Archivio dei tag influenza

DiAlessandra Zarone

Accogli la stagione invernale con i rimedi ayurvedici

Accogli la stagione invernale con i rimedi ayurvedici

Il clima invernale è la stagione in cui la natura è pronta a nutrirci. Il livello di digestione è molto alto, si ha più fame di appetito e si digeriscono meglio meglio i pasti con il gelo, quindi si nutre meglio il corpo. Oggi ti  indicherò come accogliere la stagione invernale con i rimedi  ayurvedici.

prevenzione con naturopatia alessandra zarone naturopata

Prevenzione influenza e malanni stagionali con Ayurveda e Medicina Tradizionale Cinese

Devi sapere che l’inverno è il momento per costruire e nutrire il corpo: i capelli, le unghie e la pelle. E ‘anche la stagione per l’assunzione di Rasayanas, ossia  erbe ringiovanenti , perché il fuoco digestivo in questa stagione è al suo apice, facilitando una migliore assimilazione .

In Ayurveda, il Sistema Immunitario ha tre livelli:

  • Ereditario (Sahaj)  : il grado innato di immunità con cui sei nato.
  • Stagionale (Kalaj) :livello fluttuante di immunità dovuto all’ alternarsi delle stagioni, l’età e cicli planetari.
  • Ripristinato (Yuktikrit) : livello di immunità equilibrato e permanente che può essere ripristinato seguendo una dieta ayurvedica e uno stile di vita.

Se un individuo nasce con un innato livello di immunità, ciò non può essere modificato. Ecco perché, nell’Ayurveda, siamo consapevoli di rafforzare il secondo tipo di immunità, che fluttua con le stagioni, l’età e i cicli planetari. Uno dei motivi per cui l’inverno è una stagione eccellente è dato dal fatto che si può rafforzare il sistema immunitario, grazie a un forte fuoco digestivo.

La stagione invernale è la stagione del Kapha  dosha  e si  estende dalle fredde giornate invernali, quando il terreno si ghiaccia, all’inizio della primavera, quando la neve si scioglie, la linfa si solleva e i primi  germogli spuntano nel terreno. Queste condizioni climatiche disturbano le qualità pesanti, dense, umide, appiccicose, stabili, fredde del kapha dosha. Per pacificare kapha durante la prima parte di questa stagione:

  • Cambia la tua dieta.
  • Rivolgiti a cibi più leggeri, asciutti, pungenti e riscaldanti. Non appena sono disponibili, mangia germogli di stagione, bacche, tarassaco e altre verdure primaverili, che naturalmente sostengono questo periodo di purificazione. E importante attenersi a tre pasti al giorno per evitare di esagerare.
  • Muoviti.
  • Fai cose che ti fanno alzare e uscire di casa presto.
  • Alzati prima dell’orario di kapha (dalle 6 alle 10 di mattina), e fai un po ‘di ginnastica, passeggiate o altre attività aerobiche leggere prima delle 10 di mattina. Questo programma ti aiuterà ad evitare  l’aumento di peso stagionale.Impegnati in una attività.

Ogni stagione è collegata a un dosha e l’inverno è quello in cui il dosha Vata è per lo più aggravato. Gli individui con Vata in eccesso di solito sperimentano uno squilibrio più forte durante questa stagione.

consulenze di naturopatia alessandra zarone desio mb

Prevenzione influenza e malanni stagionali con ayurveda e MTC Alessandra Zarone Naturopata Desio

  • Prova a svegliarti non più tardi delle 7:00.
  • Dopo esserti lavato i denti e pulito la lingua, fai 10-12 minuti di saluto al sole,  segui le pratiche di asana yoga.
  • L’oleazione interna è importante e si consiglia due volte al giorno con olio di sesamo, soprattutto su mani e piedi.
  • Fai una doccia calda dopo il massaggio e assumi una bevanda a base di erbe fatta di zenzero, cannella e chiodi di garofano.
  •  Evita cibi freddi e riduci al minimo l’assunzione di cibi crudi; se possibile, le verdure dovrebbero essere cotte a vapore. Cerca di avere sempre verdure di stagione, specialmente quelle con radice.
  •  Evita di bere acqua durante e dopo i pasti, sostituisci con il tè allo zenzero e al limone.
  •  Indossa indumenti caldi e un cappello, poiché il 60% del calore corporeo si perde nella testa.

 

Rimedi casalinghi per raffreddore e influenza

  1.  Prendere 3 foglie di Tulsi (basilico sacro), mescolarle con un pizzico di polvere di curcuma, 2 pizzichi di polvere di pepe nero e un pizzico di curcuma. Masticare lentamente questa miscela e ingoiare il succo.
  2. Aggiungere 1 cucchiaino di cannella in polvere ad un bicchiere d’acqua (in un recipiente con il coperchio chiuso) e portare ad ebollizione. Aggiungere un pizzico di polvere di pepe e 2 cucchiai di miele. Assumere una o due volte al giorno.
  3. Preparare 1 cucchiaino di succo di limone, succo di zenzero e miele. Bere questa mistura 2 volte al giorno, 10 minuti prima di consumare il cibo.

Se vuoi conoscere gli alimenti adatti a te, ulteriori  rimedi fitoterapici per allergie, prevenzione influenza e raffreddore,  riequilibrare il tuo intestino, aumentare l’energia vitale, prenota una Consulenza in Promozione fino al 27 Dicembre, Lunedì o Giovedì dalle 14.00 alle 17.30 previo appuntamento concordato con me   presso Associazione Culturale la Via Del Bambu’ a Desio (MB) . Contattami qui.

 

DiAlessandra Zarone

Il simbolismo dell’Inverno in MTC

Il simbolismo dell’Inverno in MTC

Zuo ( IV secolo a.C.), un medico, menziona i sei soffi celesti: “ I sei soffi sono yin e yang, vento e pioggia, oscurità e luce. Essi si distinguono in quattro stagioni e si ordinano in cinque articolazioni. Una persona in buona salute è in grado di respingere attacchi di qualsiasi natura, ma se  l’organismo è debilitato si instaurano squilibri che minano le capacità di difesa.  Compito della terapia è solamente quello di riportare l’equilibrio nei Soffi dell’organismo.

 

consulto naturopatico desio www.blognaturopatia.com

Il simbolismo dell’Acqua e l’Inverno

La stagione dell’Acqua è l’inverno, la stagione delle giornate brevi e delle lunghe notti. La terra giace sotto una coltre di neve, e il sole non riscalda. La vita si è ritirata nella terra; la forza della vita dorme nei semi. L’inverno è il periodo tra la morte e la rinascita.consulto naturopatico desio www.blognaturopatia.com
L’Acqua era chiamata “vecchio yin”, la fredda oscurità. Il suo sentimento è la paura – la paura esistenziale associata alla sopravvivenza. La sua direzione è il nord, il colore è il nero, il periodo del giorno è la notte. L’organo yin dell’elemento Acqua sono i Reni, l’organo yang la Vescica, e il tessuto le ossa.

Simbologia dell’Acqua 

Il carattere dell’Acqua è la discesa in basso; la sua energia è un flusso verticale verso il centro della terra. Mentre l’energia del fuoco è diretta verso l’alto, verso il cielo, l’Acqua ci spinge in profondità. Agisce sul corpo fisico come la forza di gravità, riconduce l’anima e il corpo nella sua totalità alla coscienza profonda, al nucleo centrale.

Il seme e l’acqua

La natura dell’Acqua si manifesta nell’immagine del seme, compressa in uno spazio minimo c’è la potenzialità di un grande albero: il seme è l’essenza dell’albero.

Questa essenza era chiamata energia ancestrale, della quale i Reni sono i guardiani.consulto naturopatico desio www.blognaturopatia.com

Energia ancestrale

L’energia ancestrale rappresenta la qualità e la quantità delle varie energie che si ereditano dai genitori e dagli antenati Il rene è considerato l’organo di deposito dell’energia ancestrale, come pure una riserva di materiali diversi ed energie sottili che, attraverso l’assunzione e l’assimilazione del cibo, entrano nell’organismo e non possono essere immediatamente utilizzati nei processi vitali.

I reni nel testo  Nei-Ching:

“I reni ricevono l’essenza degli organi Zang e Fu e la immagazzinano”.I Reni provvedono alla costante purificazione dell’organismo attraverso l’acqua, e questa è una delle loro funzioni più importanti, preleva inoltre le sostanze di
scarto, previene la stagnazione e rende possibile il movimento, la freschezza e la “fluidità” del corpo.

Rene Yin e Yang:

Vi è un Rene-yin e un Rene-yang. Il Rene-yin `e detto anche Rene-Acqua, e il Rene-yang è detto anche Rene-Fuoco.Il Rene-Acqua filtra il sangue e produce l’urina.Il Rene-Fuoco corrisponde al sistema endocrino: le ghiandole surrenali, le ghiandole sessuali, le isole di Langerhans nel pancreas, la tiroide e il timo, e infine la ghiandola pituitaria.

Lo spirito dell’Acqua :

Lo spirito elementale dell’Acqua, detto Zhen è la forza di volontà, la voglia di vivere e l’impulso sessuale.Rappresenta la vitalità con la quale una persona padroneggia la vita.consulto naturopatico desio www.blognaturopatia.com

Il ruolo chiave del Rene :

Se il Rene-yang è debole, oppure se esiste un eccesso di energia nel Rene-yin rispetto al Rene-yang, la voglia di vivere, la vitalità e il desiderio
sessuale diminuiscono. Ne derivano una diffusa debolezza, impotenza, frigidità e un senso di paura paralizzante.

I Reni regolano le orecchie e l’udito:

L’equilibrio del fluido nelle orecchie è determinante per la qualità dell’udito. Anche il senso dell’equilibrio ( funzione resa possibile dalla corretta combinazione del fluido nel labirinto dell’orecchio) è assegnato all’acqua. La maggior parte delle malattie delle orecchie ( infiammazioni, ronzio, difficoltà dell’udito,sordità o capogiri )possono essere ricondotte a un disturbo dell’elemento Acqua.

Predominanza di energia renale e rigidità:

Quando predomina l’energia del Rene-yang, si hanno persone che vanno perennemente di fretta, oppure persone rigide nei modi e nei movimenti.
Questa rigidità si manifesta soprattutto nella parte inferiore del dorso, la giuntura ilio-sacrale, e nel retro delle gambe, lungo il tracciato del meridiano della Vescica.

I sintomi che questa rigidità provoca sono:

  • dorso incavato
  • problemi ai dischi delle vertebre lombari
  • sciatica
  • lombaggine e infezioni della vescica

 

Squilibrio di Acqua:

Conseguenze di uno squilibrio dell’Acqua sono calcoli renali, infezioni dei reni e del tratto urinario, malattie delle ossa, caduta dei capelli, alcuni tipi di diarrea, disturbi mestruali, insonnia e mani e piedi continuamente freddi.

Un disequilibrio dell’elemento Acqua causa:

  • attacchi di panico
  • paranoia
  • manie di persecuzione
  • paura del buio
  • paura di un “buco interno” interiore
  •  situazioni in cui si diventa rigidi, immobili, e paralizzati dalla paura.

Cosa accade in Inverno:

In Inverno a causa del freddo, siamo sottoposti a uno squilibrio nella circolazione dell’energia corporea, che si manifesta con :

consulto naturopatico desio www.blognaturopatia.com

 

  • Timore del freddo e freddolosità non migliorata dal calore
  • febbre
  • dolore al capo e al corpo
  • articolazioni dolenti
  • brividi
  • assenza di sudorazione
  • vomito di liquidi chiari
  • poliuria
  • senso di affaticamento
  • freddo e dolori localizzati
  • diarrea con alimenti non digeriti

consulto naturopatico desio www.blognaturopatia.com

 

Se desideri risolvere le problematiche emerse, sia a carattere fisico,sia a carattere psichico, riequilibrare il tuo corpo con rimedi naturali, fitoterapia, floriterapia e corretta alimentazione (in base ai principi della Dietetica Cinese) prenota un Consulto Naturopatico,nel mio Studio o via Skype.

DiAlessandra Zarone

Tisane, decotti, prevenzione influenza e raffreddore

Oggi ti parlerò di tisane, decotti e prevenzione influenza, raffreddore .

Il periodo autunnale è quello più adatto per cominciare la giornata con un infuso caldo, immunostimolante, utile a prevenire malattie da raffreddamento e stati febbrili.Ti consiglio una tisana a base di Rosa Canina, ricca di vitamina C, Echinacea, Uncaria, Salice e scorza d’Arancio. La Rosa Canina rappresenta un buon rimedio naturale contro la diarrea; inoltre, è consigliata in caso di debilitazione ed infiammazioni.

prevenzione influenza tosse alimentazione ayurvedica studio naturopatico donadoni desio
Per chi soffre di mal di gola, raffreddore, suggerisco  un infuso anti-nevralgico, che elimina il muco in eccesso e le infiammazioni delle vie aeree superiori: Eucalipto, Verbena, Piantaggine, Altea e Fiori di Sambuco .

La rosa canina rappresenta un buon rimedio naturale contro la diarrea; inoltre, è consigliata in caso di debilitazione ed infiammazioni.

Tisane, decotti e infusi di foglie, fiori o radici di rosa canina sono utili in caso di raffreddore ed infezioni.

Decotto per influenza:

750 mm d’acqua, 2 mele, 1 fico secco, 2 foglie alloro, 2 foglioline malvarosa, 2 cucchiai colmi di zucchero, 2 cucchiaini miele; 1 bustina di camomilla.
Iniziare il procedimento lavando bene le mele, tagliandole successivamente con le bucce in 4 parti e mettendole in un bollilatte alto. Aggiungere le 2 foglie di alloro, le 2 foglioline di malvarosa, il fico secco e i 2 cucchiai di zucchero. Infine riempire il recipiente con l’acqua.
Portare il tutto ad ebollizione, tenendo la fiamma bassa sino a quando la mela sarà cotta e visibilmente matura nella colorazione. Una volta giunti a fine cottura, spegnere la fiamma e aggiungere al composto i 2 cucchiaini di miele e la bustina di camomilla. Lasciar riposare per 15 minuti, togliendo dopo qualche minuto la bustina di camomilla dal pentolino e girando il composto.

Il decotto potrà essere conservato a temperatura ambiente per l’intera giornata.

Decotti a base di a base di Boldo, radice di Tarassaco e Cardo Mariano, sono indicati per alleggerire il fegato e depurare l’intero organismo.

Il Tarassaco rappresenta un buon rimedio naturale detossinante. studio naturopatico donadoni

Decotti a base di bacche di frutti di bosco e, in particolare fragole, mirtilli e rosa canina; questi frutti possiedono ottime proprietà antiossidanti e sono ricchi di vitamine e di minerali perfetti per affrontare l’Inverno e rafforzare le difese immunitarie.

Il ruolo delle spezie:

Le spezie sono molto utilizzate per le bevande calde di questo periodo dell’anno, grazie alle loro proprietà antibatteriche e rinvigorenti: non a caso sono usate da migliaia di anni dalla medicina cinese e ayurvedica per curare diversi malanni.

Ecco alcuni esempi pratici:

  • La cannella è un forte antiossidante naturale, possiede importanti proprietà antibatteriche, stimola il sistema immunitario ed è utile contro le malattie da raffreddamento.
  • Il cardamomo è utile contro la tosse, il raffreddore e i disturbi del sistema urinario e per combattere il mal di stomaco.
  • I chiodi di garofano hanno proprietà digestive, tonificanti, aiutano a combattere la stanchezza e il mal di testa.
  • Il pepe nero è un buon antisettico ed espettorante, stimola la digestione.

influenza raffreddore prevenzione studio naturopatico donadoni desio

Queste solo solo alcune indicazioni, tutte le  spezie vengono abbinate agli alimenti, in Ayurveda e Dietetica Cinese, per modificare la natura, di un alimento  ossia, a seconda della costituzione di un individuo, esse aiutano a riportare equilibrio e salute nell’intero organismo. Prevengono le malattie e coadiuvano il ripristino di una sana costituzione.

Se vuoi approfondire la tematica  equilibrio, prevenzione, benessere, nutrirsi correttamente in base alla propria tipologia, Influenza, raffreddamento, disturbi intestinali, disbiosi intestinale, approfondisci la lettura dei miei articoli:

 

Dimagrire mangiando sano

Sistema Immunitario

Autunno e Dietetica Cinese

Riequilibrio alimentare e salute

consulto di alimentazione ayurvedica e dietetica cinese studio naturopatico donadoni desio

Rivolgerti a me, ti potrò indicare una corretta alimentazione stagionale, in base alla tua tipologia ayurvedica o alla tua dimensione d’organo ( Dietetica Cinese), o alla tua tipologia ippocratica.

Prenotati ora per un Consulto nel mio Studio a Desio, oppure via Skype.

 

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi