Archivio dei tag calvizie

DiAlessandra Zarone

Un approccio  naturale a stress psicofisico con Muira Puama  

Un approccio  naturale a stress psicofisico con Muira Puama

 

Lo stress psicologico induce inoltre variazioni nei livelli di molte sostanze a cui è sensibile il sistema immunitario: l’ormone della crescita, (GH), l’ormone stimolante
la tiroide (TSH), la prolattina, l’ossitocina, il testosterone e altri .
In seguito all’innalzamento del livello di adrenalina e noradrenalina nel sangue, si verifica un effetto di immunosoppressione che insieme a un’iperattivazione del sistema simpatico si trasforma in stato patologico, se le condizioni di stress permangono. C’è dunque una catena fisiologica che ci porta a rispondere ai mutamenti, ai cambiamenti, agli stimoli esterni o agli stimoli interiori, consentendoci di rispettare il nostro orologio interno, il nostro modo di essere.
Quando questa serie di operazioni biochimiche, metaboliche e ormonali, sotto pressioni esterne o interne, si altera si dà il via a uno stato di malattia.

Le cause:

  • Fattori biofisici: il dolore  cronico, le malattie invalidanti, l’inquinamento acustico, condizioni ambientali ostili o sfavorevoli.
  • Fattori psicosociali: competitività esasperata, frustrazioni, senso di inadeguatezza, sovraffollamento, cambiamenti improvvisi, ripetitività esasperata.
  • Fattori psicologici individuali: tutti gli eventi che impediscono l’autonomia personale ,il lutto, l’abbandono,  la fine di relazioni significative.

Le persone più a rischio sono caratterizzate da :

– scarsa autostima
– passività
– ansia sociale
– umore depresso
– senso di inadeguatezza
– allontanamento dagli altri
– debolezza e remissività
– scarsa consapevolezza di sé (Io debole)
– dipendenza affettiva

Ecco quali sono gli avvertimenti da non sottovalutare:

  • Contrazione muscolare ricorrente soprattutto a collo spalle, regione addominale e lombare
  • Palpitazioni
  • Oppressione al petto e senso di soffocamento, con respiro rapido e affannato
  • Pruriti e dermatiti ricorrenti
  • Secchezza della bocca
  • Sudorazione abbondante e continua senza motivi fisici apparenti
  • Tremito alle mani e capogiri
  • Mal di testa ripetuti, soprattutto a fine giornata o durante il fine settimana
  •  Estrema debolezza fisica e sensazione di stanchezza (sindrome da affaticamento cronico)
  •  Difficoltà digestive e intestinali persistenti (bruciori di stomaco, reflusso gastrico o diarrea)
  • Continuo stato di agitazione, allarme, preoccupazione per eventi non chiari e distinti, stati d’ansia anche senza motivo imminente.
  •  Difficoltà di concentrazione, incapacità di mantenere l’attenzione su ciò che si sta facendo, fatica nel memorizzare e richiamare le informazioni.
  • Percezione di aver raggiunto il limite e di essere sul punto di esplodere.
  • Sentirsi impotenti a cambiare le cose.
  • Essere facilmente agitati o sconvolti.
  • Sensazione di essere perennemente in ritardo.
  • Calo dell’interesse sessuale.
  • Irritabilità, nervosismo, scatti di rabbia e talvolta atteggiamenti aggressivi.
  • Momenti di tristezza immotivata e di disinteresse.
  • Disturbi del sonno.
  • Tendenza al consumo eccessivo di cibo o perdita dell’appetito.
  • Abuso di alcol o psicofarmaci.
  • Comparsa di tic e gesti compulsivi (come controllare ossessivamente il gas, le luci, le serrature).
  • Insofferenza nei confronti di persone o situazioni che interferiscono con la normale routine.
  • Perdita del senso dell’umorismo.
  • Guida “aggressiva”.

Muira Puama

Muira puama è un tipo di albero le cui radici e steli sono usati in modo medicinale. Con una lunga storia di utilizzo nella medicina popolare brasiliana, si dice spesso che agisca come un afrodisiaco naturale. Muira puama tratta problematiche sessuali sia negli uomini che nelle donne, depressione, disfunzione erettile, dolori articolari, perdita di appetito, disturbi mestruali, sindrome premestruale e mal di stomaco.

Muira puama è anche talvolta usato come adattogeno, una sostanza pensata per aumentare la resistenza del corpo agli effetti negativi dello stress cronico, problemi di memoria legati all’invecchiamento.

Muira puama è altamente raccomandato come afrodisiaco naturale, fa parte della Farmacopea Brasiliana Uno studio condotto da ricercatori ha riferito che muira puama può migliorare la capacità di erezione di oltre il 50% in uomini di mezza età o anziani.

Frigidità femminile

Muira puama è efficace per trattare il basso desiderio sessuale o la frigidità nelle donne. Secondo lo studio condotto nel  1990, presso l’Istituto di Sessuologia di Parigi, in Francia, l’assunzione continuata per un mese ha aumentato del 65 per cento  il desiderio sessuale .

Sindrome premestruale

Muira puama può essere usato per trattare la sindrome premestruale con sbalzi d’umore, crampi mestruali e debolezza .

Esaurimento nervoso e depressione

Tale rimedio cura l’esaurimento nervoso ed i sintomi ad esso connessi, quali: mal di testa, affaticamento, mancanza di motivazione, inadeguatezza, depressione, infonde buon umore.

Artrite reumatoide

L’artrite reumatoide è uno dei sintomi della malattia autoimmune caratterizzata da dolore articolare. L’assunzione regolare di muira puama riduce  la causa del dolore.

Mal di stomaco

Muira puama può essere usato per trattare nausea, vomito e  mal di stomaco.

Prevenzione  dell’Alzheimer

Muira puama migliora la quantità di acetilcolina nel cervello un importante neurotrasmettitore del cervello,  aiuta a mantenere una sana funzione cerebrale  e a prevenire il morbo di .

Prevenzione del cancro

I benefici per la salute di Muira puama contengono lignani, una sostanza che non solo può migliorare il desiderio sessuale, ma anche prevenire alcuni tipi di cancro, in particolare agli organi sessuali, prostata, endometrio, ovario e cancro al seno.

Diarrea

La diarrea è un problema comune che si verifica nel tratto di digestione. Le feci acquose nel malato di diarrea sono causate da un problema nell’intestino crasso. Durante il processo di defecazione, l’intestino crasso non riesce ad assorbire l’acqua dalle feci e innesca la diarrea. Molti fattori possono causare diarrea come l’infezione da batteri, cibo piccante e acido, muira puama è un rimedio efficace.

Paralisi

A causa del suo effetto sul sistema nervoso centrale, muira puama è usato per trattare la paralisi anticamente dagli amerindi.

I brasiliani usano muira puama per trattare beriberi, una condizione in cui il corpo non ha abbastanza vitamina B, soprattutto tiamina. Beriberi può causare debolezza muscolare e paralisi.

Influenza

Muira puama previene, cura e allevia l’influenza, in quanto aumenta il sistema immunitario .

Tonico cardiaco

Utile in caso di debolezza cardiaca, di insufficienza cardiaca e malattie cardiache. Può essere fatale se non viene trattato bene, aumenta le prestazioni del cuore, riduce la debolezza muscolare cardiaca.

Calvizie

L’integrazione di muira puama può prevenire la perdita di pelo che si traducono in calvizie.

Stress

L’assunzione di muira puama come integratore è efficace per ridurre lo stress.

Sistema nervoso centrale

Muira puama è usato come tonico neurale da molto tempo. È stato dimostrato che l’estratto della radice e della corteccia di muira puama può migliorare la funzione del sistema nervoso centrale e alleviare alcuni disturbi mentali.

Sonno

L’assunzione di muira puama prima del sonno, ne migliora la qualità e lo rende profondo.

Infiammazioni

Riduce le infiammazioni connesse al  sistema nervoso , ischialgia, un processo patologico che interessa il nervo sciatico e il dolore alla spina dorsale.

Resistenza

Muira puama è commercializzato in Brasile come tonico stimolante per il corpo.

 

A tua disposizione con un percorso naturopatico

 

Un ottimo rimedio è Alato 14 , disponibile qui o in farmacia.

 

DiAlessandra Zarone

Le proprietà sconosciute del Rosmarino

Effetti terapeutici dell’Essenza floreale:

Il Rosmarino è una pianta sottovalutata e banalizzata, dalle proprietà sconosciute. Non tutti sanno che l’essenza floreale di Rosmarino protegge contro la sensazione di essere impotente, combina l’energia e rafforza la vitalità . Nello stato di squilibrio, la persona , non è connessa  con il proprio corpo, ed è caratterizzata da una  mancanza di fisico, calore  e  vitalità nel corpo, l’assunzione di tale essenza,consente di riconnettersi al corpo e di percepire una piacevole sensazione di calore.

La sua azione si rivolge tramite il cuore e si riversa sull’intero organismo influendo sul pericardio. Si impiega nelle debolezze generali, sia fisiche che psichiche,sia nei casi di perdita di memoria e nelle affezioni del sistema nervoso. 

Qualche cenno di Spagyria:

La funzionalità secondaria mercuriana lo rende un ottimo antisettico polmonare. L’estratto spagyrico di rosmarino in unione alla menta e alla lavanda,svolge un’azione stimolante a livello psico-corporeo.

Il Rosmarino nella tradizione popolare:

Il rosmarino (Rosmarinus officinalis) non è soltanto una delle erbe principali della festa del Precursore, usata insieme con l’iperico, la lavanda e la ruta per la cosiddetta «acqua di San Giovanni», ma una pianta che fin dall’antichità ha ispirato leggende, tradizioni e medicamenti miracolosi. Il suo nome latino, rosmarinus, lo collega  al mare: secondo alcuni etimologi deriverebbe da rosrugiada, e maris, del mare. Secondo altri da rosa e maris, e significherebbe «rosa del mare». Ma vi è anche chi sostiene che ros derivi da rhus, arbusto, arboscello: dunque rosmarino significherebbe «arbusto del mare». In ogni modo il suo fiore azzurro rammenta proprio il colore dell’acqua marina.

Nel linguaggio amoroso dei fiori evoca un cuore felice, e se lo si regala trasmette il messaggio: «Sono felice quando ti vedo».

Tradizione ermetica:

Secondo la tradizione ermetica è la pianta del terzo decano dei Gemelli e presiede alle mani e ai loro mali. Per questo motivo nei riti di purificazione le abluzioni manuali con soluzioni al rosmarino erano la condizione per ogni guarigione. Lo si usava anche nelle cerimonie religiose in luogo dell’incenso.

Il Rosmarino era simbolo di immortalità:

Per gli Egizi era simbolo di immortalità, tant’è vero che usavano metterne una manciata in mano al defunto per facilitarne il viaggio nell’oltretomba. I Romani, invece, incoronavano con rosmarino le statuette dei Lari, geni familiari della casa.

L’uso funerario dell’erba si diffuse in gran parte del mondo mediterraneo
ma anche nel Nord, tant’è vero che una volta nell’Europa settentrionale si accompagnavano i morti al cimitero con un suo rametto in mano, mentre da noi si componevano le corone funerarie con alloro, mirto e rosmarino.

Il simbolismo del Rosmarino:

Il simbolismo di rinascita e d’immortalità della pianta ha ispirato una serie di credenze sull’influsso benefico che eserciterebbe sulla psiche e sul corpo. Nelle campagne bolognesi dell’Ottocento si pensava che i suoi fiori, posti a contatto con la pelle, specialmente all’altezza del cuore, donassero la felicità: una credenza antichissima, testimoniata
dal suo nome dorico, makarites, ovvero «beato».

 

Le foglie, a loro volta, messe sotto il letto, avrebbero avuto la virtù di evitare brutti sogni mentre il profumo della pianta, posta in un vaso alla finestra o vicino alla porta, avrebbe allontanato gli effluvi che portavano malattie. Fu usato quale pianta di buon auspicio nel giorno delle nozze perché simboleggiava anche la Sincerità. La pianta proteggeva infine contro i fulmini: opinione che dev’essere nata dalla figura di donna, descritta nel Corpus hermeticum, che regge una folgore in una mano.

Le leggende medievali:

Nel Medioevo le credenze sulle virtù magiche del rosmarino con il legno del quale si fabbricavano scatole e oggetti vari,considerati talismani e amuleti, e persino cucchiai, che avrebbero impedito gli avvelenamenti, e pettini per proteggersi dalla calvizie.
In Inghilterra si ritiene ancora oggi che un rametto, portato all’occhiello di un abito, favorisca qualunque impresa.
Una leggenda andalusa racconta che anche il Rosmarino avrebbe celato fra i suoi rami la Madonna e Gesù Bambino durante la fuga in Egitto impedendo ai soldati di Erode, che li stavano inseguendo, di catturarli.
Grazie alle sue qualità magiche e sacrali si attribuivano al Rosmarino fin dall’antichità stupefacenti proprietà medicinali.

Fu infatti ideata  l’Acqua della regina d’Ungheria, che disse: «Io, donna Isabella, regina d’Ungheria, di anni 72, inferma nelle membra e affetta da gotta, ho adoperato per un anno intero la presente ricetta donatami da un eremita mai da me conosciuto, la quale produsse su di me un così salutare effetto che sono guarita e ho riacquistato le forze, sino al punto di sembrare
bella a qualcuno”.

L’Aceto dei quattro ladri a base di Rosmarino:

Utilizzato durante l’epidemia di peste che colpì Tolosa fra il 1628 e il 1631. Secondo quanto attestano i registri della città, quattro ladri arrestati in flagrante mentre stavano saccheggiando le case degli appestati furono costretti a confessare, dietro promessa di aver salva la vita, qual era la misteriosa sostanza che li preservava dal contagio.
Ma appena ne rivelarono la formula furono impiccati.

 

Se desideri approfondire questo argomento, contattami.

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi