Archivio dei tag sindrome premestruale

DiAlessandra Zarone

Asparago e tradizione folclorica

Asparago e tradizione folclorica

Asparago  Asparagus officinalis L.) (Asparagacee)

Originario dell’Europa temperata e dell’Asia occidentale. Nomi classici e comuni Unani: Halyun; Isf-e-raaz (arabo); Maar-chob (persiano). Italiano: Asparagus.

Prescritto nella medicina Unani come deostruente, emmenagogo, lassativo, diuretico; in caso di flatulenza, affezioni calciche, idropisia, reumatismi, gotta. È   somministrato anche come coadiuvante ai tonici cardiaci. Il tubero contiene saponine steriodi (asparagosidi) e aminoacidi (acido aspartico contenente zolfo). È efficace nella terapia di lavaggio per le malattie infiammatorie delle vie urinarie e per la prevenzione dei calcoli renali. Un’erba riparatrice e purificante che agisce sull’intestino, sul fegato e sui reni. Contiene acido asparagusico, che è nematocida. I giovani germogli sono cotti a vapore e serviti caldi o freddi come verdura, e passati o tritati finemente in zuppe. Internamente cura cistite, pielite reumatismi edema da insufficienza cardiaca.

L’acido asparagusico è usato per trattare la schistosomiasi.

L’ erboristeria occidentale tedesca ha riconosciuto l’efficacia dell’erba in: infezioni del tratto urinario, calcoli renali e vescicali. Nella medicina omeopatica, la tintura di giovani germogli viene somministrata in disturbi urinari, depressione cardiaca, idropisia, dolori reumatici.

Attenzione: A causa dell’effetto irritante della saponina, il farmaco non deve essere somministrato in presenza di malattie renali.

Nella tradizione popolare, i germogli sono un buon diuretico nell’idropisia e nella gotta.

È un alimento utile per la cura della gotta, in quanto contiene almeno dieci minerali o composti antinfiammatori. Le radici sono considerate diuretiche, lassative (a causa del contenuto di fibre), inducono la sudorazione. Le radici cinesi possono abbassare la pressione sanguigna. I semi possiedono attività antibiotiche. L’uso della radice è approvato in Germania, come diuretico nel trattamento dell’infiammazione del tratto urinario, anche per prevenire calcoli renali. ATTENZIONE: Può causare rara dermatite da contatto o reazioni allergiche cutanee.

Asparagus racemosus (Liliaceae) Shatavari

Originario dell’Himalaya e del subcontinente indiano, lo shatavari cresce spontaneamente in terreni ghiaiosi fino a 1.200 metri  sul livello del mare. Si trova anche nella Cina occidentale. Parte utilizzata Root.

Shatavari contiene saponine steroidee, alcaloidi e mucillagini. Storia e folklore Shatavari è conosciuta come la “Regina delle erbe” nella medicina ayurvedica. Il suo nome significa letteralmente “100 sposi”, a significare la capacità dell’erba di agire come tonico sessuale e promuovere la fertilità.

Cresce spontaneo in crescita spontanea nelle parti tropicali e subtropicali dell’India, comprese le Andamane e ascendente nell’Himalaya fino ad un’altitudine di 1500 metri.

Uso classico in Ayurveda:

Charaka e Sushruta, antichi medici indiani, hanno usato Shataavari per stitichezza e problemi gastro intestinali, fra cui ulcera e stitichezza, emorragia, disturbi del tratto genito-urinario femminile; come disinfettante intestinale e astringente nella diarrea; come tonico nervino nell’epilessia, nell’emicrania; come purificatore del sangue nelle malattie della pelle. Sushruta somministrò il farmaco in ascessi interni, edema, consunzione, problemi respiratori, scariche uretrali e disturbi genitali.  Il decotto di asparago bollito con burro chiarificato era indicato internamente per i calcoli urinari. Nel I6 ° secolo, il farmaco emerse come un efficace tonico femminile, galattagogo ed entrò nella maggior parte dei tonici afrodisiaci.

Un rimedio ayurvedico chiave, lo Shatavari è prima di tutto un’erba femminile, che aiuta la fertilità e promuove il concepimento, agisce come un tonico riproduttivo e sessuale generale. Può rivelarsi particolarmente utile nell’alleviare i sintomi della menopausa, come vampate di calore e scarsa resistenza. Sembra migliorare la fertilità sia negli uomini che nelle donne e può anche essere assunto per trattare l’impotenza. Erba tonica e rinforzante, supporta la funzione immunitaria anche nel trattamento di condizioni immunodepresse.

Usi dell’erba medicinale

Internamente cura infertilità, perdita di libido, previene l’aborto spontaneo, problemi di menopausa, iperacidità, ulcere gastriche, dissenteria e infezioni bronchiali. Esternamente per rigidità nelle articolazioni e nel collo.

 

Asparagus cochinchinensis (Asparagacee)

È stato menzionato per la prima volta nei testi medici cinesi nel 200 A.D.

Asparagus officinalis è stato coltivato per oltre 2.000 anni come ortaggio e come erba medicinale con notevoli effetti diuretici e lassativi.

Era antibatterica e purificante, riduce la tosse, elimina la congestione bronchiale, lenisce l’infiammazione, agisce come diuretico e aumenta la salivazione.

Usi dell’erba medicinale:

Internamente per febbre, debilitazione, mal di gola, tosse, rinite, difterite, tubercolosi e bronchite.

Le radici cinesi possono abbassare la pressione sanguigna. I semi possiedono attività antibiotiche.

Un ottimo rimedio contenente Asparagus  racemosus è Alato 31, disponibile qui ALATO 31 (lafenicesas.it)  o in farmacia.

Alato 31 è indicato per Disturbi del ciclo, della menopausa, sindrome premestruale, tensione nervosa e alterazioni di umore legate a sbalzi ormonali

DiAlessandra Zarone

Angelica e tradizione folclorica

Angelica

Nomi classici e comuni ayurvedici: Choraka, Parnachoraka, Phalachoraka, Kshemaka (medico Charaka); Tilaparnikaa (medico Sushruta); Nishaachar, Taskara; Chandaa (Angelica archangelica Linn.). Siddha: Chengan (Angelica archangelica). Specie affini: Angelica archangelica (europea); Angelica sinensis (cinese).

Angelica archangelica Linn. Angelica sinensis (Oliv.) Diels (Umbelliferae/Apiaceae)

Originaria del nord Europa o dell’Asia.

Nel XVII secolo l’angelica era ampiamente impiegata per combattere la peste. Una miriade di poteri sono stati attribuiti a questa erba.

Erba stimolante; carminativa, stimola l’appetito, è utile per bronchite, anoressia nervosa, catarro bronchiale. Ha proprietà antispasmodiche, diaforetiche, espettoranti, aromatiche amare, carminative, diuretiche e antinfiammatorie locali. La monografia della Commissione tedesca E afferma che l’angelica può essere utilizzata per mancanza di appetito e disturbi dispeptici come lievi crampi allo stomaco e flatulenza. Secondo la leggenda, l’alta e profumata pianta di angelica fu rivelata agli esseri umani da un angelo come cura per la peste, da cui il suo nome.

Indiani d’America, coloni e medici nordamericani

Gli Ute indiani delle Montagne Rocciose usavano la specie nativa di angelica, Angelica atro-purpurea, per curare la tubercolosi e indurre il vomito e come espettorante. Preparavano i tè dalla radice e li bevevano come tonici per la salute generale e per aumentare la forza dopo una malattia. Gli indiani dell’Arkansas mescolavano la radice con il loro tabacco per un sapore extra. Quando i pionieri iniziarono a raccogliere l’angelica, provarono a usarla in grandi dosi per indurre l’aborto, che ora sappiamo essere inefficace.

Molti coloni seguirono le indicazioni dell’erborista britannico del XVII secolo Nicholas Culpeper, che dichiarò che la radice di angelica resisteva alla peste “e a tutte le malattie epidemiche”, a condizione che il paziente fosse “deposto a sudare nel suo letto” dopo averlo ingerito.

Culpeper affermò anche che “L’angelica ha combattuto la pleurite e “altre malattie dei polmoni e del seno” e “aiuta i dolori del colico, la stranguria (scarico urinario lento e doloroso) e l’arresto delle urine, procura i corsi delle donne ed espelle il post-parto“. Raccomandò di riparare denti cavi, mettendovi il succo della  pianta.

Nel XIX secolo i medici nordamericani raccomandavano l’angelica per ogni cosa, dal bruciore di stomaco e indigestione alla bronchite e persino alla malaria e al tifo. L’erba è stata anche usata per trattare reumatismi e il mal di testa nervoso, l’insonnia e per promuovere il flusso mestruale. I tè a base di radice di angelica sono applicati ad occhi e orecchie per curare “l’oscurità della vista” e la sordità. Quando applicati alle vecchie ulcere, si diceva che i tè li purificassero e li guarissero. Si credeva anche che il tè alla radice curasse il cancro allo stomaco.

Nel 1918, le persone masticavano la radice per proteggersi dall’epidemia di influenza. L’ ‘angelica ha un sapore e un odore come il ginepro e viene anche utilizzata per aromatizzare le bevande alcoliche, in particolare il gin L’olio essenziale, derivato dalle radici, dalle foglie e dai semi, viene aggiunto a saponi e profumi

Durante il XVI e XVII secolo, il succo delle radici schiacciate è stato combinato con altre erbe per fare l’”Acqua Carmelitana”, una bevanda medievale che si diceva curasse il mal di testa, promuovesse il rilassamento, proteggesse dal veleno. Durante il XVII secolo, Angelica divenne un trattamento popolare per raffreddori e altri disturbi respiratori. Durante il XIX secolo, i medici eclettici americani usavano Angelica per bruciore di stomaco, indigestione, bronchite e febbre. Ricercatori tedeschi hanno scoperto che Angelica archangelica rilassa la trachea e l’intestino. Ricercatori giapponesi hanno riferito che l’erba ha un effetto antinfiammatorio. Secondo i resoconti dalla Cina, Angelica aumenta la conta dei globuli rossi. Il suo uso nell’anemia è suggerito.

 

Angelica polymorpha Maxim, var. sinensis Oliv.  In Cinese: Dang-gui, Pinyin, Wade-Giles, Tang-kuei, Dang-quai.

È coltivata in Cina nelle province di Gansu, Ningxia, Sichuan, Yunnan, Hubei, Shaanxi e Guizhou.

Angelica sinensis  è probabilmente il più importante tonico cinese dopo il ginseng, risalente a circa IL 200 d.C. È un componente di molti farmaci brevettati cinesi a Hong Kong, San Francisco e Singapore, così come in Cina.

L’angelica cinese è prescritta per l’anemia e nella perdita di sangue. Regola il ciclo mestruale, allevia il dolore mestruale e i crampi, migliora la circolazione sanguigna, tratta disturbi digestivi, malattie della pelle, ascessi, bolle, herpes. È indicata come lassativo, tonico post parto in particolare per il sistema riproduttivo femminile, protegge il fegato dalle tossine, ha proprietà sedative, antidolorifiche, antibatteriche. Usata anche come iniezione in punti di agopuntura, per lesioni dolorose, nevralgia, angina e artrite. Angelica sinensis è in circa il 70% di tutte le prescrizioni di medicina tradizionale cinese, per trattare la dismenorrea, i disturbi postnatali, le infezioni pelviche croniche.  I naturopati occidentali raccomandano l’uso di dong quai nell’ipertensione, per la modifica di alte concentrazioni di zucchero nel sangue, la regolazione del sistema immunitario, la disintossicazione del fegato, l’anemia e per alleviare le condizioni allergiche. A. sinensis è essere efficace nel migliorare il metabolismo anormale delle proteine in pazienti con epatite cronica o cirrosi epatica.

 

Angelica glauca Edgew

È originaria delle regioni temperate settentrionali e della Nuova Zelanda, ma è stata anche trovata vicino ai canali d’acqua in Kashmir, ad altitudini di 1000-3900 metri; nel Sikkim a 3000-3300 metri.

In Kerala, Kaempferia galanga Linn, è conosciuta con il nome Choraka.

Uso classico prescritto dal medico Charaka (VI – II secolo a.C), autore di ‘autore del testo ayurvedico Charaka Samhita :

Mal di testa, follia, epilessia, asma bronchiale.

Sushruta, medico e primo chirurgo indiano (1200 a.C. e il 600 a.C.), usò le foglie di Choraka internamente in caso di eruzioni cutanee, gonfiore e frattura delle ossa. Sushruta lo incluse nel gruppo di erbe che distrugge il veleno, allevia le condizioni allergiche, prurito, orticaria, attacchi asmatici e tosse.

Regno Unito:

Angelica sylvestris Linnaeus cresce in Europa, Asia settentrionale e sud-occidentale e fu introdotta in Canada. E’ meno ricca di proprietà attive dell’angelica da giardino (Angelica archangelica Linnaeus), la controparte nativa comune, A. sylvestris, potrebbe essere servita come suo sostituto, considerando quanto fortemente l’angelica da giardino fosse raccomandata nella medicina ufficiale, tuttavia, i documenti popolari relativi alla pianta selvatica sono sorprendentemente pochi, ma sorprendentemente vari: viene

suggerita per i disturbi polmonari e toracici a Londonderry, per i reumatismi e i calli nel Norfolk e come tonico primaverile (sotto il nome di “pepe di cavallo”) nel Suffolk .La sua presenza nei registri ufficiali nascosta dietro nomi non identificati.

Le infusioni di radice di angelica erano una volta utilizzate per dissipare i profumi sgradevoli in casa. L’uso di John Parkinson, erborista inglese nato nel 1567, nel suo Paradisi in Sole Paradisus Terrestris (Park-in-Sun’s Terrestrial Paradise, (1629), mise Angelica in prima linea fra tutte le erbe medicinali e scrisse: “Angelica resiste al veleno difendendo il cuore, il sangue e gli spiriti e dà loro calore e conforto“.

 

Cina

L’intera pianta essiccata viene utilizzata esternamente per le ustioni.

L’estratto di acqua calda della radice, viene assunto per via orale, viene assunto come emmenagogo e per i disturbi mestruali, l’amenorrea, dismenorrea, stitichezza, cancro e sterilità, vampate di calore, per accelerare il parto, nel trattamento della tromboangioite obliterante e delle malattie trombolitiche cerebrali acute. La zuppa di pollo con radice di angelica è un popolare rimedio popolare cinese post parto.

Esternamente, l’estratto di acqua viene utilizzato per trattare l’iper-pigmentazione della pelle, come melasma ed efelidi, al fine di migliorare la bellezza delle donne.

Per favorire la circolazione sanguigna, per alleviare i dolori cardiaci e come rimedio riscaldante e aromatico, viene assunto per via orale un infuso con Angelica sinensis, Aconitum carmichaellii e Allium macrostemon. L’estratto di acqua calda della radice essiccata viene assunto per via orale per stitichezza, dissenteria e sindrome premestruale, come sedativo e per mestruazioni irregolari e amenorrea .

Taiwan

L’estratto di acqua calda della radice essiccata viene assunto per via orale per le malattie del fegato

Usa

L’estratto di acqua calda della radice viene assunto per via orale per riequilibrare il  ciclo mestruale.

 

 Angelica atropurpurea L.

Un infuso di foglie è usato per mal di stomaco, indigestione, gas, anoressia, problemi mestruali, raffreddori, coliche, influenza, tosse, nevralgia, reumatismi.

Stimola la secrezione di succhi gastrici e allevia gli spasmi muscolari lisci.

La radice di Angelica è approvata in Germania per il trattamento della perdita di appetito, disagio allo stomaco a causa di lievi spasmi del tratto gastrointestinale, flatulenza e sensazione di pienezza nell’addome. Tutte le angelica contengono furo cumarine, che aumentano la fotosensibilità della pelle e possono causare dermatiti.

Groenlandia e Scandinavia

Angelica è mangiata come verdura in Groenlandia e Scandinavia. I giovani gambi sono canditi per decorare torte e dessert, o possono essere aggiunti al rabarbaro in umido e alla marmellata di arance. Radici e semi sono utilizzati per aromatizzare i liquori.

Medicinale usato internamente per problemi digestivi, tra cui ulcere gastriche, anoressia ed emicrania (per la quale può essere combinato con Chamaemelum nobile, bronchite, catarro e influenza (spesso in combinazione con Achillea millefolium, o Tussilagofarfarfara,), stanchezza cronica, problemi mestruali e ostetrici.

Non va somministrata a donne in gravidanza, né a pazienti affetti da diabete. Esternamente per dolore reumatico, nevralgia e pleurite. sinensis, syn. A. sinensis (angelica cinese).

Le radici vengono raccolte in autunno, le foglie prima della fioritura e i semi man mano che maturano, sono essiccati per decotti.

Gli steli di A. archangelica sono tagliati in cubetti e canditi. Angelica Europea, è conosciuta in pasticceria per decorazioni a base di steli verdi canditi, è un ingrediente importante di liquori e aperitiviLe origini nordeuropee della pianta e i suoi nomi cristianizzati ne suggeriscono la profonda associazione con magia nordica.

Angelica possiede proprietà antibatteriche e antifungine contro il Mycobacterium avium .

Un ottimo rimedio, contenente Angelica sinensis, è Alato 31, disponibile qui ALATO 31 (lafenicesas.it)  o in farmacia.

Alato 31 è indicato per disturbi del ciclo, della menopausa, sindrome premestruale, tensione nervosa e alterazioni di umore legate a sbalzi ormonali

DiAlessandra Zarone

Rimedi folclorici per i disturbi cardiaci: Biancospino e Leonorus cardiaca

Rimedi folclorici per i disturbi cardiaci: Biancospino e Leonorus cardiaca

 

Biancospino

Il Biancospino (Crataegus oxyacantha), noto anche come haw, maybush o whitehorn. ‘Haw’ è un antico termine “hedge”, siepe, ciò rivela che fin dai tempi antichi, Hawthorn era usato per dividere la terra in appezzamenti.

Fa parte di un genere di arbusti e alberi spinosi originari delle regioni temperate dell’emisfero settentrionale in Europa, Asia e Nord America. Appartiene alla famiglia delle Rosacee ed è costituito da foglie verde brillante, fiori bianchi e bacche rosso vivo.

Il nome Crataegus deriva da una parola greca kratos, che significa durezza del legno. In Grecia, le corone di biancospino erano indossate dalle spose come copricapo decorativo e un ramo di biancospino erra usato come torcia nuziale.

L’uso medicinale del Biancospino ha una lunga tradizione con testimonianze scritte risalenti all’antica epoca romana. È stato usato in Europa fin dal Medioevo come rimedio per il cuore.

Tradizionalmente, i frutti o le bacche sono utilizzati per le loro proprietà astringenti nel sanguinamento mestruale, diarrea, disturbi alla cistifellea, insonnia e come agente antispasmodico nel trattamento dell’asma.

Sia i fiori che le bacche agiscono come diuretici e possono essere usati per trattare problemi renali e idropisia. Oltre al loro delizioso sapore, i frutti di biancospino hanno dimostrato di avere un effetto tonico sul cuore e in caso di ipertensione.

Per placare la fame prima di colazione, i contadini anglosassoni erano soliti sgranocchiare fiori e foglie, da ciò derivano i nomi “Bread and Butter Tree” o “Bread and Cheese Tree” nella tradizione popolare anglosassone. Le gustose foglie giovani venivano aggiunte ai panini nelle zone di campagna. Molte pratiche sono associate al Biancospino, in particolare l’usanza di andare “a Maying” e scegliere una regina di maggio, precede i tempi cristiani. Il Biancospino è stato apprezzato come un albero mistico, specialmente nella tradizione celtica. I biancospini (sceach gheal in Gaelico) sono spesso chiamati alberi di maggio a causa della loro fioritura che coincide con quel mese, e il 1 ° maggio segna la festa irlandese di Bealtaine, importante nel tradizionale anno solare irlandese che segna l’inizio dell’estate. Nella tradizione celtica, il Biancospino guarisce un cuore spezzato. Si pensa che l’albero di Biancospino sia un luogo di incontro sacro per le fate e abbattere un albero di biancospino solitario è evitato.

Nel XIX secolo un medico irlandese della contea di Clare, il dottor Green, usò una preparazione segreta che ebbe un enorme successo per le malattie cardiache. Solo dopo la sua morte sua figlia rivelò che si trattava di estratto di biancospino.

Era tradizionalmente usato in Europa per calcoli di rene e vescica e come diuretico. Gli erboristi del XVI e XVIII secolo di Gerard, Culpeper e K’Eogh elencano tutti questi usi.

Un decotto di foglie e frutti acerbi di Crataegus aronia è usato per trattare malattie cardiovascolari, cancro, diabete e debolezza sessuale nel sistema di medicina tradizionale araba. In Messico, il diabete viene trattato con estratti di biancospino. Tale trattamento può essere di notevole beneficio, soprattutto durante le prime fasi della malattia.

Nella medicina popolare, diverse specie di Biancospino sono utilizzate principalmente per il trattamento di malattie cardiovascolari, tra cui Crataegus pinntiflda (biancospino cinese), C. pubesens (biancospino messicano), C. cuneata (biancospino giapponese), C. laevigata e C. monogyna (Europa), C. oxycantha e C. aronica (Medio Oriente), C. phaenopyrum (hawtrorn americano) e C. ambigua (biancospino russo).

I frutti secchi di C. pinnatifida sono stati usati tradizionalmente nella medicina orientale e materiale per bevande analcoliche locali a Taiwan.

  1. pinnatifida è stato menzionato per la prima volta come erba nel Compendio di Materia Medica di Zhu Zhen Heng (c. 1347). I frutti di un’altra specie cinese, C. cuneata, hanno un sapore aspro ma gradevole e sono usati principalmente per la diarrea. Internamente per disturbi circolatori e cardiopatie di ogni tipo, spesso abbinati a Selenicereus grandiflorus, Tilia spp., o Scutellaria lateriflora.

In Cina, i frutti, shan zha, sono uno stimolante digestivo, circolatorio e uterino, ipotensivo e anti¬ batterico. I frutti sono usati crudi per disturbi circolatori e cotti per problemi digestivi.

Il rimedio è usato internamente per sindrome dell’intestino irritabile, debolezza della cistifellea, ipertensione associata a malattia coronarica, problemi mestruali e dolore post-partum.

In Cina, C. pinnatifida, è utilizzato per problemi digestivi, iperlipidemia, scarsa circolazione e dispnea. I frutti secchi sono tradizionalmente usati come aiuto digestivo e sono spesso trasformati in marmellata, gelatina, caramelle o vino. Inoltre, i preparati di Biancospino sono disponibili in varie forme, che vanno da infusi e tinture, a estratti standardizzati.

Gli Studi clinici rivelano che il Biancospino potrebbe essere usato come terapia alternativa per varie malattie cardiovascolari, come angina, ipertensione, iperlipidemia, aritmia e insufficienza cardiaca cronica. Inoltre, gli effetti antiossidanti, positivi inotropi, antinfiammatori dei principi attivi del biancospino sono stati dimostrati in vari esperimenti in vivo e in vitro.

Frutta e fiori sono utilizzati nella fitoterapia popolare indiana americana, cinese, europea come tonici cardiaci. Gli studi ne confermano l’efficacia per ipertensione, angina pectoris e arteriosclerosi. Dilata i vasi coronarici, riduce la pressione sanguigna; agisce come tonico cardiaco diretto e delicato.

Le foglie di Biancospino possono sostituire il tè verde orientale e i semi possono essere tostati e utilizzati in modo simile al caffè. Per coloro che tentano di rompere l’abitudine al tabacco, le foglie giovani possono essere fumate in una sigaretta senza nicotina.

I boccioli di biancospino possono essere aggiunti alle insalate. Con le foglie e i fiori si creare

tè e sciroppi.

Diversi studi clinici hanno esplorato la capacità del Biancospino di abbassare la pressione sanguigna e sostenere la funzione cardiaca, con risultati sostanzialmente positivi e forti prove della sicurezza dell’erba.

 

India:

L’estratto o succo di Crataegus crenulata, localmente noto come Ghingaaru, è usato come tonico nelle malattie cardiache nelle aree di Chambaa, Kaanaataal, Ghanshtaal, Bhilanganaa, valle di Iamunaa, Tauns dell’Himalaya nord-occidentale. Un’altra varietà, Crataegus songarica, che si trova nella regione del Kashmir, è usata localmente nelle malattie cardiache.

I principali costituenti delle specie di Crataegus sono i bioflavonoidi (rutina, quercitina), i triterpenoidi, i glicosidi cianogenici, le ammine (trimetilammina solo nei fiori), i polifenoli, le cumarine e i tannini. I bioflavonoidi rilassano e dilatano le arterie, in particolare le arterie coronarie. Ciò aumenta il flusso di sangue ai muscoli cardiaci e riduce i sintomi dell’angina. I bioflavonoidi sono aiutano a prevenire o ridurre la degenerazione dei vasi sanguigni. I glicosidi cianogenici sono sedativi e aumentano il tono parasimpatico del cuore, rallentandolo.

La trimetilammina stimola leggermente la frequenza cardiaca e ha un effetto vasocostrittore periferico. La combinazione di queste proprietà aiuta a spiegare esercitare l’azione simpatica sulla circolazione coronarica e l’azione parasimpatica sul muscolo miocardico. In poche parole, il biancospino migliora l’afflusso di sangue al cuore, dilatando le vescicole coronariche; migliora i processi metabolici nel cuore, che si traducono in un aumento della forza di contrazione del muscolo cardiaco e l’eliminazione di alcuni tipi di disturbi del ritmo; inibisce l’enzima di conversione dell’angiotensina.

Leonorus Cardiaca (Lamiaceae)

Leonurus cardiaca L. Leonurus cardiaca, comunemente noto come Motherwort, appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. Rimedio popolare asiatico contro i disturbi cardiaci nervosi e funzionali. È un’erba prevalente in Europa nelle aree rurali, in pianure e colline, così come in Asia orientale fino all’Himalaya e alla Siberia orientale, all’Africa settentrionale e al Nord America.

  1. cardiaca è stata prescritta nell‘antica Grecia per l’ansia delle donne in gravidanza; da qui il nome “motherwort“.

In Europa, divenne nota per la prima volta come trattamento per le malattie del bestiame. I coloni la introdussero in Nord America e gli eclettici del XIX secolo lo raccomandarono come promotore delle mestruazioni e aiuto per espellere la placenta. Non lo consideravano affatto un rimedio per il cuore. I Cherokee usavano l’erba come sedativo per le afflizioni nervose.

Si pensa che il suo nome, Leonorus, si riferisca alle foglie che hanno la forma di una coda di leone e cardiaca implica che questa erba rafforzerà il cuore. In Gran Bretagna veniva coltivata per fare uno sciroppo e un tè rinfrescante. Nicholas Culpeper, erborista inglese, (1616-1654) scrisse di Motherwort: “Non c’è erba migliore di questa erba per prendere i vapori malinconici dal cuore, per rafforzarlo e renderlo un’anima allegra. Può essere conservato in sciroppo o conservato … Provoca urina e cicli femminili, purifica il petto dalla flemma fredda; uccide i vermi nella pancia”.

Il medico ed erborista italiano Pierandrea Matteoli la riteneva “utile per palpitazioni e cuore martellante, spasmi e paralisi… [esso] assottiglia umori spessi e viscidi [e] stimola l’urina e il sanguinamento mestruale” (1548)

 

In Occidente, l’erba è popolare per il trattamento dei disturbi della menopausa ed è inclusa in alcuni rimedi per la sindrome premestruale.

Gli Studi Clinici hanno rivelato effetti antimicrobici, antiossidanti e antinfiammatori su cuore e sistema circolatorio. Tonifica gli organi genitali femminili, calmerà l’irritabilità nervosa, promuovendo delicatamente il flusso mestruale e tonificando la membrana uterina. Deve essere somministrato in infusione calda.

  • L. sibiricus è stata menzionato per la prima volta nel Classico Illustrato di Materia Medica di Su Song (106 d.C.). È prescritta non mescolata con altre erbe. SI tratta di un’erba diuretica molto amara che agisce come stimolante circolatorio e uterino, abbassa la pressione sanguigna e rilassa gli spasmi. È un sedativo e tonico nervoso e ha effetti antibatterici e antifungini, usata per palpitazioni, problemi femminili di origine nervosa, associati a mestruazioni e menopausa. Non va somministrato a donne in gravidanza.
  • L.sibiricus, syn. L. heterophyllus (Leonorus cinese):

Parti usate: Pianta intera (yi mu cao) e semi (chong wei zu). È un’erba amara e diuretica che stimola la circolazione e l’utero, abbassa la pressione sanguigna, regola le mestruazioni ed elimina le tossine. È efficace contro batteri e infezioni fungine. I semi sono leggermente dolci e hanno azioni simili ma sono meno efficaci come diuretici e disintossicanti.

Internamente è usata per problemi agli occhi, legati al meridiano epatico (semi); mestruazioni dolorose ed eccessive, sanguinamento post-partum (pianta intera, semi); edema, disturbi renali, calcoli renali, eczema e ascessi (pianta intera). Non va somministrato a donne in gravidanza.

Due specie dell’Asia orientale, L. heterophyllus (Cina) e L. sibiricus (Siberia), sono entrambe utilizzate terapeuticamente per abbassare la pressione sanguigna e indurre le mestruazioni. Tradizionalmente, il tè in foglia viene utilizzato per promuovere le mestruazioni, aiutare nel parto, per l’asma e palpitazioni cardiache. Nell’antica Cina si chiamava yi mu cao ed era usata dalle cortigiane come controllo delle nascite per prevenire la gravidanza.

India:

infusioni, estratti liquidi e tinture di L. cardiaca, decotti, pillole, polvere e impacchi di L. sibiricus

sono utilizzati per stimolare i muscoli dell’utero, ridurre il dolore mestruale e la sindrome premestruale.

Tradizionalmente, l’erba è considerata antispasmodica, analgesica, diuretica, emmenagoga e prescritta a donne che soffrono di isteria, palpitazioni cardiache e amenorrea. Il farmaco placa l’irritabilità nervosa e offre sollievo dal dolore allo stomaco e alla cistifellea.

 

Leonurus sibiricus Linn.

Tradizionalmente, l’erba essiccata viene utilizzata per le sue proprietà emmenagoghe ed è impiegata nei disturbi puerperali e mestruali. Foglie e radici sono usate come febbrifugo.

Controindicata durante la gravidanza a causa delle proprietà emmenagogo/stimolanti uterine.

Rafforza la funzione cardiaca, specialmente dove è debole, regola e allevia i disturbi mestruali, il dolore nella regione pelvica e lombare. Agisce anche come antispasmodico per i crampi muscolari, è un forte diuretico sedativo e nervino, è usata per il trattamento di nervosismo, isteria, convulsioni. Non deve essere usata se il sanguinamento mestruale è pesante.

Nella tradizione popolare, Motherwort, è utilizzata per la debilitazione cardiaca, la tachicardia, l’amenorrea. Era usata per trattare reumatismi e problemi polmonari, come la bronchite e l’asma.

Ha proprietà sedativa ed è usata per insonnia, nevralgia, sciatica, spasmi, febbre e mal di stomaco. Gli Studi Scientifici ne hanno confermato attività antispasmodica, ipotensiva, sedativa, cardiotonica, diuretica, antiossidante, immunostimolante e antitumorale.

È particolarmente apprezzata per le malattie femminili, ad esempio amenorrea, dismenorrea, epilessia, nevrastenia, palpitazioni, febbre, crampi urinari e debolezza. È utile per rinforzare la membrana uterina. E ‘utile in caso di, colecistiti, debilitazione, delirio, neurite, nevralgie, palpitazioni, reumatismi, sciatica, spasmi, malattie spinali, mal di stomaco.

In Russia, la pianta è ritenuta efficace in caso di epilessia, gozzo, ipertensione, rabbia e tubercolosi.

La ricerca ha dimostrato che calma il cuore e riduce il rischio di trombosi. Si pensa che tutte le specie abbiano proprietà simili.

Un ottimo rimedio contenente Biancospino e Leonorus è Alato 26, disponibile qui ALATO 26 (lafenicesas.it) o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Un approccio  naturale a stress psicofisico con Muira Puama  

Un approccio  naturale a stress psicofisico con Muira Puama

 

Lo stress psicologico induce inoltre variazioni nei livelli di molte sostanze a cui è sensibile il sistema immunitario: l’ormone della crescita, (GH), l’ormone stimolante
la tiroide (TSH), la prolattina, l’ossitocina, il testosterone e altri .
In seguito all’innalzamento del livello di adrenalina e noradrenalina nel sangue, si verifica un effetto di immunosoppressione che insieme a un’iperattivazione del sistema simpatico si trasforma in stato patologico, se le condizioni di stress permangono. C’è dunque una catena fisiologica che ci porta a rispondere ai mutamenti, ai cambiamenti, agli stimoli esterni o agli stimoli interiori, consentendoci di rispettare il nostro orologio interno, il nostro modo di essere.
Quando questa serie di operazioni biochimiche, metaboliche e ormonali, sotto pressioni esterne o interne, si altera si dà il via a uno stato di malattia.

Le cause:

  • Fattori biofisici: il dolore  cronico, le malattie invalidanti, l’inquinamento acustico, condizioni ambientali ostili o sfavorevoli.
  • Fattori psicosociali: competitività esasperata, frustrazioni, senso di inadeguatezza, sovraffollamento, cambiamenti improvvisi, ripetitività esasperata.
  • Fattori psicologici individuali: tutti gli eventi che impediscono l’autonomia personale ,il lutto, l’abbandono,  la fine di relazioni significative.

Le persone più a rischio sono caratterizzate da :

– scarsa autostima
– passività
– ansia sociale
– umore depresso
– senso di inadeguatezza
– allontanamento dagli altri
– debolezza e remissività
– scarsa consapevolezza di sé (Io debole)
– dipendenza affettiva

Ecco quali sono gli avvertimenti da non sottovalutare:

  • Contrazione muscolare ricorrente soprattutto a collo spalle, regione addominale e lombare
  • Palpitazioni
  • Oppressione al petto e senso di soffocamento, con respiro rapido e affannato
  • Pruriti e dermatiti ricorrenti
  • Secchezza della bocca
  • Sudorazione abbondante e continua senza motivi fisici apparenti
  • Tremito alle mani e capogiri
  • Mal di testa ripetuti, soprattutto a fine giornata o durante il fine settimana
  •  Estrema debolezza fisica e sensazione di stanchezza (sindrome da affaticamento cronico)
  •  Difficoltà digestive e intestinali persistenti (bruciori di stomaco, reflusso gastrico o diarrea)
  • Continuo stato di agitazione, allarme, preoccupazione per eventi non chiari e distinti, stati d’ansia anche senza motivo imminente.
  •  Difficoltà di concentrazione, incapacità di mantenere l’attenzione su ciò che si sta facendo, fatica nel memorizzare e richiamare le informazioni.
  • Percezione di aver raggiunto il limite e di essere sul punto di esplodere.
  • Sentirsi impotenti a cambiare le cose.
  • Essere facilmente agitati o sconvolti.
  • Sensazione di essere perennemente in ritardo.
  • Calo dell’interesse sessuale.
  • Irritabilità, nervosismo, scatti di rabbia e talvolta atteggiamenti aggressivi.
  • Momenti di tristezza immotivata e di disinteresse.
  • Disturbi del sonno.
  • Tendenza al consumo eccessivo di cibo o perdita dell’appetito.
  • Abuso di alcol o psicofarmaci.
  • Comparsa di tic e gesti compulsivi (come controllare ossessivamente il gas, le luci, le serrature).
  • Insofferenza nei confronti di persone o situazioni che interferiscono con la normale routine.
  • Perdita del senso dell’umorismo.
  • Guida “aggressiva”.

Muira Puama

Muira puama è un tipo di albero le cui radici e steli sono usati in modo medicinale. Con una lunga storia di utilizzo nella medicina popolare brasiliana, si dice spesso che agisca come un afrodisiaco naturale. Muira puama tratta problematiche sessuali sia negli uomini che nelle donne, depressione, disfunzione erettile, dolori articolari, perdita di appetito, disturbi mestruali, sindrome premestruale e mal di stomaco.

Muira puama è anche talvolta usato come adattogeno, una sostanza pensata per aumentare la resistenza del corpo agli effetti negativi dello stress cronico, problemi di memoria legati all’invecchiamento.

Muira puama è altamente raccomandato come afrodisiaco naturale, fa parte della Farmacopea Brasiliana Uno studio condotto da ricercatori ha riferito che muira puama può migliorare la capacità di erezione di oltre il 50% in uomini di mezza età o anziani.

Frigidità femminile

Muira puama è efficace per trattare il basso desiderio sessuale o la frigidità nelle donne. Secondo lo studio condotto nel  1990, presso l’Istituto di Sessuologia di Parigi, in Francia, l’assunzione continuata per un mese ha aumentato del 65 per cento  il desiderio sessuale .

Sindrome premestruale

Muira puama può essere usato per trattare la sindrome premestruale con sbalzi d’umore, crampi mestruali e debolezza .

Esaurimento nervoso e depressione

Tale rimedio cura l’esaurimento nervoso ed i sintomi ad esso connessi, quali: mal di testa, affaticamento, mancanza di motivazione, inadeguatezza, depressione, infonde buon umore.

Artrite reumatoide

L’artrite reumatoide è uno dei sintomi della malattia autoimmune caratterizzata da dolore articolare. L’assunzione regolare di muira puama riduce  la causa del dolore.

Mal di stomaco

Muira puama può essere usato per trattare nausea, vomito e  mal di stomaco.

Prevenzione  dell’Alzheimer

Muira puama migliora la quantità di acetilcolina nel cervello un importante neurotrasmettitore del cervello,  aiuta a mantenere una sana funzione cerebrale  e a prevenire il morbo di .

Prevenzione del cancro

I benefici per la salute di Muira puama contengono lignani, una sostanza che non solo può migliorare il desiderio sessuale, ma anche prevenire alcuni tipi di cancro, in particolare agli organi sessuali, prostata, endometrio, ovario e cancro al seno.

Diarrea

La diarrea è un problema comune che si verifica nel tratto di digestione. Le feci acquose nel malato di diarrea sono causate da un problema nell’intestino crasso. Durante il processo di defecazione, l’intestino crasso non riesce ad assorbire l’acqua dalle feci e innesca la diarrea. Molti fattori possono causare diarrea come l’infezione da batteri, cibo piccante e acido, muira puama è un rimedio efficace.

Paralisi

A causa del suo effetto sul sistema nervoso centrale, muira puama è usato per trattare la paralisi anticamente dagli amerindi.

I brasiliani usano muira puama per trattare beriberi, una condizione in cui il corpo non ha abbastanza vitamina B, soprattutto tiamina. Beriberi può causare debolezza muscolare e paralisi.

Influenza

Muira puama previene, cura e allevia l’influenza, in quanto aumenta il sistema immunitario .

Tonico cardiaco

Utile in caso di debolezza cardiaca, di insufficienza cardiaca e malattie cardiache. Può essere fatale se non viene trattato bene, aumenta le prestazioni del cuore, riduce la debolezza muscolare cardiaca.

Calvizie

L’integrazione di muira puama può prevenire la perdita di pelo che si traducono in calvizie.

Stress

L’assunzione di muira puama come integratore è efficace per ridurre lo stress.

Sistema nervoso centrale

Muira puama è usato come tonico neurale da molto tempo. È stato dimostrato che l’estratto della radice e della corteccia di muira puama può migliorare la funzione del sistema nervoso centrale e alleviare alcuni disturbi mentali.

Sonno

L’assunzione di muira puama prima del sonno, ne migliora la qualità e lo rende profondo.

Infiammazioni

Riduce le infiammazioni connesse al  sistema nervoso , ischialgia, un processo patologico che interessa il nervo sciatico e il dolore alla spina dorsale.

Resistenza

Muira puama è commercializzato in Brasile come tonico stimolante per il corpo.

 

A tua disposizione con un percorso naturopatico

 

Un ottimo rimedio è Alato 14 , disponibile qui o in farmacia.