Piante astringenti

DiAlessandra Zarone

Piante astringenti

Le piante astringenti:

Cosa sono le piante astringenti? Vediamo di cosa si tratta.

Un astringente è una sostanza che attenua le funzioni dei tessuti.

L’astringenza è data dalla presenza di tannini, che astringono la superficie della pelle e delle mucose, formando una sottile membrana.

I tannini sono utilizzati per la coagulazione della sanguinazione capillare, per le escrezioni plasmatiche (siero) e la guarigione di ferite. Sono nello stesso tempo dei germostatici.

Quando si utlizzano:

  • Infiammazioni dell’alto tratto digestivo
  •  Diarrea a seguito di infiammazioni gastrointestinali
  •  A livello topico: lesioni aperte, emorroidi, scottature di 3° grado 

Controindicazioni:

Nella maggior parte dei casi assumere subito dopo i pasti principali. In alcuni casi di infiammazione gastrica l’utilizzo a breve termine lontano o prima dei pasti è giustificato. Non usare a lungo termine (4-6 settimane di seguito).

Alcuni esempi di rimedi naturali astringenti:

  • Acacia catechu (Acacia)
  •  Agrimonia eupatoria (Eupatoria)
  • Alchemilla vulgaris (Alchemilla)
  • Bidens spp. (Bidens)
  • Carduus benedicta (Cardo santo)
  • Quercus spp. (quercia)

 

 

Astringenti e resine:

 

Il potere astringente è dato dalla presenza di resine, gommoresine, oleo gommoresine. Le piante a resina sono generalmente antimicrobiche, stimolanti della leucocitosi locale, astringenti, rubefacenti.

 

Altri esempi:

  • Commiphora myrrha (Mirra)
  •  Propolis
  • Calendula officinalis (estratto)
  • Styrax benzoin
  •  Resine di conifere

 

Puoi affrontare le problematiche descritte con rimedi naturali adatti a te, prenota    una consulenza naturopatica.

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

1 commento finora

Piante astringenti – Studio Naturopatico Donado…Pubblicato il3:26 pm - Gen 29, 2016

[…] Nelle piante astringenti, l'astringenza è data dalla presenza di tannini, che astringono la superficie della pelle e delle mucose, formando una sottile membrana  […]

Lascia una risposta