Inositolo, salute naturale e medicina folclorica

DiAlessandra Zarone

Inositolo, salute naturale e medicina folclorica

Inositolo, salute naturale e medicina folclorica

L’inositolo è sintetizzato dal glucosio dai batteri all’interno del nostro intestino. Sebbene l’inositolo venga sintetizzato dal corpo, gli esseri umani hanno bisogno di fonti esterne: il mio-inositolo e il d-chiro inositolo. Gli studi indicano che la maggior quantità di mio-inositolo si trova in frutta e verdura fresca. Svolge una potente azione ansiolitica, antidepressiva ed antistress, paragonabile a quella dei farmaci. É, inoltre, efficace nel trattamento della sindrome dell’ovaio policistico ed in particolare di molti disturbi ad essa associati.

L’inositolo è spesso indicato come vitamina B7, ma in realtà non è una vitamina. È un tipo di zucchero che:

  • Influenza la risposta all’insulina e diversi ormoni associati all’umore e al sistema cognitivo.
  • Ha anche proprietà antiossidanti che combattono gli effetti dannosi dei radicali liberi nel cervello, nel sistema circolatorio e in altri tessuti corporei.

 Si trova nella carne e nelle uova, arance, pesche e pere, banane, nei cereali e nel grano non raffinato, legumi e germogli, come peperoni, pomodori, patate e asparagi, a verdure a foglia verde, noci e semi.

Inositolo è indicato in caso di:

  • ansia
  • depressione
  • diabete
  • sindrome metabolica
  • attacchi di panico
  • sindrome dell’ovaio policistico

 

È una sostanza che si trova naturalmente in molti alimenti:

Mais

Zea mays (Poaceae) Mais, Mais, Cornsilk, Yu Mi Shu (cinese)

L’alimento base dell’America centrale e meridionale per almeno 4.000 anni, il mais è anche usato in medicina in innumerevoli modi diversi. Gli Aztechi diedero un decotto di farina di mais per la dissenteria e il “calore nel cuore” e per aumentare la produzione di latte materno. Chiamato “Cornsilk” è sempre stato utilizzato in medicina, ed è di particolare nel trattamento dell’apparato urinario. Coltivato quasi universalmente come coltura alimentare, il mais è originario delle Ande e dell’America Centrale, probabilmente originario del Perù. Si propaga dal seme in primavera. Il cornsilk viene raccolto con la pannocchia matura in estate, quindi separato ed essiccato. Specie correlata è Cornsmut (Ustilago zeae), un fungo che cresce sul mais, viene utilizzato dagli Zuni del New Mexico per accelerare il parto e fermare l’emorragia uterina. La farina di mais alle erbe è stata utilizzata dai nativi americani per una vasta gamma di disturbi. Un impiastro efficace ed è stato somministrato presso Maya e Inca per trattare lividi, gonfiori, piaghe, bolle e condizioni simili. Gli indiani Chickasaw trattavano il prurito della pelle, seguito da piaghe, bruciando vecchie pannocchie di mais e tenendo la parte interessata sopra il fumo. Rimedio urinario, Cornsilk è un diuretico ad azione delicata con una lieve attività antibiotica.’ Può aiutare nei casi acuti e cronici di cistite ed è comunemente usato nei disturbi della prostata. Può anche rivelarsi utile nella minzione frequente e irritabilità della vescica. Cornsilk ha un effetto benefico sui reni, riduce la formazione di calcoli renali e allevia alcuni dei sintomi dati dalla calcolosi.

Mais (Zea mays L.) “mandamîn” [buona bacca]. I Potawatomi della foresta coltivano gli attuali tipi di mais e anche il proprio mais calico, che è di una varietà dolce. Né la memoria né la tradizione vanno abbastanza lontano nell’antichità per raccontare quando erano senza mais, il mais è stato dato loro dal Grande Spirito.

In Cina, è usato per trattare la ritenzione di liquidi e l’ittero.

Semi di sesamo Sesamo

Sesamum indicum (Pedaliaceae) Sesamo, Hei Zhi Ma

Originario dell’Africa, il sesamo è coltivato nelle aree tropicali e subtropicali di tutto il mondo. La radice viene portata alla luce in estate; i semi vengono raccolti dopo che le capsule di semi sono diventate marrone-nere. Il sesamo era una delle piante trovate nella tomba di Tutankhamon (1370–1352 a.C.).

Nell’antico Egitto, i semi venivano mangiati e anche pressati per produrre olio, che veniva bruciato nelle lampade e usato per fare unguenti. Il sesamo è considerato magico, e la frase “Apriti sesamo!”, da “Le mille e una notte”, celebre raccolta di narrazioni orientali (di origine egiziana, mesopotamica, indiana, persiana, costituita a partire dal X secolo) , composta da differenti autori rimane un noto comando magico.

Il sesamo è principalmente usato come agente alimentare e aromatizzante in Cina, ma è anche per affrontare stati di carenza, in particolare quelli che colpiscono il fegato e i reni. I semi sono prescritti per problemi come vertigini, acufene (ronzio nelle orecchie) e visione offuscata (quando è causata da anemia).

A causa del loro effetto lubrificante all’interno del tratto digestivo, i semi sono anche considerati un rimedio per la stitichezza. I semi hanno una spiccata capacità di stimolare la produzione di latte materno. L’olio di semi di sesamo beneficia la pelle e viene utilizzato come base per i cosmetici. Può essere usato per trattare problemi di pelle fungina come il piede d’atleta.

La ricerca suggerisce che i semi di sesamo hanno attività antibatterica e antifungina. Abbassano il colesterolo e supportano i livelli di “colesterolo buono” (HDL). neroli diluito viene applicato come olio da massaggio rilassante.

 

Paesi arabi:

I semi essiccati sono usati esternamente sotto forma di cerotto come contraccettivo nella medicina Unani. L’olio di semi viene applicato sul glande del pene prima del coito per prevenire il concepimento.

Cina:

L’estratto di semi con acqua calda viene assunto per via orale per l’impotenza. L’olio di semi viene assunto per via orale per la tubercolosi.

Malesia:

L’estratto di semi con acqua calda viene assunto per via orale come emmenagogo e in una grande dose come abortivo. L’olio di semi viene assunto per via orale come emmenagogo e utilizzato dai maschi come tonico per la nevrastenia sessuale.

Messico:

I semi, macinati e mescolati con mais, vengono mangiati per aumentare il flusso di latte nelle madri che allattano.

Marocco:

I semi vengono mangiati come ipnotici e stimolanti e presi dalle femmine come stimolanti per l’allattamento

Corea del Sud:

L’estratto di semi con acqua calda viene assunto per via orale per indurre le mestruazioni.

 

Avena, avena sativa (Poaceae)

Originaria del nord Europa, l’avena è ora coltivata nelle regioni temperate di tutto il mondo come coltura cerealicola. Vengono raccolti a fine estate.

Tale rimedio esisteva in Europa durante l’Età del Bronzo e non si stabilì in Gran Bretagna fino all’Età del Ferro. In passato, la paglia d’avena veniva utilizzata per riempire i materassi, dimostrandosi utile per chi soffre di reumatismi. In “The English Physitian “(1652) Nicholas Culpeper afferma che “Un impiastro fatto di farina d’avena e un pò di olio di alloro aiuta il prurito e la lebbra”.

In passato, le persone che si stavano riprendendo dalle malattie mangiavano farina d’avena perché era facilmente digeribile. I medici nell’antichità consigliavano alle persone oberate di lavoro di bere una bevanda composta da vino e avena. Si diceva che la bevanda ripristinasse energia nervosa. La farina d’avena serviva anche come trattamento per problemi della pelle.

L’avena è meglio conosciuta come un cereale nutriente, ma giova alla salute in molti altri modi. La crusca d’avena abbassa il colesterolo e una dieta a base di avena può migliorare la resistenza. L’avena, e la paglia d’avena in particolare, sono tonici se assunti in medicina. La paglia d’avena è prescritta da erboristi medici per trattare la debilitazione generale e un’ampia varietà di condizioni nervose. I grani e la paglia sono leggermente antidepressivi, aumentando delicatamente i livelli di energia e sostenendo un sistema nervoso sovraccarico.

I grani e la paglia sono leggermente antidepressivi, aumentando delicatamente i livelli di energia e sostenendo un sistema nervoso sovraccarico. L’avena è usata per trattare la depressione e la debilitazione nervosa e l’insonnia in coloro che soffrono di esaurimento nervoso. L’avena è uno dei principali aiuti a base di erbe alla convalescenza dopo una lunga malattia.

Esternamente, è emolliente e purificante, e un decotto teso in un bagno può aiutare a lenire prurito ed eczema.

Nella ricerca intrapresa in Australia, gli atleti che sono stati sottoposti a una dieta a base di avena per 3 settimane hanno mostrato un aumento del 4% della resistenza. L’avena è pensata per aiutare a mantenere la funzione muscolare durante l’allenamento e l’esercizio fisico.

