Tirosina e rimedi folclorici

DiAlessandra Zarone

Tirosina e rimedi folclorici

Tirosina e rimedi folclorici

Tirosina aiuta a potenziare i livelli di energia, incrementare la motivazione, migliorare lo stato d’animo, la concentrazione e il metabolismo.

La disarmonia ipotiroidea è una condizione derivante dall’inattività della tiroxina, da una carenza di iodio o da disfunzioni all’ipofisi o all’ipotalamo.

La Tirosina è contenuta in antichi rimedi utilizzati dalla medicina popolare di tutto il mondo:

Cuminum Cyminum, Cumino:

Il cumino è una piccola pianta erbacea, originaria dell’Egitto e coltivata sin dall’antichità nei paesi mediterranei e in India, Sicilia e Malta. I poeti latini riferiscono che gli antichi usavano i semi di cumino in medicina, il loro effetto era quello di produrre languore. A loro si riferisce Isaia come “picchiati con una verga” e anche nella legge mosaica riguardante le decime. Nicholas Culpeper, nel suo “The English Physitian, 1652, scrive: “Il seme di cumino è favorevole a tutti i dolori freddi della testa e dello stomaco e ha una qualità moderata che spezza il vento e provoca l’urina”. Essendo antispasmodici, i semi leniscono il tratto digestivo, agendo direttamente sui muscoli intestinali per alleviare coliche e crampi, nonché gonfiore e flatulenza. Migliorano l’alito, l’appetito, contrastano l’irregolarità cardiaca causata dall’eccesso di gas digestivo e alleviano il dolore del ciclo mestruale. Inoltre, i semi sono espettoranti e tonici e sono frequentemente utilizzati nei rimedi per la bronchite e la tosse, specialmente nei bambini. Aumentano la produzione di latte materno. L’olio essenziale diluito è utile per la scabbia. In uno studio clinico tedesco ai pazienti con dispepsia è stata somministrata una combinazione di menta piperita e oli essenziali di cumino. Nel complesso, i pazienti hanno sperimentato una significativa riduzione dei sintomi.

Originario dell’Asia occidentale, il cumino viene coltivato in gran parte dell’Asia e della regione mediterranea per i suoi semi e come pianta da giardino. Il seme di cumino è una spezia antica con un forte odore aromatico e un sapore caldo e amarognolo. Nei tempi biblici i semi di cumino erano apprezzati per le loro proprietà digestive e venivano usati per aromatizzare pane e altri piatti durante i periodi di digiuno cerimoniale, per compensare la mancanza di carne.

È stato trovato nella tomba di Tutankhamon, ciò evidenzia il suo ruolo importante nell’antico Egitto, dove era usato per le malattie dell’apparato digerente e respiratorio, come antidolorifico e nella cura dei denti cariati. Il cumino è menzionato in Isaia xxvi. 25 e 27, e Matteo xxii 23, e nell’opera di Ippocrate e Dioscoride, medico greco del I secolo D.C., il quale constatò che i semi erano indicati per il mal di testa, congestione nasale, mal di denti, vermi intestinali e, in grandi quantità, come diuretico, per promuovere il ciclo mestruale e aumentare la produzione di latte materno

Da Plinio apprendiamo che i Romani assumevano il seme medicinale con pane, acqua o vino. Nei secoli XIII e XIV, era molto in uso come spezia culinaria.

Il cumino cresce spontaneo nei prati e nei pascoli di Europa e Asia. In Inghilterra era utilizzato per curare gli occhi. Gerard raccomanda di bollirlo con vino e farina d’orzo per curare le malattie oculari. In Europa si mangia anche la radice, che ricorda la pastinaca. I suoi semi sono utilizzati per la speziatura di formaggio, torte e caramelle, e in Germania nel pane di segale chiamato “kiimmel-brod.” I semi sono utilizzati anche nella realizzazione di un cordiale aromatico chiamato “kiimmel”.

Allevia flatulenza e gonfiore e stimola l’intero processo digestivo. Riduce i gas addominali e la distensione e rilassa l’intestino. Nella fitoterapia indiana, viene utilizzato per l’insonnia, il raffreddore e la febbre e, mescolato in una pasta con succo di cipolla, è applicato alle punture di scorpione. I semi possono essere presi per migliorare la produzione di latte materno.

Come molte erbe culinarie, i semi di cumino nero sono benefici per il sistema digestivo, il mal di stomaco, gli spasmi, gas, gonfiore e coliche. I semi sono antisettici e sono usati per i vermi intestinali, specialmente nei bambini. I semi di cumino sono molto utilizzati in India per aumentare la produzione di latte materno. Ricerche recenti indicano che i semi possono rivelarsi utili nella sindrome metabolica, una condizione che in genere comporta livelli di colesterolo elevati, aumento della pressione sanguigna e diabete di tipo 2. I semi sono antivirali e utili nel trattamento delle infezioni virali croniche, come l’epatite C.

Brasile:

Decotto di foglie secche viene assunto per via orale per trattare il diabete

India:

La pasta di corteccia e la cagliata vengono assunte per via orale 3 volte al giorno per 2 giorni per curare la dissenteria. Decotto ed estratto fluido di corteccia essiccata viene assunto per via orale per il diabete.

Pakistan:

Estratto di acqua calda delle foglie essiccate è usato per il diabete. I semi sono presi per via orale per diarrea, diabete, dissenteria e pressione sanguigna.

Tailandia:

L’estratto di acqua calda di frutta secca viene utilizzato esternamente come astringente e per via orale per le ulcere gastriche e per ridurre l’acidità.

Il succo di foglie viene assunto per via orale per trattare il diabete. Il succo viene preso mescolato con latte ogni mattina. Il succo di foglie fresche viene assunto per via orale per il mal di stomaco. L’estratto di acqua calda di corteccia essiccata viene assunto per via orale come antipiretico. L’estratto di acqua calda di semi secchi viene assunto per via orale per il diabete.

La cenere delle foglie viene utilizzata esternamente per alleviare il prurito causato dal morso del millepiedi. Il decotto della radice viene assunto per via orale come antiemetico e per aumentare l’allattamento nelle neomamme.

Prezzemolo, Petroselinum crispum (Apiaceae)

Il prezzemolo è originario dell’Europa e del Mediterraneo orientale. Era conosciuto nell’antica Grecia e Roma, più come diuretico, tonico digestivo e stimolante mestruale che come erba da insalata.

Le superstizioni ad esso collegate sono miriadi. In Grecia era usanza far confinare il giardino con prezzemolo e ruta, e da questo nacque un idioma, quando si parlava di qualsiasi impresa, ma non si iniziava, ‘” Oh! siamo solo al Prezzemolo e Ruta.” Era sparso sulle tombe, e da qui venne un detto “avere bisogno di prezzemolo”, che significa essere alla porta della morte. Plutarco racconta il panico creato fra i Greci in marcia contro il nemico a causa dell’incontro improvviso con alcuni muli carichi di prezzemolo, che i soldati consideravano un presagio malvagio. In molte parti dell’Inghilterra, in cui giunse nel XVI secolo, è considerato sfortunato in quanto è uno dei semi più lunghi a giacere nel terreno prima di germinare, inoltre molte persone non vogliono piantare il prezzemolo poiché nella tradizione popolare si dice che porti un lutto in famiglia nell’arco di dodici mesi.

A Roma era associato alla dea Persefone, regina degli inferi, ed era usato nelle cerimonie funebri. Il prezzemolo fu introdotto in Gran Bretagna nel 1548. Le foglie fresche sono altamente nutrienti e possono essere considerate un integratore naturale di vitamine e minerali a sé stante. I semi hanno un’azione diuretica molto più forte delle foglie e possono essere sostituiti dai semi di sedano nel trattamento della gotta, dei reumatismi e dell’artrite. La radice di prezzemolo viene presa come trattamento per flatulenza, cistite e condizioni reumatiche. Promotore delle mestruazioni e ne allevia il dolore. Astringente, diuretico e demulcente e usato per problemi a reni e vescica, in particolare calcoli renali e vescica. L’infuso è utile per la cistite e le infezioni urinarie ricorrenti.

Semi di senape, Brassica nigra (L.) Koch (Brassicacee)

Si pensa che la parola “senape” derivi dal latino “mustum ardens”, o “mosto ardente” poiché i francesi originariamente macinavano il seme con mosto d’uva.

L’impiastro di senape è stato usato in Europa almeno dai tempi degli antichi romani. Gli Amish contemporanei lo raccomandano ancora per il trattamento di raffreddori al petto e bronchiti. Senape aumenta la circolazione, la sudorazione e il calore nell’area colpita. Viene anche utilizzata per il trattamento della tosse nella medicina popolare cinese.

Un impiastro di foglie è usato per reumatismi, geloni, mal di denti. I semi sono mangiati come tonico e stimolante dell’appetito, per febbri, asma, bronchite. I semi macinati erano usati come tabacco da annusare per il mal di testa. I semi maturi erano schiacciati in impiastri sulle ustioni.

Il più famoso dei trattamenti per l’artrite è a base di senape, utilizzato in tutta Europa, nella regione degli Appalachi (America Settentrionale) e in Cina. Gli impiastri sono preparati con senape, farina e acqua o aceto, in cui gli ingredienti vengono mescolati e spalmati su un panno e poi applicati sul corpo.  Questi impiastri sono usati per lenire i muscoli e le articolazioni doloranti e vengono applicati al torace per trattare le infezioni respiratorie. I pediluvi di senape sono stati tradizionalmente raccomandati per il trattamento delle infezioni respiratorie. Nel 1880 si utilizzava senape per l’asma, in quanto induce il vomito e fa espettorare il muco.

Nel 1664 Evelyn, scrittore, giardiniere e diarista inglese, autore di “The French Gardener: Instructing How to Cultivate all sorts of Fruit-Trees, and Herbs for the Garden (1658), scrisse che la senape ha un effetto incomparabile per accelerare e ravvivare gli spiriti, rafforzando la memoria ed espellendo la pesantezza. Parkinson, erborista e botanico inglese nato nel 1500, autore di “Park-in-Sun’s Terrestrial Paradise, 1629, scrisse: “I nostri antichi antenati non risparmiavano sul suo uso … essendo fresca, è utile per le persone epilettiche, utilizzata sia per via interna che esterna”.

L’uso della senape come condimento risale all’età elisabettiana, sebbene sia stata usata dai più celebri medici dell’antichità e dai medici eclettici della fine del diciannovesimo e dell’inizio del XX secolo, in caso di avvelenamento da narcotici.

Vengono coltivate due varietà di senape, una che produce semi bianchi, l’altra, semi minuscoli e neri. Entrambe le varietà di semi sono utilizzate, intere, nella speziatura dei sottaceti.

Gli agricoltori dell’Indiana purificano il sangue consumando senape selvatica (Brassica kaber).

È un rimedio utile per crampi mestruali ed insonnia. La senape del commercio è costituita dal seme polverizzato della pianta di senape, che cresce spontaneamente in Inghilterra e che può essere coltivata in quasi ogni parte del globo, anche in India.

Le specie di Brassica sono utili nella prevenzione del tumore al seno e al colon.

 

Vite, Vitis vinifera (Vitaceae)

Originaria dell’Europa meridionale e dell’Asia occidentale, è coltivata nelle regioni temperate calde di tutto il mondo per i suoi frutti e per produrre vino. Nicholas Culpeper nel 1652 esaltava le virtù della vite, descrivendola come “un albero più galante del sole molto simpatico al corpo dell’uomo, e questo è il motivo per cui lo spirito del vino è il più cordiale tra tutti gli ortaggi.” Le foglie di vite, in particolare le foglie rosse, sono astringenti e antinfiammatorie. Sono utilizzate in infusione per trattare la diarrea, il sanguinamento mestruale e l’emorragia uterina, come lavaggio per le ulcere della bocca e come risciacquo per le perdite vaginali.

Le foglie rosse e l’uva sono utili nel trattamento delle vene varicose, delle emorroidi e della fragilità capillare. La linfa dei rami è usata come lavaggio degli occhi.

L’uva è nutriente e leggermente lassativa, sostiene il corpo malato, in particolare il tratto gastrointestinale e il fegato. Poiché il contenuto di nutrienti dell’uva è vicino a quello del plasma sanguigno, i digiuni d’uva sono raccomandati per la disintossicazione. La frutta secca (uvetta o ribes) è leggermente espettorante ed emolliente, lenisce la tosse. L’aceto di vino è astringente, rinfrescante e lenitivo per la pelle. L’estratto di semi d’uva ha una potente attività antiossidante e circolatoria-protettiva. Sembra normalizzare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. E’ un rimedio preventivo e anti-aging che supporta una circolazione sana. Uno studio ha scoperto che l’estratto di semi d’uva riduce il gonfiore delle gambe nelle donne sane che al lavoro dovevano sedersi per lunghi periodi di tempo. Studi recenti indicano anche che l’estratto di semi d’uva può essere utile nella steatosi epatica non alcolica e nel diabete di tipo 2.

Fieno greco,Trigonella foenum gracum (Fabaceae)

Originario del Nord Africa e dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo orientale, il fieno greco cresce in aree aperte ed è ampiamente coltivato, in particolare in India. Il papiro egiziano di Ebers, che risale al 1500 a.C. circa, realizzato durante il regno di Amenhotep I, contiene una prescrizione per le ustioni che include il fieno greco. I semi erano usati anche nell’antico Egitto per indurre il parto. Nel V secolo a.C. il medico greco Ippocrate considerava il fieno greco come una preziosa erba lenitiva. Dioscoride, scrivendo nel I secolo d.C., raccomandava il fieno greco come rimedio per problemi ginecologici, tra cui l’infezione dell’utero e l’infiammazione della vagina.

In Nord Africa, Medio Oriente e India, i semi vengono somministrati durante la convalescenza e per favorire l’aumento di peso, soprattutto nell’anoressia e per abbassare la febbre. L’effetto lenitivo dei semi li rende preziosi nel trattamento della gastrite e delle ulcere gastriche. Sono usati per indurre il parto e per aumentare la produzione di latte materno. Il fieno greco è anche pensato per essere antidiabetico e per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue. Esternamente, i semi possono essere applicati come pasta per trattare ascessi, bolle, ulcere e ustioni, o usati come lavaggio per perdite vaginali eccessive.

Gerard, erborista inglese del 1600, autore di “The Herball, o, Generall historie of plantes” (1597), lo suggerisce in caso di “malattie del torace, senza febbre, i datteri grassi devono essere bolliti con fieno greco e una grande quantità di miele”.

Asparago, Asparagus officinalis L (Liliacee)

Appartiene alla famiglia delle Liliacee. Originario delle regioni temperate in Europa, Nord Africa e Asia, è coltivato in tutto il mondo come ortaggio. I germogli crescono in teneri steli verdi (e, se al riparo dalla luce solare, bianchi) in primavera. La radice viene raccolta dopo che i germogli sono stati tagliati.

Gli Indiani utilizzano l’asparagina dei germogli per curare l’idropisia e la gotta. Le radici sono diuretiche, lassative, inducono la sudorazione, abbassano la pressione sanguigna. I semi possiedono attività antibiotiche. In Germania, la radice è utilizzata come diuretico, nel trattamento dell’infiammazione del tratto urinario e per prevenire i calcoli renali.

A giudicare dagli antichi disegni tombali egiziani, gli asparagi venivano coltivati già nel 4000 a. C.  Nel I secolo d.C, il medico greco Dioscoride raccomandava un decotto di radice di asparagi per migliorare il flusso di urina per trattare problemi renali, ittero e sciatica.

Shatavari, Asparagus racemosus (Asparagacee)

 

Originario dell’Himalaya e del subcontinente indiano, è conosciuto come la “Regina delle erbe” nella medicina ayurvedica. Il suo nome significa letteralmente “100 sposi”, a significare la capacità dell’erba di agire come tonico sessuale e promuovere la fertilità. È prima di tutto un’erba femminile, che aiuta la fertilità e promuove il concepimento, agisce come tonico riproduttivo e sessuale. Può rivelarsi particolarmente utile nell’alleviare i sintomi della menopausa, come vampate di calore e scarsa resistenza. Sembra migliorare la fertilità sia negli uomini che nelle donne e può anche essere preso per trattare l’impotenza. Supporta la funzione immunitaria e ha un posto nel trattamento delle condizioni immunosoppresse

Castagna, Castanea sativa (Fagaceae)

La tradizione vuole che il castagno dolce sia stato trasportato dalla Turchia alla Sardegna e da lì si sia successivamente diffuso attraverso l’Europa, arrivando in Britannia con i Romani. Le castagne sono un alimento nutriente che può essere tostato, candito o trasformato in farina. I fiori vengono talvolta aggiunti a miscele di tabacchi aromatici. Un’infusione di foglie di castagno dolce è indicata per trattare la pertosse, la bronchite e la congestione bronchiale. Un decotto di foglie o corteccia è utile in gargarismi per il mal di gola e può essere somministrato per la diarrea. Le foglie sono utilizzate nel trattamento dei reumatismi, per alleviare il mal di schiena e i muscoli rigidi. I Mohicani del Nord America usavano un infuso ottenuto da foglie di castagno americano (C. dentata) per curare la pertosse. Nel suo “Natural History of North Carolina” (1737), John Brickell (uno dei primi coloni della Contea di Franklin, Ohio) riferisce che “le foglie o la corteccia dell’albero bollite nel vino sono buone contro sanguinamento eccessivo”.

Aneto, Anethum graveolens syn. peucedanum graveolens (Apiaceae)

L’aneto è originario dell’Europa meridionale e dell’Asia centrale e meridionale, cresce spontaneamente in aree aperte. È ampiamente coltivato in Inghilterra, Germania e Nord America. Le foglie sono raccolte come erba culinaria. I semi vengono raccolti a fine estate. Un’antica trascrizione egiziana, nel papiro di Ebers (1500 a.C.) raccomanda l’aneto come antidolorifico. Si ritiene che gli antichi greci si coprissero gli occhi con fronde dell’erba per indurre il sonno. Era comunemente usato come incantesimo contro la stregoneria nel Medioevo e veniva bruciato per eliminare le nuvole temporalesche. Il suo nome deriva dal norreno “dylla”, che significa “lenire”. È sempre stato considerato un rimedio per lo stomaco, in quanto allevia i gas e calma la digestione. L’olio essenziale allevia gli spasmi intestinali e i crampi e aiuta a ridurre le coliche. Masticare i semi migliora l’alito cattivo. È un utile rimedio per la tosse, il raffreddore e l’influenza ed è un leggero diuretico.

Semi di finocchio, Foeniculum vulgare (Apiaceae) Fennel

Il finocchio è una pianta umbellifera, originaria delle zone temperate dell’Europa e dell’Asia, in particolare del Portogallo. I frutti possiedono un sapore aromatico, mentre i teneri germogli sono utilizzati per l’insalata. La pianta e il suo valore culinario erano ben noti ai Romani. I frutti del finocchio europeo sono utilizzati nella realizzazione di un inchiostro aromatico, mentre in America la pianta è coltivata principalmente per le sue foglie.

Dioscoride, nel I secolo d.C., afferma che “Il succo, quando messo nell’occhio, aiuta la visione e uccide i vermi (cioè i batteri) che ivi si sviluppano “. L’uso primario dei semi di finocchio è quello di alleviare il gonfiore, il mal di stomaco, stimolare l’appetito. I semi in infuso aiutano la digestione, curano i calcoli renali e, combinati con antisettici urinari come uva-ursi, sono un trattamento efficace per la cistite. Un’infusione dei semi può essere presa sotto forma di gargarismi per il mal di gola. Aumenta la produzione di latte materno, le foglie vengono usate per il lavaggio degli occhi doloranti e la congiuntivite. I semi hanno una reputazione di lunga data come aiuto alla perdita di peso e alla longevità. L’olio essenziale della varietà dolce viene utilizzato per le sue proprietà digestive e rilassanti. Ha anche attività estrogenica e può rivelarsi utile per alleviare i sintomi della menopausa.

Origano, origanum vulgare (Lamiaceae)

Origanum significa in greco “gioia delle montagne. È simbolo di onore.  Tra i Greci, si credeva che se fosse cresciuto sulla tomba avrebbe preannunciato la felicità dei defunti. ” Parkinson, erborista e botanico inglese del 1600, suggerisce di metterlo alle finestre delle case, nei sacchetti dolci e nelle dolci acque per lavare i panni.”

Majorana syriaca (Lamiaceae)

Nella tradizione popolare, tale rimedio è indicato per la cura di raffreddori; vomito; malattie allergiche della pelle, dermatiti, mal di testa, problemi dentali, tonsillite e tosse. I beduini del Negev e del Sinai lo usano come trattamento per il raffreddore e bevono un tè preparato con questa pianta. Irrigazioni nasali con l’infuso curano il vomito.

Nella tradizione popolare cura mal di testa, problemi dentali, tonsillite e tosse. Tra gli arabi israeliani, un tè di foglie allevia raffreddori e dolori di stomaco. Lo sciroppo preparato scottando le foglie di maggiorana siriana è noto come rimedio per diverse malattie, nella medicina popolare del Medio Oriente. Gli ebrei yemeniti usano un infuso i per alleviare i dolori del travaglio (in combinazione con salvia),  malattie cardiache, mal di testa e mal d’orecchi. Si ritiene che la pianta promuova la destrezza verbale e possa fungere da incantesimo contro la stregoneria. In Israele viene usata per:

  • Alleviare il mal di denti: le foglie verdi vengono schiacciate e poste sul dente dolorante.
  • Infezioni gengivali: le foglie secche vengono schiacciate con sale e strofinate sulla parte infiammata.
  • Rafforzare la funzione cardiaca: viene preparato un te’con miele.
  • Infezioni del tratto digestivo e del sistema urinario: viene preparato un decotto e ne vengono presi 2-4 cucchiai al giorno.
  • Raffreddore: infuso di foglie.
  • Eliminare i vermi: un estratto ricavato dalle foglie immerse in olio d’oliva, lasciato per 2 settimane al sole, l’olio viene consumato in zollette di zucchero o vengono presi 1-3 cucchiai due volte al giorno.

Origanum majorana syn. Majorana hortensis (Lamiaceae)

Nel 1597, l’erborista John Gerard scrisse: “La maggiorana dolce è un rimedio contro le malattie fredde del cervello e della testa, è da assumere a proprio piacimento; messa nelle narici provoca starnuti e tira fuori molto muco, allevia il mal di denti se viene masticata.” Stimato dagli antichi greci, l’origano era considerato un toccasana in epoca medievale. Era una delle piante medicinali coltivate dai primi coloni del New England. L’origano e il suo olio sono fortemente antisettici con una potente attività contro molti batteri e funghi, in particolare ceppi di E. coli e Candida. Può aiutare molte infezioni acute e croniche che colpiscono il tratto gastrointestinale e respiratorio, in particolare gastroenterite, dissenteria, bronchite, tosse e tonsillite. Sia l’erba che l’olio inibiscono la flora intestinale (batteri presenti naturalmente all’interno dell’intestino) e hanno un ruolo importante nella cura della disbiosi intestinale, una condizione in cui la presenza di batteri intestinali nocivi porta a sintomi come gas, gonfiore e disagio addominale. L’olio diluito può essere applicato in caso di mal di denti o articolazioni dolorose.

Zenzero, Zenzero selvatico Asariim canadense L. Birthwort ( Aristolochiaceae) cresce in Canada a S.C, Ala., Okla. Gli Indiani d’America utilizzavano il tè per indigestione, tosse, raffreddore, condizioni cardiache, disturbi femminili, disturbi alla gola, sistema nervoso e crampi. Tale rimedio è usato nella medicina folclorica per alleviare il gas, promuovere la sudorazione; come espettorante; era usato per febbre, raffreddore, mal di gola. Era ben noto a Greci e Romani. A partire dal XI secolo, è diventata una spezia comune in Europa ed Inghilterra. Sotto i Plantageneti e i Tudors lo zenzero veniva usato come aromatizzante per le carni.

Zenzero, Sheng Jian (cinese), Singabera (sanscrito) (Zingiberaceae)

È stato venerato in Asia fin dai tempi più antichi e nell’Europa medievale si pensava che derivasse dal Giardino dell’Eden. Le proprietà riscaldanti e antinfiammatorie dello zenzero possono portare sollievo a problemi vari come mal di testa ed emicrania, dolori articolari, indigestione, cinetosi e nausea mattutina. Lo zenzero fresco ha un sapore pungente, leggermente limone.

Usi tradizionali e attuali:

Lo zenzero essere utile per quasi tutti i disturbi digestivi. È un ottimo rimedio per sintomi come indigestione, nausea, gas, gonfiore e crampi, sia che venga assunto come infuso, succo, tintura o polvere o con il cibo. La sua attività antisettica lo rende prezioso in tutte le infezioni gastrointestinali, compresa l’intossicazione alimentare.

Stimolante circolatorio:

Lo zenzero stimola la circolazione e aiuta il sangue a fluire in superficie, rendendolo un importante rimedio per i geloni e la cattiva circolazione alle mani e ai piedi. Il succo spremuto dalla radice di zenzero fresco può essere applicato ai geloni (e all’herpes labiale), portando un rapido sollievo.

Lo zenzero ha attività antivirale ed è un rimedio di prim’ordine per tosse, raffreddore, influenza e altri problemi respiratori. Nonostante le sue proprietà riscaldanti, lo zenzero stimola la sudorazione e aiuta a raffreddare e controllare le febbri.

Zenzero selvatico, Asarum canadense L., “ba’boan”, “nîme’bîn”, “kupua” (Aristolochiaceae)

I Potawatomi lo usano per lo stomaco delicato. Nel National Dispensatory è anche chiamato “Canada snakeroot “ed è un tonico, con proprietà leggermente diuretica. È stato utilizzato da medici eclettici in convalescenza da infezioni febbrili acute. Ha qualità aromatiche, stimolanti, diaforetiche, carminative, espettoranti, ed è stato utilizzato nella medicina popolare in caso di raffreddori, coliche, amenorrea e dolori allo stomaco.

Cuba:

L’estratto di acqua calda del rizoma viene assunto per via orale come emmenagogo e per le sue proprietà stimolanti e afrodisiache. Il rizoma fresco viene assunto per via orale come antispasmodico

Malaysia:

Il rizoma, mescolato con Piper nigrum e miele, viene assunto per via orale come abortivo. L’estratto di acqua calda del rizoma viene somministrato per via orale dopo il parto e come abortivo.

Thailandia:

L’estratto di acqua calda del rizoma essiccato viene assunto per via orale come carminativo, antiemetico, anticolico, ipnotico, cardiotonico, emmenagogo e stomachico. Il rizoma fresco viene assunto per via orale come antiemetico e sedativo gastrointestinale. L’estratto di acqua calda del rizoma fresco viene assunto per via orale per febbre, mal di testa e diarrea e come emmenagogo, carminativo e stimolante aromatico.

 

Menta (Laminacee)

È chiamata in francese Balm” e “Menthe de Notre Dame”, e in Italia, “Erba Santa Maria. Quest’ erba era sparsa nelle chies, era utile contro il morso di serpenti, scorpioni di mare e cani rabbiosi.

Mentha canadensis L., elencata come Mentha anensis L. nei testi più antichi. È nativa del Canada; I nativi americani usavano il tè per raffreddori, febbre, mal di gola, gas, coliche, digestione, mal di testa, diarrea, ossia gli stessi usi medicinali della menta piperita e della menta verde nella medicina popolare occidentale. L’origine della menta piperita è un mistero, ma esiste da molto tempo: foglie essiccate sono state trovate in piramidi egiziane risalenti al 1000 a.C. circa. Era molto apprezzata da Greci e Romani, ma divenne popolare nell’Europa occidentale solo nel XVIII secolo. Il principale valore terapeutico della menta piperita risiede nella sua capacità di alleviare gas, flatulenza, gonfiore e coliche, sebbene abbia molte altre applicazioni. L’intera pianta ha un effetto antispasmodico sul sistema digestivo. Studi clinici in Danimarca e nel Regno Unito durante il 1990 hanno confermato il suo valore nel trattamento della sindrome dell’intestino irritabile.

Usi tradizionali e attuali:

La menta piperita è eccellente per il sistema digestivo, aumentando il flusso di succhi digestivi e bile e rilassando i muscoli intestinali. Riduce nausea, coliche, crampi e gas e lenisce l’intestino irritato. Aiuta in caso di diarrea e allevia un colon spastico.

Sollievo dal dolore:

Applicato sulla pelle, allevia il dolore e riduce la sensibilità. Allevia anche mal di testa ed emicranie legate alla debolezza digestiva.

 

Cocos nucifera (Arecaceae) Cocco, Palma da cocco.

Cocos nucifera (Arecaceae) Coconut, Coconut Palm.

Sebbene abbia origini origine nel sud-est asiatico, il cocco si trova ora in tutti i tropici. Prospera in terreni sabbiosi e salati (tipicamente costieri) e richiede abbondante sole e pioggia.

La palma da cocco è descritta come “Kalpavriksha” (che significa “l’albero che dà tutto”) negli antichi testi indiani.

L’olio di cocco e la crema hanno un’attività antimicrobica e immunostimolante. Ha proprietà antibatteriche, antifungine e antivirali, l’olio e la crema possono essere utilizzati per contrastare molte infezioni comuni, come influenza, herpes labiale, herpes zoster e problemi fungini.

Ha un’azione benefica sulla flora intestinale e può rivelarsi utile nella rimozione di vermi e parassiti intestinali. L’olio e la crema aiutano la digestione e l’assorbimento dei nutrienti (in particolare calcio e magnesio) e possono essere assunti come parte di un regime per prevenire o curare l’osteoporosi.

L’acqua abbassa la pressione sanguigna, in parte a causa del suo alto contenuto di potassio, mentre l’olio aiuta a prevenire l’arteriosclerosi. L’olio di cocco aiuta a mantenere la pelle e i capelli sani ed è un ingrediente comune nelle creme per la pelle e negli shampoo. Il cocco merita il suo nome di “albero che dà tutto”.

Guatemala:

L’estratto in acqua calda della frutta secca viene assunto, per via orale, come febbrifugo e sudorifero e per l’infiammazione renale e la scrofola. L’estratto in acqua calda della frutta secca viene applicato esternamente su ferite, ulcere, lividi, piaghe, infezioni della pelle, mucose, dermatiti, infiammazioni, ascessi e foruncoli.

Haiti:

Il decotto del pericarpo essiccato viene assunto per via orale per l’amenorrea. L’olio essenziale fresco viene applicato esternamente sulle ustioni.

Hawaii:

L’estratto del frutto in acqua viene assunto per via orale per l’asma.

Indonesia:

L’olio di cocco viene applicato esternamente per trattare ferite e lesioni dal gruppo etnico di Ngada. Il guscio è usato come incenso. L’estratto in acqua calda della radice viene assunto per via orale per febbre, diarrea sanguinolenta e dissenteria. Il latte viene assunto per via orale dagli adulti in caso di avvelenamento. Il latte del frutto viene assunto per via orale dalle donne come contraccettivo. Si ritiene che il succo diminuisca la libido o la fertilità. L’olio di semi con succo di limone e varie radici degli alberi viene assunto per via orale come abortivo. L’unguento di frutto viene applicato esternamente per le gambe gonfie. I fiori freschi, masticati con Borassus, sono usati per la gonorrea.

Papua Nuova Guinea:

 La radice fresca di una giovane noce di cocco viene scavata e lavata, quindi masticata e inghiottita per alleviare il mal di stomaco. Il latte viene assunto per via orale insieme alle foglie di Cleroden sp., Pouzolzia microhylla o Macaranga tanarius da donne in gravidanza, come agente abortivo.

 

Aglio, Allium sativum L (Liliacee)

E ’originario delle steppe asiatiche. Per usi esterni il succo viene applicato alla tigna, all’acne, tosse.

Cina:

È usato per difficoltà digestive, raffreddori, pertosse, ossiuri, vecchie ulcere, gonfiori e morsi di serpente.

Perù:

L’estratto con acqua calda del bulbo fresco viene assunto per via orale per regolare la pressione sanguigna, l’idropisia, i problemi urinari, i calcoli renali e biliari, la bronchite e come antidiabetico. Esternamente, l’estratto viene utilizzato per l’acne.

Filippine:

L’estratto del bulbo essiccato viene assunto per via orale per trattare l’ipertensione.

Arabia Saudita:

L’estratto coni acqua calda del bulbo fresco viene assunto per via orale per diabete, idropisia, coliche, catarro, bronchite cronica, scorbuto, calore corporeo, epilessia, attacchi isterici, sangue dal naso, ittero, visione poco chiara, ingrossamento della milza, dolore reumatico e strangolamento.

Allium cernuum Roth ( Liliacae).

Le tribù dei Cherokee usavano i bulbi per raffreddori, coliche, febbre. Il succo di questo aglio selvatico era utile per calcoli renali e idropisia. Un impiastro era applicato al torace per alleviare i disturbi respiratori.

 

 

Ocimum basilicum (Lamiaceae) Basilico dolce, Basilico

Il basilico santo è originario dell’India e di altre regioni tropicali dell’Asia. Viene anche coltivato estensivamente in America centrale e meridionale, principalmente per le sue proprietà medicinali. Il basilico santo può essere coltivato da seme ed è spesso coltivato come pianta in vaso. Le parti aeree vengono raccolte prima dell’apertura dei fiori, all’inizio dell’estate.

Il basilico dolce, noto anche come basilico, è probabilmente originario dell’India. Oltre 150 varietà sono ora coltivate in tutto il mondo per il loro sapore distintivo e l’olio essenziale. Le foglie e le sommità fiorite vengono raccolte quando la pianta entra in fiore.

In “De Materia Medica”, Dioscoride descrisse la credenza africana secondo cui mangiare basilico dolce fermasse il dolore causato dalla puntura di uno scorpione. L’erba veniva utilizzata in epoca romana per alleviare la flatulenza, per contrastare l’avvelenamento, come diuretico, per stimolare la produzione di latte materno.

Parkinson scrisse: ” Procura un cuore allegro e i semi sono principalmente usati in polvere”.

Il basilico dolce agisce principalmente sul sistema digestivo e nervoso, alleviando flatulenza, crampi allo stomaco, coliche e indigestione. Può essere usato per prevenire o alleviare nausea e vomito, elimina i vermi intestinali. Il basilico dolce ha un’azione leggermente sedativa, è utile nel trattamento di irritabilità nervosa, depressione, ansia e difficoltà a dormire.

Può anche essere suggerito per epilessia, emicrania e pertosse. Anticamente era per aumentare la produzione di latte materno. Applicate esternamente, le foglie di basilico dolce agiscono come un repellente per insetti. Il succo delle foglie porta sollievo alle punture di insetti e alle punture. Il basilico dolce ha una consolidata azione antibatterica.

Il basilico non è ora così ampiamente usato in cucina come in precedenza. Il basilico santo, come il basilico dolce (culinario), proviene dall’India, dove è venerato come erba sacra alla dea Lakshmi, moglie di Vishnu, il dio che conserva la vita.

Tulsi significa “ineguagliabile” e l’erba ha proprietà medicinali molto importanti, in quanto riduce i livelli di zucchero nel sangue. Nella fitoterapia indiana, allevia febbri, bronchiti, asma, stress e ulcere della bocca. La ricerca in India ha dimostrato che aiuta ad abbassare la pressione sanguigna, ha proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche, antisettiche, febbrifughe. La ricerca indica anche che rafforza la resistenza immunitaria, protegge dalle radiazioni, ha proprietà antitumorali e inibisce la produzione di spermatozoi.

Usi tradizionali e attuali:

È sempre stato considerato un’erba tonica, tonificante, utile per migliorare la vitalità. Nella medicina ayurvedica, è impiegato principalmente per le febbri. Una ricetta indiana classica indica di mescolarlo con pepe nero, zenzero e miele per prevenire le infezioni e abbassare la febbre alta.

Protegge il cuore dallo stress, abbassano la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo. È considerato adattogeno, in quanto aiutando il corpo ad adattarsi a nuove esigenze e stress.

Il succo viene estratto e applicato a punture di insetti, tigna e malattie della pelle. È anche usato in gocce auricolari per le infezioni dell’orecchio. Il succo o l’erba in polvere curano le ulcere della bocca.

Lattuga, Lactuca virosa (Lamiaceae) Lattuga selvatica

Nella fitoterapia assira, i semi di lattuga sono stati usati con il cumino come impiastro per gli occhi. Dioscoride nel (I secolo d.C.) scrisse che l’effetto della pianta assomigliava a quello dell’oppio.

La lattuga selvatica è un sedativo sicuro che può essere somministrato a adulti e bambini per favorire un sonno notturno sano, per calmare l’iperattività o la sovra stimolazione, allevia il dolore. Più comunemente, è raccomandato per l’eccitabilità nei bambini. È anche suggerito per trattare la tosse, spesso in combinazione con erbe come la liquirizia. Uno studio clinico egiziano del 2011 ha scoperto che l’olio di semi di lattuga migliora il sonno. L’olio di semi di lattuga è stato tradizionalmente usato in Egitto per problemi di sonno. Nelle tribù del Negev e del Sinai l’olio di semi tratta l’infertilità femminile ed è usato come afrodisiaco.

Lactuca canadensis L.

Gli Indiani d’America usavano il tè come tonico nervoso, sedativo, antidolorifico. Il lattice dei gambi era usato per verruche, brufoli. I succhi lattiginosi di questa e di altre lattughe, selvatiche e sono stati usati per produrre la cosiddetta lattuga oppio, venduta come sedativo negli Stati Uniti.

Zucca, Cucurbita pepo (Cucurbitaceae) Zucca

La zucca è stata molto usata come medicina in Centro e Nord America. I Maya applicavano la linfa della pianta alle ustioni, i Menominee usavano i semi come diuretico, mentre i coloni europei macinavano e mescolavano i semi con acqua, latte o miele per fare un rimedio contro i  vermi. Questa pratica divenne così diffusa nelle case di tutto il Nord America che la professione medica alla fine la adottò come trattamento standard.

La zucca è stata utilizzata principalmente come agente vermifugo sicuro ed efficace, in particolare nei bambini e nelle donne in gravidanza per i quali i preparati tossici e ad azione forte sono inappropriati. I semi sono diuretici e tonici della vescica e vengono usati per il trattamento della prostata ingrossata. La polpa del frutto viene utilizzata come decotto per alleviare l’infiammazione intestinale applicata come impiastro per le ustioni.

La cucurbitina respinge i vermi intestinali e gli steroli sono antinfiammatori. La ricerca suggerisce che i semi di zucca sono efficaci nell’aiutare a ridurre l’allargamento benigno della ghiandola prostatica.

 

 

 

Un ottimo rimedio contenente Tirosina è Alato 11, acquistabile qui o in farmacia

 

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta