Archivio dei tag menopausa

DiAlessandra Zarone

Angelica e tradizione folclorica

Angelica

Nomi classici e comuni ayurvedici: Choraka, Parnachoraka, Phalachoraka, Kshemaka (medico Charaka); Tilaparnikaa (medico Sushruta); Nishaachar, Taskara; Chandaa (Angelica archangelica Linn.). Siddha: Chengan (Angelica archangelica). Specie affini: Angelica archangelica (europea); Angelica sinensis (cinese).

Angelica archangelica Linn. Angelica sinensis (Oliv.) Diels (Umbelliferae/Apiaceae)

Originaria del nord Europa o dell’Asia.

Nel XVII secolo l’angelica era ampiamente impiegata per combattere la peste. Una miriade di poteri sono stati attribuiti a questa erba.

Erba stimolante; carminativa, stimola l’appetito, è utile per bronchite, anoressia nervosa, catarro bronchiale. Ha proprietà antispasmodiche, diaforetiche, espettoranti, aromatiche amare, carminative, diuretiche e antinfiammatorie locali. La monografia della Commissione tedesca E afferma che l’angelica può essere utilizzata per mancanza di appetito e disturbi dispeptici come lievi crampi allo stomaco e flatulenza. Secondo la leggenda, l’alta e profumata pianta di angelica fu rivelata agli esseri umani da un angelo come cura per la peste, da cui il suo nome.

Indiani d’America, coloni e medici nordamericani

Gli Ute indiani delle Montagne Rocciose usavano la specie nativa di angelica, Angelica atro-purpurea, per curare la tubercolosi,  indurre il vomito e come espettorante. Preparavano i tè della radice e li bevevano come tonici per la salute generale e per aumentare la forza dopo una malattia. Gli indiani dell’Arkansas mescolavano la radice con il loro tabacco per un ottenere  sapore extra. Quando i pionieri iniziarono a raccogliere l’angelica, provarono a usarla in grandi dosi per indurre l’aborto, che ora sappiamo essere inefficace.

Molti coloni seguirono le indicazioni dell’erborista britannico del XVII secolo Nicholas Culpeper, il quale dichiarò che la radice di angelica resisteva alla peste “e a tutte le malattie epidemiche”, a condizione che il paziente fosse “deposto a sudare nel suo letto” dopo averla ingerita.

Culpeper affermò anche che “L’angelica ha combattuto la pleurite e “altre malattie dei polmoni e del seno” e “aiuta i dolori delle coliche, la stranguria (scarico urinario lento e doloroso) e l’arresto delle urine, procura il mestruo delle donne ed espelle il post-parto“. Raccomandò di riparare denti cavi, mettendovi il succo della  pianta.

Nel XIX secolo i medici nordamericani raccomandavano l’angelica per ogni cosa, dal bruciore di stomaco e indigestione alla bronchite e persino alla malaria e al tifo. L’erba è stata anche usata per trattare reumatismi e il mal di testa nervoso, l’insonnia e per promuovere il flusso mestruale. I tè a base di radice di angelica sono applicati ad occhi e orecchie per curare “l’oscurità della vista” e la sordità. Quando applicati alle vecchie ulcere, si diceva che  le purificassero e guarissero. Si credeva anche che il tè della radice curasse il cancro allo stomaco.

Nel 1918, il popolo  masticava la radice per proteggersi dall’epidemia di influenza. L’ angelica ha un sapore e un odore come il ginepro e viene anche utilizzata per aromatizzare le bevande alcoliche, in particolare il gin. L’olio essenziale, derivato dalle radici, dalle foglie e dai semi, viene aggiunto a saponi e profumi

Durante il XVI e XVII secolo, il succo delle radici schiacciate è stato combinato con altre erbe per fare l’”Acqua Carmelitana”, una bevanda medievale che si diceva curasse il mal di testa, promuovesse il rilassamento, proteggesse dal veleno. Durante il XVII secolo, Angelica divenne un trattamento popolare per raffreddori e altri disturbi respiratori.

Durante il XIX secolo, i medici eclettici americani usavano Angelica per bruciore di stomaco, indigestione, bronchite e febbre.

Ricercatori tedeschi hanno scoperto che Angelica arcangelica rilassa la trachea e l’intestino.

Ricercatori giapponesi hanno riferito che l’erba ha un effetto antinfiammatorio. Secondo i resoconti dalla Cina, Angelica aumenta la conta dei globuli rossi. Il suo uso nell’anemia è suggerito.

 

Angelica polymorpha Maxim, var. sinensis Oliv.  In Cinese: Dang-gui, Pinyin, Wade-Giles, Tang-kuei, Dang-quai.

È coltivata in Cina nelle province di Gansu, Ningxia, Sichuan, Yunnan, Hubei, Shaanxi e Guizhou.

Angelica sinensis  è probabilmente il più importante tonico cinese dopo il ginseng, risalente a circa IL 200 d.C. È un componente di molti farmaci brevettati cinesi a Hong Kong, San Francisco e Singapore, così come in Cina.

L’angelica cinese è prescritta per l’anemia e nella perdita di sangue. Regola il ciclo mestruale, allevia il dolore mestruale e i crampi, migliora la circolazione sanguigna, tratta disturbi digestivi, malattie della pelle, ascessi, bolle, herpes. È indicata come lassativo, tonico post parto in particolare per il sistema riproduttivo femminile, protegge il fegato dalle tossine, ha proprietà sedative, antidolorifiche, antibatteriche. Usata anche come iniezione in punti di agopuntura, per lesioni dolorose, nevralgia, angina e artrite. Angelica sinensis è in circa il 70% di tutte le prescrizioni di medicina tradizionale cinese, per trattare la dismenorrea, i disturbi postnatali, le infezioni pelviche croniche.  I naturopati occidentali raccomandano l’uso di dong quai nell’ipertensione, per la modifica di alte concentrazioni di zucchero nel sangue, la regolazione del sistema immunitario, la disintossicazione del fegato, l’anemia e per alleviare le condizioni allergiche. A. sinensis è essere efficace nel migliorare il metabolismo anormale delle proteine in pazienti con epatite cronica o cirrosi epatica.

 

Angelica glauca Edgew

È originaria delle regioni temperate settentrionali e della Nuova Zelanda, ma è stata anche trovata vicino ai canali d’acqua in Kashmir, ad altitudini di 1000-3900 metri; nel Sikkim a 3000-3300 metri.

In Kerala, Kaempferia galanga Linn, è conosciuta con il nome Choraka.

Uso classico prescritto dal medico Charaka (VI – II secolo a.C), autore di ‘autore del testo ayurvedico Charaka Samhita :

Mal di testa, follia, epilessia, asma bronchiale.

Sushruta, medico e primo chirurgo indiano (1200 a.C. e il 600 a.C.), usò le foglie di Choraka, internamente, in caso di eruzioni cutanee, gonfiore e frattura delle ossa. Sushruta lo incluse nel gruppo di erbe che distrugge il veleno, allevia le condizioni allergiche, prurito, orticaria, attacchi asmatici e tosse.

Regno Unito:

Angelica sylvestris Linnaeus cresce in Europa, Asia settentrionale e sud-occidentale e fu introdotta in Canada. E’ meno ricca di proprietà attive dell’angelica da giardino (Angelica archangelica Linnaeus), la controparte nativa comune, A. sylvestris, potrebbe essere servita come suo sostituto, considerando quanto fortemente l’angelica da giardino fosse raccomandata nella medicina ufficiale, tuttavia, i documenti popolari relativi alla pianta selvatica sono sorprendentemente pochi, ma sorprendentemente vari: viene

suggerita per i disturbi polmonari e toracici a Londonderry, per i reumatismi e i calli nel Norfolk e come tonico primaverile (sotto il nome di “pepe di cavallo”) nel Suffolk .La sua presenza nei registri ufficiali nascosta dietro nomi non identificati.

Le infusioni di radice di angelica erano una volta utilizzate per dissipare i profumi sgradevoli in casa. L’uso di John Parkinson, erborista inglese nato nel 1567, nel suo Paradisi in Sole Paradisus Terrestris (Park-in-Sun’s Terrestrial Paradise, (1629), mise Angelica in prima linea fra tutte le erbe medicinali e scrisse: “Angelica resiste al veleno difendendo il cuore, il sangue e gli spiriti e dà loro calore e conforto“.

 

Cina

L’intera pianta essiccata viene utilizzata esternamente per le ustioni.

L’estratto di acqua calda della radice, viene assunto per via orale, viene assunto come emmenagogo e per i disturbi mestruali, l’amenorrea, dismenorrea, stitichezza, cancro e sterilità, vampate di calore, per accelerare il parto, nel trattamento della tromboangioite obliterante e delle malattie trombolitiche cerebrali acute. La zuppa di pollo con radice di angelica è un popolare rimedio popolare cinese post parto.

Esternamente, l’estratto di acqua viene utilizzato per trattare l’iper-pigmentazione della pelle, come melasma ed efelidi, al fine di migliorare la bellezza delle donne.

Per favorire la circolazione sanguigna, per alleviare i dolori cardiaci e come rimedio riscaldante e aromatico, viene assunto per via orale un infuso con Angelica sinensis, Aconitum carmichaellii e Allium macrostemon. L’estratto di acqua calda della radice essiccata viene assunto per via orale per stitichezza, dissenteria e sindrome premestruale, come sedativo e per mestruazioni irregolari e amenorrea .

Taiwan

L’estratto in acqua calda della radice essiccata viene assunto per via orale per le malattie del fegato

Usa

L’estratto in acqua calda della radice viene assunto per via orale per riequilibrare il  ciclo mestruale.

 

 Angelica atropurpurea L.

Un infuso di foglie è usato per mal di stomaco, indigestione, gas, anoressia, problemi mestruali, raffreddori, coliche, influenza, tosse, nevralgia, reumatismi.

Stimola la secrezione di succhi gastrici e allevia gli spasmi muscolari lisci.

La radice di Angelica è approvata in Germania per il trattamento della perdita di appetito, disagio allo stomaco a causa di lievi spasmi del tratto gastrointestinale, flatulenza e sensazione di pienezza nell’addome. Tutte le angelica contengono furo cumarine, che aumentano la fotosensibilità della pelle e possono causare dermatiti.

Groenlandia e Scandinavia

Angelica è mangiata come verdura in Groenlandia e Scandinavia. I giovani gambi sono canditi per decorare torte e dessert, o possono essere aggiunti al rabarbaro in umido e alla marmellata di arance. Radici e semi sono utilizzati per aromatizzare i liquori.

Medicinale usato internamente per problemi digestivi, tra cui ulcere gastriche, anoressia ed emicrania (per la quale può essere combinato con Chamaemelum nobile, bronchite, catarro e influenza (spesso in combinazione con Achillea millefolium, o Tussilagofarfarfara,), stanchezza cronica, problemi mestruali e ostetrici.

Non va somministrata a donne in gravidanza, né a pazienti affetti da diabete. Esternamente per dolore reumatico, nevralgia e pleurite. sinensis, syn. A. sinensis (angelica cinese).

Le radici vengono raccolte in autunno, le foglie prima della fioritura e i semi man mano che maturano, sono essiccati per decotti.

Gli steli di A. archangelica sono tagliati in cubetti e canditi. Angelica Europea, è conosciuta in pasticceria per decorazioni a base di steli verdi canditi, è un ingrediente importante di liquori e aperitiviLe origini nordeuropee della pianta e i suoi nomi cristianizzati ne suggeriscono la profonda associazione con magia nordica.

Angelica possiede proprietà antibatteriche e antifungine contro il Mycobacterium avium .

Un ottimo rimedio, contenente Angelica sinensis, è Alato 31, disponibile qui ALATO 31 (lafenicesas.it)  o in farmacia.

Alato 31 è indicato per disturbi del ciclo, della menopausa, sindrome premestruale, tensione nervosa e alterazioni di umore legate a sbalzi ormonali

DiAlessandra Zarone

Omega 7 Olivello spinoso_ rimedio adattogeno antiossidante per menopausa, diabete, ipertensione

Olivello spinoso_ rimedio adattogeno antiossidante per menopausa, diabete, ipertensione

L’Olivello spinoso (Hippophaë), della famiglia delle Elaeagnaceae, è un arbusto selvatico, coltivato e distribuito principalmente nelle regioni fredde aride in tutta Europa e in Asia.

La parola Hippophae deriva da una parola latina “Hippo” che significa cavallo e “Phaos” che significa “brillare”. Il frutto può anche essere usato a beneficio dei capelli: il nome hippophae, significa cavallo lucido, e si riferisce alla bellezza del mantello dei cavalli che si nutrono della pianta.

In India sono state descritte tre specie: Hippophae rhamnoides, Hippophae salicifolia e Hippophae tibetana. È distribuito in aree desertiche temperate secche e fredde nelle regioni dell’Himalaya nord-occidentale.

Medicina Tradizionale Asiatica, Greca, Nordica

Indagini approfondite e documentazione della conoscenza etnobotanica indigena di Olivello spinoso rivelano che questa pianta è stata tradizionalmente utilizzata dalla popolazione locale dell’Asia, dell’antica Grecia, dei paesi nordici e della regione baltica per il trattamento di asma, malattie della pelle, ulcere gastriche e disturbi polmonari.

È un rimedio descritto in antichi testi di medicina cinese come Sibu Yidian della dinastia Tang e Jing Zhu Ben Cao della dinastia Qing.

Le bacche sono state utilizzate per trattare varie malattie, come lesioni cutanee, lesioni alle mucose dello stomaco e disturbi polmonari, malattie cardiovascolari e malattie ad alta quota.

La sottospecie di Olivello spinoso mongolo (Hippophae rhamnoides L. ssp mongolica Rous.) è distribuita nei bacini fluviali di Orkhon-Selenge, Zavkhan Tes, Uvs Tes, Bokhmoron, Torkhilog Buyant, Khovd, Zavkhan, Borkh e Bulgan. È anche endemico dell’Altai, del Tuva, del lago Baikal, della Russia e della regione autonoma uigura dello Xinjiang in Cina.

Negli ultimi 50 anni, diversi preparati medicinali a base di H. rhamnoides sono stati clinicamente usati per trattare danni da radiazioni, infiammazione orale, ustioni e ulcere gastriche e più di 300 preparati sono stati riportati in letteratura. Commercialmente, è usato per bevande e succhi di frutta, marmellate, gelatina, aceto, oli, tè verde (tè tsirku), prodotti da forno, integratori alimentari ecc.

Le bacche sono utilizzate principalmente per migliorare la resistenza alle infezioni, essendo leggermente astringenti vengono bollite per lavare l’irritazione della pelle e le eruzioni cutanee. La pianta è ampiamente utilizzata per il trattamento di tosse, ulcere gastriche, asma e disturbi polmonari. Le foglie di Olivello spinoso contengono notevoli proteine (in media il 15%) e possono essere utilizzate come cibo per il bestiame.

Medicina Tradizionale Mongola e Tibetana

La medicina tibetana ha avuto origine con la tradizione popolare locale (nota come Bon) che risale a circa il 300 a.C. ed è stata formalmente registrata da Xiepu Chixi, il medico del re tibetano Niechi Zanpu, nel 126 a. C.Hippophae rhamnoides è utilizzato nel trattamento della cardiopatia ischemica, elimina la flemma, migliora la digestione. La sua corteccia e i suoi frutti sono stati anche usati come medicina popolare tibetana per trattare disturbi polmonari, tosse, febbre e tumori. Nella medicina popolare tradizionale mongola e tibetana e nella medicina popolare occidentale e orientale, l’olio di Olivello spinoso viene utilizzato per ferite esterne, ustioni, congelamento, anemia interna, ulcere gastriche, diabete, ipertensione e vari tumori.

In Leh e Ladakh, è localmente conosciuta come “Leh berry”, “Tsermang” o tasru-wonder plant entre, nell’Himachal Pradesh è localmente indicata come “Chharma” o “Drilbu”.

Medicina Tradizionale Russa

In Mongolia, Russia e Cina l’olio di bacche intere viene usato localmente per trattare le ustioni della pelle. Le bacche dal sapore aspro sono state tradizionalmente mangiate con latte e formaggio da siberiani e tartari, che le usavano anche per fare una gelatina dal sapore piacevole. L’olio di Olivello spinoso è stato elencato nella Farmacopea russa nel 1950 e utilizzato come agente antinfiammatorio e cicatrizzante.

Studi clinici

Le bacche mature sono la potenziale fonte di sostanze bioattive, tra cui vitamine, carotenoidi, fitosteroli, acidi organici, acidi grassi, aminoacidi liberi e una varietà di flavonoidi. Questi potenti fitochimici bioattivi hanno attività antiossidante, anti-aterogena, antistress, epatoprotettiva, radioprotettiva. Riparano i tessuti.

Studi farmacologici hanno evidenziato proprietà terapeutiche, effetti anti piastrinici, antimicrobici contro S. aureus e C. albicans.  Olivello spinoso è tradizionalmente utilizzato per il trattamento delle ulcere gastriche e studi di laboratorio ne confermano l’efficacia. L’olio dei semi è stato usato clinicamente per trattare la cervicite cronica e le ulcere. Grazie ad un alto contenuto di carotenoidi e tocoferoli, può essere utilizzato per trattare ustioni, congelamenti, piaghe da decubito e danni alla pelle, ad esempio derivanti dall’esposizione al sole o ai raggi X.

Salute del cuore:

Le proprietà antiossidanti possono aiutare a ridurre il rischio di disturbi cardiaci come grumi di sangue, pressione sanguigna e colesterolo nel sangue. Il frutto supporta in particolare la salute cardiaca e circolatoria ed è utile nel trattamento di condizioni come fragilità capillare, arteriosclerosi e cuore debole. In uno studio su animali da laboratorio, i flavonoidi dell’Os hanno dimostrato di ridurre le trombosi patogene. Secondo un caso di studio – L’uso di 0,75 ml di olio di Olivello spinoso, per un mese ha ridotto l’alta pressione arteriosa con una significativa riduzione dei livelli di trigliceridi e colesterolo cattivo LDL. In uno studio clinico in doppio cieco condotto in Cina, 128 pazienti con cardiopatia ischemica hanno ricevuto flavonoidi totali di Olivello spinoso pari a 10 mg ogni volta, per tre volte al giorno, per 6 settimane. I pazienti hanno avuto una diminuzione del livello di colesterolo e una migliore funzione cardiaca, inoltre avevano meno angina rispetto a quelli che ricevevano il farmaco di controllo.

Diabete:

Può aiutare a ridurre la glicemia nel diabete di tipo 2. E ‘una fonte generosa di vitamine, minerali, grassi sani, grassi mono e polinsaturi.

Sistema immunitario:

A causa della presenza di un’elevata quantità di flavonoidi, aiuta a rafforzare il sistema immunitario. Secondo uno studio, limita la crescita dei batteri E. coli e protegge da influenza, herpes e virus dell’HIV.

Anticancro:

L’olio contiene flavonoidi, antiossidanti come carotenoidi e vitamina che possono prevenire questa malattia. La quercetina, un flavonoide presente nell’Olivello spinoso, aiuta a uccidere le cellule tumorali.  Protegge il midollo osseo dalle radiazioni. In Cina, è stato condotto uno studio per dimostrare un recupero più rapido del sistema emopoietico dopo chemioterapia ad alte dosi.

Il consumo di prodotti a base di Olivello spinoso protegge il corpo umano prima che i radicali liberi vengano rilasciati.

Salute dello stomaco:

L’olio previene le ulcere gastriche.

Rimedio efficace per gli occhi asciutti:

In uno Studio, l’assunzione giornaliera di Olivello spinoso è stata collegata a una riduzione dell’arrossamento degli occhi e del bruciore. Gli acidi grassi Omega-3 da soli, o in combinazione con acidi grassi omega-6, hanno un effetto benefico nel trattamento dell’occhio secco.

Menopausa:

L’assunzione di Olivello spinoso è utile per le donne in post menopausa che non possono assumere estrogeni e riduce la secchezza vaginale.

Attività antibatterica:

Il tè dell’intera pianta, bacche, olio e succo è efficace contro i batteri Gram-positivi e Gram-negativi, fra cui lo Staphylococcus aureus, resistente alla meticillina. Gli estratti di foglie acquose e idroalcoliche hanno mostrato un effetto inibitore della crescita di Bacillus cereus, Pseudomonas aeruginosa, Staphylococcus aureus ed Enterococcus faecalis.

Adattogeno:

Le foglie di Olivello spinoso hanno ottimi effetti adattogeni sul corpo umano.

Nessuna tossicità:

La pianta non ha alcun effetto danno a carico di reni e fegato.

Ulcere gastriche:

Il rimedio è tradizionalmente utilizzato nel trattamento delle ulcere gastriche e studi di laboratorio confermano l’efficacia dell’olio ricavato dai semi, in quanto normalizza la produzione di acido gastrico e riduce l’infiammazione.

Cirrosi epatica:

Uno studio clinico ha dimostrato che gli estratti di Olivello spinoso hanno contribuito a normalizzare gli enzimi epatici, gli acidi biliari sierici e i marcatori del sistema immunitario, coinvolti nell’infiammazione e nella degenerazione del fegato. Inoltre, l’olio protegge il fegato dagli effetti dannosi delle sostanze chimiche tossiche, come rivelato in studi di laboratorio.

Pelle:

Un ingrediente dell’olio, l’acido palmitoleico, è un componente della pelle, considerato un prezioso agente topico nel trattamento di ustioni e ferite di guarigione. Questo acido grasso può anche nutrire la pelle se assunto per via orale e in quantità adeguate. Questo è un metodo utile per il trattamento di malattie sistemiche della pelle, come la dermatite atopica. L’unica altra grande fonte vegetale di acido palmitoleico è la frutta secca di macadamia.

L’olio di Olivello spinoso è ampiamente usato da solo o applicato localmente per ustioni, scottature, ulcerazioni e infezioni. È un ingrediente per la protezione solare, in quanto blocca i raggi UV. Ha proprietà emollienti, promuove la rigenerazione dei tessuti, l’elasticità della pelle, riduce l’infiammazione, la secchezza cutanea e le ustioni, cura le ferite significative, promuove la guarigione dei tessuti e spesso si rivela utile nel trattamento dell’eczema. Non ha tossicità o effetti collaterali associati.

Proprietà e componenti:

Il succo del frutto è una fonte di quasi 190 sostanze bioattive, mentre il suo olio ha quasi 106 di questi componenti. L’olio è costituito da 6 tipi di vitamine liposolubili, 22 tipi di acidi grassi, 42 tipi di lipidi e 36 tipi di flavonoidi e fenoli.

  • La vitamina – A è tre volte più della carota.
  • La vitamina C è 15 volte più dell’arancia.
  • Vitamina – C in 100gm di Mela = 6mg, Limone = 50 mg, Olivello spinoso = 1.540 mg
  • Vitamina – E è più di tutti i frutti.
  • È la fonte più ricca di SOD (ossido di zolfo dismutasi).
  • Fonte principale di vitamina – complesso B. 7.
  • Fonte principale di flavonoidi.

La pianta ha un gran numero di principi attivi le cui proprietà sono utilizzate con successo nell’industria cosmetica e in medicina. Le sostanze preziose contenute nell’olio di Olivello spinoso svolgono un ruolo importante nel corretto funzionamento del corpo umano e conferiscono alla pelle un aspetto bello e sano.

La Vitamina C è un importante componente nutrizionale dei frutti di H. rhamnoides, il cui livello supera quello di limoni e arance. L’Olivello spinoso ha dimostrato una potente attività antiossidante, principalmente attribuita ai suoi flavonoidi e al contenuto di vitamina C.

Vitamina A:

La vitamina A, nota anche come retinolo, e l’acido retinoico (RA) sono ampiamente riconosciuti come fattori importanti nel mantenimento di cellule e tessuti sani. La vitamina A è un micronutriente essenziale coinvolto in una serie di attività biochimiche necessarie per la normale funzione biologica, tra cui la visione e l’immunocompetenza. La carenza di vitamina A è anche associata ad un aumento della mortalità da malattie respiratorie e gastrointestinali. Ciò è dovuto all’indebolimento del sistema immunitario in quanto avviene una rottura delle barriere resistenti alle superfici epiteliali e mucose, vi è una compromissione dell’immunità sia umorale che cellulare.

Vitamina E:

La vitamina E è il termine per un gruppo di tocoferoli e tocotrienoli, di cui a-tocoferolo ha la più alta attività biologica. Ha potenti proprietà antiossidanti, previene le malattie croniche che, si ritiene, siano associate allo stress ossidativo. La vitamina E funziona come un antiossidante e impedisce la propagazione delle riserve di radicali liberi. Nell’uomo, una grave carenza di vitamina E porta ad anomalie neuro-muscolari caratterizzate da atassia spino cerebellare e miopatie.

La vitamina E viene assorbita nell’intestino ed entra nella circolazione attraverso il sistema linfatico. Il succo di Olivello spinoso contiene una grande quantità di carotenoidi e vitamina E. L’alfa-tocoferolo è la forma più attiva di vitamina E negli esseri umani ed è un potente antiossidante biologico. La vitamina E ha un ruolo fondamentale nel normale metabolismo di tutte le cellule. Pertanto, la sua carenza può interessare diversi sistemi di organi.

Vitamina K:

La vitamina K è un gruppo di molecole coinvolta nella coagulazione del sangue, nella conservazione della densità minerale ossea e nella protezione contro la calcificazione vascolare. La sua carenza comporta la perdita di densità minerale ossea e un’alterazione della coagulazione del sangue con conseguente emorragia.

Acidi grassi insaturi:

I principali acidi grassi insaturi in Olivello spinoso sono un componente fisiologico delle membrane cellulari e delle membrane dei mitocondri e svolgono un ruolo fondamentale nel meccanismo di trasporto cellulare e nella trasmissione dei segnali neuronali.

Olivello spinoso contiene acido oleico (omega-9), acido palmitoleico (omega-7), acido linoleico (omega-6) e acido linolenico (omega-3).

  • L’acido linoleico, insieme all’acido α-linolenico, costituiscono gli acidi grassi essenziali, che il corpo umano non può sintetizzare da solo. L’olio di Olivello spinoso è l’unico olio che presenta naturalmente omega-3 e omega-6.
  • Gli omega 3 e 6 sono essenziali per lo sviluppo e la crescita e svolgono un ruolo chiave nella prevenzione e nella gestione delle malattie coronariche, dell’ipertensione, del diabete, dell’artrite, del cancro e di altre condizioni infiammatorie e autoimmuni.
  • Gli acidi grassi omega-3 riducono significativamente i fattori di rischio per le malattie cardiache, riducono i livelli di trigliceridi nel sangue, colesterolo LDL, lipidi sierici, glicemia, diabete e sindrome metabolica.
  • L’assunzione di acidi grassi nell’alimentazione influenza lo stato cellulare ossidativo molecolare e infiammatorio, inibisce la produzione di glucosio e migliora la produzione di insulina.

Omega 9:

Omega-9 (acido oleico) è un acido grasso monoinsaturo presente negli oli animali e vegetali. Si trova anche in olive, avocado, mandorle, pistacchi, anacardi, nocciole, noci di macadamia e semi di papaia.

  • L’acido oleico riduce il rischio di infarto e aterosclerosi. Aiuta anche a prevenire il cancro.
  • Ha effetti benefici sulle malattie autoimmuni e infiammatorie, facilita la guarigione delle ferite, elimina gli agenti patogeni come batteri e funghi, ha attività ipotensiva.
  • È risultato efficace nell’invertire l’effetto inibitorio nella produzione di insulina della citochina infiammatoria. È un nutriente benefico nelle malattie neurologiche.

 Omega 7:

  • Cura e previene la Candida albicans.
  • Svolge un ruolo importante come trattamento non farmacologico per il diabete e le disfunzioni epatiche.
  • Potenzia il sistema immunitario.
  • Migliora l’idratazione e l’elasticità della pelle e riduce le rughe.
  • Aiuta la guarigione delle ferite e allevia le ustioni.
  • Riduce l’infiammazione della pelle e delle mucose.
  • Allevia ulcera e gastrite.
  • Migliora i sintomi della sindrome dell’occhio secco.
  • Riduce la secchezza delle mucose (vaginali, oculari, respiratorie).
  • Migliora il profilo lipidico nei pazienti con sindrome metabolica.
  • Previene la resistenza all’insulina associata all’obesità.
  • Favorisce l’aumento dei livelli di colesterolo HDL e la diminuzione del colesterolo LDL.

 Omega 3:

Gli acidi grassi omega-3 hanno una varietà di effetti antinfiammatori e immunomodulanti che possono essere rilevanti per l’aterosclerosi e le sue manifestazioni cliniche, dovute a infarto miocardico, morte improvvisa e ictus.

  • Riducono la mortalità cardiovascolare nei pazienti con malattie cardiache, grazie alla loro qualità antinfiammatoria e antiaritmica.
  • Migliorano il profilo lipidico.
  • Abbassano i livelli dei trigliceridi.
  • prevengono lo sviluppo della placca inibiscono l’aggregazione piastrinica.

Hanno effetti benefici in diverse malattie:

  • tumori (seno, colon-retto, prostata, ecc.)
  • asma
  • malattia infiammatoria intestinale
  • artrite reumatoide
  • osteoporosi
  • depressione e disturbo bipolare

Omega 6:

Ha effetti positivi su:

  • dermatiti ed eczemi
  • acne
  • artrite reumatoide
  • sindrome premestruale
  • prevenzione delle malattie cardiache
  • protegge la pelle dalle infezioni
  • contrasta le allergie
  • allevia le infiammazioni
  • rallenta il processo di invecchiamento

È necessario per la normale funzione delle ceramidi dello strato corneo, che impediscono la perdita di acqua trans epidermica. La sua carenza comporta grave dermatosi squamosa.

Ha effetti benefici sulle mucose e sulla pelle, rafforza la barriera lipidica dell’epidermide, protegge la pelle dalla perdita epidermica di acqua e normalizza il metabolismo della pelle, migliora l’attività delle ghiandole sebacee, sblocca i pori e diminuisce il numero di comedoni, ha effetto positivo sulla psoriasi.

Migliora la circolazione sanguigna (importante per il nutrimento e l’ossigenazione della pelle, nonché per rimuovere l’eccesso di tossine).

Un ottimo rimedio contenente Olivello Spinoso e acidi grassi è BioAttivo Omega 7 Pharma Nord

BioAttivo Omega 7 (pharmanord.it)

Disponibile con sconto  del 30% al seguente link, inserendo Il codice  Zar30:

https://www.pharmanord.it/webshop

DiAlessandra Zarone

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse _Avena

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse

Avena

Avena {Arena sativa L., l’avena comune del commercio, deriva da A. fatiia). Appartiene alla Famiglia delle Gramineae; Poaceae.

Durante l’età del ferro preromana due cereali completamente nuovi raggiunsero la Gran Bretagna. L’avena e la segale avevano avuto origine come erbacce di coltivazione che spuntavano tra grano e orzo. Probabilmente arrivarono in Gran Bretagna mescolati con altri semi di grano portati da nuovi immigrati, e all’inizio erano piuttosto rari. Di diverse varietà di avena introdotte, la più comune era l’avena selvatica.

Nella medicina popolare è usata come tonico, diuretico e antispasmodico. Nella moderna fitoterapia, è comunemente usata per il trattamento delle condizioni cutanee caratterizzate da infiammazione e pustole . L’avena stessa è considerata nutritiva, abbassa il colesterolo.

Tonico nervino usato in caso di spermatorrea, palpitazione, insonnia, tonico cardiaco, usato nella debilitazione, stimolante, antispasmodico, timolettico, antidepressivo, usato nella fase della Menopausa, per diarrea, dissenteria, colite. Esternamente è emolliente.

Avena sativa è al confine tra un alimento e un’erba:

Viene coltivata come foraggio e anche per i suoi chicchi che vengono aggiunti in torte d’avena o porridge, in particolare in Scozia. L’avena cotta (porridge) è un piatto popolare per la colazione, l’avena macinata è un ingrediente importante di muesli e spuntini di cereali tostati. È nota agli erboristi medici come un “trofo-riparatore”. Oltre a proteine, amido e minerali, l’avena contiene un alcaloide, glicosidi e oli fissi, che sono un’importante fonte di vitamina E. L’avena viene utilizzata nei cereali per la colazione e nei prodotti da forno. La crusca d’avena è ricca di fibre solubili, che possono aiutare a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, riducendo così il rischio di attacchi di cuore.

Erba nutriente e carnosa, agisce come un tonico per il cuore, i nervi e la ghiandola del timo e. Il consumo regolare di germe d’avena riduce i livelli di colesterolo nel sangue. È utile per depressione, esaurimento nervoso, herpes zoster, herpes, sintomi della menopausa e debilitazione a seguito di malattia. Esternamente in preparati per eczema e pelle secca.

Un ottimo rimedio contenente Avena è Alato 10, disponibile in farmacia o qui

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia: Camomilla

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

 

Camomilla

Matricaria recutita L., (syn.M. chamomilla, Asteraceae), camomilla tedesca, non deve mancare nel rapporto delle piante utilizzate nel trattamento dei disturbi della pelle. È molto spesso studiata a causa del suo ampio utilizzo popolare. Sotto forma di tisana/infuso, è consigliata per uso orale o per inalazione. Viene anche usata con applicazione oro-mucosale o cutanea o additivo nella vasca bagno. La camomilla è uno dei rimedi più importanti e una delle piante medicinali più utilizzate in Europa, Medio Oriente, Nord America, Australia e Africa. Il nome latino di chamomilla deriva dalle parole greche Khamai e Malon con il significato di “Piccoli fiori con il profumo delle mele”. La camomilla tedesca (Matricaria chemmomilla) è originaria delle regioni temperate del Mediterraneo e dell’Asia Minore e appartiene anche alla famiglia delle Astraceae.  Oggi questa pianta può essere trovata in Europa, Nord America e Australia. Ha fiori di foglie grigio-verdi con centri gialli e petali bianchi che li circondavano. I fiori di questa pianta odorano la mela. La camomilla tedesca cresce nelle praterie e nei terreni sabbiosi. Negli studi di botanica ed etno-botanica sono stati riportati diversi effetti della camomilla, considerata una delle poche piante erbacee preziose dagli effetti miracolosi. La pianta di camomilla rende forti i nervi. È un tonico cerebrale, diuretico, aumenta le mestruazioni della donna e la secrezione di latte nelle madri che allattano, allevia mal di testa ed emicranie e aiuta ad eliminare i calcoli alla vescica.

Il primo documento scritto sulla camomilla è stato trovato nell’antico Egitto: i capolini di camomilla schiacciati venivano usati per alleviare l’infiammazione della pelle, prevenire la dermatite e nei preparati cosmetici. In Serbia, la medicina popolare utilizza camomilla in tisana contro il raffreddore, le malattie dello stomaco, l’infezione della gola e la sedazione lieve. Esternamente, sotto forma di impacchi, contro il gonfiore degli occhi, l’infiammazione della pelle e le infezioni, mentre la forma oleosa è stata utilizzata nel trattamento di ferite e ustioni.

È indicata per il male agli occhi. Il tè alla camomilla viene bevuto per alleviare i dolori muscolari. Masticare fiori di camomilla è usato per guarire le ulcere della bocca. Mangiare 5 gr di radice di camomilla con aceto diluito stimola il desiderio sessuale. La camomilla è anti-febbre, sedativa e tonico stomachico. Allevia il dolore della dentizione nei bambini. Allevia l’insonnia, assicurando   un sonno tranquillo e confortevole: dieci minuti prima di andare a letto bere una tazza di camomilla. Mangiare 5 gr di radice di camomilla con aceto diluito stimola il desiderio sessuale.

È efficace nel trattamento dell’anoressia, per l’enterite e l’anemia. La camomilla è usata per il sollievo dei vermi intestinali, per lenire i crampi mestruali e curare l’ittero.

Le donne in menopausa dovrebbero bere camomilla ogni giorno per alleviarne i disturbi.

È antiallergica, cura la malnutrizione ed è antispasmodico gastrointestinale, anti-malaria, anti-cancrena, tonico dello stomaco, potenziatore dell’appetito, carminativo e anti-flatulenza. Allevia la diarrea nervosa, è utilizzata per il trattamento dell’intossicazione alimentare e cura la gastroenterite, così come le ulcere gastrointestinali. Migliora la memoria, rafforza i nervi e il cervello e ha attività sedative, antiemicraniche, ipnotiche, anticonvulsivanti, antitumorali, antiansia e irrequietezza e vertigini, antiepilettiche.

E ‘utile nel trattamento dell’eczema, previene acne ed eruzione cutanea giovanile, è antigonfiore e arrossamento della pelle, disinfettante per la pelle, ferite cutanee, ustioni, restringe i pori e cura le infezioni. È un vasodilatatore, abbassa la pressione sanguigna. Gli altri effetti terapeutici benefici della pianta medicinale comprendono: miglioramento del sistema immunitario, tosse, congestione e mal di gola, raffreddori, infiammazione polmonare e laringea, infiammazione delle articolazioni, , epilessia, convulsioni,  dolori muscolari, gotta, malattie reumatiche, gonfiore dei reni e della vescica, cistite, gonfiore dei testicoli, eiaculazione precoce, disturbi della menopausa colite ulcerosa, affaticamento, allergie, funghi e  batteri.

È anticancro ed è coinvolta nel trattamento del comune raffreddore. L’uso di camomilla come cosmetico ha una storia antica quanto l’uso di erbe medicinali. Le sue proprietà sono particolarmente utili per la pelle fragile e sensibile ai cambiamenti climatici. I flavonoidi della camomilla inumidiscono e ammorbidiscono la pelle. Oggi, le industrie cosmetiche lo usano da solo o in combinazione con altre erbe come il rosmarino. L’infuso di camomilla può proteggere la pelle quando viene utilizzata in impacchi.

 

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Camomilla. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.

 

 

DiAlessandra Zarone

Le molteplici virtù della Valeriana

Preparazioni folcloriche o galeniche di radici di valeriana e rizomi sono state usate come sedativi / ansiolitici e induttori del sonno fin dai tempi antichi. Le radici e i rizomi di diverse specie di valeriane e di altre piante correlate (ad esempio Nardus) sono stati la fonte di una fragranza peculiare menzionata nel nuovo Testamento, e di un sedativo naturale e registrato da Galeno, Dioscoride e Plinio il Vecchio. Le proprietà terapeutiche della valeriana, tuttavia, erano già menzionate nei farmaci ayurvedici e cinesi (da 800 B.C. a 1000 d.C.).

Valeriana  era usata  per trattare disturbi dei polmoni, stomaco, fegato, reni, dolore alla vita e mal di schiena e per il decadimento , come analgesico e sedativo, per trattare i reumatismi, l’insonnia, e i disturbi legati al cuore e alla vescica .

Valeriana officinalis (valeriana) è una pianta fiorita perenne che si trova in Europa e in Asia. Fin dall’antichità, questa pianta è stata utilizzata come erba medicinale. È ben noto per i suoi effetti sedativi e antispasmodici in tutto il mondo. Il tè alla radice di valeriana è famoso per i suoi effetti che inducono il sonno. Ci sono molte sostanze chimiche naturali presenti nella radice, nel gambo e nella foglia della pianta V. officinalis.

Per il trattamento del morbo di Alzheimer (AD), ci sono molte piante medicinali utilizzate per migliorare la memoria. Alcune piante medicinali utilizzate per il trattamento dell’AD sono Withania somnifera, Curcuma longa, Convolvulus pluricaulis, V. officinalis, Centella asiatica e Nardoastachys jatamansi. La valeriana è disponibile come radice intera in polvere ed estratto acquoso o etanolarico. Nei pazienti affetti da AD, la valeriana viene utilizzata per il rilassamento, la promozione del sonno e gli effetti neuroprotettivi.

La valeriana è famosa per le sue proprietà ansiolitiche, sedative, anticonvulsive, antibatteriche, antidiuretiche, antisettiche, antispasmodiche e antinfiammatorie. È usata nel trattamento naturale di ansia, pressione sanguigna, menopausa, crampi mestruali, mal di testa, dolori articolari e disturbi del sonno, sindrome da affaticamento cronico, epilessia, disturbo da deficit di attenzione-iperattività, mal di stomaco

La radice di valeriana ti aiuta a ridurre il dolore e mantenere i muscoli rilassati. La valeriana è anche efficace nel trattamento del dolore sciatico legato a uno spasmo muscolare. Questo perché la radice di valeriana contiene l’olio volatile che aiuta a rilassare i muscoli e ridurre la tensione.

La valeriana contiene una sostanza chimica chiamata linarina, che crea un effetto sedativo.

L’estratto di valeriana può causare sedazione aumentando il livello GABA del cervello. L’acido gamma-ammino butirrico (GABA) è un neurotrasmettitore inibitorio nel sistema nervoso centrale. In quantità abbastanza grandi può causare un effetto sedativo, calmando l’attività nervosa.

I risultati di uno studio in vitro suggeriscono che l’estratto di valeriana può causare il rilascio di GABA dalle terminazioni nervose cerebrali e quindi impedire al GABA di essere riportato nelle cellule nervose.

Ansia

Gli scienziati hanno scoperto che la radice di valeriana aumenta la quantità di una sostanza chimica chiamata acido amminobutirrico gamma (GABA) attraverso i recettori GABA. GABA aiuta a regolare le cellule nervose e calma l’ansia.

Abbassa la pressione sanguigna

Ora che sai che la radice di valeriana può essere così calmante per la mente e il corpo, può anche aiutare a ridurre la pressione sanguigna, migliorando la salute del cuore. Gli stessi componenti attivi che rendono la radice di valeriana così efficace per la gestione dello stress e dell’ansia possono anche aiutare il corpo a regolare correttamente la sua pressione sanguigna. Gli studi indicano che gli integratori di radici di valeriana possono aiutare a ridurre naturalmente la pressione sanguigna e mantenerla a un livello sano.

Crampi mestruali

La natura rilassante della radice di valeriana può renderlo una scelta intelligente per il sollievo naturale dei crampi mestruali.

Rilassante muscolare

È un sedativo naturale e antispasmodico, elimina  gli spasmi muscolari e agisce come un rilassante muscolare naturale.

Migliora la gestione dello stress

Riducendo l’ansia e migliorando la lunghezza e la qualità del sonno, la radice di valeriana può aiutare significativamente nella la gestione quotidiana dello stress. La radice di valeriana è un ottimo modo naturale per aiutare a mantenere basso lo stress e la qualità della vita. La radice di valeriana elimina lo stress fisico e psicologico aiutando a mantenere i livelli di serotonina. I lievi effetti sedativi della valeriana sono utilizzati per promuovere il rilassamento e il sonno da almeno 2.000 anni.

Una meta-analisi di 16 studi e 1.093 persone ha scoperto che la valeriana ha migliorato la velocità di addormentarsi, la profondità e la qualità complessiva del sonno . In uno studio di 2 giorni su 27 pazienti anziani con problemi mentali, il 44% ha riportato un sonno perfetto e l’89% ha riportato un sonno migliorato utilizzando una preparazione di valeriana (contenente sesquiterpeni)

Inoltre, uno studio di un mese su 16 persone con insonnia ha scoperto che una singola dose di valeriana ha migliorato il tempo per raggiungere il sonno profondo e la sua durata.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico

Insonnia

L’insonnia colpisce circa un terzo della popolazione adulta. Estratti delle radici della valeriana (Valeriana officinalis) sono ampiamente utilizzati per indurre il sonno e migliorare la qualità del sonno.

La ricerca si è concentrata su valutazioni soggettive dei modelli di sonno, in particolare la mancanza del sonno. La valeriana migliora il sonno se assunta di notte per periodi da una a due settimane negli individui con insonnia da lieve a moderata. Il trattamento con un estratto di erbe di radix valerianae ha dimostrato effetti positivi sulla struttura del sonno e sulla percezione del sonno dei pazienti con insonnia e può quindi essere raccomandato per il trattamento di pazienti con lieve insonnia psicofisiologia.

 

Effetto della valeriana sulla qualità del sonno nelle donne in post menopausa:

I disturbi del sonno riducono la qualità della vita. Circa il 50% delle donne in post menopausa sperimenta disturbi del sonno come l’insonnia. Terapie mediche complementari e alternative possono essere utili per la gestione dei disturbi del sonno tra le donne in post menopausa. Lo scopo del presente studio era quello di valutare gli effetti dell’estratto di valeriana prelevato di notte sul miglioramento della qualità del sonno nelle donne in post menopausa che sperimentano l’insonnia.

È stato segnalato un cambiamento statisticamente significativo nella qualità del sonno del gruppo d’intervento rispetto al gruppo placebo (P < 0,001). Inoltre, il 30% dei partecipanti al gruppo d’intervento e il 4% del gruppo placebo hanno mostrato un miglioramento della qualità del sonno (P < 0,001).

La valeriana migliora la qualità del sonno nelle donne con menopausa che stanno vivendo l’insonnia. I risultati di questo studio aggiungono supporto all’efficacia riportata della valeriana nella gestione clinica dell’insonnia.

Depressione

La radice di valeriana (Valeriana officinalis) contiene mono- e sesquiterpeni, e iridoidi. La valeriana non ha usi specifici nelle madri che allattano, ma è più comunemente usata per trattare l’ansia e i disturbi del sonno, e occasionalmente per l’autotrattamento della depressione  postpartum o della depressione. Non esistono dati sulla sicurezza e l’efficacia della valeriana nelle madri che allattano o nei neonati. In generale, la valeriana è ben tollerata, con effetti collaterali come vertigini, sbornia o mal di testa riportati occasionalmente. Poiché non esiste un’esperienza pubblicata con la valeriana durante l’allattamento al seno, può essere preferita una terapia alternativa, specialmente durante l’allattamento di un neonato .

Altri utilizzi :

 

  • Artrite reumatoide
  • Menopausa
  • HIV
  • Fibromialgia
  • Problemi digestivi: la valeriana viene utilizzata come rimedio casalingo per i crampi allo stomaco. Sebbene possa ridurre gli spasmi muscolari, le prove attuali non supportano l’uso della valeriana come aiuto digestivo .
  • Sindrome delle gambe senza riposo (RLS): uno studio di 8 settimane su 37 persone con Sindrome delle Gambe senza Riposo (RLS) ha scoperto che la valeriana ha migliorato significativamente i sintomi di RLS .
  • Salute cardiaca, rafforza i vasi sanguigni e migliora la loro elasticità .
  • Mal di testa

 

Non va assunta in concomitanza con :

  • Benzodiazepine, come il lorazepam
  • Barbiturici, come fenobarbital
  • Narcotici, come la codeina
  • Antidepressivi, come la fluoxetina (Prozac)
  • Antistaminici, come la difenidramina
  • Alcol

 

Un ottimo prodotto è Alato 17, disponibile qui ALATO 17 (lafenicesas.it)  o in farmacia

DiAlessandra Zarone

Menopausa e ayurveda

Menopausa e ayurveda

La menopausa accoglie e celebra l’inizio di un periodo radioso di saggezza e grazia. I rimedi naturali ayurvedici, insieme a un’alimentazione specifica, evitano al vata dosha bruschi cambiamenti psichiche e instabilità emotiva.

Ojas- è una sostanza responsabile della costruzione del sistema immunitario, infonde stabilità e nutrimento . E il prodotto finale della nutrizione nel nostro corpo, dopo essere passato attraverso i sette strati di tessuti, tra cui l’ultimo strato dei nostri organi riproduttivi. Il nostro sistema immunitario ci dà la capacità di tollerare il nostro ambiente esterno, così come i cambiamenti al nostro ecosistema interno. Le persone con un basso ojas sono più inclini a squilibri e malattie. Ad esempio, vampate di calore.

Tejas-As ojas aiuta a dirigere pitta; è un’intelligenza insista in ogni ogni cellula del corpo attraverso cui ogni cellula comprende cosa deve fare e quando fare. Senza tejas, non vi è alcuna indicazione su dove pitta e il calore dovrebbero fluire in modo che possa servire al suo scopo. Poiché gli ormoni svolgono funzioni vitali di pitta e kapha, è molto importante che questi due dosha, in particolare, siano bilanciati quando entrano in menopausa.

Pexels, download e utilizzo gratuito

La perdita di ormoni in Menopausa

Durante la menopausa, ojas è ridotto e quindi abbiamo una minore capacità di mantenere l’equilibrio, anche nello stesso ambiente e con lo stesso fattore di stress, se ciò è associato a uno squilibrio di Vata, il nostro corpo non è in armonia e si perde il delicato equilibrio fra sistema nervoso sistema simpatico ( funzione di autoconservazione ) e quello parasimpatico ( funzione di rilassamento), essi funzionano come sistemi opposti, ma complementari. A causa del basso ojas, durante la menopausa, aumenta il livello di cortisolo, la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.Questo stato di stress spinge pitta in tutto il corpo, che si prepara così ad attaccare qualsiasi minaccia.
Inoltre questo Vata elevato, senza equilibrio, si disperde in tutto il corpo, portando il fuoco digestivo centrale, agni, lontano dalla sua sede naturale, ossia stomaco e intestini. Questo causa difficoltà di digestione e cattivo nutrimento.
Il calore che viaggia nel sistema circolatorio provoca vampate di calore, insonnia e malattie cardiache.
Anche vata scorre verso il basso, causando secchezza vaginale, nel colon e altri tessuti più profondi, creano l’osteoporosi.
Il tejas , anch’esso diminuito, porta a disturbi di memoria e concentrazione e una maggiore predisposizione ai tumori.

Alcuni Kapha durante la menopausa sono bilanciati, a patto che non siano in eccesso di ama, che può portare a malattie cardiache.
Bisogna stare calmi, equilibrare  Vata e  Pitta al suo centro, calmando il sistema nervoso simpatico.
Rafforzare il Agni poichè, quando funziona in modo ottimale, tutto il tuo corpo funziona in modo ottimale perché è ben nutrito .

Pexels , download e utilizzo gratuito

Vata

Sbalzi d’umore

Pelle secca o mucose (compresa la vagina)
Sanguinamento scarso durante la pre-menopausa
Stitichezza o intestino irritabile
Insonnia
Ansia, preoccupazione, paura
Diminuzione della concentrazione
Libido ridotta
Perdita di massa ossea

Pitta

Vampate
Irritabilità
Sanguinamento intenso durante la pre- menopausa
Eruzioni cutanee e malattie
Rabbia, irritazione, gelosia, critica, competitività
Ipertensione e malattie cardiache

Kapha

Aumento di peso
Sovrappeso
Ritenzione idrica, edema
Depressione, tristezza, avidità
Diminuzione della concentrazione
Colesterolo alto o trigliceridi

Con l’avanzare della menopausa, le nostre ovaie vengono liberate dal loro ruolo di centri per la maturazione degli ovuli e la produzione di ormoni. I livelli di estrogeni e progesterone, i due ormoni femminili dominanti, decadono.

Come vivere la menopausa serenamente:

  •  Fai pace col passato e crea l’accettazione del presente e del futuro. Questo è l’elemento più importante della transizione. Non c’è nulla che guidi il nostro stress come rabbia, risentimento e

irritazioni, specialmente dal passato.

  • Prendi tempo e fai pace con te stessa, con tutti quelli con cui hai incrociato nella tua vita in generale.

Pexels, download e utilizzo gratuito.

Esistono diversi tipi di squilibri:

L’accumulo di tossine e impurità nei tessuti.
Blocco dei canali di circolazione responsabili del nutrimento e della pulizia dei tessuti.
Squilibrio dei processi digestivi e metabolici.
Squilibrio e deterioramento della forza e della stabilità del sistema nervoso.
Accumulo di stress fisico e mentale.
Abbassamento del sistema immunitario.
Interruzione dei ritmi biologici naturali attraverso schemi impropri relativi a cibo, sonno ed esercizio fisico.

Gli squilibri di Vata, Pitta o Kapha creano sintomi molto diversi.

Per esempio:

Lo squilibrio di Pitta può creare vampate di calore,  Pitta controlla il livello di digestione, metabolismo e produzione di calore nel corpo.

Lo squilibrio del Vata porta a più ansia, disturbi del sonno e secchezza vaginale, pelle secca e sottile, perché lo squilibrio Vata disturba il sistema nervoso e asciuga i tessuti corporei.

Lo squilibrio di Kapha crea sintomi di pesantezza nel corpo, depressione e rallentamento della digestione, difatti Kapha controlla l’accumulo di pesantezza e struttura all’interno del corpo.

Pulizia del corpo da tossine e impurità.

Cosa accade quando termina il ciclo mestruale :
Secondo l’Ayurveda, il ciclo mestruale non solo aiuta a mantenere armonia nel sistema riproduttivo, ma agisce anche come pulizia interna molto importante nel processo fisiologico . Quando le mestruazioni si fermano, il corpo perde un prezioso meccanismo di pulizia naturale. Se c’è un accumulo di tossine, le impurità si accumulano rapidamente in maggiore quantità e iniziano a creare molti dei sintomi negativi della menopausa.

Pexels, download e utilizzo gratuito.

L’accumulo di tossine e impurità crea sintomi indesiderati:

Localizzate nei tessuti, interrompe la loro delicata biochimica, e localizzate nei in canali circolatori, bloccano i processi naturali di nutrizione e di eliminazione delle scorie in tutto il corpo.

La prevenzione e i trattamenti ayurvedici:

Allentano le impurità che sono state incorporate nei tessuti e aiutano a liquefarle attraverso il massaggio con olii a base di erbe.

  1. Ammorbidiscono e aprono i canali di circolazione e di eliminazione in modo che un nutrimento adeguato possa raggiungere i tessuti e le impurità possano essere più eliminate più facilmente.
  2. Attivano il processo di eliminazione grazie alla pulizia più accurata dell’intera fisiologia.

L’uso quotidiano dell’auto massaggio con olio a base di erbe fornisce un effetto profondamente lenitivo ed equilibrante per l’intera fisiologia.
Inoltre, il movimento del massaggio crea calore e attrito che migliorano la circolazione e aiutano a pulire il corpo dalle di impurità . L’olio e le erbe spesso nutrono i tessuti, accelerando così lo sviluppo e la riparazione dei tessuti necessari. Inoltre, le varie erbe che sono state bollite in un olio di base e l’olio stesso, sono scelti appositamente per il bilanciamento o dei tre dosha Vata, Pitta o Kapha.

Nutrizione, digestione e metabolismo:

Una corretta alimentazione mantiene l’equilibrio nel corpo mentre un’alimentazione scorretta può disturbare la digestione e portare alla creazione di tossine. La maggior parte delle impurità che si localizzano nei tessuti originariamente provengono da cibi scarsamente digeriti e indebitamente eliminati.

Nutrizione e digestione ayurvedica:

Il principio fisiologico alla base dei processi digestivi e metabolici è chiamato Pitta. Molte condizioni, tra cui alcuni sintomi di  menopausa, sono causati da un Pitta squilibrato. Questi includono:

  • La maggior parte dei disturbi della pelle, eruzioni cutanee, infiammazione, ecc.
  • Bruciore di stomaco e ulcere
  • Rabbia e irritabilità eccessive
  • Colite
  • Vampate di calore eccessive durante la menopausa
  • Squilibri ormonali

Pexels, download e utilizzo gratuito

Gestione dello stress:

E’ risaputo che un eccessivo stress mentale, emotivo e fisico può peggiorare molti dei sintomi della menopausa. Lo stress peggiora la capacità del corpo di guarire se stesso. Ciò è dovuto ai cambiamenti ormonali e ad altre risposte biochimiche allo stress che aggravano il metabolismo, creano dolore e abbassano le difese immunitarie.

I disturbi del sonno spesso creati dai sintomi della menopausa aumentano la fatica, che a sua volta aumenta la suscettibilità allo stress, che a sua volta aggrava i sintomi della menopausa. La risultante è una spirale discendente.

Stile di vita e routine quotidiana:

Uno dei fattori più importanti per mantenere un’elevata resistenza allo stress e alla stabilità nel sistema nervoso è avere uno stile di vita che non  disturbi i ritmi corporei naturali. La regolarità nella nostra routine quotidiana è importante prima, durante e dopo il periodo di vita della menopausa.

Sono a tua disposizione con una Consulenza 

 

DiAlessandra Zarone

Menopausa precoce e rimedi naturali

Menopausa precoce e rimedi naturali

Il termine menopausa, dal greco menos, mese, mestruo, e pausis cessazione, può essere associata a disturbi quali leucorrea, menometrorragie, vampate di calore, sudorazione, palpitazioni, ipertensione arteriosa, emorroidi, artrosi, osteoporosi, inquietudine, ansia, apatia, gelosia, frigidità.

Si tratta di un disagio che interessa persone sensibili, insicure, ansiose e con bassa autostima, che vivono nel terrore di rimanere incinta, conducono una vita stressante, per alcune la menopausa precoce è accolta con  sollievo  da una vita di mestruazioni dolorose. Donne che vivono in modo conflittuale la sessualità, traumi psichici, periodi prolungati di malattia e carenza di denaro,vivono costantemente preoccupate.

I principali disagi sono:

  • disturbi del sonno
  • secchezza vaginale
  • alterazioni del tono dell’umore
  • difficoltà di concentrazione
  • aumento di peso
  • riduzione dei capelli e aumento dei peli sul viso

 

In tali circostanze, sarebbe bene assumere uno stile di vita meno stressante, dedicare più tempo a sè stesse.

Alimentazione

E importante curare l’alimentazione, verdura e frutta ricche di vitamine A e C, legumi,calcio, mandorle, noci, verdure a foglie verdi, pesce, olio di sesamo.

 

Un ottimo trattamento naturale consiste nell’associare un corretto stile  alimentare a rimedi fitoterapici e rimedi floreali .

Se stai attraversando questo delicato momento della tua vita, ti ritrovi nei disagi descritti e sei interessata a un Programma Naturopatico, prenota una Consulenza.

 

pexels, download e utilizzo gratuito

La visione auyurvedica

La menopausa è il culmine di tutti e tre i dosha del corpo della donna. Le mestruazioni stesse sono pitta, la donna può aumentare di peso durante questo periodo, il che indica uno squilibrio di kapha. Poiché la donna può diventare lunatica e soffrire di insonnia, durante la menopausa, c’è una forte predominanza del vata dosha.

  • I sintomi della menopausa di tipo Vata tendono a includere depressione, ansia e insonnia.
  • Le donne con sintomi tipo Pitta sono spesso arrabbiate e soffrono di vampate di calore.
  • I sintomi di tipo Kapha includono svogliatezza, aumento di peso e sensazione di pesantezza mentale e fisica

Ti offro un Programma Ayurvedico Olistico, utilizzando varie erbe e minerali, trattamenti e alimentazione adatta, in cui la sinergia con  le erbe ti aiuterà a gestire i sintomi della menopausa e i disagi che essa provoca. I fitoestrogeni  si collegano ai recettori degli estrogeni del corpo , in modo da consentire agli ormoni di funzionare correttamente. Quando il corpo è ostruito da scorie o Ama, gli ormoni non possono  funzionare correttamente e si verificano i sintomi della menopausa. Le erbe raccomandate variano da persona a persona a seconda del dosha in squilibrio e dei sintomi predominanti nel disagio.

pexels, download e utilizzo gratuito.

 

La visione della Medicina Cinese

A seconda della sua natura, una donna svilupperà sintomi diversi.

Se il rene yin è già debole prima della menopausa (e quindi lo yang è più forte), questo evento favorirà l’ascesa dello yang, accentuando lo squilibrio. Una donna in questo caso sperimenterà irritabilità, vampate di calore e una diminuzione delle secrezioni vaginali. La pelle diventerà secca. Il rene yin non sarà più in grado di inumidire il corpo, e lo yang allora disturberà l’energia del cuore, causando calore, ansia.

Anche il rene yin è legato al midollo, quindi il suo indebolimento influisce anche sulla struttura ossea.

Alcune donne, il cui yang è debole, possono manifestare sintomi diversi. L’indebolimento dello yin avrà ripercussioni sull’energia yang. Il freddo nel corpo domina, causando dolore alla schiena e alle articolazioni, gonfiore o perdita di libido.

La pre-menopausa e la menopausa sono periodi di vita che vengono percepiti in modo diverso dalle donne. Alcune possono sentire una mancanza di energia, una certa stanchezza o addirittura depressione. Nella medicina cinese, questo tipo di emozione è legata al Rene, che ospita la volontà. Un rene indebolito diminuirà la forza di volontà, la motivazione e la creatività di una persona. Il sangue è una sostanza yin. Con la cessazione del ciclo, lo yin diminuisce e anche il sangue. Il fegato che gestisce sulla circolazione del sangue nel corpo. Un volume più basso di sangue può danneggiare il fegato e bloccare la sua energia. Essendo il Fegato l’organo legato alla rabbia, la persona tenderà a cedere più facilmente al nervosismo. La pre-menopausa e la menopausa possono quindi essere fonte di irritabilità a causa  del fegato.

pexels, download e utilizzo gratuito

 

Ti offro la possibilità di seguire una dieta adatta, in base ai dettami della Medicina Tradizionale Cinese, che prevede di eliminare alimenti che influiscono sullo yin, come caffè o alcol.

 

DiAlessandra Zarone

Naturopatia Desio: Achillea_ rimedio naturale per regolarizzare il ciclo mestruale ed attenuare i fastidi della menopausa

 Achillea_ rimedio naturale per regolarizzare il ciclo mestruale ed attenuare i fastidi della menopausa

Achillea, rimedio naturale per regolarizzare il ciclo mestruale ed attenuare i fastidi della menopausa,  era molto apprezzata dagli antichi greci che le diedero il nome dell’eroico Achille, che pare avesse appreso le proprietà terapeutiche dell’erba dal centauro Chirone e se ne fosse servito per medicare un compagno ferito dopo una battaglia. Il nome della specie, millefolium, fa riferimento all’aspetto piumoso delle foglie fitte e frastagliate.

Achillea nel mondo antico:

I fusti di Achillea ptarmica erano usati in Cina per consultare il Libro dei Mutamenti (I Ching): erano lanciati in aria e a seconda di come si disponevano toccando terra si interpretava il responso. Nel XVIII secolo veniva usata, mescolata a grasso, per disinfettare le ferite.

In Irlanda era usata per scacciare il malocchio e per cure di bellezza. Alcune specie di achillea entrano nella composizione del tè svizzero, altre si coltivano a scopo ornamentale. Un tempo i contadini avvolgevano i manici degli attrezzi di lavoro con gambi di achillea per averla sempre a portata di mano nel caso di punture di insetti o piccole ferite durante il lavoro e per conservare il vino mettevano i semi di achillea nelle botti.

Come raccogliere e conservare Achillea:

Il momento migliore per la raccolta è il periodo della fioritura, da giugno a settembre, quando cominciano ad essiccare sia le foglie che i fiori: questi vanno raccolti proprio quando il sole è cocente e il loro potere aromatico e terapeutico è massimo.
Fare essiccare foglie e fiori all’ombra e conservare in recipienti a chiusura ermetica.

Costituenti principali:

Olio essenziale contenente camazulene, canfora, beta-pinene, cineolo, borneolo, cariofillene; lattoni esquiterpenici,il principio amaro achilleina, flavonoidi
(apigenina-7-O-glucoside, luteolina, rutina), acido caffeico e salicilico, tannini, betaine.

Proprietà terapeutiche:

Colagoghe, digestive, antispasmodiche, espettoranti, antiseborroiche, astringenti, sedative.

  • Per uso esterno viene impiegata per detergere le piccole ferite, ha un’azione benefica sugli arrossamenti e le infiammazioni cutanee ed è cicatrizzante (per tale motivo in alcune regioni viene chiamata ‘erba dei tagli’).

 

  • Amaro- tonico e antispasmodico delle vie digerenti
  • In caso di colite e nefrite
  • Per regolarizzare il ciclo mestruale ed attenuare i fastidi della menopausa
  • Come depurativo, stimolante ed emostatico
  • Per le screpolature 
  • Per le varici 
  • Per lo stomaco
  • Per le emorroidi

 

Avvertenze: non sono descritti effetti collaterali importanti dopo somministrazione di estratti di achillea, ma in seguito ad esposizione cutanea in soggetti sensibili si potrebbero sviluppare reazioni allergiche; sono frequenti le ipersensibilità crociate con altre piante che appartengono alla famiglia delle Compositae.
Un uso eccessivo e protratto potrebbe provocare maggiore sensibilità cutanea ai raggi solari.
Non sono note interazioni dell’achillea con farmaci somministrati contemporaneamente.
Non deve essere somministrata durante la gravidanza, l’allattamento e nei bambini al di sotto dei due anni.

Vuoi approfondire le tematiche trattate? contattami qui  per una consulenza naturopatica. Ricevo online tramite videochiamata whatsapp.

 

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Dr. Giorgini Integratore Alimentare, Achillea Estratto Integrale Liquido Analcoolico – 200 ml

DiAlessandra Zarone

Melograno, antico rimedio

Melograno, antico rimedio

Il melograno è un antico rimedio. I Latini chiamavano il frutto malum punicum, melo fenicio, perché si diceva che provenisse dall’area siro-fenicia dove una mitica Side,
altro nome greco della melagrana, veniva considerata l’eroina fondatrice di Sidone che ne aveva ripreso anche etimologicamente il nome.
L’alberello, detto botanicamente Punica granatum, proviene in realtà da una zona che si estendeva dal Punjab, in India, ai territori a sud del Caucaso; ma fin dall’antichità si era diffuso in Asia Minore e poi nei Paesi mediterranei.

Attributo della Grande Madre, regina del Cosmo, nel suo duplice ruolo di Colei che dà la vita e Colei che la toglie, la melagrana era simbolo sia di Fecondità sia di Morte, tant’è vero che si sono trovate melegrane di argilla nelle tombe greche dell’Italia meridionale.
Secondo un mito greco il primo melograno nacque dalle stille di sangue di Dioniso. Quando uscì dal rifugio che era stata la coscia del padre Zeus, il piccolo, come s’è raccontato più diffusamente nel capitolo dedicato alla vite, fu catturato dai Titani che, ispirati dalla gelosissima Era, lo fecero a pezzi e poi lo misero a bollire in un paiolo. Dal sangue che si era sparso spuntò un albero, il melograno;
Ma in epoca arcaica il melograno era associato a un essere femminile,
Rhoió, uno dei nomi greci della pianta: era figlia di Stàfylos, il Tralcio d’uva, a sua volta figlia di Dioniso. Il padre irato l’aveva rinchiusa in una larnax, un recipiente di argilla, e gettata in mare. Dopo un fortunoso viaggio era approdata sull’isola di Deio dove aveva generato Anios, che a sua volta aveva generato Oinó, Spermó, Elaìs,ovvero Vino, Grano e Ulivo.
L’iconografia classica ritrae spesso Core con il fiore o il frutto del melograno per simboleggiare la sua funzione di Signora dei morti. Con la melagrana appare in una serie di terrecotte provenienti dalle isole di Rodi, Cos, Melos e dalla Sicilia e dall’Italia meridionale.
Da Locri, dove un santuario extraurbano era dedicato a Persefone, proviene una figura di dea giovinetta, con il fiore e il frutto del melograno,che è stata interpretata come Core.

Anche nell’Antico Testamento, pur in un contesto teologico totalmente diverso, il frutto del melograno ha simboleggiato la Femminilità.
(«Come specchio di melagrana la tua gota attraverso il velo», dice ce il Diletto all’Amata nel Cantico dei Cantici), ma anche la Fecondità e la Prosperità.

Il Melograno,  segno della Benedizione divina:

Nell’Esodo il Signore ordina ad Aronne di far ricamare sul bordo dell’ Yefod, che indosserà nelle funzioni sacerdotali, «melegrane di porpora viola, di porpora rossa e di scarlatto» intorno al suo lembo,e in mezzo sonagli d’oro. A sua volta Salomone fece scolpire melegrane sui capitelli della sua reggia, evocandovi non soltanto il simbolo della Benedizione divina ma anche quello della Regalità a causa della sua coroncina.
Nel Rinascimento la granata, che sotto la sua scorza raccoglie armonicamente i grani color del rubino, era considerata sacra a Giunone come «conservatrice dell’unione dei popoli», visti come tanti
chicchi, e suscitatrice di concordia nella grande famiglia sociale.

Proprietà curative del Melograno:

E’ buona fonte di vitamina C, fornendo tra il 10-20% della dose giornaliera raccomandata. Le proprietà antiossidanti potenti del frutto sono state attribuite al suo alto contenuto di polifenoli solubili.

Studi scientifici hanno dimostrato che l’attività antiossidante dei fiori di melograno è superiore di due o tre volte a tè o vino rosso. Il succo è cardioprotettivo, riduce l’accumulo di colesterolo, riduce la pressione arteriosa, l’ossidazione delle LDL, e la progressione delle lesioni carotidee.

In uno studio controllato con placebo in doppio cieco randomizzato presso l’Istituto di Medicina Preventiva Research a Sausalito, CA, ibevitori di succo di melograno con malattia coronarica hanno avuto un miglioramento del 17% del flusso ematico a fronte di un peggioramento del 18% nel gruppo di controllo. Il gruppo di studio ha concluso che gli antiossidanti del succo di Melograno può aiutare a prevenire la formazione di depositi di grasso sulle pareti delle arterie. Negli studi sugli effetti antitumorali del frutto, è stato scoperto che può prevenire il cancro al seno e quello prostatico, la leucemia.

Essenza floreale di Melograno:

Nei sintomi di squilibrio: scissione della donna tra la devozione ai valori della famiglia e l’ impegno sociale/ lavorativo, crisi della femminilità nelle diverse fasi della vita come menopausa, gravidanza.
Equilibrio: riallineamento con l’Io femminile, si sceglie il proprio percorso di donna e le proprie scelte in modo chiaro e in armonia con la propria essenza, gioia del ruolo femminile.

L’essenza di Melograno è indicata per  risolvere conflitti femminili tra vita professionale e privata e per esprimere femminilità, armonia ed equilibrio anche durante gli ultimi mesi di gravidanza.

TI è piaciuto questo articolo e desideri approfondire le tematiche trattate?Scrivimi o prenota una consulenza naturopatico-floreale.