Riso:

Riso selvatico (Zizania palustris L.) 350 “manomîn” [bacca buona]. Uno dei più grandi alimenti aborigeni nella parte settentrionale degli Stati Uniti è il riso selvatico. Tutte le tribù del nord ne erano a conoscenza, compresi i Potawatomi della foresta, e lo raccolsero per la loro scorta invernale di cibo. È menzionato per la prima volta dai bianchi, quando Jacques Cartier di St. Malo, in Normandia, riferì il suo viaggio nel 1534 per il re Francesco I di Francia.

Lo chiamò mais selvatico, come la segale, e parlando del mais indiano, lo chiamò Gran Miglio. I Potawatomi più poveri depongono grandi quantità di riso selvatico per il loro uso invernale. La raccolta e la preparazione del Riso Selvatico è molto laboriosa.

Riso selvatico, Zizania palustris L., “manomîn” (bacca buona). Uno dei più grandi alimenti aborigeni nella parte settentrionale degli Stati Uniti è il riso selvatico. Tutte le tribù del nord ne erano a conoscenza, compresi i Potawatomi della foresta, e lo raccolsero per la loro scorta invernale di cibo. È menzionato per la prima volta dai bianchi, quando Jacques Cartier di St. Malo, in Normandia, riferì il suo viaggio nel 1534 per il re Francesco I di Francia. Lo chiamò mais selvatico, come la segale, e parlando del mais indiano, lo chiamò Gran Miglio.

Banana:

Musa spp. (Musaceae)

Le specie Musa sono originarie dell’India e del sud-est asiatico e sono ampiamente coltivate nelle regioni tropicali e subtropicali. Il frutto viene generalmente raccolto quando immaturo e poi lasciato maturare. Le foglie vengono raccolte come richiesto.

Il frutto della banana delizioso e altamente nutriente è la resa di un’attenta orticoltura, che ha avuto le sue origini con piante selvatiche in epoca preistorica.

Il frutto maturo della banana è delicatamente lassativo, mentre il frutto acerbo è astringente e usato per trattare la diarrea. Il frutto stimola la produzione di emoglobina e può quindi rivelarsi utile nella prevenzione o nel trattamento dell’anemia. La banana è una semplice aggiunta alle diete volte ad abbassare la pressione alta. Dato il contenuto di serotonina del frutto, alcuni praticanti raccomandano di assumere tre banane al giorno per aiutare a trattare l’emicrania e la depressione.

Uno sciroppo a base di platano viene preso per tosse e bronchite.

Filippine: l’indigestione viene curata arrostendo la banana acerba.

Bangladesh: il succo del rachide dell’infiorescenza viene assunto per via orale per dissenteria sanguinolenta

Brasile: la cenere della foglia secca viene utilizzata nella masticazione delle foglie delle specie Erythroxyum. L’estratto di acqua calda della foglia fresca viene assunto per via orale per trattare l’ipertensione o per indurre la diuresi.

Isole Cook: il succo della poppa fresca viene utilizzato esternamente per l’herpes zoster.

Figi: il frutto bollito viene mangiato per arrestare la dissenteria. Per le ustioni, la cenere della foglia secca viene mescolata con olio di cocco e applicata. La foglia immatura viene applicata come medicazione per ustioni e vesciche. La linfa fresca viene assunta per via orale per la sterilità nei maschi.

Guyana francese: il fiore è preso per via orale come emmenagogo. Il pericarpo del frutto acerbo viene assunto per via orale come abortivo.

Ghana: l’infiorescenza essiccata e il peduncolo vengono macinati, quindi aggiunti al carbone e usato come dentifricio.

Noce

Juglans cinerea, butternut, noce bianca, era un rimedio nativo per i disturbi digestivi, ed è diventato uno dei lassativi più utilizzati nel secolo scorso. È stato elencato nella Farmacopea degli Stati Uniti (1820-1905) ed è ora utilizzato dagli erboristi per la stitichezza associata a dispepsia, disfunzione epatica ed eruzioni cutanee. Anche se fortemente purgante, è abbastanza sicuro per le donne incinte. Foglie e gusci di noce erano la principale fonte di tinture per capelli castani fino all’inizio del XX secolo, un uso descritto per la prima volta da Plinio (A.D.23-79).

Juglans regia L. è la noce più diffusa al mondo. L’albero è comunemente chiamato noce persiano, noce bianca, noce inglese o noce comune. Appartiene alle Juglandaceae. La specie di noce è originaria del vecchio mondo. È originaria di una regione che si estende dai Balcani verso est fino alla catena himalayana occidentale e fu coltivata in Europa già nel 1000 a.C. La parte di seme del frutto (nocciolo) viene consumata fresca, tostata o mescolata con altri dolciumi. In Medio Oriente le noci vengono aggiunte da sole o insieme a mandorle, datteri e uvetta a una speciale preparazione di pasticceria chiamata “Ma’moul”.

Le foglie sono state utilizzate principalmente nelle medicine tradizionali mondiali come antimicrobico, antielmintico, astringente, cheratolitico, antidiarroico, ipoglicemico, depurativo, tonico, carminativo e per il trattamento di sinusite, freddo e mal di stomaco. Nella medicina popolare turca, foglie fresche applicate sul corpo nudo o sulla fronte per ridurre la febbre o sull’articolazione gonfiata per alleviare il dolore reumatico. È stato utilizzato per il trattamento delle malattie infiammatorie intestinali nella medicina tradizionale iraniana. In Palestina, è usato per il trattamento del diabete e dell’asma, per trattare la prostata e disturbi vascolari. Viene utilizzata come rimedio topico per l’infiammazione dermica e l’eccessiva sudorazione delle mani e dei piedi. È anche un rimedio casalingo comune per il trattamento dell’eczema cronico e della scrofola. Le foglie sono usate localmente per trattare il prurito e la forfora del cuoio capelluto, le scottature solari e le ustioni superficiali, nonché un emolliente aggiuntivo nei disturbi della pelle. Ha anche un alto potenziale anti-aterogeno e una notevole attività osteoblastica che si aggiunge all’effetto benefico di una dieta arricchita di noci sulla cardio protezione e la perdita ossea. La corteccia, i rami e l’esocarpo del frutto verde acerbo sono stati usati per trattare il cancro gastrico, epatico e polmonare. È usato dal guaritore tradizionale nella regione nord-orientale del Messico per proteggere dai danni al fegato. La corteccia è usata come per la pulizia dei denti. In Nepal, la pasta di corteccia è utile nell’artrite, nelle malattie della pelle, nel mal di denti e nella crescita dei capelli. Il rivestimento del seme è usato per guarire le ferite. Internamente è indicata per costipazione, tosse cronica, asma e calcoli urinari (foglie); diarrea e anemia (corteccia); e problemi mestruali e pelle secca (olio). Esternamente per eczema, herpes, disturbi cutanei eruttivi, infiammazioni oculari e perdita di capelli. E ‘considerata nella Medicina Tradizionale Cinese come un tonico per l’energia renale indebolita. Nella medicina folklorica sono utilizzate varie parti di J. regia per una vasta gamma di disturbi, tra cui elmintiasi, diarrea, sinusite, mal di stomaco, artrite, asma, eczema, scrofola, disturbi della pelle, diabete mellito, anoressia, disfunzione tiroidea, cancro e malattie infettive.

La corteccia fra gli Indiani d’America è usata come spazzolino da denti e la buccia del frutto acerbo viene utilizzata per annerire i peli. L’olio di semi è usato per problemi cerebrali e considerato come tonico generale. Il legno è anche una fonte di combustibile e utilizzato per la produzione di oggetti domestici e maniglie.

I coloni americani utilizzavano la corteccia per le sue proprietà catartiche, alterative, toniche, antielmintiche, astringenti e colagoghe. La corteccia interna della radice e le foglie sono state utilizzate per curare la stitichezza abituale e le malattie intestinali. Decotti della corteccia della radice sono stati usati nelle febbri e anche per curare le malattie del bestiame.

Butternut (Juglans cinerea L.) “baganak“. I Potawatomi usano questa corteccia in infuso per dare tonicità al corpo.

La corteccia era impiegata dai Nativi Americani e dai coloni del Nuovo Mondo come rimedio lassativo e tonico. È stata usata per trattare le articolazioni reumatiche e artritiche, mal di testa, dissenteria, stitichezza e ferite. Usata fino ad oggi come lassativo e tonico, è un prezioso rimedio per la stitichezza cronica, in quanto è un delicato lassativo. Abbassa anche i livelli di colesterolo e promuove la rimozione dei prodotti di scarto da parte del fegato. È indicata nel trattamento dei vermi intestinali, essendo antimicrobico e astringente, è stata prescritta come trattamento per la dissenteria.

Nocciole

Le nocciole erano un alimento già in uso nel Mesolitico.

Il nocciolo europeo (Corylus avellana) è usato occasionalmente nella fitoterapia europea come astringente per trattare la diarrea. L’olio è nutriente e può essere usato per trattare i vermi intestinali nei bambini. Nella medicina popolare, le nocciole crude sono raccomandate a esaurimento mentale e anemia, estratti a base di corteccia e foglie sono utilizzati nei disturbi del sistema circolatorio. La corteccia tritata ed applicata come impiastro era un rimedio contro il tumore, anche un unguento a base di foglie, nocciole e miele era utilizzato per lo stesso scopo.

Beaked Hazelnut, Corylus rostrata Ait “cîkane’samîc”, “cîkana’- sîmînaga’wîc”

Questa è l’unica specie di nocciola trovata nella contea di Forest, contea dello Stato del Wisconsin, dove i Potawatomi usano la corteccia interna in combinazioni medicinali, come astringente.

Agrumi

Citrus aurantium (Rutaceae), arancio, è originario dell’Asia tropicale, questo albero è ora coltivato in tutti i tropici e subtropicali. Frutteti di arancio amaro si trovano lungo la costa mediterranea, soprattutto in Spagna. gli oli essenziali di arancia amara, in particolare neroli, sono sedativi. Nella medicina occidentale, questi oli sono usati per ridurre la frequenza cardiaca e le palpitazioni, per incoraggiare il sonno e per lenire il tratto digestivo. L’acqua distillata dei fiori è antispasmodica e sedativa.

L’arancia amara ha fornito cibo e medicine per migliaia di anni. Produce olio di neroli dai suoi fiori e l’olio noto come petitgrain dalle sue foglie e dai giovani germogli. Se assunto in eccesso, tuttavia, il suo contenuto di acido può esacerbare l’artrite. Nella fitoterapia cinese, il frutto acerbo, noto come “zhi shi”, è pensato per “regolare il qi”, contribuendo ad alleviare la flatulenza e il gonfiore addominale e ad aprire le viscere. L’arancia amara ha fornito cibo e medicine per migliaia di anni. Produce olio di neroli dai suoi fiori e l’olio noto come petitgrain dalle sue foglie e dai giovani germogli. Entrambi i distillati sono ampiamente utilizzati in profumeria. L’acqua di fiori d’arancio è un sottoprodotto della distillazione e viene utilizzata in profumeria e per aromatizzare caramelle e biscotti, oltre ad essere utilizzata in medicina.

Il frutto fortemente acido dell’arancia amara stimola la digestione e allevia la flatulenza. Si pensa che un’infusione del frutto lenisca il mal di testa, calmi le palpitazioni e la febbre più bassa. Il succo aiuta l’organismo ad eliminare i prodotti di scarto e, essendo ricco di vitamina C, aiuta il sistema immunitario a scongiurare le infezioni. Se assunto in eccesso, tuttavia, il suo contenuto di acido può esacerbare l’artrite. Nella fitoterapia cinese, il frutto acerbo, noto come zhi shi, è pensato per “regolare il qi”, contribuendo ad alleviare la flatulenza e il gonfiore addominale e ad aprire le viscere. Gli oli essenziali di arancio amaro, in particolare neroli, sono sedativi. Nella medicina occidentale, questi oli sono usati per ridurre la frequenza cardiaca e le palpitazioni, per incoraggiare il sonno e per lenire il tratto digestivo. Il neroli diluito viene applicato come olio da massaggio rilassante. L’acqua distillata dei fiori è antispasmodica e sedativa. Specie affini Il lime (C. aurantiifolia) e il limone hanno proprietà nutrizionali simili a quelle dell’arancio amaro.

Citrus bergamia syn. bergamia (Rutaceae) Bergamotto

Originario dell’Asia tropicale, il bergamotto è coltivato nelle regioni subtropicali, in particolare nell’Italia meridionale

L’olio di bergamotto, ottenuto dalla buccia, fornisce il sapore distintivo del tè Earl Grey. L’olio (o i suoi costituenti) viene talvolta aggiunto agli oli abbronzanti. Il bergamotto è poco usato in erboristeria, ma può essere usato per alleviare la tensione, rilassare gli spasmi muscolari e migliorare la digestione.

L’olio di bergamotto, espresso dalla buccia, fornisce il sapore distintivo del tè Earl Grey. L’olio (o i suoi costituenti) viene talvolta aggiunto agli oli abbronzanti. Il bergamotto è poco usato in erboristeria, ma può essere usato per alleviare la tensione, rilassare gli spasmi muscolari. Nella fitoterapia cinese, chou wu tong è prescritto per dolori articolari, intorpidimento e paralisi e, occasionalmente, per eczema. Tradizionalmente considerata come una pianta che “dissipa l’umidità del vento”, ora viene utilizzata anche per aiutare ad abbassare la pressione sanguigna. La pianta è leggermente analgesica. E ‘stato identificato come agente antiansia e viene utilizzato nel trattamento dell’irritabilità e della schizofrenia.

Un ottimo prodotto contenente Inositolo è Alato 13 , disponibile qui o in farmacia.

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta