Archivio dei tag antistress

DiAlessandra Zarone

Rimedi adattogeni per stress e stanchezza

Rimedi adattogeni per stress e stanchezza

 

Stress acuto e cronico svolge un  ruolo importante nelle alle malattie cardiovascolari. Sebbene generalmente trascurato dai medici, lo squilibrio autonomo (sovraattività simpatica e/o sottoattività parasimpatica) può essere misurato e modificato .

Sebbene lo stress sia inteso solo  come un problema strettamente emotivo e mentale, esso ha anche effetti fisiologici. Uno studio ha scoperto che una sostanza chimica rilasciata quando il corpo è stressato, il Neuropeptide Y, fa sì che le cellule adipose si aprano immagazzinando  il grasso piuttosto che bruciarlo. Uno studio ha scoperto che, specialmente nelle donne, il cortisolo più alto (ormone dello stress) porta all’aumento di peso intorno alla vita, anche in donne snelle.

Un altro studio ha scoperto che lo stress accorcia i telomeri nelle cellule a un ritmo più veloce, portando all’invecchiamento precoce e all’aumento del rischio di malattie .

Lo stress può avere un impatto anche sugli ormoni e sulla fertilità. Quando il cortisolo è alto nel corpo, il progesterone è spesso basso perché il corpo usa il progesterone per produrre cortisolo. Questo è spesso il motivo per cui lo stress e gli elevati livelli di cortisolo sono correlati con i problemi di concepimento e gravidanza.

Reazioni fisiche associate ad alti livelli di stress sono:

  • Perdita di capelli (da stress prolungato)
  • Mal di testa
  • Insonnia
  • Bocca secca
  • Aumento dell’incidenza di malattie cardiache e ictus
  • Maggiore incidenza di allergie
  • Dolore muscolare o contrazioni
  • Problemi ormonali e mestruali
  • Aumento dell’incidenza di eczema e psoriasi
  • Guarigione più lenta da tutte le malattie

  • Stress fisico:

La mancanza di sonno crea anche stress fisico. Una dieta povera, specialmente quella che include anche tutti gli alimenti a cui si è intolleranti o allergici, può creare una reazione allo stress nel tuo corpo, anche se riduci al minimo altri tipi di stress. Per aiutare a ridurre lo stress fisico, migliora la tua alimentazione, dormi a sufficienza ed evita le tossine .

  • Stress emotivo:

Questo può ovviamente avere molte cause, ma spesso può essere affrontato con le terapie olistiche e la meditazione.

  • Stress mentale:

Simile allo stress emotivo, questo tipo di stress è spesso aiutato dalla   meditazione, da una migliore gestione del tempo e organizzazione dei compiti quotidiani, concentrandosi su  cosa alla volta.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico

Sei sotto stress se :

  • Sei stanco al mattino (ma hai un’esplosione di energia la sera o proprio prima di andare a letto)
  • Non stai dormendo bene
  • Hai un aumento di peso nella parte centrale del tuo corpo
  • Desideri zucchero, cibi salati o carboidrati
  • Noti problemi di memoria o concentrazione
  • Ti ammali spesso
  • È difficile costruire massa muscolare o ci vuole molto tempo per riprendersi dopo un allenamento
  • Ti senti stressato, affaticato o irritabile
  • Si verificano ansia o sintomi depressivi
  • Hai problemi di fertilità

 

Cosa causa stress:

  • fare troppo esercizio fisico
  • consumare troppo zucchero e farinacei
  • mancanza di sonno
  • bere troppa caffeina o alcol
  • troppa stimolazione elettronica o tempo sui dispositivi elettronici
  • avere persone “velenose” nella tua vita

Consigli pratici:

  • Segui una dieta sana ed equilibrata piena di frutta, verdura e fibre integrali
  • Fai regolare esercizio fisico
  • Dormi tra le 7 e le 8 ore ogni notte
  • Bevi almeno otto bicchieri d’acqua al giorno
  • Delega compiti stressanti ad altri
  • Evita di bere alcolici
  • Smetti di fumare

Rimedi naturali

Gli Integratori specifici sono ottimi per bilanciare e regolare i livelli di cortisolo, in quanto non puoi evitare tutti gli aspetti stressanti della vita, non puoi  smettere di andare al lavoro ma l’assunzione degli integratori corretti, ti aiuterà a modulare gli ormoni che guidano la risposta allo stress del corpo, come il cortisolo.

 Alcuni integratori che possono aiutare sono:

 

Withania somnifera (L.) Dunal, comunemente nota come Ashwagandha, è un’importante pianta medicinale che è stata utilizzata nella medicina ayurvedica e indigena per più di 3000 anni.

Withania somnifera L. , una pianta medicinale polivalente di famiglia Solanaceae che si trova abbondantemente nelle regioni subtropicali del mondo. I guaritori popolari hanno usato la pianta per trattare diverse malattie come febbre, cancro, asma, diabete, ulcera, epatite, occhi, artrite, problemi cardiaci ed emorroidi. La pianta è famosa per l’attività anti-cancerosa, il trattamento delmal di schiena e il rafforzamento muscolare, che può essere attribuito agli alcaloidi withanolidi. W. somnifera è anche ricco di numerosi metaboliti secondari come steroidi, alcaloidi, flavonoidi, fenolici, saponine e glicosidi. Una vasta gamma di studi preclinici lo identificano come cardioprotettivo, anticancro, antiossidante, antibatterico, antimicotico, antinfiammatorio, epatoprotettivo, antidepressivo e ipoglicemico . Diverse parti della pianta sono state analizzate  in  studi clinici sull’ infertilità maschile, il disturbo ossessivo-compulsivo, l’ansietà, il rafforzamento osseo e muscolare, il diabete.

Secondo Charaka Samhita, Susruta Samhita e altri testi antichi, Ashwagandha è conosciuta come Balya (aumenta la forza), Brusya (potenziatore delle prestazioni sessuali), vajikari , spermatogenico), Kamarupini (miglioramento della libido), Pustida (nutriente).

Studi fitochimici su W. somnifera hanno rivelato la presenza di importanti costituenti chimici come flavonoidi, acidi fenolici, alcaloidi, saponine, tannini e withanolidi. Vari studi clinici mostrano che l’estratto vegetale e i suoi composti bioattivi sono utilizzati nella prevenzione e nel trattamento di molte malattie, come artrite, impotenza, amnesia, ansia, cancro, il trattamento di ansia e altri disturbi del SNC. Si  è dimostrato un rimedio privo di tossicità ed efficace clinicamente per la salute e il benessere umano.

Ashwagandha è un’erba tradizionalmente utilizzata per ridurre lo stress e migliorare il benessere. Sessanta adulti sono stati assegnati casualmente per prendere un placebo o 240 mg di un estratto standardizzato di Ashwagandha  una volta al giorno. Tutti i partecipanti hanno completato la prova senza che siano stati segnalati eventi avversi. Rispetto al placebo, l’integrazione di  Ashwagandha è stata associata ad una riduzione statisticamente significativa dell’HAM-A  e ad una riduzione quasi significativa della DASS-21 . L’assunzione di Ashwagandha è stata anche associata a una maggiore riduzione di cortisolo mattutino  e del DHEA-S  rispetto al placebo. I livelli di testosterone sono aumentati nei maschi (P = .038) ma non nelle femmine ) nel tempo. Questi risultati suggeriscono che Ashwagandha allevia lo stress possono, attraverso il suo effetto moderatore sull’asse ipotalamo-ipofisi-surrenale. Withania somnifera agisce sui disturbi neurocomportamentali indotti dallo stress ossidativo cerebrale ,ripristinando significativamente gli ossidativi alterati e altri marcatori di stress. Withania somnifera Dunal, comunemente noto come ginseng indiano, è stato in uso fin dall’antichità come agente afrodisiaco, per il trattamento dell’impotenza e dell’infertilità.

Schisandra (Schisandra chinensis) è stata usata per secoli come pianta della medicina tradizionale cinese. I frutti di Schisandra chinensis sono stati tradizionalmente utilizzati per migliaia di anni in Corea e Giappone per trattare vari disturbi. La sua attività biologica e l’uso farmacologico sono associati ai lignani: la loro attività è stata studiata in centinaia di studi che hanno confermato effetti adattogeni, stimolazione del sistema nervoso centrale, effetti epatoprotettivi ed azione anticancro. Gli estratti grezzi e i componenti isolati di lignani puri proteggono efficacemente dal danno delle cellule neuronali e migliorano le prestazioni cognitive, questa pianta è indicata per trattare varie malattie neurodegenerative.

L’estratto dei frutti di Schisandra chinensis è stato tradizionalmente usato dalla  medicina orientale per il trattamento di malattie cardiovascolari.

Schisandra chinensis (Turcz.) Baill (S. chinensis) è stato usato per migliaia di anni in Cina e di solito viene applicato nel trattamento di disturbi del tratto urinario e lesioni al fegato. L’estratto di S. chinensis (SCE) ha effetti protettivi sulla tavola su fegato, reni e sistema nervoso. Schisandra chinensis è stata utilizzata per trattare le malattie del fegato in Cina. I risultati hanno dimostrato che SC ha una cospicua efficacia terapeutica sulle lesioni epatiche. Schisandra chinensis è un’erba naturale in grado di trattare gli effetti del morbo di Alzheimer, regolando l’apoptosi neuronale .

 

Se soffri delle problematiche descritte, ti suggerisco Alato 15, disponibile qui o in farmacia.

DiAlessandra Zarone

Un approccio  naturale a stress psicofisico con Muira Puama  

Un approccio  naturale a stress psicofisico con Muira Puama

 

Lo stress psicologico induce inoltre variazioni nei livelli di molte sostanze a cui è sensibile il sistema immunitario: l’ormone della crescita, (GH), l’ormone stimolante
la tiroide (TSH), la prolattina, l’ossitocina, il testosterone e altri .
In seguito all’innalzamento del livello di adrenalina e noradrenalina nel sangue, si verifica un effetto di immunosoppressione che insieme a un’iperattivazione del sistema simpatico si trasforma in stato patologico, se le condizioni di stress permangono. C’è dunque una catena fisiologica che ci porta a rispondere ai mutamenti, ai cambiamenti, agli stimoli esterni o agli stimoli interiori, consentendoci di rispettare il nostro orologio interno, il nostro modo di essere.
Quando questa serie di operazioni biochimiche, metaboliche e ormonali, sotto pressioni esterne o interne, si altera si dà il via a uno stato di malattia.

Le cause:

  • Fattori biofisici: il dolore  cronico, le malattie invalidanti, l’inquinamento acustico, condizioni ambientali ostili o sfavorevoli.
  • Fattori psicosociali: competitività esasperata, frustrazioni, senso di inadeguatezza, sovraffollamento, cambiamenti improvvisi, ripetitività esasperata.
  • Fattori psicologici individuali: tutti gli eventi che impediscono l’autonomia personale ,il lutto, l’abbandono,  la fine di relazioni significative.

Le persone più a rischio sono caratterizzate da :

– scarsa autostima
– passività
– ansia sociale
– umore depresso
– senso di inadeguatezza
– allontanamento dagli altri
– debolezza e remissività
– scarsa consapevolezza di sé (Io debole)
– dipendenza affettiva

Ecco quali sono gli avvertimenti da non sottovalutare:

  • Contrazione muscolare ricorrente soprattutto a collo spalle, regione addominale e lombare
  • Palpitazioni
  • Oppressione al petto e senso di soffocamento, con respiro rapido e affannato
  • Pruriti e dermatiti ricorrenti
  • Secchezza della bocca
  • Sudorazione abbondante e continua senza motivi fisici apparenti
  • Tremito alle mani e capogiri
  • Mal di testa ripetuti, soprattutto a fine giornata o durante il fine settimana
  •  Estrema debolezza fisica e sensazione di stanchezza (sindrome da affaticamento cronico)
  •  Difficoltà digestive e intestinali persistenti (bruciori di stomaco, reflusso gastrico o diarrea)
  • Continuo stato di agitazione, allarme, preoccupazione per eventi non chiari e distinti, stati d’ansia anche senza motivo imminente.
  •  Difficoltà di concentrazione, incapacità di mantenere l’attenzione su ciò che si sta facendo, fatica nel memorizzare e richiamare le informazioni.
  • Percezione di aver raggiunto il limite e di essere sul punto di esplodere.
  • Sentirsi impotenti a cambiare le cose.
  • Essere facilmente agitati o sconvolti.
  • Sensazione di essere perennemente in ritardo.
  • Calo dell’interesse sessuale.
  • Irritabilità, nervosismo, scatti di rabbia e talvolta atteggiamenti aggressivi.
  • Momenti di tristezza immotivata e di disinteresse.
  • Disturbi del sonno.
  • Tendenza al consumo eccessivo di cibo o perdita dell’appetito.
  • Abuso di alcol o psicofarmaci.
  • Comparsa di tic e gesti compulsivi (come controllare ossessivamente il gas, le luci, le serrature).
  • Insofferenza nei confronti di persone o situazioni che interferiscono con la normale routine.
  • Perdita del senso dell’umorismo.
  • Guida “aggressiva”.

Muira Puama

Muira puama è un tipo di albero le cui radici e steli sono usati in modo medicinale. Con una lunga storia di utilizzo nella medicina popolare brasiliana, si dice spesso che agisca come un afrodisiaco naturale. Muira puama tratta problematiche sessuali sia negli uomini che nelle donne, depressione, disfunzione erettile, dolori articolari, perdita di appetito, disturbi mestruali, sindrome premestruale e mal di stomaco.

Muira puama è anche talvolta usato come adattogeno, una sostanza pensata per aumentare la resistenza del corpo agli effetti negativi dello stress cronico, problemi di memoria legati all’invecchiamento.

Muira puama è altamente raccomandato come afrodisiaco naturale, fa parte della Farmacopea Brasiliana Uno studio condotto da ricercatori ha riferito che muira puama può migliorare la capacità di erezione di oltre il 50% in uomini di mezza età o anziani.

Frigidità femminile

Muira puama è efficace per trattare il basso desiderio sessuale o la frigidità nelle donne. Secondo lo studio condotto nel  1990, presso l’Istituto di Sessuologia di Parigi, in Francia, l’assunzione continuata per un mese ha aumentato del 65 per cento  il desiderio sessuale .

Sindrome premestruale

Muira puama può essere usato per trattare la sindrome premestruale con sbalzi d’umore, crampi mestruali e debolezza .

Esaurimento nervoso e depressione

Tale rimedio cura l’esaurimento nervoso ed i sintomi ad esso connessi, quali: mal di testa, affaticamento, mancanza di motivazione, inadeguatezza, depressione, infonde buon umore.

Artrite reumatoide

L’artrite reumatoide è uno dei sintomi della malattia autoimmune caratterizzata da dolore articolare. L’assunzione regolare di muira puama riduce  la causa del dolore.

Mal di stomaco

Muira puama può essere usato per trattare nausea, vomito e  mal di stomaco.

Prevenzione  dell’Alzheimer

Muira puama migliora la quantità di acetilcolina nel cervello un importante neurotrasmettitore del cervello,  aiuta a mantenere una sana funzione cerebrale  e a prevenire il morbo di .

Prevenzione del cancro

I benefici per la salute di Muira puama contengono lignani, una sostanza che non solo può migliorare il desiderio sessuale, ma anche prevenire alcuni tipi di cancro, in particolare agli organi sessuali, prostata, endometrio, ovario e cancro al seno.

Diarrea

La diarrea è un problema comune che si verifica nel tratto di digestione. Le feci acquose nel malato di diarrea sono causate da un problema nell’intestino crasso. Durante il processo di defecazione, l’intestino crasso non riesce ad assorbire l’acqua dalle feci e innesca la diarrea. Molti fattori possono causare diarrea come l’infezione da batteri, cibo piccante e acido, muira puama è un rimedio efficace.

Paralisi

A causa del suo effetto sul sistema nervoso centrale, muira puama è usato per trattare la paralisi anticamente dagli amerindi.

I brasiliani usano muira puama per trattare beriberi, una condizione in cui il corpo non ha abbastanza vitamina B, soprattutto tiamina. Beriberi può causare debolezza muscolare e paralisi.

Influenza

Muira puama previene, cura e allevia l’influenza, in quanto aumenta il sistema immunitario .

Tonico cardiaco

Utile in caso di debolezza cardiaca, di insufficienza cardiaca e malattie cardiache. Può essere fatale se non viene trattato bene, aumenta le prestazioni del cuore, riduce la debolezza muscolare cardiaca.

Calvizie

L’integrazione di muira puama può prevenire la perdita di pelo che si traducono in calvizie.

Stress

L’assunzione di muira puama come integratore è efficace per ridurre lo stress.

Sistema nervoso centrale

Muira puama è usato come tonico neurale da molto tempo. È stato dimostrato che l’estratto della radice e della corteccia di muira puama può migliorare la funzione del sistema nervoso centrale e alleviare alcuni disturbi mentali.

Sonno

L’assunzione di muira puama prima del sonno, ne migliora la qualità e lo rende profondo.

Infiammazioni

Riduce le infiammazioni connesse al  sistema nervoso , ischialgia, un processo patologico che interessa il nervo sciatico e il dolore alla spina dorsale.

Resistenza

Muira puama è commercializzato in Brasile come tonico stimolante per il corpo.

 

A tua disposizione con un percorso naturopatico

 

Un ottimo rimedio è Alato 14 , disponibile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Un approccio allo stress con Naturopatia Psicosomatica e Dietetica Cinese

Un approccio allo stress con Naturopatia Psicosomatica e Dietetica Cinese

 

Stress

E’ un concetto relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada,nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).
Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico,ormonale, locomotorio e immunologico.
Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo
dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.
Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Uno stress prolungato nel tempo provoca:

 
  • Rischio di ictus e infarto dovuti alla forte pressione e all’aterosclerosi legata ai grassi nel sangue.
  • Aumento delle infiammazioni di tutti gli organi e delle conseguenti patologie.
  • Possibili danni ai neuroni e alle capacità cognitive.
  • Indebolimento e riduzione del numero degli anticorpi che non ci proteggono più a sufficienza da virus, batteri e cellule pretumorali.
  • Colite ulcerosa o colon irritabile, difficoltà persistenti a livello digestivo.
  • Aumento del rischio di ulcere peptiche.
  • Eventuali disturbi della sfera sessuale, come calo del desiderio e impotenza.
  • Maggiore produzione di radicali liberi, che velocizzano l’invecchiamento.

Stress e sistema immunitario

Lo stress psicologico induce inoltre variazioni nei livelli di molte sostanze a cui è sensibile il sistema immunitario: l’ormone della crescita, (GH), l’ormone stimolante
la tiroide (TSH), la prolattina, l’ossitocina, il testosterone e altri .
In seguito all’innalzamento del livello di adrenalina e noradrenalina nel sangue, si verifica un effetto di immunosoppressione che insieme a un’iperattivazione del sistema simpatico si trasforma in stato patologico, se le condizioni di stress permangono. C’è dunque una catena fisiologica che ci porta a rispondere ai mutamenti, ai cambiamenti, agli stimoli esterni o agli stimoli interiori, consentendoci di rispettare il nostro orologio interno, il nostro modo di essere.
Quando questa serie di operazioni biochimiche, metaboliche e ormonali, sotto pressioni esterne o interne, si altera si dà il via a uno stato di malattia.

Le cause:

  • Fattori biofisici: il dolore  cronico, le malattie invalidanti, l’inquinamento acustico, condizioni ambientali ostili o sfavorevoli.
  • Fattori psicosociali: competitività esasperata, frustrazioni, senso di inadeguatezza, sovraffollamento, cambiamenti improvvisi, ripetitività esasperata.
  • Fattori psicologici individuali: tutti gli eventi che impediscono l’autonomia personale ,il lutto, l’abbandono,  la fine di relazioni significative.

Le persone più a rischio sono caratterizzate da :

– scarsa autostima
– passività
– ansia sociale
– umore depresso
– senso di inadeguatezza
– allontanamento dagli altri
– debolezza e remissività
– scarsa consapevolezza di sé (Io debole)
– dipendenza affettiva

Ecco quali sono gli avvertimenti da non sottovalutare:

• Contrazione muscolare ricorrente soprattutto a collo spalle, regione addominale e lombare
• Palpitazioni

•Oppressione al petto e senso di soffocamento, con respiro rapido e affannato
• Pruriti e dermatiti ricorrenti
• Secchezza della bocca
• Sudorazione abbondante e continua senza motivi fisici apparenti
• Tremito alle mani e capogiri

•Mal di testa ripetuti, soprattutto a fine giornata o durante il fine settimana
• Estrema debolezza fisica e sensazione di stanchezza (sindrome da affaticamento cronico)
• Difficoltà digestive e intestinali persistenti (bruciori di stomaco, reflusso gastrico o diarrea)

•Continuo stato di agitazione, allarme, preoccupazione per eventi non chiari e distinti, stati d’ansia anche senza motivo imminente.
• Difficoltà di concentrazione, incapacità di mantenere l’attenzione su ciò che si sta facendo, fatica nel memorizzare e richiamare le informazioni.
• Percezione di aver raggiunto il limite e di essere sul punto di esplodere.
• Sentirsi impotenti a cambiare le cose.
• Essere facilmente agitati o sconvolti.
• Sensazione di essere perennemente in ritardo.
• Calo dell’interesse sessuale.
• Irritabilità, nervosismo, scatti di rabbia e talvolta atteggiamenti aggressivi.
• Momenti di tristezza immotivata e di disinteresse.
• Disturbi del sonno.
• Tendenza al consumo eccessivo di cibo o perdita dell’appetito.
• Abuso di alcol o psicofarmaci.
• Comparsa di tic e gesti compulsivi (come controllare ossessivamente il gas, le luci, le serrature).
• Insofferenza nei confronti di persone o situazioni che interferiscono con la normale routine.
• Perdita del senso dell’umorismo.
• Guida “aggressiva”.

Un ottimo prodotto è Alato 3, acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui

E’ importante :

  • Alimentarsi nel modo corretto, per ritrovare equilibrio di meridiani  e doshas.
  • Utilizzare rimedi fitoterapici adatti in base alla tua tipologia in quanto, un rilassamento profondo, ripristina l’armonia interna e fa regredire gli effetti nocivi dello stress.
  • Assumere essenze floreali per smettere di subire gli eventi e di sentirsi sopraffatti da ogni minima avversità.

Tecniche di rilassamento a mediazione corporea:

  • Consentono un rilassamento profondo ripristina l’armonia interna e fa regredire gli effetti nocivi dello stress.
  • Il ritmo della respirazione rallenta perché il corpo ha meno bisogno di ossigeno e la pressione sanguigna si normalizza, mentre sale un piacevole senso di calma e di distensione.
  •  si regolarizza il ritmo respiratorio
  •  cala il battito cardiaco
  •  si abbassa la pressione arteriosa
  • rallenta il metabolismo
  •  aumentano le onde alfa nell’emisfero destro del cervello
  • (rispetto a quello sinistro) e si armonizzano le attività dei due emisferi
  •  diminuisce il cortisolo, l’ormone dello stress
  •  si accresce la quantità di anticorpi nel sangue
  •  si scioglie la tensione dei muscoli
  •  si alza la temperatura cutanea periferica attraverso la vasodilatazione

Pexels, download e utilizzo gratuito.

Energie e  riequilibrio con Dietetica Cinese 

Oggi è ormai ben chiaro che, se ci si alimenta male, il fisico prima o poi ne risentirà. Quello che è meno noto è che anche la psiche è influenzata da una dieta impropria.
Il cibo e il tipo di alimentazione che seguiamo quotidianamente hanno davvero una grande influenza anche sul nostro stato d’animo, è importante prestare attenzione a ciò che si mangia
e al modo in cui lo si fa, perché dalle abitudini che ogni giorno adottiamo a tavola dipende in gran parte il nostro benessere.

L’Energia Ki (Qi) si condensa in tre diversi stadi:
• il Jing, il più grezzo e denso
• il Qi, più rarefatto;
•lo Shen, più sottile e immateriale.

Pexels, download e utilizzo gratuito.

Gli squilibri energetici sono causa di malattie e dipendono principalmente da questi tre fattori:

•il fattore Cielo (cause climatiche);
•il fattore Terra (cause alimentari;)
•il fattore Uomo (cause ereditarie, costituzionali e psichiche).

Lo Shen (Mente) che risiede nel Cuore, o Cuore-Shen, è responsabile di molte attività mentali che includono :

Pensiero – memoria – coscienza – introspezione – cognizione -sonno – intelligenza – saggezza- ideazione.
Inoltre, il Cuore Shen , interagendo con altre funzioni è responsabile dell’udito, della vista, del tatto, del gusto e dell’olfatto.
Le emozioni sono uno stimolo mentale che influenza la nostra vita affettiva, diventano causa di malattia solo quando sono eccessive o si protraggono nel tempo, oppure per entrambi i
motivi. Esse si riflettono nell’organo Yin corrispondente che producendo già una determinata energia mentale con caratteristiche specifiche, si altera e “risuona” in modo disarmonico.

Il Qi e funzioni:

 

  1. Jing qi che è conservato nei reni . Energia ancestrale ed ereditaria (cielo anteriore)
  2. Gu qi prodotta dalla trasformazione dei cibi e dei liquidi da milza e stomaco (cielo posteriore)
  3. Tian qi energia respiratoria del polmone (cielo posteriore)

 

Funzione di trasformazione (circolazione, assorbimento, digestione, secrezione, vista, udito, parlare muoversi sono tutte dovute alla trasformazione del Qi)
Funzione di propulsione (accrescimento, sviluppo, attività di visceri ed organi, circolazione del sangue)
Funzione di riscaldamento (organi, visceri, canali, sangue, pelle, muscoli)
Funzione di difesa (nella trasformazione della Gu qi la quota impura forma la wei qi, energia difensiva che scorre sotto la pelle tra i muscoli e apre i pori)
Funzione di contenimento (sangue all’interno dei vasi, sudore, urine, liquido seminale, liquidi nello stomaco e nell’intestino)
Funzione di riproduzione (legata soprattutto al rene yang)
Funzione di equilibrio (tra organi, visceri, movimenti)

“Senza l’uscire e l’entrare del Qi, non ci possono essere nascita,crescita, maturità e vecchiaia. Senza salita-discesa non vi possono essere nascita, crescita, trasformazione, raccolta e
accumulo. Tutti gli organi dipendono dalla salita-discesa, ed entrata-uscita del Qi” Su Wen cap.68

 

Deficit di Qi:

astenia (sintomo caratteristico)

carnagione giallastra

respiro corto

voce debole

difficoltà a parlare

perdita dell’appetito

feci molli

carnagione pallida vertigini

palpitazioni intorpidimento delle mani e dei piedi

mestruazioni scarse

amenorrea

lingua pallida

 

Pexels, download e utilizzo gratuito.

Ti offro un percorso benessere riequilibrante, sono a tua disposizione tramite Whatsapp/Messenger con Dietetica Cinese, Ayurveda, Fitoterapia, Aromaterapia, Cromoterapia, Tecniche di rilassamento a mediazione corporea .