Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia: Avena

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia: Avena

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

Avena

L’avena comune (Avena sativa) è un rimedio naturale per insonnia ed altre patologie. Fa parte della famiglia delle Poacee (o Graminacee) ed è la specie più nota del genere Avena.

È un cereale appartenente alla famiglia delle Graminacee; conosciuta sin dai tempi antichi sia per l’alimentazione umana che per il foraggio del bestiame viene oggi particolarmente apprezzata per le sue proprietà e benefici per la salute dell’organismo umano. L’origine dell’avena è incerta e la sua provenienza è contesa tra India, Cina ed Egitto.

Oltre ad essere un alimento base in Scozia e in altre regioni del nord Europa, l’avena ha anche una lunga storia in medicina. E’ stata utilizzata per trattare insonnia, ansia e condizioni della pelle, tra cui eczema e ustioni in varie forme come cibo, tè o bagni.

L’uso di avena selvatica (Avena sativa) era già presente nel 2000 A.C. in Egitto e nella penisola arabica per la cura della pelle della pelle.

Avena (Avena sativa) è una specie di cereale coltivata per il suo seme, che è conosciuto con lo stesso nome (di solito al plurale, a differenza di altri cereali). L’avena non viene consumata solo per scopi nutrizionali, ma è anche riconosciuta come in possesso di proprietà curative e lenitive. Il delicato processo utilizzato per estrarre l’olio d’avena dall’intero nocciolo d’avena assicura che il valore biologico rimanga inalterato. L’olio d’avena è ricco di antiossidanti, acidi grassi essenziali ed emollienti naturali. L’olio d’avena è utilizzato in molte lozioni, creme, oli per il viso, pomate e balsami poiché le sue proprietà aggiungono benefici unici.

L’Avena sativa è un sedativo e neurotonico ed è usato nella medicina tradizionale per trattare l’ansia e l’insonnia. È utilizzata principalmente per disturbi spasmodici e nervosi con esaurimento. Debolezze cardiache, problema di spermatorrea, debilitazione nervosa della convalescenza sono sintomi comuni dell’Avena sativa omeopatica. Nella nevrastenia a funzione maschile, l’Avena sativa omeopatica agisce sul sistema nervoso dell’apparato genitore-urinario. L’avena selvatica, che assomiglia alla varietà coltivata, era comunemente usata dagli indiani della California. I semi duri e appuntiti venivano gettati insieme ai carboni ardenti e scossi in un cesto appositamente realizzato per resistere al calore. Il seme aridi veniva poi macinato in un mortaio di pietra fino a formare la farina desiderata. I Pomos della California settentrionale mangiavano questa farina allo stato crudo e crudo, con un pò di sale aggiunto per aromatizzare.

Trattamento dell’avena, rimedi popolari

  • Per curare l’influenza, mettere in ammollo un bicchiere di chicchi di avena in un litro d’acqua, e lasciare in ammollo durante la notte. Al mattino, cuocere il tutto fino a quando la quantità di avena non si riduce della metà. Il brodo  viene filtrato e bevuto durante il giorno.
  • Per contrastare lunghi periodi di insonnia, è necessario prendere un cucchiaio di avena e macinare con un frullatore. Versare la polvere di avena in 100 ml di vodka e riporre per quattordici giorni in un luogo caldo. Assumere 30 gocce di questo preparato, con poca acqua.
  • L’avena della medicina popolare ha trovato un utilizzo nella lotta contro il fumo. Prendere cinquanta grammi di chicchi di avena, segale, orzo e miglio. Mescolare il tutto, versare due bicchieri d’acqua. La miscela viene portata a ebollizione e fatta cuocere per 10 minuti. Il brodo deve essere versato in thermos e lasciato sedimentare per dodici ore. La soluzione filtrata viene bevuta tre volte al giorno, con dosaggio di 100 ml.
  • L’avena aiuta a trattare la gastrite cronica e l’epatite. È necessario prendere mezzo bicchiere di cereali, lavare accuratamente e versare sopra mezzo litro d’acqua, lasciare in infusione per 12 giorni. Trascorso questo periodo, il liquido deve essere messo sul fuoco e fatto bollire per trenta minuti e lasciato riposare per diverse ore. Bere 100 ml di brodo, a colazione, pranzo e cena.
  • L’uso dell’avena nella medicina popolare cura la tosse: versare un litro di latte in una pentola e aggiungere un bicchiere di chicchi di avena, cuocere a fiamma bassa per un’ora. Quando è cotto, fare raffreddare e filtrare con una garza, bere il liquido a piccoli sorsi.

 

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Avena. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta