro. La seconda specie si trova nelle aree centrali, crescendo a Espirito Santo, San Paolo e Minas Gerais. Qui forma un grande arbusto cespuglioso. Le specie sono ugualmente efficaci in medicina e una tisana tradizionale viene preparata dalla corteccia. Poiché ha un sapore molto amaro, i brasiliani addolciscono il tè con un po ‘di miele o un prodotto derivato da un’altra delle loro incredibili piante della foresta pluviale, un estratto di Stevia.

È una pianta così vigorosa e in forte crescita che tende formare enormi foreste proprie. Gli indiani Tupi ne scoprirono per la prima volta le qualità e composero molte canzoni che la lodavano. È stato riferito che dopo aver bevuto tre o quattro tazze di tè costantemente per un periodo di tempo, i primi sintomi sono di solito sogni erotici e quindi aumento del desiderio sessuale.

L’erba normalizza anche la funzione della prostata e previene la reinfezione della prostata con E. coli., dilata i vasi sanguigni e stimola il sistema nervoso.

Nella medicina tradizionale brasiliana, la corteccia è usata come stimolante del sistema nervoso, afrodisiaco naturale e stimolante sessuale, migliora il sistema nervoso centrale, calma i nervi e regola la pressione, così come per altri tipi di problemi nervosi, come agitazione, nevrastenia, nervosismo, scarsa memoria, insonnia, ipocondria e debolezza sessuale.

La dopamina dell’estratto di corteccia ha proprietà antidepressive.

Tra i costituenti della pianta è stato scoperto un gruppo di alcaloidi chiamati “Catuabina”, con queste sostanze chimiche ritenute responsabili di ulteriori stimoli al sistema nervoso.

L’uso della corteccia dell’albero Erythroxylum catuaba, noto in Amazzonia come chuehulluasi, è visibile nelle case dove si può appare una bottiglia appesa al muro che contiene corteccia di chuchuhuasi “marinata” in aguardiente, un forte alcol distillato dalla canna da zucchero. Nella medicina popolare viene utilizzato per reumatismi e dolori, previene le emorragie post partum e viene mescolato con acqua bollita o aguardiente.

Trichilia catigua (Catuaba)

Il genere Trichilia è stato descritto da Browne nel 1756 e comprende 71 specie distribuite in America tropicale, Africa e nella regione indo-malese, di cui 47 specie si trovano in Brasile.

Diverse specie sono state utilizzate nella medicina popolare nel trattamento di malattie come disturbi del fegato, purganti, antiepilettici, antipiretici, antimalarici, tonici fisici e mentali, afrodisiaci e stimolanti sessuali.

Comunemente conosciuta come “catuaba” o “catiguá”. T. catigua si trova in Sud America (Brasile, Argentina, Paraguay e Bolivia) ed è ampiamente usata come neurostimolante, anti-nevrastenico e afrodisiaco.

È ampiamente usata nella medicina popolare come tonico per il trattamento della fatica, dello stress, come antibatterico e antiossidante.

 

Gli effetti sono principalmente associati alla modulazione del sistema dopaminergico. Poiché la maggior parte dei farmaci disponibili per il trattamento della depressione interferiscono con la modulazione della serotonina / noradrenalina, si potrebbe suggerire che l’estratto standardizzato di T. catigua, usato da solo o in combinazione con altri farmaci disponibili, potrebbe rappresentare uno strumento prezioso per il controllo dei sintomi della depressione, specialmente nelle manifestazioni moderate della malattia. in situazioni in cui la terapia classica non è efficace o non è ben tollerata dai pazienti.

Trichilia catigua A. Juss. (Meliaceae)

La specie T. catigua è ampiamente distribuita in Sud e Centro America. È anche conosciuta come catiguá, catiguá vermelho, catuama, pau-ervilha e catuaba-do-norte.

La corteccia essiccata della specie nativa brasiliana Trichilia catigua A. Juss. è usata nella medicina popolare per le sue proprietà neuroattive ed è nota per il suo potenziale antiossidante.

 

 Damiana, Turnera diffusa

È un afrodisiaco tradizionale del popolo Maya in America Centrale. Continua ad essere considerato prezioso come afrodisiaco e tonico generale, e la sua azione stimolante e tonica lo rende anche un valido rimedio per chi soffre di depressione lieve. Le foglie sono usate per aromatizzare i liquori e sono prese in Messico come sostituto del tè. In Messico e in vari paesi dell’America Latina, le foglie sono ancora oggi utilizzate contro la debolezza muscolare, come tonico, nei disturbi gastrointestinali, diabete, edema, malaria e malattie della pelle, ma soprattutto come afrodisiaco.

È originaria del Golfo del Messico, della California meridionale, delle isole dei Caraibi settentrionali e della Namibia.

