Rimedi naturali della medicina folclorica per i disturbi della sfera sessuale

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali della medicina folclorica per i disturbi della sfera sessuale

Rimedi naturali della medicina folclorica per i disturbi della sfera sessuale

 

Catuaba, Erythroxylum vacciniifolium Mart.

Arbusto o piccolo albero alto 3-5 m. Appartiene alla famiglia delle Erythroxylaceae, descritta e pubblicata da Karl Friedrich Philipp von Martius in Beit. Erythroxylon  nel 1840, Figlio del  farmacista di corte Ernst Wilhelm Martius (1756-1849), che fu il primo docente di farmacologia all’Università di Erlangen, si laureò in biologia a Erlangen nel 1814con una tesi  sulle piante dell’‘orto botanico dell’università. Dopo la laurea si dedicò alla botanica. Autore di” Nova genera et species plantarum quas in itinere per Brasiliam annis 1817-1820… collegit et descripsit dr. C.F.P. de Martius… Pingendas curavit et secundum auctoris schedulas digessit “.

L’uso di foglie secche in polvere, mescolate con le ceneri di altre piante, come stimolante, è stato registrato per la prima volta nel 500 A.D. .

Si trova nelle regioni settentrionali del Brasile: in Amazzonia, Para, Pernambuco, Bahia, Maranhao e Alagoas. Qui l’albero di Catuaba raggiunge un’altezza e uno spessore immensi, producendo piccoli fiori gialli e un frutto giallo scuro. La seconda specie si trova nelle aree centrali, crescendo a Espirito Santo, San Paolo e Minas Gerais. Qui forma un grande arbusto cespuglioso. Le specie sono ugualmente efficaci in medicina e una tisana tradizionale viene preparata dalla corteccia. Poiché ha un sapore molto amaro, i brasiliani addolciscono il tè con un po ‘di miele o un prodotto derivato da un’altra delle loro incredibili piante della foresta pluviale, un estratto di Stevia.

È una pianta così vigorosa e in forte crescita che tende formare enormi foreste proprie. Gli indiani Tupi ne scoprirono per la prima volta le qualità e composero molte canzoni che la lodavano. È stato riferito che dopo aver bevuto tre o quattro tazze di tè costantemente per un periodo di tempo, i primi sintomi sono di solito sogni erotici e quindi aumento del desiderio sessuale.

L’erba normalizza anche la funzione della prostata e previene la reinfezione della prostata con E. coli., dilata i vasi sanguigni e stimola il sistema nervoso.

Nella medicina tradizionale brasiliana, la corteccia è usata come stimolante del sistema nervoso, afrodisiaco naturale e stimolante sessuale, migliora il sistema nervoso centrale, calma i nervi e regola la pressione, così come per altri tipi di problemi nervosi, come agitazione, nevrastenia, nervosismo, scarsa memoria, insonnia, ipocondria e debolezza sessuale.

La dopamina dell’estratto di corteccia ha proprietà antidepressive.

Tra i costituenti della pianta è stato scoperto un gruppo di alcaloidi chiamati “Catuabina”, con queste sostanze chimiche ritenute responsabili di ulteriori stimoli al sistema nervoso.

L’uso della corteccia dell’albero Erythroxylum catuaba, noto in Amazzonia come chuehulluasi, è visibile nelle case dove si può appare una bottiglia appesa al muro che contiene corteccia di chuchuhuasi “marinata” in aguardiente, un forte alcol distillato dalla canna da zucchero. Nella medicina popolare viene utilizzato per reumatismi e dolori, previene le emorragie post partum e viene mescolato con acqua bollita o aguardiente.

Trichilia catigua (Catuaba)

Il genere Trichilia è stato descritto da Browne nel 1756 e comprende 71 specie distribuite in America tropicale, Africa e nella regione indo-malese, di cui 47 specie si trovano in Brasile.

Diverse specie sono state utilizzate nella medicina popolare nel trattamento di malattie come disturbi del fegato, purganti, antiepilettici, antipiretici, antimalarici, tonici fisici e mentali, afrodisiaci e stimolanti sessuali.

Comunemente conosciuta come “catuaba” o “catiguá”. T. catigua si trova in Sud America (Brasile, Argentina, Paraguay e Bolivia) ed è ampiamente usata come neurostimolante, anti-nevrastenico e afrodisiaco.

È ampiamente usata nella medicina popolare come tonico per il trattamento della fatica, dello stress, come antibatterico e antiossidante.

 

Gli effetti sono principalmente associati alla modulazione del sistema dopaminergico. Poiché la maggior parte dei farmaci disponibili per il trattamento della depressione interferiscono con la modulazione della serotonina / noradrenalina, si potrebbe suggerire che l’estratto standardizzato di T. catigua, usato da solo o in combinazione con altri farmaci disponibili, potrebbe rappresentare uno strumento prezioso per il controllo dei sintomi della depressione, specialmente nelle manifestazioni moderate della malattia. in situazioni in cui la terapia classica non è efficace o non è ben tollerata dai pazienti.

Trichilia catigua A. Juss. (Meliaceae)

La specie T. catigua è ampiamente distribuita in Sud e Centro America. È anche conosciuta come catiguá, catiguá vermelho, catuama, pau-ervilha e catuaba-do-norte.

La corteccia essiccata della specie nativa brasiliana Trichilia catigua A. Juss. è usata nella medicina popolare per le sue proprietà neuroattive ed è nota per il suo potenziale antiossidante.

 

 Damiana, Turnera diffusa

È un afrodisiaco tradizionale del popolo Maya in America Centrale. Continua ad essere considerato prezioso come afrodisiaco e tonico generale, e la sua azione stimolante e tonica lo rende anche un valido rimedio per chi soffre di depressione lieve. Le foglie sono usate per aromatizzare i liquori e sono prese in Messico come sostituto del tè. In Messico e in vari paesi dell’America Latina, le foglie sono ancora oggi utilizzate contro la debolezza muscolare, come tonico, nei disturbi gastrointestinali, diabete, edema, malaria e malattie della pelle, ma soprattutto come afrodisiaco.

È originaria del Golfo del Messico, della California meridionale, delle isole dei Caraibi settentrionali e della Namibia.

Internamente è utilizzata per esaurimento nervoso, ansia, depressione, debilitazione in convalescenza, impotenza, eiaculazione precoce, disturbi della prostata, infezioni urinarie, frigidità, perdite vaginali, mestruazioni dolorose, problemi di menopausa, cefalea ormonale scarso appetito e digestione e stitichezza atonica. La sua azione tonica è in parte dovuta al timolo costituente, che è antisettico e tonico psicofisico.

Le sue proprietà stimolanti e riparatrici lo rendono prezioso quando ansia e depressione si verificano insieme. È utile nel trattamento dell’eiaculazione precoce e dell’impotenza. È, tuttavia, benefica sia per gli uomini che per le donne, in quanto ripara degli organi riproduttivi di entrambi i sessi

Essendo un diuretico e antisettico urinario, è utile nel trattamento delle infezioni urinarie come la cistite e l’uretrite. Questa azione è in parte dovuta all’arbutina costituente, che viene convertita in idrochinone, un forte urinario

È un lassativo lieve, utile nel trattamento della stitichezza dovuta a scarso tono muscolare intestinale.

Studi farmacologici hanno rivelato i suoi effetti ansiolitici, analgesici, spasmolitici e afrodisiaci, ha una lieve attività estrogenica.

L’uso afrodisiaco tradizionale permette di aumentare efficacemente i livelli di testosterone e quindi il desiderio sessuale.

Alcune specie sono ampiamente usata nella medicina popolare per diversi tipi di malattie infiammatorie. La British Herbal Pharmacopoeia cita indicazioni per l’uso di tale rimedio per “nevrosi d’ansia con un fattore sessuale predominante, depressione, nervoso, dispepsia, costipazione atonica e coitale, inadeguatezza.

 

 

Muira Puama, Ptychopetalum olacoides

Muira puama è originaria delle foreste pluviali brasiliane, in particolare la regione del Rio  delle Amazzoni.

Muira Puama: un’erba coltivata in profondità nella foresta pluviale e comunemente conosciuta come “Potency Wood”. Questa è una delle migliori erbe per la maggior parte degli uomini da utilizzare per la disfunzione erettile, e ha una reputazione altrettanto meritata per aumentare il desiderio sessuale. L’arbusto è originario del Brasile ed è stato a lungo usato come un potente afrodisiaco in Sud America. Un recente studio clinico ha convalidato la sua sicurezza ed efficacia nel migliorare il desiderio sessuale e la funzione sessuale in molti pazienti.

Muira puama è stato a lungo usato nella medicina amazzonica come tonico e afrodisiaco. Considerato utile come aiuto per l’impotenza, si pensa che aiuti sia gli aspetti fisici che psicologici del problema.

È anche usata per trattare o prevenire la calvizie. La corteccia è fortemente astringente e viene impiegata come gargarismi per il mal di gola e assunta sotto forma di infuso per trattare diarrea e dissenteria

Sulla base dei numerosi rapporti clinici che documentano gli effetti di miglioramento della libido e dell’energia, Muira Puama aumenta il testosterone libero e / o sopprime l’eccesso di estrogeni.

 

Nella medicina popolare brasiliana Trichilia catigua è usato per le sue proprietà neuroattive, come neurostimolante, antiossidante e antinfiammatorio, mentre Turnera diffusa è tradizionalmente usato come tonico nella nevrastenia. Entrambe le specie sono note per essere ricche di flavonoidi.

Muira puama, sebbene usata in Asia, è in realtà la più nota medicina popolare amazzonica che aumenta la libido. Agisce come stimolante nervoso per aumentare la ricettività agli stimoli sessuali.

 

Un ottimo prodotto composto da Catuaba, Damiana e Muira Puama, è ALATO 18, acquistabile qui  o in farmacia.

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta