Archivio dei tag artrite reumatoide

DiAlessandra Zarone

Le molteplici virtù della Valeriana

Preparazioni folcloriche o galeniche di radici di valeriana e rizomi sono state usate come sedativi / ansiolitici e induttori del sonno fin dai tempi antichi. Le radici e i rizomi di diverse specie di valeriane e di altre piante correlate (ad esempio Nardus) sono stati la fonte di una fragranza peculiare menzionata nel nuovo Testamento, e di un sedativo naturale e registrato da Galeno, Dioscoride e Plinio il Vecchio. Le proprietà terapeutiche della valeriana, tuttavia, erano già menzionate nei farmaci ayurvedici e cinesi (da 800 B.C. a 1000 d.C.).

Valeriana  era usata  per trattare disturbi dei polmoni, stomaco, fegato, reni, dolore alla vita e mal di schiena e per il decadimento , come analgesico e sedativo, per trattare i reumatismi, l’insonnia, e i disturbi legati al cuore e alla vescica .

Valeriana officinalis (valeriana) è una pianta fiorita perenne che si trova in Europa e in Asia. Fin dall’antichità, questa pianta è stata utilizzata come erba medicinale. È ben noto per i suoi effetti sedativi e antispasmodici in tutto il mondo. Il tè alla radice di valeriana è famoso per i suoi effetti che inducono il sonno. Ci sono molte sostanze chimiche naturali presenti nella radice, nel gambo e nella foglia della pianta V. officinalis.

Per il trattamento del morbo di Alzheimer (AD), ci sono molte piante medicinali utilizzate per migliorare la memoria. Alcune piante medicinali utilizzate per il trattamento dell’AD sono Withania somnifera, Curcuma longa, Convolvulus pluricaulis, V. officinalis, Centella asiatica e Nardoastachys jatamansi. La valeriana è disponibile come radice intera in polvere ed estratto acquoso o etanolarico. Nei pazienti affetti da AD, la valeriana viene utilizzata per il rilassamento, la promozione del sonno e gli effetti neuroprotettivi.

La valeriana è famosa per le sue proprietà ansiolitiche, sedative, anticonvulsive, antibatteriche, antidiuretiche, antisettiche, antispasmodiche e antinfiammatorie. È usata nel trattamento naturale di ansia, pressione sanguigna, menopausa, crampi mestruali, mal di testa, dolori articolari e disturbi del sonno, sindrome da affaticamento cronico, epilessia, disturbo da deficit di attenzione-iperattività, mal di stomaco

La radice di valeriana ti aiuta a ridurre il dolore e mantenere i muscoli rilassati. La valeriana è anche efficace nel trattamento del dolore sciatico legato a uno spasmo muscolare. Questo perché la radice di valeriana contiene l’olio volatile che aiuta a rilassare i muscoli e ridurre la tensione.

La valeriana contiene una sostanza chimica chiamata linarina, che crea un effetto sedativo.

L’estratto di valeriana può causare sedazione aumentando il livello GABA del cervello. L’acido gamma-ammino butirrico (GABA) è un neurotrasmettitore inibitorio nel sistema nervoso centrale. In quantità abbastanza grandi può causare un effetto sedativo, calmando l’attività nervosa.

I risultati di uno studio in vitro suggeriscono che l’estratto di valeriana può causare il rilascio di GABA dalle terminazioni nervose cerebrali e quindi impedire al GABA di essere riportato nelle cellule nervose.

Ansia

Gli scienziati hanno scoperto che la radice di valeriana aumenta la quantità di una sostanza chimica chiamata acido amminobutirrico gamma (GABA) attraverso i recettori GABA. GABA aiuta a regolare le cellule nervose e calma l’ansia.

Abbassa la pressione sanguigna

Ora che sai che la radice di valeriana può essere così calmante per la mente e il corpo, può anche aiutare a ridurre la pressione sanguigna, migliorando la salute del cuore. Gli stessi componenti attivi che rendono la radice di valeriana così efficace per la gestione dello stress e dell’ansia possono anche aiutare il corpo a regolare correttamente la sua pressione sanguigna. Gli studi indicano che gli integratori di radici di valeriana possono aiutare a ridurre naturalmente la pressione sanguigna e mantenerla a un livello sano.

Crampi mestruali

La natura rilassante della radice di valeriana può renderlo una scelta intelligente per il sollievo naturale dei crampi mestruali.

Rilassante muscolare

È un sedativo naturale e antispasmodico, elimina  gli spasmi muscolari e agisce come un rilassante muscolare naturale.

Migliora la gestione dello stress

Riducendo l’ansia e migliorando la lunghezza e la qualità del sonno, la radice di valeriana può aiutare significativamente nella la gestione quotidiana dello stress. La radice di valeriana è un ottimo modo naturale per aiutare a mantenere basso lo stress e la qualità della vita. La radice di valeriana elimina lo stress fisico e psicologico aiutando a mantenere i livelli di serotonina. I lievi effetti sedativi della valeriana sono utilizzati per promuovere il rilassamento e il sonno da almeno 2.000 anni.

Una meta-analisi di 16 studi e 1.093 persone ha scoperto che la valeriana ha migliorato la velocità di addormentarsi, la profondità e la qualità complessiva del sonno . In uno studio di 2 giorni su 27 pazienti anziani con problemi mentali, il 44% ha riportato un sonno perfetto e l’89% ha riportato un sonno migliorato utilizzando una preparazione di valeriana (contenente sesquiterpeni)

Inoltre, uno studio di un mese su 16 persone con insonnia ha scoperto che una singola dose di valeriana ha migliorato il tempo per raggiungere il sonno profondo e la sua durata.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico

Insonnia

L’insonnia colpisce circa un terzo della popolazione adulta. Estratti delle radici della valeriana (Valeriana officinalis) sono ampiamente utilizzati per indurre il sonno e migliorare la qualità del sonno.

La ricerca si è concentrata su valutazioni soggettive dei modelli di sonno, in particolare la mancanza del sonno. La valeriana migliora il sonno se assunta di notte per periodi da una a due settimane negli individui con insonnia da lieve a moderata. Il trattamento con un estratto di erbe di radix valerianae ha dimostrato effetti positivi sulla struttura del sonno e sulla percezione del sonno dei pazienti con insonnia e può quindi essere raccomandato per il trattamento di pazienti con lieve insonnia psicofisiologia.

 

Effetto della valeriana sulla qualità del sonno nelle donne in post menopausa:

I disturbi del sonno riducono la qualità della vita. Circa il 50% delle donne in post menopausa sperimenta disturbi del sonno come l’insonnia. Terapie mediche complementari e alternative possono essere utili per la gestione dei disturbi del sonno tra le donne in post menopausa. Lo scopo del presente studio era quello di valutare gli effetti dell’estratto di valeriana prelevato di notte sul miglioramento della qualità del sonno nelle donne in post menopausa che sperimentano l’insonnia.

È stato segnalato un cambiamento statisticamente significativo nella qualità del sonno del gruppo d’intervento rispetto al gruppo placebo (P < 0,001). Inoltre, il 30% dei partecipanti al gruppo d’intervento e il 4% del gruppo placebo hanno mostrato un miglioramento della qualità del sonno (P < 0,001).

La valeriana migliora la qualità del sonno nelle donne con menopausa che stanno vivendo l’insonnia. I risultati di questo studio aggiungono supporto all’efficacia riportata della valeriana nella gestione clinica dell’insonnia.

Depressione

La radice di valeriana (Valeriana officinalis) contiene mono- e sesquiterpeni, e iridoidi. La valeriana non ha usi specifici nelle madri che allattano, ma è più comunemente usata per trattare l’ansia e i disturbi del sonno, e occasionalmente per l’autotrattamento della depressione  postpartum o della depressione. Non esistono dati sulla sicurezza e l’efficacia della valeriana nelle madri che allattano o nei neonati. In generale, la valeriana è ben tollerata, con effetti collaterali come vertigini, sbornia o mal di testa riportati occasionalmente. Poiché non esiste un’esperienza pubblicata con la valeriana durante l’allattamento al seno, può essere preferita una terapia alternativa, specialmente durante l’allattamento di un neonato .

Altri utilizzi :

 

  • Artrite reumatoide
  • Menopausa
  • HIV
  • Fibromialgia
  • Problemi digestivi: la valeriana viene utilizzata come rimedio casalingo per i crampi allo stomaco. Sebbene possa ridurre gli spasmi muscolari, le prove attuali non supportano l’uso della valeriana come aiuto digestivo .
  • Sindrome delle gambe senza riposo (RLS): uno studio di 8 settimane su 37 persone con Sindrome delle Gambe senza Riposo (RLS) ha scoperto che la valeriana ha migliorato significativamente i sintomi di RLS .
  • Salute cardiaca, rafforza i vasi sanguigni e migliora la loro elasticità .
  • Mal di testa

 

Non va assunta in concomitanza con :

  • Benzodiazepine, come il lorazepam
  • Barbiturici, come fenobarbital
  • Narcotici, come la codeina
  • Antidepressivi, come la fluoxetina (Prozac)
  • Antistaminici, come la difenidramina
  • Alcol

 

Un ottimo prodotto è Alato 17, disponibile qui ALATO 17 (lafenicesas.it)  o in farmacia

DiAlessandra Zarone

Un approccio  naturale a stress psicofisico con Muira Puama  

Un approccio  naturale a stress psicofisico con Muira Puama

 

Lo stress psicologico induce inoltre variazioni nei livelli di molte sostanze a cui è sensibile il sistema immunitario: l’ormone della crescita, (GH), l’ormone stimolante
la tiroide (TSH), la prolattina, l’ossitocina, il testosterone e altri .
In seguito all’innalzamento del livello di adrenalina e noradrenalina nel sangue, si verifica un effetto di immunosoppressione che insieme a un’iperattivazione del sistema simpatico si trasforma in stato patologico, se le condizioni di stress permangono. C’è dunque una catena fisiologica che ci porta a rispondere ai mutamenti, ai cambiamenti, agli stimoli esterni o agli stimoli interiori, consentendoci di rispettare il nostro orologio interno, il nostro modo di essere.
Quando questa serie di operazioni biochimiche, metaboliche e ormonali, sotto pressioni esterne o interne, si altera si dà il via a uno stato di malattia.

Le cause:

  • Fattori biofisici: il dolore  cronico, le malattie invalidanti, l’inquinamento acustico, condizioni ambientali ostili o sfavorevoli.
  • Fattori psicosociali: competitività esasperata, frustrazioni, senso di inadeguatezza, sovraffollamento, cambiamenti improvvisi, ripetitività esasperata.
  • Fattori psicologici individuali: tutti gli eventi che impediscono l’autonomia personale ,il lutto, l’abbandono,  la fine di relazioni significative.

Le persone più a rischio sono caratterizzate da :

– scarsa autostima
– passività
– ansia sociale
– umore depresso
– senso di inadeguatezza
– allontanamento dagli altri
– debolezza e remissività
– scarsa consapevolezza di sé (Io debole)
– dipendenza affettiva

Ecco quali sono gli avvertimenti da non sottovalutare:

  • Contrazione muscolare ricorrente soprattutto a collo spalle, regione addominale e lombare
  • Palpitazioni
  • Oppressione al petto e senso di soffocamento, con respiro rapido e affannato
  • Pruriti e dermatiti ricorrenti
  • Secchezza della bocca
  • Sudorazione abbondante e continua senza motivi fisici apparenti
  • Tremito alle mani e capogiri
  • Mal di testa ripetuti, soprattutto a fine giornata o durante il fine settimana
  •  Estrema debolezza fisica e sensazione di stanchezza (sindrome da affaticamento cronico)
  •  Difficoltà digestive e intestinali persistenti (bruciori di stomaco, reflusso gastrico o diarrea)
  • Continuo stato di agitazione, allarme, preoccupazione per eventi non chiari e distinti, stati d’ansia anche senza motivo imminente.
  •  Difficoltà di concentrazione, incapacità di mantenere l’attenzione su ciò che si sta facendo, fatica nel memorizzare e richiamare le informazioni.
  • Percezione di aver raggiunto il limite e di essere sul punto di esplodere.
  • Sentirsi impotenti a cambiare le cose.
  • Essere facilmente agitati o sconvolti.
  • Sensazione di essere perennemente in ritardo.
  • Calo dell’interesse sessuale.
  • Irritabilità, nervosismo, scatti di rabbia e talvolta atteggiamenti aggressivi.
  • Momenti di tristezza immotivata e di disinteresse.
  • Disturbi del sonno.
  • Tendenza al consumo eccessivo di cibo o perdita dell’appetito.
  • Abuso di alcol o psicofarmaci.
  • Comparsa di tic e gesti compulsivi (come controllare ossessivamente il gas, le luci, le serrature).
  • Insofferenza nei confronti di persone o situazioni che interferiscono con la normale routine.
  • Perdita del senso dell’umorismo.
  • Guida “aggressiva”.

Muira Puama

Muira puama è un tipo di albero le cui radici e steli sono usati in modo medicinale. Con una lunga storia di utilizzo nella medicina popolare brasiliana, si dice spesso che agisca come un afrodisiaco naturale. Muira puama tratta problematiche sessuali sia negli uomini che nelle donne, depressione, disfunzione erettile, dolori articolari, perdita di appetito, disturbi mestruali, sindrome premestruale e mal di stomaco.

Muira puama è anche talvolta usato come adattogeno, una sostanza pensata per aumentare la resistenza del corpo agli effetti negativi dello stress cronico, problemi di memoria legati all’invecchiamento.

Muira puama è altamente raccomandato come afrodisiaco naturale, fa parte della Farmacopea Brasiliana Uno studio condotto da ricercatori ha riferito che muira puama può migliorare la capacità di erezione di oltre il 50% in uomini di mezza età o anziani.

Frigidità femminile

Muira puama è efficace per trattare il basso desiderio sessuale o la frigidità nelle donne. Secondo lo studio condotto nel  1990, presso l’Istituto di Sessuologia di Parigi, in Francia, l’assunzione continuata per un mese ha aumentato del 65 per cento  il desiderio sessuale .

Sindrome premestruale

Muira puama può essere usato per trattare la sindrome premestruale con sbalzi d’umore, crampi mestruali e debolezza .

Esaurimento nervoso e depressione

Tale rimedio cura l’esaurimento nervoso ed i sintomi ad esso connessi, quali: mal di testa, affaticamento, mancanza di motivazione, inadeguatezza, depressione, infonde buon umore.

Artrite reumatoide

L’artrite reumatoide è uno dei sintomi della malattia autoimmune caratterizzata da dolore articolare. L’assunzione regolare di muira puama riduce  la causa del dolore.

Mal di stomaco

Muira puama può essere usato per trattare nausea, vomito e  mal di stomaco.

Prevenzione  dell’Alzheimer

Muira puama migliora la quantità di acetilcolina nel cervello un importante neurotrasmettitore del cervello,  aiuta a mantenere una sana funzione cerebrale  e a prevenire il morbo di .

Prevenzione del cancro

I benefici per la salute di Muira puama contengono lignani, una sostanza che non solo può migliorare il desiderio sessuale, ma anche prevenire alcuni tipi di cancro, in particolare agli organi sessuali, prostata, endometrio, ovario e cancro al seno.

Diarrea

La diarrea è un problema comune che si verifica nel tratto di digestione. Le feci acquose nel malato di diarrea sono causate da un problema nell’intestino crasso. Durante il processo di defecazione, l’intestino crasso non riesce ad assorbire l’acqua dalle feci e innesca la diarrea. Molti fattori possono causare diarrea come l’infezione da batteri, cibo piccante e acido, muira puama è un rimedio efficace.

Paralisi

A causa del suo effetto sul sistema nervoso centrale, muira puama è usato per trattare la paralisi anticamente dagli amerindi.

I brasiliani usano muira puama per trattare beriberi, una condizione in cui il corpo non ha abbastanza vitamina B, soprattutto tiamina. Beriberi può causare debolezza muscolare e paralisi.

Influenza

Muira puama previene, cura e allevia l’influenza, in quanto aumenta il sistema immunitario .

Tonico cardiaco

Utile in caso di debolezza cardiaca, di insufficienza cardiaca e malattie cardiache. Può essere fatale se non viene trattato bene, aumenta le prestazioni del cuore, riduce la debolezza muscolare cardiaca.

Calvizie

L’integrazione di muira puama può prevenire la perdita di pelo che si traducono in calvizie.

Stress

L’assunzione di muira puama come integratore è efficace per ridurre lo stress.

Sistema nervoso centrale

Muira puama è usato come tonico neurale da molto tempo. È stato dimostrato che l’estratto della radice e della corteccia di muira puama può migliorare la funzione del sistema nervoso centrale e alleviare alcuni disturbi mentali.

Sonno

L’assunzione di muira puama prima del sonno, ne migliora la qualità e lo rende profondo.

Infiammazioni

Riduce le infiammazioni connesse al  sistema nervoso , ischialgia, un processo patologico che interessa il nervo sciatico e il dolore alla spina dorsale.

Resistenza

Muira puama è commercializzato in Brasile come tonico stimolante per il corpo.

 

A tua disposizione con un percorso naturopatico

 

Un ottimo rimedio è Alato 14 , disponibile qui o in farmacia.