Internamente è utilizzata per esaurimento nervoso, ansia, depressione, debilitazione in convalescenza, impotenza, eiaculazione precoce, disturbi della prostata, infezioni urinarie, frigidità, perdite vaginali, mestruazioni dolorose, problemi di menopausa, cefalea ormonale scarso appetito e digestione e stitichezza atonica. La sua azione tonica è in parte dovuta al timolo costituente, che è antisettico e tonico psicofisico.

Le sue proprietà stimolanti e riparatrici lo rendono prezioso quando ansia e depressione si verificano insieme. È utile nel trattamento dell’eiaculazione precoce e dell’impotenza. È, tuttavia, benefica sia per gli uomini che per le donne, in quanto ripara degli organi riproduttivi di entrambi i sessi

Essendo un diuretico e antisettico urinario, è utile nel trattamento delle infezioni urinarie come la cistite e l’uretrite. Questa azione è in parte dovuta all’arbutina costituente, che viene convertita in idrochinone, un forte urinario

È un lassativo lieve, utile nel trattamento della stitichezza dovuta a scarso tono muscolare intestinale.

Studi farmacologici hanno rivelato i suoi effetti ansiolitici, analgesici, spasmolitici e afrodisiaci, ha una lieve attività estrogenica.

L’uso afrodisiaco tradizionale permette di aumentare efficacemente i livelli di testosterone e quindi il desiderio sessuale.

Alcune specie sono ampiamente usata nella medicina popolare per diversi tipi di malattie infiammatorie. La British Herbal Pharmacopoeia cita indicazioni per l’uso di tale rimedio per “nevrosi d’ansia con un fattore sessuale predominante, depressione, nervoso, dispepsia, costipazione atonica e coitale, inadeguatezza.

 

 

Muira Puama, Ptychopetalum olacoides

Muira puama è originaria delle foreste pluviali brasiliane, in particolare la regione del Rio  delle Amazzoni.

Muira Puama: un’erba coltivata in profondità nella foresta pluviale e comunemente conosciuta come “Potency Wood”. Questa è una delle migliori erbe per la maggior parte degli uomini da utilizzare per la disfunzione erettile, e ha una reputazione altrettanto meritata per aumentare il desiderio sessuale. L’arbusto è originario del Brasile ed è stato a lungo usato come un potente afrodisiaco in Sud America. Un recente studio clinico ha convalidato la sua sicurezza ed efficacia nel migliorare il desiderio sessuale e la funzione sessuale in molti pazienti.

Muira puama è stato a lungo usato nella medicina amazzonica come tonico e afrodisiaco. Considerato utile come aiuto per l’impotenza, si pensa che aiuti sia gli aspetti fisici che psicologici del problema.

È anche usata per trattare o prevenire la calvizie. La corteccia è fortemente astringente e viene impiegata come gargarismi per il mal di gola e assunta sotto forma di infuso per trattare diarrea e dissenteria

Sulla base dei numerosi rapporti clinici che documentano gli effetti di miglioramento della libido e dell’energia, Muira Puama aumenta il testosterone libero e / o sopprime l’eccesso di estrogeni.

 

Nella medicina popolare brasiliana Trichilia catigua è usato per le sue proprietà neuroattive, come neurostimolante, antiossidante e antinfiammatorio, mentre Turnera diffusa è tradizionalmente usato come tonico nella nevrastenia. Entrambe le specie sono note per essere ricche di flavonoidi.

Muira puama, sebbene usata in Asia, è in realtà la più nota medicina popolare amazzonica che aumenta la libido. Agisce come stimolante nervoso per aumentare la ricettività agli stimoli sessuali.

 

Un ottimo prodotto composto da Catuaba, Damiana e Muira Puama, è ALATO 18, acquistabile qui  o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _ Uva Ursina

Uva ursina

Arctostaphylos (manzanita) è un arbusto sempreverde con corteccia viola o rosso scuro e bacche rosse o marroni. Le bacche secche venivano consumate crude, cotte, essiccate e macinate, o essiccate intere per un uso futuro. I semi venivano aridi e anche macinati in farina. Semi e frutti venivano immersi nell’acqua e poi filtrati per berne il liquido. Le foglie e la corteccia di Arctostaphylos essiccate, in particolare A. uva-ursi, Kinnickinnick, erano mescolate con foglie di tabacco (Nicotiana) e affumicate. Le foglie fanno parte degli ingredienti di un tè medicinale per i reni, o utilizzato su tagli e ustioni. Il legno era utilizzato nella costruzione di case e per fare una varietà di utensili. Le diverse specie di manzanita si trovano spesso in habitat asciutti.

Lituania:

L’antica medicina popolare lituana utilizza Uva ursina per la cura di cistite e infiammazione delle vie urinarie.  Viene prescritta a una tazza al giorno per non più di una settimana.

Uva-ursi è indicata per possedere proprietà diuretiche, antisettiche urinarie e astringenti. Tradizionalmente, è stata utilizzata per cistite, uretrite, disuria, pielite e in particolare per la cistite catarrale acuta con disuria e urina altamente acida. È stata rivalutata nella medicina ufficiale del XVIII secolo per i problemi urinari.

America:

Uva ursi era usata dai nativi americani per rituali religiosi, credevano che l’erba avesse la capacità di rivitalizzarli. Usano foglie di uva ursina con tabacco e altre erbe nelle cerimonie religiose, o affumicate in una pipa sacra che porta le preghiere del fumatore al Grande Spirito e come rimedio per le infezioni del tratto urinario.

Uva-ursi è uno dei migliori antisettici urinari naturali. È stato ampiamente utilizzato in erboristeria per disinfettare e astringe le vie urinarie nei casi di cistite acuta e cronica e uretrite. Tuttavia, non è un rimedio adatto se c’è un’infezione simultanea dei reni. Esperimenti di ricerca hanno dimostrato che gli estratti di uva-ursi hanno un effetto antibatterico.

Uva-ursi ha mostrato attività antimicrobica nei confronti di una varietà di organismi, tra cui Staphylococcus aureus, Bacillus subtilis, Escherichia coli, Mycobacterium smegmatis, Shigella sonnei e Shigella flexneri.

Un ottimo rimedio contenente Uva ursina è Alato 7, disponibile in farmacia  o qui

 

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Pilosella

Erbe depurative ed etnobotanica

Pilosella

Hieracium pilosella L. (Famiglia: Asteraceae) è una pianta erbacea perenne. È ampiamente diffusa nei pascoli di montagna e pedemontane, nei boschi di querce e nelle aree del sottobosco. È usato principalmente come medicina tradizionale per la bronchite, l’asma bronchiale, l’edema e come unguento per la guarigione delle ferite. È particolarmente raccomandata per intensificare la minzione ed eliminare melma, sabbia e piccoli calcoli dal tratto urinario e dai reni. Grazie al suo valore medicinale, è stata usata nella medicina tradizionale serba per secoli.

Ha proprietà antidiabetiche, antinfiammatorie, antibatteriche, antimicotiche, antivirali, citotossiche e antiproliferative, diuretiche, gastroprotettive, antiepilettiche, ipotensive, antiobesità e ringiovanenti cutanee.

È usata nella medicina tradizionale europea per i suoi effetti diuretici e antinfiammatori. È particolarmente raccomandata per l’espulsione di sabbia e calcoli delle vie urinarie.

La specie più spesso menzionata è P. officinarum ampiamente utilizzata grazie ai suoi effetti diuretici. Altri usi popolari delle specie Hieracium e Pilosella includono il trattamento di malattie della pelle, gastriche e intestinali, nonché disturbi respiratori e vascolari. Ha proprietà antibiotiche, antisettiche, antidiabetiche, toniche, antiepilettiche, antiflogistiche, emetiche, è indicata per la guarigione delle ferite, come astringente, emostatico e disintossicante. Nella tradizione popolare, era utilizzata negli incantesimi. Le specie di Hieracium contengono composti fenolici (acidi fenolici, flavonoidi), cumarine e composti terpenici.

Hieracium pannosum è una pianta perenne e diffusa in Turchia.

Marocco:

Pilosella è utilizzata come antinfettivo, astringente, colagogo.

Irlanda:

Nel suo Irish Herbal (1735), il reverendo John Keogh riassume i benefici medicinali dell’erba che ricorda l’orecchio di topo: “Buono contro lo sputare di sangue, tutti i tipi di flusso, tosse, ulcere dei polmoni, della bocca e degli occhi ed herpes zoster. ”

L’erba rilassa i muscoli dei bronchi, stimola il riflesso della tosse e riduce la produzione di muco. Questa combinazione di azioni rende l’erba efficace nei problemi respiratori, tra cui asma e respiro sibilante, pertosse, bronchite e altri cronici e tosse congestionata. È usata per controllare il sanguinamento mestruale pesante. Può essere applicata come impiastro per guarire le ferite. Nella tradizione popolare è una delle erbe di San Giovanni.

In uso in Irlanda come rimedio contro l’ittero.

Germania:

A Hildesheim, in Germania, la gente era solita scavare l’erba, specialmente sulla collina del patibolo, quando gli orologi segnavano mezzogiorno nel giorno di mezza estate.

Inghilterra:

Nel libro” The New Family Herbal, di M. Robinson, 1863 si legge:”

Il nome Pilosella deriva dal Latino. Esistono Pilosella Major e Minor: le foglie di Pilosella Major assomigliano alle orecchie di un topo e sono utilizzate sia internamente che esternamente in decotto per ferite, ernie, scottature, bruciature. Le foglie secche tritate sono poste sulle ferite. Il succo, versato nelle orecchie, cura infiammazioni e infezioni, toglie il dolore, elimina il cerume accumulato. Può essere mangiata per curare infiammazioni interne.

“E una pianta che raffredda, asciuga e unisce, e quindi fa bene al calore dello stomaco; per le infiammazioni e gli attacchi di dolore. Il succo nel vino favorisce la digestione, espelle il vento e neutralizza l’acidità nello stomaco. La radice essiccata data nel vino e nell’aceto, fa bene all’idropisia. Il decotto preso con il miele e con l’issopo favorisce l’espettorazione e placa la tosse. Il decotto con vino allevia le coliche e io gonfiore della milza: procura riposo e sonno, purifica lo stomaco e il sangue. Le foglie bollite nel latte possono essere applicate esternamente. ll succo mescolato a latte cura le malattie oculari. Le foglie verdi tritate e mescolate con sale fanno un buon unguento per ustioni, erisipela e parti infiammate”

Hieracium Linnaeus hawkweed cresce principalmente in regioni artiche, alpine e temperate dell’emisfero settentrionale e  introdotta in Nuova Zelanda . Pilosella officinarum sembra essere stata conosciuta in generale come “orecchio di topo”, senza l’aggiunta di “hawkweed”.

Un ottimo prodotto contenente Pilosella è Alato 7, acquistabile in farmacia o qui 

 

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia : Valeriana

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

 

Valeriana

Valeriana officinalis o valeriana ha effetti sedativi, antispasmodici, ansiolitici, antidolorifici e ipnotici in umani e animali. Valeriana clarionifolia si distingue come uno fra i principali rimedi nelle farmacopee indigene della Patagonia, e le sue radici e rizomi sono stati usati fin dai tempi antichi.

Il nome generico deriva dal latino valere, “essere sani”, in riferimento agli usi medicinali nel trattamento di condizioni nervose e isteria. Valeriana è una nota erba medicinale tradizionale indiana con rimedio per il sonno. È stata usata nel corso degli anni per trattare nervine e sedativi nell’isteria, nell’epilessia e sedativi nell’ansia nervosa, come stimolante, per reumatismi, febbri di basso grado e afrodisiaco. È noto per crescere bene nelle regioni d’Europa, parti dell’Asia e del Nord America. Le radici dell’erba valeriana dall’odore forte erano un farmaco essenziale nei sacchetti di medicina per le ferite, dei primi guerrieri indiani Thompson. Le radici fresche venivano polverizzate tramite pietre e applicate direttamente sulla zona lesa, mentre le radici essiccate venivano impiegate come polvere antisettica. Le foglie fresche venivano talvolta masticate fino a quando non erano umide e poi applicate a tagli e ferite. La tribù Thompson della Columbia Britannica probabilmente scoprì il valore di questa specie, a causa di tentativi ed errori, molto prima dell’arrivo degli Europei.

 

 

La valeriana americana è originaria del Canada meridionale e si trova a sud della regione delle Montagne Rocciose del Nuovo Messico. Una specie correlata di valeriana (V. officinalis) è stata a lungo utilizzata nella medicina europea dove la pianta era nativa, ed è ancora oggi coltivata in Olanda, Inghilterra e Germania. È impiegato come antispasmodico e sedativo nell’epilessia e in altri disturbi nervosi. La valeriana europea è descritta in modo molto interessante in Woodville’s Medical Botany, pubblicato a Londra nel 1832: “I suoi poteri antispasmodici sono molto ben consolidati, e confido in molti dei resoconti che sono stati dati sulla sua efficacia; e se a volte non è stata efficace, l’ho appena spiegato, aggiungendo solo questo, che mi sembra, in quasi tutti i casi, dovrebbe essere somministrato in dosi maggiori di quelle comunemente date. È un fatto ben noto che alcuni gruppi indiani avessero usato antisettici prima del tempo di Lister. La valeriana americana è originaria del Canada meridionale e si trova a sud della regione delle Montagne Rocciose del Nuovo Messico. Una specie correlata di valeriana (V. officinalis) è stata a lungo utilizzata nella medicina europea dove la pianta era nativa, ed è ancora oggi coltivata in Olanda, Inghilterra e Germania. È impiegata come antispasmodico, anticonvulsivo, sedativo nell’epilessia e in altri disturbi nervosi. È utile nelle affezioni epilettiche, isteriche e in altre affezioni spasmodiche. La radice viene data in polvere: il suo sapore sgradevole può essere nascosto da una piccola aggiunta di noce moscata.

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Valeriana. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.

 

DiAlessandra Zarone

Centaurea, rimedio indicato nella prevenzione delle neoplasie

Centaurea, rimedio indicato nella prevenzione delle neoplasie

Questo articolo può esservi utile nella prevenzione delle neoplasie. Non è scritto a caso ma dedicato a mia zia Rita, che purtroppo è mancata anni fa… quando ancora non ero a conoscenza di certi rimedi…

pixabay, download e utilizzo gratuito

Centaurea nella Mitologia

 

ll nome botanico, centaurea, fu attribuito alla pianta da Linneo nel 1737, tale nome trova la genesi nella figura mitologica del centauro Chirone, creatura metà uomo e metà cavallo, caro amico del re degli dei, Zeus, e maestro di molte divinità.
Secondo l’antica leggenda Chirone era il centauro a cui Zeus aveva donato l’immortalità, un giorno, però, venne colpito con una freccia avvelenata, ad una zampa, da Hercules. Chirone che non poteva morire, per via della sua immortalità, e non poteva più rimettersi in piedi, a causa del veleno che aveva in corpo, riuscì, dopo una lunghissima sofferenza grazie alle sue sconfinate conoscenze a guarire, sul finire della primavera, preparando un impacco di fiori di fiordaliso appena sbocciati.

Nel linguaggio dei fiori e delle piante simboleggia la leggerezza e la dolcezza. Secondo la tradizione europea donare un fiordaliso vuol dire amicizia sincera, mentre secondo le tradizioni orientali il fiordaliso è il fiore che gli innamorati donano alle loro amate come in augurio di ottenere la felicità.

pixabay, download e utilizzo gratuito

La concezione spagyrica e le proprietà terapeutiche della Centaurea

 

La funzione primaria è gioviniana, agisce su:

  • organi maschili
  • vene
  • fegato
  • ipofisi

La funzione secondaria sagittariana governa l‘Ipotalamo. In Spagyria viene utilizzata come febbrifugo .

Nella tradizione popolare viene definita “scacciafebbre”,”erba china”,”fiele di terra”, poichè ha sapore amaro.

 

  • E ‘un ottimo decongestionante de fegato, in quanto appartiene al segno del Sagittario, di conseguenza le sue proprietà si ripercuotono sulll’ipotalamo- che regolarizza le secrezioni ormonali  e la sua azione benefica agisce sugli organi genitali.
  • E’una pianta antisettica, cura il tetano, la peste, la difterite, il bacillo di Loeffler (ossia la difterite).
  • Si utilizza nella prevenzione  di neoplasie

Essenza floreale di Centaurea

 

Adatta a chi è:

  • Amorevole
  • Servizievole
  • Rischia di farsi sfruttare e dominare dagli altri
  • Scarsa autostima
  • Facilmente manipolabile

L’essenza  permette di :

  • Imparare a dire di no quando serve
  • Esser forti ed integri
  • Agire in base ai propri voleri
  • Essere saldi e fermi con se stessi

 

 

Se desideri approfondire le tematiche trattate, prenota una Consulenza Naturopatica in Studio o tramite  Whasapp/Messenger, in omaggio una miscela floreale adatta a te.

DiAlessandra Zarone

Timo, disinfettante naturale

Timo, disinfettante naturale

Fu tradotto nel latino thymus che ha dato il nome alle due specie principali, Thymus vulgaris e Thymus serpillum: la prima, che vive prevalentemente nei luoghi aridi,
presenta i fusti ascendenti o eretti e i fiori rosei o bianchi; la seconda ha i fiori rosei con foglioline punteggiate di piccole ghiandole che contengono olii essenziali. Quest’ultima è stata chiamata serpillum perché, scriveva Plinio, «serpeggia, il che avviene nella specie selvatica, soprattutto nei terreni rocciosi; mentre in effetti quello coltivato
non striscia, ma cresce in altezza fino a un palmo».

Siccome il nome ricorda i serpenti, si diceva anticamente che fosse efficace contro il morso dei rettili.

timo naturopatia como

Medicina antica

Nel Rinascimento, come testimonia Castore Durante, lo si consigliava, cotto nel vino, per gli asmatici e i podagrosi, ma anche per curare le irritazioni della vescica, eliminare la tenia, guarire dagli avvelenamenti  e provocare le mestruazioni. Lo si usava, secco, polverizzato e mescolato ad argilla, come dentifricio e disinfettante delle gengive.

Thymus_serpyllum_L studio naturopatico donadoni inverigo como

Rimedio erboristico moderno

Ancora oggi lo si adopera per la pulizia del corpo e la disinfezione in soluzioni detergenti saponose. È inoltre un componente delle lozioni per capelli.
Dal timo si estrae un olio essenziale, costituito da timolo e carvacrolo
e da  terpeni e derivati terpenici, con proprietà antisettiche e antispasmodiche.

Un tempo lo si consigliava quale farmaco adatto a curare, per via orale, tifo e dissenterie o, inalato, la tubercolosi, la bronchite e la pertosse.

Thymus_serpyllum_coccineum miglior naturopata milano

 

Floriterapia

 

L’ essenza floreale  viene utilizzata quando si ha la sensazione di non avere abbastanza tempo. Esso ha la capacità di alterare la percezione del flusso del tempo, permettendo di accelerare o rallentare. Può essere utilizzato per la vita lavorativa . E ‘anche un amplificatore di altre essenze, accelera il processo di guarigione . Timo aiuta ad accrescere i nostri sensi, ad essere più ricettivi alle informazioni che  ci circondano e potrebbero migliorare le nostre scelte e le risposte alla vita . E’ utile quando questi sensi superiori sono stati disattivati o diminuiti. Timo ci ricorda quei sensi e ci porta ad un nuovo livello di conoscenza . E’ utile per  scoprire nuovi talenti.

Se vuoi approfondire le tematiche emerse in questo articolo, prenota una Consulenza Naturopatica o un Consulto di Floriterapia Vibrazionale Psicosomatica.

thyme-naturopata lecco

DiAlessandra Zarone

Origano, antisettico naturale

L’origano (Origanum vulgare), antisettico naturale appartiene alla famiglia delle Labiatae e al genere Origanum: ha infatti molte proprietà in comune con essa.

Etimologia

Il suo nome deriva dal greco origanos, composto da óros, montagna, e da gànos, splendore: «splendore di montagna» perché allo stato spontaneo è una pianta che alligna soprattutto nelle zone alte. Fu molto apprezzato fin dall’antichità – come testimoniano DioscorideColumella e Plinio – per le qualità terapeutiche delle sommità
fiorite e delle foglie che contengono timolo, carvacrolo, terpinene, tannini e sostanze amare.

Proprietà curative

  • antalgico
  • antisettico
  • antispasmodico
  • espettorante
  • parassiticida
  • stomachico
  •  tonico

 

Lo si usa per curare o preservare l’apparato respiratorio e digerente. 

E’ perciò utile contro:

  • infiammazioni repiratorie 
  • riequilibrio delle funzioni digestive

 

Ha  azione stimolante sull’apparato nervoso; ma non manca di altre virtù: si può guarire rapidamente un torcicollo applicando sulla parte un cuscinetto delle sue sommità fiorite, appena colte e riscaldate per brevissimo tempo in padella. Lo si aggiunge infine alle vivande per ottenere una buona secrezione dei succhi gastrici e un miglior funzionamento del fegato.

Simbologia

L’origano ha suscitato il simbolo del Conforto.
Una leggenda diffusa fin dal Medioevo narrava che la cicogna, quando soffriva di stomaco per avere mangiato qualche cibo nocivo, si curava con origano.

Floriterapia

Oreganum vulgare bianco, ha un’energia curativa che avvolge e si dirige laddove è
necessario, ripristina  l’equilibrio a seguito di eventi stressanti e situazioni disarmoniche che hanno interrotto bruscamente il naturale flusso dell’energia psico-fisica. Origano individua ciò che necessita armonia, riportando così benessere e salute.

 

Prenota una Consulto Naturopatico o Floreale per affrontare le tematiche emerse in questo articolo, oppure un Programma Detox  con alimentazione adeguata e rimedi ayurvedici, volto al riequilibrio psico-fisico.

DiAlessandra Zarone

Mirtillo_ rimedio naturale

Mirtillo_ rimedio naturale :

Mirtillo, Vaccinium vitis-idaea (mirtillo rosso) è un rimedio naturale per l’arteriosclerosi :

Mirtillo nell’antichità:

La raccolta dei mirtilli ha tradizioni antichissime. Il mirtillo nero veniva consigliato già da Dioscoride, nel I secolo d. C., per curare la dissenteria.

 

Mirtillo contiene:

Tannini, flavonoidi, iperoside, isoquercitrina, quercitrina),iridoidi (asperuloside),derivati dell’acido caffeico (acido clorogenico), acidi fenolici (acido salicilico e acido gentisico), alcaloidi (mirtina, epimirtina) nelle foglie; antocianoidi (cianidina, malvidina), acidi organici (acido malico, acido citrico), flavonoidi, pectine, vitamine A,C e B (frutti).

Proprietà curative del Mirtillo:

Astringenti, antidiarroiche (foglie e frutti), antisettiche e antivirali (foglie), rinfrescanti, protettrici vasali e della retina (frutti).
Le foglie sono anche ipoglicemizzanti; si consigliano quindi ai diabetici, in quanto consentono di ridurre le dosi di farmaci per via orale o quelle di insulina. L’uso del mirtillo è particolarmente indicato nei casi di retinopatia diabetica, di miopia e nei casi di degenerazione della retina dovuti a ipertensione o ad arteriosclerosi.

Utilizzo:

  • In caso di pesantezza delle gambe, varici, flebiti, ulcere varicose ed emorroidi, infezioni dovute all’alterazione della flora intestinale e per migliorare l’adattamento all’oscurità: assumere a ogni pasto 5÷10 cucchiai di succo fresco ottenuto dai frutti maturi.
  • Per le emorroidi: fare degli impacchi con un decotto preparato con 70g di bacche di mirtillo in 500ml di acqua.

 

  • In caso di ossiuri, piccoli vermi presenti nell’intestino dei bambini: preparare un decotto con 50÷70g di frutti in 1 litro d’acqua per 15 minuti, filtrare e bere nell’arco della giornata.
  • Per i diabetici: preparare un decotto con una manciata di foglie essiccate di mirtilli e alcuni baccelli di fagioli in 1 litro di acqua. Berne una tazza al giorno.
  • Contro la diarrea: preparare un infuso con 30÷40g di foglie in 1 litro d’acqua. Bere una tazza dopo ogni evacuazione, finché la situazione non si normalizza.
  • In caso di eczema e ulcere varicose: effettuare frizioni con il succo fresco o il decotto dei frutti.

Avvertenze:

il mirtillo è considerato una pianta abbastanza sicura, se utilizzata alle dosi consigliate, tuttavia l’uso prolungato e l’abuso delle foglie di mirtillo può causare gravi effetti tossici, con una sintomatologia caratterizzata da ittero, anemia, cachessia e formazione di metaemoglobina.
Il mirtillo ha un effetto sull’inibizione dell’aggregazione piastrinica e pertanto potrebbe interagire con altri inibitori dell’aggregazione piastrinica, come l’aspirina, ed anticoagulanti, quali il warfarin. L’uso dei frutti freschi, al posto di quelli secchi, può provocare diarrea, anche se quelli secchi e le foglie possono essere, talvolta, irritanti per l’intestino.

Se vuoi apporfondire le tematiche trattate, contattami qui per una consulenza naturopatica.

DiAlessandra Zarone

Naturopatia Desio: Cipresso

Naturopatia Desio: Cipresso:

Cipresso – Cupressus sempervirens L. – Cupressaceae

Fioritura: febbraio-maggio – Parti raccolte: foglie, rametti giovani, galbuli – Tempo balsamico: primavera.

 

Il Cipresso nell’antichità:

Il cipresso della Bibbia e della civiltà mediterranea è una conifera sempreverde dal portamento affusolato, probabilmente originaria dall’altipiano dell’Iran e attualmente coltivata in tutta l’area del Mediterraneo. A maturità forma un cono globoso, usato dagli Egizi per le sue proprietà astringenti, emostatiche e antinfiammatorie. Dalle foglie e dalla corteccia si estrae per distillazione un olio essenziale giallognolo impiegato in profumeria ed efficace per sedare mediante inalazioni una tosse convulsiva. In un testo medioevale si legge: “Contro le emorroidi, quando queste corrono troppo sia fatta una fermentazione di frutti e di foglie di cipresso cotte in acqua piovana, ed in quella stessa acqua si immerga il paziente e gli si da poi dell’acqua del decotto da bere: tutto ciò è molto utile”.

Proprietà medicamentose del Cipresso:

Le parti utilizzate dalla farmacopea popolare erano i ramoscelli freschi, da raccogliere in primavera e i galbuli ancora verdi e carnosi, per le proprietà astringenti, antidiarroiche, antisettiche, antiemorroidali, antireumatiche, vasocostrittrici.

Il Cipresso nella storia antica:

I Persiani vi coglievano il simbolo vegetale del fuoco per la sua forma evocatrice della fiamma e sostenevano che fosse il primo albero del Paradiso.
A queste caratteristiche simboliche corrispondono quelle medicinali grazie alle foglie e ai frutti che contengono, oltre a un elevato tasso di tannino, un olio essenziale molto aromatico con il quale i Romani preparavano profumi. La fama funeraria del cipresso (Cupressus sempervirens) è nata invece
dai poeti greci e latini che cominciarono a considerarlo l‘albero
dei defunti.

Il Cipresso nelle Metamorifosi di Ovidio:

 

Ovidio racconta nelle Metamorfosi che il giovinetto Ciparisso viveva in compagnia di un grande cervo dalle coma d’oro: monili adorni di gemme gli scendevano sul petto, sulla fronte gli pendeva,legata a un laccetto, una borchia d’argento, e sulle tempie
scintillavano due orecchini di perle che portava fin dalla nascita.

Tintura Madre di Cipresso:

 

Per il complesso dei suoi costituenti ha soprattutto un’azione vasocostrittrice e protettiva dei capillari. La tintura di cipresso, utilizzabile in infuso o decotto, è indicata per curare flebiti, varici, emorroidi, mentre l’essenza dei rami è antisettica e spasmolitica, utile come sedativo della tosse.


Se desideri un consulto naturopatico volto alla prevenzione, contattami qui.

DiAlessandra Zarone

Naturopatia Desio :Bacche commestibili curative

Naturopatia Desio: Le bacche commestibili curative:

Corniolo,Corbezzolo, Aronia, Berberis, Olivello spinoso

  • Corniolo

Fra le bacche commestibili e curative, il Corniolo deriva dal latino cornus, affine al greco krános di genere femminile usato al posto dell’equivalente e più antico kráneia. Anche il latino cornus è un vocabolo di genere femminile e significa, oltre a corniolo, anche asta, nonché giavellotto fatto con legno di corniolo, in quanto il legno del cornus è durissimo (come un corno? detto cornu, che però è un vocabolo di genere neutro), adatto per essere lavorato al tornio.
Che il vocabolo cornus sia di genere femminile lo dimostra la nomenclatura di Linneo, che battezzò questa pianta non come Cornus mas oggi in uso, bensì Cornus mascula. Questa nomenclatura del tutto esatta dal punto di vista grammaticale possiamo reperirla in svariate edizioni cronologiche delle opere di Linneo, sia in Systema naturae che in Systema vegetabilium secundum classes, ordines, genera, species.
Ha proprietà astringenti e febbrifughe, antibatteriche, cicatrizzanti, cura i reumatismi,
 per l’azione tonico-astringente dei frutti, si utilizza contro enterite, nella cura delle malattie della pelle. L’azione tonico-astringente rende il frutto un ottimo rimedio per curare dermatiti, dolori articolari e disturbi del metabolismo.

 

Radici, corteccia e germogli venivano impiegati per curare la febbre con azione analoga al legno di china.

Si usa preparare con i frutti marmellate che risulta abbiano potere astringente.

  • Corbezzolo

Corbezzolo o arbutus unedo, arbusto sempreverde di grandi dimensioni e officinale, caratteristico della macchia mediterranea, con foglie lanceolate verde scuro e lucide, fiori pendenti a campanula bianchi o rosa invernali che compaiono sulla pianta insieme a grosse bacche gialle, rosse e arancioni, commestibili. Le api dal nettare di corbezzolo ricavano un ottimo miele. Soffrendo il freddo va posto in posizione riparata.

Ha proprietà antisettiche, antinfiammatorie, è ricco di vitamina E, è un antidiarroico, migliora  la circolazione sanguigna, ha azione antispasmodica delle vie urinarie, disinfiamma il fegato ed ha potere diuretico.

  • Aronia melanocarpa

E’ uno splendido arbusto deciduo di medie dimensioni di origine americana, con foglie ovali appuntite, di colore verde nella bella stagione, rosso ruggine in autunno, piccoli fiori bianchi estivi a cui seguono polpose bacche nerastre commestibili coperte da cera, riunite a grappoli come le ciliegie, dal sapore simile ai mirtilli, con cui si possono fare ottime marmellate.

Queste bacche ornamentali ed edibili permangono sulla pianta per tutto l’inverno e sono molto gradite agli uccellini. Contiene flavonoidi, vitamina K, E, protegge dalla radiazioni, grazie alla presenza di antociani.

  •  Berberis

Berberis thunbergii . E’ un piccolo arbusto molto decorativo a foglie decidue originario del Giappone, color porpora in primavera e autunno se poste in pieno sole, piccoli fiori gialli primaverili e rami molto spinosi. In estate maturano piccole bacche commestibili a forma di oliva color corallo con proprietà diuretiche e antinfettive, con cui si può produrre un aceto. E’ ricco di vitamina C.

 

Contiene isoquinoleinaberberina, con conseguente proprietà antimicrobica su virus, funghi, clamidia.

In Iran e Turchia le bacche vengono consumate nel riso pilaf, mentre in Russia si è soliti preparare una marmellata con le bacche di Berberis.

  • Olivello spinoso

Olivello spinoso, o hippophae rhamnoideso, arbusto deciduo di grandi dimensioni con rami spinosi e foglie grigio-argento, simili a quelle dell’oleandro o dell’ulivo, si può trovare spontaneo in Italia. Produce piccole bacche di colore arancione intenso, se nei paraggi ci sono sia la pianta maschio che femmina, che ricoprono i rami per tutto l’inverno; sono commestibili e officinali con proprietà ricostituenti, lenitive e cicatrizzanti.

  •  Giuggiolo

Il giuggiolo (Ziziphus jujuba Mill.) è una pianta a foglie decidue della famiglia delle Ramnacee, noto anche come dattero cinese,natsume o tsao (cinese semplificato: cinese tradizionale: pinyin: zǎo).

Si ritiene che il giuggiolo sia originario dell’Africa settentrionale e della Siria, e che sia stato successivamente esportato in Cina e in India, dove viene coltivato da oltre 4000 anni. I romani lo importarono per primi in Italia, e la chiamarono ziziphum (dal greco ζίζυφον, zízyphon).

Il brodo di giuggiole è ricco di vitamina C e zuccheri, risulta dolciastro ed estremamente gustoso.

Ha azione  lenitiva ed antinfiammatoria, è utilizzato per la preparazione di decotti espettoranti ed emollienti. I semi contengono composti organici con proprietà sedative.
In cosmesi, il Giuggiolo vine utilizzato nella preparazione di  maschere emollienti ed idratanti per pelli secche.

Se desideri approfondire le tematiche trattate, commenta il mio articolo, rispondo in poche ore, oppure prenota una consulenza naturopatica nel mio studio o via skype.