Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico: Escolzia

DiAlessandra Zarone

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico: Escolzia

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico 

 

Premessa

Il concetto di stress è relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada, nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).

Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico, ormonale, locomotorio e immunologico.

Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo

dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.

Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Escolzia

Eschscholzia californica Cham, è una pianta medicinale tradizionale degli indiani utilizzata dalla popolazione rurale della California per le sue proprietà analgesiche e sedative. Uno studio sull’estratto convalida le sue tradizionali proprietà sedative Inoltre, quando somministrato ad una dose di 25 mg/kg, E. californica ha anche  un’azione ansiolitica .

Nomi comuni: California-Poppy, Golden Cup, Gold Poppy, Yellow Poppy, Golden Poppy, Opium of The Indians. Modo d’uso: fumo, tè, frutta da masticare, tinture, estratti. Ha la reputazione di essere un’alternativa al papavero da oppio, anche se è meno potente poichè on contiene oppio. È segnalato per facilitare l’astinenza da tabacco e alcol.

Migliora la qualità del sonno naturale, rilassa il sistema nervoso, induce lieve euforia, riduce l’ansia, E’un anestetico, antispasmodico, diuretico, galattofugo, odontalgico, tranquillante. Il sovradosaggio causa : mal di testa, irritazione dell’occhio, nausea, effetti da sbornia del giorno successivo, sudore che induce, vomito. L’uso può causare un test delle urine a leggere positivo per gli oppiacei. Eschscholzia californica (papavero della California) è una pianta che si trova in California e viene utilizzata per i suoi valori medicinali. È un rimedio soporifero sedativo e analgesico non narcotico usato per favorire il rilassamento e utile per disturbi del sonno (insonnia), dolori, agitazione nervosa, tensione nervosa, ansia nei bambini, depressione, stanchezza mentale e fisica a lungo termine (nevrastenia), dolore ai nervi, varie condizioni psichiatriche, problemi ai vasi sanguigni, sensibilità ai cambiamenti climatici. È comunemente noto per i suoi effetti terapeutici nell’alleviare il mal di denti e agisce come tranquillante. Negli esperimenti sugli animali, è stato scoperto che agisce in modo più potente della morfina.

Gli indiani d’America, in generale, usavano il papavero californiano per il dolore delle  coliche e ha una lunga storia di uso tradizionale in Nord America.

Rimedi tradizionali del Chumash, una tribu’ di nativi americani stanziati nelle zone costiere della California centrale Le ricerche archeologiche dicono che i Chumash arrivarono dal Canale di Santa Barbara e vissero in California per millenni. I Chumash si stabilirono in alcuni insediamenti già 10.000 anni fa. Tale popolazione utilizzava Escholzia  per dismenorrea, sindrome premestruale, igiene femminile, mestruazioni pesanti, infezioni del tratto urinario, parto, allattamento, cura dell’infanzia, menopausa, malattie sessualmente trasmissibili, fertilità, contraccezione e aborti,come analgesico, sedativo e ansiolitico. Gli Studi clinici  hanno dimostrato che il papavero della California possiede un’affinità con i recettori delle benzodiazepine con flumazenil (un antagonista del recettore delle benzodiazepine) che sopprime questi effetti sedativi e ansiolitici

Un ottimo prodotto è Alato 3, contiene Escolzia, è indicato per  spasmi, contrazioni nervose, irritabilitá, nervosismo, agitazione, ansia, ipereccitabilitá, disturbi organici di origine nervosa. E’ acquistabile qui o in Farmacia.

 

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta