Sedativi nervosi ed etnobotanica :Papavero

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Papavero

Sedativi nervosi ed etnobotanica : Papavero

Papavero 

Le fonti più antiche sul papavero da oppio e sull’oppio sono costituite dalle tavolette cuneiformi sumere. I Sumeri che regnarono nel 5000 a.C. in Mesopotamia usavano parole per definire “oppio” e rilievi assiri raffiguravano papaveri da oppio. È noto che il papavero da oppio fu coltivato dai Sumeri nel 3300 a.C. I Sumeri la chiamavano “la pianta della gioia”. Gli Ittiti (2000 a.C.) coltivavano papavero da oppio in Anatolia.

Gli Ittiti lo chiamarono “Hassikka” e si ritiene che questo sia un prenome dell’odierno haşhaş in turco. Inoltre, lo stesso nome si riferisce anche a “dormire” e “tranquillizzare” in lingua ittita. Tra i tanti pani degli Ittiti esiste un pane con miele e semi di papavero.  Una moneta della città, coniata nel 330 a.C. dai Romani a Şuhut, in Turchia, raffigura un frutto di grano e papavero. Inoltre, una dea della città che tiene un mazzo di papavero da oppio, è raffigurata nelle monete Emirdağ e Şuhut . Dioscoride di Anazarba (Kozan, Adana) descrive la coltivazione del papavero da oppio e la produzione di oppio nella sua Materia Medica stampata nel 1° secolo  d.C. Il papavero da oppio è anche considerato una delle piante più antiche d’Europa. I dati archeologici rivelano che il papavero da oppio è stato coltivato e utilizzato nell’Europa occidentale e centrale dal 4600 al 3800 a.C.

Turchia:

Papaver rhoeas L. (Papaveraceae) – papavero rosso o papavero di mais chiamato anche ‘gelincik‘ in Turchia – è una specie annuale della sezione Rhoeadium Kadereit. La specie è ampiamente distribuita in Turchia e utilizzata per il trattamento di varie malattie della medicina popolare in forma di  sciroppo per la tosse dei bambini, come infuso per l’insonnia, sedativo e per alleviare il dolore. Le parti aeree fresche sono anche utilizzate come cibo principalmente nel sud-ovest della Turchia . I fiori di papavero sono utilizzati anche come fonte di coloranti alimentari e per esaltare il sapore delle tisane.

In Turchia, sono stati studiati cinque rimedi erboristici utilizzati come farmaci gastroprotettivi per la loro attività anti-ulcerogenica. I rimedi erboristici studiati comprendono frutti di Elaeagnus angustifolia L. (Elaeagnaceae), frutti freschi di Hibiscus esculentus L. (Malvaceae), radici fresche di Papaver rhoeas L. (Papaveraceae), foglie di Phlomis grandiflora H.S. Thomson (Lamiaceae) e frutti freschi di Rosa canina L. (Rosaceae). Gli estratti sono stati preparati secondo le tradizionali indicazioni d’uso. Papaver somniferum significa “portatore di sonno”, ma il papavero da oppio non è meno sociale del papavero di mais. Anch’ esso “cerca la compagnia delle persone”, che prosperano sulla terra agitata, riapparendo anno dopo anno. Le somiglianze, tuttavia, finiscono qui. Il papavero da oppio è più robusto, è alto un metro o più e appare in tonalità variegate, anche se il bianco, il rosa e il viola sono i più comuni. La sua capsula trasporta una resina carica di alcaloidi, di cui morfina, tebaina e codeina sono le più potenti. Il metodo tradizionale di raccolta è quello di segnare la capsula immatura in modo che la linfa fuoriesca e si essicchi sulla superficie esterna del baccello. La resina indurita appiccicosa viene quindi raschiata via e raccolta per l’uso. Il papavero da oppio è unico. Delle 27.000 diverse piante da fiore nel mondo, solo il papavero da oppio produce morfina. Il papavero da oppio ha un passato misterioso, poiché non è stato identificato alcun antenato selvatico. Le sue origini potrebbero trovarsi in Asia Minore (l’odierna Turchia), o forse nei vicini Balcani, il cuore della prima agricoltura europea. Ci sono alcuni primi indizi, tuttavia, dall’Europa occidentale.

Nel 1865, una capsula di papavero carbonizzata fu recuperata da un villaggio neolitico impegato d’acqua sul lago Pfäffikersee vicino a Robenhausen, nel nord della Svizzera. Datata intorno al 2500 a.C., la capsula sembra essere di una specie intermedia, un papavero da oppio semi-selvatico. Da quel momento, gli archeologi hanno trovato prove della coltivazione dell’oppio-papavero in luoghi simili sul lago in tutta la Svizzera, dal Neolitico all’Età del Bronzo (dal 5500 all’800 a.C. circa). A Egolzwil, sulle rive dell’ex lago Wauwil, a Lucerna, dolci ai  semi di papavero e capolini di papavero di 6.000 anni sono stati rinvenuti tra camini di argilla e ceramiche in case di legno ben conservate. Le ricerche suggeriscono che i papaveri erano più comunemente coltivati qui rispetto al grano o all’orzo.

Un’altra importante scoperta avvenne nel 1935, quando capolini di papavero maturo fossilizzati, in seguito datati al carbonio a circa 4000 a.C., furono scoperti nella “Grotta dei pipistrelli” nel sud della Spagna. Le capsule, insieme a ciocche di capelli, erano nascoste all’interno di cesti di erba intrecciata, deposti fra scheletri umani . Si tratta della  prima prova fino ad oggi di papaveri collocati in una tomba. È probabile che questo sia stato un atto deliberato, poiché l’archeologo Ralph Solecki ha scoperto prove simili da un sito molto più antico in Iraq. Scoprì che il polline presente in una sepoltura all’interno di  una grotta riconducibile all’uomo di Neanderthal, di  6.000 anni fa, proveniva da fiori variamente colorati e sembrava essere stato posizionato intenzionalmente attorno ai resti scheletrici. Notevoli testimonianze sono recentemente arrivate da La Marmotta, sul Lago di Bracciano, un cratere vulcanico pieno d’acqua situato a nord-ovest di Roma.

Nel 1989, gli archeologi hanno portato alla luce i resti di una grande città neolitica composta da abitazioni con canniccio e sostenute da migliaia di pali di quercia, conservati nei sedimenti sul fondo del lago. All’interno di un grande edificio lungo trentadue piedi hanno scoperto una statuetta, scolpita in pietra ollare, di una donna voluttuosa – una cosiddetta statuetta della “Dea Madre” – che potrebbe indicare che l’edificio serviva a scopo religioso. Hanno anche trovato grandi quantità di semi di oppio-papavero ben conservati e baccelli e dischi stigmatici (il “cappuccio” che contiene lo stigma riproduttivo del fiore, che intrappola il polline). I semi sembrano essere di una varietà semi-selvatica, e quindi i papaveri erano molto probabilmente coltivati vicino al villaggio per i loro semi e linfa – e i loro effetti antidolorifici. Datati al 5700 a.C., sono i primi campioni di semi di oppio-papavero trovati in un insediamento umano. Per quasi ottomila anni, il papavero di mais, leggermente narcotico e il papavero da oppio sono cresciuti l’uno accanto all’altro, uniti nella loro dipendenza dalle persone.

Un ottimo rimedio contenente Papavero è  Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta