Sorbus domestica L, rimedio naturale per intestino

DiAlessandra Zarone

Sorbus domestica L, rimedio naturale per intestino

Sorbus domestica L, rimedio naturale per intestino

Sorbo – Sorbus domestica L. – Fam. Rosaceae.

Fioritura: Aprile-maggio -Parti raccolte: frutti, corteccia, gemme -Tempo balsamico: ottobre-novembre.

I frutti, non commestibili se acerbi, ma dolci e profumati se lasciati maturare a lungo, e le marmellate che se ne possono fare, erano un classico, infallibile toccasana contro i “mali del ventre“.

I frutti, chiamati sorbe o sorbole, sono ricchi di vitamina C e hanno sapore acidulo per il rilevante contenuto di acido malico.

Folklore:

Nel calendario arboreo dei Celti dava il nome al mese compreso fra la terza decade
di gennaio e la metà di febbraio, Luis  in cui cadeva una delle quattro grandi feste annuali, quella da noi chiamata la Candelora. Essi  consideravano il suo frutto, insieme
con la mela, nutrimento degli dei e amuleto contro fulmini e sortilegi. Nell’antica Irlanda, prima di una battaglia i Druidi accendevano fuochi con legno di sorbo e lanciavano incantesimi sopra di essi chiedendo agli spiriti di partecipare alla battaglia.

Medicina  Popolare

Nell’antichità, dopo aver fatto fermentare i frutti con il grano, se ne ricavava una bevanda simile al sidro, prodotta ancora oggi nell’Europa centrale.
I Romani la chiamavano cerevisia.
Nella tradizione popolare esiste un infuso di corteccia di sorbo e foglie di vite, assunto oralmente, per aiutare a normalizzare la circolazione ed anche un infuso o decotto di frutti e corteccia per regolarizzare le funzioni intestinale.


Se desideri un Consulto Naturopatico volto alla prevenzione, contattami

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta