Archivio dei tag fibromialgia

DiAlessandra Zarone

Le proprietà straordinarie di Griffonia

Le proprietà straordinarie di Griffonia

La Griffonia simplicifolia è distribuita dalla Liberia al Gabon. La pianta di Griffonia simplicifolia si trova principalmente nei paesi dell’Africa occidentale del Ghana, della Costa d’Avorio e del Togo.

I semi di Griffonia simplicifolia Baill., sono ricchi di 5-idrossi-L-triptofano (5-HTP), un precursore diretto nella sintesi della serotonina (5-HT) e ampiamente utilizzati nella medicina tradizionale per il loro alto contenuto di 5-idrossi-l-triptofano (5-HTP), un precursore diretto e potenziatore dell’attività dell’ormone cerebrale serotonina (5-HT.

  • L’estratto di semi di Griffonia simplicifolia esercita un effetto ansiolitico .
  • Rimedio adatto per coloro che soffrono di  depressione e insonnia.

Uno studio particolare voleva valutare se usarlo insieme all’acido gamma-amminobutirrico GABA avrebbe aiutato a dormire anche quando ai soggetti era somministrata caffeina.   I risultati finali hanno mostrato che induce il  sonno e  ne consente  una migliore qualità e durata. Un altro studio voleva vedere se l’uso di questo composto aiutava con il sonnambulismo e altri gravi problemi di sonno.  I risultati di tale test hanno dimostrato che era utile.

 

  • Griffonia Simplicifolia aiuta a perdere peso  perché riduce l’appetito e aumenta la sensazione di sazietà.
  • Il cianoglucoside lithospermoside (= griffonina) contenuto nelle radici è il principio attivo contro l’anemia falciforme.

In Costa d’Avorio e Nigeria la corteccia viene applicata alle piaghe sifilitiche. Un decotto di foglie è usato come emetico, a per la tosse e afrodisiaco. Un decotto di steli e foglie viene bevuto in caso di stitichezza, esternamente come lavaggio antisettico per trattare le ferite suppuranti. La linfa delle foglie viene utilizzata come collirio per curare gli occhi infiammati e bevuta o applicata come clistere per curare i problemi renali. Steli e corteccia di gambo sono fatti in una pasta che viene applicata ai denti in decomposizione e una pasta fatta dalle foglie viene applicata alle ustioni. La corteccia, mescolata con succo di limone e pepe di Capsicum, viene applicata per trattare il dolore intercostale. Si dice che masticare gli steli produca un effetto afrodisiaco. Le foglie vengono utilizzate nella produzione di vino di palma e conferiscono al vino un sapore amaro. La  linfa che trasuda dagli  steli tagliati può essere bevuta per dissetarsi. In Ghana le radici vengono masticate e asciugate per produrre una polvere bianca che viene utilizzata dalle donne per il loro viso. Un decotto di steli e foglie viene anche usato per fermare il vomito e per trattare la congestione del bacino. Il seme di Griffonia è anche noto per essere un rimedio per la diarrea e il mal di stomaco.

Gli studi sulla depressione in pazienti con depressione unipolare o bipolare hanno dimostrato una risposta clinica significativa in 2-4 settimane a dosi di 50-300 mg tre volte al giorno.

  •  Griffonia previene il mal di testa cronico .
  •  E’ utile nel trattamento dell’insonnia, specialmente nel migliorare la qualità del sonno aumentando il sonno REM.
  • L’assunzione di Griffonia in persone affette da fibromialgia, in cui si ha perdita di serotonina, ha dimostrato un significativo miglioramento dei sintomi, tra cui dolore, rigidità mattutina, ansia e affaticamento.
  • Griffonia  rafforza  il sistema immunitario e riduce gli  spasmi cardiaci, è utilizzato nella  nella gestione del morbo di Parkinson (PD) e dell’epilessia.

Sono a tua disposizione con un Percorso di Naturopatia

Un ottimo prodotto è Alato 20, acquistabile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Le molteplici virtù della Valeriana

Preparazioni folcloriche o galeniche di radici di valeriana e rizomi sono state usate come sedativi / ansiolitici e induttori del sonno fin dai tempi antichi. Le radici e i rizomi di diverse specie di valeriane e di altre piante correlate (ad esempio Nardus) sono stati la fonte di una fragranza peculiare menzionata nel nuovo Testamento, e di un sedativo naturale e registrato da Galeno, Dioscoride e Plinio il Vecchio. Le proprietà terapeutiche della valeriana, tuttavia, erano già menzionate nei farmaci ayurvedici e cinesi (da 800 B.C. a 1000 d.C.).

Valeriana  era usata  per trattare disturbi dei polmoni, stomaco, fegato, reni, dolore alla vita e mal di schiena e per il decadimento , come analgesico e sedativo, per trattare i reumatismi, l’insonnia, e i disturbi legati al cuore e alla vescica .

Valeriana officinalis (valeriana) è una pianta fiorita perenne che si trova in Europa e in Asia. Fin dall’antichità, questa pianta è stata utilizzata come erba medicinale. È ben noto per i suoi effetti sedativi e antispasmodici in tutto il mondo. Il tè alla radice di valeriana è famoso per i suoi effetti che inducono il sonno. Ci sono molte sostanze chimiche naturali presenti nella radice, nel gambo e nella foglia della pianta V. officinalis.

Per il trattamento del morbo di Alzheimer (AD), ci sono molte piante medicinali utilizzate per migliorare la memoria. Alcune piante medicinali utilizzate per il trattamento dell’AD sono Withania somnifera, Curcuma longa, Convolvulus pluricaulis, V. officinalis, Centella asiatica e Nardoastachys jatamansi. La valeriana è disponibile come radice intera in polvere ed estratto acquoso o etanolarico. Nei pazienti affetti da AD, la valeriana viene utilizzata per il rilassamento, la promozione del sonno e gli effetti neuroprotettivi.

La valeriana è famosa per le sue proprietà ansiolitiche, sedative, anticonvulsive, antibatteriche, antidiuretiche, antisettiche, antispasmodiche e antinfiammatorie. È usata nel trattamento naturale di ansia, pressione sanguigna, menopausa, crampi mestruali, mal di testa, dolori articolari e disturbi del sonno, sindrome da affaticamento cronico, epilessia, disturbo da deficit di attenzione-iperattività, mal di stomaco

La radice di valeriana ti aiuta a ridurre il dolore e mantenere i muscoli rilassati. La valeriana è anche efficace nel trattamento del dolore sciatico legato a uno spasmo muscolare. Questo perché la radice di valeriana contiene l’olio volatile che aiuta a rilassare i muscoli e ridurre la tensione.

La valeriana contiene una sostanza chimica chiamata linarina, che crea un effetto sedativo.

L’estratto di valeriana può causare sedazione aumentando il livello GABA del cervello. L’acido gamma-ammino butirrico (GABA) è un neurotrasmettitore inibitorio nel sistema nervoso centrale. In quantità abbastanza grandi può causare un effetto sedativo, calmando l’attività nervosa.

I risultati di uno studio in vitro suggeriscono che l’estratto di valeriana può causare il rilascio di GABA dalle terminazioni nervose cerebrali e quindi impedire al GABA di essere riportato nelle cellule nervose.

Ansia

Gli scienziati hanno scoperto che la radice di valeriana aumenta la quantità di una sostanza chimica chiamata acido amminobutirrico gamma (GABA) attraverso i recettori GABA. GABA aiuta a regolare le cellule nervose e calma l’ansia.

Abbassa la pressione sanguigna

Ora che sai che la radice di valeriana può essere così calmante per la mente e il corpo, può anche aiutare a ridurre la pressione sanguigna, migliorando la salute del cuore. Gli stessi componenti attivi che rendono la radice di valeriana così efficace per la gestione dello stress e dell’ansia possono anche aiutare il corpo a regolare correttamente la sua pressione sanguigna. Gli studi indicano che gli integratori di radici di valeriana possono aiutare a ridurre naturalmente la pressione sanguigna e mantenerla a un livello sano.

Crampi mestruali

La natura rilassante della radice di valeriana può renderlo una scelta intelligente per il sollievo naturale dei crampi mestruali.

Rilassante muscolare

È un sedativo naturale e antispasmodico, elimina  gli spasmi muscolari e agisce come un rilassante muscolare naturale.

Migliora la gestione dello stress

Riducendo l’ansia e migliorando la lunghezza e la qualità del sonno, la radice di valeriana può aiutare significativamente nella la gestione quotidiana dello stress. La radice di valeriana è un ottimo modo naturale per aiutare a mantenere basso lo stress e la qualità della vita. La radice di valeriana elimina lo stress fisico e psicologico aiutando a mantenere i livelli di serotonina. I lievi effetti sedativi della valeriana sono utilizzati per promuovere il rilassamento e il sonno da almeno 2.000 anni.

Una meta-analisi di 16 studi e 1.093 persone ha scoperto che la valeriana ha migliorato la velocità di addormentarsi, la profondità e la qualità complessiva del sonno . In uno studio di 2 giorni su 27 pazienti anziani con problemi mentali, il 44% ha riportato un sonno perfetto e l’89% ha riportato un sonno migliorato utilizzando una preparazione di valeriana (contenente sesquiterpeni)

Inoltre, uno studio di un mese su 16 persone con insonnia ha scoperto che una singola dose di valeriana ha migliorato il tempo per raggiungere il sonno profondo e la sua durata.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico

Insonnia

L’insonnia colpisce circa un terzo della popolazione adulta. Estratti delle radici della valeriana (Valeriana officinalis) sono ampiamente utilizzati per indurre il sonno e migliorare la qualità del sonno.

La ricerca si è concentrata su valutazioni soggettive dei modelli di sonno, in particolare la mancanza del sonno. La valeriana migliora il sonno se assunta di notte per periodi da una a due settimane negli individui con insonnia da lieve a moderata. Il trattamento con un estratto di erbe di radix valerianae ha dimostrato effetti positivi sulla struttura del sonno e sulla percezione del sonno dei pazienti con insonnia e può quindi essere raccomandato per il trattamento di pazienti con lieve insonnia psicofisiologia.

 

Effetto della valeriana sulla qualità del sonno nelle donne in post menopausa:

I disturbi del sonno riducono la qualità della vita. Circa il 50% delle donne in post menopausa sperimenta disturbi del sonno come l’insonnia. Terapie mediche complementari e alternative possono essere utili per la gestione dei disturbi del sonno tra le donne in post menopausa. Lo scopo del presente studio era quello di valutare gli effetti dell’estratto di valeriana prelevato di notte sul miglioramento della qualità del sonno nelle donne in post menopausa che sperimentano l’insonnia.

È stato segnalato un cambiamento statisticamente significativo nella qualità del sonno del gruppo d’intervento rispetto al gruppo placebo (P < 0,001). Inoltre, il 30% dei partecipanti al gruppo d’intervento e il 4% del gruppo placebo hanno mostrato un miglioramento della qualità del sonno (P < 0,001).

La valeriana migliora la qualità del sonno nelle donne con menopausa che stanno vivendo l’insonnia. I risultati di questo studio aggiungono supporto all’efficacia riportata della valeriana nella gestione clinica dell’insonnia.

Depressione

La radice di valeriana (Valeriana officinalis) contiene mono- e sesquiterpeni, e iridoidi. La valeriana non ha usi specifici nelle madri che allattano, ma è più comunemente usata per trattare l’ansia e i disturbi del sonno, e occasionalmente per l’autotrattamento della depressione  postpartum o della depressione. Non esistono dati sulla sicurezza e l’efficacia della valeriana nelle madri che allattano o nei neonati. In generale, la valeriana è ben tollerata, con effetti collaterali come vertigini, sbornia o mal di testa riportati occasionalmente. Poiché non esiste un’esperienza pubblicata con la valeriana durante l’allattamento al seno, può essere preferita una terapia alternativa, specialmente durante l’allattamento di un neonato .

Altri utilizzi :

 

  • Artrite reumatoide
  • Menopausa
  • HIV
  • Fibromialgia
  • Problemi digestivi: la valeriana viene utilizzata come rimedio casalingo per i crampi allo stomaco. Sebbene possa ridurre gli spasmi muscolari, le prove attuali non supportano l’uso della valeriana come aiuto digestivo .
  • Sindrome delle gambe senza riposo (RLS): uno studio di 8 settimane su 37 persone con Sindrome delle Gambe senza Riposo (RLS) ha scoperto che la valeriana ha migliorato significativamente i sintomi di RLS .
  • Salute cardiaca, rafforza i vasi sanguigni e migliora la loro elasticità .
  • Mal di testa

 

Non va assunta in concomitanza con :

  • Benzodiazepine, come il lorazepam
  • Barbiturici, come fenobarbital
  • Narcotici, come la codeina
  • Antidepressivi, come la fluoxetina (Prozac)
  • Antistaminici, come la difenidramina
  • Alcol

 

Un ottimo prodotto è Alato 17, disponibile qui ALATO 17 (lafenicesas.it)  o in farmacia

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi