Le proprietà straordinarie di Griffonia nella medicina folclorica

DiAlessandra Zarone

Le proprietà straordinarie di Griffonia nella medicina folclorica

Le proprietà straordinarie di Griffonia nella medicina folclorica

La Griffonia simplicifolia è distribuita dalla Liberia al Gabon. La pianta di Griffonia simplicifolia si trova principalmente nei paesi dell’Africa occidentale del Ghana, della Costa d’Avorio e del Togo. La Griffonia, soprannominata il fagiolo nero, è un legume rampicante dell’Africa tropicale. Utilizzato come panacea per generazioni in Costa d’Avorio e Ghana, i suoi semi contengono un alto contenuto di antiossidanti, minerali e minerali.

Appartiene alla famiglia delle Cercideae e comprende quattro specie:

Griffonia physocarpa Baill., Griffonia tessmannii (De Wild.) Compère e Griffonia speciosa (Benth.) Taub., si i trovano in Nigeria, Repubblica Democratica del Congo e a sud fino all’Angola e meno comuni della Griffonia simplicifolia.

Nella Repubblica Democratica del Congo, Griffonia tessmannii, Griffonia physocarpa e Griffonia speciosa hanno usi medicinali simili. Un decotto delle sommità aeree viene bevuto per trattare la gonorrea e i problemi di stomaco. I bambini febbricitanti vengono immersi nello stesso decotto per abbassare la temperatura. Le foglie giovani vengono tritate e mangiate come afrodisiaco, la polpa serve a massaggiare gli edemi.

In Costa d’Avorio e Nigeria, la corteccia viene applicata alle piaghe sifilitiche. Un decotto di foglie è usato come emetico, per la tosse e afrodisiaco. Un decotto di steli e foglie viene bevuto in caso di stitichezza, ad uso esterno, un lavaggio antisettico tratta le ferite suppuranti. La linfa delle foglie viene utilizzata come collirio per curare gli occhi infiammati e bevuta o applicata come clistere per curare i problemi renali. Steli e corteccia di gambo sono triturati in una pasta che viene applicata ai denti in decomposizione e una pasta fatta dalle foglie viene applicata alle ustioni. La corteccia, mescolata con succo di limone e pepe di Capsicum, viene applicata per trattare il dolore intercostale. Si dice che masticare gli steli produca un effetto afrodisiaco. Le foglie vengono utilizzate nella produzione di vino di palma e conferiscono al vino un sapore amaro. La linfa che trasuda dagli steli tagliati può essere bevuta per dissetarsi.

Un decotto di steli e foglie viene anche usato per fermare il vomito e per trattare la congestione del bacino. Il seme è anche noto per essere un rimedio per la diarrea e il mal di stomaco.

La Griffonia simplicifolia ha potente attività antimalarica. In Ghana, è comunemente e localmente chiamato “Kagya” dagli Akan. Le radici vengono masticate e asciugate per produrre una polvere bianca che viene utilizzata dalle donne per il loro viso. Qui la pianta è usata per ferite, disturbi renali, ustioni cutanee, malattie della pelle, diarrea, vomito e mal di stomaco. Il gambo e la radice sono usati come bastoncini da masticare poiché si ritiene che producano un effetto afrodisiaco. Il gambo di G. simplicifolia è molto forte e duro, quindi, è usato come bastone da passeggio nella maggior parte delle comunità ghanesi. Le foglie sono indicate come cura efficace della malaria, alleviano la stitichezza. Un decotto degli steli e delle foglie viene somministrato internamente per fermare il vomito, esternamente come disinfettante e antibiotico.

In Costa d’Avorio e Nigeria la corteccia e polpa vengono applicate alle piaghe sifilitiche. Un decotto fogliare è usato come emetico, medicina per la tosse e afrodisiaco. Un decotto di steli e foglie è preso come purgante per trattare la stitichezza e viene usato esternamente come lavaggio antisettico per trattare le ferite suppuranti. La linfa delle foglie viene utilizzata come collirio per curare gli occhi infiammati e viene bevuta o applicata come clistere per curare i problemi renali.

Gli steli e la corteccia dello stelo sono trasformati in una pasta che viene applicata ai denti in decomposizione e una pasta fatta dalle foglie viene applicata alle ustioni.

La corteccia di ramoscello macinata, mescolata con succo di limone e pepe di capsico, viene applicata alle scarificazioni per trattare il dolore intercostale. Le foglie vengono messe nei pollai per uccidere i pidocchi.

In Nigeria un estratto della radice in polvere è stato usato per trattare l’anemia falciforme. Il legno è duro e duro e in Ghana gli steli sono usati per fare bastoni da passeggio. Le foglie sono utilizzate nella produzione di vino di palma e conferiscono al vino un sapore amaro. La linfa che trasuda dai gambi tagliati può essere bevuta per placare la sete. In Ghana le radici vengono masticate ed essiccate per produrre una polvere bianca che viene utilizzata dalle donne per polverizzare il viso.

L’uso contemporaneo come antidepressivo contrasta con gli usi tradizionali come insetticida.

Un colorante nero è ottenuto dalle foglie. I baccelli sono trasformati in fischietti giocattolo e cucchiai. Le foglie sono molto apprezzate come mangime per animali e si dice che stimolino la riproduzione. Gli steli sono usati per fare cesti e gabbie per polli, e anche battuti in fibre che fungono da spugne da masticare, un metodo popolare per la pulizia dei denti in Ghana.

Studi scientifici:

I semi di Griffonia simplicifolia Baill., sono ricchi di 5-idrossi-L-triptofano (5-HTP), un precursore diretto nella sintesi della serotonina (5-HT) e ampiamente utilizzati nella medicina tradizionale per il loro alto contenuto di 5-idrossi-l-triptofano (5-HTP), un precursore diretto e potenziatore dell’attività dell’ormone cerebrale serotonina (5-HT.

L’estratto di semi esercita un effetto ansiolitico.

Rimedio adatto per coloro che soffrono di depressione e insonnia.

Uno studio particolare voleva valutare se usarlo insieme all’acido gamma-amminobutirrico GABA avrebbe aiutato a dormire anche quando ai soggetti era somministrata caffeina.   I risultati finali hanno mostrato che induce il sonno e ne consente una migliore qualità e durata. Un altro studio voleva vedere se l’uso di questo composto aiutava con il sonnambulismo e altri gravi problemi di sonno.  I risultati di tale test hanno dimostrato che era utile.

Aiuta a perdere peso perché riduce l’appetito e aumenta la sensazione di sazietà.

Le foglie contengono un olio volatile e cumarine. I semi maturi contengono 6-14% 5-HTP.

Il cianoglucoside lithospermoside (= griffonina) contenuto nelle radici è il principio attivo contro l’anemia falciforme.

Le foglie potrebbero essere sfruttate per il trattamento delle infezioni batteriche e delle malattie associate allo stress ossidativo.

Recenti ricerche suggeriscono che i semi aumentano i livelli di serotonina nel cervello. La serotonina è importante nella regolazione della chimica del cervello ed è particolarmente importante in problemi come depressione, insonnia e disturbi alimentari. Teoricamente, l’integrazione con semi può aumentare i livelli di serotonina e fornire sollievo dalla depressione e dall’insonnia. I semi di regolano e l’appetito attraverso l’aumento della serotonina, riducono il peso nelle persone obese, mentre aiutano a normalizzare il peso delle persone che soffrono di anoressia nervosa. I semi sono stati utilizzati anche nel trattamento della fibromialgia e del mal di testa cronico al fine di ridurre il dolore.

 

Gli studi sulla depressione in pazienti con depressione unipolare o bipolare hanno dimostrato una risposta clinica significativa in 2-4 settimane a dosi di 50-300 mg tre volte al giorno.

  • Previene il mal di testa cronico.
  • È utile nel trattamento dell’insonnia, specialmente nel migliorare la qualità del sonno aumentando il sonno REM.
  • L’assunzione di Griffonia in persone affette da Fibromialgia, in cui si ha perdita di serotonina, ha dimostrato un significativo miglioramento dei sintomi, tra cui dolore, rigidità mattutina, ansia e affaticamento.
  • Rafforza il sistema immunitario e riduce gli spasmi cardiaci, è utilizzato nella gestione del morbo di Parkinson e dell’epilessia.

 

Un ottimo prodotto contenente Griffonia  è Alato 20, acquistabile qui o in farmacia.

 

 

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta