Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico : Giuggiolo

DiAlessandra Zarone

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico : Giuggiolo

Ansiolitici e sedativi naturali per il benessere psicofisico 

 

Premessa

Il concetto di stress è relativamente nuovo nella storia della medicina: il primo a definirlo fu Hans Selye, dell’Università di Montreal in Canada, nel 1936, che descrisse la reazione psicofisica del nostro organismo davanti a uno sforzo o a un pericolo come una sorta di “sindrome generale di adattamento”, funzionale al superamento della condizione di pericolo. Lo stress è una reazione soggettiva, diversa cioè da individuo a individuo, che scatta in presenza di condizioni che ci fanno sentire minacciati, che scuotono il nostro equilibrio, che innescano un conflitto o ci pongono di fronte a situazioni inaspettate. Gli agenti stressanti possono essere cambiamenti fisici o ambientali (sbalzi di temperatura, rumori improvvisi, variazioni di luminosità), turbamenti emotivi (un cambiamento, un litigio, una prova di qualsiasi genere, un lutto o un evento doloroso; ma anche una novità positiva, forte e inattesa); o ancora biologici (virus o batteri).

Con stress si intendono, in pratica, una serie di reazioni adattative che si manifesta a livello psichico, emotivo, neurologico, ormonale, locomotorio e immunologico.

Ognuno di noi risponde in modo differente a un evento stressante. Ecco perché la medesima situazione può risultare molto provante per alcuni e irrilevante per altri e questo

dipende dal carattere, dai valori, dai modelli di riferimento, ma anche dal vissuto personale e dallo stress pregresso.

Quando è cronico, poi, lo stress comporta un forte impoverimento energetico, che danneggia anche le nostre capacità di reazione. La glicemia perennemente rialzata aumenta il rischio di malattie legate all’eccesso di zuccheri e gli elevati livelli di trigliceridi e di colesterolo possono favorire l’aterosclerosi e l’ostruzione dei vasi sanguigni.

 

Giuggiolo

Nome botanico: Zizyphus mauritiana Lam.

Sinonimo: Z. jujuba Lam. not of Mill.; Z. spina-christi

Distribuzione nel mondo: India, Pakistan, Afghanistan, Cina, Ceylon, Australia, Trop. Africa

Usi medici popolari: Trattamento di ascessi e ferite.

La pasta di foglie fresche schiacciate viene mescolata con una piccola quantità di sapone e zucchero macinato ed è legata con un panno come benda sugli ascessi. La benda viene cambiata ogni 24 ore e il trattamento viene continuato per 3-4 giorni.

La popolazione dei villaggi orientali dell’Andra Pradesh, in India usa la colla delle foglie di questa pianta e il lattice di Ipomea carnea per trattare i brufoli. La pasta di polvere di corteccia e foglie, applicata esternamente sul petto viene usata dalla medicina popolare di questi luoghi, per trattare il dolore toracico della tosse; la polvere del frutto di Z. xylopyrus è utilizzato nel trattamento di indigestione e mal di stomaco, con aggiunta di un pizzico di zenzero. Nella medicina popolare turca, la polvere del frutto è utilizzata come sedativo.

 

 

Ziziphus spina-christi riconosciuto come giuggiola del trono di Cristo. È un piccolo albero o un arbusto spinoso che resiste fortemente alla siccità e al calore. È una pianta o un albero sempreverde nell’Africa tropicale, nel Levante e in alcuni paesi tropicali. L’indagine morfologica ha rilevato in Arabia Saudita due varietà ben definite, Z. spina-christi var. spina-christi, Z. spina-christi var. mi-crophylla e una pianta affinità con Z. spina-christi var. spina-christi. Gli arabi hanno a lungo usato Z. spina-christi nella medicina folclorica per mantenere la salute. I nativi del Medio Oriente, dell’Oriente e del Sud dell’Asia lo stanno usando per curare molte malattie come febbre, forfora, dolore, condizioni infiammatorie, ferite e ulcere, asma e disturbi agli occhi. In Medio Oriente, questa pianta è sia cibo che medicina.

Ziziphus oxyphylla si trova principalmente nelle regioni calde e tropicali del mondo. È una delle specie del genere Ziziphus ampiamente usato per trattare problemi legati al fegato, ittero e diabete. I test fitochimici confermano la presenza di alcaloidi, flavonoidi, composti fenolici. Gli studi clinici hanno mostrato attività antibatterica, antipiretica, antiossidante e antinfiammatoria in vivo e in vitro.

Un ottimo prodotto è Alato 3, contiene Giuggiolo, è indicato per  spasmi, contrazioni nervose, irritabilitá, nervosismo, agitazione, ansia, ipereccitabilitá, disturbi organici di origine nervosa. E’ acquistabile qui o in Farmacia.

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta