Archivio dei tag insonnia

DiAlessandra Zarone

Quintessenze e riequilibrio psicofisico

Quintessenze e riequilibrio psicofisico

Firmico Materno, scrittore cristiano, siciliano, è vissuto verso la metà del 4º secolo. Pagano, appartenente all’ordine senatorio, è autore di un trattato di astrologia (Matheseos libri VIII)

sulla  generazione del mondo, la posizione dei pianeti nei segni zodiacali all’inizio delle cose, ci informa:

Il Dio che ha fabbricato il mondo ha costituito il corpo dell’uomo come quello del mondo, da un miscuglio di quattro elementi, fuoco e acqua, aria e terra, cosi che la felice combinazione di tutti questi elementi rende i viventi una bella opera secondo la forma del modello divino. E mediante gli artifici della sua arte creativa, egli ha fatto l’uomo in modo che entro i limiti della natura si raccolga in un piccolo corpo (microcosmo) ogni forza e ogni sostanza in modo tale che per il potente alito celeste che discende dallo spirito divino a vivificare il corpo mortale, egli prepari una dimora, invero fragile, ma tuttavia assomigliante al mondo:

Ed ecco perché l’uomo, come un piccolo mondo, è vivificato dalla fiamma e dal corso eterno dei cinque pianeti e del sole e della luna, così che l’essere vivente creato a immagine del mondo possa analogamente essere governato dalla stessa sostanza della divinità. …. l’uomo, formato secondo la natura e l’immagine del mondo, è sostenuto continuamente dallo stesso principio che dirige e mantiene il mondo, mediante i raggi che lo riscaldano con un calore perpetuo “ .

 

La funzione mercuriale nella malattie polmonari

Mercurio è preposto al processo della respirazione, che mette in contatto l’esterno, rappresentato dall’atmosfera, e l’interno del corpo. Saturno presiede a tutte le cristallizzazioni e remineralizzazioni, una dissonanza fra questi due pianeti , una loro congiunzione che ne affievolisca le funzionalità, porta a malattia.

Il ruolo dei pianeti è analogo a quello degli organi, rappresentati nel corpo attraverso i luoghi del metabolismo energetico.

Piante mercuriali sono:

Lavanda, Timo serpillo, Bugula, Calluna, Faggio, Pioppo, Aglio, Romice.

Piante polmonari sono : Achillea, Angelica, Bugula, Cerfoglio, Canapa, Farfara, Finocchio, Garofano, Iperico, Lavanda, Menta, Pimpinella, Pioppo ,Rosmarino, Ruta, Tasso Barbasso, Timo, Tanaceto.

La funzione di Mercurio permette il  funzionamento e la cooperazione  dei fluidi tra tutti i sistemi, ad esempio la digestione e l’assorbimento del cibo, l’equilibrio omeostatico, i sistemi di escrezione dei rifiuti di polmone, pelle, rene e intestino crasso, sistemi ormonali e nervosi, in modo che l’organismo funzioni nel suo complesso in armonia con se stesso e il suo ambiente.

Mercurio  è l’elemento di interscambio fra il Cielo e la Terra, fra Yin e Yang , permette la vita , agisce come attivatore e come mediatore, favorendo l’entrata verso l’interno ( cellule)  del combustibile che sostiene il corpo. Mercurio crea una connessione fra microcosmo e  macrocosmo e dona consapevolezza del proprio potere interiore.

Come sostengono Ippocrate, Galeno e Paracelso, per ripristinare lo stato di salute, è importante riequilibrare  i quattro umori con le erbe adatte.

I Quattro Umori sono gli agenti metabolici dei Quattro Elementi nel corpo umano. Il giusto equilibrio e purezza di essi è essenziale per mantenere la salute:

SANGUE – ARIA

PHLEGM – ACQUA

BILE GIALLA – FUOCO

BILE NERA – TERRA

 

Paracelso

Egli credeva che il corpo umano fosse un microcosmo corrispondente  al “macrocosmo”, e contenesse in sé tutte le parti della natura visibile:  sole, luna, stelle e i poli del cielo. La Malattia, secondo la sua concezione mistica, non era naturale ma spirituale. Egli introdusse dei rimedi antagonisti della malattia spirituale, chiamati “Arcana”, una parola che implicava una connessione misteriosa tra il rimedio e  l’essenza della malattia .

Per Paracelso i quattro elementi esistevano insieme in tutte le cose, gli elementi differivano  ampiamente l’uno dall’altro ed erano  in grado di concordare e coesistere senza distruzione reciproca. Gli  “arcana” erano esseri semi-spirituali come la “quinta essentia” di Aristotele ; tuttavia credeva di poter scioglierli o estrarli per mezzo di acqua, alcol o acidi.

Gli Arcana, erano considerati  incorporei, immortali, intelligibili, con  il potere di trasmutare, alterare, e ripristinare l’uomo, come l’arcana di Dio, secondo la loro stessa induzione. “…E anche se non c’è eternità in grado di  conservare i nostri corpi più di quanto si possa fare o scoprire dalla natura. “Arcana manteneva il corpo in salute, allontanava le malattie , animava gli spiriti depressi,

liberandoli da ogni dolore, proteggeva  da ogni malattia, e conduceva serenamente  il corpo fino alla sua morte predestinata.

Gli Arcana differivano molto uno dall’ altro, in modo che nessuno di loro operasse allo stesso modo di un altro.

”..Sono diversi sia nel modo che nella forma, ognuno con i suoi modi propri e peculiari. Quindi, la Prima Materia è il primo Arcano; il secondo è la Pietra Filosofale, il terzo è il Mercurio

Vitae, e il quarto è la Tintura… Il Mercurio della Vita, che è il terzo arcano, trasmuta le persone e altre cose essenziali, rinnova ogni cosa in crescita, rinnova il corpo  vecchio e consumato .”

 ( Paragranum, Trattato II, De Astronomia)

Paracelso intuì innanzitutto che mediante la separazione e la purificazione si può eliminare la tossicità dei farmaci, soprattutto di quelli preparati con sostanze minerali. «Nessuno può condannare una cosa senza conoscerne le trasformazioni o ignorando cosa può fare la separazione.

Anche se una cosa è un veleno, può essere trasformata in ciò che veleno non è […]. Non si deve forse separare il veleno dal buono e prendere il buono invece del cattivo?» Egli riconobbe il principio farmacologico (arcanum o quinta essentia) nella natura interna e invisibile delle cose e non nelle loro qualità elementari sensibili. Il farmaco dev’essere perciò prodotto ricorrendo a tecniche alchemiche che permettano di estrarre tale principio, intuito in base alla dottrina della signatura – lo specifico contributo paracelsiano alla concezione della simpatia universale, cioè all’idea che l’esterno visibile di ogni sostanza sia un segno del suo interno invisibile.

Paracelso sosteneva  il parallelismo fra le perturbazioni macrocosmiche, cioè i fenomeni meteorologici, e la malattia come squilibrio delle parti costitutive del corpo umano.

I farmaci preparati alchemicamente guariscono perché introducono nel corpo malato i principi stessi del “cielo” , ricavati dalle sostanze terrene secondo le corrispondenze specifiche.

La quintessenza

L’identificazione della quintessenza alchemica con l’alcol distillato dal vino si deve a Giovanni da Rupescissa, autore a metà del Trecento di un singolare libretto in cui la descrizione di tecniche di distillazione e ricette per la preparazione di farmaci ,la dottrina della quintessenza infatti è segreta .” E in verità affermo che la quintessenza è acqua ardente e non è acqua ardente” . Così si apre uno dei primi capitoli del Liber de consideratone quintae essentiae del Rupescissa, il trattato scritto attorno al 1351-1352 che rappresenta l’apogeo della tradizione alchemica occidentale. Questa dottrina segreta e paradossale dev’essere conservata gelosamente nascosta da parte degli «uomini evangelici» cui Giovanni ha deciso di comunicarla, perché il prodotto che essa insegna a fare è un vero e proprio arcanum Dei, un segreto mirabile e potentissimo.” Ho detto che il Sommo Dio ha creato la quintessenza, che si estrae, mediante operazioni artificiali fatte dagli uomini, dal corpo della natura creata da Dio e la chiamerò coi tre nomi che i filosofi le hanno dato. E detta Acqua ardente, Anima del vino o anche spirito, e Acqua di vita. E quando tu vorrai tenerla segreta, la chiamerai Quintessenza, poiché questa sua natura e questo suo nome gli eccelsi filosofi non vollero rivelarlo a nessuno…. Continuando a sublimare con elevazioni e discese fino a mille volte giunge ad una glorificazione così eccelsa da diventare un composto incorruttibile quasi come il cielo, e perciò, dal fatto che ha la natura del cielo, è chiamata quintessenza, poiché sta in rapporto col nostro corpo come il cielo sta in rapporto col mondo intero “.

 

Medicina Cinese , equilibrio e armonia del corpo

 

Il Tao Te Ching (capitolo 1) afferma che se stesso è la base per raggiungere il Tao in secondo la natura, per raggiungere l’equilibrio. Tao è descritto come un concetto astratto  che non può essere definito a parole.

Il rapporto umano con gli altri è visto come il continuum di sé. Il concetto di Equilibrio e Armonia è costituito da due elementi, uno interno e uno Esterno, parallelamente al concetto spagyrico di micro e macrocosmo, dove interno si riferisce allo stato soggettivo di un individuo ed  esterno si manifesta nelle relazioni sociali e nel comportamento. La fusione tra l’uomo e l’universo è espressa ne I Ching (esagramma 22 ), in quanto l’universo oggettivo e il carattere soggettivo degli esseri umani sono collegati.

In una costituzione debole senza forti difese corporee, le forze avverse possono attaccare il corpo attraverso la pelle, la bocca e il naso, ossia   il vento crea disarmonia nel corpo.

 

 Il  concetto di “vento” come causa di  Malattia:

Nella Medicina Tradizionale Cinese, il vento ( Aria, Mercurio nella Medicina Spagyrica) è considerato in grado di penetrare la superficie del corpo, causando  umidità, secchezza, freddo e calore. Secondo Nei Jing, l’ “attacco” del vento può colpire tre parti del nostro corpo: la parte superiore, centrale e parti inferiori  e le energie delle tre parti sono diverse. Quando il proprio corpo è debole e sperimenta un attacco del vento, la malattia inizierà nelle parti superiori.

 La filosofia esistenziale del  Tao Te Ching si basa sul prendere la vita in modo facile (capitolo 37), essere umili (capitoli 6, 28, 34), accontentarsi (capitolo 12), seguire la natura (capitoli 7, 25, 37), fare le cose correttamente ed evitare gli estremi (capitoli 9, 12). Il concetto di equilibrio ha lo scopo di vivere una vita positiva, ricettiva, onesta e felice.

Nel  Nei Jing, il primo testo  medico cinese (dinastia Tang 618-907 d.C.) vengono espressi i concetti di equilibrio yin e yang del Tao, si consiglia di seguire la natura, preservare la vitalità:

Se le energie yin e yang sono mantenute in uno stato di equilibrio, il corpo e lo spirito saranno forti. Se le sue energie yin e yang sono in disequilibrio, la sua energia vitale diminuirà fino a completo esaurimento delle forze. (Domande semplici, capitolo 3:22)

Le discipline antiche dovrebbero essere le colonne portanti per affrontare le difficoltà dell’uomo contemporaneo.

Un approccio naturale al Coronavirus

La recente e continua epidemia di coronavirus (COVID-19) è un’enorme sfida globale. L’epidemia, che si è verificata prima nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina e poi rapidamente si è diffusa in altre province e in oltre 200 paesi all’estero, è stata dichiarata pandemia globale dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Le persone  con sistema immunitario compromesso e/o problemi respiratori, metabolici o cardiaci sono più soggetti all’infezione .

L’uso di farmaci a base di erbe / integratori alimentari per prevenire, trattare, mitigare, diagnosticare o curare la malattia da coronavirus 2019 non è stato affrontato in modo coerente a livello globale. La Cina ha esplorato attivamente come integrare la Medicina Tradizionale Cinese (TCM) nella terapia occidentale dall’epidemia di SARS nel 2003. Sulla base dei risultati clinici, l’Ufficio Generale della Salute Nazionale e l’Ufficio dell’Amministrazione Statale della Medicina Tradizionale Cinese hanno incoraggiato l’integrazione del TCM a base di erbe e della medicina occidentale nel trattamento delle complicanze respiratorie nelle infezioni da Coronavirus con diverse prescrizioni raccomandate in diverse fasi della malattia . Dopo l’epidemia di malattia della SARS-CoV-2, una serie di studi clinici con farmaci vegetali tradizionali (THM) sono stati aggiunti al corpo di prove con alcuni risultati favorevoli rispetto alla terapia antivirale standard .

Pertanto, non sorprende che migliaia di professionisti di TCM in tutta la Cina abbiano lavorato insieme a medici regolari per controllare la malattia COVID-19. I dati clinici generati da decine di migliaia di casi confermati sono sottoposti a meta-analisi per verificarne l’effettiva efficacia . Nel frattempo, il Protocollo diagnostico e terapeutico del COVID-19 della Commissione Sanitaria Nazionale ha già consigliato di integrare il TCM nel trattamento dei pazienti COVID-19 per alleviare efficacemente sintomi come febbre, tosse, mal di gola, mialgia e affaticamento, abbreviare il decorso della malattia, ridurre la probabilità di complicanze potenzialmente letali .

In India, i praticanti di  Ayurveda stanno seguendo l’esempio lavorando alla definizione di protocolli chiari con una logica coerente con il loro sistema millenario. La prima linea di difesa raccomandata ai pazienti in fase iniziale consiste nei seguenti farmaci a base di erbe:

Tinospora cordifolia (Willd.) Myers (Menispermaceae), Zingiber officinale Roscoe (Zingiberaceae), Curcuma longa L. (Zingiberaceae), Ocimum sanctum L. (Lamiaceae), Glycyrrhiza glabra L. (Fabaceae), Adhatoda vasica Ness (Acanthaceae), (Acanthaceae), Andrographis paniculata (Burm.f.) (Acanthaceae), Swertia chirata Buch.-Ham. ex Muro. (Gentianaceae), Moringa oleifera Lam (Moringaceae), Triphala ,una miscela di Emblica officinalis Gaertn. (Phyllanthaceae), Terminalia bellirica (Gaertn.) Roxb. (Combretaceae) e Terminalia chebula Retz. (Combretaceae)] e Trikatu (una formula complementare a Triphala, tra cui Piper nigrum L. (Piperaceae), Piper longum L. (Piperaceae) e Z. officinale.

Le impostazioni cliniche e i regolamenti della ricerca sul COVID-19 attraverso i sistemi Ayurveda, Unani, Siddha e Omeopatia sono già stati pubblicati dal Ministero indiano dell’Ayush .

Un’iniziativa internazionale del Brazilian Academic Consortium for Integrative Health – CABSIn, TCIM Americas Network e del Latin-American and Caribbean Center on Health Sciences Information (BIREME/PAHO/OMS) sta raccogliendo le prove disponibili sulla medicina tradizionale, complementare e integrativa ,compresi i farmaci a base di erbe, potenzialmente utili nella pandemia di COVID-19 .

Il pubblico nordamericano sta ricevendo consigli sull’uso di prodotti a base di erbe da gruppi accademici dedicati. Uno di questi è l’Andrew Weil Center for Integrative Medicine che consiglia piante ricche di polifenoli (camomilla,  liquirizia, cipolle, mele, pomodori, arance, noci, bacche, prezzemolo, sedano, radice di curcuma e tè verde) per ridurre il rischio di infezione, ma non è disponibile alcuna valutazione dettagliata.

In Europa, i prodotti tradizionali di erboristeria sono regolati dall’EMA come medicinali OTC per alleviare condizioni lievi e autolimitanti, compresi i sintomi influenzali e la tosse. Sorprendentemente, non esiste alcuna guida ufficiale generale per quanto riguarda l’uso dei prodotti erboristici nel contesto della pandemia. In linea di principio, non si qualificherebbe come terapia per i sintomi covid-19 in quanto è considerata una grave condizione pericolosa per la vita. Tuttavia, questa malattia è autolimitante nella maggior parte dei pazienti e, in assenza di un risultato positivo in un test, i pazienti covid-19 sono solo pazienti “influenzali” e, come tali, potrebbero automedicarsi con rimedi erboristici.

Nonostante l’uso massiccio di codeina, paracetamolo e ibuprofene per alleviare le malattie respiratorie, il corpo clinico di prove a sostegno del loro uso nell’influenza è molto basso. Questi farmaci hanno tossicità molto comuni e i loro effetti avversi sono potenzialmente pericolosi nel contesto del COVID.

È sorprendente la mancanza di studi clinici per dimostrare l’uso sia di paracetamolo che di ibuprofene nel trattamento dei sintomi del raffreddore / influenza.

L’’infezione è favorita da una debole risposta immunitaria, mentre le complicazioni derivano da una “reazione eccessiva” del sistema immunitario nota come “tempesta di citochine”. Di conseguenza, le autorità sanitarie scoraggiano qualsiasi terapia che modula la funzione delle cellule immunitarie in una qualsiasi di entrambe le direzioni – compresi i farmaci antinfiammatori – e riservano quelle alla gestione clinica delle fasi avanzate del COVID-19.

I primi dati clinici sull’evoluzione dei pazienti covid-19 hanno evidenziato un’influenza deleteria di ibuprofene e chetoprofene anche assunta fino a 2-4 giorni durante l’inizio dell’infezione (ANSES, 2020), e hanno spinto le autorità francesi a scoraggiare il pubblico a utilizzare FANS diversi dal paracetamolo. Dati successivi non hanno chiaramente dimostrato il legame tra i FANS e il peggioramento dei sintomi, quindi l’EMA ha pubblicato una comunicazione che chiarisce questo punto e chiede un uso razionale dei FANS “alla dose efficace più bassa per il periodo più breve possibile” .

 Vitamine e oligoelementi

Le  vitamine A, B6, B12, C, D, E e folato; microelementi tra cui zinco, ferro, selenio, magnesio e rame, gli acidi grassi omega-3 come acido eicosapentaenoico e acido docosaesaenoico svolgono un ruolo fisiologico essenziale nella promozione del sistema immunitario. Inoltre, lo aiuta a regolare la trascrizione genica come la replicazione del DNA, la trascrizione dell’RNA, la divisione cellulare e l’attivazione cellulare nel sistema biologico umano. Gli Studi hanno sottolineato che la carenza di zinco predispone a herpes simplex, raffreddore comune, epatite C, grave sindrome respiratoria acuta coronavirus (SARS-CoV-1), il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) a causa della riduzione dell’immunità antivirale.

La carenza di zinco è manifestata dall’aumento del processo infiammatorio:

Lo zinco è un oligoelemento essenziale che influisce significativamente sulla salute, specialmente nel mantenimento del sistema immunitario. Studi i hanno riferito che il consumo di zinco ad alte dosi ha effettivamente aumentato il sistema immunitario dei pazienti con diverse malattie virali, tra cui raffreddore comune (rinovirus). Alla luce dell’improvvisa insorgenza della pandemia globale di COVID-19, c’è stato un crescente interesse nella ricerca di potenziali misure protettive e terapeutiche necessarie per frenare la diffusione incontrollabile di questo virus. La patologia del sistema respiratorio e la saturazione dell’ossigeno sono migliorate con integratori di zinco negli studi clinici. In particolare, la popolazione anziana che di solito sviluppa la sindrome respiratoria acuta ha livelli di zinco nel siero più bassi. Allo stesso modo, L’incidenza dell’80% della polmonite pediatrica è associata a bassi livelli di zinco sierico.

Rimedi erboristici per il sistema immunitario: 

Astragalo

Lo stress ossidativo svolge un ruolo chiave nella patogenesi di varie malattie. Gli antiossidanti proteggono le cellule e i tessuti dallo stress ossidativo dei radicali . Le specie di Astragalus (spp.), specialmente Astragalus membranaceus, fanno parte della  Medicina Tradizionale Cinese. Astragalus membranaceus, noto anche come Astragali radix, è usato nella Medicina Tradizionale Cinese come rimedio tonico. Inoltre, attenua l’infiammazione intestinale. È ampiamente usato in Asia orientale per prevenire alcuni gravi effetti collaterali della chemioterapia e fibrosi epatica .

 

Alnus japonica, noto anche come ontano dell’Asia orientale, cresce approssimativamente fino a 22 m. Appartiene alla famiglia Betulaceae, nota anche come famiglia delle betulle, che comprende sei generi con alberi decidui e arbusti portatori di noci. L’estratto di foglie e corteccia di Alnus japonica aumenta l’immunità contro l’influenza .Studi hanno dimostrato che l’estratto metanolo della corteccia di Alnus japonica possiede una forte attività antivirale contro il virus dell’influenza aviaria del sottotipo H9N2 . L’estratto di Alnus japonica potrebbe essere efficacemente utilizzato negli alimenti e nell’industria farmaceutica contro il virus dell’influenza.

 

Allium Sativum (Aglio)

Allium sativum appartiene alla famiglia delle Amaryllidaceae. È una pianta fiorita perenne che cresce da un bulbo e comprende un alto fusto fiorito che raggiunge un’altezza fino a 1 m. Oltre a possedere attività antibatterica, Allium sativum (aglio) ha anche proprietà antivirali. L’estratto di allium sativum ha un effetto inibitorio sul virus della bronchite infettiva aviaria, che è un RNA a singolo filamento e appartiene ai coronavirus. Ha anche mostrato il suo effetto su altri virus tra cui influenza A e B , citomegalovirus , virus dell’herpes simplex 1] e virus dell’herpes simplex-2 .

L’aglio può inibire la SARS-CoV-2 . Allium sativum è indicato per le malattie respiratorie, vale a dire raffreddore e tosse (e altri sintomi legati all’influenza . Ha effetti diaforetici, antisettici, batteriostatici e antivirali. È anche usato per trattare la  bronchite cronica e le infezioni delle vie respiratorie superiori . Inoltre, la Farmacopea britannica ritiene che i prodotti all’aglio siano indicati per raffreddori ricorrenti e pertosse .

 

Althaea officinalis L. – Malvaceae 

Althaea officinalis è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire tosse secca, irritazioni della mucosa orale e faringea .

I preparati di Althaea officinalis possono sopprimere la tosse e diminuire l’irritazione attraverso effetti antinfiammatori e lenitivi sulle vie respiratorie, dà sollievo dei primi sintomi del COVID-19. Le evidenze cliniche possono essere considerate elevate e, poiché non vengono segnalate gravi preoccupazioni per questa erboristeria, può essere valutata come alta sicurezza.

 

Andrographis paniculata (Burm.f.) Nees – Acanthaceae 

Andrographis paniculata è indicato per le malattie respiratorie, vale a dire raffreddore comune, e altre infezioni delle vie respiratorie superiori, tosse e febbre Utile in caso di dolore associato alla febbre.

 

 Cymbopogon citratus (DC.) Stapf – Poaceae

Cymbopogon citratus è indicato per infezioni respiratorie . Cymbopogon citratus è stato valutato sperimentalmente per la febbre. Un estratto standardizzato ha portato alla riduzione delle cellule infiammatorie e degli eosinofili. E’ indicato  in caso di influenza, per l’effetto antinfiammatorio sulle vie respiratorie .

 

Cordyceps

Il genere Cordyceps ha circa 750 specie identificate che sono distribuite in molte regioni del mondo, ma si trovano principalmente in Asia meridionale, Europa e Nord America. Per secoli Cordyceps, della famiglia delle Clavicipitaceae, è stato usato nella Medicina Tradizionale Cinese. Gli studi mostrano attività immunomodulatorie, antiossidanti, antitumorali, citotossiche, antinfiammatorie, antiallergiche, antidiabetiche, analgesiche, anti-HIV, antibatteriche, antimalariali e antifungine.

 

Echinacea sp. (E. angustifolia DC., E. purpurea (L.) Moench e E. pallida (Nutt.) Nutt. – Asteraceae

E’ indicata per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire quelli associati al raffreddore . I preparati di echinacea sono ampiamente utilizzati per prevenire raffreddori e altre infezioni respiratorie, come immunostimolante e in condizioni associate al disagio respiratorio. I preparati di Echinacea sono stati studiati clinicamente per l’influenza e il raffreddore. Echinacea sp. può essere utile per alleviare i sintomi respiratori, in quanto  esercita un effetto lenitivo sulle vie respiratorie. Nel complesso, un numero relativamente elevato di studi clinici e una serie di meta-analisi forniscono la prova che i preparati di Echinacea sono efficaci sia nel trattamento (riducendo i sintomi e la durata) che nella prevenzione del raffreddore comune.

 

 Eucalipto globulus Labill. – Myrtaceae 

L’eucalipto globulus è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire la tosse , espettorante e antisettico.  I preparati di olio essenziale di eucalipto globulo sono stati studiati clinicamente per malattie respiratorie (bronchite, rinite) e sono stati valutati i seguenti sintomi: tosse e irritazione alla gola. Nelle dosi tradizionali, non vi è alcuna relazione sulla tossicità di E. globulus. Tuttavia, dosi elevate possono causare nausea, vomito e diarrea .

 

Foeniculum vulgare – Apiaceae 

Foeniculum vulgare è indicato per le malattie respiratorie, vale a dire la tosse associata al raffreddore e alla febbre . Sebbene l’olio essenziale di F. vulgare presenti l’estragolo come uno dei componenti principali, e a causa della sua cancerogenicità genotossica, l’esposizione a questo composto dovrebbe essere mantenuta il più bassa possibile .

 

Ganoderma Lucidum ( Reishi)

I funghi medicinali sono stati usati per secoli come nutraceutici per migliorare la salute e per trattare numerose malattie croniche e infettive.

L’effetto antitumorale  di Ganoderma (Lingzhi) è strettamente correlato all’immunoregolazione.

Migliora la qualità della pelle e tratta problemi epidermici, ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Studi di laboratorio hanno dimostrato che Ganoderma lucidum migliora le funzioni immunitarie.

 

Ginseng

L’uso del ginseng Panax e del quinquefolius Panax nella Medicina Tradizionale Cinese risale a circa 5000 anni fa, grazie alle sue diverse proprietà benefiche e curative. Negli ultimi anni, ampie evidenze precliniche e cliniche nella letteratura scientifica di tutto il mondo hanno supportato gli effetti benefici di P. ginseng e P. quinquefolius in significative malattie del sistema nervoso centrale, metaboliche, infettive e neoplastiche. Gli studi clinici  hanno mostrato ottimi risultati  in malattie specifiche, come demenza, diabete mellito, infezioni respiratorie e cancro. .

Il ginseng è stato studiato come rimedio  defaticante. Le prove precliniche mostrano una certa attività immuno-stimolante. Ci sono stati diversi studi clinici in una varietà di malattie diverse. è meno studiato. Ci sono alcuni studi preclinici che mostrano un’attività immunitaria interessante.

Il sistema immunitario svolge un ruolo decisivo nella difesa di vari microrganismi patogeni. Astragalus membranaceus (AM) e Panax ginseng (PG) sono due erbe toniche utilizzate nella medicina tradizionale cinese (TCM) come rimedi potenzianti il sistema  immunitario.

In uno studio clinico, entrambi i rimedi  hanno mostrato contemporaneamente la capacità di rafforzare la funzione del sistema immunitario.

Glicirriza Glabra

Glycyrrhiza glabra appartiene alla famiglia delle Fabaceae ed è comunemente nota come liquirizia. La glicirrizina è il componente principale isolato dalle radici. La glicirrizina ha inibito il 50% del virus dell’epatite C (HCV) .Oltre ad essere efficace contro l’epatite e il virus dell’influenza, ha anche dimostrato il suo effetto sulla SARS CoV .

Justicia pectoralis Jacq. [syn. Dianthera pectoralis (Jacq.) J.F.Gmel.] – Acanthaceae

Justicia pectoralis (chambá) è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, come espettorante e immunostimolante . E’ stata sperimentalmente provata per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire l’asma.

Hyssopus officinalis L. ,Issopo

Hyssopus officinalis L. ha proprietà  e stomachiche carminative e antispasmodiche, è tulizzato in Iran e India .E utilizzato in caso di asma  nella Medicina Tradizionale Persiana. Ha proprietà antimicrobiche e antiossidanti. Le foglie essiccate  di H. officinalis sono state testate anche per la sua efficacia sul  virus dell’immunodeficienza (HIV).

 

Magnolia officinalis Rehder & E.H. Wilson – Magnoliaceae 

Magnolia officinalis è indicata per i sintomi di malattie respiratorie, vale a dire tosse, febbre e mancanza di respiro . La corteccia di magnolia è stata utilizzata nella medicina tradizionale cinese e giapponese per il trattamento dell’asma, delle malattie allergiche, nonché per alleviare mal di testa, dolore muscolare e febbre  e il suo principio attivo (magnololo) può migliorare  le patologie connesse al virus SARS-CoV-2 e COVID-19.

 

Malva sylvestris L. – Malvaceae

Malva sylvestris è indicato per le malattie respiratorie, vale a dire irritazioni orali o faringee e tosse secca . Prove precliniche. I preparati di Malva sylvestris sono stati studiati sperimentalmente per la tosse. L’attività anti-tussive della sua mucillagine . Malva sylvestris è stata tradizionalmente utilizzata come terapia della tosse e può essere utile per alleviare i sintomi del COVID-19 esercitando un effetto lenitivo sulle vie respiratorie.

 

Mikania glomerata Spreng. e M. laevigata Sch.Bip. ex Baker Asteraceae

Mikania glomerata è indicata per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire la tosse, e come espettorante . E’ stata utilizzata in Brasile in malattie respiratorie, come asma, tosse e infiammazione della gola  ha avuto un’inequivocabile azione broncodilatatore ed evidente effetto antitosse .Da non utilizzare durante il trattamento con FANS. L’uso può interferire con la coagulazione dovuta alla presenza di derivati della cumarina .

 

Ocimum gratissimum L. -Lamiaceae 

Ocimum gratisssimum è indicato per sintomi di raffreddore, influenza, febbre, asma, bronchite . A causa della presenza di estragolo, un cancerogeno genotossico presente in natura, O. gratissimum deve essere usato per un breve periodo, nella posologia raccomandata .

 

Pelargonium sidoides DC e/o Pelargonium reniforme Curt. -Geraniaceae 

Pelargonium sidoides è indicato per il raffreddore comune , tosse e bronchite. La specie proviene dall’Africa meridionale, e si dice che il termine Umkaloabo sia una fusione di due termini da Zulu (“Umkuhlune” – tosse e febbre; e “Uhlabo” = dolore al petto) .Gli Studi hanno dimostrato un’attività antivirale, per il coronavirus umano e rinovirus in  pazienti con asma . E’utile per alleviare i sintomi della rinosinusite acuta e del raffreddore comune negli adulti. I preparati di Umkaloabo sono generalmente considerati sicuri, anche se a dosi elevate possono verificarsi mal di stomaco, bruciore di stomaco, nausea o diarrea. Umkaloabo può essere utile nel sollievo sintomatico dei sintomi respiratori, in quanto  esercita un effetto lenitivo sulle vie respiratorie. Un numero relativamente elevato di studi clinici e una serie di meta-analisi forniscono la prova che i preparati di Umkaloabo sono efficaci sia nel trattamento (riducendo i sintomi e la durata) che nella prevenzione del raffreddore comune.

 

Pimpinella anisum L. – Apiaceae 

Pimpinella anisum è indicato per tosse e febbre . I preparati di anisum pimpinella sono stati studiati clinicamente per l’asma. L’attività broncodilatatore di P. anisum è stata valutata in uno studio che ha coinvolto 50 pazienti che presentano asma bronchiale. I pazienti hanno ingerito il tè (2 g in 200 ml di acqua), due volte al giorno per 40 giorni. Tutti i pazienti hanno presentato una riduzione degli episodi di tosse dopo 21 giorni di trattamento (da più di 6 episodi al giorno a nessuno), nonché dispnea e respiro sibilante. Inoltre, è stato osservato un miglioramento del tempo di tenuta del respiro e della frequenza respiratoria . Nelle dosi tradizionali, non vi è alcuna relazione sulla tossicità di P. anisum. Tuttavia, possono verificarsi reazioni allergiche, ad esempio la rinocongiuntivite .L’uso concomitante con farmaci antico coagulanti dovrebbe essere evitato a causa della presenza di cumarine .

 

Plantago lanceolata L. – Plantaginaceae 

Plantago lanceolata è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire tosse, faringite e febbre Altre indicazioni includono il catarro bronchiale. Plantago lanceolata fornisce sollievo sintomatico dei sintomi influenzali , esercita un effetto espettorante e antinfiammatorio.

Platycodon chinensis (Jacq). A.DC. [syn. Platycodon grandiflorus (Jacq.) A.DC.] – Campanulaceae (radici) è indicato per la tosse, come espettorante  e infezioni delle vie respiratorie superiori, mal di gola .Un estratto acquoso di P. chinensis ha presentato attività antinfiammatoria , nel trattamento dei sintomi allergici , polmonite. Due pazienti sono stati trattati con estratto acquoso di P. chinensis e agopuntura. I pazienti presentavano un miglioramento di tosse, catarro e febbre. La radiografia del torace ha mostrato una diminuzione dell’infiltrazione polmonare . Radix Platycodi deprime il sistema nervoso centrale). Pertanto, l’uso concomitante con alcol o farmaci ipnotici e sedativi dovrebbe essere evitato.

 

Polygala senega L. – Poligalaceae 

Polygala senega è indicato per la tosse , bronchite, enfisema e catarro delle vie respiratorie superiori .L’’estratto di fluido preparato con P. senega riduce la viscosità del catarro nei pazienti con bronchiectasi. Le saponine di questa specie sono solitamente irritanti per la mucosa e grandi dosi causano nausea, diarrea e vomito .L’ uso da parte di pazienti con ulcera gastrica o infiammazione gastrica dovrebbe essere evitato. L’esposizione cronica della mucosa intestinale alle saponine può anche inibire l’assorbimento attivo dei nutrienti .

 

Polypodium vulgare L. – Polipodiaceae 

Polypodium vulgare è indicato per i sintomi delle malattie respiratorie, vale a dire la tosse .

Un lieve effetto lassativo può verificarsi quando questa pianta viene utilizzata come espettorante  Inoltre, a causa di possibili effetti ipotensivi e ipnotici, i pazienti dovrebbero essere consapevoli delle potenziali interazioni .

 

Potentilla erecta (L.) Raeusch. – Rosaceae 

Potentilla erecta è indicato per la tosse e il trattamento sintomatico di piccole infiammazioni della mucosa orale. La preparazione deve essere utilizzata per sciacquare la bocca più volte al giorno .

E’ stata segnalata l’attività antivirale contro i tipi di virus Herpes I e II, nonché l’attività citotossica contro il virus influenzale di tipo A2 e  Vaiolo bovino.

 

Primula veris L. – Primulaceae 

Primula veris è indicato per alcuni sintomi di malattie respiratorie, vale a dire tosse .

Un estratto secco di P. veris ha presentato una potenziale attività antinfiammatoria in vitro, ha inibito la replicazione del rinovirus umano (HRV) e del virus respiratorio sinciziale (RSV) . Casi di nausea, vomito, disturbi gastrici e allergie possono verificarsi in dosi superiori a quelle raccomandate .

 

Rosa canina

E’ un potente  antiossidante e fonte di vitamina C. Gli effetti antiossidanti e antinfiammatori di Rosa canina corrispondono alla sua azione clinica. La proprietà antinfiammatoria di Rosa canina suggerendo il suo potenziale ruolo di strumento terapeutico adiuvante per la gestione delle malattie infiammatorie.

 

Salix alba L., Salix sp.

Il salix alba è una pianta appartenente alla famiglia degli alberi latifolie. Salix alba è indicato come antipiretico , antinfiammatorio, nel trattamento dell’influenza e del raffreddore comune .E’ stato sperimentalmente provato per la febbre. La sua efficacia e sicurezza sono state riportate in diversi studi. L’estratto di Salix alba ha mostrato proprietà analgesiche e antinfiammatorie maggiori rispetto all’aspirina standard . I preparati salix alba sono stati studiati clinicamente per febbre e infiammazione. Uno studio randomizzato con 210 pazienti è stato condotto per valutare l’efficacia dell’estratto di corteccia Salix per il trattamento del mal di  schiena. È stato condotto un altro studio randomizzato in doppio cieco controllato con placebo che ha coinvolto 78 pazienti con osteoartrite. Pazienti con osteoartrite e dolore reumatico o mal di schiena o entrambe le condizioni, hanno avuto molto sollievo. Nei bambini può causare un rischio di sindrome di Reye, quindi non è raccomandato, inoltre, gli asmatici (sensibilità ai salicilati) a causa di reazioni gravi (broncospasmi acuti) dovrebbero evitarne l’uso .  Nel caso di trattamento con anticoagulanti, antiacidi, corticosteroidi o FANS, l’uso di salix deve essere evitato, anche in caso di disturbi gastrointestinali . A causa dei suoi effetti antipiastrinici, è considerato utile nel contesto COVID-19. I farmaci antipiastrinici o antiaggreganti piastrinici sono un gruppo di farmaci in grado di interagire negativamente con la funzione di aggregazione piastrinica, prevenendo così la formazione di trombi ed emboli di origine trombotica: tali farmaci trovano quindi utilità nei pazienti che hanno un elevato rischio di trombosi ed embolia, eventi che potrebbero condurre a pericolosi fenomeni ischemici come l’infarto del miocardio.

 

Sambucus nigra L. – Adoxaceae 

Sambucus nigra è indicato per febbre e infiammazione delle vie respiratorie, allevia i sintomi del raffreddore e dell’influenza, il mal di testa ed ha funzione espettorante .

I costituenti attivi inibiscono la biosintesi delle citochine infiammatorie e la  necrosi tumorale-α nelle cellule mononucleari periferiche umane. Diversi esperimenti in vitro e in vivo hanno mostrato gli effetti antivirali degli estratti di sambuco, contro il virus dell’influenza . I preparati di sambucus nigra sono stati studiati clinicamente per il raffreddore e l’influenza comuni. Due studi randomizzati con un estratto standardizzato, che coinvolgono pazienti che presentano sintomi influenzali e reazione positiva per il virus influenzale di tipo A o B, hanno mostrato la riduzione dei sintomi dopo il secondo giorno di trattamento, senza effetti avversi significativi . Una meta-analisi di studi clinici randomizzati ha portato alla conclusione che l’integrazione di S. nigra riduce i sintomi respiratori superiori del raffreddore e dell’influenza comuni .

Scutellaria baicalensis Georgi – Lamiaceae 

Scutellaria baicalensis è indicato per la febbre, ha proprietà  antivirali e per allevia i sintomi della bronchite . L’attività antinfiammatoria è stata valutata mediante esperimenti in vitro e in vivo, mostrando  attività analgesiche e antinfiammatorie . A dosi elevate, sono stati riportati lievi effetti lassativi. Scutellaria baicalensis non deve essere usato in persone con problematiche alla milza e stomaco .

 

Silybum marianum L. Gaertn. – Asteraceae 

Silybum marianum è indicato per la gestione delle malattie respiratorie, vale a dire febbre e catarro . S. marianum fornisce sollievo dei sintomi respiratori, esercitando un effetto antinfiammatorio sistemico.

 

Thymus vulgaris L. – Lamiaceae 

Thymus vulgaris è indicato per tosse associata a raffreddore, laringite e tonsillite . L’olio essenziale presenta attività antinfiammatoria. Un estratto acquoso di T. vulgaris è efficace contro   il virus Herpes simplex di tipo 1 (HSV-1), di tipo 2 (HSV-2) e l’Aciclovir HSV-1 . I bambini di età inferiore ai 30 mesi non dovrebbero usare questa pianta a causa di preparati contenenti timolo, che possono indurre laringospasmo .

 

Tilia cordata Mill. – Malvaceae 

Tilia cordata è indicata per i sintomi del raffreddore comune . Le procyanidine presenti nei piccoli fiori sono state valutate su una risposta infiammatoria nei neutrofili umani . I flavonoidi presenti in T. cordata esercitano un effetto ansiolitico e possono, potenzialmente, interagire con farmaci serotoninergici . E ‘utile nel sollievo dei sintomi respiratori attraverso un effetto antinfiammatorio.

 

Uncaria Tomentosa

Un certo numero di farmaci dei nativi amazzonici sono noti per avere attività antimicrobica e antinfiammatoria, anche se solo pochi sono stati studiati per le loro proprietà antivirali ed effetti immunomodulanti. I più studiati sono: Sangre de Grado (drago) (Croton lechleri) nella famiglia delle Euphorbiaceae e Una de Gato (Uncaria tomentosa) nella famiglia delle Rubiaceae.

Gli Asháninkas, indigeni del Perù, usano l’artiglio del gatto (Uncaria tomentosa) per ripristinare la salute. Uncaria tomentosa ha attività antiossidante e lavora come agente per riparare i danni al DNA. Provoca diversi effetti sulla proliferazione cellulare a seconda del tipo di cellula coinvolta; in particolare, può stimolare la proliferazione dei progenitori mieloidi e causare l’apoptosi delle cellule neoplastiche. La neutropenia è l’effetto collaterale più comune della chemioterapia. Per i pazienti sottoposti a trattamento oncologico, la somministrazione di un farmaco che stimola la proliferazione di cellule del tessuto ematopoietico sano è molto desiderabile. Riduce osteoartrite, artrite reumatoide, prostatite, malattie virali, cancro e rosacea, come  adattogeno immunomodulante nell’invecchiamento cellulare.

 

Zingiber officinale Roscoe – Zingiberaceae 

Zingiber officinale è indicato per il raffreddore e la tosse comuni , ha proprietà  anti-asma  ed espettoranti . È descritto in diversi studi preclinici che riportano le sue proprietà antinfiammatorie e antipiretiche. L’effetto antinfiammatorio dello zenzero , interferisce con la cascata infiammatoria, ed ha attività di aggregazione anti-piastrinica in vitro .

In uno studio randomizzato, 32 pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) hanno ricevuto una dieta enterale arricchita con zenzero, è stato osservato un significativo miglioramento dell’ossigenazione. Gli autori degli studi clinici hanno descritto che vi era una differenza significativa nella durata della ventilazione meccanica e nel tempo speso nell’unità di terapia intensiva. Studi clinici hanno trovato lo zenzero efficace e sicuro per prevenire nausea e vomito associati alla gravidanza. A dosi elevate si possono manifestare    disturbi allo stomaco, dispepsia e nausea .Dosi elevate di zenzero possono aumentare gli effetti della terapia anticoagulante . L’uso è controindicato per le persone con calcoli biliari, irritazione gastrica e ipertensione .

Rimedi erboristici utilizzati per alleviare i sintomi legati alle condizioni respiratorie non elencati dalle monografie internazionali:

Alcune specie, sebbene senza il supporto di documenti ufficiali, sono state ampiamente utilizzate per alleviare i comuni sintomi del raffreddore, di solito come preparati fatti in casa. Alcuni di essi vengono analizzati qui, nel contesto COVID-19.

 

Citrus limon (L.) Burm. f. Rutaceae 

Il limone di agrumi è stato usato per alleviare la tosse,mal di gola,  come espettorante nella bronchite e come antinfiammatorio .  Il succo di limone  presenta attività anti-piastrinica, pertanto, l’uso concomitante con farmaci anti-piastrine dovrebbe essere evitato.

 

Culcitium canescens. – Asteraceae

In Perù e nei paesi confinanti, culcitium canescens è usato per alleviare la tosse e la febbre .Un’altra indicazione correlata include l’asma .

 

Laurus nobilis L. – Lauraceae

Laurus nobilis è usato per trattare le infezioni respiratorie .).Uno studio in vitro esamina la SARS-CoV e l’effetto di diversi oli essenziali. Gli autori hanno riferito che un olio distillato estratto dalle bacche di Laurus nobilis era un efficace virucida contro la SARS-CoV. L’olio essenziale di L. nobilis è stato anche valutato per le sue attività antinocicettive e antinfiammatorie, ha mostrato un significativo effetto analgesico . L. nobilis è stato usato come cibo fin dai tempi antichi, pertanto, è utile per alleviare i sintomi respiratori, in quanto esercita effetti antivirali e antinfiammatori sulle vie respiratorie.

Lippia graveolens Kunth. – Verbenaceae

Lippia graveolens è usata per trattare i sintomi delle malattie respiratorie e come antinfiammatorio . Da’ sollievo ai sintomi respiratori .

 

Nigella sativa L. – Ranunculaceae

I semi neri sono conosciuti a livello globale come spezia e alimento. Nella medicina araba, hanno utilizzo  molto alto . Nel contesto del COVID-19, gli usi rilevanti sono per l’asma e nella gestione più generale delle condizioni infiammatorie. In molti paesi arabi, il seme nero è usato per l’asma e la tosse, per le malattie gastrointestinali (come dolore addominale, mal di stomaco, coliche), reumatismi, malattie della pelle. Studi clinici hanno mostrato effetti positivi sull’infiammazione polmonare e sullo stress ossidativo . Alcuni studi dimostrano benefici clinici nei pazienti asmatici. In uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo, l’integrazione della terapia standard con capsule di N. sativa ha migliorato l’asma e migliorato la funzione polmonare.

Il seme nero può essere utile nel sollievo dei sintomi respiratori principalmente associati alla tosse grave sperimentata e può ridurre i parametri infiammatori.

 

Plectranthus amboinicus Lour. – Lamiaceae

Plectranthus amboinicus è stato usato nel trattamento dell’asma e per alleviare raffreddore, mal di testa e febbre . Contiene acidi rosmarinico, caffeico, gallico e p-cumarico, derivati della quercetina, luteolina) .Estratti acquosi ed etanotici di P. amboinicus presentano  attività antinfiammatoria in vitro ed effetti inibitori sulle citochine pro-infiammatorie . I bambini, di età inferiore ai 30 mesi, non dovrebbero usare questa pianta a causa di preparati contenenti timolo, possono indurre laringospasmo .

Houttuynia Cordata

Houttuynia cordata appartiene alla famiglia delle Saururaceae ed è per lo più confinata nell’habitat umido. E’ efficace nell’inibire l’infettività del virus dengue (DENV e il virus della bronchite infettiva aviaria . La quercetina ha mostrato attività anti-influenzale) e ha inibito la replicazione del virus nelle fasi iniziali dell’infezione. Il distillato di stelo della Houttuynia cordata ha mostrato attività inibitoria contro il virus dell’herpes simplex-1, il virus dell’influenza e il virus dell’immunodeficienza umana-1 senza alcuna citotossicità .Houttuynia cordata ha mostrato una significativa inibizione della SARS-CoV. L’estratto di Houttuynia cordata (HC) ha inibito con successo la SARS-CoV3C e l’RNA polimerasi dipendente dall’RNA (RdRp) .

 

Licoris Radiata

Lycoris radiata, comunemente noto come giglio ragno rosso, fiore infernale, giglio magico rosso, o talvolta chiamato fiore di equinozio, appartiene alla famiglia delle Amaryllidaceae. La licorina il componente attivo di Lycoris radiata ha inibito con successo il virus dell’influenza, che è responsabile dell’infezione da influenza aviaria . Anche i derivati della licoricidina ottenuti dal bulbo di Lycoris radiata hanno dimostrato l’attività del virus anti-epatite C . L’estratto etanolarico della corteccia del gambo della pianta ha inibito con successo la SARS-CoV.

 

Terminalia chebula, Mirabolano

Terminalia chebula è originario dell’Asia meridionale, dall’India e dal Nepal da est a sud-ovest della Cina, e a sud dello Sri Lanka, della Malesia e del Vietnam. E’ un’importante pianta medicinale ayurvedica, usata come rimedio per problemi dell’apparato digerente, ferite, infiammazione gengivale, asma, tosse, ecc. È lassativo, stomachico, espettorante, emostatico e tonico. Inoltre, mostra proprietà antifungine e antibatteriche. Terminalia chebula è ampiamente studiata per le sue attività antiossidanti, epatoprotettive, neuroprotettive, citotossiche, antidiabetiche, antinfiammatorie .

 

Tinospora Cordifolia

La tinospora cordifolia, comunemente chiamata Guduchi o Giloy, appartiene alla famiglia delle Menispermaceae. La pianta è una vite erbacea che porta foglie a forma di cuore.

L’estratto di tinospora cordifolia ha proprietà antibatteriche, antifungine e antivirali. L’estratto di fusto della Tinospora cordifolia ha inibito con successo il virus dell’herpes simplex e  una diminuzione dell’incidenza di vari sintomi associati all’HIV.

 

Vitex Trifolia

Vitex trifolia appartiene alla famiglia delle Verbenaceae. L’olio essenziale di Vitex trifolia viene utilizzato come antinfiammatorio e contro mal di testa, raffreddore, tosse, disturbi del fegato e HIV .A causa dell’alto contenuto dei composti fenolici come acido fenolico, flavoni e flavonoli, è stato analizzato che l’estratto metanolo contiene proprietà antiossidanti e anticancro .

 

Zafferano x stress e ansia:

La depressione è uno dei disturbi psichiatrici più diffusi ed è stato stimato che colpisce oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo, rappresentando circa il 4,4% della popolazione totale mondiale È probabile che le cifre effettive siano più elevate, poiché questo tasso include solo i casi diagnosticati con livelli subclinici di disturbi dell’umore altamente prevalenti .Esistono trattamenti farmacologici, ma diversi articoli hanno sottolineato gli effetti collaterali di tali trattamenti, tra cui nausea e sonnolenza. Tra le soluzioni non farmacologiche per migliorare i sintomi subclinici dell’umore e la resilienza allo stress, i prodotti naturali come lo zafferano nei principali disturbi depressivi rappresentano una strategia efficace. L’estratto di zafferano migliora i sintomi depressivi subclinici in individui sani e può contribuire a una maggiore resilienza contro lo sviluppo di disturbi psichiatrici correlati allo stress.

Lo zafferano è prodotto dallo stigma essiccato di Crocus sativus L. Gli stimmi di zafferano sono naturalmente ricchi di quattro principali composti bioattivi: crocina, crocetina  sono tradizionalmente usati nella medicina asiatica, in particolare persiana, per trattare una serie di disturbi fisici tra cui dolori mestruali, infiammazione e sintomi depressivi . Una meta-analisi di cinque studi clinici ha rivelato un effetto terapeutico dello zafferano rispetto al placebo e a un’efficacia antidepressiva simile rispetto ai farmaci antidepressivi .

Alcuni fattori ambientali possono essere coinvolti nell’insorgenza e nello sviluppo di sintomi depressivi. Tra questi fattori, gli eventi cronici di una  vita stressante durante l’età adulta possono attivare o amplificare l’espressione dei sintomi depressivi. Mentre alcune persone esposte a eventi stressanti non mostrano segni o sintomi di depressione, altre esposte allo stress psicologico sono vulnerabili . In risposta allo stress psicologico, si verificano una serie di cambiamenti neurobiologici. È interessante notare che lo zafferano può ridurre i livelli plasmatici di suggerendo una potenziale modulazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrenale. Un singolo studio ha dimostrato che le donne sane esposte all’aroma di zafferano per 20 minuti hanno sperimentato una diminuzione dei livelli di cortisolo salivare, accompagnato da una diminuzione dell’ansia .

L’estratto di zafferano riduce l’umore depressivo in individui sani che sperimentano disturbi dell’umore, ha un  effetto benefico sulla frequenza cardiaca, in risposta a eventi stressanti  psicosociali , aumenta la resilienza contro lo sviluppo di disturbi psichiatrici correlati allo stress.

Rimedi erboristici per stress, ansia insonnia:

Sessantasei studi controllati sono stati localizzati coinvolgendo undici fitofarmaci. Hypericum perforatum per la depressione maggiore e Piper methysticum per i disturbi d’ansia. Diversi studi clinici sull’uomo forniscono prove positive preliminari di effetti antidepressivi (Echium amoenum, Crocus sativus e Rhodiola rosea) e attività ansolitica (Matricaria recutita, Ginkgo biloba, Passiflora incarnata, E. amoenum e Scutellaria lateriflora). Occorre tuttavia prestare attenzione quando si interpretano i risultati, poiché molti studi non sono stati replicati.

Sessantasei studi controllati sono stati localizzati coinvolgendo undici fitofarmaci. Molti di questi forniscono un alto livello di evidenza, come Hypericum perforatum sia efficace per la depressione maggiore e Piper methysticum per i disturbi d’ansia. Diversi studi clinici sull’uomo forniscono prove positive preliminari di effetti antidepressivi di Echium amoenum, Crocus sativus e Rhodiola rosea e attività ansiolitica di Matricaria recutita, Ginkgo biloba, Passiflora incarnata, E. amoenum e Scutellaria lateriflora.

La ricerca moderna sulla medicina a base di erbe in psichiatria, sebbene ancora agli inizi, è aumentata negli ultimi anni con un aumento del 50% della letteratura in 5 anni fino al 2008 . La ricerca sulle piante psicoattive che possono influenzare il sistema nervoso centrale (SNC) è fiorita, con un’abbondanza di studi in vitro e in vivo che convalidano l’efficacia di molti rimedi fitoterapici con  effetti positivi sull’equilibrio mente – corpo. A parte i notevoli costituenti psicoattivi isolati dalle piante (di solito contenenti alcaloidi) come la cocaina della coca Erythroxylon (coca), la morfina di Papaver somniferum (papavero da oppio), o l’arecolina di Areca catechu (noce betel), altre piante meno potenti, come l’Hypericum perforatum (erba di San Giovanni), hanno sviluppato prove di attività terapeutica benefica negli ultimi decenni .Molti di questi rimedi  psicotropi hanno  meno effetti collaterali rispetto alle farmacoterapie convenzionali come antidepressivi (sintomi colinergici, disfunzione sessuale, insonnia e problemi di astinenza) e benzodiazepine (sonnolenza, dipendenza e problemi di astinenza.

La presenza di diversi composti psicoattivi in una pianta può avere un effetto “sinergico, concetto espresso da millenni nei sistemi medicinali tradizionali, ad esempio Medicina Tradizionale Cinese  e Ayurveda. Un esempio di sinergia può essere trovato in Salvia spp. (salvia), nota per avere proprietà pro-cognitive e colinesterasi inibitorie.

Un concetto correlato alla sinergia è quello della “polivalenza” che, a differenza della sinergia , che in senso stretto si riferisce a un singolo effetto farmacologico, descrive la gamma di attività biologiche  di un  fitoterapico. La polivalenza può verificarsi a causa della presenza di una varietà di sostanze chimiche, ognuna con effetti fisiologici diversi, o della presenza di una particolare sostanza chimica che ha più di un effetto fisiologico rilevante per la malattia . Valeriana officinalis (valeriana) contiene componenti con una gamma di proprietà rilevanti per l’ansiolisi, il rilassamento muscolare e la promozione del sonno  .

Meccanismi d’azione psicotropi a base di erbe:

I meccanismi d’azione dei rimedi  vegetali utilizzati per il trattamento dei disturbi psichiatrici comportano principalmente la modulazione della comunicazione neuronale, attraverso specifici metaboliti vegetali che si legano ai recettori neurotrasmettitori /neuromodulatori, lo stimolare, il sedare l’attività del SNC , regolare o sostenere la a funzione del sistema endocrino  I rimedi erboristici hanno antidepressivi, ansiolitici, nootropici (miglioramento cognitivo), sedativi, ipnotici e analgesici , funzioni adattogene e toniche per l’ umore, ansia e disturbi del sonno.

macchie proteiche hanno espressioni sovrapposte, con le più colpite che coinvolgono il metabolismo energetico. L’analisi western del gonfiore ha rivelato che sia l’erba che la clomipramina hanno aumentato l’espressione di due forme di DRP-2, una proteina coinvolta nella crescita e rigenerazione assonale, mentre la proteina shock termico 70 (gene pieghevole neuronale-proteina) è stata anche trovata aumentata. Il significato di questi studi è che forniscono la prova che H. perforatum non solo influisce sulla trascrizione di molti geni, ma modula espressioni genetiche simili a un antidepressivo convenzionale. Futuri studi proteomici simili di altri psicotropi a base di erbe promettono di rivelare espressioni genetiche simili comuni alle farmacoterapie convenzionali.

Antidepressivi a base di erbe e depressione:

Negli ultimi anni, una maggiore attenzione si è concentrata anche sul ruolo delle anomalie neuro‐endocrinologiche che coinvolgono l’eccesso di cortisolo .

Diversi farmaci vegetali hanno rivelato una serie di attività antidepressiva . Hipericum perforatum, Rhodiola, Crocus sativus (zafferano) offrono buoni risultati nel  trattamento di questo disturbo .

Alcuni farmaci a base di erbe con effetti elevanti dell’umore, come Rodhiola. rosea e Crocus sativus, mostrano anche effetti ansiolitici. Ciò può essere dovuto alla modulazione di percorsi neurologici che hanno sia effetti antidepressivi che ansiolitici (ad esempio GABA, serotonina e sistemi noradrenalina. Uno studio ha scoperto che  che Piper methysticum  oltre alla riduzione dell’ansia, ha anche fornito una riduzione statisticamente significativa della depressione .

Erbe, insonnia e ansia:

L’insonnia è un’afflizione comune nelle società occidentali, che coinvolge il sistema neuroendocrino. Ciò è causato  causato da anomalie nel ritmo circadiano (, secrezione di melatonina e recettori dell’adenosina), percorsi GABA, fattori endocrini (alto cortisolo) .

Ipnotici e sedativi a base di erbe come Valeriana spp. e Humulus lupulus modulano i recettori dell’adenosina . Zizyphus jujuba e Valeriana officinalis, comunemente usati in fitoterapia per l’insonnia, possono essere usati anche per trattare l’ansia poichè le sostanze che agiscono come sedativi lievi causano rilassamento e riduzione dell’ansia.

Depressione e fitoterapia:

Diversi medicinali a base di erbe con effetti antidepressivi nei modelli preclinici sono stati sottoposti a sperimentazioni cliniche .Una recente meta-analisi di H. perforatum , ha evidenziato che tale rimedio ha una migliore tollerabilità rispetto ad alcuni antidepressivi .

L estratto concentrato di C. sativus ha dimostrato un significativo miglioramento della depressione.

La Griffonia simplicifolia è distribuita dalla Liberia al Gabon. La pianta di Griffonia simplicifolia si trova principalmente nei paesi dell’Africa occidentale del Ghana, della Costa d’Avorio e del Togo.

L’estratto di semi di Griffonia simplicifolia esercita un effetto ansiolitico. Rimedio adatto per coloro che soffrono di depressione e insonnia.

Uno studio particolare voleva valutare se usarlo insieme all’acido gamma-amminobutirrico GABA avrebbe aiutato a dormire anche quando ai soggetti era somministrata caffeina.   I risultati finali hanno mostrato che induce il sonno e ne consente una migliore qualità e durata. Un altro studio voleva vedere se l’uso di questo composto aiutava con il sonnambulismo e altri gravi problemi di sonno.  I risultati di tale test hanno dimostrato che era utile. E’ utile nel trattamento dell’insonnia, specialmente nel migliorare la qualità del sonno aumentando il sonno REM.

L’estratto di P. incarnata ha rivelato l’efficacia equivoca all’oxazepam  nel ridurre l’ansia, con meno effetti collaterali. Matricaria recutita modera l’ ansia in modo significativo. Gli studi su Ginkgo biloba (ginkgo), hanno rivelato una significativa riduzione dell’ansia.). H. perforatum è stato studiato anche per la fobia sociale e gli studi hanno mostrato miglioramenti nei soggetti trattati.

Molti dei farmaci vegetali ansiolitici esaminati hanno potenziali applicazioni aggiuntive. Questi includono il miglioramento dell’umore (Melissa officinalis o Piper methysticum), azione sedativa o ipnotica per l’insonnia (P. incarnata o Scutellaria lateriflora), la riduzione della tensione muscolare o del dolore (Escolzia californica),  il miglioramento della cognizione attraverso attività nootropiche (Bacopa monnieri: brahmi o Ginko biloba) . Withania somnifera e Centella asiatica possono anche fornire un effetto adattogeno . Passiflora officinalis è l’unica pianta  con sufficiente ricerca di adeguato rigore nell’area . Meta-analisi hanno dimostrato un miglioramento della qualità soggettiva del sonno,

Albizia  (Mimosa), Melissa officinalis, Ziziphus. jujuba ed E. californica sono stati studiati negli ultimi tre decenni in modelli preclinici con risultati positivi, tuttavia sorprendentemente questi non sono stati studiati come monoterapie nel trattamento dei disturbi psichiatrici, depressione, ansia e insonnia. I presenti rimedi,  esaminati  clinicamente, sono utilizzati nella moderna pratica fitoterapica per trattare ansia, depressione e insonnia. Alcuni hanno applicazioni specifiche che possono essere utilizzate per condizioni complesse:

  • Bacopa monnieri è considerata benefica nel trattamento dell’insufficienza cognitiva.
  • Escolzia californica è stata usata per l’insonnia e il dolore.
  • Melissa officinalis è usata per disturbi gastrointestinali come dispepsia nervosa.
  • Withania somnifera e Panax ginseng sono considerati “tonici” che ,attraverso la modulazione neuroendocrina, possono alleviare la stanchezza.

 

Un ampio studio ha utilizzato  una combinazione di H. perforatum e Valeriana. officinalis per trattare la depressione che si verifica insieme all’ansia . I risultati hanno dimostrato un notevole successo .Esistono altre potenziali combinazioni che possono essere benefiche nel trattamento della depressione: formulazioni che coinvolgono combinazioni di Rodhiola rosea, Crocus sativus, Albizia julibrissin e H. perforatum possono fornire maggiori effetti antidepressivi sinergici per il trattamento della depressione.

Nel trattamento dell’ansia, nuove formulazioni tra cui P. incarnata, Scutellaria lateriflora, in combinazione con P. methysticum possono rivelarsi benefiche. Ulteriori ricerche, che utilizzano Ziziphus jujuba e Vitex agnus castus in combinazione con altri ipnotici, possono fornire benefici nell’insonnia.

Per quanto riguarda il sistema immunitario ti suggerisco :

 

OROVITA ECHINACEA

OROVITA ISSOPO

RUGIADA TIMO

RUGIADA UNCARIA

REISHI

CORDYCEPS

ROSA CANINA

AURA F7 

GINSENG +

 

 

Per quanto riguarda il  sistema nervoso, ansia, insonnia, stress, depressione, trauma,  ti suggerisco l’assunzione di :

 

OROVITA MELISSA

OROVITA HYPERICO

MIRABOLANO

AURA E12 

AURA E10 

AURA E9 

AURA F16 

OROVITA PASSIFLORA

 

Fonti principali:

Articoli  scientifici :

Food as medicine: A possible preventive measure against coronavirus disease (COVID-19) – PubMed (nih.gov)

The Antioxidant Effects of Radix Astragali (Astragalus membranaceus and Related Species) in Protecting Tissues from Injury and Disease – PubMed (nih.gov)

Astragalus membranaceus Extract Attenuates Inflammation and Oxidative Stress in Intestinal Epithelial Cells via NF-κB Activation and Nrf2 Response – PubMed (nih.gov)

Astragalus membranaceus Extract Attenuates Inflammation and Oxidative Stress in Intestinal Epithelial Cells via NF-κB Activation and Nrf2 Response (nih.gov)

 Panax ginseng and Panax quinquefolius: From pharmacology to toxicology – PubMed (nih.gov)

Systematic exploration of Astragalus membranaceus and Panax ginseng as immune regulators: Insights from the comparative biological and computational analysis – ScienceDirect

The genus Cordyceps: An extensive review of its traditional uses, phytochemistry and pharmacology – PubMed (nih.gov)

Antitumor Effect of Ganoderma (Lingzhi) Mediated by Immunological Mechanism and Its Clinical Application – PubMed (nih.gov)

Preventive and Therapeutic Effect of Ganoderma (Lingzhi) on Skin Diseases and Care – PubMed (nih.gov)

Suppression of proliferation and oxidative stress by extracts of Ganoderma lucidum in the ovarian cancer cell line OVCAR-3 – PubMed (nih.gov)

Medicinal Plants for the Treatment of Asthma: A Traditional Persian Medicine Perspective | Bentham Science (eurekaselect.com)

Rosa canina – Rose hip pharmacological ingredients and molecular mechanics counteracting osteoarthritis – A systematic review – PubMed (nih.gov)

Review of antiviral and immunomodulating properties of plants of the Peruvian rainforest with a particular emphasis on Una de Gato and Sangre de Grado – PubMed (nih.gov)

Uncaria tomentosa stimulates the proliferation of myeloid progenitor cells – PubMed (nih.gov)

Uncaria tomentosa – PubMed (nih.gov)

Cellular and molecular mechanisms of immuno-modulation by Ganoderma lucidum – PubMed (nih.gov)

Fruits of Terminalia chebula Retz.: A review on traditional uses, bioactive chemical constituents and pharmacological activities – PubMed (nih.gov)

Natural Products and Nutrients against Different Viral Diseases: Prospects in Prevention and Treatment of SARS-CoV-2 – PubMed (nih.gov)

Formulations of dietary supplements and herbal extracts for relaxation and anxiolytic action: Relarian – PubMed (nih.gov)

Anxiolytic effects of a combination of Melissa officinalis and Valeriana officinalis during laboratory induced stress – PubMed (nih.gov)

Attenuation of laboratory-induced stress in humans after acute administration of Melissa officinalis (Lemon Balm) – PubMed (nih.gov)

Effects of Saffron Extract Supplementation on Mood, Well-Being, and Response to a Psychosocial Stressor in Healthy Adults: A Randomized, Double-Blind, Parallel Group, Clinical Trial (nih.gov)

Herbal medicine for depression, anxiety and insomnia: a review of psychopharmacology and clinical evidence – PubMed (nih.gov)

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Le proprietà straordinarie di Griffonia

Le proprietà straordinarie di Griffonia

La Griffonia simplicifolia è distribuita dalla Liberia al Gabon. La pianta di Griffonia simplicifolia si trova principalmente nei paesi dell’Africa occidentale del Ghana, della Costa d’Avorio e del Togo.

I semi di Griffonia simplicifolia Baill., sono ricchi di 5-idrossi-L-triptofano (5-HTP), un precursore diretto nella sintesi della serotonina (5-HT) e ampiamente utilizzati nella medicina tradizionale per il loro alto contenuto di 5-idrossi-l-triptofano (5-HTP), un precursore diretto e potenziatore dell’attività dell’ormone cerebrale serotonina (5-HT.

  • L’estratto di semi di Griffonia simplicifolia esercita un effetto ansiolitico .
  • Rimedio adatto per coloro che soffrono di  depressione e insonnia.

Uno studio particolare voleva valutare se usarlo insieme all’acido gamma-amminobutirrico GABA avrebbe aiutato a dormire anche quando ai soggetti era somministrata caffeina.   I risultati finali hanno mostrato che induce il  sonno e  ne consente  una migliore qualità e durata. Un altro studio voleva vedere se l’uso di questo composto aiutava con il sonnambulismo e altri gravi problemi di sonno.  I risultati di tale test hanno dimostrato che era utile.

 

  • Griffonia Simplicifolia aiuta a perdere peso  perché riduce l’appetito e aumenta la sensazione di sazietà.
  • Il cianoglucoside lithospermoside (= griffonina) contenuto nelle radici è il principio attivo contro l’anemia falciforme.

In Costa d’Avorio e Nigeria la corteccia viene applicata alle piaghe sifilitiche. Un decotto di foglie è usato come emetico, a per la tosse e afrodisiaco. Un decotto di steli e foglie viene bevuto in caso di stitichezza, esternamente come lavaggio antisettico per trattare le ferite suppuranti. La linfa delle foglie viene utilizzata come collirio per curare gli occhi infiammati e bevuta o applicata come clistere per curare i problemi renali. Steli e corteccia di gambo sono fatti in una pasta che viene applicata ai denti in decomposizione e una pasta fatta dalle foglie viene applicata alle ustioni. La corteccia, mescolata con succo di limone e pepe di Capsicum, viene applicata per trattare il dolore intercostale. Si dice che masticare gli steli produca un effetto afrodisiaco. Le foglie vengono utilizzate nella produzione di vino di palma e conferiscono al vino un sapore amaro. La  linfa che trasuda dagli  steli tagliati può essere bevuta per dissetarsi. In Ghana le radici vengono masticate e asciugate per produrre una polvere bianca che viene utilizzata dalle donne per il loro viso. Un decotto di steli e foglie viene anche usato per fermare il vomito e per trattare la congestione del bacino. Il seme di Griffonia è anche noto per essere un rimedio per la diarrea e il mal di stomaco.

Gli studi sulla depressione in pazienti con depressione unipolare o bipolare hanno dimostrato una risposta clinica significativa in 2-4 settimane a dosi di 50-300 mg tre volte al giorno.

  •  Griffonia previene il mal di testa cronico .
  •  E’ utile nel trattamento dell’insonnia, specialmente nel migliorare la qualità del sonno aumentando il sonno REM.
  • L’assunzione di Griffonia in persone affette da fibromialgia, in cui si ha perdita di serotonina, ha dimostrato un significativo miglioramento dei sintomi, tra cui dolore, rigidità mattutina, ansia e affaticamento.
  • Griffonia  rafforza  il sistema immunitario e riduce gli  spasmi cardiaci, è utilizzato nella  nella gestione del morbo di Parkinson (PD) e dell’epilessia.

Sono a tua disposizione con un Percorso di Naturopatia

Un ottimo prodotto è Alato 20, acquistabile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Riequilibrio psicofisico con rimedi naturali

Brahmi (Bacopa monniera Linn.) è un’erba utilizzata nella medicina ayurvedica nel trattamento di una serie di disturbi, in particolare quelli che coinvolgono ansia, intelletto e scarsa memoria. Bacopa monnieri (Linn.) Wettst., una pianta medicinale ampiamente documentata, per le sue proprietà nootropiche( Nootropo – Wikipedia).

Gli studi dimostrano che Bacopa può migliorare la memoria, ridurre lo stress e l’ansia, bilanciare i neurotrasmettitori, proteggere i neuroni, antidepressivo, antiossidante, agente antiulcerogenico e antagonista del calcio.

E’ utilizzato per dislessia, l Alzheimer , infiammazione, epilessia, un disturbo cronico del sistema nervoso centrale . L’importanza medicinale di Brahmi, con particolare riferimento alla neuroprotezione nell’epilessia e nell’insonnia è stata ben documentata nella letteratura tradizionale indiana come Charak Samhita e Susrutha Samhita.

Bacopa è stato usato per secoli come antinfiammatorio, analgesico, antipiretico e antiepilettico. Più recentemente, studi preclinici hanno riportato effetti di miglioramento cognitivo con vari estratti di Bacopa monnieri. Le saponine triterpenoidi e i loro bacosidi sono responsabili del miglioramento della trasmissione dell’impulso nervoso.

Bacopa monnieri contiene potenti composti che possono avere effetti antiossidanti. I bacosidi, i principali composti attivi in Bacopa monnieri, neutralizzano i radicali liberi e impediscono alle molecole di grasso di reagire con i radicali liberi .

Quando le molecole di grasso reagiscono con i radicali liberi, subiscono un processo chiamato perossidazione lipidica. La perossidazione lipidica è legata a diverse condizioni, come l’Alzheimer, il Parkinson e altri disturbi neurodegenerativi . Diversi studi indicano che Bacopa può aiutare a preservare la memoria e migliorare la funzione cognitiva.

In uno studio del 2016 su 60 studenti universitari, i ricercatori hanno scoperto che sei settimane di trattamento due volte al giorno con Bacopa (a una dose di 300 mg al giorno) hanno portato a miglioramenti nei test relativi alla funzione cognitiva.

Ansia

Gli studi suggeriscono che Bacopa può aiutare ad alterare l’attività di alcuni enzimi coinvolti nella risposta allo stress, consentendo al cervello di far fronte allo stress.

Un piccolo studio, pubblicato su Phytotherapy Research nel 2014, ha valutato gli effetti di un estratto di Bacopa in partecipanti sani impegnati in più compiti. I ricercatori hanno trovato effetti cognitivi positivi, alcuni effetti positivi dell’umore e una riduzione dei livelli di cortisolo in coloro che assumono Bacopa. L’erba può influenzare i livelli di neurotrasmettitori come serotonina, dopamina e GABA.

Storicamente, l’uso medicinale del tè verde risale alla Cina 4700 anni fa e bere tè continua ad essere considerato tradizionalmente in Asia come una pratica sanitaria generale.

Le foglie di Camellia sinensis contengono elevate quantità di Teanina-L, un amminoacido non essenziale. Queste sono le stesse foglie usate per preparare il tè verde. Teanina -L  fu scoperta nel 1949 da scienziati giapponesi che stavano estraendo vari composti dalle foglie di tè.

Le persone hanno consumato tè verde per centinaia di anni in Giappone a causa dei suoi molteplici benefici per la salute. Oggi, la scienza ha verificato molte delle affermazioni riguardanti questi benefici .

La Teanina  è una sostanza psicoattiva in grado di attraversare la barriera ematico-encefalica entro 30 minuti dall’ingestione orale. La sua natura ad azione rapida gli consente di influenzare direttamente il cervello, migliorando la funzione cognitiva, in questo modo, fornisce rapidamente una sensazione di relax e calma in tutto il corpo.

Gli scienziati sanno che gli integratori di Teanina -L fanno diverse cose. Il suo meccanismo d’azione prevede l’innalzamento dei livelli di acido gamma-amminobutirrico (GABA), serotonina e dopamina. Tutti e tre i composti sono neurotrasmettitori responsabili della regolazione di molte funzioni cognitive. Queste funzioni includono umore, energia e sensazioni di vigilanza. GABA abbassa i segnali di stress nel cervello, aiutando a sentirsi più rilassati, molto indicato per  le persone che soffrono di ansia o insonnia. Gli aumenti di serotonina e dopamina contribuiscono a un umore e un senso di benessere complessivamente migliori.

Ci sono tecnicamente due forme di Teanina nelle foglie: Teanina-D e Teanina -L . La variazione “L” è più dominante al 98%.Teanina -L costituisce l’1-2% del peso secco totale del tè. Per ogni porzione di tè verde da 200 ml, c’è 25-60 mg di Teanina -L . Puoi scegliere di prendere un integratore di Teanina -L   o ottenerlo bevendo più tè verde. Il tè nero contiene anche Teanina-L , ma il tè verde ne ha di più. Sebbene tutto il tè contenga antiossidanti benefici, i tè verdi e bianchi di alta qualità li hanno in concentrazioni maggiori rispetto al tè nero. Oggi, gli scienziati credono che i principali principi attivi del tè verde includano i polifenoli, in particolare le catechine e l’amminoacido, la teanina.

La Teanina è un amminoacido non proteico che si trova naturalmente nella pianta del tè (Camellia sinensis) e contribuisce al suo gusto gradevole. La Teanina è efficace nel rilassamento, migliora la concentrazione e le capacità di apprendimento. Agisce sul SNC grazie al suo ruolo anti-stress e neuroprotettivo nelle demenze senili, in particolare l’ Alzheimer.

La Teanina può influenzare i livelli di alcune sostanze chimiche nel cervello, serotonina e dopamina, che influenzano l’umore, il sonno, e cortisolo, che aiuta il corpo ad affrontare lo stress.

Agisce sul cervello alterando i livelli di GABA, serotonina e dopamina, aumenta l’attività delle onde alfa-cerebrali, fattore che indica uno stato rilassato.

La teanina :

  • Previene la compromissione della memoria indotta da ripetuta ischemia cerebrale.
  • Protegge il morbo di Parkinson
  • Allevia i sintomi di ansia nei pazienti con schizofrenia e disturbo schizoaffettivo.
  • Bere tè verde contribuisce a combattere i tipi diversi di tumori che interessano  stomaco, esofago, ovaie, colon, seno, fegato e prostata .
  • Previene le lesioni al fegato, migliorando la capacità antiossidante dell’epatocita e induce l’attivazione dello stato antiossidante cellulare.
  • Ha un effetto protettivo sulla lesione cerebrale da riperfusione
  • Riduce i livelli di colesterolo in entrambi gli esseri umani
  • Ha proprietà antinfiammatorie

Sistema Immunitario

Le prove suggeriscono che il tè può aiutare a rafforzare la nostra capacità di combattere le malattie, perché uno dei metaboliti dia Teanina -L , l’ammina etile (antigene non peptidico) attiva un elemento del sistema immunitario chiamato cellula T gamma-delta.

Malattie cardiovascolari

Il consumo regolare di tè verde o nero riduce significativamente il rischio di malattie cardiovascolari, incluso l’ictus ischemico. La somministrazione di Teanina -L  ha mostrato una notevole riduzione della pressione sanguigna.

Migliore concentrazione mentale

Sonno e rilassamento

Favorisce il rilassamento senza sonnolenza. A differenza dei sonniferi convenzionali non è un sedativo ma induce una buona qualità del sonno , permette di rilassarsi prima di coricarsi, e a dormire più profondamente.

Aumento delle prestazioni cognitive

Nel 2016, i ricercatori hanno esaminato la ricerca esistente sui benefici della Teanina in quanto ha  effetti neuroprotettivi, che migliorano la funzione cerebrale. Migliora l’attenzione e i tempi di reazione di una persona.

Pressione sanguigna

Aiuta  a ridurre lo stress, una riduzione dello stress e un maggiore rilassamento possono abbassare la frequenza cardiaca. A sua volta, questo può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna.

Riduce lo stress e l’ansia

I benefici di Teanina -L sono più importanti per coloro che cercano di migliorare il loro umore. La gente ha iniziato a usare Teanina -L per ansia e depressione secoli fa. Alla fine, è diventato famoso nel mondo della salute come un potente integratore ansiolitico. Teanina -L a funziona riducendo i segnali prodotti chimicamente responsabili delle emozioni negative. Inoltre, ti aiuta a rilassarti senza sentirti affaticato o stanco. Molti integratori anti-stress hanno il problema di renderti troppo sedato.

Uno studio del 2007 ha esaminato 12 studenti universitari sani che hanno fatto un test di matematica stressante di 20 minuti. Un gruppo aveva assunto 200 mg di  Teanina -L  oralmente prima del e  un altro gruppo non ha preso nulla. Le persone che hanno assunto Teanina -L avevano tutti i biomarcatori associati a uno stress inferiore. Non solo, ma lo stesso gruppo ha sperimentato una riduzione della frequenza cardiaca.

Interazioni:

Può interagire con i seguenti farmaci e integratori:

  • farmaci per il trattamento dell’ipertensione
  • altri integratori che abbassano la pressione sanguigna
  • stimolanti per trattare il disturbo da deficit di attenzione e iperattività
  • integratori contenenti caffeina

Possibili effetti collaterali:

  • Nausea
  • Crampi allo stomaco
  • Gonfiore
  • Diarrea
  • Bocca secca
  • Affaticamento

Sono a tua disposizione con  un Percorso di Naturopatia

 

Un ottimo prodotto è Alato 19, disponibile qui  o in farmacia

DiAlessandra Zarone

Le molteplici virtù della Valeriana

Preparazioni folcloriche o galeniche di radici di valeriana e rizomi sono state usate come sedativi / ansiolitici e induttori del sonno fin dai tempi antichi. Le radici e i rizomi di diverse specie di valeriane e di altre piante correlate (ad esempio Nardus) sono stati la fonte di una fragranza peculiare menzionata nel nuovo Testamento, e di un sedativo naturale e registrato da Galeno, Dioscoride e Plinio il Vecchio. Le proprietà terapeutiche della valeriana, tuttavia, erano già menzionate nei farmaci ayurvedici e cinesi (da 800 B.C. a 1000 d.C.).

Valeriana  era usata  per trattare disturbi dei polmoni, stomaco, fegato, reni, dolore alla vita e mal di schiena e per il decadimento , come analgesico e sedativo, per trattare i reumatismi, l’insonnia, e i disturbi legati al cuore e alla vescica .

Valeriana officinalis (valeriana) è una pianta fiorita perenne che si trova in Europa e in Asia. Fin dall’antichità, questa pianta è stata utilizzata come erba medicinale. È ben noto per i suoi effetti sedativi e antispasmodici in tutto il mondo. Il tè alla radice di valeriana è famoso per i suoi effetti che inducono il sonno. Ci sono molte sostanze chimiche naturali presenti nella radice, nel gambo e nella foglia della pianta V. officinalis.

Per il trattamento del morbo di Alzheimer (AD), ci sono molte piante medicinali utilizzate per migliorare la memoria. Alcune piante medicinali utilizzate per il trattamento dell’AD sono Withania somnifera, Curcuma longa, Convolvulus pluricaulis, V. officinalis, Centella asiatica e Nardoastachys jatamansi. La valeriana è disponibile come radice intera in polvere ed estratto acquoso o etanolarico. Nei pazienti affetti da AD, la valeriana viene utilizzata per il rilassamento, la promozione del sonno e gli effetti neuroprotettivi.

La valeriana è famosa per le sue proprietà ansiolitiche, sedative, anticonvulsive, antibatteriche, antidiuretiche, antisettiche, antispasmodiche e antinfiammatorie. È usata nel trattamento naturale di ansia, pressione sanguigna, menopausa, crampi mestruali, mal di testa, dolori articolari e disturbi del sonno, sindrome da affaticamento cronico, epilessia, disturbo da deficit di attenzione-iperattività, mal di stomaco

La radice di valeriana ti aiuta a ridurre il dolore e mantenere i muscoli rilassati. La valeriana è anche efficace nel trattamento del dolore sciatico legato a uno spasmo muscolare. Questo perché la radice di valeriana contiene l’olio volatile che aiuta a rilassare i muscoli e ridurre la tensione.

La valeriana contiene una sostanza chimica chiamata linarina, che crea un effetto sedativo.

L’estratto di valeriana può causare sedazione aumentando il livello GABA del cervello. L’acido gamma-ammino butirrico (GABA) è un neurotrasmettitore inibitorio nel sistema nervoso centrale. In quantità abbastanza grandi può causare un effetto sedativo, calmando l’attività nervosa.

I risultati di uno studio in vitro suggeriscono che l’estratto di valeriana può causare il rilascio di GABA dalle terminazioni nervose cerebrali e quindi impedire al GABA di essere riportato nelle cellule nervose.

Ansia

Gli scienziati hanno scoperto che la radice di valeriana aumenta la quantità di una sostanza chimica chiamata acido amminobutirrico gamma (GABA) attraverso i recettori GABA. GABA aiuta a regolare le cellule nervose e calma l’ansia.

Abbassa la pressione sanguigna

Ora che sai che la radice di valeriana può essere così calmante per la mente e il corpo, può anche aiutare a ridurre la pressione sanguigna, migliorando la salute del cuore. Gli stessi componenti attivi che rendono la radice di valeriana così efficace per la gestione dello stress e dell’ansia possono anche aiutare il corpo a regolare correttamente la sua pressione sanguigna. Gli studi indicano che gli integratori di radici di valeriana possono aiutare a ridurre naturalmente la pressione sanguigna e mantenerla a un livello sano.

Crampi mestruali

La natura rilassante della radice di valeriana può renderlo una scelta intelligente per il sollievo naturale dei crampi mestruali.

Rilassante muscolare

È un sedativo naturale e antispasmodico, elimina  gli spasmi muscolari e agisce come un rilassante muscolare naturale.

Migliora la gestione dello stress

Riducendo l’ansia e migliorando la lunghezza e la qualità del sonno, la radice di valeriana può aiutare significativamente nella la gestione quotidiana dello stress. La radice di valeriana è un ottimo modo naturale per aiutare a mantenere basso lo stress e la qualità della vita. La radice di valeriana elimina lo stress fisico e psicologico aiutando a mantenere i livelli di serotonina. I lievi effetti sedativi della valeriana sono utilizzati per promuovere il rilassamento e il sonno da almeno 2.000 anni.

Una meta-analisi di 16 studi e 1.093 persone ha scoperto che la valeriana ha migliorato la velocità di addormentarsi, la profondità e la qualità complessiva del sonno . In uno studio di 2 giorni su 27 pazienti anziani con problemi mentali, il 44% ha riportato un sonno perfetto e l’89% ha riportato un sonno migliorato utilizzando una preparazione di valeriana (contenente sesquiterpeni)

Inoltre, uno studio di un mese su 16 persone con insonnia ha scoperto che una singola dose di valeriana ha migliorato il tempo per raggiungere il sonno profondo e la sua durata.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico

Insonnia

L’insonnia colpisce circa un terzo della popolazione adulta. Estratti delle radici della valeriana (Valeriana officinalis) sono ampiamente utilizzati per indurre il sonno e migliorare la qualità del sonno.

La ricerca si è concentrata su valutazioni soggettive dei modelli di sonno, in particolare la mancanza del sonno. La valeriana migliora il sonno se assunta di notte per periodi da una a due settimane negli individui con insonnia da lieve a moderata. Il trattamento con un estratto di erbe di radix valerianae ha dimostrato effetti positivi sulla struttura del sonno e sulla percezione del sonno dei pazienti con insonnia e può quindi essere raccomandato per il trattamento di pazienti con lieve insonnia psicofisiologia.

 

Effetto della valeriana sulla qualità del sonno nelle donne in post menopausa:

I disturbi del sonno riducono la qualità della vita. Circa il 50% delle donne in post menopausa sperimenta disturbi del sonno come l’insonnia. Terapie mediche complementari e alternative possono essere utili per la gestione dei disturbi del sonno tra le donne in post menopausa. Lo scopo del presente studio era quello di valutare gli effetti dell’estratto di valeriana prelevato di notte sul miglioramento della qualità del sonno nelle donne in post menopausa che sperimentano l’insonnia.

È stato segnalato un cambiamento statisticamente significativo nella qualità del sonno del gruppo d’intervento rispetto al gruppo placebo (P < 0,001). Inoltre, il 30% dei partecipanti al gruppo d’intervento e il 4% del gruppo placebo hanno mostrato un miglioramento della qualità del sonno (P < 0,001).

La valeriana migliora la qualità del sonno nelle donne con menopausa che stanno vivendo l’insonnia. I risultati di questo studio aggiungono supporto all’efficacia riportata della valeriana nella gestione clinica dell’insonnia.

Depressione

La radice di valeriana (Valeriana officinalis) contiene mono- e sesquiterpeni, e iridoidi. La valeriana non ha usi specifici nelle madri che allattano, ma è più comunemente usata per trattare l’ansia e i disturbi del sonno, e occasionalmente per l’autotrattamento della depressione  postpartum o della depressione. Non esistono dati sulla sicurezza e l’efficacia della valeriana nelle madri che allattano o nei neonati. In generale, la valeriana è ben tollerata, con effetti collaterali come vertigini, sbornia o mal di testa riportati occasionalmente. Poiché non esiste un’esperienza pubblicata con la valeriana durante l’allattamento al seno, può essere preferita una terapia alternativa, specialmente durante l’allattamento di un neonato .

Altri utilizzi :

 

  • Artrite reumatoide
  • Menopausa
  • HIV
  • Fibromialgia
  • Problemi digestivi: la valeriana viene utilizzata come rimedio casalingo per i crampi allo stomaco. Sebbene possa ridurre gli spasmi muscolari, le prove attuali non supportano l’uso della valeriana come aiuto digestivo .
  • Sindrome delle gambe senza riposo (RLS): uno studio di 8 settimane su 37 persone con Sindrome delle Gambe senza Riposo (RLS) ha scoperto che la valeriana ha migliorato significativamente i sintomi di RLS .
  • Salute cardiaca, rafforza i vasi sanguigni e migliora la loro elasticità .
  • Mal di testa

 

Non va assunta in concomitanza con :

  • Benzodiazepine, come il lorazepam
  • Barbiturici, come fenobarbital
  • Narcotici, come la codeina
  • Antidepressivi, come la fluoxetina (Prozac)
  • Antistaminici, come la difenidramina
  • Alcol

 

Un ottimo prodotto è Alato 17, disponibile qui ALATO 17 (lafenicesas.it)  o in farmacia

DiAlessandra Zarone

Sedativi naturali per il sistema nervoso centrale_ Luppolo Passiflora e Melissa

Sedativi naturali per  il sistema nervoso centrale_ Luppolo Passiflora e Melissa

 

Un elemento chiave del sistema nervoso, connesso all’ansia, è l’amigdala, che integra le informazioni provenienti da input sensoriali corticali e talamici per generare comportamenti legate alla paura e all’ansia.

I cambiamenti nei modelli di stile di vita, associati all’aumento dello stress, gravano sulla salute mentale. Lo stress sfida i meccanismi omeostatici dell’organismo, innescando una cascata di eventi che dovrebbero, normalmente, mantenere o consentire un ritorno all’equilibrio. Gli eventi stressanti sono percepiti dai sistemi sensoriali nel cervello, facilitando la valutazione e il confronto degli stimoli esistenti e precedenti, nonché l’attivazione di ormoni responsabili della mobilitazione energetica. Il sistema limbico coordina il rilascio di corticosteroidi, gli ormoni dello stress primario, modulando l’attivazione del nucleo paraventricolare ipotalamomico (PVN). L’amigdala, una struttura limbica legata al comportamento emotivo, ha un ruolo putativo nella valutazione degli eventi emotivi e nella formazione di ricordi spaventosi; è anche un bersaglio dei mediatori neurochimici e ormonali dello stress. I dati clinici e sperimentali hanno dimostrato la stretta relazione fra i cambiamenti correlati nella struttura/funzione dell’amigdala  con i disturbi emotivi come l’ansia.

L’ansia e i disturbi associati sono comuni nei pazienti con malattie cardiovascolari e possono influenzare significativamente la salute cardiaca. I disturbi d’ansia sono associati all’insorgenza e alla progressione della malattia cardiaca.

L’Ayurveda  si occupa degli squilibri  del sistema nervoso, e del dosha Vata, con rimedi naturali e  si concentra sul benessere  esso fisico, psicologico e spirituale. L’Ayurveda considera la disintossicazione come una parte primaria del trattamento. I rimedi ayurvedici decontaminano tutto il corpo, bilanciando le tre energie (vata, pitta e kapha). L’aggravamento del Vata indebolisce il sistema nervoso.I disturbi del dosha Vata  includono anche i disturbi emotivi.
Nell’antico sistema indiano di medicina ayurvedica, un certo numero di piante sono state descritte per usi specifici per una serie di disturbi mentali, tra cui emicrania, epilessia, convulsioni, isteria, paralisi, perdita di memoria (Alzheimer), insonnia, ansia, morbo di Parkinson, follia, depressione, ecc.

Il cervello ha 100 miliardi di cellule nervose (neuroni) e ognuna di esse si connette con molte altre per formare reti di comunicazione. Queste cellule nervose hanno il compito di far pensare, imparare, ricordare, vedere, ascoltare e annusare. Le cellule cerebrali  elaborano e memorizzano le informazioni per comunicare con altre cellule.
Mantenere tutto in perfetto equilibrio richiede grandi quantità di energia e ossigeno e  volta perso  tale equilibrio, nel cervello iniziano a manifestarsi una serie di serie di disturbi , ad esempio il Morbo di Alzheimer,  il morbo di Parkinson, la malattia di Huntington, depressione, epilessia, schizofrenia, ansia, ecc. Queste malattie sono caratterizzate da un disturbo molto complesso nella funzione cerebrale.

Ayurveda ci permette di prevenire tutto ciò.

 

Sintomi di squilibrio Vata:

  • Asma
  • Insonnia
  • Mal di testa
  • Sciatica
  • Mal di schiena lombare
  • Artrite reumatoide
  • Sistema nervoso squilibrato
  • Mestruazioni dolorose
  • Costipazione e gas
  • Depressione
  • Paura
  • Ansia
  • Fattori responsabili dell’aumento di Vata:
  • Mangiare troppi cibi amari, astringenti e pungenti come cavoli, cavolfiori, broccoli, germogli, fagioli, frutta secca, funghi e cibi crudi.
  • Viaggiare troppo
  • Stare svegli fino a tarda notte o non dormire affatto.
  • Mangiare cibo spazzatura, cibi surgelati e cibo che è stato cotto al microonde.
  • Eccessiva esposizione a livelli elevati di rumore o suoni elevati.
  • Troppa televisione e esposizione eccessiva ai computer o qualsiasi altro tipo di dispositivi elettrici.
  • Indulgere in troppe attività sessuali.
  • Immaginazione eccessiva, lavoro eccessivo o troppo sport.
  • Prendere troppe medicine, ricostituenti e stimolanti.
  • Soppressione di impulsi naturali come minzione, defecazione, starnuti, tosse, lacrime ecc.
  • Emozioni come paura e dolore.

Altri sintomi causati dall’eccesso di Vata nel corpo sono:

Dolori articolari, costipazione, pelle secca, perdita di memoria, palpitazioni, insonnia, rigidità dei muscoli, perdita di peso, perdita di forza, emicrania, vertigini, tremori, dolore e paura ecc.

 

Alimentazione riequilibrante per la Mente:

Quando si tratta di pacificare Vata, il modo in cui mangiamo potrebbe essere altrettanto importante di quello che mangiamo. E’ importante  mangiare in un ambiente tranquillo, in cui possiamo offrire la nostra piena attenzione all’atto di essere nutriti. Dobbiamo assicurarci  che i cibi siano ben cotti, serviti caldi e guarniti  con olio o burro chiarificato. Infine, poiché Vata richiede un nutrimento regolare, è meglio evitare il digiuno.

L’alimentazione dovrebbe essere costituita da cibi integrali appena cotti, di consistenza morbida o pastosa, ricchi di proteine e grassi, conditi con una varietà di spezie riscaldanti e serviti caldi . Questi alimenti calmano il Vata, lubrificando e nutrendo i tessuti, preservando l’umidità e mantenendo il calore, il tutto sostenendo la corretta digestione e l’eliminazione delle scorie.

Luppolo

 

Le infiorescenze femminili di Humulus lupulus (luppolo), sono state a lungo utilizzate nella medicina tradizionale principalmente per trattare i disturbi del sonno. Tuttavia, l’attività sedativa è ancora in fase di studio, al fine di riconoscere i principi attivi responsabili degli effetti neurofarmacologici osservati negli animali da laboratorio e il loro meccanismo d’azione. Questa attività di sedazione potrebbe essere attribuita a tre categorie di costituenti degli estratti di luppolo lipofilo. Sebbene gli acidi α-amaro si siano rivelati i costituenti più attivi, gli acidi β-amaro e l’olio di luppolo hanno chiaramente contribuito all’attività sedante degli estratti di Humulus che promuovono la dissolubilità o l’assorbibilità dei lipidi.

Luppolo è un rimedio stomachico, antibatterico e antimicotico , lo xantumolo ha  capacità chemiopreventiva del cancro della prostata e del seno.

Ha proprietà estrogeniche, neuro preventiva, antinfiammatorie e antimicrobiche, è utile nelal gestione della menopausa e dell’osteoporosi.

Il luppolo (Humulus lupulus L.) contiene polifenoli (antiossidanti naturali), che si ritiene siano nutrienti efficaci nella prevenzione di malattie ossidativi legate allo stress come il cancro e le malattie cardiache.

Il luppolo e i suoi estratti ritardano la degradazione ossidativa e lipidica, grazie ai suoi costituenti antiossidanti, principalmente composti fenolici.

Passiflora

La specie Passiflora incarnata L. è inclusa in molte farmacopee ed è la specie più utilizzata nell’industria alimentare, cosmetica e farmaceutica.  Le specie di Passiflora sono ricche di flavonoidi e hanno attività ansiolitica.

Passiflora agisce sul sistema nervoso centrale nel trattamento dei disturbi d’ansia e dei sintomi neuropsichici della menopausa, dolore, ansia, disfunzione sessuale e disturbi del sonno.

il genere Passiflora incarnata è stato a lungo utilizzato nella medicina tradizionale a base di erbe per il trattamento dell’insonnia e dell’ansia in Europa, ed è stato usato come tè sedativo in Nord America. Inoltre, questa pianta è stata utilizzata per scopi analgesici, anti-spasmodici, antiasmatici, e sedativi in Brasile; come sedativo e narcotico in Iraq, e per il trattamento di disturbi come dismenorrea, epilessia, insonnia, nevrosi e nevralgia in Turchia. In Polonia, questa pianta è stata utilizzata per trattare isteria e neurastenia; in America, è stata usata per trattare diarrea, dismenorrea, nevralgia, ustioni, emorroidi e insonnia. Passiflora incarnata L. è stata anche utilizzata per curare i soggetti colpiti dalla dipendenza da oppiacei in India.

Melissa

Melissa officinalis L, conosciuta anche come melissa, balsamo d’api, balsamo al miele, è un’erba perenne. Appartiene alla famiglia delle Lamiaceae (menta) .

Storicamente si dice che melissa possieda effetti sedativi /tranquillizzanti, antifebbrili, antibatterici, ipotensivi, migliora la memoria, induce le mestruazioni e regola l’Ipertiroidismo. Ha proprietà antivirale e antiossidante, antifungina, antiparassitaria e antispasmolitica; cura flatulenza; asma; bronchite; amenorrea; insufficienza cardiaca; aritmie; ulcere e ferite. Inoltre, è efficace  nel trattamento di mal di testa, indigestione, coliche, nausea, nervosismo, anemia, vertigini, sincope, malessere, insonnia, epilessia, depressione, psicosi e isteria.

Melissa officinalis è una pianta coltivata in alcune parti dell’Iran. Le foglie di melissa officinalis L sono utilizzate nella medicina popolare iraniana per le loro proprietà digestive, carminative, antispasmodiche, sedative, analgesiche, toniche e diuretiche, nonché per disturbi gastrointestinali funzionali. Vari studi hanno dimostrato che Melissa officinalis L possiede un’alta quantità di attività antiossidante, attraverso i suoi composti chimici, tra cui un’alta quantità di flavonoidi, acido rosmarinico, acido gallico, fenoli, previene le malattie legate allo stress .

Lo stress ossidativo è implicato nella progressione di diverse malattie degenerative, attraverso la mutazione del DNA, l’ossidazione proteica e / o la perossidazione lipidica: diabete, malattie cardiovascolari, nei disturbi neurodegenerativi cronici come le malattie di Parkinson e Alzheimer, e così via. È stato rivelato che gli oli essenziali di Melissa officinalis possono essere utilizzati negli alimenti contenenti lipidi.

Sono a  tua disposizione con un Percorso Naturopatico 

Un ottimo prodotto, contenente i rimedi sopracitati è Alato 2 , acquistabile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Menopausa precoce e rimedi naturali

Menopausa precoce e rimedi naturali

Il termine menopausa, dal greco menos, mese, mestruo, e pausis cessazione, può essere associata a disturbi quali leucorrea, menometrorragie, vampate di calore, sudorazione, palpitazioni, ipertensione arteriosa, emorroidi, artrosi, osteoporosi, inquietudine, ansia, apatia, gelosia, frigidità.

Si tratta di un disagio che interessa persone sensibili, insicure, ansiose e con bassa autostima, che vivono nel terrore di rimanere incinta, conducono una vita stressante, per alcune la menopausa precoce è accolta con  sollievo  da una vita di mestruazioni dolorose. Donne che vivono in modo conflittuale la sessualità, traumi psichici, periodi prolungati di malattia e carenza di denaro,vivono costantemente preoccupate.

I principali disagi sono:

  • disturbi del sonno
  • secchezza vaginale
  • alterazioni del tono dell’umore
  • difficoltà di concentrazione
  • aumento di peso
  • riduzione dei capelli e aumento dei peli sul viso

 

In tali circostanze, sarebbe bene assumere uno stile di vita meno stressante, dedicare più tempo a sè stesse.

Alimentazione

E importante curare l’alimentazione, verdura e frutta ricche di vitamine A e C, legumi,calcio, mandorle, noci, verdure a foglie verdi, pesce, olio di sesamo.

 

Un ottimo trattamento naturale consiste nell’associare un corretto stile  alimentare a rimedi fitoterapici e rimedi floreali .

Se stai attraversando questo delicato momento della tua vita, ti ritrovi nei disagi descritti e sei interessata a un Programma Naturopatico, prenota una Consulenza.

 

pexels, download e utilizzo gratuito

La visione auyurvedica

La menopausa è il culmine di tutti e tre i dosha del corpo della donna. Le mestruazioni stesse sono pitta, la donna può aumentare di peso durante questo periodo, il che indica uno squilibrio di kapha. Poiché la donna può diventare lunatica e soffrire di insonnia, durante la menopausa, c’è una forte predominanza del vata dosha.

  • I sintomi della menopausa di tipo Vata tendono a includere depressione, ansia e insonnia.
  • Le donne con sintomi tipo Pitta sono spesso arrabbiate e soffrono di vampate di calore.
  • I sintomi di tipo Kapha includono svogliatezza, aumento di peso e sensazione di pesantezza mentale e fisica

Ti offro un Programma Ayurvedico Olistico, utilizzando varie erbe e minerali, trattamenti e alimentazione adatta, in cui la sinergia con  le erbe ti aiuterà a gestire i sintomi della menopausa e i disagi che essa provoca. I fitoestrogeni  si collegano ai recettori degli estrogeni del corpo , in modo da consentire agli ormoni di funzionare correttamente. Quando il corpo è ostruito da scorie o Ama, gli ormoni non possono  funzionare correttamente e si verificano i sintomi della menopausa. Le erbe raccomandate variano da persona a persona a seconda del dosha in squilibrio e dei sintomi predominanti nel disagio.

pexels, download e utilizzo gratuito.

 

La visione della Medicina Cinese

A seconda della sua natura, una donna svilupperà sintomi diversi.

Se il rene yin è già debole prima della menopausa (e quindi lo yang è più forte), questo evento favorirà l’ascesa dello yang, accentuando lo squilibrio. Una donna in questo caso sperimenterà irritabilità, vampate di calore e una diminuzione delle secrezioni vaginali. La pelle diventerà secca. Il rene yin non sarà più in grado di inumidire il corpo, e lo yang allora disturberà l’energia del cuore, causando calore, ansia.

Anche il rene yin è legato al midollo, quindi il suo indebolimento influisce anche sulla struttura ossea.

Alcune donne, il cui yang è debole, possono manifestare sintomi diversi. L’indebolimento dello yin avrà ripercussioni sull’energia yang. Il freddo nel corpo domina, causando dolore alla schiena e alle articolazioni, gonfiore o perdita di libido.

La pre-menopausa e la menopausa sono periodi di vita che vengono percepiti in modo diverso dalle donne. Alcune possono sentire una mancanza di energia, una certa stanchezza o addirittura depressione. Nella medicina cinese, questo tipo di emozione è legata al Rene, che ospita la volontà. Un rene indebolito diminuirà la forza di volontà, la motivazione e la creatività di una persona. Il sangue è una sostanza yin. Con la cessazione del ciclo, lo yin diminuisce e anche il sangue. Il fegato che gestisce sulla circolazione del sangue nel corpo. Un volume più basso di sangue può danneggiare il fegato e bloccare la sua energia. Essendo il Fegato l’organo legato alla rabbia, la persona tenderà a cedere più facilmente al nervosismo. La pre-menopausa e la menopausa possono quindi essere fonte di irritabilità a causa  del fegato.

pexels, download e utilizzo gratuito

 

Ti offro la possibilità di seguire una dieta adatta, in base ai dettami della Medicina Tradizionale Cinese, che prevede di eliminare alimenti che influiscono sullo yin, come caffè o alcol.

 

DiAlessandra Zarone

Convolvolo, rimedio per riequilibrio del sistema nervoso

Convolvolo, rimedio  per riequilibrio del sistema nervoso

Un tema a me molto caro, per motivi di famiglia, che mi ha indotto ad approfondire studi specifici, dalla Medicina Cinese all’Ayurveda, su queste problematiche tanto diffuse.

Convolvolo, è un rimedio per le malattie degenerative, Il cui nome scientifico convolvulus deriva dal latino convolvere, arrotolarsi; il nome della specie
sepium chiarisce le sue preferenze, le siepi . Da questa specie sono derivate le belle varietà a fiori colorati che trovano impiego nei giardini per mascherare le reti di recinzione .

pixabay, download e utilizzo gratuito.

Medicina popolare 

Dai tempi più lontani il convolvolo è ricercato, perché si usano le radici e foglie per la loro proprietà lassative. I medici arabi del medioevo usavano la radice per curare l’itterizia . Un autore dell’XI secolo considera il convolvolo un rimedio contro le febbri infettive. In Germania , ancora oggi, viene usato per preparare un infuso, con le foglie, efficace per curare la leucorrea ; inoltre, le foglie essiccate e ridotte in polvere, conservano per lungo tempo le proprietà curative.
In Spagyria, il convolvolo ha funzionalità primaria lunare e verginiana.

  • E’ un purgante intestinale e si utilizza nelle insufficienze epatiche
  • E’ un ottimo calmante del sistema neurovegetativo: si lasciano cinque grammi di foglie in un litro di acqua bollente per cinque minuti. Se ne bevono quindi tre tazze al giorno, di cui una a digiuno.

 

Il Convolvulus pluricaulis Choisy ( C. pluricaulis ) è una pianta perenne che sembra manifesti la gloria mattutina . Tutte le parti della pianta sono note per possedere benefici terapeutici .

pixabay, download e utilizzo gratuito

Convolvolo è utilizzato a livello locale nella medicina indiana e cinese per la cura di vari disequilibri :

 

 In Ayurveda per :

  •  tosse cronica
  •  insonnia
  •  epilessia
  •  allucinazioni
  •  ansia

 

Il C. pluricaulis è un rimedio nella medicina indigena, che lo utilizza per disequilibri  del fegato, epilessia, batteri, citotossici e malattie virali, indicata per il sistema nervoso centrale (SNC) . I metaboliti isolati in laboratorio hanno mostrato un vivo effetto farmacologico, tanto che questo rimedio è risultato molto valido per il SNC, in sostituzione di ansiolitici, tranquillanti, antidepressivi, antistress, malattie neurodegenerative, amnesie, antiossidante, ipolipemizzante, immunomodulante, analgesico, antimicotico, antibatterico, antidiabetico, antiulcera , anticatatonico, tonico cardiovascolare. Tutte le parti della pianta sono noti per le proprietà terapeutiche .

pixabay, download e utilizzo gratuito

 

Essenza floreale di Convolvolo:

 

  • E’ indicata per il sistema neurovegetativo. Questa essenza agisce ristrutturando il sistema neuro vegetativo danneggiato, nella sclerosi multipla, ALS, Alzheimer, Parkinson, autismo, paralisi.
  • Per persone che sono state costrette a ascrivere con la mano destra, pur non essendo destrimani. 
  • Aiuta a compiere scelte difficili, in casi in cui la persona ha un blocco psicosomatico a livello di stomaco, difficoltà a metabolizzare gli eventi.
  • Dovrebbe essere assunta in casi in cui il sistema nervoso simpatico domina su quello parasimpatico, poiché ciò porta a lesioni e accumuli di adrenalina in tutto il corpo.
  • Adatta per donne che hanno subito violenze domestiche
  • Per coloro che sono affetti dalla  Sindrome di Stoccolma
  • Fobie per ragni possono essere curate con questa essenza
  • Fa emergere la vera natura della persona, la parte non conformista
  • Per gli adolescenti che devono uscire dall’infanzia, l’essenza aiuta ad  assumere un ruolo più adulto, consentendo di fare sentire la loro voce.
  • Per coloro che necessitano sostegno, poiché pressati da situazioni sociali stagnanti, l’essenza permette di acquisire una  nuova visione sugli eventi esterni.
  • Adatto per ambientalisti e attivisti sociali.

pixabay, download e utilizzo gratuito

Se desideri approfondire le tematiche trattate, prenota una Consulenza Naturopatica in Studio o via Whatsapp/Messenger, in omaggio una miscela floreale adatta a te.